UNIVERSITA L. BOCCONI Per CENTROBANCA EXECUTIVE SUMMARY:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA L. BOCCONI Per CENTROBANCA EXECUTIVE SUMMARY:"

Transcript

1 UNIVERSITA L. BOCCONI Per CENTROBANCA EXECUTIVE SUMMARY: La convenienza finanziaria per le imprese all adozione di energie rinnovabili pure : un analisi degli economics aziendali

2 Introduzione Il settore delle energie rinnovabili rappresenta, anche in funzione delle recenti dinamiche dei prodotti energetici, uno dei comparti caratterizzati dalle più interessanti prospettive di sviluppo, sia tecnologiche che di mercato. Alcuni degli elementi di rilevanza e complessità nel comparto delle energie rinnovabili sono rappresentati da: l esistenza di alternative tecnologiche caratterizzate da profonde diversità (idroelettrico, fotovoltaico/solare termico, biomasse, eolico); la forte dipendenza da normative specifiche; Per chiarire il campo di studio è importante premettere che la ricerca è incentrata sull analisi economico-finanziaria delle energie rinnovabili cosiddette pure (e non a quelle cosiddette assimilate ). Le tecnologie analizzate sono state le seguenti: energia idroelettrica; energia solare fotovoltaica; energia derivante dallo sfruttamento di biomasse; energia eolica. Le diverse alternative tecnologiche precedentemente richiamate sono state analizzate approfonditamente nelle loro implicazioni economico-aziendali (in termini di costo e rendimento dell investimento per le imprese), valutandone la convenienza sia all interno di processi basati su filiere produttive proprietarie, sia in relazione a processi di diversificazione produttiva da parte di imprese, che implichino la cessione al mercato dell energia prodotta. La struttura della ricerca è schematizzabile nei seguenti punti: a) Capitolo 1: l importanza delle fonti di energia rinnovabile nel contesto internazionale e l applicazione specifica al caso italiano; b) Capitolo 2: una analisi dello stato dell arte nello sviluppo delle diverse tecnologie e delle prospettive di applicazione con assunzione delle ipotesi di base; c) Capitolo 3: una ricognizione delle più recenti normative e del loro potenziale impatto sulla convenienza economica di applicazione delle diverse tecnologie; d) Capitolo 4: una valutazione della convenienza economico-finanziaria all adozione delle diverse tecnologie in funzione delle ipotesi associate ai diversi regimi di produzione/utilizzo (sostanzialmente un analisi comparata del costo equivalente annuo dell energia nelle due ipotesi: di acquisto sul mercato e di autoproduzione) sulla base di un modello di simulazione comune alle diverse tecnologie e di convenienza economica in presenza di scelte di nel finanziamento degli investimenti; e) Capitolo 5: una mappatura delle attività economiche sul territorio in funzione dell intensità energetica delle attività svolte e della localizzazione provinciale, che forniscano una indicazione sull attrattività del mercato locale.

3 1. Il contesto energetico internazionale e la posizione dell Italia A livello globale il primo elemento che ha progressivamente acceso l interesse economico verso le energie rinnovabili è evidentemente rappresentato dalla forte crescita nelle quotazioni del petrolio greggio. Tra il dicembre 2001 e il marzo 2008 infatti, il prezzo del petrolio è cresciuto del 378%, più che quadruplicando il proprio valore. Contemporaneamente, e sotto la spinta dei meccanismi di sostituzione, anche il prezzo del gas naturale ha subito incrementi rilevanti, e se le quotazioni al settembre 2007 hanno registrato una crescita soltanto del 104% rispetto ai prezzi del dicembre 2001, la dinamica delle quotazioni del gas ha mostrato una volatilità estremamente più forte arrivando a raddoppiare nel giro di 4 anni (tra il 2001 e il 2005) e mostrando poi una tendenza alla flessione. Tavola 1 - Prezzo petrolio Brent e Gas naturale - in US$ (gennaio 1999 agosto 2008) 140 Petrolio Gas Petrolio Gas naturale gen-1990 lug-1990 gen-1991 lug-1991 gen-1992 lug-1992 gen-1993 lug-1993 gen-1994 lug-1994 gen-1995 lug-1995 gen-1996 lug-1996 gen-1997 lug-1997 gen-1998 lug-1998 gen-1999 lug-1999 gen-2000 lug-2000 gen-2001 lug-2001 gen-2002 lug-2002 gen-2003 lug-2003 gen-2004 lug-2004 gen-2005 lug-2005 gen-2006 lug-2006 gen-2007 lug-2007 gen-08 lug-08 In questo contesto di progressivo shortage dell offerta e di incremento nei prezzi, la posizione dell Italia sembra accentuare ulteriormente il problema energetico. Gli elementi di intrinseca fragilità del sistema energetico italiano (e di conseguenza, del sistema delle imprese rispetto ai costi energetici e alla conseguente competitività) possono essere rappresentati in tre fattori principali: la forte dipendenza energetica dell Italia dall estero, non solo in termini di petrolio, gas e derivati, ma anche di elettricità pura; la ridotta possibilità da parte del sistema energetico italiano, allo stato attuale, di attivare fonti energetiche alternative significative; elevati livelli dei costi dell energia elettrica dovuti sia alle necessità di importazione massiccia a prezzi relativamente sfavorevoli che a condizioni fiscali interne particolarmente onerose associati ad una forte reattività dei prezzi stessi rispetto alla dinamica di prezzo delle materie prime.

4 Tavola 2 Indice di dipendenza elettrica (Importazione nette/consumo) 20, 15, 10, 5, 0, -5, -10, -15, France Poland Sweden Germany Spain United Kingdom Austria Belgium Portugal Italy Netherlands Fonte: Gas and electricity market statistics, Eurostat, 2007 Tavola 3 Elettricità per l'industria: prezzo medio di un kwh, senza IVA ma incluse altre tasse - in Eurocents (2007) 14 13, ,7 10,3 9,7 9,7 9,5 8,6 8, ,3 5,9 5,9 5, Italy Germany Netherlands United Kingdom Belgium Austria Portugal Spain Sweden Poland France Finland Fonte: Gas and electricity market statistics, Eurostat,

5 2. La struttura del modello utilizzato e le variabili rilevanti Nella determinazione delle condizioni economiche di successo delle energie rinnovabili nelle diverse ipotesi va premesso che i modelli utilizzati hanno assunto una serie di ipotesi standard che necessariamente possono risultare, nelle diverse applicazioni reali, più o meno favorevoli. Partendo da un analisi della letteratura di riferimento si è proceduto con l identificazione di un modello generale relativo alla struttura di costo e di rendimento dell investimento. L analisi è stata scissa in due parti. In primo luogo si è identificata la tipologia di impianto a cui tipicamente si fa riferimento, in termini di capacità installata, produzione e percentuale dell energia prodotta direttamente utilizzata da parte del produttore (autoconsumo di energia); a tale informazioni si sono affiancate informazioni aggiuntive relative, per esempio, alla vita utile di un impianto, alle condizioni tecniche di operatività e alle diverse condizioni economiche legate, anche, alla normativa di riferimento. In quest ambito si è mirato a identificare le principali voci di costo che caratterizzano ciascuna specifica tecnologia. La valutazione di convenienza dell investimento è avvenuta in relazione calcolo di 4 misure strettamente interconnesse: il tasso di rendimento interno TIR (o IRR internal rate of return) il valore attuale netto (VAN) dell investimento nell ipotesi di un costo del capitale pari al 7,5% ovvero il valore dei flussi netti attualizzati al tempo 0 Il calcolo del periodo di pareggio (semplice ed attualizzato) e cioè il numero di anni nei quali i flussi positivi (nominali e attualizzati) eguagliano l investimento iniziale L indice di profittabilità, ovvero il rapporto tra VAN e investimento iniziale Vale la pena di spendere qualche parola per chiarire meglio il concetto del tasso interno di rendimento (IRR), che rappresenta il più importante ed immediato indicatore di redditività di un investimento. Il Tasso interno di rendimento rappresenta tecnicamente il costo del capitale che consente di ottenere un valore Attuale Netto [VAN] dell investimento pari a 0. Questo tasso rappresenta, in realtà, un costo del capitale di equilibrio, ovvero un cut-off rate. Se l IRR dell investimento è inferiore al costo del capitale il VAN risulta negativo e dunque l investimento non è economicamente conveniente. D altra parte, L IRR, a differenza del VAN, che ricorre ad un costo del capitale valutato sul mercato, ovvero esternamente, è invece anche un indicatore del rendimento naturale dell investimento sulla base dei soli flussi nominali (positivi e negativi) da questo generati. In questo senso l IRR è un indicatore interno all impresa e particolarmente prezioso in quanto determina il rendimento dell investimento sulla base di criteri finanziari corretti. Per specificare lo schema in questione è stato sviluppato uno schema standard dei flussi associati all investimento in energie rinnovabili che potesse essere applicato alle diverse ipotesi tecnologiche. In particolare, la struttura di costo è stata frazionata nelle principali voci relative all investimento iniziale da sostenere (i.e. progettazione, costo dell impianto e costo per opere accessorie), a cui sono stati affiancati i costi annui di gestione (i.e. costo di esercizio, costo di manutenzione e costo di canoni su base annua) e altri costi (annui). Il modello risultante è estremamente flessibile in quanto consente, per ciascuna tecnologia che presenta proprie peculiarità, di eliminare alcune voci superflue di costo

6 o di integrare il modello con voci addizionali. È importante ricordare inoltre che il reperimento di informazioni è dipeso anche da fattori quali, per esempio, lo stato di avanzamento della tecnologia ovvero il suo grado di diffusione. Le variabili che definiscono le condizioni economiche di operatività dell investimento e rappresentano dunque gli elementi di base del modello sono rappresentate nella seguente tavola. Tavola 4: la struttura del modello di valutazione A) VARIABILI DI STRUTTURA DEL MODELLO Dimensione dell impianto: determinata sulla base delle diverse alternative tecnologiche disponibili sul mercato ma sempre legata ad ipotesi di capacità che possano rientrare, anche solo parzialmente, nelle condizioni di prezzo determinate sulla base del regime dei prezzi minimi garantiti Capacità installata: capacità dell impianto in kw Vita utile impianto (in anni): numero di anni previsti di vita utile dell impianto con le caratteristiche ipotizzate e per la tecnologia Livello di efficienza: perdita (eventuale) di efficienza produttiva nel tempo se ipotizzato (ipotesi adottata soltanto nel caso di impianti fotovoltaici) B) VARIABILI RELATIVE ALLE SCELTE DI AUTOCONSUMO/CESSIONE ALLA RETE DELL ENERGIA PRODOTTA Produzione totale (KWh): determinata sulla base del prodotto tra la capacità installata e il numero di ore annue teoriche di funzionamento dell impianto Autoproduzione (KWh): percentuale di energia elettrica consumata direttamente dal produttore e non ceduta alla rete (soggetta a 5 diverse ipotesi: 10,, 5,, ) Cessione alla rete (KWh): determinata come differenza tra le due variabili precedenti C) INVESTIMENTO E COSTI DI GESTIONE Investimento: valore complessivo dell investimento determinato sulla base della capacità espressa in precedenza (progettazione, installazione e infrastrutturazione, adempimenti burocratici) Costi di manutenzione e personale: costo per il personale, costo dei materiali di consumo, autoconsumo per la produzione di energia, manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria e revisioni Costi delle materie prime: quando esistano (ipotesi utilizzata solo nel caso delle biomasse) Altri costi: altre categorie di costo non ricomprese nelle precedenti (ad es. assicurazioni) USCITE TOTALI: somma delle voci precedenti D) RICAVI E RISPARMI DI COSTO Costi risparmiati (ENEL): prodotto tra energia autoprodotta e costo di acquisto dalla rete Entrate (da cessione energia): prodotto tra energia ceduta alla rete e prezzo riconosciuto per la cessione Certificati Verdi: ricavi da certificati verdi sulla base dei MWh prodotti 6

7 Entrate da conto energia: (solo per il fotovoltaico) ENTRATE TOTALI (COMPRESI I RISPARMI DI COSTO): somma delle voci precedenti E) FLUSSI PER LA VALUTAZIONE FLUSSI TOTALI NOMINALI: somma annuale dei flussi positivi (costi risparmiati, ricavi da cessione, ricavi da vendita di CV, ricavi da conto energia) e negativi (investimenti, costi di manutenzione e personale, costi materie prime, altri costi) IMPOSTE: valore delle imposte pagate sulla base dei flussi di ricavo e costo e degli ammortamenti legati all investimento calcolati su un periodo (standard) di 10 anni FLUSSI TOTALI ATTUALIZZATI: valore annuale dei flussi totali attualizzato all anno 0 ad un costo del capitale del 7,5% F) PREZZI E CONDIZIONI DI RIFERIMENTO DA REGOLAMENTAZIONE: PREZZI DI CESSIONE ALLA RETE per i primi kwh annui, 98,0 /MWh; da fino a di kwh annui, 82,6 /MWh; da fino a di kwh annui, 72,2 /MWh; 78,1 /MWh per la produzione oltre di kwh annui; G) PREZZI E CONDIZIONI DI RIFERIMENTO DA REGOLAMENTAZIONE: CERTIFICATI VERDI (Prezzo ipotizzati di vendita sul mercato: 100 /certificato da 1 MWh) Fonte/Tecnologia Eolica per impianti di taglia superiore a 200 kw: Coefficiente 1,0 tariffa omnicomprensiva ( /kwhe): non applicabile Fonte/Tecnologia Solare: Coefficiente: non applicabile [1] tariffa omnicomprensiva /kwhe: non applicabile [1] Fonte/Tecnologia Idraulica: Coefficiente 1,0 tariffa omnicomprensiva /kwhe 0,22 Fonte/Biomasse: Coefficiente 1,8 (filiera corta) Coefficiente 1,1 (filiera lunga)* - tariffa omnicomprensiva: /kwhe 0,22 (filiera lunga) - /kwhe 0,30 (filiera corta) * Nelle simulazioni è stato costantemente utilizzata l ipotesi (prudenziale ma anche realistica) di una filiera lunga H) PREZZI E CONDIZIONI DI RIFERIMENTO DA REGOLAMENTAZIONE: CONTO ENERGIA Tipologia di impianto fotovoltaico Taglia di potenza nominale dell impianto (kw) Non integrato ( /kwh) Parzialmente integrato ( /kwh) Integrato ( /kwh) 1 kw P 3 kw 0,40 0,44 0,49 3 kw < P 20 kw 0,38 0,42 0,46 P > 20 kw 0,36 0,40 0,44 * Nelle simulazioni è stato costantemente utilizzata l ipotesi di impianti superiori a 20 KW parzialmente integrati Ulteriori ipotesi inserite nel modello e manovrabili come leve di valutazione: 7

8 1) Ipotesi sul prezzo delle materie prime utilizzate (applicato solo al caso delle biomasse): crescita annua del 2,5% annuo 2) Ipotesi di inflazione dei costi (costo del lavoro, costi di manutenzione e altri costi): 2% annuo 3) Riduzione annua di efficienza (percentuale): 1% annuo soltanto con riferimento al caso di impianti fotovoltaici 4) Ipotesi di prezzo acquisto dalla rete: prezzo iniziale pari 0,13 /KWh, con un ipotesi di crescita del 1,5% annuo 5) Ipotesi circa l aliquota fiscale: nella simulazione è stata assunta un aliquota fiscale effettiva applicata ai progetti pari al 2. Questa ipotesi, inferiore all aliquota nominale teorica (27% per le società) che caratterizza i redditi d impresa in Italia, risponde però forfetariamente a considerazioni circa possibili sgravi fiscali e condizioni particolari che spesso caratterizzano questo tipo di investimenti. A partire dalle variabili di base e dalle ipotesi introdotte per le altre variabili è stato dunque ricostruito un modello finanziario di valutazione basato sulla serie storica dei flussi finanziari generati nelle ipotesi legate alle diverse alternative tecnologiche. Muovendo dal modello generale sopra richiamato e integrando le informazioni con interviste semi-strutturate a operatori specializzati del settore, si è proceduto con la definizione di un modello per ciascuna specifica tecnologia al fine di rappresentare la specifica struttura di costo dell investimento. A titolo esemplificativo si riporta il caso di un impianto ad energia eolica nell ipotesi di un completo utilizzo (al 10) dell energia prodotta all interno dei processi dell impresa. Impianto eolico Struttura dei flussi nominali Flussi operativi lordi nominali Flussi da investimento nominali Flussi operativi netti nominali

9 Impianto eolico Struttura dei flussi attualizzati Flussi operativi netti attualizzati Flussi operativi netti attualizzati cumulati Impianto eolico Valore attuale netto (VAN) e costo del capitale V.A.N % 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 1 11% 12% 13% 14% 15% 16% 17% 18% 19% 2 21% 22% 23% 24% 26% 27% 28% 29% 3 31% 32% Tasso di attualizzazione I risultati complessivi dell applicazione del modello alle diverse tecnologie sono sintetizzati nella tavola 5 e seguenti: Tavola 5: Il tasso interno di rendimento delle diverse tecnologie per diverse percentuali di energia autoprodotta IRR 10 5 Mini-Idroelettrico 18,3% 17,4% 16,1% 14,5% 12,7% Eolico 19,4% 18,1% 16,5% 14,9% 13,1% Fotovoltaico 8,8% 8,6% 8,3% 8, 7,5% Biomasse - Cippato 28,2% 25,1% 21,8% 18,3% 14,6% Biomasse Oli vegetali 37,4% 29,4% 20,3% 7,9% No IRR Biomasse Gas 26,8% 24,6% 22,2% 19,6% 17, 9

10 Tavola 6: IRR PER TECNOLOGIA E PERCENTUALE AUTROPRODUZIONE 4 37% 35% % 19% 18% 18% 17% 16% 16% 14% 15% 13% 13% 28% 22% 18% 15% 29% 2 27% 22% 2 17% 1 9% 9% 8% 8% 8% 8% 5% Percentuale di energia autoconsumata Mini-Idro Eolico2 Fotovoltaico Biomasse_CIP Biomasse_OLI Biomasse_Gas 3 L ipotesi di parziale finanziamento del progetto da parte di un intermediario finanziario: l effetto di leva finanziaria Accanto alla valutazione cosiddetta asset side (fino a qui richiamata) ovvero indipendente dalla struttura finanziaria del progetto, o in altre parole, in ipotesi di assenza di finanziatori a titolo di credito. Nella realtà operativa però, l intervento di finanziatori a titolo di credito rappresenta un importante risorsa per le imprese. Naturalmente, l intervento di una componente creditizia di finanziamento modifica in modo anche profondo la struttura dei flussi finanziari dell operazione. Le differenze più evidenti sono: - un uscita più ridotta nella prima fase temporale per gli azionisti in quanto una parte dell investimento verrebbe finanziato; - una serie di flussi negativi futuri legati all ipotesi di rimborso della quota capitale del debito; - una correlata serie di flussi negativi legata al pagamento degli interessi sul debito stesso. Se questi sono gli elementi differenziali determinati dall introduzione di una quota di finanziamento dell investimento, modifiche anche più importanti si determinano sui rendimenti delle diverse componenti dell operazione. L introduzione di una componente di debito nel capitale di finanziamento dell operazione ha infatti importanti riflessi su: 10

11 a) la struttura dei flussi finanziari: in primo luogo i flussi destinati a remunerare gli investimenti da parte degli azionisti non sono più rappresentati dai flussi finanziari complessivi generati dal progetto. A fronte di una riduzione dell impegno di investimento da parte degli azionisti, infatti, una parte dei flussi finanziari generati viene rivolta al pagamento degli interessi e al servizio del rimborso del capitale; b) il rendimento dell operazione: il rendimento dell operazione per gli azionisti, che in assenza di dipende esclusivamente dal rendimento dell operazione di investimento, viene invece a dipendere dal rapporto tra il rendimento operativo dell investimento e il costo del finanziamento. Questo meccanismo, conosciuto sotto il nome di funzionamento della leva finanziaria, implica che il rendimento per gli azionisti cresca in funzione di due variabili: la differenza (se positiva) tra il rendimento operativo dell investimento e il tasso di interesse praticato dal finanziatore e la misura in cui il ricorso al debito copre l investimento iniziale (la leva finanziaria dell operazione) c) il rischio dei diversi flussi: a fronte di un rendimento per gli azionisti crescente (nell ipotesi di un rendimento dell investimento maggiore del tasso di interesse sul finanziamento e dunque di un funzionamento positivo della leva finanziaria) non va dimenticato che anche il rischio dei flussi a favore degli azionisti tende a crescere e, dunque, una parte dei maggiori flussi di rendimento ottenuti va necessariamente assunta come remunerazione per il maggior rischio. Sulla base di una versione modificata del modello precedente, che valuta i flussi di remunerazione agli azionisti (e non all impresa) nell ipotesi di, è stato determinato il tasso interno di rendimento delle diverse tecnologie per ipotesi di autoconsumo e di differenziate, non per l impresa ma per gli azionisti. 11

12 Tavola 8 IRR per le diverse fonti di energia per ipotesi di energia autoconsumata e ceduta alla rete (con finanziamento al dell investimento iniziale e senza finanziamento) Quota di autoconsumo (1) 10 5 Ipotesi di (2) Senza Con Senza Con Senza Con Senza Con Senza Con Mini-Idro Eolico Fotovoltaico (1) Energia autoconsumata/energia prodotta (2) Finanziamento del del costo dell impianto; tasso ipotizzato: 6,5% Biomasse Cippato Biomasse Oli vegetali Biomasse Gas 18,3% 19,4% 8,8% 28,2% 37,4% 26,8% 36,2% 40,5% 12, 73,3% 112,1% 67,3% 17,4% 18,1% 8,6% 25,1% 29,4% 24,6% 33,7% 36,8% 11,5% 63, 85,6% 60,1% 16,1% 16,5% 8,3% 21,8% 20,3% 22,2% 29,9% 32, 10,9% 52,3% 57,3% 52,1% 14,5% 14,9% 8, 18,3% 7,9% 19,6% 25,3% 27,6% 10,2% 41,4% 19,6% 44,1% 12,7% 13,1% 7,5% 14,6% No IRR 17, 20,8% 23,1% 9,3% 30,2% No IRR 36,2% Tavola 9 IRR per le diverse fonti di energia con quota di autoconsumo pari a zero e per diverse ipotesi di finanziamento dell investimento iniziale Quota finanziata dell investimento iniziale 65% % 9 Fonte Mini-Idro 18,4% 19,5% 20,8% 22,5% 24,9% 28,7% Eolico 20,1% 21,4% 23,1% 25,3% 28,6% 33,8% Fotovoltaico 8,9% 9,1% 9,3% 9,6% 9,9% 10,3% Biomasse_CIP 25, 27,2% 30,2% 34,4% 41, 52,8% Biomasse_OLI No IRR No IRR No IRR No IRR No IRR No IRR Biomasse_Gas 29,7% 32,5% 36,2% 41,3% 49,4% 63,8% Inoltre, per ciascuna tecnologia è stato valutato l IRR per gli azionisti in ipotesi di e presentato graficamente (di seguito l esempio nel caso di impianti idroelettrici): 12

13 Tavola 10 IRR degli impianti Mini-Idroelettrici per diverse ipotesi di energia autoconsumata e ceduta alla rete e per quote di finanziamento variabili % 56% % IRR 4 38% 34% 36% % 3 21% 2 16% 14% 1 13% 19% 16% 14% 22% 18% 16% 24% 2 17% 21% 18% Percentuale di autoproduzione Tavola 11 IRR degli impianti eolici per diverse ipotesi di energia autoconsumata e ceduta alla rete e per quote di finanziamento variabili % 6 63% % IRR 4 43% 41% 5 34% 3 23% 2 17% 15% 1 13% 28% 2 17% 15% 32% 37% 28% 23% 22% 21% 19% 19% 18% 16% Percentuale di autoproduzione 13

14 Tavola 12 IRR degli impianti fotovoltaici per diverse ipotesi di energia autoconsumata e ceduta alla rete e per quote di finanziamento variabili 16% 14% 14% 13% IRR 12% 1 1 9% 8% 8% 8% 8% 11% 1 9% 8% 8% 13% 11% 1 9% 8% 12% 1 9% 9% 12% 1 9% 9% 9 5 6% 4% 2% Percentuale di autoproduzione Tavola 13 IRR degli impianti a biomasse-cippato per diverse ipotesi di energia autoconsumata e ceduta alla rete e per quote di finanziamento variabili % % IRR 8 77% 73% 6 63% 53% 52% % 17% 15% 41% 27% 21% 18% 44% 39% 33% 34% 3 26% 28% 22% Percentuale di autoproduzione 14

15 Tavola 14 IRR degli impianti a biomasse-oli vegetali per diverse ipotesi di energia autoconsumata e ceduta alla rete e per quote di finanziamento variabili % % 15 5 IRR 119% 112% 10 86% 64% 57% 5 52% 49% 46% 36% 33% 37% 2 29% 11% 2 9% 8% Percentuale di autoproduzione Tavola 15 IRR degli impianti a biomasse-gas per diverse ipotesi di energia autoconsumata e ceduta alla rete e per quote di finanziamento variabili % % % 8 81% 5 IRR 64% % 52% 4 36% 24% % 44% 29% 23% 2 33% 26% 22% 38% 29% 41% 27% 32% Percentuale di autoproduzione 15

16 4. La convenienza economico-finanziaria all investimento nelle diverse tecnologie: alcune conclusioni Come emerge dai risultati dei diversi modelli, l attuale convenienza economica all investimento in impianti ad energie rinnovabili si presenta in modo variegato ed articolato ma sembra, salvo casi rari,una costante di queste iniziative. Nonostante le analisi qui condotte assumano necessariamente ipotesi standardizzate e scontino necessariamente eventi futuri caratterizzati da un intrinseco contenuto di incertezza, i risultati ottenuti attraverso un rigoroso schema di analisi e le recenti dinamiche sui mercati energetici sembrano rappresentare la migliore garanzia riguardo agli investimenti in energie rinnovabili. La prima considerazione che emerge in modo evidente è che la convenienza da parte delle imprese è senz altro maggiore nell ipotesi di autoconsumo di energia elettrica (direttamente utilizzata nei processi produttivi) rispetto a quella di semplice cessione alla rete e al mercato. E infatti evidente che, soprattutto con riferimento ad imprese energy intensive, gli attuali costi energetici del mercato italiano conducono agevolmente ad un vantaggio nell ipotesi di autoproduzione, ma va sottolineato che i risultati delle simulazioni indicano una convenienza (forte, in alcuni casi) anche per un attività pura di produzione e reselling dell energia (con l unica eccezione degli impianti ad oli vegetali. E tuttavia evidente che le diverse tecnologie mostrano differenze sostanziali sia nel livello di rendimento naturale degli investimenti che, soprattutto, nell intensità con cui questi rendimenti cambiano con diverse ipotesi di autoconsumo e cessione di energia alla rete. Gli impianti a biomasse sono senz altro quelli che, in ipotesi di autoconsumo totale, evidenziano le migliori performance, ma in alcuni casi (come quello delle biomasse ad oli vegetali) mostrano anche i maggiori decrementi passando a quote di energia ceduta più elevate. L intervallo di rendimento di queste tecnologie è compreso tra il 29% e il 27%. In termini di valore attuale netto, con l ipotesi di un costo del capitale intorno al 7,5%, questi impianti rappresentano senz altro un forte elemento di generazione di valore economico. Per quanto riguarda le altre fonti di energia rinnovabile, sia il mini-idroelettrico che l eolico mostrano ancora rendimenti estremamente interessanti e caratterizzati da una più forte stabilità rispetto alle percentuali di autoconsumo. Anche il VAN di questi investimenti è positivo e rappresenta dunque la condizione per una generazione di valore. Gli impianti fotovoltaici, in funzione dell importanza del sistema di incentivazione detto conto energia mostrano livelli di rendimento ancora positivi (ma più ridotti) caratterizzati però da una più forte stabilità in funzione delle caratteristiche già richiamate in precedenza. 16

17 5. La mappatura delle attività energetiche in Italia: il mercato elettrico potenziale L ultima sezione del lavoro è dedicata ad una mappatura analitica del potenziale energetico delle province italiane. Si tratta di un analisi volta a definire, per ciascun incrocio provincia/settore l intensità energetica delle attività manifatturiere svolte. In altre parole l analisi individua il consumo di energia elettrica in ciascuna area valutandone conseguentemente il grado di attrattività per investimenti legati alle energie rinnovabili. E evidente che l attrattività di un area, rappresentata dalla quantità di energia elettrica acquistata e consumata nell area, dipende sia dalle dimensioni assolute delle attività svolte nell area che delle caratteristiche delle attività svolte in termini di intensità energetica. La scelta delle dimensioni dell analisi dipende dalle caratteristiche delle variabili selezionate: - la dimensione provinciale è quella che fornisce senz altro il miglior compromesso tra la specificità del contesto geografico e la necessità di disporre di dati analitici (un analisi a livello regionale pone infatti tende a mediare tra situazioni differenti, che possono condurre a conclusioni anche significativamente diverse. - la dimensione settoriale rappresenta un complemento necessario in quanto ciascun settore si definisce per una intensità energetica caratteristica dei processi produttivi e dunque risulta diversamente interessante ai fini di un investimento. Dal punto di vista pratico, l analisi è stata impostata sul riconoscimento dell importanza energetica delle combinazioni provincia/settore in quanto ciascuna area rappresenta un potenziale ambito di investimento in funzione dei consumi energetici. L indicatore sintetico utilizzato per valutare l attrattività energetica di una specifica area è la Rilevanza energetica relativa [R.E.R.]. Il concetto di R.E.R. è relativamente semplice ed è rappresentato dalla spesa in consumi energetici in una certa combinazione provincia/settore rispetto alla spesa energetica complessiva del settore manifatturiero. In altre parole, la rilevanza energetica di un area è stata assunta come la percentuale di spesa energetica nell area rispetto alla spesa energetica italiana nel settore manifatturiero (che peraltro è quella di gran lunga rilevante nel settore produttivo complessivo). Le variabili che determinano l importanza di un area e dunque il R.E.R. possono essere sintetizzate nelle seguenti: dimensione provinciale: è evidente che l importanza di una provincia in termini di consumi energetici industriali dipende, in primo luogo, dalla dimensione del sistema produttivo provinciale (misurata in valore della produzione o numero di addetti); dimensione settoriale: allo stesso modo, è altrettanto evidente che l importanza di una combinazione provincia/settore dipende dalla dimensione assoluta del settore di riferimento; intensità energetica: è chiaro che non tutti i settori mostrano la stessa intensità energetica e dunque lo stesso consumo di energia elettrica per euro di fatturato (o di produzione). Sotto il profilo dell interesse all investimento in energie rinnovabili, sono necessariamente preferiti i settori a più alta intensità energetica; 17

18 specializzazione settoriale della provincia: l ultimo indicatore analizzato riguarda la specializzazione settoriale delle province. Poiché l unità di analisi è rappresentata dall incrocio tra provincia e settore, è evidente che, a parità di altre condizioni, quanto più un impresa è specializzata in un certo settore, tanto più la componente di fatturato settoriale (e dunque di consumo energetico) sarà elevata. Sulla base del R.E.R. la ricerca fornisce una mappatura completa dei consumi di energia elettrica, identificando così le combinazioni provincia/settore caratterizzate dalla maggiore attrattività sia per i produttori di impianti che per attività di finanziamento delle stese iniziative di investimento. La considerazione generale che emerge è di una notevole concentrazione geografica nella domanda elettrica nel settore manifatturiero. Le prime 100 combinazioni provincia/settore rappresentano infatti, da sole, circa il 42% dei consumi elettrici totali nel settore manifatturiero italiano. Sempre tra le prime 100 combinazioni, rientrano 15 dei 18 settori nei quali il macrosettore manifatturiero è stato suddiviso. Nonostante questa partecipazione complessiva al consumo elettrico l analisi di concentrazione porta a risultati parzialmente diversi, la concentrazione per settori di utilizzo è infatti notevole, dal momento che tra le prime 100 combinazioni ben 85 fanno riferimento a soli 7 settori. Anche l elemento provinciale mostra una notevole concentrazione, Le 10 province che compaiono più frequentemente tra le prime 100 combinazioni assommano infatti a ben 58 casi e al 66% del potenziale elettrico (delle prime 100 combinazioni, che a loro volta rappresentano il 42% dei consumi totali nel manifatturiero italiano). E dunque evidente che la dimensione assoluta del sistema del lavoro provinciale e, la composizione e la specializzazione settoriale e le caratteristiche dei settori di riferimento rappresentano elementi che incidono profondamente sull attrattività della combinazione provincia/settore. N. Regione Provincia Codice Settore Settore Ceffi. energetic o Rilev. provincial e Rilev. settoriale Special. settoriale Rilevanza energetica 1 LOMBARDIA Milano PRODOTTI CHIMICI E FIBRE 1,07 9,4% 9, 2,56 2,32% 2 LOMBARDIA Brescia 27 METALLURGIA 2,40 3,8% 5,8% 3,75 1,97% 3 PUGLIA Taranto 27 METALLURGIA 2,40 0,9% 5,8% 10,97 1,4 4 LOMBARDIA Milano 27 METALLURGIA 2,40 9,4% 5,8% 0,77 1,01% 5 LOMBARDIA Milano 25 ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE 1,99 9,4% 4,6% 1,15 1,01% 6 TOSCANA Prato 17 TESSILE 2,14 0,7% 4,3% 14,64 0,92% 7 PIEMONTE Torino LOMBARDIA Milano 28 9 EMILIA- ROMAGNA Modena 26 AUTOVEICOLI E ALTRI MEZZI DI TRASPORTO FABBRICAZIONE E LAVORAZIONE DEI PRODOTTI IN METALLO LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI 0,54 5,5% 8, 3,81 0,91% 1,04 9,4% 10,4% 0,86 0,87% 1,98 2,3% 5, 3,48 0,81% 10 LOMBARDIA Bergamo 27 METALLURGIA 2,40 3,4% 5,8% 1,66 0,78% 18

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione"

Roma, 14 aprile 2015 Convegno Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione Roma, 14 aprile 2015 Convegno "Piano di azione nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari: coordinamento, ricerca e innovazione" Attività del CRA-ING 1. Ricerca: sistemi per la determinazione

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine

Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Regolamento sul consumo proprio e garanzie di origine Informazioni sull'applicazione della regolamentazione sul consumo proprio in relazione al sistema svizzero delle garanzie di origine 2 Introduzione

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA

LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA LO SCAMBIO SUL POSTO E IL RITIRO DEDICATO DELL ENERGIA ENERGIA ELETTRICA GESTORE DEI SERVIZI ELETTRICI GSE SPA Direzione Operativa www.gse.it www.gsel.it 2 Commercializzazione dell energia energia elettrica

Dettagli

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela

Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior tutela Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Approvvigionamento di energia elettrica per il servizio di maggior

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

Consigli per la compilazione del questionario

Consigli per la compilazione del questionario Istruzioni per l accesso al SIAD e la compilazione della scheda Normativa Il Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2012 ha definito che il GSE si occupi della rilevazione degli impianti con potenza fino

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia di Fabio Orecchini L adozione diffusa dell idrogeno come vettore energetico di larghissimo utilizzo mostra tutto il suo interesse nel

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli