Università degli Studi di Trento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Trento"

Transcript

1 Università degli Studi di Trento Progetto Fuoco Le emissioni: quadro generale sulla misura degli inquinanti. Approfondimento sulle attività sperimentali di caratterizzazione delle emissioni 09/07/2009 Prof.sperimentali Paolo Baggio normativa e attività 1

2 Progetto fuoco Limiti di emissione 2

3 Stato attuale in materia di emissioni: TESTO UNICO 152 Il dlgs 152, parte quinta, definisce le norme in materia di tutela dell aria e delle riduzioni delle emissioni in atmosfera. Per tutti gli impianti che producono emissioni in atmosfera deve essere richiesta un autorizzazione. Gli impianti termici civili vengono suddivisi in due categorie (parte quinta,titolo I e titolo II) in base alle soglie di potenza termica nominale stabilita dall art. 269 L art.269, comma 14, definisce inoltre una serie di impianti non sottoposti ad autorizzazione, tra cui: impianti a combustione, compresi i gruppi elettrogeni a cogenerazione, di potenza termica nominale inferiore a 1MW alimentate a biomasse (allegato X), a gasolio come tale o in emulsione, a biodisel Quindi gli impianti di cui ci occupiamo non necessitano di autorizzazione!!! 3

4 Stato attuale: TESTO UNICO 152 Gli allegati alla parte V del testo unico stabiliscono i limiti delle concentrazioni da rispettare in base alla taglia, al tipo di combustibile utilizzato e alla finalità dell impianto. Per gli impianti termici che utilizzano biomasse (le cui caratteristiche devono rientrare nelle disposizioni dell allegato X alla parte quinta) devono rispettare i seguenti valori di emissioni, riferiti ad un ora di funzionamento dell impianto nelle condizioni più gravose. I valori sono riferiti ad un tenore dell 11% di ossigeno 0.035MW 4

5 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE Requisiti tecnici per gli impianti di cui al Titolo II del Dlgs 152/2006, ovvero impianti termici civili non soggetti ad autorizzazione (Articolo 294 e Allegato IX alla parte quinta). Potenza termica nominale per singolo focolare (MW) >1,16 Misura in continuo della temperatura dei fumi [1]. OBBLIGATORIO Misura della pressione in camera combustione ed alla base del camino. OBBLIGATORIO di Misura in continuo in camera combustione (T, CO, O2). >1,50 >2,30 OBBLIGATORIO Misura in continuo sulle emissioni di: CO, CO2 (CO+H2)[2]. OBBLIGATORIO [1] L apparecchiatura deve essere comunque installata in tutti gli impianti. [2] Le apparecchiature devono comunque essere installate su tutti gli impianti di potenzialità superiore a 1,16 MW. In alternativa alla concentrazione di CO ed H2 può essere adottato un misuratore dell ossigen in eccesso o anche un misuratore dell opacità dai fumi. 5

6 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE Parte quinta del Dlgs 152/2006: limiti di emissione per la conversione energetica di biomasse combustibili. Potenza termica nominale complessiva installata (MW) Inquinanti Polveri totali Carbonio (COT) organico totale Monossido di carbonio (CO) Ossidi di azoto come NO2) (espressi Ossidi di zolfo (espressi come SO2) (1) >0,15 3 >3 6 > 6 20 > 20 mg/nm3 (2) mg/nm3 (2) mg/nm3 (2) mg/nm3 (2) (3) (3) (3) (3) (3) (3) I limiti sono riferiti ad un ora di funzionamento a regime dell impianto. Il tenore di ossigeno di riferimento è l 11% in volume nell effluente gassoso anidro. (1) Agli impianti di potenza termica nominale complessiva pari o superiore a MW e non superiori a 0.15 MW si applica un valore limite di emissione per le polveri totali di 200 mg/nm3. (2) I valori limite sono riferiti al volume di effluente gassoso secco rapportato alle condizioni normali: 0 C e 0,1013 Mpa. (3) Valori medi giornalieri 6

7 Stato attuale: TESTO UNICO 152 Quindi, la legge italiana, per gli impianti termici funzionanti a biomassa, con una potenza termica nominale tra i 35 e 150 KW pone dei limiti di emissione solamente sulle poveri totali. Impianti compresi tra MW emissione sulle polveri totali < 200mg/Nm3 I piccoli impianti con potenza termica nominale inferiore ai 35kW non vengono ancora considerati dalla normativa italiana Andiamo allora a vedere cosa succede sul panorama europeo 7

8 Quadro di Riferimento delle Normative Europee UNI EN (2008) Bruciatori a pellet per piccole caldaie da riscaldamento. Definizioni, requisiti, metodi di prova e marcatura. UNI EN (2007) Apparecchi a lento rilascio di calore alimentato da combustibili solidi. Requisiti e metodi di prova.. UNI EN (2006) Stufe a combustibile solido. Requisiti e metodi di prova. UNI EN (2006) Inserti e caminetti aperti alimentati a combustibile solido. Requisiti e metodi di prova. UNI EN (2006) Apparecchi per il riscaldamento domestico alimentati con pellet di legno. Requisiti e Metodi di Prova. UNI EN (2006)Impianti di riscaldamento ad acqua calda- Requisiti e metodi di sicurezza. Parte2 :Requisiti specifici per impianti con apparecchi per il riscaldamento a combustibile solido, con caldaia incorporata, con potenza non maggiore di 35kW. UNI EN (2006) Termocucine a combustibili solidi. Requisiti e metodi di prova. UNI EN (2004) Caldaie domestiche indipendenti a combustibile solido. Potenza termica nominale non superiore a 50 kw. Requisiti e metodi di prova. UNI EN (2004) Caldaia per riscaldamento: caldaie per combustibili solidi con alimentazione manuale e automatica, con una potenza nominale fino a 300kW. 8

9 Limiti di emissione nelle Normative Europee Sono presenti solamente i limiti sulle emissioni di monossido di carbonio (CO) UNI EN (2006) Stufe a combustibile solido. UNI EN (2006) Termocucine a combustibili solidi. UNI EN (2006) Inserti e caminetti aperti alimentati a combustibile solido. UNI EN (2004) Caldaie domestiche indipendenti a combustibile solido. Potenza termica nominale non superiore a 50 kw. Le misure vanno effettuate a potenza termica nominale dell'impianto, la concentrazione media di monossido di carbonio nei fumi, riferita ad un tenore di ossigeno del 13% (O2), deve essere minore o uguale al valore dichiarato dal fabbricante e non deve comunque essere maggiore del 1,0% NOTA: UNI EN (2006), nel caso di inserti Kachelofen o Putzofen il limite di CO non deve essere maggiore dello 0,2%, riferito ad un tenore di ossigeno nei fumi del 13%) 9

10 Limiti di emissione nelle Normative Europee Sono presenti solamente i limiti sulle emissioni di monossido di carbonio (CO) UNI EN (2007) Apparecchi a lento rilascio di calore alimentato da combustibili solidi. Le misure vanno effettuate a potenza termica nominale dell'impianto, la concentrazione media di monossido di carbonio nei fumi, riferita ad un tenore di ossigeno del 13% (O2), deve essere minore o uguale al valore dichiarato dal fabbricante e non deve comunque essere maggiore dello 0,3% UNI EN (2006) Apparecchi per il riscaldamento domestico alimentati con pellet di legno. Le misure vanno effettuate a potenza termica nominale dell'impianto e con una prova a combustione lenta o ridotta. La concentrazione media di monossido di carbonio nei fumi, riferita ad un tenore di ossigeno del 13% (O2) e calcolata come media di due prove successive, non deve essere superiore a 0,04% (500 mg/m3) nelle prove effettuate a potenza nominale e 0,06 % (750 mg/m3) nelle prove a combustione lenta. 10

11 Limiti di emissione nelle Normative Europee UNI EN (2008) Bruciatori a pellet per piccole caldaie da riscaldamento. 11

12 Limiti di emissione nelle Normative Europee UNI EN (2004) Caldaia per riscaldamento: caldaie per combustibili solidi con alimentazione manuale e automatica, con una potenza nominale fino a 300kW. 12

13 Limiti di emissione nelle Normative Europee UNI EN (2004) Caldaia per riscaldamento: caldaie per combustibili solidi con alimentazione manuale e automatica, con una potenza nominale fino a 300kW. Deviazioni dall'austria: 13

14 Limiti di emissione nelle Normative Europee UNI EN (2004) Caldaia per riscaldamento: caldaie per combustibili solidi con alimentazione manuale e automatica, con una potenza nominale fino a 300kW. Deviazioni dalla Svizzera: 14

15 Limiti di emissione nelle Normative Europee UNI EN (2004) Caldaia per riscaldamento: caldaie per combustibili solidi con alimentazione manuale e automatica, con una potenza nominale fino a 300kW. Deviazioni dalla Germania: 15

16 Limiti di emissione nelle Normative Europee Metodologie di calcolo: Il contenuto di CO deve essere calcolato nel modo seguente: 1. il contenuto medio di monossido di carbonio (COavg) deve essere calcolato come media di tutti i dati di CO rilevati dalle letture degli strumenti durante il periodo di prova. 2. Il contenuto medio di monossido di carbonio (CO) deve essere poi riferito a condizioni normalizzate di contenuto di ossigeno in conformità con una delle seguenti equazioni: 16

17 Limiti di emissione nelle Normative Europee Metodologie di calcolo: Il valore medio in parti per volume (ppm) è convertito in valore in massa (mg). Si dovrebbero utilizzare i seguenti fattori di conversione f da ppm a mg: fco = 1,25 fogc = 1,64 (se il gas di riferimento è il propano) fno2 = 2,05 È necessario determinare la frazione di incombusti gassosi organici sotto forma di carbonio a legame organico (OGC) nei prodotti della combustione secchi. L'ossido di azoto (NOx) è determinato come NO2. Tutte le emissioni sono calcolate in riferimento ai fumi secchi alla % di ossigeno di riferimento della norma e in condizioni normalizzate (mg/m3) a 0 C e mbar. 17

18 Progetto fuoco Misura delle emissioni 18

19 Stato attuale in materia di misure delle emissioni: TESTO UNICO 152/2006 Gli allegati alla parte V del testo unico stabiliscono i Metodi di campionamento, analisi e valutazione delle emissioni 1) Per il campionamento, l'analisi e la valutazione delle emissioni previste dalle sezioni precedenti si applicano i metodi contenuti nelle seguenti norme tecniche e nei relativi aggiornamenti: UNI EN :2003 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa di polveri in basse concentrazioni - Metodo manuale gravimetrico. UNI 9970:1992 Misure alle emissioni. Determinazione degli ossidi di azoto in flussi gassosi convogliati. Metodo all'acido fenoldisolfonico. UNI EN 15058:2006 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa di monossido di carbonio (CO) - Metodo di riferimento: spettrometria a infrarossi non dispersiva UNI 10393:1995 Misure alle emissioni. Determinazione del biossido di zolfo nei flussi gassosi convogliati. Metodo strumentale con campionamento estrattivo diretto. UNI EN 12619:2002 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa del carbonio organico totale in forma gassosa a basse concentrazioni in effluenti gassosi - Metodo in continuo con rivelatore a ionizzazione di fiamma UNI EN 13526:2002 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa del carbonio organico totale in forma gassosa in effluenti gassosi provenienti da processi che utilizzano solventi - Metodo in continuo con rivelatore a ionizzazione di fiamma UNI EN :2000 Emissioni da fonte fissa - Metodi manuali per la determinazione dell'hcl 19

20 Stato attuale in materia di misure delle emissioni: TESTO UNICO 152/2006 Gli allegati alla parte V del testo unico stabiliscono i Metodi di campionamento, analisi e valutazione delle emissioni 2) Per la determinazione delle concentrazioni delle polveri, le norme tecniche di cui al punto 1 non si applicano nelle parti relative ai punti di prelievo. 3) per la determinazione delle concentrazioni di ossido di azoto, monossido di carbonio, ossidi di zolfo e carbonio organico totale, è consentito anche l'utilizzo di strumenti di misura di tipo elettrochimico. 4) Per gli impianti di cui alla sezione II (impianti che utilizzano biomasse) o alla sessione III (impianti che utilizzano biogas), in esercizio ala data di entrata in vigore del presente decreto, possono essere utilizzati i metodi in uso ai sensi della normativa previgente. 20

21 Metodi di campionamento nelle norme UNI EN UNI EN :2003 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa di polveri in basse concentrazioni - Metodo manuale gravimetrico. Metodo gravimetrico: Il principio del metodo di campionamento consiste nell aspirare aria ad un flusso costante attraverso un sistema di ingresso dotato di potrafiltro e relativi filtri, in cui il materiale particellare sospeso (le polveri) vengono raccolte su filtri, condizionati e pesati precedentemente. Il valore della concentrazione di polveri è dato dalla determinazione della massa gravimetrica, ricavata dalla differenza tra il peso iniziale del filtro bianco e di quello campionato, divisa per il volume normalizzato. I filtri da utilizzare devono essere conformi a requisiti minimi garantiti dal produttore ( efficienza del filtro piano maggiore del 99,5% su un aerosol di prova con un diametro medio delle particelle di 0,3 um, alla portata massima prevista; il materiale del filtro non deve assorbire o reagire con i composti gassosi contenuti nel gas da campionare; i filtri devono rimanere stabili alla massima temperatura di campionamento prevista). Per i campionamenti di emissioni dalla combustione della legna si consiglia l'utilizzo di filtri in fibra di quarzo (sono da evitare i filtri in fibra di vetro che possono reagire con i composti acidi come SO3 che portano ad un aumento del peso). Anche i filtri in PTFE si sono dimostrati efficiente, sebbene la temperatura massima consentita del gas che passa attraverso il filtro non deve essere maggiore di 230 C. 21

22 Metodi di campionamento nelle norme UNI EN UNI EN :2003 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa di polveri in basse concentrazioni - Metodo manuale gravimetrico. Definizione: CAMPIONAMENTO ISOCINETICO Campionamento a una portata tale che la velocità VN e la direzione del gas che entra nell'ugello di campionamento sono le stesse della velocità Va e della direzione del gas nel condotto al punto di campionamento 22

23 Metodi di campionamento nelle norme UNI EN UNI EN :2003 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa di polveri in basse concentrazioni - Metodo manuale gravimetrico. Definizione: DIAMETRO IDRAULICO Dimensione caratteristica della sezione trasversale di un condotto definita da: Si consiglia di posizionare il piano di campionamento nelle sezioni di condotto verticali con almeno 5 dh di condotto diritto a monte del piano di campionamento e 2 dh a valle. Nel caso si sia in prossimità dell'uscita del condotto in atmosfera il piano di campionamento deve essere posizionato ad una distanza di 5 dh dall'uscita. 23

24 Metodi di campionamento nelle norme UNI EN UNI EN :2003 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa di polveri in basse concentrazioni - Metodo manuale gravimetrico. 24

25 Metodi di campionamento nelle norme UNI EN UNI EN :2003 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa di polveri in basse concentrazioni - Metodo manuale gravimetrico. 25

26 Metodi di campionamento nelle norme UNI EN UNI EN :2003 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa di polveri in basse concentrazioni - Metodo manuale gravimetrico. 26

27 Metodi di campionamento nelle norme UNI EN UNI 9970:1992 Misure alle emissioni. Determinazione degli ossidi di azoto in flussi gassosi convogliati. Metodo all'acido fenoldisolfonico. La presente norma descrive un metodo colorimetrico all'acido fenoldisolfonico per la determinazione degli ossidi di azoto (NOx) escluso il protossido di azoto (N2O), presenti nei flussi gassosi. Il metodo è applicabile per concentrazioni espresse come NO2, comprese tra 30 e 1000 mg/m3. Il metodo prevede istantaneo del gas. un campionamento Il campione viene introdotto in un pallone sotto vuoto (apparecchio 5.2) contenente una soluzione di acqua ossigenata in acido solforico diluito. Gli ossidi di azoto sono trasformati in acido nitrico dalla soluzione assorbente e lo ione nitrato viene poi fatto reagire con l'acido fenoldisolfonico ottenendo un composto di colore giallo misurato per via colorimetrica nell'intorno dei 410 nm. La concentrazione degli NOx nel campione si determina con la curva di taratura ottenuta per mezzo di campioni a contenuto noto di nitrati. 27

28 Metodi di campionamento nelle norme UNI EN UNI EN 15058:2006 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa di monossido di carbonio (CO) - Metodo di riferimento: spettrometria a infrarossi non dispersiva La presente norma descrive la tecnica analitica a infrarossi non dispersiva (NDIR) per il campionamento e la determinazione del contenuto di monossido di carbonio nelle emissioni in atmosfera provenienti da condotti e camini. Il sistema NDIR è composto da una lampada IR che produce la radiazione che attraversa la camera di misura, il CO presente nel gas è in grado di assorbite la radiazione infrarossa (λco = 4 4,5 um), la misura dell'attenuazione di luce infrarossa nella camera di misura, in accordo con la legge di Lambert-Beer, permette di ricavare il valore della concentrazione di monossido di carbonio presente nel gas campionato. Questo sistema di misura viene consigliato per la misura di CO e CO2. 28

29 Metodi di campionamento nelle norme UNI EN UNI EN 12619:2002 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa del carbonio organico totale in forma gassosa a basse concentrazioni in effluenti gassosi - Metodo in continuo con rivelatore a ionizzazione di fiamma UNI EN 13526:2002 Emissioni da sorgente fissa - Determinazione della concentrazione in massa del carbonio organico totale in forma gassosa in effluenti gassosi provenienti da processi che utilizzano solventi - Metodo in continuo con rivelatore a ionizzazione di fiamma Le due norme specificano una serie di requisiti prestazionali minimi per uno strumento che utilizza la rilevazione ad ionizzazione di fiamma, unitamente ai procedimenti per la taratura e il funzionamento dello stesso, per la misura della concentrazione in massa del carbonio organico totale il forma gassosa (TOC) in emissioni di combustione da sorgente fissa. Il principio di misurazione è la determinazione di una corrente di ionizzazione risultante dalla combustione di composti organici in una fiamma ad idrogeno. Tale corrente dipende dal numero di atomi di carbonio dei composti organici che bruciano nella fiamma del gas combustibile, dalla forma del legame (catena lineare o ramificata) e dagli eteroatomi di legame. Il fattore di risposta è una funzione della progettazione specifica del rivelatore e delle condizioni operative regolate. Il vantaggio principale del FID è che esso risponde fortemente ai composti contenenti carbonio organico e in misura minore ai composti inorganici degli effluenti gassosi (come CO, CO2, NO, H2O). I FID richiedono un gas combustibile e aria di combustione. 29

30 Metodi di campionamento nelle norme UNI EN 30

31 Metodi di campionamento 152/2006 DL 152/2006: per la determinazione delle concentrazioni di ossido di azoto, monossido di carbonio, ossidi di zolfo e carbonio organico totale, è consentito anche l'utilizzo di strumenti di misura di tipo elettrochimico. Gli analizzatori a celle elettrochimiche si basano sul principio del diverso potenziale di riduzione delle diverse specie gassose. L'inconveniente delle celle elettrochimiche è il fatto che tendono a decalibrarsi; vanno quindi previste calibrazioni periodiche con bombole di riferimento e un calendario di manutenzione per la sostituzione delle celle starate. I vantaggi sono l'uilizzo di un unico strumento per la misura delle specie gassose previste dal D.L 152/2006 e il costo relativamente contenuto della strumentazione per l'analisi di gas dalla combustione della legna 31

32 Progetto fuoco Approfondimenti sperimentali 32

33 Attività sperimentali ATTIVITÀ SPERIMENTALI SVOLTE DAL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE DELL'UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO 1) campagna sperimentale per caratterizzazione granulometrica del particolato emesso dalla combustione della legna da una caldaia a legna a fiamma rovesciata. Sistema sperimentale: strumento conta-particelle e sistema di diluizione a freddo per il campionamento del materiale particolato (PM). 2) campagne sperimentali per caratterizzazione dei gas emessi dalla combustione della legna da una caldaia a legna a fiamma rovesciata. Sistema sperimentale: strumenti a celle elettrochimiche per la misura delle concentrazioni di O2, CO, NO e SO2; strumento con sensori all'infrarosso (NDIR) per la misura di CO2 e CH4; gascromatografo per la misura di CO2, O2, N2, CH4, C2H2, C2H4, C2H6, H2, CO. 33

34 Approfondimenti sperimentali IMPIANTO PILOTA Caldaia a fiamma rovesciata con potenzialità termica compresa tra 11 kw e 25.9 kw. Serbatoio di accumulo. Termoconvettore in grado di dissipare il calore prodotto. Pompe per la circolazione del fluido, strumentazione di controllo ed dispositivi di sicurezza. 34

35 Campionamento polveri Strumentazione utilizzata Strumento conta-particelle: (modello GRIMM) misure di concentrazioni in massa o numero di particelle; 15 classi granulometriche ( range 0.23 e i 30 µm). Problematiche del campionamento: abbassare la temperatura dei fumi per poterli campionare con il conta-particelle; evitare la formazione di condense nella linea di prelievo. Soluzione operativa: allestimento di un sistema di diluizione con aria secca a temperatura ambiente ( sistema di diluizione a freddo ). 35

36 Campionamento polveri Sistema di diluizione a freddo 2 flussimetri (red-y) misura flussi Termocoppie k misure temperatura gel di silice aria di diluizione secca filtro aria di diluizione epurata dal particolato atmosferico 36

37 Campionamento polveri Misure di polveri totali (campionamento sperimentale) e confronto con DL 152/2006 e norme UNI EN NB le misure a regime, sono state effettuate quando si è raggiunta una fase di combustione costante; l'ultima misura è riferita a tutta la prova effettuata (sono comprese le fasi di combustione non costante). Il metodo di campionamento non è secondo normativa 37

38 Campionamento Gas Strumentazione utilizzata Analizzatore di combustione (modello MSI Compact - Dragër) misura T aria, T fumi celle elettrochimiche: misura O2, CO, NO, SO2 Analizzatore di combustione (modello MaMos200 - TCR Tecora) sensori infrarosso (NDIR): misura CO2 e CH4. Gascromatografo (modello Agilent3000) gascromatografo: misura CO2, O2, N2, CH4, C2H2, C2H4, C2H6, H2, CO. Termocoppie K: caratterizzazione del profilo di temperatura in camera di combustione, temperatura fumi al camino e temperatura della legna in camera id combustione. 38

39 Campionamento Gas Profilo di temperatura registrato da una termocoppie installata in camera di combustione 39

40 Campionamento Gas Profilo di temperatura registrato da una termocoppia installata all'interno di un ciocco di legna 40

41 Campionamento Gas Misura dei gas al camino Misura dei gas al camino - celle elettrochimiche Misura dei gas al camino gascromatografo 41

42 Campionamento Gas Considerazioni generali sulla combustione Analizzando le concentrazioni misurate di CO e NO in funzione della temperatura dei fumi si nota come, in caso di alte temperature ai fumi si ha un abbassamento delle concentrazione di CO e un aumento delle concentrazioni di NO. I due fenomeni presentano un andamento opposto in funzione della temperature. Questo fatto deve quindi spingere il progettista a cercare il giusto compromesso per minimizzare la produzione di CO e NOx. 42

43 Campionamento Gas Misura dei gas al camino confronto normativa UNI EN NB I limiti di emissione previsti nelle norme UNI sono da riferirsi UNI EN303-5 caldaie con potenza termica nominale fino a 300 kw UNI EN303-5 (Svizzera) caldaie con potenza termica nominale minore di 70 kw UNI EN303-5 (Germania) caldaie con potenza termica nominale maggiore di 15 kw UNI EN caldaie con potenza termica nominale minore di 50 kwuni EN

44 44

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato Uniformare gli strumenti e i sistemi di monitoraggio della qualità dell aria. Potenziare le misure di tutela (es. Piani

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW

Banco Prova Caldaie. per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW Banco Prova Caldaie per generatori di energia termica avente una potenza nominale inferiore a 100kW 1 Generalità Il banco prova caldaie attualmente disponibile presso il nostro Laboratorio è stato realizzato

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Oggetto: AUTORIZZAZIONE DI CARATTERE GENERALE PER LE EMISSIONI IN ATMOSFERA PROVENIENTI

Dettagli

Misure di polveri su caldaia a legna ad uso domestico

Misure di polveri su caldaia a legna ad uso domestico PM2008 3 Convegno Nazionale sul Particolato Atmosferico Bari, 6-8 Ottobre 2008 Misure di polveri su caldaia a legna ad uso domestico G. Antonacci(1), A. Cemin(1), D. Antolini(2), M. Ragazzi(2), I. Todeschini(1),

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

ALLEGATO 2 - REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI IMPIANTI

ALLEGATO 2 - REQUISITI TECNICI MINIMI DEGLI IMPIANTI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI NUCLEI FAMILIARI PER L INSTALLAZIONE NELLA PRIMA CASA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA DA FONTI RINNOVABILI E DI SISTEMI AD ALTA EFFICIENZA

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 Analisi sugli effluenti in uscita dal combustore biogas Servizio di gestione operativa del sistema di smaltimento RSU dell ex bacino

Dettagli

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt)

1 Articolo 20 dell ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e delle comunicazioni DATEC Ufficio federale dell ambiente UFAM Protezione dell aria e prodotti chimici N. registrazione/dossier: M143-0633

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Sessione 1 Biogas, Biomassa: La filiera della legna per il riscaldamento domestico: dal bosco al caminetto Ing. Roberta ROBERTO - Ricercatrice

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Caldaie, stufe e termocamini alimentati a Biomasse

Caldaie, stufe e termocamini alimentati a Biomasse Caldaie, stufe e termocamini alimentati a Biomasse Le caratteristiche tecniche richieste per ottenere il conto termico. Antonietta Serra, responsabile sezione Termotecnica presso Istituto Giordano Spa

Dettagli

Tabella 1 - Coefficienti di prestazione minimi per pompe di calore elettriche. Bulbo secco all entrata: -7 (*) 2,7 (*)

Tabella 1 - Coefficienti di prestazione minimi per pompe di calore elettriche. Bulbo secco all entrata: -7 (*) 2,7 (*) ALLEGATO II - Criteri di ammissibilità e calcolo degli incentivi per gli interventi di produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed incremento dell efficienza energetica 1. Criteri di ammissibilità

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici sopra i 232 kw Ing. Diego Danieli Libero Professionista

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomasse: dal bosco il riscaldamento sempre più ecologico e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Incontro

Dettagli

Impianto civile con potenzialità inferiore a 35 KW. Impianto civile con potenzialità maggiore di 35 KW

Impianto civile con potenzialità inferiore a 35 KW. Impianto civile con potenzialità maggiore di 35 KW SUNTO LEGISLATIVO Impianto civile con potenzialità inferiore a 35 KW VALORI MISURATI E CALCOLATI OGNI DUE ANNI Temperatura aria comburente - Temperatura fumi - Rendimento - Ossigeno - Monossido di carbonio

Dettagli

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico

Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile. Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico Biomassa legnosa locale per un riscaldamento moderno e sostenibile Termocucine e termostufe sempre più efficienti per l utilizzo domestico a cura dell ing. Roberto Degiampietro Rizzoli S.r.l. Seminario

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 7 ELCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Apparecchi a lento rilascio di calore alimentati a combustibili solidi Sicurezza della temperatura 15250:2007 Apparecchi aventi bruciatori a gas, gasolio

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA ALL'ATTIVITA' DI RIPARAZIONE E VERNICIATURA DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI, MEZZI E MACCHINE AGRICOLE CON

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico

Ordinanza contro l inquinamento atmosferico Ordinanza contro l inquinamento atmosferico (OIAt) Modifica del 23 giugno 2004 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 16 dicembre 1985 1 contro l inquinamento atmosferico è modificata

Dettagli

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA.

Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01. Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Deliberazione n. VII/6501 Seduta del 19/10/01 Allegato C) CRITERI E LIMITI DI EMISSIONI PER GLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA. Finalità Fissare i limiti di emissione ed i criteri per le autorizzazione

Dettagli

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Il Progetto MetA La Metrologia dell Ambiente Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Ing. Agostino Viola Università degli Studi di Cassino Facoltà di ingegneria DiMSAT

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

ALLEGATO IX - Impianti termici civili

ALLEGATO IX - Impianti termici civili Riferimento: Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale (Entrata in vigore del decreto: 29-4-2006) (succ. modificato dal d.lgs 29 giugno 2010 n. 128).. (omissis). ALLEGATO IX

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE

TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE Progetto strategico n.iii Renerfor Conferenza finale Aosta 9 maggio 2013 TECNOLOGIE PER LA CONVERSIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE LEGNOSE Roberta ROBERTO ENEA Unità Tecnica Tecnologie Saluggia Conversione

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing.

ENERGIA DA BIOMASSA. sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011. Ing. Francesco Gallucci. Ing. ENERGIA DA BIOMASSA sistemi di combustione e problematiche connesse Bologna 11 novembre 2011 Ing. Francesco Gallucci CRA-ING Monterotondo (RM) Ing. Fulvio Palmieri DIMI ROMA TRE Per informazioni, francesco.gallucci@entecra.it

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

Stufe, caminetti, caldaie a biomassa: panoramica sulle prestazioni, legislazioni vigenti e sistemi incentivanti

Stufe, caminetti, caldaie a biomassa: panoramica sulle prestazioni, legislazioni vigenti e sistemi incentivanti Stufe, caminetti, caldaie a biomassa: panoramica sulle prestazioni, legislazioni vigenti e sistemi incentivanti 1 Forte evoluzione europea del settore Legislazioni e marchi qualità nazionali BImSchV Stufe

Dettagli

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Serata informativa L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Puoi rivolgerti allo Sportello Energia per ottenere informazioni su aspetti tecnici, economici e normativi in materia

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

ASPETTI TECNOLOGICI ED ECONOMICI DELLA COGENERAZIONE

ASPETTI TECNOLOGICI ED ECONOMICI DELLA COGENERAZIONE ASPETTI TECNOLOGICI ED ECONOMICI DELLA COGENERAZIONE AD OLIO VEGETALE ing. Giorgio Zaffani Movendi s.r.l. (VR) Ancona 7 Aprile 2010 1 Impianti i di cogenerazione ad olio vegetale Movendi s.r.l. Via L.

Dettagli

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06

OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D. Lgs 152/06 OGGETTO: Impianti termici civili Adempimenti previsti dal D Lgs 152/06 Premessa Il DLgs 152/06, emanato dal precedente Governo con l'intento di essere il Testo Unico dell'ambiente ha introdotto diverse

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITENIO DI TORINO ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Prima sessione ANNO 009 Settore INDUSTRIALE - lasse 33/S Ingegneria Energetica e nucleare Terza prova (prova pratica

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Normativa ErP ed Etichettatura Energetica

Normativa ErP ed Etichettatura Energetica 4 5 6 Che cosa succede? Quali sono i prodotti coinvolti nelle normative? Cosa prescrivono le normative? Quali sono gli obblighi e per chi? Cosa cambia concretamente? Cosa farà SIME? Normativa ErP ed Etichettatura

Dettagli

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC UNI 10389-1 le novità sulle analisi di combustione di caldaie a gas Cosa

Dettagli

I generatori a biomassa per riscaldamento domestico: aspetti normativi, economici, ecologici, requisiti e standard di qualità

I generatori a biomassa per riscaldamento domestico: aspetti normativi, economici, ecologici, requisiti e standard di qualità C.R. ENEA di Santa Teresa, Lerici (SP), 29 maggio 2007 I generatori a biomassa per riscaldamento domestico: aspetti normativi, economici, ecologici, requisiti e standard di qualità Ing. Roberta ROBERTO,

Dettagli

Il nuovo Conto Termico

Il nuovo Conto Termico FORLENER 2015 PELLET DAY I mercati del pellet Aspetti tecnici e filiere alternative Gli incentivi Il nuovo Conto Termico Gli incentivi Antonio Panvini LINGOTTO FIERE TORINO Sala Verde Sabato 26 settembre

Dettagli

Emissioni in atmosfera

Emissioni in atmosfera Seminario Il Testo Unico Ambientale D. Lgs n. 152/06 alla luce delle modifiche apportate dai recenti correttivi D. Lgs n. 128/10, D. Lgs n. 205/10, D. Lgs n. 219/10 Emissioni in atmosfera La parte V del

Dettagli

Area Funzionale Ambiente Servizio Emissioni in Atmosfera

Area Funzionale Ambiente Servizio Emissioni in Atmosfera Autorizzazioni generali: modifiche dei provvedimenti adottati e presentazione dei nuovi provvedimenti per le emissioni diffuse di materiali polverulenti e dei rinnovi per gli impianti di combustione Area

Dettagli

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony attività - studi & ricerche ssc Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097 S. Donato Milanese (MI) tel +39 02 516041; fax

Dettagli

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde

Menz & Gasser Spa. Tri-generazione, energia verde Menz & Gasser Spa Tri-generazione, energia verde Relazione del: 04/12/2015 1 1974-2015: 41 anni a Novaledo 2004 2016: 85 milioni di Euro di investimenti 2 Relazione del: 04/12/2015 Collaboratori & Fatturato

Dettagli

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE

2) PRESCRIZIONI DI CARATTERE TECNICO COSTRUTTIVO E GESTIONALE 4.1) Requisiti tecnico costruttivi e gestionali degli impianti di verniciatura di oggetti vari in metalli o vetro con utilizzo complessivo di prodotti vernicianti pronti all uso non superiore a 50 kg/g

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 26:1999 31/07/1999 Apparecchi a gas per la produzione istantanea di acqua calda per uso sanitario equipaggiati con bruciatore atmosferico UNI EN 88:1993/A1:1997 30/11/1997 Regolatori di pressione

Dettagli

SOSTENIBILITA AMBIENTALE

SOSTENIBILITA AMBIENTALE ESIGENZA PRESTAZIONE RICHIESTA Gruppi termici ad alta efficienza. Controllare il corretto funzionamento del gruppo termico, al fine di garantire un processo di combustione normale e l espulsione di fumi

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III...

TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III... TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE Allegato n. 8 SOMMARIO TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III...1 MATERIE

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

Gruppo UNICALOR caminetti e stufe a biomassa legnosa. Conto Energia Termico Il settore degli apparecchi a legna e pellets

Gruppo UNICALOR caminetti e stufe a biomassa legnosa. Conto Energia Termico Il settore degli apparecchi a legna e pellets Gruppo UNICALOR caminetti e stufe a biomassa legnosa Conto Energia Termico Il settore degli apparecchi a legna e pellets Milano, 10 Gennaio 2012 Cos è il Conto Termico? Un decreto Legislativo che è entrato

Dettagli

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Disposizioni regionali Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Regione Lombardia Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del Servizio Energia IMPIANTI NUOVI IMPIANTI

Dettagli

Allegato II Metodologia di calcolo degli incentivi

Allegato II Metodologia di calcolo degli incentivi Allegato II Metodologia di calcolo degli incentivi 1. Metodologia di calcolo per interventi di piccole dimensioni di incremento dell efficienza energetica di cui all articolo 4, comma 1 1.1 Per gli interventi

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 "AL TETTO"

D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 Art. 5 Comma 9 AL TETTO TESTO COORDINATO D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 - "Regolamento recante norme per la progettazione, l'installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento

Dettagli

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA DA REALIZZARSI IN COMUNE DI VATTARO (TN) Massimo Cerani www.energ-etica.eu QUADRO PROGETTUALE La scelta di adottare tale tipologia impiantistica

Dettagli

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA

LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA San Giovanni in Persiceto, 11 giugno 2014 Studio Tecnico Co.Pro.Ri LA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIQUALIFICAZIONE IMPIANTISTICA RIFERIMENTI NORMATIVI DETRAZIONI FISCALI 65% Legge 296/2006 e ss.mm.

Dettagli

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound RTO per SOV alogenate Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound Sede Legale e Unità Operativa: p.zza Vittorio Veneto 8 20013 MAGENTA (MI) ITALY tel. 02 9790466 02 9790364 fax 02 97297483 E-mail:

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO A BIOMASSA

LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO A BIOMASSA Ing Gianluca Farina Sistemi di produzione e distribuzione del calore LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI RISCALDAMENTO A BIOMASSA Le principali tipologie di caldaie per la combustione di biomasse per il riscaldamento

Dettagli

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa ETA Info... il mio sistema di riscaldamento LE CANNE FUMARIE Normative di riferimento per una corretta realizzazione e manutenzione dei sistemi fumari al servizio di caldaie a Biomassa La passione per

Dettagli

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Il gas fuoriuscente da un motore Diesel viene convogliato nel primo stadio del convertitore catalitico, dove si ha l ossidazione del monossido

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ)

30-lug-15. RENDINA Ambiente Srl STRADA VICINALE MONTELUNGO - ZONA INDUSTRIALE SAN NICOLA di MELFI (PZ) Rapporto di prova n Descrizione Accettazione Data Inizio prove Impianto: Emissioni gassose 150599 18-giu-15 Data fine prove 30-lug-15 Pagina 1\7 Spettabile: AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL'AMBIENTE

Dettagli

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI -

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - A. INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE COMPLESSIVA DELL EDIFICIO...2 A) VALORI LIMITE...2 B) COSTI AMMISSIBILI...3 C) CONTENUTO DELL ASSEVERAZIONE...3 B. INTERVENTI SU STRUTTURE

Dettagli

Stato dell arte dei generatori a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali

Stato dell arte dei generatori a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali Stato dell arte dei a biomasse: prestazioni energetiche e ambientali Aktueller Stand der Technik bei Biomasse zu Stromgeneratoren: energetische und umweltrelevante Leistungsmerkmale Andrea Gasparella Bolzano,

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

Le emissioni dalla combustione della legna in piccoli impianti domestici e la qualità dell aria Le politiche a scala di bacino padano

Le emissioni dalla combustione della legna in piccoli impianti domestici e la qualità dell aria Le politiche a scala di bacino padano Le emissioni dalla combustione della legna in piccoli impianti domestici e la qualità dell aria Le politiche a scala di bacino padano Adriano Mussinatto MILANO, 23 maggio 2011 Panoramica sulle iniziative

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

Originale Ordinanza Sindacale

Originale Ordinanza Sindacale Originale Ordinanza Sindacale N. 13 data 10/03/2014 Classifica VI.9 Oggetto: PROVVEDIMENTI CONTINGENTI 2013-2014 PER LA RIDUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE DEGLI INQUINANTI NELL'AREA AMBIENTE DI CUI ALLA DELIBERAZIONE

Dettagli

REQUISITI TECNICI E MODALITA DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO

REQUISITI TECNICI E MODALITA DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO REQUISITI TECNICI E MODALITA DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO 1 TABELLA 1 Tipo di intervento Requisiti tecnici (1) Pn

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

LE CANNE FUMARIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE, L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE

LE CANNE FUMARIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE, L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE LE CANNE FUMARIE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE, L INSTALLAZIONE E LA MANUTENZIONE OTTOBRE 2014 Questo manuale di progettazione, installazione e manutenzione degli impianti si prefigge lo scopo di fornire

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3)

Relazione Tecnica. Allegato n 1. Valutazione Impatto Ambientale CENTRALE DI COGENERAZIONE. IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE DEL CHP3 (Camino n 3) Relazione Tecnica Allegato n 1 Valutazione Impatto Ambientale Impianto IPPC SEDAMYL S.p.A. AIA n.1018 del 12/10/2007 in fase di rinnovo Comune SALUZZO CENTRALE DI COGENERAZIONE IMPIANTO DI POST COMBUSTIONE

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Oggetto: AUTORIZZAZIONE DI CARATTERE GENERALE PER LE EMISSIONI IN ATMOSFERA PROVENIENTI

Dettagli

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI CENTRALE TERMICA/ FRIGORIFERA COLLEGAMENTI TUBI/CANALI ELEMENTI TERMINALI La Centrale Termicasolitamente trova spazio in luoghi chiusi di edifici civili ed industriali. La progettazione deve scrupolosamente

Dettagli

Mynute Low NOx Mynute Low NOx basse emissioni inquinanti di NOx Mynute Low NOx

Mynute Low NOx Mynute Low NOx basse emissioni inquinanti di NOx Mynute Low NOx Mynute Low NOx La gamma di caldaie murali Mynute di Beretta si completa con un nuovo modello in grado di coniugare prestazioni e rispetto dell ambiente. Mynute Low NOx è la caldaia standard ecologica di

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/1990 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/1998 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

STUDIO LEGALE LEPORE. Gent.ma Ing. Elisabetta MAZZI. Attuale conformita delle caldaie a due stelle.

STUDIO LEGALE LEPORE. Gent.ma Ing. Elisabetta MAZZI. Attuale conformita delle caldaie a due stelle. STUDIO LEGALE LEPORE Avv. GAETANO LEPORE Avv. MARIA CLAUDIA LEPORE Avv. CARLO LEPORE Avv. LUCA PARMEGGIANI Gent.ma Ing. Elisabetta MAZZI Attuale conformita delle caldaie a due stelle. All esito dell esame

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Bari Palese Aeroporti di Puglia

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Bari Palese Aeroporti di Puglia Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Bari Palese Aeroporti di Puglia Periodo di

Dettagli

Caratterizzazione di un cogeneratore a combustione esterna: la macchina di Striling nel laboratorio mobile del progetto Sinergreen

Caratterizzazione di un cogeneratore a combustione esterna: la macchina di Striling nel laboratorio mobile del progetto Sinergreen Caratterizzazione di un cogeneratore a combustione esterna: la macchina di Striling nel laboratorio mobile del progetto Sinergreen 1 SCHEMA DI PRINCIPIO PERDITE 10 ENERGIA PRIMARIA 100 ENERGIA TERMICA

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

Canne fumarie e apparecchi a combustibile solido; regole per un utilizzo sicuro. Il punto di vista dei produttori.

Canne fumarie e apparecchi a combustibile solido; regole per un utilizzo sicuro. Il punto di vista dei produttori. Canne fumarie e apparecchi a combustibile solido; regole per un utilizzo sicuro. Il punto di vista dei produttori. I settori I produttori di camini e canne fumarie 2 I settori UNICALOR I produttori di

Dettagli

PROVINCIA DI GORIZIA POKRAJINA GORICA PROVINCIE DI GURIZE Direzione Territorio, Ambiente, Attività produttive e tecnico-manutentive

PROVINCIA DI GORIZIA POKRAJINA GORICA PROVINCIE DI GURIZE Direzione Territorio, Ambiente, Attività produttive e tecnico-manutentive Prot. n. 33831/07 Gorizia, 12 dicembre 2007 Oggetto: Autorizzazione di carattere generale alle emissioni in atmosfera, ai sensi dell art. 272 co.2 e dell art. 282 co. 3 del D.L.vo 3 aprile 2006, n. 152

Dettagli