mag Una nuova era Energie rinnovabili N. 3 OT TO B R E SUPERVISORE & BENEFICIARIO Progetto PV Legal

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "mag Una nuova era Energie rinnovabili 9 10-11 14-15 N. 3 OT TO B R E 2 0 1 1 SUPERVISORE & BENEFICIARIO Progetto PV Legal"

Transcript

1 mag E N E R G I A I N T E L L I G E N T E E U R O P A P E R U N F U T U R O S O S T E N I B I L E 3 N. 3 OT TO B R E Energie rinnovabili Una nuova era HANNO DETTO La direttiva UE stimola gli investimenti nelle rinnovabili SUPERVISORE & BENEFICIARIO Progetto PV Legal DA PAESE A PAESE Nuovi percorsi per le rinnovabili

2 R I V I S TA D E L P R O G R A M M A E N E R G I A I N T E L L I G E N T E E U R O PA N. 3 OT TO B R E EDITORIALE D I M A R I E D O N N E L LY Direttore alla DG Energia Questo numero della rivista del programma Energia Intelligente Europa è incentrato sulle energie rinnovabili. «Stiamo compiendo grandi passi in avanti e l obiettivo appare alla nostra portata.» All interno del programma IEE sono molti i progetti che riguardano le energie rinnovabili, quelli che vi descriveremo in questo numero sono stati selezionati per il loro impatto particolarmente significativo. I partner di tutta l Unione Europea che partecipano ai progetti IEE si stanno impegnando per raggiungere l ambizioso obiettivo europeo: aumentare la quota di energia ricavata da fonti rinnovabili fino a coprire almeno il 20% del fabbisogno complessivo lordo di energia entro il I N T E L L I Fortunatamente stiamo compiendo grandi passi in avanti e l obiettivo appare alla nostra portata. Se riusciremo a raggiungere tale soglia, sono sicura che molto sarà dovuto anche al contributo del programma IEE. Nel servizio di approfondimento leggeremo Ecome Nsi siano gettate Ele basi Rperché Gle Y tecnologie legate alle energie rinnovabili possano espandersi nell Unione europea. Verranno inoltre esaminate nel dettaglio l energia eolica offshore e quella derivata dalle biomasse. Nella tradizionale rubrica «Supervisore & beneficiario» riportiamo invece delle interviste con i responsabili del progetto PV Legal. L energia fotovoltaica possiede un enorme potenziale, ma in alcuni paesi il suo sviluppo è frenato dalla burocrazia. Il team E U R PV Legal ha redatto un database molto ampio sui rimanenti ostacoli amministrativi da abbattere. Quanta burocrazia è necessaria nel vostro paese per poter installare dei pannelli sul tetto? Nella sezione «Da paese a paese» di questo numero lo sguardo è volto all energia solare, idroelettrica e dalle biomasse in Germania e Polonia. F O R A S U S T A I N A Troverete anche un interessante approfondimento sulle società che erogano servizi energetici e i relativi contratti di performance energetica: soluzioni per finanziare l efficienza energetica e le fonti rinnovabili sia nel settore pubblico, sia nel settore privato. Buona lettura! Marie Donnelly, Direttore responsabile delle fonti energetiche nuove e rinnovabili, l efficienza energetica e l innovazione, Direzione generale per l Energia della Commissione europea PAG. 2 / N. 3 OTTOBRE 2011

3 HANNO DETTO La direttiva UE stimola gli investimenti nelle rinnovabili SUPERVISORE & BENEFICIARIO Progetto PV Legal E N E R G I A I N T E L L I G E N T E E U R O P A P E R U N F U T U R O S O S T E N I B I L E DA PAESE A PAESE Nuovi percorsi per le rinnovabili e c. e u r o p a. e u / i n t e l l i g e n t e n e r g y LA RIVISTA DI ENERGIA INTELLIGENTE E U R O P A N mag3 U M E R O Sommario Editoriale 2 12 Approfondimento 4-7 Energie rinnovabili, una nuova era Sul campo 8 Ripensare le energie rinnovabili Hanno detto 9 La direttiva UE stimola gli investimenti nelle rinnovabili Supervisore & beneficiario Progetto PV Legal 4 In primo piano Fatevi aiutare dagli esperti Da paese a paese Nuovi percorsi per le rinnovabili 8 Sul campo 16 La formazione fa la differenza Sul campo 17 Ispirazione energetica europea Sul campo 18 Il sole dà energia al nostro mondo 10 3 N. 3 OT TO B R E mag Energie rinnovabili Una nuova era Foto: P. 5: istockphoto/teun van den Dries. P. 6: istockphoto/roberto Gennaro. P. 8: juwi Holding AG; Fiona Ball; juwi Holding AG. P. 10: istockphoto/pedro Castellano. P. 11: istockphoto/fabio Ficola. P. 12: Berlin Energy Agency. P. 13: istockphoto/ seewhatmitchsee. P. 14: Piotr Kubiesa and Włodzimierz Łukasik. P : Energietag Baden-Württemberg, Ingo Bartussek, guukaa. P. 16: Shell; Shell; Petras Ruzgus. P. 17: Toyota Motor Europe; Claudia Julius. P. 18: SaaS; Torresol Energy; sostenible.cat. La responsabilità del contenuto della presente pubblicazione, che non riflette in alcun modo le opinioni dell Unione europea, spetta unicamente agli autori. La EACI non è responsabile dell uso dei contenuti proposti. Le informazioni presentate sono fornite al solo scopo divulgativo e non vincolano legalmente nessuna delle parti coinvolte. Editori: Andrea Pascal e Cindy Carolle, EACI Unione europea, 2011 Ulteriori informazioni sul programma IEE sono disponibili sul sito: ec.europa.eu/intelligentenergy N. 3 OTTOBRE 2011 / PAG. 3

4 E N E R G I E R I N N O VA B I L I APPROFONDIMENTO Energie rinnovabili Una nuova era Il programma Energia Intelligente Europa coadiuva l Unione europea nel perseguimento dell ambizioso obiettivo sulle energie rinnovabili da raggiungere entro il 2020 e lo fa mediante progetti che aiutano a rimuovere le barriere, migliorano la trasparenza del mercato e mobilitano investimenti. Quando si parla di cambiamento climatico, sono generalmente gli obiettivi a catturare gran parte dell attenzione dei mezzi di informazione. Quanto ambizioso dovrebbe essere un obiettivo per la riduzione di emissioni di anidride carbonica? E gli obiettivi dovrebbero essere facoltativi od obbligatori? Quello che più raramente viene affrontato dalla stampa e dai mezzi di comunicazione sono gli strumenti con cui si intende raggiungere tali obiettivi. In che modo l Unione europea tramuta le parole in azioni? L obiettivo fissato dalla Direttiva sulle energie rinnovabili del ovvero ricavare il 20 % del consumo di energia complessivo dell UE da fonti rinnovabili entro il 2020 ne è un esempio. Se l Europa raggiungerà questo obiettivo - una possibilità che appare sempre più probabile - sarà grazie all intensa attività delle istituzioni europee e degli Stati membri, di cui i cittadini sono spesso inconsapevoli. Il programma Energia Intelligente Europa aiuta a colmare il divario esistente tra gli obiettivi fissati e la realtà sul campo. I progetti IEE aiutano i principali protagonisti del mercato, come i governi, le autorità locali, le PMI e l industria, a far convergere i propri sforzi al fine di accelerare lo sviluppo delle fonti di energia rinnovabile in Europa, un mercato di crescente importanza in termini di investimenti e occupazione. I progetti IEE sono ideati per promuovere la direttiva sulle energie rinnovabili: gli Stati membri sono stati chiamati a redigere un Piano d azione nazionale per le energie rinnovabili (NREAP - National Renewable Energy Action Plan) entro la fine di giugno 2010, ora devono attuarli. I progetti IEE offrono loro sostegno e, al contempo, contribuiscono a migliorare l efficienza dei mercati e mobilitano investimenti. Il programma Energia Intelligente Europa aiuta a colmare il divario esistente tra gli obiettivi fissati e la realtà sul campo. REPAP2020, ad esempio, mette in contatto i membri del Parlamento europeo con il mondo dell industria allo scopo di agevolare l attuazione della direttiva sulle energie rinnovabili. In un primo momento il progetto ha fornito sostegno alle autorità interessate con la consulenza sulla redazione dei NREAP; più recentemente lo staff del progetto ha eseguito una valutazione indipendente e dettagliata di tali piani di azione. «Le prospettive sono positive, ma c è bisogno di fare di più per i programmi di sostegno. È importante che i piani siano seguiti da azioni che inizino oggi e proseguano nel tempo». Questo è quanto emerso dalle conclusioni dello studio secondo Jan Geiss, Segretario generale di EUFORES. Energia Intelligente Europa si rivolge a tutti i livelli di governo e della società. Grazie ad azioni concertate, come CA-RES, le autorità responsabili degli Stati membri possono collaborare per trovare il metodo più efficace per attuare le direttive UE. «I partecipanti di 30 paesi si incontrano due volte l anno in modo informale, con la partecipazione della Commissione Europea, per illustrare le migliori prassi e favorirne lo scambio, ma anche per trovare soluzioni condivise per l attuazione della direttiva sulle energie rinnovabili», spiega la project officer dell EACI, María Laguna. A livello locale, un altro progetto IEE, Polis, mira a promuovere l energia solare in sei città (Parigi, Lisbona, Monaco, Vitoria, Lione e Malmo) portando intorno allo stesso tavolo architetti, urbanisti e responsabili energetici. «I vari settori hanno spesso priorità diverse,» afferma María (che è anche la responsabile del progetto Polis). «È necessario integrare i criteri solari nella pianificazione urbana e nelle procedure di appalto per i progetti di riqualificazione urbana. Il fabbisogno energetico deve essere considerato fin dalla fase di pianificazione.» «Non parliamo solo di potenziale attivo del solare, ma anche di potenziale passivo,» aggiunge il coordinatore del progetto, Sigrid Linder. Gli edifici rivolti a sud generano una bisogno di riscaldamento inferiore in inverno, mentre in estate il guadagno termico può essere ridotto grazie ad adeguati dispo- PAG. 4 / N. 3 OTTOBRE 2011

5 E N E R G I E R I N N O VA B I L I Costruire reti offshore nei mari del Nord Europa - quali strutture adottare? «La lunghezza del cavo che collega il parco eolico e la riva ha un enorme impatto sui costi», afferma Jan De Decker, coordinatore del progetto IEE Offshore Grid. Il progetto Offshore Grid ha preso in esame le diverse alternative per collegare i parchi eolici offshore alla rete elettrica. I partner coinvolti hanno valutato le difficoltà tecniche ed economiche, gli aspetti legati alla politica e le norme necessarie. Ne è emerso un insieme di raccomandazioni considerate così attentamente ponderate che la Commissione europea le ha adottate. «I governi dovrebbero promuovere la realizzazione di hub (di parchi eolici) e questi ultimi dovrebbero essere sviluppati in contemporanea», afferma Jan. È preferibile che i parchi eolici occupino poche aree, ma estese, piuttosto che numerose aree di piccole dimensioni. Il progetto ha esaminato vantaggi e svantaggi del collegamento dei parchi eolici agli interconnettori, le linee elettriche che assicurano la fornitura di energia tra diversi Paesi e permettono di effettuare scambi. Sebbene possa comportare dei risparmi relativi alla lunghezza dei cavi, il collegamento agli interconnettori limita la capacità commerciale tra mercati nazionali quando c è vento. «Collegare i parchi eolici agli interconnettori può essere vantaggioso, ma non è sempre così», afferma Jan. «Dipende in gran parte dalle capacità, dalla lunghezza dei cavi e dalle differenze di prezzo tra i paesi. La compensazione tra la riduzione dei costi dei cavi e la diminuzione degli scambi commerciali deve essere esaminata caso per caso.» Dana Dutianu, la project officer responsabile di questo progetto presso l EACI, è molto ottimista. «Offshore Grid ha comportato uno sforzo enorme e ha fornito un importante stimolo alla preparazione della Comunicazione sulle priorità delle infrastrutture energetiche». Tale documento include diversi riferimenti a possibili progetti di griglie offshore per i mari del Nord Europa e il Mar Baltico, ideati dal progetto OffshoreGrid. Comunicazione Energy infrastructure priorities for 2020 and beyond - A Blueprint for an integrated European energy network ec.europa.eu/energy/infrastructure/strategy/2020_en.htm N. 3 OTTOBRE 2011 / PAG. 5

6 E N E R G I E R I N N O VA B I L I Le biomasse soprattutto i pellet di legno per la produzione di energia sono diventate una materia prima scambiata a livello globale. Il consumo di pellet in Europa si attesta intorno ai 9 milioni di tonnellate annue, delle quali circa 2 milioni di tonnellate vengono importate da paesi extra-europei. Tuttavia, sviluppare un mercato per i combustibili ricavati dalla biomassa non è un processo immediato. Gli investitori hanno la necessità di comprendere bene cosa guidi la domanda e l offerta e devono essere rassicurati sul fatto che la merce abbia degli standard; le differenze di qualità ostacolano il commercio. Il progetto EUBIONET III è volto ad aumentare la trasparenza nella fissazione dei prezzi e a sostenere lo sviluppo di standard per i biocombustibili solidi. «Quando si ha una maggiore comprensione del modo e dei motivi per cui i prezzi subiscono delle fluttuazioni, si comprende meglio il mercato e si è più predisposti ad accedervi», afferma la project officer responsabile per questo progetto all EACI, Silvia Vivarelli. I partner del progetto stanno aiutando a definire le caratteristiche dei biocombustibili solidi, le proprietà fisiche e chimiche richieste, soprattutto il contenuto di umidità, per permetterne un trasporto, una conservazione e un uso ottimale. «Il ruolo delle biomasse è sempre stato importante, ma ora esiste un fiorente commercio internazionale», ci spiega la co- I N ordinatrice del progetto Eija Alakangas, che vanta 28 anni di esperienza nel settore. Gli indici per la fissazione del prezzo dei pellet in legno nella regione baltica vengono pubblicati ogni mese, sottolinea Eija. I partner del progetto EUBIONET III hanno collaborato con l Organizzazione internazionale per la normazione per garantire che i combustibili derivati da biomasse possano essere commerciati con affidabilità in tutto il mondo. Per il futuro Eija si concentra sui nuovi combustibili derivati da biomasse. «In Finlandia stiamo utilizzando l etanolo tratto dagli scarti di panetteria», ci spiega. La Finlandia è sicuramente un paese all avanguardia nel mondo. E N PAG. 6 / N. 3 OTTOBRE 2011

7 E N E R G I E R I N N O VA B I L I sitivi frangisole. Prevedere che tutti gli edifici abbiano finestre rivolte a sud è impossibile, ma quello che si chiede agli urbanisti è di tenere in considerazione questo concetto. Appalti pubblici sostenibili Imporre requisiti efficaci su un livello minimo di energia derivante da fonti rinnovabili nelle disposizioni e nei codici edilizi per gli edifici nuovi o ristrutturati o negli appalti pubblici (ad esempio per l edilizia sociale) è un attività di profilo tecnico elevato. Le autorità locali di tutta l UE devono, pertanto, formare il proprio personale perché ciò sia possibile con il numero minimo di procedure. Un progetto, Patres, ha cercato di fornire alle autorità una formazione proprio in tal senso. «La situazione varia da paese a paese», spiega il coordinatore del progetto Fabio Tomasi. «Le autorità locali dispongono di diversi gradi di autonomia a seconda dello Stato. Noi intendiamo semplificare le procedure in modo che non servano mesi per superare gli ostacoli burocratici e ottenere un permesso per installare una pompa geotermica o un pannello solare. Stiamo definendo i dettagli e si sa, le insidie si annidano nei dettagli.» Definire il livello ottimale di sanzioni per far sì che gli architetti non si discostino dal loro progetto originale è solo un esempio di questo delicato processo. «Non parliamo solo di potenziale attivo del solare, ma anche di potenziale passivo.» «Ci è stato insegnato che nell elaborare le norme volte a promuovere le energie rinnovabili e l efficienza energetica, non dobbiamo specificare il tipo di tecnologia che preferiamo adottare», spiega Francesca Ravaioli, responsabile energetico del Consiglio comunale di Forlì, Italia. «Dobbiamo piuttosto concentrarci sul rendimento.» Francesca, che ha preso parte a tre seminari di formazione Patres quest anno, ha applicato le conoscenze recentemente acquisite in tema ambientale a un appalto per le energie rinnovabili per una scuola pubblica. I comuni sono stati attivamente coinvolti anche in un altro progetto IEE, PVs in Bloom, che coinvolge le pubbliche amministrazioni e il settore privato per sostenere gli investimenti in impianti fotovoltaici di piccole e medie dimensioni. I partner del progetto guardano ai terreni cosiddetti «marginali»: siti per discariche, siti dismessi, ex cave, zone cuscinetto (vicino agli aeroporti, ad esempio) ed ex complessi militari, tutte aree di scarso o nessun valore economico. «Stiamo definendo i dettagli e si sa, le insidie si annidano nei dettagli.» «I comuni possiedono diverse aree marginali e attualmente incontrano molte difficoltà nel reperire risorse finanziarie», dichiara il coordinatore del progetto, Erica Holland. PVs in Bloom ha mobilitato investimenti per circa 37 milioni di euro con appena 1 milione di euro di sostegno pubblico. Disponibilità di fondi Si parla spesso di mancanza di liquidità dei governi, ma va fatto notare ci sono ancora finanziamenti disponibili per le energie rinnovabili. Il bilancio stanziato dai fondi regionali e di coesione UE per l energia non è stato ancora usato completamente. «I fondi regionali possono investire nell efficienza energetica e nelle energie rinnovabili, ma sussiste ancora un divario tra la teoria e la pratica» afferma Damien Cocard, responsabile di progetto EACI per SF Energy Invest. «Le autorità di gestione e gli sviluppatori del progetto dovrebbero sfruttare le opportunità offerte dai fondi strutturali per finanziare e promuovere i progetti energetici.» SF Energy Invest si rivolge sia alle autorità di gestione, sia ai gestori dei fondi e organizza incontri appositamente per far incontrare domanda e offerta. «Si tratta di fare rete, far incontrare le persone coinvolte dai fondi strutturali e di coesione da un lato e le persone attive nel settore dell energia dall altro», spiega la coordinatrice del progetto Carmen Heinze. Lo staff del progetto sta organizzando una serie di visite di studio per dare la possibilità agli esperti di un paese di osservarne un altro, traendo così spunti utili che emergono di volta in volta in relazione ai progetti riguardanti le energie rinnovabili. «In alcuni Stati membri le procedure possono essere estenuanti ed eccessivamente burocratiche, e scoraggiare alcuni richiedenti», continua Carmen. «Il nostro intento è quello di rendere l accesso ai fondi più semplice.» Certificazione degli installatori Gli utenti finali delle energie rinnovabili sono un target naturale per i progetti del programma IEE. Il progetto Qualicert riguarda la certificazione degli installatori di impianti fotovoltaici di piccole dimensioni, impianti solari termici, geotermici, a biomasse e pompe di calore. «Gli utenti finali devono poter essere in grado di scegliere installatori qualificati che possano svolgere un lavoro di elevata qualità», afferma il project officer dell EA- CI, Gianluca Tondi. «Ciò è particolarmente importante perché la qualità dell installazione influisce sull efficienza del sistema. La pubblicità negativa generata da una cattiva installazione può rovinare l immagine delle rinnovabili per anni». «La legislazione UE stabilisce che entro la fine del 2012 gli installatori di impianti di energia rinnovabile di piccole dimensioni dovranno essere certificati dalle autorità nazionali o possedere certificazioni equivalenti», ci spiega la coordinatrice del progetto, Marjolaine Pont. «Ciò renderà il mercato più trasparente e aumenterà la qualità generale delle installazioni.» REPAP2020 CA-RES Polis Patres PVs in Bloom SF Energy Invest Qualicert N. 3 OTTOBRE 2011 / PAG. 7

8 E N E R G I E R I N N O VA B I L I SUL CAMPO «Il repowering di appena una delle cinque turbine eoliche nel novembre 2010 ha comportato un sensibile aumento del rendimento annuo rispetto al passato.» Ripensare le energie rinnovabili Due progetti della campagna Energia sostenibile per l Europa che rendono l approccio all efficienza energetica ancor più efficace. Un progetto innovativo per il rendimento energetico A Isleworth, poco fuori Londra, sta nascendo un polo di radiodiffusione unico al mondo. Alcuni dettagli esterni, come gli enormi canali di areazione naturale, danno un idea dell approccio peculiare dell edificio all efficienza energetica. Le scelte di progettazione e l architettura di Sky Broadcast lo rendono il centro di radiodiffusione e di elaborazione dati più sostenibile al mondo. Sky utilizzerà il suo edificio multipiano chiamato Harlequin 1 come centro per le sue attività: l edificio ospiterà le strutture per la registrazione delle produzioni televisive, per la post-produzione e le trasmissioni. Harlequin 1 sarà completato entro la fine del 2011, ma una vasta area dell edificio è già in uso. Ogni dettaglio, dalle opzioni di areazione al consumo idrico dei bagni, è stato preso in considerazione al momento della progettazione. «Le energie rinnovabili sono il cuore dell edificio», afferma Fiona Ball, responsabile ambientale di Sky. «Per ridurre le emissioni di anidride carbonica useremo le biomasse che azioneranno un impianto combinato di raffreddamento, riscaldamento e generazione di elettricità. Inoltre, l energia prodotta da una turbina eolica fornirà il 55-60% del fabbisogno annuale di energia elettrica per l illuminazione degli uffici di Harlequin 1. E abbiamo previsto anche un certo grado di flessibilità all interno dell infrastruttura per incorporare altre soluzioni energetiche sostenibili in futuro, come le celle a combustibile a idrogeno.» Fiona Ball Alla ricerca del vento «Repowering significa collocare turbine eoliche più potenti nelle posizioni migliori», spiega Christian Hinsch, Direttore responsabile della comunicazione aziendale Juwi. «Grazie al nostro approccio riusciamo a produrre una quantità significativamente maggiore di energia pulita usando meno impianti rispetto al passato.» «Con un programma adeguato possiamo ridurre il numero di turbine eoliche e generare ancora più elettricità di quella attualmente prodotta.» Alcuni dei siti migliori sono già occupati da impianti di piccole dimensioni vicini alla fine del loro ciclo di vita. Potrebbero essere rimpiazzati da un numero minore di impianti di dimensioni maggiori. Un progetto in corso a Schneebergerhof, nella regione della Renania Palatinato in Germania, dimostra quanto afferma Christian. «Il repowering di appena una delle cinque turbine eoliche nel novembre 2010 ha comportato un sensibile aumento del rendimento annuo rispetto al passato», spiega Christian Il repowering è particolarmente vantaggioso per quei paesi che hanno investito tempestivamente nell energia eolica e ora cercano di incrementare la loro produzione di questo tipo di energia. Christian Hinsch references/schneebergerhof.html PAG. 8 / N. 3 OTTOBRE 2011

9 «Il nostro gruppo intende investire 2 miliardi in progetti per le rinnovabili entro i prossimi quattro anni.» PROF. ARTHOUROS ZERVOS Presidente della Società pubblica greca di elettricità HANNO DETTO La direttiva UE stimola gli investimenti nelle rinnovabili La rivista IEE intervista il Prof. Arthouros Zervos, Presidente della Società pubblica greca di elettricità (Public Power Corporation, PPC). Qual è l impatto sull industria della direttiva UE sulle energie rinnovabili? Il decennio si è aperto con un evento rivoluzionario per il nostro settore: l adozione di obiettivi legalmente vincolanti che porteranno il 20% dell energia consumata nell Unione Europea ad essere prodotta da fonti rinnovabili entro il La direttiva fornisce un quadro normativo solido e stabile, un fattore essenziale per lo sviluppo del settore delle energie rinnovabili in Europa. I Piani di azione nazionali per le energie rinnovabili dei singoli Stati membri rivelano che l approccio continua ad essere valido e che il consumo complessivo di energia rinnovabile sarà più che raddoppiato nel Per quanto riguarda la Grecia, la direttiva aiuterà a promuovere gli investimenti; numerosi investitori hanno compreso che le fonti rinnovabili giocheranno un ruolo di primo piano nell assicurare la ripresa economica del paese. La Public Power Corporation sta investendo per aumentare la quota di rinnovabili nel mix di fonti utilizzate per la produzione di energia elettrica. Il nostro gruppo intende investire 2 miliardi in progetti per le rinnovabili entro i prossimi quattro anni; al momento, stiamo sviluppando una serie di progetti su ampia scala nel settore, come una grande centrale fotovoltaica da 200 MW nella Macedonia occidentale e parchi eolici per MW a Creta, Karpathos, Kassos e Rodi. Il progresso compiuto verso un maggiore uso delle fonti di energia rinnovabile varia sensibilmente da paese a paese all interno dell UE. Come mai? Quali potrebbero essere, secondo Lei, le strategie per colmare il divario? Il progresso compiuto varia da paese a paese per una serie di ragioni, tra cui il livello di maturità raggiunto nello sviluppo delle relative tecnologie in ogni paese, le diverse condizioni economiche e, soprattutto, la disponibilità di fonti di energia rinnovabile. Il mercato greco ha incontrato tre ostacoli principali: la complessità del quadro normativo, la mancanza di accettazione da parte dell opinione pubblica e l inadeguatezza della rete elettrica. Il nuovo quadro normativo e la creazione di uno onestop-shop, o sportello unico per gli investitori, hanno accelerato significativamente le procedure di concessione delle licenze. Tuttavia c è ancora molto da fare in relazione all accettazione da parte dell opinione pubblica e all ammodernamento della rete. Ad esempio, dovremo intensificare gli sforzi per spiegare alle comunità locali che aumentare gli investimenti nelle energie verdi è una delle strategie migliori per ridare vigore alla nostra economia. Quale energia rinnovabile ritiene sia la più economicamente vantaggiosa per il settore dell elettricità? E perché? Ritengo sia più interessante parlare di un mix di tecnologie per le energie rinnovabili: alcune di esse possono fornire un backup nella rete elettrica, mentre altre contribuiscono ai picchi di carico. È pertanto possibile sfruttare le sinergie esistenti e integrare diverse tecnologie sulla rete elettrica. Nella valutazione delle fonti di energia rinnovabile si devono prima comprendere le condizioni attuali in cui si investe. Un investitore potrebbe rimanere ugualmente soddisfatto di un parco eolico con un elevato fattore di carico o di un impianto fotovoltaico che sfrutti un elevata irradiazione solare o di un impianto geotermico in una regione a elevata entalpia. C è qualcosa che programmi come IEE possono fare per agevolare il Suo lavoro di presidente di una grande società di servizi pubblici? IEE svolge già un ruolo cruciale nell abbattere barriere istituzionali, finanziarie, di comportamento e di informazione che rallentano lo sviluppo delle energie rinnovabili. Ritengo che il programma IEE contribuisca direttamente a raggiungere l obiettivo del 2020 facilitando lo scambio delle prassi migliori (ad esempio mediante il progetto Qualicert relativo alla certificazione degli installatori), affrontando il problema delle barriere non tecnologiche o facilitando l attuazione delle politiche (ad esempio mediante l azione concertata relativa alla direttiva sulle energie rinnovabili) e aumentando la consapevolezza. È di fondamentale importanza che IEE cresca insieme al settore delle energie rinnovabili e che continui a svolgere questa importante missione. N. 3 OTTOBRE 2011 / PAG. 9

10 E N E R G I E R I N N O VA B I L I SUPERVISORE & BENEFICIARIO Eliminare la burocrazia legata all energia fotovoltaica Il progetto PV Legal ha contribuito alla raccolta di dati relativi alle barriere amministrative che frenano la crescita del mercato. «Hanno coinvolto le persone giuste; l industria partecipa per tutelare i suoi interessi.» Zoe Wildiers, responsabile del progetto PV Legal presso l EACI. PV Legal è un progetto chiave del programma Energia Intelligente Europa, il cui obiettivo finale è la rimozione delle barriere amministrative per l installazione di impianti di energie rinnovabili (in questo caso fotovoltaici), uno dei temi centrali della direttiva sulle energie rinnovabili. Il suo contributo all eliminazione delle barriere amministrative che impediscono uno sviluppo più sostenuto dell energia fotovoltaica è già visibile, e si prevede che l impatto del progetto si protragga oltre i 32 mesi di finanziamento dell UE. «Secondo l articolo 13 della direttiva sulle energie rinnovabili, gli Stati membri hanno l obbligo di rimuovere le barriere amministrative», afferma Zoé Wildiers, project officer dell EACI responsabile per PV Legal. «Questo è proprio ciò che PV Legal intende fare.» I partner del progetto non hanno solo identificato gli ostacoli esistenti, ma stanno anche redigendo raccomandazioni politiche concrete che agevolino la crescita dell intero mercato del fotovoltaico, dalle piccole installazioni domestiche sui tetti agli impianti a terra su larga scala. In alcuni paesi la burocrazia è già stata significativamente ridotta. Il database evidenzia i problemi Per ottenere questi risultati, è stato creato un database in cui sono stati inseriti i tempi e i costi legati ai diversi requisiti legali (come i permessi) necessari per le diverse installazioni fotovoltaiche in 12 paesi europei. «Grazie ai dati raccolti possiamo comprendere perché il mercato è cresciuto più velocemente in alcuni paesi rispetto ad altri. Grazie al database, è possibile identificare la fonte dei problemi», afferma Zoé. La partecipazione delle associazioni industriali al progetto PV Legal ha contribuito al suo successo. «Hanno coinvolto le persone giuste; l industria partecipa per tutelare i suoi interessi» continua Zoé. «Uno sviluppatore può usare il database per decidere dove investire. Chi ritiene che le barriere che esistono in un paese siano eccessive, può decidere di fare pressione perché le cose cambino o scegliere di investire in un altro paese.» 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% BG Il progetto ha portato alla luce le divergenze che esistono tra i vari Stati membri. «In alcuni paesi possono essere necessari oltre 3 anni per ottenere un permesso per un impianto fotovoltaico», spiega Zoé. La collaborazione tra i partner del progetto, il coordinatore e l EACI è stata molto stretta. «Il consorzio di PV Legal - mediante il coordinatore - ha tenuto l EACI costantemente informata sui dati emersi dal progetto e sui suoi successi. Quando uno dei partner ha incontrato problemi nel corso del progetto, abbiamo collaborato con il consorzio per trovare una soluzione in modo da poter garantire l impatto previsto», sottolinea Gianluca Tondi, che in passato è stato il responsabile di PV Legal presso l EACI. Sarà di fondamentale importanza dare un seguito a questa spinta propulsiva anche dopo la conclusione del progetto nel 2012, afferma Gianluca. «Il database PV Legal continuerà ad esistere in qualche forma. Non avrebbe senso aver raccolto tutti questi dati per poi non aggiornarli.» Costi amministrativi e legali espressi come percentuali dei costi complessivi per lo sviluppo del progetto (escluse le apparecchiature fotovoltaiche) Segmento A Segmento B Segmento C CS FR DE GR IT NL PL PT SL SP PAG. 10 / N. 3 OTTOBRE 2011

mag Una nuova era Energie rinnovabili 9 10-11 14-15 ENERGIA INTELLIGENTE N. 3 OTTOBRE 2011

mag Una nuova era Energie rinnovabili 9 10-11 14-15 ENERGIA INTELLIGENTE N. 3 OTTOBRE 2011 mag ENERGIA INTELLIGENTE E U R O P A PER UN FUTURO SOSTENIBILE 3 N. 3 OTTOBRE 2011 Energie rinnovabili Una nuova era 9 10-11 14-15 HANNO DETTO La direttiva UE stimola gli investimenti nelle rinnovabili

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

Ascor International srl. Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015

Ascor International srl. Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015 Ascor International srl Assicurare i rendimenti degli interventi di Efficienza Energetica Firenze 16 Luglio 2015 Ascor International > Ascor International è una società di intermediazione e consulenza

Dettagli

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente

Tutti sappiamo che il consumo attuale di energia in Europa dipende largamente Azioni per il pianeta Focus Verso il 2050 Come e perché decarbonizzare l Europa conviene di Jules Kosternhorst Il messaggio è chiaro: la decarbonizzazione del settore energetico europeo rappresenta una

Dettagli

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO DIRETTIVA 2009/28/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE

Dettagli

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale

KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21. Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale KLIMAENERGY 2016 Il ruolo delle energie pulite dopo la Conferenza di Parigi COP21 Edoardo Zanchini Vicepresidente nazionale Alla COP21 di Parigi è stato raggiunto uno storico accordo internazionale sul

Dettagli

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari Edo Ronchi Presidente della

Dettagli

Etexia: Ingegneria per l Energia

Etexia: Ingegneria per l Energia Etexia: Ingegneria per l Energia I PARTE: Company Profile II PARTE: E 2 MAP Etexia Energy Management Protocol BIOMASSA FOTOVOLTAICO/SOLARE EOLICO POMPE DI CALORE ILLUMINAZIONE ENERGIA DOMOTICA Pag.2 I

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Sono 6.993 i Comuni rinnovabili italiani

Sono 6.993 i Comuni rinnovabili italiani Sono 6.993 i Comuni rinnovabili italiani Il rapporto racconta con numeri, tabelle, cartine il salto impressionante che si è verificato in Italia nel numero degli impianti installati. Attraverso nuovi impianti

Dettagli

Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca, e altri usi Fonte: DG Energy 2012

Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca, e altri usi Fonte: DG Energy 2012 Arch. Rovena Xhaferi 16 ottobre 2015 Grosseto Comune di Grosseto La sfida energetica e Il parco immobiliare nazionale Trasporto Industria Edifici Nota: 3% sono i consumi energetici in Agricultura, Pesca,

Dettagli

La Strategia Energetica Nazionale

La Strategia Energetica Nazionale La Strategia Energetica Nazionale La nuova Strategia Energetica Nazionale, diffusa a fini di consultazione pubblica, individua quattro obiettivi principali per il sistema energetico italiano: 1) Ridurre

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea. Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy

Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea. Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea Energy Efficiency: the first fuel for the EU economy Efficienza energetica: il principale combustibile per l economia europea Come

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali

Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Dimezzare i consumi negli edifici condominiali Un incentivo per muovere interventi di riqualificazione edilizia e energetica nei complessi edilizi attraverso lo strumento delle Esco. PREMESSA Circa 24

Dettagli

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014

Risparmiare si può. Energy. Service COmpany. con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico. Imperia, 11 luglio 2014 Risparmiare si può con un Progetto Integrato di Efficientamento Energetico Energy Imperia, 11 luglio 2014 Service COmpany CORE BUSINESS DI AURA ENERGY Nuova mission Nel 2012 Aura Energy, conseguentemente

Dettagli

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari

L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari La riqualificazione energetica del patrimonio edilizio pubblico L importanza strategica dell efficienza energetica, le politiche europee e una introduzione agli strumenti finanziari Edo Ronchi Presidente

Dettagli

Cogenerazione Enti locali e regionali ecc.)

Cogenerazione Enti locali e regionali ecc.) Promozione di pratiche di gestione dell energia nell industria tessile in Grecia, Portogallo, Spagna e Bulgaria EMS Textile SIGMA Consultants Ltd - Grecia Descrizione Il progetto EMS-Textile mirava a promuovere

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.7.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 180/7 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE, EURATOM) N. 617/2010 DEL CONSIGLIO del 24 giugno 2010 sulla comunicazione alla Commissione

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione

Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione Marco Vecchio Segretario AssoAutomazione È una delle 11 Associazioni di Federazione ANIE (Federazione Nazionale delle Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) Attraverso i suoi Gruppi rappresenta, sostiene

Dettagli

Credito ed efficienza, sfida per lo sviluppo di competenze

Credito ed efficienza, sfida per lo sviluppo di competenze Credito ed efficienza, sfida per lo sviluppo di competenze Verona, 9 ottobre 2014 Mauro Conti Chi è BIT? Società di servizi tecnico-finanziari per le BCC nelle Tre A Al fianco delle BCC e dei loro clienti

Dettagli

Progetto Le Sorgenti Una casa a servizio della città Cooperativa Santa Francesca Cabrini Due, Lodi, Italia

Progetto Le Sorgenti Una casa a servizio della città Cooperativa Santa Francesca Cabrini Due, Lodi, Italia Descrizione Progetto Le Sorgenti Una casa a servizio della città Cooperativa Santa Francesca Cabrini Due, Lodi, Italia Primo significativo intervento di edilizia eco-sostenibile nella provincia di Lodi,

Dettagli

Verso le case passive. Meccanismi di supporto per il mercato delle case passive

Verso le case passive. Meccanismi di supporto per il mercato delle case passive Verso le case passive Meccanismi di supporto per il mercato delle case passive giugno 2007 Indice IL MODO PASSIVO PER RISPARMIARE... 3 UNA SCELTA PER IL FUTURO... 3 Sistemi passivi, progettazione passiva

Dettagli

Energie rinnovabili: domanda e offerta si. incontrano?

Energie rinnovabili: domanda e offerta si. incontrano? Energie rinnovabili: domanda e offerta si incontrano? Energie rinnovabili: domanda e offerta si incontrano? Pubblicato nel mese di luglio 2009 Rapporto realizzato da INSINTESI a cura di Massimo Pizzo e

Dettagli

Installazione, Diffusione e Vantaggi del Solare Termico

Installazione, Diffusione e Vantaggi del Solare Termico Installazione del sistema solare termico L installazione dei pannelli solari è possibile in tutti gli edifici ed le abitazioni, dalle villette agli edifici plurifamiliari o nei condomini. L installazione

Dettagli

g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione.

g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione. g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione. Un successo in tutto il mondo grazie alla cogenerazione di energia

Dettagli

Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese

Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Base Emission Inventory Comune di Sala Bolognese Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA

Dettagli

Pacchetto clima-energia 20-20-20: il ruolo delle Energie Rinnovabili in Italia

Pacchetto clima-energia 20-20-20: il ruolo delle Energie Rinnovabili in Italia Pacchetto clima-energia 20-20-20: il ruolo delle Energie Rinnovabili in Italia Energia e Ambiente verso Copenhagen G.Alimonti INFN Milano La normativa EU Clima-Energia : Gli obiettivi Le Fonti Rinnovabili

Dettagli

Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità

Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità Il decreto legislativo 102/2014 sull efficienza energetica: scenari ed opportunità Fare impresa con l efficienza energetica: il decreto legislativo 102/2014. Smart Energy Expo Verona -8 ottobre 2014 Mauro

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

COPERTURA ASSICURATIVA GLOBALE ENERGIE RINNOVABILI. Mettiamo a frutto la competenza

COPERTURA ASSICURATIVA GLOBALE ENERGIE RINNOVABILI. Mettiamo a frutto la competenza COPERTURA ASSICURATIVA GLOBALE ENERGIE RINNOVABILI Mettiamo a frutto la competenza INEGUAGLIABILE COMPETENZA Tramite la nostra rete di intermediari, broker e agenti non in esclusiva, offriamo le migliori

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica [14/03/2013 Prot. 647] Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica Programmazione 2014-2020 Tavolo tecnico B Valorizzazione, gestione e tutela dell ambiente

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio La conservazione ambientale e le sue problematiche spesso causate dall uomo hanno un qualcosa di positivo e stimolante, e mi spiego meglio: Tutti vorremmo un ambiente bello, pulito ed intatto, ma questo

Dettagli

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA

LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA LA POLITICA ENERGETICA DELL UNIONE EUROPEA Che ruolo ha l energia nel processo di integrazione europea? L energia è il motore dell Europa. Il benessere di persone, industrie ed economia dipende da un energia

Dettagli

Buone Pratiche e Sfide Future

Buone Pratiche e Sfide Future Politiche di promozione di riscaldamento e raffreddamento da fonti rinnovabili: Buone Pratiche e Sfide Future Autori: Agenzia Energetica Austriaca (AEA): Nina Pickl, Johannes Schmidl, Lorenz Strimitzer

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi

PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi PATTO DEI SINDACI Cosa e Quali obiettivi Le procedure - Gli strumenti Quali finanziamenti e contributi A21 -- Ambiente nel 21 secolo Tel. 030 7995986 - Cell. 335 8130355 mail: info@a21.it - www.a21.it

Dettagli

g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione.

g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione. g-box. La centrale elettrica 2G di piccole dimensioni che produce reddito. Elevata efficienza. Ammortamento veloce. 2G. Cogenerazione. Un successo in tutto il mondo grazie alla cogenerazione di energia

Dettagli

- ALLEGATO - INTERVENTI PRIVATI CONSIDERAZIONI ECONOMICHE E SPECIFICHE TECNICHE DELLE AZIONI COMUNE DI QUINTO VICENTINO

- ALLEGATO - INTERVENTI PRIVATI CONSIDERAZIONI ECONOMICHE E SPECIFICHE TECNICHE DELLE AZIONI COMUNE DI QUINTO VICENTINO - ALLEGATO - INTERVENTI PRIVATI CONSIDERAZIONI ECONOMICHE E SPECIFICHE TECNICHE DELLE AZIONI COMUNE DI QUINTO VICENTINO INDICE 1 PREMESSA 3 2 SETTORE RESIDENZIALE 4 INTERVENTI DEL SETTORE 4 CONSIDERAZIONI

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Gruppo Acquisto energia da fonti rinovabili per risparmiare e raggiungere obiettivo 20/20/20

Gruppo Acquisto energia da fonti rinovabili per risparmiare e raggiungere obiettivo 20/20/20 Gruppo Acquisto energia da fonti rinovabili per risparmiare e raggiungere obiettivo 20/20/20 QUESTIONI 1 problema: Come avere accesso al credito? Come trovare nuovi canali di finanziamento? Soluzione:

Dettagli

simultaneamente produrre e scambiare energia dando forma ad una nuova architettura economica e sociale, sostenibile ed autosufficiente.

simultaneamente produrre e scambiare energia dando forma ad una nuova architettura economica e sociale, sostenibile ed autosufficiente. Quando milioni di microimpianti domestici saranno connessi alla rete ogni persona potrà simultaneamente produrre e scambiare energia dando forma ad una nuova architettura economica e sociale, sostenibile

Dettagli

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1 Libro verde sull efficienza energetica Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona Direzione generale Energia e trasporti 1 Il precedente: Il Libro verde sulla sicurezza dell

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

AMBITO LEGALE DEI PROGETTI LEGATI ALLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI IN POLONIA

AMBITO LEGALE DEI PROGETTI LEGATI ALLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI IN POLONIA AMBITO LEGALE DEI PROGETTI LEGATI ALLE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI IN POLONIA 1. ENERGIA RINNOVABILE IN POLONIA 2. BASE LEGISLATIVA 3. CHE COS È L ENERGIA RINNOVABILE? 4. CERTIFICATI DI ORIGINE 5. CONCESSIONI

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale

Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale Leonardo Setti Docente Università di Bologna Facoltà di chimica industriale Gli Enti Locali e la transizione energetica verso l Europa del 2050 Fonti Energetiche e sviluppo sostenibile Imola, 10 novembre

Dettagli

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico

Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico Aspetti collegati allo sviluppo del fotovoltaico In questa sezione si analizzano gli aspetti economici, ambientali ed occupazionali collegati alla sviluppo del fotovoltaico. Aspetti economici Per quanto

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2005 COM(2005) 16 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Relazione sull'applicazione del piano d'azione per le tecnologie ambientali nel 2004 {SEC(2005)100}

Dettagli

Dalla potenza del sole un rendimento potente. Centrali solari di e con Phoenix Solar

Dalla potenza del sole un rendimento potente. Centrali solari di e con Phoenix Solar Dalla potenza del sole un rendimento potente. Centrali solari di e con Phoenix Solar IL NOSTRO OBIETTIVO È SFRUTTARE L INTERO POTENZIALE DEL FOTOVOLTAICO PER OGNI PROGETTO SOLARE. PHOENIX SOLAR SIGNI-

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA L S. Energy Consulting

EFFICIENZA ENERGETICA L S. Energy Consulting EFFICIENZA ENERGETICA L S L UXS A Rsnc Energy Consulting L UXS AR snc LL Il nostro team di professionisti è formata da ingegneri, progettisti, tecnici, esperti e personale operativo. Abbiamo le competenze

Dettagli

Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica

Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica Modelli di business a supporto dell adozione di tecnologie di efficienza energetica Settimana della Bioarchitettura e della Domotica Modena, 14 novembre 2012 Paola Laiolo Intesa Sanpaolo Eurodesk Sprl

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

Legambiente presenta Comuni Rinnovabili 2014 la mappa dell energia verde e dell innovazione nelle reti energetiche italiane

Legambiente presenta Comuni Rinnovabili 2014 la mappa dell energia verde e dell innovazione nelle reti energetiche italiane Roma, 7 maggio 2014 Comunicato stampa Legambiente presenta Comuni Rinnovabili 2014 la mappa dell energia verde e dell innovazione nelle reti energetiche italiane E record: 700mila impianti da fonti rinnovabili

Dettagli

BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico. Ing. Andrea D Ascanio

BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico. Ing. Andrea D Ascanio BANCA POPOLARE ETICA La finanza di progetto a supporto di investimenti nel settore energetico Ing. Andrea D Ascanio lunedì 11 Dicembre 14 dicembre 2009 2009 La storia di Banca Etica Anni 80: prime esperienze

Dettagli

L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento

L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento Alessandro Noce Responsabile Direzione Energia e Industria di Base Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Milano 20 maggio 2014 1 Il punto di

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

POWER HOUSE EUROPE INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DEL VS. CASO DI STUDIO

POWER HOUSE EUROPE INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DEL VS. CASO DI STUDIO POWER HOUSE EUROPE INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DEL VS. CASO DI STUDIO Siamo lieti del Vs. Interesse a presentare un caso studio al fine di condividere la Vs. Esperienza con altri organizzazioni europee

Dettagli

Cogenerazione Esempi di tecnologie europee

Cogenerazione Esempi di tecnologie europee Cogenerazione Esempi di tecnologie europee Contenuto del documento Il documento presenta alcuni esempi di tecnologie innovative selezionate nella banca dati europea della rete Enterprise Europe Network

Dettagli

POLYCITY Hochschule für Technik Stuttgart Germania, Italia, Spagna

POLYCITY Hochschule für Technik Stuttgart Germania, Italia, Spagna Descrizione POLYCITY Hochschule für Technik Stuttgart Germania, Italia, Spagna Il progetto POLYCITY è incentrato sullo sviluppo sostenibile di tre grandi aree urbane (Ostfildern in Germania, Cerdanyola/Barcellona

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese

Avviso Comune. Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese CONFINDUSTRIA Avviso Comune CGIL CISL UIL Efficienza energetica, opportunità di crescita per il Paese Il contesto Con l accordo europeo 20-20-20 l Italia dovrà raggiungere importanti ed onerosi obiettivi

Dettagli

Base Emission Inventory Comune di Calderara di Reno

Base Emission Inventory Comune di Calderara di Reno Dipartimento di Chimica Industriale «Toso Montanari» UNIVERSITA DI BOLOGNA Base Emission Inventory Comune di Calderara di Reno Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

RICARICANDO IL PIANETA

RICARICANDO IL PIANETA RICARICANDO IL PIANETA UN PENSIERO 100% GREEN La General Building - Energie rinnovabili nasce da un idea che risale al 2000 dell imprenditore Marco Maracci il quale, forte della sua lunga esperienza nel

Dettagli

SPECIALISTI NELLA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI AD ENERGIA RINNOVABILE

SPECIALISTI NELLA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI AD ENERGIA RINNOVABILE SPECIALISTI NELLA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI AD ENERGIA RINNOVABILE s i n c e 2 0 0 7 PROFESSIONISTI NEL SETTORE DELLE ENERGIE RINNOVABILI Solar Geo Tech è nata dall incontro di tecnici e operatori commerciali

Dettagli

Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica

Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica LA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014 2020 Le opportunità dei fondi europei per l efficienza energetica ing. Piergabriele Andreoli Alessandria, 25 Maggio 2015 1 AESS è una associazione no profit per lo sviluppo

Dettagli

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro.

Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Smart Grids. Le reti intelligenti guidano il futuro. Reti intelligenti Reti intelligenti Generalità Una rete elettrica intelligente è in grado di integrare le azioni di tutti gli attori connessi, produttori

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3. ANALISI DELL OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA 3.1 LA CONGIUNTURA ELETTRICA NAZIONALE I dati relativi alla congiuntura elettrica nazionale possono essere ricavati dai seguenti rapporti: > Dati statistici

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

Introduzione. Il Prof. Dott. Martin Viessmann guida l azienda in terza generazione.

Introduzione. Il Prof. Dott. Martin Viessmann guida l azienda in terza generazione. TM/1 Azienda Energia L energia è fondamentale per la vita sul nostro pianeta. Laddove le fonti naturali non sono sufficienti a soddisfare questo bisogno, questo compito spetta all uomo. Questa è la mission

Dettagli

Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica

Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica Percorsi e strumenti finanziari per lo sviluppo degli investimenti in ambito ambientale e dell efficienza energetica per le Imprese Politiche e programmi per promuovere gli investimenti in efficienza energetica

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

Assicurati un futuro radioso! Tecnologia fotovoltaica SANYO. Un investimento per il futuro.

Assicurati un futuro radioso! Tecnologia fotovoltaica SANYO. Un investimento per il futuro. Assicurati un futuro radioso! Tecnologia fotovoltaica SANYO. Un investimento per il futuro. Che cos è la tecnologia fotovoltaica? La tecnologia fotovoltaica è sinonimo di un futuro sicuro e tranquillo!

Dettagli

Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva

Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva Fabio Massimo Esposito (*) Direzione Energia e Industria di Base, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Convegno Annuale FIPER,

Dettagli

ANIMA - 17 luglio 2008 La sostenibilità per le PMI Interventi per il risparmio Energetico

ANIMA - 17 luglio 2008 La sostenibilità per le PMI Interventi per il risparmio Energetico ANIMA - 17 luglio 2008 La sostenibilità per le PMI Interventi per il risparmio Energetico Dott. Angelo Gava Resp.le unità Efficienza Energetica Enel.si AdB impiantistica e franchising Enel S.p.A. Agenda

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi Per la versione elettronica di questo opuscolo, consultare: http://ec.europa.eu/internal_market/publications/docs/sbi-brochure/sbi-brochure-web_it.pdf

Dettagli

Con gli incentivi statali entrare nel mondo del solare termico non è mai stato così conveniente!

Con gli incentivi statali entrare nel mondo del solare termico non è mai stato così conveniente! Con gli incentivi statali entrare nel mondo del solare termico non è mai stato così conveniente! CONTO ENERGIA TERMICO 2014 Una grande novità, con la modalità di accredito che avviene da parte del GSE

Dettagli

La Direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica

La Direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica Indipendenza Energetica e Decarbonizzazione Il ruolo della Cogenerazione nel raggiungimento degli obiettivi 2020 per l Italia Opportunità ed ostacoli La Direttiva 2012/27/UE sull efficienza energetica

Dettagli

ENER.LOC. ENERGIA,ENTI LOCALI E AMBIENTE Sassari, 30 e 31 ottobre 2007

ENER.LOC. ENERGIA,ENTI LOCALI E AMBIENTE Sassari, 30 e 31 ottobre 2007 ENER.LOC ENERGIA,ENTI LOCALI E AMBIENTE Sassari, 30 e 31 ottobre 2007 L aggregazione delle P.A. per l acquisto il risparmio e la valorizzazione sul territorio dell energia Romano Giglioli Dipartimento

Dettagli

Osservazioni e Proposte degli Amici della Terra

Osservazioni e Proposte degli Amici della Terra Amici della Terra - ONLUS Via Ippolito Nievo 62, 00153 Roma Tel. +39 06 687 53 08 / Fax +39 06 683 08 610 www.amicidellaterra.it Osservazioni e Proposte degli Amici della Terra Consultazione sul documento

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

Progetto MARTE/IEE/13/465 Trieste 29 Aprile 2015 Workshop EMILIE

Progetto MARTE/IEE/13/465 Trieste 29 Aprile 2015 Workshop EMILIE Modelli di finanziamento innovativi per investimenti nell efficienza energetica nelle strutture sanitarie Claudia Carani AGENZIA PER L ENERGIA E LO SVILUPPO SOSTENIBILE di Modena Progetto MARTE/IEE/13/465

Dettagli

La Proposta di Direttiva sull efficienza energetica COM(2011) 370 final

La Proposta di Direttiva sull efficienza energetica COM(2011) 370 final La Proposta di Direttiva sull efficienza energetica COM(2011) 370 final Introduzione L'Unione Europea (UE), tramite la strategia Europa 2020, ha adottato obiettivi ambiziosi per il risparmio di energia

Dettagli