Progetto LES Sceneggiatura Energia 2 ver. apr.2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto LES Sceneggiatura Energia 2 ver. apr.2002"

Transcript

1 Conservazione e dissipazione dell'energia meccanica Gli esperimenti che seguono sono finalizzati alla costruzione delle equazioni dell energia cinetica, dell energia potenziale di gravità e dell energia potenziale elastica. Già dalla prima attività gli studenti dovrebbero essere stati coinvolti nella ricerca di relazioni matematiche che diventano plausibili in esperimenti nei quali è richiesto, anche se le espressioni delle tre energie sono già note, di ricostruire il significato delle definizioni operative che sono proposte. Energia potenziale di gravità ed energia cinetica Gli studenti sono invitati ad analizzare diversi moti di caduta e di risalita, in una e due dimensioni (moto di caduta e risalita lungo la verticale, lungo guide inclinate, lungo profili curvi, su tavole inclinate, ecc.) con l'obiettivo di "costruire" espressioni (delle due energie) attraverso relazioni tra esse. L'attività di analisi e di misura si sviluppa guidando gli studenti nel riconoscere la conservazione sia durante il moto (istante per istante e/o per ciascuna posizione assunta dall'oggetto in moto) sia riferendosi ad intervalli di tempo sia a differenze di quote. E la correlazione tra i due modi di analizzare si avvale della possibilità di usare in modo integrato cronometri, aste graduate, sistemi per la registrazione del moto (trasduzione con sensori in linea, telecamere, foto stroboscopiche registrazioni con carta metallizzata, ecc.) e sistemi di simulazione e animazione (Excel, Interactive Physics, ecc.). Possibili esperimenti da realizzare in grande gruppo: Caduta libera di una sfera (di acciaio) L'esperienza può essere realizzata in diversi modi. Ad esempio disponendo di un sistema che permetta di raccogliere in modo automatico distanze percorse e tempi. In diverse scuole sono disponibili apparati per lo studio del moto uniformemente accelerato costituiti da un sistema per il rilascio della sferetta (ad esempio una elettrocalamita), una serie di traguardi a infrarossi e un cronometro digitale. Lavorando con sfere di acciaio la resistenza dell'aria è trascurabile e si ottengono risultati anche precisi. In generale questa esperienza è descritta (in configurazioni diverse per la registrazione del moto) in tutti i testi dal punto di vista cinematico, è poi ripreso nella parte di dinamica (F=ma=mg) e scarsamente analizzato dal punto di vista energetico. La semplicità dell'esperimento e le conoscenze sul moto uniformemente accelerato permettono di costruire in laboratorio i passaggi fondamentali del bilancio energetico Conservazione dell energia nella caduta libera Si consiglia di lavorare, nell'interpretare il fenomeno e nell'analizzare i dati, non separando gli aspetti cinematici e dinamici da quelli energetici. Partendo dal moto unidimensionale e facendo leva su conoscenze in parte acquisite si ha così la possibilità di allargare successivamente l'analisi a moti in più dimensioni e/o su traiettorie prestabilite facendo cogliere i vantaggi derivanti da analisi basate su bilanci energetici quando non è semplice costruire e integrare le equazioni del moto. Sono ritenuti fondamentali i seguenti obiettivi (che sono anche riferiti ad una possibile che sequenza di attività): - riconoscere che v e h variano (al crescere di v diminuisce h) e che quindi le singole energie (cinetica e potenziale) non possono conservarsi;

2 - riflettere sul fatto che la massa e il peso non variano durante la caduta e riconoscerne le conseguenze; - riflettere sui modi per rendere omogenee grandezze nelle quali compaiono v e h; - costruire/analizzare, anche in analogia con altre conservazioni, la struttura formale della compensazione additiva (al crescere dell'energia potenziale diminuisce quella cinetica in modo che la loro somma resti costante) e riconoscere che ciò implica una omogeneità delle grandezze che compaiono nelle equazioni; - riflettere sulla struttura algebrica di compensazioni che implicano la conservazione di grandezze costruite con prodotti di altre grandezze (momenti per l'equilibrio con leve, ecc.); - riconoscere il ruolo e le entità delle forze dissipative (in questo caso resistenza del mezzo); - saper calcolare istante per istante le grandezze che permettono di definire e costruire le energie in gioco e riconoscere che la conservazione avviene con continuità ma che può anche essere studiata in intervalli di tempo e di posizione; - saper costruire e interpretare grafici di h in funzione di v e in funzione di v 2 ( e viceversa) ricercando e analizzando il significato del rapporto incrementale; - saper costruire e interpretare grafici delle due energie (cinetica e potenziale) in funzione dell'altezza h; - correlare i precedenti grafici (ed equazioni) rispetto all'altezza con quelli in funzione del tempo; - saper costruire, interpretare, correlare (con excel) grafici per punti (discreti) con grafici di funzioni, grafici cartesiani e grafici a barre; - saper analizzare dati sperimentali raccolti "a mano" e in modo automatico con apparati di registrazione; - saper lavorare con ambienti di modellizzazione (Interactive Physics) e con applets in rete adoperando le simulazioni e le animazioni sia per una esplorazione e per un ampliamento della fenomenologia sia per validare ipotesi e "costruire" teorie; - saper correlare esperimenti e simulazioni-animazioni. Esempio di simulazione Nell esempio che segue un oggetto di massa m=1kg è inizialmente fermo alla quota h=5m. All istante t=0, l oggetto (avente velocità iniziale nulla), è libero di cadere e, in assenza di forze di attrito, si mette in moto con accelerazione costante g=9,81 m/s 2. I ragazzi conoscono le equazioni del moto uniformemente accelerato e possono così costruire le prime tre colonne della tabella. La costruzione delle altre colonne dovrebbe avvenire, in modo coordinato e parzialmente guidato, facendo riferimento agli obiettivi precedentemente indicati e condividendo con la classe la ricerca di una grandezza (legata all altezza e alla velocità) che si conserva durante il moto. Questa attività di simulazione con excel può essere integrata alle attività di misura e alle attività con Interactive Physics e con applets e ha come obiettivo principale la costruzione di relazioni e di grafici. Se opportunamente gestita (facendo variare le condizioni iniziali, il tempo finale, ecc. e costruendo colonne con grandezze derivate da h e v suggerite dai ragazzi) questa attività può essere di aiuto per chiarire diversi aspetti fondamentali. t h v v^2 mgh En.tot v^2/ h 0,5*mv^ 2 (s) (m) m/s (m/s)^2 (J) (J) (J) (m/s^2) 0 5, ,0 49,05 0,00 49,05 0,1 4,951 1,0 1,0 48,57 0,48 49,05-19,62 0,2 4,804 2,0 3,8 47,13 1,92 49,05-19,62 0,3 4,559 2,9 8,7 44,72 4,33 49,05-19,62 0,4 4,215 3,9 15,4 41,35 7,70 49,05-19,62 0,5 3,774 4,9 24,1 37,02 12,03 49,05-19,62

3 0,6 3,234 5,9 34,6 31,73 17,32 49,05-19,62 0,7 2,597 6,9 47,2 25,47 23,58 49,05-19,62 0,8 1,861 7,8 61,6 18,25 30,80 49,05-19,62 0,9 1,027 8,8 78,0 10,07 38,98 49,05-19,62 1,0 0,095 9,8 96,2 0,93 48,12 49,05-19,62 Tabella excel della simulazione Tabella excel riferita al moto di caduta libera (con accelerazione costante, quota iniziale pari a 5m velocità iniziale nulla) di un corpo di massa 1kg in assenza di resistenza del mezzo. L'accelerazione g è pari a 9,81 m/s 2. Si tratta di dati di una simulazione e nessuna attenzione è stata posta nel determinare le cifre significative in relazione agli errori. Il foglio di lavoro dovrebbe essere scritto in modo generale (ad esempio indicando in apposite celle i valori iniziali, la massa, ecc. e facendo uso di riferimenti assoluti) così da consentire studi al variare delle condizioni sperimentali. Costruendo una analoga tabella con dati sperimentali (in questo caso l altezza iniziale sarà probabilmente minore e la massa sarà quella di una sferetta di acciaio) si otterranno valori che potranno essere confrontati con quelli attesi con un accordo che è in relazione all'apparato scelto, al metodo di misura e alla precisione della misura. v (m/s) ,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 h (m) v2 (m/s) y = -19,62x + 98,1 50 R 2 = ,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 h (m) Grafici della simulazione Grafico della velocità in funzione della quota (a sinistra) e della velocità al quadrato in funzione della quota (a destra). Nel riquadro del grafico a destra, con i punti calcolati (in tabella), è rappresentata la retta dei minimi quadrati. La pendenza negativa della retta è pari al doppio della accelerazione di gravità. Il valore della pendenza calcolata nel fit coincide con il rapporto incrementale calcolato nell'ultima colonna della tabella. Il coefficiente di correlazione è (nella simulazione) pari a 1 (perfetto adattamento). Gli stessi grafici e le stesse elaborazioni possono essere realizzati, in modo analogo con i dati sperimentali. Nel lavoro in classe si suggerisce di condividere i risultati ottenuti evitando un uso acritico delle elaborazioni statistiche di excel. Se si lavora con la retta dei minimi quadrati, ad esempio, diventa importante lavorare con le dimensioni fisiche dei coefficienti, cogliere il significato dei coefficienti di correlazione, ecc.

4 Ep, Ec, Ec+Ep (J) Ep, Ec, Ep+Ec (J) y = -48,118x ,05 R 2 = ,2 0,4 0,6 0,8 1 h (m) t (s) Grafici della simulazione Energia potenziale e cinetica e loro somma in funzione della quota (a sinistra) e in funzione del tempo (a destra). Le curve delle due energie sono lineari rispetto alla quota e quadratiche rispetto al tempo. La somma è costante sia rispetto al tempo sia rispetto alla quota. Nella simulazione si evidenzia una perfetta relazione quadratica di Ep rispetto al tempo (e quindi anche di Ec). La dipendenza quadratica è immediatamente ricavata dalle equazioni del moto con accelerazione costante. facilmente ricavabili riferendosi al moto uniformemente accelerato. Gli stessi grafici e le stesse elaborazioni possono essere realizzati, in modo analogo con i dati sperimentali Ep, Ec (J) ,00 4,95 4,80 4,56 4,22 3,77 3,23 2,60 1,86 1,03 0,10 h (m) Grafici della simulazione

5 Grafico a pila dell'energia potenziale (celeste) e cinetica. Il grafico aiuta a comprendere il significato della compensazione additiva. Al diminuire della quota (in corrispondenza di intervalli di 0,1 s Ep diminuisce e Ec aumenta in modo che la loro somma sia costante (nel tempo e per ogni quota). Se si ottengono grafici di questo tipo occorre far riflettere sulla non linearità della scala della quota, in realtà, le barre sono equispaziate rispetto al tempo e ciò spiega la apparente decrescita (crescita) non lineare di Ep (Ec) rispetto alla quota. ATTENZIONE Nell esempio sono suggeriti modi per costruire le espressioni delle energie (cinetica e potenziale di gravità) a partire da un programma, condiviso con gli studenti, che mira, dopo analisi qualitative e correlazioni tra fenomeni anche diversi, a rendere plausibili (e ad interpretarne il significato) le equazioni del bilancio energetico. Nell esempio i dati sono riferiti ad una simulazione con excel. Lavorando, come suggerito, con dati sperimentali, analizzati ad esempio con Excel, occorre guidare nella modellizzazione facendo cogliere i legami tra esperimento e modello, e in questo caso, discutendo, non solo sul significato degli errori sperimentali e sulle elaborazioni ma anche sul fatto che le parti che mancano nel bilancio energetico si ritrovano in altre forme di energia. Esperimento : Moto di un carrello lungo una guida non rettilinea grande gruppo Attività di L esperienza consiste nel misurare e correlare velocità e altezza di una carrellino o di una biglia in moto lungo una guida ondulata. Il sistema Roller Coaster della Pasco, montato a parete, permette di realizzare piste di diverse forme sulle quali far correre con basso attrito carrelli di massa variabile. Il sistema è di grandi dimensioni (in figura il pannello bianco è largo 230cm e alto 60 cm), utilizzando barriere a infrarossi e cronometri è possibile misurare la velocità del carrello in un punto della pista e coinvolgere l'intera classe nella ricerca della relazione tra velocità e altezza, altezza e velocità al quadrato, ecc.

6 Simulazione con Interactive Physics del moto di un carrello in moto, in assenza di attrito, lungo un percorso prestabilito

7 Rimbalzi di una pallina contro il pavimento con il moto della pallina ripreso dal sonar L esperimento è stato precedentemente discusso. Per lo studio con un sistema MBL si veda : Ottavia Foà, Gabriella Greblo e Anna Rambelli Moto di una pallina da ping-pong che rimbalza Moto di un carrello lungo una guida inclinata con il carrello ripreso dal sonar L esperimento, realizzato con un carrello con respingente a molla è descritto nel seguito. Per la conservazione della somma energia cinetica + potenziale di gravità ci si può riferire al moto di salita e/o a quello di discesa. Moto di un pendolo ripreso con un sonar o con traguardo a infrarossi L esperimento consiste nel far partire il pendolo da fermo da diverse altezze e nel misurare la velocità in funzione dell altezza. Per semplicità l altezza vale zero quando il pendolo passa per la posizione di equilibrio. L esperimento può essere ripetuto lavorando con pendoli di masse e lunghezze diverse ritrovando, ad esempio, che indipendentemente dalla massa e dall ampiezza iniziale, la velocità massima che il pendolo ha quando passa per la posizione di equilibrio è, nei limiti degli errori sperimentali, uguale a parità di altezza iniziale. Noi abbiamo realizzato l esperienza lavorando con pendoli di masse comprese tra 50 e 200 grammi (sfere di piombo da pesca) e con lunghezze comprese tra 100 e 150 cm registrando il moto con un sonar in linea al computer Grafico della distanza in funzione del tempo del moto di un pendolo (una sferetta di piombo attaccata ad un filo di nylon) registrato con un sonar. Misurando altezza e velocità è possibile lavorare con la conservazione dell energia (cinetica e potenziale di gravità). Per costruire la tabella excel sotto riportata abbiamo misurato, per ciascuno dei moti registrati, l altezza iniziale del pendolo (da fermo, vo=0) e la velocità massima (calcolata dal software di acquisizione) al passaggio del pendolo per la posizione di equilibrio. h(cm) v(cm/s) v 2 gh gh/v 2 m m/s (m/s) 2 (m/s) 2 0,020 0,61 0,37 0,20 0,54 0,030 0,76 0,58 0,29 0,50 0,040 0,88 0,77 0,39 0,51 0,050 0,99 0,98 0,49 0,50 Tabella excel Nella prima colonna è riportata l altezza iniziale (per diversi pendoli al variare della lunghezza e quindi della ampiezza iniziale e della massa). Nella seconda colonna sono riportate le medie aritmetiche di velocità per la posizione di equilibrio di pendoli partiti da

8 fermi dalla stessa altezza. Nelle ultime tre colonne valori calcolati che possono aiutare nel lavoro di modellizzazione v 2 (m/s) 2 1,50 1,00 0,50 y = 19,4x R 2 = 0,99 0,00 0,000 0,020 0,040 0,060 h (m) Grafico excel Velocità al quadrato (nel punto di equilibrio) in funzione dell altezza del punto di partenza da fermo. Il pendolo è un sistema che dissipa poca energia meccanica e quindi per la conservazione dell energia meccanica altezza e velocità al quadrato sono linearmente correlate così come mostrato dal coefficiente di correlazione lineare. La pendenza della retta dei minimi quadrati è, nei limiti degli errori, pari a 2g. Studio con Interactive Physics

9 La conservazione dell energia meccanica per il pendolo semplice può essere studiata con le animazioni simulazioni di Interactive Physics che permettono, in attività di piccolo gruppo, di legare lo studio cinematico e dinamico del pendolo alla trattazione degli aspetti energetici. In figura le oscillazioni del pendolo sono rappresentate attraverso i grafici temporali dell energia cinetica e potenziale di gravità. Studio con Interactive Physics Lo stesso pendolo della figura precedente in presenza di resistenza del mezzo.

10 Moto parabolico di una sferetta con un lanciatore a molla Con un lanciatore a molla si possono realizzare moti in una o due dimensioni. Così come per il carrello a molla la conservazione dell energia può riguardare l energia cinetica quella potenziale di gravità e quella potenziale elastica (o due di esse). Il lanciatore a molla della Pasco permette di realizzare moti lungo la verticale o in due dimensioni.

11 x (mm) x 2 (mm) h max (mm) hmax/x 2 (mm -1 ) , , ,43 Tabella Excel Dati di un esperimento realizzato con una sfera di plastica lanciata lungo la verticale con il lanciatore a molla (vedi figura in alto a destra). Nella prima colonna la x rappresenta la compressione della molla. Il rapporto tra la quota massima raggiunta dalla sfera e la compressione al quadrato non si mantiene costante a causa della massa non trascurabile della molla-pistone e degli attriti. L esperimento può essere realizzato prima in modo semiquantitativo, poi si può analizzare l apparato per cercare di interpretare la diminuzione del rapporto hmax/x 2 all aumentare della compressione x. Studio con Interactive Physics Simulazione-animazione-modellizzazione con Interactive physics del lancio di una sfera in assenza di attriti. E possibile variare le condizioni iniziali e la massa della sfera. Le energie (cinetica e potenziale di gravità) sono rappresentate, nel tempo, con barre, con valori numerici e grafici cartesiani rispetto al tempo.

12 Energia cinetica ed energia potenziale elastica Lancio del carrello con respingente Un carrello con respingente a molla è inizialmente fermo su un binario orizzontale. La molla è inizialmente compressa e all istante t=0 la molla viene liberata e il carrello parte con moto rettilineo. L esperienza è ripetuta diverse volte al variare della massa complessiva del carrello (sul carrello possono essere alloggiate masse aggiuntive) e della compressione iniziale della molla e il moto del carrello è registrato con un sonar in linea la computer. Noi abbiamo svolto l esperienza con il carrello della Pasco e con il sistema MBL della Vernier con due diverse compressioni della molla e con sette diversi valori della massa complessiva del carrello. La costante elastica della molla è stata determinata comprimendo la molla con forze note e la massa del carrello con una bilancia al grammo.

13 Grafici MBL di distanza, velocità e accelerazione del carrello al variare della massa In ciascuna registrazione il carrello parte nell intervallo di tempo (0;1) s e viene bloccato nell intervallo (2;3,5)s. Queste fasi impulsive sono ben evidenziate dai picchi (partenza verso il basso, e arresto verso il basso) dei grafici delle accelerazioni. La conservazione dell energia può essere studiata durante tutta la fase di decompressione della molla analizzando i dati di distanza e velocità registrati dal software di acquisizione. m v mv v2 Ecin kg m/s kg m/s (m/s)2 J 0,50 0,876 0,438 0,767 0,19 0,60 0,799 0,479 0,638 0,19 0,75 0,701 0,526 0,491 0,18 1,00 0,605 0,605 0,366 0,18 1,50 0,503 0,755 0,253 0,19 2,13 0,442 0,941 0,195 0,21 2,50 0,401 1,00 0,161 0,20 Tabella excel con i dati raccolti nel lancio del carrello ( x=27mm) La costante elastica della molla del respingente è stata misurata ed è risultata pari a 701 N/m e la molla è stata ugualmente compressa di 27mm. L energia potenziale elastica è pari a circa 0,25 J. Nella prima colonna è riportata la massa complessiva del carrello, nella seconda la velocità del carrello (alla fine del lancio, vedi grafico in alto della velocità), nella terza la quantità di moto, nella quarta la velocità al quadrato, nell ultima l energia cinetica. Dall analisi della tabella risulta che l energia cinetica è nei limiti degli errori sperimentali costante, mentre la quantità di moto aumenta all aumentare della massa (anche se la velocità diminuisce). 0,25 0,20 Ecin (J) 0,15 0,10 0,05 0,00 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 m (kg) Grafico Excel dell energia cinetica in funzione della massa Rappresentando i dati sperimentali con a barra di errore si evidenzia che l energia cinetica è nei limiti deglierrori costante.

14 0,800 v2 (m/s)2 0,700 0,600 0,500 0,400 0,300 0,200 0,100 y = 0,3837x -0,9533 R 2 = 0,9965 0,000 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 m (kg) Grafico Excel della velocità al quadrato in funzione della massa La relazione tra le due grandezze è, nei limiti degli errori, di inversa proporzionalità così come evidenziato dall equazione della curva di interpolazione dei dati sperimentali. m v mv v2 Ecin kg m/s kg m/s (m/s)2 J 0,50 0,552 0,28 0,305 0,08 0,60 0,497 0,30 0,247 0,07 0,75 0,442 0,33 0,195 0,07 1,00 0,393 0,39 0,154 0,08 1,50 0,320 0,48 0,102 0,08 2,13 0,272 0,58 0,074 0,08 2,50 0,240 0,60 0,058 0,07 Tabella excel con i dati raccolti nel lancio del carrello ( x=17mm) La costante elastica della molla del respingente è stata misurata ed è risultata pari a 701 N/m e la molla è stata ugualmente compressa di 17mm. L energia potenziale elastica è pari a circa 0,10 J. Nella prima colonna è riportata la massa complessiva del carrello, nella seconda la velocità del carrello (alla fine del lancio, vedi grafico in alto della velocità), nella terza la quantità di moto, nella quarta la velocità al quadrato, nell ultima l energia cinetica. Dall analisi della tabella risulta che l energia cinetica è nei limiti degli errori sperimentali costante, mentre la quantità di moto aumenta all aumentare della massa (anche se la velocità diminuisce).

15 0,350 v2 (m/s)2 0,300 0,250 0,200 0,150 0,100 0,050 y = 0,1508x -0,9965 R 2 = 0,9974 0,000 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 m (kg) Grafico Excel della velocità al quadrato in funzione della massa La relazione tra le due grandezze è, nei limiti degli errori, di inversa proporzionalità così come evidenziato dall equazione della curva di interpolazione dei dati sperimentali. Commento L esperienza può essere organizzata, in analogia, seguendo i suggerimenti dati per la caduta libera della sferetta di acciaio e cioè guidando i ragazzi nell integrare esperimenti e attività di modellizzazione mirate alla costruzione delle equazioni della conservazione. Nei due esempi del lancio del carrello l energia cinetica è nei limiti degli errori costante ma sistematicamente minore dell energia potenziale elastica. Ciò è da attribuire essenzialmente a: a) la massa del respingente e della molla non sono trascurabili. Quando il carrello parte in avanti la molla e il respingente sono espulsi in senso opposto; b) la presenza di attriti. In particolare il primo contributo è quello più significativo e ciò può essere evidenziato alloggiando in modo non stabile le masse aggiuntive sul carrello e mostrando come in questo caso la velocità alla fine del lancio sia minore. Carrello in moto lungo una guida inclinata Esperimento Attività di grande gruppo Un carrello con respingente a molla è inizialmente fermo con la molla compressa. Poi la molla viene istantaneamente liberata ed il carrello risale lungo la guida inclinata. Il carrello si ferma ad una quota massima, quota che si rileva con una riga metrica. Prima di iniziare l'esperimento si determina la costante elastica della molla del carrello: la molla si comprime di un valore x = 9 x 10-3 m; con una forza f= 0.6 kgp.

16 determinando così, in base alla legge di Hooke, una costante elastica K pari a K = 653N/m. Prima di effettuare le misure si eseguono esperienze qualitative al variare dei parametri. Si osserva la quota massima alla quale arriva il carrello variando la compressione della molla; la quota è più bassa con una compressione minore. Si osserva la quota massima alla quale arriva il carrello variando la massa del carrello: la quota diminuisce all'aumentare della massa. Si osserva la quota massima alla quale arriva il carrello variando l'inclinazione della guida. L'osservazione di questa fenomenologia, insieme alla considerazione che alla molla del carrello è associata una energia potenziale elastica che si trasforma in energia potenziale gravitazionale quando il carrello si ferma, conduce i ragazzi a riflettere sulle grandezze dalle quali dipende l'energia potenziale elastica. Dopo queste considerazioni qualitative, in grande gruppo si svolge l'esperimento. Viene richiesta la collaborazione di tutta la classe; generalmente l'insegnante libera la molla con un colpo di martello ed un ragazzo rileva ad occhio, lungo il binario, la posizione nella quale il carrello si ferma e dopodiché, con la riga metrica, si misura l'altezza. Nella tabella viene riportata la differenza di altezza, avendo, prima di liberare la molla, misurato l'altezza alla quale si trova il carrello prima di partire. Nella tabella seguente sono riportati i risultati che generalmente si ottengono svolgendo l'esperimento con una classe coinvolta nell'attività. m (kg) massa carrello x (metri) massima compres sione molla kx massima forza elastica h (metri) differenza di altezza 1/2 Kx 2 mgh mgh/((1/2) K x 2 ) kg kg kg L'errore sul rapporto, calcolato con la propagazione dell'errore sperimentale, è sulla seconda cifra decimale e quindi se consideriamo una approssimazione inferiore il rapporto può essere considerato costante. Tuttavia il fatto che questo rapporto non sia uguale ad 1, ma inferiore, vuol dire che non tutta l'energia potenziale elastica si trasforma in potenziale di gravità, quando il carrello si ferma. Nel bilancio energetico bisognerà tener conto dell'energia "persa" per attrito. 2.2 Esperimento Con la stessa configurazione dell'esperimento precedente, il carrello, raggiunta la quota massima si ferma e torna indietro. All'estremità in basso la sua molla urta contro il blocco fisso, la molla si comprime fino all'arresto del carrello poi si dilata di nuovo ed il carrello riparte di nuovo in salita. L'esperimento continua fino all'arresto definitivo del carrello. All'estremità in alto è posto un sonar collegato al computer che permette di studiare il moto del carrello attraverso l'analisi dei grafici costruiti mentre il fenomeno si svolge. La figura riporta la configurazione dell'esperimento mediante il quale sono stati realizzati i grafici riportati successivamente

17

18 l d h 1 h Dopo aver realizzato l'esperimento e registrato i grafici col sonar, in grande gruppo, e quindi in una condizione di apprendimento collaborativo, si invitano i ragazzi a risalire al moto del carrello lungo la guida attraverso l'analisi puntuale dei grafici. Si invitano i ragazzi ad indicare, sui tre grafici ottenuti, gli istanti in cui il carrello si trova -nell'inversione salita - discesa -con i più alti valori assoluti della velocità -con la molla che ha subito il massimo della compressione nell'urto. Si invitano i ragazzi a fare una valutazione del tempo di durata di un urto del carrello contro il blocco e di come sia possibile, con i dati dell'esperimento, risalire alla variazione di altezza del carrello ad ogni arresto in salita. Dalla figura del piano inclinato, si può notare che vale la seguente proporzione l : h = d : h 1 per cui percorrere in salita un tratto d significa salire di una quota h 1 = dh/l. Si può risalire al valore del tratto d conoscendo la lunghezza l e la distanza della parte posteriore del carrello dal sonar (che si rileva dai grafici cinematici). La fase successiva dell'attività riguarda l'analisi puntuale dei dati con il bilancio energetico. Sinteticamente l analisi po essere così condotta: per ciascun tratto di salita e discesa (escludendo la fase dell urto) è possibile studiare la conversione tra energia cinetica e potenziale di gravità; in ciascun urto è possibile studiare il bilancio comprendente le tre energie (potenziale elastica e di gravità e cinetica); in ciascun tratto di salita e discesa parte dell energia meccanica viene dissipata a causa di un attrito che per bassi velocità risulta essere costante; l urto è di tipo anelastico e in ciascun urto il rapporto tra le energie cinetiche è nei limiti degli errori costante. L esperimento da noi realizzato con la guida e il carrello della Pasco (figura in basso) è descritto commentando i grafici che abbiamo ottenuto.

19 Lo schema dell esperimento. Il carrello parte da fermo in basso, con la molla compressa. Poi la molla viene liberata e il carrello parte in salita e sale lungo la guida, si ferma, e scende urtando con il pistone a molla contro il blocco in basso. Nell urto la molla si contrae, poi si dilata rilanciando il carrello verso l alto che raggiunge una quota minore della precedente. Il fenomeno si ripete alcune volte fino alla totale dissipazione dell energia meccanica. Il moto è registrato dal sonar in alto che riprende la parte posteriore del carrello Distance (m) Velocity (m/s) Time (seconds) Time (seconds) Accel (m/s/s) Time (seconds)

20 Grafici MBL del moto del carrello Grafici temporali della distanza, della velocità e dell accelerazione. Il carrello è inizialmente fermo alla distanza di circa 1,9m dal sonar. Nell intervallo 1,5s<t<2s la molla viene liberata e il carrello parte in salita avvicinandosi al sonar che è in alto. L analisi può essere fatta analizzando prima separatamente gli intervalli di salita-discesa e gli intervalli di urto poi l intero moto. In ciascuna intervallo di salita-discesa la legge oraria è rappresentata da una quasi parabola con la concavità verso l alto, la velocità è approssimativamente una retta con pendenza positiva, l accelerazione è approssimativamente una retta orizzontale. Le fasi impulsive di urti appaiono come picchi volti verso il basso nel grafico dell accelerazione, come linee con pendenza negativa nel grafico della velocità, con raccordi tra parabole nel grafico della distanza. In riferimento ai grafici precedenti, per il bilancio energetico, misurata l inclinazione della guida, la massa del carrello, la costante e la compressione iniziale della molla si procede nel modo seguente: si converte la distanza dal sonar in quota (rispetto ad esempio al piano su cui è appoggiata la guida) per il calcolo dell energia potenziale di gravità (e dell energia potenziale elastica se si vuole fare il bilancio durante l urto); si legge il valore della velocità per il calcolo dell energia cinetica; si correlano a due a due le energie (cinetica e potenziale di gravità, cinetica e potenziale elastica, potenziale elastica e potenziale di gravità; si valuta l energia cinetica prima e dopo di ciascun urto (e si studia la legge con cui diminuisce); si studia come varia la somma delle tre energie (pari in assenza di attriti e per urti perfettamente elastici all energia potenziale elastica iniziale).

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Si riprendono gli esperimenti dell attività precedente per associare la pendenza della retta alla velocità.

Si riprendono gli esperimenti dell attività precedente per associare la pendenza della retta alla velocità. s t t[s] s t t[s] Progetto LES SCENEGGIATURA Moto rettilineo uniforme e sua rappresentazione. La velocità in funzione del tempo Si incomincia analizzando e commentando le schede compilate nell attività

Dettagli

SCENEGGIATURA Moti rettilinei uniformi: sorpassi, incontri e sistemi di due equazioni

SCENEGGIATURA Moti rettilinei uniformi: sorpassi, incontri e sistemi di due equazioni SCENEGGIATURA Moti rettilinei uniformi: sorpassi, incontri e sistemi di due equazioni Si lavora sulla descrizione e sull'analisi di esperienze cinematiche relative a sorpassi e incontri con moti di persone

Dettagli

Libro laboratorio I. Mappa concettuale

Libro laboratorio I. Mappa concettuale Libro laboratorio I Mappa concettuale Lavoro preparatorio per il laboratorio. Il diario di bordo Modello di relazione Relazione tra matematica e fisica Linearità, caso particolare Kx +b, x y =k, y/x 2

Dettagli

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010 Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/010 L esperienza, basata sullo studio di una molla a spirale in condizioni di equilibrio e di oscillazione, ha diversi scopi e finalità, tra

Dettagli

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S.

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti il principio di conservazione dell'energia meccanica,

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI

Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI Quinta Esercitazione di Fisica I 1 PROBLEMI RISOLTI 1. Un' auto di massa pari a 900 kg si muove su un piano alla velocità di 0 m/s. Che forza occorre per fermarla in 30 metri? (A) 1800 N (B) 4500 N (C)

Dettagli

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Scopo: Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Materiale: treppiede con morsa asta millimetrata treppiede senza morsa con due masse da 5 kg pallina carta carbone

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA A.A. 204/5 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Energia potenziale Problema 26 Una molla ha una costante elastica k uguale a 440 N/m. Di quanto

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m);

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m); 1 L ENERGIA holbox/shutterstock 1. IL LAVORO Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J (1 N) (1 m); inoltre, la formula (5) del capitolo «I princìpi della

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d Esercizio 1 Un automobile viaggia a velocità v 0 su una strada inclinata di un angolo θ rispetto alla superficie terrestre, e deve superare un burrone largo d (si veda la figura, in cui è indicato anche

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Scientifico statale Innocenzo XII Anzio (Roma) PROGRAMMA SVOLTO (a.s. 2013/14) Classe PRIMA sez

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S.

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti la dinamica dei sistemi materiali, nei quali vengono discusse le caratteristiche

Dettagli

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012.

Università di Modena e Reggio Emilia TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO - CLASSE A049 Matematica e fisica PROVA SCRITTA - 21 settembre 2012. busta 1 QUESITI DI MATEMATICA 1. Nel piano euclideo dotato di un riferimento cartesiano ortogonale monometrico, sia Γ il luogo dei punti che soddisfano l'equazione X 2-2X = - 4Y -Y 2. 1.1 Stabilire che

Dettagli

Nome e Cognome. Nella copia da riconsegnare si scrivano solo il risultato numerico e la formula finale. Non riportare tutto il procedimento.

Nome e Cognome. Nella copia da riconsegnare si scrivano solo il risultato numerico e la formula finale. Non riportare tutto il procedimento. Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-Ambientali: Corso di Fisica AA 13/14 Test di ammissione all'orale di Fisica. Appello del 16 Marzo 2015 Nome e Cognome Nella copia da riconsegnare si scrivano

Dettagli

Programmazione modulare 2015-16

Programmazione modulare 2015-16 Programmazione modulare 2015-16 ndirizzo: BEO Disciplina: FS lasse: Prime 1 1B 1 1G Ore settimanali previste: 3 (2 ore eoria - 1 ora Laboratorio) OPEEZE itolo odulo POLO Ore previste per modulo Periodo

Dettagli

Relazione di laboratorio di fisica-chimica. Studiare il moto di un carrellino con il marcatempo

Relazione di laboratorio di fisica-chimica. Studiare il moto di un carrellino con il marcatempo Relazione di laboratorio di fisica-chimica Studiare il moto di un carrellino con il marcatempo Prima parte. Il moto rettilineo uniforme. Scopo esperimento. Verificare se un carrellino, lanciato lungo una

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 COMPITO A Un blocco di massa m 1 = 1, 5 kg si muove lungo una superficie orizzontale priva di attrito alla velocità v 1 = 8,2 m/s.

Dettagli

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale Unità didattica 3 Il moto Competenze Riconoscere e descrivere i principali tipi di moto. Definire la velocità scalare e vettoriale e l accelerazione scalare e vettoriale. Descrivere il moto rettilineo

Dettagli

Risultati questionario Forze

Risultati questionario Forze Risultati questionario Forze Media: 7.2 ± 3.3 Coeff. Alpha: 0.82 Frequenza risposte corrette Difficoltà domande 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 25% 42% 75% 92% 100% % corrette 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30%

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2008 Corso Sperimentale Progetto Brocca Tema di Fisica La prova Il candidato svolga una relazione su uno solo dei seguenti due temi, a sua scelta, prestando particolare

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 3C Materia: FISICA Insegnante: Graziella Iori Testo utilizzato: Caforio, Ferilli - Fisica! Le regole del gioco -

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla)

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla) INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 L EQUILIBRIO DEI SOLIDI 2 IL MOVIMENTO: LA VELOCITA 3 IL MOVIMENTO: L ACCELERAZIONE 4 I PRINCIPI DELLA DINAMICA 5 IL LAVORO, LA POTENZA E L ENERGIA 6 LA TEMPERATURA

Dettagli

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica

Come scrivere una relazione di laboratorio completa sintetica Come scrivere una relazione di laboratorio Premesso che durante l esperienza di laboratorio è necessario annotare tutto ciò che è utile per poter redigere la relazione, questa deve contenere: gli strumenti

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA SOSPENSIONE del giudizio anno scolastico 2012/13: INDICAZIONI LAVORO

Dettagli

PROPOSTA DI ATTIVITA PER IL LABORATORIO DI FISICA DI BASE CON MATERIALE A BASSO COSTO

PROPOSTA DI ATTIVITA PER IL LABORATORIO DI FISICA DI BASE CON MATERIALE A BASSO COSTO PROPOSTA DI ATTIVITA PER IL LABORATORIO DI FISICA DI BASE CON MATERIALE A BASSO COSTO Il Corso, da ripetere durante due anni per due Gruppi di 20 docenti (un Gruppo per anno) e due Gruppi di 20 studenti

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED Dati utili Lunghezza del treno: 8,8 m Durata del percorso: 55 s Lunghezza del percorso: 1200 m Massa treno a pieno carico: 7000 kg Altezza della prima

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA...

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... N.B. SCHEMATIZZARE LA SITUAZIONE CON UN DISEGNO IN TUTTI GLI ESERCIZI INDICARE TUTTE LE FORMULE E TUTTE LE UNITA DI MISURA NEI CALCOLI 1-Quando spingi un libro di

Dettagli

L ENERGIA. L energia. pag.1

L ENERGIA. L energia. pag.1 L ENERGIA Lavoro Energia Conservazione dell energia totale Energia cinetica e potenziale Conservazione dell energia meccanica Forze conservative e dissipative Potenza Rendimento di una macchina pag.1 Lavoro

Dettagli

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15 Classe I A AFM Il metodo sperimentale. Misurazione e misura. Il Sistema Internazionale Grandezze fondamentali: lunghezza, massa e tempo. Grandezze derivate Unità di misura S.I. : metro, kilogrammo e secondo.

Dettagli

Seminario didattico Ingegneria Elettronica. Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia

Seminario didattico Ingegneria Elettronica. Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia Seminario didattico Ingegneria Elettronica Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia 1 Esercizio n 1 Un blocco di massa m = 2 kg e dimensioni trascurabili, cade da un altezza h = 0.4 m rispetto all

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Usando il pendolo reversibile di Kater

Usando il pendolo reversibile di Kater Usando il pendolo reversibile di Kater Scopo dell esperienza è la misurazione dell accelerazione di gravità g attraverso il periodo di oscillazione di un pendolo reversibile L accelerazione di gravità

Dettagli

WALKER CORSO DI FISICA LABORATORIO

WALKER CORSO DI FISICA LABORATORIO WALKER CORSO DI FISICA LABORATORIO a cura di CLAUDIO MASSA e TIZIANA VANDELLI www.linxedizioni.it Tutti i diritti riservati 010, Pearson Italia spa, Milano-Torino www.pearson.it 9788863641806 A cura di

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: TERZE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Esercizi sulla caduta libera - 2

Esercizi sulla caduta libera - 2 Esercizi sulla caduta libera - 1.5.1 In un cantiere una chiave inglese, lasciata cadere inavvertitamente, arriva al suolo alla velocità di 4m/s. (a) Da che altezza è caduta? (b) quanto tempo impiegato

Dettagli

Avvertenza. gesn@bluewin.ch

Avvertenza. gesn@bluewin.ch Versione 2.0 settembre 2006 Avvertenza Il presente testo è da considerarsi come documento di lavoro. Vi invitiamo pertanto a voler segnalare eventuali errori e imprecisioni al seguente indirizzo gesn@bluewin.ch

Dettagli

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013.

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. FISICA NEVIO FORINI PROGRAMMA 11 LEZIONI DI 2 ORE + VERIFICA :

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

Variazioni di Pressione: 'Sonic Boom'

Variazioni di Pressione: 'Sonic Boom' Variazioni di Pressione: 'Sonic Boom' www.lepla.eu Obiettivo Con questo esperimento ci si propone di osservare le variazioni di pressione all interno di una siringa quando il pistone viene tirato fuori

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

ISIS TASSINARI. RIUNIONE DIPARTIMENTO DI FISICA del 06 settembre 2014

ISIS TASSINARI. RIUNIONE DIPARTIMENTO DI FISICA del 06 settembre 2014 ISIS TASSINARI RIUNIONE DIPARTIMENTO DI FISICA del 06 settembre 2014 I PROGRAMMI E LE ESPERIENZE DI LABORATORIO CHE SEGUONO SONO UN'INDICAZIONE DI MASSIMA, FRUTTO DELLA DISCUSSIONE E DELLA RIFLESSIONE

Dettagli

GIOCHI DI ANACLETO. DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile. Associazione per l Insegnamento della Fisica. Materiale elaborato dal Gruppo:

GIOCHI DI ANACLETO. DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile. Associazione per l Insegnamento della Fisica. Materiale elaborato dal Gruppo: Associazione per l Insegnamento della Fisica GIOCHI DI ANACLETO 2006 DOMANDE E RISPOSTE 28 Aprile I. Ti viene proposto un questionario comprendente 25 quesiti ordinati in modo casuale rispetto all argomento

Dettagli

LAVORO ED ENERGIA. 9.11 10 31 kg = 1.2 m 106 s. v 2 f = v 2 i + 2as risolvendo, sostituendo i valori dati, si ha

LAVORO ED ENERGIA. 9.11 10 31 kg = 1.2 m 106 s. v 2 f = v 2 i + 2as risolvendo, sostituendo i valori dati, si ha LAVORO ED ENERGIA Esercizi svolti e discussi dal prof. Gianluigi Trivia (scritto con Lyx - www.lyx.org) 1. ENERGIA CINETICA Exercise 1. Determinare l'energia cinetica posseduta da un razzo, completo del

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Materia:FISICA Insegnante: ing. prof. Amato Antonio

Materia:FISICA Insegnante: ing. prof. Amato Antonio ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO ROBERTO ROSSELLINI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s. 2012/2013 BIENNIO Materia:FISICA Insegnante: ing. prof. Amato Antonio L azione didattica ed educativa nel primo biennio

Dettagli

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra:

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra: 1. Esercizio Calcolare il potenziale elettrico nel punto A sull asse di simmetria della distribuzione di cariche in figura. Quanto lavoro bisogna spendere per portare una carica da 2 µc dall infinito al

Dettagli

Studiare argomenti trattati. Esercizi 3, 5 e 6 pag.169 2/2 MARTEDÌ LAB - studio del moto rettilineo uniforme mediante rotaia a cuscino d aria.

Studiare argomenti trattati. Esercizi 3, 5 e 6 pag.169 2/2 MARTEDÌ LAB - studio del moto rettilineo uniforme mediante rotaia a cuscino d aria. Data giorno Attività svolte Compiti assegnati 2/3 MARTEDÌ LAB - filmato Tempo e orologi e questionario di comprensione in classe sul filmato visto. 25/2 GIOVEDÌ Esercizi. Es. 40 e 41 pag.196 24/2 MERCOLEDÌ

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

Argomenti avanzati. La creazione di costanti definite dall'utente.

Argomenti avanzati. La creazione di costanti definite dall'utente. Argomenti avanzati In questa guida vedremo due argomenti che rientrano sotto il genere di utili, ma spesso non sono utilizzati. Il primo argomento discute la creazione di costanti definite dall'utente.

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO 80 CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE In questo capitolo è descritto un metodo teorico per l identificazione dell attrito, attraverso l impiego della normale

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

Studenti in movimento

Studenti in movimento Studenti in movimento Riadattata da Matematica 2003": Marina Dalè, Paolo Nardini, Riccardo Ruganti, Luigi Tomasi Introduzione... Errore. Il segnalibro non è definito. Descrizione dell attività... Errore.

Dettagli

LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA

LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA Osservazioni e misure a bordo Le tue sensazioni e l accelerometro a molla 1) Nelle due posizioni indicate dalle frecce indica le sensazioni ricevute rispetto al tuo peso

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO SPECIFICA TECNICA Codifica: RFI/DI/TC.TE/ ST TE 74-C Foglio 1 di 25 PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO Parte Titolo PARTE I I. GENERALITÀ PARTE II II. PROVE AL BANCO PARTE III III. PROVE IN LINEA PARTE IV

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Quesito 1 Due cubi A e B costruiti con lo stesso legno vengono trascinati sullo stesso pavimento.

Dettagli

Introduzione. E = dφb/dt (1) I = 1/R dφb/dt (2)

Introduzione. E = dφb/dt (1) I = 1/R dφb/dt (2) Il freno elettromagnetico: un altro esperimento sulla legge di Lenz A. Sconza + e G. Torzo *+ + Dipartimento di Fisica G. Galilei, Università di Padova * Istituto Nazionale per la Fisica della Materia-

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m DINAMICA. La macchina di Atwood è composta da due masse m e m sospese verticalmente su di una puleggia liscia e di massa trascurabile. i calcolino: a. l accelerazione del sistema; b. la tensione della

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

SETUP DI UN AUTOVEICOLO

SETUP DI UN AUTOVEICOLO Inizio 14.15 Proge&azione di sistemi di trasporto SETUP DI UN AUTOVEICOLO Ing. Mattia Strangi Università degli Studi di Bologna DiparBmento DICAM Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali www.dicam.unibo.it

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Cap. 3 - L'analisi dei dati

Cap. 3 - L'analisi dei dati Capitolo 3 L analisi dei dati 3.1. Relazioni tra grandezze fisiche Uno degli aspetti più importanti della fisica sperimentale è la ricerca di una relazione matematica in grado di interpretare il tipo di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

Bartoccini Marco 3 A

Bartoccini Marco 3 A Bartoccini Marco 3 A Le persone e le cose possono stare ferme oppure muoversi,e quando si muovono possono farlo a diverse velocità.il movimento si svolge nello spazio e nel tempo: esso infatti copre una

Dettagli