mag Una nuova era Energie rinnovabili N. 3 OT TO B R E SUPERVISORE & BENEFICIARIO Progetto PV Legal

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "mag Una nuova era Energie rinnovabili 9 10-11 14-15 N. 3 OT TO B R E 2 0 1 1 SUPERVISORE & BENEFICIARIO Progetto PV Legal"

Transcript

1 mag E N E R G I A I N T E L L I G E N T E E U R O P A P E R U N F U T U R O S O S T E N I B I L E 3 N. 3 OT TO B R E Energie rinnovabili Una nuova era HANNO DETTO La direttiva UE stimola gli investimenti nelle rinnovabili SUPERVISORE & BENEFICIARIO Progetto PV Legal DA PAESE A PAESE Nuovi percorsi per le rinnovabili

2 R I V I S TA D E L P R O G R A M M A E N E R G I A I N T E L L I G E N T E E U R O PA N. 3 OT TO B R E EDITORIALE D I M A R I E D O N N E L LY Direttore alla DG Energia Questo numero della rivista del programma Energia Intelligente Europa è incentrato sulle energie rinnovabili. «Stiamo compiendo grandi passi in avanti e l obiettivo appare alla nostra portata.» All interno del programma IEE sono molti i progetti che riguardano le energie rinnovabili, quelli che vi descriveremo in questo numero sono stati selezionati per il loro impatto particolarmente significativo. I partner di tutta l Unione Europea che partecipano ai progetti IEE si stanno impegnando per raggiungere l ambizioso obiettivo europeo: aumentare la quota di energia ricavata da fonti rinnovabili fino a coprire almeno il 20% del fabbisogno complessivo lordo di energia entro il I N T E L L I Fortunatamente stiamo compiendo grandi passi in avanti e l obiettivo appare alla nostra portata. Se riusciremo a raggiungere tale soglia, sono sicura che molto sarà dovuto anche al contributo del programma IEE. Nel servizio di approfondimento leggeremo Ecome Nsi siano gettate Ele basi Rperché Gle Y tecnologie legate alle energie rinnovabili possano espandersi nell Unione europea. Verranno inoltre esaminate nel dettaglio l energia eolica offshore e quella derivata dalle biomasse. Nella tradizionale rubrica «Supervisore & beneficiario» riportiamo invece delle interviste con i responsabili del progetto PV Legal. L energia fotovoltaica possiede un enorme potenziale, ma in alcuni paesi il suo sviluppo è frenato dalla burocrazia. Il team E U R PV Legal ha redatto un database molto ampio sui rimanenti ostacoli amministrativi da abbattere. Quanta burocrazia è necessaria nel vostro paese per poter installare dei pannelli sul tetto? Nella sezione «Da paese a paese» di questo numero lo sguardo è volto all energia solare, idroelettrica e dalle biomasse in Germania e Polonia. F O R A S U S T A I N A Troverete anche un interessante approfondimento sulle società che erogano servizi energetici e i relativi contratti di performance energetica: soluzioni per finanziare l efficienza energetica e le fonti rinnovabili sia nel settore pubblico, sia nel settore privato. Buona lettura! Marie Donnelly, Direttore responsabile delle fonti energetiche nuove e rinnovabili, l efficienza energetica e l innovazione, Direzione generale per l Energia della Commissione europea PAG. 2 / N. 3 OTTOBRE 2011

3 HANNO DETTO La direttiva UE stimola gli investimenti nelle rinnovabili SUPERVISORE & BENEFICIARIO Progetto PV Legal E N E R G I A I N T E L L I G E N T E E U R O P A P E R U N F U T U R O S O S T E N I B I L E DA PAESE A PAESE Nuovi percorsi per le rinnovabili e c. e u r o p a. e u / i n t e l l i g e n t e n e r g y LA RIVISTA DI ENERGIA INTELLIGENTE E U R O P A N mag3 U M E R O Sommario Editoriale 2 12 Approfondimento 4-7 Energie rinnovabili, una nuova era Sul campo 8 Ripensare le energie rinnovabili Hanno detto 9 La direttiva UE stimola gli investimenti nelle rinnovabili Supervisore & beneficiario Progetto PV Legal 4 In primo piano Fatevi aiutare dagli esperti Da paese a paese Nuovi percorsi per le rinnovabili 8 Sul campo 16 La formazione fa la differenza Sul campo 17 Ispirazione energetica europea Sul campo 18 Il sole dà energia al nostro mondo 10 3 N. 3 OT TO B R E mag Energie rinnovabili Una nuova era Foto: P. 5: istockphoto/teun van den Dries. P. 6: istockphoto/roberto Gennaro. P. 8: juwi Holding AG; Fiona Ball; juwi Holding AG. P. 10: istockphoto/pedro Castellano. P. 11: istockphoto/fabio Ficola. P. 12: Berlin Energy Agency. P. 13: istockphoto/ seewhatmitchsee. P. 14: Piotr Kubiesa and Włodzimierz Łukasik. P : Energietag Baden-Württemberg, Ingo Bartussek, guukaa. P. 16: Shell; Shell; Petras Ruzgus. P. 17: Toyota Motor Europe; Claudia Julius. P. 18: SaaS; Torresol Energy; sostenible.cat. La responsabilità del contenuto della presente pubblicazione, che non riflette in alcun modo le opinioni dell Unione europea, spetta unicamente agli autori. La EACI non è responsabile dell uso dei contenuti proposti. Le informazioni presentate sono fornite al solo scopo divulgativo e non vincolano legalmente nessuna delle parti coinvolte. Editori: Andrea Pascal e Cindy Carolle, EACI Unione europea, 2011 Ulteriori informazioni sul programma IEE sono disponibili sul sito: ec.europa.eu/intelligentenergy N. 3 OTTOBRE 2011 / PAG. 3

4 E N E R G I E R I N N O VA B I L I APPROFONDIMENTO Energie rinnovabili Una nuova era Il programma Energia Intelligente Europa coadiuva l Unione europea nel perseguimento dell ambizioso obiettivo sulle energie rinnovabili da raggiungere entro il 2020 e lo fa mediante progetti che aiutano a rimuovere le barriere, migliorano la trasparenza del mercato e mobilitano investimenti. Quando si parla di cambiamento climatico, sono generalmente gli obiettivi a catturare gran parte dell attenzione dei mezzi di informazione. Quanto ambizioso dovrebbe essere un obiettivo per la riduzione di emissioni di anidride carbonica? E gli obiettivi dovrebbero essere facoltativi od obbligatori? Quello che più raramente viene affrontato dalla stampa e dai mezzi di comunicazione sono gli strumenti con cui si intende raggiungere tali obiettivi. In che modo l Unione europea tramuta le parole in azioni? L obiettivo fissato dalla Direttiva sulle energie rinnovabili del ovvero ricavare il 20 % del consumo di energia complessivo dell UE da fonti rinnovabili entro il 2020 ne è un esempio. Se l Europa raggiungerà questo obiettivo - una possibilità che appare sempre più probabile - sarà grazie all intensa attività delle istituzioni europee e degli Stati membri, di cui i cittadini sono spesso inconsapevoli. Il programma Energia Intelligente Europa aiuta a colmare il divario esistente tra gli obiettivi fissati e la realtà sul campo. I progetti IEE aiutano i principali protagonisti del mercato, come i governi, le autorità locali, le PMI e l industria, a far convergere i propri sforzi al fine di accelerare lo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile in Europa, un mercato di crescente importanza in termini di investimenti e occupazione. I progetti IEE sono ideati per promuovere la direttiva sulle energie rinnovabili: gli Stati membri sono stati chiamati a redigere un Piano d azione nazionale per le energie rinnovabili (NREAP - National Renewable Energy Action Plan) entro la fine di giugno 2010, ora devono attuarli. I progetti IEE offrono loro sostegno e, al contempo, contribuiscono a migliorare l efficienza dei mercati e mobilitano investimenti. Il programma Energia Intelligente Europa aiuta a colmare il divario esistente tra gli obiettivi fissati e la realtà sul campo. REPAP2020, ad esempio, mette in contatto i membri del Parlamento europeo con il mondo dell industria allo scopo di agevolare l attuazione della direttiva sulle energie rinnovabili. In un primo momento il progetto ha fornito sostegno alle autorità interessate con la consulenza sulla redazione dei NREAP; più recentemente lo staff del progetto ha eseguito una valutazione indipendente e dettagliata di tali piani di azione. «Le prospettive sono positive, ma c è bisogno di fare di più per i programmi di sostegno. È importante che i piani siano seguiti da azioni che inizino oggi e proseguano nel tempo». Questo è quanto emerso dalle conclusioni dello studio secondo Jan Geiss, Segretario generale di EUFORES. Energia Intelligente Europa si rivolge a tutti i livelli di governo e della società. Grazie ad azioni concertate, come CA-RES, le autorità responsabili degli Stati membri possono collaborare per trovare il metodo più efficace per attuare le direttive UE. «I partecipanti di 30 paesi si incontrano due volte l anno in modo informale, con la partecipazione della Commissione Europea, per illustrare le migliori prassi e favorirne lo scambio, ma anche per trovare soluzioni condivise per l attuazione della direttiva sulle energie rinnovabili», spiega la project officer dell EACI, María Laguna. A livello locale, un altro progetto IEE, Polis, mira a promuovere l energia solare in sei città (Parigi, Lisbona, Monaco, Vitoria, Lione e Malmo) portando intorno allo stesso tavolo architetti, urbanisti e responsabili energetici. «I vari settori hanno spesso priorità diverse,» afferma María (che è anche la responsabile del progetto Polis). «È necessario integrare i criteri solari nella pianificazione urbana e nelle procedure di appalto per i progetti di riqualificazione urbana. Il fabbisogno energetico deve essere considerato fin dalla fase di pianificazione.» «Non parliamo solo di potenziale attivo del solare, ma anche di potenziale passivo,» aggiunge il coordinatore del progetto, Sigrid Linder. Gli edifici rivolti a sud generano una bisogno di riscaldamento inferiore in inverno, mentre in estate il guadagno termico può essere ridotto grazie ad adeguati dispo- PAG. 4 / N. 3 OTTOBRE 2011

5 E N E R G I E R I N N O VA B I L I Costruire reti offshore nei mari del Nord Europa - quali strutture adottare? «La lunghezza del cavo che collega il parco eolico e la riva ha un enorme impatto sui costi», afferma Jan De Decker, coordinatore del progetto IEE Offshore Grid. Il progetto Offshore Grid ha preso in esame le diverse alternative per collegare i parchi eolici offshore alla rete elettrica. I partner coinvolti hanno valutato le difficoltà tecniche ed economiche, gli aspetti legati alla politica e le norme necessarie. Ne è emerso un insieme di raccomandazioni considerate così attentamente ponderate che la Commissione europea le ha adottate. «I governi dovrebbero promuovere la realizzazione di hub (di parchi eolici) e questi ultimi dovrebbero essere sviluppati in contemporanea», afferma Jan. È preferibile che i parchi eolici occupino poche aree, ma estese, piuttosto che numerose aree di piccole dimensioni. Il progetto ha esaminato vantaggi e svantaggi del collegamento dei parchi eolici agli interconnettori, le linee elettriche che assicurano la fornitura di energia tra diversi Paesi e permettono di effettuare scambi. Sebbene possa comportare dei risparmi relativi alla lunghezza dei cavi, il collegamento agli interconnettori limita la capacità commerciale tra mercati nazionali quando c è vento. «Collegare i parchi eolici agli interconnettori può essere vantaggioso, ma non è sempre così», afferma Jan. «Dipende in gran parte dalle capacità, dalla lunghezza dei cavi e dalle differenze di prezzo tra i paesi. La compensazione tra la riduzione dei costi dei cavi e la diminuzione degli scambi commerciali deve essere esaminata caso per caso.» Dana Dutianu, la project officer responsabile di questo progetto presso l EACI, è molto ottimista. «Offshore Grid ha comportato uno sforzo enorme e ha fornito un importante stimolo alla preparazione della Comunicazione sulle priorità delle infrastrutture energetiche». Tale documento include diversi riferimenti a possibili progetti di griglie offshore per i mari del Nord Europa e il Mar Baltico, ideati dal progetto OffshoreGrid. Comunicazione Energy infrastructure priorities for 2020 and beyond - A Blueprint for an integrated European energy network ec.europa.eu/energy/infrastructure/strategy/2020_en.htm N. 3 OTTOBRE 2011 / PAG. 5

6 E N E R G I E R I N N O VA B I L I Le biomasse soprattutto i pellet di legno per la produzione di energia sono diventate una materia prima scambiata a livello globale. Il consumo di pellet in Europa si attesta intorno ai 9 milioni di tonnellate annue, delle quali circa 2 milioni di tonnellate vengono importate da paesi extra-europei. Tuttavia, sviluppare un mercato per i combustibili ricavati dalla biomassa non è un processo immediato. Gli investitori hanno la necessità di comprendere bene cosa guidi la domanda e l offerta e devono essere rassicurati sul fatto che la merce abbia degli standard; le differenze di qualità ostacolano il commercio. Il progetto EUBIONET III è volto ad aumentare la trasparenza nella fissazione dei prezzi e a sostenere lo sviluppo di standard per i biocombustibili solidi. «Quando si ha una maggiore comprensione del modo e dei motivi per cui i prezzi subiscono delle fluttuazioni, si comprende meglio il mercato e si è più predisposti ad accedervi», afferma la project officer responsabile per questo progetto all EACI, Silvia Vivarelli. I partner del progetto stanno aiutando a definire le caratteristiche dei biocombustibili solidi, le proprietà fisiche e chimiche richieste, soprattutto il contenuto di umidità, per permetterne un trasporto, una conservazione e un uso ottimale. «Il ruolo delle biomasse è sempre stato importante, ma ora esiste un fiorente commercio internazionale», ci spiega la co- I N ordinatrice del progetto Eija Alakangas, che vanta 28 anni di esperienza nel settore. Gli indici per la fissazione del prezzo dei pellet in legno nella regione baltica vengono pubblicati ogni mese, sottolinea Eija. I partner del progetto EUBIONET III hanno collaborato con l Organizzazione internazionale per la normazione per garantire che i combustibili derivati da biomasse possano essere commerciati con affidabilità in tutto il mondo. Per il futuro Eija si concentra sui nuovi combustibili derivati da biomasse. «In Finlandia stiamo utilizzando l etanolo tratto dagli scarti di panetteria», ci spiega. La Finlandia è sicuramente un paese all avanguardia nel mondo. E N PAG. 6 / N. 3 OTTOBRE 2011

7 E N E R G I E R I N N O VA B I L I sitivi frangisole. Prevedere che tutti gli edifici abbiano finestre rivolte a sud è impossibile, ma quello che si chiede agli urbanisti è di tenere in considerazione questo concetto. Appalti pubblici sostenibili Imporre requisiti efficaci su un livello minimo di energia derivante da fonti rinnovabili nelle disposizioni e nei codici edilizi per gli edifici nuovi o ristrutturati o negli appalti pubblici (ad esempio per l edilizia sociale) è un attività di profilo tecnico elevato. Le autorità locali di tutta l UE devono, pertanto, formare il proprio personale perché ciò sia possibile con il numero minimo di procedure. Un progetto, Patres, ha cercato di fornire alle autorità una formazione proprio in tal senso. «La situazione varia da paese a paese», spiega il coordinatore del progetto Fabio Tomasi. «Le autorità locali dispongono di diversi gradi di autonomia a seconda dello Stato. Noi intendiamo semplificare le procedure in modo che non servano mesi per superare gli ostacoli burocratici e ottenere un permesso per installare una pompa geotermica o un pannello solare. Stiamo definendo i dettagli e si sa, le insidie si annidano nei dettagli.» Definire il livello ottimale di sanzioni per far sì che gli architetti non si discostino dal loro progetto originale è solo un esempio di questo delicato processo. «Non parliamo solo di potenziale attivo del solare, ma anche di potenziale passivo.» «Ci è stato insegnato che nell elaborare le norme volte a promuovere le energie rinnovabili e l efficienza energetica, non dobbiamo specificare il tipo di tecnologia che preferiamo adottare», spiega Francesca Ravaioli, responsabile energetico del Consiglio comunale di Forlì, Italia. «Dobbiamo piuttosto concentrarci sul rendimento.» Francesca, che ha preso parte a tre seminari di formazione Patres quest anno, ha applicato le conoscenze recentemente acquisite in tema ambientale a un appalto per le energie rinnovabili per una scuola pubblica. I comuni sono stati attivamente coinvolti anche in un altro progetto IEE, PVs in Bloom, che coinvolge le pubbliche amministrazioni e il settore privato per sostenere gli investimenti in impianti fotovoltaici di piccole e medie dimensioni. I partner del progetto guardano ai terreni cosiddetti «marginali»: siti per discariche, siti dismessi, ex cave, zone cuscinetto (vicino agli aeroporti, ad esempio) ed ex complessi militari, tutte aree di scarso o nessun valore economico. «Stiamo definendo i dettagli e si sa, le insidie si annidano nei dettagli.» «I comuni possiedono diverse aree marginali e attualmente incontrano molte difficoltà nel reperire risorse finanziarie», dichiara il coordinatore del progetto, Erica Holland. PVs in Bloom ha mobilitato investimenti per circa 37 milioni di euro con appena 1 milione di euro di sostegno pubblico. Disponibilità di fondi Si parla spesso di mancanza di liquidità dei governi, ma va fatto notare ci sono ancora finanziamenti disponibili per le energie rinnovabili. Il bilancio stanziato dai fondi regionali e di coesione UE per l energia non è stato ancora usato completamente. «I fondi regionali possono investire nell efficienza energetica e nelle energie rinnovabili, ma sussiste ancora un divario tra la teoria e la pratica» afferma Damien Cocard, responsabile di progetto EACI per SF Energy Invest. «Le autorità di gestione e gli sviluppatori del progetto dovrebbero sfruttare le opportunità offerte dai fondi strutturali per finanziare e promuovere i progetti energetici.» SF Energy Invest si rivolge sia alle autorità di gestione, sia ai gestori dei fondi e organizza incontri appositamente per far incontrare domanda e offerta. «Si tratta di fare rete, far incontrare le persone coinvolte dai fondi strutturali e di coesione da un lato e le persone attive nel settore dell energia dall altro», spiega la coordinatrice del progetto Carmen Heinze. Lo staff del progetto sta organizzando una serie di visite di studio per dare la possibilità agli esperti di un paese di osservarne un altro, traendo così spunti utili che emergono di volta in volta in relazione ai progetti riguardanti le energie rinnovabili. «In alcuni Stati membri le procedure possono essere estenuanti ed eccessivamente burocratiche, e scoraggiare alcuni richiedenti», continua Carmen. «Il nostro intento è quello di rendere l accesso ai fondi più semplice.» Certificazione degli installatori Gli utenti finali delle energie rinnovabili sono un target naturale per i progetti del programma IEE. Il progetto Qualicert riguarda la certificazione degli installatori di impianti fotovoltaici di piccole dimensioni, impianti solari termici, geotermici, a biomasse e pompe di calore. «Gli utenti finali devono poter essere in grado di scegliere installatori qualificati che possano svolgere un lavoro di elevata qualità», afferma il project officer dell EA- CI, Gianluca Tondi. «Ciò è particolarmente importante perché la qualità dell installazione influisce sull efficienza del sistema. La pubblicità negativa generata da una cattiva installazione può rovinare l immagine delle rinnovabili per anni». «La legislazione UE stabilisce che entro la fine del 2012 gli installatori di impianti di energia rinnovabile di piccole dimensioni dovranno essere certificati dalle autorità nazionali o possedere certificazioni equivalenti», ci spiega la coordinatrice del progetto, Marjolaine Pont. «Ciò renderà il mercato più trasparente e aumenterà la qualità generale delle installazioni.» REPAP2020 CA-RES Polis Patres PVs in Bloom SF Energy Invest Qualicert N. 3 OTTOBRE 2011 / PAG. 7

8 E N E R G I E R I N N O VA B I L I SUL CAMPO «Il repowering di appena una delle cinque turbine eoliche nel novembre 2010 ha comportato un sensibile aumento del rendimento annuo rispetto al passato.» Ripensare le energie rinnovabili Due progetti della campagna Energia sostenibile per l Europa che rendono l approccio all efficienza energetica ancor più efficace. Un progetto innovativo per il rendimento energetico A Isleworth, poco fuori Londra, sta nascendo un polo di radiodiffusione unico al mondo. Alcuni dettagli esterni, come gli enormi canali di areazione naturale, danno un idea dell approccio peculiare dell edificio all efficienza energetica. Le scelte di progettazione e l architettura di Sky Broadcast lo rendono il centro di radiodiffusione e di elaborazione dati più sostenibile al mondo. Sky utilizzerà il suo edificio multipiano chiamato Harlequin 1 come centro per le sue attività: l edificio ospiterà le strutture per la registrazione delle produzioni televisive, per la post-produzione e le trasmissioni. Harlequin 1 sarà completato entro la fine del 2011, ma una vasta area dell edificio è già in uso. Ogni dettaglio, dalle opzioni di areazione al consumo idrico dei bagni, è stato preso in considerazione al momento della progettazione. «Le energie rinnovabili sono il cuore dell edificio», afferma Fiona Ball, responsabile ambientale di Sky. «Per ridurre le emissioni di anidride carbonica useremo le biomasse che azioneranno un impianto combinato di raffreddamento, riscaldamento e generazione di elettricità. Inoltre, l energia prodotta da una turbina eolica fornirà il 55-60% del fabbisogno annuale di energia elettrica per l illuminazione degli uffici di Harlequin 1. E abbiamo previsto anche un certo grado di flessibilità all interno dell infrastruttura per incorporare altre soluzioni energetiche sostenibili in futuro, come le celle a combustibile a idrogeno.» Fiona Ball Alla ricerca del vento «Repowering significa collocare turbine eoliche più potenti nelle posizioni migliori», spiega Christian Hinsch, Direttore responsabile della comunicazione aziendale Juwi. «Grazie al nostro approccio riusciamo a produrre una quantità significativamente maggiore di energia pulita usando meno impianti rispetto al passato.» «Con un programma adeguato possiamo ridurre il numero di turbine eoliche e generare ancora più elettricità di quella attualmente prodotta.» Alcuni dei siti migliori sono già occupati da impianti di piccole dimensioni vicini alla fine del loro ciclo di vita. Potrebbero essere rimpiazzati da un numero minore di impianti di dimensioni maggiori. Un progetto in corso a Schneebergerhof, nella regione della Renania Palatinato in Germania, dimostra quanto afferma Christian. «Il repowering di appena una delle cinque turbine eoliche nel novembre 2010 ha comportato un sensibile aumento del rendimento annuo rispetto al passato», spiega Christian Il repowering è particolarmente vantaggioso per quei paesi che hanno investito tempestivamente nell energia eolica e ora cercano di incrementare la loro produzione di questo tipo di energia. Christian Hinsch references/schneebergerhof.html PAG. 8 / N. 3 OTTOBRE 2011

9 «Il nostro gruppo intende investire 2 miliardi in progetti per le rinnovabili entro i prossimi quattro anni.» PROF. ARTHOUROS ZERVOS Presidente della Società pubblica greca di elettricità HANNO DETTO La direttiva UE stimola gli investimenti nelle rinnovabili La rivista IEE intervista il Prof. Arthouros Zervos, Presidente della Società pubblica greca di elettricità (Public Power Corporation, PPC). Qual è l impatto sull industria della direttiva UE sulle energie rinnovabili? Il decennio si è aperto con un evento rivoluzionario per il nostro settore: l adozione di obiettivi legalmente vincolanti che porteranno il 20% dell energia consumata nell Unione Europea ad essere prodotta da fonti rinnovabili entro il La direttiva fornisce un quadro normativo solido e stabile, un fattore essenziale per lo sviluppo del settore delle energie rinnovabili in Europa. I Piani di azione nazionali per le energie rinnovabili dei singoli Stati membri rivelano che l approccio continua ad essere valido e che il consumo complessivo di energia rinnovabile sarà più che raddoppiato nel Per quanto riguarda la Grecia, la direttiva aiuterà a promuovere gli investimenti; numerosi investitori hanno compreso che le fonti rinnovabili giocheranno un ruolo di primo piano nell assicurare la ripresa economica del paese. La Public Power Corporation sta investendo per aumentare la quota di rinnovabili nel mix di fonti utilizzate per la produzione di energia elettrica. Il nostro gruppo intende investire 2 miliardi in progetti per le rinnovabili entro i prossimi quattro anni; al momento, stiamo sviluppando una serie di progetti su ampia scala nel settore, come una grande centrale fotovoltaica da 200 MW nella Macedonia occidentale e parchi eolici per MW a Creta, Karpathos, Kassos e Rodi. Il progresso compiuto verso un maggiore uso delle fonti di energia rinnovabile varia sensibilmente da paese a paese all interno dell UE. Come mai? Quali potrebbero essere, secondo Lei, le strategie per colmare il divario? Il progresso compiuto varia da paese a paese per una serie di ragioni, tra cui il livello di maturità raggiunto nello sviluppo delle relative tecnologie in ogni paese, le diverse condizioni economiche e, soprattutto, la disponibilità di fonti di energia rinnovabile. Il mercato greco ha incontrato tre ostacoli principali: la complessità del quadro normativo, la mancanza di accettazione da parte dell opinione pubblica e l inadeguatezza della rete elettrica. Il nuovo quadro normativo e la creazione di uno onestop-shop, o sportello unico per gli investitori, hanno accelerato significativamente le procedure di concessione delle licenze. Tuttavia c è ancora molto da fare in relazione all accettazione da parte dell opinione pubblica e all ammodernamento della rete. Ad esempio, dovremo intensificare gli sforzi per spiegare alle comunità locali che aumentare gli investimenti nelle energie verdi è una delle strategie migliori per ridare vigore alla nostra economia. Quale energia rinnovabile ritiene sia la più economicamente vantaggiosa per il settore dell elettricità? E perché? Ritengo sia più interessante parlare di un mix di tecnologie per le energie rinnovabili: alcune di esse possono fornire un backup nella rete elettrica, mentre altre contribuiscono ai picchi di carico. È pertanto possibile sfruttare le sinergie esistenti e integrare diverse tecnologie sulla rete elettrica. Nella valutazione delle fonti di energia rinnovabile si devono prima comprendere le condizioni attuali in cui si investe. Un investitore potrebbe rimanere ugualmente soddisfatto di un parco eolico con un elevato fattore di carico o di un impianto fotovoltaico che sfrutti un elevata irradiazione solare o di un impianto geotermico in una regione a elevata entalpia. C è qualcosa che programmi come IEE possono fare per agevolare il Suo lavoro di presidente di una grande società di servizi pubblici? IEE svolge già un ruolo cruciale nell abbattere barriere istituzionali, finanziarie, di comportamento e di informazione che rallentano lo sviluppo delle energie rinnovabili. Ritengo che il programma IEE contribuisca direttamente a raggiungere l obiettivo del 2020 facilitando lo scambio delle prassi migliori (ad esempio mediante il progetto Qualicert relativo alla certificazione degli installatori), affrontando il problema delle barriere non tecnologiche o facilitando l attuazione delle politiche (ad esempio mediante l azione concertata relativa alla direttiva sulle energie rinnovabili) e aumentando la consapevolezza. È di fondamentale importanza che IEE cresca insieme al settore delle energie rinnovabili e che continui a svolgere questa importante missione. N. 3 OTTOBRE 2011 / PAG. 9

10 E N E R G I E R I N N O VA B I L I SUPERVISORE & BENEFICIARIO Eliminare la burocrazia legata all energia fotovoltaica Il progetto PV Legal ha contribuito alla raccolta di dati relativi alle barriere amministrative che frenano la crescita del mercato. «Hanno coinvolto le persone giuste; l industria partecipa per tutelare i suoi interessi.» Zoe Wildiers, responsabile del progetto PV Legal presso l EACI. PV Legal è un progetto chiave del programma Energia Intelligente Europa, il cui obiettivo finale è la rimozione delle barriere amministrative per l installazione di impianti di energie rinnovabili (in questo caso fotovoltaici), uno dei temi centrali della direttiva sulle energie rinnovabili. Il suo contributo all eliminazione delle barriere amministrative che impediscono uno sviluppo più sostenuto dell energia fotovoltaica è già visibile, e si prevede che l impatto del progetto si protragga oltre i 32 mesi di finanziamento dell UE. «Secondo l articolo 13 della direttiva sulle energie rinnovabili, gli Stati membri hanno l obbligo di rimuovere le barriere amministrative», afferma Zoé Wildiers, project officer dell EACI responsabile per PV Legal. «Questo è proprio ciò che PV Legal intende fare.» I partner del progetto non hanno solo identificato gli ostacoli esistenti, ma stanno anche redigendo raccomandazioni politiche concrete che agevolino la crescita dell intero mercato del fotovoltaico, dalle piccole installazioni domestiche sui tetti agli impianti a terra su larga scala. In alcuni paesi la burocrazia è già stata significativamente ridotta. Il database evidenzia i problemi Per ottenere questi risultati, è stato creato un database in cui sono stati inseriti i tempi e i costi legati ai diversi requisiti legali (come i permessi) necessari per le diverse installazioni fotovoltaiche in 12 paesi europei. «Grazie ai dati raccolti possiamo comprendere perché il mercato è cresciuto più velocemente in alcuni paesi rispetto ad altri. Grazie al database, è possibile identificare la fonte dei problemi», afferma Zoé. La partecipazione delle associazioni industriali al progetto PV Legal ha contribuito al suo successo. «Hanno coinvolto le persone giuste; l industria partecipa per tutelare i suoi interessi» continua Zoé. «Uno sviluppatore può usare il database per decidere dove investire. Chi ritiene che le barriere che esistono in un paese siano eccessive, può decidere di fare pressione perché le cose cambino o scegliere di investire in un altro paese.» 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% BG Il progetto ha portato alla luce le divergenze che esistono tra i vari Stati membri. «In alcuni paesi possono essere necessari oltre 3 anni per ottenere un permesso per un impianto fotovoltaico», spiega Zoé. La collaborazione tra i partner del progetto, il coordinatore e l EACI è stata molto stretta. «Il consorzio di PV Legal - mediante il coordinatore - ha tenuto l EACI costantemente informata sui dati emersi dal progetto e sui suoi successi. Quando uno dei partner ha incontrato problemi nel corso del progetto, abbiamo collaborato con il consorzio per trovare una soluzione in modo da poter garantire l impatto previsto», sottolinea Gianluca Tondi, che in passato è stato il responsabile di PV Legal presso l EACI. Sarà di fondamentale importanza dare un seguito a questa spinta propulsiva anche dopo la conclusione del progetto nel 2012, afferma Gianluca. «Il database PV Legal continuerà ad esistere in qualche forma. Non avrebbe senso aver raccolto tutti questi dati per poi non aggiornarli.» Costi amministrativi e legali espressi come percentuali dei costi complessivi per lo sviluppo del progetto (escluse le apparecchiature fotovoltaiche) Segmento A Segmento B Segmento C CS FR DE GR IT NL PL PT SL SP PAG. 10 / N. 3 OTTOBRE 2011

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Veicoli più puliti e carburanti alternativi

Veicoli più puliti e carburanti alternativi O2 P o l i c y A d v i C E n ot e s L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita ed efficiente in termini energetici.

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

fotovoltaico chiavi in mano

fotovoltaico chiavi in mano chiavi in mano 1 Tetto a falda - silicio monocristallino ad altissima efficienza / disponibile da 1 a 20KWp I moduli fotovoltaici più efficienti al mondo (19,5%) ed inverters di stringa SUNPOWER garantiti

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli