Replicazione e genetica virale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Replicazione e genetica virale"

Transcript

1 Replicazione e genetica virale Replicazione virale scaricato da 1

2 L infezione avviene attraverso tre fasi: 1) fase primaria che comprende: adsorbimento: ancoraggio del virione a specifici recettori sulla superficie i cellullare per mezzo di siti i stereochimicamente complementari (detti "antirecettori"). Richiede solo una partecipazione passiva della cellula; penetrazione: nel caso dei virus batterici interessa solo l acido nucleico genomico (ed alcune proteine interne), mentre nel caso dei virus dei vertebrati questo fenomeno implica sempre la partecipazione di tutto il virione; scapsulamento: esposizione dell acido nucleico virale, che nei virus batterici é contemporaneo alla penetrazione, mentre nei virus dei vertebrati avviene successivamente. Tre differenti strategie per lo svestimento (uncoating) dei virioni scaricato da 2

3 2) fase replicativa che comprende: - sintesi degli acidi nucleici virali; - sintesi dell RNA messaggero; - sintesi delle proteine virali. 3) fase di rilascio che comprende assemblaggio con un processo morfogenetico dei vari componenti virali neosintetizzati; maturazione: : fuoriuscita it dei virioni i della progenie all esterno della cellula ospite (a seconda dei virus può avvenire con la lisi della cellula oppure per gemmazione dalla membrana citoplasmatica, cioé in modo non traumatico per la cellula). Subito dopo, o contemporaneamente alla penetrazione, inizia la cosiddetta "fase di eclisse" che dura per un periodo che va da minuti a ore, a seconda del tipo di virus. In questa fase i virioni, perdendo la loro integrità strutturale, sembrano scomparire alle comuni indagini immunologiche e virologiche. Queste proprietà, tipiche dei virioni completi, ricompaiono solo in presenza della progenie virale, che può essere dimostrata anche prima della liberazione dalla cellula infettata. scaricato da 3

4 Genomi Virali. I genomi virali variano in grandezza da circa 3,500 nucleotidi (nt) e.s. batteriophago della famiglia Leviviridae (MS2) a circa 280 coppie di kilobasi (kbp) e.s. la famiglia Herpesviridae (CMV) Il genoma dei virus (1) 30% dei virus animali ha un genoma a DNA kb proteine L acido nucleico di tutti i virus a DNA, eccetto i Parvovirus, è a doppio filamento (ma il DNA degli Hepadnavirus è parzialmente a singolo filamento quando non è in fase di replicazione) scaricato da 4

5 Il genoma dei virus (2) 70% dei virus animali ha un genoma ad RNA 7 30 kb 4 18 proteine Sempre a singolo filamento, tranne nei Reovirus Genomi virali. I genomi a RNA sono più piccoli: massimo 30Kb. Perchè? Le RNA polimerasi virali sono prone all errore se paragonate alle DNA polimerasi. La fedeltà di replicazione potrebbe limitarne la taglia. I genomi a DNA? Fino a 300kb Il tipo di genoma e la sua grandezza dettano I vari step della replicazione virale. scaricato da 5

6 31/08/2009 Organizzazione dei Genomi Genomi molto condensati Un infinità ità di strategie t per massimizzare i la capacità codificante Differenti strategie per codificare proteine nei genomi virali scaricato da 6

7 Differenti strategie per codificare proteine nei genomi virali Differenti strategie per codificare proteine nei genomi virali scaricato da 7

8 Differenti strategie per codificare proteine nei genomi virali Diagramma schematico delle diverse strade che i virus devono seguire per giungere alla sintesi dei propri RNA-messaggeri specifici scaricato da 8

9 Tutti i virus sono parassiti del sistema di traduzione dell RNA messaggero delle cellule Classificazione di Baltimore scaricato da 9

10 Classe I La prima classe comprende i virus a DNA bicatenario, cioé la quasi totalitàt dei virus a DNA. In questo casola sintesi i di mrna virale può essere realizzata dalla RNA-polimerasi della cellula ospite, che ha sede nel nucleo, come avviene per Herpesvirus, Adenovirus e Papovavirus. Questi generi costituiscono la sottoclasse 1 a esvolgono la maggior parte degli eventi replicativi nel nucleo della cellula. Gli altri virus, con genoma a DNA bicatenario, come i Poxvirus e gli Iridovirus, possiedono una propria RNA-polimerasi associata al virione, che consente loro di replicarsi a livello del citoplasma. Questi costituiscono la sottoclasse 1 b. Strategie replicative dei genomi Genomi a doppio filamento di DNA (dsdna) Classe I 2 fasi: early e late RNApol cellulare scaricato da 10

11 Virus con genomi a DNA (ss/dsdna) che usano un passaggio intermedio a singolo filamento di RNA (ssrna) DNApol virale nel virione RNApol cellulare Transcriptasi inversa virale Classe II La seconda classe comprende i virus con genoma a DNA a singolo filamento positivo (+) come i Parvovirus. La replicazione avviene nel nucleo e prevede la sintesi del filamento complementare del DNA; la doppia elica di DNA viene poi usata come stampo per la sintesi degli RNA messaggeri e dei nuovi genomi virali. A differenza dei virus a DNA a doppia elica, quelli a filamento singolo codificano soltanto le proteine del capside. Essi si affidano ai sistemi cellulari per ciò che concerne la loro replicazione e trascrizione. scaricato da 11

12 Herpesviridae Penetrazione per fusione dell envelope con la membrana citoplasmatica. I recettori cellulari sono rappresentati dall eparano solfato che si lega a gc, in seguito un legame più stabile viene fornito dal legame di gd con diversi recettori (a seconda del tipo di cellula) che appartengono alla famiglia del TNF. La fusione avviene a ph neutro sulla superficie della cellula mediante interazione con le proteine gh/gl e gb. Dal tegumento si liberano due proteine strutturali: 1) VHS (Virino Host Shut-off protein) che inibisce la sintesi delle proteine cellulari, 2) α-tif (α-gene Trans Inducine Factor) che serve ad avviare la prima fase della trascrizione del DNA una volta che questo è stato portato, ancora all interno del capside, a livello del nucleo e qui rilasciato. La trascrizione del DNA in RNAm avviene nel nucleo, in tre fasi distinte, con produzione di RNAm (e proteine) di tipo α (immediate early), β (early) e γ (late). L estressione di questi 3 gruppi di geni è finemente controllata da una serie di meccanismi a feedback. Le proteine α attivano la trascrizione dei geni β e contemporaneamente regolano la propria espressione. Le proteine α e β, insieme i sono in grado di regolare l espressione dei geni g. Il ciclo è completato t dalla sintesi delle proteine g, alcune delle quali bloccano l ulteriore sintesi di proteine α e β. La maggior parte dei prodotti dei geni β sono coinvolti nella replicazione del DNA virale (DNA polimerasi, elicasi/primasi, timidino-chinasi, etc). Questi enzimi rendono la replicazione del virus del tutto indipendente dall attività degli enzimi cellulari. L acido nucleico sembra replicarsi con un meccanismo a circolo rotante, che prevede la circolarizzazione del DNA ed è caratterizzato dalla formazione di concatameri, lunghe molecole di dsdna costituite dall insieme di monomeri di lunghezza gnomica. La processazione dei concatameri e la formazione dei genomi virali avvengono al momento dell inserzione del DNA nei capsidi in via di formazione. La maggior parte delle proteine γ sono componenti strutturali che, una volta prodotti nel citoplasma,, rientrano nel nucleo, dove si assemblano. L acquisizione dell envelope avviene adurante la fuoriuscita del capside dal nucleo: acquisizione dalla membrana interna del nucleo, vestimento in seguito a fusione con la membrana esterna del nucleo e acquisizione finale nell apparato del Golgi. Genomi a singolo filamento di DNA (ssdna), tipici dei piccoli genomi. Classe II RNApol cellulare DNApol cellulare scaricato da 12

13 Classe III La terza classe comprende i virus con genoma ad RNA bicatenario (es. Reovirus). Il genoma di questi virus è suddiviso in segmenti contenuti in un doppio capside isometrico. Ogni segmento è detto "minicromosoma", perché é trascritto separatamente e dà luogo ad un singolo RNA messaggero monocistronico. Poiché non esistono enzimi cellulari per la trascrizione diretta di RNA in RNA, sono necessari enzimi virali associati ai virioni che, dopo la penetrazione e lo scapsulamento trascrivono il filamento genomico negativo (-) per produrre mrna. Genomi a doppio filamento di RNA (dsrna) Classe III Più piccoli dei genomi a DNA. Tutti i virus a dsrna hanno un genoma costituito da 2 a 12 molecole diverse di RNA ( genoma segmentato ). RNApol virale associata al capside scaricato da 13

14 Genomi a singolo filamento di RNA (ssrna) Possono essere divisi in 2 gruppi: quelli che funzionano come l mrna (senso positivo) Picorna, Calici, Corona, Flavi, Togaviridae. quelli che sono complementari all mrna prodotto da loro stessi (senso negativo) Orthomyxo, Paramyxo, Rhabdo, Filoviridae. Polarità positiva AUGGCACGA met-ala-arg arg Polarità negativa UACCGUGCU scaricato da 14

15 Classe IV La quarta classe comprende i virus con genoma ad RNA a singolo filamento positivo(+). Di questa classe fanno parte i Poliovirus, i Picornavirus e il virus dell epatite epatite A (sottoclasse IVa). All estremitá 3 il genoma é poliadenilato mentre all estremitá 5 é legato covalentemente ad una piccola molecola proteica. Dopo lo scapsidamento, questa proteina viene rimossa da una proteasi cellulare ed il genoma può quindi legarsi ai ribosomi e funzionare come RNA messaggero. La trascrizione origina un unica proteina, corrispondente alla capacità codificativa totale del virus. Questa molecola proteica viene detta "poliproteina", perchè in seguito a tagli operati da proteasi cellulari vengono generate diverse proteine funzionali più piccole. Una di queste è l RNA-polimerasi RNA-dipendente, nt necessaria a per la replicazione del genoma, che avviene all interno di un "complesso replicativo". Viene sintetizzato un filamento ad RNA negativo(-) che funziona da stampo. Alla sottoclasse IVb appartengono i Togavirus che necessitano di due o più cicli di traduzione per produrre l RNA genomico. Genomi a singolo filamento di RNA con polarità positiva (ssrna) Classe IV scaricato da 15

16 Classe VI La sesta classe comprende i virus con genoma "diploide" cioé formato da due identiche molecole di RNA monocatenario tenute insieme in un dimero speculare a livello delle rispettive estremità 5 da legami a idrogeno, mentre le estremità 3 delle due molecole sono libere. A questa classe appartengono i Retrovirus. In questo caso il genoma ha la stessa polarità dell RNA messaggero, ciò nonostante non funziona da mrna, ma viene trascritto in un filamento complementare di DNA da una DNA-polimerasi RNA-dipendente associata al virione, detta "trascrittasi inversa". Successivamente una delle subunità di questo enzima funziona da RNasi, depolarizzando il filamento di RNA genomico presente nell'ibrido RNA/DNA. Lo stesso enzima agisce poi da DNA-polimerasi DNAdipendente e duplica il filamento di DNA negativo (-). Infine, il DNA a doppio filamento migra nel nucleo della cellula dove viene integrato in uno dei cromosomi (legame covalente al DNA cellulare). l Questo DNA a doppio filamento che contiene l informazione genetica virale viene detto "provirus" per analogia con il profago dei batteri e si comporta come un insieme di geni cellulari. In particolare, il suo filamento negativo (-) può essere trascritto in molecole di mrna ad opera della RNA-polimerasi cellulare. Virus con genomi a singolo filamento di RNA (ssrna) che usano un passaggio intermedio a doppio filamento di DNA (dsdna, un provirus) Classe VI Transcriptasi inversa virale RNApol cellulare scaricato da 16

17 Classe V La quinta classe comprende i virus con genoma a RNA a singolo filamento negativo (-). Di questa classe fanno parte Orthomyxovirus, Paramyxovirus e Rhabdovirus. In questo caso il genoma non può legarsi ai ribosomi ma deve prima essere trascritto in molecole complementari ad opera di una RNA-polimerasi RNA-dipendente associata al virione. La sottoclasse Va (Orthomyxovirus) presenta un genoma segmentato. La sottoclasse Vb (Rhabdovirus) presenta un genoma non segmentato. Genomi a singolo filamento di RNA con polarità negativa (ssrna) Classe V RNApol virale associata al virione scaricato da 17

18 Assemblaggio L assemblaggio implica la raccolta di tutti i componenti necessari per la formazione del virione vrone maturo in un punto particolare della cellula (viroplasma) dovesiformalastrutturadi base della particella virale Il sito di assemblaggio dipende dal sito di replicazione e dal meccanismo usato dal virus per uscire dalla cellula Nella maggior parte dei virus a RNA l assemblaggio avviene nel citoplasma Nella maggior parte dei virus a DNA l assemblaggio avviene nel nucleo scaricato da 18

19 scaricato da 19

20 Esempi di Assemblaggio Assemblaggio dei poliovirus nel citoplasma della cellula infetta scaricato da 20

21 Assemblaggio dell HSV-1 nel nucleo Assemblaggio del virus dell influenza scaricato da 21

22 Assemblaggio di un retrovirus da una poliproteina precursore Assemblaggio di adenovirus nel nucleo scaricato da 22

23 Viral assembly at cellular membranes Impacchettamento del DNA scaricato da 23

24 Maturazione La maturazione rappresenta lo stadio del ciclo replicativo in cui il virus diventa infettivo La maturazione, generalmente, consiste in cambiamenti strutturali della particella virale che possono essere conseguenti a tagli proteolitici specifici delle proteine del capside per formare prodotti maturi o cambiamenti conformazionali delle proteine durante l assemblaggio Le proteasi virali sono frequentemente coinvolte nella maturazione anche se enzimi cellulari o una miscela di enzimi cellulari e virali può essere utilizzata La maturazione può avvenire all interno della cellula durante l assemblaggio e la furiuscita o anche all esterno dopo che i virus della progenie sono usciti dalla cellula Quando i virus sono sprovvisti di envelope, i virioni neoformati si accumulano nella sede di montaggio, formando ammassi talora cospiqui che possono assumere un ordinato aspetto tridimensionale di formazioni cristalline (fattorie). In questi casi la liberazione del virus neoformato nell ambiente esterno, si verifica solo per lisi della cellula scaricato da 24

25 Microscopia elettronica di fattorie citoplasmatiche in una cellula infetta con un reovirus scaricato da 25

26 Rilascio Liberazione della progenie virale a) Virus con pericapside gemmazione dalla membrana plasmatica esocitosi A golgi B C D scaricato da 26

27 Gemmazione del virus VSV dalla superficie di cellule CHO Gemmazione di un retrovirus alla superficie di una cellula infetta C ll l i f d i d ll h Cellula infetta da virus dell herpes simplex osservata al microscopio elettronico: dx: nucleocapsidi icosaedrici nel nucleo sx: virioni extracellulari provvisti di envelope scaricato da 27

28 Poxvirus scaricato da 28

29 Assemblaggio e rilascio Herpesvirus La genetica interviene in tutti gli aspetti della virologia L evoluzione naturale dei virus Il management clinico delle infezioni virali La virologia sperimentale scaricato da 29

30 Virologia sperimentale Goal Comprendere l organizzazione funzionale del genoma di un virus Determinazione della struttura di un genoma virale a livello nucleotidico Isolamento di varianti mutate del virus alterate in ciascun gene Analisi degli effetti di ciascuna mutazione sulla replicazione e/o la patogenesi I primi metodi per identificare, mappare, e caratterizzare i geni virali 1940s, 1950s, e 1960s L analisi genetica dei virus consisteva in: 1) casuale, forzato isolamento di numerosi virus individuali mutati seguito da analisi di complementazione per raggruppare i diversi mutanti 2) ricombinazione i per determinare l ordine fisico dei geni nel genoma virale 3) analisi fenotipica dei mutanti per determinare la funzione dei geni Colture cellulari Inizio dell era moderna dell analisi genetica dei virus 1970s Nuove tecniche mappatura con enzimi di restrizione marker rescue sequenziamento del DNA Reverse Genetics ma Tecnologia del DNA ricombinante Le tecniche classiche continuano ad essere utilizzate La struttura del genoma virale viene determinata e dopo la funzione dei singoli geni viene analizzata attraverso mutanti specificamente costruiti scaricato da 30

31 Mappatura dei siti di restrizione sul genoma virale DNA lineare tagliato con enzimi di restrizione A e B (-) A B (+) 1.0 What genes do you need to survive, and why do you need them? scaricato da 31

32 VARIABILITA VIRALE C è più diversità tra i virus che in tutti gli altri esseri biologici esistenti in natura. Nuove varianti si formano in continuazione E impossibile descrivere tutti i gruppi di virus non solo per la loro quantità, ma anche perché in continuo cambiamento Wild-Type Virus (ceppo selvatico) I virus definiti come wild type possono essere molto diversi da quelli realmente presenti in natura La genetica virale si fonda sulla coltivazione e l analisi dei virus in colture cellulari Isolati virali di campo possono essere soggetti a diverse modificazioni genetiche durante l adattamento alla coltivazione in vitro su colture cellulari In più I virus designati wild type devono essere purificati mediante selezione di placca prima di iniziare uno studio genetico unico background genetico scaricato da 32

33 Genotipo Fenotipo Concetti fondamentali di genetica Genotipo/Fenotipo Reale modificazione genetica rispetto al wt Manifestazione misurabile della modificazione in un sistema di analisi specifico Singolo genotipo Diversi fenotipi Secondo il sistema utilizzato Mutazione di un gene virale ESEMPIO Mutante temperatura sensibile su es.: VERO SI es.: BHK21 NO Concetti fondamentali di genetica Selezione e screen genetico si riferiscono a due metodi fondamentalmente diversi per identificare singole varianti virali contenute in una popolazione mista di virus La selezione implica la presenza di una condizione in cui solo il virus desiderato è in grado di crescere mentre gli altri vengono soppressi ESEMPIO Identificazione di un virus resistente ad un farmaco da una popolazione mista contenente anche virus sensibili Infettare un monostrato di cellule e trattarlo con il farmaco - drug + drug scaricato da 33

34 Concetti fondamentali di genetica Screen genetico Mutante desiderato (es.: tm) + molti altri virus Coltivati con le stesse condizioni permissive (temperatura ottimale) Analisi delle singole placche (a temperature più elevate) Introduzione di un marker fenotipico Inserimento del gene della betagalattosidasi al posto del gene da inattivare Virus wt (placche bianche) In presenza dell appropriato cromogeno (X-gal) Virus mutato (placche blu) Concetti fondamentali di genetica Essenziale/Nonessenziale Essenziale Nonessenziale Necessariamente richiesto per la replicazione in specifiche condizioni Non richiesto per la replicazione in specifiche condizioni Eventualmente alcuni geni possono essere essenziali per la replicazione nell ospite naturale, ma non per la replicazione in vitro Gene mutato Isolamento Analisi funzione Gene nonessenziale Gene essenziale Facile (il gene può essere deleto) Condizioni difficili da trovare Difficile (no fenotipo) Caratterizzazione precisa della mutazione causa del difetto replicativo scaricato da 34

35 Mutazioni Mutazioni Spontanee Mutazioni Indotte Mutazioni doppie Mutanti doppi (o multipli) possono contenere più di una mutazione per portare un fenotipo Mutazioni Spontanee Sia i virus a DNA che ad RNA possono andare incontro a mutazioni spontanee RNA viruses > DNA viruses per ciclo replicativo per ciclo replicativo Trascrittasi inversa/ RNA polimerasi RNA-dipendente No proofreading DNA polimerasi DNA-dipendente funzione proofreading Differenze nel tasso di frequenza di mutazioni spontanee Biologia del virus Analisi genetica dei virus I virus RNA in natura esistono come: quasi-species scaricato da 35

36 Mutazioni indotte La frequenza di mutazioni può comunque essere bassa che indurre mutazioni è necessario per isolare virus mutati normalmente single-base changes Mutageni chimici in vitro Alterazione dell acido nucleico trattando i virioni in assenza di replicazione idrossilamina acido nitroso agenti alchilanti Modificazioni chimiche di specifiche basi causano disaccoppiamento che porta ad mutazioni missenso in vivo Analoghi nucleosidici Devono essere incorporati durante la replicazione del virus nitrosoguanidine mutazioni missenso L uso di mutageni chimici porta ad un aumento della frequenza delle mutazioni di varie centinaia di volte 0.5% della popolazione totale di virus Sostituzione di base Genotipo mutato Delezione/inserzione GCG GCA CUC-AGC-GUU Ala Silente Ala DEL Leu Ser Val INS GAC GAG Asp Glu Missenso CUC-GUU CUC-AGC-CAU-GUU Leu Val Leu Ser His Val Del/Ins di triplette o multipli UAG UAA CUC-AGG-UU CUC-AAG-CGU-U Leu Arg Leu Lys Trp Stop Non-senso Del/Ins di singole basi Mutazioni non-senso, frameshift, grosse delezioni/inserzioni in frame: inattivazione del gene Mutazioni missenso: cambiamenti nel fenotipo (es.: resistenza farmaci) Arg scaricato da 36

37 Fenotipo mutato Goal Funzione di ciascun gene virale Inibiscono la replicazione inattivando uno specifico gene Mutanti utili Necessità di coltivazione Mutazione non letale Fenotipi Spettro d ospite Nonsense Temperatura-sensibili Dipendenti dai farmaci Morfologia di placca Mutanti virali per spettro d ospite Virus mutante Virus wt Cellula A Cellula B Cellula A Cellula B Crescita SI NO SI SI Naturale o ingegnerizzato Raro Delezione di un gene essenziale Creazione di una linea cellulare (su cui coltivare il virus) che esprime in modo costitutivo o transiente il gene deleto in modo da fornire al virus la funzione mancante scaricato da 37

38 Mutanti temperatura-sensibili Virus mutante Virus wt Bassa Temp. Alta Temp. Bassa Temp. Alta Temp. Crescita SI NO SI SI Generalmente mutazioni in un singolo aminoacido che rendono la proteina target instabile a temperature più alte rendendo il gene non funzionale Metodo di selezione Mutagenesi random indotta e poi screening alle due temperature Raccolta e test delle singole placche Lo screening può essere reso più facile dall utilizzo ddella tecnica dell allargamento delle placche: si coltivano i virus a temperatura permissiva, poi si spostano a temperatura più elevata (non permissiva per i mutanti) e si selezionano le placche che restano della stessa taglia Farmaco resistenza/dipendenza Diverse sostanze ad attività antivirale Maggiore utilità (inibiscono diverse famiglie virali) sono state descritte Antivirali specifici per un singolo prodotto genico ESEMPI Guanidine polio 2C NTPase Acyclovir Amantidine IBT (Isatin-βthiosemicarbazone) herpes simplex virus thymidine kinase e DNA polymerase influenza virus M2 (proteina integrale di membrana) due geni dei poxviruses coinvolti nella trascrizione virale I farmaci più utili sono quelli che inibscono ib la crescita su colture cellulari l (trattate col farmaco) del wt permettendo la selezione delle placche formate da particelle virali resistenti Gli effetti tossici devono essere minimali per consentire la sopravvivenza delle cellule Utilizzo: a) marker di selezione b) identificazione del target o meccanismo d azione di un farmaco antivirale scaricato da 38

39 Diluzioni seriali in base 10 del virus wt o del mutante temperatura sensibile ts56 40 C temperature non-permissiva per ts56 Wt virus forma placche sia a 31 C sia a 40 C, ma la formazione di placche è inibita dal IBT ts56 contiene una mutazione missenso che lo rende incapace di crescere a 40 C, ma è anche dipendente dalla presenza di IBT, infatti cresce a 40 C solo in presenza di IBT Mutanti spontanei resistenti all IBT nel wt virus stock (placche a 10 3 e 10 4 in presenza di IBT Morfologia di placca Mutanti con diversa morfologia di placca sono facilmente distinguibili dal wt Le placche provocate dai virus mutati saranno di maggiori o minori dimensioni rispetto al wt Mutanti sinciziali Esempio Difetto nelle Glicoproteine di membrana wt Virus erpetici Estesa fusione delle cellule infette Gruppi di cellule arrotondate Con scarsa fusione scaricato da 39

40 Reversion Gene V A mutante ts Gene A V Mutante del mutante ts Reversione: il risultato di una mutazione spontanea che porta il genotipo del virus al genotipo originale Frequenza Mutazioni missenso Delezioni Riflette la frequenza degli errori degli enzimi di replicazione Estremamente rare (intera sequenza di nucleotidi da rimpiazzare) Complementazione A B p np Virus mutato A Virus mutato B Condizioni permissive Analisi genetica dei mutanti Serve a determinare se due mutanti virali hanno subito mutazione nello stesso gene o in geni differenti Condizioni non-permissive np np p + A A B B Raccolta del virus A A+ B B Indice di Complementazione (CI) Titolazione Titolo (A+B)p Titolo (A+B)np Titolo (A)p + Titolo (B)np = CI scaricato da 40

41 Condizioni di crescita non permissive Complementazione? Mutante A Mutante B Gene X Gene Y A fornisce il gene Y a B B fornisce il gene X ad A SI Mutante A Mutante B Gene X Il gene X viene sempre a mancare Gene X Complementazione: CI maggiore di 1 NO Complementazione qualitativa ts12, ts15, ts28, ts54, ts61 Stesso gruppo di complementazione? Esperimento Monostrati di African green monkey kidney cell line BSC40 Infezione (0.03 pfu/cell) con virus mutati singoli o in coppie Controllo ts7 appartenente ad un diverso gruppo di complementazione Risultati Singoli virus Infezioni doppie Infezioni miste con ts7 NO NO SI ts12, ts15, ts28, ts54, ts61 appartengono allo stesso gruppo di complementazione scaricato da 41

42 Complementazione Non solo gruppi di complementazione Fondamentale per: crescita di virus deleti ingegnerizzati mediante infezione di cellule (a loro volta ingegnerizzate) che forniscono il gene mancante Interazione genetica: Due tipi di complementazione Complementazione allelica (intragenica): quando differenti mutanti hanno difetti complementanti nello stesso gene Complementazione non allelica (intergenica): risultante da da difetti in geni diversi scaricato da 42

43 Ricombinazione Ricombinazione Sequenze di acido nucleico da due virus Parentali genotipicamente diversi vengono scambiate La progenie contiene sequenze di entrambi i virus Nei virus esistono tre diversi meccanismi di ricombinazione DNA Rottura fisica e ricongiunzione tra le due molecole di DNA attraverso regioni contenenti sequenze omologhe RNA non-segmentato Picornavirus, coronavirus, Togavirus e retrovirus (efficiente ricombinazione) Ricombinazione durante la replicazione dove attraverso il meccanismo (copy choice) viene alternativamente scelto il template RNA segmentato Riassortimento dei vari segmenti di RNA COPY CHOICE RECOMBINATION scaricato da 43

44 COPY CHOICE RECOMBINATION COPY CHOICE RECOMBINATION scaricato da 44

45 RIASSORTIMENTO Riassortimento dei segmenti di RNA del virus dell influenza Polyacrylamide gel degli RNA marcati con 32P e autoradiografia scaricato da 45

46 Ricombinazione classica RICOMBINAZIONE Comune nei virus a DNA RICOMBINAZIONE - SOME USES scaricato da 46

47 Ricombinazione mediante trasfezione di DNA plasmidico ed infezione con HSV-1 di cellule CR1 (cellule Vero che esprimono stabilmente gh) HSV - SynK gh UL21 UL23 UL53 LacZ A V Mutazione in gh da analizzare una volta inserita in HSV-1 UL22 - gh CMVp aa 280 pimplghmut280 fori AmpR HSV SynKgHMut280 UL21 UL23 UL53 UL22 - gh A V HSV SynKgHM280 Fenotipo: Syn/White UL53 UL22 A V HSV - gh Syn mutant LacZ flank seq. UL bp UL22 1 Kb UL22 flank seq. UL23 Fenotipo: Non-Syn/Blue HSV - SynK UL53 UL22 A V HSV - ghpa Syn mutant LacZ flank seq. UL21 flank seq. UL23 scaricato da 47

48 Selezione Selezione Co-infezione a 10 MOI (HSV-1 ghpa e HSV-1 SynK) su cellule CR1 24h Raccolta progenie viruale e preparazione di diverse aliquote Risultato Titolazione su CR1 3.3 x 107 pfu/ml 7,2% (% di ricombinazione) Syn/Blu Infezione di cellule CR1 con progenie virale 24h 6-8h Ricoprire le cellule con agarosio +X-gal Raccolta delle placche blu sinciziali Risultato 10 placche blu sinciziali raccolte 1 selezionata scaricato da 48

49 Selezione Infezione di cellule CR1 con placca selezionata 24h 6-8h Risultato Ricoprire le cellule con agarosio +X-gal Raccolta delle placche blu sinciziali 10 placche blu sinciziali raccolte 2.1 x 10 4 pfu/ml 20% Blu/Syn 1 selezionata La raccolta delle placche viene effettuata almeno 3-4 volte Infezione di cellule CR1 con placca selezionata 24h 6-8h Risultato Ricoprire le cellule con agarosio +X-gal Raccolta delle placche blu sinciziali 10 placche blu sinciziali raccolte 1 selezionata 8 x 10 4 pfu/ml 100% Blu/Syn HSV SynK gh 10 8 pfu/ml Southern blotting di ghpasynk scaricato da 49

50 Costruzione di virus mutato Trasfezione delle cellule con il DNA plasmidico contenente il gene mutato da sostituire DNA Infezione con il virus ricombinante Virus HSV - SynK gh UL21 LacZ UL23 UL53 A V CMVp UL22-gH aa 280 pimplghmut280 AmpR fori Selezione delle placche sinciziali bianche (il gene LacZ viene sostituito da gh) HSV SynKgHMut280 UL21 UL23 UL22-gH UL53 A V Southern blotting di HSV-1SynKpAgHM280 scaricato da 50

GENERALITA PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO

GENERALITA PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO GENERALITA A causa della natura di PARASSITA INTRACELLULARE OBBLIGATO, il virus può esprimere la sua attività biologica solo all interno di una CELLULA OSPITE che permetta la completa espressione del suo

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS

LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS LA MOLTIPLICAZIONE DEI VIRUS I virioni, rappresentano la fase biologicamente inattiva, dei singoli virus. Le diverse famiglie di virus utilizzano strategie replicative a causa della differente organizzazione

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

Sulla base del tipo di acido nucleico e delle modalità di trascrizione del mrna, il virologo

Sulla base del tipo di acido nucleico e delle modalità di trascrizione del mrna, il virologo Classificazione dei virus Sulla base del tipo di acido nucleico e delle modalità di trascrizione del mrna, il virologo David Baltimore ha proposto una divisione che raggruppa i virus in 7 classi. Classe

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

Mutagenesi: introduzione di alterazioni in una sequenza nucleotidica. Mutagenesi random: le mutazioni avvengono a caso su un tratto di DNA.

Mutagenesi: introduzione di alterazioni in una sequenza nucleotidica. Mutagenesi random: le mutazioni avvengono a caso su un tratto di DNA. Mutagenesi: introduzione di alterazioni in una sequenza nucleotidica Mutagenesi random: le mutazioni avvengono a caso su un tratto di DNA. In genere si ottengono trattando il DNA con agenti chimici (es.

Dettagli

Mutazioni. Un cambiamento nel materiale genetico che non venga riparato dai meccanismi di riparo costituisce una mutazione

Mutazioni. Un cambiamento nel materiale genetico che non venga riparato dai meccanismi di riparo costituisce una mutazione Mutazioni Un cambiamento nel materiale genetico che non venga riparato dai meccanismi di riparo costituisce una mutazione Le mutazioni possono essere spontanee oppure causate da agenti fisici, chimici

Dettagli

Plasmidi come vettori di clonaggio

Plasmidi come vettori di clonaggio Plasmidi come vettori di clonaggio Un vettore plasmidico di buona qualità deve possedere le seguenti proprietà: 1. Piccole dimensioni (

Dettagli

Genetica dei microrganismi

Genetica dei microrganismi Genetica dei microrganismi Dott.ssa Silvia Preziuso Dipartimento di Scienze Veterinarie Università di Camerino Sezione di Patologia Animale, Profilassi e Igiene degli Alimenti Argomenti trattati Gli acidi

Dettagli

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico

RNA interference. La tecnologia dell RNAi è basata su un processo di inattivazione genica post-trascrizionale, altamente specifico RNA interference Tecnica che permette di interferire con l espressione di alcuni geni mediante la trasfezione di piccoli frammenti di RNA a doppio filamento in grado di antagonizzare l RNA messaggero corrispondente.

Dettagli

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione

SINTESI DELL RNA. Replicazione. Trascrizione. Traduzione SINTESI DELL RNA Replicazione Trascrizione Traduzione L RNA ha origine da informazioni contenute nel DNA La TRASCRIZIONE permette la conversione di una porzione di DNA in una molecola di RNA con una sequenza

Dettagli

L adattamento dei batteri. Strategie di adattamento

L adattamento dei batteri. Strategie di adattamento L adattamento dei batteri Strategie di adattamento mutazione trasferimento genico orizzontale regolazione dell espressione genica regolazione della trascrizione regolazione della traduzione regolazione

Dettagli

Classificazione dei virus

Classificazione dei virus Classificazione dei virus Criteri di classificazione International Committee on Taxonomy of Viruses Ospiti: animali, piante, batteri. Natura dell acido nucleico nel virione : RNA o DNA Simmetria del capside:

Dettagli

La natura dei virus. Caratteristiche morfologiche e proprietà distintive

La natura dei virus. Caratteristiche morfologiche e proprietà distintive La natura dei virus Caratteristiche morfologiche e proprietà distintive COS E UN VIRUS? MICRORGANISMO O AGENTE INFETTIVO??? PARASSITI INTRACELLULARI OBBLIGATI UN PROGRAMMA GENETICO RIVESTITO DA PROTEINE

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

Struttura e funzione dei geni. Paolo Edomi - Genetica

Struttura e funzione dei geni. Paolo Edomi - Genetica Struttura e funzione dei geni 1 Il DNA è il materiale genetico La molecola di DNA conserva l informazione genetica: topi iniettati con solo DNA di batteri virulenti muoiono 2 Proprietà del DNA Il DNA presenta

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati.

Biotecnologie ed OGM. Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. Biotecnologie ed OGM Prima parte: DNA ricombinante e microorganismi geneticamente modificati. COSA SONO LE BIOTECNOLOGIE? Si dicono Biotecnologie i metodi tecnici che permettono lo sfruttamento di sistemi

Dettagli

La traduzione: dall mrna alle proteine

La traduzione: dall mrna alle proteine La traduzione: dall mrna alle proteine Le infezioni batteriche sono una grave causa di malattie e morte in Europa e negli USA. Le infezioni batteriche si curano con antibiotici che colpiscono l espressione

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Definizione di genoteca (o library) di DNA

Definizione di genoteca (o library) di DNA Definizione di genoteca (o library) di DNA Collezione completa di frammenti di DNA, inseriti singolarmente in un vettore di clonaggio. Possono essere di DNA genomico o di cdna. Libreria genomica: collezione

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

Genetica dei microrganismi 3

Genetica dei microrganismi 3 Genetica dei microrganismi 3 2 In questo caso il filtro poroso non eliminava lo scambio, indicando l esistenza di un fattore diffusibile DNasi resistente Trasduzione generalizzata 3 Figura 10.14 4 Trasduzione

Dettagli

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b)

PRINCIPALI TIPI DI PCR a) PRINCIPALI TIPI DI PCR b) PRINCIPALI TIPI DI PCR a) RT-PCR: serve a valutare l espressione di un gene tramite l amplificazione dell mrna da esso trascritto PCR COMPETITIVA: serve a valutare la concentrazione iniziale di DNA o RNA

Dettagli

Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina

Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina Riprendiamo ora il cosiddetto dogma centrale della biologia: dal gene alla proteina trascrizione traduzione L mrna lascia il nucleo e si posiziona sugli organelli chiamati ribosomi, contenenti rrna Trascrizione

Dettagli

La mutazione è una modificazione della sequenza delle basi del DNA

La mutazione è una modificazione della sequenza delle basi del DNA La mutazione è una modificazione della sequenza delle basi del DNA Le mutazioni sono eventi rari e importanti in quanto sono alla base dell evoluzione biologica Le mutazioni possono essere spontanee (dovute

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

La regolazione genica nei eucarioti

La regolazione genica nei eucarioti La regolazione genica nei eucarioti Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri Differenziamento negli eucarioti pluricellulari Negli eucarioti le cellule specializzate dei vari tessuti contengono

Dettagli

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT

INFEZIONE DA HIV ED AIDS WWW.SLIDETUBE.IT INFEZIONE DA HIV ED AIDS HIV 1 ed HIV 2 appartengono alla famiglia dei Retroviridae, genere lentovirus. L infezione da HIV provoca nell ospite una progressiva compromissione delle difese immunitarie, soprattutto

Dettagli

Come funzionano gli oligo Antisenso? RNA WORLD. mrna. Regolare l espressione genica tramite molecole di RNA. Come funzionano gli oligo antisenso?

Come funzionano gli oligo Antisenso? RNA WORLD. mrna. Regolare l espressione genica tramite molecole di RNA. Come funzionano gli oligo antisenso? RNA WORLD RNA Come funzionano gli oligo Antisenso? mrna Non coding RNA AAAAAAA rrna trna snrna snorna RNA Antisenso sirna Arresto della traduzione Proteina incompleta o nessuna sintesi MECCANISMO PASSIVO

Dettagli

Il genoma dinamico: gli elementi trasponibili

Il genoma dinamico: gli elementi trasponibili Il genoma dinamico: gli elementi trasponibili Anni trenta: studi sul mais ribaltano la visione classica secondo cui i geni si trovano solo in loci fissi sul cromosoma principale Esistono elementi genetici

Dettagli

Struttura e classificazione dei virus:

Struttura e classificazione dei virus: Struttura e classificazione dei virus: Morfologia: i virus mancano di tutte quelle complesse strutture proprie delle cellule, si compongono essenzialmente di una acido nucleico e di un rivestimento proteico

Dettagli

REPLICAZIONE DEL DNA

REPLICAZIONE DEL DNA REPLICAZIONE DEL DNA La replicazione (o anche duplicazione) è il meccanismo molecolare attraverso cui il DNA produce una copia di sé stesso. Ogni volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma

Dettagli

Terapia Genica. Trattamento di patologie umane in cui il farmaco è materiale genetico

Terapia Genica. Trattamento di patologie umane in cui il farmaco è materiale genetico Terapia Genica Trattamento di patologie umane in cui il farmaco è materiale genetico Storia clinica della terapia genica E cominciata nel 1990 con trattamento ex vivo di pazienti affetti da immunodeficienza

Dettagli

Trasferimento genico in cellule animali

Trasferimento genico in cellule animali Trasferimento genico in cellule animali In 3 modi: 1. Trasferimento diretto del DNA in cellule bersaglio mediante mezzi fisici. Es. microiniezione in vitro o in vivo, bombardamento con microproiettili

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

Strategie per lo sviluppo di antivirali

Strategie per lo sviluppo di antivirali Strategie per lo sviluppo di antivirali Attacco del virus al recettore Ingresso Spoliazione Trascrizione e traduzione Modifiche post-traduzionali Replicazione del genoma virale Assemblaggio/maturazione

Dettagli

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica

Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Controllo post-trascrizionale dell espressione genica Livelli di controllo dell espressione genica Rivisitazione del concetto di gene Per gli organismi eucariotici più evoluti il dogma un gene = una proteina

Dettagli

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione.

C2. Il rilascio del fattore sigma marca il passaggio alla fase di allungamento della trascrizione. Soluzioni ai problemi del Capitolo 12 Domande concettuali C1. A. I geni dei trna codificano molecole di trna e i geni degli rrna le molecole di rrna che si trovano nei ribosomi. Esistono anche dei geni

Dettagli

e prioni Introduzione C A P I T O L O 17 Virus, viroidi

e prioni Introduzione C A P I T O L O 17 Virus, viroidi 17_Schaechter_def 17-10-2007 16:35 Pagina 335 C A P I T O L O 17, viroidi e prioni Introduzione Struttura Ecologia e classificazione Replicazione virale Attacco e penetrazione Strategie di sintesi di acidi

Dettagli

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli:

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: -isolare un gene (enzimi di restrizione) -clonaggio (amplificazione) vettori -sequenziamento -funzione Il gene o la sequenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Facoltà di Medicina e Chirurgia anno accademico 2007/2008 VIROLOGIA GENERALE T.G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA. Facoltà di Medicina e Chirurgia anno accademico 2007/2008 VIROLOGIA GENERALE T.G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Medicina e Chirurgia anno accademico 2007/2008 VIROLOGIA GENERALE T.G. La scoperta dei virus Prima descrizione di patologia di origine virale: Vaiolo

Dettagli

Virus Oncogeni. Ciclo vitale litico. Per la maggior parte dei virus è vero: proteine virali. Replicazione Lisi Progenie virale

Virus Oncogeni. Ciclo vitale litico. Per la maggior parte dei virus è vero: proteine virali. Replicazione Lisi Progenie virale Virus Oncogeni Per la maggior parte dei virus è vero: Genoma proteine virali Replicazione Lisi Progenie virale Ciclo vitale litico 1 Virus Oncogeni Ciclo vitale latente Virus Cellula Integrazione (generalmente)

Dettagli

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine

Il flusso dell informazione genetica. DNA -->RNA-->Proteine Il flusso dell informazione genetica DNA -->RNA-->Proteine Abbiamo visto i principali esperimenti che hanno dimostrato che il DNA è la molecola depositaria dell informazione genetica nella maggior parte

Dettagli

Caratteristiche generali dei virus

Caratteristiche generali dei virus I virus 1898: Beijerinck e Iwanowsky dimostrano che il mosaico del tabacco è una malattia infettiva sostenuta da un agente filtrabile; Loeffler e Frosch isolano da animali il virus dell'afta epizootica

Dettagli

Analisi molecolare dei geni

Analisi molecolare dei geni Analisi molecolare dei geni Denaturazione e rinaturazione di una molecola di DNA Si rompono i legami idrogeno 100 C Denaturazione del DNA Rinaturazione per riassociazione delle sequenze complementari Ogni

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA 0) CONCETTI BASE La trasformazione delle informazioni genetiche in proteine richiede due passaggi: la trascrizione del DNA in mrna e la traduzione dell mrna in una

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

Replicazione del DNA

Replicazione del DNA Replicazione del DNA la replicazione del DNA viene effettuata da ENZIMI: DNA-polimerasi (catalizza la formazione del legame fosfodiestere) ogni filamento fa da stampo (enzima diretto dallo stampo) le DNA-polimerasi

Dettagli

MECCANISMI DI RIPARAZIONE DEL DNA

MECCANISMI DI RIPARAZIONE DEL DNA MECCANISMI DI RIPARAZIONE DEL DNA MUTAZIONI SPONTANEE ED INDOTTE Il danno al DNA non riparato può portare a mutazioni che causano malattie o morte delle cellule. Le mutazioni derivano da cambiamenti della

Dettagli

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri LA GENETICA DNA e RNA Prof. Daniele Verri L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni necessarie per la formazione di RNA e proteine. LA GENETICA:

Dettagli

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto

RNA polimerasi operone. L operatore è il tratto La regolazione genica nei procarioti Alcune proteine vengono prodotte dalla cellula ad un ritmo relativamente costante e l attività dei geni che codificano queste proteine non è regolata in modo sofisticato.

Dettagli

sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale

sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale sirna Strategie di silenziamento genico post-trascrizionale RNAi Introduction RNAi = RNA interference Il termine è utilizzato per descrivere l interferenza dell RNA come meccanismo naturale e anche come

Dettagli

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1

Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 Uso di vettori lentivirali per trasdurre linee cellulari di adenocarcinoma colorettale con shrnas silenzianti il gene herg1 e loro applicazione in studi pre-clinici. Il trasferimento genico è una tecnologia

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE

www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE www.fisiokinesiterapia.biz TRASCRIZIONE TRASCRIZIONE Processo mediante il quale una sequenza di DNA (un gene) viene copiata in una sequenza di RNA Dalla trascrizione derivano gli mrna, che verranno tradotti

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte

PCR. PCR o reazione di polimerizzazione a catena. Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte PCR Prof.ssa Flavia Frabetti PCR o reazione di polimerizzazione a catena Fine anni 80 Amplificazione esponenziale di DNA. Puo amplificare un tratto di DNA per piu di 1 milione di volte Permette di estrarre

Dettagli

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione

Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione Dal DNA alle proteine: La trascrizione e la traduzione DNA RNA Trascrizione RNA PROTEINE Traduzione Dove avvengono? GLI EUCARIOTI I PROCARIOTI Cambell, Reece Biologia ZANICHELLI Trascrizione Sintesi di

Dettagli

LA TRADUZIONE E IL CODICE GENETICO

LA TRADUZIONE E IL CODICE GENETICO LA TRADUZIONE E IL CODICE GENETICO La traduzione La traduzione è il processo di sintesi di una catena polipeptidica, un polimero costituito da amminoacidi legati insieme da legami peptidici Le molecole

Dettagli

Reovirus. Stabili in svariate condizioni di ph, T e negli aerosol.

Reovirus. Stabili in svariate condizioni di ph, T e negli aerosol. Orthoreovirus, Rotavirus, Orbivirus, Coltivirus Caratteri generali: Privi di mantello. Due involucri capsidici. 10-12 segmenti di RNA genomico a doppio filamento. Reovirus Stabili in svariate condizioni

Dettagli

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato.

Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Nei sistemi modello approcci di modificazione genetica che producono o sequenze genetiche alterate o espressione genetica alterata fenotipo alterato. Correlazione tra fenotipo alterato, o a livello cellulare,

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Corso di Biologia Molecolare

Corso di Biologia Molecolare Corso di Biologia Molecolare Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Acidi nucleici Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

R.J.Brooker, Principi di genetica Copyright 2010 The McGraw-Hill Companies S.r.l., Publishing Group Italia

R.J.Brooker, Principi di genetica Copyright 2010 The McGraw-Hill Companies S.r.l., Publishing Group Italia Capitolo 6 Trasferimento genetico e mappatura genetica nei batteri e nei batteriofagi 6.1 Circa 10 8 cellule di Escherichia coli appartenenti a un ceppo mutante vengono inoculate su un terreno colturale

Dettagli

Elementi di Bioinformatica. Genomica. Introduzione

Elementi di Bioinformatica. Genomica. Introduzione Corso di Elementi di Bioinformatica Ingegneria Biomedica AA 2013-14 Elementi di Bioinformatica Genomica Introduzione Genomica Genomica (genomics) Riguarda lo studio del genoma degli organismi viventi e,

Dettagli

DNA non codificante ncdna

DNA non codificante ncdna DNA non codificante ncdna Teorie sul ruolo genetico RNAi e mirna Liberamente tratto dalla tesina del Dr. Emiliano Mancini ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti

Dettagli

Caratteristiche generali dei virus

Caratteristiche generali dei virus CORSO DI LAUREA MAGISTRALE SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 Corso Integrato di Microbiologia Agroalimentare e Microbiologia Applicata Caratteristiche generali dei virus Dr.ssa Claudia

Dettagli

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI

METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI METODI DI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI Marcatura di acidi nucleici Una sonda per ibridazione è una molecola di DNA marcata, con una sequenza complementare al DNA bersaglio da individuare. Poiché la sonda

Dettagli

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio

LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR. Dott. Paolo Cascio LEZIONE X FUNZIONAMENTO E APPLICAZIONI DELLA PCR Dott. Paolo Cascio Tecnica della reazione a catena della DNA polimerasi o PCR (Polymerase Chain Reaction) 1) Introdotta da Kary Mullis alla metà degli anni

Dettagli

8-06-2010. BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING. BLOTTING delle proteine: NORTHERN BLOTTING SOUTHERN BLOTTING

8-06-2010. BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING. BLOTTING delle proteine: NORTHERN BLOTTING SOUTHERN BLOTTING 8-06-2010 TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA BLOTTING degli acidi nucleici: RT-PCR REAL TIME PCR SOUTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING NORTHERN BLOTTING BLOTTING delle proteine: MICROARRAYS MACROARRAYS

Dettagli

Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici

Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici Tecniche molecolari per lo studio degli acidi nucleici Prof.ssa Flavia Frabetti aa. 2010-11 Estrazione acidi nucleici (DNA o RNA) Verifica tramite elettroforesi su gel di agarosio Amplificazione o clonaggio

Dettagli

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo

immagine Biologia applicata alla ricerca bio-medica Materiale Didattico Docente: Di Bernardo Esperto in processi innovativi di sintesi biomolecolare applicata a tecniche di epigenetica Materiale Didattico Biologia applicata alla ricerca bio-medica immagine Docente: Di Bernardo TECNICHE PER L ANALISI

Dettagli

I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI

I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI Davide Schiavone Biochimica A.A. 2004-2005 I mirna NEI MECCANISMI ANTIVIRALI I processi di difesa antivirale operati da RNA sfruttano diversi meccanismi che sono raggruppati sotto il nome di RNA silencing.

Dettagli

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario

Indice dell'opera. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Sommario Indice dell'opera Prefazione Capitolo 1 Introduzione alla genetica Genetica classica e moderna Genetisti e ricerca genetica Capitolo 2 DNA: il materiale genetico La ricerca del materiale genetico La composizione

Dettagli

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo)

Regolazione della trascrizione. Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) Regolazione della trascrizione Operoni catabolici nei procarioti (controllo negativo) I geni possono essere accesi e spenti In un organismo pluricellulare adulto, vi sono molti tipi di cellule differenti,

Dettagli

Il metabolismo dell RNA. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

Il metabolismo dell RNA. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie Il metabolismo dell RNA I vari tipi di RNA Il filamento di DNA che dirige la sintesi dello mrna è chiamato filamento stampo o filamento antisenso. L altro filamento che ha sequenza identica a quella dello

Dettagli

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA

DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? SI AUMENTA O SI DIMINUISCE L ESPRESSIONE DELLA PROTEINA DOMANDA FREQUENTE: QUALE E LA FUNZIONE DI UNA CERTA PROTEINA? OVERESPRESSIONE DELLA PROTEINA ESPRESSIONE ECTOPICA CON UN VETTORE DI ESPRESSIONE ABOLIZIONE DELLA ESPRESSIONE DELLA PROTEINA INTERFERENZA

Dettagli

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali

Soluzioni ai problemi del Capitolo 15. Domande concettuali Soluzioni ai problemi del Capitolo 15 Domande concettuali C1. 1. La struttura DNA-cromatina. Questo livello comprende l amplificazione genica, un aumento del numero di copie; riarrangiamenti di geni, come

Dettagli

Dal DNA alle proteine: l espressione genica

Dal DNA alle proteine: l espressione genica Dal DNA alle proteine: l espressione genica La terapia genica costituisce una frontiera per la medicina moderna. Grazie a questa tecnica in futuro si potranno curare più efficacemente molte malattie. Per

Dettagli

segmenti genetici contenuti in due genomi separati vengono messi insieme in un unica unità

segmenti genetici contenuti in due genomi separati vengono messi insieme in un unica unità RICOMBINAZIONE GENICA segmenti genetici contenuti in due genomi separati vengono messi insieme in un unica unità Si ottengono nuove combinazioni di geni anche in assenza di mutazione Le modificazioni provocate

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012

Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012 Lezione XLI-XLII martedì 17-1-2012 corso di genomica aula 8 orario : Martedì ore 14.00-16.00 Giovedì ore 13.00-15.00 Esami 31- gennaio 2012 7- febbraio 2012 28 - febbraio 2012 D. Frezza Esercitazione II

Dettagli

Microbiologia Dipartimento di Farmacia e BioTecnologie Università di Bologna

Microbiologia Dipartimento di Farmacia e BioTecnologie Università di Bologna Microbiologia Dipartimento di Farmacia e BioTecnologie Università di Bologna Prof. Giorgio Gallinella Prof.ssa Giovanna Gentilomi Dott.ssa Francesca Bonvicini (ricercatore) Dott.ssa Elisabetta Manaresi

Dettagli

Biotecnologie ed OGM : come vengono trasferiti i geni?

Biotecnologie ed OGM : come vengono trasferiti i geni? Biotecnologie ed OGM : come vengono trasferiti i geni? a cura di Leonardo Magneschi Scuola Estiva di Orientamento Volterra 2007 Venerdì 29 giugno 2007 1 Introduzione all Ingegneria Genetica L ingeneria

Dettagli

A che servono le piante transgeniche?

A che servono le piante transgeniche? A che servono le piante transgeniche? Ricerca di base Applicazioni Ricerca di base Favorire la comprensione e lo studio del ruolo fisiologico di molti geni Effetti correlati alla sovraespressione o alla

Dettagli

Genotipizzazione virale

Genotipizzazione virale Genotipizzazione virale Typing Separazione basata su maggiori differenze genetiche tra i membri di una singola specie virale Subtyping Individuazione di differenze stabili all interno di un gruppo di virus

Dettagli

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014

DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 DMM SCIENTIFIC MEETING - PADOVA, 29-30 MAGGIO 2014 QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE 1. I vaccini a DNA sono potenziati dall uso della elettroporazione in

Dettagli

Biologia Cellulare e DNA «Bigino»

Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Biologia Cellulare e DNA «Bigino» Giulio Barigelletti www.baveno.net Premesse 2 Sempre più frequentemente si sente parlare di DNA, Proteine, Amminoacidi, etc., relazionati all esistenza dell essere umano.

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

Organizzazione del genoma umano II

Organizzazione del genoma umano II Organizzazione del genoma umano II Lezione 7 & Pseudogeni I Pseudogeni non processati : convenzionali ed espressi * Copie non funzionali del DNA genomico di un gene. Contengono esoni, introni e spesso

Dettagli

Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi

Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi Nuovi ruoli dei telomeri e della telomerasi Marco Santagostino Tutor: Elena Giulotto Dipartimento di Genetica e Microbiologia, Università degli Studi di Pavia Argomenti trattati 1. I telomeri e la telomerasi

Dettagli

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B

Downloaded from www.immunologyhomepage.com. Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B Downloaded from www.immunologyhomepage.com Riarrangiamento dei geni per le Immunoglobuline e sviluppo dei linfociti B I geni che codificano i recettori per gli antigeni (BCR e TCR) sono presenti in uno

Dettagli

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA

REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA REGOLAZIONE DELL ESPRESSIONE GENICA Solo una piccola parte dei 4000 geni che costituiscono il genoma batterico o dei circa 30000 geni del genoma umano viene espressa in maniera costante (GENI COSTITUTIVI)

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

Traduzione dell informazione genetica (1)

Traduzione dell informazione genetica (1) Traduzione dell informazione genetica (1) 1 Traduzione dell informazione genetica (2) Il processo negli eucarioti richiede: 70 diverse proteine ribosomiali >20 enzimi che attivano i precursori degli amminoacidi

Dettagli

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR)

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) PCR: reazione polimerasica a catena Inventata da Kary Mullis negli anni 80 (premio Nobel 1993) Serve per ottenere una grande quantita

Dettagli

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti

Dal DNA all RNA. La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti Dal DNA all RNA La trascrizione nei procarioti e negli eucarioti DOGMA CENTRALE DELLA BIOLOGIA MOLECOLARE Gene Regione di DNA che porta l informazione (= che CODIFICA) per una catena polipeptidica o per

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 20

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 20 SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 20 Domande concettuali C1. Si potrebbe concludere che la donna porta una delezione nel gene che è riconosciuto dalla sonda. Per clonare questo gene, potresti iniziare

Dettagli