Bac. AAR. (app. resp) es. colturale liquido Bac. AAR. (app. resp) es. microscopico Bac. AAR. (app. resp.) es. colturale solido Bac.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bac. AAR. (app. resp) es. colturale liquido 91026 Bac. AAR. (app. resp) es. microscopico 91024 Bac. AAR. (app. resp.) es. colturale solido 91023 Bac."

Transcript

1 Descrizione CodMin DESCRIZIONE DELL'ESAME 17 ALFA IDROSSIPROG (17OH-P) Ab ANTI B2 GLICOPROTEINA IgG Ab ANTI B2 GLICOPROTEINA IgM Ab Anti Endomisio (EMA) Ab ANTI-CARDIOLIPINA IgG Ab ANTI-CARDIOLIPINA IgM Ab Anti-Helicobacter Pylori Ab ANTI-PROTROMBINA Abacavir (HLA-B*5701) ACE ANGIOTENSINA II (S) Acido 5-Idrossi 3-Indolacetico ACIDO LATTICO ACIDO VALPROICO (S) ACTH (CORTICOTROPINA) (P) ADENOVIRUS Ag ADENOVIRUS IgG ADENOVIRUS IgM ADIURETINA ADH (ORMONE ANTI P) ADRENALINA-NORADRENALINA (P) ADRENALINA-NORADRENALINA (U) Ag PROSTATICO SPECIFICO (PSA) (S) AGGL. ETEROFILE P.B.D. (monotest) AGGLUTININE A FREDDO Aglio Albume ALBUMINA (S) ALBUMINURIA (camp. estemporaneo) ALDOSTERONE (SIERO) ALDOSTERONE CLINO ALDOSTERONE ORTO ALFA 1 FETOPROTEINA (S) ALFA 1 GLICOPROTEINA ACIDA (S) ALFA 1 MICROGLOBULINA (U) ALFA 1 MICROGLOBULINA (U) CAMP. ESTEMP ALFA 2 ANTIPLASMINA ALFA-1-ANTITRIPSINA (S) Alfa-lattoalbumina Alnus incana ALT (GPT) (S) Alternaria alternata Ambrosia elatior AMEBA Ab AMILASI PANCREATICA AMMONIO (P) Amoxicillina Ampicillina AMPRENAVIR An. di mutaz. della Janus Kinase 2 (JAK2) ANA Caratterizzazione ANA Titolazione Analisi di traslocazione (BCR/ABLp190) 91301

2 Analisi di traslocazione (BCR/ABLp210) ANT ANTIMICROS.-ABTMS/ABTPO(S) ANT. ERITROCIT.NON ABO E NON RH ANTIBIOGRAMMA ANTIBIOGRAMMA MICOBATTERI ANTIC ANTIER (C/MEZZO POTENZ) ANTIC ANTITIREOGLOBUL.ABTG (S) ANTIC. ANTIMUSCOLO LISCIO ASMA ANTIC.ANTICEL.PARIET.GASTRICHE ANTIC.ANTIMICR.EPATICI-RENALI ANTICORPI ANTI A/B IMMUNI ANTICORPI ANTI DNA NATIVO ANTICORPI ANTI FATTORE VIII Anticorpi anti SSA Anticorpi anti SSB ANTICORPI ANTI TRANSGLUTAMINASI IgA 9053D ANTICORPI ANTI-Ag NUCLEARI ESTR. (ENA) ANTICORPI ANTICENTROMERO Anticorpi anti-jo ANTICORPI ANTIMIELOPEROSSIDASI (MPO) panca ANTICORPI ANTIMITOCONDRI AMA ANTICORPI ANTINUCLEO ANA FAN Anticorpi antipeptide ciclico citrullinato (CCP) 9053C ANTICORPI ANTIPROTEINASI 3 (PR3) - canca 9053F Anticorpi anti-rnp 9053A Anticorpi anti-scl ANTICORPI ANTI-Sm ANTI-DELTA IgM ANTIGLIADINA IGA (AGA) ANTIMICOGRAMMA MICETI Anti-Saccharomyces Cerevisiae (ASCA) IgA 9053E Anti-Saccharomyces Cerevisiae (ASCA) IgG 9053E ANTITROMBINA (DOS FUNZIONAL) apis mellifera (ape) APOLIPOPROTEINA A1 (S) APOLIPROTEINE B (S) APTOGLOBINA (S) Arachidi Arance ARIPIPRAZOLO Artemisia vulgaris Aspergillus fumigatus AST (GOT) (S) ATAZANAVIR Atazanavir (UGT1A1*28) Attività del fattore di von Willebrand (VWF:RCO) Attività proteasi del fatt. von Willebrand (ADAMTS13) AVIDITA' CMV AVIDITA' IgG ANTI-TOXOPL AVIDITA' RUBEO Azatioprina* (TPMT*3A) Bac. AAR (urine) es. colturale solido Bac. AAR. (URINE) es. colturale liquido 91026

3 Bac. AAR. (app. resp) es. colturale liquido Bac. AAR. (app. resp) es. microscopico Bac. AAR. (app. resp.) es. colturale solido Bac. AAR. (URINE) es. microscopico Bac. AAR. mat. vari (es. colturale liquido) Bac. AAR. mat. vari (es. colturale solido) BETA 2 MIGROGLOBULINA (S) Beta-lattoglobulina Betulla verrucosa BILIRUBINA TOT E FRAZIONATA BILIRUBINA TOTALE (S) BK MICROSC. MATERIALI VARI BORRELIA Ab WESTERN BLOT IgG BORRELIA Ab WESTERN BLOT IgM BORRELIA BURG. IgG BORRELIA BURG. IgM Borrelia burgdorferi IgG su liquor Borrelia burgdorferi IgM su liquor Brucella spp. IgA (siero) Brucella spp. IgG (siero) Brucella spp. IgM (siero) C PEPTIDE PROFILO: DIGIUNO C PEPTIDE PROFILO: POST-PRANDIALE PRECOCE C PEPTIDE PROFILO: POST-PRANDIALE TARDIVO C PEPTIDE PROFILO: PRE-PRANDIALE C PEPTIDE: Dos. seriati dopo test di stimolo ( 5 ) C3 (S) C4 (S) CA 125 (OCA) (S) CA 15.3 (BCA) (S) CA 19.9 (GICA) (S) CALCIO (S) CALCIO (U) CALCIO IONIZZATO (S) CALCITONINA CALCOLO URINARIO Calprotectina immunometrica nelle feci 9012A CARBAMAZEPINA (S) Caseina CATECOL.PERMEAB.INTESTINALE CATECOLAMINE CLINO CATECOLAMINE ORTO CATENE LEGGERE KAPPA CATENE LEGGERE LAMBDA CATETER. VESCICALE 5794 CEA (S) Cefaclor CERULOPLASMINA CHINIDINA (S) CICLOSPORINA CIPROFLOXACINA CISTICERCOSI IgG W.B

4 CITALOPRAM CK-MB Massa (S) CLAM/MYC/LEG DNA-PCR CLAMIDIA pneumoniae IgG CLAMIDIA pneumoniae IgA CLAMIDIA TRACH. DNA (T. CONG. DX) CLAMIDIA TRACH. DNA (T. CONG. SN) CLAMIDIA TRACHOM. DNA (MAT.VARI) CLAMIDIA TRACHOM. DNA (T. ANALE.) CLAMIDIA TRACHOM. DNA (T. URETR.) CLAMIDIA TRACHOM. DNA (T.CERV) CLAMIDIA TRACHOM. DNA (URINE) CLAMIDIA TRACHOM.DNA (T.VAG) CLOMIPROMINA Clopidogrel* (CYP2C19*2) CLORURO (S) CLORURO (S) CLORURO (U) CLOSTRIDIUM DIFFICILE (RIC. TOSSINA) CLOZAPINA CMV IgM CMV (antigemia) CMV (Viremia) CMV DNA (PCR) (qualitativo) CMV IgG CMV-DNA Qualit. (PCR) su urine CMV-DNA Quant. (PCR) su urine CMV-DNA quantitativo PCR COCXACKIE B IgG COLESTEROLO HDL (S) COLESTEROLO LDL (S) 9013B COLESTEROLO TOTALE (S) COLINESTERASI (CHE) (S) COLT. MAT. VARI ED ESSUDATI VARI COLTURA DI BILE COLTURA DI BRONCOASPIRATO COLTURA DI ESCREATO COLTURA DI LIQ. PLEURICO COLTURA DI TAMP. AURICOLARE COLTURA DI TAMP. AURICOLARE DX COLTURA DI TAMP. AURICOLARE SN COLTURA DI TAMP. CERVICALE COLTURA DI TAMP. CONGIUNTIVALE COLTURA DI TAMP. CONGIUNTIVALE DX COLTURA DI TAMP. CONGIUNTIVALE SN COLTURA DI TAMP. FARINGEO COLTURA DI TAMP. NASALE COLTURA DI TAMP. NASALE DX COLTURA DI TAMP. NASALE SX COLTURA DI TAMP. OMBELICALE COLTURA DI TAMP. URETRALE COLTURA DI TAMP. VAGINALE COLTURA LAVAGGIO ALVEOLARE 90933

5 COLTURA LIQ. PERITONEALE COMPLEMENTO (inibitore C1 esterasi) CONSERV. CAMPIONE DNA - RNA CONSERV. DNA/RNA CONTA DI ADDIS (U) CONTEG. CELL. STAMINALI Conteggio piastrine (emocromo in sodio citrato) CONTEGGIO RETICOLOCITI COPROC. (CLOSTRIDIUM DIFFIC.) COPROCOLT. (CAMPYLOBACTER) COPROCOLTURA COPROCOLTURA (YERSINIA) CORTISOLO (SIERO) CORTISOLO (URINE) CORTISOLO CIRCADIANO: ANTIMERIDIANO CORTISOLO CIRCADIANO: POMERIDIANO CORTISOLO CIRCADIANO: SERIALE CORTISOLO PRIMO PUNTO CORTISOLO SECONDO PUNTO CORTISOLO TERZO PUNTO Corylus avellana Coxiella burneti IgA (siero) Coxiella burneti IgG (siero) COXSACKIE B IgM CREATINCHINASI (CPK) (S) CREATININA (P) CREATININA (S) CREATININA CLEARANCE CRIOCONSERV. CELLULE STAMINALI CRIOGLOBULINE RICERCA (S) CRIOGLOBULINE TIPIZZAZIONE (S) CROMOGRANINA A CRYPTOCOCCUS Ag Cupressus sempervirens CURVA CARICO DI GLUCOSIO (OGTT) CURVA DA CARICO DI GLUC. (diagnosi in gravid.) (*) vedi legenda a fondo pagina cyfra Cynodon dactylon DARUNAVIR D-DIMERO DELTA 4 ANDROSTENEDIONE (S) Delta Ab IgG DENGUE IgG DENGUE IgM Derivati del platino Dermatophagoides farinae Dermatophagoides pteronyssinus DHEAS-DEIDROEPIANDROSTERONE S DIGOSSINA (S) Displasia Ectodermica ARG 156CYS gene EDA - ARG 156HIS gene EDA Displasia Ectodermica ARG155CYS gene EDA DOPAMINA (P) DOPAMINA (U) 90181

6 DOPAMINA CLINO DOPAMINA ORTO Du VARIANTE RICERCA DULOXETINA E/CIT. URINE NEOPL. 5V/C EBV- DNA (PCR) EBV-DNA Quantit. (PCR) EBV-EBNA IgG EBV-VCA IgG EBV-VCA IgM ECHINOCOCCO Ab ECHINOCOCCO WB IgG EFAVIRENZ Efavirenz* (CYP2B6*6) ELASTASI 1 pacreatica (Feci) 9017D ELETTROFORESI (U) ELETTROFORESI PROTEICA (S) EMOCOLTURA PER MICOBATTERI EMOCOLTURA ricerca miceti EMOCOLTURE AERO/ANA EMOCROMO + FORMULA EMOGASANALISI (P) 8966 EMOGLOBINA GLICATA (HbA1c) (Sg) EMOGLOBINE PATOLOGICHE EMOGRUPPO C/FATTORE RH EMOLISINE ANTIERITROCITARIE ENOLASI NEURONE SPECIFICA (NSE) (S) ENTEROVIRUS SU LIQUOR Epitelio di gatto ES. CIT. ESP./BRON./LAV. ALV. 5 vet./c ES. CITOL. DI ASP MIDOLLARE ES. COLT. PER H. PYLORI ES. COLTURALE TAMP. VARI ES. FECI X CRYPTOSPORIDIUM E GIARDIA ES. MICR. PARAS. FECI FRESCO ES. MICR. PARASS. (MALARIA) ES. MICR. PARASS. BRONCOASP ES. PARAS. MATER. VARI ES. PARASSITOLOGICO FECI ES. SIEROL. 1/2 WESTERN BLOT ES. SIEROL. 2 - WESTERN BLOT Es. Sierol. su liq. seminale ES.BATTERIOSC. T. GENITALE ES.COLT. PARASS. ASP. MID ES.MICR. PARASS. ASP. MIDOL ES.MICR. PER CRYPTOCOCCUS ES.SIEROL. Ag P ES.SIEROL.1 DNA (PCR) QUALITATIVO ESAME BATTERIOSC. LIQUOR ESAME COMPLETO URINE ESAME LIQUIDO SINOVIALE ESAME MICROSC. PARASS. URINE ESAME SIEROLOGICO (SORIN) 91224

7 ESAME SIEROLOGICO HIV 1/2 (Ortho) ESAME SIEROLOGICO nn disattivare ESAME SIEROLOGICO RNA ESTRADIOLO (E2) SIERO ESTRAZ DI DNA-RNA ESTRAZIONE DNA ESTRAZIONE DNA O RNA ETOSUCCIMIDE ETRAVIRINA FARM.ANTI X 5 DET.PAR.ACET/SAL Farmacogenetica - Nevirapina Farmacogenetica antidepressivi (SSRI) Farmacogenetica antipsicotici Farmacogenetica anti-vegf Farmacogenetica Inibitori dell'aromatasi Farmacogenetica Interferone Farmacogenetica: Ribavirina FATT. COAGULAZIONE II FATTORE COAGULAZ X CIASC. VII FATTORE COAGULAZ. - X FATTORE COAGULAZ. X CIAS IX FATTORE COAGULAZ. X CIAS VIII FATTORE COAGULAZ. X CIAS XI FATTORE COAGULAZ. X CIAS XII FATTORE COAGULAZ. X CIASC. V FATTORE DI VON WILLE BRAND FATTORE NATRIURETICO ATRIALE P FATTORE REUMATOIDE (S) FATTORE XIII FECI - SANGUE OCCULTO FELBAMATO FEN. LINF. (linfociti T CD3+ CD4+ CD8+ B CD19+) FENITOINA (S) FENOBARBITALE (S) FENOT. LINF. (linfociti T CD3+ CD4+ ) FENOTIP. LINFOC. (linfociti T CD4+) FENOTIPO RH FERRITINA (S) FERRO (S) FIBRINOGENO FIBRINOGENO IMMUNOLOGICO FIBRINOGENO METODO CLAUSS Finocchio fresco FLUFENAZINA Fluoropirimidine (TSER 28bpVNTR, DPYD(IV14+1G>A), MTHFR677C>T, MTHFR1298>C) FLUOXETINA FOLATO (S) Forfora di cane FORMULA MICROSCOPIO OTTICO FOSFATASI ALCALINA (S) FOSFORO (S) FOSFORO (U) FRUTTOSAMINA (S) 90251

8 FSH - FOLLICOL. (SIERO) FT3 (TRIODOTIRONINA LIBERA) S FT4 (TIROXINA LIBERA) (S) G6PDH ERITROCITARIA QUANT Gamberi GAMMA GT (S) GASTRINA GENTAMICINA GH - ORMONE SOMAT. (S) GLICEMIA (P) GLUCOSIO (P) GLUCOSIO (P) GLUCOSIO (P) GLUCOSIO (P) GLUCOSIO (P) GLUCOSIO (P) GLUCOSIO (U) GONADOTROPINA CORIONICA (S) Grano Granoturco GRUPPO SANGUIG ABO/RH II CONTR HALOPERIDOLO HAV Ab - IgM (anti - A IgM) HAV IgG HB c Ab (anti - c) HB c Ab -IgM (anti - c IgM) HB c Ab Titolato (anti - c tit.) HB e Ab (anti - e) HB e Ag HB s Ab (anti - s) HB s Ag HBV-DNA (quantitativo) HCV - Genotipo (PCR) HCV - IMMUNOBLOT HCV Ab EIA (Abbott) HCV-RNA (branched DNA) - QUANT HDV-RNA (PCR) - QUALIT HHV 8 IgG HLA-B HPV (ALTO RISCHIO) HPV (AR) su tampone anale HPV (AR) su tampone uretrale HPV (BASSO RISCHIO) HPV (BR) su tampone ANALE HPV (BR) su tampone uretrale HPV Genotip. su tam. uretrale HPV Genotip. su tamp. anale HPV Genotipizzazione su tampone HPV ricerca oncoproteine E6/E7 9124B HSV - DNA (PCR) HSV - IgM EIA Tipo HSV IgG - Tipo HSV IgG - Tipo

9 IBUPROFENE IDENTIFICAZIONE BATTERI IDENTIFICAZIONE LIEVITI IgG anti-west Nile Virus IgM anti-west Nile Virus IMMUNOCOMPLESSI CIRCOLANTI IMMUNOFISSAZIONE (S) IMMUNOGLOBULINA A (IgA) (S) IMMUNOGLOBULINA G (IgG) (S) IMMUNOGLOBULINA M (IgM) (S) INDENTIFICAZIONE MICOBATTERI INDETIF. ANTIRETROCITARI INDINAVIR INFLUENZA A Ag Influenza A/B Real Time PCR (Tamp. virale) Influenza A/H1N1Real Time PCR INFLUENZA B Ag INFUSIONE DI IMMUNOGLOBULINE E.V INFUSIONE FARMACI 992A INFUSIONE FATTORI DI COAGULAZIONE INFUSIONE SOSTANZE CHEMIOTERAPICHE 9925 INSULINA (Curva da carico max. 5) INSULINA (S) INSULINA PRIMO PUNTO INSULINA PROFILO: DIGIUNO INSULINA PROFILO: POST-PRANDIALE PRECOCE INSULINA PROFILO: POST-PRANDIALE TARDIVO INSULINA PROFILO: PRE-PRANDIALE INSULINA SECONDO PUNTO Irinotecano (UGT1A1*28, CYP3A4*1B, CYP3A5*3, ABCB1-1236C>T) JCV- DNA (PCR) Kiwi LAC Confirm LAC Screen LAMOTRIGINA LATTATO DEIDROGENASI (S) Lattice LEGIONELLA Ag URINE Legionelle pneumophila IgG (siero) Legionelle pneumophila IgM (siero) LEISHMANIA DNA PCR LEISHMANIA Ab LEPTOSPIRA spp IgG LEPTOSPIRA spp IgM LEVETIRACETAM LEVOFLOXACINA LINEZOLID LIPASI LIPOPROTEINA (a) LIQUORCOLTURA LITIO (S) LOPINAVIR LUTEOTROPINA (LH) (SIERO) 90323

10 M. TUBERCULOSIS - DNA PCR MAGNESIO (S) MAGNESIO (U) MALARIA Ag Mandorle MARAVIROC Mela Metotressato (MTHFR677C>T, MTHFR 1298A>C, ABCC2-24C>T, TSER 28 bp VNTR) Miceti Ag (metodi immunologici) MICETI ES.COLT. ID. MICROS MICETI ESAME COLTURALE MICETI ESAME COLTURALE x urinocoltura MICROALBUMINURIA Miscela PT Miscela PTT Mitili MORBILLO IgG MORBILLO IgGM Morfina ABCB1 C3435T, COMIT A158G, OPRM1 A118G, UGT2B7, G211T MUT G/A DEL GENE FATT. V (LEID.) MUT G/A DEL GENE PROTR MUTAZ. 187 C/T DEL GENE HFE MUTAZ. 677 C/T DEL GENE MTHFR MUTAZ. 845 G/A DEL GENE HFE MYCOPLASMA PNEUM. IgM MYCOPLASMA PNEUM. IgG EIA MYCOPLASMA SU TAMP. CERVICALE MYCOPLASMA SU TAMP. URETRALE nart v3 (allergene all'artemisia) NELFINAVIR NEVIRAPINA Nocciole Noce NORFLUOXETINA NOROVIRUS-RNA Qual. - PCR su feci NT-proBNP OLANZAPINA ORMONE TIREOTROPO-TSH (S) OSTEOCALCINA (BGP) Ox Carbazepina PALIPERIDONE PARAINFLUENZA 1 Ag PARAINFLUENZA 2 Ag PARAINFLUENZA 3 Ag PARATORMONE (PTH) (S) Parietaria officinalis PAROTITE IgG PAROTITE IgM PAROXETINA PARVOVIRUS B 19 IgG PARVOVIRUS B 19 IgM Patate Penicillina G 90681

11 Penicillina V PEPSINOGENO PEPTIDE C (SIERO) PEPTIDE C PRIMO PUNTO PEPTIDE C SECONDO PUNTO PERTOSSE IgA PERTOSSE IgM Pesca Pesce P-GLUCOSIO Phleum pratense Piselli Plantago lanceolata PLASMINOGENO DOSAG. FUNZIONALE polistes dominulus (vespa europea) P-Omocisteina Pomodori POTASSIO (S) POTASSIO (S) POTASSIO (U) PRE-ALBUMINA (S) PREL. TAMP. (OTORINO-SACCO) PREL. TAMP. GENITALI PREL. TAMPONI IN PEDIAT PRELIEVI DOMICILIARI PRELIEVO AMBULAT. PEDIATRIA PRELIEVO C.C. "OPERA" PRELIEVO C.C. "SAN VITTORE" PRELIEVO C.C. BOLLATE PRELIEVO REPARTO PEDIATRIA PRELIEVO TAMPONI - (Centro Prelievi) PRELIEVO TAMPONI VARI (CHIRIRGIA) PRELIEVO VENOSO PRELIEVO VENOSO CIT PRELIEVO VENOSO CAU PRIMIDONE (S) PRIST (IGE TOTALI) X DETERM PROGESTERONE (S) PROLATTINA (PRL) (S) PROLATTINA PRIMO PUNTO PROLATTINA SECONDO PUNTO PROLATTINA TERZO PUNTO PROTEINA C (met. cromogenico) PROTEINA C REATTIVA (CRP) (S) PROTEINA DI BENCE JONES (U) PROTEINA S LIBERA PROTEINE TOTALI (S) PROTEINE TOTALI (U) PROVA CROCIATA COMP TRASFUSION QuantiFERON TB QuanTIFERON TB - (2) QUETIAPINA QUOTA FISSA RICETTA

12 Radioterapia RALTEGRAVIR RAME (S) rapi m1 (Fospolipasi A 2 - allerg. maggiore dell'ape) rara h1 (proteina dell'arachide) rara h2 (proteina dell'arachide) rara h3 (proteina dell'arachide e nocciola) Razionale MPL rbet v 1 (Betula verrucosa) rbet v 2; profilina (Betula verrucosa) rbet v 4 (Betula verrucosa) rcor a8 (proteina della nocciola rder p10 (Tropomiosina) Real Time PCR per West Nile Virus REAZ. DI WIDAL RENINA (S) RENINA CLINO RENINA ORTO rgad c1 (allergene maggioredel merluzzo) RIC. AUTO-Ab SU EMAZIE RIC. MICROSPORIDIUM FECI RICERCA BARBITURATI (U) Rickettsia conorirr IgG Rickettsia conorirr IgM RIFAMPICINA Riso integrale RISPERIDONE RITONAVIR ROSOLIA IgG ROSOLIA IgM ROTAVIRUS Ag (FECI) rpar j 2 (Parietaria judaica) rpen a 1; tropomiosina (Penaeus atzecus) rphl p 1 (Phelum pratense) rphl p 12; profilina (Phelum pratense) rphl p 5b (Phelum pratense) rphl p 7 (Phelum pratense) rpru p3 (LPT) RSV Ag RT-PCR Antrace su tampone nasale rtri a19 (w-5 gliadina) RUFINAMIDE S- Proteina A ass. alla gravidanza (PAPP-A) S-Antigene Carcinoma cellule squamose SAQUINAVIR S-BICARBONATI SCHISTOSOMA Ab SCHISTOSOMA IgG W.B SCOTCH-TEST SCT CONFIRM Semi di soia SEQ. DEI TRATTI R.T.A. - R.T.B. P SEQ. DELLA REGIONE GP120 (Tropismo virale) 91303

13 SEQ. DELLA REGIONE GP Seq. della regione integrasi Setralina S-Gonadotoprina corionica (HCG) libera SILICA CLOT.TIME SCT(2PRXPROV) SODIO (S) SODIO (S) SODIO (U) Somatomedina C (IGF I) Stima della Velocità di filtrazione glomerulare (egfr) STIMOLAZIONE PROLATTINA (5) Studio Funzionalità piastrinica SULFAMETOXAZOLO T. DI TROMBOPL. PARZ. ATT. (aptt) Tamoxifene (CYP2D6*4) Tassani TEICOPLANINA Telopeptide (CTX) TEMPO DI EMORRAGIA TEMPO DI PROTROMBINA (PT) TEMPO DI TROMBINA (TT) TENOFOVIR Tenofovir ABCC4 A>G, ABCC TEOFILLINA (S) TEST DI COOMBS DIRETTO TEST DI COOMBS INDIRETTO Test di funzione piastrinica Test di resistenza HBV TEST GRAVIDANZA (U) TEST RESIST PROT C ATTIVATA TEST RESISTENZA LAMIVUDINA TESTOSTERONE LIBERO (S) THIOTEPA TIP GENOM HLA DPB1 ALTA RISOL TIP GENOM HLA-DRB II^ CLAS TIP. GEN. HLA DQB1 a bassa risol TIP. GENOM. HLA-B 1^ CLAS TIP. GENOM.HLA-C I^ CLAS TIP. LEUCOC. MED. CITOFLUOR TIPIZ. GENOM. HLA-A I^ CLAS Tipizz. Genom. DQ ad alta risoluz. (HLA-DQB1) Tipizz. Genom. DQ ad alta risoluz. (HLA-DR) Tipizz. Genom. DQ al alta risol. (HLA-DQA1) Tipizz. Genom. HLA-DQA1 LR Tipizz.ne molec. HLA-B in alta risol TIPRANAVIR TIREOGLOBULINA-TG (S) TIREOTROPINA (TSH) DOPO TRH TITOLAZ.ANTICOR. ANTIERITROCIT TITOLO ANTISTAFILOSINICO TITOLO ANTISTREPTOLISINICO TOPIRAMATO TOXO GONDII - DNA (PCR) 90834

14 TOXOCARA IgG W.B TOXOPLASMA Ab EIA (IgM) TOXOPLASMA IgA TOXOPLASMA IgG TRANSFERRINA (S) TRASF. DI SANGUE ED EMOCOMP TREPONEMA PALL. Ab (TPHA quant.) TREPONEMA PALL. Ab W.B. IgG TREPONEMA PALL. Ab W.B. IgM TREPONEMA PALLIDUM Ab Treponema pallidum RPR TRIGLICERIDI (S) TRIMETOPRIM TROPONINA (S) TSH - RIFLESSO (TSH-R) Tuorlo URATO (S) URATO (U) UREA (S) UREA (U) URINOCOLTURA v. polistes sp. (vespa) Valutazione strutturale piastrine (delta granuli) Valutazione strutturale piatrine (gp membrana) VANCOMICINA (S) VARICELLA IgG VARICELLA IgM Varicella Zooster (met. PCR) su liquor Varicella Zooster (met. PCR) su tamponi vari VENLAFAXINA VES (Sg) vespa crabro (calabrone europeo) vespula sp. (giallone) VISITA DI CONTROLLO EMATOLOGIC 89,01 VISITA SPECIAL. EMATOLOGICA 897 VITAMINA B12 (S) VITAMINA D 1 25 OH (S) VITAMINA D 25 OH (S) Warfarin* (CYP2C9*2,*3, VKORC1*2,*3) WB IgG TOXO GONDII WB IgM TOXO GONDII Yersinia enterocol. IgA Yersinia enterocol. IgG Yersinia enterocol. IgM Ziprasidone ZONISAMIDE (*) PER LE PAZIENTI GRAVIDE CHE DEVONO EFFETTUARE LA CURVA GLICEMICA DA CARICO DI GLUCOSIO CONTATTARE PREVENTIVEMENTE LA SALA PRELIEVE AL NUMERO 02/ DA LUNEDI A VENERDI DALLE 7.30 ALLE 13.00

Analisi codice Campione - Provetta 1-25-OH-2-Vitamina D 1.25VD Sangue - Provetta Tappo Verde (Litio eparina) 3 alfa Androstenediolo oppure

Analisi codice Campione - Provetta 1-25-OH-2-Vitamina D 1.25VD Sangue - Provetta Tappo Verde (Litio eparina) 3 alfa Androstenediolo oppure Analisi codice Campione - Provetta 1-25-OH-2-Vitamina D 1.25VD Sangue - Provetta Tappo Verde (Litio eparina) 3 alfa Androstenediolo oppure ANDROS Siero - Provetta con Gel Tappo giallo piccola Androstenediolo-Glucoronide

Dettagli

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici

MANUALE QUALITA Doc. 13 Preparazione del paziente al prelievo venoso e raccomandazioni per la raccolta dei campioni biologici Indice!"#$"%!&$'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!(!""$'!)$%&*$%+, $'!$!"$'+, $-+$./ " 0/ *!'# 1 ( #2 / 3 1 3 2 $ 3 + 4 -(4 -( 5 5 6-6 - # 7 78 '7 Prelievo venoso 1) PREPARAZIONE DEL PAZIENTE PRIMA DEL PRELIEVO E importante

Dettagli

DR. ANTERMITE ANTONIA

DR. ANTERMITE ANTONIA DR. ACERRA ALESSIO Il mercoledì dalle ore15,15 alle 19,45 VISITA ANESTESIOLOGICA 160,00 OSPEDALE TARQUINIA - viale Igea 1 DR.ACCORRA' Il martedì dalle ore 14,00 alle 16,00 VISITA PSICHIATRICA 99,00 POLIAMBULATORIO

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE

LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE LEGGIAMO LE ANALISI DEL SANGUE Ad ogni donazione, dovunque venga fatta, il sangue prelevato viene sottoposto ad analisi dal Centro Trasfusionale dell Ospedale San Michele ( Brotzu ) ed i relativi risultati

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche

Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche Distribuzione codifiche anemia macrocitica PREVALENZA ANEMIA MACROCITICA Rete UNIRE 2.6 1.6 0.7 0.3 codificata folati

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea

Menopausa, alimentazione ed osteoporosi. Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Menopausa, alimentazione ed osteoporosi Debora Rasio Sapienza Università di Roma - Az. Osp. S. Andrea Cambiamenti ormonali in menopausa Con la menopausa si assiste al declino della produzione ovarica di

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE

DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE Deliberazione n. 529 del 13/05/2004. DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA COSTITUZIONE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE DI MEDICINA TRASFUSIONALE PREMESSE La legge regionale 28 marzo 1995, n. 28, istituiva il servizio

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

Sindrome da attivazione macrofagica in corso di artrite reumatoide

Sindrome da attivazione macrofagica in corso di artrite reumatoide Sindrome da attivazione macrofagica in corso di artrite reumatoide Dr. PAOLO ROSSI Dipartimento di Medicina A.O. Papa Giovanni XXIII Definizioni: Emofagocitosi Sindrome emofagocitica Sindrome da attivazione

Dettagli

www.hackmed.org hackmed@hackmed.org Gli Esami del Sangue

www.hackmed.org hackmed@hackmed.org Gli Esami del Sangue Gli Esami del Sangue AZOTEMIA E' la determinazione della quantità di azoto non proteico presente nel sangue, che è il prodotto di scarto del metabolismo delle proteine. L'aumento dell'azotemia indica il

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

Patologie reumatiche esenti dal ticket

Patologie reumatiche esenti dal ticket Patologie reumatiche esenti dal ticket Il "Regolamento recante norme di individuazione delle malattie croniche e invalidanti" (Dm 28 maggio 1999, n. 239) emanato in attuazione del "sanitometro" è stato

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori

Dettagli

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite

Cos è l epatite? 1.1 Riassunto. L epatite I. L epatite 11 1. Informazioni generali Cos è l epatite? 1.1 Riassunto L epatite L epatite è un infiammazione del fegato. Viene spesso chiamata ittero ma si tratta di un errore, poiché la colorazione

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

Manuale del Prelevatore. Manuale del Prelevatore

Manuale del Prelevatore. Manuale del Prelevatore Manuale del Prelevatore Pagina 1 di 36 INDICE 1 PREMESSA...... 5 2 IDENTIFICAZIONE DEI PAZIENTI E DEI CAMPIONI DEI PRELIEVI NELLE STRUTTURE CDI... 5 2.1 Etichette identificative dei campioni ematici......

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny

EPATITE B. 50 domande e risposte. Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny EPATITE B 50 domande e risposte Dr. med. Eric Odenheimer, Prof. Dr. med. Beat Müllhaupt e Prof. Dr. med. Andreas Cerny 2012 by SEVHep; 2 a edizione c/o Centro di Epatologia Clinica Luganese Moncucco Via

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

CD4, carica virale e altri test

CD4, carica virale e altri test www.aidsmap.com CD4, carica virale e altri test Italiano Prima edizione 2010 Autore: Michael Carter Prima edizione italiana: 2010 Adattata dalla prima edizione inglese 2009 Si ringrazia LILA per la traduzione

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Tutto sul sangue. A cura di Vincenzo Saturni

Tutto sul sangue. A cura di Vincenzo Saturni Tutto sul sangue A cura di Vincenzo Saturni 1 GLOSSARIO... 3 LA COMPOSIZIONE DEL SANGUE... 11 LE CELLULE DEL SANGUE... 11 IL MIDOLLO OSSEO... 14 LE FUNZIONI DEL SANGUE... 15 I GRUPPI SANGUIGNI... 16 L

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene

Quota introduzione liquidi. Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volemia Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere o sottrarre

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

Stat Profile CCX Critical Care Xpress

Stat Profile CCX Critical Care Xpress Stat Profile CCX Critical Care Xpress Semplicemente la miglior soluzione strumentale e gestionale dell emogasanalisi e dei parametri biochimici d urgenza Stat Profile CCX Critical Care Xpress PIU TEST...

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO CONCETTI GENERALI E RIFERIMENTI NORMATIVI

RISCHIO BIOLOGICO CONCETTI GENERALI E RIFERIMENTI NORMATIVI RISCHIO BIOLOGICO CONCETTI GENERALI E RIFERIMENTI NORMATIVI Carlo Nava Medico del lavoro Dipartimento di Medicina del Lavoro Milano IL RISCHIO BIOLOGICO TITOLO VIII - D.Lgs626/94 Campo di applicazione

Dettagli

Guida per chi inizia la terapia contro l HIV

Guida per chi inizia la terapia contro l HIV Guida per chi inizia la terapia contro l HIV INDICE Introduzione Informazioni generali sulla terapia L aderenza Le resistenze Terapia di prima linea Il rapporto con il medico Raccomandazioni finali Questa

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL DONATORE DI SANGUE ED IL CANDIDATO DONATORE

INFORMAZIONI PER IL DONATORE DI SANGUE ED IL CANDIDATO DONATORE INFORMAZIONI PER IL DONATORE DI SANGUE ED IL CANDIDATO DONATORE Il sangue è un componente dell organismo indispensabile alla vita, ma non riproducibile in laboratorio; costituisce per molti ammalati un

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

Malattie sessualmente trasmesse (MST) o Malattie Veneree (VD)

Malattie sessualmente trasmesse (MST) o Malattie Veneree (VD) Malattie sessualmente trasmesse (MST) o Malattie Veneree (VD) IST curabili: 448 milioni di nuovi casi all anno anno Infezioni (O.M.S. - 2005) Casi/anno Trichomonas 248 milioni Chlamydia 102 milioni Gonococco

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Gli esami di laboratorio nell anemia

Gli esami di laboratorio nell anemia Gli esami di laboratorio nell anemia Guido Pastore SCDU Pediatria ASO Maggiore della Carità, Novara UPO ANEMIA DIMINUZIONE DELL EMOGLOBINA ( O DELLA MASSA ERITROCITARIA) AL DI SOTTO DI DUE DEVIAZIONE STANDARD

Dettagli

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti

IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti Az.Osp.San Camillo-Forlanini-Roma IL MIELOMA MULTIPLO Guida per i pazienti a cura del Dr. Luca De Rosa Ematologia e Centro Trapianti Cellule Staminali Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini Istituto

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO.

FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO. FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO. La fisiopatologia del sistema coagulativo e fibrinolitico, in modo sempre più dettagliato, è stata caratterizzata e

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA SELEZIONE DEL DONATORE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI

PROTOCOLLO PER LA SELEZIONE DEL DONATORE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI 1/55 Regionale Emilia-Romagna PROTOCOLLO PER LA SELEZIONE DEL DONATORE DI SANGUE ED EMOCOMPONENTI DELLE STRUTTURE TRASFUSIONALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA 2/55 SOMMARIO INTRODUZIONE...5 1 I REQUISITI

Dettagli

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003 Come evitare e gestire gli effetti collaterali Quando, cosa, e perché Cambio di terapia Terapie convenzionali e alternative Tu ed il tuo medico Riferimenti internet Sommario Sezione 1: Informazioni generali

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D

Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D Dall inizio alla fine, un binomio inscindibile: Calcio piu vit. A e D IL CALCIO La definizione classica per questo elemento e quella di essere un Metallo Alcalino Terroso. Non si trova libero in Natura,

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

Farmaci ipolipemizzanti: metabolismo ed interazioni clinicamente rilevanti

Farmaci ipolipemizzanti: metabolismo ed interazioni clinicamente rilevanti 27 Farmaci ipolipemizzanti: metabolismo ed interazioni clinicamente rilevanti ALBERTO CORSINI, STEFANO BELLOSTA Dipartimento di Scienze Farmacologiche, Università degli Studi di Milano Negli ultimi anni

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A cura della Commissione Terapia Antivirale dell Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (A.I.S.F.) Finito

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli