ENERGIE RINNOVABILI: OPPORTUNITÀ E SOSTENIBILITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENERGIE RINNOVABILI: OPPORTUNITÀ E SOSTENIBILITÀ"

Transcript

1 ENERGIE RINNOVABILI: OPPORTUNITÀ E SOSTENIBILITÀ di Claudio Boccalatte 60 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 4/ 2013

2 Le energie alternative sono diventate un argomento di discussione, ma non tutti conoscono le reali possibilità dell energia eolica, di quella geotermica, dei pannelli fotovoltaici. Soprattutto capita raramente di avere a disposizione un gruppo di esperti d altissimo livello che discutono razionalmente, con numeri e fatti, se tali fonti potranno garantirci una produzione d energia adeguata alle nostre necessità, senza dover più ricorrere a quelle tradizionali, le cui riserve non sono illimitate. Il convegno è nato come occasione per presentare i principali ritorni economici e ambientali dall utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili, approfondirne il reale potenziale e consentire utili riflessioni su una tematica sempre più attuale. Una palestra di pensiero, quindi, per riflettere sulle possibili tecnologie del futuro. Il 19 novembre 2011, a Pisa, presso la sala conferenze del CISAM - Centro Interforze Studi per le Applicazioni Militari, si è svolto il convegno su Energie rinnovabili: opportunità e sostenibilità organizzato congiuntamente dal CISAM stesso e dal Lions Club International - Centro Studi del Lionismo Distretto 108. Il CISAM, nato nel 1956 come CAMEN per studiare le applicazioni militari dell energia nucleare, oggi unisce alle competenze in materia nucleare e radiologica quelle nei settori della Compatibilità Elettromagnetica e dell Optoelettronica. Il Lions Club International è la più grande associazione di servizio al mondo, con 1,35 milioni di soci in oltre club di 206 Paesi del mondo che dedicano una parte del loro tempo agli altri. Tra gli scopi dell associazione vi sono la creazione di uno spirito di comprensione fra i popoli del mondo, la promozione dei principi di buon governo e di buona cittadinanza, lo stimolo alla discussione libera e aperta di tutti gli argomenti d interesse pubblico, con la sola eccezione della politica di partito e del settarismo confessionale. Secondo quanto riporta l associazione, si stima che ogni anno i Lions Clubs donino oltre 512 milioni di dollari e contribuiscano con sessantaquattro milioni di ore di volontariato a molti tipi di progetti, tra cui protezione dell ambiente, distribuzione di cibo ai bisognosi e aiuto agli anziani e ai disabili. Energia gst website TECNOLOGIA 61

3 Crest del Centro Interforze Studi per le Applicazioni Militari (CISAM) La manifestazione è stata aperta dal Direttore del CISAM, Ammiraglio Ispettore (GN) Domenico De Bernardo, dal Dottor Pier Giovanni Bertolini, Direttore del Centro Studi Lionismo, e dal moderatore, Professor Sergio Faggiani, Ordinario di Fisica Tecnica presso l Università degli Studi di Pisa. I tre oratori hanno rilevato l attualità dell interrogativo sulla possibilità che le fonti alternative possano essere sufficienti a garantirci una produzione energetica adeguata alle reali necessità, soprattutto ora, dopo che il recente referendum sull energia nucleare, ha, di fatto, eliminato la possibilità di utilizzare tale fonte d energia in Italia. Il professor Faggiani ha anche evidenziato l erroneità della definizione di fonti rinnovabili dal punto di vista scientifico, in quanto il rinnovo dell energia sarebbe in contraddizione con il Primo Principio della Termodinamica (sulla conservazione dell energia) e con il Secondo Principio (sulle irreversibilità); si tratta comunque di una denominazione che è oramai entrata nell uso comune. Nel corso del convegno sono state prese in esame dai diversi oratori, tutte indiscusse autorità nei rispettivi settori, le principali tipologie di energie rinnovabili (idroelettrico, fotovoltaico, eolico, marino, biomasse), evidenziando per ognuna di esse i punti di forza e le controindicazioni. Non è stata trattata l energia geotermica, in quanto, pur essendo una fonte energetica rinnovabile, non sono stati realizzati nuovi impianti negli ultimi decenni e non ne è prevista la realizzazione, essendo già sfruttate tutte le potenzialità che ci offre la natura. È stato poi affrontato il discusso tema dell energia nucleare, per cercare infine di tirare alcune conclusioni. L energia rinnovabile oggi più utilizzata in Italia è l energia idroelettrica, la quasi totalità della quale è ricavata da grandi impianti costruiti nel XX secolo; per aumentare la quantità di energia ottenibile, negli ultimi anni, si sono diffusi impianti di dimensioni minori, chiamati mini-idro. A seguito della recente legislazione sulle energie rinnovabili si è avuta una vera e propria proliferazione degli impianti idroelettrici di piccola taglia (mini-idro). Prendendo ad esempio a situazione del bacino del Serchio, questi impianti oggi si passano l acqua da uno all altro lungo tutto il percorso del fiume, senza mai restituirla al fiume stesso, con la conseguenza che il flusso scende molto sotto il minimo necessario per assicurare la vitalità del fiume, dando origine a vari inconvenienti a catena, contribuendo sostanzialmente al dissesto idrogeologico del territorio; i nefasti risultati di quest ultimo si sono visti con gli eventi alluvionali che hanno funestato le zone di confine tra Liguria e Toscana alla fine di ottobre A fronte delle conseguenze negative sul territorio, cui l autorità di bacino ha cercato, mediante accordi specifici con l ENEL sulla restituzione di una parte delle acque prelevate, di porre un rimedio almeno parziale, l energia prodotta da questi impianti mini-idroelettrici ammonta a poche decine di GWh l anno, fornendo quindi un contributo assolutamente trascurabile su di un fabbisogno di GWh a livello 62 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 4/ 2013

4 nazionale, GWh a livello di regione Toscana e di GWh per la sola provincia di Lucca. Anche l energia solare fotovoltaica ha conosciuto negli ultimi anni, grazie ai progressi della tecnologia e ai consistenti sussidi previsti dalla legislazione in materia energetica, una diffusione impensabile solo pochi decenni or sono. È evidente lo stretto legame tra il livello dei finanziamenti incentivanti (senza i quali l energia fotovoltaica sarebbe antieconomica) e il numero degli impianti realizzati. In Immagine iconografica delle energie rinnovabili particolare la normativa europea definisce come fonti d energia rinnovabili le seguenti: idraulica, geotermica, solare, da biogas e gas di depurazione, dal moto ondoso e dalle maree, eolica e da biomasse. Un importante svantaggio del fotovoltaico, almeno per gli impianti a terra, è quello di sottrarre superficie agli usi agricoli, per cui gli incentivi agli impianti fotovoltaici a terra saranno sempre più bassi, mentre resteranno elevati quelli per la realizzazione d impianti a tetto, con l ovvia esclusione dei tetti degli edifici aventi valore artistico. Per i grandi impianti industriali si prevede che l energia da impianti fotovoltaici diventi competitiva rispetto a quella prodotta con fonti tradizionali già dal 2013 nelle regioni meridionali italiane e nelle isole, nel 2014 al Centro e all inizio del 2016 al Nord; per gli impianti domestici queste date diventano rispettivamente 2014, 2016 e Come è stato ricordato, suscitando un applauso di consenso dall uditorio, il kilowattora più verde tra tutti non è quello prodotto con fonti alternative, ma quello risparmiato. Aria e acqua sono entrambe fluidi, ma l acqua è caratterizzata da una densità molto maggiore, e quindi consente, a parità di dimensioni, di ottenere molta più energia. I vari tipi di turbina eolica sono contraddistinti da gran diversità sia in termini di dimensioni (piccola taglia fino a 100 kw, media taglia tra 100 e 400 kw, grande taglia oltre i 400 kw fino ad arrivare ai moderni impianti dell ordine dei 5 MW) che di struttura (turbine ad asse verticale e ad asse orizzontale). Per quanto riguarda la struttura, le turbine ad asse orizzontale, sebbene meno diffuse, presentano vari vantaggi, tra cui la possibilità di mettere il generatore al livello del suolo, limitando l impatto visivo e semplificando le operazioni di manutenzione. Tra gli svantaggi delle turbine eoliche sono da citare, oltre all impatto visivo e acustico, l impiego del territorio e i problemi che le scie fortemente turbolente generate dalle turbine possono provocare alla fauna avicola. Per quanto riguarda l energia del mare, l Italia è circondata da oltre ottomila chilometri di costa, e una così grande estensione di liquido, spesso in movimento, costituisce una gigantesca e fondamentale fonte d energia rinnovabile. Secondo un Workshop dell Enea (Ente per le Nuove Tecnologie, l Energia e l Ambiente), TECNOLOGIA 63

5 organizzato a Roma il 16 e 17 giugno 2011 e dedicato proprio alle prospettive di sviluppo dell energia dal mare per la produzione elettrica in Italia, quest immensa energia che avvolge l Italia è equivalente a quella di sei centrali nucleari come i modelli di centrali EPR da Megawatt. Dalle sole correnti marine dello Stretto di Messina si potrebbe produrre energia elettrica equivalente al fabbisogno di una città di due milioni di abitanti, ed è, infatti, nello stretto di Messina che sono stati compiuti i primi esperimenti in ambito nazionale. L energia può essere ricavata dal mare sotto Bioenergia varie forme: energia maremotrice, energia dal moto ondoso, energia dal gradiente termico oceanico, energia dalle correnti sottomarine. Un apparecchio di particolare interesse per lo sfruttamento dell energia del moto ondoso è il Wave Plane. Inventato dal danese Erik Skaarup nel 1989, costituito da una specie di conchiglia con vari imbocchi, i quali, opportunamente orientati e dimensionati, assicurano una buona adduzione di acqua a vari regimi di moto ondoso; l acqua entrata acquista un moto vorticoso e alimenta una turbina posta trasversalmente, la quale a sua volta trascina un generatore. Passando a occuparci delle biomasse, la produzione d energia mediante cultura dedicate di tipo tradizionale (come il girasole o la canna da zucchero) presenta diversi inconvenienti, in primo luogo il conflitto con le culture alimentari, sia per la terra che per l irrigazione, conflitto destinato ad acuirsi con l aumento della popolazione mondiale. Molto più interesse presentano invece culture di tipo ligno-cellulosiche, caratterizzate dall impiego di terreni non sfruttabili per usi agricoli e che non richiedono irrigazione; in questa categoria abbiamo piante molto conosciute, come il sorgo, la canna comune e il pioppo (coltivato però come arbusto, con taglio ogni due o tre anni), e altre meno note al grande pubblico, come il miscanto, il panico e il cardo. Per individuare i progetti di filiere agro-energetiche a elevata sostenibilità occorre seguire le seguenti linee-guida: decentralizzazione della produzione d energia elettrica e termica per valorizzare le biomasse residuali già presenti sul territorio (filiere diverse); esaltare la vocazionalità delle aree agricole, forestali e agro-industriali per la produzione di biomassa nel suo complesso e per le diverse colture dedicate (non irrigue); nelle aree più idonee, puntare su produzioni di biomasse di qualità, predisposte e pre-lavorate in loco (anche per la produzione di pellets) e/o per la co-alimentazione di centrali già esistenti. A livello regionale (Toscana), provinciale (Lucca, Pisa e Livorno) e del Parco Regionale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli (al cui interno si trova il CISAM), senza grandi investimenti, semplicemente adeguando opportunamente la normati- 64 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 4/ 2013

6 va, sarebbe possibile fornire un contributo, piccolo ma significativo, al fabbisogno energetico su base locale stimolando le culture dedicate e valorizzando i residui forestali. Per ottenere buoni risultati senza generare fattori negativi (come l aumento del traffico stradale) è però fondamentale che gli impianti di valorizzazione energetica delle biomasse siano realizzati quanto più vicino possibile alle zone di produzione, al fine di non sprecare energie per il trasporto delle biomasse; ad esempio nella zona del parco andrebbero realizzati due impianti, uno a nord e uno a sud del fiume Serchio, per evitare il traffico di automezzi pesanti lungo la Via Aurelia. Il tema dell energia nucleare è oggi in Italia difficile e controverso; secondo quanto esposto al convegno il nucleare ha un forte problema d immagine, ma in effetti, esaminando i dati storici e i fatti, è la fonte energetica più sicura in assoluto. Prendendo ad esempio le conseguenze del recente terremoto in Giappone, la stampa ha dato una grande enfasi ai problemi della centrale nucleare di Fukushima, con conseguente rimessa in discussione dell impiego dell energia nucleare, non solo in Italia, ma anche in altri paesi del mondo, mentre pochissima enfasi è stata data al crollo della diga di Fujinuma, provocato dallo stesso terremoto, e che ha provocato un migliaio di morti (mentre i problemi della centrale nucleare non hanno provocato nessuna vittima diretta) e nessuno ha pensato di mettere in discussione l impiego estensivo dell energia idroelettrica a seguito del crollo della diga. Affrontando razionalmente, sulla base di dati statistici, il problema della sicurezza, emerge che le fonti energetiche che provocano il maggior numero di vittime sono quella idroelettrica, per l elevatissimo numero di vittime causato dai crolli delle dighe, e il carbone, per l elevato numero d incidenti nelle miniere. In ogni caso i reattori di nuova generazione, e ancora più quelli in fase di sviluppo, presentano caratteristiche di sicurezza molto maggiori non solo rispetto ai reattori di Chernobyl, ma anche a quelli di Fukushima. Di grande interesse e valore scientifico le informazioni fornite sugli studi in corso in tutto il mondo sui futuri reattori nucleari di quarta generazione; in particolare aziende, università e centri di ricerca italiani sono fortemente impegnati negli studi per lo sviluppo dei reattori tipo LFR (Lead Fast Reactor), che impiegano piombo fuso come liquido di raffreddamento. Confrontando scientificamente costi e benefici delle fonti di energia tradizionali e rinnovabili, emerge che le fonti convenzionali continuano a fornire il contributo principale al soddisfacimento della richiesta elettrica: (circa 64%), seguite dalle rinnovabili (circa 23%) e dalle importazioni (circa 13%) La quota fornita dalle fonti rinnovabili, per soddisfare gli obiettivi europei al 2020, dovrà crescere fino a raggiungere il 27% circa. Nel 2010 in Italia gli impianti alimentati da fonti rinnovabili hanno raggiunto circa unità, più del doppio dello scorso anno, con una potenza complessiva di 30,3 GW (+14,2% rispetto al 2009) e una produzione lorda di 77,0 TWh (+11,1%). Esaminando l impatto sul territorio delle diverse fonti d energia, e prendendo come caso di riferimento una centrale elettrica da MWe, l area impegnata è di poco inferiore a 0,3 Km 2 sia per centrali tradizionali (metano e gas naturale) che per centrali nucleari e per centrali a carbone, mentre sale a 33 Km 2 (100 volte maggiore di quelle tradizionale) per le centrali fotovoltaiche e a circa 100 Km 2 (300 volte maggiore di quelle tradizionali) per le centrali eoliche. TECNOLOGIA 65

7 Il rapporto tra energia spesa per costruzione e funzionamento (spese fisse e variabili) ed energia prodotta in quaranta anni è di 0,03 sia per centrali tradizionali (con fonti da capitale) che per centrali nucleari, mentre sale a 0,15 per centrali fotovoltaiche e centrali Eoliche. Questo significa che mentre per recuperare l energia impegnata per la costruzione di un impianto tradizionale o nucleare serve poco più di un anno, per recuperare l energia spesa per la costruzione di un impianto fotovoltaico o eolico servono ben sei anni. In termini di costo effettivo (senza considerare gli incentivi), il kwh elettrico da eolico e fotovoltaico è oggi circa tre volte più caro di quello da impianti tradizionali (ivi Bioenergia comprendendo anche gli idroelettrici) o nucleari. Per quanto riguarda l impatto ambientale, le emissioni di CO2 degli impianti fotovoltaico, eolico e nucleare sono sostanzialmente nulle, mentre quelle di un impianto a gas sono di quattro milioni di tonnellate l anno, e quelle di un impianto a carbone di sette milioni di tonnellate. La separazione (capture) e il sequestro della CO2 sono possibili ma assai onerosi. Gli impianti nucleari producono, inoltre, circa 20 tonnellate di scorie radioattive ogni anno. Di queste 20 tonnellate 2 sono veramente pericolose e determinano non trascurabili problemi d individuazione e accettazione sociale dei siti di stoccaggio geologicamente stabili. Se, per assurdo, si volesse produrre tutta l energia elettrica necessaria al fabbisogno italiano mediante il solo fotovoltaico ed eolico, tenuto conto anche degli apparati d accumulo necessari per gestire queste fonti d energia, aventi carattere intermittente, dovremmo accettare una preoccupante occupazione del suolo e un cambiamento di prospettiva a livello di rete non semplice da realizzare (passaggio da produzione concentrata a una capillarmente distribuita). Alla luce di questi dati appare opportuno utilizzare un mix virtuoso delle varie fonti energetiche, innalzare la percentuale delle energie cosiddette rinnovabili e utilizzare tutte le coperture industriali e i tetti non architettonicamente interessanti per istallare pannelli fotovoltaici. Non bisogna dimenticarsi che tra le principali risorse economiche del nostro Paese sono il turismo, l ambiente e l arte, che non possono e non devono essere danneggiati da un impiego eccessivo e non ragionato di impianti eolici o fotovoltaici. Alle presentazioni è seguito un vivace e interessante dibattito, che ha consentito ai relatori di approfondire gli argomenti presentati. Uno degli argomenti più discussi è stato la rinuncia italiana alla produzione d energia nucleare sul suolo nazionale, considerata dalla maggior parte degli intervenuti un occasione sprecata, in quanto ad un approccio razionale (contestato per la verità con veemenza da qualche isolato partecipante) i vantaggi del nucleare sono numerosi e i rischi limitati. Inoltre in questo settore le imprese italiane erano arrivate a un buon livello di competitività, a differenza di quanto avviene in altri settori, come l eolico e il fotovoltaico; in questi campi, infatti, la maggior parte degli impianti sono importati dall estero, spesso da altri paesi europei. 66 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 4/ 2013

8 Al termine del simposio i partecipanti hanno potuto visitare lo storico Reattore Nucleare RTS-1 Galileo Galilei del CISAM, un reattore di ricerca a piscina appartenente alla famiglia dei reattori eterogenei a uranio fortemente arricchito (90%), moderato e raffreddato ad acqua leggera, progetto della società statunitense Babcok & Wilcox. Il reattore fu ordinato nel 1958 per attività di ricerca legate anche al possibile impiego della Energie rinnovabili propulsione nucleare per unità navali di superficie e subacquee italiane, rimase attivo dal 4 aprile 1963 (data in cui è stata raggiunta la prima criticità) sino al 1980, anno dell arresto definitivo, deciso prima della fine della vita utile del reattore a seguito di mutate priorità del Ministero della Difesa, ed è attualmente in fase di disattivazione o decommissioning, con l obiettivo di rilasciare il sito senza vincoli di natura radiologica, nel rispetto dei requisiti di sicurezza e protezione dei lavoratori, della popolazione e dell ambiente. In conclusione il convegno è stato un occasione molto interessante per discutere, senza isterie o paraocchi, del nostro futuro energetico, evidenziando le poche luci e le molte ombre della situazione nazionale. PROGRAMMA DELLE PRESENTAZIONI Professor Raffaello Nardi, Segretario Generale dell Autorità di Bacino del Serchio: L energia idroelettrica nel bacino del Serchio: luci e ombre sulla diffusione degli impianti minori (mini-idro). Ingegner Katia Masala, della società Toscana Energia Green 1 : Fotovoltaico: da un installazione selvaggia a uno sviluppo mirato e di qualità. Professor Panayotis Psaroudakis del Dipartimento d Ingegneria dell Energia e dei Sistemi dell Università degli Studi di Pisa: L energia dal vento e dal mare. Professor Enrico Bonari del Centro di Ricerca Interuniversitario sulle Biomasse da Energia di Pisa: Le biomasse a destinazione energetica. Professor Giuseppe Forasassi, Presidente del Consorzio Interuniversitario per la Ricerca Tecnologica Nucleare di Pisa: Caratteristiche e prospettive degli impianti nucleari della presente e della nuova generazione. Professor Carlo Bartoli, del Dipartimento d Ingegneria dell Energia e dei Sistemi dell Università degli Studi di Pisa: Energie tradizionali e rinnovabili: confronto costi-benefici. 1 Toscana Energia Green è il marchio del gruppo Toscana Energia (società mista partecipata dagli Enti locali toscani e dall ENI) che opera nei settori del fotovoltaico, gestione calore, teleriscaldamento, illuminazione e cogenerazione. TECNOLOGIA 67

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia di Fabio Orecchini L adozione diffusa dell idrogeno come vettore energetico di larghissimo utilizzo mostra tutto il suo interesse nel

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL

RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL RAPPORTO AMBIENTALE E RELAZIONE DI SINTESI NON TECNICA DEL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE DELLA PROVINCIA DI FIRENZE A CURA DI GREEN TIME SRL 1 Indice della Relazione Tecnico-ambientale Indice delle Tabelle...3

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo

Una Costituzione Energetica per l Italia. P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia P. Totaro, F. Pascoli, E. Brandmayr, M. Samengo Una Costituzione Energetica per l Italia Autori: Pierluigi Totaro Francesco Pascoli Enrico Brandmayr Mirta Samengo

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici

Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti a fonti rinnovabili diversi dai fotovoltaici PROCEDURE APPLICATIVE DEL D.M. 6 luglio 2012 CONTENENTI I REGOLAMENTI OPERATIVI PER LE PROCEDURE

Dettagli

Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia

Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia Le risorse energetiche mondiali, il nucleare l Italia Alessandro Clerici 1 Link to the relevant page on the WEC website http://www.worldenergy.org/wecgeis/publications/default/launches/ser04/ser04.asp?mode=print&x=5&y=19

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili.

Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. Alcune riflessioni comuni sulle fonti energetiche rinnovabili. I rifiuti: un problema di grande attualità. SCUOLA PRIMARIA VITTORIO VENETO DI CALCI [Calci aprile 2010] Lavoro svolto dalle Classi V A e

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

UNIONE EUROPEA. Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

UNIONE EUROPEA. Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 UNIONE EUROPEA Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013 30 novembre 2007 Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007-2013

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

IL PROBLEMA ENERGETICO 1

IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Bologna, 17/02/09 IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Giorgio Giacomelli Dipartimento di Fisica dell Università di Bologna e Sezione INFN di Bologna Riassunto Viene presentato un breve quadro generale della situazione

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli

129-130 Basilicata Regione Notizie

129-130 Basilicata Regione Notizie 129-130 Basilicata Regione Notizie Guardia Perticara, paesaggio (Foto di Leonardo Nella - Archivio Total) 164 Sviluppo agro-energetico Benefici economici e ambientali contro la crisi delle risorse fossili

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli