LABORATORIO PLS MATERIALI PER LE ENERGIE RINNOVABILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO PLS MATERIALI PER LE ENERGIE RINNOVABILI"

Transcript

1 PIANO NAZIONALE LAUREE SCIENTIFICHE (PNLS1) la scienza per una migliore qualità della vita LABORATORIO PLS MATERIALI PER LE ENERGIE RINNOVABILI Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 1 di 32

2 PREMESSA Il settore di attività sul fotovoltaico tradizionale affronta il tema dell'impiego dell'energia solare per la produzione di elettricità mediante l'utilizzo di celle fotovoltaiche basate sulla tecnologia del silicio. Le celle utilizzate sono 6 di silicio policristallino collegate e inserite in un pannello. La parte teorica, in cui vengono descritte le problematiche legate alla produzione sostenibile di energia, alla tecnologia del fotovoltaico in generale e quello innovativo in particolare è supportata ed ampliata dall'attività sperimentale che ci apprestiamo ad affrontare. In questo laboratorio si realizzerà lo schema elettrico di collegamento dei vari componenti circuitali e si eseguiranno le misure elettriche. La luce di illuminazione del pannello è fornita da un sistema di fari a led multicolore programmabili e controllabili. L intensità della radiazione è misurata con luxmetro. I risultati sono riassunti e discussi dallo studente che prepara una relazione di misura. Resp. Prof. Enrico Sappa Collaboratori all attività: Dr. C. Gandini; Prof. A. Masoero; Prof. Vittorio Mariano; Prof. Stefano Bolognini

3 LE CELLE FOTOVOLTAICHE Da qualche anno si sente parlare sempre più spesso di energie alternative, di energie rinnovabili, di energia solare...rinnovabile. Ma è possibile rinnovare l'energia? Tutti sappiamo che l'energia non si crea e non si distrugge, può soltanto trasformarsi. Ed infatti la quasi totalità dell'energia usata in tutto il mondo (più precisamente il 93,2%, il restante 6,8% proviene dal nucleare) è energia solare trasformata. Infatti il petrolio, il gas, il carbone, la legna il vento e anche il fluire dell'acqua dipendono dal sole. Eh si, anche il vento che fa girare le pale dei generatori eolici, perché è il sole che riscalda l'aria mettendola in movimento. E anche l'acqua, che fa girare le turbine degli impianti idroelettrici, è portata in alto dal sole che la fa evaporare dal mare. Prima di iniziare a vedere cosa sono e come funzionano le celle solari, facciamo un breve excursus temporale dai primi studi ad oggi Alexandre E. Becquerel osserva per la prima volta l effetto fotoelettrico Charles Fritts costruisce una cella solare di circa 30 centimetri quadrati a base di selenio e oro, con un efficienza di conversione dell'1% Vengono depositati i primi brevetti Albert Einstein pubblica il suo lavoro sull effetto fotoelettrico che gli varrà il Nobel. Wilhelm Hallwachs costruisce la prima cella solare a semiconduttore (rame e ossido di rame) I laboratori Bell cominciano la produzione di celle solari per attività aerospaziali La Hoffman Electronics, su licenza Western Electric, commercializza per la prima volta una cella solare (efficienza del 2%, costo $ 25 al pezzo, cioè $ 1785/W) Le celle solari raggiungono il 14% di efficienza a conferenza mondiale delle Nazioni Unite sull energia solare La giapponese Sharp produce i primi moduli fotovoltaici commerciali David Carlson e Christopher Wronski creano la prima cella a silicio amorfo, con un efficienza dell 1,1% La produzione mondiale di celle solari supera i 500 kw Prima cella solare a film sottile (solfuri di rame e cadmio) che supera il 10% di efficienza Prima cella al silicio con efficienza del 20% Sviluppo delle celle fotoelettrochimiche Costruita una cella a giunzioni multiple che supera il 30% di efficienza Prima cella solare fotoelettrochimica che supera il 10% di efficienza La produzione mondiale di celle solari supera i 1000 MW Realizzazione di moduli di celle solari capaci di convertire circa il 17% delle luce incidente in corrente elettrica Noi ora proseguiremo entrando più in dettaglio nel funzionamento delle odierne celle fotovoltaiche al silicio, anche comunemente chiamate celle solari al silicio. Ne esistono di due tipi principali: Celle solari al silicio monocristallino Celle solari al silicio policristallino. Una cella fotovoltaica al silicio si compone di due strati sovrapposti di materiale semiconduttore (silicio) drogati con portatori di carica diversa (generalmente boro e fosforo). Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 3 di 32

4 L'interfaccia tra le due regioni del semiconduttore costituisce una giunzione (pn). La giunzione pn costituisce un fotodiodo che è alla base del fenomeno di conversione dei fotoni della luce in energia elettrica. Il silicio non è l'unico materiale che si può utilizzare per realizzare celle fotovoltaiche ma è attualmente il più usato. Altri materiali adatti per la conversione fotovoltaica della radiazione solare sono l arseniuro di gallio, il diseleniuro di indio e rame, il telloruro di cadmio, e altri ancora. L'ATOMO DI BOHR E I LIVELLI QUANTICI Tutto inizia con Rutherford che agli inizi del XX secolo aveva proposto un modello di atomo in cui tutta la massa (quasi tutta) è concentrata in un nucleo con carica positiva intorno a cui ruotano particelle di massa piccolissima e carica negativa: gli elettroni. Per Niels Bohr, il modello di Rutherford poteva funzionare se, e solo se, agli elettroni erano permesse non tutte le orbite ma solo alcune. Un elettrone può passare da un'orbita più interna ad una più esterna se riceve energia (ad es. sotto forma di luce). Quando invece passa da un'orbita esterna ad una interna restituisce l'energia sotto forma di radiazione elettromagnetica. Ma in entrambi i casi l'energia non può assumere un valore qualsiasi, ma solo alcuni ben precisi e che dipendono dall'atomo considerato. In definitiva ogni atomo assorbe ed emette soltanto luce di colori ben precisi. Gli atomi che nella tavola degli elementi seguono l'idrogeno hanno un nucleo composto da più protoni e neutroni. Anche gli elettroni sono in numero maggiore e sono identici al numero dei protoni. La tavola periodica degli elementi indica con esattezza sia il numero di elettroni (e protoni) sia le loro orbite (livelli energetici). Se guardiamo più da vicino la tavola periodica notiamo in alto a destra una serie di numeri in colonna. Questi numeri indicano quanti elettroni si trovano sulle varie orbite partendo dalla più interna. Ad es. per il Si (silicio) troviamo 2,8,4. Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 4 di 32

5 Questo significa che il Si ha 2 elettroni sull'orbita (shell) più interna, 8 sulla seconda e quattro sulla terza. Come abbiamo già detto il numero e la disposizione degli elettroni sono determinati dalle equazioni della meccanica quantistica (modello atomico di Bohr). Quando noi disponiamo più atomi ben allineati a formare un reticolo cristallino, accade che due atomi contigui mettano in comune un elettrone. Il legame che si viene a creare è il legame covalente. Il legame covalente è un legame molto forte e stabile. Ogni atomo di silicio mettendo in comune i suoi quattro elettroni esterni con quelli degli atomi vicini raggiunge la condizione di massima stabilità (minima energia). Si viene così a formare un cristallo con un ben definito reticolo. Ogni atomo di silicio condivide un elettrone con i quattro atomi adiacenti formando con essi legami covalenti. L energia dei sistemi covalenti costituisce la banda di valenza, ed è quella corrispondente alla terza shell. Se gli elettroni acquistassero energia si sposterebbero su altre shell, iniziando dalla quarta. L'insieme di tutti i livelli energetici di queste shell viene detta banda di conduzione Tra le due esiste una differenza di energia detta gap o gap di banda. Per il silicio questo gap è di 1,14 ev; vi ricordo che un ev è l'energia necessaria per spostare un elettrone attraverso una differenza di potenziale di 1 V. Fatti gli opportuni calcoli 1 ev = J. Tanto per avere un termine di paragone, per sollevare un oggetto che pesa 1 kg di 1 metro è necessario un lavoro pari a 9,8 J. Una volta sollevato l'oggetto avrà la stessa energia che restituirà, sotto forma di calore e/o deformazione meccanica, se lasciato cadere. BANDE DI VALENZA E DI CONDUZIONE In condizioni normali tutti gli elettroni (quasi tutti) si trovano nella banda di valenza. Come possiamo portarli nella banda di conduzione? Semplice! Fornendo loro l'esatta l'energia (sotto forma di luce) necessaria per farli muovere in una delle orbite superiori. Nella banda di conduzione gli elettroni sono liberi di muoversi e quindi, potenzialmente, di fornire lavoro utile tornando nella banda di valenza. Ma gli elettroni non sono i soli in grado di produrre lavoro. Un elettrone che si sposta nella banda di conduzione lascia un posto vuoto in quella di valenza, posto che può essere occupato da un altro elettrone. Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 5 di 32

6 Ma anche questo muovendosi lascia un posto vuoto e questo movimento può essere interpretato come una carica positiva che si muove in direzione opposta a quella degli elettroni. Tale pseudo carica viene chiamata lacuna. Qualche elettrone torna nella banda di valenza ricombinandosi con le lacune ma la maggior parte resta confinato nella banda di conduzione. Ora dato che gli elettroni sono negativi e le lacune positive, esse formano una batteria. Se colleghiamo i due poli di questa batteria ad un utilizzatore circolerà una corrente elettrica, esattamente quello che volevamo: CONVERTIRE ENERGIA LUMINOSA IN ENERGIA ELETTRICA IL DROGAGGIO Vi ricordate la tabella periodica degli elementi e le due sostanze che avevamo evidenziato, il boro e il fosforo? Il boro aveva tre elettroni sulla shell esterna ed il fosforo cinque. Cosa succede se sostituiamo qualche atomo di silicio con qualche atomo di fosforo o di boro? SEMICONDUTTORE DI TIPO N Se sostituiamo un atomo di fosforo ad uno di silicio, quattro dei suoi elettroni della shell esterna formeranno legami covalenti con i quattro atomi di silicio vicini. E il quinto elettrone? Il quinto elettrone rimarrà nelle vicinanze attratto dalla carica elettrostatica del nucleo di fosforo. Ma non trovandosi su un'orbita particolare, sarà sufficiente una piccolissima energia, come quella dovuta alla temperatura a cui si trova il materiale, a staccarlo dalla sua posizione per vagare libero nel cristallo. La situazione che si verrà a creare sarà la seguente: Cariche positive immobilizzate nel reticolo cristallino Cariche negative, elettroni, libere di muoversi nel cristallo Ad un cristallo così fatto viene dato il nome di semiconduttore di tipo N. È da precisare che il numero degli atomi di fosforo (atomi droganti) è estremamente esiguo (1 ogni milioni) e tale da non alterare l'uniformità del cristallo di silicio. SEMICONDUTTORE DI TIPO P Se invece sostituiamo un atomo di boro ad uno di silicio, i suoi tre elettroni della shell esterna formeranno legami covalenti con tre atomi di silicio vicini: manca un legame covalente. Ma a temperatura ambiente può succedere che qualche altro elettrone riceva sufficiente energia per liberarsi dal legame e muoversi nel cristallo andando magari a completare il legame mancante. Ma in questo modo lascerà una carica positiva dove si trova l'atomo da cui si è staccato ed una negativa vicino all'atomo di boro. La situazione che si verrà a creare sarà la seguente: Cariche negative immobilizzate nel reticolo cristallino Cariche positive, lacune, libere di muoversi nel cristallo Ad un cristallo così fatto viene dato il nome di semiconduttore di tipo P. GIUNZIONE PN Siamo ormai quasi giunti alla fine del nostro percorso. Per realizzare una cella fotovoltaica non ci resta che unire un semiconduttore di tipo N ad un semiconduttore di tipo P. Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 6 di 32

7 Unire non significa certo prendere due pezzi di silicio drogati in modo opposto e metterli a contatto. Significa piuttosto drogare un unico monocristallo di silicio (ovverosia un cristallo di silicio senza deformazioni e impurezze) con boro e fosforo alle estremità. Per motivi che chi vorrà potrà approfondire, elettroni e lacune tendono a fluire alle due estremità del cristallo ricreando la nostra batteria. Se una radiazione di lunghezza d'onda appropriata colpisce la nostra giunzione molti elettroni lasceranno la loro orbita e, se connettiamo alle due estremità del cristallo un carico in esso fluirà corrente producendo lavoro. Bene, ora sapete, almeno per grandi linee come sono fatte le celle solari. Ma ci sono ancora moltissime domande a cui dare un risposta: Perché le celle sono così poco efficienti? Che differenza c'è tra celle fotovoltaiche di silicio monocristallino e policristallino? Quali altri materiali si possono usare? Come aumentare il rendimento e ridurre i costi di produzione? Qual è lo stato dell'arte? Cosa possiamo aspettarci nel prossimo futuro? E in un futuro ancora più lontano? E ancora tante altre domande. Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 7 di 32

8 MODALITA' DI ESECUZIONE DELLA MISURA Una cella fotovoltaica converte la radiazione di una sorgente luminosa (sole) in energia elettrica. L'energia fornita dipende da: lunghezza d'onda della radiazione intensità della radiazione Si dovranno pertanto effettuare misure della tensione d'uscita. variando la lunghezza d'onda (colore) della radiazione ad intensità costante variando l'intensità della radiazione a lunghezza d'onda costante (colore bianco) Una terza misura effettuata mantenendo costante sia l'intensità che la lunghezza d'onda della radiazione (intensità massima, colore bianco) e variando invece il carico, permetterà di determinare il punto di lavoro ottimale (massima potenza erogata) della cella. NOTA: Nel banco di prova indicato (sorgente luminosa con fari LED) l'intensità della radiazione varia al variare della lunghezza d'onda, è pertanto indispensabile utilizzare un luxmetro per misurare l'intensità della radiazione ed agire sul controller per mantenerla costante. Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 8 di 32

9 SCHEMA DEL BANCO DI PROVA SOLAR CELL TEST terminazione cavi DMX. V. opzionale I Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 9 di 32

10 1. LED DMX Operator (Controller) LEGGERE IL MANUALE DEL CONTROLLER PRIMA DI CONNETTERE L'ALIMENTAZIONE. Il controller non ha interruttore di accensione, é operativo subito dopo il collegamento dell'alimentazione, premere il tasto BLACKOUT per spegnere i fari. 1. Color-buttons for SELECT-COLOR MODE 2. HOLD button 3. SELECT-COLOR MODE Button 4. PROGRAM SELECT MODE Button 5. PROGRAM SELECT channel fader 6. SPEED channel fader 7. FLASH FREQUENCY/SENSITIVITY channel fader 8. Microphone 9. BLACKOUT- Button 10. SOUND CONTROL Button 11. AUTO Button 12. R G B Buttons Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 10 di 32

11 FOGLIO RACCOLTA DATI Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 11 di 32

12 RISULTATI DELLE MISURE Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 12 di 32

13 Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 13 di 32

14 Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 14 di 32

15 Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 15 di 32

16 Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 16 di 32

17 Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 17 di 32

18 Premessa Il settore di attività sul fotovoltaico innovativo (Celle di Graetzel) affronta il tema dell'impiego dell'energia solare per la produzione di elettricità mediante l'utilizzo di celle fotovoltaiche non basate sulla tecnologia del silicio. Dette celle utilizzano coloranti organici, anche di origine naturale, legate a supporti inorganici di basso costo. La parte teorica, in cui vengono descritte le problematiche legate alla produzione sostenibile di energia, alla tecnologia del fotovoltaico in generale e quello innovativo in particolare è supportata ed ampliata dall'attività sperimentale che ci apprestiamo ad affrontare. In questo laboratorio si costruirà e si testerà un prototipo di cella di Graetzel utilizzando materiali facilmente reperibili ed a costi limitati. Resp. Prof. Enrico Sappa Collaboratori all attività Dr. A. Arrais; Dr.ssa C. Busco; Dr. G. Gatti Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 18 di 32

19 Le Celle Solari a Coloranti La guida di montaggio per costruire le celle solari a coloranti Questa dispensa è stata ispirata da richieste da parte di appassionati alla ricerca sulle celle solari a coloranti e vuole essere una breve giuda per riuscire ad ottenere Dye Solar Cell (DSC) su scala di laboratorio; ci auguriamo che troverete questo manuale utile per riuscire a creare con successo la vostra cella solare a colorante organico. Ci sono molti modi di costruire una cella solare a colorante, che prevedono molte combinazioni di materiali differenti e anche schemi costruttivi differenti. Ad esempio, alcune versioni possono essere di celle aperte a contatto con l'aria, mentre altri sistemi possono prevedere sistemi di deposizione della Titania più complessi per ottenere strati più omogenei. Alcuni sistemi si basano su coloranti di origine naturale invece che su coloranti sintetici a base di rutenio, o catodi di carbonio al posto di catodi di platino, il che rende questi sistemi più semplici ed economici ed ideali per attività didattiche. Pertanto sono stati preselezionati alcuni metodi, tra i diversi metodi descritti nella letteratura scientifica per ottenere celle solari a colorante, quale ad esempio potrebbe essere il catodo fatto di platino o di carbonio; questo per arrivare ad ottenere un sistema su scala di laboratorio efficiente e al tempo stesso di facile assemblaggio e poco costoso. Non esitate a darci i vostri commenti e dei suggerimenti, questo favorirà il miglioramento di questa guida. Il funzionamento di una cella solare a colorante è magico. Fortunatamente, costruire una cella non richiede la magia, ma gli strumenti giusti, i materiali e le tecniche, che siamo felici di condividere con voi qui! Buona fortuna per l assemblaggio della vostra cella e buon divertimento! Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 19 di 32

20 Un po di teoria Facciamo un breve ripasso della teoria prima di metterci al lavoro. Non spenderemo troppo tempo sulla scienza di base che fa funzionare questi dispositivi, ma piuttosto ci concentreremo sulla loro struttura e sul principio di funzionamento. Struttura di una Cella Solare a Colorante Capire innanzitutto come le celle solari a colorante sono costruite è un ottimo modo per evitare molti errori comuni durante l'assemblaggio dei dispositivi perché imparare dal fallimento potrebbe essere un opzione, ma è soprattutto frustrante. Una cella solare a colorante è costituita da due elettrodi, l'anodo e il catodo. Questi elettrodi sono fatti da un vetro che ha un rivestimento su un lato di una specifica trasparente conduttiva (TCO transparent conductive oxide). Il materiale TCO è un sottile strato di ossido di stagno-fluoro, chiamato anche FTO. La trasparenza del supporto permette alla luce del sole di entrare nelle celle, mentre la sua superficie conduttiva raccoglie le cariche elettriche permettendo il flusso di corrente. L'anodo è il polo negativo della cella solare. Sull anodo vengono depositate nanoparticelle di biossido di titanio (o Titania) sinterizzato. Questo materiale è come una rete porosa che offre una alta superficie interna che è mille volte superiore alla superficie di una materiale equivalente ma con una superficie piatte, e si comporta come una "spugna di luce", in cui la luce solare può rimanere intrappolata. Il biossido di titanio è un semiconduttore bianco che non è sensibile alla luce visibile. Le particelle di biossido di titanio devono essere sensibilizzate con uno strato di molecole di colorante che assorba la luce dello spettro visibile ( nm). Per tale scopo possono essere utilizzati alcuni coloranti naturali, anche se i pigmenti più efficienti sono stati sintetizzati dopo intense ricerche scientifiche. Il polo positivo della cella solare, detto anche il catodo, è rivestito con un materiale catalitico per il trasferimento di elettroni. Nella maggior parte dei casi, questo catalizzatore è carbonio o platino. Dal momento che la quantità di catalizzatore necessaria è molto piccola, questo elettrodo rimane trasparente. Figura 1: schematizzazione del funzionamento di una cella solare a colorante Lo spazio lasciato tra i due elettrodi viene riempito con un elettrolita che assicura il trasporto di carica attraverso una coppia redox. In genere per questo scopo è utilizzata la coppia Ioduro/triioduro ( I - /I3 - ) in solvente nitrile. Alla fine, in generale, i due elettrodi sono sigillati insieme per prevenire l evaporazione nell elettrolita del solvente. Tuttavia, le celle assemblate possono restare aperte quando si preferisce la semplicità costruttiva alla lunga durata, come ad esempio le prove di breve che vengono portate a termine in nun breve periodo di tempo. Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 20 di 32

21 Vedremo in questa guida come costruire le diverse parti di una cella solare a colorante in una configurazione semplice Ora che sapete che cosa c è sotto il cofano, probabilmente vi chiederete come questo dispositivo sia in grado di produrre energia elettrica. L'effetto fotovoltaico è alla base del funzionamento in questo tipo di celle solari. La natura ama tenere cariche le opposte insieme in modo che la materia appaia nel suo complesso neutra. L'effetto fotovoltaico viola in apparenza questa regola, infatti nelle celle fotovoltaiche si crea una separazione di cariche sotto condizioni di illuminazione. Le coppie di elettroni e la conseguenti "buche" si adopereranno per tornare di nuovo insieme, ma nella cella solare questo è permesso solo dopo un breve viaggio attraverso un circuito esterno. In una cella solare a colorante questa separazione di carica avviene a livello di interfaccia tra il biossido di titanio ed il colorante. Ricordiamoci che questa interfaccia è presente su tutta la superficie interna dello strato poroso. In questo modo per una determinata zona della cella solare si creano tante separazioni di carica per formare una corrente elettrica. La struttura della cella solare a colorante è uno dei segreti della sua efficacia. Le molecole di colorante hanno la capacità di assorbire la luce visibile. Questo fenomeno eccita le molecole di colorante, che potranno così cedere un elettrone al biossido di titanio tramite l iniezione dell'elettrone nella banda di conduzione del semiconduttore.. La separazione di carica avviene quando l'elettrone viene iniettato nella Titania e il "buco" è invece lasciato nella molecola del colorante, che perdendo un elettrone si ossida. L'elettrone dovrà a questo punto tornare alla molecola di colorante ossidato il più presto possibile. I percorsi possibili sono più di uno, ma solo uno andrà a produrre il flusso di carica desiderato, gli altri alimenteranno le cosiddette correnti nere che assorbiranno parte dell efficienza della cella deprimendola. La velocità dei vari percorsi è quello che determina la cinetica finale, qui entrano in gioco vari fattori che non esamineremo nel dettaglio, ma alla fine: vince il processo di trasferimento della carica più veloce. Il percorso più rapido per il ritorno al colorante per l'elettrone è quello attraverso il circuito esterno. Il fenomeno è paragonabile al percorrere una distanza maggiore quando si prende un autostrada di prendere l'autostrada, che però è più veloce rispetto ad un sentiero. Infatti gli elettroni iniettati migrano attraverso particelle di biossido di titanio e raggiungono il vetro TCO dell'anodo, il polo negativo della cella solare. Quando si collega un carico (ciò che consuma la nostra corrente prodotta), gli elettroni si muovono spontaneamente al terminale positivo della cella solare, il catodo. Questo movimento degli elettroni è ciò che noi chiamiamo una corrente elettrica. Infine, grazie alla coppia redox presente nel elettrolita, gli elettroni possono finalmente essere trasportati dalla superficie del catodo alle molecole di colorante ossidato, per rigenerare il colorante. Ora che le cariche sono di nuovo insieme, saranno possibili nuovi cicli, fino a quando il sole continua a splendere. Questo dovrebbe essere sufficiente per placare la vostra sete intellettuale, per il momento! Ed ora la pratica! Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 21 di 32

22 Preparazione del vetro conduttivo Questa sezione si concentra sulla preparazione dei substrati di vetro per coloro che vogliono preparare i loro elettrodi da zero e dà consigli per la pulizia necessaria prima di effettuare qualsiasi deposizione di materiale sul vetro conduttivo. Il substrato tipico per fare le celle solari a colorante (DSC dye solar cells) è una lastra di vetro rivestito su un lato con uno strato trasparente e conduttivo di ossido (TCO). Il materiale conduttivo più utilizzato a tale scopo è l'ossido di stagno-fluoro (FTO). I termini TCO o vetro FTO sono spesso usati per riferirsi a questo tipo di substrato per le deposizioni. Immagine 2: verifica della presenza di FTO sulla superficie di conduzione Immagine 3: prepulizia dello strato conduttivo Identificare il lato conduttivo Le lastre di vetro TCO sono conduttive solo su un lato. Assicurati di identificare chiaramente il lato appropriato per la deposizione dei materiali nelle vostre celle. La deposizione di materiali sarà sempre eseguita sul lato conduttivo. Un tester impostato per misurare la resistenza dovrebbe in genere leggere circa 10 ohm, quando le due punte sono poste ad uno millimetri di distanza nella parte centrale del vetro (Immagine 2). Questo valore può variare a seconda del tipo di vetro TCO. C'è anche un trucco semplice che non richiede alcun strumento. Ciò è particolarmente utile per identificare quale è il lato conduttore in qualsiasi momento durante l'assemblaggio. Raschiare (delicatamente per non rischiare di rovinare lo strato) ogni dei due lati del vetro con una spatola di plastica o anche un unghia. La parte conduttrice è quella che offre maggiore attrito tra le due poiché il rivestimento TCO ha una superficie più ruvida rispetto al vetro. Visivamente, il lato rivestito è anche quella che appare più nebuloso. Pulizia del vetro conduttivo E sempre una buona idea pulire le lastre di vetro TCO prima di qualsiasi tipo di deposizione. Assicurarsi di non utilizzare un sistema di lavaggio che potrebbe graffiare il lato conduttivo, preferite sempre una spugna morbida ( come quelle per pulire le posate o cose simili). La scelta del detergente è anche importante. Saponi per lavare i piatti non sono adatti per la pulizia del vetro TCO, preferite l'uso di detergenti specifici per vetreria (nei laboratori si usa normalmente deconex da Borer Chemie). Questi detergenti sono ottimizzati per non lasciare residui in sufficiente dopo il risciacquo. Attenzione, dopo la pulizia risciacquate accuratamente le lastre di vetro con acqua deionizzata per evitare tracce di minerali. Può anche essere usato allo scopo alcool denaturato. Per una più rapida asciugatura si può utilizzare un comune asciugacapelli elettrico. Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 22 di 32

23 L elettrodo di Titania L'elettrodo di ossido di titanio ( normalmente si preferisce usare il termine Titania) è costituito da uno strato di nanoparticelle di biossido di titanio depositato sulla lastra di vetro TCO. Tale strato si ottiene attraverso la deposizione di una pasta (ha la densità di un denso gel) che contiene una sospensione di particelle di ossido di titanio. In commercio sono disponibili formulazioni differenti adatte ad ogni tecniche di deposizione. Le particelle di titania devono essere nell intervallo di dimensioni di nm, in modo che lo strato risultante sia estremamente poroso una volta sinterizzato. Questo strato è al centro del principio di funzionamento e si comporta nella cella solare, in ultima analisi, come una spugna per la luce solare. Usiamo il termine nanoparticelle quando parliamo di particelle in un intervallo di dimensioni fino ai 100nm. Le nanoparticelle per le DSC sono preferibilmente i cristalli di Titania di fase di anatasio, la presenza di altre fasi cristallino (rutilo) possono essere dannose per le prestazioni della cella solare. Immagine 4: lo stato di Titania completato il processo di deposizione Le nanoparticelle di solito portano ad un livello di semitrasparenza del vetro su cui sono depositate dopo il riscaldamento (vedremo in seguito come) e la relativa sinterizzazione (processo in cui le particelle vengono coagulate le une vicino alle altre). Ne risulta una trasparenza degli elettrodi, questo non è sempre desiderato a livello di design della cella poiché vuol dire che una significativa frazione di luce non viene raccolta, ma passa attraverso la cella solare, diminuendo nel complesso l'efficienza di conversione dell energia luminosa in elettrica. Questo comportamento non gradito può essere minimizzato con l'uso di particelle di titania più grandi. Infatti le particelle di titania di dimensioni superiori ai 100 nm sono abbastanza grandi per interagire con la luce in entrata nella cella e dare effetti di diffusione che massimizzano l assorbimento della luce da parte del colorante. Per questo motivo si utilizza spesso particelle di grandi dimensioni nella fabbricazione di elettrodi di titania opachi, sia miscelate con le nanoparticelle, o depositate in strati differenti con operazioni di deposizione distinte. Ci sono in commercio molti tipi di paste di titania contenenti nanoparticelle e/o le particelle non nanometriche. E 'anche possibile acquistare elettrodi di Titania pre-assemblati. Nel nostro caso ci divertiremo a preparare anche gli elettrodo, passo passo. Preparazione del sottofondo per la deposizione Il metodo più semplice e più ampiamente usato per il deposito della pasta di ossido di titanio su un substrato è il cosiddetto metodo doctor-blade. La tecnica è conosciuta anche come rivestimento sottile nella sua versione meccanizzata. Utilizza una lama o una superficie piatta dura, per spalmare una piccola quantità di pasta Titania sul vetro. Con questa tecnica, lo spessore dello strato di biossido di titanio è determinata dallo spessore di un distanziale posizionato su entrambi i lati. Si consiglia di utilizzare comune Scotch ad esempio : Magic 810" nastro della 3M o Tartan tape (nastro adesivo bianco da carta) che hanno spessori di circa 50 micron. Questi nastri possono essere facilmente rimossi dal vetro senza lasciare tracce di colla. Manuale LAB PLS - Materiali per le Energie Rinnovabili pag. 23 di 32

Scienza dei Materiali. Nanotecnologie. Celle solari. Dipartimento di Scienza dei Materiali. Università degli Studi di Milano Bicocca

Scienza dei Materiali. Nanotecnologie. Celle solari. Dipartimento di Scienza dei Materiali. Università degli Studi di Milano Bicocca Scienza dei Materiali & Nanotecnologie Celle solari Dipartimento di Scienza dei Materiali Università degli Studi di Milano Bicocca Storia delle celle solari 1839 Alexandre E. Becquerel osserva per la prima

Dettagli

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare Progetto Luce Come catturare l energia della luce solare Luce - Energia Tutta l energia disponibile sulla terra ci proviene dal sole Il sole emette energia come un corpo nero Solo una parte di questa energia

Dettagli

Università degli Studi di Venezia Ca Foscari Progetto Lauree scientifiche Scienza dei Materiali - Attività Laboratori regionali

Università degli Studi di Venezia Ca Foscari Progetto Lauree scientifiche Scienza dei Materiali - Attività Laboratori regionali Università degli Studi di Venezia a Foscari Progetto Lauree scientifiche Scienza dei Materiali - Attività Laboratori regionali Scheda 2: elle solari Realizzazione di una cella solare: la cella di Grätzel

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA

IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA IL FOTOVOLTAICO E L ARCHITETTURA Prof. Paolo ZAZZINI Ing. Nicola SIMIONATO COME FUNZIONA UNA CELLA FOTOVOLTAICA EFFETTO FOTOVOLTAICO: Un flusso luminoso che incide su un materiale semiconduttore opportunamente

Dettagli

LA TECNOLOGIA DEL FOTOVOLTAICO. La cella

LA TECNOLOGIA DEL FOTOVOLTAICO. La cella LA TECNOLOGIA DEL FOTOVOLTAICO La cella La conversione della radiazione solare in una corrente di elettroni avviene nella cella fotovoltaica, un dispositivo costituito da una sottile fetta di materiale

Dettagli

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare

Progetto Luce. Come catturare l energia della luce solare Progetto Luce Come catturare l energia della luce solare Luce - Energia Tutta l energia disponibile sulla terra ci proviene dal Sole Il Sole emette energia con la distribuzione spettrale di un corpo nero

Dettagli

Fotovoltaico (photovoltaic PV) Impianto SERPA SOLAR da 11 MW, Alentejo, Portogallo

Fotovoltaico (photovoltaic PV) Impianto SERPA SOLAR da 11 MW, Alentejo, Portogallo Fotovoltaico (photovoltaic PV) Impianto SERPA SOLAR da 11 MW, Alentejo, Portogallo Energia Solare Il sole fornisce alla terra luce solare che oltre l atmosfera (sunlight at top of the atmosphere) ha una

Dettagli

Realizzazione di una cella solare a colorante organico

Realizzazione di una cella solare a colorante organico Realizzazione di una cella solare a colorante organico Parti e principi di funzionamento della cella Nozioni di base Per comprendere meglio il funzionamento della cella di Grätzel (o DSSC: dye-sensitized

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari. Celle Solari Organiche. Progetto Lauree Scientifiche Scienza dei Materiali Attività Laboratori regionali

Università degli Studi di Cagliari. Celle Solari Organiche. Progetto Lauree Scientifiche Scienza dei Materiali Attività Laboratori regionali Università degli Studi di Cagliari Progetto Lauree Scientifiche Scienza dei Materiali Attività Laboratori regionali Celle Solari Organiche Realizzazione di una cella solare a base di coloranti organici

Dettagli

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI UNA CELLA FOTOVOLTAICA

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI UNA CELLA FOTOVOLTAICA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DI UNA CELLA FOTOVOLTAICA Una cella fotovoltaica è costituita da materiale semiconduttore opportunamente trattato in relazione alla struttura atomica e alla relativa conduzione

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

Principio di funzionamento della cella di carburante... pag. 67. Indicazioni per la tutela ambientale... pag. 71

Principio di funzionamento della cella di carburante... pag. 67. Indicazioni per la tutela ambientale... pag. 71 M ANUALE DI ISTRUZIONI PROFI HYDRO CELL KIT I INDICE Hydro Cell Kit... pag. 66 Avvertenza importante per l'uso di Hydro Cell Kit... pag. 66 Avvertenze di sicurezza... pag. 66 Impiego appropriato... pag.

Dettagli

Studio sperimentale di celle fotovoltaiche Una proposta didattica sviluppata nel progetto IRDIS

Studio sperimentale di celle fotovoltaiche Una proposta didattica sviluppata nel progetto IRDIS Studio sperimentale di celle fotovoltaiche Una proposta didattica sviluppata nel progetto IRDIS Introduzione Giacomo Torzo La cella fotovoltaica è sostanzialmente un diodo cioè una giunzione PN tra due

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

Conoscere e giocare con i materiali per la produzione di energia:

Conoscere e giocare con i materiali per la produzione di energia: Conoscere e giocare con i materiali per la produzione di energia: Un connubio tra Chimica, Fisica e Scienza dei Materiali Dott. Mirko Casiello b Prof. Alberto Conte a Prof. Guido Viscardi b Dott. Pierluigi

Dettagli

Introduzione L esperienza consiste nell assemblaggio di una cella solare (un dispositivo con la stessa funzione dei pannelli solari utilizzati in

Introduzione L esperienza consiste nell assemblaggio di una cella solare (un dispositivo con la stessa funzione dei pannelli solari utilizzati in Progetto Lauree Scientifiche Scienza dei materiali Verona febbraio 2007 1 Esperienze di laboratorio Realizzazione di una cella solare per la conversione di energia luminosa in energia elettrica Introduzione

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO -FUNZIONAMENTO- -TIPOLOGIE- -DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE-

IL FOTOVOLTAICO -FUNZIONAMENTO- -TIPOLOGIE- -DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE- IL FOTOVOLTAICO -FUNZIONAMENTO- -TIPOLOGIE- -DIMENSIONAMENTO PRELIMINARE- IL FENOMENO FTV: LA SCOPERTA L intensità della corrente in una cella elettrolitica con elettrodi in platino aumenta con l esposizione

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento degli impianti fotovoltaici La tecnologia fotovoltaica permette di trasformare direttamente l energia solare incidente sulla superficie terrestre

Dettagli

ITIS «De Pretto» Schio (Vi) Anno scolastico 2011/2012

ITIS «De Pretto» Schio (Vi) Anno scolastico 2011/2012 ITIS «De Pretto» Schio (Vi) Anno scolastico 2011/2012 Un sentito ringraziamento all Ing. Franco Bonollo ed al Dott. Alberto Fabrizi dell Universita degli studi di Padova, sede di Vicenza 1. Concetti di

Dettagli

CELLE SOLARI Antocianine: catalizzatori naturali per l energia solare

CELLE SOLARI Antocianine: catalizzatori naturali per l energia solare Chimica delle antocianine Energia solare Materiali semiconduttori Introduzione Esperimento CELLE SOLARI Antocianine: catalizzatori naturali per l energia solare Drogaggio Celle fotovoltaiche Bibliografia

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Introduzione ai sistemi fotovoltaici

Introduzione ai sistemi fotovoltaici Introduzione ai sistemi fotovoltaici Effetto fotovoltaico La conversione dell energia elettromagnetica proveniente dal sole in energia elettrica tramite l effetto fotovoltaico si basa sulle proprietà dei

Dettagli

Dye-Sensitized Solar Cells Energy for life

Dye-Sensitized Solar Cells Energy for life ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE A. AVOGADRO (ENTE DOTATO DI PERSONALITA GIURIDICA E DI AUTONOMIA AMMINISTRATIVA, ORAGNIZZATIVA e DIDATTICA - R. D. 24.08.1933 N. 21933 DP. N. 3917-P/C16 DEL 7.3.2000) C.A.P.

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

Collettore non vetrato Sono privi del vetro esterno Hanno un costo decisamente inferiore Installazione e gestione molto semplice Rendimento molto basso Temperature acqua comprese fra 10 C e 40 C Utilizzo

Dettagli

Cella solare di Grätzel

Cella solare di Grätzel Cella solare di Grätzel Principi Fisici, funzionamento, preparazione Prof. Daniela Cavalcoli, Dipartimento di Fisica e Astronomia Cella solare di Grätzel componenti e letteratura Prof. Daniela Cavalcoli,

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti

Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Le sorgenti di radiazioni ottiche artificiali (ROA) non coerenti Dr. Riccardo Di Liberto Struttura Complessa di Fisica Sanitaria Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - Pavia Principali applicazioni

Dettagli

Materiali per l energia solare: la ricerca eni

Materiali per l energia solare: la ricerca eni Materiali per l energia solare: la ricerca eni Roberto Fusco Istituto eni Donegani 3 a Conferenza Nazionale su Chimica & Energia: Milano, 17/10/2012 Record di efficienza delle celle fotovoltaiche R&D eni

Dettagli

Le celle solari ad arseniuro di gallio per applicazioni spaziali

Le celle solari ad arseniuro di gallio per applicazioni spaziali Le celle solari ad arseniuro di gallio per applicazioni spaziali Carlo Flores AEI Giornata di Studio 2/12/2004 1 La cella solare Le cella solare è un dispositivo a semiconduttore in cui una giunzione converte

Dettagli

I SISTEMI SOLARI ATTIVI

I SISTEMI SOLARI ATTIVI I SISTEMI SOLARI ATTIVI Sistemi solari termici Sistemi Fotovoltaici Energia irraata dal sole: Differente lunghezza d onda che costituisce il principale criterio classificazione delle onde elettromagnetiche

Dettagli

Preferenza dei pannelli Fotovoltaici a quelli a Liquido refrigerante

Preferenza dei pannelli Fotovoltaici a quelli a Liquido refrigerante Preferenza dei pannelli Fotovoltaici a quelli a Liquido refrigerante L'effetto fotovoltaico si realizza quando un elettrone, presente nella banda di valenza di un materiale (generalmente semiconduttore),

Dettagli

Principi fisici di funzionamento di una cella fotovoltaica

Principi fisici di funzionamento di una cella fotovoltaica Principi fisici di funzionamento di una cella fotovoltaica L'effetto fotoelettrico I materiali, a seconda della loro attitudine alla conduzione della corrente, vengono suddivisi in conduttori, semiconduttori

Dettagli

Informazioni Tecniche

Informazioni Tecniche Informazioni Tecniche Principi di Risparmio Energetico Principio della restituzione dell energia persa per resistenza sotto forma di energia efficace 01 Elettroni di scambio da vibrazioni del reticolo

Dettagli

www.pianetachimica.it ENERGIA SOLARE Celle fotovoltaiche Gratzel TESINA DI ANDREA RIONDATO Andrea Riondato 5 Ch

www.pianetachimica.it ENERGIA SOLARE Celle fotovoltaiche Gratzel TESINA DI ANDREA RIONDATO Andrea Riondato 5 Ch www.pianetachimica.it I.T.I.S. Giulio Natta PADOVA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 ENERGIA SOLARE Celle fotovoltaiche Gratzel TESINA DI ANDREA RIONDATO Andrea Riondato 5 Ch 1 INDICE Prima parte 1. Introduzione

Dettagli

PANNELLI SOLARI TERMICI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

PANNELLI SOLARI TERMICI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI PANNELLI SOLARI I pannelli solari utilizzano l'energia solare per trasformarla in energia utile e calore per le attività dell'uomo. PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI PANNELLI SOLARI TERMICI PANNELLI SOLARI

Dettagli

Producibilità. Nord 1.000 1.200 kwh/kwp. Centro 1.100 1.300 kwh/kwp. Sud 1.300 1.500 kwh/kwp

Producibilità. Nord 1.000 1.200 kwh/kwp. Centro 1.100 1.300 kwh/kwp. Sud 1.300 1.500 kwh/kwp La fonte di energia: il sole 2 La fonte di energia: il sole Potenza emessa dal sole: 175.000.000.000.000.000 W (175 miliardi di megawatt). Potenza che raggiunge terrestre:1.350 W/m 2. l atmosfera Potenza

Dettagli

CELLE FOTOVOLTAICHE ORGANICHE

CELLE FOTOVOLTAICHE ORGANICHE INDICE: PREFAZIONE UN PO DI STORIA CHE COSA SONO LE CELLE DI GRAETZEL EFFICIENZA DI UNA CELLA DSSC COME L ABBIAMO COSTRUITA COME FUNZIONA ARTICOLO DI GIORNALE SULLE CELLE AL MIRTILLO CONCLUSIONE 1 CELLE

Dettagli

Carica positiva e carica negativa

Carica positiva e carica negativa Elettrostatica Fin dal 600 a.c. si erano studiati alcuni effetti prodotti dallo sfregamento di una resina fossile, l ambra (dal cui nome in greco electron deriva il termine elettricità) con alcuni tipi

Dettagli

I semiconduttori Semiconduttori intrinseci

I semiconduttori Semiconduttori intrinseci I semiconduttori Semiconduttori intrinseci I semiconduttori naturali usati per la produzione di dispositivi elettronici sono stati per molti anni il silicio e il germanio. Il germanio è andato, con il

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

MODULI MONO E POLICRISTALLINI. d installazione

MODULI MONO E POLICRISTALLINI. d installazione Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti MODULI MONO E POLICRISTALLINI Stato dell arte e problematiche

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

LA GIUNZIONE PN. Sulla base delle proprietà elettriche i materiali si classificano in: conduttori semiconduttori isolanti

LA GIUNZIONE PN. Sulla base delle proprietà elettriche i materiali si classificano in: conduttori semiconduttori isolanti LA GIUNZIONE PN Sulla base delle proprietà chimiche e della teoria di Bohr sulla struttura dell atomo (nucleo costituito da protoni e orbitali via via più esterni in cui si distribuiscono gli elettroni),

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

Energia pulita dai frutti di bosco: la cella e il modulo fotovoltaico con coloranti naturali

Energia pulita dai frutti di bosco: la cella e il modulo fotovoltaico con coloranti naturali 1. Introduzione Energia pulita dai frutti di bosco: la cella e il modulo fotovoltaico con coloranti naturali Nel nostro istituto, che da anni si occupa di tematiche inerenti le fonti di energie rinnovabili,

Dettagli

Gli impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici Gli impianti fotovoltaici 1. Principio di funzionamento Il principio di funzionamento dei pannelli fotovoltaici è detto "effetto fotovoltaico". L' effetto fotovoltaico si manifesta nel momento in cui una

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO. Gualtieri Francesco Malinverno Christian Mazzi Matteo

IL FOTOVOLTAICO. Gualtieri Francesco Malinverno Christian Mazzi Matteo IL FOTOVOLTAICO di Gualtieri Francesco Malinverno Christian Mazzi Matteo Cos è il fotovoltaico? Il termine fotovoltaico è composto dalla parola greca phos (cioè luce ) e Volt, che è l unità di misura della

Dettagli

I due apparati per lo studio di una trasformazione isoterma e di una adiabatica sono sostanzialmente uguali, solo che sono fatti com materiale diverso. Vedremo nel seguito la ragione di questa diversità.

Dettagli

CORSO SULLA TECNOLOGIA DEL SOLARE FOTOVOLTAICO. Bergamo, anno accademico 2013/2014

CORSO SULLA TECNOLOGIA DEL SOLARE FOTOVOLTAICO. Bergamo, anno accademico 2013/2014 LA TECNOLOGIA FOTOVOLTAICA Bergamo, anno accademico 2013/2014 1 La fonte di energia: il sole 2 La fonte di energia: il sole Potenza emessa dal sole: 175.000.000.000.000.000 W (175 miliardi di megawatt).

Dettagli

Versione 1.0 del documento Maggio 2014. Soluzione di scansione Xerox Wide Format 7742 Guida per l'utente

Versione 1.0 del documento Maggio 2014. Soluzione di scansione Xerox Wide Format 7742 Guida per l'utente Versione 1.0 del documento Maggio 2014 Soluzione di scansione Xerox Wide Format 7742 BR9918 Indice generale 1 Panoramica del prodotto...1-1 Panoramica degli strumenti software...1-1 Componenti dello scanner...1-1

Dettagli

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106 sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA indice di sezione Le trasformazioni dell energia pag. 106 IL PROBLEMA ENERGETICO Da qualche anno a questa parte ha assunto grande rilievo il problema energetico. Si parla

Dettagli

Preparazione di un dispositivo O-LED

Preparazione di un dispositivo O-LED Preparazione di un dispositivo O-LED Cenni introduttivi e storia O-LED è l acronimo di Organic-Light Emitting Diode (Diodo Organico ad Emissione di Luce). La tecnologia O-LED si è diffusa rapidamente perché

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA

NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA NUOVA COPERTURA DELL EDIFICIO BARATTA Per individuare una soluzione alla copertura in eternit dell edificio in data 4 febbraio 2009 abbiamo potuto partecipare alla fiera made expo di Milano sull architettura

Dettagli

Polimeri semiconduttori negli OLED

Polimeri semiconduttori negli OLED Polimeri semiconduttori negli OLED Nella figura viene mostrato uno schema di funzionamento di un Organic Light Emitting Diode (OLED). Il catodo e formato da un elettrodo di Alluminio (Magnesio o Calcio)

Dettagli

I Diodi. www.papete.altervista.org http://elettronica-audio.net76.net

I Diodi. www.papete.altervista.org http://elettronica-audio.net76.net I Diodi Questi componenti sono provvisti di due terminali: il catodo e l'anodo. Il catodo si riconosce perchè sul corpo è stampata una fascia in corrispondenza di tale piedino. Ad esempio, i diodi nella

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Room 2005 Zhongshang Building No.100 HongKong Middle Road Qingdao China code 266071 tel 008653285891039 e-mail: fazio@cinaservizi.

Room 2005 Zhongshang Building No.100 HongKong Middle Road Qingdao China code 266071 tel 008653285891039 e-mail: fazio@cinaservizi. Qingdao VERSOEST International MODULI FOTOVOLTAICI FLESSIBILI a- Si 2012 Intensità relativa Qingdao VERSOEST International Nel settore del fotovoltaico oggi il costo di acquisto del sistema si aggira intorno

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

IL DIODO. Il moltiplicatore di tensione: Cockroft-Walton Transiente Stato stazionario Alta impedenza di carico

IL DIODO. Il moltiplicatore di tensione: Cockroft-Walton Transiente Stato stazionario Alta impedenza di carico IL DIODO RIASSUNTO: Semiconduttori Drogaggio N e P La giunzione p-n Diodo polarizzato in diretta/inversa Caratteristica I(V) Raddrizzatori a singola semionda a doppia semionda Il moltiplicatore di tensione:

Dettagli

SUMMER SCHOOL MARINELLA FERRARI 2014

SUMMER SCHOOL MARINELLA FERRARI 2014 ENERGIA VERDE : DAL MIRTILLO ALLA CORRENTE ELETTRICA Sfruttiamo l energia del sole con le celle fotovoltaiche di Grätzel SUMMER SCHOOL MARINELLA FERRARI 2014 9-13 GIUGNO 2014 Energia e vita Qualunque organismo

Dettagli

Laboratorio di Fisica dello Stato Solido. a.a. 2011. Introduzione alle celle Solari di III generazione

Laboratorio di Fisica dello Stato Solido. a.a. 2011. Introduzione alle celle Solari di III generazione Laboratorio di Fisica dello Stato Solido a.a. 2011 Introduzione alle celle Solari di III generazione 1 Introduzione Dipartimento di Energetica Nonostante la crisi economica globale iniziata nel 2008 la

Dettagli

Le nuove tecnologie per il PROF.SSA ANNUNZIATA SANSEVERINO DIEI-UNICLAM

Le nuove tecnologie per il PROF.SSA ANNUNZIATA SANSEVERINO DIEI-UNICLAM Le nuove tecnologie per il fotovoltaico PROF.SSA ANNUNZIATA SANSEVERINO DIEI-UNICLAM Celle solari di prima generazione Diffusionei Detengono l 85 % del mercato. Materiali Si basano sull utilizzo dei wafer

Dettagli

Metodi di Applicazione per i Film Autoadesivi Avery Dennison emissione: 02/2015

Metodi di Applicazione per i Film Autoadesivi Avery Dennison emissione: 02/2015 Metodi di Applicazione per i Film Autoadesivi Avery Dennison emissione: 02/2015 I film autoadesivi Avery Dennison sono disponibili con una vasta gamma di caratteristiche per numerose applicazioni diverse.

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Marcello Antinucci antinucci@ecuba.

Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica. Marcello Antinucci antinucci@ecuba. Provincia di Olbia Tempio Attività di formazione inerenti le energie rinnovabili e l efficienza energetica Marcello Antinucci antinucci@ecuba.it www.ecuba.it Decreto Legislativo 29 dicembre 2003, n. 387

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL

ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL ISTRUZIONI PER LA RIGENERAZIONE HP 22, 28, 57, 58, 59, 100, 110, 342, 343, 344, 348, 300, 300XL, 301, 301XL, 351, 351XL, 901, 901XL 1. Coprite l'area di lavoro con vari fogli di giornale in caso di fuoriuscite

Dettagli

www.rosaisas.com studiorosai@hotmail.it Al momento c è una disponibilita di moduli fino a una potenza di 1100 Kwp.

www.rosaisas.com studiorosai@hotmail.it Al momento c è una disponibilita di moduli fino a una potenza di 1100 Kwp. MODULI FOTOVOLTAICI IN PRONTA CONSEGNA A PREZZO D OCCASIONE A SOLI 0,30/WATT www.rosaisas.com studiorosai@hotmail.it Si tratta di moduli fotovoltaici della ditta PRAMAC Qui a seguire sono riportate tutte

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Energia solare energia solare il Sole trasmette sull'orbita terrestre 1367 watt per m²

Energia solare energia solare il Sole trasmette sull'orbita terrestre 1367 watt per m² Energia solare Rielaborazione da materiale Wikipedia Per energia solare si intende l'energia, termica o elettrica, prodotta sfruttando direttamente l'energia irraggiata dal Sole (energia rinnovabile) verso

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Solare III Fotovoltaico

Solare III Fotovoltaico Solare III Fotovoltaico Corso: Sistemi per la produzione di energia da fonti rinnovabili Anno accademico: 2014/2015 Docente: Mirko Morini Il principio di funzionamento La cella fotovoltaica, che è l elemento

Dettagli

Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa

Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa 2013 www.presepevirtuale.it 1 Questa guida vi fornirà le indicazioni necessarie per realizzare con successo semplici circuiti stampati come quelli

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

Rivelatori di radiazione

Rivelatori di radiazione Rivelatori di radiazione Catia Petta Dipartimento di Fisica e Astronomia Università di Catania & INFN Summary Un compito da acchiappafantasmi Caratteristiche della preda Le strategie di cattura Gli attrezzi

Dettagli

Sviluppo di celle fotovoltaiche innovative a semiconduttore nanostrutturato

Sviluppo di celle fotovoltaiche innovative a semiconduttore nanostrutturato Proposta di Tesi di Laurea Sviluppo di celle fotovoltaiche innovative a semiconduttore nanostrutturato PERIODO : 6 mesi 1 anno con inizio da febbraio 2008 Soggetti industriali coinvolti : CERICOL, Colorobbia,

Dettagli

AVVISO! Da utilizzare solo da bambini superiori ai 10

AVVISO! Da utilizzare solo da bambini superiori ai 10 P ROFI FUEL CELL KIT M ANUALE DI ISTRUZIONI I AVVISO! Da utilizzare solo da bambini superiori ai 10 anni. Impiego solo sotto il controllo attento di adulti che si siano familiarizzati con le precauzioni

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA

EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA EMISSIONE E ASSORBIMENTO DI LUCE DA PARTE DELLA MATERIA Poiché la luce è energia trasportata da oscillazioni del campo elettrico (fotoni) e la materia è fatta di particelle elettricamente cariche (atomi

Dettagli

RIVELATORI A SEMICONDUTTORE. Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in :

RIVELATORI A SEMICONDUTTORE. Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in : Dal punto di vista della conducibilità elettrica i materiali si possono classificare in : (a) Metalli: banda di valenza (BV) e banda di conduzione (BC) sono sovrapposte (E g = 0 ev) (b) Semiconduttori:

Dettagli

Capitolo 4- REALIZZAZIONE DEI CIRCUITI INTEGRATI

Capitolo 4- REALIZZAZIONE DEI CIRCUITI INTEGRATI Capitolo 4- REALIZZAZIONE DEI CIRCUITI INTEGRATI Nel corso del capitolo 3 abbiamo studiato il sistema giunzione partendo dalla ipotesi di saldare perfettamente affacciate due pezzi di silicio, uno di tipo

Dettagli

ENERGIA DA FOTOVOLTAICO: PROSPETTIVE, INNOVAZIONE E RICERCA

ENERGIA DA FOTOVOLTAICO: PROSPETTIVE, INNOVAZIONE E RICERCA FIERA DEL LEVANTE, 17 SETTEMBRE 2009 ENERGIA DA FOTOVOLTAICO: PROSPETTIVE, INNOVAZIONE E RICERCA Prof. GIUSEPPE GRASSI UNIVERSITA DEL SALENTO 1 FONTI ENERGETICHE Negli ultimi 300 anni l umanità ha cambiato

Dettagli

Figura V.5.3. Differenze tra metalli, semiconduttori e isolanti.

Figura V.5.3. Differenze tra metalli, semiconduttori e isolanti. Approfondimento 1. Semiconduttori e isolanti. Nella Figura V.2.3 sono mostrate le differenze generiche tra i livelli a 0 K tra i metalli, i semiconduttori e gli isolanti. Figura V.5.3. Differenze tra metalli,

Dettagli

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza

Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce 3.1 Lampade ad incandescenza Capitolo 3 Sorgenti artificiali di luce Il Sole è sicuramente la sorgente più comune e facilmente disponibile. In realtà però al giorno d oggi molte attività sono svolte sotto sorgenti artificiali di tipo

Dettagli

Gas di elettroni in un metallo

Gas di elettroni in un metallo Marco Alvisi, Antonio Licciulli Corso di scienza e ingegneria dei materiali Le proprietà elettriche dei materiali La microelettronica La microelettronica influenza l economia e il vivere sociale delle

Dettagli

ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica

ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica ALLEGATO A: La tecnologica fotovoltaica A. 1 La radiazione solare La radiazione solare è definita come l energia elettromagnetica emessa dal sole. All'interno del sole, a temperature di alcuni milioni

Dettagli

Impianti fotovoltaici di seconda generazione http://www.impresaoggi.com/it/articoli/er13.pdf

Impianti fotovoltaici di seconda generazione http://www.impresaoggi.com/it/articoli/er13.pdf Impianti fotovoltaici di seconda generazione http://www.impresaoggi.com/it/articoli/er13.pdf 1. Premessa Il settore dell energia fotovoltaica, fino a oggi, è stato dominato dal silicio. Le ragione di questo

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE N

GUIDA ALLA MANUTENZIONE N N 4 dei parquet oliati DI LEGNO finitura sbiancata Per mantenere il vostro pavimento Di Legno luminoso nel tempo PERCHÈ QUESTA GUIDA? Benvenuti tra i felici possessori dei pavimenti Di Legno, i pavimenti

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Art. 282 PENSILINA BAROCCO

Art. 282 PENSILINA BAROCCO Scheda Tecnica Art. 282_Pag. 1 di 5 Art. 282 PENSILINA BAROCCO Struttura: n 02 montanti posteriori laterali in profilato di acciaio zincato da mm. 80 x 80 x 2 con un angolo stondato; ogni singolo montante

Dettagli

Art. 256 PENSILINA GABRY

Art. 256 PENSILINA GABRY Scheda Tecnica Art. 256_Pag. 1 di 5 Art. 256 PENSILINA GABRY Struttura: n 05 montanti verticali in tubo tondo di acciaio zincato da mm. 89 x 2 completi di flangia alla base. Ogni singolo montante è sormontato,

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli