Manuale della qualità delle saldature secondo la norma UNI EN ISO 3834:2006 parte seconda requisiti di qualità estesa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale della qualità delle saldature secondo la norma UNI EN ISO 3834:2006 parte seconda requisiti di qualità estesa"

Transcript

1 Manuale della qualità delle saldature secondo la norma UNI EN ISO 3834:2006 parte seconda requisiti di qualità estesa UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 1 di 11

2 NORMA UNI EN ISO 3834: Capitolo del Manuale della Qualità 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 TERMINI E DEFINIZIONI 4 USO DELLA PRESENTE PARTE DELLA ISO RIESAME DEI REQUISITI E RIESAME TECNICO 6 SUBFORNITURA 7 PERSONALE DI SALDATURA 8 PERSONALE ADDETTO A ISPEZIONI E PROVE 9 ATTREZZATURE 10 SALDATURA E ATTIVITÀ CONNESSE 11 MATERIALI DI APPORTO DI SALDATURA 12 IMMAGAZZINAMENTO DEI MATERIALI BASE 13 TRATTAMENTO TERMICO DOPO SALDATURA 14 ISPEZIONI E PROVE 15 NON CONFORMITÀ ED AZIONI CORRETTIVE 16 TARATURA E CONVALIDA DI ATTREZZATURE DI MISURA, ISPEZIONE E PROVA 17 IDENTIFICAZIONE E RINTRACCIABILITÀ 18 DOCUMENTI DI ATTESTAZIONE DELLA QUALITÀ Premessa ELEMENTI DA CONSIDERARE IN UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA PER COMPLETARE LA ISO 3834 La ISO 3834 contiene molte caratteristiche che contribuiscono ad un sistema di gestione per la qualità (SGQ). Questo punto identifica gli elementi di un SGQ di cui il costruttore dovrebbe considerare l applicazione per appoggiare i requisiti di qualità della ISO 3834: a) controllo dei documenti e delle registrazioni (vedere ISO 9001:2008, punti 4.2.3, 4.2.4), b) responsabilità della direzione (vedere ISO 9001:2008, punto 5); c) previsione delle risorse (vedere ISO 9001:2008, punto 6.1); d) competenza, consapevolezza e addestramento del personale operativo (vedere ISO 9001:2008, punti 6.2.2, b); e) pianificazione della realizzazione del prodotto (vedere ISO 9001:2008, punto 7.1); f) determinazione dei requisiti relativi al prodotto (vedere ISO 9001:2008, punto 7.2.1); g) riesame dei requisiti relativi al prodotto (vedere ISO 9001:2008, punto 7.2.2); h) approvvigionamento (vedere ISO 9001:2008, punto 7.4); i) validazione dei processi (vedere ISO 9001:2008, punto 7.5.2); j) proprietà del cliente (vedere ISO 9001:2008, punto 7.5.4); k) verifiche ispettive interne (vedere ISO 9001:2008, punto 8.2.2); l) monitoraggio e misurazione del prodotto (vedere ISO 9001:2008, punto 8.2.4). La ISO 9004:2008 fornisce una guida sullo sviluppo e l applicazione di un sistema di gestione per la qualità. 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE INDICARE LO SCOPO 2 RIFERIMENTI NORMATIVI Relativamente alle norme di riferimento per gli audit si utilizza la norma UNI EN ISO 9011:2012. Inoltre all interno delle norme applicabili di riferimento si tiene conto del Regolamento dell OdC (Organismo di Certificazione) RT 05 Prescrizioni per l accreditamento degli Organismi operanti la valutazione e certificazione dei sistemi di gestione della qualità per le imprese di costruzione ed installazione di impianti e servizi (Sett. EA28).. Per quanto riguarda la norma UNI EN ISO 3834 si deve fare riferimento alle seguenti norme: UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 2 di 11

3 UNI EN ISO 3834 Parte 1: Criteri per la scelta del livello appropriato dei requisiti di qualità; UNI EN ISO 3834 Parte 2: Requisiti di qualità estesi; UNI EN ISO 3834 Parte 5: Documenti ai quali è necessario conformarsi per poter dichiarare la conformità ai requisiti di qualità di cui alle parti 2, 3 o 4 della ISO TERMINI E DEFINIZIONI RIPORTARE se di INTERESSE IL CORRISPONDENTE PARAGRAFO DELLA USO DELLA PRESENTE PARTE DELLA ISO 3834 Documenti del sistema di gestione della qualità delle saldature : La documentazione e le registrazioni della qualità delle saldature sono gestite secondo le regole indicate nella PROCEDURA DEDICATA DEL SGQ. Le procedure relative alla qualità delle saldature sono documenti esterni al presente documento che ha lo scopo di essere un documento di riepilogo e di indirizzo, pur essendo autoportante per la parte relativa alla qualità delle saldature. Le procedure di saldatura sono identificate con il codice WPS seguito dal un numero progressivo e vengono conservate pressa l ufficio amministrativo fino a che sono utilizzate e in copia in produzione dove sono effettuate le saldature. Le WPQR, rilasciate da ente terzi e che qualificano le procedure di saldatura sono documenti esterni al MDQ e sono conservate presso l ufficio amministrativo aziendale fino a che sono utilizzate. 5 RIESAME DEI REQUISITI E RIESAME TECNICO PROCEDURA PER IL RIESAME DEI REQUISITI E DEL RIESAME TECNICO Al fine di soddisfare quanto indicato nella norma UNI EN ISO 3834 al punto 5.2 la nostra società durante il riesame del contratto con il cliente prende in considerazione anche i seguenti aspetti: a) La norma di prodotto da usare, insieme a eventuali requisiti supplementari necessari per la realizzazione del prodotto richiesto dal cliente; b) I requisiti di carattere legale o regolamentare che possono influenzare la realizzazione del prodotto o che sono esplicitamente richiesti dal cliente; c) Gli eventuali requisiti supplementari richiesti o stabiliti da noi o dagli altri costruttori; d) La capacità del costruttore di soddisfare i requisiti prescritti. Nell offerta e nel contratto definitivo con il cliente viene sempre riportata la dichiarazione della capacità di soddisfare i requisiti. Nel riesame viene sempre valutata la nostra capacità a fornire il prodotto richiesto dal cliente attraverso il riesame tecnico che si svolge analizzando tutti i requisiti tecnici indicati nel punto 5.3 della norma dalla lettera a) alla lettera q). Il riesame tecnico viene effettuato attraverso l utilizzo del MD Modulo per il riesame tecnico, di norma compilato e sottoscritto dal Direttore Tecnico. In alternativa al Direttore Tecnico il riesame può essere redatto dal Responsabile della produzione e dal coordinatore delle saldature. Le offerte sono tutte numerate progressivamente per anno di redazione ed i vari riesami sono tutti predisposti in revisione progressiva e sottoscritta dal cliente. 6 SUBFORNITURA PROCEDURA PER LA GESTIONE DEI SUBFORNITORI SECONDO IL 6 NORMA UNI EN ISO I fornitori di servizi di saldatura, taglio, sagomatura, piegatura, ispezione, controlli non distruttivi, trattamenti termici ecc. ecc., che direttamente influiscono sulla qualità del lavoro effettuato, devono essere controllati nel corso del ciclo di produzione, al fine di verificare che le modalità di esecuzione del lavoro avvengono secondo le prescrizioni da noi impartite e secondo i requisiti richiesti dalla norma UNI EN ISO 3834 parte 2 e 4. La nostra azienda fornisce, all atto della consegna dei semilavorati o dell ordine a fornitore, tutte le indicazioni necessarie per soddisfare i requisiti applicabili, consegnando la scheda di avanzamento lavori e la scheda relativa alla validazione delle saldature, se previste. Inoltre, per le saldature vengono consegnate al fornitore le parti contenute nelle welding book aziendali, relative alle istruzioni sulle saldature specifiche da effettuare. Il fornitore, alla consegna del semilavorato o del prodotto finito deve fornire le registrazioni e i documenti sopra indicati compilati in ogni parte e riportanti le modalità di esecuzione del ciclo di produzione Per quanto riguarda le lavorazioni di taglio e piegatura al fornitore verranno consegnati i disegni relativi alle specifiche della lavorazione da effettuare sui quali gli addetti indicheranno la verifica da loro effettuata con l apposizione di una UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 3 di 11

4 sigla o del timbro aziendale e da una sigla. Inoltre dovranno compilare il foglio di avanzamento lavori indicando la macchina e l operatore con i quali è stata eseguita la lavorazione. Detta documentazione deve essere consegnata dal fornitore all atto della restituzione del semilavorato. I controlli da effettuare sulla qualità dei servizi effettuati dai fornitori, oltre al rispetto delle specifiche risultanti dai disegni dei particolari o del complessivo dei lavori, si deve provvedere a: 1. Effettuare una visita ispettiva dal fornitore al fine di verificare la capacità professionale a fornire servizi di saldatura in linea con la norma ISO 3834, controllando le qualifiche degli operatori di saldatura degli addetti alla saldatura, degli addetti ai controlli ND e la presenza del coordinatore della saldatura. 2. Verificare lo stato di manutenzione delle macchine e delle attrezzature del fornitore e verificare la taratura degli strumenti di misura al loro interno, e di quella degli strumenti utilizzati per i controlli dimensionali e visivi. 3. Verificare la certificazione dei materiali di apporto come elettrodi e filo e della miscela di azoto e anidride carbonica utilizzata per le saldature; 4. Consegnare al fornitore la modulistica relativa al controllo del prodotto ed al suo avanzamento in produzione: il MD Scheda avanzamento ed il MD Scheda Saldatura, insieme agli elaborati tecnici ed alle specifiche di saldatura, dal quale si evincono i parametri utilizzati per la saldatura; 5. Consegnare o fornire ogni altra informazione necessaria per soddisfare i requisiti richiesti dalla norma. 7 PERSONALE DI SALDATURA Personale di saldatura Uno dei requisiti maggiormente rilevanti contenuti nella norma ISO 3834 è quello dei saldatori ed operatori di saldatura. Tutti i saldatori od operatori di saldatura devono essere qualificati secondo una prova che deve essere conforme ai requisiti di qualità specificati nel prospetto 1 della ISO per le saldature ad arco, e a fascio elettronico e nel prospetto 10 della ISO per per gli altri procedimenti di saldatura per fusione. Una figura prevista dalla norma ISO 3834 è quello del coordinatore delle attività di saldatura che deve essere anch esso qualificato secondo quanto specificato nel prospetto 2 della ISO per le saldature ad arco, a fascio elettronico, la saldatura a gas e la saldatura laser e nel prospetto 10 della ISO per gli altri procedimenti di saldatura per fusione. Questa figura ha il compito di coordinare le attività di saldatura verificando l applicazione delle procedure di saldatura, la loro qualificazione (WPQR) e segnalando alla direzione tecnica aziendale ogni eventuale difformità o problematica sorta prima, durante e dopo le saldature. 8 PERSONALE ADDETTO A ISPEZIONI E PROVE Un ruolo di rilevante importanza è assunto dal personale addetto ai controlli non distruttivi, anch esso qualificato secondo quanto specificato nel prospetto 3 della ISO per le saldature ad arco, a fascio elettronico, la saldatura a gas e la saldatura laser e nel prospetto 10 della ISO per gli altri procedimenti di saldatura per fusione, e che ha il compito di verificare tramite controlli visivi o mediante l applicazione di liquidi penetranti o altra tecnologia disponibile in azienda. Le operazioni di controllo delle saldature sono svolte da personale qualificato per questa attività. 9 ATTREZZATURE La tecnologia ed il suo avanzare può portare miglioramenti continui all essere umano ed alle attività che svolge. Per questo la nostra azienda è dotata di attrezzature e macchinari con adeguate capacità di lavoro. Le attrezzature sono tutte inventariate e gestite secondo la procedura indicata nel SGQ aziendale. La nostra azienda effettua la saldatura MIG (Metal-arc Inert Gas) oppure MAG (Metal-arc Active Gas), oppure tutte e due indicate entrambe nella terminologia AWS come GMAW (Gas Metal Arc Welding - Saldatura ad arco con metallo sotto protezione di gas). La nostra azienda effettua saldare ad arco continuo ed è dotata di saldatrici composte dai seguenti componenti (vedi figura a fianco): 1. Torcia completa di fruste con funzione di generare l'arco fra il filo di apporto ed il materiale di base e portare il gas di protezione sul bagno di saldatura, 2. Massa, 3. Generatore di corrente d'arco (nelle macchine moderne il controllo della caratteristica d'arco è effettuato elettronicamente), 4. Meccanismo di avanzamento e controllo del filo, UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 4 di 11

5 5. Aspo avvolgi filo, 6. Bombola del gas di protezione dotate di manometri e flussimetro. Oltre alla manutenzione delle saldatrici queste necessitano di due operazioni periodiche: 1. La taratura di: Voltmetro e amperometro posti nel generatore di corrente; Manometri. La taratura deve essere registrata nel MD Schede di Taratura, si rimanda il trattamento a l succesivo 2. La verifica periodica con la pinza amperometrica della corretta indicazione dei Volt ed Amper del generatore. 10 SALDATURA E ATTIVITÀ CONNESSE PROCEDURA PER LA QUALITÀ DELLE SALDATURE. L azienda effettua giornalmente molte operazioni di saldatura, che incidono sulla qualità del prodotto. La presente procedura, riassume i criteri ed i requisiti che debbono possedere le saldature effettuate nella nostra azienda ed anche i fornitori esterni. Saldatura ed attività connesse Le attività di saldature rientrano nelle regole dettate per la generalità della produzione e pertanto sono pianificate, eseguite e controllate secondo quanto indicato successivamente- In possesso degli operatori di saldatura e dei saldatori, ci sono le procedure di saldatura (WPS) qualificate secondo quanto specificato nel prospetto 4 della ISO per le saldature ad arco, a fascio elettronico, la saldatura a gas e la saldatura laser e nel prospetto 10 della ISO per gli altri procedimenti di saldatura per fusione. Nel caso in cui non esista la procedura di saldatura richiesta dal cliente, il direttore tecnico con la collaborazione del coordinatore della saldatura provvede a elaborarla, verificando la presenza della WPQR di riferimento. Nel caso in cui la WPQR non sia presente, si provvederà ad eseguire la procedura di qualificazione secondo quanto di seguito indicato. Infatti, le WPQR, che qualificano le procedure di saldatura, devono essere elaborate secondo quanto specificato nel prospetto 5 della ISO per le saldature ad arco, a fascio elettronico, la saldatura a gas e la saldatura laser e nel prospetto 10 della ISO per gli altri procedimenti di saldatura per fusione. Le istruzioni di lavoro sono reperibili negli elaborati tecnici forniti dal cliente e dalle indicazioni contenute nel MD Scheda Saldatura, dove sono indicati : Il numero di procedura di saldatura da applicare; Il tipo di filo per la saldatura da utilizzare; La saldatrice da utilizzare; L operatore qualificato incaricato; Il n. di lotto del materiale di base; Il numero di lotto per il materiale di apporto. Nell IO Istruzione Operativa per la saldatura sono riportati in dettaglio i passaggi richiesti per la qualità estesa delle saldature. 11 MATERIALI DI APPORTO DI SALDATURA - 12 IMMAGAZZINAMENTO DEI MATERIALI BASE PROCEDURA PER LO STOCCAGGIO DEI MATERIALI DI BASE E DI APPORTO PER LA SALDATURA. Lo stoccaggio dei materiali di base e di apporto per le saldature deve essere eseguito in modo che i materiali di base, compresi quelli forniti dai clienti non subiscano danneggiamenti. In particolare per i materiali di apporto si deve evitare l assorbimento dell umidità, l ossidazione ed i danneggiamenti durante la movimentazione o durante la presenza in magazzino. Gli elettrodi devono essere stoccati in apposito spazio dedicato ed i pacchi aperti devono essere riposti nell apposito forno ubicato nei locali magazzino. In ogni caso, all atto della ricezione dei materiali di apporto, prima di effettuare lo stoccaggio della merce, si deve verificare che la presente procedura sia conforme alle raccomandazioni del fabbricante. In caso di difformità tra le istruzioni del fornitore e la presente procedura, l operatore richiederà l intervento del Direttore Tecnico o del Resp. di produzione per la corretta gestione dell immagazzinamento del materiale di base e di apporto per la saldatura. Tutto il materiale di base utilizzabile per le saldatura deve essere stoccato in una zona del magazzino dedicata ed identificata. All atto della ricezione del materiale utile per le saldature deve essere codificato ed identificato con codice interno appropriato e l identificazione deve essere mantenuta durante l immagazzinamento. La responsabilità della corretta applicazione della presente procedura è del Responsabile di Produzione e del Direttore Tecnico. UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 5 di 11

6 13 TRATTAMENTO TERMICO DOPO SALDATURA Non è previsto trattamento remico dopo la saldatura nelle nostre lavorazioni. La zincatura avviene sia a freddo che a caldo. Ma nel secondo caso non si raggiungono temperature tali da considerarle come trattamento termico. Oppure Trattamenti Termici dopo la saldatura. Di norma la nostra azienda non effettua trattamenti termici dopo la saldatura. In caso in cui si effettui trattamenti termici si applica quanto indicato nel prospetto 6 della ISO per le saldature ad arco, a fascio elettronico, la saldatura a gas e la saldatura laser e nel prospetto 10 della ISO per gli altri procedimenti di saldatura. 14 ISPEZIONI E PROVE Ispezioni e prove Le ispezioni e prove devono essere effettuati sia prima che durante che dopo la saldatura. Si devono seguire le prescrizioni indicate nel punto 14 della norma ed in particolare avendo attenzione a: Attività di ispezione e prova prima della saldatura - l idoneità e la validità dei certificati di qualificazione dei saldatori e degli operatori di saldatura; - l idoneità delle specifiche di procedura di saldatura; - l identificazione dei materiali base; - l identificazione dei materiali di apporto di saldatura; - la preparazione dei lembi (per esempio la forma e le dimensioni); - l accostamento dei lembi, il fissaggio e la puntatura del giunto; - eventuali requisiti particolari della specifica di procedura di saldatura (per esempio la prevenzione di distorsioni); - l idoneità delle condizioni di lavoro per la saldatura, incluse le condizioni ambientali. Attività di ispezione e prova durante la saldatura - i parametri essenziali di saldatura (per esempio corrente di saldatura, tensione d arco e velocità di avanzamento); - le temperature di preriscaldo e tra le passate; - la pulizia e la forma delle passate e degli strati di metallo depositato; - la solcatura al rovescio; - la sequenza di saldatura; - l uso e la manipolazione corretti dei materiali di apporto di saldatura; - il controllo delle distorsioni; - eventuali controlli intermedi (per esempio controlli dimensionali). Attività di ispezione e prova dopo della saldatura - mediante esame visivo effettuate da personale qualificato - mediante controlli non distruttivi effettuate da personale qualificato con metodi come liquidi penetranti, magnetoscopio, raggix. - mediante prove distruttive, effettuate da laboratori qualificati e/o accreditati; - forma e dimensioni della costruzione; - risultati e documenti di registrazione delle operazioni eseguite dopo la saldatura (per esempio trattamento termico dopo saldatura, invecchiamento). Il campionamento dei controlli viene stabilito in accordo con il cliente e riportato nel riesame tecnico e nei disegni generali e/po di officina. 15 NON CONFORMITÀ ED AZIONI CORRETTIVE Le eventuali non conformità che emergono nella conduzione delle varie attività sono registrate nel MD Rapporto Non Conformità. Nel MD Rapporto Non Conformità vengono indicati: i dati di identificazione della non conformità (numero progressivo, data, tipologia); la persona che l ha rilevata; la descrizione della non conformità (con cause e responsabilità); la descrizione dell eventuale risoluzione di non conformità (con tempi, modi e responsabilità) il controllo della risoluzione e l esito della stessa fino alla chiusura; i dati necessari per l analisi (tempo perso e/o costi). La procedura da seguire prevede che: a) l addetto che ha rilevato la non conformità la comunica al suo Responsabile di Funzione; UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 6 di 11

7 b) il Responsabile di Funzione identifica la tipologia di non conformità e registra nel MD Rapporto Non Conformità il problema riscontrato, le eventuali cause certe o presunte, le responsabilità, la data e la firma; c) il Responsabile di Funzione esamina la non conformità: Se, la N.C. è di immediata e facile risoluzione il Responsabile di funzione registra nel MD Rapporto Non Conformità la risoluzione della non conformità da lui ritenuta opportuna (chi, come ed entro quanto tempo), la data e la firma; d) in caso contrario può richiedere l intervento della Direzione. In caso di prodotti non conformi, sia materie prime che prodotti in corso di lavorazione che prodotti finiti, colui che stabilisce la risoluzione deve, secondo quanto disposto dalla norma al punto 8.3. anche segregare tali prodotti nelle aree appositamente predisposte ed identificate e/o comunque identificare tali prodotti con l apposizione di un cartello identificativo NON CONFORME e, ove opportuno, con la copia della non conformità; e) una volta che la risoluzione è stata attuata il Responsabile di Funzione esegue il controllo e ne registra l esito, la data e la firma. Se l esito è positivo la non conformità è considerata CHIUSA, altrimenti, ove tecnicamente ed economicamente sostenibile, si procede a stabilire una soluzione alternativa; f) dopo la chiusura della non conformità il Responsabile di Funzione esegue l analisi e la sintesi dei dati relativi ai tempi e costi affrontati per la gestione e consegna la documentazione (anche eventuali allegati) al Rappresentante della Direzione; g) il MD Rapporto Non Conformità (e gli eventuali allegati) è archiviato dal Rappresentante della Direzione secondo i tempi e modi riportati nella Procedura di gestione della documentazione ed è reso disponibile per l eventuale verifica da parte della Direzione e comunque per il MD Riesame della Direzione. In caso di situazioni particolarmente complesse e gravi è coinvolta la Direzione. 16 TARATURA E CONVALIDA DI ATTREZZATURE DI MISURA, ISPEZIONE E PROVA I macchinari e le attrezzature sono inventariate e riportate con un numero identificativo e la sua descrizione nel MD Elenco Macchinari dove viene pianificata e controllata la manutenzione ordinaria e straordinaria. Le manutenzioni delle singole macchine e attrezzature sono registrate sulla base della loro effettiva effettuazione sulla MD Scheda Manutenzione Macchine e Attrezzature. Le manutenzioni devono essere eseguite secondo le indicazioni del costruttore della macchina e/o attrezzature di norma indicate nel libretto d uso e manutenzione. I libretti d uso e manutenzione delle macchine sono conservati presso l ufficio amministrativo aziendale. Le apparecchiature di processo ed i servizi di supporto sono tenuti sotto controllo mediante il MD Programma di taratura, mentre nelle schede MD Scheda Strumento sono registrate le tarature periodiche degli strumenti. Gli strumenti di misurazione sono controllati attraverso il monitoraggio delle schede sopra indicate che deve essere effettuato a cura del Direttore Tecnico e del Responsabile di Gestione Qualità. Tutti gli strumenti di misura sono etichettati per l identificazione dello strumento, attraverso il numero interno strumento, la data dell ultima manutenzione, la data della prossima manutenzione, la data dell ultima taratura e data della prossima taratura. Il responsabile del funzionamento di detto processo è l RGQ che riporta sull etichetta la data e la firma. Anche i subappaltatori addetti al montaggio dovranno fornire la documentazione comprovante che gli strumenti utilizzati in cantiere di loro proprietà sono stati tarati. Nel caso in cui il subappaltatore non sia dotato di strumenti di misura tarati, dovrà utilizzare quelli della nostra dotazione. Prima di iniziare i lavori il subappaltatore dovrà fornire l idonea documentazione della taratura e l elenco degli strumenti di misura da lui utilizzati. Particolare attenzione viene rivolta ai macchinari e alle attrezzature presenti ed utilizzati nel processo di produzione, con riguardo alle attività che incidono sulla qualità del prodotto come la saldatura, la piegatura e il taglio che devono essere trattati secondo quanto indicato nel punto 16 della norma UNI EN ISO , che prevede la TARATURA E CONVALIDA DI ATTREZZATURE DI MISURA, ISPEZIONE E PROVA. In particolare, il costruttore deve essere responsabile dell adeguata taratura o convalida delle attrezzature per le misure, l ispezione e le prove. Tutte le attrezzature usate per valutare la qualità della costruzione sono adeguatamente controllate e devono essere tarate o convalidate a intervalli specificati. La verifica delle saldatrici avviene attraverso incarico a ditta esterna che provvede alla taratura dell amperometro e voltmetro con cadenza semestrale e a bisogno viene interpellata per eventuali problemi che sorgono durante il periodo di validità della taratura. 17 IDENTIFICAZIONE E RINTRACCIABILITÀ PROCEDURA PER LA RINTRACCIABILITÀ DEI MATERIALI BASE E DI APPORTO PER LA SALDATURE AI SENSI DEI PUNTI 11 E 12 DELLA NORMA 3834:2005 PARTE 2 E 4. UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 7 di 11

8 La presente procedura gestisce quanto contenuto nei paragrafi Identificazione e rintracciabilità della norma UNI EN ISO Intende anche gestire quanto indicato al paragrafo 17 della Identificazione Per identificazione di un materiale prodotti costituenti e/o prodotti componenti o KIT si intende la possibilità di riconoscere ed individuare lo specifico prodotto in un insieme di riferimento (es. contenitore) mediante un supporto informativo (es. cartellino, etichetta) che accompagna il componente o il materiale durante l intero processo di trasformazione. L azienda ha stabilito regole per l identificazione e la rintracciabilità dei componenti e prodotti al fine di assicurare: - una costante individuazione del prodotto nel flusso operativo - una puntuale conoscenza dello stato delle operazioni in atto nonché delle precedenti fasi che hanno consentito la realizzazione di un prodotto conforme ai requisiti definiti. I prodotti (parti, semilavorati e prodotti finiti) vengono identificati con una prassi consolidata: Le lavorazioni di realizzazione dei componenti procedono in successione (ciascun lavoro viene iniziato, solitamente dalla fase di taglio e segue il ciclo di produzione indicato nel paragrafo successivo). In queste condizioni non esiste il rischio di confusione tra componenti in corso di lavorazione e prodotti finiti. Nel centro di trasformazione di Corsalone sono presenti ed identificati: - Profili - Lamiere - Bulloni completi di viti e dadi e materiali di consumo - Filo di saldatura - prodotti costituenti assemblati I prodotti costituenti /materiali possono essere avviati alla successiva operazione solo se conformi. I materiali scartati o da riparare sono identificati mediante scritta sugli stessi (o imballaggio) e segregati nella specifica area in attesa di rilavorazione, riutilizzo o smaltimento. L azienda ha stabilito di applicare la rintracciabilità solo per componenti critici e il criterio di rintracciabilità segue lo schema sotto riportato che prevede di associare al numero di serie del singolo (identificato dal foglio di lavoro) con il lotto di acquisto del prodotto costituente/ materiale. - Lamiere Le lamiere sono identificabili all interno dello stabilimento produttivo in un area dedicata delimitata da paletti di colore giallo. Le singole aree sono delimitate per spessore da 3 mm fino 20 mm e nella prima fila viene riposto l acciaio in lamiera di tipo S275 mentre nella seconda fila, adiacente al muro di cinta, viene stoccata la lamiera S355. I cartellini di identificazione della lamiera sono posti sul paletto in un busta e il cartellino riporta: - spessore - qualità Un'altra etichetta viene apposta direttamente sul pacco di lamiere, provenienti dalla medesima colata, e riporta: - Fornitore - N DDT - Data del DDT - Spessore - Il codice interno (ID=IDENTIFICATIVO), attribuito secondo le modalità indicate nel successivo punto. - Profili I profili sono identificabili attraverso l apposizione da parte del fornitore con marcatura a punzone della marca finale del componente che è univoca e che corrisponde alla marca indicata nel disegno del progetto. I profili sono stoccati in una apposita area ubicata nella campata centrale dello stabilimento - Bulloni completi di viti e dadi e materiali di consumo Il materiale di consumo, bulloni (viti e dadi), rivetti ecc.ecc., detenuti in piccoli stock legati a necessità contingenti, sono identificati all interno del magazzino ubicato nella zona davanti alla macchina per il taglio laser. Il personale della carpenteria ha in dotazione una carretta con gli attrezzi ed i materiali di consumo che sono identificati all atto della consegna al lavoratore con la firma del MD Dotazione attrezzi e materie di consumo, mentre i saldatori utilizzano la dotazione della postazione di saldatura, che è controllata sempre attraverso il modulo sopra indicato. - Filo di saldatura Il filo di saldatura viene identificato attraverso il codice del lotto di produzione attribuito dal produttore e rintracciabile sulla con marcatura a punzone della marca finale del componente che è univoca e che corrisponde alla UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 8 di 11

9 marca indicata nel disegno del progetto. Il filo di saldatura è stoccato presso i locali MAGAZZINO DEL FILO DI SALDATURA ubicati nell ultima campata nell angolo destro entrando nel fabbricato. p- rodotti costituenti assemblati I componenti assemblati/prodotti finiti sono identificabili attraverso il n. serie (che corrisponde alla marca finale del componente riportata nel disegno di officina, (normalmente il n. serie è fornito dal cliente attraverso il packing list, oppure viene attribuito dall ufficio tecnico interno) univoco per ogni componente. In caso di richiesta specifica si riporta anche il nome del cliente su una targhetta metallica. I prodotti finiti sono stoccati nel piazzale esterno oppure nel capannone nei pressi dell ingresso principale. Rintracciabilità Per rintracciabilità di un prodotto costituente / materiale, componente o prodotto, si intende un processo a ritroso che consente di risalire a quelle informazioni del processo di trasformazione necessarie per attestare la conformità del materiale stesso ai requisiti definiti. Ciò permetterà, partendo da una fornitura non conforme di identificare il componente e di comunicare al cliente il riferimento al numero di serie del prodotto o del KIT coinvolto dalla difettosità stessa. E predisposto un Registro dei prodotti finiti dove sono registrati i numeri di serie, la data ed il nome del cliente, tale registrazione è strettamente correlata con l Attestazione di consegna e la Specifica che, per ciascun componente o per il KIT, sono conservate per 10 anni e che permettono l identificazione univoca del cancello e dei suoi componenti Rintracciabilità dei prodotti costituenti: Nel momento in cui l offerta viene accettata e diventa ordine, questo viene archiviato in un fascicolo insieme ai disegni progettuali e/o ai disegni di officina. Approvvigionamento dei prodotti costituenti e del materiale: Generalmente, i prodotti costituenti/materiali sono richiesti al fornitore già forati e tagliati a misura con marcatura a punzone della marca finale del componente che è univoca e che corrisponde alla marca indicata nel disegno del progetto. La codifica della marcatura dei singoli pezzi, comunicata al fornitore con l ordine o successivamente con e mail, è composta da : - numero commessa interna - numero/marca corrispondente alla marca indicata nel disegno I prodotti costituenti il componente vengono tagliati in officina (taglio laser) e marcati singolarmente con la marca riportata nel disegno e il codice identificativo della lamiera originale. Lamiere La codifica delle lamiere avviene nel seguente modo: lettera maiuscola = anno (es: A=2013; B=2014; C=2015..) segue; lettera L = Lamiera segue; Numero cronologico che attribuito secondo l ordine di arrivo delle lamiere. L azienda acquista le lamiere a coils, cioè pacchi da 1 o più fogli appartenenti alla stessa colata; in caso di fornitura di lamiere appartenenti a più colate, queste saranno identificate con codice univoci separati per colata. Di seguito si fornisce due esempi di codifica (ID=IDENTIFICATIVO), la prima delle lamiere all all arrivo nel centro di trasformazione e la seconda della lamiera lavorata al taglio. ESEMPIO 1 A L 1 Anno Lamiera Numero progressivo di arrivo Il prodotto ottenuto dall assemblaggio di più pezzi ottenuti da una lamiera, ad esempio un fazzoletto, riporterà la seguente codifica ESEMPIO 2 A L P 77 UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 9 di 11

10 Identificativo lamiera Numero Posizione o marca come Commessa Interna da disegno All atto dell arrivo del materiale Il responsabile dell approvvigionamento, avuto l ok dall addetto alla verifica dei prodotti in entrata, provvede ad attribuire il codice al coils di lamiera registrandolo sul MD controlli in entrata. Successivamente il MD controlli in entrata viene prelevato dall apposita cassettina dall RQ responsabile qualità che provvede a registrare il lotto nel MD registro rintracciabilità lamiere dove riporta i seguenti dati: - Codice materiale lamiere - Descrizione - Peso (kg) - Fornitore - N. Lotto interno - Colata - N Certificato - N DDT ingresso - N Pezzi - N commessa interna. Una volta compilato il modulo MD registro rintracciabilità lamiere, viene consegnato in produzione all assemblatore il disegno esecutivo di officina che contiene il cartiglio con i codici ed i dati relativi ai singoli prodotti costituenti del componente da realizzare. L assemblatore provvede a registrare il codice della lamiera, reperibile sul singolo prodotto costituente, nell apposita colonna del cartiglio, coerentemente con i codici dei pezzi effettivamente assemblati. Alla fine dalla realizzazione del componente il cartiglio ritorna all ufficio tecnico che provvede a registrare i dati dei codice/marche dei singoli prodotti costituenti sul MD rintracciabilità completa. In quella sede l ufficio tecnico controlla l esattezza delle operazioni effettuate e provvede all archiviazione nella cartellina della commessa. Profili I profili sono rintracciabili attraverso tutto il ciclo di produzione e fino alla consegna del cliente attraverso il numero di serie che corrisponde alla marcatura a punzone della marca finale del componente che è univoca e che corrisponde alla marca indicata nel disegno del progetto, apposta dal fornitore del profilo su nostra specifica. Infatti, il profilo arriva presso la nostra sede accompagnato dal DDT (nel quale vengono riportate tutte le marche dei singoli pezzi) e dai certificati di qualità dei materiali (materiale acquistato è sempre marcato CE) sui quali è possibile risalire alle caratteristiche meccaniche e chimiche dei prodotti costituenti. Tutti i profili da noi ordinati sono dunque marcati dal fabbricante su nostra richiesta con il codice identificativo, (che viene indicato nell ordine di acquisto) e che corrisponde alla marca del componente indicata nei disegni del progetto. Infine l ufficio tecnico provvede alla conservazione e archiviazione della documentazione sopra riportata e la responsabilità della presente procedura è del DT e del RP. RINTRACCIABILITA DURANTE LE FASI DI LAVORAZIONE: Il nostro ciclo di produzione prevede 5 fasi principali eseguite nel nostro centro di trasformazione che sono: o Taglio o Foratura o Formatura a freddo o assemblaggio o saldatura: Il nostro sistema di rintracciabilità, oltre che prevedere la tracciabilità dei materiali, intende avere sotto controllo tutto quello interessa la commessa e che è coinvolto nella produzione dei componenti. Per questo motivo tutte le fasi del ciclo di produzione sono monitorate sia per quanto riguarda il personale utilizzato (qualifiche, autorizzazioni, patenti), sia per quanto riguarda le macchine, le attrezzature e gli strumenti di misura ( Manutenzioni e taratura), che per i materiali di apporto, di base e di consumo. Di norma durante l esecuzione dei lavori, all operatore viene fornito il disegno di officina esecutivo del singolo pezzo. Per ogni fase di lavoro sono previste delle registrazioni sui moduli compilati a cura degli operatori e dei responsabili del processo di produzione che permettono di rintracciare nella totalità tutte le risorse immesse nel prodotto. Di seguito, anche per semplificazione si riepilogano le procedure previste per la rintracciabilità durante il ciclo di produzione. - Taglio e Foratura UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 10 di 11

11 Nella fase di taglio e foratura si utilizza la distinta di taglio fornita dall ufficio tecnico e la rintracciabilità è garantita dalle registrazioni indicate nel MD Controlli Taglio Termico e Foratura, che riportano i seguenti dati: - Il nome dell operatore - Il nome ed il numero della macchina utilizzata; - Il codice ID della lamiera utilizzata - Il codice del particolare da sviluppare coincidente con il codice presente nel disegno di officina. - Le registrazioni dei controlli effettuati durante le lavorazioni specifiche; Gli sfridi generati dalla lavorazione del taglio sono identificati attraverso un cartellino adesivo che l operatore addetto al taglio e foratura compila avendo cura di indicare il codice ID della lamiera o del profilo originale che ne identifica la provenienza. In caso di riutilizzo dello sfrido sarà possibile rintracciare, attraverso il codice ID l origine del prodotto componente. Formatura a freddo Per la fase di piegatura la rintracciabilità è garantita dall utilizzo e dalle registrazioni indicate nel MD Controllo lavorazioni di formature a freddo che riporta: - Il nome dell operatore - Il nome ed il numero della macchina utilizzata; - Il codice ID della lamiera utilizzata - Il codice del particolare da sviluppare coincidente con il codice presente nel disegno di officina. - Le registrazioni dei controlli effettuati durante le lavorazioni specifiche; Assemblaggio e saldatura: Riguardo la saldatura e l assemblaggio le operazioni di rintracciabilità sono eseguite dal personale addetto all assemblaggio e alla saldatura, che registra sul MD. Scheda di saldatura i seguenti dati utili per la rintracciabilità: - Il nome dell operatore - Il nome ed il numero della saldatrice utilizzata; - Il codice ID della lamiera utilizzata - Il codice ID del profilo - Il numero di lotto del filo di apporto utilizzato - Il codice del particolare da sviluppare coincidente con il codice presente nel disegno di officina. - Le registrazioni dei controlli effettuati durante le lavorazioni specifiche; L operatore addetto all assemblaggio riporta il codice/marca sul componente prodotto con un pennarello bianco indelebile. Sul retro del foglio vengono apposti due timbri, uno relativo all assemblaggio ed uno alla saldatura. Per quanto riguarda il primo aspetto viene riportato il nome del fornitore del materiale, la data di inizio assemblaggio del pezzo, il nome dell operatore ed infine il controllo dimensionale e visivo effettuato. Per quanto riguarda invece la saldatura vengono riportate sul timbro la data di inizio saldatura, il nome del saldatore, la WPS utilizzata, il filo di saldatura, il CND e l esaminatore. Una volta assemblato e saldato il componente finito viene cartellinato con una targhetta punzonata legata al pezzo stesso che riporta il codice della marca del disegno di officina corrispondente. La targhetta è realizzata con la pistola a punzone da un addetto, su indicazioni dell ufficio tecnico, controllando la rispondenza delle indicazioni con il codice/marca indicata sul componente con il pennarello. In caso di verifica negativa dei codici indicati, l addetto provvede ad avvertire l ufficio tecnico che aprirà una procedura di Non Conformità, verificando a ritroso la causa della NC., ed attivandosi per l applicazione delle dovute azioni correttive necessarie. RESPONSABILITA La responsabilità dell applicazione della presente procedura è il RQ Responsabile della Qualità e Il DT e il Responsabile della produzione per l applicazione in produzione della presente procedura. 18 DOCUMENTI DI ATTESTAZIONE DELLA QUALITÀ Inserire eventuali documenti utilizzati per l attestazione della qualità. UNI EN ISO 3834:2006 parte 2 Pag. 11 di 11

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI:

NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: UNI EN 3834 -Requisiti per la qualità della saldatura UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità UNI EN ISO 9001 -Sistemi di gestione qualità Centri di trasformazione:

Dettagli

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi

UNI EN ISO 3834. Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici. info@marcelomartorelli.mobi UNI EN ISO 3834 Requisiti di qualità per la saldatura per fusione dei materiali metallici Introduzione alle norme UNI EN ISO 3834:2006 Perché considerare la UNI EN ISO 3834:2006 nella propria azienda?

Dettagli

CENTRO DI TRASFORMAZIONE

CENTRO DI TRASFORMAZIONE DEFINIZIONE (NTC 11.3.1.7): Un impianto esterno alla fabbrica... che riceve dal produttore di acciaio elementi base... e confeziona elementi strutturali direttamente impiegabili in cantiere I centri di

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori

SCHEMA. Mandato CEN M/120 - Prodotti metallici per impiego strutturale e loro accessori SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE di componenti per strutture di acciaio e d alluminio cui alla norma UNI EN 1090-1:2012 0 STORIA Edizione

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C.

MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA - F.P.C. MANUALE DEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE IN FABBRICA RIFERITO ALLA NORMA EN 1090-1:2009+A1:2011 Esecuzione di strutture di acciaio e di alluminio - Parte 1: Requisiti per la valutazione di conformità dei

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo SC001 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO. 0.2 Documenti IGQ di riferimento. Edizione 2 06/10/10 SCHEMA per la certificazione dei tubi di acciaio per il convogliamento di acqua e di altri liquidi acquosi, di cui alla norma UNI EN 10224 - Ed. Marzo 2006 Il presente documento è stato approvato dalla

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP004 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei profilati cavi di acciai non legati e a grano fine per impieghi strutturali di cui alle norme UNI

Dettagli

Know how in pillole: Il COORDINATORE DELLA SALDATURA Welding Coordinator Competenze e Responsabilità nei Sistemi UNI EN ISO 3834 e UNI EN 1090

Know how in pillole: Il COORDINATORE DELLA SALDATURA Welding Coordinator Competenze e Responsabilità nei Sistemi UNI EN ISO 3834 e UNI EN 1090 Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie di Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV costituiti o in fase di costituzione. Questa volta la pillola formativa si riferisce al

Dettagli

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA

MODULI DI CONFORMITA I & F BUREAU VERITAS ITALIA MODULI DI CONFORMITA DIRETTIVA 97/23/EC del 29/05/1997 MODULO A (Controllo di fabbricazione interno) Nell ambito di questa procedura il fabbricante si accerta e dichiara che le attrezzature a pressione

Dettagli

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA

FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA FACSIMILE DI PROCESSO DI REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI POSA IN OPERA DE TALI s.n.c. Di Tali R. & Tizio F. Via per Dovado, 95/A 790344 Vattelapesca (ZZ) SEZ. 1 Redatto Consulente

Dettagli

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE Documentazione di conformità secondo le nuove Norme Tecniche delle Costruzioni (DM 14 Gennaio 2008) Ing. Lorenzo Di Gregorio PRESIDER Srl Bastia Umbra,

Dettagli

4.6 APPROVVIGIONAMENTO

4.6 APPROVVIGIONAMENTO Unione Industriale 43 di 94 4.6 APPROVVIGIONAMENTO 4.6.1 Generalità Il capitolo indica le modalità con le quali la filatura conto terzi deve gestire il rapporto di subfornitura nell ambito di un sistema

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP003 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO SCHEMA per la certificazione del controllo della produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti laminati a caldo di acciai per impieghi strutturali di cui alla norma UNI EN 10025-1, edizione

Dettagli

Riunione Ispettori CSI Spa. Milano, 21 Novembre 2014

Riunione Ispettori CSI Spa. Milano, 21 Novembre 2014 Riunione Ispettori CSI Spa Milano, 21 Novembre 2014 LA NORMATIVA NAZIONALE ( e quella UE) GLI ATTORI COINVOLTI D.M. 14.09.2005 Nuove Norme Tecniche Costruzioni D.M. 14.01.08 Nuove Norme Tecniche Costruzioni

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA

CONDIZIONI GENERALI DI FORNITURA 1 SCOPO... 1 2 RIFERIMENTI... 1 3 APPLICABILITÀ... 1 4 CLAUSOLE GENERALI... 2 4.1 Accesso allo stabilimento... 2 4.2 Riservatezza... 2 4.3 Sub-fornitura... 2 4.4 Garanzia... 2 5 DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

MANUALE QUALITÀ - PROCEDURE

MANUALE QUALITÀ - PROCEDURE 1 10/10/2010 1 5 INDICE.1 SCOPO.2 GENERALITÀ.3 MODALITÀ OPERATIVE.4 RESPONSABILITÀ.5 DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO.6 DISTRIBUZIONE Preparato da Sergio Pischiottin Approvato da Direzione Alessandro Infanti

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA RINA Services S.p.A. LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA 1. Il panorama normativo: opere

Dettagli

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE

QUESTIONARIO QUALIFICAZIONE FORNITORE Data: Spett.le Società vi informiamo che (inserire nome azienda) ha attivato un sistema di valutazione, qualificazione e monitoraggio dei propri fornitori. Nell ambito del nostro Sistema di Gestione della

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Condizioni generali di fornitura Specifica AERON

Condizioni generali di fornitura Specifica AERON INDICE 1 - SCOPO...2 2 APPLICABILITÀ E RESPONSABILITÀ...2 3 - RIFERIMENTI E DEFINIZIONI...2 4 - DESCRIZIONE ATTIVITÀ...3 4.1 ACCESSO ALLO STABILIMENTO...3 4.2 IMBALLO PER LA SPEDIZIONE (IN AGGIUNTA AL

Dettagli

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione NORMA ITALIANA Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione UNI 11024 GENNAIO 2003 Quality requirements

Dettagli

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008

Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 75 Convegno ATE - ASSOCIAZIONE TECNOLOGI PER L EDILIZIA: Le Saldature in Cantiere Centri di Trasformazione: requisiti secondo il D.M. 14 gennaio 2008 Materiale a cura di: P.I. BENEDETTO SCOTTI (AREA CONSULTING

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori.

SCHEMA. Mandato CEN M/120 Prodotti metallici per impieghi strutturali e loro accessori. SCHEMA per la certificazione del controllo di produzione in fabbrica ai fini della marcatura CE dei prodotti di alluminio e di leghe di alluminio cui alla norma UNI EN 15088:2006 0 STORIA Edizione 0 08/06/2012

Dettagli

UNI EN ISO 15614-2 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici - Prove di

UNI EN ISO 15614-2 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici - Prove di DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Il presente Regolamento definisce le modalità di qualificazione e certificazione delle seguenti Figure Professionali: Saldatore: persona che esegue manualmente l operazione

Dettagli

NOTE TECNICHE IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA.

NOTE TECNICHE IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA. IL PIANO DI CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI FABBRICA. Marcatura CE dei serramenti, facciate continue, chiusure oscuranti, cancelli e porte industriali, commerciali e da garage. 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE.

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami

PROCEDURA SGQ. PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami PROCEDURA SGQ PRO-NCC Procedura per la Gestione delle non conformità, azioni correttive, reclami Rev. 02 Data 31.01.2011 INDICE GENERALE 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI...2 3.1

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Il controllo tecnico delle strutture metalliche

Il controllo tecnico delle strutture metalliche Il controllo tecnico delle strutture metalliche Marco Torricelli, Ingegnere, Controllo Tecnico Strutture Il controllo tecnico delle strutture metalliche è regolato dal Decreto Ministeriale del 14/1/08

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI

INDICE. Istituto Tecnico F. Viganò PROCEDURA PR 01. Rev. 2 Data 20 Maggio 2009. Pagina 1 di 9 TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI INDICE 1 di 9 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI 4. RESPONSABILITÀ 5. MODALITÀ OPERATIVE 5.1. Redazione e identificazione 5.2. Controllo e verifica 5.3. Approvazione 5.4.

Dettagli

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE

AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica INDICE Pag.: 1/7 REDAZIONE A CURA DI Francesca Valvo RSGQ DOCUMENTO APPROVATO DA Gabriella Ianni Direzione SEA Abruzzo Emissione AGGIORNAMENTI Ed. Data Descrizione Verifica 01 2011-10-10 Prima Emissione RSGQ

Dettagli

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it

Agrigento, 18 giugno 2014. Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.234 r.dellamotta@giordano.it . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 Specificazione e qualificazione delle procedure di saldatura per materiali metallici come richiesto dalla EN

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

PROCEDURA DELLA QUALITÀ

PROCEDURA DELLA QUALITÀ Pagina 1 di 8 PROCEDURA DELLA QUALITÀ GESTIONE DEL PRODOTTO NON CONFORME INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE COLLEGATE 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 4. MODALITA

Dettagli

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM

LICEO ERASMO DA ROTTERDAM LICEO ERASMO DA ROTTERDAM APPROVVIGIONAMENTO Ambito funzionale Gestione delle risorse 1 Liceo ERASMO DA ROTTERDAM INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ 1.4 ORDINI DI ACQUISTO

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu

EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu EN 1090?? Lorch Schweißtechnik GmbH www.lorch.eu DM 14-01-2008 Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni EN 1090 Marcatura CE delle strutture in acciaio UNI EN ISO 3834.1:2006 Requisiti di Qualità per la

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

- SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2

- SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2 - SCHEDA ANAGRAFICA - VALUTAZIONE PREVENTIVA DEL FORNITORE Pag.1 di 2 Ragione sociale: C.F./P.I.: Indirizzo: C.A.P.: Città: Prov.: Tel.: Fax.: e-mail: Capitale sociale: : Fatturato degli ultimi 3 anni:

Dettagli

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI

TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Rev.0 Data 10.10.2002 TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI Indice: 1.0 SCOPO 2.0 CAMPO DI APPLICAZIONE 3.0 RIFERIMENTI E DEFINIZIONI 4.0 RESPONSABILITÀ 5.0 MODALITÀ ESECUTIVE 6.0 ARCHIVIAZIONE 7.0

Dettagli

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205

EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001. Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 EN9100:2003 * I requisiti aggiuntivi rispetto alla ISO 9001 Torino, 6 Luglio 2005 Caserta, 12 luglio 205 Sommario Come è nata la EN 9100 Gli Standard Aerospaziali Emessi In studio La Norma EN 9100 - I

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

International Studies Ltd

International Studies Ltd www.internationalstudies.ltd.uk info@internationalstudies.ltd.uk pag. 1 di 6 Utilizzo dell acciaio in edilizia mediante saldatura e redazione delle WPS L'impiego dei processi di saldatura nel settore delle

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

La marcatura CE per le pietre naturali

La marcatura CE per le pietre naturali La marcatura CE per le pietre naturali Volargne,, 28-11-2006 Clara Miramonti Funzionario Tecnico Divisione Costruzioni UNI Norme europee armonizzate sui prodotti di pietra per pavimentazioni esterne 21

Dettagli

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO La marcatura CE UNI EN 1090-1. Il primo passo è il conseguimento dell Attestato di Denuncia Attività da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e l iscrizione

Dettagli

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro

Titolo. Revisione 00. Data 2010-09-21. Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione. Entrata in vigore. Il Coordinatore del Gruppo di Lavoro Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei Centri di contatto in accordo alla UNI EN 15838, seguendo i criteri della UNI 11200. Directives for accreditation

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO

REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria (RN) tel. ++39/0541/343030 - telefax ++39/0541/345540 pag.1/7 REGOLE PARTICO- LARI DI SCHEMA PER COLLANTI PER PAVIMENTAZIONI IN LEGNO Contenuti Capitolo

Dettagli

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7.

INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 5. SICUREZZA MAGAZZINO 6 6. RESPONSABILITÀ 7 7. Foglio 2 di 8 INDICE 1. SCOPO 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3. DEFINIZIONI 3 3.1. Abbreviazioni 3 4. MODALITÀ OPERATIVE 3 4.1. Controlli in ingresso 3 4.2. Gestione del magazzino e delle aree di stoccaggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv.

MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI IN CORDA BIMETALLICA IN ALLUMINIO-ACCIAIO PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE 66, 132 E 150 kv. Codifica: DI.TCTE. STF.LP/TE 41 - Ed. 10/1999 1 di 11 MORSETTI DI SOSPENSIONE PER CONDUTTORI PER LINEE PRIMARIE A TENSIONE NOMINALE Parte PARTE I PARTE II ALLEGATI Oggetto GENERALITA REQUISITI E DESCRIZIONI

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE

1. INTRODUZIONE 2. VALUTAZIONE PRELIMINARE DEL FORNITORE PQO.07 Pagina N : 1 Elaborato RESP. UFF. ACQUISTI : N Tot. Pagine: 8 Indice Rev.: 1 Verificato DIRETTORE GENERALE: Data emissione: 01-09-2004 Approvato RESP. ASS. : 1. INTRODUZIONE Nel presente Capitolato

Dettagli

DOMANDA DI CERTIFICAZIONE

DOMANDA DI CERTIFICAZIONE DOMANDA DI CERTIFICAZIONE del Factory Production Control (FPC) ai sensi della norma EN 1090-1 e/o del sistema di qualità per la saldatura per fusione secondo EN 3834 (Trasmettere la presente domanda ad

Dettagli

Regole particolari per la certificazione di procedimenti di brasatura (BPS) e di saldatura (WPS)

Regole particolari per la certificazione di procedimenti di brasatura (BPS) e di saldatura (WPS) Regole particolari per la certificazione di procedimenti di brasatura (BPS) e di saldatura (WPS) 1 31-05-2013 Aggiunta cert. procedimenti di saldatura ISP ISG DIR 0 22-03-2013 Emissione cert. Procedimento

Dettagli

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE EN 14342:2005+A1:2008:

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

, ' *-- ' " $!,"""&& # " $%

, ' *-- '  $!,&& #  $% ! "#$ %"&"" $$' " (#! %")" * +'#!", ' *-- ' " $!,"""&& # " $% &' ())* %")" + +' # ++,! " %"" '+'$ " $( ++ %"&"" ' " '! $- &(.)'.())/ &/0 # $ %. " (' ' 1 + $ *2.&)/.33./ 0' 12' 3, & 4 5 3./.22, 4) 5 " &

Dettagli

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file:

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file: Procedura Gestionale PG-10 Indice: 1. Scopo e campo di applicazione 2. Riferimenti e definizioni 3. Responsabilità 4. Attività REV. DATA DESCRIZIONE REDATTO COMPLIANCE MANAGER Angelo Parma APPROVATO DIRETTORE

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI

APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI Pag.1 di 6 APPROVVIGIONAMENTO E QUALIFICA DEI FORNITORI 1. Scopo e campo di applicazione 2. Terminologia e abbreviazioni 3. Responsabilità 4. Modalità operative 5. Riferimenti 6. Archiviazione 7. Allegati

Dettagli

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3

1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 del 13 11 2012 Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2 RIFERIMENTI... 2 3 SIGLE E DEFINIZIONI... 2 4 RESPONSABILITA...3 5 PROCEDURA...3 5.1 Programmazione delle attività...3 5.2 Documentazione...

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008

SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 SCHEMA PER LA CERTIFICAZIONE DELLE SCAFFALATURE COMMERCIALI DI SERIE SECONDO LA NORMA UNI 11262-1:2008 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione Prodotti il 06/10/2010. L originale è conservato

Dettagli

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Definire le modalità e le responsabilità per la gestione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR DI S.G.Q. NEL SETTORE COSTRUZIONI E IMPIANTI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH84 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

Termini e Definizioni

Termini e Definizioni Convegno L ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI PER LA SICUREZZA ALIMENTARE Roma 25-26 ottobre 2005 GESTIONE della DOCUMENTAZIONE Petteni A. & Pistone G. Termini e Definizioni GESTIONE Attività coordinate per

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE Procedura Operativa APPROVVIGIONAMENTO E GESTIONE MAGAZZINO REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 00 OTTOBRE 2015 INDICE Farmacista Specializzando Dott. Cataldo Procacci

Dettagli

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico

Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico Linee Guida per la stesura del Documento Tecnico relativo alle certificazioni di prodotto agroalimentare di cui al Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità del prodotto agroalimentare

Dettagli

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01

ALLEGATO ALLA PROCEDURA PROCEDURA N. PQ 7.4-01 N. SOMMARIO PAGINA 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI E DOCUMENTI RICHIAMATI 2 4 TERMINI E DEFINIZIONI 2 5 RESPONSABILITÀ 2 6 MODALITÀ OPERATIVE 2 TIPO COPIA N. COPIA DESTINATARIO/ UBICAZIONE

Dettagli

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP

ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI USDA / NOP ORGANIC SYSTEM PLAN TRASFORMATORI PRODOTTI APISTICI MASTER 205 1 REQUISITI DELL AZIENDA PREREQUISITI ISCRIZIONE ALLA CAMERA DI COMMERCIO AUTORIZZAZIONE SANITARIA DISPONIBILITÀ DI ACQUA POTABILE (VERIFICARE

Dettagli

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI

PROCEDURA ORGANIZZATIVA AUDIT INTERNI Pagina 1 di 9 INDICE: 1. SCOPO 2. APPLICABILITÀ 3. CONFORMITÀ 4. RESPONSABILITA 5. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO 6 ACRONIMI UTILIZZATI NELLA PROCEDURA 7. DESCRIZIONE DELLA PROCEDURA 8. MODULISTICA 9 ALLEGATI

Dettagli

«Gestione dei documenti e delle registrazioni» 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALITA... 2 3 RESPONSABILITA... 2 4 DEFINIZIONI...

«Gestione dei documenti e delle registrazioni» 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALITA... 2 3 RESPONSABILITA... 2 4 DEFINIZIONI... Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALITA... 2 3 RESPONSABILITA... 2 4 DEFINIZIONI... 2 5 RESPONSABILITA... 2 5.3 DESTINATARIO DELLA DOCUMENTAZIONE... 3 6 PROCEDURA... 3 6.1

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA

CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA ultimo aggiornamento: luglio 2012 1 GENERALITA...2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3 CONDIZIONI DI FORNITURA...2 3.1 ACCETTAZIONE ORDINI...2 3.2 IDENTIFICAZIONE E RINTRACCIABILITA...3

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER ESPERTO TECNICO DI MISURE Specializzazione Misure Meccaniche Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH94 Pag. 1 di 7 PER LA QUALIFICAZIONE DEI CORSI PER 1 26.09.2002 Rev. Generale

Dettagli

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova Perugia, 30 giugno 2005 D.ssa Daniela Vita ISO/IEC 17025:2005 1 Differenza tra UNI EN ISO 9001:2000 e ISO/IEC 17025:2005 La norma UNI EN ISO 9001:2000 definisce

Dettagli

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834

Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 I.S.I.S. A. Malignani - Udine Implementazione e certificazione del sistema di gestione per la qualità in conformità alle norme ISO 9001 -ISO 3834 09/06/2011 Franco Diracca - Quasar srl Cosa chiede la legge?

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 07 RINTRACCIABILITÁ DEGLI ALIMENTI E GESTIONE DI PRODOTTI ALIMENTARI POTENZIALMENTE PERICOLOSI INDICE DI REVISIONE 0 SCOPO Copia conforme

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA QUALITA 1 di 11 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI FORNITURE DI PRODOTTI SULLA BASE DI DOCUMENTI DI PIANIFICAZIONE DELLA Parte PARTE I I.1 PREMESSA Titolo I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO

M180 Rev. 0 Pag. 1 di 5 CONDIZIONI GENERALI DI QUALITÀ SOMMARIO Pag. 1 di 5 SOMMARIO SOMMARIO...1 1. GENERALITA...2 1.1.1. Criteri di qualifica... 2 1.1.2. Sviluppo sistema qualità fornitore... 2 1.1.3. Attività di Valutazione... 2 1.1.4. Valutazione annuale... 2 1.1.5.

Dettagli

Il contesto legislativo nazionale ed europeo: traguardi acquisiti e criticità del sistema a quattro anni dal DM 14 Gennaio 2008

Il contesto legislativo nazionale ed europeo: traguardi acquisiti e criticità del sistema a quattro anni dal DM 14 Gennaio 2008 Associazione Costruttori Acciaio Italiani Il contesto legislativo nazionale ed europeo: traguardi acquisiti e criticità del sistema a quattro anni dal DM 14 Gennaio 2008 8 Ottobre 2013, Milano Marco Perazzi

Dettagli

Gestione dei documenti e delle registrazioni Rev. 00 del 11.11.08

Gestione dei documenti e delle registrazioni Rev. 00 del 11.11.08 1. DISTRIBUZIONE A tutti i membri dell organizzazione ING. TOMMASO 2. SCOPO Descrivere la gestione della documentazione e delle registrazioni del sistema di gestione 3. APPLICABILITÀ La presente procedura

Dettagli

Manuale della qualità. Procedure. Istruzioni operative

Manuale della qualità. Procedure. Istruzioni operative Unione Industriale 19 di 94 4.2 SISTEMA QUALITÀ 4.2.1 Generalità Un Sistema qualità è costituito dalla struttura organizzata, dalle responsabilità definite, dalle procedure, dai procedimenti di lavoro

Dettagli

Trieste 28 Febbraio 2011

Trieste 28 Febbraio 2011 CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE ISO 3834: 2009 Requisiti di qualità della saldatura per fusione dei materiali metallici Trieste 28 Febbraio 2011 Roberto Silvestrin I patentini per la saldatura I

Dettagli

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente

8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO. 8.1 Generalità 8.2 MONITORAGGI E MISURAZIONI. 8.2.1 Soddisfazione dei cliente 8 MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO 8.1 Generalità l I.I.S. G.Antonietti, allo scopo di assicurare la conformità del proprio Sistema di Gestione della Qualità alla norma di riferimento UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Modifiche alla fascicolazione tecnica: Come noto la fascicolazione tecnica di un dispositivo medico su misura, che

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli