La moda passa, lo stile resta. Coco Chanel. La moda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La moda passa, lo stile resta. Coco Chanel. La moda"

Transcript

1 La moda passa, lo stile resta Coco Chanel La moda Sofia Basso ITSOS Albe Steiner Anno scolastico 2014/2015

2 Indice Premessa... 3 Introduzione... 3 Belle Époque... 4 Gabrielle Coco Chanel... 5 Jeanloup Sieff... 7 Oscar Wilde Gabriele D Annunzio Fonti... 15

3 Premessa La mia tesina ha come tema centrale la moda poichè questa rientra tra le mie passioni e interessi personali. La moda, secondo me, rappresenta una parte di noi e non solamente un modo per apparire ed è per questo che voglio mettere in luce l importanza che ha assunto nel corso della storia nonchè gli elementi cui è strettamente connessa. Introduzione La nascita della moda come fenomeno di costume chiama in causa tanti ambiti della vita. Essa, infatti, ha determinato il gusto dell apparire, tanto caro al nostro stile di vita votato alla ricerca del bello e del piacere. Piacere ritrovato da D Annunzio e Oscar Wilde come cultori dell estetismo. Ci troviamo verso la fine dell 800 e gli inizi del 900 quando nasce la prima vera e propria celebrity del mondo dell alta moda, Gabrielle Coco Chanel. Jeanloup Sieff parteciperà a delle campagne promozionali per Chanel, lavorando anche per altre riviste, le più importanti nel campo della moda facendo diventare il suo lavoro una passione. Pagina 3

4 Belle Époque Verso la fine del 800 e gli inizi del 900 viene collocato un periodo nella storia europea e più precisamente tra il 1870 e lo scoppio della prima guerra mondiale che prenderà il nome di Belle Époque. La Belle Époque fu l epoca dei sogni, delle illusioni e del progresso; L umanità sembrava sospinta verso i migliori dei futuri, con la fine dei conflitti, l aumento del benessere e le nuove invenzioni che rendevano la vita più semplice e comoda. La Belle Époque inoltre, rappresenta un periodo di grande fioritura per il mondo della moda. Il settore dell abbigliamento, agli inizi del 900 aveva un mercato colossale in tutta Europa, e in particolare in Francia, che rappresentava il principale modello di riferimento per la moda del mondo occidentale. Nel costume del primo Novecento il ruolo di Parigi è centrale, soprattutto per i tessuti e gli accessori della moda femminile. Tra il 1900 e il 1920 nella sola città di Parigi si contavano più di venti ateliers di alta moda oltre ad un numero altissimo di laboratori di sartoria, ricamo, rifinitura, e confezioni di indumenti e accessori. L atelier del sarto divenne in quegli anni uno dei principali centri della vita mondana. Frequentati dalle signore dell alta società, i salotti delle case di moda divennero luoghi di incontro, sfoggio e confronto, nonchè aggiornamento sulle ultime novità. Qui venivano presentati indumenti per ogni momento della giornata e per ogni occasione. Infatti, rispetto ai periodi precedenti, nella moda della Belle époque vennero introdotte numerose tipologie diverse di abiti, corrispondenti alle diverse funzioni:da giorno, da pomeriggio, da sera, per il teatro, i balli, per le cerimonie oppure per le visite. Si creavano capi pieni di decorazioni che spesso raggiungevano l esagerazione. Come reazione a questi eccessi, nacquero a Londra movimenti di protesta contro la moda. Si lottava per una moda che non costringesse il corpo della donna a stare rinchiuso in abiti scomodi e molto spesso dannosi per la salute. L obiettivo era quello di spingere a creare abiti funzionali, comodi e liberi dal superfluo.

5 Gabrielle Coco Chanel Proprio in questo contesto ebbe particolare successo la stilista parigina Gabrielle Coco Chanel. Coco Chanel faceva parte di quelle donne facili mantenute da amanti ricchi e celebri e fu proprio grazie agli aiuti economici di questi amanti che aprì la sua prima boutique nel 1913 a Deauville dove inizia la sua carriera disegnando cappelli. La scelta di località balneari non fu casuale: infatti i suoi negozi fornivano articoli di vestiario informale a una selezionata clientela. Lo strepitoso successo la colse negli anni venti, a Parigi e quando, da lì a poco, verrà considerata un vero e proprio simbolo di quella generazione. Tuttavia, a detta dei critici e degli intenditori di moda, l apice della sua creatività è da attribuire ai più fulgidi anni trenta, quando, pur dopo aver inventato i suoi celeberrimi e rivoluzionari tailleur (costituiti da giacca maschile e gonna diritta o con pantaloni, appartenuti fino a quel momento all uomo), impose uno stile sobrio ed elegante dal timbro inconfondibile. si può dire che Chanel rimpiazzò il vestiario poco pratico della belle èpoque con una moda larga e comoda. Nel 1916, ad esempio, estese l uso del jersey (un materiale a maglia molto flessibile), dal suo uso esclusivo per i sottabiti a una grande varietà di tipi di vestiario, Pagina 5

6 inclusi i vestiti semplici in grigio e blu scuro. Questa innovazione fu di così grande successo che Coco iniziò ad elaborare le sue celebri fantasie per i tessuti jersey. La riduzione dell alta moda a minima semplicità fu dovuta anche alla limitatezza di esperienza come designer della couturier. Ma Chanel riuscì a trovare il giusto equilibrio aggiungendo la bigiotteria appariscente alla semplicità degli abiti. le bigiotterie in perle, le lunghe catene dorate, l assemblaggio di pietre vere con gemme false, i cristalli che hanno l apparenza di diamanti sono accessori indispensabili dell abbigliamento Chanel e segni riconoscibili della sua griffe. Lei stessa è tuttora conosciuta per l uso di una cascata di collane di perle. Nel suo lavoro Coco venne influenzata dagli anni trascorsi presso un orfanotrofio dove le suore le ispirarono l amore per il bianco e il nero, colori principali nelle sue collezioni. Una particolarità di Chanel fu il fatto che non si definiva una sarta ma una creatrice di moda,lei non cuciva, ritagliava la stoffa e la attaccava sul manichino con gli spilli e se non le andava bene la scuciva e poi la ritagliava di nuovo. In sintesi, l impronta stilistica di Chanel si fonda sulla apparente ripetitività dei modelli base. Le varianti sono costituite dal disegno dei tessuti e dai dettagli, a conferma del credo fatto proprio dalla stilista in una sua celebre battuta che la moda passa, lo stile resta. Chanel non fu solo una grande stilista ma impiegò il suo talento anche in opere teatrali e cinematografiche; creò abiti di scena per opere e balletti, prendendosi così una pausa dal frenetico mondo della moda. Nel 1957, all età di settantadue anni, Coco si ripresentò al pubblico con una nuova collezione innovativa. Dopo gli ultimi successi, morì nel 1971 lasciando agli aiutanti la sua maison, passata infine nelle mani di Karl Lagerfeld nel 1983.

7 Jeanloup Sieff La maison Chanel con a capo Karl Lagerfeld andò avanti verso il successo e il miglioramento, grazie anche alla collaborazioni di altri bravissimi fotografi tra cui Jeanloup Sieff, che con la sua fotografia riuscì ad ispirare molto la Maison; tra i suoi ritratti anche lo scatto fatto a Lagerfeld in bianco e nero. Ci troviamo sempre in Francia, Jeanloup Sieff nasce appunto a Parigi nel 1933, da genitori di origine polacca. Inizia a fotografare all età di 14 anni con una macchina fotografica ricevuta in regalo per il suo compleanno. Studia fotografia all Ecole de photographie di Vevey in Svizzera. Conclusi gli studi egli comincia a operare come fotoreporter, collaborando per un certo periodo con l agenzia Magnum di Cartier-Bresson e vincendo anche uno dei più prestigiosi premi Niepce nel Ma non sono solamente le prove realizzate in questa direzione a lasciare un segno sui successivi sviluppi della sua pratica fotografica, bensì altre che con queste si intrecciano. Sieff è infatti un autore che mette a punto una propria metodologia operativa fin dagli inizi. La collaborazione con Elle, presso la cui redazione il fotografo francese inizia a lavorare nel 1955, assume un valore nodale dato che lo pone in un rapporto con le esigenze di un giornale e quindi con una precisa committenza e sopratutto, lo apre ai già ricordati ambienti legati all industria dell abbigliamento. Sieff compie pertanto una decisa scelta di campo i cui tempi di svolgimento sono verificabili attraverso le fotografie che di volta in volta pubblica su Jardins de modes, Glamour, Harper s Bazaar, Lookl Esquire, Vogue e diverse campagne promozionali per Chanel. Gli anni cinquanta in fotografia si sviluppano ovunque sotto il segno del reportage, della mitica figura del fotoreporter sempre presente e sempre pronto a cogliere il momento decisivo, unico e irripetibile. La sua preferenza per la luce naturale, il suo dimensionare il soggetto di solito in uno spa- Pagina 7

8 zio urbano o in una casa piuttosto che in uno studio, la sua ricerca di inquadrature allargate, di inquadrature comprendenti il maggior numero possibile di segni del reale. Il lavoro di Sieff, che ha valenze ecclettiche, ma che ritrova nell ambito della moda la sua più feconda esplicitazione, si innesta su una precisa tradizione iconologica con la quale deve confrontarsi e misurarsi. La sua formazione appunto che avviene in area francese, a Parigi, costituisce un preciso punto di riferimento per l industria dell abbigliamento e, i modelli della sua produzione in questo settore hanno rappresentato un tratto distintivo e un segno di prestigio. Queste considerazioni possono essere trasferite dall ambito delle sue fotografie di moda a quello delle fotografie di nudo o ritrattistica. Fin da piccolo è stato affascinato da quest arte e questo fascino non è più cessato. Molte delle sue fotografie sono state naturalmente scattate a fini puramente economici, ma poi scoprì con stupore che la sua passione era diventata il suo lavoro. Spesso, le buone fotografie sono molto rare e sfuggono a qualsiasi definizione, ma tutte hanno un punto in comune: l emozione che suscitano va oltre l immagine che rappresentano, il loro significato è molto più ricco di quello che sembrano suggerire, emanano una lieve musica, hanno quindi un qualcosa di miracoloso, ed era proprio questo che portò Sieff a continuare portando con sé sempre più amore per quello che faceva. Amava i folli, i poeti e gli autori di fotografie che aprivano spiragli su universi di luce sconosciuti. Fare un ritratto, secondo lui, significava nella maggior parte dei casi rappresentare un volto o un busto in un ambiente familiare o in un atmosfera neutra. Il volto è la parte del corpo maggiormente esposta, la più visibile e sfruttata nella vita sociale. É quindi inevitabilmente diventato una maschera ipocrita cui si può fare esprimere ciò che si vuole: che può ridere, mascherando la tristezza, simulare interesse per coprire una noia mortale. Per queste ragione, Jeanlopu Sieff fu spinto ad interessarsi alle natiche delle persone, soggette di quasi la maggior parte delle sue foto di nudo. Da un punto di vista plastico, è la parte del corpo più commovente, almeno delle donne. Sono ovviamente diverse tra loro, ma ci sono le più preziose, eleganti ed aristocratiche che trascendono la loro funzione, diventano capolavori e oggetti artistici. É un fotografo raffinato e leggero, dai gusti sofisticati che comporta immagini

9 che si caratterizzano per un uso spinto dell obbiettivo grandangolare che conferisce un impronta inconfondibile dalle sfumature ironiche e sessuali. I suoi scatti prendono vita dal sapiente incontro tra luci e ombre, bianchi e neri dai contrasti forti che rivelano una spasmodica cura in fase di stampa e l utilizzo delle tecniche della mascheratura, bruciatura e vignettatura. Sieff è inoltre, tra i primi fotografi a dedicare tanta cura ed attenzione alla fase di post produzione, rivelando un abile utilizzo della mascheratura e della bruciatura delle stampe. Tecniche che gli consentono di restringere i bordi dell immagine, cosi da mettere in risalto i dettagli e condurre lo spettatore all essenza della sua fotografia. Realizza immagini ironiche e sofisticate in cui la moda diventa un pretesto per creare atmosfere surreali ed eleganti. Gli abiti e sopratutto il corpo femminile si trasformano in linee e materia da mettere in valore con inquadrature eccentriche e surrealiste. Abiti, acconciature,trucco e pose collaborano a creare un universo onirico, ricco di riferimenti cinematografici e letterari. Le immagini, spesso molto composte da un punto di vista grafico, presentano una donna distante e misteriosa, intrigante ed enigmatica. Il suo nome viene legato, inoltre, alla fotografia di nudo. Anche in questo campo artistico, come negli altri, Sieff fa molto uso dell obbiettivo grandangolare spinto che conferisce un impronta unica ed inconfondibile al suo stile ironico e mai volgare. Attori, politici e stilisti ed artisti hanno posato per lui. La luce morbida che illumina il viso, mentre il resto dei dettagli perde importanza caratterizzano la maggior parte dei suoi scatti di nudo. Difficile non trovare un nudo di Sieff che sia almeno vestito d ombra o che non sia coperto da uno sguardo che lo trasformi immediatamente in ritratto. Le immagini di nudo femminile, spesso contraddistinte dall uso distorsivo delle lenti, rappresentano un esaltazione della bellezza. Un omaggio, illuminato dalla luce dell arte, alle forme, alla perfezione e alla sensibilità lirica. Anche quando le sue fotografie erano esposte in tutto il mondo, diffuse attraverso monografie, riviste specializzate, internet ed esposizioni in gallerie e musei, Sieff si è sempre astenuto dal teorizzare il proprio lavoro, rifiutandosi di inserirlo in un discorso critico sull arte e distanziandosi in questo modo da molti fotografi della sua generazione. Egli più volte cita in una sua intervista lo scrittore e poeta Oscar Wilde, facendo riferimento alla morte e alla volgarità, le uniche realtà impossibili da spiegare, come aveva accennato lo scrittore. Inoltre,prendendo spunto da un altra sua citazione Quando giudico me stesso, mi de- Pagina 9

10 testo.ma se mi paragono agli altri... Sieff vuole far capire che piacere agli altri diventa irrilevante: dipende dalle mode del momento o dall immagine, spesso falsa, che gli altri si fanno di voi. Sieff si era inspirato molto dallo scrittore Irlandese ed inoltre Wilde riguardo all immagine e alle mode era un gran intenditore.

11 Oscar Wilde Wilde riguardo all immagine e alle mode era un gran intenditore. L ideale di estetica eccentrica incarnato da Wilde si poteva trovare nella figura del Dandy. Non rinunciava mai ad un abbigliamento ricercato e come ogni dandy, l eleganza era la prima cosa. Wilde però non era certo uno che seguiva le tendenze, la cura del look sempre ma la sottomissione alla moda mai. Durante i suoi anni ad Oxford divenne subito popolare per i suoi modi stravaganti e per la versatile intelligenza. Subito dopo partì per Londra dove iniziò a scrivere per saggi giornalistici e poemi. La sua chiarezza, il suo brillante modo di conversare, il suo ostentato stile di vita ed il suo stravagante modo di vestirsi fecero di lui una delle figure più salienti degli affascinanti circoli londinesi. Un tour di lettura durato un anno negli Stati Uniti incrementò la sua fama e gli diede l opportunità di formulare meglio la sua teoria estetica che ruota intorno al concetto di arte per l arte. Viene considerato come un artista che dedica tutto alla ricerca del piacere in ogni sua forma, per cui la bellezza sostituisce ogni valore morale, l estetismo sta alla base della sua arte. Nel 1891 pubblica il suo unico romanzo, Il ritratto di Dorian Gray, una delle opere più rappresentative del decadentismo mondiale, spesso accusata di immoralità per le descrizioni di degradazione ed abiezione del protagonista. La storia inizia nello studio del pittore Basil Hallward, che decide di dipingere un quadro ad un ragazzo di nome Dorian Gray. Dorian è un bellissimo giovane che, sia per il suo aspetto fisico che per il suo modo di pensare, suscita in tutti un particolare interesse. Il ritratto donatogli dal pittore è così ben riuscito che il ragazzo, ammirandolo, esprime il rimpianto di dover invecchiare mentre il ritratto sarebbe rimasto sempre giovane e fa un vero e proprio patto con il diavolo per far si che avvenga il contrario. La vita di Dorian cambia radicalmente quando conosce Lord Henry Wotton, nobile cinico e spregiudicato, che con le sue idee sul piacere e la bellezza riesce a cambiare la vita e la purezza giovanile di Dorian. Successivamente Dorian si fidanza con Sybil Vane, ma la storia finisce male a causa del suo cambiamento: Dorian infatti la abbandona freddamente. Sybil si uccide e il giovane, superato facilmente, grazie ai suggerimenti di Lord Henry, il primo dolore, trascorre la stessa serata in teatro, come se non fosse successo nulla. Pagina 11

12 Il giorno dopo, però, scopre che il suo ritratto è cambiato: è apparsa infatti sul suo volto un espressione di crudeltà che prima non c era. A questo punto Dorian decide di nascondere il ritratto in soffitta e di continuare la sua vita piena di vizi, conservando intatto il suo bellissimo viso di giovane, mentre il quadro invecchia e si fa sempre più orribile. Una notte Dorian uccide Basil Hallward, che ha tentato di rimproverargli il suo modo di comportarsi e fa distruggere il corpo del pittore da un suo amico chimico, che poi si suicida. Non viene scoperto ma il ritratto diventa sempre più mostruoso e sulla mano che ha dato il colpo mortale all amico appare una goccia di sangue. Il fratello di Sybil Vane, che ha giurato di vendicare la sorella, rimane ucciso in un incidente di caccia, proprio quando sta per raggiungere Dorian. Alla fine, stanco e nauseato di quel ritratto che testimonia le sue colpe e la sua brutalità interiore, Dorian Gray colpisce con un coltello il cuore del ritratto, ma accade un fatto incredibile: Dorian stesso muore, mentre il quadro riacquista l aspetto che aveva all inizio, una meravigliosa giovinezza pura e ingenua. I servi stentano a riconoscere nell orribile vecchio che trovano ai piedi del ritratto del loro splendido padrone. Il ritratto è la rappresentazione dell anima di Dorian: infatti ogni qual volta lui si macchia di una colpa, il dipinto diventa sempre più orrendo. L animo interiore di Dorian va sempre più deteriorandosi fino a quando, accortosi del suo cambiamento, decide di distruggerlo; ma così facendo uccide anche se stesso. Il ritratto ricorda a Dorian Gray la menzogna della sua vita, ponendogli davanti agli occhi il suo vero volto, diventato una maschera atroce simbolo della sua anima corrotta. In realtà la vita ricca di piacere a cui Dorian ambiva non viene mai realizzata: Dorian alla fine è ossessionato da moltissimi rimorsi per la vita che ha condotto. L Estetismo è chiave di lettura che accomuna i romanzi di Oscar Wilde con quelli di Gabriele D Annunzio che presentano, appunto, protagonisti straordinari come Dorian Gray e Andrea Sperelli. Una vita da esteti chiede di essere vissuta alla ricerca della bellezza, del sublime e del capolavoro e viene indirizzata verso ogni possibile esperienza estrema, intellettuale, morale e fisica. Dorian Gray e Andrea Sperelli sono eroi decadenti, amorali e privi di valori. Questi personaggi sono qualcosa di più di semplici invenzioni letterarie: essi, come i romanzi dei quali sono protagonisti, testimoniano la grave crisi che alla fine dell Ottocento sta corrodendo, se già non li ha distrutti, gli ideali romantici e positivistici, ideali fondati sull impegno sociale, sui principi di uguaglianza e di solidarietà e, soprattutto, su una forte e salda coscienza morale. Gli stessi autori di questi personaggi avvertono pienamente la coscienza della crisi: D Annunzio e Wilde sono accomunati da caratteristiche intellettuali e da comportamenti eccentrici e anticonformisti simili.

13 Gabriele D Annunzio Gabriele D Annunzio, come Wilde, era un dandy, un eccentrico, ed oltre ad essere stato uno scrittore e poeta fu anche un ideologo e un politico. Era un mito di massa, un culture dell estetismo e riuscì sempre a trarre profitti dalle sue opere. Egli, inoltre, propagandò se stesso e si garantì ammirazione ed attenzione da parte del pubblico. La poetica dannunziana ha sviluppato le seguenti caratteristiche: l estetismo artistico la poesia e arte sono creazioni di bellezza in assoluta libertà; l estetismo pratico anche la vita reale deve essere realizzata in libertà; la narcisistica analisi delle sensazioni, il gusto della parola e il panismo, ovvero l abbandonarsi agli istinti per immedesimarsi con le forze della natura. L arte è, appunto, concepita da D Annunzio come la bellezza in senso assoluto, poiché per lui è al di sopra di tutto e valore assoluto. Sebbene critichi moltissimo l atteggiamento di autori precedenti che hanno venduto la propria arte facendola gestire come un prodotto qualsiasi, anche lui sfrutta a suo favore i complessi meccanismi del mercato librario e delle mode, propagandando se stesso e Pagina 13

14 costruendo il proprio successo tra la massa. In ciò è presente un paradosso: costruisce attorno a sé la figura dell artista solitario e superiore, trae un grande beneficio economico e letterario proprio da quella massa che disprezza con fare aristocratico. Seguendo il suo ideale estetico, D Annunzio scrive il romanzo Il Piacere che fa parte del Ciclo della Rosa. Il romanzo, ambientato nella Roma dell 800, ha come protagonista Andrea Sperelli, un giovane aristocratico amante della bellezza e dell arte. Il giovane ha avuto un intensa storia d amore con Elena Muti, bruscamente interrotta dalla donna. Deluso dalla donna che amava, si rifugia in diverse avventure amorose finché incontra Maria Bandinelli Ferres, che si contraddistingue per i modi gentili che colpiscono il giovane Andrea. L amore verrà corrisposto ma mai consumato. Maria parte per un viaggio e Andrea ritorna alla sua vita fatta di amori avventurosi finché rincontra Elena con cui però non riuscirà a riallacciare il rapporto di un tempo. Tornata dal viaggio, Maria cede tra le braccia di Andrea ma, durante un incontro amoroso, Andrea la chiamerà con il nome di Elena e lei fuggirà via. Andrea nelle ultime pagine del romanzo si ritrova solo e pieno di debiti a vagare per la dimora dei Ferres ormai svuotata da ogni bene, quindi avrà assunto la posizione dell inetto, cioè di colui che non è riuscito a raggiungere i propri scopi. Il romanzo dannunziano vuole rappresentare le abitudini e le usanze della società romana dell 800, sviluppando il tema della dissoluzione dei valori della società devastata dall edonismo. Ben presto, però, D Annunzio si rende conto che l esteta non ha la forza di opporsi realmente alla borghesia in ascesa, che a fine secolo si avvia sulla strada dell industrialismo. Egli avverte tutta la fragilità dell esteta in un mondo lacerato da forze e da conflitti così brutali: il suo isolamento sdegnoso, che non è di certo un privilegio, non può che diventare sterilità ed impotenza, il culto della bellezza si trasforma in menzogna. La costruzione dell estetismo entra allora in crisi. Il piacere, in cui confluisce l esperienza mondana e letteraria vissuta sino a quel momento, ne è la testimonianza più esplicita. Al centro del romanzi c è la figura di un esteta, Andrea Sperelli, il quale non è che un doppio di D Annunzio stesso, in cui l autore denuncia la sua crisi e la sua insoddisfazione. Nei confronti di questo suo doppio letterario D Annunzio ostenta un atteggiamento quasi critico, facendo pronunciare dal narratore duri giudizi nei suoi confronti. In realtà il romanzo è percorso da una sottile ambiguità, poiché Andrea non cessa di esercitare un sottile fascino sullo scrittore, con il suo gusto raffinato, con la sua mutevolezza amorale, con l artificio continuo mediante cui costruisce la sua vita. Quindi, pur segnando un punto di crisi e di consapevolezza, nel suo impianto narrativo il romanzo risente ancora della lezione del realismo ottocentesco e del verismo, che conservava in quegli anni grande vitalità.

15 Fonti Sitografia Bibliografia Belle Époque: 1) ne.modena.it/memo/allegati/materiali%20 semplificati%20intercultura/labelleepoque. pdf 2) Gabrielle Coco Chanel: 1) maturita.scuolazoo.it/wp-content/uplo- ads/2014/03/tesina-di-maturit%c3%a0- sulla-moda.pdf 2) BioID=249&biografia=Coco+Chanel Jeanloup Sieff: 1) 2) I grandi fotografi Jeanloup Sieff Gruppo Editoriale Fabbri Oscar Wilde: 1) biografia.htm?bioid=680&biografia=oscar +Wilde 2) biografia_e_opere.html 3) 4) Gabriele D Annunzio: 1) skuola.net/appunti-italiano/gabriele-dannunzio/annunzio-gabriele-vita-opere-stile. html 2) L esperienza della letteratura Il secondo ottocento Palumbo Editore Pagina 15

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

L altra metà del cielo. l evoluzione della donna

L altra metà del cielo. l evoluzione della donna L altra metà del cielo l evoluzione della donna l evoluzione della donna nel tempo e nello spazio, a partire dagli anni del primo dopoguerra fino agli anni 2000. La donna è stata e continuerà ad essere

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Gioielli per ogni occasione

Gioielli per ogni occasione GUIDA REGALO Gioielli per ogni occasione I gioielli di una donna sono generalmente gli oggetti di maggior valore economico che possiede e spesso anche i più cari dal punto di vista affettivo. Oggi sul

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

Virginia Hill. Copertina rivista Sovrana, 1927 Italia (da:

Virginia Hill. Copertina rivista Sovrana, 1927 Italia (da: Piante e fiori nella moda italiana, dagli anni Venti agli anni Ottanta Virginia Hill Il tema piante e fiori nella moda, per molti, potrebbe sembrare scontato. Spesso è stata fatta un associazione che vede

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé.

Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé. Riapre a Milano, nella sua storica sede di via Verdi al civico 5, lo showroom Surcanapé. Situato nel cuore della capitale italiana della moda e del design, lo showroom si affaccia sulla strada con due

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO. RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014

COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO. RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014 COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014 Quando la climatizzazione si fa arte Mai come a casa propria ci si occupa del comfort con tanta passione, l estetica

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli