DETERMINAZIONE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI (D.P.C.M. 5 DICEMBRE 1997)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DETERMINAZIONE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI (D.P.C.M. 5 DICEMBRE 1997)"

Transcript

1 DETERMINAZIONE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI (D.P.C.M. 5 DICEMBRE 1997) EDIFICIO A DESTINAZIONE RESIDENZIALE Comune di Lecco (LC) Via Monte Sabotino RELAZIONE TECNICA Oggetto: Committenza: Progettista: LECCO COMPARTO DI VIA GORIZIA Intervento 02 via Monte Sabotino Realizzazione di 14 alloggi A.L.E.R. Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale Sede legale: via Giusti Lecco LC Uffici: via Caduti Lecchesi a Fossoli Lecco LC Ufficio Tecnico A.L.E.R. Lecco Suello, 19 marzo

2 INDICE 1. Premessa pag Intervento edilizio pag Riferimenti normativi pag DPCM 5 dicembre 1997 pag Norme tecniche di riferimento pag Metodi di calcolo previsionale pag Calcolo dell indice di potere fonoisolante apparente R w pag Calcolo dell indice di isolamento acustico standardizzato di facciata D 2m,nT,w pag Calcolo dell indice del livello di rumore di calpestio L nw pag Abaco delle strutture pag Parete perimetrale esterna pag Parete divisoria tra blocchi edilizi pag Parete divisoria tra diverse unità immobiliari pag Parete divisoria interna alle unità immobiliari pag Pilastro pag Parete verso vano scala in cls pag Parete verso vano scala in muratura pag Solaio piano terra tipo predalles pag Solaio interpiano tipo laterocemento pag Solaio copertura pag Solaio locali tecnici in copertura pag Verifica dei requisiti acustici passivi per ogni singola unità pag Aperture finestrate pag Piccoli elementi di facciata pag Centrale termica e impianti idrotermosanitari pag Impianto di adduzione idrica e di scarico pag Centrale termica pag Osservazioni e prescrizioni pag Conclusioni pag. 47 2

3 1. PREMESSA Il sottoscritto Arch. Claudio Scola, Tecnico Competente in Acustica Ambientale riconosciuto con Decreto della Direzione Generale Ambiente della Regione Lombardia n.5874/10, è stato incaricato dall Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale della Provincia di Lecco, della valutazione previsionale delle prestazioni acustiche di partizioni edilizie, finalizzata alla verifica del rispetto dei limiti fissati dal D.P.C.M. 5 dicembre 1997 Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici. 2. INTERVENTO EDILIZIO L intervento edilizio in oggetto è finalizzato alla realizzazione di un fabbricato residenziale articolato su tre livelli altimetrici fuori terra. Opere previste al Piano Interrato Formazione di una rampa carrabile per l accesso veicolare; Formazione di corsello comune di manovra veicolare; Formazione di un corpo scala comune con ascensore, denominato Scala 1, per il collegamento verticali con i soprastanti livelli altimetrici; Formazione di un corpo scala comune con ascensore, denominato Scala 2, per il collegamento verticali con i soprastanti livelli altimetrici; Formazione di 14 box auto per il parcamento dei veicoli con accesso dal corsello di manovra comune; Formazione di 7 cantine con accesso da disimpegni comunicanti con il corsello comune; Formazione di 7 cantine con accesso da disimpegno comunicante con il corpo Scala 2; Formazione di un locale per la raccolta dei rifiuti differenziati; Opere previste al Piano Terra Formazione di un corpo scala comune con ascensore, denominato Scala 1, per il collegamento verticali con i vari livelli altimetrici e con accesso dai camminamenti esterni comuni; Formazione di 2 appartamenti denominati 1 e 2, di diversa tipologia distributiva, articolata su singolo piano e con accesso dal corpo Scala 1; Formazione di un corpo scala comune con ascensore, denominato Scala 2, per il collegamento verticali con i vari livelli altimetrici e con accesso dai camminamenti esterni comuni; Formazione di 2 appartamenti denominati 1 e 2, di diversa tipologia distributiva, articolata su singolo piano e con accesso dal corpo Scala 2; 3

4 Opere previste al Piano Primo Formazione di un corpo scala comune con ascensore, denominato Scala 1, per il collegamento verticali con i vari livelli altimetrici; Formazione di 2 appartamenti denominati 3 e 4, di diversa tipologia distributiva, articolata su singolo piano e con accesso dal corpo Scala 1; Formazione di un corpo scala comune con ascensore, denominato Scala 2, per il collegamento verticali con i vari livelli altimetrici; Formazione di 3 appartamenti denominati 3,4 e 5, di diversa tipologia distributiva, articolata su singolo piano e con accesso dal corpo Scala 2; Opere previste al Piano Secondo Formazione di un corpo scala comune con ascensore, denominato Scala 1, per il collegamento verticali con i vari livelli altimetrici; Formazione di 2 appartamenti denominati 5 e 6, di diversa tipologia distributiva, articolata su singolo piano e con accesso dal corpo Scala 1; Formazione di un corpo scala comune con ascensore, denominato Scala 2, per il collegamento verticali con i vari livelli altimetrici; Formazione di 3 appartamenti denominati 6,7 e 8, di diversa tipologia distributiva, articolata su singolo piano e con accesso dal corpo Scala 2; Opere previste al Piano Copertura Formazione di un corpo scala comune con ascensore, denominato Scala 1, per il collegamento verticali con i sottostanti livelli altimetrici e con accesso esterno al terrazzo di copertura; Formazione, all interno di ciascun corpo scala, di un locale per l alloggiamento dei motori dell impianto ascensore; Formazione di un corpo scala comune con ascensore, denominato Scala 2, per il collegamento verticali con i sottostanti livelli altimetrici e con accesso esterno al terrazzo di copertura; Formazione di un locale destinato a centrale termica e di un locale recuperatore entrambi con accesso dal terrazzo di copertura; L intervento, nel suo complesso, prevede la formazione di un totale di 14 alloggi di cui 6 con accesso dal corpo Scala 1 e 8 con accesso dal corpo Scala 2. 4

5 3. RIFERIMENTI NORMATIVI 3.1 D.P.C.M. 5 dicembre 1997 In attuazione all art.3, comma 1, lettera e) della Legge 26 ottobre 1995 n.447, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha emanato un decreto, in data 5 dicembre 1997, sulla determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici. Tale decreto determina i requisiti acustici delle sorgenti sonore interne ed i requisiti acustici passivi degli edifici e dei loro componenti in opera, al fine di ridurre l esposizione umana al rumore. Per componenti degli edifici si intendono le partizioni orizzontali e verticali. Gli edifici sono classificati dal Decreto in 7 categorie (si veda Tabella A Classificazione degli ambienti abitativi Allegato A al Decreto) in funzione della destinazione d uso. Le categorie sono le seguenti: Categoria A edifici adibiti a residenza o assimilabili; Categoria B edifici adibiti ad uffici e assimilabili; Categoria C edifici adibiti ad alberghi, pensioni ed attività assimilabili; Categoria D edifici adibiti ad ospedali, cliniche, case di cura e assimilabili; Categoria E edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili; Categoria F edifici adibiti ad attività ricreative o di culto o assimilabili; Categoria G edifici adibiti ad attività commerciali o assimilabili. Le grandezze che caratterizzano i requisiti acustici passivi degli edifici, a cui fare riferimento per l applicazione di quanto previsto dal decreto, sono le seguenti (si veda l Allegato A al Decreto Grandezze di riferimento: definizioni, metodi di calcolo e misure ): il tempo di riverberazione (T); il potere fonoisolante apparente di elementi di separazione fra ambienti (R); l isolamento acustico standardizzato di facciata (D 2m,nT ) definito dalla relazione D 2m,nT = D 2m + 10log(T/T 0 ) dove: D 2m = L 1,2m L 2 indica una differenza di livello L 1,2m è il livello di pressione sonora esterno a 2 metri dalla facciata, prodotto da rumore da traffico se prevalente, o da altoparlante con incidenza del suono di 45 sulla facciata; L 2 è il livello di pressione sonora medio nell'ambiente ricevente, valutato a partire dai livelli misurati nell'ambiente ricevente mediante la seguente formula: n 1 L = 2 10 log 10 n i= 1 L i 10 5

6 Le misure dei livelli L i devono essere eseguite in numero di n per ciascuna banda di terzi di ottava. Il numero n è il numero intero immediatamente superiore ad un decimo del volume dell'ambiente; in ogni caso, il valore minimo di n è cinque; T è il tempo di riverberazione nell'ambiente ricevente, in sec; T 0 è il tempo di riverberazione di riferimento assunto, pari a 0,5s; il livello di rumore di calpestio di solai normalizzato (Ln); LASmax: livello massimo di pressione sonora ponderata A con costante di tempo slow; LAeq: livello continuo equivalente di pressione sonora ponderata A. Gli indici di valutazione delle grandezze sopra descritte che caratterizzano i requisiti acustici passivi e che sono da raffrontare con i limiti stabiliti dal Decreto, sono i seguenti: 1) indice del potere fonoisolante apparente di partizioni fra ambienti (R w ) da calcolare secondo le norme UNI vigenti. E il valore minimo di isolamento al rumore tra differenti unità immobiliari. 2) indice dell'isolamento acustico standardizzato di facciata (D 2m,nT,W ) da calcolare secondo le norme UNI vigenti. E il valore minimo di isolamento dai rumori provenienti dall esterno. 3) indice del livello di rumore di calpestio di solai, normalizzato (L n,w ) da calcolare secondo la procedura descritta dalle specifiche norme UNI vigenti. E il valore massimo di rumore di calpestio percepito. Al fine di ridurre l'esposizione umana al rumore sono riportati, nella tabella B all Allegato A del Decreto, i valori limite delle grandezze che determinano i requisiti acustici passivi dei componenti degli edifici e delle sorgenti sonore interne. Per ciò che concerne le dotazioni impiantistiche tecnologiche, si precisa che: Sono servizi a funzionamento discontinuo gli ascensori, gli scarichi idraulici, i bagni, i servizi igienici e la rubinetteria. Sono servizi a funzionamento continuo gli impianti di riscaldamento, aerazione e condizionamento. La rumorosità prodotta dagli impianti tecnologici non deve superare i seguenti limiti: 4) 35 db(a) LASmax con costante di tempo slow per i servizi a funzionamento discontinuo; 5) 25 db(a) LAeq per i servizi a funzionamento continuo. Le misure di livello sonoro devono essere eseguite nell'ambiente nel quale il livello di rumore è più elevato. Tale ambiente deve essere diverso da quello in cui il rumore si origina. 6

7 Categorie di ambienti abitativi R ' w ' D 2m, nt, w Parametri ' L n, w LAS max D A, C E B, F, G LAEq Tabella B: requisiti acustici passivi degli edifici, dei loro componenti e degli impianti tecnologici L intervento oggetto della presente relazione ricade all interno della categoria A edifici adibiti a residenza o assimilabili. Al fine di garantire il rispetto dei limiti imposti di cui alla tabella B soprastante vengono analizzate le partizioni e determinate analiticamente le prestazioni acustiche delle componenti tecnologiche. Quanto emerge e risulta nelle determinazioni seguenti è connesso alle caratteristiche dei materiali, desunti da schede e schemi tecnici, banche dati e determinazioni di laboratorio ed analitiche secondo i metodi di calcolo previsti dalle norme tecniche UNI vigenti alla data odierna. Ogni cambiamento di materiali, tecniche e metodologie di posa rispetto a quanto previsto nel presente documento o eventuali errori in sede di esecuzione, possono portare a risultati differenti ed effetti di cui non si assumono responsabilità. 3.2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO Le norme tecniche, fatta esclusione di eventuali specifiche disposizioni di legge, sono la principale fonte di informazione per tecnici e progettisti in quanto rappresentano il massimo livello di conoscenza attualmente riconosciuto (stato dell arte) su un determinato argomento. Nel campo dell acustica edilizia, le norme tecniche consentono di calcolare analiticamente le prestazioni di isolamento acustico previste in opera. Conoscendo in particolare le prestazioni dei prodotti e dei sistemi edilizi che si andranno ad utilizzare, le norme consentono di determinare i parametri indicati nel DPCM 5 dicembre 1997 e altre grandezze. Le norme tecniche di riferimento sono: UNI EN Acustica in edilizia Valutazioni delle prestazioni acustiche di edifici a partire dalle prestazioni di prodotti Parte 1 Isolamento dal rumore per via aerea tra ambienti Parte 2 Isolamento acustico al calpestio tra ambienti Parte 3 Isolamento acustico contro il rumore proveniente dall esterno per via aerea Parte 4 Trasmissione del rumore interno all esterno 7

8 Parte 5 Livelli sonori dovuti agli ambienti tecnici Parte 6 Assorbimento acustico in ambienti chiusi Rapporto Tecnico UNI TR Acustica edilizia. Guida alle norme serie UNI EN per la previsione delle prestazioni acustiche degli edifici. Applicazione alla tipologia costruttiva nazionale. Questa norma si basa sul metodo di calcolo semplificato proposto nelle UNI EN ed è stato elaborato considerando le tecnologie edilizie tipiche italiane. 4. METODI DI CALCOLO PREVISIONALE 4.1 CALCOLO DELL INDICE DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE (R w) L indice di valutazione del potere fonoisolante apparente (R w), rappresenta la capacità di attenuare il rumore di un elemento divisorio (orizzontale o verticale), posto tra due diversi ambienti. L indice, oltre alle proprietà acustiche proprie della partizione di separazione, tiene in considerazione anche di tutti i percorsi di trasmissione sonora laterale. Di norma i percorsi di trasmissione sono tredici, di cui uno diretto attraverso la partizione divisoria in esame e dodici di trasmissione laterale (tre per ogni lato della parete). Nella figura soprastante, tratta dalla Norma UNI TR 11175, vengono raffigurati il precorso diretto Dd e i tre percorsi laterali per uno dei quattro lati dell elemento divisorio (Ff, Df, Fd) dove: D indica l elemento divisorio lato locale sorgente d indica l elemento divisorio lato locale ricevente F indica la struttura laterale lato locale sorgente f indica la struttura laterale lato locale ricevente I tre percorsi laterali sono dunque i percorsi: Df, passaggio da parete divisoria lato sorgente D e trasmissione da struttura laterale lato ricevente f; Ff, passaggio da struttura laterale lato sorgente F e trasmissione da struttura laterale lato ricevente f; 8

9 Fd, passaggio da struttura laterale lato sorgente F e trasmissione da parete divisoria lato ricevente d; L indice di valutazione del potere fonoisolante apparente (R w) di un elemento divisorio posto tra due ambienti adiacenti, può essere calcolato combinando tra loro i tredici percorsi di trasmissione del rumore attraverso la seguente relazione: R ' w Dove R w,ij n R n R n R = wdd wff wdf n log F= f= 1 f= 1 F= 1 R 10 è l indice di valutazione del potere fonoisolante caratterizzante il percorso ij è il numero di lati dell elemento divisorio (generalmente quattro) Ogni singolo percorso di trasmissione sonora ij con partenza dalla partizione i e terminante nella partizione j, viene determinato con la seguente relazione: R R + R wi, w, j wij, = + Rwij, + Kij+ 10log Dove: R w,i R w,j 2 S ll 0 è l indice di valutazione di potere fonoisolante della struttura i priva di elementi di rivestimento (pavimenti galleggianti, contropareti, controsoffitti) [db]. è l indice di valutazione di potere fonoisolante della struttura j priva di elementi di rivestimento (pavimenti galleggianti, contropareti, controsoffitti) [db] Nel caso di strutture rivestite con strati addizionali, gli indici R w,i e R w,j sono quelli propri della struttura di base, privi di strati addizionali quali contropareti, controsoffitti o pavimenti galleggianti. Nel caso di strutture laterali costituite da pareti doppie con intercapedine o da pareti con rivestimento leggero, gli indici R w,i e R w,j da inserire nella formula per il calcolo di R w,ij sono quelli propri dello strato interno. R w,ij è l incremento dell indice di valutazione di potere fonoisolante dovuto all opposizione di strati di rivestimento lungo il percorso i-j (pavimenti galleggianti, contropareti, controsoffitti). Le relazioni di calcolo sono le seguenti: R w, j Rwij, = Rwi, + se R w,i < R w,j wi, Rwij, = Rw, j+ se R w,i > R w,j 2 R 2 ij wfd 9

10 K ij dove R w,i è l'incremento dovuto allo strato di rivestimento sul lato i mentre R w,j è l'incremento dovuto allo strato di rivestimento sul lato j nel caso non sia presente alcun strato di rivestimento R w = 0 Gli strati di rivestimento da considerarsi nel calcolo sono solo quelli che vengono attraversati dal percorso di rumore in esame. è l indice di riduzione delle vibrazioni del percorso i-j [db] Può essere determinato conoscendo il tipo di collegamento tra parete divisoria e strutture laterali e le masse per unità di superficie delle strutture coinvolte. Tale indice dipende dal parametro M definito dalla relazione: m' M = log m' l, i i dove m' i è la massa superficiale dell'elemento i nel percorso laterale i-j mentre m' l,i è la massa superficiale dell'elemento perpendicolare all'elemento i, ad esso collegato nel giunto considerato Nel caso di strutture rivestite con strati addizionali, per il calcolo del parametro M si considera la massa della sola struttura di base. Nel caso di strutture laterali costituite da pareti doppie con intercapedine o da pareti con rivestimento leggero (cappotto), l'indice M si calcola considerando la massa dell'intera struttura. Il valore dell'indice K ij deve essere superiore o uguale ad un valore minimo dato dalla relazione K ij 1 1 = 10loglijl0 + Si Sj dove S i è la superficie dell'elemento i nell'ambiente sorgente mentre S j è la superficie dell'elemento j nell'ambiente ricevente e dove l ij è la lunghezza del giunto ij e l 0 è la lunghezza di riferimento pari a 1m. S è la superficie della partizione [m 2 ] l 0 l ij è la lunghezza di riferimento pari a 1m è la lunghezza del giunto tra le strutture ij considerate 4.2 CALCOLO DELL INDICE DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA (D 2m,nT,w ) L indice di valutazione dell isolamento acustico di facciata, normalizzato rispetto al tempo di riverberazione e misurato a 2 metri di distanza dalla parete, caratterizza la capacità della facciata, di una specifica stanza, di abbattere il rumore proveniente dall esterno. 10

11 Tale indice dipende dal potere fonoisolante apparente della facciata, dalla presenza o meno di elementi schermanti esterni e dalle dimensioni della stanza di esame. L indice D 2m,nT,w viene calcolato con la seguente relazione: D 2mnT,, w Dove: R w L fs = R ' w + L fs V + 10 log 6TS 0 tot è l indice di valutazione del potere fonoisolante apparente della facciata [db] è il termine correttivo che quantifica l influenza di eventuali elementi schermanti [db] V è il volume del locale considerato [m 3 ] T 0 è il tempo di riverberazione di riferimento, assunto pari a 0,5s S tot è la superficie di facciata vista dall interno [m 2 ] L indice R w della facciata è calcolato sulla base dei valori dell indice di valutazione del potere fonoisolante Rw dei singoli elementi che la costituiscono (elementi opachi e serramenti) e sulla base degli indici isolamento acustico D n,ew,i dei piccoli elementi presenti su di essa. Per piccoli elementi si intendono gli elementi di edificio con area minore di 1m 2. R ' w Dove: R iw n R iw p Si A 10 0 = 10 log i= 1Stot Stot i= 1 D n, ewi, 10 K è l indice di valutazione del potere fonoisolante dell elemento i-esimo costituente la facciata S i è la superficie dell elemento i-esimo di facciata visto dall interno del locale [m 2 ] S tot è la superficie complessiva della facciata vista dall interno del locale [m 2 ] A 0 sono le unità di assorbimento di riferimento, pari a 10m 2 D n,ew,i K è l indice di valutazione dell isolamento acustico normalizzato del piccolo elemento i-esimo è la correzione relativa al contributo della trasmissione laterale Nel prospetto qui sotto vi sono gli esempi di L fs, tratti dalla norma UNI TR 11175, correlati alle caratteristiche di facciata, all assorbimento acustico α w delle superfici sottobalcone e al modo d incidenza delle onde sonore. La direzione dell onda sonora incidente sulla facciata si caratterizza mediante l altezza definita dalla intersezione tra la linea di veduta dalla sorgente ed il piano di facciata. 11

12 12

13 4.3 CALCOLO DELL INDICE DEL LIVELLO DI RUMORE DI CALPESTIO (L nw) L indice di valutazione del livello di rumore di calpestio apparente di un solaio (L nw ) caratterizza il rumore percepito negli ambienti inferiori e prodotto dalla macchina per il calpestio sul solaio in esame. Tale indice è quindi da intendersi come un valore massimo. L indice L nw viene calcolato con la seguente relazione ' Lnw = Lnweq Lw + K Dove: L nw,eq è il livello di rumore da calpestio equivalente riferito al solaio nudo, privo dello strato di L w K pavimento galleggiante [db]. è l indice di valutazione relativo alla riduzione dei rumori di calpestio dovuto alla presenza del pavimento galleggiante o rivestimento resiliente [db] è la correzione da apportare per la presenza di trasmissione laterale di rumore. Il suo valore dipende dalla massa superficiale del solaio nudo e dalla massa superficiale delle strutture laterali [db] Il valore di L nweq relativo alla struttura priva di pavimento galleggiante, può essere ricavato con la seguente relazione: L nweq Dove: m' = log m ' 0 m è la massa superficiale degli strati di solaio al di sotto del massetto galleggiante (kg/m 2 ) m 0 è la massa di riferimento pari a 1 Kg/m 2 L indice L w di rivestimenti resilienti e di massetti galleggianti può essere ricavato analiticamente mediante le seguenti relazioni per massetti galleggianti in calcestruzzo e a secco: L w L w Dove: f f 0 = 30log = 40log f f 0 f f è la frequenza di riferimento pari a 500Hz è la frequenza di risonanza del sistema massetto più strato resiliente, calcolato in base alla seguente relazione: 13

14 f = s' m' Dove: s è la rigidità dinamica dello strato resiliente [MN/m 3 ] m è la massa superficiale del massetto soprastante lo strato resiliente [Kg/m 2 ] Il valore dell indice K è tabellato è dipende dalla massa superficiale del solaio portante (strati di solaio al di sotto del materiale resiliente) e dalla massa superficiale media delle pareti laterali. La norma UNI/TR a pag. 19 propone il sottostante prospetto. Massa per unità di area del solaio di separazione Termine di correzione K per trasmissione laterale, in db Massa media per unità di area degli elementi laterali omogenei non ricoperti con rivestimenti supplementari Kg/m 2 Kg/m Se uno o più elementi costruttivi laterali sono rivestiti con uno strato isolante avente frequenza di risonanza minore di 125 Hz, la loro massa per unità di area non viene inserita nel calcolo della massa media per unità di area degli elementi laterali. 14

15 Arch. CLAUDIO SCOLA - Suello (LC) via Maggiore ABACO DELLE STRUTTURE 5.1 MUR-1 PARETE PERIMETRALE ESTERNA Partizione verticale di tamponamento composta da un doppio tavolato in blocchi di laterizio semipieno a fori verticali da 12cm del tipo Doppio UNI o similari (percentuale massima di foratura del 40%). La posa dei blocchi dovrà essere realizzata sempre a fori verticali e a perfetta regola d arte con l esecuzione accurata dei giunti di allettamento in malta orizzontali e verticali. Il tavolato esterno andrà rivestito su entrambe le superfici con intonaco in malta di cemento con spessore minimo di 1,5cm mentre il tavolato interno verrà rivestito sulla superficie rivolta verso gli ambienti abitativi con intonaco di calce e gesso con spessore minimo di 1,5cm. Nell intercapedine interna verrà posizionato uno strato termoisolante in lana di vetro da 6cm che, per la propria struttura fibrosa, riveste una funzione di assorbimento acustico. L intercapedine d aria non ventilata avrà uno spessore a discrezione del termotecnico. Si consiglia tuttavia, onde evitare fenomeni di risonanza e la costituzione di vie preferenziali di fiancheggiamento laterale del suono, la riduzione al minimo di tale spessore o, se possibile, l eliminazione totale della parte d aria non ventilata dell intercapedine. La finitura esterna della muratura perimetrale esterna è costituita da un isolamento a cappotto in polistirene EPS rivestito con rasante ad alta traspirabilità ed idrorepellente da 1cm. Tale tipologia di isolamento termico è caratterizzato da scarse proprietà fonoimpedenti e fonoassorbenti. 15

16 Al fine di evitare la trasmissione di eventuali rumori vibrazionali all interno degli ambienti abitativi, si prescrive il posizionamento, sotto alla porzione di muratura interna ed all isolante in intercapedine, di uno strato desolidarizzante Isolmant Fascia Tagliamuro Strong (densità 70Kg/mc) in polietilene reticolato, espanso a cellule chiuse dello spessore di 6mm. Analogamente nel punto di contatto tra la muratura interna e l intradosso del solaio si dovrà realizzare uno strato elastico di separazione con la pasta vibrosmorzante monocomponente Index Fonoelast da posarsi a spatola con uno spessore di circa 3-5mm prima della sigillatura del giunto tra parete e solaio. Il battiscopa andrà disgiunto dalla pavimentazione mediante l interposizione di una fascia adesiva in polietilene espanso da 3mm denominata Isolmant Fascia Taglia Battiscopa. Si consiglia di evitare il fissaggio del battiscopa alla muratura mediante l utilizzo di tasselli e viti passanti. Determinazione della massa superficiale m della parete: Rasante ad alta traspirabilità m = 1800 Kg/mc x 0,01m = 18 Kg/mq Isolamento a cappotto in EPS m = 35 Kg/mc x 0,1m = 3,5 Kg/mq Intonaco in malta di cemento m = 1800 Kg/mc x 0,015m = 27 Kg/mq Blocco Doppio UNI m = 1100 Kg/mc x 0,12 = 132 Kg/mq Intonaco in malta di cemento m = 1800 Kg/mc x 0,015m = 27 Kg/mq Pannello in lana di vetro m = 35 Kg/mc x 0,06m = 2,1 Kg/mq Intercapedine aria non ventilata Blocco Doppio UNI m = 1100 Kg/mc x 0,12 = 132 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq La massa superficiale complessiva m = 362,6 Kg/mq Determinazione della massa superficiale m della porzione di parete interna: Blocco Doppio UNI m = 1100 Kg/mc x 0,12 = 132 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq La massa superficiale complessiva m = 153 Kg/mq Tale tipologia di muratura è riconducibile, per correlazione specifica, alla partizione muraria testata dall Istituto Giordano e certificata in data 15/09/2005 con Rapporto di Prova n su commissione della Rockwool Italia S.p.a. con il seguente risultato: Rw (C;C tr ) = 56dB (-3;-6) La prova è stata eseguita su una parete costituita da due tavolati realizzati con blocchi in laterizio Doppio UNI e isolamento da 4cm in intercapedine con materiale a struttura assorbitiva di tipo fibroso analoga all isolamento in progetto ma di spessore inferiore. La parete interna ha un indice di valutazione del potere fonoisolante stimato di: Rw = 20log(m ) = 20log(153) = 43,7 43,5dB 16

17 Arch. CLAUDIO SCOLA - Suello (LC) via Maggiore MUR-2 PARETE DIVISORIA TRA BLOCCHI Partizione divisoria composta da un doppio tavolato in blocchi di laterizio semipieno a fori verticali da 18cm del tipo svizzero o similari (percentuale massima di foratura del 40%). La posa dei blocchi dovrà essere realizzata sempre a fori verticali e a perfetta regola d arte con l esecuzione accurata dei giunti di allettamento in malta orizzontali e verticali. Entrambi i tavolati verranno rivestiti sulle superfici esterne, rivolte verso gli ambianti abitativi, con intonaco di calce e gesso dello spessore minimo di 1,5cm e, su uno dei due, anche internamente con un intonaco di cemento da 1,5cm minimo di spessore. Nell intercapedine interna verrà posizionato uno strato termoisolante in lana di vetro da 6cm che, per la propria struttura fibrosa, riveste una funzione di assorbimento acustico. L intercapedine d aria non ventilata avrà uno spessore a discrezione del termotecnico. Si consiglia tuttavia, onde evitare fenomeni di risonanza e la costituzione di vie preferenziali di fiancheggiamento laterale del suono, la riduzione al minimo di tale spessore o, se possibile, l eliminazione totale della parte d aria non ventilata dell intercapedine. Al fine di evitare la trasmissione di eventuali rumori vibrazionali all interno degli ambienti abitativi, si prescrive il posizionamento, sotto tutta la partizione muraria, di uno strato desolidarizzante Isolmant Fascia Tagliamuro Strong (densità 70Kg/mc) in polietilene reticolato, espanso a cellule chiuse dello spessore di 6mm. Analogamente nel punto di contatto tra la muratura e l intradosso del solaio si dovrà realizzare uno strato elastico di separazione con la pasta vibrosmorzante 17

18 monocomponente Index Fonoelast da posarsi a spatola con uno spessore di circa 3-5mm prima della sigillatura del giunto tra parete e solaio. Il battiscopa andrà disgiunto dalla pavimentazione mediante l interposizione di una fascia adesiva in polietilene espanso da 3mm denominata Isolmant Fascia Taglia Battiscopa. Si consiglia di evitare il fissaggio del battiscopa alla muratura mediante l utilizzo di tasselli e viti passanti. Determinazione della massa superficiale m della parete: Intonaco in malta di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq Blocco semipieno svizzero m = 1100 Kg/mc x 0,18 = 198 Kg/mq Intonaco in malta di cemento m = 1800 Kg/mc x 0,015m = 27 Kg/mq Pannello in lana di vetro m = 35 Kg/mc x 0,06m = 2,1 Kg/mq Intercapedine aria non ventilata Blocco semipieno svizzero m = 1100 Kg/mc x 0,18 = 198 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq La massa superficiale complessiva m = 467,1 Kg/mq Determinazione della massa superficiale m del singolo tavolato: Blocco semipieno svizzero m = 1100 Kg/mc x 0,18 = 198 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq La massa superficiale complessiva m = 219 Kg/mq Per tale tipologia di muratura, poiché non si è in possesso di alcuna certificazione di laboratorio e poiché non è possibile stabilire alcuna correlazione specifica con pareti analoghe di repertorio, si applica quanto stabiliti dalla Norma Tecnica UNI/TR 11175:2005 Appendice B Dati di Calcolo comma B3 Dati da relazioni generali. Per pareti doppie con intercapedine riempita di materiale fonoassorbente o di spessore maggiore di 5cm si applica la seguente relazione: ( 467,1) 42= 58,1 db R w = 37,5logm' 42= 37,5log 58 Tale relazione è riportata nella norma europea UNI EN (formula B.5) ed è stata ricavata su tipologie costruttive di uso in Europa. Essa è valida per strutture di base monolitiche aventi massa, m, maggiore di 150 kg/m 2. La parete interna ha un indice di valutazione del potere fonoisolante stimato di: Rw = 20log(m ) = 20log(219) = 46,8 47,0dB 5.3 MUR-3 PARETE DIVISORIA TRA DIVERSE UNITA IMMOBILIARI Partizione divisoria composta da un doppio tavolato in blocchi di laterizio semipieno a fori verticali da 12cm del tipo Doppio UNI o similari (percentuale massima di foratura del 40%). La posa dei 18

19 Arch. CLAUDIO SCOLA - Suello (LC) via Maggiore 43 blocchi dovrà essere realizzata sempre a fori verticali e a perfetta regola d arte con l esecuzione accurata dei giunti di allettamento in malta orizzontali e verticali. Entrambi i tavolati verranno rivestiti sulle superfici esterne, rivolte verso gli ambianti abitativi, con intonaco di calce e gesso dello spessore minimo di 1,5cm e, su uno dei due, anche internamente con un intonaco di cemento da 1,5cm minimo di spessore. Nell intercapedine interna verrà posizionato uno strato termoisolante in lana di vetro da 8cm che, per la propria struttura fibrosa, riveste una funzione di assorbimento acustico. L intercapedine d aria non ventilata avrà uno spessore a discrezione del termotecnico. Si consiglia tuttavia, onde evitare fenomeni di risonanza e la costituzione di vie preferenziali di fiancheggiamento laterale del suono, la riduzione al minimo di tale spessore o, se possibile, l eliminazione totale della parte d aria non ventilata dell intercapedine. Al fine di evitare la trasmissione di eventuali rumori vibrazionali all interno degli ambienti abitativi, si prescrive il posizionamento, sotto tutta la partizione muraria, di uno strato desolidarizzante Isolmant Fascia Tagliamuro Strong (densità 70Kg/mc) in polietilene reticolato, espanso a cellule chiuse dello spessore di 6mm. Analogamente nel punto di contatto tra la muratura e l intradosso del solaio si dovrà realizzare uno strato elastico di separazione con la pasta vibrosmorzante monocomponente Index Fonoelast da posarsi a spatola con uno spessore di circa 3-5mm prima della sigillatura del giunto tra parete e solaio. 19

20 Il battiscopa andrà disgiunto dalla pavimentazione mediante l interposizione di una fascia adesiva in polietilene espanso da 3mm denominata Isolmant Fascia Taglia Battiscopa. Si consiglia di evitare il fissaggio del battiscopa alla muratura mediante l utilizzo di tasselli e viti passanti. Determinazione della massa superficiale m della parete (MUR-3): Intonaco in malta di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq Blocco Doppio UNI m = 1100 Kg/mc x 0,12 = 132 Kg/mq Intonaco in malta di cemento m = 1800 Kg/mc x 0,015m = 27 Kg/mq Pannello in lana di vetro m = 35 Kg/mc x 0,08m = 2,8 Kg/mq Intercapedine aria non ventilata Blocco Doppio UNI m = 1100 Kg/mc x 0,12 = 132 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq La massa superficiale complessiva m = 335,8 Kg/mq Determinazione della massa superficiale m del singolo tavolato: Blocco Doppio UNI m = 1100 Kg/mc x 0,12 = 132 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq La massa superficiale complessiva m = 153 Kg/mq Tale tipologia di muratura è riconducibile, per correlazione specifica, alla partizione muraria testata dall Istituto Giordano e certificata in data 15/09/2005 con Rapporto di Prova n su commissione della Rockwool Italia S.p.a. con il seguente risultato: Rw (C;C tr ) = 56dB (-3;-6) La prova è stata eseguita su una parete costituita da due tavolati realizzati con blocchi in laterizio Doppio UNI e isolamento da 4cm in intercapedine con materiale a struttura assorbitiva di tipo fibroso analoga all isolamento in progetto ma di spessore inferiore. La parete interna ha un indice di valutazione del potere fonoisolante stimato di: Rw = 20log(m ) = 20log(153) = 43,7 43,5dB 5.4 MUR-4 PARETE DIVISORIA INTERNA ALLE UNITA IMMOBILIARI Partizione divisoria interna alle unità composta da un singolo tavolato in blocchi di laterizio forati da 8cm. La posa dei blocchi dovrà essere realizzata sempre a fori verticali e a perfetta regola d arte con l esecuzione accurata dei giunti di allettamento in malta orizzontali e verticali. Il tavolato verrà rivestito sulle superfici esterne, rivolte verso gli ambianti abitativi, con intonaco di calce e gesso dello spessore minimo di 1,5cm. Al fine di evitare la trasmissione di eventuali rumori vibrazionali all interno degli ambienti abitativi, si prescrive il posizionamento, sotto tutta la partizione muraria, di uno strato desolidarizzante 20

21 Isolmant Fascia Tagliamuro Strong (densità 70Kg/mc) in polietilene reticolato, espanso a cellule chiuse dello spessore di 6mm. Analogamente nel punto di contatto tra la muratura e l intradosso del solaio si dovrà realizzare uno strato elastico di separazione con la pasta vibrosmorzante monocomponente Index Fonoelast da posarsi a spatola con uno spessore di circa 3-5mm prima della sigillatura del giunto tra parete e solaio Il battiscopa andrà disgiunto dalla pavimentazione mediante l interposizione di una fascia adesiva in polietilene espanso da 3mm denominata Isolmant Fascia Taglia Battiscopa. Si consiglia di evitare il fissaggio del battiscopa alla muratura mediante l utilizzo di tasselli e viti passanti. Determinazione della massa superficiale m della parete (MUR-4): Intonaco in malta di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq Blocco in laterizio forato m = 775 Kg/mc x 0,08 = 62 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq La massa superficiale complessiva m = 104 Kg/mq Tale tipologia di muratura è riconducibile, per correlazione specifica, alla partizione muraria testata dal Dipartimento di Ingegneria Industriale dell Università di Padova Laboratorio di Acustica e certificata in data 4/10/1991 con Rapporto di Prova n.4 su commissione della ANDIL Assolaterizi con il seguente risultato: Rw = 42,5dB 42dB 21

22 5.5 MUR-5 PILASTRO Controparete su pilastro costituita da un pannello in lana di vetro da 4cm e da un tavolato costituito da una tavella in laterizio da 4cm posato a perfetta regola d arte con l esecuzione accurata dei giunti di allettamento in malta orizzontali e verticali. Il tavolato verrà rivestito sulle superfici esterne, rivolte verso gli ambianti abitativi, con intonaco di calce e gesso dello spessore minimo di 1,5cm. Al fine di evitare la trasmissione di eventuali rumori vibrazionali all interno degli ambienti abitativi, si prescrive il posizionamento, sotto la controparete, di uno strato desolidarizzante Isolmant Fascia Tagliamuro Strong (densità 70Kg/mc) in polietilene reticolato, espanso a cellule chiuse dello spessore di 6mm. Analogamente nel punto di contatto tra la controparete e l intradosso del solaio si dovrà realizzare uno strato elastico di separazione con la pasta vibrosmorzante monocomponente Index Fonoelast da posarsi a spatola con uno spessore di circa 3-5mm prima della sigillatura del giunto tra parete e solaio. Il battiscopa andrà disgiunto dalla pavimentazione mediante l interposizione di una fascia adesiva in polietilene espanso da 3mm denominata Isolmant Fascia Taglia Battiscopa. Si consiglia di evitare il fissaggio del battiscopa alla muratura mediante l utilizzo di tasselli e viti passanti. Determinazione della massa superficiale m della parete: Rasante ad alta traspirabilità m = 1800 Kg/mc x 0,01m = 18 Kg/mq Isolamento a cappotto in EPS m = 35 Kg/mc x 0,1m = 3,5 Kg/mq Struttura in C.A. m = 2200 Kg/mc x 0,25m = 550 Kg/mq Massa superficiale pilastro m 1 = 571,5 Kg/mq Determinazione della massa superficiale complessiva della controparete Pannello in lana di vetro m = 35 Kg/mc x 0,04m = 1,4 Kg/mq Blocco in laterizio forato m = 775 Kg/mc x 0,04 = 31 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,01m = 14 Kg/mq 22

23 Massa superficiale controparete Massa superficiale complessiva m 2 = 46,4 Kg/mq m = m 1 + m 2 = 617,9 Kg/mq Per tale tipologia di muratura, poiché non si è in possesso di alcuna certificazione di laboratorio e poiché non è possibile stabilire alcuna correlazione specifica con pareti analoghe di repertorio, si applica quanto stabilito dalla Norma Tecnica UNI/TR 11175:2005 Appendice B Dati di Calcolo comma B3 Dati da relazioni generali. Per pareti singole di tipo massivo o doppie con intercapedine priva di riempimento e con spessore minore o uguale a 5cm si applica la seguente relazione: ( ) = 55,1 db R w = 20logm' = 20log 571,5 55 L incremento dell indice di valutazione del potere fonoisolante Rw della partizione verticale determinato dalla controparete è valutato secondo le metodologie di calcolo stabilite dalla Norma UNI EN ISO Appendice D integrata dalla Norma UNI/TR La normativa prevede la possibilità di calcolare l incremento dell indice di valutazione del potere fonoisolante in funzione della frequenza di risonanza. f 0 dove = s' m' m' 2 Hz s è la rigidità dinamica dello strato isolante in MN/m 3, ottenuta secondo la UNI EN :1993 tenendo presente quanto indicato nella nota 1 del punto 1 della stessa; Per le lane minerali di densità tra i 30 e i 40Kg/mc è inferiore a 2 MN/m 3 m 1 è la massa areica della struttura di base in Kg/mq (571,5 Kg/mq) m 2 è la massa areica dello strato addizionale in Kg/mq (46,4 Kg/mq) 1 1 f0 = = 35Hz 571,5 46,4 L incremento dell indice di valutazione del potere fonoisolante Rw, valido per strutture di base aventi un Rw compreso tra 20dB e 60dB e per la frequenza di risonanza f 0 inferiore a 80Hz è pari a: Rw 55 Rw= 35 = 35 = 7, 5dB 2 2 L indice di valutazione del potere fonoisolante Rw complessivo del pilastro e della controparete è pari a: Rw = 55dB + 7,5dB = 62,5 db 23

24 5.6 MUR-6 PARETE VERSO VANO SCALA IN CLS Controparete su muratura in cls costituita da un pannello in lana di vetro da 6cm e da un tavolato costituito da un blocco in laterizio forato da 8cm posato a perfetta regola d arte con l esecuzione accurata dei giunti di allettamento in malta orizzontali e verticali. Il tavolato verrà rivestito sulle superfici esterne, rivolte verso gli ambianti abitativi, con intonaco di calce e gesso dello spessore minimo di 1,5cm. Al fine di evitare la trasmissione di eventuali rumori vibrazionali all interno degli ambienti abitativi, si prescrive il posizionamento, sotto la controparete, di uno strato desolidarizzante Isolmant Fascia Tagliamuro Strong (densità 70Kg/mc) in polietilene reticolato, espanso a cellule chiuse dello spessore di 6mm. Analogamente nel punto di contatto tra la controparete e l intradosso del solaio si dovrà realizzare uno strato elastico di separazione con la pasta vibrosmorzante monocomponente Index Fonoelast da posarsi a spatola con uno spessore di circa 3-5mm prima della sigillatura del giunto tra parete e solaio. Il battiscopa andrà disgiunto dalla pavimentazione mediante l interposizione di una fascia adesiva in polietilene espanso da 3mm denominata Isolmant Fascia Taglia Battiscopa. Si consiglia di evitare il fissaggio del battiscopa alla muratura mediante l utilizzo di tasselli e viti passanti. Determinazione della massa superficiale m della parete in cls: Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,01m = 14 Kg/mq Struttura in C.A. m = 2200 Kg/mc x 0,25m = 550 Kg/mq Massa superficiale parete cls m 1 = 564 Kg/mq Determinazione della massa superficiale complessiva della controparete Pannello in lana di vetro m = 35 Kg/mc x 0,06m = 2,1 Kg/mq Blocco in laterizio forato m = 775 Kg/mc x 0,08 = 62 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,01m = 14 Kg/mq Massa superficiale controparete m 2 = 78,1 Kg/mq 24

25 Massa superficiale complessiva m = m 1 + m 2 = 642,1 Kg/mq Per tale tipologia di muratura, poiché non si è in possesso di alcuna certificazione di laboratorio e poiché non è possibile stabilire alcuna correlazione specifica con pareti analoghe di repertorio, si applica quanto stabilito dalla Norma Tecnica UNI/TR 11175:2005 Appendice B Dati di Calcolo comma B3 Dati da relazioni generali. Per pareti singole di tipo massivo o doppie con intercapedine priva di riempimento e con spessore minore o uguale a 5cm si applica la seguente relazione: ( ) db R w = 20 logm' = 20log 564 = 55 L incremento dell indice di valutazione del potere fonoisolante Rw della partizione verticale determinato dalla controparete è valutato secondo le metodologie di calcolo stabilite dalla Norma UNI EN ISO Appendice D integrata dalla Norma UNI/TR La normativa prevede la possibilità di calcolare l incremento dell indice di valutazione del potere fonoisolante in funzione della frequenza di risonanza. f 0 dove = s' m' m' 2 Hz s è la rigidità dinamica dello strato isolante in MN/m 3, ottenuta secondo la UNI EN :1993 tenendo presente quanto indicato nella nota 1 del punto 1 della stessa; Per le lane minerali di densità tra i 30 e i 40Kg/mc è inferiore a 2 MN/m 3 m 1 è la massa areica della struttura di base in Kg/mq (564 Kg/mq) m 2 è la massa areica dello strato addizionale in Kg/mq (78,1 Kg/mq) 1 1 f0 = = 27Hz ,1 L incremento dell indice di valutazione del potere fonoisolante Rw, valido per strutture di base aventi un Rw compreso tra 20dB e 60dB e per la frequenza di risonanza f 0 inferiore a 80Hz è pari a: Rw 55 Rw= 35 = 35 = 7, 5dB 2 2 L indice di valutazione del potere fonoisolante Rw complessivo della parete in cls e della controparete è pari a: Rw = 55dB + 7,5dB = 62,5 db 25

26 5.7 MUR-7 PARETE VERSO VANO SCALA IN MURATURA Partizione muraria composta da un doppio tavolato in blocchi di laterizio semipieno a fori verticali da 12cm del tipo Doppio UNI o similari (percentuale massima di foratura del 40%). La posa dei blocchi dovrà essere realizzata sempre a fori verticali e a perfetta regola d arte con l esecuzione accurata dei giunti di allettamento in malta orizzontali e verticali. Entrambi i tavolati verranno rivestiti sulle superfici esterne, rivolte verso gli ambianti abitativi ed il vano scala, con intonaco di calce e gesso dello spessore minimo di 1,5cm e, su uno dei due, anche internamente con un intonaco di cemento da 1,5cm minimo di spessore. Nell intercapedine interna verrà posizionato uno strato termoisolante in lana di vetro da 8cm che, per la propria struttura fibrosa, riveste una funzione di assorbimento acustico. L intercapedine d aria non ventilata avrà uno spessore a discrezione del termotecnico. Si consiglia tuttavia, onde evitare fenomeni di risonanza e la costituzione di vie preferenziali di fiancheggiamento laterale del suono, la riduzione al minimo di tale spessore o, se possibile, l eliminazione totale della parte d aria non ventilata dell intercapedine. Al fine di evitare la trasmissione di eventuali rumori vibrazionali all interno degli ambienti abitativi, si prescrive il posizionamento, sotto l intercapedine ed il tavolato posto verso gli ambienti abitativi, di uno strato desolidarizzante Isolmant Fascia Tagliamuro Strong (densità 70Kg/mc) in polietilene reticolato, espanso a cellule chiuse dello spessore di 6mm. Analogamente nel punto di contatto tra la porzione muraria verso gli ambienti abitativi e l intradosso del solaio si dovrà realizzare uno strato elastico di separazione con la pasta vibrosmorzante monocomponente Index Fonoelast da posarsi a spatola con uno spessore di circa 3-5mm prima della sigillatura del giunto tra parete e solaio. Il battiscopa andrà disgiunto dalla pavimentazione mediante l interposizione di una fascia adesiva in polietilene espanso da 3mm denominata Isolmant Fascia Taglia Battiscopa. Si consiglia di evitare il fissaggio del battiscopa alla muratura mediante l utilizzo di tasselli e viti passanti. 26

27 Determinazione della massa superficiale m della parete: Intonaco in malta di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq Blocco Doppio UNI m = 1100 Kg/mc x 0,12 = 132 Kg/mq Intonaco in malta di cemento m = 1800 Kg/mc x 0,015m = 27 Kg/mq Pannello in lana di vetro m = 35 Kg/mc x 0,08m = 2,8 Kg/mq Intercapedine aria non ventilata Blocco Doppio UNI m = 1100 Kg/mc x 0,12 = 132 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq La massa superficiale complessiva m = 335,8 Kg/mq Determinazione della massa superficiale m del singolo tavolato: Blocco Doppio UNI m = 1100 Kg/mc x 0,12 = 132 Kg/mq Intonaco di calce e gesso m = 1400 Kg/mc x 0,015m = 21 Kg/mq La massa superficiale complessiva m = 153 Kg/mq Tale tipologia di muratura è riconducibile, per correlazione specifica, alla partizione muraria testata dall Istituto Giordano e certificata in data 15/09/2005 con Rapporto di Prova n su commissione della Rockwool Italia S.p.a. con il seguente risultato: Rw (C;C tr ) = 56dB (-3;-6) La prova è stata eseguita su una parete costituita da due tavolati realizzati con blocchi in laterizio Doppio UNI e isolamento da 4cm in intercapedine con materiale a struttura assorbitiva di tipo fibroso analoga all isolamento in progetto ma di spessore inferiore. La parete interna ha un indice di valutazione del potere fonoisolante stimato di: Rw = 20log(m ) = 20log(153) = 43,7 43,5dB 5.8 SOL-1 SOLAIO TIPO PREDALLES Partizione orizzontale costituita da un solaio tipo predalles cm su cui verrà gettato un sottofondo in calcestruzzo alleggerito da 10cm di spessore e con densità di 500 Kg/mc per l annegamento delle canalizzazioni e delle tubazioni impiantistiche. Sulla base, opportunamente pulita e regolarizzata, verrà steso il materassino per l isolamento acustico al calpestio dello spessore di 8mm costituito da uno strato resiliente in polietilene reticolato fisicamente, espanso a cellule chiuse, accoppiato inferiormente con un tessuto agugliato denominato Isolmant Underspecial. Il materassino andrà posato con il tessuto rivolto verso il sottofondo e andrà giuntato con il materassino adiacente mediante l apposita battentatura di sormonto che andrà infine fissata mediante l apposito nastro rinforzato Isolmant Fascia Nastro costituito da una fascia adesiva in polietilene espanso reticolato fisicamente a cellule chiuse. 27

28 Arch. CLAUDIO SCOLA - Suello (LC) via Maggiore 43 Per evitare l insorgenza di ponti acustici ed isolare il massetto galleggiante dai muri perimetrali, questi verranno rivestiti con la striscia in polietilene espanso, desolidarizzante, autoadesiva Isolmant Fascia Perimetrale Tecnica così da contenere l intero spessore del massetto e della pavimentazione. La fascia isolante verrà posizionata con l adesivo sul muro e risvoltata sul materassino anticalpestio su cui verrà fissata con l applicazione del nastro adesivo Fascia Nastro. In tal modo viene garantito l isolamento perimetrale del massetto galleggiante. La fascia perimetrale desolidarizzante non andrà rifilata fino all ultimazione della posa dello strato di pavimentazione onde evitare che la stessa finisca per entrare in contatto con le murature di perimetrazione pregiudicando l azione dell isolamento al calpestio. Sopra al materassino anticalpestio verrà posato un doppio strato isolante in polistirene espanso rigido preformato per la posa del sistema di riscaldamento a pavimento e successivamente formata una caldana addittivata per pannelli dello spessore di 5cm ed armata con rete elettrosaldata filo zincata maglia 5x5cm Ø2mm su cui verrà poi posta la pavimentazione. Una volta posizionata la pavimentazione è possibile procedere alla rifilatura della fascia perimetrale a filo del pavimento. Il battiscopa andrà disgiunto dalla pavimentazione mediante l interposizione di una fascia adesiva in polietilene espanso da 3mm denominata Isolmant Fascia Taglia Battiscopa. Si consiglia di evitare il fissaggio del battiscopa alla muratura mediante l utilizzo di tasselli e viti passanti. Si raccomanda dunque l esecuzione a perfetta regola d arte delle operazioni sopradescritte per evitare qualsiasi contatto (anche minimo) tra il pavimento galleggiante e le murature verticali e/o la 28

La normativa acustica per le opere edilizie: RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI D.P.C.M. 5/12/1997

La normativa acustica per le opere edilizie: RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI D.P.C.M. 5/12/1997 La normativa acustica per le opere edilizie: Requisiti Acustici Passivi degli edifici: relazione verifica D.P.C.M. 5/12/97 CRISTIANA BERNASCONI RELAZIONE VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

Dettagli

ALLEGATO A Calcoli di progetto PREMESSA Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio

Dettagli

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati

La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati La previsione della protezione acustica degli edifici con metodi semplificati EDILTIRRENO EXPO Carrara, 16 Maggio 2008 Simone Secchi Dipartimento di Tecnologie dell Architettura e Design _ Università di

Dettagli

Soluzioni per pareti e solai ISOTEX. Metodo costruttivo in legno-cemento. Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto

Soluzioni per pareti e solai ISOTEX. Metodo costruttivo in legno-cemento. Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto Soluzioni per pareti e solai ISOTEX Metodo costruttivo in legno-cemento Fascicolo tecnico realizzato da T.E.P. s.r.l. - Tecnologia e Progetto La documentazione della ditta C & P Costruzioni è stata analizzata

Dettagli

VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE

VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE Teatro Electra VALUTAZIONE PREVENTIVA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE Verifica con D.P.C.M. 05/12/1997 SuoNus - Valutazione preventiva delle prestazioni acustiche - Pag. 1 PREMESSA Scopo della presente relazione,

Dettagli

RELAZIONE ACUSTICA. Legge 447 del 26 ottobre 1995. D.P.C.M. 05 dicembre 1997

RELAZIONE ACUSTICA. Legge 447 del 26 ottobre 1995. D.P.C.M. 05 dicembre 1997 RELAZIONE ACUSTICA Legge 447 del 26 ottobre 1995 D.P.C.M. 05 dicembre 1997 COMMITTENTE: Mario Bianchi EDIFICIO: Palazzina 4 unità Residenziali INDIRIZZO Via Verdi 12, Milano INTERVENTO: Valutazione del

Dettagli

Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici

Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici L isolamento acustico: Come rispettare i parametri previsti dalle normative vigenti Possibili soluzioni e modalità per una corretta posa in opera Ing. S. Mammi Presidente ANIT 1 IL DPCM 5-12-1997 Determinazione

Dettagli

di Paolo Benzoni, Alessandro Sartori & C.

di Paolo Benzoni, Alessandro Sartori & C. del biessestudio s.a.s. COMUNE DI MONTE MARENZO Piazza Municipale, 5 VALUTAZIONE TEORICA DELLE PRESTAZIONI ACUSTICHE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI D.P.C.M. 5 dicembre 1997 Adeguamento delle facciate esistenti

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER L ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA ORA VEDREMO IN SINTESI LE POSSIBILI SOLUZIONI TECNICHE RELATIVE A: 1. Isolamento acustico per via aerea mediante sistemi in cartongesso per

Dettagli

Premessa. Valori limite dei parametri Parametri R w (*) D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq

Premessa. Valori limite dei parametri Parametri R w (*) D 2m,nT,w L n,w L ASmax L Aeq Premessa Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre

Dettagli

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011

SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 SOLUZIONI PER LA REALIZZAZIONE DI INVOLUCRI PERFORMANTI E SICURI IN CASO DI INCENDIO Milano 6 dicembre 2011 Analisi degli aspetti acustici per la protezione dal rumore Arch. Fermo Mombrini Analisi degli

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Cremona 27 Ottobre 2006 Ordine degli Ingegneri delle Provincia di Cremona INQUINAMENTO ACUSTICO (Legge Quadro 447/1995) (Regione Lombardia: L.R. 13/2001) Relatore: Dott. Ing. Linda Parati Dottorato Europeo

Dettagli

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN SPERATE PROVINCIA DI CAGLIARI Progetto per il completamento del CENTRO POLIVALENTE RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI SECONDO LE NORME UNI EN 12354 Cagliari, 26 Gennaio

Dettagli

In attesa e nella speranza che il D.P.C.M. 5.12.97 venga rivisitato e aggiornato, dobbiamo riferirci inevitabilmente ai requisiti acustici che il

In attesa e nella speranza che il D.P.C.M. 5.12.97 venga rivisitato e aggiornato, dobbiamo riferirci inevitabilmente ai requisiti acustici che il Progettazione, scelte tecniche e controlli dell isolamento acustico tra unità abitative, corretta posa in opera di solai, tamponamenti e pareti divisorie Ing. Paolo Giacomin Vice Presidente Commissione

Dettagli

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM

Strumenti di progettazione per MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT SYSTEM MAPESILENT System pag. 2 INTRODUZIONE pag. 4 Mapesilent system pag. 4 PRESTAZIONI E POSA IN OPERA pag. 6 ESEMPIO DI CALCOLO ACUSTICO pag. 7 ESEMPIO DI CALCOLO TERMICO pag. 8 COMPONENTI

Dettagli

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997

MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 MISURAZIONE IN OPERA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI --- Eseguito ai sensi della Legge n 447/95 in conformità con il DPCM 05/12/1997 IL COMMITTENTE: Benessere Acustico Sr.l. IL TECNICO: Andrea Cerniglia

Dettagli

ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA

ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA ABITAZIONI SILENZIOSE DAL D.P.C.M 5/12/97 ALLA CERTIFICAZIONE ACUSTICA Ing. Riccardo Tognarini Design energetico ed acustico degli edifici con studio in San Vincenzo LI Via Pitagora, 3 Tel. 0565705346

Dettagli

VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO

VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 VALUTAZIONE TEORICA E SPERIMENTALE DELLE PROPRIETA DI ISOLAMENTO ACUSTICO DI PANNELLI IN SUGHERO Cinzia Buratti, Elisa

Dettagli

Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate

Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate Soluzioni costruttive e problemi per l isolamento acustico delle facciate Simone Secchi Dipartimento Tecnologie dell Architettura e Design Pierluigi Spadolini simone.secchi@unifi.it http://web.taed.unifi.it/fisica_tecnica/secchi/secchi.htm

Dettagli

Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere

Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere Focus PROGETTARE E COSTRUIRE MEGLIO SI DEVE E SI PUO Pollein (AO), 09 ottobre 2012 Requisiti acustici degli edifici Dalla teoria al cantiere Domenico Nicastro nicastro@acusma.com Domenico Nicastro requisiti

Dettagli

Certificazione acustica degli edifici

Certificazione acustica degli edifici ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico Certificazione acustica degli edifici PREMESSA Il comfort acustico abitativo è uno dei requisiti che caratterizza la qualità ed il valore

Dettagli

Tabella B requisiti acustici passivi degli edifici, dei loro componenti e degli impianti tecnologici

Tabella B requisiti acustici passivi degli edifici, dei loro componenti e degli impianti tecnologici 1. Classificazione degli ambienti e requisiti da rispettare Nel D.P.C.M. 5.12.97 sono indicate, nella tabella A, le classificazioni degli ambienti abitativi e, nella tabella B, i requisiti acustici passivi

Dettagli

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367

PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 11367 PARETI IN LECABLOCCO PER IL COMFORT ACUSTICO SOLUZIONI PER LA NORMA UNI 67 LA NUOVA NORMA UNI 67 Classificazione acustica delle Unità Immobiliari. Norma UNI 67. Nel luglio 00 è stata pubblicata la norma

Dettagli

Soluzioni di parete e di solaio: soluzioni e dettagli per l isolamento ai rumori aerei e al calpestio

Soluzioni di parete e di solaio: soluzioni e dettagli per l isolamento ai rumori aerei e al calpestio Soluzioni di parete e di solaio: soluzioni e dettagli per l isolamento ai rumori aerei e al calpestio Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia Ing. Edoardo Piana

Dettagli

Isolamento acustico. Dicembre 2005. I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7

Isolamento acustico. Dicembre 2005. I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7 Isolamento acustico Dicembre 2005 I Farinelli srl Cenni sull isolamento acustico. Pagina 1 di 7 Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 Marzo 1991 Limiti massimi di esposizione al rumore

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico

Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico Linee Guida per la redazione del Progetto Acustico Arpa Umbria Agosto 2009 Indice Linea Guida per la redazione del Progetto Acustico.3 Contenuti del Progetto Acustico. 7 Esempio di calcolo..8 Calcolo dell

Dettagli

8.3 Verifiche previsionali dei requisiti acustici passivi Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce Firenze S.M.N. EDIFICIO R - Scandicci (FI)

8.3 Verifiche previsionali dei requisiti acustici passivi Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce Firenze S.M.N. EDIFICIO R - Scandicci (FI) 2 INDICE 1. Natura e descrizione dell incarico 5 1.1 Descrizione dell intervento edilizio 5 1.1.1 Edificio R 6 2. Quadro di riferimento normativo 8 2.1 Legislazione nazionale 8 2.2 Norme tecniche 8 2.3

Dettagli

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni

CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. 1. INTRODUZIONE. Tecnologia delle costruzioni CAPPOTTO ESTERNO E ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA. PARETI DI TAMPONAMENTO IN ZONE SISMICHE. Isolamento acustico di facciata su pareti con isolamento a cappotto in polistirene espanso. ANALISI DEL COMPORTAMENTO

Dettagli

I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997

I REQUISITI ACUSTICI PASSIVI E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997 E IL DPCM 5 DICEMBRE 1997 SITUAZIONE ATTUALE E SVILUPPI FUTURI Relatore: Danilo BRANDA email: d.branda@studiobranda.it Torino, 7 maggio 2009 1 Percorso Inquadramento Legislativo Il D.P.C.M. 5/12/1997 Gli

Dettagli

Isolamento acustico al calpestio

Isolamento acustico al calpestio Acustica in edilizia Isolamento acustico al calpestio In materia di inquinamento acustico fa testo la legge quadro n.447 del 26 ottobre 1995 che: fissa le competenze di Stato, Regioni, Province, Comuni

Dettagli

Potere fonoisolante: risultati di prove in opera su pareti in POROTON

Potere fonoisolante: risultati di prove in opera su pareti in POROTON Consorzio POROTON Italia Via Gobetti 9-37138 VERONA Tel 045.572697 Fax 045.572430 www.poroton.it - info@poroton.it News - Acustica 14 febbraio 2006 Potere fonoisolante: risultati di prove in opera su pareti

Dettagli

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia

LEZIONE DI ACUSTICA Fondamenti teorici di base ed introduzione all acustica nell edilizia Sola Ing. Pierfranco TERMOTECNICO CERTIFICATORE ENERGETICO REGIONE PIEMONTE TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA REGIONE PIEMONTE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO ISCRITTO NEGLI ELENCHI MINISTERO INTERNI Via A. Savoia

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

Pescate 13 novembre 2008

Pescate 13 novembre 2008 1 RELAZIONE SULLA DETERMINAZIONE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI (DPCM 5/12/1997) EDIFICIO A DESTINAZIONE RESIDENZIALE IN LECCO (LC) DI PROPRIETA DELL AGENZIA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE (ALER)

Dettagli

PREVISIONE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI NEGLI EDIFICI L'USO DEI PROGRAMMI DI PREVISIONE

PREVISIONE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI NEGLI EDIFICI L'USO DEI PROGRAMMI DI PREVISIONE PREVISIONE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI NEGLI EDIFICI L'USO DEI PROGRAMMI DI PREVISIONE TEP Srl - Sergio Mammi e Matteo Borghi Via Matteo Civitali 77-20148 Milano - Tel 02 40070208 Fax 02 40070201 www.anittep.it

Dettagli

INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA

INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA INTERVENTI DI RIPRISTINO NEL CASO DI DIFETTI DI POSA IN OPERA Pelucchi Francesco Antonio (1) 1) Studio Pelucchi, Perugia 1. Introduzione In questo lavoro si riportano i risultati di 3 indagini sperimentali

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera

Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni in opera Cis Edil s.r.l. Via C. Iotti, 92 42045 LUZZARA - REGGIO EMILIA Tel 0522.976128 - Fax 0522.977919 www.cisedil.it - info@cisedil.it Isolamento acustico di pareti in laterizio: verifica delle prestazioni

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO. Dare valore alla vita di tutti i giorni. Relatore: geom. Alberto Forner Responsabile Commerciale Div. Edilizia [Proxital Spa]

ISOLAMENTO ACUSTICO. Dare valore alla vita di tutti i giorni. Relatore: geom. Alberto Forner Responsabile Commerciale Div. Edilizia [Proxital Spa] ISOLAMENTO ACUSTICO Dare valore alla vita di tutti i giorni Relatore: geom. Alberto Forner Responsabile Commerciale Div. Edilizia [Proxital Spa] 1997/2000 2000/2005 Viene reso attuativo il Decreto che

Dettagli

Manualetto di acustica edilizia

Manualetto di acustica edilizia ANIT - Associazione Nazionale per l Isolamento Termico e acustico www.anit.it Manualetto di acustica edilizia Versione: 09 gennaio 2006 1 Indice PARTE 1: CONCETTI GENERALI 4 Tipi di rumore 4 I rumori nelle

Dettagli

sistema DAMPER isolamento acustico

sistema DAMPER isolamento acustico sistema DAMPER isolamento acustico DAMProll 3 Materassino in gomma per isolamento rumori da calpestio SILEREX 5 Premiscelato sfuso in gomma per isolamento vibrazioni, rumori impattivi e da calpestio DAMPstrip

Dettagli

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI ai sensi della Legge Quadro n 447/95: verifica degli adempimenti di cui al D.P.C.M. del 05/12/97 CERTIFICAZIONE MEDIANTE MISURE SPERIMENTALI DEI REQUISITI ACUSTICI

Dettagli

Soluzioni di involucro e dettagli costruttivi per isolare dai rumori aerei

Soluzioni di involucro e dettagli costruttivi per isolare dai rumori aerei Soluzioni di involucro e dettagli costruttivi per isolare dai rumori aerei Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia Ing. Edoardo Piana Contenuti minimi del progetto

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano

INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano SCHEDA 8 INQUINAMENTO ACUSTICO E ISOLAMENTO DELL INVOLUCRO A. Catani by Mondadori Education S.p.A. - MIlano 1. L inquinamento acustico Tra i problemi che riguardano la salubrità degli spazi confinati e

Dettagli

8.2 Verifiche previsionali dei requisiti acustici passivi Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce Firenze S.M.N. EDIFICIO D - Scandicci (FI)

8.2 Verifiche previsionali dei requisiti acustici passivi Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce Firenze S.M.N. EDIFICIO D - Scandicci (FI) 2 INDICE 1. Natura e descrizione dell incarico 4 1.1 Descrizione dell intervento edilizio 4 1.1.1 Edificio D 6 2. Quadro di riferimento normativo 8 2.1 Legislazione nazionale 8 2.2 Norme tecniche 8 2.3

Dettagli

committente via Sabbadini 31

committente via Sabbadini 31 oggetto "RISTRUTTURAZIONE STRUTTURALE ED ADEGUAMENTO FUNZIONALE A FINI TURISTICO-RICREATIVI DEL VIVAIO REGIONALE PASCUL SITO IN COMUNE DI TARCENTO" CUP D75J10000400000 - CIG 4125424793 committente via

Dettagli

CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND

CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO ISOLAMENTO ECOBIOCOMPATIBILE IN LANA DI LEGNO DI ABETE E CEMENTO PORTLAND SOMMARIO CONTENUTI CELENIT SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO ACUSTICO PAG. 5 PAG. 6 PAG. 6

Dettagli

Associated with Italcementi Group GEMAFONGOMMA. L isolante acustico per pareti e pavimenti

Associated with Italcementi Group GEMAFONGOMMA. L isolante acustico per pareti e pavimenti Associated with Italcementi Group GEMAFONGOMMA L isolante acustico per pareti e pavimenti GEMAFONGOMMA E la linea di prodotti ACUSTICI per pareti, pavimenti e sottotavolati. GEMAFONGOMMA RTL in rotoli

Dettagli

Isolamento acustico anticalpestio

Isolamento acustico anticalpestio Isolamento acustico anticalpestio Isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato Pavitema Rex è una gamma di isolanti anticalpestio in polietilene espanso reticolato nata per rispondere alla

Dettagli

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA

UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE PROVE IN OPERA Associazione Italiana di Acustica 36 Convegno Nazionale Torino, 10-12 giugno 2009 UN EDIFICIO A BASSO CONSUMO IN CLASSE A È ANCHE ISOLATO ACUSTICAMENTE? CONSIDERAZIONI SULL'ARGOMENTO E RISULTATI DI ALCUNE

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA

Il sottoscritto. in qualità di: legale rapp.te titolare altro (specif.) sede legale DICHIARA 1 Richiesta di permesso di costruire o D.I.A. (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.) Richiesta di licenza o autorizzazione all esercizio di attività produttive (escluse pratiche da presentare a S.U.A.P.)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO PREVISIONALE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO PREVISIONALE DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI Comune di Montaione Provincia di Firenze Nuova costruzione di un edificio residenziale avente struttura in legno, costituito da n. 10 alloggi, da destinare alla locazione a canoni agevolati, posto nell

Dettagli

MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI

MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI MISURE IN OPERA DEL REQUISITO DI POTERE FONOISOLANTE APPARENTE DI PARTIZIONI VERTICALI D.P.C.M. 5/12/97 UNI EN ISO 16283-1 COMMITTENTE: Toppetti 2 srl RELAZIONE CONCLUSIVA Aprile 2014 VIE EN.RO.SE. Ingegneria

Dettagli

8.1 Verifiche previsionali dei requisiti acustici passivi e del comfort acustico Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce Firenze S.M.N.

8.1 Verifiche previsionali dei requisiti acustici passivi e del comfort acustico Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce Firenze S.M.N. 2 INDICE 1. Natura e descrizione dell incarico 5 1.1 Descrizione dell intervento edilizio 5 1.1.1 Edificio C 6 2. Quadro di riferimento normativo 9 2.1 Legislazione nazionale 9 2.2 Norme tecniche 9 2.3

Dettagli

Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici

Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici I parametri acustici per la Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici. Il decreto : DPCM 05-12-1997 si prefigge di: migliorare la qualità

Dettagli

Wallgran. Pannelli in gomma per insonorizzazione di pareti. Gruppo

Wallgran. Pannelli in gomma per insonorizzazione di pareti. Gruppo Wallgran Pannelli in gomma per insonorizzazione di pareti Gruppo Wallgran Pannelli in gomma per l insonorizzazione di pareti Maxitalia ha studiato a fondo le problematiche dell isolamento acustico delle

Dettagli

ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA. Martedì 14 OTTOBRE 2008. L uso di materiali per raggiungere i risultati

ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA. Martedì 14 OTTOBRE 2008. L uso di materiali per raggiungere i risultati ASSIMPREDIL ANCE CONVEGNO REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI MONZA Martedì 14 OTTOBRE 2008 L uso di materiali per raggiungere i risultati Modernità e tradizione, esempi di stratigrafie differenti Relatore

Dettagli

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO

LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO LE FINESTRE E L ISOLAMENTO ACUSTICO Roberto Malatesta. William Marcone Ufficio Tecnico (giugno 2008) LA PROTEZIONE DAL RUMORE DEGLI EDIFICI, LA NORMATIVA NAZIONALE La maggior sensibilità delle persone

Dettagli

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8 Coefficiente τ di trasmissione del rumore di una parete τ = W W t = Potere fonoisolante R di una parete i potenza sonora trasmessa al di là della parete potenza sonora incidente sulla parete R = livello

Dettagli

Isolamento ai rumori aerei e d impatto negli edifici

Isolamento ai rumori aerei e d impatto negli edifici Isolamento ai rumori aerei e d impatto negli edifici Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici Introduzione: DPCM 5 Dicembre 1997 La riduzione dell esposizione umana al rumore: è questo

Dettagli

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370

CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 CARATTERISTICHE TERMICHE E IGROMETRICHE DEI COMPONENTI OPACHI secondo UNI TS 11300-1 - UNI EN ISO 6946 - UNI EN ISO 13370 Descrizione della struttura: PARETE PERIMETRALE ESTERNA Codice: M1 Trasmittanza

Dettagli

CIRFONIC hp CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: SPECIFICHE APPLICATIVE COGENTI:

CIRFONIC hp CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: SPECIFICHE APPLICATIVE COGENTI: CIRFONIC hp Manto in agglomerato poliuretanico espanso flessibile con pellicola in polietilene CAMPO DI UTILIZZO: CIRFONIC HP è un prodotto specifico per l isolamento acustico del rumore di calpestio,

Dettagli

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni.

L ACUSTICA. Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici. Ing. Paolo Marinoni. L ACUSTICA Criteri di Progettazione, Materiali Fonoisolanti e Certificazione Acustica degli Edifici Ing. Paolo Marinoni Celenit SpA Soluzioni ecobiocompatibili per l isolamento acustico UN PRODOTTO SOSTENIBILE

Dettagli

VERIFICA REQUISITI ACUSTICI PASSIVI AI SENSI D.P.C.M. 5/12/1997 RESIDENZA VERDE VIA A.TISI,8 44011 ARGENTA (FE)

VERIFICA REQUISITI ACUSTICI PASSIVI AI SENSI D.P.C.M. 5/12/1997 RESIDENZA VERDE VIA A.TISI,8 44011 ARGENTA (FE) VERIFICA REQUISITI ACUSTICI PASSIVI AI SENSI D.P.C.M. 5/12/1997 RESIDENZA VERDE VIA A.TISI,8 44011 ARGENTA (FE) Cliente: Immobiliare Primavera soc.coop Via A.Tisi, 8 Argenta (FE) Gennaio 2010 INDICE 1.

Dettagli

Sede Operativa: Via L. Rossi, 33-41012 - CARPI (MO) Tel.: 059/689551 Fax: 059/669638 e-mail: info@studiofia.it PEC: studiofia@dapec.

Sede Operativa: Via L. Rossi, 33-41012 - CARPI (MO) Tel.: 059/689551 Fax: 059/669638 e-mail: info@studiofia.it PEC: studiofia@dapec. F.I.A. FUTURA INDUSTRIA AMBIENTALE S.N.C. S TUDIO DI CONSULENZA TECNICA E NORMATIVA PER L IMPRESA SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO AMBIENTE RUMORE DIRETTIVA MACCHINE PREVENZIONE INCENDI COLLAUDI E PERIZIE

Dettagli

ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA Problematiche e soluzioni

ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA Problematiche e soluzioni Bolzano, 19 novembre 2015 ISOLAMENTO ACUSTICO IN EDILIZIA Problematiche e soluzioni Per. Ind Alberto Piffer Loc. Aicheri, 2 38015 Lavis (TN) Mail: alberto.piffer@gmail.com Web: www.albertopiffer.it Problematiche

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Perugia

RAPPORTO DI PROVA. MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Perugia RAPPORTO DI PROVA MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Data di Emissione: 13 febbraio 2007 Luogo di Emissione: Committente:

Dettagli

Verifica di isolamento acustico in opera Murature realizzate con blocco aqtb 25 acustico

Verifica di isolamento acustico in opera Murature realizzate con blocco aqtb 25 acustico Verifica di isolamento acustico in opera Murature realizzate con blocco aqtb 25 acustico Sistema AQTB Caratteristiche tecniche AQTB 25 Acustico Dimensioni nominali Peso medio del blocco Peso medio della

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

CAMEO NEW OFFICE BUILDING

CAMEO NEW OFFICE BUILDING Sede legale: via Lanfranco della Pila, 5 20162, Milano P. IVA 06774410960 e-mail: info@enc-srl.it VERIFICA DEI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI CAMEO NEW OFFICE BUILDING COMUNE DI DESENZANO Relazione tecnica

Dettagli

LINEA ISOLGYPSUM RISANAMENTO TERMICO E ACUSTICO A BASSO SPESSORE DELLE PARETI

LINEA ISOLGYPSUM RISANAMENTO TERMICO E ACUSTICO A BASSO SPESSORE DELLE PARETI LINEA ISOLGYPSUM RISANAMENTO TERMICO E ACUSTICO A BASSO SPESSORE DELLE PARETI Stop a rumore e muffe Via al risparmio LINEA RISANAMENTO RISANAMENTO > APPLICAZIONI A PARETE >LINEA CARTONGESSO RISANAMENTO

Dettagli

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE

DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE DESCRIZIONI DI CAPITOLATO PER L ISOLAMENTO TERMOACUSTICO NELL EDILIZIA CIVILE ED INDUSTRIALE Claudioforesi S.r.l. via Fosso, 2/4 60027 S. Biagio Osimo (AN) Tel. 071 7202204 071 7109309 Fax. 071 7108180

Dettagli

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD)

S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Isolamento acustico di facciata: effetto delle connessioni rigide nelle pareti doppie S. Secchi, Università degli Studi di Firenze, Dip. di Tecnologie dell Architettura e Design (TAeD) Nella realizzazione

Dettagli

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente documento, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione

Dettagli

SOMMARIO - TABLE DES MATIERES

SOMMARIO - TABLE DES MATIERES SOMMARIO - TABLE DES MATIERES 1 PREMESSA... 4 2 QUADRO NORMATIVO... 4 3 NORMATIVA TECNICA... 6 4 ISOLAMENTO ACUSTICO DI FACCIATA... 7 5 ISOLAMENTO DAL RUMORE PER VIA AEREA TRA AMBIENTI... 9 6 DESCRIZIONE

Dettagli

Guida alle applicazioni

Guida alle applicazioni Isolanti acustici Guida alle applicazioni per l isolamento acustico dei solai Divisione Isolanti Isolanti acustici Guida alle applicazioni per l isolamento acustico dei solai Introduzione 04 Strutture

Dettagli

POROTON s=30 cm intonacato ambo i lati (R w =54 db) POROTON s=30 cm intonacato ambo i lati (R w =55 db)

POROTON s=30 cm intonacato ambo i lati (R w =54 db) POROTON s=30 cm intonacato ambo i lati (R w =55 db) Introduzione Riferimenti normativi Prove in laboratorio ed indice di valutazione del potere fonoisolante Prove in opera ed indice di valutazione del potere fonoisolante apparente Calcolo dele prestazioni

Dettagli

BENVENUTI IN ISOLMANT

BENVENUTI IN ISOLMANT 28 ottobre 2014 BENVENUTI IN ISOLMANT Tecnasfalti-Isolmant è stata fondata nel 1976 da Ugo Canni Ferrari Produce e distribuisce prodotti per l isolamento acustico e termico Leader in Italia e in Europa

Dettagli

PROGETTARE IL SILENZIO

PROGETTARE IL SILENZIO PROGETTARE IL SILENZIO SOLUZIONI ACUSTICHE DI PARETI MONOSTRATO ANCHE PREDISPOSTE PER RETI IMPIANTISTICHE Sviluppato in collaborazione con il Dipartimento di Fisica Tecnica dell Università di Padova POTERE

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA Chiara Scrosati ITC-CNR Istituto per le Tecnologie della Costruzione del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

SCHEDE TECNICHE MATERIALI POTERE FONOISOLANTE Continua...

SCHEDE TECNICHE MATERIALI POTERE FONOISOLANTE Continua... Suono Rumore Vibrazioni Aprile n 4-2004 Chartered 1991 Anno 2004 Notiziario mensile ASSOACUSTICI a cura di Barbara Uggè CONSIGLIO DIRETTIVO Presidente Paolo Giacomin Vice Presidente Michele Fumagalli Segretario

Dettagli

Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli

Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli Edilizia 2007 Progettare Edifici Acusticamente Confortevoli A cura di BibLus-net: Alfredo Mennonna Prima edizione - ottobre 2006 ACCA ACCA software S.p.A. Via Michelangelo Cianciulli 83048 MONTELLA (AV)

Dettagli

24 PROGETTAZIONE DEL SILENZIO: NODI PARETE-PAVIMENTO

24 PROGETTAZIONE DEL SILENZIO: NODI PARETE-PAVIMENTO 24 PROGETTAZIONE DEL SILENZIO: NODI PARETE-PAVIMENTO NODO PARETE PESANTE - SOLAIO Desolidarizzazione parete pesante -solaio, mediante speciale fascia tagliamuro Silenz Tagliamuro Later. NODO MASSETTO -

Dettagli

COMUNE DI MURAVERA Provincia di Cagliari

COMUNE DI MURAVERA Provincia di Cagliari COMUNE DI MURAVERA Provincia di Cagliari "PIA CA 13-5C EST - SERPEDDI' - REALIZZAZIONE DI UN TEATRO IN LOCALITA' SANTA LUCIA" PROGETTO ESECUTIVO Tavola : A/8 COMUNE DI MURAVERA Prot. n. del Data: Gennaio

Dettagli

PARETI A SECCO DIVISORIE IL PRODOTTO IDEALE PER L ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DELLE PARETI IN GESSO RIVESTITO EDILIZIA ED ACUSTICO NELL

PARETI A SECCO DIVISORIE IL PRODOTTO IDEALE PER L ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DELLE PARETI IN GESSO RIVESTITO EDILIZIA ED ACUSTICO NELL COMFORT TERMICO ED ACUSTICO NE EDIIZIA ARETI DIVISORIE A SECCO I RODOTTO IDEAE ER ISOAMENTO TERMICO ED ACUSTICO DEE ARETI IN GESSO RIVESTITO 2 Eurosystem e Europan I prodotti ideali per l isolamento termico

Dettagli

La verifica in opera delle caratteristiche acustiche degli edifici

La verifica in opera delle caratteristiche acustiche degli edifici L acustica applicata all edilizia Verona 24 Novembre 2000 La verifica in opera delle caratteristiche acustiche degli edifici Francesco Ferrari e Valerio Manzoni - ARPA Lombardia - Dipartimento di Mantova

Dettagli

Isolamento Acustico un nuovo punto di vista

Isolamento Acustico un nuovo punto di vista Isolamento Acustico un nuovo punto di vista Versione 3.0 Sintesi delle ricerche e dei test di laboratorio effettuati nel 2009 e nel 2010 presso il Laboratorio Istituto Giordano - Bellaria. a cura: Divisione

Dettagli

Isolamento acustico di pareti interne in laterizio: misure e metodi

Isolamento acustico di pareti interne in laterizio: misure e metodi Ricerca R. Albatici, A. Di Bella, P. Fausti A. Frattari, G. Nicosia, R. Pompoli S. Secchi, M. Tosi, R. Zecchin Isolamento acustico di pareti interne in laterizio: misure e metodi Una campagna di misure

Dettagli

Le soluzioni fonoisolanti bauexpert

Le soluzioni fonoisolanti bauexpert Le soluzioni fonoisolanti bauexpert www.bauexpert.it Appiano (BZ) - Tel. 0471 662 119 Borgo Valsugana (TN) - Tel. 0461 753 208 Bressanone (BZ) - Tel. 0472 821 818 Brunico (BZ) - Tel. 0474 572 500 Campo

Dettagli

CIRFONIC SPECIAL CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA:

CIRFONIC SPECIAL CAMPO DI UTILIZZO: DESCRIZIONE DI CAPITOLATO: DIMENSIONI DI FORNITURA: CIRFONIC SPECIAL Manto in agglomerato poliuretanico espanso flessibile con pellicola in polietilene CAMPO DI UTILIZZO: CIRFONIC SPECIAL è un prodotto specifico per l isolamento acustico del rumore di calpestio,

Dettagli

INTERVENTI PER RISANARE GLI EDIFICI ESISTENTI PER RAGGIUNGERE CLASSI ACUSTICHE E TERMICHE PIU ELEVATE. CRITICITÀ E OPPORTUNITÀ

INTERVENTI PER RISANARE GLI EDIFICI ESISTENTI PER RAGGIUNGERE CLASSI ACUSTICHE E TERMICHE PIU ELEVATE. CRITICITÀ E OPPORTUNITÀ 2 Convention Nazionale del Gruppo di Acustica Edilizia L evoluzione e l armonizzazione delle norme italiane ed europee sulla protezione acustica degli edifici Firenze 13 dicembre 2010 INTERVENTI PER RISANARE

Dettagli

D.P.C.M 5.12.97 Requisiti acustici passivi degli edifici IMPIANTI TECNOLOGICI

D.P.C.M 5.12.97 Requisiti acustici passivi degli edifici IMPIANTI TECNOLOGICI D.P.C.M 5.12.97 Requisiti acustici passivi degli edifici IMPIANTI TECNOLOGICI 1 Livello max di rumore imp. a funzionamento discontinuo L ASmax 35 35 35 35 L ASmax Gli impianti a funzionamento DISCONTINUO

Dettagli

La legislazione italiana

La legislazione italiana Stima delle prestazioni acustiche passive degli edifici e dei loro componenti Simone Secchi Dipartimento di Tecnologie dell Architettura e Design Pierluigi Spadolini Università di Firenze simone.secchi@taed.unifi.it

Dettagli

Isolamento acustico al calpestio: dalla teoria al collaudo

Isolamento acustico al calpestio: dalla teoria al collaudo Isolamento acustico al calpestio: dalla teoria al collaudo Raccolta di prove in opera su solai in laterocemento INDICE. IL QUADRO LEGISLATIVO NAZIONALE pag.. Che cosa dice la legge. I requisiti acustici

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Potere Fonoisolante di pareti divisorie in laterizio alleggerito: risultati sperimentali di laboratorio e formule di previsione. Ricerca svolta

Dettagli

TOPPETTI PRODOTTI INNOVATIVI PER L EDILIZIA LINEA ACUSTICA. Abbiamo progettato il silenzio. Sistema costruttivo per il benessere acustico

TOPPETTI PRODOTTI INNOVATIVI PER L EDILIZIA LINEA ACUSTICA. Abbiamo progettato il silenzio. Sistema costruttivo per il benessere acustico TOPPETTI 2 PRODOTTI INNOVATIVI PER L EDILIZIA LINEA ACUSTICA Abbiamo progettato il silenzio Sistema costruttivo per il benessere acustico Nella nostra vita quotidiana abbiamo spesso a che fare con suoni

Dettagli

SCHEDA 3 ISOLAMENTO ACUSTICO: ASPETTI FISICI

SCHEDA 3 ISOLAMENTO ACUSTICO: ASPETTI FISICI SCHED 3 ISOLMENTO CUSTICO: SPETTI FISICI Se si pone una sorgente sonora in un locale (emittente) separato da un altro (ricevente) mediante una parete divisoria, una parte dell energia sonora emessa dalla

Dettagli