Progetto LES Sceneggiatura Energia 2 ver. apr.2002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto LES Sceneggiatura Energia 2 ver. apr.2002"

Transcript

1 Conservazione e dissipazione dell'energia meccanica Gli esperimenti che seguono sono finalizzati alla costruzione delle equazioni dell energia cinetica, dell energia potenziale di gravità e dell energia potenziale elastica. Già dalla prima attività gli studenti dovrebbero essere stati coinvolti nella ricerca di relazioni matematiche che diventano plausibili in esperimenti nei quali è richiesto, anche se le espressioni delle tre energie sono già note, di ricostruire il significato delle definizioni operative che sono proposte. Energia potenziale di gravità ed energia cinetica Gli studenti sono invitati ad analizzare diversi moti di caduta e di risalita, in una e due dimensioni (moto di caduta e risalita lungo la verticale, lungo guide inclinate, lungo profili curvi, su tavole inclinate, ecc.) con l'obiettivo di "costruire" espressioni (delle due energie) attraverso relazioni tra esse. L'attività di analisi e di misura si sviluppa guidando gli studenti nel riconoscere la conservazione sia durante il moto (istante per istante e/o per ciascuna posizione assunta dall'oggetto in moto) sia riferendosi ad intervalli di tempo sia a differenze di quote. E la correlazione tra i due modi di analizzare si avvale della possibilità di usare in modo integrato cronometri, aste graduate, sistemi per la registrazione del moto (trasduzione con sensori in linea, telecamere, foto stroboscopiche registrazioni con carta metallizzata, ecc.) e sistemi di simulazione e animazione (Excel, Interactive Physics, ecc.). Possibili esperimenti da realizzare in grande gruppo: Caduta libera di una sfera (di acciaio) L'esperienza può essere realizzata in diversi modi. Ad esempio disponendo di un sistema che permetta di raccogliere in modo automatico distanze percorse e tempi. In diverse scuole sono disponibili apparati per lo studio del moto uniformemente accelerato costituiti da un sistema per il rilascio della sferetta (ad esempio una elettrocalamita), una serie di traguardi a infrarossi e un cronometro digitale. Lavorando con sfere di acciaio la resistenza dell'aria è trascurabile e si ottengono risultati anche precisi. In generale questa esperienza è descritta (in configurazioni diverse per la registrazione del moto) in tutti i testi dal punto di vista cinematico, è poi ripreso nella parte di dinamica (F=ma=mg) e scarsamente analizzato dal punto di vista energetico. La semplicità dell'esperimento e le conoscenze sul moto uniformemente accelerato permettono di costruire in laboratorio i passaggi fondamentali del bilancio energetico Conservazione dell energia nella caduta libera Si consiglia di lavorare, nell'interpretare il fenomeno e nell'analizzare i dati, non separando gli aspetti cinematici e dinamici da quelli energetici. Partendo dal moto unidimensionale e facendo leva su conoscenze in parte acquisite si ha così la possibilità di allargare successivamente l'analisi a moti in più dimensioni e/o su traiettorie prestabilite facendo cogliere i vantaggi derivanti da analisi basate su bilanci energetici quando non è semplice costruire e integrare le equazioni del moto. Sono ritenuti fondamentali i seguenti obiettivi (che sono anche riferiti ad una possibile che sequenza di attività): - riconoscere che v e h variano (al crescere di v diminuisce h) e che quindi le singole energie (cinetica e potenziale) non possono conservarsi;

2 - riflettere sul fatto che la massa e il peso non variano durante la caduta e riconoscerne le conseguenze; - riflettere sui modi per rendere omogenee grandezze nelle quali compaiono v e h; - costruire/analizzare, anche in analogia con altre conservazioni, la struttura formale della compensazione additiva (al crescere dell'energia potenziale diminuisce quella cinetica in modo che la loro somma resti costante) e riconoscere che ciò implica una omogeneità delle grandezze che compaiono nelle equazioni; - riflettere sulla struttura algebrica di compensazioni che implicano la conservazione di grandezze costruite con prodotti di altre grandezze (momenti per l'equilibrio con leve, ecc.); - riconoscere il ruolo e le entità delle forze dissipative (in questo caso resistenza del mezzo); - saper calcolare istante per istante le grandezze che permettono di definire e costruire le energie in gioco e riconoscere che la conservazione avviene con continuità ma che può anche essere studiata in intervalli di tempo e di posizione; - saper costruire e interpretare grafici di h in funzione di v e in funzione di v 2 ( e viceversa) ricercando e analizzando il significato del rapporto incrementale; - saper costruire e interpretare grafici delle due energie (cinetica e potenziale) in funzione dell'altezza h; - correlare i precedenti grafici (ed equazioni) rispetto all'altezza con quelli in funzione del tempo; - saper costruire, interpretare, correlare (con excel) grafici per punti (discreti) con grafici di funzioni, grafici cartesiani e grafici a barre; - saper analizzare dati sperimentali raccolti "a mano" e in modo automatico con apparati di registrazione; - saper lavorare con ambienti di modellizzazione (Interactive Physics) e con applets in rete adoperando le simulazioni e le animazioni sia per una esplorazione e per un ampliamento della fenomenologia sia per validare ipotesi e "costruire" teorie; - saper correlare esperimenti e simulazioni-animazioni. Esempio di simulazione Nell esempio che segue un oggetto di massa m=1kg è inizialmente fermo alla quota h=5m. All istante t=0, l oggetto (avente velocità iniziale nulla), è libero di cadere e, in assenza di forze di attrito, si mette in moto con accelerazione costante g=9,81 m/s 2. I ragazzi conoscono le equazioni del moto uniformemente accelerato e possono così costruire le prime tre colonne della tabella. La costruzione delle altre colonne dovrebbe avvenire, in modo coordinato e parzialmente guidato, facendo riferimento agli obiettivi precedentemente indicati e condividendo con la classe la ricerca di una grandezza (legata all altezza e alla velocità) che si conserva durante il moto. Questa attività di simulazione con excel può essere integrata alle attività di misura e alle attività con Interactive Physics e con applets e ha come obiettivo principale la costruzione di relazioni e di grafici. Se opportunamente gestita (facendo variare le condizioni iniziali, il tempo finale, ecc. e costruendo colonne con grandezze derivate da h e v suggerite dai ragazzi) questa attività può essere di aiuto per chiarire diversi aspetti fondamentali. t h v v^2 mgh En.tot v^2/ h 0,5*mv^ 2 (s) (m) m/s (m/s)^2 (J) (J) (J) (m/s^2) 0 5, ,0 49,05 0,00 49,05 0,1 4,951 1,0 1,0 48,57 0,48 49,05-19,62 0,2 4,804 2,0 3,8 47,13 1,92 49,05-19,62 0,3 4,559 2,9 8,7 44,72 4,33 49,05-19,62 0,4 4,215 3,9 15,4 41,35 7,70 49,05-19,62 0,5 3,774 4,9 24,1 37,02 12,03 49,05-19,62

3 0,6 3,234 5,9 34,6 31,73 17,32 49,05-19,62 0,7 2,597 6,9 47,2 25,47 23,58 49,05-19,62 0,8 1,861 7,8 61,6 18,25 30,80 49,05-19,62 0,9 1,027 8,8 78,0 10,07 38,98 49,05-19,62 1,0 0,095 9,8 96,2 0,93 48,12 49,05-19,62 Tabella excel della simulazione Tabella excel riferita al moto di caduta libera (con accelerazione costante, quota iniziale pari a 5m velocità iniziale nulla) di un corpo di massa 1kg in assenza di resistenza del mezzo. L'accelerazione g è pari a 9,81 m/s 2. Si tratta di dati di una simulazione e nessuna attenzione è stata posta nel determinare le cifre significative in relazione agli errori. Il foglio di lavoro dovrebbe essere scritto in modo generale (ad esempio indicando in apposite celle i valori iniziali, la massa, ecc. e facendo uso di riferimenti assoluti) così da consentire studi al variare delle condizioni sperimentali. Costruendo una analoga tabella con dati sperimentali (in questo caso l altezza iniziale sarà probabilmente minore e la massa sarà quella di una sferetta di acciaio) si otterranno valori che potranno essere confrontati con quelli attesi con un accordo che è in relazione all'apparato scelto, al metodo di misura e alla precisione della misura. v (m/s) ,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 h (m) v2 (m/s) y = -19,62x + 98,1 50 R 2 = ,0 1,0 2,0 3,0 4,0 5,0 h (m) Grafici della simulazione Grafico della velocità in funzione della quota (a sinistra) e della velocità al quadrato in funzione della quota (a destra). Nel riquadro del grafico a destra, con i punti calcolati (in tabella), è rappresentata la retta dei minimi quadrati. La pendenza negativa della retta è pari al doppio della accelerazione di gravità. Il valore della pendenza calcolata nel fit coincide con il rapporto incrementale calcolato nell'ultima colonna della tabella. Il coefficiente di correlazione è (nella simulazione) pari a 1 (perfetto adattamento). Gli stessi grafici e le stesse elaborazioni possono essere realizzati, in modo analogo con i dati sperimentali. Nel lavoro in classe si suggerisce di condividere i risultati ottenuti evitando un uso acritico delle elaborazioni statistiche di excel. Se si lavora con la retta dei minimi quadrati, ad esempio, diventa importante lavorare con le dimensioni fisiche dei coefficienti, cogliere il significato dei coefficienti di correlazione, ecc.

4 Ep, Ec, Ec+Ep (J) Ep, Ec, Ep+Ec (J) y = -48,118x ,05 R 2 = ,2 0,4 0,6 0,8 1 h (m) t (s) Grafici della simulazione Energia potenziale e cinetica e loro somma in funzione della quota (a sinistra) e in funzione del tempo (a destra). Le curve delle due energie sono lineari rispetto alla quota e quadratiche rispetto al tempo. La somma è costante sia rispetto al tempo sia rispetto alla quota. Nella simulazione si evidenzia una perfetta relazione quadratica di Ep rispetto al tempo (e quindi anche di Ec). La dipendenza quadratica è immediatamente ricavata dalle equazioni del moto con accelerazione costante. facilmente ricavabili riferendosi al moto uniformemente accelerato. Gli stessi grafici e le stesse elaborazioni possono essere realizzati, in modo analogo con i dati sperimentali Ep, Ec (J) ,00 4,95 4,80 4,56 4,22 3,77 3,23 2,60 1,86 1,03 0,10 h (m) Grafici della simulazione

5 Grafico a pila dell'energia potenziale (celeste) e cinetica. Il grafico aiuta a comprendere il significato della compensazione additiva. Al diminuire della quota (in corrispondenza di intervalli di 0,1 s Ep diminuisce e Ec aumenta in modo che la loro somma sia costante (nel tempo e per ogni quota). Se si ottengono grafici di questo tipo occorre far riflettere sulla non linearità della scala della quota, in realtà, le barre sono equispaziate rispetto al tempo e ciò spiega la apparente decrescita (crescita) non lineare di Ep (Ec) rispetto alla quota. ATTENZIONE Nell esempio sono suggeriti modi per costruire le espressioni delle energie (cinetica e potenziale di gravità) a partire da un programma, condiviso con gli studenti, che mira, dopo analisi qualitative e correlazioni tra fenomeni anche diversi, a rendere plausibili (e ad interpretarne il significato) le equazioni del bilancio energetico. Nell esempio i dati sono riferiti ad una simulazione con excel. Lavorando, come suggerito, con dati sperimentali, analizzati ad esempio con Excel, occorre guidare nella modellizzazione facendo cogliere i legami tra esperimento e modello, e in questo caso, discutendo, non solo sul significato degli errori sperimentali e sulle elaborazioni ma anche sul fatto che le parti che mancano nel bilancio energetico si ritrovano in altre forme di energia. Esperimento : Moto di un carrello lungo una guida non rettilinea grande gruppo Attività di L esperienza consiste nel misurare e correlare velocità e altezza di una carrellino o di una biglia in moto lungo una guida ondulata. Il sistema Roller Coaster della Pasco, montato a parete, permette di realizzare piste di diverse forme sulle quali far correre con basso attrito carrelli di massa variabile. Il sistema è di grandi dimensioni (in figura il pannello bianco è largo 230cm e alto 60 cm), utilizzando barriere a infrarossi e cronometri è possibile misurare la velocità del carrello in un punto della pista e coinvolgere l'intera classe nella ricerca della relazione tra velocità e altezza, altezza e velocità al quadrato, ecc.

6 Simulazione con Interactive Physics del moto di un carrello in moto, in assenza di attrito, lungo un percorso prestabilito

7 Rimbalzi di una pallina contro il pavimento con il moto della pallina ripreso dal sonar L esperimento è stato precedentemente discusso. Per lo studio con un sistema MBL si veda : Ottavia Foà, Gabriella Greblo e Anna Rambelli Moto di una pallina da ping-pong che rimbalza Moto di un carrello lungo una guida inclinata con il carrello ripreso dal sonar L esperimento, realizzato con un carrello con respingente a molla è descritto nel seguito. Per la conservazione della somma energia cinetica + potenziale di gravità ci si può riferire al moto di salita e/o a quello di discesa. Moto di un pendolo ripreso con un sonar o con traguardo a infrarossi L esperimento consiste nel far partire il pendolo da fermo da diverse altezze e nel misurare la velocità in funzione dell altezza. Per semplicità l altezza vale zero quando il pendolo passa per la posizione di equilibrio. L esperimento può essere ripetuto lavorando con pendoli di masse e lunghezze diverse ritrovando, ad esempio, che indipendentemente dalla massa e dall ampiezza iniziale, la velocità massima che il pendolo ha quando passa per la posizione di equilibrio è, nei limiti degli errori sperimentali, uguale a parità di altezza iniziale. Noi abbiamo realizzato l esperienza lavorando con pendoli di masse comprese tra 50 e 200 grammi (sfere di piombo da pesca) e con lunghezze comprese tra 100 e 150 cm registrando il moto con un sonar in linea al computer Grafico della distanza in funzione del tempo del moto di un pendolo (una sferetta di piombo attaccata ad un filo di nylon) registrato con un sonar. Misurando altezza e velocità è possibile lavorare con la conservazione dell energia (cinetica e potenziale di gravità). Per costruire la tabella excel sotto riportata abbiamo misurato, per ciascuno dei moti registrati, l altezza iniziale del pendolo (da fermo, vo=0) e la velocità massima (calcolata dal software di acquisizione) al passaggio del pendolo per la posizione di equilibrio. h(cm) v(cm/s) v 2 gh gh/v 2 m m/s (m/s) 2 (m/s) 2 0,020 0,61 0,37 0,20 0,54 0,030 0,76 0,58 0,29 0,50 0,040 0,88 0,77 0,39 0,51 0,050 0,99 0,98 0,49 0,50 Tabella excel Nella prima colonna è riportata l altezza iniziale (per diversi pendoli al variare della lunghezza e quindi della ampiezza iniziale e della massa). Nella seconda colonna sono riportate le medie aritmetiche di velocità per la posizione di equilibrio di pendoli partiti da

8 fermi dalla stessa altezza. Nelle ultime tre colonne valori calcolati che possono aiutare nel lavoro di modellizzazione v 2 (m/s) 2 1,50 1,00 0,50 y = 19,4x R 2 = 0,99 0,00 0,000 0,020 0,040 0,060 h (m) Grafico excel Velocità al quadrato (nel punto di equilibrio) in funzione dell altezza del punto di partenza da fermo. Il pendolo è un sistema che dissipa poca energia meccanica e quindi per la conservazione dell energia meccanica altezza e velocità al quadrato sono linearmente correlate così come mostrato dal coefficiente di correlazione lineare. La pendenza della retta dei minimi quadrati è, nei limiti degli errori, pari a 2g. Studio con Interactive Physics

9 La conservazione dell energia meccanica per il pendolo semplice può essere studiata con le animazioni simulazioni di Interactive Physics che permettono, in attività di piccolo gruppo, di legare lo studio cinematico e dinamico del pendolo alla trattazione degli aspetti energetici. In figura le oscillazioni del pendolo sono rappresentate attraverso i grafici temporali dell energia cinetica e potenziale di gravità. Studio con Interactive Physics Lo stesso pendolo della figura precedente in presenza di resistenza del mezzo.

10 Moto parabolico di una sferetta con un lanciatore a molla Con un lanciatore a molla si possono realizzare moti in una o due dimensioni. Così come per il carrello a molla la conservazione dell energia può riguardare l energia cinetica quella potenziale di gravità e quella potenziale elastica (o due di esse). Il lanciatore a molla della Pasco permette di realizzare moti lungo la verticale o in due dimensioni.

11 x (mm) x 2 (mm) h max (mm) hmax/x 2 (mm -1 ) , , ,43 Tabella Excel Dati di un esperimento realizzato con una sfera di plastica lanciata lungo la verticale con il lanciatore a molla (vedi figura in alto a destra). Nella prima colonna la x rappresenta la compressione della molla. Il rapporto tra la quota massima raggiunta dalla sfera e la compressione al quadrato non si mantiene costante a causa della massa non trascurabile della molla-pistone e degli attriti. L esperimento può essere realizzato prima in modo semiquantitativo, poi si può analizzare l apparato per cercare di interpretare la diminuzione del rapporto hmax/x 2 all aumentare della compressione x. Studio con Interactive Physics Simulazione-animazione-modellizzazione con Interactive physics del lancio di una sfera in assenza di attriti. E possibile variare le condizioni iniziali e la massa della sfera. Le energie (cinetica e potenziale di gravità) sono rappresentate, nel tempo, con barre, con valori numerici e grafici cartesiani rispetto al tempo.

12 Energia cinetica ed energia potenziale elastica Lancio del carrello con respingente Un carrello con respingente a molla è inizialmente fermo su un binario orizzontale. La molla è inizialmente compressa e all istante t=0 la molla viene liberata e il carrello parte con moto rettilineo. L esperienza è ripetuta diverse volte al variare della massa complessiva del carrello (sul carrello possono essere alloggiate masse aggiuntive) e della compressione iniziale della molla e il moto del carrello è registrato con un sonar in linea la computer. Noi abbiamo svolto l esperienza con il carrello della Pasco e con il sistema MBL della Vernier con due diverse compressioni della molla e con sette diversi valori della massa complessiva del carrello. La costante elastica della molla è stata determinata comprimendo la molla con forze note e la massa del carrello con una bilancia al grammo.

13 Grafici MBL di distanza, velocità e accelerazione del carrello al variare della massa In ciascuna registrazione il carrello parte nell intervallo di tempo (0;1) s e viene bloccato nell intervallo (2;3,5)s. Queste fasi impulsive sono ben evidenziate dai picchi (partenza verso il basso, e arresto verso il basso) dei grafici delle accelerazioni. La conservazione dell energia può essere studiata durante tutta la fase di decompressione della molla analizzando i dati di distanza e velocità registrati dal software di acquisizione. m v mv v2 Ecin kg m/s kg m/s (m/s)2 J 0,50 0,876 0,438 0,767 0,19 0,60 0,799 0,479 0,638 0,19 0,75 0,701 0,526 0,491 0,18 1,00 0,605 0,605 0,366 0,18 1,50 0,503 0,755 0,253 0,19 2,13 0,442 0,941 0,195 0,21 2,50 0,401 1,00 0,161 0,20 Tabella excel con i dati raccolti nel lancio del carrello ( x=27mm) La costante elastica della molla del respingente è stata misurata ed è risultata pari a 701 N/m e la molla è stata ugualmente compressa di 27mm. L energia potenziale elastica è pari a circa 0,25 J. Nella prima colonna è riportata la massa complessiva del carrello, nella seconda la velocità del carrello (alla fine del lancio, vedi grafico in alto della velocità), nella terza la quantità di moto, nella quarta la velocità al quadrato, nell ultima l energia cinetica. Dall analisi della tabella risulta che l energia cinetica è nei limiti degli errori sperimentali costante, mentre la quantità di moto aumenta all aumentare della massa (anche se la velocità diminuisce). 0,25 0,20 Ecin (J) 0,15 0,10 0,05 0,00 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 m (kg) Grafico Excel dell energia cinetica in funzione della massa Rappresentando i dati sperimentali con a barra di errore si evidenzia che l energia cinetica è nei limiti deglierrori costante.

14 0,800 v2 (m/s)2 0,700 0,600 0,500 0,400 0,300 0,200 0,100 y = 0,3837x -0,9533 R 2 = 0,9965 0,000 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 m (kg) Grafico Excel della velocità al quadrato in funzione della massa La relazione tra le due grandezze è, nei limiti degli errori, di inversa proporzionalità così come evidenziato dall equazione della curva di interpolazione dei dati sperimentali. m v mv v2 Ecin kg m/s kg m/s (m/s)2 J 0,50 0,552 0,28 0,305 0,08 0,60 0,497 0,30 0,247 0,07 0,75 0,442 0,33 0,195 0,07 1,00 0,393 0,39 0,154 0,08 1,50 0,320 0,48 0,102 0,08 2,13 0,272 0,58 0,074 0,08 2,50 0,240 0,60 0,058 0,07 Tabella excel con i dati raccolti nel lancio del carrello ( x=17mm) La costante elastica della molla del respingente è stata misurata ed è risultata pari a 701 N/m e la molla è stata ugualmente compressa di 17mm. L energia potenziale elastica è pari a circa 0,10 J. Nella prima colonna è riportata la massa complessiva del carrello, nella seconda la velocità del carrello (alla fine del lancio, vedi grafico in alto della velocità), nella terza la quantità di moto, nella quarta la velocità al quadrato, nell ultima l energia cinetica. Dall analisi della tabella risulta che l energia cinetica è nei limiti degli errori sperimentali costante, mentre la quantità di moto aumenta all aumentare della massa (anche se la velocità diminuisce).

15 0,350 v2 (m/s)2 0,300 0,250 0,200 0,150 0,100 0,050 y = 0,1508x -0,9965 R 2 = 0,9974 0,000 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 m (kg) Grafico Excel della velocità al quadrato in funzione della massa La relazione tra le due grandezze è, nei limiti degli errori, di inversa proporzionalità così come evidenziato dall equazione della curva di interpolazione dei dati sperimentali. Commento L esperienza può essere organizzata, in analogia, seguendo i suggerimenti dati per la caduta libera della sferetta di acciaio e cioè guidando i ragazzi nell integrare esperimenti e attività di modellizzazione mirate alla costruzione delle equazioni della conservazione. Nei due esempi del lancio del carrello l energia cinetica è nei limiti degli errori costante ma sistematicamente minore dell energia potenziale elastica. Ciò è da attribuire essenzialmente a: a) la massa del respingente e della molla non sono trascurabili. Quando il carrello parte in avanti la molla e il respingente sono espulsi in senso opposto; b) la presenza di attriti. In particolare il primo contributo è quello più significativo e ciò può essere evidenziato alloggiando in modo non stabile le masse aggiuntive sul carrello e mostrando come in questo caso la velocità alla fine del lancio sia minore. Carrello in moto lungo una guida inclinata Esperimento Attività di grande gruppo Un carrello con respingente a molla è inizialmente fermo con la molla compressa. Poi la molla viene istantaneamente liberata ed il carrello risale lungo la guida inclinata. Il carrello si ferma ad una quota massima, quota che si rileva con una riga metrica. Prima di iniziare l'esperimento si determina la costante elastica della molla del carrello: la molla si comprime di un valore x = 9 x 10-3 m; con una forza f= 0.6 kgp.

16 determinando così, in base alla legge di Hooke, una costante elastica K pari a K = 653N/m. Prima di effettuare le misure si eseguono esperienze qualitative al variare dei parametri. Si osserva la quota massima alla quale arriva il carrello variando la compressione della molla; la quota è più bassa con una compressione minore. Si osserva la quota massima alla quale arriva il carrello variando la massa del carrello: la quota diminuisce all'aumentare della massa. Si osserva la quota massima alla quale arriva il carrello variando l'inclinazione della guida. L'osservazione di questa fenomenologia, insieme alla considerazione che alla molla del carrello è associata una energia potenziale elastica che si trasforma in energia potenziale gravitazionale quando il carrello si ferma, conduce i ragazzi a riflettere sulle grandezze dalle quali dipende l'energia potenziale elastica. Dopo queste considerazioni qualitative, in grande gruppo si svolge l'esperimento. Viene richiesta la collaborazione di tutta la classe; generalmente l'insegnante libera la molla con un colpo di martello ed un ragazzo rileva ad occhio, lungo il binario, la posizione nella quale il carrello si ferma e dopodiché, con la riga metrica, si misura l'altezza. Nella tabella viene riportata la differenza di altezza, avendo, prima di liberare la molla, misurato l'altezza alla quale si trova il carrello prima di partire. Nella tabella seguente sono riportati i risultati che generalmente si ottengono svolgendo l'esperimento con una classe coinvolta nell'attività. m (kg) massa carrello x (metri) massima compres sione molla kx massima forza elastica h (metri) differenza di altezza 1/2 Kx 2 mgh mgh/((1/2) K x 2 ) kg kg kg L'errore sul rapporto, calcolato con la propagazione dell'errore sperimentale, è sulla seconda cifra decimale e quindi se consideriamo una approssimazione inferiore il rapporto può essere considerato costante. Tuttavia il fatto che questo rapporto non sia uguale ad 1, ma inferiore, vuol dire che non tutta l'energia potenziale elastica si trasforma in potenziale di gravità, quando il carrello si ferma. Nel bilancio energetico bisognerà tener conto dell'energia "persa" per attrito. 2.2 Esperimento Con la stessa configurazione dell'esperimento precedente, il carrello, raggiunta la quota massima si ferma e torna indietro. All'estremità in basso la sua molla urta contro il blocco fisso, la molla si comprime fino all'arresto del carrello poi si dilata di nuovo ed il carrello riparte di nuovo in salita. L'esperimento continua fino all'arresto definitivo del carrello. All'estremità in alto è posto un sonar collegato al computer che permette di studiare il moto del carrello attraverso l'analisi dei grafici costruiti mentre il fenomeno si svolge. La figura riporta la configurazione dell'esperimento mediante il quale sono stati realizzati i grafici riportati successivamente

17

18 l d h 1 h Dopo aver realizzato l'esperimento e registrato i grafici col sonar, in grande gruppo, e quindi in una condizione di apprendimento collaborativo, si invitano i ragazzi a risalire al moto del carrello lungo la guida attraverso l'analisi puntuale dei grafici. Si invitano i ragazzi ad indicare, sui tre grafici ottenuti, gli istanti in cui il carrello si trova -nell'inversione salita - discesa -con i più alti valori assoluti della velocità -con la molla che ha subito il massimo della compressione nell'urto. Si invitano i ragazzi a fare una valutazione del tempo di durata di un urto del carrello contro il blocco e di come sia possibile, con i dati dell'esperimento, risalire alla variazione di altezza del carrello ad ogni arresto in salita. Dalla figura del piano inclinato, si può notare che vale la seguente proporzione l : h = d : h 1 per cui percorrere in salita un tratto d significa salire di una quota h 1 = dh/l. Si può risalire al valore del tratto d conoscendo la lunghezza l e la distanza della parte posteriore del carrello dal sonar (che si rileva dai grafici cinematici). La fase successiva dell'attività riguarda l'analisi puntuale dei dati con il bilancio energetico. Sinteticamente l analisi po essere così condotta: per ciascun tratto di salita e discesa (escludendo la fase dell urto) è possibile studiare la conversione tra energia cinetica e potenziale di gravità; in ciascun urto è possibile studiare il bilancio comprendente le tre energie (potenziale elastica e di gravità e cinetica); in ciascun tratto di salita e discesa parte dell energia meccanica viene dissipata a causa di un attrito che per bassi velocità risulta essere costante; l urto è di tipo anelastico e in ciascun urto il rapporto tra le energie cinetiche è nei limiti degli errori costante. L esperimento da noi realizzato con la guida e il carrello della Pasco (figura in basso) è descritto commentando i grafici che abbiamo ottenuto.

19 Lo schema dell esperimento. Il carrello parte da fermo in basso, con la molla compressa. Poi la molla viene liberata e il carrello parte in salita e sale lungo la guida, si ferma, e scende urtando con il pistone a molla contro il blocco in basso. Nell urto la molla si contrae, poi si dilata rilanciando il carrello verso l alto che raggiunge una quota minore della precedente. Il fenomeno si ripete alcune volte fino alla totale dissipazione dell energia meccanica. Il moto è registrato dal sonar in alto che riprende la parte posteriore del carrello Distance (m) Velocity (m/s) Time (seconds) Time (seconds) Accel (m/s/s) Time (seconds)

20 Grafici MBL del moto del carrello Grafici temporali della distanza, della velocità e dell accelerazione. Il carrello è inizialmente fermo alla distanza di circa 1,9m dal sonar. Nell intervallo 1,5s<t<2s la molla viene liberata e il carrello parte in salita avvicinandosi al sonar che è in alto. L analisi può essere fatta analizzando prima separatamente gli intervalli di salita-discesa e gli intervalli di urto poi l intero moto. In ciascuna intervallo di salita-discesa la legge oraria è rappresentata da una quasi parabola con la concavità verso l alto, la velocità è approssimativamente una retta con pendenza positiva, l accelerazione è approssimativamente una retta orizzontale. Le fasi impulsive di urti appaiono come picchi volti verso il basso nel grafico dell accelerazione, come linee con pendenza negativa nel grafico della velocità, con raccordi tra parabole nel grafico della distanza. In riferimento ai grafici precedenti, per il bilancio energetico, misurata l inclinazione della guida, la massa del carrello, la costante e la compressione iniziale della molla si procede nel modo seguente: si converte la distanza dal sonar in quota (rispetto ad esempio al piano su cui è appoggiata la guida) per il calcolo dell energia potenziale di gravità (e dell energia potenziale elastica se si vuole fare il bilancio durante l urto); si legge il valore della velocità per il calcolo dell energia cinetica; si correlano a due a due le energie (cinetica e potenziale di gravità, cinetica e potenziale elastica, potenziale elastica e potenziale di gravità; si valuta l energia cinetica prima e dopo di ciascun urto (e si studia la legge con cui diminuisce); si studia come varia la somma delle tre energie (pari in assenza di attriti e per urti perfettamente elastici all energia potenziale elastica iniziale).

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi B C:\Didattica\SBAC_Fisica\Esercizi esame\sbac - problemi risolti-18jan2008.doc problema 1 Una biglia di massa m = 2 kg viene lasciata cadere (da ferma) da un'altezza h = 40 cm su di una molla avente una

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta

Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta Derivazione elementare dell espressione della quantità di moto e dell energia in relativività ristretta L. P. 22 Aprile 2015 Sommario L espressione della quantità di moto e dell energia in relatività ristretta

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Appunti di fisica generale a cura di Claudio Cereda test Olimpiadi della Fisica divisi per argomento

Appunti di fisica generale a cura di Claudio Cereda test Olimpiadi della Fisica divisi per argomento Grandezze fisiche 1. Un amperometro può essere usato con diverse portate. In una misura con la portata di 0.5 A l'indice risulta deviato di 15 divisioni. Quale delle seguenti portate ci darà la misura

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Molle in serie e in parallelo

Molle in serie e in parallelo Note di laboratorio Giulio Giambrone ITIS Cartesio, Cinisello Balsamo (MI) Molle in serie e in parallelo (Pervenuto il 21.3.2011, approvato il 13.1.2012) ABSTRACT Hooke s Law applied to a number of springs

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO

PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO PROBLEMI SUL MOTO RETTILINEO UNIFORMEMENTE ACCELERATO 1. Un auto lanciata alla velocità di 108 Km/h inizia a frenare. Supposto che durante la frenata il moto sia uniformemente ritardato con decelerazione

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli