Storie di progetti del Programma CENTRAL EUROPE Efficienza energetica ed energie rinnovabili

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storie di progetti del Programma CENTRAL EUROPE Efficienza energetica ed energie rinnovabili"

Transcript

1 Storie di progetti del Programma CENTRAL EUROPE Efficienza energetica ed energie rinnovabili

2 Pubblicato da: CENTRAL EUROPE Programme Joint Technical Secretariat Museumstrasse 3/A/III 1070 Vienna Austria Progettazione e redazione: CENTRAL EUROPE Programme Assistente editoriale: Tom Popper Testi e immagini: CENTRAL EUROPE Projects Grafica: Hermann Kienesberger Carta: Biotop (FSC-certified) Aggiornamento: Maggio 2013 Sebbene si sia profuso il massimo impegno per assicurare l accuratezza e veridicità delle informazioni riportate nella presente pubblicazione, il Programma CENTRAL EUROPE non potrà in alcun caso essere ritenuto responsabile dell accuratezza e veridicità delle informazioni provenienti da fonti esterne, né di eventuali imprecisioni tecniche, refusi e altri errori. Le informazioni e i link possono nel frattempo essere cambiati senza preavviso. La presente pubblicazione è finanziata dal programma CENTRAL EUROPE - Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR).

3 Storie di progetti del Programma CENTRAL EUROPE Efficienza energetica ed energie rinnovabili

4 Indice CENTRAL EUROPE Cooperare attraverso le frontiere per le regioni 6 Cooperare nel settore dell energia nell EUROPA CENTRALE 10 Efficienza energetica ed energie rinnovabili 12 4Biomass Energia locale dalla biomassa locale 14 COACH BioEnergy Condividere competenze per diffondere 16 EnergyCity La mappatura aerea evidenzia la dispersione del calore 18 EnSURE Verso uno sviluppo urbano efficiente dal punto di vista 20 GovernEE Risparmio energetico negli edifici pubblici 22 GUTS Portare il trasporto urbano su una strada verde 24 ReSource Estrarre nuovo oro dalle regioni minerarie del passato 26 REZIPE Verso un futuro più pulito con i veicoli elettrici 28 RUBIRES Ottenere più energia dalle fonti rinnovabili 30 SEBE Biogas: energia più pulita made in Europe 32 TRANSENERGY Condividere l energia pulita delle acque termali 34 Le prossime storie di progetti 36 4 Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE

5 Editoriale Nell Unione Europea, quasi il 40% del consumo energetico è dovuto ad abitazioni e servizi. Le regioni con un edilizia dalla scarsa efficienza energetica, pertanto, sono più soggette agli impatti negativi dell aumento dei costi dell energia. Migliorare l efficienza energetica degli edifici, nuovi o già esistenti che siano, potrebbe ridurre sensibilmente il consumo energetico e migliorerebbe la sicurezza dell approvvigionamento energetico, oltre a ridurre le emissioni di gas serra e di altri agenti inquinanti. Per quanto riguarda le abitazioni, è possibile ottenere un considerevole risparmio energetico adottando i nuovi sistemi di riscaldamento e di isolamento, oltre a elettrodomestici di ultima generazione. I progetti CENTRAL EUROPE, come per esempio EnSURE (p. 20), favoriscono nelle aree urbane il miglioramento dell efficienza energetica degli edifici offrendo consigli per un funzionamento efficiente dal punto di vista energetico. Altri progetti, come per esempio GovernEE (p. 22), riattano gli edifici e ne aggiornano i sistemi energetici, oppure, come nel caso di EnergyCity (p. 18), creano mappe termiche in grado di rilevare le dispersioni di calore. Mantenere un approvvigionamento energetico sicuro è un altra importante sfida per l Europa centrale. Le regioni hanno tutte le carte in regola per diversificare il proprio approvvigionamento energetico, situazione che aiuterebbe a garantire forniture più sicure e porterebbe benefici sia all economia sia all ambiente; di fatto, il continuo aumento dei prezzi del petrolio e del gas esige un immediato cambiamento nell utilizzo dell energia se si intende mantenere una crescita economica stabile. Inoltre, è necessario sviluppare la capacità di produrre e utilizzare energia rinnovabile a livello regionale se si spera di ridurre le emissioni di CO2 e di mitigare il cambiamento climatico. In risposta a questi problemi, CENTRAL EUROPE sostiene la pianificazione energetica regionale e incoraggia l utilizzo delle fonti di energia rinnovabile disponibili in loco. Progetti quali 4Biomass (p. 14) offrono consigli alle regioni sull utilizzo interregionale delle biomasse, COACH BioEnergy (p. 16) sviluppa strumenti gestionali nel campo delle bioenergie, mentre RUBIRES (p. 30) si concentra sull elaborazione di piani d azione per lo sfruttamento dell energia a livello locale. La presente pubblicazione presenta la storia dei progetti CENTRAL EUROPE dalle origini a oggi, concentrandosi in particolare sugli 11 progetti per il settore energetico cofinanziati a seguito dei primi due bandi per la presentazione di idee progettuali del 2008 e Ci auguriamo che questo documento possa essere un valido punto di partenza per la discussione dei risultati dei nostri progetti e che sia d ispirazione per lo sviluppo di nuove idee sulle possibili azioni future e sulle strade da seguire per il prossimo periodo Christiane Breznik Città di Vienna, Autorità di Gestione di CENTRAL EUROPE Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE 5

6 CENTRAL EUROPE Cooperare attraverso le frontiere per le regioni Le città e le regioni rurali dell Europa centrale sono accomunate dalla storia e da reciproche analogie socioculturali. L area si estende per oltre un milione di chilometri quadrati, dal Mar Baltico a nord fino al Mar Mediterraneo a sud, con confini sfumati a est e a ovest. I 150 milioni di persone che popolano l area sono i beneficiari cui si rivolge la cooperazione transnazionale avviata dal programma CENTRAL EUROPE. Pur nella comunanza di molte caratteristiche, le regioni dell Europa centrale si distinguono reciprocamente per diversi aspetti. Le differenze maggiori si notano in termini di condizioni climatiche, utilizzo del suolo, insediamenti e strutture economiche, accessibilità e sfide ambientali. Vi sono inoltre significative differenze nella strutturazione dei sistemi politici e amministrativi, tra i più eterogenei in seno all Unione europea. La sfida consiste nello sfruttare le diversità che coesistono nell Europa centrale come opportunità per la promozione di uno sviluppo più sostenibile nell intera area, sollecitando una maggiore cooperazione tra la vasta gamma di attori dei diversi Stati e regioni. Il programma CENTRAL EUROPE Il programma CENTRAL EUROPE genera ampie opportunità per una più stretta cooperazione tra gli enti pubblici, le istituzioni e le imprese private dei nove Paesi dell Europa centrale: Austria, Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Italia, Polonia, Slovacchia, Slovenia e Ucraina. Mediante gli oltre 120 progetti cofinanziati, il programma CENTRAL EU- ROPE contribuisce a migliorare il livello d innovazione locale e regionale, ad accrescere l accessibilità dei luoghi, a tutelare l ambiente e a promuovere la competitività e l attrattività delle regioni centroeuropee. Dal 2007, anno d inizio del periodo di programmazione attualmente in corso, il programma CENTRAL EUROPE ha investito più di 230 milioni di Euro in progetti transnazionali sui seguenti temi: trasferimento tecnologico e innovazione per l impresa trasporto pubblico e logistica sostenibili gestione del rischio ambientale e del cambiamento climatico efficienza energetica ed energie rinnovabili cambiamento demografico e sviluppo della conoscenza patrimonio culturale e risorse creative 6 Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE

7 Programma: CENTRAL EUROPE Finanziamento FESR: 231 milioni Durata: Sito internet: Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE 7

8 Euro l ammontare degli investimenti in preparazione a cura dei progetti CENTRAL EUROPE 22 centesimi di Euro il costo annuale pro capite per il finanziamento dei progetti CENTRAL EUROPE Cooperare per i cittadini I progetti CENTRAL EUROPE prevedono, senza eccezione, l impegno congiunto degli stakeholder dei diversi Paesi. Tale approccio mira a migliorare la vita quotidiana dei cittadini affrontando problemi che non si esauriscono necessariamente entro i confini nazionali. I problemi sono affrontati a livello territoriale là dove emergono, ovvero nelle regioni dell Europa centrale. La cooperazione transnazionale consente ai partner di beneficiare del valore aggiunto dell agire insieme, con l effetto di evitare la duplicazione delle azioni e di rendere più rapidi gli sviluppi positivi, con un impatto maggiore. In concreto, i progetti CENTRAL EUROPE: i partner coinvolti nei progetti CENTRAL EUROPE implementano investimenti e azioni pilota catalizzano nuovi investimenti e contributi finanziari propongono nuove strategie economiche e coinvolgono le comunità locali aumentano l efficienza a vari livelli migliorano l utilizzo dei fondi pubblici supportano l adeguamento delle direttive UE ai contesti regionali rafforzano le reti regionali e coinvolgono le comunità locali influenzano l agenda politica a tutti i livelli 8 Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE

9 Dobbiamo far tesoro della ricca e validissima esperienza che ci viene dalla cooperazione transnazionale. È assolutamente evidente che la serie di sfide che ci si pone non può essere affrontata individualmente dai singoli Stati Membri né dalle singole regioni ma va affrontata in un contesto transfrontaliero. Johannes Hahn, Commissario europeo per le Politiche Regionali Contributo a Europa 2020 Nell ambito del programma CENTRAL EUROPE, la cooperazione transnazionale è saldamente radicata nel quadro delle politiche strategiche recentemente lanciate a livello europeo, nazionale e regionale. Molti dei progetti CENTRAL EUROPE stanno già manifestando concretamente il proprio contributo alla Strategia Europa 2020 e ai suoi obiettivi (mutualmente interdipendenti), volti a una crescita europea intelligente, inclusiva e sostenibile. Tale approccio allo sviluppo dovrebbe portare l UE e gli Stati Membri a livelli di occupazione, produttività e coesione sociale maggiori. Le azioni della Strategia 2020 si pongo obiettivi ambiziosi in 5 diverse aree; occupazione, innovazione, istruzione, integrazione sociale, clima ed energia. Il programma CENTRAL EUROPE, generando cooperazione di livello transnazionale tra gli attori coinvolti, ha un ruolo fondamentale nel conseguimento degli obiettivi a livello regionale, anche se impiega solo lo 0,07 percento del budget stanziato per la Politica di coesione dell UE. CENTRAL EUROPE Foto: FNR Foto: istock Nel prossimo periodo di programmazione il programma CENTRAL EUROPE continuerà la propria opera di supporto alla cooperazione regionale tra i Paesi centroeuropei. L area geografica eleggibile, le priorità tematiche, il budget e le altre (numerose) variabili del nuovo programma sono attualmente in discussione, anche con il coinvolgimento degli stakeholder attraverso apposite consultazioni. Il nuovo Programma Operativo dovrebbe essere approvato dalla Commissione europea nella prima metà del 2014, con la pubblicazione di un bando per la presentazione di proposte progettuali a seguire nello stesso anno. Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE 9

10 COOPERAZIONE NEL SETTORE DELL ENERGIA NELL EUROPA CENTRALE L EUROPA CENTRALE IN BREVE STATI, REGIONI/CITTÀ E ABITANTI INTERESSATI milioni di cittadini città e regioni 9 Stati 21 PROGETTI SULL ENERGIA COFINANZIATI dei 6 temi 1 del programma 210 progetti su un partner nel settore totale di 124 dell energia su partner in totale DURATION OF PROGRAMME DENARO PUBBLICO BEN INVESTITO BUDGET INVESTITO 37 = 16 % pari a 231 milioni di euro milioni di euro del budget totale di programma, Con una spesa annua pro capite di circa 0.03 Il programma, Totale investimento milioni ha stanziato di euro attraverso i vari progetti ha istituito 24 reti 134 di cooperazione milioni di euro permanenti 24 di investimenti futuri 10 Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE ha attuato, tramite i progetti, 371 attività pilota a livello locale ha creato 297 posti di lavoro 297

11 PROGETTI CONTRIBUTO A EUROPA Agenda digitale CENTRAL EUROPE contribuisce alla Strategia 2020 dell Unione europea e al conseguimento dei suoi obiettivi di crescita intelligente, inclusiva e sostenibile. Si sono stabiliti, a livello europeo, degli obiettivi concreti per l occupazione, l innovazione, l istruzione, l inclusione sociale., il cambiamento climatico e l energia; i risultati dei progetti CENTRAL EUROPE contribuiscono al conseguimento di tali obiettivi a livello locale e regionale. 6 Unione innovativa 1 Youth on move Numero dei contributi dei progetti alle iniziative faro di UE Iniziative per un Europa efficiente sotto il profilo delle risorse 2 Politiche industriali per la globalizzazione Numero dei contributi di progetto alle priorità di UE crescita intelligente 8 crescita sostenibile Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE 11 Data: Marzo 2013 Design: studioq.at

12 Efficienza energetica ed energie rinnovabili Cooperare per ridurre l impronta di carbonio degli edifici nelle nostre città e regioni Cooperare per l impiego efficiente di fonti di energia rinnovabile nelle regioni 12 Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE

13 STORIE DI PROGETTI Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE 13

14 Energia locale dalla biomassa locale Essere in possesso delle conoscenze tecniche è bene, ma avere una dimostrazione concreta del loro impiego è molto meglio: quando si tratta di intraprendere un progetto sulle bioenergie, l esperienza pratica basata su un modello di lavoro di successo può essere inestimabile. È qui che entra in gioco il progetto 4Biomass, il cui obiettivo principale è promuovere un impiego veramente sostenibile delle bioenergie semplificando lo scambio di informazioni, sostenendo gli investimenti e fornendo ai decisori raccomandazioni per misure politiche sostenibili. Una parte di 4Biomass riguarda lo sviluppo di una rete politica che promuova l impiego delle bioenergie. Le biomasse sono composte da materiale organico, quali resti di legname dalle foreste o scarti di mietitura dai campi, che può essere bruciato per produrre energia. Tuttavia, questa forma di energia non è completamente rinnovabile, per cui è necessario garantire un sostegno politico a favore dell impiego efficiente di queste risorse. 4Biomass ha analizzato il potenziale di sfruttamento delle biomasse nell Europa centrale, con attenzione anche ad aspetti quali il commercio delle biomasse e le implicazioni per le altre regioni e ha condiviso queste informazioni con le parti interessate. Il progetto, inoltre, si è adoperato a creare un sostegno politico allo sfruttamento delle biomasse disseminando informazioni in merito durante gli eventi nazionali e regionali e assicurando la creazione di una fitta rete tra gli stakeholder coinvolti nelle attività del progetto. Lo scambio è la chiave Il progetto incoraggia lo scambio di buone pratiche in materia di tecnologie, progetti dimostrativi e strategie di gestio- 14 Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE

15 Foto: FNR Una visita di studio in Austria ci ha 4 aiutato ad approfondire le nostre conoscenze sull utilizzo energetico delle gli studi preliminari di fattibilità preparati allo scopo di investire nella bioenergia sostenibile biomasse. Abbiamo acquisito familiarità coi principi di funzionamento di diversi sistemi di riscaldamento a biomassa, dopodiché, abbiamo avviato un progetto 1200 basato sulle biomasse per un asilo e una i riscontri raccolti dal dialogo tra gli stakeholder sul quadro delle politiche per l utilizzo scuola nel comune di Bucze, nella delle bioenergie regione di Malopolska. 60 Pawel Majewski, Società produttrice di impianti di riscaldamento per il distretto di Brzesko, Polonia le raccomandazioni formulate per lo sviluppo ne. Tale scambio ha contribuito ad assicurare alle regioni partner un livello uniforme di conoscenza del funzionamento dei sistemi bioenergetici e delle possibilità di investimento in questi sistemi. Un esempio di scambio vantaggioso è stato il progetto per il riscaldamento a biomassa destinato a un asilo in Polonia, impostato a seguito di una visita a una struttura austriaca. Altra azione finalizzata alla condivisione di informazioni e all incremento delle conoscenze generali è stato il sondaggio sui piani d azione nazionali per le biomasse. Il progetto ha raccolto più di questionari provenienti da stakeholder di diverse regioni dell Europa centrale, per la condivisione di opinioni e osservazioni in merito ai piani di azione. Foto: FNR sostenibile delle bioenergie in Europa centrale Una spinta agli investimenti nelle bioenergie Il progetto ha inoltre portato alla creazione di un database online consistente in una mappa dimostrativa del progetto e da uno strumento di gestione comune. Il database è disponibile sul sito di 4Biomass e permette un rapido accesso alle informazioni sulle tecnologie per le biomasse, le normative e i software d interesse nonché ai contatti degli enti statali e delle agenzie esecutive competenti. Impiego locale di biomassa locale La sostenibilità è l obiettivo chiave del progetto. Ispirati dagli esiti del dialogo tra gli stakeholder, i partner hanno formulato un Piano d azione transnazionale recante raccomandazioni per una sostenibilità di base a favore dell impiego della biomassa. Poiché sostenibilità è un termine generico e non tutti i progetti che sembrano sostenibili sono realmente tali, è importante analizzare separatamente ogni singolo processo di utilizzo della biomassa e scegliere esclusivamente la soluzione che si rivela più adatta e più efficiente. Progetto: 4Biomass Finanziamento FESR: Durata: Sito internet: Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE 15

16 Condividere competenze per diffondere l impiego di bioenergia Gli investitori che desiderano intraprendere attività intelligenti e sostenibili nel settore delle bioenergie necessitano dell assistenza di consulenti qualificati: la rete di esperti di COACH BioEnergy offre consulenza per la pianificazione e gli investimenti nelle bioenergie agli stakeholder privati e pubblici. L Europa centrale ha condizioni eccellenti per la produzione di bioenergia e quindi ha il potenziale per aumentare in maniera significativa la quota di energia rinnovabile della regione. Per evitare errori di gestione e assicurarsi le decisioni migliori in materia di investimenti, gli investitori privati e i decisori politici necessitano di servizi di consulenza di elevata qualità. Generalmente, anche agli stakeholder maggiori mancano le conoscenze pratiche in materia alla pianificazione e investimenti nelle bioenergie, e il problema è particolarmente evidente nell Europa centrale. COACH BioEnergy è stato ideato per eliminare il divario tra la ricerca scientifica nel campo della bioenergia e la sua implementazione pratica a livello regionale. Per raggiungere questo obiettivo, il progetto ha creato una rete transnazionale di ricercatori, moltiplicatori e consulenti altamente competenti. Il primo obiettivo del progetto è stato selezionare e riunire le conoscenze scientifiche esistenti all interno dei Paesi e delle regioni partecipanti; tramite servizi di consulenza online e personalizzati, le informazioni raccolte sono state successivamente divulgate presso un vasto pubblico in modo chiaro e comprensibile. Nella sua prima parte il progetto ha affrontato la sfida di portare la propria rete transnazionale 16 Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE

17 Foto: COACH BioEnergy network Abbiamo davvero apprezzato il supporto di COACH BioEnergy durante la preparazione del nostro Piano d azione per la biomassa nella Repubblica Ceca. I risultati dell analisi delle politiche relative al progetto contribuiranno in maniera significativa allo sviluppo delle nostre politiche per l impiego di energia da biomassa e ci aiuteranno a raggiungere appieno gli obiettivi di sviluppo previsti per il Marek Svetlík, Capo del Dipartimento Risorse Energia Rinnovabile, Ministero dell Agricoltura, Repubblica Ceca a includere tutte le fonti di informazione disponibili nelle regioni interessate, anche quando tali fonti dipendevano da circostanze diverse proprie del singolo Paese. In questa situazione, la preparazione di informazioni adeguate nel contesto dei servizi di consulenza è stata un operazione piuttosto ambiziosa. La sfida della seconda metà del progetto è stata creare e utilizzare la piattaforma online condivisa per l archiviazione e lo scambio delle informazioni. Assistenza ai professionisti Nei tre anni di implementazione del progetto, COACH Bio- Energy ha raccolto una quantità significativa di informazioni per i professionisti impegnati nel campo delle bioenergie. Le informazioni e i dati più importanti e attendibili sono stati selezionati e adeguati alle necessità della consulenza sulle bioenergie e infine pubblicata sul sito di COACH BioEnergy. Il progetto fornisce i seguenti strumenti e servizi, particolarmente utili ai consulenti: l descrizioni delle tecnologie specifiche per la produzione, fornitura e conversione della biomassa; l una raccolta di buone pratiche per la bioenergia in Europa; l una raccolta di quesiti specifici con relative risposte; l no schema di Piano strategico per le energie rinnovabili (PSER) coi relativi studi; l assistenza decisionale e servizi di sviluppo del mercato. Il progetto mette inoltre a disposizione alcuni strumenti per calcoli semplificati riguardanti: l la valutazione del potenziale tecnologico e del potenziale di biomassa; l calcolo del potere calorifico e rilevazioni; l analisi valore/benefici e costi/benefici. Passi successivi I risultati di COACH BioEnergy rimarranno accessibili anche dopo la conclusione del progetto, anche a scopo di consulenza a livello sia locale sia regionale. 25 la percentuale del potenziale incremento dell impiego della biomassa in Austria entro il gli ettari di campi di mais necessari per alimentare un impianto di biogas da 500 kw 35 i partner coinvolti nella rete per le buone pratiche COACH BioEnergy Progetto: COACH BioEnergy Finanziamento FESR: Durata: Sito internet: Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE 17

18 La mappatura aerea evidenzia la dispersione del calore nelle nostre abitazioni Mentre la popolazione europea si impegna per risparmiarla, molti di noi non immaginano nemmeno quanta energia si disperda dalle nostre abitazioni e dai nostri uffici. È possibile ottenere un consistente risparmio energetico con costi relativamente contenuti semplicemente apportando migliorie mirate all efficienza energetica degli edifici; il passo preliminare è l elaborazione di una mappa che consenta di verificare e localizzare i problemi. Con l ausilio dei rilevamenti aerei e della tecnologia più avanzata, il progetto EnergyCity è in grado di individuare con precisione i punti di dispersione del calore nelle città dell Europa centrale. Una delle sfide più impegnative di oggi consiste nel trovare il modo per ridurre le emissioni di biossido di carbonio, uno dei grandi responsabili dei mutamenti climatici. Una delle soluzioni più semplici e meno costose risiede nel miglioramento dell efficienza energetica degli edifici. Per incoraggiare una simile strategia e favorire la riduzione delle emissioni di biossido di carbonio, EnergyCity si affida a metodi altamente tecnologici creando mappe dei punti di dispersione del calore nei centri e nelle città dell Europa centrale. Grazie a un aereo Piper Seneca II modificato, il progetto sta svolgendo numerosi rilevamenti termici (anche al suolo) nelle aree di Budapest, Praga, Monaco, Bologna, Treviso, Ludwigsburg e Velenje. L avvio di questa parte del progetto ha comportato il superamento di difficoltà, come per esempio quella dell ottenimento dell autorizzazione di volo nella zona degli aeroporti a traffico maggiore, oppure la necessità di attendere le condizioni atmosferiche adeguate. Le immagini rilevate mostrano che il calore del riscaldamento viene disperso da edifici, da elementi a terra e persino elementi sotterranei. La dispersione viene registrata mediante la più avanzata tecnologia di thermal imaging. 18 Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE

19 Lo strumento di visualizzazione online di EnergyCity è doppiamente prezioso: permette innanzitutto ai nostri ingegneri di valutare e comparare i risultati del fabbisogno energetico richiesto dai nostri edifici per il riscaldamento, ma il suo vero potenziale viene rivelato all atto del confronto coi proprietari degli edifici a proposito delle esigenze di isolamento di tetti e strutture. Quelle immagini parlano un linguaggio molto chiaro. Roland Gräbel, Capo del Centro Edile di Monaco, Centro di Informazione e Mostra Tecnica Comunale, Germania Mappatura sulla base dei dati raccolti Il progetto ha prodotto un sistema di supporto spaziale alle decisioni (SDSS) per aiutare a visualizzare i risultati della raccolta dei dati e a trovare soluzioni alla dispersione del calore. L SDSS di EnergyCity utilizza le più avanzate componenti open source presenti in rete e offerte dal Sistema Informativo Geografico (GIS) per offrire dati cartografici di output di qualità superiore e ad alta funzionalità in grado di supportare svariati formati di dati. Tali dati sono stati utilizzati per realizzare centinaia di proiezioni cartografiche e creare mappe zoomabili e ricercabili dall utente tramite interviste. La disponibilità online dell SDSS permette un ampio accesso allo strumento e garantisce ai progettisti e ai decisori locali uno strumento solido e flessibile per effettuare una mappatura del carbonio, studiare strategie volte alla riduzione del biossido di carbonio e migliorare l efficienza energetica. Gli utenti possono accedere alle informazioni tratte dalle mappe termiche e al biossido di carbonio dell area e dalle mappe relative al riscaldamento domestico. L insieme di strumenti per l analisi dell energia domestica presente nel software fornisce inoltre agli utenti un insieme esauriente di dati sugli edifici selezionati. progetto. Per consentire agli utenti di trarre il massimo da questo strumento, il progetto sta sostenendo una serie di azioni pilota nelle sette città in cui è stato avviato. Queste iniziative comprendono la formazione di piloti aerei per la mappatura del carbonio, campagne di sensibilizzazione e piani per la riduzione della povertà energetica. 245 i chilometri quadrati sondati per il progetto metri l altitudine da cui è stata effettuata la ricognizione per rilevare le dispersioni di calore 80 percento il potenziale risparmio energetico conseguente al riattamento edilizio Alla ricerca di soluzioni Oltre ad aiutare a individuare e a mappare la dispersione di calore ed energia, lo strumento è utile anche alla ricerca delle possibili soluzioni. I progettisti possono utilizzare l SDSS per concepire diversi scenari strategici per la riduzione del biossido di carbonio. Il sistema è inoltre utile per la comparazione del rapporto costi/benefici e del potenziale tra diverse soluzioni di energia rinnovabile nelle città interessate dal Progetto: EnergyCity Finanziamento FESR: Durata: Sito internet: Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE 19

20 Verso uno sviluppo urbano efficiente dal punto di vista energetico Nelle nostre città è possibile dar vita all efficienza energetica progettando edifici che comportino sprechi minori e incrementando l impiego di energie rinnovabili. Al fine di incoraggiare un nuovo sviluppo urbano che punti l attenzione sull impiego efficiente delle fonti rinnovabili, il progetto EnSURE intraprende numerose iniziative finalizzate al coinvolgimento dei proprietari degli edifici, dei costruttori, dei decisori e di altri stakeholder. Una parte importante del progetto EnSURE consiste nel creare un concept transnazionale per uno sviluppo urbano efficiente dal punto di vista energetico; a questo scopo, il progetto offre supporto pratico per aiutare i comuni, le società immobiliari, i proprietari, i fornitori di energia ed altri importanti attori a ottenere questo sviluppo urbano e a passare alle energie rinnovabili. La strategia del progetto integra iniziative in diverse aree, comprese la fornitura di energia, la costruzione edile e la preservazione dell ambiente. Nel tentativo di migliorare la qualità degli edifici a livello di progettazione, il progetto opera per stringere contatti più saldi tra l industria edile e gli specialisti/le organizzazioni votati allo sviluppo sostenibile. Sviluppo di raccomandazioni per i decisori I dati di output di EnSURE, finalizzati a favorire un migliore sviluppo, comprendono un Manuale per lo Sviluppo Urbano Efficiente dal punto di vista Energetico, che conterrà quanto appreso nel corso del progetto. Scopo del manuale è trasmettere le strategie migliori per il raggiungimento dell efficienza energetica nello sviluppo urbano, basato 20 Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE

21 L efficientamento energetico è una delle sfide più impegnative del futuro. Grazie a EnSURE condividiamo esperienze e competenze a livello europeo. Le strategie integrate così sviluppate ci offrono un insieme di metodi innovativi per l implementazione a livello locale. sull esperienza scientifica e pratica dei partner di progetto. Altro dato di output del progetto proveniente dalle conoscenze dei partner consiste in un documento orientativo comune in cui vengono riassunte le raccomandazioni decisionali atte a promuovere uno sviluppo urbano efficiente dal punto di vista energetico. Incoraggiare il sostegno all efficienza energetica Nel suo tentativo di offrire sostegno all efficienza energetica urbana, il progetto punta ad aumentare la conoscenza pubblica della questione e a incoraggiare gli stanziamenti necessari. In numerosi paesi interessati dal progetto sono stati creati degli Sportelli per l Efficienza Energetica finalizzati a sensibilizzare la popolazione in merito al miglioramento dell efficienza energetica degli edifici: efficienza, impiego più esteso di energie rinnovabili e fonti da cui trarre i fondi disponibili per quest opera. Sei Sportelli sono stati creati entro il 2012 e insieme collaborano per raggiungere diversi gruppi di riferimento, inclusi cittadini, proprietari, investitori, politici e rappresentanti di amministrazioni e associazioni pubbliche. Alla ricerca di fondi 169 gli enti pubblici coinvolti nel progetto 86 gli enti privati coinvolti nel progetto Tobias Großmann, 69 Pianificatore Urbanista, Città di Ludwigsburg, Germania percento l energia complessiva utilizzata dalle sole città Il progetto EnSURE produce inoltre schemi finanziari per l implementazione degli investimenti pubblici e privati nei progetti riguardanti l energia. L obiettivo di questi schemi è quello di scongiurare l assenza di fondi. Nell ulteriore tentativo di aiutare a garantire che vi siano fondi per progetti qualitativamente buoni, EnSURE sta cercando di realizzare un modello transnazionale volto a ottenere fondi per il clima e l energia, che potrebbero sostenere i progetti locali e regionali e sarebbero implementati dagli stakeholder che operano nelle amministrazioni locali e regionali. La speranza è che i fondi ottenuti sul modello di EnSURE siano in grado di sostenere progetti qualitativamente buoni che altrimenti, senza aiuti finanziari, non potrebbero essere implementati. Progetto: EnSURE Finanziamento FESR: Durata: Sito internet: Efficienza energetica ed energie rinnovabili nell EUROPA CENTRALE 21

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020

PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 PROGRAMMA DI COOPERAZIONE Alpine Space Programme 2014-2020 La presente scheda ha lo scopo di illustrare sinteticamente i contenuti del Programma di Cooperazione per il periodo 2014-2020, approvato dalla

Dettagli

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private.

Chi siamo. vettori energetici (elettrico, termico ed energia prodotta da fonti tradizionali e rinnovabili) presenti nelle aziende pubbliche e private. Chi siamo Nata nel 1999, Energy Consulting si è affermata sul territorio nazionale fra i protagonisti della consulenza strategica integrata nel settore delle energie con servizi di Strategic Energy Management

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi:

L attività di monitoraggio è iniziata il 18 marzo 2013 e sta procedendo secondo le seguenti fasi: Piano di monitoraggio socio economico del progetto LIFE Ripristino degli habitat dunali nel paesaggio serricolo del golfo di Gela per la salvaguardia di Leopoldia gussonei L azione D.3 Monitoraggio socio

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile.

Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. C.C. n. 12 del 14/04/2010 Oggetto: Adesione al Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors) per l'energia sostenibile. Il Sindaco-Presidente riferisce che: 1. nel novembre 2005 la Commissione Europea ha lanciato

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1 Libro verde sull efficienza energetica Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona Direzione generale Energia e trasporti 1 Il precedente: Il Libro verde sulla sicurezza dell

Dettagli

OLTRE L INFRASTRUTTURA PER UNA NUOVA CULTURA DELLA MOBILITÀ

OLTRE L INFRASTRUTTURA PER UNA NUOVA CULTURA DELLA MOBILITÀ CONVEGNO VENERDÌ 20 FEBBRAIO 2015 OLTRE L INFRASTRUTTURA PER UNA NUOVA CULTURA DELLA MOBILITÀ e 10 ma edizione dello SWOMM Scientific Workshop on Mountain Mobility and Transport in collaborazione con Ministero

Dettagli

RetiPiù. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia.

RetiPiù. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia. Tecnologia, lavoro, sostenibilità: distribuiamo la vostra energia. Chi siamo 01 Progettiamo, costruiamo e gestiamo reti gas ed elettricità per portare energia sicura in case, imprese e istituzioni. Dietro

Dettagli

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA?

Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE. Che cos è JESSICA? JESSICA Un nuovo strumento per promuovere crescita e investimenti sostenibili nelle aree urbane con i finanziamenti dell UE Che cos è JESSICA? JESSICA (Joint European Support for Sustainable Investment

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Alpiq E-Mobility AG In Charge of E-Mobility.

Alpiq E-Mobility AG In Charge of E-Mobility. Alpiq E-Mobility AG In Charge of E-Mobility. In quanto leader sul mercato per le soluzioni globali nell infrastruttura della mobilità elettronica, difendiamo l idea che l energia vada utilizzata in modo

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI

PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI Profilo aziendale PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI Consulenza SAP Sviluppo SAP Soluzioni Add-On SAP add IL NOSTRO PORTFOGLIO Servizi di consulenza SAP La gamma di servizi di consulenza offerta da ParCon

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/40 DEL 23.12.2014 Oggetto: POR FESR Sardegna 2007-2013. Progetto sperimentale Reti di distribuzione e mobilità elettrica. Programmazione azioni di promozione del risparmio e dell efficienza energetica a valere sulla linea

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Evoluzione Energetica. La selezione naturale del risparmio energetico

Evoluzione Energetica. La selezione naturale del risparmio energetico Evoluzione Energetica La selezione naturale del risparmio energetico PER VIVERE A UN LIVELLO SUPERIORE ESPERTI DI DENTRO E DI FUORI Dalla E alla A: con Energetica Consulting il passaggio alle classi superiori

Dettagli

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale

Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO. Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale Residenziale OBIETTIVO ENERGIA: MENO CONSUMI, PIÙ RISPARMIO Cofely. Leader nell efficienza energetica e ambientale AFFIDARSI AI NUMERI UNO Da sempre al servizio dell efficienza per il risparmio energetico

Dettagli

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici

MAYORS ADAPT. Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici MAYORS ADAPT Promuovere la leadership locale nell adattamento ai cambiamenti climatici Webinar, Pratiche di sostenibilità, 30 Aprile 2014 Karl-Ludwig Schibel, Alleanza per il Clima Italia Indice presentazione

Dettagli

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO

Efficienza energetica, online il Piano d'azione 2014 (PAEE). IL TESTO casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_18985 ITALIA-Ultime-notizie-paee-efficienza-energetica-Efficienza-energetica-online-il-Pianodazione-2014-PAEE.-IL-TESTO-.html Efficienza energetica, online il

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

www.ecostampa.it Senaf

www.ecostampa.it Senaf 058904 www.ecostampa.it Senaf 058904 www.ecostampa.it Senaf Versione per la stampa Stampa Il 10 Novembre alla Fiera di Roma Comuni «rinnovabili»: cresce la diffusione per tutte le fonti Si parlerà delle

Dettagli

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 POLITICA PER LA QUALITÀ E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE REV. 4 Indice 1. Premessa... 1 2. Politica per la Qualità... 1 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 1. Premessa Il presente documento esplicita

Dettagli

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+

I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ 3 Workshop di R&S Opportunità finanziarie per la ricerca delle Imprese Chimiche nei settori energetici e ambientali I Bandi Europei: Eco Innovation e Intelligent Energy Europe, LIFE+ Stefano Toffanin Milano,

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte COOPERAZIONE TERRITORIALE EUROPEA I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale Risultati della programmazione 2007-2013 in Piemonte Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte Torino, 19 gennaio

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio

Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio Fondi strutturali 2014-2020 Guida pratica Come progettare un Programma Operativo Plurifondo per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio State progettando i Programmi Operativi che plasmeranno

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE MIGLIORI PRATICHE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO GEOTERMICO

CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE MIGLIORI PRATICHE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO GEOTERMICO 25-26 GIUGNO 2014 Dipartimento di Scienze della Terra - Università di Pisa Via S. Maria 53, Pisa CORSO DI AGGIORNAMENTO SULLE MIGLIORI PRATICHE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLE RETI DI TELERISCALDAMENTO

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Cosa è la fusione È un progetto nato per creare un nuovo Comune di oltre 7mila abitanti, più visibile dal punto di vista politico

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città

Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Crescita della domanda di energia e necessità di nuovi modelli di sviluppo per le città Paolo D Ermo - WEC Italia Energy Studies and Analysis Manager Ambiente e Società, 31 maggio 2011 World Energy Council

Dettagli

E2BEBIS Environmental and Economic Benefits from Blochar clusters in the Central Area

E2BEBIS Environmental and Economic Benefits from Blochar clusters in the Central Area E2BEBIS Environmental and Economic Benefits from Blochar clusters in the Central Area Protagonisti del cluster e caratteristiche BIOMASSA IN INGRESSO Imprese e produttori di biomassa (legno, residui agricoli,

Dettagli

Onorevole Ministro Bersani, Onorevole Presidente Vendola, Onorevole Sindaco Emiliano, Prof. Frey, Signore, Signori,

Onorevole Ministro Bersani, Onorevole Presidente Vendola, Onorevole Sindaco Emiliano, Prof. Frey, Signore, Signori, Discorso della Commissaria D. Hübner "Politica di Coesione ed energia sostenibile, competitiva e sicura Conferenza sulla nuova politica di sviluppo prevista dal QSN 2007-2013 Energia Sostenibile, Competitiva

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

dalla natura l energia per la vita

dalla natura l energia per la vita dalla natura l energia per la vita dalla natura l energia per la vita È racchiusa in questa frase l identità di Ciesse Energia. Poche parole per definire un azienda convinta che progresso e sviluppo, in

Dettagli

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online.

Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Anteprima. Il questionario può essere compilato solo online. Questionario Verso una valutazione intermedia della strategia Europa 2020 dal punto di vista delle città e delle regioni dell'unione europea

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

La Macchina del Clima

La Macchina del Clima Il Piano Energetico Ambientale della Provincia di Bologna Emanuele Burgin - Porretta, 18 marzo 2006 Evaporation Precipitation Sea Ice Oceans Biosphere Run-off Soil Moisture La Macchina del Clima Radiazione

Dettagli

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia

La nuova logica di realizzazione dei progetti. Fabio Girotto Regione Lombardia La nuova logica di realizzazione dei progetti Fabio Girotto Regione Lombardia LE SCELTE STRATEGICHE DEL NUOVO PROGRAMMA Obiettivo Tematico 1 Priorità d investimento 1b (rapporti tra imprese e mondo della

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013 PROGRAMMA OPERATIVO SPAZIO ALPINO 2007-2013 Finalità: Obiettivo generale Accrescere la competitività e l attrattività dell area di cooperazione sviluppando azioni comuni in tutti i campi che richiedono

Dettagli