Specie erbacee da biomassa per energia di possibile coltivazione in Sicilia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Specie erbacee da biomassa per energia di possibile coltivazione in Sicilia"

Transcript

1 Attività svolta e risultati ottenuti nell ambito del progetto sulle colture dedicate alla produzione di biomasse per scopi energetici in Sicilia - Specie erbacee da biomassa per energia di possibile coltivazione in Sicilia Venera Copani Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agrarie e Alimentari Università di Catania Caltanissetta, 29 novembre 2013

2 Specie erbacee annuali e poliennali da biomassa per energia Canna comune (Arundo donax L.) Cardo (Cynara cardunculus L. var. altilis) Miscanto (Miscanthus spp.) Sorgo da fibra (Sorghum bicolor (L) Moench) Graminacee della flora spontanea siciliana Kenaf (Hibiscus cannabinus L.) Lignocellulosiche Sorgo zuccherino (Sorghum bicolor (L) Moench) Zuccheri Ricino (Ricinus communis L.) Cartamo (Carthamus tinctorius L.) Lino (Linum usitatissimum L.) Brassicacee (Brassica spp.) Olio

3 Un panel di soluzioni nel tempo e nello spazio La biomassa di origine agricola, un obiettivo per l energia del futuro (Gosse, 2008) I prodotti come le paglie sono limitati in termini di quantità ma sono diffusamente presenti. Questo è il primo step per le applicazioni industriali. Colture annuali, una soluzione già pronta (triticale, sorgo ) ma non la migliore in termini di resa e sostenibilità, una soluzione di transizione Colture perenni C4 e C3 ad elevata efficienza, la migliore soluzione in termini di produttività e impatto sull ambiente, non ancora pronto per l uso su larga scala

4 Biomassa da colture erbacee poliennali Dimensione ( t/anno o t/anno), le conseguenze sono completamente diverse. Complementarietà con altre risorse in biomassa. Impatti sui sistemi aziendali (sistemi colturali). Impatti sullo sviluppo rurale Accettabilità da parte degli attori della catena, tra cui la società.

5 Cardo domestico (Cynara cardunculus L. var. altilis DC.) - Canna comune (Arundo donax L.)

6 Miscanto (Miscanthus spp.)

7 Cardo domestico (Cynara cardunculus L. var. altilis DC.) -

8 Specie graminacee perenni della flora siciliana Oryzopsis miliacea (L.) Asch. et Schweinf. (Miglio) Famiglia: Poaceae Genere: Oryzopsis Michx. Saccharum spontaneum (L.) ssp. aegyptiacum (Willd.) Hack. (Canna d Egitto) Famiglia: Poaceae Genere: Saccharum L. Cymbopogon hirtus (L.) Janchen (Barboncino mediterraneo) Famiglia: Poaceae Genere: Cymbopogon Spreng. Sorghum halepense (L.) Pers. (Sorgo selvatico, Sorghetto, Sagginella, Melghetta, Melgastro, Canestrello, Cannerecchia) Famiglia: Poaceae Genere: Sorghum Moench

9 Il rizoma Descrizione

10 Perchè le graminacee perenni? Produzione elevata di biomassa, elevato contenuto di lignina, cellulosa ed emicellulosa, polisaccaridi, benefici sociali ed ambientali. Zegada-Lizarazu et al., 2010 Benefici ambientali Limitati consumi idrici; Ridotte esigenze di fertilizzanti e pesticidi; Bassa emissione di gas serra; Phytoremediation; Riduzione della degradazione del suolo e dell erosione; Adattamento ad ambienti marginali; Copertura permanente del suolo; Habitat per animali selvatici. Benefici socio-economici Sviluppo di nuovi mercati (biocarburanti, chimica verde); Nuove risorse per le aree rurali; Sviluppo di strutture economiche a livello regionale; Incremento della biodiversità; Aumento delle energie rinnovabili interne (> sicurezza energetica); Miglioramento delle conoscenze della formazione, e dei servizi di assistenza agli agricoltori.

11 I dati della letteratura Miscanthus ARUNDO CARDO Area of origin South East Asia Asia and Mediterranean Mediterranean Available genetic resource Many var. available Wild genetic base Wild genetic base Photosynthesis system C4 C3 C3 Resa (t ha -1 ) Raw material characteristic Adaption range in EU Lignocellulosic biomass Cold and warm regions of EU Lignocellulosic biomass Warm region of southern EU Durata (anni) Insediamento Rizoma Rizoma e/o talea di culmo Lignocellulosic biomass/oil seed Mediterranean regions Harvest time Winter/Early spring Winter/Early spring Summer Rizoma/seme Required machinery Fertilizers input (kg ha -1 N): Pesticide and herbicides Special farm equipments Special farm equipments Special farm equipments First year and postharvest First year and postharvest First year and postharvest

12 Resa energetica ed efficienza Crop Yield (O I) Efficiency (O/I) (GJ ha -1 ) Arundo donax Miscanthus Cardo Sorgo da fibra Sweet Sorghum Panicum virgatum Rapeseed ,4 Sunflower Soyabean Sugar beet Maize

13 Resa in etanolo da 1 tonnellata di biomassa secca (Scordia, laboratorio USDA Forest products, Madison USA) Materia prima Arundo Teorico/ottenuto C6 (l ton -1 ) C5 (l ton -1 ) Totale (l ton - Teorico Ottenuto ) Miscanthus Saccharum Teorico Ottenuto Teorico Ottenuto Scordia D, Cosentino SL, Jeffries TW, Second generation bioethanol production from Saccharum spontaneum L. ssp. aegyptiacum (Willd.) Hack.. Bioresour. Technol.(101),

14 Emissioni di CO 2 equivalenti risparmiate Biomasse Bioenergia Olio combustibile Resa (t ha -1 ) Emissioni t CO 2 equ. ha -1 (a) Biomasse combustibili Emissioni t CO 2 equ. ha -1 (b) Emissioni t CO 2 equ. ha -1 saved (b-a) Arundo 35,7 6,8 44,4 37,7 Miscanto 17,3 4,2 21,6 17,5 Cardo 18,2 4,0 22,7 19,1 Sorgo da fibra 24,6 5,7 30,7 25,1 ETBE Sorgo Zuccherino 21,4 15,8 19,9 3,9 Biodiesel Colza 2,6 1,9 3,1 1,2

15 Canna comune Apparato radicale

16 Arundo donax L. Prelievo di acqua dal suolo a differente profondità durante lo sviluppo della coltura in relazione alla disponibilità irrigua. I0=no irrigazione, I100= restituzione 100% Etm Soil Depth (cm) I0 28/8 13/8 27/7 17/7 10/7 3/7 19/6 28/5 I Soil Depth (cm) Available soil water content (%) Disponibilità di acqua nel suolo (%)

17 Cardo - Possibili utilizzazioni aggiuntive Sostanze biofunzionali (flavonoidi): acidi caffeilchinici, luteoline e apigenine (per la funzionalità e patica, prevenzione del cancro) Inulina e fruttosio da radici, scarti di lavorazione industriale) Produzione di cagli vegetali

18 Cardo - Possibili utilizzazioni alternative Produzione di FORAGGIO Produzione di SEME per l estrazione di olio e proteine

19 II meeting annuale di OPTIMA, Università di Madrid, Spagna 30 settembre 02 ottobre 2013

20 OPTIMISATION OF PERENNIAL GRASSES FOR BIOMASS PRODUCTION IN MEDITERRANEAN AREA OPTIMA (289642) Work programme topics addressed: Call: FP7 - KBBE KBBE : Perennial grasses: optimising biomass production Coordinatore: Salvatore L. Cosentino Università di Catania Durata: 4 anni ( ) Assegnazione:

21 OPTIMA - obiettivi Individuare le graminacee perenni più adatte per l area del Mediteraneo, creare filiere efficienti in grado di fornire risorse stabili di biomassa e bioprodotti Esplorare le potenzialità delle graminacee perenni nelle aree sottoutilizzate o abbandonate

22 Consortium: 21 Partner di 12 Paesi (IT, GR, ES, PT, NL, BE, DE, HU, IR, Argentina, India, China); 6 piccole e medie imprese

23 UCD - impact of cold on germination rates and early plant performance in switchgrass WP1 Fisiologia della pianta e della foglia (leader UB, Spagna) INDEAR Physiology of switchgrass under salinity and water stress IBERS - Miscanthus early season leaf development under water stress (4 reps 249 genotypes) UB/UIB - Giant reed and cardoon under salinity and water stress

24 INDEAR Switchgrass RNA seq. under stresses WP2 Biotechnologie (leader INDEAR, Argentina) INDEAR Genome reduction under stress HZAU Giant reed tags depths distribution in each individual (GBS- Tags) Sequenziamento dell RNA per individuare i geni coinvolti nella tolleranza agli stress salini e idrici

25 WP3 Agronomia, leader UNICT (Task 3.1) UNICT Wild species propagation material CNR Ampelodesmos in riparian area S. halepense seeds Rhizome of S. spontaneum Mother plant C. hirtus UNICT Wild species in collection field CRES Pennisetum (sx) vs Miscanthus (dx) Saccharum spontaneum Sorghum halepense Cymbopogon hirtus

26 WP3 Plant agronomy 1/2 (Task 3.2) UNICT Giant reed stem propagation UNIBO Switchgrass hydrosowing PRIMUS Miscanthus propagation CRES Giant reed rhizome (sx) and stem cutting (dx) propagation

27 WP3 Plant agronomy 2/2 (Task 3.2) UNICT Saccharum under water stress 100% ETM rest. Rainfed UNIBO Switchgrass under salinity stress UNICT Giant reed under salinity stress S 0 S 1 S 2 UNIBO Switchgrass harvest UPM Giant reed under waters strategy stress S 0 S 1 S 2

28 WP4 Produttività a scala aziendale in ambienti marginali (1/2), leader CRES, Grecia CRES Giant reed irrigated vs marginal Irrigated Marginal UNICT PG intercropping UNICT 5 ha Giant reed field UNIBO Switchgrass long term UNICT Giant reed (up) and Miscanthus (down) long term

29 WP4 Produttività a scala aziendale in ambienti marginali (2/2) UPM Cardoon cultivation on marginal land UPM Cardoon mechanical harvesting CRA-ING and SPAPPERI Giant reed mechanical harvesting Graphical representation of slope classes in the field

30 WP5 Energia prodotta e sottoprodotti (leader BTG, Olanda) BTG and CRES Giant reed ash test BTG Pirolisys (up) and torrefaction (down) pilot plants 2ZK Biomass densification

31 WP6 Valutazione di impatto ambientale (leader UNIBO, Italia) UNIBO Eddy covariance tower in switchgrass field PRIMUS PG on red mud in Hungary UNICT Soil erosion mitigation by PG FCT-UNL Energy balance Energy in Energy out?

32 WP7 Valutazione della sostenibilità integrale (leader IFEU, GERMANIA)

33 Temi e risultati sperimentali Produttività di specie e genotipi Propagazione gamica e agamica Risposta alla disponibilità idrica Stress salino radicazione Biocarburanti di seconda generazione

34 Canna comune - Una collezione di 40 cloni di reperiti in Sicilia e Calabria. Cosentino et al., 2006

35 Miscanto - Nuovi genotipi provenienti dall Asia nel 2007 Non fioriscono ma producono elevate quantità di biomassa e sono arido resistenti

36 Miscanto - Nuovi genotipi provenienti dall Asia nel 2007 Non fioriscono ma producono elevate quantità di biomassa e sono arido resistenti

37 Miscanto - Nuovi genotipi provenienti dall Asia nel Miscanto - Nuovi genotipi CERES (Ca) Kg plant Produzione del 2010 Fresh Biomass Dry biomass

38 Miscanto Altri genotipi provenienti dall Asia introdotti nel 2008 Accessioni di specie diverse M. floridulus M. floridulus M. floridulus M. condensatus Goliath M x G M. floridulus: M2, M3, M11, M12 M. sacchariflorus: M9, M. sinensis: M5, M18, M20 M. condensatus: M13 M1, M6, M7, M8, M10, M14, M15, M16

39 Miscanto - Risposta alla temperatura dell aria Tesi di dottorato del dott. Scalici, Aberystwyth (UK) T low - 20 C T high - 30 C

40 Miscanto Fotosintesi in relazione alla temperatura dell aria Tesi di dottorato del dott. Scalici, Aberystwyth (UK) M. x giganteus M. floridulus Produce seme A (µmol m -2 s -1 ) Fotosintesi T high T low Absorbed Irradiance (µmol m -2 s -1 ) A (µmol m -2 s -1 ) T high T low Absorbed Irradiance (µmol m -2 s -1 ) Goliath M. sinensis Fotosintesi A (µmol m -2 s -1 ) T high T low A (µmol m -2 s -1 ) T high T low Absorbed Irradiance (µmol m -2 s -1 ) Absorbed Irradiance (µmol m -2 s -1 )

41 Cardo Produzione di genotipi diversi Biomassa (t ha-1 s.s.) Biomassa (t ha-1 s.s.) Biomassa (t ha-1 s.s.) Titolo del grafico F 50,50,50 F 100,150,150 F 200,300,200

42 Specie graminacee perenni della flora siciliana Oryzopsis miliacea (L.) Asch. et Schweinf. (Miglio) Famiglia: Poaceae Genere: Oryzopsis Michx. Saccharum spontaneum (L.) ssp. aegyptiacum (Willd.) Hack. (Canna d Egitto) Famiglia: Poaceae Genere: Saccharum L. Cymbopogon hirtus (L.) Janchen (Barboncino mediterraneo) Famiglia: Poaceae Genere: Cymbopogon Spreng. Sorghum halepense (L.) Pers. (Sorgo selvatico, Sorghetto, Sagginella, Melghetta, Melgastro, Canestrello, Cannerecchia) Famiglia: Poaceae Genere: Sorghum Moench

43 Specie graminacee perenni della flora siciliana Produzione di biomassa Biomassa secca (t ha -1 ) a I anno (2011) II anno (2012) S.spontaneum S.halepense C. hirtus O. miliacea b b b

44 Specie graminacee perenni della flora siciliana 30,00 Fotosintesi 41 C a livello fogliare Pn (umol CO2 m-2 s-1) 25,00 20,00 15,00 10,00 5,00 0,00 0,30 0,25 Gs (mol m-2 s-1) 0,20 0,15 0, Data di misurazione Conduttanza Saccharum Sorghum Arundo Cymbopogon Oryzopsis Saccharum Sorghum Arundo Cymbopogon Traspirazione (mmol H2O m-2 s- 1) 8,00 7,00 6,00 5,00 4,00 3,00 2,00 1,00 0,00 Traspirazione Data di misurazione Saccharum Sorghum Arundo Cymbopogon Oryzopsis 0,05 Oryzopsis 0, Data di misurazione

45 Specie selvatiche - Test di germinazione dei semi Specie Germination (%) TMG (giorni) Sorghum halepense (control) Sorghum halepense (H 2 SO 4 ) Lygeum spartum (uncut) Lygeum spartum (cut) Ampelodesmos mauritanicus (bracts) Ampelodesmos mauritanicus (no bracts) Oryzopsis miliacea

46 Specie selvatiche - Test di germinazione dei semi Age (months) Germination (%) Treatment Germination MGT (days) duration (min) (%) 0 4.7e 3.50b d 3.83b cd 3.82b bc 3.67b a 3.56b a 3.27ab ab 2.82a

47 Temi Risultati sperimentali Produttività di specie e genotipi Propagazione meccanizzazione Epoca di trapianto disponibilità idrica Biocarburanti di seconda generazione

48 L impianto del canneto Rizoma Difficoltà di approvvigionamento: maggiore Costo di impianto: maggiore Meccanizzazione: (?) Insediamento: facile Talea di culmo Difficoltà di approvvigionamento: minore Costo di impianto: minore Meccanizzazione: si (prototipo) Insediamento: più difficile

49 Prototipo di trapiantatrice della canna comune

50

51 Miscanto - Propagazione agamica dell ibrido Miscanthus x giganteus I ANNO Trattamenti Cespi vitali (n m -2 ) Culmi (n cespo -1 ) Culmi (n m -2 ) Altezza culmi (cm) Biomassa aerea ( g m -2 ss) Biomassa rizoma (g m -2 ss) R3 1,0a 11,7a 11,7a 87,0a 50,9a 253,0a R1 0,8b 9,4b 7,5b 53,0b 19,0b 181,6b T10 0,6c 7,0c 4,2c 60,3b 11,8c 161,1b T5 0,3d 13,0a 3,9c 38,7c 4,1d 40,2c Media 0,7 10,3 6,8 59,8 21,5 159,0 II ANNO Trattamenti Cespi vitali (n m -2 ) Culmi (n cespo -1 ) Culmi (n m -2 ) Altezza culmi (cm) Biomassa aerea ( g m -2 ss) Biomassa rizoma (g m -2 ss) R3 0,8a 33,6a 26,9a 132,4a 389,5a n.r. R1 0,5b 20,8b 10,4b 123,9b 162,9b n.r. T10 0,4b 22,3b 8,9c 89,3c 136,4b n.r. T5 0,3b 27,0b 8,1c 86,2c 147,1b n.r. Media 0,5 25,9 13,6 107,9 209,0 n.r.

52 Enna, Transplanting date Enna, Produzione di biomassa (I anno) in relazione alla data di trapianto 5 Organo di propagazione 4 a 6 Transplanting date Resa s.s. (t/ha) b 5 a a 0 rizomi culmi Biomass Yield (t ha-1) d b cd bc Resa s.s. (t/ha) Irrigazione a a 0 I1 I0

53 Canna comune - soglia termica per la germogliazione del rizoma 17 C 7,5 C

54 Canna comune - Trapianto autunnale o primaverile? TRAPIANTO I anno II anno NOVEMBRE Biomassa (t ha-1 s.s.) Asciutto Irrigato Culmo Rizoma Biomassa (t ha-1 s.s.) Asciutto Irrigato Culmo Rizoma MARZO Biomasa (t ha-1 s.s.) Asciutto Irrigato Culmo Rizoma Biomassa (t ha-1 s.s.) Asciutto Irrigato Culmo Rizoma APRILE Biomassa (t ha-1 s.s.) Asciutto Irrigato Culmo Rizoma Biomassa (t ha-1 s.s.) Asciutto Irrigato Culmo Rizoma

55 Canna comune Tecniche di impianto Radicazione delle talee di culmo Incremento del tasso di radicazione di talee di culmo in relazione a fattori diversi: Età della talea (epoca di prelievo) Diametro della talea (piccola, grande) Zona di provenienza (basale, mediana, apicale) Regolatori di crescita (durata del trattamento, tipo di ormone, concentrazione)

56 Radicazione in vaso Tasso di radicazione dei nodi in relazione al momento del prelievo e al tipo di ormone (%) Temperature ( C) T max T min 5 0 J F M A M J J A S O 25/02/ /07/2013 Rooted nodes (%) Large stem Small stemm Rooted nodes (%) Large stem Small stemm 40 Control dry control water NAA IBA IAA

57 Data di raccolta delle canne 02/07/2013 Testimone NAA 100 mg l- 1 IBA 100 mg l- 1 IAA 350 mg l-1

58 Temi Risultati sperimentali Produzione di specie e genotipi Propagazione Risposta alla disponibilità idrica Biocarburanti di seconda generazione Aspetti energetici e ambientali

59 Canna comune : produzione di biomassa secca in rapporto al consumo idrico Produzione di biomassa secca epigea (t ha -1 ) Nessuna irrigazione Consumo idrico (mm)

60 Miscanto: MISCANTHUS produzione di biomassa secca in rapporto al consumo idrico 34 Fig. 8 -Variation of yield in relation to water used by the crop Biomassa secca Yield epigea (t ha -1 (t ) ha-1 s.s.) Yield = e-3 x e-7 x 2 16 R 2 = Water used (m 3 ha -1 ) Consumo idrico (mm)

61 Saccharum: produzione di biomassa secca in rapporto al consumo idrico Biomassa Dry biomass secca epigea yield (t (t ha ha-1 ) s.s.) y= x x R 2 = 0.96 Rainfed Irrigated Consumo Water used idrico (mm) (mm)

62 Canna comune - Progetto Europeo: Giant reed network Biomassa prodotta in relazione all irrigazione e concimazione azotata Above ground biomass (t ha -1 )DM N0 N1 N2-33% 1998/ / /01 Interaction "water x nitrogen" Interaction "water x nitrogen" P = 0,05 P = 0,01 P = 0,05 P = 0,01 21,5 16,4-38% 18,6 0 I0 I1 I2 I0 I1 I2 I0 I1 I2

63 Produzione e Consumo idrico Dry biomass (t (t ha -1 ha ) -1 ) Giant reed Miscanthus Cardoon Canna comune III - IV year III - IV year II year II year II year III year I year IV year I year Water balance (mm) Water Use WUE Efficiency (g l -1 ) (g l -1 ) Arundo Miscanthus Cardo I year I I II year I I III year I I IV year

64 Temi Risultati sperimentali Produzione di specie e genotipi Propagazione Risposta alla disponibilità idrica Stress salino Biocarburanti di seconda generazione Aspetti energetici e ambientali

65 Canna comune stress salino (2012 e 2013) 15/07/13 40 genotipi NaCl (da 0,4 a 8 ds/m)

66 Canna comune - Irrigazione con acque saline e produzione Livello di salinità: 0 (S0) ms/cm 4 (S1) ms/cm 8 (S2) ms/cm CV (%) Biomassa prodotta (g s.s.) Aboveground biomass yield (g DM)

67 Temi Risultati sperimentali Produzione di specie e genotipi Propagazione Risposta alla disponibilità idrica Investimento unitario

68 Cardo produttività in relazione all investimento unitario Variabile Biomassa lignocellulo sica (t ha -1 ) Acheni (t ha -1 ) Biomassa totale (t ha -1 ) Resa energetica (GJ ha -1 ) Investimento unitario (piante m -2 ) c 0.75 c 18.0 c 300 c b 0.98 ab 22.7 b 380 b b 0.89 b 24.7 b 414 b a 1.18 a 32.8 a 548 a Anno b 1.16 a 23.7 a 398 a a 0.75 b 25.4 a 424 a Media 23,6 1,0 24,6 411

69 Specie erbacee da biomassa per energia di possibile coltivazione in Sicilia Grazie per l attenzione Caltanissetta, 29 novembre 2013

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 10 ottobre 2014. Aggiornamento delle condizioni, dei criteri e delle modalità di attuazione dell obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli

Dettagli

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio

PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE. Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio PRODUTTIVITÁ DELLE SRC NELL APPENNINO CALABRESE Sara Bergante Gianni Facciotto, Laura Rosso, Giuseppe Nervo, Enrico Allasia, Franco Fazio 1 Ambito della ricerca Nella primavera 2009 l Unità di Ricerca

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

Colture Erbacee, Genetica Agraria, Sistemi Agroterritoriali

Colture Erbacee, Genetica Agraria, Sistemi Agroterritoriali Alma Mater Studiorum Università di Bologna Frontespizio DOTTORATO DI RICERCA IN Colture Erbacee, Genetica Agraria, Sistemi Agroterritoriali Ciclo XXI Settore scientifico-disciplinare di afferenza: AGR/02

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

129-130 Basilicata Regione Notizie

129-130 Basilicata Regione Notizie 129-130 Basilicata Regione Notizie Guardia Perticara, paesaggio (Foto di Leonardo Nella - Archivio Total) 164 Sviluppo agro-energetico Benefici economici e ambientali contro la crisi delle risorse fossili

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns

ΕΡΓ. ΓΕΩΡΓΙΚΗΣ ΜΗΧΑΝΟΛΟΓΙΑΣ TEL.: (+30210)5294040 FAX: (+301)5294032 ΚΑΘ. Ν. ΣΥΓΡΙΜΗΣ email:ns@aua.gr, www.aua.gr/ns ORTICOLE IN SERRA Preparazione del terreno Trapianto Post-Trapianto Inizio accrescimento vegetativo Accrescimento vegetativo Fioritura Allegagione Ingrossamento bacche frutti Invaiatura Maturazione Obiettivo/Problema

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI!

DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! DIAMO VOCE ALLE SEMENTI! POTRA L EUROPA RINUNCIARE ALL INNOVAZIONE VARIETALE? LA NOSTRA VISIONE L innovazione legata alle sementi deve essere alla base della filiera alimentare, per stimolare lo sviluppo

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa **

Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** MELONE Tecnici coinvolti: Michele Baudino*; Alessandro Costanzo **; Diego Scarpa ** * Tecnico CReSO ; Tecnici SATA / Cadir Lab. Elenco delle cultivar poste a confronto Varietà Ditta Tip. Agustino Rijk

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Realize success. DuPont Arigo Mais One-pass Post-emergenza. Il sigillo di garanzia DuPont Izon per la sicurezza della tua coltura. DuPont TM Arigo TM

Realize success. DuPont Arigo Mais One-pass Post-emergenza. Il sigillo di garanzia DuPont Izon per la sicurezza della tua coltura. DuPont TM Arigo TM Il sigillo di garanzia DuPont Izon per la sicurezza della tua coltura Il sigillo di garanzia DuPont Izon, applicato su tutte le confezioni consente di verificare con una semplice operazione visiva se il

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

I RISCHI DA AGENTI CHIMICI NELLE COLTIVAZIONI IN SERRA

I RISCHI DA AGENTI CHIMICI NELLE COLTIVAZIONI IN SERRA I RISCHI DA AGENTI CHIMICI NELLE COLTIVAZIONI IN SERRA Dr.Calliera Maura Università Cattolica del sacro Cuore di Piacenza Verona 14 gennaio 2014 1 Le colture protette Per coltura protetta s'intende la

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO

POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO POSSIBILITA DI SVILUPPO DELLA FILIERA BIOGAS - BIOMETANO IN TRENTINO Seminario di promozione del biometano in Veneto Veneto Agricoltura, Corte Benedettina Legnaro (PD), 23 ottobre 2013 Silvia Silvestri

Dettagli

QUANT ACQUA SFRUTTIAMO Come il consumo di materie prime minaccia le risorse idriche del pianeta

QUANT ACQUA SFRUTTIAMO Come il consumo di materie prime minaccia le risorse idriche del pianeta QUANT ACQUA SFRUTTIAMO Come il consumo di materie prime minaccia le risorse idriche pianeta LA REALIZZAZIONE DI QUESTO REPORT È STATA FINANZIATA DA: Unione Europea Altstoff Recycling Austria SUPPORTED

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal

Controllo Integrato delle infestanti dell'actinidia. INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Indipendentemente dal INFESTANTI CRITERI DI INTERVENTO SOSTANZE ATTIVE % S.a. DOSE l/ha ANNO Graminacee e Interventi chimici: Glifosate 30.40 9 l/ha Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale. L'uso di diserbanti può

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie

Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie Resistenza agli erbicidi: analisi del rischio e strategie Maurizio Sattin CNR -Istituto di Biologia Agro-ambientale e Forestale (IBAF), Legnaro Gruppo Italiano sulla Resistenza agli Erbicidi Gli erbicidi

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011

Convegno. Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole. Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 Convegno Impianto, gestione e diserbo del verde urbano e delle aree extra-agricole Aula Magna Facoltà Agraria di Bari Bari, Giovedì 17 Febbraio 2011 AGRICENTER S.r.l. Import Export Via Facchinelle, 1 37014

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Effetti di differenti livelli di fertilizzazione azotata sulla risposta produttiva e qualitativa in una coltura di tabacco Burley di tipo aromatico.

Effetti di differenti livelli di fertilizzazione azotata sulla risposta produttiva e qualitativa in una coltura di tabacco Burley di tipo aromatico. concimazione4.qxd 25/03/2005 20.38 Pagina 19 Effetti di differenti livelli di fertilizzazione azotata sulla risposta produttiva e qualitativa in una coltura di tabacco Burley di tipo aromatico. Eugenio

Dettagli