SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE"

Transcript

1 SOLAIO A LASTRE TRALICCIATE Il solaio a lastre tralicciate predalles, rappresenta per la D.M.P. DALLA MORA PREF. S.R.L., il fiore all occhiello della propria produzione, non solo per la continua crescita delle quantità prodotte ma anche grazie all introduzione della marcatura CE obbligatoria dal maggio 2008 si sono effettuati notevoli investimenti tesi all ottenimento di un prodotto di qualità e controllato in tutte le sue fasi di realizzazione. L area su cui sorge lo stabilimento di produzione ha una superficie di m 2 di cui m coperti, la produzione di solai a lastra occupa un area coperta di 2140 m 2 più il tunnel di maturazione di 1220 m 2, nelle altre aree coperte si svolge la produzione di altre tipologie di solaio e la trasformazione degli acciai. La produzione comprende, un settore per il raddrizzamento ed il taglio dei ferri di armatura delle lastre e per il taglio dei tralicci, un area per il confezionamento dei tralicci con l armatura trasversale di ripartizione, un area per la produzione delle lastre (posizionamento del ferro, getto del calcestruzzo,vibrazione e posa dell eventuale alleggerimento), la stazione di betonaggio con il deposito coperto degli aggregati, un tunnel di stagionatura ed un ampia area di stoccaggio, sia per i materiali in ingresso che per i prodotti finiti in uscita. E inoltre presente un laboratorio interno per l esecuzione delle prove di routine. In tutte le fasi del processo di produzione vengono effettuati dei controlli da parte del personale, a partire dai materiali in ingresso per seguire con le varie fasi di realizzazione delle lastre sino alla maturazione ed allo stoccaggio in cantiere. Anche dopo lo stoccaggio vengono eseguite delle verifiche sugli elementi.

2 Impieghi previsti Il solaio a lastra trova impiego nella realizzazione di strutture orizzontali per l edilizia civile, commerciale, industriale pubblica e privata grazie alle sue peculiarità di seguito elencate: Rapidità di posa, soprattutto qual ora funga da cassero anche per le travi coprendo l intera area del solaio. Elevata flessibilità del suo utilizzo in quanto è una tipologia che si adatta a qualsiasi forma dell edificio mediante la sagomatura delle lastre in stabilimento di produzione. Sicurezza durante le fasi di posa delle armature e del getto di completamento. Finitura liscia dell intradosso del solaio che può rimanere a vista senza altri interventi. Il processo produttivo garantisce l uniformità del prodotto e la curabilità dello stesso. Gli alleggerimenti in polistirolo e/o laterizio garantiscono ampie possibilità di utilizzo in strutture di qualsivoglia complessità potendo sagomare e/o togliere gli alleggerimenti per realizzare travi, cordoli, corree, arretramenti. Grazie alla possibilità di avere lastre con spessori diversi ed armature di calcolo posizionate dentro alla lastra o sopra di essa si possono realizzare solai per qualsiasi tipo di struttura soggetta alla prevenzione incendi e quindi con qualsiasi tempo di resistenza al fuoco richiesto. Gli ambiti di impiego delle lastre tralicciate possono essere riassunti nei seguenti punti: solai intermedi e coperture di edifici aventi qualsiasi destinazione (comprendente edifici civili, industriali, di stoccaggio, edifici pubblici come scuole, ospedali, etc); parcheggi ed aree di parcheggio e/o di circolazione; rampe carrabili rettilinee e curve; coperture di canali, tombini, vasche; coperture di gallerie, sottopassaggi;

3 Caratteristiche tecniche L azienda produce e commercializza lastre tralicciate in c.a. aventi le caratteristiche morfologiche e dimensionali nominali descritte nel seguito: spessore nominale della lastra: variabile tra 4.0 cm e 6.0 cm; larghezza lastra: variabile tra 12.0 cm e cm; lunghezza lastra: variabile tra 0.3 m e 8.4 m. Le larghezze modulari standard sono pari a 1.21 m, ma possono essere comunemente prodotte lastre fuori modulo, coerentemente con le specifiche di progetto. La lastra viene gettata con tre tralicci per irrigidire la struttura che in configurazione standard hanno altezza h=12,5 e 2φ5 inferiori, 1φ7 superiore e 2 staffe a greca φ5, ed oltre a garantire la parziale autoportanza (interasse dei puntelli) garantiscono la continuità tra getto di completamento e la lastra stessa. In funzione delle caratteristiche del solaio e dell eventuale autoportanza richiesta alle lastre, si possono utilizzare anche altri tipi di traliccio e se ne può aumentare anche il numero per lastra. TABELLA ROMPITRATTA H SOLAIO ROMPITRATTA TR 5/7/5 h 12, cm cm cm cm cm cm cm cm cm cm cm cm cm cm. lastre interasse 121 L armatura di confezione è costituita da tre tralicci elettrosaldati e da delle barre trasversali sagomate per creare il copriferro, elettrosaldate ai tralicci a distanza regolare di 20 cm. l una dall altra. La sagomatura delle barre trasversali garantisce un ricoprimento minimo dei tondini inferiori del traliccio pari a 2 cm. (copriferro 2.3 cm.). Le caratteristiche degli acciai e dei tralicci sono quelle previste dal D.M Nella produzione di elementi non standard le barre trasversali elettrosaldate ai tralicci vengono sostituite da

4 rete elettrosaldata φ 5 maglia 19x25 posizionata con copriferro in plastica che garantiscono un ricoprimento del traliccio minimo di 2 cm., le caratteristiche delle reti sono le stesse di quelle dei tralicci. Le armature aggiuntive a momento positivo possono essere posizionate all interno della lastra sopra alle barre trasversali dei tralicci con ricoprimento minimo di 2 cm. (copriferro medio 2.5 cm.) oppure posizionate sopra alla lastra con copriferro vaiabile in funzione dello spessore della stessa. Le armature a momento negativo nonché le armature a taglio vengono posizionate in cantiere nel rispetto delle indicazione e dei disegni forniti dalla D.m.p. S.r.l. L armatura positiva è generalmente fornita con le sporgenze in funzione delle dimensioni dell appoggio, qualora le armature siano interne alla soletta queste per poter sporgere vengono piegate (affinché siano più alte del fermagetto posto sulla testata della lastra in fase di realizzazione), se invece sono sopra alla soletta vengono fornite diritte. Nei solai particolarmente sollecitati e che presentano grandi quantità di acciaio poste sopra alla lastra, talvolta per poter garantire l interferro tra le armature si ricorre al restringimento dei pani di polistirolo allo scopo di realizzare nervature più larghe (le indicazioni vengono date dall ufficio tecnico dopo aver effettuato il calcolo in funzione della larghezza effettiva delle nervature). d=interferro L = sporgenza ferri Nella generalità dei casi le lastre sono completate con blocchi prismatici di alleggerimento in polistirolo, ovvero da blocchi di laterizio. Il polistirolo ha larghezza standard di 40 cm. (in alternativa 20 cm.) ed altezza variabile di cm. in cm., il laterizio invece ha altezza h cm. per 40 cm. di larghezza (b) e 25 di lunghezza (L). Altezze diverse si raggiungono sovrapponendo due o più elementi. Nelle lastre standard vengono poste due file di alleggerimenti in modo da garantire sull interasse del modulo 40 cm. di nervatura ( )

5 Alleggerimento con Laterizio Alleggerimento con Eps Resistenza al fuoco Per i solai R o REI, quando contrattualmente previsto o comunque necessario, si eseguono delle verifiche in base al D.M. 16 febbraio 2007 secondo il metodo analitico previsto dalla norma UNI 9502 o secondo il metodo tabellare. Le lastre per solai alleggeriti con polistirolo vengono prodotte inserendo al loro interno appositi dispositivi di sfogo delle eventuali pressioni che si possono venire a creare all interno delle cavità degli alleggerimenti (come previsto dalle norme). Si possono realizzare sfoghi o con l utilizzo di appositi elementi in materiale plastico posizionati sul cassero e tenuti fermi dalle barre trasversali saldate ai tralicci, oppure da elementi in polistirolo di spessore pari alla soletta e con lati di cm. 5x5, l efficacia di entrambe le soluzioni è stata testata con una prova di comportamento al fuoco su elementi al vero dall Istituto Giordano.

6 Si riportano di seguito alcuni dati tecnici relativi al peso proprio ed al consumo di cls in opera in base all altezza del solaio. DATI TECNICI Lastra b=121 Altezza spessore Peso proprio polistirolo h cappa s solaio Kg/mq Spessore soletta c Cls in opera l/mq Le lastre tralicciate prodotte nello Stabilimento di Casale sul Sile Via Gardan, 5 della D.M.P. DALLA MORA PREF. S.R.L. sono conformi alle normative vigenti ed in particolare dotate da marcatura CE secondo quanto previsto dalla norma UNI 13747:2005. La produzione inoltre avviene con un sistema di gestione della qualità secondo le Norme UNI EN ISO 9001/2008.

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI

SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI SOLAIO A TRAVETTI TRALICCIATI PREFABBRICATI Il solaio a travetti tralicciati, noto anche come solaio bausta, è costituito da travetti tralicciati e da elementi di alleggerimento in laterizio. I travetti

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE 13 - EDILIZIA

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE 13 - EDILIZIA PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE 13 - EDILIZIA SERVIZIO PROGETTAZIONE OPERE DI EDILIZIA SCOLASTICA ED ISTITUZIONALE I.S.I.S. "DON MILANI" ROMANO DI LOMBARDIA - BG REALIZZAZIONE NUOVA SEDE - 1 LOTTO FUNZIONALE

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai):

29/10/2013. FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): FUNZIONE degli IMPALCATI ORIZZONTALI (travi e solai): 1) riportare i carichi verticali agenti ai piani agli elementi strutturali verticali che a loro volta li trasmettono alle fondazioni; 2) garantire

Dettagli

10 I SOLAI. 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio

10 I SOLAI. 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio 10 I SOLAI 10.1 Gli elementi costitutivi di un solaio I solai sono strutture piane aventi la funzione di portare i carichi presenti sulle costruzioni e di trasferirli alle strutture su cui si appoggiano.

Dettagli

Requisiti fondamentali

Requisiti fondamentali Requisiti fondamentali Resistenza meccanica Modesta deformabilità Minimo spessore Peso ridotto Buone proprietà isolanti, termiche e acustiche Superficie d intradosso piana Resistenza al fuoco Rapida realizzazione

Dettagli

SOLAI - STRUTTURE IN FERRO - T.M.R. Trave Metallica Reticolare

SOLAI - STRUTTURE IN FERRO - T.M.R. Trave Metallica Reticolare Azienda certificata secondo la UNI EN ISO 3834-2:2006 per saldature di travi reticolari in ferro con e senza piatto Certificato n 799114016792 Azienda con ATTESTATO DI DENUNCIA DELL ATTIVITA DI CENTRO

Dettagli

SOLAI SOLAI RIFERIMENTO NORMATIVA D.M. 14.02.1992 CAPITOLO 7 Art.7.0 CLASSIFICAZIONE SOLAI PIENI IN C.A. o C.A.P. PER QUESTO TIPO DI STRUTTURE VALGONO TOTALMENTE LE INDICAZIONI STRUTTURALI E DI CALCOLO

Dettagli

I /\ I,m, blero soluzioni costruttive

I /\ I,m, blero soluzioni costruttive I /\ I,m, blero soluzioni costruttive Realizzare prodotti immutabili nel tempo 197 nasce la Brandellero Floriano Forte dell esperienza maturata, Floriano decise di aprire un azienda di solai prefabbricati,

Dettagli

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio

Relazione ed elaborati di progetto per il solaio LABORATORIO DI COSTRUZIONE DELL ARCHITETTURA 2A prof. Renato Giannini Relazione ed elaborati di progetto per il solaio (arch. Lorena Sguerri) Relazione di calcolo Predimensionamento e analisi dei carichi

Dettagli

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE

SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE SISTEMA COSTRUTTIVO ANTISISMICO EMMEDUE rev. 02 del 08/11 1. INTRODUZIONE In questo documento vengono illustrati gli elementi principali che compongono il sistema costruttivo Emmedue. Rev. 02 del 08/11

Dettagli

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai

Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai Particolarità di esecuzione valide per tutti i solai 1. - Premessa In genere nei solai la zona in prossimità degli appoggi risulta particolarmente critica in quanto le sollecitazioni in gioco sono molto

Dettagli

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di

Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di Il sistema costruttivo PLASTBAU si basa su elementi continui e modulari in polistirene espanso sinterizzato e consente di ottenere un ampia gamma di prodotti innovativi caratterizzati da elevati standard

Dettagli

MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per

MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per MANUFATTI IN CEMENTO Produciamo manufatti su misura in cemento per i lavori pubblici e per l edilizia. I nostri manufatti comprendono muretti per recinzioni e per il contenimento terra, parapetti, velette,

Dettagli

www.ferracingroup.it Toti

www.ferracingroup.it Toti www.ferracingroup.it Toti Toti TOTI è un cassero a perdere in polipropilene riciclato utilizzato come elemento modulare per la realizzazione di platee di fondazione e solai mono/bidirezionali in calcestruzzo

Dettagli

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio

Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio Prima esercitazione progettuale Progetto di un solaio laterocementizio 1 Cenni introduttivi ed Analisi dei carichi.... 2 1.1 Descrizione Tipologica...2 1.2 Schematizzazione strutturale...4 1.3 Analisi

Dettagli

COMPUTO METRICO EDIFICIO TIPO A UN PIANO

COMPUTO METRICO EDIFICIO TIPO A UN PIANO COMPUTO METRICO EDIFICIO TIPO A UN PIANO Designazione dei lavori parti uguali lung. largh. H/peso quantità unit. totale 1 Scavo di sbancamento eseguito con mezzi meccanici, in terreni di media consistenza

Dettagli

FERRACIN. www.ferracinsrl.it SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA

FERRACIN. www.ferracinsrl.it SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA FERRACIN SISTEMI IN PLASTICA PER L EDILIZIA VESPAIO SVELTO è un cassero a perdere in polipropilene riciclato adatto per realizzare vespai, intercapedini e pavimenti aerati in ogni tipo di costruzione nuova

Dettagli

ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008. Prof. Luca Venturi GLI ORIZZONTAMENTI

ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008. Prof. Luca Venturi GLI ORIZZONTAMENTI ELEMENTI DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA A.A. 2007-2008 2008 Prof. Luca Venturi GLI ORIZZONTAMENTI Si chiamano solai quelle strutture che servono a coprire determinati spazi realizzando un piano (orizzontale

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 398 Analisi E.04.10.10.a Solaio misto di cemento armato e laterizio gettato in opera, per strutture piane, con calcestruzzo non inferiore a Rck 30 N/mm², costituito da pignatte interposte fra nervature

Dettagli

TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO

TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO TRAVETTI PREFABBRICATI TRALICCIATI CON FONDELLO IN LATERIZIO PER SOLAIO Deposito: c/da Malapezza - 98042 Pace Del Mela (ME) Tel. 090. 9385533 Fax 090. 9383307 e-mail: info@currolaterizi.it sito web: www.currolaterizi.it

Dettagli

I SOLAI. CORSO DI MATERIALI E PROGETTAZIONE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI Prof. Michele M. Lepore

I SOLAI. CORSO DI MATERIALI E PROGETTAZIONE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI Prof. Michele M. Lepore I SOLAI CORSO DI MATERIALI E PROGETTAZIONE DI ELEMENTI COSTRUTTIVI Prof. Michele M. Lepore Schema statico della volta Schema statico del solaio !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! I requisiti richiesti Requisiti

Dettagli

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi

EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi EDIFICI IN C.A. SOLAI sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO E LEGNO Sbalzi EDIFICIO IN ACCIAIO Sbalzi PONTI under construction Sbalzi

Dettagli

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI

PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI PROMEMORIA PER I DIRETTORI LAVORI Il D.M. del 14/01/08 Nuove Norme Tecniche per le costruzioni e la C.M. applicativa n. 617 del 02/02/09 entrati in vigore il 01/07/09 hanno introdotto profonde innovazioni

Dettagli

SOLAI - STRUTTURE IN FERRO - T.M.R. Trave Metallica Reticolare

SOLAI - STRUTTURE IN FERRO - T.M.R. Trave Metallica Reticolare Azienda certificata secondo la UNI EN ISO 3834-2:2006 per saldature di travi reticolari in ferro con e senza piatto Certificato n 799114016792 Azienda con ATTESTATO DI DENUNCIA DELL ATTIVITA DI CENTRO

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO.

DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. DESCRIZIONE GENERALE DELLE OPERAZIONI DA ESEGUIRE IN CASO DI CONSOLIDAMENTO STATICO DEL SOLAIO. Verifica statica della struttura esistente, al fine di determinare la portata del solaio esistente; redazione

Dettagli

DISTANZIATORI PER PAVIMENTAZIONI INDUSTRIALI

DISTANZIATORI PER PAVIMENTAZIONI INDUSTRIALI Magazzino Edilmafer DISTANZIATORI PER PAVIMENTAZIONI INDUSTRIALI Zettfix Telefix Fugenfix Semifix super Centerfix U - Fix Primafix 5 Zettfix La soluzione veloce ed economica tra le doppie reti nelle pavimentazioni

Dettagli

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane

Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Sistema Evolution Modì: vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane Il Sistema Evolution Modì è la nuova soluzione per la realizzazione di vasche di raccolta o dispersione delle acque piovane,

Dettagli

LA MATERIA PRIMA polistirene espanso sinterizzato petrolio carbonio, idrogeno e per il 98% d aria

LA MATERIA PRIMA polistirene espanso sinterizzato petrolio carbonio, idrogeno e per il 98% d aria LA MATERIA PRIMA Il polistirene espanso sinterizzato (EPS) è un materiale rigido, di peso ridotto, derivato dal petrolio, composto da carbonio, idrogeno e per il 98% d aria. Oltre al vapore acqueo, per

Dettagli

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON

PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON PARTICOLARI COSTRUTTIVI MURATURA ARMATA POROTON La muratura armata rappresenta un sistema costruttivo relativamente nuovo ed ancora non molto conosciuto e le richieste di chiarimenti sulle modalità di

Dettagli

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI

CHIUSURE ORIZZONTALI I S OLAI SOLAI CHIUSURE ORIZZONTALI ISOLAI CHIUSURA ORIZZONTALE Unità tecnologica costituita dall insieme degli elementi tecnici orizzontali e suborizzontali aventi la funzione di individuare e delimitare spazi interni

Dettagli

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA

TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA TECNOLOGIA DEI SISTEMI COSTRUTTIVI E CANTIERISTICA Arch. Elena Crespi PARETI VERTICALI ELEMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI ELEMENTI DI GRANDI DIMENSIONI SOLAI ELEMENTI SPECIALI ARMATURA LONGITUDINALE ARMATURA

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati

il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati GRANCHIO il collaudato sistema per la realizzazione di vespai areati GRANCHIO è un cassero a perdere in polipropilene riciclato adatto, in alternativa ai sistemi tradizionali, alla realizzazione di vespai

Dettagli

D.1070.1010.01 ACCIAIO ARMATURA

D.1070.1010.01 ACCIAIO ARMATURA D.1070.1010.01 ACCIAIO ARMATURA STR.CEM.ARM.,strutt.molto sottili con barre del FI6 ACCIAIO PER ARMATURA DI STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO, in barre tonde, lisce o ad aderenza migliorata, del tipo FeB 22,

Dettagli

Travi PREM SD a1. CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio

Travi PREM SD a1. CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio CATEGORIA STRUTTURALE: mista Acciaio - Cls MORFOLOGIA FONDELLO: in Acciaio 1. Specifiche Tecniche Travi PREM SD a1 In un cantiere con utilizzo di Travi PREM, ciascuna figura coinvolta, Professionale ed

Dettagli

PREFABBRICATI. Moretta

PREFABBRICATI. Moretta Moretta PREFABBRICATI La Moretta Prefabbrica nasce a Lovero (SO) nel 1954, per iniziativa di Eligio Moretta, come impianto di produzione inerti e di blocchi in cemento per costruzioni. Siamo negli anni

Dettagli

a = altezza travetto b = spessore soletta superiore c = spessore totale (a+b+4+2) Rete in filo d acciaio galvanizzato Caratteristiche acciaio:

a = altezza travetto b = spessore soletta superiore c = spessore totale (a+b+4+2) Rete in filo d acciaio galvanizzato Caratteristiche acciaio: SOLAIIO CON PANNELLO SOLAIIO EMMEDUE PSSG2E Largh. travetto= 100 mm Interasse travetti= 560 mm Spessore Var. 120-320 mm SCHEDA 3..1 Gli orizzontamenti eseguiti con il pannello solaio EMMEDUE PSSG2E, realizzano

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Solai unidirezionali Solai in latero-cemento I solai in latero-cemento rappresentano gran parte delle strutture piane orizzontali adoperate sul territorio nazionale. Sono

Dettagli

SISTEMA MTR - TRAVI TRALICCIATE

SISTEMA MTR - TRAVI TRALICCIATE SISTEMA MTR - TRAVI TRALICCIATE Company profile DA PICCOLA OFFICINA METALMECCANICA AL SETTORE DELLE GRANDI STRUTTURE METALLICHE Dal 1995 progettiamo e realizziamo strutture miste (acciaio-calcestruzzo)

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO

PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO prof. Gianmarco de Felice, arch. Lorena Sguerri PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento Analisi dei carichi permanenti Sovraccarichi variabili Combinazioni di

Dettagli

ST-A RELAZIONE DI CALCOLO INTERVENTI DI RIPRISTINO E VERIFICA DI STABILITÀ DELLA SOLETTA DEI BALCONI

ST-A RELAZIONE DI CALCOLO INTERVENTI DI RIPRISTINO E VERIFICA DI STABILITÀ DELLA SOLETTA DEI BALCONI COMMITTENTE: ASSOCIAZIONE ONLUS L ALTRA META DEL CIELO TELEFONO DONNA DI MERATE Via S. Ambrogio, 17 23807 MERATE C.F.94027160137 Comune di Olginate Provincia di Lecco OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

Seminario Nuove tecnologie per la sicurezza nei cantieri

Seminario Nuove tecnologie per la sicurezza nei cantieri Seminario Nuove tecnologie per la sicurezza nei cantieri Venerdì 16 Marzo 2007 Presentazione della ricerca Posa in opera dei solai - procedure di sicurezza condivise (in collaborazione con AUSL 22 Bussolengo

Dettagli

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE

Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE Comune di BRESCIA PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE DI UN FABBRICATO ESISTENTE RELAZIONE DI CALCOLO OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE, IN MURATURA PORTANTE ED IN FERRO (ai sensi dell'art. 4 della

Dettagli

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA

MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA MANUALE TECNICO MURATURA ARMATA INTRODUZIONE Il recente D.M. 14.1.2008 (N.T.C.), ha confermato ed ulteriormente migliorato le regole di progettazione per costruire in muratura armata, introdotte a livello

Dettagli

Manuale di Posa Versione n. 01 del 14/06/2013

Manuale di Posa Versione n. 01 del 14/06/2013 Manualistica Tecnica Manuale di Posa Versione n. 01 del 14/06/2013 Pag.2 Indice Indice... 2 Introduzione e informazioni generali... 3 Guida Deformabile... 3 DESCRIZIONE... 3 MATERIALE... 3 CERTIFICATI...

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO ENAV S.p.A. ROMA ACC CIAMPINO pag. 1 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OGGETTO: Ristrutturazione Uffici, Piastra, Hall, Centro servizi, Foresteria e Sala Convegni - PROGETTO DEFINITIVO OPERE STRUTTURALI - STECCA

Dettagli

Indice. Organizzazione dei lavori. Realizzazione delle murature perimetrali dell ampliamento. Realizzazione delle murature divisorie dell ampliamento

Indice. Organizzazione dei lavori. Realizzazione delle murature perimetrali dell ampliamento. Realizzazione delle murature divisorie dell ampliamento Indice Organizzazione dei lavori Realizzazione delle murature perimetrali dell ampliamento Realizzazione delle murature divisorie dell ampliamento Realizzazione delle rampe esterne di accesso al Centro

Dettagli

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio

LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio prof. Renato Giannini LE STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO: Predimensionamento e analisi dei carichi del solaio (arch. Lorena Sguerri) PREDIMENSIONAMENTO E ANALISI DEI CARICHI DEL SOLAIO Norme per il predimensionamento

Dettagli

Verifica di isolamento acustico in opera Murature realizzate con blocco aqtb 25 acustico

Verifica di isolamento acustico in opera Murature realizzate con blocco aqtb 25 acustico Verifica di isolamento acustico in opera Murature realizzate con blocco aqtb 25 acustico Sistema AQTB Caratteristiche tecniche AQTB 25 Acustico Dimensioni nominali Peso medio del blocco Peso medio della

Dettagli

Sistema costruttivo ANPELWALL

Sistema costruttivo ANPELWALL Sistema costruttivo ANPELWALL Murature rinforzate in Lecablocco per edifici industriali e del terziario Guida alla progettazione ANPEL WALL Murature Certificate e Calcolate MURATURE IN LECABLOCCO nell

Dettagli

sagomazione acciaio Descrizione impianto Certificazioni Qualità ISO 9001:2000 Macchine attualmente operative

sagomazione acciaio Descrizione impianto Certificazioni Qualità ISO 9001:2000 Macchine attualmente operative sagomazione acciaio Dal mese di marzo del 2009 è attivo lo stabilimento di pre- sagomazione di acciaio per strutture in cemento armato a Civitavecchia, zona industriale. Lo stabilimento opera nel settore

Dettagli

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico CHRYSO Flexò: la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico IL SISTEMA, COPERTO DA BREVETTO INTERNAZIONALE, PER OTTIMIZZARE LA PRESTAZIONE TERMICA

Dettagli

Schöck Isokorb Tipo QP, QP-VV

Schöck Isokorb Tipo QP, QP-VV Schöck Isokorb Tipo Schöck Isokorb Tipo, -VV Schöck Isokorb Tipo (sollecitazione di taglio) Per carichi puntuali. Adatto a balconi appoggiati. Trasferisce forze di taglio positive Schöck Isokorb Tipo -VV

Dettagli

Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche. www.geoplast.it

Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche. www.geoplast.it Sistema innovativo per la gestione e la raccolta delle acque meteoriche www.geoplast.it NUOVO ELEVETOR TANK USO E CARATTERISTICHE Base Elevetor / Vantaggi e caratteristiche Cassero Elevetor / Vantaggi

Dettagli

CABINE ELETTRICHE PREFABBRICATE IN C.A.V.

CABINE ELETTRICHE PREFABBRICATE IN C.A.V. CABINE ELETTRICHE PREFABBRICATE IN C.A.V. PRESENTAZIONE 0 2 CABINE ELETTRICHE CABINE ELETTRICHE In linea con le continue evoluzioni tecniche e normative, la SICA CABINE S.r.l. propone una vasta gamma di

Dettagli

Dani Legnami Snc di Dani Rinaldo & C.

Dani Legnami Snc di Dani Rinaldo & C. Dani Legnami Snc di Dani Rinaldo & C. Sede Centrale Via C.A. Dalla Chiesa, 260 51030 Castelmartini (PT) Tel: +39 0573 84039 Fax: +39 0573 84490 e-mail: info@danilegnami.it Filiale di Montecalvoli Via del

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE A/A 2008-2009 SCALE IN CEMENTO

FACOLTA DI INGEGNERIA PROGETTO DI STRUTTURE A/A 2008-2009 SCALE IN CEMENTO A/A 2008-2009 PROGETTO DI SCALE IN CEMENTO ARMATO A/A 2008-2009 CONTENUTO LEZIONE Generalità sulle scale e tipologie Scala con trave a ginocchio modellazione e calcolo sollecitazioni Progetto dei gradini

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Materiali Caratteristiche dell acciaio Acciaio = lega ferro-carbonio Caratteristiche importanti: resistenza duttilità = capacità di deformarsi plasticamente senza rompersi

Dettagli

ANALISI DEI PREZZI. Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre

ANALISI DEI PREZZI. Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre ANALISI DEI PREZZI Nei prezzi relativi ai lavori da compensarsi a misura o a corpo sono sempre comprese tutte le spese per la fornitura, carico, trasporto, scarico manipolazione e posa in opera dei vari

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

KOMPART SISTEMI PER L EDILIZIA MODULARE

KOMPART SISTEMI PER L EDILIZIA MODULARE 2 www.kompart.it KOMPART SISTEMI PER L EDILIZIA MODULARE Oggi, più che mai, nel moderno panorama delle costruzioni meritano la massima attenzione aspetti quali il Rispetto dell ambiente, la Salvaguardia

Dettagli

MANUALE SCALE ELICOIDALI

MANUALE SCALE ELICOIDALI MANUALE SCALE ELICOIDALI INTRODUZIONE MANUALE SCALE ELICOIDALI Caratteristiche della scala ELICOIDALE in Cemento Armato BREVETTO DEPOSITATO Si tratta di una scala elicoidale autoportante, formata dalla

Dettagli

Elenco Prezzi. descrizione articolo

Elenco Prezzi. descrizione articolo Elenco Prezzi 3 - Scavi e reinterri 1 F.P. 3.S.1 2 F.P. 3.S.2 SCAVO GENERALE DI SBANCAMENTO - SISTEMAZIONE NELL'AREA DI CANTIERE SCAVO GENERALE DI SBANCAMENTO O SPLATEAMENTO, A QUALSIASI SCOPO DESTINATO,

Dettagli

FONDAZIONE VENTILATA PER IL BENESSERE ABITATIVO

FONDAZIONE VENTILATA PER IL BENESSERE ABITATIVO FONDAZIONE VENTILATA PER IL ENESSERE AITATIVO 1 COS È SPIDER E COSA SIGNIFICA AVERE UNA FONDAZIONE VENTILATA SPIDER è un cassero a perdere in polipropilene rigenerato ideale per la realizzazione di vespai

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

Le caratteristiche geometriche e fisico-meccaniche delle varie tipologie di solai secondo la nuova normativa (D.M. 14/01/2008)

Le caratteristiche geometriche e fisico-meccaniche delle varie tipologie di solai secondo la nuova normativa (D.M. 14/01/2008) LE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE E FISICO-MECCANICHE DELLE VARIE TIPOLOGIE DI SOLAI SECONDO LA NUOVA NORMATIVA (D.M. 14/01/2008) Vincenzo Bacco Il passaggio da norme tecniche di concezione prescrittiva (di

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Il disegno delle strutture portanti. Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi

Dettagli

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i.

LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO ESECUTIVO. Sez III Art. 33 DPR 5 Ottobre 2010 N. 207 e s.m.i. Ingegnere BIAGIO D AMATO E03b Via I.Lodato, 9 84025 Eboli (SA) tel 339.2183301 fax 0828.330614 biagiodamato@tiscali.it LAVORI DI ADEGUAMENTO NORMATIVO E DI EFFICIENZA ENERGETICA Liceo Scientifico Statale

Dettagli

Il sistema per vespai ventilati da 70 a 250 cm. www.geoplast.it

Il sistema per vespai ventilati da 70 a 250 cm. www.geoplast.it Il sistema per vespai ventilati da 7 a 25 cm www.geoplast.it NUOVO ELEVETOR Il sistema per vespai ventilati da 7 a 25 cm NUOVO ELEVETOR è un sistema combinato di casseri con altezza 15 cm e basi di supporto

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

La corretta esecuzione dei solai in laterizio. Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera

La corretta esecuzione dei solai in laterizio. Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera La corretta esecuzione dei solai in laterizio Attenzioni da porre nella progettazione e nella posa in opera 2Indice La corretta esecuzione dei solai in laterizio Indice Premessa pag. 3 I blocchi in laterizio

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq

- Accidentali: per edifici scolastici: 300 Kg/mq I PREMESSA La presente relazione riporta i calcoli e le verifiche relativi alle nuove strutture in progetto. Sono previste opere in acciaio (scale di sicurezza esterne, spazi calmi, passerelle) e in c.a.

Dettagli

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO.

SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. SISTEMA TRALICCIO LPR PER IL RINFORZO DEI SOLAI DI LEGNO. I dati esposti sono dati indicativi relativi alla produzione attuale e possono essere cambiati ed aggiornati dalla Peter Cox in qualsiasi momento

Dettagli

Prodotto. Solaio a travetti tralicciati Trigon. gen 06

Prodotto. Solaio a travetti tralicciati Trigon. gen 06 Prodotto Il solaio a travetti tralicciati TRIGON, abbinando grande maneggevolezza ad una estrema flessibilità compositiva, trova largo impiego nella realizzazione di orizzontamenti e coperture in strutture

Dettagli

Le piastre Precompresse

Le piastre Precompresse Corso di Progetto di Strutture POTENZA, a.a. 2012 2013 Le piastre Precompresse Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria, Università di Basilicata marco.vona@unibas.it http://www.unibas.it/utenti/vona/ PIASTRE

Dettagli

Manuale Operativo rev08 del 01/11

Manuale Operativo rev08 del 01/11 Manuale Operativo Sommario Manuale Operativo PARTE 1 - MANUALE DI MESSA IN OPERA 1.1. Pareti realizzate con pannello PSM 1.1.1 Ancoraggio alla fondazione 1.1.2 Stoccaggio in cantiere 1.1.3 Identificazione

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Tecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 IL PROGETTO STRUTTURALE...2 3.1 I criteri di progettazione...2 3.2 L organismo strutturale...3 3.3 Le strutture di fondazione...3

Dettagli

LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE

LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE PROTEZIONE STRUTTURE IN ACCIAIO Le strutture in acciaio sono un sistema costruttivo sempre più utilizzato nelle costruzioni. In particolare

Dettagli

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI Convenzione di ricerca con Fixolite-Isobloc Prove di laboratorio tipologia prova 3a - spess=14cm INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PROGRAMMA DI PROVA E DETTAGLI COSTRUTTIVI

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

RINFORZO DEI SOLAI Solai collaboranti acciaio-calcestruzzo con connettori a piolo fissati con chiodatrice

RINFORZO DEI SOLAI Solai collaboranti acciaio-calcestruzzo con connettori a piolo fissati con chiodatrice www.tecnaria.com RINFORZO DEI SOLAI Solai collaboranti acciaio-calcestruzzo con connettori a piolo fissati con chiodatrice SOLAI AD ALTE PRESTAZIONI SOLAI MISTI ACCIAIO-CALCESTRUZZO: VANTAGGI STATICI ED

Dettagli

SCHEDA TECNICA MODULO H40 CASSAFORMA IN POLIPROPILENE RIGENERATO PER LA REALIZZAZIONE DI VESPAI VENTILATI

SCHEDA TECNICA MODULO H40 CASSAFORMA IN POLIPROPILENE RIGENERATO PER LA REALIZZAZIONE DI VESPAI VENTILATI SCHEDA TECNICA MODULO H40 CASSAFORMA IN POLIPROPILENE RIGENERATO PER LA REALIZZAZIONE DI VESPAI VENTILATI 3 2 - Consumo di Cls a raso sommità modulo m 0,056 x m - Passaggio tubazioni n 1 max 29 cm - Passaggio

Dettagli

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI

2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI Il Manuale della Presagomatura 13 2 ANCORAGGI, GIUNZIONI, SALDATURE, GIUNTI MECCANICI 2.1 Ancoraggi Le barre di armatura, i fili o le reti elettrosaldate devono essere ancorate in modo tale da consentire

Dettagli

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA In collaborazione con: COMUNE DI BOLOGNA GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA IL TOTAL LOOK DEGLI EDIFICI Bologna 15 aprile 2015 In partnership con: PRESUPPOSTI

Dettagli

b. Discontinue o isolate zattere

b. Discontinue o isolate zattere Ordinarie o continue a.continue travi rovesce platee FONDAZIONI DIRETTE SUPERFICIALI plinti b. Discontinue o isolate zattere a.1 CONTINUE Quando il carico da trasmettere al terreno non è elevato e la struttura

Dettagli

AZIENDA L EVOLUZIONE DELL AZIENDA

AZIENDA L EVOLUZIONE DELL AZIENDA AZIENDA LA STORIA Sicilferro nasce nel 1982, a Torrenova, sulla costa settentrionale della Sicilia, a metà strada tra i due capoluoghi di Messina e Palermo, immersa all interno del Parco dei Nebrodi che

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO - Dipartimento dei Vigili del Fuoco Direzione Centrale Presidio Portuale dei Vigili del Fuoco di Olbia pag.

MINISTERO DELL'INTERNO - Dipartimento dei Vigili del Fuoco Direzione Centrale Presidio Portuale dei Vigili del Fuoco di Olbia pag. Presidio Portuale dei Vigili del Fuoco di Olbia pag. 1 R I P O R T O LAVORI 1 Prove di carico a spinta. Prove di carico a spinta su elementi strutturali A01.07.001.b orizzontali o sub-orizzontali dei quali

Dettagli

Cassero a perdere per strutture alleggerite monodirezionali in c.a. gettate in opera. www.daliform.com

Cassero a perdere per strutture alleggerite monodirezionali in c.a. gettate in opera. www.daliform.com Cassero a perdere per strutture alleggerite monodirezionali in c.a. gettate in opera www.daliform.com LEGENDA: Alleggerimento Passaggio utenze Fondazioni Certifi cazioni CENTRALINO Telefono Fax 0422 2083

Dettagli

MAMMUT. Muri di sostegno prefabbricati

MAMMUT. Muri di sostegno prefabbricati MAMMUT Muri di sostegno prefabbricati La gamma Mammut a sostegno della tua impresa mammut M Faccia vista mammut ME Cemerba mammut MP PIETRA mammut MK PIETRERBA mammut MT TOP Mammut Mammut è l ultima creazione

Dettagli

Nuove frontiere e nuove tecnologie per l'ecosostenibilità e la sicurezza antisismica Alessandro SCURRIA

Nuove frontiere e nuove tecnologie per l'ecosostenibilità e la sicurezza antisismica Alessandro SCURRIA Nuove frontiere e nuove tecnologie per l'ecosostenibilità e la sicurezza antisismica Alessandro SCURRIA Milano, 19 marzo 2015 COSTRUIAMO ILFUTURO DELL EDILIZIA per giovedì 19 marzo 2015 In

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli