ENERGIA E DINTORNI (????)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENERGIA E DINTORNI (????)"

Transcript

1 Progetto Lauree Scientifiche Fisica Pigelleto, lunedì 5 settembre 2011 ENERGIA E DINTORNI (????) Prof. Emilio MARIOTTI

2 L ATTEGGIAMENTO DELLA FISICA (?) Se nessuno me lo chiede, so cos'è il tempo, ma se mi si chiede di spiegarlo, non so cosa dire. Sant'Agostino

3 L ATTEGGIAMENTO DELLA FISICA (DEI FISICI) Io non so come il mondo mi vedra' un giorno. Per quanto mi riguarda, mi sembra di essere un ragazzo che gioca sulla spiaggia e trova di tanto in tanto una pietra o una conchiglia, più belli del solito, mentre il grande oceano della verità resta sconosciuto davanti a me. ISAAC NEWTON (dai Principia)

4 L ATTEGGIAMENTO DEL MARIOTTI IL MIGLIOR ORDIN MIO È L'ESSER CONFUSO motto dell'accademia degli Intrigati di Montepulciano

5 LA DOMANDA FONDAMENTALE COS E L ENERGIA? La risposta del dizionario (e dei libri di testo) Etimologia: Dal lat. tardo energi a(m), che è dal gr. enérgheia, deriv. di energhés 'attivo, efficace', da érgon 'opera' Definizione s. f. 1 vigore fisico, forza dei nervi e dei muscoli (si usa spesso al pl.): un uomo nel pieno delle energie 2 vigore spirituale, fermezza di carattere; decisione, risolutezza: parlare, opporsi a qualcuno con energia 3 (fis.) grandezza fisica che esprime l'attitudine di un corpo o di un sistema di corpi a compiere lavoro: energia cinetica, potenziale, elettrica, elastica, meccanica, termica, chimica, nucleare conservazione dell'energia, principio fondamentale della fisica secondo il quale, in un sistema isolato, la quantità di energia rimane costante pur degradandosi nel passaggio da una forma all'altra 4 energie alternative, denominazione corrente delle fonti energetiche primarie diverse dal petrolio, dal carbone, dall'energia nucleare: energia eolica, solare, geotermica energia dolce, energia prodotta nel rispetto dell'ambiente, ricorrendo a fonti alternative e rinnovabili. Sinonimi/Contrari 1 Sin. forza, gagliardia Contr. debolezza, fiacchezza, astenia (med.) 2 Sin. piglio, polso, tempra; dinamismo Contr. incertezza, esitazione.

6 LA DOMANDA FONDAMENTALE COS E L ENERGIA? La risposta della fisica teorica: una grandezza fisica associata a una proprietà di simmetria fondamentale dello spazio tempo (l omogeneità del tempo, ovvero l invarianza delle leggi fisiche sotto traslazione temporale).

7 UN EQUAZIONE UNIVERSALE N n=1 F n ext =M a Newton ci spiega che è possibile derivare la traiettoria e la legge oraria (e quindi definire completamente il moto) di un corpo quando siamo in grado di analizzare le forze che agiscono dall esterno su di esso.

8 UNA VERSIONE UN PO MODIFICATA N n=1 F n ext =M a= M d v dt = d dt M v = d P dt Le forze sono la causa che provoca la variazione nel tempo di una grandezza fisica, associata al sistema in movimento, che prende il nome di QUANTITA DI MOTO

9 LA DOMANDA FONDAMENTALE COS E L ENERGIA? (ovvero anche: PERCHE l energia?) Una risposta meno formale, ma ugualmente corretta: le leggi della dinamica e l introduzione della quantità di moto non sono sufficienti a caratterizzare completamente i cambiamenti nel moto di un corpo. ESEMPIO: urto anelastico tra oggetti di uguale massa dotati di velocità opposte

10 LA DOMANDA FONDAMENTALE COS E L ENERGIA? (ovvero anche: PERCHE l energia?) In questo esempio lo stato di moto di entrambi i corpi subisce una trasformazione radicale a seguito dell urto. Oltre alla scomparsa del moto, si osserva un aumento di temperatura dei due oggetti. Questo significa che la quantità di moto e la sua conservazione non possono essere usati per una descrizione di tutti i fenomeni meccanici. Inoltre gli esperimenti dimostrano che la quantità di calore sviluppata nell urto non è proporzionale al modulo dell impulso di ciascun corpo prima della collisione. Siamo costretti a introdurre un altra misura del moto meccanico dei corpi, particolarmente adatta alla descrizione di fenomeni associati alla conversione del moto meccanico in altre forme di moto delle sostanze.

11 LA DOMANDA FONDAMENTALE COS E L ENERGIA? L ENERGIA E UNA GRANDEZZA FISICA CHE SERVE COME MISURA UNIVERSALE PER TUTTE LE FORME DI MOTO DELLE SOSTANZE CHE COMPONGONO L UNIVERSO

12 DUE ESEMPI R M P v=k T A Q=costante

13 LA GRANDEZZA LAVORO QUAL E LA DIFFERENZA TRA I DUE CASI? (Introduzione al concetto di lavoro) Nel primo il punto di applicazione delle forze esterne è fisso, nel secondo si muove. Gli esperimenti mostrano che la quantità di carburante consumato per far viaggiare il treno durante un dato intervallo di tempo è proporzionale al prodotto tra modulo della forza T e distanza percorsa. Il lavoro è una misura del trasferimento di moto, e quindi di energia, da un corpo a un altro e si verifica tutte le volte che il punto di applicazione della forza si muove.

14 UN TEOREMA FONDAMENTALE IL TEOREMA LAVORO ENERGIA (O DELLE FORZE VIVE) Posizione iniziale A L A B γ = Posizione finale B spostamento γ del punto di applicazione della forza = A B γ F d s = ΔE cinetica A B = = E cinetica B E cinetica A

15 UN TEOREMA DERIVATO IL TEOREMA DI CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA L A B = A B F d s = ΔE potenziale =E potenziale A E potenziale B E A E A = E B E B potenziale cinetica potenziale cinetica E meccanica A =E meccanica B

16 RICAPITOLANDO Ogni corpo o sistema di corpi possiede una certa energia. In ogni fenomeno naturale c è un trasferimento di energia da un corpo a un altro o da una parte di un sistema a un altra. In fisica si distinguono varie forme di moto classificandole in diversi settori della scienza. In questo senso parliamo di moti meccanici, termici, elettromagnetici, ecc., ma l energia è una misura quantitativa unificante per tutte le forme di moto. Diciamo spesso che si distingue tra energia meccanica, energia termica, energia elettromagnetica, ecc., ma queste espressioni vanno intese nel senso di indicare quantità di energia corrispondenti alle forme di moto menzionate. Non ci sono forme diverse di energia, ma varie forme di moto che vengono unificate dal concetto introdotto.

17 Joule erg cal kwh COME SI MISURA L ENERGIA? tep: tonnellata equivalente di petrolio. Esprime in modo comune tutte le fonti energetiche, tenendo conto del loro potere calorifico inferiore. Si assume che da 1kg di petrolio si ottengano kcal per cui 1 tep = 10 7 kcal Potere calorifico Quantità di calore sviluppata nella reazione di combustione completa di un quantitativo unitario di combustibile in condizioni standard predeterminate. È misurato in genere in kcal/kg per i combustibili liquidi e solidi, e in kcal/m 3 per i gas. Per la gran parte dei combustibili si distingue in potere calorifico superiore, che include il calore latente di condensazione del vapore d'acqua che si forma nella combustione, e in potere calorifico inferiore (PCI), che esclude tale calore. Di norma, se non specificato diversamente, con "potere calorifico" si intende il PCI

18 E LA POTENZA? La potenza è la velocità di consumo di energia, è il lavoro fatto nell'unità di tempo e si misura in J/s W kwh/d P= dl dt

19 MI SMENTISCO... LE DIVERSE FORME DI ENERGIA NON SONO AFFATTO EQUIVALENTI!! Esiste un'altra quantità che ne definisce le caratteristiche teoriche e pratiche: l'entropia Come vedremo, noi trasformiamo energia a bassa entropia (per esempio, elettricità o energia chimica) in energia a più alta entropia (per esempio, acqua calda) L'energia totale si conserva, ma diventa, in ogni processo di trasformazione di questo tipo, via via meno utilizzabile... C'è poi un problema di efficienza: per ottenere energia elettrica dal petrolio, perdiamo il 60%, per ottenere energia chimica dall'elettricità il 70%! quindi ci vogliono 2.5kWh di petrolio per avere 1kWh di elettricità...

20 QUANTA ENERGIA CI SERVE? Il fabbisogno energetico giornaliero di una persona è dato dalla somma dei seguenti fattori: il metabolismo basale, la termogenesi, l attività fisica quotidiana. 1) Il metabolismo basale è la spesa energetica necessaria per il mantenimento della vita del nostro corpo in condizioni di riposo. In tali circostanze il nostro corpo non spende altre energie se non quelle necessarie alle attività delle cellule dei diversi organi, ai movimenti respiratori, all attività del cuore, al mantenimento del tono muscolare inconsapevole. Queste azioni, che richiedono i 2/3 del consumo calorico quotidiano, sono svolte indipendentemente dalla nostra volontà. Il metabolismo basale è maggiore negli uomini rispetto alle donne, essenzialmente per fattori ormonali ed anche perché la massa muscolare è maggiore nei primi, e si sa che questo tessuto fisico richiede energie per essere mantenuto tonico. Il metabolismo basale di un uomo di 30 anni e che pesa 70 chilogrammi determina, indicativamente, un consumo energetico di 1750 calorie. Una donna, sempre di 30 anni, ma che pesa 65 chilogrammi, ha un consumo giornaliero di 1450 calorie. Il metabolismo basale si riduce con il passare degli anni. I soggetti in questione, che a 60 anni mantengono inalterato il peso corporeo, hanno un metabolismo basale rispettivamente di 1650 e 1400 calorie.

21 QUANTA ENERGIA CI SERVE? 2) Le cellule del nostro corpo non possono vivere a lungo se non entro un intervallo di temperatura compresa tra 35 e 42 C. L organismo si trova quindi nella necessità di dover lottare contro il caldo, con l evaporazione (attraverso i polmoni e la pelle), e contro il freddo. In quest ultima situazione gran parte del controllo della temperatura corporea dipende dalla costituzione fisica, dalla circolazione sanguigna e dal sistema neurovegetativo. La spesa calorica determinata dalla termogenesi è all incirca il 15% del dispendio calorico quotidiano, ed è quantificabile in calorie circa. 3) Nell attività fisica quotidiana rientrano tutte quelle azioni che volontariamente svolgiamo durante la giornata. La spesa energetica dipende quindi dal tipo di lavoro che una persona svolge e dalle attività che compie: un lavoro sedentario comporta una spesa energetica di poco più di una caloria al minuto. Un lavoro manuale (muratore, pittore, elettricista, idraulico) comporta un consumo calorico di circa tre calorie per minuto. Andare al lavoro in auto fa consumare poco più di una caloria al minuto, ed invece andarci camminando determina un consumo di quasi tre calorie al minuto, mentre sono solo due le calorie che si spendono se ci si reca in bicicletta. Fare le scale a piedi innalza fortemente il consumo calorico, che arriva a cinque calorie al minuto, mentre salirle in ascensore limita la spesa calorica a solo 1,5 calorie al minuto.

22 QUANTA ENERGIA CI SERVE? QUANTA ENERGIA CI SERVE? Nel computo della spesa energetica ha quindi forte influenza l attività sportiva, e la corsa è tra le attività con il più elevato consumo energetico. La spesa calorica di chi corre è in relazione alla durata dell allenamento e al peso corporeo della persona. Per percorrere un chilometro un podista di 70 chilogrammi spende circa 70 calorie, ed un allenamento di 10 chilometri determina un consumo di 700 calorie. Questa è la formula per il calcolo della spesa energetica di un corridore: una caloria x 1km x 1 kg di peso. La velocità di corsa non ha tanto effetto sull aumento del costo, ma essa influisce invece sul tipo di miscela energetica che viene utilizzata: correre a bassa intensità determina un maggior consumo di acidi grassi, mentre procedere ad andatura sostenuta comporta un più elevato consumo di carboidrati. In conclusione, la spesa calorica quotidiana dipende da due voci fisse: il metabolismo basale (all incirca calorie) e dalla termogenesi (all incirca calorie), e da una variabile, vale a dire l attività fisica. Con l alimentazione vengono fornite le calorie di cui l organismo necessita per far fronte alla richiesta dei fattori appena evidenziati. Se però l assunzione calorica con gli alimenti è superiore a quella dei consumi, è chiaro che si determina un bilancio positivo, nel quale le entrate superano le uscite. Tale aspetto è evidenziato da un aumento del peso corporeo e dei depositi di grasso, e questa situazione è deleteria per ogni podista, perché determina un aumento del costo energetico della corsa e di conseguenza uno scadimento delle prestazioni.

23 I muscoli umani LE PRIME FONTI DI ENERGIA Roma, periodo imperiale: 10 6 abitanti, 200mila schiavi 660 schiavi per 160 km di acquedotto per una riserva di 175 dm 3 /(abitante giorno) 1795: uno schiavo rende al massimo la metà di un uomo libero Gli animali asini per azionare mulini per frantumare minerali (Grecia, V secolo a.c.) e per macinare il grano (300 a.c) I cavalli tirano 15 volte più di un uomo, 4 volte più di un bue (ma con buoni finimenti!!), ma costano 4 volte più di un uomo per l alimentazione

24 I congegni e le macchine Citati da Erone nella Mechanica (I secolo d.c.) Leva (usata già prima del 1600 a.c. per spremere uva e olive) Cuneo Vite Puleggia multipla Carrucola LE LE PRIME FONTI DI DI ENERGIA

25 LE LE PRIME FONTI DI DI ENERGIA La leva: «Datemi un punto d'appoggio e solleverò il mondo.» Leva Fulcro Forza resistiva Forza applicata Tipo Forbici Punto di taglio Oggetto da tagliare Impugnatura I Remo Contatto tra remo e acqua Scalmo Manico II Carriola Asse della ruota Peso da trasportare Manici II Braccio umano Gomito Mano Muscoli del braccio III

26 LE PRIME FONTI DI ENERGIA La puleggia multipla

27 La carrucola fissa LE PRIME FONTI DI ENERGIA La carrucola mobile Per la legge di conservazione dell'energia, per avere sul carico lo stesso lavoro compiuto traendo la fune con forza dimezzata, è necessario che la velocità di sollevamento del carico sia la metà rispetto alla velocità di trazione della fune. In pratica, per sollevare il carico di un metro è necessario tirare la fune per due metri. La carrucola composta Il vantaggio meccanico di questo sistema è pari al numero di carrucole presenti. Per esempio, se sono presenti in totale quattro ruote, il rapporto tra la forza sollevata e la forza applicata è di 4 a 1. Lo stesso rapporto si ha tra la velocità (lunghezza)di trazione e la velocità (lunghezza) di sollevamento.

28 Le molle LE PRIME FONTI DI ENERGIA gli archi le balestre le catapulte (Cartagine, 400 a.c.) gli orologi (XIV secolo)

29 I mulini idraulici LE PRIME FONTI DI ENERGIA mulino greco o norvegese (asse verticale, piccole dimensioni, lenti) mulino di Vitruvio (I secolo a.c., ruota a tazze) A Venafro, ruota di 2 m di diametro per 180 kg grano/h contro 4.5 kg grano/h delle ruote azionate da asini Ad Arles (310 d.c., 10mila abitanti) ruote di 2.70 m per 3000 kg/h sufficienti a80mila abitanti

30 I mulini a vento LE PRIME FONTI DI ENERGIA mulino persiano (VII secolo d.c., ruota orizzontale, edificio di 2 piani) mulino cretese (8 12 ali di tela, velocità di rotazione controllata con l ampiezza della superficie, sistema ruotabile per seguire il vento) mulino olandese (a pilastro cavo)

31 CONCLUSIONI (?)

32 QUANTA ENERGIA CI SERVE? Il consumo medio annuale di energia per riscaldamento di un edificio costruito anni fa è pari a ca. 200 kwh/m 2, il che equivale a 20 litri di combustibile/m 2. Oggi questi livelli di consumo possono essere ridotti grazie alle nuove tecnologie e al miglioramento dei materiali e delle tecniche di costruzione. In genere i moderni edifici fanno registrare consumi medi attorno ai 5 litri di combustibile/m 2 o meno. Nelle case costruite secondo criteri di risparmio energetico si sta al caldo consumando anche meno di 1,5 litri di combustibile/m 2

33 QUANTA ENERGIA CI SERVE? In Toscana vive il 6.1% della popolazione nazionale, si produce il 6.7% del PIL e si consuma il 6.9 % dell' energia Il settore dei trasporti assorbe il 6.5% dei consumi italiani. il rapporto PIL/kWh è al di sotto della media europea. le auto sono +6% rispetto alla media nazionale ed il trasporto in Toscana è essenzialmente su strada.

34 FONTI PRIMARIE DI ENERGIA Si definiscono fonti primarie di energia quelle presenti in natura prima di avere subito una qualunque trasformazione. Sono fonti primarie 1. le fonti di energia esauribili quali petrolio grezzo, gas naturale, carbone, energia nucleare 2. e le fonti di energia rinnovabili quali energia solare, eolica, idrica, biomasse, geotermica e l'intelligenza umana (risparmio energetico)

35 FONTI SECONDARIE DI ENERGIA Si definiscono invece fonti secondarie quelle che derivano, in qualunque modo, da una trasformazione di quelle primarie. Sono fonti secondarie, per esempio, la benzina (perché deriva dal trattamento del petrolio greggio), il gas di città (che deriva dal trattamento di gas naturali), l energia elettrica (che deriva dalla trasformazione di energia meccanica o chimica) eccetera.

36 LE FONTI PRIMARIE DAVVERO UTILI Naturalmente, si intende per fonte primaria di energia una fonte effettivamente utilizzabile. Per esempio, un masso posto sulla cima del monte Everest, di massa 50 Kg, ha un energia potenziale, calcolata con riferimento al livello del mare, pari a 1,25 Kwh Ma sarebbe alquanto scomodo e molto poco pratico organizzare una spedizione sull Everest per generare, con tutte le immaginabili difficoltà, una così modesta quantità di energia, che sarebbe inoltre di gran lunga inferiore a quella impiegata per generarla! Perché una fonte primaria possa essere sfruttata, deve avere alcune caratteristiche peculiari. Deve essere cioè concentrabile, indirizzabile, frazionabile, continua e regolabile.

37 FONTI CONCENTRABILI Vuol dire che deve essere possibile concentrare la sorgente di energia entro un area relativamente limitata, affinché sia possibile controllarla. Una fonte di energia dispersa su una superficie molto estesa diventerebbe praticamente impossibile da gestire. Un area limitata può essere quella di una centrale elettrica (di solito, l area impegnata non arriva a un chilometro quadrato per quelle termoelettriche, e può superare questo valore, ma non di molto, per quelle idroelettriche, tenendo conto del bacino di raccolta e delle condotte); ma può essere anche quella, molto inferiore, del serbatoio di benzina della nostra automobile, o addirittura quella minuscola di una batteria a bottone per l alimentazione di un orologio al quarzo.

38 FONTI INDIRIZZABILI E FRAZIONABILI Indirizzabili vuol dire che deve essere possibile indirizzare il prodotto (benzina, acqua, raggi solari) nella direzione in cui esso deve essere utilizzato (bruciatore, turbina, lente, specchio). Frazionabili vuol dire che deve essere possibile frazionare la fonte in più parti, in modo da poter utilizzare solamente la parte, piccola o grande che sia, che ci serve in quel momento. Per esempio, l energia di un fluido (benzina, gasolio o gas) è frazionabile a piacere. Invece, quella del macigno sul Monte Everest ricordato prima non lo è, ovvero lo è con notevoli difficoltà.

39 FONTI CONTINUE E REGOLABILI Continue vuol dire che la sorgente deve poter funzionare per un certo tempo, fornendo la sua energia con una certa continuità, e non esaurirsi in pochi secondi. Esistono molti esempi di notevoli quantità di energia concentrate in tempi brevissimi (il fulmine, un esplosione, un oggetto qualunque che cade). Questi tipi di energia, evidentemente, non sono utilizzabili industrialmente. Regolabili vuol dire che l energia fornita dalla sorgente deve essere graduabile secondo le necessità. È quello che facciamo tutti, premendo più o meno il pedale dell acceleratore della nostra automobile per regolare la sua velocità, oppure manovrando il potenziometro del volume del nostro impianto stereo o del nostro televisore in modo da adattare il livello sonoro alle nostre esigenze. Una fonte di energia è tanto più pregiata quanto migliori sono le caratteristiche indicate.

40 IL SOLE COLPEVOLE DELL EFFETTO SERRA? NOOOOO

41 QUANTO COSTA LA GUERRA? La combustione di 1 litro di benzina produce 2,35 kg di CO 2, quella di 1 litro di gasolio produce 2,66 kg di CO 2, la media, che useremo per i nostri calcoli sarà perciò di 2,5 kg di CO 2 per ogni litro di carburante. Un carro armato Abrams M1, pesa 65 tonnellate e fa 1 km con circa 4.5 litri di carburante, quindi 450 litri per 100 km (il suo motore turbo è soprannominato "gas guzzler", l'ingozzatore di benzina). Altri tank consumano in media litri per 100 km. Un aereo da caccia tipo F-15E Strike Eagle o F16 Falcon consuma circa litri/ ora. Un bombardiere B52 consuma circa litri/ora. Un elicottero da combattimento tipo AH64 Apache consuma circa 500 litri/ora. Mezzi di appoggio, logistica varia: si può stimare in media un consumo di 1 litro/ km.

42 QUANTO COSTA LA GUERRA? In Desert Storm gli F117 erano 42 e volarono per 6900 ore in 38 giorni, quindi con una media di circa 4 h/giorno. Gli altri aerei complessivamente impiegati nell'operazione furono I carri armati Abrams furono 1848, i veicoli d'appoggio oltre Un caccia F15 vola ad oltre 2000 km/h e consuma tra e litri di cherosene all'ora. Furono effettuati rifornimenti di carburante in volo per un impressionante volume di 675 milioni di litri (ci si potrebbe fare il pieno a circa 17 milioni di autovetture normali), tanto che un pilota di F-15 commentò: "There was more gas in the sky over Saudi than in the ground below. In sostanza ogni giorno di guerra si consuma tanto carburante che basterebbe a fare il pieno a autovetture.

43 QUANTO COSTA LA GUERRA? Veniamo ora alle emissioni in atmosfera: moltiplicando i 45 milioni di litri giornalieri per 2,5 kg di CO 2 si hanno 112,4 milioni di kg di CO 2 (cioè tonnellate). Poiché ogni italiano ha un carico pro-capite di emissioni pari a 9800 kg di CO 2 all'anno derivante dal proprio consumo energetico, ciò significa che ogni giorno di guerra equivale all'emissione annua di circa persone.se la guerra dura 10 giorni: consumo 450 milioni di litri, emissioni 1,124 milioni di tonnellate di CO2 (equivalente a una città italiana di abitanti per un anno). se la guerra dura 30 giorni: consumo 1,35 miliardi di litri, emissioni 3,38 milioni di tonnellate di CO2 (equivalente a una città italiana di abitanti per un anno). Poiché l'italia, per ottemperare agli accordi di Kyoto dovrebbe ridurre il suo carico di emissioni di circa 80 milioni di tonnellate di CO2 all'anno, pari a circa tonnellate al giorno, l'emissione giornaliera derivante dal conflitto iracheno equivale almeno alla metà di questa massa.

44 CONSUMO DI UN'AUTO ENERGIA CONSUMATA OGNI GIORNO = = distanza percorsa al giorno:distanza percorsa per unità di carburante x energia per unità di carburante = = 50 km /12 km/l x 10 kwh/l = = 40 kwh/d In realtà si dovrebbero sempre calcolare i costi complessivi, per esempio, quanto costa produrre il carburante? (per ogni unità di petrolio ci vogliono 1.4 unità di fonti primarie) Quanto costa produrre l'automobile? Ecc. ecc.

45 CONSUMO DI UN VOLO INTERCONTINENTALE ENERGIA CONSUMATA PER PASSEGGERO = = (distanza percorsa):(distanza percorsa per unità di carburante) x energia per unità di carburante = = 2 x 2,4x10 5 l x 10 kwh/l : 416 = = 12 MWh/passeggero che corrisponde a 30 kwh/d

46 CONSUMO PER UN BAGNO CALDO Volume di una vasca = 50cm x 50cm x 150cm Variazione di temperatura dell'acqua = 40 C Capacità termica dell'acqua = 4200 J/l Energia richiesta = 5 kwh Per una doccia occorrono circa 30 l, quindi si scende a 1,4 kwh

47 CONSUMO DEGLI ELETTRODOMESTICI

48 CONSUMO PER L'ILLUMINAZIONE

49 CONSUMO NEL TEMPO LIBERO

NEWSLETTER N.31. I n q u e s t o n u m e r o : A CURA DELLA SEZIONE ATLETICA DELL US PRIMIERO. T r a s f e r t a

NEWSLETTER N.31. I n q u e s t o n u m e r o : A CURA DELLA SEZIONE ATLETICA DELL US PRIMIERO. T r a s f e r t a NEWSLETTER N.31 A CURA DELLA SEZIONE ATLETICA DELL US PRIMIERO I n q u e s t o n u m e r o : L e d i t o r i a l e d e l P r e s i d e n t e T r a s f e r t a L a n g o l o t e c n i c o 3 1 a g o s t

Dettagli

Istituto I.T.I. Omar Seminario Energia quotidiana

Istituto I.T.I. Omar Seminario Energia quotidiana Progetto Energeticamente Intelligenti Istituto I.T.I. Omar Seminario Energia quotidiana 01 ottobre 2014 Riccardo Olivani ENERGIA la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro Unità di misura:

Dettagli

Liceo Classico Carlo Alberto Seminario Energia quotidiana

Liceo Classico Carlo Alberto Seminario Energia quotidiana Progetto Coeli gravitas Liceo Classico Carlo Alberto Seminario Energia quotidiana 20 22 marzo 2014 Riccardo Olivani ENERGIA la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro Unità di misura:

Dettagli

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra!

L ENERGIA. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una mano sopra! L ENERGIA 1 COS E L ENERGIA? L energia è una cosa astratta, non si tocca e non si vede, ma se ne conoscono gli aspetti e gli effetti. Il calore di un termosifone non si vede, ma provate a metterci una

Dettagli

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili

Tesina di tecnica. L Energie Rinnovabili Tesina di tecnica L Energie Rinnovabili L Energia: parte della nostra vita quotidiana Nella vita di tutti i giorni, forse senza saperlo, consumiamo energia, anche senza saperlo. Infatti un corpo che è

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE

L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE (Dott. Renzo Mario Del Duro) Il calcolo del fabbisogno annuale di energia primaria globale di un edificio tiene in considerazione due

Dettagli

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1

ANNO SCOLASTICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013. LEZIONE n. 3 ENERGIE RINNOVABILI 1 ANNO ANNO SCOLASTICO SCOLASTICO 2012 2013 2012 2013 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Energie rinnovabili caratteristiche energia eolica energia idrica energia elettrica energia geotermica biomassa energia solare

Dettagli

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2

Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile. Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 Educazione ambientale Percorso di educazione allo sviluppo sostenibile Liceo scientifico statale B. Croce Azione F 2 FSE 2009 290 Obiettivo F2 http://educazioneambientale.ning.com è lo spazio web dove

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

TOTEDA FRANCESCO 2 OPA

TOTEDA FRANCESCO 2 OPA TOTEDA FRANCESCO 2 OPA Che cos è l energia Che cosa sono le fonti rinnovabili Energia solare Pannello solare termico Pannello fotovoltaico Energia eolica Centrali idroelettriche Forme di energia non rinnovabili

Dettagli

Istituto Comprensivo Ilaria Alpi - PLESSO B.CROCE - TORINO. TECNOLOGIA a.s. 2015-2016 LE MACCHINE. Classi seconde. Novembre 2015

Istituto Comprensivo Ilaria Alpi - PLESSO B.CROCE - TORINO. TECNOLOGIA a.s. 2015-2016 LE MACCHINE. Classi seconde. Novembre 2015 LE MACCHINE Classi seconde Novembre 2015 CHE COS'E' UNA MACCHINA? UN DISPOSITIVO, COMPOSTO DA PARTI DIVERSE COLLEGATE TRA LORO, CAPACE DI ESEGUIRE UN LAVORO ATTRAVERSO LA TRASFORMAZIONE (LA CONVERSIONE)

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013.

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. FISICA NEVIO FORINI PROGRAMMA 11 LEZIONI DI 2 ORE + VERIFICA :

Dettagli

LE CENTRALI ELETTRICHE

LE CENTRALI ELETTRICHE Le centrali elettriche sono impianti industriali utilizzati per la produzione di corrente elettrica L 8 marzo 1833 è una data storica per la produzione di corrente elettrica in Italia, perché a Milano

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Energia Sostenibile. Senza Aria Fritta. Stefano Argirò. Università di Torino Dipartimento di Fisica Sperimentale http://www.withouthotair.

Energia Sostenibile. Senza Aria Fritta. Stefano Argirò. Università di Torino Dipartimento di Fisica Sperimentale http://www.withouthotair. Energia Sostenibile Senza Aria Fritta Stefano Argirò Università di Torino Dipartimento di Fisica Sperimentale http://www.withouthotair.com/ Perché è importante Si afferma tutto e il contrario di tutto

Dettagli

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13

cosa sifa... a livello comunitario PARTE III È ora di cambiare aria 13 PARTE III È ora di cambiare aria 13 cosa sifa... a livello comunitario L Unione Europea combatte l inquinamento atmosferico in aumento fissando obiettivi per ridurre le emissioni di agenti inquinanti,

Dettagli

ENERGIA. Trasferimento e trasformazione dell energia

ENERGIA. Trasferimento e trasformazione dell energia ENERGIA Trasferimento e trasformazione dell energia L energia L auto per muoversi ha bisogno di benzina, il treno di elettricità, l uomo di cibo: indipendentemente dal modo in cui viaggiamo abbiamo bisogno

Dettagli

Prof. ssa Rossella D'Imporzano. Pag. 308-309-310 e 351-352-353

Prof. ssa Rossella D'Imporzano. Pag. 308-309-310 e 351-352-353 Pag. 308-309-310 e 351-352-353 1 L energia NON si vede, NON si tocca, ma è qualcosa che è dentro, all interno della materia stessa e la rende capace di compiere un lavoro. Dal Greco ENERGES che vuol dire

Dettagli

Impianti di produzione dell energia elettrica

Impianti di produzione dell energia elettrica Impianti di produzione dell energia elettrica Alberto Berizzi Dipartimento di Elettrotecnica, Politecnico di Milano e-mail: alberto.berizzi@polimi.it Energia e lavoro Lavoro è l atto di produrre un cambiamento

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

1. Premessa. 2. Forme di energia

1. Premessa. 2. Forme di energia 1. Premessa. Sinteticamente, il rendimento rappresenta il rapporto tra quanto si ottiene e quanto si spende in un trasferimento di energia. Ad esempio, se la potenza prelevata dal motore (spesa) è 50 KW

Dettagli

COMUNE DI AGNONE (IS)

COMUNE DI AGNONE (IS) COMUNE DI AGNONE (IS) CARATTERISTICHE EDIFICIO 1. Quanti sono i piani fuori terra dell edificio in cui vive? 2. Sono presenti piani interrati (cantine, garage, magazzini, ecc.)? SI NO 3. Qual è l altezza

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io!

Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io! Ragazzi, in questa scuola l energia ce la metto io! Di energia voi ragazzi ve ne intendete: ne avete così tanta! Per giocare, andare a scuola, studiare, fare i compiti, fare sport, correre, saltare. Ma

Dettagli

Responsabilità. Lezione di approfondimento sull'energia dopo la visita al Treno scuola e scoperta delle FFS.

Responsabilità. Lezione di approfondimento sull'energia dopo la visita al Treno scuola e scoperta delle FFS. Responsabilità. Lezione di approfondimento sull' dopo la visita al Treno scuola e scoperta delle FFS. Documentazione per l insegnante. INS 1 Lezione di approfondimento sull'. Contenuto. Fonti e forme di

Dettagli

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica.

l energia meccanica si trasforma, integralmente e spontaneamente, in energia termica. Lezione 26 - pag.1 Lezione 26: Le macchine termiche 26.1. La conversione di energia meccanica in energia termica Sappiamo che quando un corpo cade, nel corso della caduta la sua energia meccanica, se gli

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

ALLEGATO B PAES Isola d Elba

ALLEGATO B PAES Isola d Elba 1. GLOSSARIO ALLEGATO B PAES Isola d Elba Attività libera:attività di installazione di impianti a fonti rinnovabili o di cogenerazione di piccole dimensioni che viene considerata libera ai sensi della

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se:

1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se: 1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se: A. Si possono moltiplicare tra loro B. Si possono dividere tra loro C. Ci possono sommare tra loro D. Sono divisibili per uno stesso numero 2) Un blocchetto

Dettagli

Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà?

Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà? Celle a combustibile per un'energia nel rispetto dell'ambiente: sfida o realtà? Prof. Paolo Spinelli POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria Chimica 13 Ottobre 2008, Cuorgnè

Dettagli

9. CONSUMI ENERGETICI

9. CONSUMI ENERGETICI 271 9. CONSUMI ENERGETICI E ormai più che consolidata la consapevolezza che i consumi energetici costituiscono il fattore determinante al quale sono riconducibili sia i cambiamenti climatici, che molte

Dettagli

Impatto ambientale dei veicoli elettrici

Impatto ambientale dei veicoli elettrici Impatto ambientale dei veicoli elettrici PREMESSA In questa presentazione non vogliamo mostrare il risultato di una ricerca accademica, ma basandoci sulla nostra esperienza e dati presentati dalla comunità

Dettagli

UNO SGUARDO SULL ENERGIA

UNO SGUARDO SULL ENERGIA UNO SGUARDO SULL ENERGIA Staff Scienza Attiva Centro Interuniversitario Agorà Scienza Facciamounpo d ordine Checos èl energia? Comesimanifestaconcretamente? Qualiformepuòassumere? E possibilepassaredaunaformadienergiaall

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica ed Astronomia Università di Bologna Pesaro, 22

Dettagli

Gli aspetti positivi del solare termico

Gli aspetti positivi del solare termico Provincia di Firenze P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale Allegato B 3.3.2. Gli aspetti positivi del solare termico Università degli Studi di Siena INDICE 1. Premessa...3 2. Analisi della domanda...4

Dettagli

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A.

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. Via Gorizia 76 38122 TRENTO tel. 0461 932330 fax. 0461 933241 e-mail: info@cosmocostruzioni.it Cos è l energia? I fisici definiscono l'energia come la capacità di compiere un

Dettagli

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci Il fenomeno della combustione di Marco Santucci La combustione è un fenomeno chimico di ossidazione fortemente esotermico che avviene tra un combustibile e l ossigeno con una intensa manifestazione luminosa

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

FILONE TECNICO SCIENTIFICO SCHEDA DOCUMENTAZIONE Pagina 1

FILONE TECNICO SCIENTIFICO SCHEDA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 SCHEDA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 CONTENUTO: ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI www.isesitalia.it Fonti: INBAR, www.edilportale.com, KlimaHaus SOLARE TERMICO Il sistema termico a pannelli solari cattura la luce

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

Università degli Studi di Perugia

Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia AGGIORNAMENTO DEL PIANO ENERGETICO E AMBIENTALE DEL COMUNE DI PERUGIA Allegato C TABELLA DELLA POTENZIALITÀ DEGLI INTERVENTI Committente Comune di Perugia Luogo e Data

Dettagli

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria.

E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni europei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. COS E IL PATTO DEI SINDACI? E un'iniziativa sottoscritta dai Comuni pei che si impegnano a contribuire agli obiettivi della politica energetica comunitaria. La ratifica del Patto impegna i Comuni a: Ridurre

Dettagli

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione Corso di Progettazione Ambientale prof. Fabio Peron Combustione L energia che consumo Fabio Peron Università IUAV - Venezia Combustione Aria di combustione Si dice combustione qualunque reazione chimica

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di Il metabolismo Metabolismo basale Il metabolismo basale rappresenta la quantità di energia impiegata in condizioni di neutralità termica, dal soggetto sveglio, ma in uno stato di totale rilassamento fisico

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema

pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema La termodinamica è una scienza che studia il modo in cui processi chimici o fisici scambiano l'energia, per quel che ci riguarda

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

C1. Correnti di Energia e di Portatori di Energia

C1. Correnti di Energia e di Portatori di Energia C1. Correnti di Energia e di Portatori di Energia C1.1. L intensità di corrente A volte capita di voler confrontare due correnti, ad esempio due fiumi. Ci si può chiedere: Quale dei due fiumi è più largo?

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Vantaggi della mobilità elettrica. Convegno AEIT a Mesiano 3 Dicembre 2014 Relatore: Marcello Pegoretti

Vantaggi della mobilità elettrica. Convegno AEIT a Mesiano 3 Dicembre 2014 Relatore: Marcello Pegoretti Vantaggi della mobilità elettrica Convegno AEIT a Mesiano 3 Dicembre 2014 Relatore: Marcello Pegoretti 1 Premessa il Global Warming e i cambiamenti climatici dovuti al consumo di combustibili fossili sono

Dettagli

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola.

L ENERGIA. Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. L ENERGIA Suona la sveglia. Accendi la luce. Ti alzi e vai in bagno. Fai colazione. A piedi, in bicicletta o in autobus, vai a scuola. La giornata è appena iniziata e hai già usato tantissima ENERGIA:

Dettagli

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m);

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m); 1 L ENERGIA holbox/shutterstock 1. IL LAVORO Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J (1 N) (1 m); inoltre, la formula (5) del capitolo «I princìpi della

Dettagli

Progetto grafico e ricerche di: Carmine Filippelli IV A/Geometri Supervisione del Prof./Ing. : Francesco Bernardini 1 L energia: L'energia è la capacità di un corpo di compiere un lavoro. L unità di misura

Dettagli

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Le energie in gioco sono di vario tipo: energia associata ai flussi entranti e uscenti (potenziale, cinetica, interna), Calore scambiato con l ambiente,

Dettagli

Il Risparmio Energetico

Il Risparmio Energetico Comune di Asti Settore Ambiente ed Edilizia Pubblica Il Risparmio Energetico Ing. Valerio Vittone RESPONSABILE UNITÀ OPERATIVA ACUSTICA ED ENERGIA DEL COMUNE DI ASTI Comune di Asti Settore Ambiente ed

Dettagli

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI CAPITOLO NONO COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI Esempi applicativi Vengono di seguito esaminati alcuni componenti di macchine termiche che possono essere considerati come sistemi aperti A) Macchina termica

Dettagli

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI Sistemi biologici: soggetti a complessi processi di trasformazione e scambio di energia; I sistemi biologici sono costituiti perlopiù da quattro elementi: H,

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Le centrali elettriche

Le centrali elettriche Le centrali elettriche Prof. Giuseppe Capuano Presentazione realizzata nell a.s. 2000/2001 dagli alunni della S.M. di Navacchio e aggiornata negli anni seguenti Vantaggi uso energia elettrica 1. L energia

Dettagli

soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia

soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia Progettazione Installazione e Vendita Impianti Fotovoltaici chiavi in mano Solare Termico Mini Eolico soluzioni per l utilizzo evoluto dell energia NELLE ABITAZIONI E NEGLI AMBIENTI DI LAVORO HORUS ENERGY,

Dettagli

LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS # $ % & ' ( )* # +,

LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS # $ % & ' ( )* # +, LIFE 04 ENV/IT/000437 PHAROS!" # $ % & ' ( )* # +, Apparecchiature Per quanto riguarda le apparecchiature, le indicazioni principali per i golf club e porticcioli riguardano: la sostituzione di lampadine

Dettagli

COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO

COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO CASE HISTORY ED ESEMPI NUMERICI SULLA CONVENIENZA DEGLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE 1 ENTALPIA engineering srl La

Dettagli

Elementi di bioenergetica

Elementi di bioenergetica Elementi di bioenergetica L uomo è paragonabile a una macchina e come tale necessita di un combustibile per le funzioni vitali Le immagini sono prese da vari siti internet, se qualcuno ne rivendica l esclusività

Dettagli

LE ENERGIE RINNOVABILI

LE ENERGIE RINNOVABILI LE ENERGIE RINNOVABILI ENERGIA Capacita' di un corpo di compiere lavoro Energia nucleare Forme di Energia chimica energia Energia elettrica Energia termica Energia luminosa Energia meccanica ENERGIA ENERGIA

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 3C Materia: FISICA Insegnante: Graziella Iori Testo utilizzato: Caforio, Ferilli - Fisica! Le regole del gioco -

Dettagli

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE 1 LE COSA LE ENERGIE RICHIESTE E UNA COSA RINNOVABILI POMPA DI E RINNOVABILE

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

fotovoltaico ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI il ecologico inesauribile conveniente GUIDA AGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI COS È L ENERGIA fotovoltaica La tecnologia fotovoltaica è un sistema che sfrutta l energia solare e la trasforma, direttamente e istantaneamente,

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Taglia i costi Dimezza le emissioni

Taglia i costi Dimezza le emissioni Taglia i costi Dimezza le emissioni Il micro-cogeneratore più efficiente a livello mondiale Cos è BlueGEN? Il più efficiente generatore di elettricità e calore di piccola taglia BlueGEN funziona a gas

Dettagli

Il legno come combustibile

Il legno come combustibile Approfondimento Il legno come combustibile Le biomasse soddisfano circa il 15% degli usi energetici primari nel mondo; tra esse la più nota è il legno, il più antico combustibile utilizzato dall uomo per

Dettagli

2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C) solo per x > 2/3 D) mai E) solo per x < 2/3

2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C) solo per x > 2/3 D) mai E) solo per x < 2/3 MATEMATICA 1. Per quali valori di x è x 2 > 36? A) x > - 6 B) x < - 6, x > 6 C) - 6 < x < 6 D) x > 6 E) Nessuno 2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C)

Dettagli

ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Sul libro del primo anno: L AMALDI 2.0 Pag 257: n.23 Pag 258: n.28 Pag 259: n.33,n.39

Dettagli

L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili

L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili L'energia nella storia: dalle prime fonti energetiche alle rinnovabili Nella fisica classica l'energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro Le

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi:

Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Energia Energia Premessa Il presenta capitolo analizza alcuni dei dati provinciali relativi al tema energia. Gli indicatori proposti sono in sintesi: Richiesta di energia primaria Consumi energetici per

Dettagli

LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE propone: LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE Prendendo a riferimento la propria abitazione, cioè un contesto di servizi verificabili (riscaldamento ambienti

Dettagli

COMUNE DI CASTROFILIPPO PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE QUESTIONARIO PER I CITTADINI

COMUNE DI CASTROFILIPPO PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE QUESTIONARIO PER I CITTADINI PIA DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Numero componenti famiglia : Dimensioni dell abitazione: metri quadrati calpestabili _ An o epoca di costruzione dell edificio: _ An di eventuali ristrutturazioni:

Dettagli

COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI

COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI PROCESSI INDUSTRIALI E NEGLI EDIFICI Prof.ing. Giovanni Petrecca Ordinario di Energetica Elettrica Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università di Pavia PIANO

Dettagli