PROFILI FISCALI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROFILI FISCALI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI"

Transcript

1 PROFILI FISCALI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI Sommario: 1. Qualificazione degli enti non commerciali - 2. Individuazione dell oggetto esclusivo o principale dell attività - 3. Perdita della qualifica di ente non commerciale - 4. Il reddito complessivo degli enti non commerciali Occasionali raccolte pubbliche di fondi Contributi per lo svolgimento convenzionato di attività - 5. Enti di tipo associativo - 6. Determinazione del reddito d impresa degli enti non commerciali - 7. L imposta sul valore aggiunto - 8. Il regime forfetario previsto dalla L. n. 398 del QUALIFICAZIONE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI La lett. c) del comma 1 dell art. 73 T.U. 22 dicembre 1986 n. 917, come modificato dal D.lgs. 12 dicembre 2003 n. 344, di seguito per brevità nuovo TUIR, fornisce la nozione generale di ente non commerciale, individuando tale tipologia soggettiva negli enti pubblici e privati diversi dalle società, che non hanno per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali. L elemento distintivo degli enti non commerciali è costituito, quindi, dal fatto di non avare tali enti quale oggetto esclusivo o principale lo svolgimento di una attività di natura commerciale. Ai fini della qualificazione dell attività come commerciale deve farsi riferimento alle disposizioni dell art. 55 del nuovo TUIR. Pertanto, il carattere commerciale dell attività si evidenzia in modo oggettivo, a prescindere dalla natura dell ente, dalla destinazione degli utili e dalla totale assenza di finalità lucrative. 2. INDIVIDUAZIONE DELL OGGETTO ESCLUSIVO O PRINCIPALE DELL ATTIVITÀ I criteri per l individuazione dell oggetto esclusivo o principale dell attività sono dettati dai commi 4 e 5 dell art. 73 del nuovo TUIR. Il comma 4 dispone che l oggetto esclusivo o principale dell attività per gli enti residenti è determinato in base alla legge (per gli enti pubblici), all atto costitutivo o allo statuto, se esistenti in forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata o registrata. Qualora l atto costitutivo o lo statuto non sia redatto in una delle predette forme, il comma 5 stabilisce che l oggetto principale dell ente residente è determinato in base all attività affettivamente esercitata nel territorio dello Stato. Quest ultima disposizione si applica in ogni caso agli enti non residenti. La circ. 12 maggio 1998 n. 124/E 1 ha chiarito che per oggetto principale si intende l attività essenziale per realizzare direttamente gli scopi primari dell ente indicati dalla legge, dall atto costitutivo o dallo statuto. Pertanto, ai fini della qualificazione dell ente come commerciale o non commerciale, occorre anzitutto avere riguardo alle previsioni contenute nello statuto, nell atto costitutivo o nella legge. Nell ipotesi in cui i menzionati atti prevedano lo svolgimento di più attività, di cui alcune di natura commerciale ed altre di natura non commerciale, per la qualificazione dell ente occorre fare riferimento all attività che per lo stesso risulta essere essenziale, vale a dire quella che gli consente il raggiungimento degli scopi primari e che tipicizza l ente medesimo. Se l attività essenziale per realizzare direttamente gli scopi primari è non commerciale, l ente deve annoverarsi tra quelli non commerciali, sia ai fini delle imposte sui redditi che dell imposta sul valore aggiunto e, conseguentemente, deve essere, rispettivamente assoggettato alla disciplina recata dal Titolo II, Capo II, del nuovo TUIR (nda) e dall art. 4 D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633, nonché alla disciplina contabile prevista per tale categoria di enti. Diversamente, l ente, ancorché dichiari finalità non lucrative, è considerato ente commerciale quando l attività essenziale per la realizzazione degli scopi tipici è di natura commerciale. 1 In dt.finanze.it. 1

2 3. PERDITA DELLA QUALIFICA DI ENTE NON COMMERCIALE La qualifica di ente non commerciale risultante dall atto costitutivo o dallo statuto non è esaustiva, ai sensi dell art. 73, comma 4 del nuovo TUIR, ai fini della definizione dell ente, ma la stessa deve essere necessariamente verificata in base ai criteri recati dall art. 149 del nuovo TUIR. Il comma 1 stabilisce una presunzione legale in base alla quale indipendentemente dalle previsioni statutarie, l ente perde la qualifica di ente non commerciale qualora eserciti prevalentemente attività commerciale per un intero periodo d imposta. Pertanto, se l ente esercita in maniera prevalente attività commerciali per un intero periodo d imposta, perde la qualifica di ente non commerciale, indipendentemente da quando indicato nello statuto o nell atto costitutivo, e di conseguenza diviene soggetto al regime previsto per gli enti commerciali. Quanto all espressione intero periodo d imposta usata dal legislatore, la circ. n. 124/E del ha chiarito che è sufficiente, per valutare la prevalenza dell attività commerciale, che tale prevalenza sussista per la maggior parte del periodo d imposta. Quindi, in presenza di attività commerciale prevalente per la maggior parte del periodo d imposta l ente perde la qualifica di ente non commerciale a decorrere dall inizio del medesimo periodo. Al fine di verificare la natura commerciale dell ente, si tengono in considerazione anche alcuni parametri elencati dal comma 2, indicativi dell esercizio predominante di attività commerciali. Dall espressione usata dal legislatore si tiene conto anche dei seguenti parametri emerge la volontà di non collegare automaticamente la perdita della qualifica di ente non commerciale al verificarsi delle condizioni previste dal comma 2. La circ. n. 124/E del 1998 chiarisce che i parametri previsti dal comma 2 non configurano presunzioni legali, ma semplici indizi valutabili in concorso con le caratteristiche complessive dell ente. Pertanto, non è sufficiente il verificarsi di una o più delle condizioni previste dal comma 2, per determinare il mutamento di qualifica, ma è necessario un giudizio più complesso che tenga conto di tutti gli elementi desumibili dall analisi delle specifiche realtà esaminate. I parametri da prendere in considerazione, sia pure come semplici indizi, sono i seguenti: a) prevalenza delle immobilizzazioni relative all attività commerciale, al netto degli ammortamenti, rispetto alle restanti attività; b) prevalenza dei ricavi derivanti da attività commerciali rispetto al valore normale delle cessioni o delle prestazioni riguardanti l attività istituzionale; c) prevalenza dei redditi derivanti da attività commerciali rispetto alle entrate istituzionali, quali contributi, sovvenzioni, liberalità e quote associative; d) prevalenza dei componenti negativi inerenti all attività commerciale rispetto alle altre spese. Per stabilire la prevalenza delle immobilizzazioni relative all attività commerciale, la circ. n.124/e del 1998 ha chiarito che il raffronto va effettuato tra le immobilizzazioni relative all attività commerciale - tra le quali devono comprendersi tutte le tipologie indicate nell art c.c. e cioè le immobilizzazioni materiali, le immobilizzazioni immateriali e le immobilizzazioni finanziarie e gli investimenti relativi alle attività istituzionali ivi compresi gli investimenti relativi alle attività decommercializzate. Per quanto concerne la lettera c) che prende testualmente in esame la prevalenza dei redditi derivanti da attività commerciali rispetto alle entrate istituzionali, intendendo per queste ultime i contributi, le sovvenzioni, le liberalità e le quote associative, la circ. n. 124/E del 1998 ha precisato che il raffronto va effettuato fra i componenti positivi del reddito d impresa e le entrate derivanti dall attività istituzionale. Da entrambi i termini del raffronto vanno esclusi i contributi percepiti per lo svolgimento di attività aventi finalità sociale in regime di convenzione o accreditamento. Detti contributi, infatti, non concorrono alla formazione del reddito degli enti non commerciali ai sensi dell art. 143, comma 3, lett.b), del nuovo TUIR. 2 Cit. a nt. 1, che precede. 2

3 Il comma 3 dell art. 149 del nuovo TUIR stabilisce che il mutamento di qualifica opera a partire dal periodo d imposta in cui vengono meno la condizioni che legittimano la agevolazioni e comporta l obbligo di comprendere tutti i beni facente parte del patrimonio dell ente nell inventario di cui all art. 15 del D.P.R. 29 settembre 1973 n L iscrizione nell inventario deve essere effettuata entro sessanta giorni dall inizio del periodo d imposta in cui ha effetto il mutamento di qualifica secondo i criteri di cui al D.P.R. 23 dicembre 1974 n Considerato che il mutamento di qualifica rileva sin dall inizio del periodo d imposta nel corso del quale si verifica, la circ. n. 124/E del 1998 ha precisato che l ente fin dall inizio del periodo d imposta deve operare una valutazione prospettica della propria attività ai fini della corretta qualificazione tributaria e, conseguentemente, dovrà porre in essere gli adempimenti contabili previsti dalla normativa vigente per gli enti commerciali fin dall inizio del periodo d imposta nel quale l ente stesso ritiene di assumere la qualifica di ente commerciale, onde evitare la ricostruzione del reddito sulla base di elementi presuntivi nonché l applicazione delle sanzioni per la violazione delle norme relative alla tenuta della contabilità. Il comma 4 dell art. 149 del nuovo TUIR precisa che né l esercizio prevalente di attività commerciale di cui al comma 1, né i parametri del comma 2 comportano la perdita della qualifica di ente non commerciale nei confronti degli enti ecclesiastici riconosciuti come persone giuridiche agli effetti civili e delle associazioni sportive dilettantistiche. La qualificazione dell ente non commerciale effettuata in base alle disposizioni dell art. 149 del nuovo TUIR opera anche ai fini IVA, giusta il disposto dell ultimo comma dell art. 4 del D.P.R. n. 633 del IL REDDITO COMPLESSIVO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI OCCASIONALI RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI CONTRIBUTI PER LO SVOLGIMENTO CONVENZIONATO DI ATTIVITÀ Il comma 1 dell art. 143 del nuovo TUIR dispone che il reddito degli enti non commerciali è formato dai redditi fondiari, di capitale, di impresa e diversi, ovunque prodotti e quale ne sia la destinazione, ad esclusione di quelli esenti dall imposta e di quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d imposta o ad imposta sostitutiva. La seconda parte del comma 1 stabilisce che non si considerano attività commerciali le prestazioni di servizi non rientranti nell art c.c., rese in conformità alle finalità istituzionali dell ente senza specifica organizzazione e verso pagamento di corrispettivi che non eccedono i costi di diretta imputazione. In merito al primo requisito occorre verificare che le prestazioni di servizi siano rese in conformità alle finalità istituzionali dell ente previste dall atto costitutivo o dallo statuto. Quanto ai corrispettivi conseguiti dall ente, la ris. Min. 23 ottobre 1992 n. 11/274 3, ha specificato che i compensi devono remunerare soltanto i costi di diretta imputazione sostenuti per lo svolgimento delle prestazioni, senza inglobare una quota di utile. La lett. a) del comma 3 dell art. 143 del nuovo TUIR sottrae dall imposizione, ai fini delle imposte sui redditi, i fondi pervenuti a seguito di raccolte pubbliche occasionali anche mediante offerte di beni di modico valore o di servizi ai sovventori, in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione. L esclusione dalla tassazione dei fondi derivanti da raccolte pubbliche è subordinata, quindi, alle seguenti condizioni: a) deve trattarsi di iniziative occasionali; b) la raccolta dei fondi deve avvenire in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione; c) i beni ceduti per la raccolta dei fondi devono essere di modico valore. 3 In dt.finanze.it 3

4 Per espressa previsione del comma 2 dell art. 2 del D.lgs. 4 dicembre 1997 n. 460, i fondi derivanti da raccolte pubbliche sono esclusi dal campo di applicazione dell IVA e sono esenti da ogni altro tributo, sia erariale che locale. A tutela della fede pubblica il comma 2 dell art. 20 del D.P.R. n. 600 del 1973 prescrive l obbligo a carico degli enti che effettuano raccolte pubbliche di fondi di redigere, entro quattro mesi dalla chiusura dell esercizio, un rendiconto dal quale devono risultare, anche a mezzo relazione illustrativa, in modo chiaro e trasparente, le entrate e le spese relative a ciascuna celebrazione, ricorrenza o campagna di sensibilizzazione. La lett. b) del comma 3 dell art. 143 del nuovo TUIR prevede che non concorrono a formare il reddito degli enti non commerciali i contributi loro corrisposti da enti pubblici per lo svolgimento di attività in regime di convenzione o di accreditamento. L agevolazione è subordinata alle seguenti condizioni: a) deve trattarsi di attività aventi finalità sociali; b) le attività devono essere svolte in conformità alle finalità istituzionali dell ente. La circ. n. 124/E del ha precisato che le finalità sociali devono ricomprendersi tra le finalità tipiche dell ente. Inoltre, la medesima circ. ha chiarito che tra i contributi agevolati rientrano sia quelli in conto capitale che quelli in conto esercizio, in quanto la norma non opera alcuna distinzione al riguardo. 5. ENTI DI TIPO ASSOCIATIVO Il comma 1 dell art. 148 del nuovo TUIR dispone che non è considerata commerciale l attività svolta nei confronti degli associati o partecipanti, in conformità alle finalità istituzionali, dagli enti non commerciali di tipo associativo. Le quote o i contributi associativi versati dagli associati o partecipanti non concorrono a formare il reddito complessivo dell ente. Il comma 2, viceversa, considera commerciali le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese, ancorché in conformità a finalità istituzionali, agli associati o partecipanti verso il pagamento di corrispettivi specifici, compresi i contributi e le quote supplementari determinati in funzione delle maggiori o diverse prestazioni alle quali danno diritto. Le quote differenziate costituiscono in sostanza il corrispettivo dovuto in base ad un rapporto sinallagmatico instaurato tra i soci e l ente. Detti corrispettivi concorrono alla formazione del reddito complessivo come componenti del reddito d impresa o come redditi diversi, secondo che le relative operazioni abbiano carattere di abitualità o di occasionalità. Tuttavia, in base al disposto del comma 1 dell art. 143 del nuovo TUIR, non si considerano commerciali le prestazioni di servizi non rientranti nell art c.c. resa agli associati in conformità alle finalità istituzionali dell ente senza specifica organizzazione e verso pagamento di corrispettivi che non eccedono i costi di diretta imputazione. Il comma 3 dell art. 148 del nuovo TUIR stabilisce che per determinate associazioni non si considerano commerciali le attività rese, in diretta attuazione degli scopi istituzionali, verso pagamento di corrispettivi specifici nei confronti degli iscritti, associati o partecipanti, di altre organizzazioni che svolgono la medesima attività e che per legge, regolamento o statuto fanno parte di un unica organizzazione locale o nazionale, dei rispettivi associati o partecipanti o dei tesserati delle rispettive organizzazioni nazionali. Detto regime agevolativo richiede il concorso di tre condizioni: a) le attività agevolate devono essere effettuate da particolari tipologie di associazioni; b) le cessioni di beni e le prestazioni di servizi devono essere rese agli associati ed agli altri soggetti sopra menzionati; c) le cessioni di beni e le prestazioni di servizi devono essere effettuate in diretta attuazione degli scopi istituzionali. 4 Cit. a nt. 1, che precede. 4

5 L ambito soggettivo di applicazione del comma 3 dell art. 148 del nuovo TUIR è costituito dalle seguenti tipologie di associazioni: - associazioni politiche; - associazioni sindacali; - associazioni di categoria; - associazioni religiose; - associazioni assistenziali; - associazioni culturali; - associazioni sportive dilettantistiche; - associazioni di promozione sociale; - associazioni di formazione extra-scolastica della persona. Le associazioni sportive dilettantistiche sono state definite dalla circ. 11 febbraio 1992 n.1 come associazioni sportive e relative sezioni non aventi scopo di lucro, affiliate alle federazioni sportive nazionali o agli enti di promozione sportiva, riconosciuti ai sensi delle leggi vigenti, che svolgono attività sportiva esclusivamente dilettantistica, intendendosi per tale quella così definita nell ambito della normativa regolamentare degli organismi suddetti cui l associazione è affiliata. L art. 90 della L. 27 dicembre 2002 n. 289, come modificato dal D.L. 22 marzo 2004 n. 72, convertito con modificazioni dalla L. 21 maggio 2004 n. 128, ha dettagliatamente indicato i requisiti necessari per l individuazione delle associazioni sportive dilettantistiche. La circ. 22 aprile 2004 n. 21 dell Ag. Entrate 5 ha chiarito che per fruire del regime agevolativo recato dall art. 148 del nuovo TUIR, che prevede la detassazione di determinate attività, le associazioni sportive dilettantistiche devono integrare, ove occorra, le clausole statutarie stabilite dall art. 90 della L. n. 289 del 2002 con quelle previste dall art. 148 del nuovo TUIR. La circ. n. 124/E del definisce le associazioni di promozione sociale come quelle associazioni che promuovono la solidarietà e il volontariato nonché l aggregazione sociale attraverso lo svolgimento di attività culturali o sportive al fine di innalzare la qualità della vita. Per quanto concerne le associazioni di formazione extra-scolastica della persona, la citata circ. n. 124/E del 1998 chiarisce che dette associazioni non devono svolgere come attività principale l organizzazione di corsi, atteso che tale circostanza comporterebbe la loro qualificazione come enti commerciali. Peraltro, l espressione formazione extra-scolastica della persona non individua, in via generale, l intero settore dell attività di formazione, ma un più limitato ambito di tale attività che privilegia la crescita intellettuale dell individuo, mirata allo sviluppo della sua personalità complessiva e che esclude la formazione professionale, intesa all apprendimento di conoscenze specifiche finalizzate all inserimento nel mondo del lavoro e alla particolare specializzazione professionale. La seconda condizione relativa ai destinatari delle attività agevolate postula la necessità che le cessioni di beni o le prestazioni di servizi siano rese nei confronti degli associati o partecipanti, di altre organizzazioni che svolgono la medesima attività e che per legge, regolamento o statuto fanno parte di un unica organizzazione locale o nazionale e dei rispettivi associati o partecipanti e dei tesserati delle rispettive organizzazioni nazionali. Pertanto, le cessioni di beni e le prestazioni di servizi qualora sono rese nei confronti di soggetti diversi da quelli sopra menzionati, compresi i familiari degli associati o dei partecipanti, costituiscono attività commerciali secondo le regole ordinarie. Riguardo al terzo requisito, la circ. n. 124/E del ha chiarito che l attività svolta in diretta attuazione degli scopi istituzionali non è quella genericamente rientrante fra le finalità istituzionali dell ente ma deve costituire il naturale completamento degli scopi specifici e particolari che caratterizzano ciascun ente associativo. L ultima parte del comma 3 dell art. 148 del nuovo TUIR contiene un ulteriore previsione di favore. Secondo tale norma non sono considerate commerciali le cessioni di pubblicazioni effettuate 5 In dt.finanze.it 6 Cit. a nt. 1, che p recede. 7 Cit. a nt. 1, che precede. 5

6 anche a terzi da parte delle associazioni sopra menzionate, purché tali cessioni siano effettuate prevalentemente agli associati, anche se a titolo gratuito. Il comma 4 dell art. 148 del nuovo TUIR stabilisce che per tutti gli enti associativi le seguenti cessioni e prestazioni di servizi, ancorché rese agli associati, sono considerate commerciali: - cessione di beni nuovi prodotti per la vendita; - somministrazione di pasti; - erogazioni di acqua, gas, energia elettrica e vapore; - prestazioni alberghiere, di alloggio, di trasporto e di deposito; - prestazioni di servizi portuali e aeroportuali; - gestione di spacci aziendali e di mense; - organizzazione di viaggi e soggiorni turistici; - gestione di fiere ed esposizioni a carattere commerciale; - pubblicità commerciale; - telecomunicazioni e radiodiffusioni circolari. Il comma 5 dell art.148 del nuovo TUIR sancisce la non commercialità a favore delle associazioni di promozione sociale ricomprese tra gli enti di cui all art. 3, comma 6, lettera e), della L. 25 agosto 1991 n. 287, cioè enti a carattere nazionale le cui finalità assistenziali siano riconosciute dal Ministero dell interno, delle somministrazioni di alimenti e bevande purché ricorrano le seguenti condizioni: a) l attività deve essere effettuata da bar ed esercizi similari presso le sedi in cui viene svolta l attività istituzionale; b) l attività deve essere svolta nei confronti degli iscritti, associati o partecipanti anche di altre associazioni che svolgono la medesima attività e che per legge, regolamento atto costitutivo o statuto fanno parte di un unica organizzazione locale o nazionale e dei tesserati dalle rispettive organizzazioni nazionali; c) deve trattarsi di attività strettamente complementare a quelle svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali. L art. 20 della L. quadro 7 dicembre n. 383 revede che le agevolazioni fiscali per la associazioni di promozione sociale operano anche per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi rese nei confronti dei familiari conviventi degli associati. Ai sensi del comma 6 dell art. 148 del nuovo TUIR non è considerata commerciale l attività di organizzazione di viaggi e soggiorni turistici se svolta dalle associazioni di promozione sociale, da associazioni politiche, sindacali, di categoria o da associazioni riconosciute dalle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese, alle seguenti condizioni: a) l attività deve essere svolta nei confronti degli iscritti, associati o partecipanti anche di altre associazioni che svolgono la medesima attività e che per legge, regolamento atto costitutivo o statuto fanno parte di un unica organizzazione locale o nazionale e dei tesserati dalle rispettive organizzazioni nazionali; b) deve trattarsi di attività strettamente complementare a quelle svolte in diretta attuazione degli scopi istituzionali. Il comma 7 del sancisce la non commercialità delle cessioni e delle pubblicazioni riguardanti i contratti collettivi nazionali di lavoro effettuate dalle associazioni sindacali e di categoria, anche se le pubblicazioni sono cedute prevalentamente a terzi, a condizione che i corrispettivi percepiti non eccedano i costi di diretta imputazione. Lo stesso comma 7 esclude, nei confronti delle organizzazioni sindacali e di categoria, il carattere commerciale per l attività di assistenza in materia di contratti collettivi di lavoro e di legislazione sul lavoro alle seguenti condizioni: a) l attività deve essere prestata prevalentemente agli iscritti, associati o partecipanti; b) i corrispettivi percepiti non devono eccedere i costi di diretta imputazione. Affinché trovino applicazioni i principi di esclusione previsti per le particolari categorie di enti associativi innanzi menzionati, il comma 8 dell art. 148 del nuovo TUIR prevede una serie di clausole da 6

7 inserire espressamente nell atto costitutivo o nello statuto redatto nella forma dell atto pubblico o della scrittura privata autenticata o registrata, e precisamente: a) divieto di distribuire anche in modo indiretto durante la vita dell associazione, sotto qualsiasi forma, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve e capitale (a meno che la distribuzione sia imposta per legge); b) obbligo di devolvere il patrimonio dell ente, in caso di scioglimento, ad altra associazione con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla legge; c) disciplina uniforme del rapporto associativo volta a garantire l effettività del rapporto medesimo, escludendo espressamente che possano essere poste limitazioni temporali alla partecipazione dei soci alla vita associativa, e prevedendo per gli associati o partecipanti maggiori di età il diritto di voto nelle riunioni assembleari; d) obbligo di redigere ed approvare un rendiconto economico e finanziario annuale; e) eleggibilità libera degli organi amministrativi, voto singolo per ogni associato, sovranità dell assemblea, criteri di ammissione ed esclusione dei soci, idonee forme di pubblicità delle convocazioni assembleari, delle relative deliberazioni, dei bilanci o rendiconti; f) intrasmissibilità della quota o contributo associativo ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non rivalutabilità della stessa. 6. DETERMINAZIONE DEL REDDITO D IMPRESA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI Il reddito d impresa è determinato dalla differenza tra i proventi conseguiti ed i costi sostenuti, specificatamente attribuibili all attività commerciale, secondo le regole proprie previste per la generalità delle imprese. Il comma 4 dell art. 144 del nuovo TUIR dispone che le spese e gli altri componenti negativi relativi a beni e servizi adibiti promiscuamente all esercizio di attività commerciali e di altre attività, sono deducibili per la parte del loro importo che corrisponde al rapporto tra l ammontare dei ricavi e dei proventi che concorrono a formare il reddito d impresa e l ammontare complessivo di tutti i ricavi e proventi. Per gli immobili utilizzati promiscuamente è deducibile la rendita catastale o il canone di locazione anche finanziaria, per la parte che corrisponde al predetto rapporto. Il comma 2 dell art. 144 del nuovo TUIR subordina la deducibilità dei costi dal reddito d impresa alla tenuta della contabilità separata per l attività commerciale esercitata. L art. 145 del nuovo TUIR prevede anche un regime forfetario per la determinazione del reddito d impresa degli enti non commerciali. Il regime è applicabile, su opzione, da parte degli enti ammessi al regime di contabilità semplificata previsto dall art. 18 del D.P.R. n. 600 del Sono ammesse al regime di contabilità semplificata le imprese che nel periodo d imposta precedente non hanno conseguito ricavi di cui all art. 85 del nuovo TUIR non superiori a ,14 euro per le imprese aventi per oggetto prestazioni di servizi, ovvero a ,90 euro per le imprese aventi per oggetto altre attività. Gli enti non commerciali che non superano i limiti di ricavi sopra menzionati possono determinare i redditi derivanti dall attività commerciali in maniera forfetaria. La circ. n. 124/E del ha precisato che il regime forfetario è adottabile di anno in anno se i limiti di ricavi non vengono superati. Qualora i limiti di ricavi risultino superati al termine del periodo d imposta, esso non può trovare applicazione, per il periodo medesimo. Nel regime forfetario il reddito si determina applicando ai ricavi derivanti dell attività commerciale i seguenti coefficienti di redditività: enti esercenti prestazioni di servizi: - per ricavi fino a ,71 euro 15%; 8 Cit. a nt. 1, che precede. 7

8 - per ricavi compresi tra ,71 euro e ,14 euro 25% enti esercenti altre attività: - per ricavi fino a ,84 euro 10% - per ricavi compresi tra ,84 euro e ,90 euro 15% Per gli enti esercenti contemporaneamente prestazioni di servizi ed altre attività, se i ricavi delle diverse attività sono distintamente annotati, si applica la percentuale prevista per l ammontare dei ricavi relativi all attività prevalente. In mancanza di annotazione separata si applicano i coefficienti previsti per le attività di prestazione di servizi. Alla base imponibile determinata applicando i coefficienti di redditività devono essere aggiunti i seguenti componenti di reddito: - plusvalenze patrimoniali; - sopravvenienze attive; - proventi finanziari (dividendi e interessi); - proventi immobiliari. 7. L IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L art. 4, comma 4 del D.P.R. n. 633 del 1972 dispone che gli enti non commerciali sono soggetti passivi d imposta ai fini IVA solo per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nell esercizio di attività commerciali o agricole. Inoltre, l art. 4 ricalca, pur con alcune modifiche, la disciplina prevista per gli enti di tipo associativo dall art. 148 del nuovo TUIR, sancendo la decommercializzazione ai fini IVA di alcune particolari attività. Per l attività commerciale, l IVA si determina nei modi ordinari. L art.19-ter del D.P.R. n. 633 del 1972 subordina la detrazione dell imposta sugli acquisti a condizione che l attività commerciale o agricola sia gestita con contabilità separata da quella principale. Inoltre, l imposta relativa ai beni e ai servizi utilizzati promiscuamente nell esercizio dell attività commerciale o agricola e dell attività principale è ammessa in detrazione per la parte imputabile all esercizio dell attività commerciale o agricola. 8. IL REGIME FORFETARIO PREVISTO DALLA L. N. 398 DEL 1991 La L. 16 dicembre 1991 n. 398 ha previsto per alcuni enti non commerciali un regime forfetario di determinazione delle imposte sia fini IVA, che agli effetti delle imposte dirette. Il regime si applica ai seguenti enti: - associazioni sportive dilettantistiche e relative sezioni non aventi scopo di lucro, affiliate alle federazioni sportive nazionali o agli enti nazionali di promozione sportiva; - associazioni senza fini di lucro; - associazioni pro-loco; - società sportive dilettantistiche costituite in società di capitali senza fine di lucro. Per le associazione e le società sportive dilettantistiche l applicazione del regime forfetario è subordinato al rispetto delle disposizioni previste dall art. 90 L. n. 289 del 2002 e s.m. Ai fini dell applicazione della L. n. 398 del 1991 è necessario che i soggetti beneficiari non abbiano conseguito nel periodo d imposta precedente proventi di natura commerciale per un importo non superiore al limite di euro stabilito dall art. 90, comma 2, della L. n. 289 del Ai fini della determinazione dell ammontare dei ricavi, conseguiti nell esercizio di attività commerciali, il D.M. 18 maggio 1995, All. E, punto 1, comma terzo ha disposto che per l individuazione dei proventi conseguiti nell esercizio di attività commerciali deve aversi riguardo al criterio di cassa, nel cui ambito, peraltro, resta fermo il principio voluto dalla normativa IVA secondo cui vanno computati gli introiti fatturati ancorché non riscossi. Come chiarito dalla circ. n. 1 del 1992 sono esclusi dal calcolo del limite per essere ammessi all agevolazione le plusvalenze patrimoniali. 8

9 Il reddito imponibile degli enti ammessi a godere del regime forfetario previsto dalla L. n. 398 del 1991 è determinato applicando all ammontare dei proventi conseguiti nell esercizio di attività commerciali il coefficiente di redditività del 3 per cento, e aggiungendo l intero importo delle plusvalenze patrimoniali. Per le associazioni e le società sportive dilettantistiche, non concorrono alla formazione del reddito: - il premio di addestramento e formazione tecnica dell atleta di cui all art. 3 della L. n. 398 del 1991; - i proventi conseguiti nello svolgimento di attività commerciali connesse con gli scopi istituzionali, in numero non superiore a due eventi per anno e per un importo non superiore a ,69 euro (art. 25, comma 2, L. n. 133 del 1999 come modificato dall art. 37, comma 2, lett.a), L. n. 342 del 2000). La circ. n. 43 del 2000 dell Ag. Entrate ha chiarito che la connessione con gli scopi istituzionali comporta che le attività commerciali debbano essere strutturalmente funzionali alla manifestazione sportiva e rese in concomitanza con lo svolgimento della medesima. La citata circolare, inoltre, elenca a titolo esemplificativo i proventi che possono rientrare nell agevolazione prevista dall art. 25 L. n. 133 del Si tratta di entrate derivanti da: - somministrazione di alimenti e bevande; - vendita di materiali sportivi e gadget pubblicitari; - sponsorizzazioni collegate all evento specifico; - cene sociali; - lotterie. I proventi di cui sopra, inoltre, sono esclusi dal computo ai fini della determinazione del limite di euro per avvalersi del regime forfetario. Gli enti ammessi al regime forfetario previsto dalla L. n. 398 del 1991, ai fini della determinazione dell IVA, applicano per tutti i proventi conseguiti nell esercizio delle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali le disposizioni previste dall art. 74, sesto comma, del D.P.R. n. 633 del L art. 74, sesto comma prevede che l IVA si determina forfetariamente. All IVA incassata sui corrispettivi relativi alle attività commerciali si applicano le seguenti percentuali di detrazione forfetaria: - prestazioni di sponsorizzazione 10%; - cessioni/concessioni di diritti di diritti di ripresa televisiva e di trasmissione radiofonica 33,33%; - proventi commerciali generici (vendita biglietti, prestazioni pubblicitarie) 50%. L art. 9, comma 3, del D.P.R. n. 544 del 1999 disciplina gli adempimenti contabili a carico degli enti ammessi al regime forfetario della L. n. 398 del 1991, prevedendo che gli stessi devono: - emettere fattura, se richiesta, per le prestazioni di sponsorizzazione, le cessioni/concessioni di diritti di ripresa televisiva e di trasmissione radiofonica e per le prestazioni pubblicitarie; - versare trimestralmente l IVA a debito, mediante delega unica di pagamento (modello F24), entro il giorno sedici del secondo mese successivo al trimestre di riferimento, con possibilità di utilizzare in compensazione eventuali crediti d imposta; - numerare progressivamente e conservare le fatture di acquisto; - annotare, anche in unica registrazione entro il giorno quindici del mese successivo, l ammontare dei corrispettivi e di qualsiasi provento conseguiti nell esercizio di attività commerciali, con riferimento al mese precedente, nel modello di cui al DM 11 febbraio 1997; - annotare distintamente nel citato modello di cui al DM 11 febbraio 1997 i proventi dell art. 25, comma 1, della L. n. 133 del 1999, che non costituiscono reddito imponibile e le plusvalenze patrimoniali; - certificare i corrispettivi incassati per assistere alle manifestazioni sportive dilettantistiche mediante il rilascio di un titolo di accesso emesso mediante apparecchi misuratori fiscali, o, in alternativa, mediante l utilizzo di titoli d ingresso o di abbonamenti recanti il contrassegno della SIAE; 9

10 - redigere entro quattro mesi dalla chiusura dell esercizio un apposito rendiconto, tenuto e conservato ai sensi dell art. 22 D.P.R. n. 600 del Da questo rendiconto devono risultare in modo chiaro e trasparente le entrate e le uscite riguardanti ciascuna manifestazione nell ambito della quale sono stati realizzati i proventi di cui all art. 25, comma 1, L. n. 133 del Gli enti ammessi al regime forfetario ex L. n. 398 del 1991 sono esonerati dalla tenuta delle scritture contabili previste ai fini delle imposte dirette dal D.P.R. n. 600 del 1973 ed ai fini IVA dal D.P.R. n. 633 del A norma dell art. 2, lett. hh) D.P.R. n. 696 del 1996 le cessioni e le prestazioni poste in essere dalla associazioni che si avvalgono della disciplina di cui alla L. n. 398 del 1991 non sono soggette all obbligo di rilascio dello scontrino e della ricevuta fiscale. L opzione per accedere al regime forfetario previsto dalla L. n. 398 del 1991 è valida fino revoca, e, comunque, almeno per 5 anni e va esercitata tramite comunicazione all ufficio SIAE competente in ragione del domicilio fiscale dell ente, prima dell inizio dell anno solare per cui la stessa ha effetto. Essa va altresì comunicata all Agenzia delle Entrate mediante la prima dichiarazione annuale, da presentare successivamente alla scelta operata. Qualora, nel corso dell anno, vengano meno i presupposti per usufruire del regime forfetario, il regime ordinario deve essere applicato dal mese successivo a quello in cui sono venuti meno i presupposti (circ. n. 247/E del ). Paolo Fortunato Funzionario dell Agenzia delle Entrate Ufficio locale di Potenza 9 In dt.finanze.it. 10

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (II PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

SOGGETTI INTERESSATI

SOGGETTI INTERESSATI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. I REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) SOGGETTI INTERESSATI Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche.

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche. Enti no profit (associazioni) Una organizzazione no profit si caratterizza per il fatto che, non avendo scopo di lucro e non essendo destinata alla realizzazione di profitti, reinveste gli utili interamente

Dettagli

Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali

Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali Inquadramento civilistico, contabile e fiscale degli Enti Non Commerciali 1 AMBITO CIVILISTICO AMBITO TRIBUTARIO FINALITA perseguimento di uno scopo di natura ideale non valutabile economicamente OGGETTO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV

CORSO DI FORMAZIONE 2014. Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV CORSO DI FORMAZIONE 2014 Approfondimenti fiscali e giuridici per le società affiliate FIV LEGGE 398 DEL 16/12/1991 REQUISITI OGGETTIVI Esercizio dell opzione Rispetto del limite dimensionale non superiore

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere esercitata

Dettagli

ASSOCIAZIONI CULTURALI PRO LOCO

ASSOCIAZIONI CULTURALI PRO LOCO PRO LOCO ADEMPIMENTI CIVILISTICI E TRIBUTARI Dott. Raffaele De Spirito 1 Norme di carattere civilistico: - Art. 36 e segg. del Cod. Civ. Norme di carattere tributario: - Art. 4 e 19 ter del D.P.R. n. 633/72

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE La COSTITUZIONE di una ASD e di una Società Sportiva di capitali L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere

Dettagli

ASPETTI FISCALI DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

ASPETTI FISCALI DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI In base alla normativa in vigore i regimi contabili previsti per gli enti non commerciali sono i seguenti: a) regime ordinario; b) regime semplificato; c) regime

Dettagli

a cura del Dott. Stefano Setti

a cura del Dott. Stefano Setti TRATTAMENTO FISCALE AI FINI IVA DEGLI ENTI NON-COMMERCIALI a cura del Dott. Stefano Setti Ai sensi dell art. 4, quarto comma, del DPR n. 633/72 per gli enti non commerciali si considerano effettuate nell

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30

GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30 GUIDA OPERATIVA ALL ADEMPIMENTO DELL ARTICOLO 30 Come compilare correttamente il Modello EAS Ottobre 2009 Seconda edizione PRIMA PARTE Articolo 30: cosa cambia per l'associazionismo italiano Il 2 settembre

Dettagli

Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali

Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali Corso di Formazione Adempimenti IVA e dichiarativi fiscali delle associazioni Sportive Brindisi 5 febbraio 2014 LO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA In sede di conversione del DL n. 72/2004

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette 92 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.1 Le imposte dirette La disciplina fiscale delle Società di mutuo Soccorso deve essere esaminata alla luce della approvazione del D. Lgs. 4

Dettagli

ASSOCIAZIONI e SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGIME FISCALE

ASSOCIAZIONI e SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGIME FISCALE Circolare informativa per la clientela n. 18/2013 del 6 giugno 2013 ASSOCIAZIONI e SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE REGIME FISCALE In questa Circolare 1. Enti associativi Norme del D.P.R. 917/1986 2.

Dettagli

ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD

ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD Latina, 18 dicembre 2015 Dott. Massimiliano Lucaroni COSTITUZIONE DI UNA ASD - artt. 36 e seguenti del Codice Civile - per accedere ai benefici fiscali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 12/E Roma, 09 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive Le possibili modalità di svolgimento dell attività sportiva L attività sportiva dilettantistica può essere svolta mediante le associazioni sportive dilettantistiche - riconosciute - non riconosciute modalità

Dettagli

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche

Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche FIPAV - Comitato Provinciale di Rimini Dott. Andrea Biselli Dott. Marco Frassini Adempimenti ed agevolazioni delle società ed associazioni sportive dilettantistiche Sommario 1. Forma giuridica e requisiti

Dettagli

Roma, 24 aprile 2013. OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE CIRCOLARE N. 9/E PREMESSA.

Roma, 24 aprile 2013. OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE CIRCOLARE N. 9/E PREMESSA. CIRCOLARE N. 9/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2013 OGGETTO: Quesiti relativi alle associazioni e alle società sportive dilettantistiche. INDICE PREMESSA.3 2 1. EFFETTI DELLA MANCATA TENUTA

Dettagli

Parte 1a. rag. Cristina Volpi

Parte 1a. rag. Cristina Volpi Parte 1a rag. Cristina Volpi 1 Il termine ente non profit La definizione di ente no profit o ente senza scopo di lucro è basata sulla caratteristica di segno negativo (NO), intesa come l impossibilità

Dettagli

Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche

Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche Le Società e le Associazioni Sportive Dilettantistiche DISPOSIZIONI E ADEMPIMENTI FISCALI PER L ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA 1 REQUISITI FORMALI la COSTITUZIONE Ai sensi dell art. 90 L. 289/2002 e

Dettagli

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo

Anno Accademico 2012-2013. CLEACC classe 12. Francesco Dal Santo Università ità Commerciale Luigi i Bocconi Anno Accademico 2012-2013 Scienza delle Finanze CLEACC classe 12 ENTI NON COMMERCIALI Francesco Dal Santo Panoramica Qualificazione ENTI NON COMMERCIALI Non commercialità:

Dettagli

I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI.

I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI. I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DEI CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI, DEI GRUPPI FOLKLORISTICI E DEI GRUPPI RIEVOCATIVI STORICI. Franca Della Pietra Dottore Commercialista - Revisore legale dei conti - Trento Via

Dettagli

Associazioni Sportive Dilettantistiche

Associazioni Sportive Dilettantistiche http://www.amministrazioneaziendale.com/associazioni-sportive-dilettantistiche.php Associazioni Sportive Dilettantistiche Negli ultimi anni l attività sportiva dilettantistica ha ricevuto particolare attenzione

Dettagli

LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO. 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio

LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO. 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio LA FISCALITA PER IL MONDO ASSOCIATIVO 21 NOVEMBRE 2015 Rag. Francesco Ravasio Gli Enti Associativi - definizione Un ente associativo è una persona giuridica privata, ossia un complesso organizzato di persone

Dettagli

IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI

IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI IL MODELLO EAS: LA COMUNICAZIONE DEI DATI RILEVANTI AI FINI FISCALI Cos è il modello EAS L art. 30, commi 1,2,3 e 3 bis del decreto legge 29 novembre 2008, n.185, convertito, con modificazioni dalla legge

Dettagli

CIRCOLARE N.24/E. Roma,30 aprile 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.24/E. Roma,30 aprile 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.24/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 aprile 2003 OGGETTO: Legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Sanatorie fiscali Associazioni sportive dilettantistiche, associazioni senza fini

Dettagli

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati

ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI. Relatore Dott.ssa Luisa Mortati ASPETTI AMMINISTRATIVI E CONTABILI DELLE ASSOCIAZIONI Relatore Dott.ssa Luisa Mortati WORKSHOP IL FISCO E LA SICUREZZA PER LE ASSOCIAZIONI Giovedì, 16 Ottobre 2014 AGENDA LE ASSOCIAZIONI COSTITUZIONE e

Dettagli

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano.

Quali enti sono tenuti a pagare l Irap? Tutti indistintamente, sia che svolgano attività commerciale sia che non la svolgano. Cos è l Irap? E una sorta di tassa sul costo del lavoro. Se l associazione ha personale dipendente, un collaboratore a progetto o delle prestazioni di lavoro autonomo occasionale deve pagare l Irap su

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (IV PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

Il/La sottoscritto/a in qualità di presidente del Circolo/Associazione denominato/a

Il/La sottoscritto/a in qualità di presidente del Circolo/Associazione denominato/a N.B.: 1. L'ATTIVITA' POTRA' ESSERE INTRAPRESA PREVIA PRESENTAZIONE DELLA S.C.I.A. SANITARIA AL S.U.A.P. DEL COMUNE AI FINI DELL'INOLTRO ALLA A.U.S.L. COMPETENTE 2. TUTTI I DOCUMENTI DOVRANNO ESSERE FIRMATI

Dettagli

La disciplina IVA degli enti non commerciali

La disciplina IVA degli enti non commerciali STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it La disciplina IVA degli enti non commerciali 1. Premessa

Dettagli

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego*

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* SCHEDE OPERATIVE n.1/2006 non OdV Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* Come per l Ires, anche in materia di Iva, è l iscrizione o meno

Dettagli

ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche

ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche ASSOCIAZIONI NO PROFIT Associazioni/gruppi sportivi Associazioni Sportive Dilettantistiche ASSOCIAZIONI/GRUPPI SPORTIVI ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE Normativa di riferimento D.lgs 460/97 (riforma

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 23 del 30 settembre 2009 Enti associativi e società sportive dilettantistiche - Comunicazione all Agenzia delle Entrate dei dati fiscalmente rilevanti - Approvazione

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Sintesi della normativa statale e del CONI Principali disposizioni fiscali e tributarie A cura del Settore Affiliazioni della FCI Che cos è un Associazione

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive Le possibili modalità di svolgimento dell attività sportiva L attività sportiva dilettantistica può essere svolta mediante le associazioni sportive dilettantistiche - riconosciute - non riconosciute modalità

Dettagli

COSTITUZIONE DI UN ENTE NON COMMERCIALE ASPETTI FISCALI E CIVILISTICI

COSTITUZIONE DI UN ENTE NON COMMERCIALE ASPETTI FISCALI E CIVILISTICI Associazione Nazionale Tributaristi L.A.P.E.T. COSTITUZIONE DI UN ENTE NON COMMERCIALE ASPETTI FISCALI E CIVILISTICI GIAMPIERO LA TORRE Tributarista in Gradisca d'isonzo (GO) Agenda Presupposti di un associazione

Dettagli

D.LGS 460/1997 Le ONLUS

D.LGS 460/1997 Le ONLUS D.LGS 460/1997 Le ONLUS Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 SEZIONE I Modifiche alla disciplina

Dettagli

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 57/E QUESITO RISOLUZIONE N. 57/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 giugno 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica IRES Art. 90, comma 8, legge 27 dicembre 2002, n. 289 - Deducibilità dal reddito d impresa dei corrispettivi

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

I regimi fiscali e contabili delle associazioni musicali

I regimi fiscali e contabili delle associazioni musicali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA MUSICA FRA CREATIVITA, DIRITTO E FISCO (4 edizione) I regimi fiscali e contabili delle associazioni musicali Dott. Campolunghi Davide 9 ottobre 2012 -

Dettagli

INQUADRAMENTO CIVILISTICO E FISCALE DELLE BANDE MUSICALI

INQUADRAMENTO CIVILISTICO E FISCALE DELLE BANDE MUSICALI INQUADRAMENTO CIVILISTICO E FISCALE DELLE BANDE MUSICALI 21 Settembre 2008 LE BANDE MUSICALI Definizione di ente senza fine di lucro. Definizione di ente non commerciale. Attività svolte dall associazione

Dettagli

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA 1 Persone giuridiche e soggetti no profit nel sistema giuridico italiano Nel sistema giuridico italiano sono previsti enti che hanno una soggettività

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione

CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY. Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SPORTIVI DIRIGERE IL VOLLEY Le problematiche fiscali e le buone prassi nella gestione delle Associazioni Sportive Dilettantistiche A cura del Dott. Fabio Romei Dottore

Dettagli

Introduzione agli enti non profit di tipo associativo. 7 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Angela Petrignano

Introduzione agli enti non profit di tipo associativo. 7 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Angela Petrignano Introduzione agli enti non profit di tipo associativo 7 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Angela Petrignano Gli Enti Associativi - definizione Un ente associativo è una persona giuridica privata, ossia un complesso

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO RISOLUZIONE N.126/E Roma, 16 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Adempimenti contabili degli enti non commerciali ed obbligo di rendicontazione di cui all'art. 20

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI

CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI Direzione Regionale della Lombardia VIII CONVEGNO ANNUALE CODIS CONTABILITA E BILANCIO DEGLI ENTI NON COMMERCIALI GIAN MARIO COLOMBO 9 Novembre 2011 - Teatro Angelicum Milano CONTABILITA FISCALE DEGLI

Dettagli

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali

n 5 maggio 2014 Regime Enti non commerciali 1. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IMPOSTE DIRETTE 2. Agevolazioni per l imposta sul reddito: IRAP 3. Detrazione IRPEF per la pratica sportiva dilettantistica 4. Cinque per Mille 5. Adempimenti

Dettagli

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS

2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS LA DEDUCIBILITÀ DAL REDDITO DELLE EROGAZIONI LIBERALI ALLE ONLUS Per effetto del cosiddetto decreto sulla competitività (D.L. n. 35 del 2005), le persone fisiche e gli enti

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI

IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Studio+com segue pagina 1 Ai signori Clienti Loro sedi Circolare n. 35/2014 IL TRATTAMENTO FISCALE DEGLI OMAGGI Con l avvicinarsi delle festività natalizie si ripresenta la necessità di gestire l effettuazione

Dettagli

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista

Livorno, 9 Maggio 2015. Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista Livorno, 9 Maggio 2015 Dott. Roberto Bresci Commercialista Revisore contabile - Pubblicista ENTE SPORTIVO DILETTANTISTICO La natura di Ente Sportivo Dilettantistico si acquisisce: 1. l affiliazione ad

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre

I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI. Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre I RAMI O.N.L.U.S. DEGLI ENTI ECCLESIASTICI Roma, 8 febbraio 2003 Dott. Antonella Ventre ORGANIZZAZIONI NON LUCRATIVE DI UTILITÀ SOCIALE (O.N.L.U.S.) D.LGS. 4 dicembre 1997 n 460 (ART. 10 e SS.) C.M. 26

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 123/E Roma, 07 novembre Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. 2006/155146 OGGETTO: Istanza di interpello Art.1 della legge n. 398 del 1991 Superamento nel periodo d imposta del

Dettagli

Gli adempimenti per l iscrizione

Gli adempimenti per l iscrizione La Rendicontazione economica e sociale degli enti non - profit Gli adempimenti per l iscrizione al R.E.A. e al Registro delle Imprese Bologna, 15 giugno 2011 L Ente non profit consiste in un organizzazione

Dettagli

IL REGIME FISCALE AGEVOLATO

IL REGIME FISCALE AGEVOLATO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO La legge 398/91 a cura di: Introduzione Associazione sportiva dilettantistica con personalità giuridica Associazione sportiva dilettantistica senza personalità giuridica Società

Dettagli

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir -

IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 IRPEF: redditi da lavoro autonomo e redditi d impresa - D.P.R. 917/86 Tuir - 1 IRPEF IRPEF: redditi da lavoro autonomo L IRPEF è un imposta personale

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI : INVIO DEL MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO 2014

ENTI NON COMMERCIALI : INVIO DEL MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO 2014 A cura di Celeste Vivenzi ENTI NON COMMERCIALI : INVIO DEL MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO 2014 Premessa generale Entro il prossimo 31 marzo 2014 gli Enti non commerciali devono provvedere ad inviare il

Dettagli

QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI

QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI ASPETTI GENERALI Sono tenuti alla compilazione del Quadro RG gli enti non commerciali residenti e non residenti con

Dettagli

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi ARTICOLO

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (L. 7 dicembre 2000, n. 383)

LE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (L. 7 dicembre 2000, n. 383) LE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (L. 7 dicembre 2000, n. 383) 1 Enti che possono essere considerati associazioni di promozione sociale (art. 2, comma 1) associazioni riconosciute e non riconosciute

Dettagli

INQUADRAMENTO FISCALE DELL ATTIVITA INTERNA ED ESTERNA DELLE APS

INQUADRAMENTO FISCALE DELL ATTIVITA INTERNA ED ESTERNA DELLE APS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INQUADRAMENTO FISCALE DELL ATTIVITA INTERNA ED ESTERNA DELLE APS Borghisani Chiara 17 marzo 2015 - ODCEC MILANO Associazioni di promozione sociale Circolare

Dettagli

AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento

AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento Conferenza Episcopale Italiana 3 Convegno Nazionale degli Economi Diocesani L Istruzione in materia amministrativa 2005 AGGIORNAMENTO FISCALE Traccia dell intervento Rag. PATRIZIA CLEMENTI, Tributarista

Dettagli

LA PERSONALITA GIURIDICA

LA PERSONALITA GIURIDICA LA PERSONALITA GIURIDICA LA PERSONALITA GIURIDICA delle Associazioni RICONOSCIUTE (ARTT. 12 35 CODICE CIVILE) dotate di personalità giuridica - rispondono solo con il patrimonio sociale - il riconoscimento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visti gli articoli 76 e 87, quinto comma, della costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visti gli articoli 76 e 87, quinto comma, della costituzione; Decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460 Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale. (G.U. n. 1 del 2 gennaio 1998) IL PRESIDENTE

Dettagli

Circolare N.34 del 6 Marzo 2014

Circolare N.34 del 6 Marzo 2014 Circolare N.34 del 6 Marzo 2014 ONLUS e pubblici esercizi, attività polisportive dilettantistiche e commercio su aree pubbliche. I chiarimenti del MISE Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 38 26.06.2014 L imponibile IRES per le associazioni e società sportive dilettantistiche. Il regime fiscale agevolativo della Legge 398/1991e

Dettagli

Oggetto: linee guida per una riforma del Terzo Settore. Considerazioni della Federazione Italiana Pubblici Esercizi Fipe.

Oggetto: linee guida per una riforma del Terzo Settore. Considerazioni della Federazione Italiana Pubblici Esercizi Fipe. terzosettorelavoltabuona@lavoro.gov.it Oggetto: linee guida per una riforma del Terzo Settore. Considerazioni della Federazione Italiana Pubblici Esercizi Fipe. La Federazione Italiana Pubblici Esercizi

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

GLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI ELEMENTI COSTITUTIVI

GLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI ELEMENTI COSTITUTIVI FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI ASPETTI AMMINISTRATIVI E GESTIONALI DEGLI UFFICI SPORT E FINANZIARI GLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI ELEMENTI COSTITUTIVI IVREA, 29 maggio 2012 PINEROLO,

Dettagli

Oggetto: Interpello 954-189/2001-Art.11, Legge 27-7-2000, N. 212 - Art. 108, comma 2-bis, lettera b) del TUIR

Oggetto: Interpello 954-189/2001-Art.11, Legge 27-7-2000, N. 212 - Art. 108, comma 2-bis, lettera b) del TUIR RISOLUZIONE N. 70/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 4 marzo 2002 Oggetto: Interpello 954-189/2001-Art.11, Legge 27-7-2000, N. 212 - Art. 108, comma 2-bis, lettera b) del TUIR Con l istanza

Dettagli

Attività commerciale- Partita Iva - Regime Forfettario

Attività commerciale- Partita Iva - Regime Forfettario Cosa s intende per attività commerciale? Per attività commerciale s intende l esercizio, anche occasionale, di una delle attività previste dall art. 2195 del codice civile, vale a dire: 1. attività industriale

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

Onlus ed enti non commerciali

Onlus ed enti non commerciali CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Thomas Tassani Aggregato di Diritto Tributario Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (): ASPETTI INTRODUTTIVI Nel nostro Paese l associazionismo sociale è un fenomeno in continua espansione. Le Associazioni di Promozione Sociale rappresentano quei soggetti

Dettagli

Corso Diritto Tributario

Corso Diritto Tributario Corso Diritto Tributario Il reddito d impresad Lezione 16/ PARTE I Il reddito d impresad L articolo 55 tratta del reddito d impresa d delle persone fisiche (come categoria IRPEG) Le norme sulla determinazione

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITÀ SPORTIVA DILETTANTISTICA AGGIORNATA CON IL DECRETO 28 MARZO 2007 DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE

Dettagli

IMPOSTAZIONE FISCALE DEL COMPLESSI BANDISTICI

IMPOSTAZIONE FISCALE DEL COMPLESSI BANDISTICI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO BANDE MUSICALI IMPOSTAZIONE FISCALE DEL COMPLESSI BANDISTICI Dott. Corrado Colombo 21 marzo 2014 - corso Europa Milano LE PECULIARITA FISCALI DELLE BANDE

Dettagli

Il regime fiscale ai fini Ires delle associazioni di volontariato non iscritte

Il regime fiscale ai fini Ires delle associazioni di volontariato non iscritte OdV Il regime fiscale ai fini Ires delle associazioni di volontariato non iscritte di Sebastiano Di Diego* L articolo analizza il complesso regime fiscale delle associazioni di volontariato non iscritte

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

La comunicazione dati delle associazioni: Modello EAS

La comunicazione dati delle associazioni: Modello EAS Le guide operative di La comunicazione dati delle associazioni: Modello EAS a cura di Patrizia Clementi Supplemento a 2/2009 Le guide operative di La comunicazione dati delle associazioni: Modello EAS

Dettagli

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015

Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 Circolare Studio Prot. N 10/15 del 03/03/2015 MD/cm Monza, lì 03/03/2015 A Tutti i C l i e n t i Loro Sedi Oggetto : NUOVO REGIME FORFETTARIO PER PERSONE FISICHE Riferimenti: Legge n. 190/2014 (c.d. Legge

Dettagli

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013

L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 INFORMATIVA N. 087 29 MARZO 2013 ADEMPIMENTI L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI BENEFICIARI DEL 5 PER IL 2013 Art. 2, commi da 4-novies a 4-undecies, DL n. 40/2010 DPCM 23.4.2010 Art. 23, comma 2, DL n. 95/2012

Dettagli

6 CAMPO DI APPLICAZIONE DELL IVA INFORMAZIONI FISCALI IL TRATTAMENTO DELLE ONLUS Per quanto riguarda le agevolazioni fiscali che si possono adottare per l associazione A.I.D.O. (Associazione Italiana Donatori

Dettagli

Risoluzione n. 150/E. Roma, 9 luglio 2003

Risoluzione n. 150/E. Roma, 9 luglio 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Risoluzione n. 150/E Roma, 9 luglio 2003 Oggetto: Depositi a garanzia di finanziamenti concessi ad imprese residenti aventi ad oggetto quote di fondi comuni di

Dettagli

Il punto su sport dilettantistico e fisco

Il punto su sport dilettantistico e fisco Il punto su sport dilettantistico e fisco 5 /7/ 2011 09:30 14:30 Sarmeola di Rubano Villa Borromeo Il contratto di sponsorizzazione sportiva : aspetti fiscali Dott. Luca Caramaschi 2 Definizione Concessione,

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI E LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE DI CAPITALI

LE ASSOCIAZIONI E LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE DI CAPITALI LE ASSOCIAZIONI E LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE DI CAPITALI La distinzione tra sport professionistico e sport dilettantistico deve essere letta in funzione del riconoscimento, da parte del CONI,

Dettagli

per aiutarvi nell adempimento delle Vs. funzioni.

per aiutarvi nell adempimento delle Vs. funzioni. Egregi Tesorieri, in questo elaborato vengono riportate alcune annotazioni pratiche e fiscali per aiutarvi nell adempimento delle Vs. funzioni. Auguri di buon lavoro Lion Giovanna Cobuzzi Tesoriere Distrettuale

Dettagli

Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012)

Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012) . rl Roma, 25 marzo 2013 Oggetto: MODALITA E TERMINI D ISCRIZIONE RELATIVI AGLI ENTI DESTINATARI DEL 5 PER MILLE DELL IRPEF (ESERCIZIO FINANZIARIO 2013 ANNO D IMPOSTA 2012) La proroga disposta dall art.23,

Dettagli