L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ENERGIA EOLICA CAPITOLO 2"

Transcript

1 CAPITOLO L ENERGIA EOLICA Come noto, l tilizzo dell energia eolica nella sa forma attale rappresenta il perfezionamento di na tecnologia di prodzione energetica già impiegata dall omo nel corso di molti secoli. L energia del vento è infatti stata sfrttata dall omo sin dall antichità sia per la proplsione a vela, sia per la prodzione di energia meccanica attraverso i primi rdimentali mlini a vento che azionavano macine e sistemi per il sollevamento dell acqa. L origine delle prime rote eoliche non è stata finora stabilita con certezza. Alcni storici sostengono di avere individato i resti di qelli che 3000 anni orsono frono i primi mlini a vento in Egitto, nei pressi di Alessandria. Tttavia, non esistono prove certe che effettivamente gli Egiziani, così come i Fenici, i Greci ed i Romani conoscessero e realizzassero mlini a vento. Le prime testimonianze certe dell esistenza dei mlini a vento risalgono al 644 C e si riferiscono al Seistan, nell antica Persia, in na zona che è sitata al confine fra gli attali Iraq e Iran. In alcni scritti del tempo si fa infatti riferimento ad n artigiano in grado di costrire mlini azionati dal vento. A partire dal 950 C si ritrovano poi altre testimonianze in merito all esistenza di tali mlini a vento, nitamente alle prime descrizioni schematiche. I mlini a vento persiani erano costititi da n asse verticale sl qale venivano montati radialmente alcni bracci di sostegno a rdimentali pale realizzate con delle canne. Il vento investiva solamente la metà della sezione verticale del mlino, essendo l altra metà schermata da na apposita mratra. Il Figra. Mlino persiano (650 C). movimento dell asse consentiva di azionare delle macine per cereali. Peraltro alcni di qesti mlini sono stati mantenti in so fino ai giorni nostri in alcne zone isolate dell Afganistan. In Eropa, i mlini a vento sono ginti al tempo delle Crociate, intorno al 00, sopratttto nei paesi del Nord Eropa. In Eropa il mlino a vento iniziò la sa evolzione e il so perfezionamento nel XIV e XV secolo ad opera di nmerosi artigiani. L asse di rotazione divenne orizzontale e, al fine di intercettare i venti provenienti da qalnqe direzione, l intero mlino venne montato sopra n robsto asse Figra. Post windmill (XIV sec.)

2 Capitolo verticale in grado di consentirne la rotazione (post windmill). La sccessiva evolzione portò allo svilppo della tipologia di mlino a vento nel qale l intera strttra si manteneva fissa, mentre solo la parte speriore (il cappello ) rotava per adattarsi alle direzione del vento. Qesta innovazione consentì di costrire mlini di maggiori dimensioni, incrementandone la capacità di lavoro (venivano impiegati essenzialmente per macinare il grano e per sollevare l acqa). Ovviamente, a partire dall Eropa, i mlini a vento si diffsero anche nel Novo Mondo, dove peraltro nel corso degli anni sbirono na lteriore evolzione, contribendo in maniera significativa all epopea del Far West. In effetti, il mlino a vento rappresentava n efficace ed economico mezzo per il sollevamento dell acqa, tanto che ben presto entrò a far parte del classico paesaggio della Frontiera americana. La particolarità di tali macchine era essenzialmente costitita dal piccolo diametro (al massimo qalche metro), dall elevato nmero di pale (da 0 a 40) realizzate dapprima in legno e poi in metallo. Mlini a vento di maggiori dimensioni erano invece tilizzati per il rifornimento dell acqa delle locomotive a vapore. Si stima che a partire dal 850 negli Stati Uniti siano stati installati oltre 6 milioni di mlini a vento. Alla fine del XIX secolo, la scoperta dell energia elettrica portò allo svilppo dei primi mlini a vento per l azionamento di generatori elettrici. L avvento dell economia dei combstibili fossili ed il rapido svilppo degli impianti a vapore, dei motori a combstione interna e delle trbine a gas hanno sccessivamente rallentato moltissimo lo svilppo delle trbine eoliche, che hanno conoscito na effettiva diffsione solamente negli ltimi decenni. Attalmente, la potenza eolica installata a livello mondiale è pari a circa MW e cresce con tassi anni molto elevati, tanto che nel solo 004 sono stati installati nel mondo novi impianti per circa 8000 MW. Nell ambito del panorama mondiale, l Eropa riveste n rolo di Figra.3 Mlino olandese (XVI sec.). Figra.4 Mlino americano (XIX sec.). Figra.5 Moderna trbina eolica. Università degli Stdi di Cagliari ipartimento di Ingegneria Meccanica

3 L energia eolica 3 primissimo piano. Nel solo 004 sono stati installati nei 5 paesi dell Unione Eropea circa 5800 MW di impianti eolici, portando la potenza totale installata a circa MW, con na crescita di circa il 0% rispetto al 003. I tassi medi anni di crescita del settore eolico sono oramai di qesto ordine di grandezza da diversi anni, in qanto solo nel 998 la potenza eolica installata nella U.E. era di circa 6500 MW. Il paese leader nel settore eolico, sia a livello eropeo che mondiale, è la Germania con n totale di 6630 MW installati, segita dalla Spagna con 860 MW. Svilppi molto importanti si sono riscontrati negli ltimi anni anche in animarca (30 MW totali al 004), Italia (60 MW) e Olanda (080 MW). Importanti qote di eolico sono anche presenti negli Stati Uniti (6750 MW) e in India (3000 MW). Per qanto rigarda più nel dettaglio l Italia, nel 004 sono stati installati 357 MW di novi impianti eolici, con n tasso anno di crescita di circa il 40%. La Campania, con circa 90 MW, è la Regione con la maggiore potenza eolica installata, segita a rota dalla Pglia (53 MW), dalla Sardegna (4 MW), dalla Sicilia (78 MW) e dall Abrzzo (58 MW). Le principali macchine installate nel nostro paese sono trbine Vestas e Gamesa, con na forte predominanza di trbine da kw, anche se non mancano installazioni con alcne decine di trbine con potenza di,5 e,0 MW. ai circa 900 aerogeneratori presenti attalmente in Italia viene stimata na prodzione elettrica anna pari a circa,5 TWh, corrispondente all % della prodzione elettrica nazionale.. L ENERGIA EL VENTO L energia eolica deriva direttamente dall energia solare, in qanto i moti convettivi dell atmosfera sono indotti dai gradienti di temperatra provocati dal riscaldamento non niforme del globo terrestre. L energia che il Sole invia slla Terra è, come noto, stimabile tramite la costante solare: W C S = 365.) m che esprime la potenza che il Sole invia s na sperficie nitaria disposta fori dall atmosfera terrestre e orientata normalmente ai raggi solari. Essendo il raggio medio terrestre pari a circa 6370 km, si ha che la potenza solare intercettata dalla Terra è pari a: P 5 SOLE = S C π R = 74, 0 W.) ovvero na qantità di energia anna pari a circa: E 4 SOLE = SOLE P = 5,5 0 J/anno.3) corrispondenti a circa 3000 miliardi di tep/anno. Tento conto del fatto che i consmi ispense per il corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili

4 4 Capitolo attali di energia slla Terra sono, in cifra tonda, pari a circa 0 miliardi di tep/anno, si evidenzia come la Terra riceva dal Sole na qantità di energia circa 3000 volte speriore agli attali consmi globali di energia. In considerazione della rotazione della Terra intorno al proprio asse e del rapporto fra la sperficie terrestre e la sperficie del disco che effettivamente intercetta l energia solare (tale rapporto fra le sperfici è pari a 4), la potenza solare media per nità di sperficie terrestre è pari al 5% della costante solare, ovvero circa 34 W/m. Tttavia, come evidenziato schematicamente nella figra.6, non ttta qesta radiazione ragginge la sperficie terrestre; il 30% circa della radiazione solare viene infatti riflessa dall atmosfera e dal solo, e prende il nome di albedo. Una qota pari a circa il 5% viene assorbita dall atmosfera, mentre il rimanente 45% riesce ad attraversare l atmosfera e ragginge la sperficie terrestre. La potenza solare che ginge al solo è stimata pari a circa TW, ovvero circa miliardi di tep/anno, qindi circa 3800 volte i consmi mondiali di energia. ell energia inviata dal Sole slla Terra, na frazione pari a circa lo 0,% viene convertita in energia meccanica del vento e delle correnti marine, mentre circa lo 0,0% viene convertita in energia chimica delle biomasse mediante il meccanismo della fotosintesi clorofilliana. Riflessione 89 W/m Radiazione solare 34 W/m SPAZIO Irraggiamento del solo 0 W/m Irraggiamento dell atmosfera 9 W/m Assorbimento 86 W/m ATMOSFERA Calore latente e calore sensibile 97 W/m Irraggiamento del solo 380 W/m Riflessione 4 W/m Assorbimento 53 W/m SUOLO TERRESTRE Figra.6 Bilancio energetico semplificato della terra. Irraggiamento dell atmosfera 344 W/m In sintesi, pertanto, l energia solare convertita in energia cinetica dell aria (vento) e dell acqa (correnti marine) pò essere stimata pari a circa TW (corrispondenti a circa miliardi di tep/anno). Tali moti convettivi sono indotti dai gradienti di temperatra provocati dal riscaldamento non niforme del globo terrestre, e permettono di ridistribire il calore s ttta la sperficie terrestre, contribendo peraltro in maniera Università degli Stdi di Cagliari ipartimento di Ingegneria Meccanica

5 L energia eolica 5 decisiva a mitigare le differenze di temperatra che sarebbero invece presenti fra le zone della Terra con diversa esposizione solare. Un esempio di tali fenomeni è dato dalla ben nota Corrente del Golfo che consente di mantenere condizioni di clima temperato nelle regioni del Nord Eropa grazie alle correnti marine provenienti dalle regioni tropicali del Golfo del Messico. In generale qindi, il vento pò essere definito come na massa d aria che si move in direzione essenzialmente orizzontale per effetto del diverso riscaldamento della sperficie terrestre. In effetti, nelle zone corrispondenti alla fascia eqatoriale, l intenso irraggiamento solare determina n forte riscaldamento del solo e qindi dell aria sovrastante. L aria calda, per effetto della ridzione di densità tende a risalire verso l alto, richiamando aria più fredda dalle zone circostanti, e raffreddandosi per contatto con gli strati d aria speriori. L aria raffreddata tende così a moversi in direzione orizzontale e a ridiscendere verso la sperficie terrestre in corrispondenza delle zone del globo sitate intorno a 30 di latitdine nord e sd. In qesto so movimento l aria forma pertanto de celle di circolazione che, a livello del solo spostano l aria dalle zone sbtropicali a qelle eqatoriali. La circolazione dell aria a livello planetario viene completata dalla presenza di altre de celle per ciascn emisfero, per le qali le zone di separazione sono localizzate, rispettivamente intorno a 60 e 30 di latitdine. Nel complesso, pertanto, si individano sia zone di bassa pressione, a 60 di latitdine nord e sd, nonché all Eqatore, sia zone di alta pressione a 30 di latitdine nord e sd (che sono poi le zone dei de Tropici) ed ai Poli. Pertanto, alle medie latitdini, la circolazione dell aria avviene in direzione dei Poli. Tttavia, per effetto della rotazione terrestre e qindi della corrispondente accelerazione di Coriolis, tali correnti d aria sbiscono na deviazione in direzione tangenziale che, alle medie latitdini, determina la presenza di venti con direzione prevalentemente da ovest verso est. Al contrario, nelle altre celle la direzione dei venti è prevalentemente orientale, come mostrato schematicamente nella figra.7. Ovviamente poi, passando dalla scala globale a qella locale, la direzione e l intensità dei venti presenta molte pecliarità in fnzione delle caratteristiche della zona considerata. La diversa inerzia termica dei mari e degli oceani rispetto alle terre emerse inflisce notevolmente sl regime dei venti. Infatti, l aria a contatto con le terre emerse tende a riscaldarsi (e qindi anche a raffreddarsi) più rapidamente dell aria a contatto con la sperficie dell acqa (che ha na maggiore inerzia termica), cosicché in relazione alle caratteristiche dell irraggiamento solare, si realizzano differenze di pressione che indcono la presenza di venti dal mare verso l entroterra e viceversa. A pro titolo esemplificativo, la figra.8 riporta la direzione dei principali venti che insistono slle regioni che si affacciano sl Mar Mediterraneo. Analogamente, l orografia della zona in esame contri- Figra.7 Celle di circolazione slla Terra. ispense per il corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili

6 6 Capitolo bisce notevolmente all instararsi di regimi di vento che, per intensità, direzione e freqenza determinano la formazione dello specifico microclima locale. La figra.9 riporta infine na sintesi delle risorse eoliche eropee. Figra.8 I principali venti sl Mediterraneo. Figra.9 Le risorse eoliche in Eropa. Università degli Stdi di Cagliari ipartimento di Ingegneria Meccanica

7 L energia eolica 7. L ANALISI ANEMOMETRICA Per poter valtare la possibilità di realizzare n impianto eolico in n determinato sito, è indispensabile conoscere i parametri fondamentali che lo caratterizzano dal pnto di vista anemometrico. Infatti, la potenza cinetica resa disponibile da na prefissata portata massica d aria che si move con velocità è data, come noto, dalla segente relazione: P = m&.4) Poiché la portata massica dipende poi dalla sezione di passaggio S, dalla densità dell aria ρ e dalla sa velocità, si ha anche: P = ( ρ S ) = ρ S 3.5) La corrispondente energia messa a disposizione in n prefissato intervallo di tempo T (per esempio n anno) rislta infine pari a: E = T P dt = T 0 0 ρ S 3 dt.6) Tale relazione evidenzia come l energia eolica disponibile dipenda dalla velocità del vento (al cbo), dalla sezione di passaggio (ovvero dal qadrato del diametro della trbina) e dalla densità dell aria ( e qindi dalla sa temperatra e dalla sa pressione). Le difficoltà che si incontrano nel valtare l energia disponibile (e di consegenza qella prodcibile dalla trbina eolica, na volta che ne siano note le caratteristiche) sono legate alla aleatorietà della sorgente eolica, 8 essendo il vento na grandezza fortemente dipendente dal tempo (con variazioni a livello stagionale, giornaliero ed istantaneo) e 6 7 dal logo, con differenze anche sostanziali in 5 relazione alla distanza dal solo ed alle caratteristiche orografiche del sito. La velocità 4 istantanea del vento (t) pò essere scomposta in na componente responsabile del tra- 3 sporto di massa e in na componente legata ai moti trbolenti *: ' ( t ) = + *.7) Velocità istantanea (m/s) T e m p o ( s ) Poiché le componenti trbolente nelle Figra.9 Velocità istantanea del vento. ispense per il corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili

8 8 Capitolo tre direzioni spaziali sono per loro natra casali, il loro valore medio tende ad annllarsi considerando n intervallo temporale sfficientemente elevato (figra.9). Ai fini della valtazione delle potenzialità energetiche dei siti eolici, viene di solito tilizzata na velocità del vento mediata s intervalli di tempo dell ordine di 0 minti. Per rilevare la velocità del vento si sa no strmento detto anemometro, solitamente del classico tipo a coppa, la ci velocità di rotazione è legata alla velocità del vento. Gli anemometri tilizzati per rilevare la velocità del vento esegono campionamenti con freqenza dell ordine di Hz; dai dati raccolti si pò poi calcolare il valore medio s 0 minti, orario, giornaliero, mensile e annale, nonché i rispettivi valori massimi all interno di ciascn intervallo. Esistono altre tipologie di anemometri, come qelli ad ltrasoni o qelli laser che misrano la velocità del vento in relazione al grado di riflessione della lce operato dalle molecole d aria. E anche possibile rilevare la velocità del vento in fnzione della differenza di temperatra a monte e a valle di n filo riscaldato dal passaggio di na corrente (hot wire anemometer). Qesto tipo di anemometro, rispetto a qello Figra.0 Anemometro a coppa. tradizionale a coppa, è meno sensibile al ghiaccio non avendo parti meccaniche in movimento. Le rilevazioni giornaliere evidenziano che, nella maggior parte dei loghi, il vento ha na maggiore intensità drante il giorno rispetto alla notte; in particolare i maggiori valori si rilevano nelle prime ore del pomeriggio. Le figre. e. evidenziano la differenza di velocità del vento tra il giorno e la notte, nonché qella tra l estate e l inverno. La variazione giornaliera è dovta al fatto che le differenze di temperatra tra la sperficie del mare e della terra ferma, a casa degli spostamenti di grandi masse d aria, sono maggiori di giorno rispetto alla notte; inoltre drante il giorno si registrano venti con maggiori componenti trbolente e con cambiamenti di direzione più repentini e freqenti. Peraltro, è opportno osservare che ai fini della prodzione di energia elettrica con impianti eolici, la presenza di vento prevalentemente drante il giorno è n aspetto estremamente positivo, dato che anche i consmi di energia segono tale distribzione. La velocità del vento varia sensibilmente anche al variare della qota. Infatti, la presenza di ostacoli e di rgosità sperficiali determina na progressiva diminzione (strato limite) della velocità del vento rispetto alla velocità del flsso indistrbato. L andamento della velocità del vento in fnzione della qota z (profilo verticale di velocità, o wind shear) viene solitamente espresso attraverso relazioni del tipo: α z =.8) z Università degli Stdi di Cagliari ipartimento di Ingegneria Meccanica

9 L energia eolica 9 dove è la velocità del vento misrata alla qota z (n valore tipico è 0 m) e α (wind shear exponent) è n parametro che dipende dalla classe di rgosità del solo e dalle condizioni di stabilità dell aria, ed è generalmente compreso tra 0, e 0,4. La figra.3 riporta, con riferimento a condizioni di stabilità atmosferica, il valore dell esponente α in fnzione della altezza caratteristica z0 degli ostacoli al solo. Ai fini della valtazione delle caratteristiche anemometriche, le diverse zone vengono solitamente classificate in fnzione della rgosità del solo. A titolo esemplificativo, la tabella. riporta na tipica classificazione dei soli tilizzata negli stdi relativi alle potenzialità eoliche dei siti, nitamente alla corrispondente altezza caratteristica z0; le figre.4-.7 esemplificano la classificazione tilizzata dall Atlante Eropeo del vento (Eropean Wind Atlas). Poiché, come detto, il parametro α dipende anche dalle caratteristiche di stabilità atmosferica, la tabella. riporta il valori di α in Media anna Media Novembre Media Lglio Velocità media (m/s) Ora del giorno Figra. Andamento giornaliero della velocità del vento. Media giornaliera Media alle 3.00 Media alle 5.00 Velocità media (m/s) Gen Feb Mar Apr Mag Gi Lg Ago Set Ott Nov ic Anno Mese dell'anno Figra. Andamento stagionale della velocità del vento. ispense per il corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili

10 0 Capitolo fnzione delle classi di stabilità atmosferica A-F di Pasqill per de diversi tipi di solo, liscio e rgoso. Attraverso la relazione.5 è possibile valtare la velocità del vento a qote diverse da qelle di misra. Gli anemometri tilizzati dalle classiche stazioni meteorologiche sono di solito posizionati a 0 m dal solo, mentre qelli tilizzati per specifiche campagne di misra si siti eolici sono posizionati a 0-30 metri. In ogni caso, poiché l altezza dei moderni aerogeneratori è dell ordine Figra.3 Esponente del profilo di velocità del vento in fnzione della rgosità del solo. di m, rislta sempre necessario fare ricorso alla relazione.5, e qindi occorre conoscere l esponente α. Ovviamente tale esponente pò essere facilmente determinato sempre attraverso la citata relazione se si dispone di sfficienti misre a de diverse qote, ragion per ci, s na stessa torre, vengono spesso installati de anemometri a diversa altezza (per esempio 5 e 30 m): ln α =.9) z ln z escrizione Classe Lnghezza caratteristica z0 (m) Sperficie del mare 0 0,000 Sperfici aperte lisce e piane 0,5 0,005 Aree agricole pianeggianti 0,03 Aree agricole con presenza di case o alberi 0,055,5 molto isolati Aree agricole con presenza di case o alberi 0, radi (meno di 500 m) Aree agricole con presenza di case o alberi 0,,5 poco radi (meno di 50 m) Foreste, piccoli villaggi e aree agricole con 0,4 3 presenza di case o alberi molto vicini Centri abitati con palazzi bassi 3,5 0,8 Città con palazzi alti e grattacieli 4,6 Tabella. Classificazione dei soli e lnghezza caratteristica z0. Università degli Stdi di Cagliari ipartimento di Ingegneria Meccanica

11 L energia eolica Atmosfera Solo rgoso Solo liscio Molto instabile A 0,5 0,09 Moderatamente instabile B 0,5 0,09 Poco instabile C 0,0 0, Netra 0,5 0,5 Poco stabile E 0,40 0,4 Stabile F-G 0,40 0,4 Tabella. Coefficiente del profilo di velocità del vento in fnzione della stabilità atmosferica. Attraverso la relazione che descrive il profilo verticale di velocità del vento è anche possibile effettare na prima stima delle potenzialità anemometriche di siti fra loro vicini ma caratterizzati da diversa orografia. A tal fine si pò infatti ipotizzare che la velocità del vento geostrofico si mantenga sostanzialmente costante in de siti vicini, in qanto si sppone che ad alta qota il vento non sia inflenzato dall orografia e dalla rgosità del solo. Fissata na altezza zgeo ( m) in corrispondenza della qale la velocità del vento ha ragginto n valore sostanzialmente costante, nota la velocità del vento A Figra.4 Terreno con classe di rgosità 0. Figra.5 Terreno con classe di rgosità. Figra.6 Terreno con classe di rgosità. Figra.7 Terreno con classe di rgosità 3. ispense per il corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili

12 Capitolo misrata alla qota z di n sito A con parametro αa, essa sarà correlata alla velocità del vento B misrata ancora alla qota z di n sito B caratterizzato da n parametro αb mediante la relazione: geo α α A B z geo z geo = A = B z z.0) Per esempio, se si considera n sito caratterizzato da n esponente α A =0,5, con n anemometro che, a 0 m dal solo, misra na velocità del vento pari a 4 m/s, in n sito adiacente caratterizzato da n esponente α B =0,3 la velocità del vento ancora alla qota di 0 m rislta pari a, m/s, avendo assnto n vento geostrofico costante alla qota di 500 m (peraltro a tale qota il vento presenta na velocità di 7,9 m/s). L orografia rappresenta pertanto n elemento estremamente rilevante ai fini della valtazione delle potenzialità eoliche di n sito. Infatti, a parità di vento geostrofico, n solo liscio determina velocità maggiori al solo. Inoltre, a casa dell amento di velocità del vento indotto dalla presenza di rilievi collinari, si preferisce installare le trbine eoliche slla cresta delle colline pittosto che nelle vallate. Rilevazioni sperimentali slla velocità del vento a monte e a valle di rilievi collinari hanno evidenziato come la velocità del vento misrata in corrispondenza della cresta delle colline possa risltare speriore del 50-80% rispetto alla velocità del vento misrata a sfficiente distanza dai rilievi. Tali rilevazioni hanno parimenti mostrato come viceversa la velocità del vento immediatamente a monte e a valle del rilievo rislta notevolmente inferiore (0-40%) alla velocità del flsso indistrbato. Ai fini di na corretta valtazione delle potenzialità energetiche di n sito eolico rislta estremamente importante effettare precise misrazioni della velocità del vento. Infatti, poiché la potenza resa disponibile dal tbo di flsso che investe il rotore di na trbina eolica è proporzionale al cbo della velocità, n errore slla misra della velocità del 0% comporta n errore sl calcolo della potenza, e qindi dell energia prodcibile, del 33%. In tal senso, al fine di contenere gli errori entro valori dell ordine del 3-5% è necessario disporre di anemometri con tolleranze di misra inferiori all -%. Qando si esegono le rilevazioni della velocità del vento, le misre ottente, ovvero i valori mediati s n intervallo di tempo di 0 minti (che rappresenta lo standard comnemente tilizzato anche nelle crve di prestazione delle trbine eoliche fornite dai costrttori), si organizzano in classi di velocità (bins) di data ampiezza. Ogni classe è definita da n valore medio delle velocità del vento appartenenti alla classe stessa, al qale è associato il corrispondente nmero di ore/anno di persistenza della velocità del vento Figra.8 Effetto di n rilievo collinare sl profilo di velocità del vento. Università degli Stdi di Cagliari ipartimento di Ingegneria Meccanica

13 L energia eolica 3 all interno del relativo intervallo. Qesta distribzione di velocità del vento, che diviene tanto più rappresentativa qanto maggiore è il nmero di campagne anne di sperimentazione che sono state tilizzate per costrirla, presenta il tipico andamento esemplificato dalla figra.9, con n valore massimo localizzato in corrispondenza di velocità del vento prossime a qella media. Oltre che in termini di ore/anno, tale distribzione viene anche proposta in termini di freqenza relativa fi che si esprime analiticamente attraverso il segente rapporto: ni f i =.) n TOT essendo ni il nmero di ore/anno di persistenza della velocità del vento all interno della classe considerata e ntot il nmero totale di ore a disposizione nell anno (convenzionalmente 8760). Ovviamente, la somma delle freqenze relative è pari ad no. Come evidenziato in figra.0, oltre alla distribzione relativa di velocità del vento, Freqenza (ore/anno) Velocità del vento (m/s) Figra.9 istribzione relativa di freqenza della velocità del vento. Freqenza cmlata (ore/anno) Velocità del vento (m/s) Figra.0 istribzione cmlativa di freqenza della velocità del vento. ispense per il corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili

14 4 Capitolo si tilizza spesso anche la corrispondente distribzione cmlativa di velocità del vento. Qesta viene costrita a partire dalla prima, riportando in corrispondenza di ciascna classe di velocità del vento il nmero di ore/anno drante le qali la velocità è inferiore o gale a tale valore. Anche in qesto caso, la distribzione cmlativa pò essere espressa in termini di freqenza Fi espressa analiticamente attraverso la segente eqazione: F i = i j = n n j TOT.) La distribzione cmlativa presenta n tipico andamento asintotico, con valore limite pari a 8760 ore/anno (o nitario nel caso della distribzione di freqenza). alla distribzione della velocità del vento si pò facilmente calcolare la velocità media anna del vento M, che rappresenta n primo parametro per la valtazione delle potenzialità eoliche di n sito. Essa è infatti la media pesata delle velocità del vento essendo pesi le relative freqenze: M = N i = n n i i TOT = N i = f i i.3) Ai fini di na sintetica rappresentazione della distribzione di freqenza, rislta estremamente interessante poter disporre di na fnzione matematica che esprima con bona approssimazione il so andamento. La fnzione più tilizzata in tale ambito è la distribzione di Weibll, definita attraverso la relazione segente: F A k = e.4) essendo A n parametro di scala, legato alla velocità media del vento, e k n parametro di forma. Come detto, il parametro A è legato alla velocità media del vento, la qale rislta mediamente pari al 90% del parametro A e molto prossima al valore mediano della velocità del vento (ovvero il valore di velocità in corrispondenza del qale F=0,5). Il parametro di forma è invece solitamente compreso fra,5 e,5, con n valore tipico di riferimento pari a (nel qal caso la distribzione di freqenza prende il nome di distribzione di Reyleigh, che peraltro viene ampiamente tilizzata come distribzione di riferimento dai costrttori delle trbine eoliche. A partire dalla distribzione di freqenza cmlativa F, è ovviamente possibile ricavare la distribzione di freqenza relativa f. La freqenza relativa è infatti legata a qella cmlativa tramite la relazione segente: F( ) = 0 f d.5) Università degli Stdi di Cagliari ipartimento di Ingegneria Meccanica

15 L energia eolica 5 ovvero in termini differenziali: df f =.6) d nqe la fnzione f rappresenta la derivata prima rispetto alla velocità del vento della fnzione F. Pertanto rislterà: f k k A k = e.7) A A Le figre. e. evidenziano l andamento delle distribzione di Weibll per diversi valori del parametro di scala (ovvero della velocità media del vento) e del parametro di forma. Qesta distribzione rappresenta in ordinate la probabilità in termini percentali che il vento drante l anno abbia na certa velocità; infatti l area sottesa dalla crva è sempre gale a no. La linea verticale rossa riportata in figra è la velocità media del vento. Si osserva che la crva di Weibll non è simmetrica, perché i venti forti sono più rari dei venti moderati. La sa forma varia da logo a logo, dipendendo sopratttto dalle condizioni climatiche, dall orografia e dal tipo di sperficie. È evidente che la distribzione di Weibll, ovvero i soi de parametri caratteristici A e k, pò essere ricavata per regressione dai dati sperimentali. Si pò, in alternativa, tilizzare anche n più semplice metodo per ricavare i parametri A e k. A partire dai valori delle velocità del vento e delle relative freqenze cmlative, si determinano de nove variabili asiliarie x e y espresse dalle relazioni segenti: x [ ln( F = ln( ) y = ln )].8) A=6 m/s; k=,5 A=6 m/s; k=,0 A=6 m/s; k=,5 0.5 A=5 m/s; k= A=6 m/s; k= A=7 m/s; k= Freqenza 0. Freqenza Velocità (m/s) Velocità (m/s) Figra. istribzione di Weibll in fnzione del parametro di forma. Figra. istribzione di Weibll in fnzione del parametro di scala. ispense per il corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili

16 6 Capitolo Il diagramma che rappresenta la variabile y in fnzione della variabile x è descritto da na retta di eqazione: y = y 0 + m x.9) Il coefficiente angolare m di tale retta è pari a k, mentre il termine y0 consente di valtare il parametro di scala A attraverso la segente relazione: y0 m A = e.0) Come anticipato, la potenza disponibile in n tbo di flsso avente sezione trasversale pari ad S, velocità e densità ρ vale: P = m ρ & = S 3.) La corrispondente energia messa a disposizione annalmente dipende dalla distribzione di freqenza del vento e rislta pari a: E = N P n = N,i i i = i = ρ S 3 n.) i i In logo della potenza e dell energia disponibile, si considerano spesso i corrispondenti valori della densità di potenza e della densità di energia disponibile, ovvero i valori riferiti all nità di sperficie S del trbo di flsso (area spazzata dal rotore). Come evidenziato nelle figre.4 e.5 (riferite alla distribzione di freqenza delle figre.9 e.0), la potenza disponibile rislta sempre crescente con la velocità del vento, mentre la corrispondente energia disponibile, dipendendo dalla distribzione di freqenza, presenta n andamento dapprima crescente e poi decrescente. La potenza PE effettivamente prodotta (in forma meccanica o elettrica) da n convertitore eolico è correlata alla potenza disponibile mediante n coefficiente di potenza CP: P E = P C.3) P Figra.3 Rappresentazione della sezione trasversale del tbo di flsso intercettato dalla trbina. Università degli Stdi di Cagliari ipartimento di Ingegneria Meccanica

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni

NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni NUMERO in SECONDA, addizioni e sottrazioni Anna Dallai, Monica Falleri, Antonio Moro, 2013 Decina e abaco a scatole Se nel precedente anno non è stato introdotta la decina lavoriamo si raggrppamenti, diamo

Dettagli

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua:

I NUMERI NATURALI. Per cominciare impariamo a leggere alcuni numeri naturali e dopo prova a scriverli nella tua lingua: I NUMERI NATURALI Per cominciare impariamo a leggere alcni nmeri natrali e dopo prova a scriverli nella ta linga: NUMERI ITALIANO LA TUA LINGUA 1 UNO 2 DUE 3 TRE 4 QUATTRO 5 CINQUE 6 SEI 7 SETTE 8 OTTO

Dettagli

Problemi sul parallelogramma con le incognite

Problemi sul parallelogramma con le incognite Problemi sl parallelogramma con le incognite Qante altezze ha n parallelogramma Il concetto di altezza rimanda direttamente a qello della distanza di in pnto da na retta La distanza di n pnto da na retta

Dettagli

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA

Hepatex CR. Il punto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Hepatex CR Il pnto di riferimento nella filtrazione ULPA Applicazioni Clean Air Power Generation Clean Room Indstrial Fatti Principali Gli Ultrafiltri

Dettagli

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie

Optima CG / Optivent CG. Soluzioni innovative a flusso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Optima CG / Optivent CG Solzioni innovative a flsso laminare per sale operatorie Applicazioni Clean Air Power Generation

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

COMUNE DI VILLAPERUCCIO

COMUNE DI VILLAPERUCCIO COMUNE DI VILLAPERUCCIO Provincia di Carbonia-Iglesias SETTORE : Responsabile: AREA TECNICA Crreli Elvio DETERMINAZIONE N. in data 109 25/03/2014 OGGETTO: Approvazione Relazione Tecnica e Impegno di Spesa

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco.

I NUMERI DECIMALI A. Osserva il bruco: è formato da 10 parti. Colora l intero bruco, 1 bruco. I NUMERI DECIMALI A.Osserva il brco: è formato a parti. Colora l intero brco, 1 brco. Hai colorato s parti el brco, ieci ecimi el brco, cioè 1 brco. Ne poi colorare meno i no? Prova! B.Colora 2/ el brco.

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo.

< 3-4 metri/secondo. 3-4 metri/secondo. 4-5 metri/secondo. 5-6 metri/secondo. 6-7 metri/secondo. 7-8 metri/secondo. Chi abita in una zona ventosa può decidere di sfruttare il vento per produrre energia elettrica per gli usi domestici. In modo simile al fotovoltaico godrà di incentivi per la realizzazione, ma prima è

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

La mia compagna di vita. il primo passo è l informazione. un racconto ARTRITE REUMATOIDE:

La mia compagna di vita. il primo passo è l informazione. un racconto ARTRITE REUMATOIDE: La mia compagna di vita n racconto ARTRITE REUMATOIDE: il primo passo è l informazione È n iniziativa parte del progetto informativo Articol-AZIONI realizzato da: Il primo passo è l informazione Gidare

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

REPUBBLICA IT ALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Sezione Lavoro

REPUBBLICA IT ALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Sezione Lavoro REPUBBLICA IT ALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Seione Lavoro Il dott. Nicola Di Leo in fnione di gidice del lavoro ha pronnciato la segente SENTENZA nella casa civile di I Grado iscritta

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

IMPIANTI EOLICI E FOTOVOLTAICI DI PICCOLA TAGLIA: GUIDA TECNICA

IMPIANTI EOLICI E FOTOVOLTAICI DI PICCOLA TAGLIA: GUIDA TECNICA IMPIANTI EOLICI E FOTOVOLTAICI DI PICCOLA TAGLIA: GUIDA TECNICA GENNAIO 2011 FIRE - Via Flaminia 441-00196 ROMA - Tel. 06-36002543 Fax. 06-36002544 IMPIANTI EOLICI E FOTOVOLTAICI DI PICCOLA TAGLIA: GUIDA

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli