Progetto ESPLORA. Le innovazioni di ESPLORA nel settore frutticolo ed arboricolo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto ESPLORA. Le innovazioni di ESPLORA nel settore frutticolo ed arboricolo"

Transcript

1 Progetto ESPLORA Le innovazioni di ESPLORA nel settore frutticolo ed arboricolo Ignazio Verde Centro di Ricerca per la Frutticoltura Roma 6 Novembre

2 Peculiarità specie arboree: Ciclo lungo Grandi dimensioni Strumenti disponibili: Genoma di riferimento (Tutte, tranne olivo) Tools genetici (microarray, chip SNP) Approcci utilizzati: Popolazioni biparentali Geni candidati Mappatura per associazione 05/12/2013 2

3 Attività svolta dall'u.o. Centro di Ricerca per la Viticoltura di Conegliano (CRA-VIT) 3 Ricerca di marcatori funzionali in vite per i caratteri apirenia e tolleranza a giallumi da fitoplasmi. Responsabile: Dr.ssa Manna Crespan 05/12/2013

4 4 Vite colpita da giallumi 05/12/2013

5 5 Allevamento ed infezione degli insetti vettori 05/12/2013

6 Strategia applicata 6 per l apirenia ricerca di SNP putativamente associati al carattere apirenia sequenziamento di 8 geni candidati MADS-box coinvolti nello sviluppo del gametofito femminile, dell'endosperma e dell'embrione e putativamente associati a QTL minori per l apirenia per la flavescenza dorata (FD) ricerca di geni candidati per la resistenza/tolleranza a FD analisi di Next Generation Sequencing (RNA-Seq) di varietà di vite sensibili (Chardonnay) vs tolleranti (Tocai friulano) in esperimenti di infezione controllata in laboratorio 05/12/2013

7 Risultati ottenuti 7 Per l apirenia Marcatori associati a uno dei geni MADS-box (VvAGL11) sono utili ma non sufficienti alla MAS. Altri MADS-box sequenziati in 48 vitigni e 48 individui di una popolazione da incrocio (varietà con semi x varietà apirena - F1_RVexSU); analisi dei dati in corso. Produzione dati SSR e SNP per costruire una mappa di associazione della F1_RVexSU in corso. Completata la fenotipizzazione della F1_RVexSU. 05/12/2013

8 8 Risultati ottenuti Per la resistenza/tolleranza ai giallumi Il complesso esperimento di inoculo del patogeno tramite vettore infetto in ambiente controllato è riuscito (12 tesi x 3 repliche biologiche). Le prime analisi dei dati di RNA-Seq mostrano una sovraespressione di geni legati ai meccanismi di difesa nella varietà tollerante. Prodotte 3 popolazioni da incrocio (varietà sensibile x tollerante a GY) per studiare le basi genetiche del carattere. L unione dei dati derivanti dai due approcci dovrebbe fornire indicazioni sui geni candidati e marcatori associati. 05/12/2013

9 Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale (CRA-PAV) Unità Operativa: Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale CRA-PAV Roma Responsabile scientifico: Graziella PASQUINI Sintomi di Legno Nero sulla varietà Chardonnay Titolo della Ricerca: Sviluppo di sistemi molecolari per la caratterizzazione genomica del fitoplasma Stolbur

10 10 OBIETTIVO: sviluppo di tools genetici per l individuazione di marcatori molecolari nel genoma di Stolbur Strategia 1: MLST (Multilocus Sequence Typing) (genoma patogeno) Strategia 2: Studio della interazione vite/stolbur (genoma pianta ospite) Prodotto atteso: markers molecolari

11 Strategia 1: MLST 203 campioni da diversi areali 2 genotipi tuf: tuf a tuf b RISULTATI: I geni più interessanti per la caratterizzazione del fitoplasma: tuf, secy e stamp Definizione di una precisa distribuzione geografica dei genotipi Sicilia: presenta monomorfismo genetico su tutti e tre i geni PRODOTTO: Genotipi definiti = markers genetici per tracciabilità delle infezioni studio evoluzionistico del fitoplasma 11

12 Strategia 2: Studio della interazione vite/stolbur RISULTATI: Individuate vie metaboliche differenzialmente espresse nei vari status infettivi. In particolare sono state evidenziate alterazioni di espressione nelle piante recovered potenzialmente utili nell induzione esterna del fenomeno (considerato un importante metodologia di controllo delle malattie da fitoplasmi) PRODOTTO: Geni di vie metaboliche differenzialmente espressi = markers genetici per diagnosi Studio meccanismi patogenetici Induzione status recovery 12

13 Partecipazioni a convegni e pubblicazioni CONVEGNI: F. Punelli, P. Uva, A. Ferrarini, L. Ferretti, G. Pasquini (2011) Validation of microarray expression profiles with Real Time-PCR and GO classes study in Stolbur-affected grapevine plants. 2 nd IPWG (International Phytoplasmologist Working Group) Meeting settembre 2011, Neustadt an der Wienstraβe, Germania). F. Punelli, P. Uva, A. Ferrarini, L. Ferretti, G. Pasquini (2011) Real Time-PCR validation of microarray expression profiles obtained in comparing healthy, recovered and Stolbur-affected grapevine plants. 2 nd European Bois Noir Workshop. 27 febbraio-1 marzo 2011, Castelbrando (TV). PUBBLICAZIONI: F. Punelli, F. Martinelli, P. Uva, L. Ferretti, G. Pasquini (2013) Elucidating transcriptomic responses to Stolbur phytoplasma in Vitis vinifera in relation to infected and recovered status. Plant Science (submitted). F. Punelli., P. Uva, A. Ferrarini, F. Faggioli, M. Barba, G. Pasquini (2010) Differential Gene Ontology Classes Expression in Grapevine Affected by Stolbur Phytoplasma. V Convegno Nazionale Fitoplasmi settembre 2010, Ancona - Petria 20(3): F. Punelli., F. Faggioli, P. Uva, A. Ferrarini, G. Pasquini (2010). Expression of gene clusters in grapevine cultivars affected by bois noir and several viruses. [extended abstract] 13 th Congress of the Mediterranean Phytopathological Union giugno 2010, CRA-PAV - Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale, Roma, S Petria 20(2):

14 Mappaggio di QTL di interesse agronomico e caratterizzazione del germoplasma di Fragola UO: CRA-FRF, Forlì Responsabile: Dr. Walther Faedi Partecipanti: Dr. Gianluca Baruzzi Dr.ssa Federica Brandi Dr.ssa Maria Luigia Maltoni 105 individui F 1

15 Obiettivi previsti dalla scheda di ricerca Identificazione di associazioni tra marcatori molecolari e loci responsabili di caratteri di interesse agronomico in fragola ottoploide 1) Costruzione di una mappa di linkage su ottoploide 2) Fenotipizzazione per caratteri qualitativamente importanti (dolcezza e colore del frutto) 3) Avvio della genotipizzazione di germoplasma diploide e ottoploide utilizzando i marcatori già sviluppati e ampliamento della collezione di marcatori

16 Risultati raggiunti (1/2) Testati 89 SSR monodose, 58 sono risultati polimorfici e hanno prodotto da 2 a 8 amplificati con 14 configurazioni alleliche In generale F. chiloensis ha un profilo allelico molto più semplice F. chiloensis F. x ananassa Sono state caratterizzate numerose accessioni del germoplasma CRA-FRF Tipo di segregazione Segregazione attesa aaxab 1:1 4 aaxbn 1:1 1 abxaa 1:1 4 abxab 1:2:1 19 abxan 2:1:1 5 abxbn 1:1:2 5 anxab 2:1:1 5 anxbn 1:1:1:1 15 anxnn 1:1 105 bbxab 1:1 2 bnxab 1:1:2 8 bnxan 1:1:2 11 nnxan 1:1 92 anxan 3:1 108 Tot. Alleli 384 N di alleli per tipo di segregazione

17 b* (blu-giallo) Risultati raggiunti (2/2) Distribuzione in classi di residuo secco rifrattometrico Brix <7 Alba 7,4 Brix 7-8 8,1-9 9, , , ,1-13 F. chiloensis 11,1 Brix > F. chiloensis Alba Distribuzione della popolazione per coordinate colorimetriche del colore dei frutti a* (verde-rosso)

18 Impatto dell attività di ricerca Verrà resa disponibile una struttura di mappa ottoploide ottenuta con la popolazione Alba x F. chiloensis (frutto bianco) La disponibilità della mappa di linkage favorirà l individuazione di marcatori molecolari per applicare la MAS per caratteri di grande interesse commerciale come il colore e la dolcezza. Prospettive future E presumibile che la costruzione della mappa di linkage richieda l utilizzo di ulteriori marcatori. A questo scopo sono stati presi contatti per l utilizzo del chip Affymetrix Axiom su questa popolazione Ottenuto lo scheletro di mappa si vorrebbe proseguire con l inclusione dei caratteri semplici a ereditabilità mendeliana e, in seguito, con l analisi di caratteri ad ereditabilità quantitativa (QTL).

19 Centro di Ricerca per la Frutticoltura (CRA-FRU) Analisi della biodiversità in pesco tramite approcci di Association Mapping Ignazio Verde, Valeria Aramini, Sabrina Micali, Elisa Vendramin, Maria Teresa Dettori

20 Obiettivi previsti dalla scheda di ricerca Individuazione di un set di circa 1000 SNP funzionali uniformemente distribuiti nel genoma Validazione di SNP tramite l analisi di un panel di 10 accessioni. Utilizzo degli SNP su un subset della collezione di pesco per l analisi della struttura della popolazione RIMODULAZIONE Utilizzo del chip IPSC 9K SNP array per valutare la struttura della popolazione di un subset di accessioni di pesco (412) appartenenti alla collezione (~1000) mantenuta al CRA-FRU Verde et al 2012 PLoS ONE 7(4): e35668.

21 Risultati ottenuti: Struttura della Popolazione N accessioni analizzate 412 SNP tot (chip 9K): 8144 SNP N % tot (8144 chip 9K) SNP polimorfici Structure: K saggiati da 1 a 6 Evanno Method 3 sottopopolazioni

22 Risultati ottenuti: Costruzione di una Core Collection Costruire una «Core Collection» (CC) significa estrarre dalla collezione completa un numero minimo di accessioni pur massimizzando il numero di alleli rappresentati(cioè la variabilità) 412 accessioni analizzate con il 9K Peach IPSC Array. Tramite il software Power Marker, 165 scelte a costituire la CC

23 Risultati ottenuti: fenotipizzazione della CC (elaborazione dati in corso) Fenotipizzazione delle 165 accessioni della CC Caratteri: Data di fioritura e maturazione e 9 caratteristiche relative alla qualità del frutto L analisi dei dati verrà effettuata con il programma Tassel al fine di individuare le regioni genomiche coinvolte nel controllo dei caratteri studiati e i marcatori SNP associati

24 Centro di Ricerca per l Agrumicoltura e le Colture Mediterranee (CRA-ACM) Fenotipizzazione e genotipizzazione di accessioni di arancio pigmentato. Sequenziamento di geni coinvolti nella biosintesi delle antocianine UO: CRA-ACM Responsabile: Giuseppe Reforgiato Recupero Partecipanti: Concetta Licciardello, Maria Patrizia Russo, Giuseppe Russo, Santo Recupero

25 Obiettivi previsti dalla scheda di ricerca 1)Individuazione delle accessioni con caratteristiche fenotipiche differenziali nella collezione CRA-ACM, ricerca di polimorfismi SNP e loro verifica; 2)Individuazione di marcatori ed estensione dei risultati più significativi ottenuti a tutta la collezione di arance pigmentata del CRA-ACM; 3)Risequenziamento di alcuni mutanti somatici ed allineamento della sequenza con la sequenza del clementine dell International Citrus Genome Consortium (ICGC); 4)Genotipizzazione di alcuni mutanti indotti per irraggiamento con raggi g.

26 Risultati raggiunti (1/4) 1 Obiettivo: Individuazione delle accessioni con caratteristiche fenotipiche differenziali nella collezione CRA-ACM, ricerca di polimorfismi SNP e loro verifica Individuati bioinformaticamente tramite analisi EST migliaia di SNP teoricamente discriminanti tra arancio e clementine. 163 SNP validati con il metodo di genotipizzazione Kaspar su 50 diverse accessioni di arancio e clementine. Di questi, 37 sono stati validati anche mediante sequenziamento Sanger. L analisi di genotipizzazione ha individuato 78 siti polimorfici, di cui 36 eterozigoti. Le variazioni in termini di SNP sono state trovate soprattutto tra le specie, dimostrando una bassa diversità genetica in arancio e clementine e confermando una più elevata eterozigosità in arancio rispetto a clementine. Gli SNP derivanti dalle EST oggetto di studio, anche se non verranno utilizzati come marcatori molecolari (considerata la mancanza di associazione con caratteristiche agronomiche evidenti) potranno servire negli studi di filogenesi e come marcatori delle singole accessioni.

27 Risultati raggiunti (2/4) 2 Obiettivo Individuazione di marcatori ed estensione dei risultati più significativi ottenuti a tutta la collezione di arance pigmentate del CRA-ACM La regione 3 LTR che regola l espressione del gene Ruby (Myb Transcripion Factor coinvolto nella sintesi delle antocianine - Butelli et al., 2012) è stata utilizzata come marcatore della pigmentazione antocianica in frutti di arancio e suoi ibridi Genotipizzata una collezione di circa 100 accessioni di arancio pigmentato, arancio biondo e diversi ibridi. L amplificazione della 3 LTR ha confermato la presenza dell inserto nelle accessioni caratterizzate dalle antocianine nella polpa ed è quindi marcatore diagnostico del carattere L amplificazione della regione di Tcs1 (parte integrante del promotore/retrotrasposone) ha mostrato una presenza non costante dell inserto nei vari cloni di arancio Tarocco, Premio SIGA 2013

28 Risultati raggiunti (3/4) 3 Obiettivo: Risequenziamento di alcuni mutanti somatici ed allineamento della sequenza con quella del clementine (International Citrus Genome Consortium - ICGC) Risequenziate (in collaborazione con il prof. Morgante) 3 varietà di clementine (Caffin, precoce e apireno; Rubino, tardivo e apireno; Monreal, medio e con semi) su piattaforma Illumina. La disponibilità on-line del genoma del clementine aploide (http://www.phytozome.net/clementine.php) ha consentito le operazioni di allineamento dei genomi delle tre clementine con il riferimento. I primi dati hanno prodotto una copertura molto bassa, variabile tra 2.8x (Rubino) e 12x (Monreal). E stato avviato un nuovo risequenziamento, i cui dati di copertura sono decisamente migliori dei precedenti. Questo è presupposto per un analisi più approfondita da avviare in termini di individuazione di elementi trasponibili, delezioni, «depth of coverage» e «loss of heterozigosity.

29 Risultati raggiunti (4/4) 4 Obiettivo: Genotipizzazione di alcuni mutanti indotti per irraggiamento con raggi g Tre cicli di irraggiamento con raggi γ (2008, 2009 e 2010) del Tarocco Scirè D2062 hanno prodotto fenotipi mutanti. Sono state già osservate interessanti mutazioni a carico della forma del frutto e del contenuto di antocianine. Forma del frutto Pigmentazione Peduncolo e consistenza buccia La possibilità di un risequenziamento dei mutanti ottenuti, aggiunti ai dati di risequenziamento di 10 mutanti somatici naturali di arancio già a disposizione del CRA- ACM, potrebbe aiutare a comprendere meglio la base genetica dei caratteri fenotipici in questione. SOI 2013

30 Centro di Ricerca per l Olivicoltura di Rende (CRA-OLI) Sviluppo di nuovi tool genetici e molecolari a supporto del breeding in olivo Responsabile UO: Samanta Zelasco

31 Obiettivi previsti dalla scheda di ricerca 1) Riordino del germoplasma olivicolo Attività Sviluppo di un metodo efficiente per l identificazione genetica in olivo 2) Individuazione e selezione di materiale genetico interessante a supporto del breeding Attività Selezione materiale genetico di interesse per la tolleranza al freddo Saggi di radicazione e valutazione di potenziali portinnesti nanizzanti

32 Ottenimento di tool molecolari Riordino del germoplasma olivicolo Sviluppo di un metodo efficiente per l identificazione genetica in olivo 300 Loci SSR N alleli individuati Sinonimie riscontrate altamente correlate con i dati morfologici Mission = Picholine Marocaine Ascolana dura = Ascolana semitenera Dolce d Andria = Termite di Bitetto Carpinetana = Bosana Moraiolo=Paesana Nera Leccino=Palmarola Tondina = Provenzale Giarfara=Tonda Dolce di Partanna Grossale = Santomauro DCA 3 13 DCA 8 17 DCA DCA DCA DCA EMO GAPU71B 9 Tot alleli 117

33 Struttura del database molecolare con i dati standardizzati (esempio) Loci SSR Autore collezione Posizione varietà sinonimie DCA3 DCA3 DCA 8 DCA8 Sarri et al., 2006 Baldoni al., 2009 Koehmstedt et al., 2011 et Beghe' et al., 2011 Bandelj al., 2002 et WOGB Arbequina nessuna WOGB Arbequina NCGR,Davis Dole 39 Arbequina CRA-OLI Slovenia Arbequina Arbequina Doveri2008 WOGB Arbequina nessuna nessuna nessuna nessuna nessuna Zelasco et al.,2013 NCGR Dole 39 Arbequina nessuna

34 Individuazione e selezione di materiale genetico interessante breeding Selezione materiale genetico per la tolleranza al freddo Culitvar Radicazione % Istituzione Provenienza a supporto del Degli 23.8 UNI-PR 5 campi collezione Emilia Romagna Montericco 26.3 UNI-PR Montelocco 33 UNI-PR 5 campi collezione Emilia Romagna 5 campi collezione Emilia Romagna Orbetana 24.1 Privato Campo sperimentale Aviano (PN) Leccino clone 18 Bartolini 57.5 UNI-PR 5 campi collezione Emilia Romagna Leccio del Corno nessuna CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Frantoio? ecotipo Privato Campo sperimentale Aviano (PN) Frantoio? ecotipo 2 37 Privato Campo sperimentale Aviano (PN) genotipo non noto 19.3 Privato Campo sperimentale Aviano (PN) Dolce Agogia (Par.Incr) 15 CNR-IGV-PG CNR-IGV-PG Ascolana tenera 11.5 CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Bianchera 11.8 CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Nostrana di brisighella 43.3 CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Nostrale di Rigali 6.8 CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Carolea CRA-OLI Campo Collezione Rende (CS) Coratina CRA-OLI Campo Collezione Rende (CS) Ghiacciolo CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Ortice 1.9 CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS)

35 Saggi di radicazione e valutazione di potenziali portinnesti nanizzanti Testate per la radicazione 49 varietà e 3 ecotipi spontanei Variazione nella % di radicazione Trattate con miscela di Ormoni Radicazione da 0 a 78% Non trattate da 0 a 60% Varietà /ecotipi potenzialmente interessanti Capena: 78 % trattata; 60% non trattata Ecotipo 110: 65% trattata 36 % non trattata Capena Presunto Oleastro

36 Valutazione del germoplasma di Populus nigra e ricerca di determinanti di resistenza all afide lanigero (Phloeomyzus passerinii). Unità di ricerca per le produzioni legnose fuori foresta (CRA-PLF). Carletti Giorgia, Carra Andrea, Gianni Allegro, Vietto Lorenzo, Calligari Paolo, Rossino Renzo, Nervo Giuseppe

37 Afide lanigero: Phloeomyzus passerinii Secrezione bianca dovuta alla presenza di colonie di afide lanigero del pioppo Piante di pioppo con evidente infestazione di afide lanigero 39

38 Obiettivi previsti dalla scheda di ricerca Identificazione e localizzazione del/dei Quantitative Trait Loci (QTL) associati alla resistenza all afide lanigero attuabile attraverso: Fenotipizzazione della progenie F1 derivante da incrocio interspecifico tra un parentale femminile di P. deltoides (resistente) ed un parentale maschile di P. nigra (suscettibile) ed analisi di segregazione per la resistenza all afide lanigero (Phloeomyzus passerinii). Sviluppo di una mappa genetica in pioppo utilizzando marcatori SSR (individuati tramite ricerca bioinformatica) e marcatori SNP (ottenuti attraverso tecniche NGS high-throughput)

39 N. Individui Risultati raggiunti (1/3) Valutazioni fenotipiche per la resistenza all afide lanigero in un vivaio di due anni = suscettibile 5 = resistente Classi Fenotipiche

40 Risultati raggiunti (2/3) Validazione di marcatori SSRs e sviluppo di una mappa preliminare partendo da 113 microsatelliti polimorfici e segreganti. P. nigra P. deltoides Pochissimi marcatori sono stati ancorati, sono quindi necessarie tecniche high-throughput per poter sviluppare una mappa di linkage in pioppo

41 Risultati raggiunti (3/3) Sono in corso le analisi genetiche di 8653 marcatori SNP polimorfici e segreganti nella popolazione ottenuti attraverso la tecnica RAPiD-Seq, basata su piattaforma Illumina, Genotyping by Sequencing (GBS). Da una prima analisi genetica i marcatori hanno una segregazione 3:1, 1:2:1, 1:1, come atteso. Prospettive A breve una mappa genetica di Populus nigra e Populus deltoides sarà disponibile. Correlando i dati di mappa e i rilievi fenotipici sarà possibile identificare i/il QTL responsabili/e della resistenza genetica all afide lanigero

42 Impatto dell attività di ricerca Considerando l importanza economica del genere Populus e gli ingenti danni colturali che l afide lanigero può provocare, lo sviluppo di una mappa genetica e la localizzazione dei QTL legati alla resistenza a tale patogeno risultano strategici per un efficiente conduzione dei programmi di breeding per il pioppo. Fino ad ora nessuna regione cromosomica portante la resistenza all afide lanigero è stata identificata ed è per questo che la ricerca svolta dal CRA-PLF è di notevole interesse scientifico ed economico

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi

NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi NEBBIOLO GENOMICS: genomica strutturale-funzionale su aspetti patologici e qualitativi Il gruppo di ricerca è costituto da 2 enti pubblici ed un partner operativo: Istituto di Virologia Vegetale del Consiglio

Dettagli

BIODIVERSITA VEGETALE PER CARATTERI UTILI. La biodiversità: una risorsa essenziale della natura Bari, 18 febbraio 2011

BIODIVERSITA VEGETALE PER CARATTERI UTILI. La biodiversità: una risorsa essenziale della natura Bari, 18 febbraio 2011 La biodiversità: una risorsa essenziale della natura Bari, 18 febbraio 2011 BIODIVERSITA VEGETALE PER CARATTERI UTILI A. Blanco Dipartimento di Biologia e chimica agro-forestale Università di Bari Biodiversità

Dettagli

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta

I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali. Dott.ssa Chiara Targhetta I marcatori genetici e loro applicazioni nelle produzioni animali Dott.ssa Chiara Targhetta LOCUS localizzazione genomica unica all interno di un cromosoma; permette di definire la posizione di un gene

Dettagli

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari

Coordinatore Scientifico: Prof. VITO N. SAVINO Dip. Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro Istituto di Virologia Vegetale del CNR, Bari e Dipartimento Biologia e Chimica Agroforestale ed Ambientale Università di Bari Rete regionale di laboratori per

Dettagli

Il microbiota della vite: un assicurazione sulla salute della pianta

Il microbiota della vite: un assicurazione sulla salute della pianta Il microbiota della vite: un assicurazione sulla salute della pianta 26 marzo 2015 Costigliole d Asti Museo del Vino Barolo Paola Bonfante Dibios paola.bonfante@unito.it Il microbiota dell intestino umano

Dettagli

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario Indice dell'opera Prefazione Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Capitolo 2 DNA: il materiale genetico La ricerca del materiale genetico La composizione

Dettagli

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali

Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Dal seme alla farina: metodi tradizionali e innovativi per la tracciabilità genetica dei cereali Chiara Delogu Lorella Andreani SCS- Centro per la sperimentazione e certificazione delle sementi SEME Materiale

Dettagli

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo

SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo C.R.A. Consiglio per la Ricerca in Agricoltura Centro di ricerca per la genomica Fiorenzuola d Arda (Piacenza) SELEZIONE ASSISTITA PER LA RESISTENZA patogeni in orzo Tutor: Dott. Gianni TACCONI Studente:

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA MOLECOLARE DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI

EPIDEMIOLOGIA MOLECOLARE DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI MANI PULITE E QUALITÀ NELL ASSISTENZA SANITARIA Governare il rischio infettivo. 2 a parte Pescara 28 marzo 2008 EPIDEMIOLOGIA MOLECOLARE DELLE INFEZIONI NOSOCOMIALI PRINCIPI ED APPLICAZIONI A SUPPORTO

Dettagli

GREEN HIGH TECH: la Scienza nell'arte di nutrire il mondo? Non si sequenzia solo il genoma umano: ecco perché usando l'esempio del pesco

GREEN HIGH TECH: la Scienza nell'arte di nutrire il mondo? Non si sequenzia solo il genoma umano: ecco perché usando l'esempio del pesco GREEN HIGH TECH: la Scienza nell'arte di nutrire il mondo? Non si sequenzia solo il genoma umano: ecco perché usando l'esempio del pesco Luca Dondini - Dipartimento di Scienze Agrarie (Università di Bologna)

Dettagli

L innovazione tecnologica contro le malattie del campo

L innovazione tecnologica contro le malattie del campo Milano, 16 ottobre 2014 L innovazione tecnologica contro le malattie del campo Camilo GIANINAZZI, IpadLab, PTP L impatto delle fitopatie sulla sostenibilità economica Le fitopatie causano ingenti perdite

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UNIONE EUROPEA Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Fondo Sociale Europeo MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA REGIONE PUGLIA Angelantonio Minafra e Stefania Pollastro

Dettagli

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo

A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo 2 Convegno Nazionale Sindrome di Rubinstein Taybi Lodi, 17 19 maggio 2013 A cosa serve al clinico e alla famiglia conoscere il difetto di base? Correlazione genotipo fenotipo Donatella Milani Cristina

Dettagli

Analisi della Malattia Minima Residua

Analisi della Malattia Minima Residua XIX CORSO NAZIONALE PER TECNICI DI LABORATORIO BIOMEDICO Riccione, 22-25 Maggio 2012 Analisi della Malattia Minima Residua Dr.ssa Anna Gazzola Laboratorio di Patologia Molecolare, Sezione di Emolinfopatologia,

Dettagli

GENETICA E GENOMICA. La Missione. BIOTEC GEN

GENETICA E GENOMICA. La Missione. BIOTEC GEN GENETICA E GENOMICA La Missione. Ricerca e sviluppo a livello pilota e/o prototipale di processi/prodotti a base biologica, a forte contenuto innovativo e suscettibili di interesse per imprese industriali

Dettagli

Bioinformatica. Marin Vargas, Sergio Paul

Bioinformatica. Marin Vargas, Sergio Paul Bioinformatica Marin Vargas, Sergio Paul 2013 Wikipedia: La bioinformatica è una disciplina scientifica dedicata alla risoluzione di problemi biologici a livello molecolare con metodi informatici. La bioinformatica

Dettagli

Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed. Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Realizzazione dell Unità di Bioinformatica dell IRCCS Neuromed Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema La Fondazione Neuromed è un organizzazione relativamente giovane, nata nel

Dettagli

Quotidiano. www.ecostampa.it

Quotidiano. www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Quotidiano 097156 www.ecostampa.it Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013 Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 1 Lettori: 2.835.000 Diffusione: 431.913 12-NOV-2013

Dettagli

PROGETTO FINALIZZATO: "Prodotti e tecnologie innovative su piante ornamentali con paticolare riguardo alle aree del meridione"

PROGETTO FINALIZZATO: Prodotti e tecnologie innovative su piante ornamentali con paticolare riguardo alle aree del meridione PROGETTO FINALIZZATO: "Prodotti e tecnologie innovative su piante ornamentali con paticolare riguardo alle aree del meridione" SOTTOPROGETTO: "Germoplasma" TITOLO DELLA RICERCA: "Miglioramento genetico

Dettagli

Scheda di presentazione del progetto. Carafierizzazione varietale e diversità genetica in O/ea europaea mediante l'impiego di marcatori molecolari'

Scheda di presentazione del progetto. Carafierizzazione varietale e diversità genetica in O/ea europaea mediante l'impiego di marcatori molecolari' Carafierizzazione varietale e diversità genetica in O/ea europaea mediante l'impiego di marcatori molecolari' L'olivo (Olea europaea L.) è una delle piu antich e importanti piante coltivate nell'areale

Dettagli

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene I marcatori molecolari Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene Marcatori molecolari del DNA I marcatori molecolari sono sequenze di DNA

Dettagli

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner

Dott. M. Stella Grando, Christian Cainelli, Claudia Bisognin Redazione Dott. Wolfgang Jarausch Dott. Claudio Ioriatti. Foto: Mauro Varner S MAP Notizie Scopazzi del melo - Apple proliferation Anno 2 Numero 1 Gennaio 2007 Sommario Istituto Agrario di San Michele Centro Sperimentale Via E. Mach 1 38010 San Michele all Adige (TN) Applicazioni

Dettagli

La futura vita della vite - Tornata ampezzana Accademia Vite Vino. Domenica 14/7/2013. Il genoma della vite come base della tipicità

La futura vita della vite - Tornata ampezzana Accademia Vite Vino. Domenica 14/7/2013. Il genoma della vite come base della tipicità VIT CENTRO DI RICERCA PER LA VITICOLTURA di Conegliano La futura vita della vite - Tornata ampezzana Accademia Vite Vino Domenica 14/7/2013 Il genoma della vite come base della tipicità Meneghetti S.,

Dettagli

Profilo aziendale. Prodotti e servizi per il mercato italiano

Profilo aziendale. Prodotti e servizi per il mercato italiano Profilo aziendale La ATLAS Biolabs GmbH è fornitore leader di servizi di genomica su microarray, quali espressione genica sull intero genoma e analisi degli SNP, analisi CGH e servizi diagnostici per dottori

Dettagli

Linkage. Lezione 4 (riprendere il testo di Genetica ) By NA

Linkage. Lezione 4 (riprendere il testo di Genetica ) By NA Linkage Lezione (riprendere il testo di Genetica ) Tipi di mappe: mappe genetiche Mappe genetiche : si basano sulla frequenza di ricombinazione fra locus identificati attraverso marcatori di varia natura:

Dettagli

Qualità del frutto: strategie molecolari per il monitoraggio dei geni coinvolti. Gaetano Perrotta

Qualità del frutto: strategie molecolari per il monitoraggio dei geni coinvolti. Gaetano Perrotta Qualità del frutto: strategie molecolari per il monitoraggio dei geni coinvolti Gaetano Perrotta Principali Caratteristiche del Frutto Elevata variabilità Forma Pigmentazione Consistenza Sapore/Aroma Elementi

Dettagli

MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO OFFERTA

MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO OFFERTA FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO OFFERTA 2014/2015 FORMATIVA ANNO ACCADEMICO EROGAZIONE 2014/2015 CORSO DI LAUREA (o LAUREA MAGISTRALE) Medicina e Chirurgia Canale Chirone- Sede Formativa Palermo

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Protocollo diagnostico per il viroide Potato spindle tuber viroid (PSTVd) agente dell'affusolamento del tubero di patata Descrizione estesa del risultato Il viroide del tubero

Dettagli

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini

Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini Il progetto AGRO.FREE: la tutela della filiera vivaistica da agrobatterio Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) Progetto di ricerca finanziato dalla Regione Veneto

Dettagli

LA BANCA DEL GERMOPLASMA

LA BANCA DEL GERMOPLASMA LA BANCA DEL GERMOPLASMA DIVAPRA - settore Genetica Agraria - Università degli Studi di Torino Sergio Lanteri Il germoplasma orticolo piemontese: una risorsa per il futuro Carmagnola - venerdì 25 marzo

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL

www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL www.fisiokinesiterapia.biz LE LEGGI DI MENDEL Gregor Johann Mendel (1822-1884) Comprese i principi che regolano la trasmissione dei caratteri ereditari alla progenie senza conoscere - l esistenza dei geni

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE

IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE IL MIGLIORAMENTO GENETICO ANIMALE E LA GENETICA MOLECOLARE Il miglioramento genetico delle produzioni animali, realizzato sino ad ora, è frutto dell elaborazione elaborazione e applicazioni della teoria

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA a.a.2011-2012 11.10.2011 Lezioni N. 7 e 8 Ereditarietà Mendeliana Segregazione alleli, indipendenza geni, associazione, ricombinazione Dott.ssa Elisabetta Trabetti UN GENE =

Dettagli

Studio della variabilità genetica del genere Olea quale strumento di tutela delle risorse genetiche dell olivo in ambito mediterraneo

Studio della variabilità genetica del genere Olea quale strumento di tutela delle risorse genetiche dell olivo in ambito mediterraneo Spett.le Consorzio 21 Edificio 2 - Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula Programma di Tirocinio/Stage Studio della variabilità genetica del genere Olea quale strumento di tutela

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

BIOTECNOLOGIE SOSTENIBILI PER L'AGRICOLTURA ITALIANA

BIOTECNOLOGIE SOSTENIBILI PER L'AGRICOLTURA ITALIANA BIOTECNOLOGIE SOSTENIBILI PER L'AGRICOLTURA ITALIANA Il miglioramento genetico vegetale rappresenta uno dei settori attraverso i quali è possibile aumentare competitività e sostenibilità del sistema agricolo

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

VIT. Considerazioni sulla variabilità del genoma della vite. Le potenzialità genetiche della Vitis vinifera

VIT. Considerazioni sulla variabilità del genoma della vite. Le potenzialità genetiche della Vitis vinifera VIT CENTRO DI RICERCA PER LA VITICOLTURA di Conegliano Le potenzialità genetiche della Vitis vinifera Considerazioni sulla variabilità del genoma della vite S. Meneghetti, A. Costacurta, A. Calò Premessa

Dettagli

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010

Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Associazione Un Vero Sorriso Onlus via Morghen, 5 10143 Torino Torino, 01/10/2010 Oggetto: presentazione progetto di ricerca anno 2010 Titolo: Nuovi approcci per l identificazione di mutazioni rare in

Dettagli

Prima Legge di Mendel LEGGE DELLA SEGREGAZIONE IN PROPORZIONI UGUALI:

Prima Legge di Mendel LEGGE DELLA SEGREGAZIONE IN PROPORZIONI UGUALI: Prima Legge di Mendel LEGGE DELLA SEGREGAZIONE IN PROPORZIONI UGUALI: Durante la meiosi, i membri di una coppia allelica si separano in modo simmetrico nelle uova e negli spermatozoi. Questa separazione

Dettagli

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it

Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica. Corrado Romano cromano@oasi.en.it Il Ruolo della Genetica Clinica in Genomica e Sanità Pubblica Corrado Romano cromano@oasi.en.it Genetica Clinica secondo Wikipedia La genetica clinica o medica si occupa dello studio e della diagnosi delle

Dettagli

Progetto sulle esostosi multiple

Progetto sulle esostosi multiple Progetto sulle esostosi multiple PROGETTO SULLE ESOSTOSI MULTIPLE EREDITARIE Dott. Leonardo D Agruma Servizio di Genetica Medica - Dipartimento dell Età Evolutiva IRCCS Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza

Dettagli

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail:

PRODUZIONI FORAGGERE. Coordinatore del progetto Gian Attilio Sacchi Via Celaria, 2, 20133 Milano (Italia) Tel.: 00000 E-mail: PRODUZIONI FORAGGERE Titolo del progetto Piattaforma di biotecnologie verdi e di tecniche gestionali per un sistema agricolo ad elevata sostenibilità ambientale - BIOGESTECA Coordinatore del progetto Gian

Dettagli

Sommario. Diversità genetica a livello di sequenza Trovare gli SNP Genotipizzare gli SNP Principali applicazioni

Sommario. Diversità genetica a livello di sequenza Trovare gli SNP Genotipizzare gli SNP Principali applicazioni Sommario Diversità genetica a livello di sequenza Trovare gli SNP Genotipizzare gli SNP Principali applicazioni SNP: definizioni Polimorfismo al singolo nucleotide, in genere si intende la sostituzione

Dettagli

Mappatura genetica. alberi genealogici (pedigree) stima del rischio genetico (counseling) analisi di linkage (lod score) Paolo Edomi - Genetica

Mappatura genetica. alberi genealogici (pedigree) stima del rischio genetico (counseling) analisi di linkage (lod score) Paolo Edomi - Genetica Mappatura genetica alberi genealogici (pedigree) stima del rischio genetico (counseling) analisi di linkage (lod score) Alberi genealogici Simbologia negli alberi genealogici Eredità autosomica recessiva

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma LE BIOBANCHE IN MEDICINA VETERINARIA

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

Dissezione del fenotipo

Dissezione del fenotipo Clinica molecolare (molecular medicine):come utilizzare le informazioni del genoma per studiare le patologie genetiche Clinica molecolare Nuova branca della medicina che nasce 2.400 anni fa con Democrito

Dettagli

Le innovazioni di ESPLORA nel settore orto-floricolo

Le innovazioni di ESPLORA nel settore orto-floricolo Le innovazioni di ESPLORA nel settore orto-floricolo Giuseppe L. Rotino (CRA-ORL, Montanaso L.) giuseppeleonardo.rotino@entecra.it specie studiate Anemone Pisello da industria Fagiolo Pomodoro Melanzana

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

PROGRAMMA CRA 2015: MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO. al PROGRAMMA COMUNITARIO FRUTTA NELLE SCUOLE A.S.2014-2015 (MA-FNS-CRA)

PROGRAMMA CRA 2015: MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO. al PROGRAMMA COMUNITARIO FRUTTA NELLE SCUOLE A.S.2014-2015 (MA-FNS-CRA) 1 PROGRAMMA CRA 2015: MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO al PROGRAMMA COMUNITARIO FRUTTA NELLE SCUOLE A.S.2014-2015 () Mipaaf D.M. 286 del 29 gennaio 2015 2 CONTESTO DI RIFERIMENTO Programma Comunitario FRUTTA

Dettagli

Viaggio al centro della Biodiversità

Viaggio al centro della Biodiversità Liceo G.M. Colombini - Piacenza - indirizzo scientifico-tecnologico Biodiversità all interno di ogni specie e varietà dovute all azione dell uomo in ambito genetico Viaggio al centro della Biodiversità

Dettagli

Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA

Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA Legge di stabilità: 21 milioni di finanziamento al CREA A CURA DELL UFFICIO STAMPA 1 MIPAAF: 21 milioni di euro per le biotecnologie sostenibili Si tratta di un piano articolato su tre anni gestito dal

Dettagli

Array-CGH(Comparative Genomic Hybridisation) e diagnosi prenatale. Dalla citogenetica convenzionale alla citogenetica molecolare!

Array-CGH(Comparative Genomic Hybridisation) e diagnosi prenatale. Dalla citogenetica convenzionale alla citogenetica molecolare! Array-CGH(Comparative Genomic Hybridisation) e diagnosi prenatale Dalla citogenetica convenzionale alla citogenetica molecolare! CARIOTIPO STANDARD Identifica anomalie strutturali bilanciate e sbilanciate

Dettagli

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it

Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015. Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Introduzione al corso di bioinformatica e analisi dei genomi AA 2014-2015 Docente: Silvia Fuselli fss@unife.it Fonti e testi di riferimento Dan Graur: http://nsmn1.uh.edu/dgraur/ >courses > bioinformatics

Dettagli

INTRODUZIONE OBIETTIVI DEL PROGETTO. i) controllare la diffusione del virus nelle coltivazioni piemontesi

INTRODUZIONE OBIETTIVI DEL PROGETTO. i) controllare la diffusione del virus nelle coltivazioni piemontesi Prosecuzione ed ampliamento studio epidemiologico per la caratterizzazione dello stato sanitario delle colture di Mirtillo del Piemonte, con particolare attenzione alla presenza del Carlavirus Blueberry

Dettagli

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA I.P.S.I.A. Bettino Padovano Senigallia INDIRIZZO CHIMICO BIOLOGICO 2009/10 ALUNNO:MATTEO BARBARINI CLASSE: 5 TECNICO CHIMICO-BIOLOGICO DOCENTE:PROF.SSA

Dettagli

Sistemi di tracciabilità per un attestato di identità molecolare. FEM 2 - Ambiente S.r.l. Spin-off dell Università degli Studi di Milano-Bicocca

Sistemi di tracciabilità per un attestato di identità molecolare. FEM 2 - Ambiente S.r.l. Spin-off dell Università degli Studi di Milano-Bicocca Sistemi di tracciabilità per un attestato di identità molecolare FEM 2 - Ambiente S.r.l. Spin-off dell Università degli Studi di Milano-Bicocca PROBLEMA L identificazione e il controllo della filiera delle

Dettagli

Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M.

Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M. Campagna 2014: Problematiche fitosanitarie del pomodoro Marina Barba Centro di ricerca per la Patologia Vegetale - Roma F. Campanile, B. Giuliano, F. Miracolo, A. Pentangelo, M. Tridentino Il 2014 è stato

Dettagli

UTILIZZO OTTIMALE DEI TEST DI II LIVELLO PER TALASSEMIA

UTILIZZO OTTIMALE DEI TEST DI II LIVELLO PER TALASSEMIA UTILIZZO OTTIMALE DEI TEST DI II LIVELLO PER TALASSEMIA Dr.ssa Anna Ravani Laboratorio di Genetica Molecolare Servizio di Genetica Medica Azienda Ospedaliera-Universitaria S.Anna FERRARA EMOGLOBINOPATIE:

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

A che servono le piante transgeniche?

A che servono le piante transgeniche? A che servono le piante transgeniche? Ricerca di base Applicazioni Ricerca di base Favorire la comprensione e lo studio del ruolo fisiologico di molti geni Effetti correlati alla sovraespressione o alla

Dettagli

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GENETICA DELLA RAZZA AVICOLA VALDARNESE BIANCA. Recupero e valorizzazione della razza Gallina Nera Atriana

CARATTERIZZAZIONE GENETICA DELLA RAZZA AVICOLA VALDARNESE BIANCA. Recupero e valorizzazione della razza Gallina Nera Atriana CARATTERIZZAZIONE GENETICA DELLA RAZZA AVICOLA VALDARNESE BIANCA RAZZA VALDARNESE BIANCA Razza utilizzata prevalentamente per la produzione di carne Non trascurabile la sua attitudine alla deposizione

Dettagli

Biotecnologie vegetali e ricerca spaziale

Biotecnologie vegetali e ricerca spaziale Biotecnologie vegetali e ricerca spaziale Giorgio Morelli Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione MOF-Fondi 21 maggio 2004 Alcune piante per il sostentamento della vita nello spazio

Dettagli

"Sotto l'azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va, nè sosta mai perchè tutte le immagini portano scritto più in là".

Sotto l'azzurro fitto del cielo qualche uccello di mare se ne va, nè sosta mai perchè tutte le immagini portano scritto più in là. Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce. Muore

Dettagli

METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI

METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI METODI GENETICI NELLA IDENTIFICAZIONE DI CIANOBATTERI Susanna Vichi, Simonetta Gemma, Emanuela Testai Dip. Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità, Roma Convegno Cianobatteri

Dettagli

Qualità della mela nell era della post-genomica, dalla creazione di nuovi genotipi alla post-raccolta: nutrizione e salute

Qualità della mela nell era della post-genomica, dalla creazione di nuovi genotipi alla post-raccolta: nutrizione e salute Qualità della mela nell era della post-genomica, dalla creazione di nuovi genotipi alla post-raccolta: nutrizione e salute Ente capofila: Partners: Fondazione E. Mach San Michele all Adige Università di

Dettagli

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE A. ATTIVITA REALIZZATE RELAZIONE FINALE 1. Incontro informativo - LAVORO SICURO IN AGRICOLTURA: UN OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO - La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza e gli aspetti autorizzativi

Dettagli

Biobanche e Centri di Risorse Biologiche per la Salute umana e degli animali

Biobanche e Centri di Risorse Biologiche per la Salute umana e degli animali Associazione Giuseppe Dossetti Biobanche e Centri di Risorse Biologiche per la Salute umana e degli animali Roma, 21 Marzo 2013 Leonardo Santi Presidente Comitato Scientifico CNRB Presidente Onorario Comitato

Dettagli

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884)

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884) La trasmissione dei caratteri ereditari Le leggi di Mendel (1882-1884) Le leggi di Mendel studiano la trasmissione di caratteri qualitativi prodotti da un singolo gene Procedimento sperimentale di Mendel

Dettagli

SETTIMANA 05 24-03-2014 25-03-2014 26-03-2014 27-03-2014 28-03-2014 LUN MAR MER GIO VEN

SETTIMANA 05 24-03-2014 25-03-2014 26-03-2014 27-03-2014 28-03-2014 LUN MAR MER GIO VEN SETTIMANA 01 24-02-2014 25-02-2014 26-02-2014 27-02-2014 28-02-2014 05-S:Introduzione al seq. Solanacee 18-S:Introduzione al seq. Drupacee 10-11 INTRODUZIONE GIORNATEGENOMICHE 06-S: Sequenziamento Solanacee

Dettagli

Le tecniche molecolari nell epidemiologia infettiva e nella sorveglianza delle Hospital Acquired Infections (HAI)

Le tecniche molecolari nell epidemiologia infettiva e nella sorveglianza delle Hospital Acquired Infections (HAI) Le tecniche molecolari nell epidemiologia infettiva e nella sorveglianza delle Hospital Acquired Infections (HAI) Dott.ssa G. Scalet Sezione Microbiologia-Dipartimento Di Patologia e Diagnostica Università

Dettagli

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali

Lo sviluppo del cancro è un processo complesso che coinvolge parecchi cambiamenti nella stessa cellula staminale. Poiché tutte le cellule staminali Tumore Cos è il tumore? Il tumore o neoplasia (dal greco neo,, nuovo, e plasìa,, formazione), o cancro se è maligno, è una classe di malattie caratterizzate da una incontrollata riproduzione di alcune

Dettagli

"Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple VIII Incontro-Convegno A.C.A.R 2006-2016: DIECI ANNI DI A.C.A.R. Montecatini Terme (PT), 16 Aprile 2016 A.C.A.R "Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Asparago - Costituzione e diffusione dell ibrido maschile Italo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Italo è il primo ibrido interamente maschile (le piante maschili sono notoriamente

Dettagli

Ruolo della biologia molecolare nel carcinoma ovarico

Ruolo della biologia molecolare nel carcinoma ovarico Carcinoma ovarico avanzato: quali novità per il 2015? Ruolo della biologia molecolare nel carcinoma ovarico Anna Pesci Ospedale SC Don Calabria, Negrar anna.pesci@sacrocuore.it TIPO I TIPO II Basso stadio

Dettagli

Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3)

Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3) Progetto 2: Risorse biologiche e tecnologie innovative per lo sviluppo sostenibile del sistema agroalimentare (2008-2012) Utilizzo di piante non-food per la produzione di biocombustibile (WP3) Sergio Mapelli

Dettagli

R.J.Brooker, Principi di genetica Copyright 2010 The McGraw-Hill Companies S.r.l., Publishing Group Italia

R.J.Brooker, Principi di genetica Copyright 2010 The McGraw-Hill Companies S.r.l., Publishing Group Italia Capitolo 6 Trasferimento genetico e mappatura genetica nei batteri e nei batteriofagi 6.1 Circa 10 8 cellule di Escherichia coli appartenenti a un ceppo mutante vengono inoculate su un terreno colturale

Dettagli

Descrizione morfologica

Descrizione morfologica Descrizione morfologica CARATTERISTICHE AGRONOMICHE: Produttività Rizogenesi Entrata in produzione Epoca fioritura Compatibilità Epoca Maturazione Caratteristiche olio ELEVATA ELEVATA 3 ANNI FINE MAGGIO

Dettagli

Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione. Studio dell interazione kiwi-psa

Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione. Studio dell interazione kiwi-psa Cosa manca alla pianta per essere resistente: analisi dei geni espressi durante l infezione Studio dell interazione kiwi-psa Dr Gianni Tacconi (CRA-GPG) Centro di Ricerche per la Genomica e la Postgenomica

Dettagli

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI

CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI CAPITOLO III CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI 3.1 CONFRONTI TRA DISTRIBUZIONI OSSERVATE E DISTRIBUZIONI TEORICHE OD ATTESE. Nella teoria statistica e nella pratica sperimentale, è frequente la necessità di

Dettagli

Dal grano Creso alle scienze omiche, nuove applicazioni e strategie future

Dal grano Creso alle scienze omiche, nuove applicazioni e strategie future Dal grano Creso alle scienze omiche, nuove applicazioni e strategie future..non c'è futuro senza passato Patrizia Galeffi, PhD - ENEA Dalla ricerca nucleare alla produzione agro-alimentare: il caso del

Dettagli

Creare e selezionare le nuove varietà con strumen2 di gene2ca avanzata. Luca Gianfranceschi

Creare e selezionare le nuove varietà con strumen2 di gene2ca avanzata. Luca Gianfranceschi Creare e selezionare le nuove varietà con strumen2 di gene2ca avanzata Luca Gianfranceschi Come selezionare le nuove varietà? Iden2ficando: i geni responsabili del cara;ere U2lizzando: Marcatori molecolari

Dettagli

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV

VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013. HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV VEQ in Biologia Molecolare ciclo 2013 HBV DNA HIV RNA HCV RNA Genotipo HCV Firenze 21 ottobre 2014 Maria Grazia Colao VEQ 2013 2 7 54 4 1 1 2 17 5 3 2 4 1 2 4 3 112 partecipanti Metodi utilizzati Gruppi

Dettagli

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Dr.ssa Paola Modesto Dr.ssa Serena Meistro Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Prodotti

Dettagli

Ereditarietà biologica: le leggi di Mendel, e le eccezioni alla ereditarietà mendeliana.

Ereditarietà biologica: le leggi di Mendel, e le eccezioni alla ereditarietà mendeliana. Ereditarietà biologica: le leggi di Mendel, e le eccezioni alla ereditarietà mendeliana. la scienza dell ereditarietà Le radici storiche della genetica, la scienza dell ereditarietà, risalgono agli antichi

Dettagli

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111B Informazione e diffusione della conoscenza GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici Piero Attilio Bianco DI.S.A.A - C.I.R.I.V.E. CENTRO INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

WP2-Efficienza d uso dei nutrienti minerali (e riduzione degli apporti di fertilizzanti al suolo)

WP2-Efficienza d uso dei nutrienti minerali (e riduzione degli apporti di fertilizzanti al suolo) WP2-Efficienza d uso dei nutrienti minerali (e riduzione degli apporti di fertilizzanti al suolo) Fabio Francesco Nocito, DiProVe - UNIMI Lodi, 8 giugno 2011 Elementi essenziali per le piante Macronutrienti:

Dettagli

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993

Docente Prof. Agata Gadaleta email: agata.gadaleta@uniba.it - Tel. 080 544 2993 Corso di Laurea: Scienze e tecnologie alimentari Corso Integrato: Biotecnologie per la qualità degli alimenti Modulo: Metodologie geneticomolecolari (6 CFU) (4 CFU Lezioni + 2 CFU Esercitazioni) Docente

Dettagli

Raccolta e analisi di letteratura scientifica su studi genomici di popolazioni umane con riguardo alla condivisione dei dati sperimentali

Raccolta e analisi di letteratura scientifica su studi genomici di popolazioni umane con riguardo alla condivisione dei dati sperimentali DEFINIZIONE DI UNA OPEN ACCESS POLICY PER GLI ISTITUTI SCIENTIFICI Raccolta e analisi di letteratura scientifica su studi genomici di popolazioni umane con riguardo alla condivisione dei dati sperimentali

Dettagli

Sperimenta il BIOLAB

Sperimenta il BIOLAB Sperimenta il BIOLAB I numeri del BIOLAB Il Maserati porta annualmente al CusMiBio circa 200 alunni dalla 2^ alla 5^ Liceo Scientifico tecnologico per fare 2-3 laboratori di Genetica, Citologia e Biologia

Dettagli

Regione Toscana A.R.S.I.A. Maria Grazia Mammuccini

Regione Toscana A.R.S.I.A. Maria Grazia Mammuccini Regione Toscana A.R.S.I.A. Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione nel Settore Agricolo e Forestale Maria Grazia Mammuccini Razze e varietà locali: esperienze dalla Toscana per considerare i

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 20

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 20 SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 20 Domande concettuali C1. Si potrebbe concludere che la donna porta una delezione nel gene che è riconosciuto dalla sonda. Per clonare questo gene, potresti iniziare

Dettagli

ANALISI DI LINKAGE (CONCATENAZIONE)

ANALISI DI LINKAGE (CONCATENAZIONE) ANALISI DI LINKAGE (CONCATENAZIONE) L analisi di linkage permette di determinare la posizione cromosomica di un locus responsabile di una determinata malattia/carattere genetico rispetto a marcatori polimorfici

Dettagli

Piante certificate: necessità e vantaggi

Piante certificate: necessità e vantaggi Département fédéral de l'économie DFE Station de recherche Agroscope Changins-Wädenswil ACW Piante certificate: necessità e vantaggi 30 novembre 2012 Certificazione Basi legali 1. Ordinanza federale (RS

Dettagli

GENETICA... lessico. Genetica: studio dei geni e dell'ereditarietà

GENETICA... lessico. Genetica: studio dei geni e dell'ereditarietà GENETICA... lessico Genetica: studio dei geni e dell'ereditarietà Geni: porzioni di DNA contenenti un'informazione che permette di decodificare una certa proteina. Es: gene che determina il colore dei

Dettagli

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1

Polimorfismi LEZIONE 6. By NA 1 Polimorfismi LEZIONE 6 By NA 1 * Polimorfismo Variazione presente nella popolazione con una frequenza superiore a 1% Variazioni nell aspetto By NA 2 Polimorfismo proteico Variazione presente nella popolazione

Dettagli

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI Carmine Correale CHE COS E La Selezione Assistita dei Marcatori (MAS Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la

Dettagli