MANUALE PER LA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA DI INDENNIZZO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE PER LA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA DI INDENNIZZO"

Transcript

1 DECRETO LEGISLATIVO N. 102 DEL 29 marzo 2004 INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE AGRICOLE MANUALE PER LA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA DI INDENNIZZO EVENTO CALAMITOSO ECCEZIONALE SICCITA PERIODO 1 GIUGNO 2 SETTEMBRE 2012 D.M. N DEL 07 DICEMBRE 2012

2 INDICE 1. INTRODUZIONE ACCESSO AL SISTEMA APERTURA DI UNA DOMANDA DI INDENNIZZO FUNZIONE CERCA DOMANDA FUNZIONE NUOVA DOMANDA GESTIONE DETTAGLIO DOMANDA QUADRO ANAGRAFICA AZIENDA QUADRO ANAGRAFICA UTE QUADRO MODALITA DI PAGAMENTO QUADRO RAPPRESENTANTE LEGALE QUADRO PIANO DI UTILIZZO QUADRO CALCOLO DANNO QUADRO PRESTITO QUINQUENNALE QUADRO DATI RIEPILOGO QUADRO DICHIARAZIONI QUADRO ALLEGATI QUADRO ANOMALIE FASE PRESENTAZIONE DOMANDA

3 1. INTRODUZIONE Il presente manuale descrive le modalità di compilazione on line delle domande di indennizzo riferite all evento calamitoso di eccezionale siccità accompagnata da sbalzi termici verificatosi nel periodo tra il 1 giugno ed il 2 settembre Per presentare una domanda di indennizzo è necessario che l azienda abbia costituito un fascicolo elettronico aziendale. La compilazione della domanda di indennizzo, infatti, avviene a partire dai dati registrati nel fascicolo aziendale elettronico. Ne consegue che la domanda di indennizzo è prevalentemente compilata con i dati provenienti dal fascicolo elettronico. In particolare il quadro di domanda riferito alle superficie condotte e utilizzi verrà precompilato con i dati dichiarati in fascicolo alla data di cessazione dell evento (2 settembre 2012). La compilazione della domanda di indennizzo, tramite l applicativo messo a disposizione dell Agenzia, può essere effettuata dal singolo richiedente, delegato o dal CAA mandatario purchè preventivamente abbiano richiesto la delega in GUARD (sistema di identificazione e registrazione dei soggetti abilitati). Il codice del modulo informatico da utilizzare per la richiesta in GUARD corrisponde a SICCITA2012. Nel sito istituzionale di AVEPA, al seguente indirizzo è disponibile il manuale per l utilizzo dell applicativo GUARD. 2. ACCESSO AL SISTEMA Una volta aperto il collegamento all applicativo al seguente indirizzo: l utente potrà accedere al servizio di compilazione domande di indennizzo dichiarando il proprio identificativo (ID Utente) e la parola chiave (Password). Una volta digitato l identificativo utente (codice fiscale) e password premere il tasto. Fig. 1 3

4 3. APERTURA DI UNA DOMANDA DI INDENNIZZO Una volta avuto l accesso all applicativo Calamità naturali l utente deve scegliere l organizzazione con la quale accedere per la compilazione della domanda di indennizzo. Fig. 2 Scelta l organizzazione apparirà la schermata di fig. 3. Fig. 3 Nella videata di fig. 3, sono presenti due funzioni: 1. CERCA DOMANDA: permette di ricercare una domanda di indennizzo già presente a sistema; 2. NUOVA DOMANDA: permette di inserire una nuova domanda di indennizzo. 4

5 3.1. FUNZIONE CERCA DOMANDA Per ricercare una domanda precedentemente inserita, è necessario innanzitutto selezionare dal menù principale la voce CERCA DOMANDA (evidenziato in rosso in fig. 4). Fig. 4 Inserire quindi o il CUAA dell azienda o il numero della domanda di indennizzo (non è necessario indicare il modulo), quindi premere il tasto. Apparirà quindi la videata di fig. 5 in cui sono presenti le seguenti informazioni: 1. l id domanda di indennizzo; 2. lo stato della domanda di indennizzo (in compilazione, presentata, protocollata); 3. CUAA dell azienda; 4. Ragione sociale dell azienda; 5. Ente compilatore: descrizione dell ente che sta compilando al domanda di indennizzo. Premendo il tasto, l utente entra nel dettaglio della domanda di indennizzo. Fig FUNZIONE NUOVA DOMANDA Per inserire una nuova domanda di indennizzo, l utente deve selezionare dal menù principale la funzione NUOVA DOMANDA evidenziato in rosso in fig. 6. Fig. 6 5

6 Quindi apparirà la schermata di fig. 7. L operatore deve inserire nello specifico campo il CUAA del azienda agricola e selezionare il modulo di suo interesse (SICCITA 2012), quindi premere il tasto. Fig. 7 Il sistema estrae tante righe quante sono le UTE presenti nel fascicolo aziendale elettronico (v. fig. 8). Nel caso preso in esame il sistema ha estratto due righe in quanto nel fascicolo aziendale elettronico sono state inserite due UTE. Fig. 8 In corrispondenza ad ogni riga sono presenti i seguenti tasti: : permette di aprire una nuova domanda di indennizzo; : permette di visualizzare le domande eventualmente presenti a sistema per un determinato CUAA e UTE. Premere il tasto per aprire una nuova domanda di indennizzo. Si ricorda che è possibile presentare una domanda per UTE aziendale in quanto l entità del danno verrà calcolata per UTE aziendale. Quando il sistema apre una nuova domanda di indennizzo, verifica la correttezza dei dati anagrafici presenti in fascicolo. Qualora la verifica abbia esito positivo, il sistema evidenzia un messaggio di fig. 9. L operatore deve premere il tasto gestione del dettaglio della domanda di indennizzo. per accedere alla pagina di 6

7 Fig. 9 7

8 4. GESTIONE DETTAGLIO DOMANDA Quando si apre una nuova domanda compare la schermata di fig. 10. Il quadro (1) Intestazione Domanda riporta le seguenti informazioni: numero domanda che l operatore sta compilando; lo stato in cui si trova la domanda di indennizzo. Gli stati possibili sono in compilazione, presentata e cancellata ; CUAA; Denominazione: ragione sociale dell azienda; Organizzazione: corrisponde all ente compilatore; Ente delegato: corrisponde allo Sportello Unico Agricolo competente per territorio. Si precisa che l ente delegato non può essere scelto dall operatore, ma viene associato automaticamente dal sistema alla domanda di indennizzo sulla base della localizzazione dell UTE. Il quadro (2), sul lato sinistro del video, riporta l elenco dei quadri della domanda di indennizzo. Fig. 10 8

9 5. QUADRO ANAGRAFICA AZIENDA Il quadro ANAGRAFICA AZIENDA viene compilato direttamente dal sistema sulla base dei dati presenti a fascicolo. Qualora ci sia la necessità di modificare i dati anagrafici dell azienda dopo l apertura della domanda di indennizzo, l azienda deve chiedere l aggiornamento del fascicolo aziendale. Quindi l operatore deve entrare nel quadro ANAFRAFICA AZIENDA della domanda e premere il tasto per aggiornare i dati in domanda. Fig. 11 9

10 6. QUADRO ANAGRAFICA UTE Il quadro ANAGRAFICA UTE viene compilato direttamente dal sistema sulla base dei dati presenti a fascicolo. Qualora ci sia la necessità di modificare i dati dell UTE dell azienda, dopo l apertura della domanda di indennizzo, l azienda deve chiedere l aggiornamento del fascicolo aziendale. Quindi l operatore deve entrare nello specifico quadro ANAGRAFICA UTE della domanda e premere il tasto per aggiornare i dati in domanda. Fig QUADRO MODALITA DI PAGAMENTO Il quadro MODALITA DI PAGAMENTO viene compilato direttamente dal sistema sulla base dei dati presenti a fascicolo. Qualora ci sia la necessità di modificare i dati relativi alle modalità di pagamento, dopo l apertura della domanda di indennizzo, l azienda deve chiedere l aggiornamento del fascicolo aziendale. Quindi l operatore deve entrare nello specifico quadro MODALITA DI PAGAMENTO della domanda e premere il tasto domanda. per aggiornare i dati in Fig

11 8. QUADRO RAPPRESENTANTE LEGALE Il quadro RAPPRESENTANTE LEGALE viene compilato direttamente dal sistema sulla base dei dati presenti a fascicolo. Qualora ci sia la necessità di modificare i dati relativi al rappresentante legale dopo l apertura della domanda di indennizzo, l azienda deve chiedere l aggiornamento del fascicolo aziendale. Quindi l operatore deve entrare nello specifico quadro RAPPRESENTANTE LEGALE della domanda e premere il tasto per aggiornare i dati in domanda. Si precisa che il rappresentante legale corrisponde al responsabile dell azienda e alla persona che apporrà a firma in calce alla domanda di indennizzo. Fig

12 9. QUADRO PIANO DI UTILIZZO Il quadro viene compilato con i dati dichiarati in fascicolo aziendale scheda piano di utilizzo 2012 alla data di cessazione dell evento calamitoso (2 settembre 2012). Nel quadro sono presenti le seguenti informazioni: Comune: descrizione del comune nel quale è presente la coltura praticata dall azienda; Zona: viene riportata la zona altimetrica ISTAT in cui rientra il comune (pianura, collina, montagna); Macrocoltura: viene riportata la descrizione della macrocoltura cosi come elencate nella tabella Tab_01_Calcolo_plv_per_prodotto_V_01.4 ; Sup. netta (ha): corrisponde alla superficie utilizzata per una determinata macrocoltura; Sup. specifica (ha): corrisponde alla superficie utilizzata per un determinato prodotto; Coltura danneggiata: il sistema evidenzia se la coltura rientra tra quelle danneggiate o meno in base all elenco delle zone delimitate e colture elencate nella DGR 2030/2012. Qualora il comune e la coltura rientrino tra quelle elencate nella DGR n. 2030/2012, la colonna COLTURA DANNEGGIATA viene valorizzata a SI, in caso contrario viene valorizzata a NO. Il sistema estrae gli utilizzi presenti nei terreni che sono associati all UTE per la quale si sta compilando la domanda di indennizzo. Gli utilizzi vengono aggregati per comune e Macrocoltura. Poiché il piano di utilizzo viene redatto utilizzando i codici colturali (triplette), è stato necessario definire la corrispondenza tra utilizzi del suolo e prodotti elencati nel decreto Avepa n. 22/2012. Al fine di determinare questa corrispondenza, i prodotti previsti nel decreto Avepa n. 22/2012 sono stati raggruppati, laddove possibile, in macrocolture. ES: nel decreto Avepa n. 22/2012 sono stati previsti come prodotti una serie di vini (Amarone, Valpolicella classico, prosecco, ecc). Poiché non esiste una tripletta che identifichi uno specifico tipo di vino, tutte le tipologie di vino sono state raggruppate nella macrocoltura VITE alla quale sono state associate tutte le triplette che corrispondevano ai vari vitigni presenti nella matrice di Avepa. L elenco delle macrocolture e dei rispettivi prodotti è desumibile dalla tabella Tab_01_Calcolo_plv_per_prodotto_V_01.4 in cui è possibile trovare le seguenti informazioni: 1. la descrizione della macrocoltura (es. VITE) e dei rispettivi prodotti (DOC -DOCG B.:MOSCATO BIANCO, DOC -DOCG B.:PINELLA ecc.); 2. la PLV unitaria (euro) di ciascuna macrocoltura/prodotto specifico che corrisponde al prodotto del prezzo medio ( /q.le) per la quantità media unitaria (q.le) così come indicati per ciascun prodotto agricolo nel decreto rese e prezzi approvato provvedimento n. 22/2012. La corrispondenza tra macrocolture e utilizzi del suolo (triplette) è desumibile dalla tabella Tab_02_Corrispondenza_triplette_Macrocoltura_v_01.3. Qualora i terreni aziendali siano utilizzati con una coltura non prevista nel decreto Avepa n. 22/2012, tali superfici rientreranno all interno della macrocoltura COLTURE NON GESTITE. Tali superfici non concorreranno alla determinazione automatica della PLV ordinaria aziendale. Il richiedente è tenuto alla presentazione, in allegato alla domanda di indennizzo o su richiesta in sede istruttoria, di adeguata documentazione contabile e fiscale ai fini della corretta determinazione della PLV ordinaria aziendale. 12

13 Fig. 15 Di seguito si propone un esempio di compilazione del quadro in esame (v. fig. 15). L azienda in esame conduce parte dei terreni nel comune di Rovigo, San Martino di Venezze e Vigodarzere. Secondo la classificazione della zona altimetrica ISTAT, i comune sopracitati sono classificati come pianura. Pertanto nella colonna zona il sistema valorizzerà il valore P (nel caso di comuni classificati in zona altimetrica collina o montagna, l applicativo valorizzerà i valori C per collina e M per montagna). Il sistema inoltre per ogni comune estrarrà tante righe quante sono le macrocolture presenti e per ogni macrocoltura verrà indicata la superficie totale. Per il comune di Rovigo, ad esempio, il sistema estrae due righe: 1- Colture non gestite: in questa macrocoltura rientrano tare ed incolti e le colture non previste nel decreto rese e prezzi ; 2- Mais da granella. Per questa macrocoltura il sistema evidenzia il pulsante. Nel decreto rese e prezzi per la coltura mais, nella provincia di Rovigo è stato distinto per prezzo e quantità il mais destinato ad uso alimentare dal mais per la produzione di seme. Il compilatore dovrà aver cura di indicare quanta superficie è stata utilizzata per la produzione di mais da seme, qualora l azienda l abbia prodotto. Premendo il pulsante si accede alla schermata di fig. 16 nella quale il compilatore dovrà indicare gli ettari per la coltura specifica (fig.17). Quindi si dovrà premere il tasto per salvare i dati inseriti. Il sistema evidenzierà un messaggio di fig. 18, quindi premere il tasto e per tornare nel quadro PIANO UTILIZZO (v. fig. 19). Qualora l azienda non abbia prodotto mais per la produzione di seme, il compilatore non dovrà inserire alcun valore di superficie nel campo evidenziato con riquadro rosso in fig. 16. Il sistema calcolerà la PLV ordinaria aziendale della coltura Mais da granella - comune di Rovigo considerando tutta la superficie destinata alla produzione di mais alimentare. Si precisa che la superficie delle coltura specifica non può essere superiore alla superficie della macrocoltura. 13

14 Fig. 16 Fig. 17 Fig

15 Fig. 19 Di seguito inoltre si propone un esempio di compilazione del quadro Piano di utilizzo nel caso in cui l azienda abbia utilizzato dei terreni a vite (v. fig. 20). Il valore della sup. utilizzata per la macrocoltura VITE corrisponde alla superficie vitata (riferita sempre alla data del ). L applicativo evidenzia per la macrocoltura VITE il pulsante. Nel decreto Rese e Prezzi per la macrocoltura VITE, è stato riportato il valore di resa unitaria e prezzo medio della tipologia di vino prodotto. Il compilatore, pertanto deve indicare nel sottoquadro Colture specifiche (fig. 21) quanta superficie di vite è stata utilizzata per produrre un determinato vino. L applicativo propone le tipologie di vino (DOC - DOCG, IGT) previste per il territorio preso in esame. Fig

16 Fig QUADRO CALCOLO DANNO Quando si accede per la prima volta al quadro CALCOLO DANNO la schermata appare vuota (v. fig. 22). Il compilatore deve premere il tasto PLV ordinaria aziendale e danneggiata. affinché il sistema calcoli in automatico i valori della Fig. 22 La PLV ordinaria aziendale viene calcolata moltiplicando la superficie utilizzata per una determinata coltura per il prezzo medio ( /q.le) e la quantità media (q.le). Il valore di prezzo medio e quantità media corrispondono a quelli stabili con decreto Avepa n. 22/2012. Il valore (euro) della PLV di ciascuna coltura danneggiata viene determinato applicando alla PLV ordinaria della coltura stessa, la percentuale di danno, accertata in sede di delimitazione da parte degli Sportelli Unici Agricoli competenti per territorio. I valori della percentuale di danno sono desumibili dalla tabella Tab_03_cod_istat_comuni_delimitati_v_01.1. La percentuale di danno corrisponde al rapporto tra la PLV danneggiata e le PLV aziendale. 16

17 Fig. 23 Si ricorda quanto segue: 1. alla determinazione della PLV ordinaria concorrono tutte le colture che sono stata censite per ogni provincia nel decreto rese e prezzi ; 2. in caso di colture non presenti per alcune provincie nel decreto Avepa n. 22/2012, ai fini del calcolo della PLV ordinaria aziendale, è stato considerato il valore minore tra quelli riportati per la stessa microcoltura nelle altre provincie; 3. il sistema calcola la PLV danneggiata solo per le colture elencate nel DM n del 07 dicembre 2012 e coltivate nei territori delimitati. 17

18 11. QUADRO PRESTITO QUINQUENNALE Il quadro Prestito quinquennale riporta i seguenti dati: 1- CLS parte Superficie: campo non compilabile dall operatore. Riporta il valore del costo lordo standard così come calcolato in fascicolo nella scheda calcoli. Si precisa che gli allevamenti non concorrono alla determinazione del valore del CLS ai fini della richiesta del prestito quinquennale; 2- Importo rate non pagate: campo non compilabile dall operatore. Riporta il valore totale delle rate non pagate dal soggetto indicate nello specifico sottoquadro DETTAGLIO RATE al quale si accede premendo l apposito pulsante. Nella sezione Dati Banca scelta per il prestito, l operatore dovrà indicare i riferimenti (Codice ABI, CAB, denominazione banca ed indirizzo) dell istituto presso il quale l azienda richiederà il prestito necessario per le esigenze di conduzione. Fig. 24 Qualora l azienda agricola abbia la necessità di dichiarare l importo di eventuale rate di prestito o mutui agrari scadute nell anno dell evento e non pagate, il compilatore dovrà accedere al sottoquadro DETTAGLIO RATE, premendo l apposito pulsante. Apparirà quindi la schermata di fig

19 Fig. 25 Il compilatore dovrà aver cura di indicare i riferimenti (codice ABI e CAB) dell istituto bancario presso il quale l azienda ha acceso il prestito, l importo della rata del prestito scaduto ma non pagato, e la data di scadenza entro il quale l azienda doveva ottemperare al pagamento della rata. Una volta inserito i dati il compilatore dovrà premere il tasto fig. 26). per salvare i dati inseriti (v. Fig. 26 Dopo aver premuto il tasto, appare la schermata di fig. 27, dove sono presenti le seguenti informazioni: i dati della rate appena inserita. In corrispondenza di tale riga compaiono le funzioni: per correggere i dati della rata del prestito appena inseriti; per eliminare i dati relativi alla rata del prestito appena inseriti; Campi vuoti per inserire un ulteriore rata del prestito scaduta. Per ritornare alla schermata di fig. 24, premere il tasto. 19

20 Fig. 27 L applicativo valorizzerà in automatico il campo Importo rate non pagate. Il valore del campo Prestito totale corrisponderà alla somma dell importo del CLS e dell Importo rate non pagate. Fig QUADRO DATI RIEPILOGO Il quadro DATI RIEPILOGO riporta le seguenti informazioni: la percentuale di danno (%): così come calcolato nel quadro CALCOLO DANNO ; il valore della perdita (euro): deriva dalla differenza tra il valore della PLV ordinaria (euro) e la PLV danneggiata (euro); il valore della PLV ordinaria (euro): così come calcolato nel quadro CALCOLO DANNO ; il valore della PLV danneggiata (euro): così come calcolato nel quadro CALCOLO DANNO ; il valore Prestito Totale (Euro): così come riportato nel quadro PRESTITO QUINQUENNALE e corrisponde al volare del Costo Lordo standard più gli eventuali importi di rate di prestito scadute dichiarate dall azienda agricola. 20

21 Fig. 29 Nel quadro sono riportate delle dichiarazioni specifiche, che si distinguono in obbligatorie e facoltative. Le dichiarazioni obbligatorie sono caratterizzate dal flag posto in automatico dal sistema, mentre le dichiarazioni facoltative devono essere selezionate manualmente dall operatore. Nel caso specifico l operatore dovrà apporre il flag qualora l azienda intenda usufruire: a) delle disposizioni per le operazioni di credito agrario di cui all art. 7 del D. lgs. N. 102/2004; b) delle agevolazioni, sottoforma di prestito ad ammortamento quinquennale così come previsto dall art. 5 comma 2 lett. b) del decreto legislativo n. 102/2004. Le dichiarazioni obbligatorie saranno oggetto di verifica durante la fase di istruttoria di ammissibilità. Nel caso in cui l azienda abbia sottoscritto polizze assicurative agevolate contro il rischio siccità e abbia avuto la possibilità di effettuare interventi di irrigazione di soccorso, la coltura in sede di istruttoria di ammissibilità verrà considerata danno a zero. Qualora l operatore abbia modificato la selezione delle dichiarazioni, premere il tasto salvare le modifiche apportate. per 21

22 13. QUADRO DICHIARAZIONI Nel quadro DICHIARAZIONI sono elencate una serie di dichiarazioni obbligatorie. Le dichiarazioni sono tutte obbligatorie. Leggere attentamente ed accertarsi che il contenuto delle stesse corrisponda al vero; in caso di falsità nelle dichiarazioni saranno applicate le sanzioni previste dalla legge in quanto esse sono rese ai sensi del DPR 445/2000, come dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà. Fig

23 14. QUADRO ALLEGATI Il quadro ALLEGATI propone un elenco di documenti che si distinguono in obbligatori e facoltativi. Il documento relativo alla fotocopia del documento di identità valido del richiedente è un documento obbligatorio pertanto risulta già selezionato in automatico dal sistema; se non allegato alla domanda di indennizzo, la istanza verrà considerata non ricevibile. Il documento relativo alla documentazione contabile e/o fiscale attestante la resa per le produzioni non contemplate nel decreto di Avepa n. 22/2012 non è un documento obbligatorio pertanto dovrà essere selezionato qualora il richiedente alleghi alla domanda di indennizzo tale documentazione. Selezionare, appuntando il flag, il documento relativo alla documentazione contabile e premere il tasto per salvare le modifiche apportate. Fig QUADRO ANOMALIE Quando si accede per la prima volta al quadro ANOMALIE la schermata appare vuota (v. fig. 32). Il compilatore deve premere il tasto affinché il sistema esegua i controlli informatici. Fig

24 Qualora il sistema rilevi degli errori, popolerà il quadro ANOMALIE (v. fig. 33) dove si possono trovare le seguenti informazioni: Codice anomalia Descrizione anomalia: viene riportato per esteso la descrizione del messaggio dell anomalia; Stati bloccati: il sistema evidenzia quali cambio di stato sono resi impossibili a seguito della presenza di determinate anomalie. Le anomalie possono essere di due tipi: o Bloccanti: impediscono la presentazione della domanda di indennizzo; o Warning: segnalano situazioni da verificare ma non impediscono la presentazione della domanda. La tabella Tab_anomalie_modulo_siccità_2012 fornisce l elenco completo delle anomalie. Fig

25 16. FASE PRESENTAZIONE DOMANDA Qualora il sistema non evidenzi anomalie bloccanti, l operatore può procedere con la presentazione telematica della domanda di indennizzo. Premere il tasto, evidenziato in rosso in fig. 34, per poter procedere il cambio di stato da IN COMPILAZIONE a PRESENTATA. Fig. 34 Dopo aver premuto il tasto, il sistema propone la videata di fig. 35. L operatore può scegliere due funzioni di cambio stato: : selezionare tale funzione per far transitare la domanda di indennizzo dallo stato IN COMPILAZIONE allo stato CANCELLATA ; : selezionare tale funzione per far transitare la domanda di indennizzo dallo stato IN COMPILAZIONE allo stato PRESENTATA. Fig

26 Dopo aver premuto la funzione, il sistema evidenzia il messaggio di fig. 36, quindi preme re il tasto. La domanda una volta presentata non è più modificabile. Fig. 36 Dopo avere presentato la domanda di indennizzo, il sistema evidenzierà la voce evidenziato nel riquadro rosso di fig

27 Fig. 37 Selezionare la voce quindi premere il tasto per accedere al quadro STAMPE (v. fig. 38) e per generare la stampa della domanda di indennizzo. Fig. 38 Il sistema genera una stampa, formato pdf, che può essere salvata nel proprio personal computer e stampata su supporto cartaceo. Per quanto riguarda le modalità di presentazione e protocollazione della domanda di indennizzo si richiamano alle indicazioni riportate nel capitolo 7 Modalità di presentazione e protocollazione dell allegato A al decreto del Direttore di Avepa n. 132 del 9 luglio 2012, disponibile nel sito istituzionale dell Agenzia al seguente indirizzo 27

Partecipazione alle Gare Smaterializzate

Partecipazione alle Gare Smaterializzate Modulo 2 Partecipazione alle Gare Smaterializzate Pagina 1 di 26 INDICE 1. PREMESSA... 3 1. DIAGRAMMA DI FLUSSO... 6 3. PROCEDURA - DESCRIZIONE DI DETTAGLIO... 7 Pagina 2 di 26 1. PREMESSA Se sei un utente

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO di VERONA Linee Guida per l invio telematico delle domande di contributo di cui al Regolamento Incentivi alle PMI per l innovazione tecnologica 2013 1 PREMESSA

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011.

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Alle Compagnie Ai Comitati Regionali Loro Sedi Rif.: 049/2010. Milano, 1 ottobre 2010. Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Gentile Presidente, con il rinnovo del tesseramento per il 2011, colgo l'occasione

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

Guida al portale produttori

Guida al portale produttori GUIDA AL PORTALE PRODUTTORI 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. GENERALITA... 4 3.1 CREAZIONE E STAMPA DOCUMENTI ALLEGATI... 5 3.2 INOLTRO AL DISTRIBUTORE... 7 4. REGISTRAZIONE AL PORTALE...

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria

Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria Sistema per il monitoraggio della Spesa Sanitaria MANUALE D USO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2.... 4 3. INVIO CERTIFICATO DI MALATTIA... 4 3.1 SELEZIONE...

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2012 Progetto Istanze On Line MOBILITÀ IN ORGANICO DI DIRITTO PRESENTAZIONE DOMANDE PER LA SCUOLA SEC. DI I GRADO ON-LINE 13 Febbraio 2012 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile GUIDA AI SERVIZI DESIOLINE DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile Versione 1.8 del 10/6/2013 Pagina 1 di 96 Documentazione destinata all uso da parte dei clienti

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE TELEMATICO

PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE TELEMATICO Pagamento contributo telematico, versione 2.2 del 30/1/2015, SABE SOFT pag. 1 PAGARE IL CONTRIBUTO UNFICATO E MARCA DA BOLLO ONLINE È POSSIBILE E CONSENTE LA COMPLETA REALIZZAZIONE DEL PROCESSO CIVILE

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Guida pratica all utilizzo della gestione crediti formativi pag. 1 di 8 Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Gentile avvocato, la presente guida è stata redatta per

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Al Dirigente Scolastico DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Il/La sottoscritto/a Cognome: Nome: -C.F. Luogo di nascita: (Prov. )- data di nascita: Luogo di residenza -Prov. - C.A.P. Indirizzo:

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

MANUALE PER LO STUDENTE

MANUALE PER LO STUDENTE Università di Bologna Domanda di ammissione alla prova finale laurea MANUALE PER LO STUDENTE In caso di problemi informatici durante la compilazione della domanda on line, manda una mail a help.almawelcome@unibo.it

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

Express Import system

Express Import system Express Import system Manuale del destinatario Sistema Express Import di TNT Il sistema Express Import di TNT Le consente di predisporre il ritiro di documenti, pacchi o pallet in 168 paesi con opzione

Dettagli

Protocollo Informatico Manuale Utente ver. 3.8.0

Protocollo Informatico Manuale Utente ver. 3.8.0 - 1 - - Protocollo Informatico Pubblica Amministrazione Protocollo Informatico Manuale Utente ver. 3.8.0 Manuale utente - 1 - Proteus PA - 2 - - Protocollo Informatico Pubblica Amministrazione Indice 1

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE Pag. 1 di 14 MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE INTRODUZIONE Pag. 2 di 14 INDICE pag. 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA... 3 2.... 4 2.1 - HOME PAGE...

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - BRESCIA Sportello Telematico CERC PROCEDURA AGGIORNATA 2012 Brescia, 11 dicembre 2012 1 SERVIZIO WEB PER IL DEPOSITO DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTI

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Gestione Fascicoli Guida Utente

Gestione Fascicoli Guida Utente Gestione Fascicoli Guida Utente Versione 2.3 Guida Utente all uso di Gestione Fascicoli AVVOCATI Sommario Premessa... 4 Struttura... 5 Pagamento fascicoli... 9 Anagrafica Avvocati... 17 1.1 Inserimento

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad.

La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad. La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad. OPERAZIONI PRELIMINARI Dal menu impostazioni andate su E-mail, Contatti,

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE

GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE IRIDE e un sistema integrato ed innovativo di Gestione Documentale. Si presenta come una piattaforma modulare che realizza da un lato il tracciamento e la esecuzione automatica

Dettagli

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP Vista la Legge N 228 del 24/12/2012 (entrata in vigore il 01/01/2013) e la circolare n 18/2013 Prot. N. 11054, nell ottica di procedere in modo uniforme all

Dettagli

GESTIONE SOGGETTI INCARICATI MANUALE UTENTE VERSIONE 1.0

GESTIONE SOGGETTI INCARICATI MANUALE UTENTE VERSIONE 1.0 09/01/2015 GESTIONE SOGGETTI INCARICATI MANUALE UTENTE VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 16 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. PREMESSA 4 3. FUNZIONI RELATIVE AGLI INCARICATI 6 3.1 NOMINA DEI GESTORI INCARICATI E DEGLI

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MODELLO S1 TRASFERIMENTO SEDE DA ALTRA PROVINCIA ISTRUZIONI TRIVENETO PARAGRAFO 5.4 E 12.4 Si fa presente

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A.

Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A. Procedura per la Pre-registrazione, registrazione e l iscrizione delle imprese nell Albo Fornitori della Società Aeroporto Toscano G. Galilei S.p.A. I passi necessari per completare la procedura sono:

Dettagli

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

All Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.140 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 marzo 2015 Organismo Pagatore AGEA

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013-

Progetto SINTESI. Dominio Provinciale. Guida alla compilazione del form di Accreditamento. -Versione Giugno 2013- Progetto SINTESI Dominio Provinciale Guida alla compilazione del form di Accreditamento -Versione Giugno 2013- - 1 - Di seguito vengono riportate le indicazioni utili per la compilazione del form di accreditamento

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Manuale Operativo Pro-net

Manuale Operativo Pro-net Manuale Operativo Pro-net Protocollo Informatico a norme CNIPA Tutti i diritti riservati. Aggiornato alla rel. 9.11 A.P.Systems. S.r.l. Versione 1.3 Pagina n. 1 Introduzione alla Procedura La procedura

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli