Replicazione e genetica virale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Replicazione e genetica virale"

Transcript

1 Replicazione e genetica virale Replicazione virale scaricato da 1

2 L infezione avviene attraverso tre fasi: 1) fase primaria che comprende: adsorbimento: ancoraggio del virione a specifici recettori sulla superficie i cellullare per mezzo di siti i stereochimicamente complementari (detti "antirecettori"). Richiede solo una partecipazione passiva della cellula; penetrazione: nel caso dei virus batterici interessa solo l acido nucleico genomico (ed alcune proteine interne), mentre nel caso dei virus dei vertebrati questo fenomeno implica sempre la partecipazione di tutto il virione; scapsulamento: esposizione dell acido nucleico virale, che nei virus batterici é contemporaneo alla penetrazione, mentre nei virus dei vertebrati avviene successivamente. Tre differenti strategie per lo svestimento (uncoating) dei virioni scaricato da 2

3 2) fase replicativa che comprende: - sintesi degli acidi nucleici virali; - sintesi dell RNA messaggero; - sintesi delle proteine virali. 3) fase di rilascio che comprende assemblaggio con un processo morfogenetico dei vari componenti virali neosintetizzati; maturazione: : fuoriuscita it dei virioni i della progenie all esterno della cellula ospite (a seconda dei virus può avvenire con la lisi della cellula oppure per gemmazione dalla membrana citoplasmatica, cioé in modo non traumatico per la cellula). Subito dopo, o contemporaneamente alla penetrazione, inizia la cosiddetta "fase di eclisse" che dura per un periodo che va da minuti a ore, a seconda del tipo di virus. In questa fase i virioni, perdendo la loro integrità strutturale, sembrano scomparire alle comuni indagini immunologiche e virologiche. Queste proprietà, tipiche dei virioni completi, ricompaiono solo in presenza della progenie virale, che può essere dimostrata anche prima della liberazione dalla cellula infettata. scaricato da 3

4 Genomi Virali. I genomi virali variano in grandezza da circa 3,500 nucleotidi (nt) e.s. batteriophago della famiglia Leviviridae (MS2) a circa 280 coppie di kilobasi (kbp) e.s. la famiglia Herpesviridae (CMV) Il genoma dei virus (1) 30% dei virus animali ha un genoma a DNA kb proteine L acido nucleico di tutti i virus a DNA, eccetto i Parvovirus, è a doppio filamento (ma il DNA degli Hepadnavirus è parzialmente a singolo filamento quando non è in fase di replicazione) scaricato da 4

5 Il genoma dei virus (2) 70% dei virus animali ha un genoma ad RNA 7 30 kb 4 18 proteine Sempre a singolo filamento, tranne nei Reovirus Genomi virali. I genomi a RNA sono più piccoli: massimo 30Kb. Perchè? Le RNA polimerasi virali sono prone all errore se paragonate alle DNA polimerasi. La fedeltà di replicazione potrebbe limitarne la taglia. I genomi a DNA? Fino a 300kb Il tipo di genoma e la sua grandezza dettano I vari step della replicazione virale. scaricato da 5

6 31/08/2009 Organizzazione dei Genomi Genomi molto condensati Un infinità ità di strategie t per massimizzare i la capacità codificante Differenti strategie per codificare proteine nei genomi virali scaricato da 6

7 Differenti strategie per codificare proteine nei genomi virali Differenti strategie per codificare proteine nei genomi virali scaricato da 7

8 Differenti strategie per codificare proteine nei genomi virali Diagramma schematico delle diverse strade che i virus devono seguire per giungere alla sintesi dei propri RNA-messaggeri specifici scaricato da 8

9 Tutti i virus sono parassiti del sistema di traduzione dell RNA messaggero delle cellule Classificazione di Baltimore scaricato da 9

10 Classe I La prima classe comprende i virus a DNA bicatenario, cioé la quasi totalitàt dei virus a DNA. In questo casola sintesi i di mrna virale può essere realizzata dalla RNA-polimerasi della cellula ospite, che ha sede nel nucleo, come avviene per Herpesvirus, Adenovirus e Papovavirus. Questi generi costituiscono la sottoclasse 1 a esvolgono la maggior parte degli eventi replicativi nel nucleo della cellula. Gli altri virus, con genoma a DNA bicatenario, come i Poxvirus e gli Iridovirus, possiedono una propria RNA-polimerasi associata al virione, che consente loro di replicarsi a livello del citoplasma. Questi costituiscono la sottoclasse 1 b. Strategie replicative dei genomi Genomi a doppio filamento di DNA (dsdna) Classe I 2 fasi: early e late RNApol cellulare scaricato da 10

11 Virus con genomi a DNA (ss/dsdna) che usano un passaggio intermedio a singolo filamento di RNA (ssrna) DNApol virale nel virione RNApol cellulare Transcriptasi inversa virale Classe II La seconda classe comprende i virus con genoma a DNA a singolo filamento positivo (+) come i Parvovirus. La replicazione avviene nel nucleo e prevede la sintesi del filamento complementare del DNA; la doppia elica di DNA viene poi usata come stampo per la sintesi degli RNA messaggeri e dei nuovi genomi virali. A differenza dei virus a DNA a doppia elica, quelli a filamento singolo codificano soltanto le proteine del capside. Essi si affidano ai sistemi cellulari per ciò che concerne la loro replicazione e trascrizione. scaricato da 11

12 Herpesviridae Penetrazione per fusione dell envelope con la membrana citoplasmatica. I recettori cellulari sono rappresentati dall eparano solfato che si lega a gc, in seguito un legame più stabile viene fornito dal legame di gd con diversi recettori (a seconda del tipo di cellula) che appartengono alla famiglia del TNF. La fusione avviene a ph neutro sulla superficie della cellula mediante interazione con le proteine gh/gl e gb. Dal tegumento si liberano due proteine strutturali: 1) VHS (Virino Host Shut-off protein) che inibisce la sintesi delle proteine cellulari, 2) α-tif (α-gene Trans Inducine Factor) che serve ad avviare la prima fase della trascrizione del DNA una volta che questo è stato portato, ancora all interno del capside, a livello del nucleo e qui rilasciato. La trascrizione del DNA in RNAm avviene nel nucleo, in tre fasi distinte, con produzione di RNAm (e proteine) di tipo α (immediate early), β (early) e γ (late). L estressione di questi 3 gruppi di geni è finemente controllata da una serie di meccanismi a feedback. Le proteine α attivano la trascrizione dei geni β e contemporaneamente regolano la propria espressione. Le proteine α e β, insieme i sono in grado di regolare l espressione dei geni g. Il ciclo è completato t dalla sintesi delle proteine g, alcune delle quali bloccano l ulteriore sintesi di proteine α e β. La maggior parte dei prodotti dei geni β sono coinvolti nella replicazione del DNA virale (DNA polimerasi, elicasi/primasi, timidino-chinasi, etc). Questi enzimi rendono la replicazione del virus del tutto indipendente dall attività degli enzimi cellulari. L acido nucleico sembra replicarsi con un meccanismo a circolo rotante, che prevede la circolarizzazione del DNA ed è caratterizzato dalla formazione di concatameri, lunghe molecole di dsdna costituite dall insieme di monomeri di lunghezza gnomica. La processazione dei concatameri e la formazione dei genomi virali avvengono al momento dell inserzione del DNA nei capsidi in via di formazione. La maggior parte delle proteine γ sono componenti strutturali che, una volta prodotti nel citoplasma,, rientrano nel nucleo, dove si assemblano. L acquisizione dell envelope avviene adurante la fuoriuscita del capside dal nucleo: acquisizione dalla membrana interna del nucleo, vestimento in seguito a fusione con la membrana esterna del nucleo e acquisizione finale nell apparato del Golgi. Genomi a singolo filamento di DNA (ssdna), tipici dei piccoli genomi. Classe II RNApol cellulare DNApol cellulare scaricato da 12

13 Classe III La terza classe comprende i virus con genoma ad RNA bicatenario (es. Reovirus). Il genoma di questi virus è suddiviso in segmenti contenuti in un doppio capside isometrico. Ogni segmento è detto "minicromosoma", perché é trascritto separatamente e dà luogo ad un singolo RNA messaggero monocistronico. Poiché non esistono enzimi cellulari per la trascrizione diretta di RNA in RNA, sono necessari enzimi virali associati ai virioni che, dopo la penetrazione e lo scapsulamento trascrivono il filamento genomico negativo (-) per produrre mrna. Genomi a doppio filamento di RNA (dsrna) Classe III Più piccoli dei genomi a DNA. Tutti i virus a dsrna hanno un genoma costituito da 2 a 12 molecole diverse di RNA ( genoma segmentato ). RNApol virale associata al capside scaricato da 13

14 Genomi a singolo filamento di RNA (ssrna) Possono essere divisi in 2 gruppi: quelli che funzionano come l mrna (senso positivo) Picorna, Calici, Corona, Flavi, Togaviridae. quelli che sono complementari all mrna prodotto da loro stessi (senso negativo) Orthomyxo, Paramyxo, Rhabdo, Filoviridae. Polarità positiva AUGGCACGA met-ala-arg arg Polarità negativa UACCGUGCU scaricato da 14

15 Classe IV La quarta classe comprende i virus con genoma ad RNA a singolo filamento positivo(+). Di questa classe fanno parte i Poliovirus, i Picornavirus e il virus dell epatite epatite A (sottoclasse IVa). All estremitá 3 il genoma é poliadenilato mentre all estremitá 5 é legato covalentemente ad una piccola molecola proteica. Dopo lo scapsidamento, questa proteina viene rimossa da una proteasi cellulare ed il genoma può quindi legarsi ai ribosomi e funzionare come RNA messaggero. La trascrizione origina un unica proteina, corrispondente alla capacità codificativa totale del virus. Questa molecola proteica viene detta "poliproteina", perchè in seguito a tagli operati da proteasi cellulari vengono generate diverse proteine funzionali più piccole. Una di queste è l RNA-polimerasi RNA-dipendente, nt necessaria a per la replicazione del genoma, che avviene all interno di un "complesso replicativo". Viene sintetizzato un filamento ad RNA negativo(-) che funziona da stampo. Alla sottoclasse IVb appartengono i Togavirus che necessitano di due o più cicli di traduzione per produrre l RNA genomico. Genomi a singolo filamento di RNA con polarità positiva (ssrna) Classe IV scaricato da 15

16 Classe VI La sesta classe comprende i virus con genoma "diploide" cioé formato da due identiche molecole di RNA monocatenario tenute insieme in un dimero speculare a livello delle rispettive estremità 5 da legami a idrogeno, mentre le estremità 3 delle due molecole sono libere. A questa classe appartengono i Retrovirus. In questo caso il genoma ha la stessa polarità dell RNA messaggero, ciò nonostante non funziona da mrna, ma viene trascritto in un filamento complementare di DNA da una DNA-polimerasi RNA-dipendente associata al virione, detta "trascrittasi inversa". Successivamente una delle subunità di questo enzima funziona da RNasi, depolarizzando il filamento di RNA genomico presente nell'ibrido RNA/DNA. Lo stesso enzima agisce poi da DNA-polimerasi DNAdipendente e duplica il filamento di DNA negativo (-). Infine, il DNA a doppio filamento migra nel nucleo della cellula dove viene integrato in uno dei cromosomi (legame covalente al DNA cellulare). l Questo DNA a doppio filamento che contiene l informazione genetica virale viene detto "provirus" per analogia con il profago dei batteri e si comporta come un insieme di geni cellulari. In particolare, il suo filamento negativo (-) può essere trascritto in molecole di mrna ad opera della RNA-polimerasi cellulare. Virus con genomi a singolo filamento di RNA (ssrna) che usano un passaggio intermedio a doppio filamento di DNA (dsdna, un provirus) Classe VI Transcriptasi inversa virale RNApol cellulare scaricato da 16

17 Classe V La quinta classe comprende i virus con genoma a RNA a singolo filamento negativo (-). Di questa classe fanno parte Orthomyxovirus, Paramyxovirus e Rhabdovirus. In questo caso il genoma non può legarsi ai ribosomi ma deve prima essere trascritto in molecole complementari ad opera di una RNA-polimerasi RNA-dipendente associata al virione. La sottoclasse Va (Orthomyxovirus) presenta un genoma segmentato. La sottoclasse Vb (Rhabdovirus) presenta un genoma non segmentato. Genomi a singolo filamento di RNA con polarità negativa (ssrna) Classe V RNApol virale associata al virione scaricato da 17

18 Assemblaggio L assemblaggio implica la raccolta di tutti i componenti necessari per la formazione del virione vrone maturo in un punto particolare della cellula (viroplasma) dovesiformalastrutturadi base della particella virale Il sito di assemblaggio dipende dal sito di replicazione e dal meccanismo usato dal virus per uscire dalla cellula Nella maggior parte dei virus a RNA l assemblaggio avviene nel citoplasma Nella maggior parte dei virus a DNA l assemblaggio avviene nel nucleo scaricato da 18

19 scaricato da 19

20 Esempi di Assemblaggio Assemblaggio dei poliovirus nel citoplasma della cellula infetta scaricato da 20

21 Assemblaggio dell HSV-1 nel nucleo Assemblaggio del virus dell influenza scaricato da 21

22 Assemblaggio di un retrovirus da una poliproteina precursore Assemblaggio di adenovirus nel nucleo scaricato da 22

23 Viral assembly at cellular membranes Impacchettamento del DNA scaricato da 23

24 Maturazione La maturazione rappresenta lo stadio del ciclo replicativo in cui il virus diventa infettivo La maturazione, generalmente, consiste in cambiamenti strutturali della particella virale che possono essere conseguenti a tagli proteolitici specifici delle proteine del capside per formare prodotti maturi o cambiamenti conformazionali delle proteine durante l assemblaggio Le proteasi virali sono frequentemente coinvolte nella maturazione anche se enzimi cellulari o una miscela di enzimi cellulari e virali può essere utilizzata La maturazione può avvenire all interno della cellula durante l assemblaggio e la furiuscita o anche all esterno dopo che i virus della progenie sono usciti dalla cellula Quando i virus sono sprovvisti di envelope, i virioni neoformati si accumulano nella sede di montaggio, formando ammassi talora cospiqui che possono assumere un ordinato aspetto tridimensionale di formazioni cristalline (fattorie). In questi casi la liberazione del virus neoformato nell ambiente esterno, si verifica solo per lisi della cellula scaricato da 24

25 Microscopia elettronica di fattorie citoplasmatiche in una cellula infetta con un reovirus scaricato da 25

26 Rilascio Liberazione della progenie virale a) Virus con pericapside gemmazione dalla membrana plasmatica esocitosi A golgi B C D scaricato da 26

27 Gemmazione del virus VSV dalla superficie di cellule CHO Gemmazione di un retrovirus alla superficie di una cellula infetta C ll l i f d i d ll h Cellula infetta da virus dell herpes simplex osservata al microscopio elettronico: dx: nucleocapsidi icosaedrici nel nucleo sx: virioni extracellulari provvisti di envelope scaricato da 27

28 Poxvirus scaricato da 28

29 Assemblaggio e rilascio Herpesvirus La genetica interviene in tutti gli aspetti della virologia L evoluzione naturale dei virus Il management clinico delle infezioni virali La virologia sperimentale scaricato da 29

30 Virologia sperimentale Goal Comprendere l organizzazione funzionale del genoma di un virus Determinazione della struttura di un genoma virale a livello nucleotidico Isolamento di varianti mutate del virus alterate in ciascun gene Analisi degli effetti di ciascuna mutazione sulla replicazione e/o la patogenesi I primi metodi per identificare, mappare, e caratterizzare i geni virali 1940s, 1950s, e 1960s L analisi genetica dei virus consisteva in: 1) casuale, forzato isolamento di numerosi virus individuali mutati seguito da analisi di complementazione per raggruppare i diversi mutanti 2) ricombinazione i per determinare l ordine fisico dei geni nel genoma virale 3) analisi fenotipica dei mutanti per determinare la funzione dei geni Colture cellulari Inizio dell era moderna dell analisi genetica dei virus 1970s Nuove tecniche mappatura con enzimi di restrizione marker rescue sequenziamento del DNA Reverse Genetics ma Tecnologia del DNA ricombinante Le tecniche classiche continuano ad essere utilizzate La struttura del genoma virale viene determinata e dopo la funzione dei singoli geni viene analizzata attraverso mutanti specificamente costruiti scaricato da 30

31 Mappatura dei siti di restrizione sul genoma virale DNA lineare tagliato con enzimi di restrizione A e B (-) A B (+) 1.0 What genes do you need to survive, and why do you need them? scaricato da 31

32 VARIABILITA VIRALE C è più diversità tra i virus che in tutti gli altri esseri biologici esistenti in natura. Nuove varianti si formano in continuazione E impossibile descrivere tutti i gruppi di virus non solo per la loro quantità, ma anche perché in continuo cambiamento Wild-Type Virus (ceppo selvatico) I virus definiti come wild type possono essere molto diversi da quelli realmente presenti in natura La genetica virale si fonda sulla coltivazione e l analisi dei virus in colture cellulari Isolati virali di campo possono essere soggetti a diverse modificazioni genetiche durante l adattamento alla coltivazione in vitro su colture cellulari In più I virus designati wild type devono essere purificati mediante selezione di placca prima di iniziare uno studio genetico unico background genetico scaricato da 32

33 Genotipo Fenotipo Concetti fondamentali di genetica Genotipo/Fenotipo Reale modificazione genetica rispetto al wt Manifestazione misurabile della modificazione in un sistema di analisi specifico Singolo genotipo Diversi fenotipi Secondo il sistema utilizzato Mutazione di un gene virale ESEMPIO Mutante temperatura sensibile su es.: VERO SI es.: BHK21 NO Concetti fondamentali di genetica Selezione e screen genetico si riferiscono a due metodi fondamentalmente diversi per identificare singole varianti virali contenute in una popolazione mista di virus La selezione implica la presenza di una condizione in cui solo il virus desiderato è in grado di crescere mentre gli altri vengono soppressi ESEMPIO Identificazione di un virus resistente ad un farmaco da una popolazione mista contenente anche virus sensibili Infettare un monostrato di cellule e trattarlo con il farmaco - drug + drug scaricato da 33

34 Concetti fondamentali di genetica Screen genetico Mutante desiderato (es.: tm) + molti altri virus Coltivati con le stesse condizioni permissive (temperatura ottimale) Analisi delle singole placche (a temperature più elevate) Introduzione di un marker fenotipico Inserimento del gene della betagalattosidasi al posto del gene da inattivare Virus wt (placche bianche) In presenza dell appropriato cromogeno (X-gal) Virus mutato (placche blu) Concetti fondamentali di genetica Essenziale/Nonessenziale Essenziale Nonessenziale Necessariamente richiesto per la replicazione in specifiche condizioni Non richiesto per la replicazione in specifiche condizioni Eventualmente alcuni geni possono essere essenziali per la replicazione nell ospite naturale, ma non per la replicazione in vitro Gene mutato Isolamento Analisi funzione Gene nonessenziale Gene essenziale Facile (il gene può essere deleto) Condizioni difficili da trovare Difficile (no fenotipo) Caratterizzazione precisa della mutazione causa del difetto replicativo scaricato da 34

35 Mutazioni Mutazioni Spontanee Mutazioni Indotte Mutazioni doppie Mutanti doppi (o multipli) possono contenere più di una mutazione per portare un fenotipo Mutazioni Spontanee Sia i virus a DNA che ad RNA possono andare incontro a mutazioni spontanee RNA viruses > DNA viruses per ciclo replicativo per ciclo replicativo Trascrittasi inversa/ RNA polimerasi RNA-dipendente No proofreading DNA polimerasi DNA-dipendente funzione proofreading Differenze nel tasso di frequenza di mutazioni spontanee Biologia del virus Analisi genetica dei virus I virus RNA in natura esistono come: quasi-species scaricato da 35

36 Mutazioni indotte La frequenza di mutazioni può comunque essere bassa che indurre mutazioni è necessario per isolare virus mutati normalmente single-base changes Mutageni chimici in vitro Alterazione dell acido nucleico trattando i virioni in assenza di replicazione idrossilamina acido nitroso agenti alchilanti Modificazioni chimiche di specifiche basi causano disaccoppiamento che porta ad mutazioni missenso in vivo Analoghi nucleosidici Devono essere incorporati durante la replicazione del virus nitrosoguanidine mutazioni missenso L uso di mutageni chimici porta ad un aumento della frequenza delle mutazioni di varie centinaia di volte 0.5% della popolazione totale di virus Sostituzione di base Genotipo mutato Delezione/inserzione GCG GCA CUC-AGC-GUU Ala Silente Ala DEL Leu Ser Val INS GAC GAG Asp Glu Missenso CUC-GUU CUC-AGC-CAU-GUU Leu Val Leu Ser His Val Del/Ins di triplette o multipli UAG UAA CUC-AGG-UU CUC-AAG-CGU-U Leu Arg Leu Lys Trp Stop Non-senso Del/Ins di singole basi Mutazioni non-senso, frameshift, grosse delezioni/inserzioni in frame: inattivazione del gene Mutazioni missenso: cambiamenti nel fenotipo (es.: resistenza farmaci) Arg scaricato da 36

37 Fenotipo mutato Goal Funzione di ciascun gene virale Inibiscono la replicazione inattivando uno specifico gene Mutanti utili Necessità di coltivazione Mutazione non letale Fenotipi Spettro d ospite Nonsense Temperatura-sensibili Dipendenti dai farmaci Morfologia di placca Mutanti virali per spettro d ospite Virus mutante Virus wt Cellula A Cellula B Cellula A Cellula B Crescita SI NO SI SI Naturale o ingegnerizzato Raro Delezione di un gene essenziale Creazione di una linea cellulare (su cui coltivare il virus) che esprime in modo costitutivo o transiente il gene deleto in modo da fornire al virus la funzione mancante scaricato da 37

38 Mutanti temperatura-sensibili Virus mutante Virus wt Bassa Temp. Alta Temp. Bassa Temp. Alta Temp. Crescita SI NO SI SI Generalmente mutazioni in un singolo aminoacido che rendono la proteina target instabile a temperature più alte rendendo il gene non funzionale Metodo di selezione Mutagenesi random indotta e poi screening alle due temperature Raccolta e test delle singole placche Lo screening può essere reso più facile dall utilizzo ddella tecnica dell allargamento delle placche: si coltivano i virus a temperatura permissiva, poi si spostano a temperatura più elevata (non permissiva per i mutanti) e si selezionano le placche che restano della stessa taglia Farmaco resistenza/dipendenza Diverse sostanze ad attività antivirale Maggiore utilità (inibiscono diverse famiglie virali) sono state descritte Antivirali specifici per un singolo prodotto genico ESEMPI Guanidine polio 2C NTPase Acyclovir Amantidine IBT (Isatin-βthiosemicarbazone) herpes simplex virus thymidine kinase e DNA polymerase influenza virus M2 (proteina integrale di membrana) due geni dei poxviruses coinvolti nella trascrizione virale I farmaci più utili sono quelli che inibscono ib la crescita su colture cellulari l (trattate col farmaco) del wt permettendo la selezione delle placche formate da particelle virali resistenti Gli effetti tossici devono essere minimali per consentire la sopravvivenza delle cellule Utilizzo: a) marker di selezione b) identificazione del target o meccanismo d azione di un farmaco antivirale scaricato da 38

39 Diluzioni seriali in base 10 del virus wt o del mutante temperatura sensibile ts56 40 C temperature non-permissiva per ts56 Wt virus forma placche sia a 31 C sia a 40 C, ma la formazione di placche è inibita dal IBT ts56 contiene una mutazione missenso che lo rende incapace di crescere a 40 C, ma è anche dipendente dalla presenza di IBT, infatti cresce a 40 C solo in presenza di IBT Mutanti spontanei resistenti all IBT nel wt virus stock (placche a 10 3 e 10 4 in presenza di IBT Morfologia di placca Mutanti con diversa morfologia di placca sono facilmente distinguibili dal wt Le placche provocate dai virus mutati saranno di maggiori o minori dimensioni rispetto al wt Mutanti sinciziali Esempio Difetto nelle Glicoproteine di membrana wt Virus erpetici Estesa fusione delle cellule infette Gruppi di cellule arrotondate Con scarsa fusione scaricato da 39

40 Reversion Gene V A mutante ts Gene A V Mutante del mutante ts Reversione: il risultato di una mutazione spontanea che porta il genotipo del virus al genotipo originale Frequenza Mutazioni missenso Delezioni Riflette la frequenza degli errori degli enzimi di replicazione Estremamente rare (intera sequenza di nucleotidi da rimpiazzare) Complementazione A B p np Virus mutato A Virus mutato B Condizioni permissive Analisi genetica dei mutanti Serve a determinare se due mutanti virali hanno subito mutazione nello stesso gene o in geni differenti Condizioni non-permissive np np p + A A B B Raccolta del virus A A+ B B Indice di Complementazione (CI) Titolazione Titolo (A+B)p Titolo (A+B)np Titolo (A)p + Titolo (B)np = CI scaricato da 40

41 Condizioni di crescita non permissive Complementazione? Mutante A Mutante B Gene X Gene Y A fornisce il gene Y a B B fornisce il gene X ad A SI Mutante A Mutante B Gene X Il gene X viene sempre a mancare Gene X Complementazione: CI maggiore di 1 NO Complementazione qualitativa ts12, ts15, ts28, ts54, ts61 Stesso gruppo di complementazione? Esperimento Monostrati di African green monkey kidney cell line BSC40 Infezione (0.03 pfu/cell) con virus mutati singoli o in coppie Controllo ts7 appartenente ad un diverso gruppo di complementazione Risultati Singoli virus Infezioni doppie Infezioni miste con ts7 NO NO SI ts12, ts15, ts28, ts54, ts61 appartengono allo stesso gruppo di complementazione scaricato da 41

42 Complementazione Non solo gruppi di complementazione Fondamentale per: crescita di virus deleti ingegnerizzati mediante infezione di cellule (a loro volta ingegnerizzate) che forniscono il gene mancante Interazione genetica: Due tipi di complementazione Complementazione allelica (intragenica): quando differenti mutanti hanno difetti complementanti nello stesso gene Complementazione non allelica (intergenica): risultante da da difetti in geni diversi scaricato da 42

43 Ricombinazione Ricombinazione Sequenze di acido nucleico da due virus Parentali genotipicamente diversi vengono scambiate La progenie contiene sequenze di entrambi i virus Nei virus esistono tre diversi meccanismi di ricombinazione DNA Rottura fisica e ricongiunzione tra le due molecole di DNA attraverso regioni contenenti sequenze omologhe RNA non-segmentato Picornavirus, coronavirus, Togavirus e retrovirus (efficiente ricombinazione) Ricombinazione durante la replicazione dove attraverso il meccanismo (copy choice) viene alternativamente scelto il template RNA segmentato Riassortimento dei vari segmenti di RNA COPY CHOICE RECOMBINATION scaricato da 43

44 COPY CHOICE RECOMBINATION COPY CHOICE RECOMBINATION scaricato da 44

45 RIASSORTIMENTO Riassortimento dei segmenti di RNA del virus dell influenza Polyacrylamide gel degli RNA marcati con 32P e autoradiografia scaricato da 45

46 Ricombinazione classica RICOMBINAZIONE Comune nei virus a DNA RICOMBINAZIONE - SOME USES scaricato da 46

47 Ricombinazione mediante trasfezione di DNA plasmidico ed infezione con HSV-1 di cellule CR1 (cellule Vero che esprimono stabilmente gh) HSV - SynK gh UL21 UL23 UL53 LacZ A V Mutazione in gh da analizzare una volta inserita in HSV-1 UL22 - gh CMVp aa 280 pimplghmut280 fori AmpR HSV SynKgHMut280 UL21 UL23 UL53 UL22 - gh A V HSV SynKgHM280 Fenotipo: Syn/White UL53 UL22 A V HSV - gh Syn mutant LacZ flank seq. UL bp UL22 1 Kb UL22 flank seq. UL23 Fenotipo: Non-Syn/Blue HSV - SynK UL53 UL22 A V HSV - ghpa Syn mutant LacZ flank seq. UL21 flank seq. UL23 scaricato da 47

48 Selezione Selezione Co-infezione a 10 MOI (HSV-1 ghpa e HSV-1 SynK) su cellule CR1 24h Raccolta progenie viruale e preparazione di diverse aliquote Risultato Titolazione su CR1 3.3 x 107 pfu/ml 7,2% (% di ricombinazione) Syn/Blu Infezione di cellule CR1 con progenie virale 24h 6-8h Ricoprire le cellule con agarosio +X-gal Raccolta delle placche blu sinciziali Risultato 10 placche blu sinciziali raccolte 1 selezionata scaricato da 48

49 Selezione Infezione di cellule CR1 con placca selezionata 24h 6-8h Risultato Ricoprire le cellule con agarosio +X-gal Raccolta delle placche blu sinciziali 10 placche blu sinciziali raccolte 2.1 x 10 4 pfu/ml 20% Blu/Syn 1 selezionata La raccolta delle placche viene effettuata almeno 3-4 volte Infezione di cellule CR1 con placca selezionata 24h 6-8h Risultato Ricoprire le cellule con agarosio +X-gal Raccolta delle placche blu sinciziali 10 placche blu sinciziali raccolte 1 selezionata 8 x 10 4 pfu/ml 100% Blu/Syn HSV SynK gh 10 8 pfu/ml Southern blotting di ghpasynk scaricato da 49

50 Costruzione di virus mutato Trasfezione delle cellule con il DNA plasmidico contenente il gene mutato da sostituire DNA Infezione con il virus ricombinante Virus HSV - SynK gh UL21 LacZ UL23 UL53 A V CMVp UL22-gH aa 280 pimplghmut280 AmpR fori Selezione delle placche sinciziali bianche (il gene LacZ viene sostituito da gh) HSV SynKgHMut280 UL21 UL23 UL22-gH UL53 A V Southern blotting di HSV-1SynKpAgHM280 scaricato da 50

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici

1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici 1 Capitolo 8. Sviluppo linfocitario e riarrangiamento ed espressione dei geni dei recettori antigenici La maturazione consiste in una serie di eventi che avvengono negli organi linfoidi generativi o primari:

Dettagli

Acidi nucleici non codificanti

Acidi nucleici non codificanti Vol. Giacca 4bozza 17-02-2011 11:05 Pagina 19 Acidi nucleici non codificanti 19 maniera controllata in modo da non favorire la crescita di eventuali tumori presenti in sedi lontane da quella in cui sono

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli

DAI GENI AI SEMI. genetica e biotecnologie in agricoltura. Simona Baima e Giorgio Morelli DAI GENI AI SEMI genetica e biotecnologie in agricoltura Simona Baima e Giorgio Morelli Copyright 2010 Editori: Simona Baima e Giorgio Morelli Copertina e disegni: Franco Marchiolli [www.francomarchiolli.com]

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DI DUE ANTICORPI MONOCLONALI UMANI CROSS-NEUTRALIZZANTI DIRETTI CONTRO LA GLICOPROTEINA E2 DEL VIRUS DELL EPATITE C

CARATTERIZZAZIONE DI DUE ANTICORPI MONOCLONALI UMANI CROSS-NEUTRALIZZANTI DIRETTI CONTRO LA GLICOPROTEINA E2 DEL VIRUS DELL EPATITE C UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Dottorato di Ricerca in Patologie Immunometaboliche, degenerative e infettive CARATTERIZZAZIONE DI DUE ANTICORPI MONOCLONALI UMANI CROSS-NEUTRALIZZANTI

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre?

Test di logica e cultura generale. 6. Quale di queste parole è estranea alle altre? Test di logica e cultura generale 1. Tre amici Carlo, Piero e Nicola acquistano della frutta al mercato. Ognuno di loro sceglie un diverso tipo di frutta e spende una somma differente. Sapendo che: - Carlo

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Guida per chi inizia la terapia contro l HIV

Guida per chi inizia la terapia contro l HIV Guida per chi inizia la terapia contro l HIV INDICE Introduzione Informazioni generali sulla terapia L aderenza Le resistenze Terapia di prima linea Il rapporto con il medico Raccomandazioni finali Questa

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA VETERINARIA Anno Accademico 2010/2011 Test di Biologia 1. Quale dei seguenti composti NON è di natura lipidica? A) Chitina B) Tripalmitina C) Vitamina

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH I DETERGENTI: COME CONIUGARE PRESTAZIONI ELEVATE E RISPETTO PER L AMBIENTE L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Resana, 5 ottobre 2007 FEDERICA CECCARELLI Ist. Sup.

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Versione A Libretto Test

Versione A Libretto Test LINGUAGGIO MATEMATICO DI BASE 2 Linguaggio Matematico di Base LINGUAGGIO MATEMATICO DI BASE 1. La media aritmetica di due numeri s e t è 2 3. Allora t è uguale a A. B. C. D. E. 4 2s 3 3 2s 2 4 3s 2 4 3s

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli