ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO (RC AUTO)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO (RC AUTO)"

Transcript

1 ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTO (RC AUTO) Senato della Repubblica Presidente Sen. Franco Marini Camera dei Deputati Presidente On. Fausto Bertinotti Consiglio dei Ministri Presidente Prof. Romano Prodi Ministro dello Sviluppo Economico On. Pierluigi Bersani Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Presidente Prof. Giancarlo Giannini L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, a fronte della sussistenza di problematiche concorrenziali e di tutela dei consumatori nel mercato dell assicurazione per la responsabilità civile auto (RC Auto), intende evidenziare, ai sensi dell articolo 21 della legge n. 287/90, come una serie di elementi caratterizzanti la vigente regolamentazione, primaria e secondaria, in materia di trasparenza dei contratti assicurativi possa concorrere ad impedire la piena comprensione della proposta assicurativa delle singole imprese da parte dei consumatori, determinando, da un lato, una minore capacità dell utente di far valere i propri diritti nel rapporto contrattuale con l impresa di assicurazione, dall altro, una riduzione della possibilità di confronti concorrenziali tra le offerte di più imprese, con effetti negativi sulla mobilità della domanda. La polizza RC Auto La polizza RC Auto è un contratto per adesione, rispetto al quale il consumatore ha una capacità negoziale per sua natura ridotta. In sostanza, a parte alcuni elementi economici (quali il massimale assicurato), la generalità delle condizioni contrattuali applicate è predisposta preventivamente ed in modo unilaterale dall impresa di assicurazione. Considerate anche altre caratteristiche della polizza RC Auto, quali la complessità del prodotto e la natura obbligatoria delle coperture, ciò pone inevitabilmente l assicurato in una posizione di significativa inferiorità rispetto all impresa, sia per le minori conoscenze tecniche che per l impossibilità di contrattare o modificare le singole clausole. In tale contesto, la normativa in materia di informativa pre-contrattuale e di trasparenza dovrebbe compensare o ridurre al minimo lo squilibrio tra le due controparti. Tuttavia, le analisi effettuate dall Autorità mostrano come la normativa di trasparenza non sia riuscita a garantire il perseguimento di tali obiettivi, non riuscendo a eliminare il problema della scarsa qualità dell informazione per il consumatore, il quale, trovandosi anzi a dover gestire una quantità eccessiva di informazioni, tende ad ignorarle, rimanendo di fatto privo di indicazioni. In un contesto siffatto, il consumatore finisce con l affidarsi ai suggerimenti dell intermediario, in genere legato da un rapporto di agenzia ad una sola impresa, ovvero a ricercare individualmente sul mercato il prodotto ritenuto migliore, utilizzando il solo criterio dell economicità dello stesso: in entrambi i casi, il rischio è rappresentato dallo scoprire, al momento dell accadimento di un sinistro, che la polizza acquistata non era quella più adatta alle proprie esigenze, in quanto non in grado di garantire un adeguata copertura. In sostanza, mentre per quanto concerne i premi offerti dalle imprese negli ultimi anni sono state introdotte importanti novità legislative che potrebbero aumentare il grado di trasparenza a favore dei consumatori, ancora insufficiente appare l azione sul contenuto delle clausole contrattuali. La difficoltà di confrontare l offerta contrattuale di imprese concorrenti, in un contesto distributivo caratterizzato dalla netta prevalenza di agenti spesso monomarca e dall assenza di fatto di consulenti e distributori indipendenti, rappresenta

2 una delle cause della bassa mobilità della domanda. In Italia, ogni anno, solamente il 4% circa dei consumatori cambia compagnia di assicurazioni, a fronte del 21% della Germania e del 35% del Regno Unito 1. Data l obbligatorietà della polizza, la ridotta mobilità della domanda conferisce alle singole imprese un notevole potere di mercato, che viene sfruttato mediante l imposizione di prezzi o altre condizioni contrattuali particolarmente gravosi per i consumatori. La polizza RC Auto è composta da numerosa documentazione, che va consegnata al contraente: le condizioni di contratto, di regola redatte in un fascicolo unico per la RC Auto (che riguarda spesso più tipologie di veicoli) e per le altre coperture auto (ad esempio, incendio e furto), il contratto, il certificato di assicurazione (che comprova l adempimento degli obblighi stabiliti per legge), il contrassegno di assicurazione da esporre sul veicolo, la quietanza di pagamento e l attestazione dello stato di rischio. In base all articolo 185 del Codice delle Assicurazioni 2, prima della conclusione del contratto, al contraente deve inoltre essere consegnata, unitamente alle condizioni di contratto, una nota informativa redatta secondo i criteri ivi indicati, che dovrebbe facilitare la comprensione del prodotto. L Autorità nel corso della propria recente attività istituzionale ha avuto modo di esaminare le condizioni contrattuali e le note informative utilizzate dalle prime 50 imprese del settore (che rappresentano circa il 99% della raccolta premi RC Auto), nonché numerosi contratti sottoscritti dai clienti delle prime 30 imprese di assicurazione auto (che realizzano circa il 90% del fatturato del mercato RC Auto). L esame svolto su tale documentazione mostra la presenza di numerosi elementi idonei a generare un rilevante gap informativo a sfavore dell assicurato. La nota informativa In relazione in particolare alle note informative l esame condotto dall Autorità ha permesso di accertare, tra l altro, che: sono redatte dalla generalità delle imprese in modo non chiaramente comprensibile, rinviando, in modo più o meno generico, a numerose norme di legge; riguardano una pluralità di categorie di veicoli (autovetture, ciclomotori, autocarri, trattori, ecc.) e spesso anche coperture non richieste dall utente 3 ; contengono prevalentemente informazioni relative ad aspetti comuni a tutte le imprese, in quanto relative a previsioni presenti nella normativa primaria o secondaria 4, ovvero informazioni specifiche relative alle imprese, comunque poco utili a comprendere le caratteristiche del prodotto; sono spesso prive di numerose informazioni essenziali relative ai parametri di differenziazione delle imprese, quali le regole evolutive del premio in ragione della sinistrosità (ad esempio il bonus-malus), l elenco completo delle clausole di esclusione o di rivalsa (ovvero l ampiezza della copertura assicurativa), i parametri che le imprese utilizzano per calcolare il premio richiesto all assicurato (residenza, stato civile, professione, ecc.) e gli obblighi dell assicurato in caso di variazione del rischio. Inoltre, sebbene la maggior parte delle informazioni contenute nella nota informativa sia comune all intero mercato, la diversa terminologia utilizzata e l ordine spesso difforme in cui dette informazioni sono presentate ne rendono difficile il confronto. Infine, formulazioni del tipo le informazioni relative al contratto RC Auto, contenute nella presente nota, non costituiscono contenuto contrattuale, riportate nella generalità delle note informative, se da un lato sembrano sollecitare l assicurato a leggere attentamente tutte le condizioni contrattuali, dall altro potrebbero creare ulteriore confusione in merito alla valenza dei dati contenuti nella nota informativa. In conclusione, la nota informativa risulta di difficile comprensione, non è facilmente confrontabile e contiene quasi esclusivamente informazioni su aspetti del contratto RC Auto comuni all intero mercato, mentre è assente qualunque 1 Cfr. Provvedimento dell Autorità del 4 dicembre 2006, caso C/7951, Assicurazioni Generali / Toro Assicurazioni. 2 Decreto Legislativo 7 settembre 2005, n. 209, Codice delle assicurazioni private. 3 Ad esempio, in numerosi casi vi è l indicazione che il contratto può essere stipulato con o senza tacito rinnovo. Si tratta di un informazione di scarsa utilità, in quanto non vi sono alternative a queste due forme di rinnovo del contratto; l assicurato è ovviamente interessato a conoscere solo l informazione relativa al suo contratto. 4 Si tratta, ad esempio, di: le c.d. clausole di inoperatività delle garanzie assicurative, elencate nel Codice delle Assicurazioni e riportate nella nota informativa; le informazioni sul diritto alla conservazione della classe di merito, diritto esercitabile secondo quanto previsto da un apposita circolare Isvap e dalla recente normativa sull indennizzo diretto ; la prescrizione dei diritti derivanti dal contratto, definita dalla legge; il periodo di tolleranza previsto dall articolo 1901, secondo comma, codice civile; le informazioni su cosa fare in caso di sinistro, contenenti indicazioni sulla procedura da seguire, che è identica per tutte le imprese di assicurazione; le informazioni sull attestazione dello stato di rischio, documento che deve essere compilato e rilasciato dalle imprese agli assicurati secondo le istruzioni fornite dall Isvap; i consigli su prevenzione e sicurezza della circolazione.

3 riferimento agli elementi, oggetto di autonoma determinazione da parte delle singole imprese, su cui dovrebbe esplicarsi il gioco concorrenziale; di conseguenza tale documento, anche ove rilasciato all assicurato in una fase antecedente alla conclusione del contratto, non appare allo stato uno strumento idoneo ad orientare il consumatore verso una scelta consapevole del prodotto assicurativo da acquistare. Le condizioni di contratto La funzione di indirizzo per il consumatore non è garantita neppure dal documento recante le condizioni di contratto, il quale presenta carenze informative forse ancora maggiori di quelle rilevate per la nota informativa. In merito, si osserva come, nonostante l articolo 166 del Codice delle Assicurazioni richieda che il contratto e ogni altro documento consegnato dall impresa al contraente va redatto in modo chiaro ed esauriente (previsione più ampia di quella contenuta nel Codice del Consumo che indica che questi debbano essere redatti in modo chiaro e comprensibile ), la lettura delle condizioni contrattuali del 99% delle imprese del mercato mostra che in realtà queste non siano, di regola, né facilmente leggibili, né comprensibili, né tantomeno esaurienti. Innanzitutto i contratti presentano una struttura inutilmente complessa: da un lato, contengono informazioni utili solo per una parte degli utenti (ad esempio i dati sui rimorchi), senza alcuna chiara indicazione di quali siano le parti importanti per i singoli assicurati, dall altro, sono suddivise in più sezioni (condizioni generali, condizioni speciali 5, condizioni aggiuntive 6 ), contenenti però, di regola, clausole non modificabili dagli utenti. Inoltre, le condizioni contrattuali risultano spesso omissive o gravemente carenti; al riguardo è sufficiente citare i casi della variazione del rischio o del meccanismo di bonus-malus. Per quanto concerne la variazione del rischio, numerose imprese si limitano a rinviare genericamente alla normativa codicistica applicabile, in diversi casi le condizioni contrattuali sono prive anche di tali riferimenti. Peraltro, in relazione alle ipotesi di variazione del rischio, la sola riproduzione degli articoli 1897 e 1898 del codice civile non sarebbe comunque sufficiente, in quanto bisognerebbe anche spiegare come tale normativa generale si applichi al contratto RC Auto, copertura per la quale esiste un obbligo a contrarre a carico delle imprese. Il funzionamento del meccanismo del bonus-malus viene descritto in modo confuso, parziale e diverso da impresa ad impresa, per cui anche un consumatore particolarmente esperto non è in grado in concreto di comprendere quale sarebbe l effetto di un sinistro sul premio al rinnovo del contratto e, a fortiori, di effettuare qualsivoglia confronto. Si consideri al riguardo che il funzionamento del sistema del bonus-malus non è descritto nella nota informativa, ma viene spiegato solo nelle condizioni speciali di contratto (e non in quelle generali), occupando spesso pagine di testo. Numerose imprese, peraltro, non riportano nelle condizioni contrattuali le regole evolutive (ovvero la riduzione o l aumento del premio nell annualità successiva in caso di assenza o presenza di un sinistro). La confusione è aggravata ulteriormente dall obbligo, imposto dall Isvap, di indicare le regole di corrispondenza tra ogni classe di merito interna all impresa e la cosiddetta classe di conversione universale, ovvero di indicare a quale classe di merito, tra quelle previste nell ultima tariffa amministrata (risalente al 1993), corrisponda ciascuna classe adottata dall impresa 7. L obbligo, giustificato dalla necessità di consentire la comparabilità tra le classi di merito previste dalle singole imprese, ha nei fatti determinato un ulteriore appesantimento delle condizioni contrattuali, in quanto le imprese devono riportare le vecchie regole evolutive, quelle relative alla nuova scala bonus-malus e il meccanismo di raccordo. Una delle conseguenze di ciò è la sostanziale impossibilità per gli assicurati di effettuare scelte consapevoli al momento di decidere se avvalersi della facoltà di non denunciare i sinistri di piccolo importo, risarcendo direttamente il sinistro, al fine di evitare l aumento di premio previsto dal bonus-malus 8. Per altro verso, anche qualora l assicurato riuscisse a 5 Le condizioni speciali dovrebbero contenere solo clausole oggetto di negoziazione individuale, destinate a particolari soggetti; invece, l analisi condotta ha mostrato che esse comprendono molto spesso condizioni applicate alla generalità degli assicurati, quali il bonus-malus. 6 Le condizioni aggiuntive contengono spesso previsioni che modificano il contenuto delle condizioni generali. 7 Cfr. Circolare Isvap del 30 novembre 1995, n. 260 e Circolare Isvap del 17 maggio 2005, n. 555/D, che estende tale obbligo anche a motocicli e ciclomotori. 8 In altri paesi il funzionamento del bonus-malus è molto più semplice ed il consumatore può facilmente comprenderne il meccanismo in poche righe della nota informativa. Si consideri ad esempio il caso francese, nel quale l articolo A del Code des Assurances prevede che tutte le imprese applichino nel primo anno di assicurazione un coefficiente pari ad 1 sul premio di riferimento (liberamente determinato) per il singolo assicurato. Nel secondo anno se l assicurato non ha sinistri il coefficiente si riduce del 5% e così via per gli anni successivi (fino ad un minimo di 0,5); viceversa per ogni incidente causato il coefficiente aumenta del 25% fino ad un massimo di 3,5 volte il premio di riferimento. In tal modo, in ogni momento l assicurato è in grado di conoscere le conseguenze di un sinistro sul proprio premio ed è posto in condizioni di effettuare confronti più completi sulle proposte delle diverse imprese.

4 comprendere il funzionamento del sistema di bonus-malus associato al proprio contratto, difficilmente egli sarebbe in grado di confrontarlo con quello utilizzato da altre imprese di assicurazione. Infatti, a seguito della liberalizzazione tariffaria numerose imprese hanno modificato il sistema adottato, introducendo innovazioni riguardanti, tra l altro, l inserimento di nuove clausole di bonus, successive alla prima; la previsione di nuove classi di malus, oltre la diciottesima; la modifica del valore dei coefficienti associati alle diverse classi, in particolare quelle estreme; una diversa classe di ingresso a seconda delle caratteristiche dell assicurato; l aumento delle penalizzazioni conseguenti ad un sinistro, attraverso l introduzione di un numero maggiore di scatti, che può arrivare fino a 8 per chi si trova nelle classi migliori. Il contratto RC Auto I contratti sottoscritti dagli assicurati sono documenti estremamente sintetici, in cui, oltre ai dati del contraente e del premio, di regola le imprese si limitano a richiamare il titolo di alcune clausole, solo talvolta il contenuto, richiedendo spesso per esse una doppia sottoscrizione ai sensi degli articoli 1341 e 1342 del Codice Civile. L articolo 1341 riconosce efficacia alle condizioni generali di contratto predisposte da uno dei contraenti se al momento della conclusione del contratto l altro contraente le ha conosciute o avrebbe dovuto conoscerle usando l ordinaria diligenza e, al secondo comma, prevede che in ogni caso non abbiano effetto, se non sono specificamente approvate per iscritto, alcune clausole aventi carattere potenzialmente abusivo. L articolo 1342 prevede l applicabilità anche ai contratti per adesione della disciplina sulla specifica sottoscrizione delle clausole abusive prevista dall articolo Successivamente al recepimento della Direttiva CE n. 93/13 sulle clausole abusive, avvenuta con l inserimento degli articoli 1469-bis e ss. nel Codice Civile ed ora recepiti nel Codice del Consumo, al contratto di assicurazione si applicano anche le norme sulle clausole vessatorie. In ogni caso, anche a non voler considerare la circostanza che spesso al consumatore viene fatto sottoscrivere un testo riportante solo l elencazione di alcuni articoli delle Condizioni generali di contratto, si deve osservare come la maggior parte delle clausole dei contratti assicurativi RC Auto si limiti a riprodurre disposizioni di legge o riguardi l ampiezza della copertura, ovvero l oggetto del contratto. In quest ultimo caso si tratta di clausole contrattuali che in genere sono escluse dallo scrutinio di abusività, salvo che siano redatte in modo poco chiaro e comprensibile, ma che possono determinare comunque effetti di pregiudizio per i singoli utenti e per lo sviluppo della concorrenza nei mercati assicurativi. Le variazioni delle condizioni contrattuali Un ulteriore elemento che testimonia la particolare situazione di svantaggio del consumatore nei confronti delle imprese di assicurazione è rappresentato dal fatto che, al momento del rinnovo del contratto, l utente non dispone di adeguate informazioni su elementi chiave nel processo di scelta, quali il nuovo premio praticato dall impresa ed eventuali variazioni delle condizioni contrattuali. Per quanto riguarda il premio, le principali problematiche sembrano sorgere in relazione ai contratti con tacito rinnovo, che sono i più diffusi nel mercato assicurativo. L impresa può decidere se indicare, nella comunicazione che deve inviare almeno 30 giorni prima della scadenza del contratto, l entità del nuovo premio, ovvero se invitare il cliente a rivolgersi alla propria rete distributiva o al call center per conoscere tale valore 9. Numerose imprese preferiscono la seconda soluzione e ciò pone il consumatore in una situazione di particolare debolezza, in quanto, prima di decidere se avvalersi del tacito rinnovo o cambiare compagnia, deve contattare l intermediario, disponendo peraltro di un tempo limitato, non superiore a 15 giorni, per acquisire le informazioni sul nuovo premio, effettuare confronti con altre offerte ed eventualmente cambiare compagnia 10. Nel caso di contratti senza tacito rinnovo, l utente può decidere se rinnovare il contratto fino al giorno della scadenza. In un ottica di promozione della concorrenza, tale forma contrattuale appare preferibile, in quanto rende più facile il cambiamento di compagnia e quindi incentiva il confronto tra le offerte dei differenti operatori del mercato. Per quanto riguarda eventuali modifiche nelle condizioni contrattuali, in assenza di una specifica disciplina al riguardo è lasciata all impresa la scelta se e come informare gli assicurati circa l avvenuta introduzione delle stesse. Recentemente 9 Cfr. Regolamento Isvap del 9 agosto 2006, n. 4, in attuazione dell articolo 191 del Codice delle Assicurazioni. 10 Tale termine deriva dal fatto che l impresa ha l obbligo di inviare la comunicazione di cui al citato Regolamento Isvap entro 30 giorni dalla scadenza del contratto e, ai sensi dell articolo 172, comma 2, del Codice delle Assicurazioni, il consumatore deve comunicare la disdetta entro 15 giorni dalla scadenza. Quest ultimo termine, ai sensi del comma 1 del citato articolo è prorogato al giorno della scadenza del contratto solo qualora l impresa abbia aumentato il premio, per ragioni diverse dalle regole evolutive del bonus-malus, in misura superiore al tasso di inflazione programmato.

5 l Isvap è intervenuta sul punto nello Schema di Regolamento concernente la disciplina degli obblighi di informazione, dell interpello nonché della pubblicità dei prodotti assicurativi (in fase di consultazione), prevedendo all articolo 30, in analogia con quanto previsto per i prodotti vita che, le imprese comunicano tempestivamente per iscritto al contraente le eventuali variazioni delle informazioni contenute nel Fascicolo informativo anche per effetto di modifiche della normativa successive alla conclusione del contratto. Conclusioni sulle caratteristiche della polizza RC Auto In definitiva, l esame svolto dall Autorità sulla documentazione contrattuale RC Auto mostra la presenza di numerosi elementi idonei a generare una forte asimmetria informativa ai danni del consumatore, quali la difficoltà di comprensione e la scarsa confrontabilità delle note informative, la particolare complessità e l omissione di elementi essenziali nelle condizioni di contratto, l assenza di informazioni aggiuntive nel contratto sottoscritto dall assicurato, il quale è spesso chiamato ad una specifica sottoscrizione per le clausole potenzialmente abusive, indicate solo mediante il titolo e/o il numero di condizione contrattuale. Inoltre, nonostante la voluminosa documentazione consegnata al contraente al momento in cui viene stipulato il primo contratto, egli non ha facile accesso ad elementi chiave nell indirizzare il processo di scelta nei periodi successivi, quali il premio praticato dall impresa all atto del rinnovo, eventuali variazioni introdotte nelle condizioni di contratto, gli effetti sul premio futuro derivanti dall applicazione del sistema bonus-malus. La posizione di asimmetria informativa evidenziata per l assicurazione RC Auto è in realtà comune alla generalità dei mercati finanziari, in considerazione della natura intrinsecamente complessa dei prodotti ed è prassi comune utilizzare contratti per adesione, predisposti unilateralmente dall impresa. In tutti i settore citati esiste un articolata normativa a tutela del consumatore che mira al raggiungimento della massima trasparenza possibile, attraverso disposizioni che obbligano le imprese a fornire al consumatore tutte le informazioni ritenute di volta in volta rilevanti. Gli effetti di tale normativa, che ha determinato nel tempo un progressivo accumulo di una grande quantità di dati, sono talvolta controversi, poiché il consumatore di regola non dispone delle sofisticate conoscenze necessarie a valutare tutto ciò che viene messo a sua disposizione e di conseguenza tende ad ignorare il complesso delle informazioni fornite. Ciò risulta tanto più vero nel caso dell assicurazione RC Auto, in quanto si tratta di una polizza obbligatoria, per la quale esiste un elevata regolamentazione; in tale situazione il consumatore può essere indotto a considerare erroneamente i diversi prodotti perfettamente fungibili e a non valutare correttamente le differenze, ad esempio in termini di estensione della garanzia, esistenti tra le offerte delle diverse imprese. Le problematiche normative e regolamentari Le analisi condotte dall Autorità sembrano quindi indicare, accanto a comportamenti deliberati delle imprese tesi a ridurre l effettiva disclosure, in modo da limitare la mobilità della domanda e da favorire così l esercizio di un potere di mercato anche in un ambiente potenzialmente concorrenziale, anche la contestuale esistenza di problematiche di tipo normativo che limitano la possibilità per il consumatore di acquisire un set chiaro e trasparente di informazioni e/o favoriscono i suddetti comportamenti di impresa. In tal senso, l Autorità vuole richiamare in particolare i seguenti aspetti: L asimmetria a favore dell impresa assicurativa contenuta nella disciplina civilistica La disciplina civilistica in materia di contratti assicurativi sembra avere un impostazione storicamente sbilanciata a favore delle imprese di assicurazione. Al riguardo è sufficiente ricordare il diverso tenore degli articoli 1897 e 1898 relativi rispettivamente alla riduzione ed all aggravamento del rischio. In entrambi i casi l assicurato deve notificare all impresa la modifica dei valori delle variabili utilizzate da questa per la valutazione del rischio; in caso di mancata comunicazione, qualora si verifichi un sinistro, il responsabile dello stesso potrebbe trovarsi sottoassicurato, dovendo contribuire in solido al rimborso del sinistro, o addirittura non assicurato 11. Viceversa, in caso di diminuzione del rischio il cliente non ha diritto neppure ad alcun rimborso del premio eccedente per l annualità in corso; solo al momento del rinnovo del premio l impresa è tenuta a ricalcolare lo stesso. Il permanere, nel codice civile, di disposizioni più favorevoli all impresa di assicurazione che al contraente, ha l effetto di accentuare l asimmetria dei rapporti implicita nel contratto RC Auto, in ragione della sua natura obbligatoria e del fatto che si tratta di un contratto per adesione. 11 Si ricorda, peraltro, che non esiste alcun obbligo per le imprese di comunicare quali siano le variabili rilevanti per la determinazione del rischio e che, quindi, il cliente può trovarsi involontariamente sottoassicurato.

6 Inoltre, gli articoli 1892 e 1893 del Codice Civile indicano che in caso di dichiarazioni inesatte o di reticenze da parte dell assicurato sono previsti l annullabilità del contratto o il recesso da parte dell assicuratore, per il quale invece non è prevista alcuna sanzione esplicita in caso di informazioni non corrette o di reticenza. L unica tutela ammissibile per il consumatore è il ricorso al giudice, con tempi lunghi, oneri probatori molto elevati ed incertezza sui possibili rimedi. L assenza, nel Codice delle Assicurazioni, di adeguata tutela del consumatore per violazioni degli obblighi di trasparenza Per altro verso, si registra una eccessiva genericità della normativa primaria sulla trasparenza contenuta nel Codice delle Assicurazioni, codice che risulta peraltro privo di esplicite sanzioni a carico delle imprese per il mancato rispetto delle relative norme. Nel Codice delle Assicurazioni, infatti, è prevista unicamente una sanzione a carattere pecuniario nel caso in cui l intermediario non consegni preventivamente la nota informativa insieme alle condizioni di contratto. Viceversa, non sono previste conseguenze qualora l impresa predisponga la documentazione contrattuale in modo poco trasparente o reticente. Tale circostanza potrebbe di per sé ostacolare il raggiungimento degli obiettivi che il Codice delle Assicurazioni intende perseguire. Sotto un diverso profilo, si osserva che l articolo 185, comma 2, prevede che la nota informativa debba contenere le informazioni necessarie, a seconda delle caratteristiche dei prodotti e dell impresa di assicurazione, affinché il contraente e l assicurato possano pervenire ad un fondato giudizio sui diritti e sugli obblighi contrattuali e, ove opportuno, sulla situazione patrimoniale dell impresa. La genericità della formulazione del citato articolo 185 rende indispensabile un intervento da parte dell autorità di regolamentazione che definisca struttura e contenuti analitici della nota informativa. L inefficacia della regolamentazione secondaria. Recentemente, come già ricordato, l Isvap ha diffuso uno schema di Regolamento di attuazione dell articolo 185 del Codice delle Assicurazioni, che mira essenzialmente ad aggiornare e rendere più coerente il contenuto di numerose circolari, alcune delle quali risalenti nel tempo 12. Fino ad oggi ogni impresa ha redatto la nota informativa inserendo, con la formulazione e l ordine che preferisce, i dati di diversa natura che l Isvap ha progressivamente richiesto. Ciò ha prodotto come conseguenza che al consumatore è stata fornita un informativa precontrattuale - contenuta in un documento non particolarmente sintetico - difficile da leggere per i frequenti generici rinvii alla normativa, dove, ad eccezione del nome dell impresa e dell indirizzo dell ufficio reclami della stessa, sono riportate informazioni sulla normativa applicabile al contratto RC Auto che non riguardano l offerta della singola impresa, ma l operatività dell intero mercato. Lo schema di Regolamento predisposto dall Isvap, pur rappresentando un importante passo in avanti per il mercato, si caratterizza ancora per l imposizione alle imprese di elevati obblighi di disclosure, che non sembrano tuttavia risolvere appieno il problema dell asimmetria informativa ai danni degli assicurati. Così, come avvenuto fino ad oggi, l effetto principale della normativa sulla disclosure appare quello di gravare il consumatore dell onere di gestire un set informativo sempre più complesso e articolato, senza reali vantaggi dal punto di vista della consapevolezza delle proprie scelte economiche. Le possibili linee di intervento A fronte delle problematiche sopra evidenziate, l Autorità auspica pertanto un ripensamento della normativa sulla trasparenza, realizzato innanzitutto mediante l introduzione di strumenti atti a consentire una più efficace tutela del consumatore, prevedendo anche sanzioni esplicite e significative a carico delle imprese che non rispettano in modo sostanziale gli obblighi di trasparenza. Per quanto concerne le modifiche normative l Autorità ritiene essenziale che venga seguito un approccio volto, piuttosto che a fornire il massimo numero di informazioni al consumatore, a realizzare un significativo processo di semplificazione, che potrebbe anche comportare la standardizzazione di alcune informazioni e procedure. In sostanza, invece di ricevere un eccesso di informazioni, fornite in modo confuso e disomogeneo, sarebbe preferibile che il consumatore potesse disporre in modo chiaro unicamente delle informazioni necessarie per comprendere il prodotto e le differenze riscontrabili nelle offerte commerciali delle imprese. 12 Si tratta delle circolari Isvap n. 303 del 2 giugno 1997, 347/D del 5 novembre 1998, n. 502/D del 25 marzo 2003 e 518/D del 21 novembre 2003 nonché del Regolamento n. 4 del 9 agosto 2006 che ha superato quanto contenuto nella circolare n. 420/D del 7 novembre 2000

7 Tale processo di semplificazione può essere realizzato solo intervenendo in via regolamentare, poiché nell assetto attuale del mercato RC Auto nessuna impresa è incentivata ad intraprendere autonomamente iniziative in questa direzione. Infatti, il costo privato di un attività di semplificazione attuata da una singola impresa è superiore ai benefici che essa potrebbe trarne in termini di maggiori vendite, in considerazione dell opacità del mercato, che genera una scarsa mobilità della domanda e rende difficile per i consumatori percepire le innovazioni. Le recenti iniziative regolamentari dell Autorità di regolamentazione non appaiono del tutto adeguate al riguardo in quanto, nonostante lo sforzo di razionalizzazione nell indicazione delle informazioni che le imprese devono obbligatoriamente fornire ai propri assicurati, appaiono ancora poco orientate a guidare il consumatore nel processo di scelta dell offerta delle diverse imprese di assicurazione. Nel caso della polizza RC Auto, non appare particolarmente problematico semplificare le modalità di presentazione del prodotto, poiché, a parte i dati specifici per il singolo assicurato (premio richiesto e posizione nella scala bonus-malus), accanto ad un nucleo centrale di clausole uniformi per il mercato, individuate dalla legge, residua un numero significativamente ridotto di clausole per cui le imprese possono differenziare la propria offerta. Si tratta di clausole che risultano però spesso descritte al consumatore in modo piuttosto carente. In particolare si fa riferimento alle clausole che definiscono l estensione della garanzia e di quelle relative alle regole evolutive del sistema bonus-malus. Accanto a queste il consumatore dovrebbe conoscere i fattori utilizzati dall impresa per il calcolo del premio, sia al fine di sfruttare eventuali opportunità di risparmio (ad esempio esistono imprese che praticano premi ridotti per chi percorre un numero limitato di chilometri l anno) sia per poter comunicare a tempo debito ogni eventuale variazione del rischio. La documentazione relativa alla polizza RC Auto, che le imprese devono fornire alla generalità degli utenti, potrebbe quindi essere strutturata in modo tale da separare gli aspetti comuni al mercato da quelli rispetto ai quali le imprese possono realmente differenziarsi, prevedendo per i primi un documento unico per tutte le imprese (predisposto ad esempio dall autorità di regolamentazione), per i secondi uno standard comune, adottato dalle singole imprese e redatto in modo sintetico e chiaro, anche nei caratteri grafici, in modo da consentire un confronto immediato sulle variabili rilevanti. Seguendo tale impostazione si potrebbero semplificare sensibilmente sia le condizioni di contratto che la nota informativa, la quale, in presenza di un documento unico relativo al contenuto standard del contratto, potrebbe limitarsi a riportare in modo sintetico le principali informazioni sugli elementi di differenziazione delle imprese, eventualmente rinviando in maniera puntuale alle condizioni di contratto. Il processo di semplificazione dovrebbe inoltre condurre all eliminazione delle informazioni non necessarie, particolarmente diffuse nella polizza RC Auto, predisponendo, ad esempio, documenti specifici per ogni tipologia di veicoli (autovetture, autocarri, ciclomotori, motocicli, ecc.). Inoltre, nelle condizioni di contratto non dovrebbero più essere presenti rinvii a norme di legge o regolamentari non riportate chiaramente nel contratto stesso, nonché clausole che modificano o integrano altre clausole contenute nello stesso. Le imprese dovrebbero essere sempre obbligate a fornire direttamente all utente e in modo immediatamente fruibile i dati specifici rilevanti, quali il premio e la posizione nella scala bonus-malus. In particolare, dovrebbe essere abolita la facoltà riconosciuta alle imprese di poter comunicare al cliente il nuovo premio di polizza presso il punto vendita, in quanto ciò determina un onere per il consumatore e un ingiustificata compressione dei tempi disponibili per scegliere se rinnovare il contratto o cercare una nuova offerta. Oltre a tale misura minimale, l Autorità auspica, ai fini della promozione della concorrenza, che venga abolito per i contratti assicurativi RC Auto anche l istituto del tacito rinnovo, con ciò aderendo alla proposta formulata dall Isvap 13. Per quanto concerne il bonus-malus, attualmente, l assicurato è in grado di conoscere la posizione nella relativa scala, in prossimità della scadenza del contratto grazie alla comunicazione inviata dalla propria impresa. Si tratta però di un informazione non sufficiente per una completa comprensione del funzionamento di tale meccanismo, che, considerata l elevata incidenza del meccanismo bonus-malus sul premio corrisposto dall utente 14, dovrebbe invece essere fornita in modo chiaro e trasparente. 13 Cfr. Comunicato stampa dell Isvap del 23 luglio In base al vecchio meccanismo di conversione universale l assicurato situato nella classe peggiore di malus sosteneva un premio 4 volte più elevato di quello dovuto dall assicurato posto nella classe migliore di bonus. Dopo la liberalizzazione tariffaria, per molte imprese tale rapporto è cresciuto ulteriormente.

8 Al riguardo, se non si vuole percorrere la strada seguita da altri paesi europei, quali Francia e Lussemburgo, che hanno adottato meccanismi comuni e molto semplici di bonus-malus, l Autorità ritiene necessario che, in relazione al bonusmalus venga abolito l obbligo per le imprese di conversione del proprio sistema a quello esistente prima della liberalizzazione, imponendo in alternativa di riportare nell attestato di rischio la storia assicurativa passata, per un numero sufficiente di anni. Inoltre, prima del rinnovo del contratto le imprese dovrebbero informare per iscritto l assicurato circa l entità, almeno percentuale, di aumento e riduzione del premio in caso di presenza o assenza di sinistri nel corso del periodo di vigenza dello stesso 15. In tal modo l assicurato sarebbe posto in condizione di conoscere, in caso di sinistro, quando può risultare conveniente rimborsare il danno causato e quindi se denunciare lo stesso alla propria impresa di assicurazione. Tale misura potrebbe contribuire a ridurre il numero di sinistri denunciati e quindi i costi di gestione degli stessi, con beneficio per l intero sistema. In conclusione, l Autorità ritiene che una modifica del contesto regolamentare ispirata ai criteri di semplificazione e razionalizzazione sopra evidenziati potrebbe favorire il confronto concorrenziale tra i prodotti offerti sul mercato, con benefici per la generalità dei consumatori, in termini di minori prezzi, maggiore trasparenza e migliori servizi per le polizze RC Auto. IL PRESIDENTE Antonio Catricalà 15 Si tratta di un informazione che dovrebbe ovviamente essere resa in modo specifico per ciascun assicurato

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997

CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 CIRCOLARE N. 303 del 2 Giugno 1997 OGGETTO: art. 123 del decreto legislativo n. 175 del 17 marzo 1995: obblighi di informativa nei contratti di assicurazione diretta diversa dalla assicurazione sulla vita.

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 23 DEL 9 MAGGIO 2008 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E NATANTI, DI

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 4 DEL 9 AGOSTO 2006 REGOLAMENTO CONCERNENTE GLI OBBLIGHI INFORMATIVI A CARICO DELLE IMPRESE IN OCCASIONE DI CIASCUNA SCADENZA ANNUALE DEI CONTRATTI R.C.AUTO DI CUI AL TITOLO XIV (VIGILANZA

Dettagli

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 23 del 9 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Regolamento concernente la disciplina della trasparenza dei premi e delle condizioni di contratto nell assicurazione obbligatoria per i veicoli a

Dettagli

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 25/2007)

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 25/2007) OSSERVAZIONI ANIA SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO ISVAP CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DEI PREMI E DELLE CONDIZIONI DI CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA PER I VEICOLI A MOTORE E I NATANTI

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA MILANO CETIF. Annamaria Damiani Servizio Tutela degli Utenti Sezione Tutela degli Assicurati Milano, 16 settembre 2010

UNIVERSITA CATTOLICA MILANO CETIF. Annamaria Damiani Servizio Tutela degli Utenti Sezione Tutela degli Assicurati Milano, 16 settembre 2010 UNIVERSITA CATTOLICA MILANO CETIF Regolamento n. 35 : obblighi di informazione e pubblicità dei prodotti assicurativi Annamaria Damiani Servizio Tutela degli Utenti Sezione Tutela degli Assicurati Milano,

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** ***

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione ISVAP *** ** *** ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazione Private e di Interesse Collettivo Via Del Quirinale, 21 00187 ROMA *** ** *** PROPOSTE DI EMENDAMENTO AL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012; SCHEMA

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE Roma 19 aprile 2012 Prot. n. 09-12-007647 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007)

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007) OSSERVAZIONI ANIA SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO ISVAP IN MATERIA DI CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE, CONTRASSEGNO E MODULO DI DENUNCIA DI SINISTRO DELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEI VEICOLI A MOTORE E DEI

Dettagli

Trasparenza nei contratti RCA e Regolamento ISVAP n. 35: Un'occasione mancata?

Trasparenza nei contratti RCA e Regolamento ISVAP n. 35: Un'occasione mancata? Trasparenza nei contratti RCA e Regolamento ISVAP n. 35: Un'occasione mancata? Milano, 23 febbraio 2011 A cura della Commissione RCA del SNA - Sindacato Nazionale Agenti Nel vocabolario del nostro tempo

Dettagli

Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940

Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 Filo diretto Assicurazioni S.p.A. - Via Paracelso, 14-20864 Agrate Brianza (MB) - Tel. 039.6056804 - Fax 039.6899940 - www.filodiretto.it

Dettagli

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Oggetto: DECRETO LEGGE 24/1/2012 N.1 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA

Oggetto: DECRETO LEGGE 24/1/2012 N.1 DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA CIRCOLARE 11/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione

Assicurazione Auto. Diritti del consumatore. Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione Assicurazione Auto Diritti del consumatore Campagna di informazione in tema di RC Auto e Conciliazione GLOSSARIETTO ANIA: è l'associazione che rappresenta le imprese di assicurazione operanti in Italia.

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012

Oggetto: Comunicazione Isvap del 19/4/2012 su alcune disposizioni contenute nella Legge n.27/2012 CIRCOLARE 43/12 Da: DANNI E RETI A: Agenzie in gestione libera e in economia Struttura Commerciale Territoriale Struttura Territoriale Sinistri Ispettori Amministrativi e Tecnici Uffici di Sede Milano,

Dettagli

DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE. Osservazioni e proposte ANIGAS

DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE. Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 7 giugno 2010 Premessa Anigas presenta le proprie osservazioni al DCO

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

Mini Guida. Le classi di merito

Mini Guida. Le classi di merito Mini Guida Le classi di merito Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LE CLASSI DI MERITO Non sempre chi si accinge a stipulare un contratto assicurativo R.C. Auto conosce

Dettagli

L Assicurazione R.C. auto in Italia: analisi e proposte

L Assicurazione R.C. auto in Italia: analisi e proposte L Assicurazione R.C. auto in Italia: analisi e proposte INTRODUZIONE INDICE PRIMA PARTE: ANALISI DEL MERCATO ANALISI TECNICA DEL RAMO R.C. AUTO IN ITALIA DAL 1994 AL 1999 Premessa 1. I premi del lavoro

Dettagli

INDICE. Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento

INDICE. Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento INDICE 03 04 05 06 07 08 Che cos è l indennizzo diretto? Il modulo blu di constatazione amichevole: ecco cosa scrivere! La richiesta di risarcimento Come e quando disdire la polizza rca Esempio di disdetta

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI

CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI CAPITOLATO SPECIALE PER LA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE DERIVANTE DALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE E NATANTI CONTRAENTE: COMUNE DI BIBBIENA ASSICURAZIONE NELLA FORMA LIBRO MATRICOLA 1 SEZ. 1

Dettagli

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione

Periodico informativo n. 67/2012. R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Periodico informativo n. 67/2012 R.c. auto nel D.L. liberalizzazione Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che il decreto liberalizzazione

Dettagli

13/06/13 BANCA DATI CNI

13/06/13 BANCA DATI CNI 13/06/13 BANCA DATI CNI Stampa bancadati@cni-online.it Rif. DV10968 Documento Fonte Tipo Documento 30/07/2012 CIRCOLARE - XVIII SESSIONE CNI CIRCOLARE Numero 104 Data 30/07/2012 Riferimento PROT. CNI N.

Dettagli

E' quanto stabilisce il Regolamento Isvap 9 maggio 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 20 maggio 2008, n. 117.

E' quanto stabilisce il Regolamento Isvap 9 maggio 2008, pubblicato in Gazzetta Ufficiale 20 maggio 2008, n. 117. Assicurazioni private: nuovi obblighi di trasparenza dal 1 ottobre 2008 ISVAP, regolamento 09.05.2008, G.U. 20.05.2008 Previsti per le compagnie assicurative e gli intermediari nuovi obblighi di trasparenza

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo

ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo CIRCOLARE N. 555/D Oggetto: Disposizioni in materia di assicurazione obbligatoria R.C.Auto disciplina del bonus/malus.

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 43/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DEI CONTENUTI MINIMI DEL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA DI CUI ALL ART. 28, COMMA 1, DEL DECRETO LEGGE 24 GENNAIO

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 397 D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 Art. 1 2. D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254. Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell articolo

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche Coordinamento Nazionale Giustizia Ministeri e Polizia Penitenziaria Reperibilità 3928836510-3206889937 Coordinamento Nazionale: c/o Ministero della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 2/2013 SCHEMA DI PROVVEDIMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GESTIONE DEI RAPPORTI ASSICURATIVI VIA WEB, ATTUATIVO DELL ARTICOLO 22, COMMA 8, DEL DECRETO LEGGE 18 OTTOBRE

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal 2720/2009 sono indicate in rosso Esame semplificato per l iscrizione alla sezione A del RUI per iscritti alle

Dettagli

Condizioni di assicurazione

Condizioni di assicurazione Mod. 5251 RCA - Ed. 08/14 Autovetture Condizioni di assicurazione 1 di 96 2 di 96 1.1 DECORRENZA DELLA GARANZIA E PAGAMENTO DEL PREMIO L assicurazione ha effetto dal giorno e dall ora indicati in polizza

Dettagli

Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n..

Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n.. Schema di decreto del Ministro dello sviluppo economico.2013, n.. Regolamento recante la definizione del «contratto base» di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 18 luglio 2006, n. 254 1 Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell'articolo 150 del decreto

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA

Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA Roma, 25 luglio 12 SPETT.LE ISVAP ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO VIA DEL QUIRINALE, 21 00187 ROMA Lo scrivente Roberto Salvi, nella sua qualità di Presidente

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Alessandro Leproux. Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Comm. Girolamo Fabio Porta.. Prof. Avv. Saverio Ruperto.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 9/2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI

LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI LA TRASPARENZA FA BENE A TUTTI Come cambiano le norme e quali sono gli impatti sull operatività legata al rapporto con il cliente BROCHURE INFORMATIVA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI CONVENZIONATI, AGENTI

Dettagli

ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS

ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS ARISCOM COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE Resp. Civile Professionale Patrocinatore Stragiudiziale Accordo ANEIS Il presente Fascicolo Informativo contenente la Nota Informativa,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015. Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C.

N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015. Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C. N. Prot.: COMUNICAZIONE \ 8 Data: 30/06/2015 Annulla / Sostituisce: Oggetto: Regolamento Ivass n. 9/2015 La Dematerializzazione degli Attestati di Rischio R.C. Auto Emittente: BROKER Destinatari: A tutti

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE RESPONSABILITÀ CIVILE

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE RESPONSABILITÀ CIVILE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE RESPONSABILITÀ CIVILE PRODOTTO RC Vita Privata in convenzione con la BANCA VERONESE CREDITO COOPERATIVO DI CONCAMARISE Società Cooperativa Il presente fascicolo informativo contenente

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293)

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Capo III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RC AUTO 1

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo)

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) REGOLAMENTO N. 34 DEL 19 MARZO 2010 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROMOZIONE E COLLOCAMENTO A DISTANZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE DI CUI AGLI ARTICOLI 183 E 191, COMMA 1, LETTERE A)

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

Directors & Officers Liability (D & O)

Directors & Officers Liability (D & O) Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Patrimoniale Amministratori, Sindaci e Dirigenti Directors & Officers Liability (D & O) AVVISO IMPORTANTE LA SEGUENTE PROPOSTA DI ASSICURAZIONE È

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 49/2012 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLO STANDARD DI MODALITA OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL OBBLIGO DI CONFRONTO DELLE

Dettagli

NEWSLETTER WWW.6SICURO.IT: IL PRIMO SERVIZIO ON-LINE IN ITALIA DI COMPARAZIONE DELLE TARIFFE ASSICURATIVE E VENDITA DI POLIZZE

NEWSLETTER WWW.6SICURO.IT: IL PRIMO SERVIZIO ON-LINE IN ITALIA DI COMPARAZIONE DELLE TARIFFE ASSICURATIVE E VENDITA DI POLIZZE ANNO VI - NUMERO 26 - III BIMESTRE 2000 www.gruppoassiteca.com: la newsletter è on-line! NEWSLETTER GRUPPO ASSITECA WWW.6SICURO.IT: IL PRIMO SERVIZIO ON-LINE IN ITALIA DI COMPARAZIONE DELLE TARIFFE ASSICURATIVE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. Il contraente deve prendere visione delle condizioni di assicurazione prima della sottoscrizione della polizza

NOTA INFORMATIVA. Il contraente deve prendere visione delle condizioni di assicurazione prima della sottoscrizione della polizza NOTA INFORMATIVA contratto di assicurazione Novit Auto- motocicli e ciclomotori contratto di assicurazione di responsabilità civile per la circolazione dei veicoli a motore modello n.1060 del 1 dicembre

Dettagli

PROTEZIONE GUIDA APPENDICE INTEGRATIVA CONTRATTI COLLOCATI A DISTANZA

PROTEZIONE GUIDA APPENDICE INTEGRATIVA CONTRATTI COLLOCATI A DISTANZA 1/6 PROTEZIONE GUIDA APPENDICE INTEGRATIVA CONTRATTI COLLOCATI A DISTANZA CONTRATTO DI ASSICURAZIONE DI RESPONSABILITÀ CIVILE PER LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE Autovetture La presente Appendice

Dettagli

ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo

ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo ISVAP Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo Disposizioni in materia di assicurazione obbligatoria R.C.Auto disciplina del bonus/malus. Relazione di presentazione

Dettagli

Mini Guida. Le assicurazioni online

Mini Guida. Le assicurazioni online Mini Guida Le assicurazioni online Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LE ASSICURAZIONI ONLINE In questa guida parleremo delle assicurazioni auto online, le più diffuse

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

NOTE CRITICHE SULLA DISCIPLINA DEL TRASFERIMENTO DI SERVIZI DI PAGAMENTO DI CUI ALLA LEGGE 24 MARZO 2015 N. 33

NOTE CRITICHE SULLA DISCIPLINA DEL TRASFERIMENTO DI SERVIZI DI PAGAMENTO DI CUI ALLA LEGGE 24 MARZO 2015 N. 33 NOTE CRITICHE SULLA DISCIPLINA DEL TRASFERIMENTO DI SERVIZI DI PAGAMENTO DI CUI ALLA LEGGE 24 MARZO 2015 N. 33 DI EDOARDO MURATORI CONTENUTI DELLA DISCIPLINA In data 24 marzo 2015 è stata approvata la

Dettagli

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS

REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 L IVASS REGOLAMENTO n. X del XX / XXXX / 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA AL CONTRAENTE. La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP ma

NOTA INFORMATIVA AL CONTRAENTE. La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP ma UFFICIO REGISTRO BOLLO RADIO ASSICURAZIONI ROMA - Copertina Fascicolo Informativo Sig... Date viaggio... Destinazione... CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE 509945135 INTER PARTNER ASSISTANCE Interassistance

Dettagli

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione

Unione Nazionale Agenti Professionisti di Assicurazione RELAZIONE CONTENENTE LE OSSERVAZIONI ALLO SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA E RIASSICURATIVA DI CUI AL TITOLO IX (INTERMEDIARI DI ASSICURAZIONE

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS?

UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS? UNA CONCRETA OPPORTUNITA DI BUSINESS O L APERTURA AL CAOS? Dalla Direttiva Europea al art. 22 del DL Cresci Italia 2.0 PREMESSA E QUADRO GENERALE DALLA PRIMA DIRETTIVA EUROPEA ALLA LEGGE BERSANI PASSANDO

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ONLINE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 I servizi ed i prodotti finanziari online ----------------------------------------------------------------

Dettagli

POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA

POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA POLIZZA COLLETTIVA INFORTUNI e MALATTIA NOTA INFORMATIVA PER I CONTRATTI DI ASSICURAZIONE INFORTUNI E MALATTIA Nota Informativa Mod. 5002002140/S ed. 2011-03 Ultimo aggiornamento 01/03/2011 Ai sensi dell

Dettagli

Regolamento n. 13 del 6 febbraio 2008 concernente la disciplina: del certificato di assicurazione e contrassegno e del modulo di denuncia di sinistro

Regolamento n. 13 del 6 febbraio 2008 concernente la disciplina: del certificato di assicurazione e contrassegno e del modulo di denuncia di sinistro Regolamento n. 13 del 6 febbraio 2008 concernente la disciplina: del certificato di assicurazione e contrassegno e del modulo di denuncia di sinistro 1 Consolidamento della disciplina Per la maggior parte

Dettagli

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA

DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI (D.L. 1/2012) E L RCA IL DECRETO LIBERALIZZAZIONI E L RCA Il c.d. decreto liberalizzazioni (D.L. 1/2012) interessa anche l RCA e, per essa, tutti gli operatori del settore,

Dettagli

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI ROMA, 12 GIUGNO 2014 1. I reclami concernenti l accertamento dell osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI

COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI Soggetta all'attività di direzione e coordinamento della Sella Holding Banca SpA (timbro dell intermediario) COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI

Dettagli

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.

Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap. Spett.le ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e Interesse Collettivo 00184 ROMA regolamentopolizzemutui@isvap.it Milano, 16 aprile 2012 OGGETTO: Osservazioni Altroconsumo su: Documento

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 7 agosto 2008 VIS 89/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettere a) e d), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Pandora S.p.A. L

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 3/2014

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 3/2014 DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 3/2014 SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA Polizza Sempre Protetti

NOTA INFORMATIVA Polizza Sempre Protetti NOTA INFORMATIVA Polizza Sempre Protetti La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema predisposto dall ISVAP, ma il suo contenuto non è soggetto alla preventiva approvazione dell ISVAP. Il

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Conferimento mandato di brokeraggio e ricevuta di consegna di documentazione precontrattuale e informative

Conferimento mandato di brokeraggio e ricevuta di consegna di documentazione precontrattuale e informative Conferimento mandato di brokeraggio e ricevuta di consegna di documentazione precontrattuale e informative Il Sottoscritto: Spettabile Limestreet srl Via G. Savonarola, snc - 20149 Milano Fax num. 02 4210

Dettagli

Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino. Codice CIG: 03477181F8

Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino. Codice CIG: 03477181F8 ALLEGATO 2 Capitolato per il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo dell Università degli Studi di Camerino Codice CIG: 03477181F8 ART. 1 - OGGETTO DELL APPALTO E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

Dettagli

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo

Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo Modifiche alla disciplina del Credito al Consumo 1 Premessa Le modifiche in materia di Credito al Consumo sono volte: ad ampliare l ambito di applicazione della disciplina contenuta nel Testo Unico Bancario

Dettagli

STRALCIO DEI PRINCIPALI ARTICOLI DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INERENTI L RC AUTO APPENDICE NORMATIVA

STRALCIO DEI PRINCIPALI ARTICOLI DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INERENTI L RC AUTO APPENDICE NORMATIVA ART. 129 - SOGGETTI ESCLUSI DALL ASSICURAZIONE 1 Non e considerato terzo e non ha diritto ai benefici derivanti dal contratto di assicurazione obbligatoria il solo conducente del veicolo responsabile del

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE

DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE DISCIPLINARE D INCARICO DI BROKER DI ASSICURAZIONE L anno duemilaquattordici (2014), il giorno del mese di con la presente scrittura privata da valere ad ogni effetto di legge, TRA Il comune di Campotosto

Dettagli

Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA DI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI N. 2

Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA DI INFORMAZIONI COMPLEMENTARI N. 2 Procedura aperta per l affidamento di gas naturale per il periodo 01.01.2015 31.12.2015. Autorizzata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 22.07.2014. Numero CIG 59174523DE RISPOSTA A RICHIESTA

Dettagli

Caricamenti Carta verde Certificato di assicurazione Condizioni generali di assicurazione Constatazione amichevole di incidente Contraente

Caricamenti Carta verde Certificato di assicurazione Condizioni generali di assicurazione Constatazione amichevole di incidente Contraente Glossario A Agente di Assicurazione - Soggetto che, mettendo a disposizione del pubblico la propria competenza tecnica, svolge stabilmente in forma professionale ed autonoma l incarico di provvedere a

Dettagli

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA

APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA APPENDICE INTEGRATIVA DEL FASCICOLO INFORMATIVO PER CONTRATTI DANNI STIPULATI A DISTANZA La presente appendice integrativa costituisce parte integrante del Fascicolo informativo. Il presente documento

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

ASSIURIS 1. ISVAP : IN PRESENZA DI CONCORSO DI COLPA PARITARIO,, NESSUNO DEI CONTRATTI RELATIVI AI VEICOLI MEDESIMI SUBIRÀ L APPLICAZIONE DEL MALUS;

ASSIURIS 1. ISVAP : IN PRESENZA DI CONCORSO DI COLPA PARITARIO,, NESSUNO DEI CONTRATTI RELATIVI AI VEICOLI MEDESIMI SUBIRÀ L APPLICAZIONE DEL MALUS; ASSIURIS Rassegna di giurisprudenza in Diritto della Assicurazioni Private a cura dell Avv.Paolo de Angelis ANNO II Ed n 2 maro 2008 IN QUESTO NUMERO: 1. ISVAP : IN PRESENZA DI CONCORSO DI COLPA PARITARIO,,

Dettagli

CARIFECap CAPITALIZZAZIONE FINANZIARIA NOTA INFORMATIVA

CARIFECap CAPITALIZZAZIONE FINANZIARIA NOTA INFORMATIVA CARIFECap CAPITALIZZAZIONE FINANZIARIA NOTA INFORMATIVA CAPITALIZZAZIONE CARIFECap NOTA INFORMATIVA 2004 Contratto di capitalizzazione finanziaria a premio unico e premi unici aggiuntivi Leggere attentamente

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli