Progetto ESPLORA. Le innovazioni di ESPLORA nel settore frutticolo ed arboricolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto ESPLORA. Le innovazioni di ESPLORA nel settore frutticolo ed arboricolo"

Transcript

1 Progetto ESPLORA Le innovazioni di ESPLORA nel settore frutticolo ed arboricolo Ignazio Verde Centro di Ricerca per la Frutticoltura Roma 6 Novembre

2 Peculiarità specie arboree: Ciclo lungo Grandi dimensioni Strumenti disponibili: Genoma di riferimento (Tutte, tranne olivo) Tools genetici (microarray, chip SNP) Approcci utilizzati: Popolazioni biparentali Geni candidati Mappatura per associazione 05/12/2013 2

3 Attività svolta dall'u.o. Centro di Ricerca per la Viticoltura di Conegliano (CRA-VIT) 3 Ricerca di marcatori funzionali in vite per i caratteri apirenia e tolleranza a giallumi da fitoplasmi. Responsabile: Dr.ssa Manna Crespan 05/12/2013

4 4 Vite colpita da giallumi 05/12/2013

5 5 Allevamento ed infezione degli insetti vettori 05/12/2013

6 Strategia applicata 6 per l apirenia ricerca di SNP putativamente associati al carattere apirenia sequenziamento di 8 geni candidati MADS-box coinvolti nello sviluppo del gametofito femminile, dell'endosperma e dell'embrione e putativamente associati a QTL minori per l apirenia per la flavescenza dorata (FD) ricerca di geni candidati per la resistenza/tolleranza a FD analisi di Next Generation Sequencing (RNA-Seq) di varietà di vite sensibili (Chardonnay) vs tolleranti (Tocai friulano) in esperimenti di infezione controllata in laboratorio 05/12/2013

7 Risultati ottenuti 7 Per l apirenia Marcatori associati a uno dei geni MADS-box (VvAGL11) sono utili ma non sufficienti alla MAS. Altri MADS-box sequenziati in 48 vitigni e 48 individui di una popolazione da incrocio (varietà con semi x varietà apirena - F1_RVexSU); analisi dei dati in corso. Produzione dati SSR e SNP per costruire una mappa di associazione della F1_RVexSU in corso. Completata la fenotipizzazione della F1_RVexSU. 05/12/2013

8 8 Risultati ottenuti Per la resistenza/tolleranza ai giallumi Il complesso esperimento di inoculo del patogeno tramite vettore infetto in ambiente controllato è riuscito (12 tesi x 3 repliche biologiche). Le prime analisi dei dati di RNA-Seq mostrano una sovraespressione di geni legati ai meccanismi di difesa nella varietà tollerante. Prodotte 3 popolazioni da incrocio (varietà sensibile x tollerante a GY) per studiare le basi genetiche del carattere. L unione dei dati derivanti dai due approcci dovrebbe fornire indicazioni sui geni candidati e marcatori associati. 05/12/2013

9 Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale (CRA-PAV) Unità Operativa: Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale CRA-PAV Roma Responsabile scientifico: Graziella PASQUINI Sintomi di Legno Nero sulla varietà Chardonnay Titolo della Ricerca: Sviluppo di sistemi molecolari per la caratterizzazione genomica del fitoplasma Stolbur

10 10 OBIETTIVO: sviluppo di tools genetici per l individuazione di marcatori molecolari nel genoma di Stolbur Strategia 1: MLST (Multilocus Sequence Typing) (genoma patogeno) Strategia 2: Studio della interazione vite/stolbur (genoma pianta ospite) Prodotto atteso: markers molecolari

11 Strategia 1: MLST 203 campioni da diversi areali 2 genotipi tuf: tuf a tuf b RISULTATI: I geni più interessanti per la caratterizzazione del fitoplasma: tuf, secy e stamp Definizione di una precisa distribuzione geografica dei genotipi Sicilia: presenta monomorfismo genetico su tutti e tre i geni PRODOTTO: Genotipi definiti = markers genetici per tracciabilità delle infezioni studio evoluzionistico del fitoplasma 11

12 Strategia 2: Studio della interazione vite/stolbur RISULTATI: Individuate vie metaboliche differenzialmente espresse nei vari status infettivi. In particolare sono state evidenziate alterazioni di espressione nelle piante recovered potenzialmente utili nell induzione esterna del fenomeno (considerato un importante metodologia di controllo delle malattie da fitoplasmi) PRODOTTO: Geni di vie metaboliche differenzialmente espressi = markers genetici per diagnosi Studio meccanismi patogenetici Induzione status recovery 12

13 Partecipazioni a convegni e pubblicazioni CONVEGNI: F. Punelli, P. Uva, A. Ferrarini, L. Ferretti, G. Pasquini (2011) Validation of microarray expression profiles with Real Time-PCR and GO classes study in Stolbur-affected grapevine plants. 2 nd IPWG (International Phytoplasmologist Working Group) Meeting settembre 2011, Neustadt an der Wienstraβe, Germania). F. Punelli, P. Uva, A. Ferrarini, L. Ferretti, G. Pasquini (2011) Real Time-PCR validation of microarray expression profiles obtained in comparing healthy, recovered and Stolbur-affected grapevine plants. 2 nd European Bois Noir Workshop. 27 febbraio-1 marzo 2011, Castelbrando (TV). PUBBLICAZIONI: F. Punelli, F. Martinelli, P. Uva, L. Ferretti, G. Pasquini (2013) Elucidating transcriptomic responses to Stolbur phytoplasma in Vitis vinifera in relation to infected and recovered status. Plant Science (submitted). F. Punelli., P. Uva, A. Ferrarini, F. Faggioli, M. Barba, G. Pasquini (2010) Differential Gene Ontology Classes Expression in Grapevine Affected by Stolbur Phytoplasma. V Convegno Nazionale Fitoplasmi settembre 2010, Ancona - Petria 20(3): F. Punelli., F. Faggioli, P. Uva, A. Ferrarini, G. Pasquini (2010). Expression of gene clusters in grapevine cultivars affected by bois noir and several viruses. [extended abstract] 13 th Congress of the Mediterranean Phytopathological Union giugno 2010, CRA-PAV - Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale, Roma, S Petria 20(2):

14 Mappaggio di QTL di interesse agronomico e caratterizzazione del germoplasma di Fragola UO: CRA-FRF, Forlì Responsabile: Dr. Walther Faedi Partecipanti: Dr. Gianluca Baruzzi Dr.ssa Federica Brandi Dr.ssa Maria Luigia Maltoni 105 individui F 1

15 Obiettivi previsti dalla scheda di ricerca Identificazione di associazioni tra marcatori molecolari e loci responsabili di caratteri di interesse agronomico in fragola ottoploide 1) Costruzione di una mappa di linkage su ottoploide 2) Fenotipizzazione per caratteri qualitativamente importanti (dolcezza e colore del frutto) 3) Avvio della genotipizzazione di germoplasma diploide e ottoploide utilizzando i marcatori già sviluppati e ampliamento della collezione di marcatori

16 Risultati raggiunti (1/2) Testati 89 SSR monodose, 58 sono risultati polimorfici e hanno prodotto da 2 a 8 amplificati con 14 configurazioni alleliche In generale F. chiloensis ha un profilo allelico molto più semplice F. chiloensis F. x ananassa Sono state caratterizzate numerose accessioni del germoplasma CRA-FRF Tipo di segregazione Segregazione attesa aaxab 1:1 4 aaxbn 1:1 1 abxaa 1:1 4 abxab 1:2:1 19 abxan 2:1:1 5 abxbn 1:1:2 5 anxab 2:1:1 5 anxbn 1:1:1:1 15 anxnn 1:1 105 bbxab 1:1 2 bnxab 1:1:2 8 bnxan 1:1:2 11 nnxan 1:1 92 anxan 3:1 108 Tot. Alleli 384 N di alleli per tipo di segregazione

17 b* (blu-giallo) Risultati raggiunti (2/2) Distribuzione in classi di residuo secco rifrattometrico Brix <7 Alba 7,4 Brix 7-8 8,1-9 9, , , ,1-13 F. chiloensis 11,1 Brix > F. chiloensis Alba Distribuzione della popolazione per coordinate colorimetriche del colore dei frutti a* (verde-rosso)

18 Impatto dell attività di ricerca Verrà resa disponibile una struttura di mappa ottoploide ottenuta con la popolazione Alba x F. chiloensis (frutto bianco) La disponibilità della mappa di linkage favorirà l individuazione di marcatori molecolari per applicare la MAS per caratteri di grande interesse commerciale come il colore e la dolcezza. Prospettive future E presumibile che la costruzione della mappa di linkage richieda l utilizzo di ulteriori marcatori. A questo scopo sono stati presi contatti per l utilizzo del chip Affymetrix Axiom su questa popolazione Ottenuto lo scheletro di mappa si vorrebbe proseguire con l inclusione dei caratteri semplici a ereditabilità mendeliana e, in seguito, con l analisi di caratteri ad ereditabilità quantitativa (QTL).

19 Centro di Ricerca per la Frutticoltura (CRA-FRU) Analisi della biodiversità in pesco tramite approcci di Association Mapping Ignazio Verde, Valeria Aramini, Sabrina Micali, Elisa Vendramin, Maria Teresa Dettori

20 Obiettivi previsti dalla scheda di ricerca Individuazione di un set di circa 1000 SNP funzionali uniformemente distribuiti nel genoma Validazione di SNP tramite l analisi di un panel di 10 accessioni. Utilizzo degli SNP su un subset della collezione di pesco per l analisi della struttura della popolazione RIMODULAZIONE Utilizzo del chip IPSC 9K SNP array per valutare la struttura della popolazione di un subset di accessioni di pesco (412) appartenenti alla collezione (~1000) mantenuta al CRA-FRU Verde et al 2012 PLoS ONE 7(4): e35668.

21 Risultati ottenuti: Struttura della Popolazione N accessioni analizzate 412 SNP tot (chip 9K): 8144 SNP N % tot (8144 chip 9K) SNP polimorfici Structure: K saggiati da 1 a 6 Evanno Method 3 sottopopolazioni

22 Risultati ottenuti: Costruzione di una Core Collection Costruire una «Core Collection» (CC) significa estrarre dalla collezione completa un numero minimo di accessioni pur massimizzando il numero di alleli rappresentati(cioè la variabilità) 412 accessioni analizzate con il 9K Peach IPSC Array. Tramite il software Power Marker, 165 scelte a costituire la CC

23 Risultati ottenuti: fenotipizzazione della CC (elaborazione dati in corso) Fenotipizzazione delle 165 accessioni della CC Caratteri: Data di fioritura e maturazione e 9 caratteristiche relative alla qualità del frutto L analisi dei dati verrà effettuata con il programma Tassel al fine di individuare le regioni genomiche coinvolte nel controllo dei caratteri studiati e i marcatori SNP associati

24 Centro di Ricerca per l Agrumicoltura e le Colture Mediterranee (CRA-ACM) Fenotipizzazione e genotipizzazione di accessioni di arancio pigmentato. Sequenziamento di geni coinvolti nella biosintesi delle antocianine UO: CRA-ACM Responsabile: Giuseppe Reforgiato Recupero Partecipanti: Concetta Licciardello, Maria Patrizia Russo, Giuseppe Russo, Santo Recupero

25 Obiettivi previsti dalla scheda di ricerca 1)Individuazione delle accessioni con caratteristiche fenotipiche differenziali nella collezione CRA-ACM, ricerca di polimorfismi SNP e loro verifica; 2)Individuazione di marcatori ed estensione dei risultati più significativi ottenuti a tutta la collezione di arance pigmentata del CRA-ACM; 3)Risequenziamento di alcuni mutanti somatici ed allineamento della sequenza con la sequenza del clementine dell International Citrus Genome Consortium (ICGC); 4)Genotipizzazione di alcuni mutanti indotti per irraggiamento con raggi g.

26 Risultati raggiunti (1/4) 1 Obiettivo: Individuazione delle accessioni con caratteristiche fenotipiche differenziali nella collezione CRA-ACM, ricerca di polimorfismi SNP e loro verifica Individuati bioinformaticamente tramite analisi EST migliaia di SNP teoricamente discriminanti tra arancio e clementine. 163 SNP validati con il metodo di genotipizzazione Kaspar su 50 diverse accessioni di arancio e clementine. Di questi, 37 sono stati validati anche mediante sequenziamento Sanger. L analisi di genotipizzazione ha individuato 78 siti polimorfici, di cui 36 eterozigoti. Le variazioni in termini di SNP sono state trovate soprattutto tra le specie, dimostrando una bassa diversità genetica in arancio e clementine e confermando una più elevata eterozigosità in arancio rispetto a clementine. Gli SNP derivanti dalle EST oggetto di studio, anche se non verranno utilizzati come marcatori molecolari (considerata la mancanza di associazione con caratteristiche agronomiche evidenti) potranno servire negli studi di filogenesi e come marcatori delle singole accessioni.

27 Risultati raggiunti (2/4) 2 Obiettivo Individuazione di marcatori ed estensione dei risultati più significativi ottenuti a tutta la collezione di arance pigmentate del CRA-ACM La regione 3 LTR che regola l espressione del gene Ruby (Myb Transcripion Factor coinvolto nella sintesi delle antocianine - Butelli et al., 2012) è stata utilizzata come marcatore della pigmentazione antocianica in frutti di arancio e suoi ibridi Genotipizzata una collezione di circa 100 accessioni di arancio pigmentato, arancio biondo e diversi ibridi. L amplificazione della 3 LTR ha confermato la presenza dell inserto nelle accessioni caratterizzate dalle antocianine nella polpa ed è quindi marcatore diagnostico del carattere L amplificazione della regione di Tcs1 (parte integrante del promotore/retrotrasposone) ha mostrato una presenza non costante dell inserto nei vari cloni di arancio Tarocco, Premio SIGA 2013

28 Risultati raggiunti (3/4) 3 Obiettivo: Risequenziamento di alcuni mutanti somatici ed allineamento della sequenza con quella del clementine (International Citrus Genome Consortium - ICGC) Risequenziate (in collaborazione con il prof. Morgante) 3 varietà di clementine (Caffin, precoce e apireno; Rubino, tardivo e apireno; Monreal, medio e con semi) su piattaforma Illumina. La disponibilità on-line del genoma del clementine aploide (http://www.phytozome.net/clementine.php) ha consentito le operazioni di allineamento dei genomi delle tre clementine con il riferimento. I primi dati hanno prodotto una copertura molto bassa, variabile tra 2.8x (Rubino) e 12x (Monreal). E stato avviato un nuovo risequenziamento, i cui dati di copertura sono decisamente migliori dei precedenti. Questo è presupposto per un analisi più approfondita da avviare in termini di individuazione di elementi trasponibili, delezioni, «depth of coverage» e «loss of heterozigosity.

29 Risultati raggiunti (4/4) 4 Obiettivo: Genotipizzazione di alcuni mutanti indotti per irraggiamento con raggi g Tre cicli di irraggiamento con raggi γ (2008, 2009 e 2010) del Tarocco Scirè D2062 hanno prodotto fenotipi mutanti. Sono state già osservate interessanti mutazioni a carico della forma del frutto e del contenuto di antocianine. Forma del frutto Pigmentazione Peduncolo e consistenza buccia La possibilità di un risequenziamento dei mutanti ottenuti, aggiunti ai dati di risequenziamento di 10 mutanti somatici naturali di arancio già a disposizione del CRA- ACM, potrebbe aiutare a comprendere meglio la base genetica dei caratteri fenotipici in questione. SOI 2013

30 Centro di Ricerca per l Olivicoltura di Rende (CRA-OLI) Sviluppo di nuovi tool genetici e molecolari a supporto del breeding in olivo Responsabile UO: Samanta Zelasco

31 Obiettivi previsti dalla scheda di ricerca 1) Riordino del germoplasma olivicolo Attività Sviluppo di un metodo efficiente per l identificazione genetica in olivo 2) Individuazione e selezione di materiale genetico interessante a supporto del breeding Attività Selezione materiale genetico di interesse per la tolleranza al freddo Saggi di radicazione e valutazione di potenziali portinnesti nanizzanti

32 Ottenimento di tool molecolari Riordino del germoplasma olivicolo Sviluppo di un metodo efficiente per l identificazione genetica in olivo 300 Loci SSR N alleli individuati Sinonimie riscontrate altamente correlate con i dati morfologici Mission = Picholine Marocaine Ascolana dura = Ascolana semitenera Dolce d Andria = Termite di Bitetto Carpinetana = Bosana Moraiolo=Paesana Nera Leccino=Palmarola Tondina = Provenzale Giarfara=Tonda Dolce di Partanna Grossale = Santomauro DCA 3 13 DCA 8 17 DCA DCA DCA DCA EMO GAPU71B 9 Tot alleli 117

33 Struttura del database molecolare con i dati standardizzati (esempio) Loci SSR Autore collezione Posizione varietà sinonimie DCA3 DCA3 DCA 8 DCA8 Sarri et al., 2006 Baldoni al., 2009 Koehmstedt et al., 2011 et Beghe' et al., 2011 Bandelj al., 2002 et WOGB Arbequina nessuna WOGB Arbequina NCGR,Davis Dole 39 Arbequina CRA-OLI Slovenia Arbequina Arbequina Doveri2008 WOGB Arbequina nessuna nessuna nessuna nessuna nessuna Zelasco et al.,2013 NCGR Dole 39 Arbequina nessuna

34 Individuazione e selezione di materiale genetico interessante breeding Selezione materiale genetico per la tolleranza al freddo Culitvar Radicazione % Istituzione Provenienza a supporto del Degli 23.8 UNI-PR 5 campi collezione Emilia Romagna Montericco 26.3 UNI-PR Montelocco 33 UNI-PR 5 campi collezione Emilia Romagna 5 campi collezione Emilia Romagna Orbetana 24.1 Privato Campo sperimentale Aviano (PN) Leccino clone 18 Bartolini 57.5 UNI-PR 5 campi collezione Emilia Romagna Leccio del Corno nessuna CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Frantoio? ecotipo Privato Campo sperimentale Aviano (PN) Frantoio? ecotipo 2 37 Privato Campo sperimentale Aviano (PN) genotipo non noto 19.3 Privato Campo sperimentale Aviano (PN) Dolce Agogia (Par.Incr) 15 CNR-IGV-PG CNR-IGV-PG Ascolana tenera 11.5 CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Bianchera 11.8 CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Nostrana di brisighella 43.3 CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Nostrale di Rigali 6.8 CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Carolea CRA-OLI Campo Collezione Rende (CS) Coratina CRA-OLI Campo Collezione Rende (CS) Ghiacciolo CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS) Ortice 1.9 CRA-OLI Campo Collezione Mirto (CS)

35 Saggi di radicazione e valutazione di potenziali portinnesti nanizzanti Testate per la radicazione 49 varietà e 3 ecotipi spontanei Variazione nella % di radicazione Trattate con miscela di Ormoni Radicazione da 0 a 78% Non trattate da 0 a 60% Varietà /ecotipi potenzialmente interessanti Capena: 78 % trattata; 60% non trattata Ecotipo 110: 65% trattata 36 % non trattata Capena Presunto Oleastro

36 Valutazione del germoplasma di Populus nigra e ricerca di determinanti di resistenza all afide lanigero (Phloeomyzus passerinii). Unità di ricerca per le produzioni legnose fuori foresta (CRA-PLF). Carletti Giorgia, Carra Andrea, Gianni Allegro, Vietto Lorenzo, Calligari Paolo, Rossino Renzo, Nervo Giuseppe

37 Afide lanigero: Phloeomyzus passerinii Secrezione bianca dovuta alla presenza di colonie di afide lanigero del pioppo Piante di pioppo con evidente infestazione di afide lanigero 39

38 Obiettivi previsti dalla scheda di ricerca Identificazione e localizzazione del/dei Quantitative Trait Loci (QTL) associati alla resistenza all afide lanigero attuabile attraverso: Fenotipizzazione della progenie F1 derivante da incrocio interspecifico tra un parentale femminile di P. deltoides (resistente) ed un parentale maschile di P. nigra (suscettibile) ed analisi di segregazione per la resistenza all afide lanigero (Phloeomyzus passerinii). Sviluppo di una mappa genetica in pioppo utilizzando marcatori SSR (individuati tramite ricerca bioinformatica) e marcatori SNP (ottenuti attraverso tecniche NGS high-throughput)

39 N. Individui Risultati raggiunti (1/3) Valutazioni fenotipiche per la resistenza all afide lanigero in un vivaio di due anni = suscettibile 5 = resistente Classi Fenotipiche

40 Risultati raggiunti (2/3) Validazione di marcatori SSRs e sviluppo di una mappa preliminare partendo da 113 microsatelliti polimorfici e segreganti. P. nigra P. deltoides Pochissimi marcatori sono stati ancorati, sono quindi necessarie tecniche high-throughput per poter sviluppare una mappa di linkage in pioppo

41 Risultati raggiunti (3/3) Sono in corso le analisi genetiche di 8653 marcatori SNP polimorfici e segreganti nella popolazione ottenuti attraverso la tecnica RAPiD-Seq, basata su piattaforma Illumina, Genotyping by Sequencing (GBS). Da una prima analisi genetica i marcatori hanno una segregazione 3:1, 1:2:1, 1:1, come atteso. Prospettive A breve una mappa genetica di Populus nigra e Populus deltoides sarà disponibile. Correlando i dati di mappa e i rilievi fenotipici sarà possibile identificare i/il QTL responsabili/e della resistenza genetica all afide lanigero

42 Impatto dell attività di ricerca Considerando l importanza economica del genere Populus e gli ingenti danni colturali che l afide lanigero può provocare, lo sviluppo di una mappa genetica e la localizzazione dei QTL legati alla resistenza a tale patogeno risultano strategici per un efficiente conduzione dei programmi di breeding per il pioppo. Fino ad ora nessuna regione cromosomica portante la resistenza all afide lanigero è stata identificata ed è per questo che la ricerca svolta dal CRA-PLF è di notevole interesse scientifico ed economico

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici

GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 111B Informazione e diffusione della conoscenza GIALLUMI DELLA VITE: aggiornamenti tecnici Piero Attilio Bianco DI.S.A.A - C.I.R.I.V.E. CENTRO INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

Legno nero: interazioni vite fitoplasma e fenomeno del recovery

Legno nero: interazioni vite fitoplasma e fenomeno del recovery Legno nero: interazioni vite fitoplasma e fenomeno del recovery Rita Musetti Department of Agricultural and Environmental Sciences, University of Udine via delle Scienze, 208 I-33100 Udine, Italy Rita.Musetti@uniud.it

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

ABSTRACTS IL VALORE DEI PRODOTTI TIPICI E L IMPATTO DELLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE ITALIANE ALL ESTERO

ABSTRACTS IL VALORE DEI PRODOTTI TIPICI E L IMPATTO DELLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE ITALIANE ALL ESTERO ABSTRACTS COS E UNA DOP ED IGP: CARATTERISTICHE E TIPOLOGIE Alessandra D Arrigo MIPAAF Obiettivo dell intervento è illustrare prima di tutto cosa sono le DOP e le IGP e quali sono le differenze fra le

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT

NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT 2 NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT NUOVI CLONI DI VITE ISMA - AVIT di Umberto Malossini Le schede ISMA - AVIT 3001 da Goldtraminer, B. ISMA - AVIT 513 da Pinot grigio, G.

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura

Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura RG V Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Centro di Ricerca per la Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura Frutticoltura, Roma Notiziario trimestrale tecnico-scientifico

Dettagli

Schede tecniche LA SOURCE

Schede tecniche LA SOURCE Schede tecniche LA SOURCE s.a.s di Celi Stefano & C. Società Agricola - C.F. e P. IVA 01054500077 Loc. Bussan Dessous, 1-11010 Saint-Pierre (AO) - Cell: 335.6613179 - info@lasource.it Documento scaricato

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING COLORETTALE PREVENZIONE SERENA

PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING COLORETTALE PREVENZIONE SERENA PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING COLORETTALE PREVENZIONE SERENA Workshop 2012 Cosa poss(iam iam)o imparare dall esperienza del Piemonte Romano Sassatelli 1962 - Quand'ero bambino, parlavo da bambino, pensavo

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE. Art. 1 Denominazione DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Art. 1 Denominazione La Denominazione d'origine Protetta D.O.P. "CARTOCETO", è riservata al'olio Extravergine d'oliva rispondente alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici

Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici M. COLLINA Centro di Fitofarmacia Dipartimento di Scienze Agrarie Situazione e gestione della resistenza ai fungicidi antioidici Incontro tecnico Vite: Problemi fitosanitari e strategie di difesa 27 febbraio,

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Propagazione e conservazione in vitro di cultivar di vite (Vitis vinifera L.) autoctone al fine di allestire una collezione di materiale.

Propagazione e conservazione in vitro di cultivar di vite (Vitis vinifera L.) autoctone al fine di allestire una collezione di materiale. Propagazione e conservazione in vitro di cultivar di vite (Vitis vinifera L.) autoctone al fine di allestire una collezione di materiale. C. Damiano, B. Lucchesi, A. Frattarelli Riassunto Il notevole sviluppo

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA. Premesso

Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA. Premesso Criteri, parametri e indicatori per l abilitazione scientifica nazionale AREA 01 MATEMATICA E INFORMATICA Premesso che l attività scientifica e di ricerca nei settori MAT/01-09 e INF/01 consiste principalmente

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA»

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI AD INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA «EMILIA» O «DELL'EMILIA» Art. 1. La indicazione geografica tipica «Emilia» o «dell'emilia» accompagnata o meno dalle specificazioni

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme

LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme LE PATATE DA SEME OLANDESI APPROVATE; l importanza della certificazione dei tuberi-seme Indice L importanza della

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 14-7-2000 Modificazione al disciplinare di produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «delle Venezie». Pubblicato nella Gazz. Uff. 29 luglio

Dettagli