IEIM. Esercizio Gestione Automobili Strutture e Files Alessandro A. Nacci - alessandronacci.it

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IEIM. Esercizio Gestione Automobili Strutture e Files 2014-2015. Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.it"

Transcript

1 IEIM Esercizio Gestione Automobili Strutture e Files Alessandro A. Nacci - alessandronacci.it 1

2 2

3 Automobili Rappresentare in C una automobile. Nel nostro caso, una automobile è descritta da un nome, un costo, un colore, da un insieme di componenti e da un libretto di circolazione. Un componente ha un nome, un costo ed una categoria. Le categorie possibili sono TRAZIONE, MULTIMEDIA, SICUREZZA Il libretto di circolazione riporta invece l anno e la provincia di immatricolazione e in che classe Euro rientra. Il programma deve poter permettere la creazione di auto e la stampa a schermo di tutti i dati relativi ad un auto Deve poter permettere inoltre di modificare il nome dell auto Deve poter calcolare il costo totale per la produzione dell auto 3

4 Automobili: Le strutture dati - Codice C 4

5 crea_libretto_cicolazione Scriviamo una funzione per la creazione di un generico libretto di circolazione 5

6 crea_libretto_cicolazione Scriviamo una funzione per la creazione di un generico libretto di circolazione 5

7 crea_componente Scriviamo una funziona per la creazione di un generico componente di un auto 6

8 crea_componente Scriviamo una funziona per la creazione di un generico componente di un auto 6

9 crea_auto Scriviamo una funziona per la creazione di una generica automobile 7

10 crea_auto Scriviamo una funziona per la creazione di una generica automobile 7

11 Stampa a schermo dei dati di un auto AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO 8

12 Stampa di un componente AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO 9

13 Stampa di un componente AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO stringa 9

14 Stampa di un componente AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO stringa float 9

15 Stampa di un componente AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO stringa float enum 9

16 Stampa di un componente AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO stringa float enum 9

17 Stampa di un componente AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO stringa float enum 9

18 Calcolo costo componente AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO 10

19 Stampa libretto circolazione AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO 11

20 Stampa libretto circolazione AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO intero 11

21 Stampa libretto circolazione AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO intero stringa 11

22 Stampa libretto circolazione AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO intero stringa intero 11

23 Stampa libretto circolazione AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO intero stringa intero 11

24 Stampa a schermo dei dati di un auto AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO 12

25 Stampa a schermo dei dati di un auto AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO 12

26 Una prima parte di main()... 13

27 Occupiamoci della modifica 14

28 Occupiamoci della modifica 14

29 Occupiamoci della modifica 14

30 Occupiamoci della modifica 14

31 Occupiamoci della modifica 14

32 Finiamo il main()... 15

33 Automobili: Le strutture dati - Codice C AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO 16 RICAPITOLIAMO

34 17

35 Lavoriamo con i file Vogliamo poter salvare tutte le informazioni di una automobile su file e poterle rileggere indietro 18

36 Per poter salvare un automobile... AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO 19 E UN DATO STRUTTURATO! DOBBIAMO POTER SALVARE I COMPONENTI DOBBIAMO POTER SALVARE I LIBRETTI

37 Organizzazione dei dati auto_db componenti_db libretto_db 20

38 Organizzazione dei dati AUTOMOBILE NOME COSTO COLORE COMPONENTI NOME COSTO CATEGORIA LIBRETTO ANNO IMM. PROVINCIA CLASSE EURO 21 auto_db componenti_db libretto_db

39 Scrittura su file Ci è comodo avere una funzione per la scrittura di una singola linea di un file... 22

40 Scrittura su file Ci è comodo avere una funzione per la scrittura di una singola linea di un file... 22

41 Salviamo un libretto... 23

42 Salviamo un libretto... 23

43 Salviamo un libretto... 23

44 Salviamo i componenti... 24

45 Salviamo i componenti... 24

46 Salviamo i componenti... 24

47 Salviamo l auto... 25

48 Salviamo l auto... 25

49 Salviamo l auto... 25

50 Lettura da file Scriviamo ora il codice per leggere i dati da file.. 26

51 Lettura del libretto di circolazione 27

52 Lettura del libretto di circolazione 27

53 Leggiamo i componenti Sono più linee! E una stringa! 28

54 Leggiamo i componenti Sono più linee! E una stringa! 29

55 Leggiamo i componenti Sono più linee! E una stringa! 29

56 Leggiamo i componenti Sono più linee! E una stringa! 29

57 Leggiamo i componenti 30

58 Leggiamo l automobile 31

59 Leggiamo l automobile 31

60 Finiamo il main()... 32

61 Tutte il materiale sarà disponibile sul mio sito internet: alessandronacci.it 33

62 IEIM Mappa del Tesoro Matrici e Ricorsione Alessandro A. Nacci - alessandronacci.it 1

63 LA MAPPA DEL TESORO 2

64 Una mappa particolare! Immaginiamo di avere una mappa del tesoro un po particolare! E una sorta di mappa termica radiale della vicinanza al tesoro 3

65 La strategia del pirata Un pirata che vuole muoversi su questa mappa per cercare il tesoro, si sposterà sempre dalle celle con colori più freddi verso celle con colori più caldi 4

66 Traccia dell esercizio Scrivere un programma C che sia in grado di gestire la mappa appena introdotta date le coordinate del tesoro, creare la mappa termica di vicinanza date delle coordinate di partenza, tracciare un percorso valido per arrivare al tesoro 5

67 Gestione della mappa termica Come rappresentiamo la mappa termica? 6

68 Gestione della mappa termica Come rappresentiamo la mappa termica? Usiamo una matrice I colori diventano numeri 6

69 Gestione della mappa termica Come rappresentiamo la mappa termica? Usiamo una matrice I colori diventano numeri 6

70 Include, define e dichiarazione variabili #include <stdio.h> #include <math.h> #define W 10 #define H 10 #define VALORE_TESORO 15 } void stampa_mappa(int mappa[w][h]) { int x,y; } for (x = start_x - 1; x <= start_x + 1; x++) for (y = start_y - 1; y <= start_y + 1; y++) if (x>0 && y >= 0 && x<w && y<h) if (mappa[x][y] > mappa[start_x][start_y]) { return 0; int main() { for (x = 0; x < W; x++) { int mappa[w][h]; for (y = 0; y < H; y++) int { x,y; int trovato printf("%d\t", = 0; mappa[x][y]); } printf("\n"); } init_mappa(mappa); stampa_mappa(mappa); printf("\n\n\n"); void stampa_percorso(int mappa[w][h]) { int x,y; } metti_tesoro(mappa, 5,5); stampa_mappa(mappa); for (x = 0; x < W; x++) { mappa[start_x][start_y] = -1; return cerca_tesoro(mappa, x, y); VALORE_TESORO è legato alla dimensione della mappa trovato = cerca_tesoro(mappa, 0,2); if (trovato) printf("ho trovato il tesoro!\n"); 7

71 printf("\n\n\n"); Inizializziamo la mappa } void init_mappa(int mappa[w][h]) { } int x,y; for (x = 0; x < W; x++) { for (y = 0; y < H; y++) { mappa[x][y] = 0; } } Scrivere una funziona che riempia di 0 una matrice mappa in ingresso. void metti_tesoro(int 8 mappa[w][h], int tes_x,

72 printf("\n\n\n"); Inizializziamo la mappa } void init_mappa(int mappa[w][h]) { } int x,y; for (x = 0; x < W; x++) { for (y = 0; y < H; y++) { mappa[x][y] = 0; } } void metti_tesoro(int 8 mappa[w][h], int tes_x,

73 #include <math.h> Stampiamo la mappa #define W 10 #define H 10 #define VALORE_TESORO 15 void stampa_mappa(int mappa[w][h]) { int x,y; } for (x = 0; x < W; x++) { for (y = 0; y < H; y++) { schermo printf("%d\t", una matrice mappa[x][y]); mappa in } printf("\n"); ingresso } Scrivere una funziona che visualizzi a printf("\n\n\n"); void stampa_percorso(int mappa[w][h]) { int x,y; 9

74 #include <math.h> Stampiamo la mappa #define W 10 #define H 10 #define VALORE_TESORO 15 void stampa_mappa(int mappa[w][h]) { int x,y; } for (x = 0; x < W; x++) { for (y = 0; y < H; y++) { printf("%d\t", mappa[x][y]); } printf("\n"); } printf("\n\n\n"); void stampa_percorso(int mappa[w][h]) { int x,y; 9

75 Metti tesoro - corretto Scrivere una funziona che, date due coordinate tes_x e tes_y - che sono le coordinate del tesoro - crei la mappa termica radiale presentata in precedenza all interno di una matrice mappa passata in ingresso. 10

76 Metti tesoro - corretto 10

77 } if ( ((x == start_x) (x == end_x)) ((y mappa[x][y] = val_tesoro - radius; Cerchiamo il tesoro e tracciamo il percorso } int cerca_tesoro(int mappa[w][h], int start_x, int start_y) { if (mappa[start_x][start_y] == VALORE_TESORO) return 1; Scrivere int x,y; una funzione C che date due coordinate da cui il pirata parte ( start_x e start_y ), cerchi un percorso corretto per arrivare al tesoro. for (x = start_x - 1; x <= start_x + 1; x++) for (y = start_y - 1; y <= start_y + 1; y++) if (x>0 && y >= 0 && x<w && y<h) if (mappa[x][y] > mappa[start_x][start_y]) { quello della cella corrente. mappa[start_x][start_y] = -1; return cerca_tesoro(mappa, x, y); } Per creare un percorso corretto, dato un punto generico in cui il pirata si trova, il pirata può spostarsi solo in una cella adiacente che abbia un valore superiore a Una volta che una cella viene visitata, è necessario marcarla per indicare che quella cella è parte del percorso scelto. } return 0; int main() 11

78 } if ( ((x == start_x) (x == end_x)) ((y mappa[x][y] = val_tesoro - radius; Cerchiamo il tesoro e tracciamo il percorso } int cerca_tesoro(int mappa[w][h], int start_x, int start_y) { if (mappa[start_x][start_y] == VALORE_TESORO) return 1; int x,y; for (x = start_x - 1; x <= start_x + 1; x++) for (y = start_y - 1; y <= start_y + 1; y++) if (x>0 && y >= 0 && x<w && y<h) if (mappa[x][y] > mappa[start_x][start_y]) { mappa[start_x][start_y] = -1; return cerca_tesoro(mappa, x, y); } } return 0; int main() 11

79 printf("\n\n\n"); Mostriamo a schermo il percorso } void stampa_percorso(int mappa[w][h]) { int x,y; for (x = 0; x < W; x++) { for (y = 0; y < H; y++) { if (mappa[x][y] == -1) printf("#\t"); Scrivere una cella che visualizzi in modo chiaro quale è il percorso scelto else dal pirata printf("-\t"); per raggiungere il tesoro. } } } printf("\n"); printf("\n\n\n"); void init_mappa(int mappa[w][h]) 12

80 Mostriamo a schermo il percorso } printf("\n\n\n"); void stampa_percorso(int mappa[w][h]) { int x,y; } for (x = 0; x < W; x++) { for (y = 0; y < H; y++) { if (mappa[x][y] == -1) printf("#\t"); else printf("-\t"); } printf("\n"); } printf("\n\n\n"); void init_mappa(int mappa[w][h]) 12

81 } E facciamo il main :) return 0; int main() { int mappa[w][h]; int x,y; int trovato = 0; } init_mappa(mappa); stampa_mappa(mappa); metti_tesoro(mappa, 5,5); stampa_mappa(mappa); trovato = cerca_tesoro(mappa, 0,2); if (trovato) printf("ho trovato il tesoro!\n"); stampa_mappa(mappa); stampa_percorso(mappa); 13

82 Tutte il materiale sarà disponibile sul mio sito internet: alessandronacci.it 14

Corso di Informatica Medica Esercitazione VI 29 maggio 2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com

Corso di Informatica Medica Esercitazione VI 29 maggio 2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com Corso di Informatica Medica Esercitazione VI 29 maggio 2014! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com 1 2 Automobili Rappresentare in C una automobile. Nel nostro caso, una automobile

Dettagli

IEIM Esercitazione VIII Gioco dell impiccato e Mappa Del Tesoro. Alessandro A. Nacci -

IEIM Esercitazione VIII Gioco dell impiccato e Mappa Del Tesoro. Alessandro A. Nacci - IEIM 2015-2016 Esercitazione VIII Gioco dell impiccato e Mappa Del Tesoro Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it - www.alessandronacci.it 1 Il gioco dell impiccato Scrivere un programma che permetta

Dettagli

IEIM Esercitazione XI Ricorsione e Ripasso. Alessandro A. Nacci -

IEIM Esercitazione XI Ricorsione e Ripasso. Alessandro A. Nacci - IEIM 2017-2018 Esercitazione XI Ricorsione e Ripasso Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it - www.alessandronacci.it 1 Mappa del Tesoro Matrici e Ricorsione 2 LA MAPPA DEL TESORO 3 Una mappa particolare!

Dettagli

IEIM Esercitazione IX Ordinamento vettori e Struct Complesse. Alessandro A. Nacci -

IEIM Esercitazione IX Ordinamento vettori e Struct Complesse. Alessandro A. Nacci - IEIM 2015-2016 Esercitazione IX Ordinamento vettori e Struct Complesse Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it - www.alessandronacci.it 1 Ordinamento di vettori Il lancio dei dadi 2 Lancio dei dadi

Dettagli

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com

Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014.! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com Corso di Informatica Medica Esercitazione 1I 2013-2014! Alessandro A. Nacci nacci@elet.polimi.it - alessandronacci.com 1 2 Esercizio 1 Scrivere un programma che legga due array di interi da tastiera dica

Dettagli

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SDM ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Docente: R. Sparvoli Esercitazioni: R. Sparvoli, F. Palma OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO L elaborazione dei files

Dettagli

Breve riepilogo della puntata precedente:

Breve riepilogo della puntata precedente: Breve riepilogo della puntata precedente: 1. In C, il passaggio dei parametri alle funzioni avviene sempre per copia, ovvero il valore del parametro viene copiato all'interno della variabile che rappresenta

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

RICERCA DI UN ELEMENTO

RICERCA DI UN ELEMENTO RICERCA DI UN ELEMENTO Si legga da tastiera un array di N elementi (N stabilito dall utente) Si richieda un elemento x il programma deve cercare l elemento x nell array Se l elemento è presente, deve visualizzare

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

Esercizi della lezione 5 di Java

Esercizi della lezione 5 di Java Esercizi della lezione 5 di Java Esercizio 5 Create il tipo di dato Counter dell Esercizio 1 come sottoclasse del tipo di dato SimpleCounter. Esercizio 1 Create un tipo di dato Counter che abbia: un valore

Dettagli

Laboratorio di Fondamenti di Informatica anno accademico 2015-2016. Esercizi proposti il 09-12-2015

Laboratorio di Fondamenti di Informatica anno accademico 2015-2016. Esercizi proposti il 09-12-2015 Laboratorio di Fondamenti di Informatica anno accademico 2015-2016 Esercizi proposti il 09-12-2015 ESERCIZI GUIDATI Gli esercizi saranno svolti in aula dal docente di laboratorio per illustrare alcuni

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Appello di Informatica B

Appello di Informatica B Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria Industriale 19 febbraio 2004 Appello di Informatica B Prof. Angelo Morzenti - Prof. Vincenzo Martena Cognome e nome: Matricola: Tipo di prova: recupero I prova

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C IN AMBIENTE UNIX Introduzione In questa dispensa sono stati raccolti alcuni esercizi di programmazione C in ambiente Unix, tratti dagli esami di Sistemi Operativi svoltisi

Dettagli

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto

Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto Università degli studi di Camerino Scuola di scienze e tecnologia - Sezione Informatica Programmazione C Massimo Callisto De Donato massimo.callisto@unicam.it www.cs.unicam.it/massimo.callisto LEZIONE

Dettagli

FUNZIONI. La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni:

FUNZIONI. La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni: FUNZIONI La libreria standard del C fornisce una ricca collezione di funzioni, come le funzioni: double sqrt(double) double pow (double, double) della libreria matematica, che abbiamo già usato anche senza

Dettagli

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C

GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C GUIDA ALLA PROGRAMMAZIONE GRAFICA IN C.:luxx:. PREMESSE In questa guida non verranno trattati i costrutti di flusso, le funzioni, o comunque le caratteristiche del linguaggio, che si danno come presupposte.

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano/ 1 Operazioni su Liste Doppie e Circolari 2 1 Indice Liste puntate semplici: Gli elementi sono

Dettagli

Fondamenti di Informatica 2

Fondamenti di Informatica 2 Fondamenti di Informatica 2 della prova scritta del 28 Febbraio 2006 Esercizio 1 (4 punti) Date le seguenti variabili int A[] = 2,3,7,-2,5,8,-4; int N = 7; int min = 3; int i; Scrivere la porzione di codice

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

Visualizzazione grafica. dell'output di un programma con GNUplot

Visualizzazione grafica. dell'output di un programma con GNUplot Visualizzazione grafica dell'output di un programma con GNUplot GNUplot è un programma interattivo per la visualizzazione di grafici di funzione; non è una "libreria" da includere in un programma C, ma

Dettagli

Algoritmi di ordinamento

Algoritmi di ordinamento Algoritmi di ordinamento Scopo di questa esercitazione: Comprendere la complessità del problema ordinamento cerchiamo di valutare il costo di una soluzione (confrontandola con un altra ) Modifiche al codice

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12};

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; ESERCIZI 2 LABORATORIO Problema 1 Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; Chiede all'utente un numero e, tramite ricerca

Dettagli

IEIM Esercitazione V Matrici, funzioni, puntatori & enum. Alessandro A. Nacci -

IEIM Esercitazione V Matrici, funzioni, puntatori & enum. Alessandro A. Nacci - IEIM - Esercitazione V Matrici, funzioni, puntatori & enum Alessandro A. Nacci alessandro.nacci@polimi.it - www.alessandronacci.it Cosa facciamo oggi? MATRICI E FUNZIONI PUNTATORI E MEMORIA ESERCIZIO:

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

La struttura dati ad albero binario

La struttura dati ad albero binario La struttura dati ad albero binario L albero è una struttura dati nella quale le informazioni sono organizzate in modo gerarchico, dall alto verso il basso. Gli elementi di un albero si chiamano nodi,

Dettagli

Esercizio 1. Esercizi 5. Esercizio 3. Esercizio 2 CICLI

Esercizio 1. Esercizi 5. Esercizio 3. Esercizio 2 CICLI Esercizi 5 Esercizio 1 Realizzare una funzione che, chiesto all utente un numero intero pari a N, ricavi e stampi a video tutte le terne pitagoriche con i cateti minori o uguali ad N. CICLI Una terna pitagorica

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni

La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni La gestione dell input/output da tastiera La gestione dell input/output da file La gestione delle eccezioni Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M. Milano" Autore: Prof. Agostino Sorbara ITIS "M. M.

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione VI Tatiana Zolo tatiana.zolo@libero.it 1 LE STRUCT Tipo definito dall utente i cui elementi possono essere eterogenei (di tipo diverso). Introduce un nuovo tipo di

Dettagli

1: /* Nome del programma: gestione_articoli_01.cpp 2: Realizzato da: Gaetano Della Cerra 3: Data: 06/02/2010 - III Informatica Serale I.T.I.S.

1: /* Nome del programma: gestione_articoli_01.cpp 2: Realizzato da: Gaetano Della Cerra 3: Data: 06/02/2010 - III Informatica Serale I.T.I.S. 1: /* Nome del programma: gestione_articoli_01.cpp 2: Realizzato da: Gaetano Della Cerra 3: Data: 06/02/2010 - III Informatica Serale I.T.I.S. Molinari 4: Il programma gestisce gli articoli di un negozio

Dettagli

Record in C: il costruttore struct.

Record in C: il costruttore struct. Record in C: il costruttore struct. Le variabili di tipo record e i nuovi tipi record si dichiarano in C tramite il costruttore di tipo struct:. ::= ;

Dettagli

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni.

Le funzioni in C. I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Le funzioni in C I programmi C sono costituiti da definizioni di variabili e funzioni. Una definizione di funzione ha il seguente formato: tipo-ritornato nome-funzione(lista-parametri) { dichiarazioni

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE

Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE NOME: COGNOME: ============================================================== Esercizio 1 ci sono tante "righe"; non è detto servano tutte...

Dettagli

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi di Algoritmi e Strutture Dati Moreno Marzolla marzolla@cs.unibo.it 18 marzo 2011 Problema basato su 10.5 del libro di testo La CINA (Compagnia Italiana per il Noleggio di Automobili) dispone di

Dettagli

MAGAZZINO.CPP January 2, 2008 Page 1

MAGAZZINO.CPP January 2, 2008 Page 1 MAGAZZINO.CPP January 2, 2008 Page 1 1 #include 2 #include 3 #include 4 // ==================================================================== 5 // Versione 1.1 1/1/2008

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005

Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità COMPILAZIONE DELLA DOMANDA ON LINE TRASPORTO SCOLASTICO GUIDA A CURA DELL UFFICIO PUNTO UNICO

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità COMPILAZIONE DELLA DOMANDA ON LINE TRASPORTO SCOLASTICO GUIDA A CURA DELL UFFICIO PUNTO UNICO COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità COMPILAZIONE DELLA DOMANDA ON LINE TRASPORTO SCOLASTICO GUIDA A CURA DELL UFFICIO PUNTO UNICO ULTIMO AGGIORNAMENTO: APRILE 2015 Per accedere alla piattaforma

Dettagli

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ E necessario chiarire inizialmente alcuni concetti. La compilazione Il dispositivo del computer addetto all esecuzione dei programmi è la CPU La CPU

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

SOLUZIONE ESERCIZIO 1

SOLUZIONE ESERCIZIO 1 SOLUZIONE ESERCIZIO 1 Progettare un algoritmo che dati tre numeri (voti) a, b, c che possono assumere i valori interi da 18 a 30, calcoli la loro media. #include void main() { int a, b, c; float

Dettagli

Gestione delle stringhe in C

Gestione delle stringhe in C Gestione delle stringhe in C 1 Generalità Una stringa è un vettore di caratteri il cui ultimo elemento è un carattere terminatore (o di fine stringa), codificato dal carattere di codice 0 e rappresentato

Dettagli

ESAME SCRITTO DI ELEMENTI DI INFORMATICA E PROGRAMMAZIONE. 27 Gennaio 2015

ESAME SCRITTO DI ELEMENTI DI INFORMATICA E PROGRAMMAZIONE. 27 Gennaio 2015 COGNOME E NOME: MATRICOLA: Civile Ambiente e Territorio Non si possono consultare manuali, appunti e calcolatrici. Esercizio 1: [3 punto] Rappresentare i numeri 36 e 91 (in base 10) in notazione binaria

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2010-11 13 settembre 2011

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2010-11 13 settembre 2011 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2010-11 13 settembre 2011 Testo Il database di un videonoleggio è costituito da due vettori paralleli.

Dettagli

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione

Programmazione ad Oggetti: JAVA. Esercitazione Programmazione ad Oggetti: JAVA Esercitazione Docente Ing. Mariateresa Celardo mariateresa.celardo@uniroma2.it Scrivere la classe Motorino che ha i seguenti attributi colore: una stringa indicante il colore

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Introduzione a ROOT. 1. Informazioni generali

Introduzione a ROOT. 1. Informazioni generali Introduzione a ROOT 1. Informazioni generali ROOT è un ambiente visualizzazione e trattamento dati interattivo sviluppato al CERN (si veda il sito ufficiale http://root.cern.ch interamente sviluppato in

Dettagli

Problem solving elementare su dati vettoriali

Problem solving elementare su dati vettoriali Problem solving elementare su dati vettoriali Introduzione Verifiche su sequenze di dati Selezione o ricerca di dati 2 2006 Politecnico di Torino 1 Introduzione (1/2) I problemi di verifica consistono

Dettagli

Introduzione al foglio elettronico

Introduzione al foglio elettronico Introduzione al foglio elettronico 1. Che cos'è un foglio elettronico? Un foglio elettronico è un programma che permette di inserire dei dati, di calcolare automaticamente i risultati, di ricalcolarli

Dettagli

Esercitazione 10. Strutture ed Enumerazioni. Allocazione dinamica di memoria

Esercitazione 10. Strutture ed Enumerazioni. Allocazione dinamica di memoria Esercitazione 10 Strutture ed Enumerazioni Allocazione dinamica di memoria ESERCIZIO Scrivere una funzione che, dato un array di interi bidimensionale di dimensione n n, calcoli e stampi la somma degli

Dettagli

Simulazione traffico urbano

Simulazione traffico urbano Simulazione traffico urbano Si richiede di simulare il movimento del traffico in un ipotetico tratto di strada che viene percorso da delle automobili e che dei pedoni devono attraversare. La situazione

Dettagli

Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C

Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C Un programma il linguaggio C (listato) viene scritto in formato testo ed archiviato in un file: *.c Per scrivere un listato C si utilizza

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate valide

Dettagli

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione

Ottava Esercitazione. introduzione ai thread java mutua esclusione Ottava Esercitazione introduzione ai thread java mutua esclusione Agenda Esempio 1 Concorrenza in Java: creazione ed attivazione di thread concorrenti. Esercizio 2 da svolgere Concorrenza in Java: sincronizzazione

Dettagli

Esercizi C su array e matrici

Esercizi C su array e matrici Politecnico di Milano Esercizi C su array e matrici Massimo, media e varianza,, ordinamento, ricerca e merge, matrice simmetrica, puntatori Array Array o vettore Composto da una serie di celle int vett[4]

Dettagli

Per accedere al Mio Portale Studenti autenticati inserendo username e password istituzionali di Ateneo nella maschera di Login.

Per accedere al Mio Portale Studenti autenticati inserendo username e password istituzionali di Ateneo nella maschera di Login. Il Mio Portale Studenti è l area riservata che raccoglie tutti i collegamenti ai servizi online e alle convenzioni di Ateneo. Puoi, inoltre, personalizzare il sito aggiungendo, modificando e aggiornando

Dettagli

Esercitazione 3. Corso di Fondamenti di Informatica

Esercitazione 3. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 3 Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Fondamenti di Informatica T-1, 2009/2010 Modulo 2 Prova d Esame 5 di Giovedì 15 Luglio 2010 tempo a disposizione 2h30'

Fondamenti di Informatica T-1, 2009/2010 Modulo 2 Prova d Esame 5 di Giovedì 15 Luglio 2010 tempo a disposizione 2h30' Prima di cominciare: si scarichi dal sito http://esamix.labx il file StartKit5.zip contenente i file necessari (solution di VS2008 e progetto compresi). Avvertenze per la consegna: apporre all inizio di

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino. Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) 11^ parte : Come gestire i servomotori con Arduino Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) Un servomotore è un dispositivo capace di eseguire dei movimenti meccanici in funzione del

Dettagli

Esempio: Array di struct

Esempio: Array di struct Esempio: Array di struct Scrivere un programma C che definisca la struttura esame, composta dal nome dell esame (stringa) e dal voto (intero). Si leggano poi da terminale n esami, con n definito dall utente

Dettagli

Definizione di classi con array di oggetti

Definizione di classi con array di oggetti Definizione di classi con array di oggetti 1. (Esame scritto del 18/9/2002, Esercizio 6.) La banca dati di un agenzia assicurativa per auto è caratterizzata da un insieme di polizze di assicurazioni per

Dettagli

Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo

Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo Esercizi svolti durante le ore di Informatica e Sistemi automatici nelle classi del Liceo Scientifico Tecnologico del Liceo Milli di Teramo /*Caricare un vettore di n numeri float, ordinarlo e e stamparlo

Dettagli

MANUALE CANTINA 04.01

MANUALE CANTINA 04.01 MANUALE CANTINA 04.01 Si tratta di un programma per la gestione di una cantina che permette di mantenere un archivio aggiornato di tutte le bottiglie che vi sono conservate. Il suo utilizzo è pensato sia

Dettagli

Esercizi. La funzione swapint() primo tentativo

Esercizi. La funzione swapint() primo tentativo Politecnico di Milano Esercizi Puntatori, struct con campi puntatore, puntatori a struct, rapporto tra array e puntatori. FUNZIONI Passaggio di parametri per indirizzo, passaggio di array. #include

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013

Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Cognome Nome Matricola Postazione PC Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Esame di Informatica a.a. 2012-13 14 giugno 2013 Testo Il database di una banca è costituito da due vettori paralleli. Il primo

Dettagli

Guido d uso sito internet Unione Valdera

Guido d uso sito internet Unione Valdera Guido d uso sito internet Unione Valdera Accesso Area riservata di gestione sito: Inserito nome utente e password vi troverete la schermata di cui sotto con le sezioni del sito in evidenza Cliccando sulla

Dettagli

ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia)

ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia) ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia) Scrivere una funzione per definire se un numero è primo e un programma principale minimale che ne testa la funzionalità. #include

Dettagli

[Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina

[Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina [Dimensionare la pagina-creare le tabelle-formattare le tabelle-formattare la pagina Creare cartelle per salvare il lavoro] Per iniziare dobbiamo imparare a gestire quello spazio bianco che diverrà la

Dettagli

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone Canavese Febbraio 2011 Cos'è una LIM? LIM è l'acronimo

Dettagli

Laboratorio di Programmazione 1. Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014

Laboratorio di Programmazione 1. Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014 Laboratorio di Programmazione 1 1 Docente: dr. Damiano Macedonio Lezione 18 31/03/2014 Funzioni: Dichiarazione e Definizione La dichiarazione di una funzione serve a comunicare al compilatore quali sono

Dettagli

L indirizzo per accedere alla piattaforma carpooling è https://www.carpoolworld.com/chums

L indirizzo per accedere alla piattaforma carpooling è https://www.carpoolworld.com/chums L indirizzo per accedere alla piattaforma carpooling è https://www.carpoolworld.com/chums 1. clicca su Iscriviti ; 2. Nella sezione Contatto, inserisci - il tuo indirizzo email del lavoro. ATTENZIONE:

Dettagli

Esercizi sulla definizione di classi (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni

Esercizi sulla definizione di classi (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni Esercizi sulla definizione di classi (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni Esercizio 1 Nella classe definita di seguito indicare quali sono le variabili di istanza, quali sono le variabili

Dettagli

Esercizio 1. Esercizio 1

Esercizio 1. Esercizio 1 Esercizio 1 Un registratore di cassa registra su di un file binario alcuni dati relativi agli scontrini emessi. In particolare, tramite una struttura dati di nome scontrino, il registratore di cassa tiene

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

Applicativo: Oggetto: Data di rilascio: 01/06/2011

Applicativo: Oggetto: Data di rilascio: 01/06/2011 Applicativo: Oggetto: Manuale Utente WEBPORTAL Data di rilascio: 01/06/2011 NOVITA Clienti e Documenti Nella sezione Visualizza Clienti è stato affinato il filtro di ricerca con un ulteriore flag per filtrare

Dettagli

3) Il seguente numerale A1F0 in base 16 a quale numero in base 10 corrisponde?

3) Il seguente numerale A1F0 in base 16 a quale numero in base 10 corrisponde? Leggete attentamente le domande del test e date la/le vostra/e risposta/e. 1) Per quanto tempo la memoria RAM di un personal computer conserva le informazioni? Finchè lo hard disk funziona in modo corretto

Dettagli

Soluzioni degli esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo)

Soluzioni degli esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni degli esercizi di riepilogo (Fondamenti di Informatica 1 Walter Didimo) Soluzioni delle prove al calcolatore Esercizio 7 (esame del 08/01/2009) class TabellaDiNumeri{ private double[][] tabella;

Dettagli

Header. Unità 9. Corso di Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica BCLR. Domenico Daniele Bloisi

Header. Unità 9. Corso di Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica BCLR. Domenico Daniele Bloisi Corso di Laboratorio di Informatica Ingegneria Clinica BCLR Domenico Daniele Bloisi Docente Ing. Domenico Daniele Bloisi, PhD Ricercatore Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale

Dettagli

Esercitazione n 4. Obiettivi

Esercitazione n 4. Obiettivi Esercitazione n 4 Obiettivi Progettare e implementare per intero un componente software in Java Linguaggio Java: Classi astratte Utilizzo di costruttori e metodi di superclasse Polimorfismo Esempio guida:

Dettagli

Struttura di un programma Java

Struttura di un programma Java Struttura di un programma Java Un programma in Java è un insieme di dichiarazioni di classi. Una classe non può contenere direttamente delle istruzioni, ma può contenere la dichiarazione di metodi, che

Dettagli

La Stampa Unione. Individuare la lista indirizzi per la Stampa Unione

La Stampa Unione. Individuare la lista indirizzi per la Stampa Unione La Stampa Unione La Stampa unione consente di personalizzare con il nome, il cognome, l'indirizzo e altri dati i documenti e le buste per l'invio a più destinatari. Basterà avere un database con i dati

Dettagli

Linguaggio C - Funzioni

Linguaggio C - Funzioni Linguaggio C - Funzioni Funzioni: Il linguaggio C è di tipo procedurale; ogni programma viene suddiviso in sottoprogrammi, ognuno dei quali svolge un determinato compito. I sottoprogrammi si usano anche

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

1 (4) 2 (4) 3 (12) 4 (6) 5 (6)

1 (4) 2 (4) 3 (12) 4 (6) 5 (6) CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA, CHIMICA e MATERIALI Informatica B, C Anno Accademico 2016-2017 Proff. Danilo ARDAGNA Prima Prova in Itinere 4.5.2017 Cognome Nome Matricola Firma Durata: 2h Valutazioni

Dettagli

Modulo 4: Ereditarietà, interfacce e clonazione

Modulo 4: Ereditarietà, interfacce e clonazione Modulo 4: Ereditarietà, interfacce e clonazione Argomenti Trattati: Classi, Superclassi e Sottoclassi Ereditarietà Ereditarietà ed Attributi Privati Override super Ereditarietà e Costruttori Polimorfismo

Dettagli

Introduzione a Classi e Oggetti

Introduzione a Classi e Oggetti Introduzione a Classi e Oggetti Oggetto: concetto astratto Entità di un programma dotata di tre proprietà caratteristiche stato informazioni conservate nell oggetto condizionano il comportamento dell oggetto

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa E01 Esempi di programmi A. Miola Ottobre 2011 1 Contenuti Vediamo in questa lezione alcuni primi semplici esempi di applicazioni

Dettagli

Uso di librerie preconfezionate. pezzi di programma già scritto da altri; di solito ben collaudati;

Uso di librerie preconfezionate. pezzi di programma già scritto da altri; di solito ben collaudati; Uso di librerie preconfezionate Cosa sono: pezzi di programma già scritto da altri; di solito ben collaudati; comprendono le definizioni delle funzioni e il codice eseguibile; per librerie di pubblico

Dettagli

IL MIO PRIMO SITO: NEWS

IL MIO PRIMO SITO: NEWS Pagina 1 IL MIO PRIMO SITO: NEWS Sommario IL MIO PRIMO SITO: NEWS...1 Introduzione...2 I Contenitori...2 Creo un Contenitore...3 I Tracciati...4 Creo le Notizie...6 Inserisco il Testo...6 Inserisco un

Dettagli