TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNOLOGIA MECCANICA. Parte 7"

Transcript

1 TECNOLOGIA MECCANICA Parte 7

2 La principale differenza è legata alle forme che sono generalmente faae in leghe metalliche (acciai legac) in modo da essere uclizzate per un numero elevato di geg. Si uclizzano per produzioni di serie numerose di pezzi, anche perché il processo si presta ad automazione di alcune fasi quali estrazione del geao, colata, ecc. Il metallo favorisce scambi termici elevac, quindi favorisce geg con struaura cristallina fine; inoltre la qualità dello stampo fa si che nei geg ci sia elevata qualità superficiale e precisione dimensionale. Lo svantaggio è l assenza di porosità della forma che obbliga la progeaazione di opportuni canali di sfogo. La conchiglia va mantenuta in temperatura per controllare le velocità di raffreddamento, i ricri, le tensioni, ecc. fenomeni che possono anche creare problemi in fase di estrazione. Le leghe uclizzabili devono essere tali che la loro temperatura di colata non danneggi la conchiglia (di solito su usa per leghe di Alluminio, Rame, Zinco). QuesC processi possono essere applicac con sistemi di colata per gravità o in pressione.

3 COLATA PER GRAVITA Con questa tecnica non si lavorano geg con spessori minimi inferiori a 4mm. Occorre sempre prevedere angoli di sformo che approssimacvamente sono dell ordine dei 3 I materiali più uclizzac per le conchiglie in questa tecnica sono ghise ed acciai legac al cromo molibdeno o tungsteno. Le superfici della conchiglia sono verniciate con vernici contenenc polveri refraaarie e lubrificanc (grafite, talco, mica, allumina, silice, ecc.).

4 COLATA PER GRAVITA Anche in questo caso il sistema di colata è molto importante. Le turbolenze devono essere ridoae al minimo per minimizzare l aria intrappolata nel geao. Molto spesso nei sistemi di colata in conchiglia si prevede il basculamento della conchiglia stessa nelle fasi di riempimento. In questo modo si assicura una maggiore efficienza nel riempimento, il movimento favorisce la fuoriuscita di eventuali bolle d aria entrate nel geao. Per il dimensionamento dei canali di colata si uclizza lo stesso approccio visto nel caso di colate in forma transitoria. Esistono tre sistemi di colata: In Sorgente Laterale Dall alto

5 COLATA PER GRAVITA Il sistema in sorgente assicura poca turbolenza, lo svantaggio è che il percorso medio del metallo è lungo e quindi arriva più freddo alla materozza. Generalmente gli sfridi di lavorazione con questo sistema sono elevac. Nel sistema laterale l altezza di caduta del liquido è minore, si riesce ad orientare meglio la solidificazione. Lo svantaggio è che si possono avere delle temperature non simmetriche nel pezzo con conseguenze in termini di tensioni. Il sistema dall alto è il migliore in termini di direzionalità della solidificazione, il che permeae di minimizzare le dimensioni delle materozze. Il rischio maggiore è legato alla possibilità che durante il riempimento si creino degli spruzzi che provocano l inclusione di gocce fredde. La conchiglia viene sempre basculata con questo sistema di colata.

6 EFFETTI DEL CAMPO DI FORZE All aumentare dell intensità del campo di forze aumentano nel geao prodoao: Finitura superficiale Precisione dimensionale CaraAerisCche meccaniche Complessità della geometria Diminuiscono: Spessori minimi realizzabili Tempo di ciclo Aumenta anche il costo e le dimensioni del macchinario necessario: massa macchinario : massa geao = 1000 : 1

7 COLATA SOTTO PRESSIONE In quesc sistemi la lega liquida viene inieaata con pressioni (generalmente molto elevate) all interno della conchiglia. Questo consente di oaenere piccoli spessori (fino a 1,5-2 mm). Le macchine e gli impianc ausiliari in questo Cpo di processo sono molto costosi, per cui tali procedure vengono adoaate solo per la produzione di grandi serie. I vantaggi sono: elevate caraaeriscche meccaniche, grande finitura superficiale (Ra=0,8-1,5 mm), tolleranze dimensionali molto ristreae (tabelle riportate sul libro di testo danno gli ordini di grandezza della tolleranza con le diverse leghe in funzione delle dimensioni del geao).

8 COLATA SOTTO PRESSIONE In questo sistema la macchina è dotata di un crogiolo di contenimento della lega liquida. In ogni colata si alimenta la macchina con la quanctà di lega liquida necessaria

9 COLATA SOTTO PRESSIONE INIETTO FUSIONE: Il pistone durante la salita aspira la lega dal crogiolo, durante la corsa in discesa lo inieaa nella conchiglia. ElevaCssima produgvità fino a 1000 pezzi ora Il crogiolo può essere isolato dal contaao con l atmosfera, minimizzando quindi la possibilità di ossidazione della lega liquida. Questo consente di uclizzare questo apparato per le leghe di Magnesio. Viceversa il sistema è sconsigliato per leghe di alluminio, la lunga permanenza del crogiolo aumenta il rischio di inquinamento con il Fe.

10 COLATA SOTTO PRESSIONE PRESSO FUSIONE: La macchina va alimentata per batch prelevando la lega da un forno nelle vicinanze. ProduGvità circa 150 pezzi/ora. Principalmente uclizzato con leghe di alluminio e rame In generale con la colata in conchiglia si producono geg piccoli, dell ordine della decina di kg

11 Lucidi di Tecnologia Meccanica Tecniche di fusione in forma permanente Fasi della colata in camera calda Fasi della pressocolata in camera calda Processi di fusione in forma permanente colata e solidificazione apertura dello stampo estrazione Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 8

12 Lucidi di Tecnologia Meccanica Fasi della colata in camera fredda Processi di fusione in forma perma Fasi della pressocolata in camera fredd a Versamento della lega nel cilindro di iniezione b Riempimento delle cavità dello stampo c Solidificazione d Apertura ed estrazione del getto Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 9

13 Raffreddamento del geao in forma permanente Raffreddamento più veloce che in forma transitoria (il materiale della forma conduce di più) T = K*M (in forma permanente - metallo) T = k*m 2 (in forma transitoria terra di fonderia) Vantaggi: Minore tempo di ciclo Migliori proprietà del geao (grani più piccoli) Svantaggi: Rischio la solidificazione prematura durante il riempimento Controllare questo parametro: Durante il riempimento voglio rallentarla (per evitare la solidificazione precoce) UClizzo di ricoprimenc refraaari sulla forma I ricoprimenc possono essere anche studiac in maniera tale che facilicno il riempimento della forma e facilicno l estrazione del geao solidificato Preriscaldamento della forma Dopo il riempimento voglio accelerarla (per migliorare il geao e ridurre i tempi di ciclo) Uso canalizzazioni per fluidi refrigeranc nella forma

14 Tecniche Lucidi di Tecnologia fusione Meccanica in forma permanente Processi di fusione in forma permanente Realizzazione di sottosquadri I SOTTOSQUADRI NELLA FORMA PERMANENTE I sottosquadri mi impediscono l estrazione del getto Per realizzare sottosquadri uso i radiali, equivalente dell anima nella fusione in terra I radiali escono radialmente all apertura della forma Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 12

15 Lucidi di Tecnologia Meccanica Processi di fusione in forma permanente ESTRAZIONE DEL GETTO Estrazione del getto Il getto deve avere angoli di sformo Attenzione: in terra servivano per estrarre il modello dalla semiforma, qui servono per estrarre il getto dalla semiforma Per via del ritiro termico, il getto potrebbe non uscire con facilità: ho bisogno di estrattori estrattori Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 13

16 Lucidi di Tecnologia Meccanica MACCHINARIO PER LA PRESSOCOLATA IN CAMERA FREDDA Processi di fusione in forma permane Macchinario per la pressocolata in camera fredd Gruppo pressa Robot estrattore Tranciatrice Generatore di energia idraulica

17 Lucidi di Tecnologia Meccanica FASI DELLA PRESSOCOLATA IN CAMERA FREDDA Processi di fusione in forma permanente Fasi della pressocolata in camera fredda La lega fusa viene prelevata dal forno fusorio E versata nel forno di attesa a lato della pressa Siviera Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 16

18 Lucidi di Tecnologia Meccanica Tecniche di fusione in forma permanente FASI DELLA PRESSOCOLATA IN CAMERA FREDDA Processi di fusione in forma permanent Fasi della pressocolata in camera fredda La lega viene versata nella camera di iniezione Il pistone spinge la lega nello stampo Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 17

19 ucidi di Tecnologia Meccanica Tecniche di fusione in forma permanente FASI DELLA PRESSOCOLATA IN CAMERA FREDDA Processi di fusione in forma permanente Fasi della pressocolata in camera fredda A solidificazione avvenuta, lo stampo viene aperto niversità degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 18

20 Lucidi di Tecnologia Meccanica FASI DELLA PRESSOCOLATA IN CAMERA FREDDA Processi di fusione in forma permanente Fasi della pressocolata in camera fredda Il getto resta incastrato nel semistampo mobile (opposto al pistone) I tasselli (radiali) che realizzano i sottosquadri sono stati allontanati dal getto Questo è un getto a quattro impronte (realizza quattro pezzi alla volta) Canale di alimentazione solidificato insieme alla materozza Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 19

21 di di Tecnologia Meccanica FASI DELLA PRESSOCOLATA IN CAMERA FREDDA Processi di fusione in forma permanente Fasi della pressocolata in camera fredda Dopo l estrazione del getto, il semistampo mobile resta vuoto ersità degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 20

22 ucidi di Tecnologia Meccanica Processi di fusione in forma permanente FASI DELLA PRESSOCOLATA IN CAMERA FREDDA Fasi della pressocolata in camera fredda Questa è l altra metà dello stampo, il semistampo fisso notare il foro di passaggio del pistone, da dove è entrata la lega fusa iversità degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 21

23 Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 22 Tecniche di fusione in forma permanente Lucidi di Tecnologia Meccanica Processi di fusione in forma permanen FASI DELLA PRESSOCOLATA IN CAMERA FREDDA Anche la forma permanente non dura in eterno Gli stampi subiscono danneggiamenti dovuti a fatica termica

24 Tecniche Lucidi di Tecnologia di fusione Meccanica in forma permanente TIPICO PRODOTTO DELLA PRESSOCOLATA Processi di fusione in forma permanen Prodotti di pressocolata con leghe di alluminio Geometria molto complessa Molte pareti sottili di rinforzo (nervature) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 23

25 Lucidi di Tecnologia Meccanica TIPICO PRODOTTO DELLA PRESSOCOLATA Processi di fusione in forma permanente Riconoscimento di caratteristiche peculiari alla pressocolata Superfici lisce dovute allo stampo Traccia del piano di separazione Traccia degli estrattori Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria 24

Die-casting Steel Solution

Die-casting Steel Solution Die-casting Steel Solution for Corrado Patriarchi 1 Acciai da utensili destinati alla deformazione a caldo di metalli e le loro leghe mediante procedimenti di stampaggio, estrusione, pressofusione. Vengono

Dettagli

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia

Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 2 Principi fondamentali della produzione per fonderia Indice Prefazione XIII 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 2 1.1.1 Precisione nelle trasformazioni 5 1.2 Attributi geometrici dei

Dettagli

METODOLOGIA DI REALIZZAZIONE DI UN PORTAMOZZO: DALLA FUSIONE IN GRAVITA ALLA FUSIONE IN BASSA PRESSIONE

METODOLOGIA DI REALIZZAZIONE DI UN PORTAMOZZO: DALLA FUSIONE IN GRAVITA ALLA FUSIONE IN BASSA PRESSIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA MECCANICA METODOLOGIA DI REALIZZAZIONE DI UN PORTAMOZZO: DALLA FUSIONE IN GRAVITA ALLA FUSIONE IN BASSA PRESSIONE Sommario Obiettivo Il progetto

Dettagli

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA

ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA ELEMENTI DI PRODUZIONE METALMECCANICA 156 Introduzione ai processi di produzione metalmeccanica I processi di produzione metalmeccanica si possono classificare nelle tre grandi famiglie di seguito indicate.

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 2.1 Tecniche di fonderia LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Forni fusori LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Materiali e caratteristiche Proprietà dei metalli e leghe ferrose:

Dettagli

FORMATURA IN GESSO. Cagliani Claudio 22757 Colla Andrea 27771 Gelmi Guido 27620 Mapelli Serena 22492

FORMATURA IN GESSO. Cagliani Claudio 22757 Colla Andrea 27771 Gelmi Guido 27620 Mapelli Serena 22492 FORMATURA IN GESSO Cagliani Claudio 22757 Colla Andrea 27771 Gelmi Guido 27620 Mapelli Serena 22492 1 La fusione in forme di gesso è un processo specializzato nella produzione di getti non ferrosi che

Dettagli

Processi di fusione e colata, parte III. Stampi permanenti Trattamenti termici

Processi di fusione e colata, parte III. Stampi permanenti Trattamenti termici Processi di fusione e colata, parte III Stampi permanenti Trattamenti termici Colata in stampi permanenti: generalità Gli stampi permanenti sono progettati in modo che il pezzo venga estratto facilmente

Dettagli

integrat evolution teco vario

integrat evolution teco vario integrat evolution teco vario Condizionamento dinamico delle cavità dello stampo Condizionamento Variotherm dello stampo Controllo del processo di condizionamento Introduzione ed applicazioni Lo stampaggio

Dettagli

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti

Introduzione alle tecnologie di fabbricazione Introduzione 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1.2 Attributi geometrici dei prodotti Indice PREFAZIONE RINGRAZIAMENTI DELL EDITORE GUIDA ALLA LETTURA XIII XIV XV 1 Introduzione alle tecnologie di fabbricazione 1 Introduzione 1 1.1 Processi tecnologici di trasformazione 1 1.1.1 Precisione

Dettagli

STUDIO DELLA FLUIDITÀ DI LEGHE DI ALLUMINIO PER LA COLATA IN STAMPO PERMANENTE

STUDIO DELLA FLUIDITÀ DI LEGHE DI ALLUMINIO PER LA COLATA IN STAMPO PERMANENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA DIPARTIMENTO DI MECCANICA INDUSTRIALE STUDIO DELLA FLUIDITÀ DI LEGHE DI ALLUMINIO PER LA COLATA IN STAMPO PERMANENTE Relatore: Prof.ssa Ing. ANNALISA POLA Correlatore:

Dettagli

Esempio di ciclo di fusione in forma transitoria in terra con staffe

Esempio di ciclo di fusione in forma transitoria in terra con staffe Esempio di ciclo di fusione in forma transitoria in terra con staffe Puleggia: disegno di definizione Informazioni d insieme dal disegno di definizione Il pezzo è assialsimmetrico: molti problemi possono

Dettagli

Le lavorazioni: la formatura. Le lavorazioni: la formatura. Le lavorazioni industriali. Il processo di fusione La fusione in forma transitoria

Le lavorazioni: la formatura. Le lavorazioni: la formatura. Le lavorazioni industriali. Il processo di fusione La fusione in forma transitoria Le lavorazioni: la formatura Le lavorazioni: la formatura Le lavorazioni industriali Il processo di fusione La fusione in forma transitoria La formatura dei polimeri Esercizi sulla fusione 2 2006 Politecnico

Dettagli

IL PROBLEMA DEL PRODURRE

IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL PROBLEMA DEL PRODURRE IL CICLO TECNOLOGICO E I PROCESSI PRIMARI E SECONDARI Ing. Produzione Industriale - Tecnologia Meccanica Processi primari e secondari - 1 IL CICLO TECNOLOGICO Il ciclo tecnologico

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

Convegno ASSOFOND; Università di Padova sede di Vicenza 26-27/ottobre/2012. Docente: Manente Andrea. Email: manente.a64@gmail.com. Cell.

Convegno ASSOFOND; Università di Padova sede di Vicenza 26-27/ottobre/2012. Docente: Manente Andrea. Email: manente.a64@gmail.com. Cell. Convegno ASSOFOND; Università di Padova sede di Vicenza 26-27/ottobre/2012 Docente: Manente Andrea Email: manente.a64@gmail.com Cell. 3454198583 Le informazioni contenute in questo documento sono proprietà

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di: descrivere le modalità di classificazione dei getti recepire le indicazioni da citare a

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

GESTIONE DEL SISTEMA QUALITA IN FONDERIA. Diplomando: Bertoloni Enrico Relatore: Ing. Pola Annalisa

GESTIONE DEL SISTEMA QUALITA IN FONDERIA. Diplomando: Bertoloni Enrico Relatore: Ing. Pola Annalisa GESTIONE DEL SISTEMA QUALITA IN FONDERIA Diplomando: Bertoloni Enrico Relatore: Ing. Pola Annalisa Pressofusioni Valtrumpline Fonderia specializzata nella progettazione, consulenza e realizzazione di pezzi

Dettagli

Processi di fusione e colata, parte I

Processi di fusione e colata, parte I Processi di fusione e colata, parte I Solidificazione dei metalli Strutture da solidificazione Calore e flussi Pratica della fusione e forni Leghe da getto Processi di colata (metalli) Il processo di colata

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

Processi di lavorazione di materiali polimerici: stampaggio a iniezione

Processi di lavorazione di materiali polimerici: stampaggio a iniezione Processi di lavorazione di materiali polimerici: stampaggio a iniezione Fonti: De Filippi A.M., Fabbricazione di componenti in materiali polimerici, Hoepli 2008; Stampaggio con iniezione Kalpakjian S.,

Dettagli

PRESSOCOLATA DI ZAMA CON MACCHINA ELETTRICA

PRESSOCOLATA DI ZAMA CON MACCHINA ELETTRICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA PRESSOCOLATA DI ZAMA CON MACCHINA ELETTRICA Relatore: ing. Annalisa Pola Laureandi: Dario Martinazzoli (ing.

Dettagli

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox Relazione sui principi fondamentali della saldobrasatura dei componenti in acciaio inossidabile in atmosfera controllata di azoto e idrogeno in forni continui A cura di: Grillo Sergio Foto 1 Forni continui

Dettagli

Simulazione di colata per la scelta della Pressa. Minore Pressione, Minore Forza, Minor Costo

Simulazione di colata per la scelta della Pressa. Minore Pressione, Minore Forza, Minor Costo Valente ing. Lorenzo Valente dr. Tiziano ECOTRE: Esclusivista ProCAST, QuikCAST e per l Italia 1-20100520_Rev01 ATTIVITA Obiettivo: scegliere la pressa ottimale per stampare un pezzo Scenario: Nomogramma

Dettagli

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI

I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI I MATERIALI METALLICI CORSO DI TECNOLOGIA E DISEGNO TECNICO PROF. ILARIA GALLITELLI ferrosi Ghise/acciai metalli pesanti non ferrosi leggeri ultraleggeri I materiali metallici MATERIALI METALLICI FERROSI

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni Collegamenti saldati Procedimenti di saldatura Sorgente termica che produce alta temperatura in modo localizzato Fusione del materiale base più il materiale di apporto

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE STUDIO DEGLI EFFETTI DEI TRATTAMENTI TERMICI SU LEGHE D ALLUMINIO THIXOCOLATE CONTENENTI ARGENTO Relatore: Ing. Annalisa Pola

Dettagli

DIMI. Università degli studi di Brescia. Dipartimento Ingegneria Meccanica e Industriale. Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale

DIMI. Università degli studi di Brescia. Dipartimento Ingegneria Meccanica e Industriale. Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Componenti strutturali per telai automobilistici: problematiche metallurgiche di assemblaggio e finitura Andrea Panvini, Giovanna Cornacchia, Michela Faccoli DIMI Dipartimento Ingegneria Meccanica e Industriale

Dettagli

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia

G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia G. M. La Vecchia Dipartimento di Ingegneria Meccanica Università di Brescia Solubilizzazione Cementazione Nitrurazione Tempra di soluzione ed invecchiamento Coltre bianca cementato Nitrurazione 550 C x

Dettagli

TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI

TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI TERMOMETRIA E PROCESSI TERMICI SISTEMA parte di materia e/o spazio, idealmente isolata, su cui si concentra ntra l attenzione dell osservatore AMBIENTE ESTERNO tutto ciò che sta al di fuori, ma pur sempre

Dettagli

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa

Gli elettrodi nell EDM. G. Fantoni Università di Pisa Gli elettrodi nell EDM G. Fantoni Università di Pisa Erodibilità di diversi materiali metallici PURI T fus. -MRR Ma Ag, Cu anomali infatti erodibilità dipende anche da conducibilità termica, capacità

Dettagli

MICROFUSIONE A CERA PERSA IN GESSO

MICROFUSIONE A CERA PERSA IN GESSO MICROFUSIONE A CERA PERSA IN GESSO (REALIZZAZIONE DI GIOIELLI) Cagliani Claudio 22757 Colla Andrea 27771 Gelmi Guido 27620 Mapelli Serena 22492 1 LE FASI DEL PROCESSO 1) MODELLAZIONE Alla base di ogni

Dettagli

Cliccare su una o più delle seguenti tipologie di sistemi di riscaldamento ad induzione:

Cliccare su una o più delle seguenti tipologie di sistemi di riscaldamento ad induzione: Per ricevere maggiori informazioni su argomenti di vostro interesse compilate il modulo sottostante, verrete contattati al più presto. VERSIONE STAMPABILE: RICHIESTA INFORMAZIONI TECNICHE Nome Cognome

Dettagli

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC)

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Ugello per macchine con serranda a bullone tipo BHP a comando pneumatico o idraulico serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Meccanismo valvola:

Dettagli

SECTION ADDRESSED TO FOUNDRIES

SECTION ADDRESSED TO FOUNDRIES SECTION ADDRESSED TO FOUNDRIES NOTE: 1) Tutte le informazioni raccolte saranno trattate in forma anonima esclusivamente per le finalità del progetto StaCast. 2) I risultati delle elaborazioni statistiche

Dettagli

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA

Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA Scheda 27 Lavorazione: TINTURA IN PEZZA Macchina: OVERFLOW A PRESSIONE ATMOSFERICA Scopo della lavorazione La tintura in overflow a pressione atmosferica è utilizzata per tingere tessuti delicati o tessuti

Dettagli

Acciaio per lavorazioni a caldo

Acciaio per lavorazioni a caldo Acciaio per lavorazioni a caldo Generalità BeyLos 2343 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono lavorare

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO

TRATTAMENTI TERMICI IMPORTANZA DI ESEGUIRE IL TRATTAMENTO TERMICO NEL MOMENTO OPPORTUNO DEL PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PEZZO TRATTAMENTI TERMICI IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE DELLE SUE CARATTERISTICHE MECCANICHE: RESISTENZA DEFORMABILITA

Dettagli

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO SALDATURA SALDATURA AD ARCO SOMMERSO La saldatura ad arco sommerso (SAW - Submerged Arc Welding nella terminologia AWS) è un saldatura ad arco a filo continuo sotto protezione di scoria. Il fatto che l

Dettagli

Schema generale laminazioni

Schema generale laminazioni Laminazione Processo di riduzione dell altezza o cambio di sezione di un pezzo attraverso la pressione applicata tramite due rulli rotanti. La laminazione rappresenta il 90% dei processi di lavorazione

Dettagli

Introduzione al processo MuCell

Introduzione al processo MuCell I nuovi sviluppi: analisi dei vantaggi della tecnologia microcellulare dalla riduzione delle deformazioni alle superfici estetiche (Andrea Romeo - Proplast, Alessio Goria Onnistamp) -Prima parte- Introduzione

Dettagli

OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO

OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO OFFICINE MINUTE VILLORBA - TREVISO Pag 1 di 9 COLONNA ESSICCATOIO STRAHL SERIE AR La colonna di essiccazione è realizzata con pannelli in lamiera zincata strutturale con montanti esterni quantità variabile

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche

Tecnologia Meccanica Proff. Luigi Carrino Antonio Formisano Prove tecnologiche Prove tecnologiche PROVE TECNOLOGICHE Le prove tecnologiche vengono eseguite allo scopo di determinare l'attitudine dei materiali a subire determinati processi necessari a realizzare un certo prodotto.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE CLASSIFICAZIONE DELLE LAVORAZIONI MECCANICHE Le lavorazioni meccaniche possono essere classificate secondo diversi criteri. Il criterio che si è dimostrato più utile, in quanto ha permesso di considerare

Dettagli

Gli stampi per termoindurenti

Gli stampi per termoindurenti Via Sione 18/B - 03030 - Chiaiamari - Frosinone Tel. (39) 775868478 - Fax (39) 775868775 E-mail: comera.fr@tin.it Gli stampi per termoindurenti Relatore: Ing.. Raponi Gianluigi 1 L attività La COMERA è

Dettagli

E-VAG. VASCHE DI ACCUMULO GHIACCIO ad espansione diretta di refrigerante

E-VAG. VASCHE DI ACCUMULO GHIACCIO ad espansione diretta di refrigerante PROGEMA Engineering S.R.L. Via Verga, 452 ZAI PIOPPELLE 46030 BORGOFORTE (MN) Tel. 0376 649160 Fax 0376 649162 WEB: http://www.progemaeng.com E-mail: info@progemaeng.com E-VAG VASCHE DI ACCUMULO GHIACCIO

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con

Dettagli

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro

Materiali, Sviluppo, Soluzioni. Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro Materiali, Sviluppo, Soluzioni Prodotti di Molibdeno per la industria del vetro H.C. Starck, Molibdeno Materiali come il molibdeno e il tungsteno, sono vitali per le applicazioni di fusione, omogeneizzazione

Dettagli

Stampi ad alta precisione per LSR Sistemi di iniezione ad alte prestazioni Galliate, 22 Settembre 2015

Stampi ad alta precisione per LSR Sistemi di iniezione ad alte prestazioni Galliate, 22 Settembre 2015 High technicality and ultra-cleanliness in the plastics industry Stampi ad alta precisione per LSR Sistemi di iniezione ad alte prestazioni Galliate, 22 Settembre 2015 1 Haute technicité et ultra-propreté

Dettagli

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A Test di ingresso MECCANICA Classe 0A 1. Tre corpi di massa rispettivamente m, m e 3m, collegati rigidamente fra loro con elementi di massa trascurabile, sono disposti in senso orario su una semicirconferenza

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA Arch. Elena Crespi PARETI VERTICALI ELEMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI ELEMENTI DI GRANDI DIMENSIONI SOLAI ELEMENTI SPECIALI ARMATURA LONGITUDINALE ARMATURA

Dettagli

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO

Classe 4^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Taglio dei metalli - Fluidi da taglio FLUIDI DA TAGLIO FLUIDI DA TAGLIO Il calore che si sviluppa durante l asportazione di truciolo é causato da: - lavoro di deformazione del materiale - lavoro di attrito 1) Il calore dovuto alla deformazione dipende dalle

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

Dimensionamento dello stampo di un cursore

Dimensionamento dello stampo di un cursore Dimensionamento dello stampo di un cursore In questa breve relazione ci occuperemo del dimensionamento della matrice di un cursore, parte di un oggetto di abbellimento in materiale plastico della ALESSI.

Dettagli

L acciaio ESR per lavorazione a caldo

L acciaio ESR per lavorazione a caldo L acciaio ESR per lavorazione a caldo Generalità EskyLos 2367 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono

Dettagli

Corrado Patriarchi 1

Corrado Patriarchi 1 CorradoPatriarchi 1 2 PROGETTAZIONE SCELTA DELL ACCIAIO APPLICAZIONE QUALITA DELL ACCIAIO ESECUZIONE SUPERFICIALE 3 Per trattamento termico si intende una successione di operazioni mediante le quali una

Dettagli

Categorie di operazioni In generale, per la produzione di pezzi meccanici, le operazioni si possono classificare in cinque categorie

Categorie di operazioni In generale, per la produzione di pezzi meccanici, le operazioni si possono classificare in cinque categorie 1 CICLI DI LAVORAZIONE GENERALITÀ E DEFINIZIONI Ogni pezzo meccanico finito, ovvero pronto all uso, si ricava da un grezzo adatto, attraverso una successione di operazioni tecnologiche. Un ciclo di lavorazione

Dettagli

CANDIDATO: William Berardi. RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli

CANDIDATO: William Berardi. RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica A.A. 2010/2011 - Sessione III CANDIDATO: William Berardi RELATORE: Prof. Ing. Luca Piancastelli

Dettagli

Mescolatore Tipo Biconico

Mescolatore Tipo Biconico MS I Applicazione Il miscelatore tipo biconico realiza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è una operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica,alimentare,

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI DEI RISCHI RELATIVO A MACCHINA DI PRESSOFUSIONE A CAMERA FREDDA

DOCUMENTO DI ANALISI DEI RISCHI RELATIVO A MACCHINA DI PRESSOFUSIONE A CAMERA FREDDA DOCUMENTO DI ANALISI DEI RISCHI RELATIVO A MACCHINA DI PRESSOFUSIONE A CAMERA FREDDA MARCA MODELLO MATRICOLA ANNO DI COSTRUZIONE Il progettista () Travagliato (BS), 14.10.2006 Pag 1 di 10 INDICE 1 ANALISI

Dettagli

TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING

TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING Tecniche legate alla produzione di materiali compositi, caratterizzate dal flusso di una matrice polimerica termoindurente (resina) attraverso un rinforzo asciutto a base

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

VERNICIAtura Impianti di aspirazione localizzata. 3.6.6.3 (scheda di approfondimento)

VERNICIAtura Impianti di aspirazione localizzata. 3.6.6.3 (scheda di approfondimento) VERNICIAtura Impianti di aspirazione localizzata 3.6.6.3 (scheda di approfondimento) 3.6.6.3 (scheda di approfondimento) VERNICIatura impianti di aspirazione localizzata Le schede che qui vengono riportate

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico

Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Macchina di pressofusione a Risparmio Energetico Vieni a vederla dal 14 al 17 aprile al Pressa HC con motore a Risparmio Energetico Questa gamma di macchine di pressofusione è stata studiata per ottenere

Dettagli

Alluminio e sue leghe

Alluminio e sue leghe Alluminio e sue leghe Proprietà dell alluminio puro Basso peso specifico Elevata conducibilità eletrica Buona resistenza alla corrosione Scarse caratteristiche meccaniche L alligazione dell alluminio ne

Dettagli

SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI COMPOSITI A MATRICE POLIMERICA

SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI COMPOSITI A MATRICE POLIMERICA Università degli studi di Messina Corso di laurea in INGEGNERIA DEI MATERIALI SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI COMPOSITI A MATRICE POLIMERICA Prof. A.M.Visco Lezione T 2 : Processi di realizzazione di

Dettagli

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici

GYRO. La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura. Per legno, metallo e materiali sintetici R GYRO La soluzione perfetta per la carteggiatura di finitura, la carteggiatura e la pulitura Tecnica di carteggiatura ad oscillazione Per legno, metallo e materiali sintetici - una macchina robusta ed

Dettagli

SISTEMI DI RIVESTIMENTO

SISTEMI DI RIVESTIMENTO VERNICI FILTRAZIONE SISTEMI DI ALIMENTAZIONE PRODOTTI REFRATTARI PER FONDERIA TRATTAMENTO DEL METALLO RESINE CROGIOLI PER UN EFFICAC E F U S I O N E D E L L E L E G H E D I A L L U M I N I O SISTEMI DI

Dettagli

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar.

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar. HQ3 Descrizione generale Pompa a palette a cilindrata fissa, idraulicamente bilanciata, con portata determinata dal tipo di cartuccia utilizzato e dalla velocità di rotazione. La pompa è disponibile in

Dettagli

Tecnologie Materie Plastiche Modulo3 INIEZIONE Lezione _01

Tecnologie Materie Plastiche Modulo3 INIEZIONE Lezione _01 ITIS Giulio Natta Istituto Tecnico Industriale per la meccanica e le materie plastiche - Liceo Scientifico Tecnologico Via XX settembre 14/A - Rivoli TO Tecnologie Materie Plastiche Modulo3 INIEZIONE Lezione

Dettagli

Tecnologie Materie Plastiche Modulo4 SOFFIAGGIO Lezione 01

Tecnologie Materie Plastiche Modulo4 SOFFIAGGIO Lezione 01 ITIS Giulio Natta Istituto Tecnico Industriale per la meccanica e le materie plastiche - Liceo Scientifico Tecnologico Via XX settembre 14/A - Rivoli TO Tecnologie Materie Plastiche Modulo4 SOFFIAGGIO

Dettagli

Metal replacement per un filtro olio.

Metal replacement per un filtro olio. Metal replacement per un filtro olio. L'impiego di un resina poliammidica ad alta resistenza ha permesso alla Hengst di realizzare in un corpo filtro resistente alle alte temperature ed alle vibrazioni.

Dettagli

MATERIALI SINTERIZZATI

MATERIALI SINTERIZZATI MATERIALI SINTERIZZATI Sono ottenuti con la cosiddetta Metallurgia delle polveri, che consiste nella compattazione e trasformazione di materiali ridotti in polvere in un composto indivisibile. Sono utilizzati

Dettagli

Eccesso di inoculazione nelle ghise grige e sferoidali. Brescia, 22 Novembre 2014 Linda Mazzocco & Fiorenzo Santorini

Eccesso di inoculazione nelle ghise grige e sferoidali. Brescia, 22 Novembre 2014 Linda Mazzocco & Fiorenzo Santorini Eccesso di inoculazione nelle ghise grige e sferoidali Brescia, 22 Novembre 2014 Linda Mazzocco & Fiorenzo Santorini 1 Scopo della presentazione e temi trattati Difetti provocati da eccesso di precondizionamento

Dettagli

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Manuele Dabalà Dip. Ingegneria Industriale Università di Padova Introduzione Cos è l acciaio? Norma UNI EN 10020/01 Materiale il cui tenore

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

Un quarto di secolo di simulazione

Un quarto di secolo di simulazione Un quarto di secolo di simulazione La simulazione dello stampaggio ad iniezione di materie plastiche ha raggiunto la maturità: si può infatti far risalire l adozione generalizzata della simulazione al

Dettagli

Lavorazione lamiera III

Lavorazione lamiera III Lavorazione lamiera III Imbutitura (deep drawing) Deformabilità delle lamiere Macchinari per la formatura delle lamiere Progettazione Considerazioni economiche Imbutitura (Deep Drawing) Nata nel 1700 non

Dettagli

Capitolato per stampi ad iniezione. Edizione 08/14

Capitolato per stampi ad iniezione. Edizione 08/14 Capitolato per stampi ad iniezione Edizione 08/14 1 Generale 1.1.1 Il fornitore si impegna con l ordine a progettare e costruire lo stampo secondo le norme Tratter Engineering srl riportate nel seguente

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

Via Castegnato, 6/C 25050 Rodengo Saiano, Brescia T +39 030 6815011 www.compes.com FORNI

Via Castegnato, 6/C 25050 Rodengo Saiano, Brescia T +39 030 6815011 www.compes.com FORNI Via Castegnato, 6/C 2 Rodengo Saiano, Brescia T +39 3 68111 www.compes.com compesfrance@compesfrance.fr info@compes.ca FORNI 1 PRERISCALDO MATRICI Il FORNO PRERISCALDO MATRICI COMPES a cassetti indipendenti

Dettagli

FORM 1000 GFAC_Flyer_FORM 1000.indd 1 23.9.2009 9:57:42

FORM 1000 GFAC_Flyer_FORM 1000.indd 1 23.9.2009 9:57:42 FORM 1000 Gamma d applicazione Micro applicazioni Una parola in più piccola dimensione Che cosa è la tecnologia micro? E utilizzato, in generale, per designare la produzione o l integrazione di componenti

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA RAPID TOOLING PER STAMPI DI MATERIE PLASTICHE

PROGETTO DI RICERCA RAPID TOOLING PER STAMPI DI MATERIE PLASTICHE PROGETTO DI RICERCA RAPID TOOLING PER STAMPI DI MATERIE PLASTICHE Il progetto di ricerca e sperimentazione realizzato è la diretta evoluzione tecnologica delle metodologie di Rapid Prototyping: un progetto

Dettagli

CAPITOLO 9 Materiali metallici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 9 Materiali metallici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 9 Materiali metallici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 9.1 (a) La ghisa grezza è tipicamente estratta da minerali di ossido di ferro in un altoforno in cui il

Dettagli

Lezione 11 Trattamenti termici

Lezione 11 Trattamenti termici Lezione 11 Gerardus Janszen Dipartimento di Tel 02 2399 8366 janszen@aero.polimi.it . IL TRATTAMENTO TERMICO CONSISTE IN UN CICLO TERMICO CHE SERVE A MODIFICARE LA STRUTTURA DEL MATERIALE PER LA VARIAZIONE

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 2.4 Tecniche di fonderia LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Fonderia in forme permanenti LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Fusioni in forma permanente La forma è realizzata

Dettagli

Lavorazioni di fonderia e lavorazioni plastiche

Lavorazioni di fonderia e lavorazioni plastiche Lavorazioni di fonderia e lavorazioni plastiche CONTENUTI Procedimenti di fonderia Fusione in terra, in conchiglia e centrifuga Pressofusione e microfusione Classificazione delle lavorazioni plastiche

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede Energy Recuperatore L e unità canalizzabili della serie Energy sono state studiate per permettere un risparmio energetico negli impianti di ventilazione di locali pubblici e privati quali bar, ristoranti,

Dettagli

J.Alva Servizio tecnico Tesi SpA

J.Alva Servizio tecnico Tesi SpA J.Alva Servizio tecnico Tesi SpA L analisi termica Consiste nella registrazione ora mediante software dell andamento della temperatura nel tempo di un campione di metallo colato solitamente in un crogiuolo

Dettagli

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo

A.S. 2012/13 Materia: Tecnologie meccaniche di prodotto e processo ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G. NATTA - G.V. DEAMBROSIS LICEO SCIENTIFICO : OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO Settore Tecnologico: INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - INDIRIZZO MECCANICA,

Dettagli

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE μm), è estremamente benefica nel buon comportamento del materiale nei confronti della formazione del ghiaccio: infatti queste micro-bolle fungono da vasi di espansione capaci di ospitare l acqua liquida

Dettagli