AMPLIFON S.P.A. VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 18 APRILE 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AMPLIFON S.P.A. VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 18 APRILE 2012"

Transcript

1 AMPLIFON S.P.A. VERBALE DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI DEL 18 APRILE 2012 Il giorno 18 aprile 2012 alle ore hanno inizio in Milano, Via Ripamonti, 131/133 i lavori dell assemblea ordinaria di Amplifon S.p.A.. Assume, ai sensi dell art. 11 dello Statuto sociale, la Presidenza dell adunanza la Signora Susan Carol Holland nella sua veste di Presidente del Consiglio di Amministrazione. Premette che con avviso pubblicato sul quotidiano Finanza e Mercati in data 8 marzo 2012 è stata indetta in questo luogo ed ora l Assemblea degli Azionisti di Amplifon S.p.A.. Comunica che, al fine di verificare ed assicurare il regolare svolgimento dell Assemblea (in coerenza con lo Statuto della Società), ha costituito un Ufficio composto da personale di fiducia, che hanno provveduto e provvederanno nel seguito dei lavori assembleari a verificare l identità personale degli intervenuti e la regolarità delle certificazioni attestanti la titolarità delle azioni, nonché delle deleghe in conformità alle vigenti disposizioni normative, documenti che dichiara acquisiti agli atti della Società. Informa che, sulla base di tali verifiche, risultano finora presenti n. 6 (sei) persone portatrici, in proprio o per delega, di n azioni ordinarie pari al 77,190% del capitale sociale e che pertanto l odierna Assemblea è regolarmente costituita e può validamente deliberare in sede ordinaria. Si riserva di aggiornare le presenze ad ogni singola votazione. Invita il Segretario del Consiglio, Avv. Luigi Colombo, con il consenso dei presenti, a redigere il verbale della presente assemblea in sede ordinaria. Ricorda che l Assemblea è stata convocata per discutere e deliberare sul seguente: Ordine del Giorno 1. Approvazione del Bilancio di esercizio al 31 dicembre Relazioni del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale e della società di revisione. Destinazione dell utile di esercizio e distribuzione del dividendo. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2011 e relazione sulla gestione. Deliberazioni inerenti e conseguenti; 2. Nomina del Collegio Sindacale e relativo compenso; 3. Compensi Amministratori esercizio 2012; 4. Relazione sulla remunerazione ex art. 123-ter del TUF e art. 84- quater da Regolamento Emittenti. Informa gli Azionisti che è funzionante un sistema di registrazione audiovisiva dello svolgimento dei lavori assembleari, al solo fine di rendere più agevole la 1

2 redazione del verbale, e che non possono essere introdotti da alcuno altri strumenti di registrazione, apparecchi fotografici e congegni similari. Comunica, ai sensi della legislazione relativa alla tutela delle persone fisiche e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, che Amplifon S.p.A. è titolare del trattamento degli stessi e che i dati personali (nome, cognome e gli eventuali altri dati quali luogo di nascita, residenza e qualifiche professionali) dei partecipanti all Assemblea sono stati e saranno chiesti nelle forme e nei limiti previsti dalla vigente normativa; detti dati saranno inseriti nel verbale dell Assemblea, previo trattamento in via manuale e/o elettronica e potranno essere oggetto di comunicazione e diffusione anche all estero, anche al di fuori dell Unione Europea, nelle forme e nei limiti previsti dalla vigente normativa. Informa che è inoltre presente il rappresentante designato da Amplifon S.p.A. a norma dell articolo 135-undecies del Testo Unico della Finanza, Dott.ssa Carla Vidra della Omniservizi S.r.l., cui gli Azionisti avevano diritto di far pervenire le proprie deleghe. Invita sin d ora il Rappresentante ad eventualmente indicare, per ogni singola votazione, il numero di azioni per le quali non intendesse partecipare alla votazione ai sensi dell art. 135-undecies TUF (mancato conferimento di istruzioni). Ricorda che chi si assenta deve farlo rilevare all uscita della sala, consegnando lo scontrino di presenza, che verrà restituito in caso di rientro. Dà atto che sono stati regolarmente espletati gli adempimenti informativi di cui all art. 125-bis del D.Lgs. 58/1998 e che le Relazioni degli Amministratori relative all ordine del giorno sono state messe a disposizione del pubblico, presso la sede sociale, sul sito Internet e della Società di gestione del mercato, entro il termine di pubblicazione dell avviso di convocazione, come disposto dall art. 125-ter del D.Lgs. 58/1998. Dà lettura dell elenco nominativo dei soggetti che partecipano, direttamente o indirettamente in misura superiore al 2% del capitale sociale sottoscritto rappresentato da azioni con diritto di voto, secondo le risultanze del libro soci, integrate dalle comunicazioni ricevute ai sensi dell art. 120 del D.Lgs. 58/1998 e da altre informazioni a disposizione: AZIONISTA n. azioni % sul capitale data comunicazione Ampliter NV ,843% 20/03/2012 Newton ,101% 21/03/2011 Investments Mgnt Tamburi Investment ,025% 21/03/2011 Partners S.p.A. Allianz SE (*) ,037% 20/09/2007 2

3 FMR LLC ,019% 17/05/2011 (*) possedute indirettamente tramite altre società del Gruppo Comunica che alla data odierna non esistono accordi rilevanti ai sensi dell art. 122 del D. Lgs. 58/98, aventi ad oggetto o effetti sulle azioni della Società. Comunica altresì che è stato consentito di assistere ai lavori assembleari, mediante un sistema televisivo a circuito chiuso, a giornalisti qualificati, esperti ed analisti finanziari, la cui lista nominativa è a disposizione degli azionisti; che sono presenti in sala, oltre agli Incaricati già citati, per motivi di servizio, alcuni funzionari della Società e del Gruppo la cui lista nominativa è altresì a disposizione di chiunque volesse averne visione, e che tutti sono identificabili mediante apposito cartellino. Invita gli Azionisti che si trovassero eventualmente carenti di legittimazione al voto, ai sensi di legge, a farlo presente. Dichiara che il capitale sociale sottoscritto e versato alla data odierna è di Euro ,00 ed è diviso in azioni ordinarie del valore nominale di 0,02 Euro ciascuna e precisa che, alla data della presente Assemblea, la Società possiede direttamente n azioni proprie, corrispondenti al 3,11% del capitale sociale. Dichiara che sono presenti, oltre a se stessa, anche l Amministratore Delegato e Direttore Generale Sig. Franco Moscetti, e i Consiglieri Giampio Bracchi e Umberto Rosa. Risultano assenti tutti gli altri Consiglieri. E presente il Presidente del Collegio Sindacale Sig. Giuseppe Levi mentre hanno giustificato la propria assenza i Sindaci effettivi Sig,ri Mauro Coazzoli e Gabriele Pesaresi. Sono anche presenti alcuni rappresentanti della Società di revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A.. * * * * Passa a trattare il primo punto all ordine del giorno che reca quanto segue: Approvazione del Bilancio d esercizio al 31 dicembre Relazioni del Consiglio di Amministrazione, del Collegio Sindacale e della società di revisione. Destinazione dell utile di esercizio e distribuzione del dividendo. Bilancio consolidato al 31 dicembre 2011 e relazione sulla gestione. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Fornisce i dati sui corrispettivi per la revisione contabile del bilancio di esercizio e consolidato di Gruppo al 31 dicembre 2011 e le attività di controllo contabile, ammontanti a complessivi Euro ,00. 3

4 Revisione legale del bilancio d'esercizio di Amplifon S.p.A.: Euro ,00 con un impegno complessivo di n ore. Revisione legale del bilancio consolidato del Gruppo Amplifon: Euro ,00 con un impegno complessivo di n ore. Attività di controllo contabile di Euro ,00 con un impegno complessivo di n. 298 ore. Incarico di revisione limitata della Relazione semestrale di Amplifon S.p.A.: Euro ,00 con un impegno complessivo di n. 919 ore. Propone l omissione della lettura integrale del Bilancio della Società, della relazione degli Amministratori sulla gestione e, su assenso del Presidente del Collegio Sindacale, anche della Relazione dei Sindaci, proposta che raccoglie il consenso unanime dei presenti. Ricorda che la Relazione finanziaria annuale relativa all esercizio 2011 comprendente il progetto di bilancio nonché il bilancio consolidato, la relazione sulla gestione, unitamente alle relazioni dell organo di controllo e della società di revisione, è stata depositata, presso la sede legale e presso Borsa Italiana S.p.A. nonché pubblicata sul sito Internet della Società in data 9 marzo Passa la parola all Amministratore Delegato per una presentazione sintetica dei risultati dell esercizio della Società e del Gruppo. Prendendo la parola, l Amministratore Delegato espone che il 2011 è stato un esercizio positivo per il Gruppo Amplifon che ha confermato la sua leadership mondiale migliorando i risultati rispetto all anno precedente sia in termini di fatturato che di redditività. I ricavi delle vendite da prestazioni di Amplifon S.p.A. nel 2011 sono stati di Euro con un margine operativo lordo di Euro , un risultato operativo di Euro ed un utile di esercizio di Euro Il patrimonio netto della Società al 31 dicembre 2011 era di Euro A livello consolidato nel 2011 il Gruppo ha avuto ricavi per vendite e prestazioni di Euro migliaia, un margine operativo lordo di Euro migliaia ed un utile esercizio di Euro migliaia. Lo stato patrimoniale consolidato al 31 dicembre 2011 vedeva un patrimonio netto del Gruppo di Euro migliaia ed una posizione finanziaria netta negativa di Euro migliaia. Il Presidente ringrazia l Amministratore Delegato per la sua esposizione e apre la discussione sul Bilancio 2011 di Amplifon S.p.A. e del Gruppo Amplifon. Prende la parola l Azionista Loizzi la quale inizia il suo intervento dichiarando che non ha difficoltà a dire che alla vigilia di quest assemblea non aveva alcun dubbio che si sarebbe trattato di risultati eccellenti, nonostante 4

5 l avversa situazione internazionale in quanto il settore dei medical devices ne risente meno, almeno dal punto di vista dei suoi utilizzatori; naturalmente bisogna vedere le diverse situazioni nei singoli stati. Dichiara che complessivamente i bisogni di sicuro crescono, non tendono certo a diminuire e che i risultati hanno superato ogni più rosea aspettativa, con crescita dei ricavi consolidati, del margine operativo lordo, degli utili netti e sullo sfondo una riduzione dell indebitamento netto nonostante l integrazione del Gruppo NHC. Sorprendente risulta, a suo modo di vedere, la capacità di generare flussi di cassa che ne sostengono la continuità della crescita. Chiede quindi poche cose: qualche indicazione sulle attese sul mercato turco, nel quale si è preso ad operare all inizio di quest anno, sull India, che si sta configurando come uno dei più giganti paesi a livello economico ed a livello mondiale. Chiede anche di avere informazioni sul concept store, in base al quale è stato dichiarato che negli ultimi anni è andato sviluppandosi il rinnovamento dei negozi. Richiede ancora qualche elemento maggiore sulle strategie per minimizzare l impatto dei tassi di cambio visto che il Gruppo opera in parecchi paesi. E scritto nella relazione al bilancio che vengono operate precise strategie di compensazione e bilanciamenti in materia e, quindi, chiede se fosse possibile darne qualche esemplificazione. Infine pone un quesito sulla remunerazione del capitale. La struttura patrimoniale di Amplifon si presenta come solidissima e in più si è accompagnata ad un contenimento dell indebitamento netto. Il dividendo di Euro 3,7 centesimi è maggiore rispetto al passato, ma la percentuale di utile distribuito impegna solo 1/3 dell utile teoricamente distribuibile, mentre i 2/3 restanti sono portati a nuovo. Chiede quindi se non sarebbe possibile distribuire qualcosa in più, senza intaccare la struttura patrimoniale. Conclude dicendo che voterà favorevolmente sui punti all ordine del giorno. Il Presidente ringrazia l Azionista Loizzi per il suo intervento e passa la parola al Sig. Tarquini, per delega dell Azionista Rodinò, il quale apre il suo intervento dicendo che, nonostante la congiuntura nazionale ed internazionale negativa ormai senza soluzione di continuità dal 2008, Amplifon procede spedita e indenne alla tempesta finanziaria ed economica ed esprime la speranza che questa condizione favorevole duri, soprattutto nell interesse degli Azionisti cassettisti. Ciò è merito del top management ed, a scalare, di tutti i dipendenti che sono riusciti a costruire un gruppo dalla leadership mondiale che ormai è una delle multinazionali italiane più invidiate all estero. Ma lo studio e la costruzione di strategie internazionali raffinate e complesse non hanno fatto allontanare il management dalla base degli azionisti, soprattutto i piccoli azionisti, particolarmente attenti alla gestione oculata e partecipata delle risorse, per i quali lo stacco del dividendo assume anche un ruolo emotivo, fa sentire una sola famiglia. Alla luce di tali considerazioni annuncia il suo voto favorevole, e nel contempo formula alcune domande. Pensa la società di continuare nell attuale premiante politica di dividendi anche per l esercizio in corso? Inoltre, a proposito dell esercizio 2012, se ne può già anticipare con sufficiente attendibilità l andamento? Infine, sono allo studio nuovi prodotti in grado di ampliare il mercato della società? Dopo che il 2012 si è aperto con l ennesima operazione di acquisizione all estero, in particolare in Turchia, è legittimo prevedere ulteriori 5

6 processi di espansione oppure la società è destinata per adesso a consolidare le proprie importanti e ramificate presenze internazionali? Il Presidente ringrazia il Sig. Tarquini per il suo intervento e passa la parola alla Signora Anelli, in delega dell Azionista Economia e Finanza S.r.l., la quale sottolinea l ottenimento di risultati eccezionali, in particolare tenuto conto del confronto con l anno precedente che era già eccezionale, per cui hanno una valenza ancora superiore rispetto a quella che potrebbe essere un ordinaria performance. Chiede di sapere ancora qualcosa sulle operazioni in Australia, dato che è un mercato sul quale si è deciso di investire, quindi vorrebbe qualche delucidazione su questo mercato emergente che pare sia il mercato del futuro più dell India, che potrebbe avere dei blocchi culturali che forse non sono stati completamente spianati. Il Presidente ringrazia la Signora Anelli per il suo intervento e passa la parola per le risposte all Amministratore Delegato il quale premette che risponderà con la stessa cronologia con la quale ha ricevuto le domande. Per quanto riguarda Turchia ed India, sottolinea che gli economics di Amplifon non cambieranno per i prossimi 2-3 anni grazie al contributo che arriverà da questi due paesi nei quali il Gruppo è entrato per considerazioni di strategia e diversificazione geografica. Amplifon era un tempo un azienda italiana, poi è diventata europea, poi è diventata internazionale, entrando nel mercato prima europeo e poi Nord Americano e crescendo molto attraverso micro acquisizioni. Quindi ha subito un processo di integrazione, di trasformazione da federazione di legal entities che lavoravano nei vari paesi in un Gruppo modernamente organizzato. Quando questo processo ha visto la sua conclusione il Gruppo era sostanzialmente presente in due macro regioni, l Europa e gli Stati Uniti, con alcune difficoltà da affrontare anche da un punto di vista congiunturale a seguito della crisi finanziaria arrivata nel terzo trimestre 2007, con i cosiddetti subprime, che ha avuto un impatto soprattutto nei mercati anglosassoni dove non operano sistemi di rimborso né pubblici né privati, ma le protesi vengono pagate direttamente dai clienti. Questo ha fatto sì che il management accelerasse il processo di riorganizzazione e quindi alla fine fosse possibile guardare al futuro avendo realizzato una bellissima piattaforma in maniera più strutturata. Attualmente in Europa il Gruppo è leader di mercato ma all interno dell Europa ci sono situazioni disomogenee. Le quote di mercato che abbiamo in Italia non le abbiamo in Germania e quelle che abbiamo in Germania non le abbiamo in Francia con tante possibili combinazioni. Quindi è chiaro che in ognuno di questi paesi ci sono dei forti recuperi di crescita possibili e conseguentemente di redditività perché, come noto, la caratteristica principale di questa azienda è di avere dei costi fissi molto elevati rispetto ai costi variabili, come avviene in tutte le realtà aziendali comparate. Quindi in ogni paese nel quale si opera, se non si riesce ad ottenere la giusta taglia di business o la giusta taglia di market share in modo tale da ottenere la migliore diluizione possibile dei costi fissi, non si riesce ad ottenere una redditività adeguata. Oggi le due vecchie macro regioni, Nord America ed Europa, stanno contribuendo molto bene ai risultati ma hanno ancora dei miglioramenti possibili soprattutto in Europa ed in una parte degli Stati Uniti; in visione prospettica si può dire che sono 6

7 comunque due aree mature, quindi bisognava pensare a dei mercati che, in un orizzonte di 4-5 anni, potessero intanto maturare e, una volta maturati, cominciare a dare un contributo in termini di crescita superiore a quella attuale. In questa logica era possibile pensare di entrare in Cina, in India, ecc. ecc. ma è noto quanto sia difficile, dopo aver fatto acquisizioni in quelle aree, avere mezzi e risorse per poterle gestire. Quindi il management ha deciso di passare attraverso una fase intermedia nella quale non solo ha potuto consolidare nel bilancio del 2011 una realtà come NHC, molto profittevole e con un eccellente tasso di crescita, pur in presenza, nel 2011, di certi eventi naturali che hanno riguardato l area, come i due terremoti in Nuova Zelanda, l alluvione e l uragano in Australia, ma può anche disporre di un ottima piattaforma dall altra parte del mondo con la quale curare più da vicino alcuni paesi emergenti. L India e la Cina vanno inquadrate in questo contesto. Amplifon non è una struttura finanziaria che guarda solo al breve periodo, è un gruppo industriale che persegue una politica di medio periodo e che lo vuole fare bene e con la massima soddisfazione degli Azionisti. Per lo sviluppo futuro del Gruppo, geograficamente parlando, vi saranno due regioni, Nord America ed Europa, che, pur essendo ad un buon livello di maturità, possono garantire comunque ampi margini di crescita e miglioramento. Vi è un area, appunto l Australia-Nuova Zelanda, che beneficiano anche dei vantaggi dati dal locale contesto economico di riferimento e, in un ottica di medio periodo, andranno a maturazione alcuni mercati emergenti (India, Turchia, Egitto, etc.). L Australia sta performando molto bene anche considerando la solidità della sua economia. Come noto l Australia è esportatore di materie prime, e mentre qualche anno fa era lontana dai due grandi poli di sviluppo, l Europa da un lato ed il Nord America dall altro, oggi evidentemente è molto vicina a Cina, India, Malesia, Indonesia, Corea del Sud ed altri paesi. In questa visione prospettica nei prossimi anni quasi sicuramente non avranno significative difficoltà di carattere economico. Amplifon è leader in questo mercato che è ancora sottopenetrato. Un esempio, anche se non quantitativamente molto rilevante, viene dall Egitto che nel 2011, pur in presenza dei noti problemi sociali, ha comunque migliorato la sua performance. Quindi noi siamo sicuri che, in una corretta strategia geografica di medio periodo, questa crescita in paesi nei quali non eravamo presenti funzionerà sicuramente. E questo è talmente vero che si cominciano già a vedere gli impatti. Diventare un azienda globale significa anche parcellizzare il rischio. Significa che se in questo momento l Europa può avere qualche problema, l Australia, piuttosto che il Nord America, che sembra stia uscendo dal tunnel della crisi, possano consentire di compensare le eventuali debolezze e quindi consentire al management di presentarsi agli Azionisti con dei risultati che siano in linea con le proprie aspettative. Per quello che riguarda il concept store, che gli Azionisti possono vedere personalmente in Via Ripamonti, è una iniziativa presa ormai qualche anno fa e che ha chiesto tempi di maturazione per la sua realizzazione. Diciamo che il nostro settore, prima ancora che la nostra azienda, concepiva un tempo la soluzione per l udito come un attività molto medica, al punto che c erano dei negozi che stavano al terzo piano di un edificio, magari senza ascensore, perché a sinistra il cliente trovava lo studio medico e a destra un altro studio medico dove trovare la soluzione per l udito. Amplifon è passata da una 7

8 concezione di puro medical device ad una concezione di utilizzare un medical device per migliorare la qualità della vita e quindi chiaramente immaginando di doversi rivolgere a breve ad una nuova generazione di clienti, dato che l età media dei clienti è di circa 70 anni. Se si parla con questi clienti, la prima immagine che viene loro in mente è un orribile scatola bianca dietro l orecchio che fischiava anche un po perché, nell immaginario, è ancora presente la tecnologia analogica rispetto a quella digitale. Ma da qualche anno dobbiamo dialogare con la generazione degli attuali sessantenni che è una generazione molto più evoluta, che usa internet e interloquisce con l Audioprotesista partendo da un livello culturale elevato. Quindi il nuovo concept store da un lato risponde a questa esigenza di rinnovamento/innovazione, di quello che si sta facendo fino ad una certa data, ma anche all esigenza di intercettare da qui a qualche mese/anno una quota della cosiddetta generazione baby boom e quindi il concept store è proiettato nel futuro e realizzato anche per ottimizzare i processi e la produttività del negozio considerando i costi fissi di cui si è parlato in precedenza. Quindi è in questa logica che il concept store si inserisce e si può dire che, non solo per i riconoscimenti ricevuti anche a livello internazionale, ma proprio per l impatto vero che il concept ha avuto sui conti aziendali sembra che si stia andando nella direzione giusta. Per quel che riguarda i tassi, l Amministratore Delegato precisa che è vero che ci sono queste variazioni, è vero che il Gruppo opera in 19 diversi paesi nel mondo, ma è altresì vero che tutto si svolge in moneta locale. Esiste quindi solo un rischio di traslazione alla fine dell anno, per cui è un rischio molto limitato e il CFO è anche molto attento a minimizzare questo rischio. Per quanto riguarda la politica di distribuzione di dividendi, l Amministratore Delegato precisa che, chiaramente, il nostro pay-off non è a livelli molto elevati. Il Consiglio di Amministrazione ne ha deciso l ammontare in linea con la possibilità di mantenere, all interno dell azienda, le risorse necessarie a finanziare i propri ambiziosi piani di sviluppo e, quindi, con una politica gestionale finalizzata all obiettivo di crescere più del mercato e meglio dei concorrenti. Amplifon è un retailer, non un produttore, l unica possibilità di mantenere un potere negoziale immutato o migliorato con i fornitori è di poter trattare ogni giorno quantità superiori, che debbono arrivare prioritariamente attraverso la crescita organica, perché questa dà mezzi e risorse per finanziare linee esterne. Possiamo essere molto orgogliosi di far parte di un azienda che ragiona in questi termini. Sarebbe facile passare da un payoff del 24-25% ad un pay-off del 50/60%; normalmente queste cose succedono per accontentare l azionista di maggioranza. Questo Gruppo ha la fortuna di avere un Azionista di maggioranza che ha scelto come priorità l interesse dell azienda rispetto all interesse personale e, quindi, è chiaro che il trade-off finale deve tenere conto delle risorse necessarie sia per finanziare una crescita importante e vigorosa ma anche l eventualità che ci possano essere dei target sul mercato perché poi quando ci sono, come è successo per l Australia, avere la possibilità e le disponibilità per analizzare l opportunità è sicuramente un fatto importante. In merito alle domande sulle prospettive future, l Amministratore Delegato risponde che, rispettando i limiti di comunicazione derivanti dall essere una 8

9 società quotata, si può dire, a proposito del 2012, che l obiettivo è di arrivare alla fine dell anno meglio di come si è chiuso l esercizio 2011, sia in termini di ricavi che in termini di EBITDA, migliorando, a parità di altre condizioni, la posizione finanziaria netta. E chiaro che questo obiettivo è raggiungibile a condizioni che non si verifichino eventi paragonabili a quanto successo nel Va inoltre considerata la volatilità dell economia internazionale rispetto alla quale il Gruppo è un po più difeso rispetto ad aziende operanti in altri settori, ma con cui deve comunque fare i conti. Nel 2012 si cercherà, quindi, di fare di più e di meglio per quanto riguarda la distribuzione dei dividendi ma sempre coerentemente con il criterio di mantenere all interno dell azienda le risorse necessarie per finanziarie il proprio sviluppo. Sui prodotti nuovi l Amministratore Delegato risponde che, realisticamente è opportuno aumentare il valore dello scontrino medio, usando un espressione mutuata dalla Grande Distribuzione. Questo si può fare vendendo tutta una serie di servizi, accessori, monouso e quanto altro, che non siano un salto nel buio rispetto alle competenze di base del Gruppo ma siano di collegamento. Già ora nei negozi Amplifon si vendono prodotti per l igiene, telefoni ed orologi personalizzati per chi ha un problema di udito e prodotti per la sicurezza; quindi si sta allargando la gamma della offerta in modo coerente. Oggi in Germania, per esempio, la priorità non è quella di vendere telefoni, accessori e quanto altro: il Gruppo ha una quota del 4-5% e quindi la priorità è di passare dal 5% al % o quanto sarà possibile raggiungere. In paesi dove riteniamo di aver raggiunto la taglia critica e che, quindi, eventuali ulteriori crescite sarebbero magari troppo costose da un punto di vista economico, non c è dubbio che si andrà verso questa direzione della crescita organica. La Turchia è un paese di 80 milioni di abitanti, ha una crescita molto consistente, sia da un punto di vista di tasso di penetrazione che delle protesi per l udito. Nei paesi target c è sicuramente bisogno di un certo numero di abitanti, di un PIL pro capite adeguato, magari di un sistema di rimborso soddisfacente, ma anche di un età media sufficientemente elevata dato che i clienti in genere hanno più di 65 anni. E la Turchia da questo punto di vista è un paese relativamente giovane rispetto alle esigenze del nostro mercato. Però il mercato turco è stato analizzato, è stato ritenuto interessante e si è identificata una piccola piattaforma locale che condivideva non solo il sistema di Amplifon ma anche il business model di riferimento, il modello organizzativo e l approccio al mercato: tale piattaforma era quindi molto vicina a quello che il Gruppo si propone di fare. Oggi siamo nella fase di integrazione di questa realtà per creare la nostra piattaforma turca che significa organizzare la realtà locale con tutta la best practice di cui disponiamo a livello internazionale, in modo tale che potremmo crescere molto di più e meglio organicamente, ma ancora una volta utilizzare la stessa piattaforma per l eventuale integrazione di altre piccole acquisizioni che si potessero realizzare essendo il mercato turco particolarmente frammentato. 9

10 In Australia è stato fatto quello che si può definire un atto di coraggio perché alla fine del 2010 sono stati investiti 330 milioni di Euro, poi ne sono stati impiegati una ventina tra due diligence, spese finanziarie ed altro; è stato fatto, quindi, un investimento di 350 milioni nel 2010 a fronte del fatto che nel 2009 il fatturato complessivo era stato di 660 milioni. Un azienda che investe la metà del proprio fatturato per una acquisizione compie certamente un gesto sfidante, per facilitare il quale l Azionista di maggioranza ha accettato una diluizione, il che consentì di fare un operazione, finanziariamente parlando, in condizioni abbastanza tranquille. Oggi l Australia sta contribuendo un po di più rispetto a quelle che erano le migliori aspettative. In Australia, come detto, è stato acquisito non solo un mercato ma anche un management team, non è stata persa nessuna delle risorse chiave che erano state identificate prima della due diligence. Oggi queste persone sono totalmente integrate nel nostro modello di riferimento, seguono le nostre policies, si comportano come fossero managers del Gruppo da molti anni, mentre sono passati solo 14 o 15 mesi. In Australia abbiamo sicuramente importato delle best practices di Amplifon di altri paesi, ma dall Australia abbiamo anche sicuramente esportato alcune best practices locali, come ad esempio il loro modello di contact center che abbiamo cercato di implementare in Inghilterra, Canada e negli Stati Uniti. Anche il 2012 australiano sta, almeno nel primo trimestre, cominciando bene. Senza entrare troppo in dettaglio, infatti, il combinato congiunto anche di questo consolidamento e della capacità di generare cassa fa sì che il processo di deleverage iniziato il giorno dopo l acquisizione realizzata il 10 dicembre 2010 ci sta mettendo in condizioni tali per cui la nostra posizione finanziaria netta è assolutamente sotto controllo. Non è previsto attualmente che si investano soldi per crescita esterna, ovviamente parlando di cose consistenti, non di piccole realtà locali che spesso sono l alternativa all apertura di un negozio. L Amministratore Delegato conclude la sua esposizione affermando che, qualora ci fosse un target disponibile, la Società avrebbe tutte le possibilità sia manageriali che economiche che in termini di competenze per poter analizzare e decidere poi se è strategicamente opportuno proseguire in vista di una possibile conclusione positiva. Nessun altro avendo richiesto di intervenire il Presidente dichiara chiusa la discussione. Informa i Signori Azionisti sui dati definitivi delle azioni presenti o rappresentate. Sono presenti n. 6 persone portatrici in proprio o per delega di n azioni ordinarie, pari al 77,190% del capitale avente diritto di voto. Invita i Signori Azionisti a non assentarsi dalla sala durante la votazione; prega, se qualcuno desidera allontanarsi, di farlo ora, prima che la votazione abbia inizio. Pone quindi in votazione, per alzata di mano, l approvazione del Bilancio della Società chiuso al 31 dicembre

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale)

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF. (modello di amministrazione e controllo tradizionale) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123-bis TUF (modello di amministrazione e controllo tradizionale) - Denominazione Emittente: BANCA MONTE DEI PASCHI DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli