Le imprese italiane e la sfida della crescita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le imprese italiane e la sfida della crescita"

Transcript

1 Fondazione CUOA Le imprese italiane e la sfida della crescita Gregorio De Felice Chief Economist Altavilla Vicentina, 2 settembre 2013

2 Agenda 1 L economia al punto di svolta? 2 La crescita delle imprese parte dai mercati esteri 3 Il nodo delle risorse 1

3 La congiuntura internazionale Accelera il ciclo manifatturiero negli USA. Prosegue il miglioramento degli indici congiunturali europei, tornati in territorio espansivo per la prima volta dopo due anni. In rallentamento invece quasi tutte le principali economie emergenti. PMI manifatturiero indice di produzione Globale Eurozona Globale Giappone Globale USA 40 gen-12apr-12 lug-12 ott-12 gen-13apr-13 lug gen-12apr-12 lug-12 ott-12 gen-13apr-13 lug gen-12apr-12lug-12 ott-12gen-13apr-13lug Globale Cina Globale Brasile gen-12apr-12 lug-12 ott-12gen-13apr-13 lug gen-12apr-12 lug-12 ott-12 gen-13apr-13 lug Globale India 40 gen-12apr-12 lug-12 ott-12 gen-13apr-13 lug-13 Fonte: elaborazioni su dati Markit 2

4 Le proiezioni di crescita per il Variazioni a/a del PIL a prezzi costanti p 2014p Intesa Consensus Intesa Consensus Stati Uniti Giappone Area euro Germania Francia Italia Spagna OPEC nd 4.7 nd Europa Orientale nd 3.1 nd America Latina* Cina* India* Crescita mondiale * Fonte Consensus: Emerging Market Economic Data Fonte: Servizio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, Consensus Economics, EMED 3

5 Stati Uniti: la ripresa si consolida, nonostante il freno fiscale La ripresa prosegue e la zavorra fiscale si riduce Q Q Q Q Q Q Q Q Consumi Inv. non resid. Invest. resid. Var. scorte Spesa pubblica Esportazioni nette PIL La crescita rimane moderata, in parte per via del contributo negativo della spesa pubblica. La domanda domestica privata però è in espansione. Consumi e investimenti residenziali sono stabilmente in crescita e garantiscono il proseguimento della ripresa. Da fine 2013, la spesa pubblica non darà più contributi negativi alla crescita. La ripresa si va consolidando e nel 2014, il PIL è previsto in aumento del 3,2%. Fonte: Thomson Reuters Datastream 4

6 Mercato del lavoro: il miglioramento è «sostanziale» Tasso di disoccupazione: il trend è chiaro Il mercato del lavoro mostra chiari segni di miglioramento, in linea con le previsioni della Fed lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 U-6 Tasso di disoccupazione, sx Nuovi occupati non agricoli 152 media Q media Q media H La crescita degli occupati si è mantenuta vicina ai 200 mila nuovi posti al mese. Su base annua, l occupazione cresce intorno all 1,5% a/a; la forza lavoro aumenta molto più lentamente (circa 0,5% a/a). Gli occupati crescono più della forza lavoro: così scende il tasso di disoccupazione gen-07 apr-08 lug-09 ott-10 gen-12 apr-13 var. occupati non agricoli, migliaia media var. occupati non agricoli, a/a var. forza lavoro, a/a Fonte: Thomson Reuters Datastream. U6=tasso di disoccupazione allargato a individui scoraggiati, marginalmente attaccati alla forza lavoro e a occupati part-time per motivi economici 2 1

7 Giappone - BoJ: impegno a raggiungere l obiettivo di inflazione al 2% entro il 2015 L'obiettivo di base monetaria e le proiezioni per il bilancio della BoJ (tln yen) Fine 2012 effettivo Fine 2013 previsto Fine 2014 previsto Base monetaria Disaggregazione del bilancio JGB CP Corporate bonds ETF J-REIT Programma supporto prestiti Totale attività (incluse altre) Banconote Depositi correnti Totale passività (incluse altre) Fonte: BoJ Le misure del QQE 1) aumento base monetaria di tln di yen all anno 2) acquisti di JGB per circa 50 tln di yen all anno con scadenza media di 7 anni 3) acquisti di ETF di 1 tln e di J-REITs di 30 mld di yen all anno 4) acquisti di carta commerciale e corporate bonds in modo da detenere 2,2 tln e 3,3 tln di yen a fine 2013 Per memoria: PIL Giappone: 476 tln di yen (1 trimestre 2013) La Bank of Japan (BoJ) continua a reiterare l impegno a fornire stimolo monetario finalizzato al raggiungimento dell obiettivo di inflazione al 2% entro 2 anni. Nella valutazione dello scenario economico, si rileva che l economia ha iniziato a riprendersi moderatamente, e si indica che lo stimolo è appropriato. Nel 2014 la BoJ potrebbe dover ampliare le misure espansive, se verrà attuato il rialzo dell imposta sui consumi (aprile 2014). 6

8 L economia ha già risposto allo stimolo monetario: un ciclo anomalo spinto dai consumi 8% 4% 0% -4% Il PIL cresce grazie ai consumi L economia è in ripresa, trainata da consumi e spesa pubblica, con qualche timido segnale di ripresa di investimenti privati ed esportazioni. La crescita del PIL nel primo semestre 2013 è stata sostenuta (+0,9% t/t nel 1 trimestre, +0,6% t/t nel 2 ). L inflazione dovrebbe essere positiva da fine % Q Q Q Q Q Q Q Consumi privati Inv. fissi non resid. PIL Fonte: Thomson Reuters Datastream. Variazioni a/a. Ultimo dato disponibile: 2 trimestre Il governo sta valutando una modifica del programma di rialzo dell imposta sui consumi. In autunno verrà comunicato il piano fiscale: il governo potrebbe introdurre aumenti dell imposta più graduali rispetto a quelli originariamente annunciati. 7

9 Area euro: l economia sembra aver svoltato Dopo sei trimestri consecutivi di contrazione, il PIL dell eurozona è tornato a crescere nel 2 trimestre (0,3% t/t), trainato da Germania (0,7% t/t) e Francia (0,5% t/t); continua a contrarsi, ma meno del previsto, l attività economica in Spagna (-0,1% t/t) e Italia (-0,2% t/t). Il PMI composito è tornato al di sopra del valore-soglia dopo 2 anni. L indice manifatturiero segnala una svolta del ciclo di ordini e scorte. I dati di produzione industriale avevano mostrato un recupero già dai mesi primaverili. La ripresa per il momento è ancora trainata dall export. L industria ha svoltato PMI man., ord.-scorte (+6m) -10 Prod. Ind. a/a, dx La ripresa è ancora trainata dall export PMI man,exp.ord.+6m Exp.a/a,dx O-03 A-05 O-06 A-08 O-09 A-11 O-12 A Fonte: Markit, Eurostat e elaborazioni Intesa Sanpaolo 8

10 La ripresa si consoliderà nel secondo semestre Ci attendiamo che la ripresa seppur debole continui nel secondo semestre, per il momento ancora alimentata dalle esportazioni. L inflazione rimarrà sotto la soglia del 2% per almeno un anno, anche se una modesta accelerazione è possibile nel Soltanto la Germania dovrebbe registrare una crescita del PIL positiva in media annua nel corso del 2013, e una ripresa relativamente sostenuta nel PIL (a/a) IPCA (a/a) P 2014P P 2014P Germania Francia Italia Spagna Olanda Belgio Fonte: Intesa Sanpaolo 9

11 La politica fiscale rimane restrittiva La Commissione Europea, esaminati i programmi di stabilità , ha raccomandato una correzione fiscale strutturale aggiuntiva in particolare per Francia e Spagna. Di riflesso, nel 2014, la politica fiscale peserà per lo 0,3% di PIL, mentre le previsioni della Commissione di primavera indicavano un espansione dello 0,1% Variazione del saldo primario strutturale: aggregato e contributo per Paese BEL+NLD Altri FRA DEU ESP ITA EUR Prev Prim 2013 Post Racc 2014 Prev Prima 2014 Post Racc Nota: Altri = PRT, IRL, GRC, SLJ, SLK Fonte: Commissione Europea previsioni di primavera e raccomandazioni della Commissione Europea del 29/05/

12 BCE: arriva la forward guidance anche in Europa Arriva la guidance sui tassi di interesse anche in Europa, mossa molto più utile di una limatura dei tassi ufficiali. La BCE si è impegnata a mantenere i tassi d interesse chiave (refi e tasso sui depositi) sui livelli attuali o su livelli più bassi per un periodo prolungato di tempo. Le previsioni sull andamento della politica monetaria non cambiano ma l introduzione della guidance è un chiaro segnale che ulteriori mosse non troverebbero ostacoli all interno del Consiglio. Se i dati macro dovessero confermare i timidi segnali di recupero dell eurozona, la BCE manterrà il refi allo 0,5%; tuttavia, una limatura del refi rimane un opzione (priva di costi e benefici rilevanti). Un tasso negativo sui depositi, potenzialmente più rilevante ma anche più problematico, potrebbe arrivare se la frammentazione dei mercati interbancari europei non dovesse migliorare ulteriormente. 11

13 Italia: la strada verso la ripresa è ancora lunga La previsione sul PIL per il 2013 era stata rivista al -2% a inizio maggio, per effetto principalmente di un deludente 1 trimestre. Da allora, si è verificata una sorpresa «positiva» sul trimestre primaverile, meno negativo di quanto anticipato (-0,2% t/t, dopo il -0,6% t/t del 1 trimestre). Ad oggi è dunque possibile che il consuntivo 2013 risulti lievemente migliore del -2%. Permangono tuttavia dei rischi, derivanti principalmente dalle incertezze sulla stabilità (e la durata) del governo, che potrebbero incidere su condizioni finanziarie e fiducia di imprese e famiglie. La stabilità del quadro politico, accanto al mantenimento del ciclo espansivo mondiale, appare condizione necessaria per un miglioramento in corso d anno e nel Il miglioramento del quadro ciclico nei restanti paesi dell eurozona costituisce il principale fattore positivo, oltre all attenuarsi del freno rappresentato dalla politica fiscale e al procedere del pagamento dei debiti arretrati della PA (secondo l aggiornamento del 6 agosto, 17 miliardi dei 20 complessivi previsti per il 2013 sono stati resi disponibili agli enti debitori, e di questi 5 miliardi sono stati già pagati ai creditori). 12

14 ma gli indicatori forward-looking anticipano la possibilità di un recupero per fine anno Già da qualche mese/trimestre, alcuni indicatori maggiormente affidabili nell anticipare le tendenze di medio termine, come il leading indicator dell OCSE o la massa monetaria M1 al netto dell inflazione, segnalano una possibile svolta ciclica tra fine 2013 e inizio Tali indicatori sono tuttavia più affidabili come segnalatori dei punti di svolta del ciclo che non dell intensità del ritmo della ripresa, che sarà assai modesta. PIL e indicatore composito dell OCSE Pil t/t LEI t/t +1T -3.5 giu-05 giu-07 giu-09 giu-11 giu-13 Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Istat, OCSE, Banca d Italia PIL e M1 reale a/a PIL a/a (sx) M1 reale a/a +1a -7 g-99 g-01 g-03 g-05 g-07 g-09 g-11 g

15 Primi segnali di stabilizzazione dalle indagini sulle imprese La fiducia delle imprese manifatturiere (sia secondo l indagine Istat che in base alla survey PMI) mostra da qualche mese un trend di ripresa. A luglio l indice PMI manifatturiero è tornato in territorio espansivo per la prima volta dopo due anni. Gli ordini dall estero continuano ad essere trainanti, ma la novità degli ultimi mesi è il minor pessimismo delle imprese anche sulle commesse dal mercato domestico. Non solo le indagini sulle imprese, ma anche i dati reali sugli ordini all industria hanno mostrato un recupero già dai mesi primaverili. Le indagini segnalano che il peggio è passato per l attività economica nell industria g-05 g-06 g-07 g-08 g-09 g-10 g-11 g-12 g-13 PMI scorte-ord. +4m ( sx inv.) Prod. ind. a/a, dx Prosegue la ripresa degli ordini dall estero e si nota anche un primo rimbalzo dai minimi per le commesse dall interno PMI man.,ord.est.(sx) 36 PMI man.,ord.int.(dx) Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Istat, Markit Economics 14

16 Meno pessimiste anche le famiglie Da aprile, per la prima volta dopo due anni e mezzo, le retribuzioni contrattuali sono tornate in territorio positivo in termini reali. Nel 1 trimestre il reddito disponibile reale delle famiglie è aumentato per la prima volta dopo 8 trimestri di contrazione (+0,5% t/t, grazie a una crescita dello 0,8% t/t del reddito disponibile nominale). In recupero anche per la propensione al risparmio (al 9,3%, in aumento di 0,9 punti percentuali rispetto sia al trimestre precedente sia a un anno fa). Da qualche mese le retribuzioni contrattuali sono tornate in positivo in termini reali Salari reali Salari contrattuali a/a (dx) e si nota un tentativo di rimbalzo dai minimi del potere d acquisto delle famiglie (e del tasso di risparmio) 8% 17 6% 4% 15 2% 13 0% 11-2% -4% 9-6% 7 dic-00 dic-03 dic-06 dic-09 dic-12 Potere d'acquisto a/a Tasso di risparmio (dx) Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Istat, Markit 15

17 Segnali positivi dall export I dati sulle esportazioni, in particolare verso i Paesi extra-ue, hanno mostrato segnali di riaccelerazione nei mesi primaverili. Nel 1 trimestre del 2013 il commercio con l estero aveva fornito un contributo negativo al PIL per la prima volta dopo più di 2 anni (-0,1% t/t). La stabilizzazione del ciclo nei Paesi UE fa sperare in segnali meno negativi anche dalle vendite verso quelli che rimangono i maggiori partner commerciali dell Italia. Prosegue il trend di miglioramento della bilancia commerciale specie verso i Paesi extra-ue L andamento della domanda mondiale resta coerente con una crescita dell export Bil. Comm. Tot. Bil. Comm. Ue Bil. Comm. Extra-Ue Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Istat, Markit d-06 d-07 d-08 d-09 d-10 d-11 d-12 d-13 Export Italia a/a (sx) Indice PMI globale (ponderato per pesi export IT) + 3m 16

18 Scenario macro gradualmente meno negativo Prevediamo un ritorno alla crescita su base congiunturale nell ultimo trimestre dell anno. La ripresa dovrebbe poi consolidarsi su ritmi modesti nel Nel nostro scenario, gli interventi su IMU e IVA sono a fronte di adeguate coperture in quanto i margini per misure genuinamente espansive appaiono pressoché inesistenti P 2014P P 2013P 2013P 2014P 2014P PIL (prezzi 2005, a/a) var.ne % t/t Consumi delle famiglie Consumi collettivi Investimenti fissi Importazioni Esportazioni Contributo alla crescita: Commercio estero Domanda finale interna Prezzi al consumo (a/a) Disoccupazione (%) Reddito disponibile reale Tasso di risparmio Partite correnti (% PIL) Variazioni percentuali rispetto al periodo precedente, ove non diversamente specificato. Nota: le previsioni non incorporano il rialzo dell 1% dell aliquota ordinaria IVA dal 1 ottobre. Fonte: Intesa Sanpaolo 17

19 Agenda 1 L economia al punto di svolta? 2 La crescita delle imprese parte dai mercati esteri 3 Il nodo delle risorse 18

20 Performance diversificate in funzione delle dimensioni aziendali Manifatturiero italiano: variazione cumulata del fatturato tra il 2008 e il 2011 Mediana imprese migliori e mediana imprese peggiori (%) Imprese peggiori (1) Imprese migliori (2) Differenza tra migliori e peggiori Micro imprese Piccole imprese Medie imprese Grandi imprese (1) Imprese peggiori: mediana del peggior 20% della distribuzione delle imprese (2) Imprese migliori: mediana del miglior 20% della distribuzione delle imprese Fonte: ISID (Intesa Sanpaolo Integrated Database) 19

21 dei settori Previsioni su fatturato (a prezzi costanti) ed EBITDA 2014 per settore 18 gas 15 elettromedicali EBITDA margin farmaceutica apparati per generazione e trasmissione 3 siderurgia Variazione % del fatturato Fonte: Intesa Sanpaolo - Prometeia 20

22 del territorio Evoluzione del fatturato e Redditività nelle province italiane (valori mediani) 9 8 EBITDA margin, Var. % fatturato 2011: Min -3%; Max 10,1% EBITDA margin 2011: Min 4,9%; Max 8,9% Variazione % del fatturato nel imprese manifatturiere italiane con almeno un milione di euro di fatturato nel Fonte: ISID (Intesa Sanpaolo Integrated Database) 21

23 e delle strategie Fatturato: distanza dai livelli pre-crisi per leva strategica (variazione % del fatturato tra il 2008 e il 2011; valori mediani) +1,7 +3,1 +3,1 +4,4 +4,3 +6,5 Impresa CON partecipate estere Impresa SENZA partecipate estere Impresa CON attività di export Impresa SENZA attività di export Imprese CON marchio internazionale Imprese SENZA marchio internazionale Imprese CON certificati di qualità Imprese SENZA certificati di qualità Imprese CON brevetto Imprese SENZA brevetto Imprese CON certificati ambientali Imprese SENZA certificati ambientali imprese manifatturiere italiane con almeno un milione di euro di fatturato nel Fonte: ISID (Intesa Sanpaolo Integrated Database) 22

24 Industria italiana sempre più orientata all estero La propensione all export dell industria manifatturiera italiana salirà quest anno al 45,4%. Era al 36% nel Domanda interna e domanda estera per settore nel (variazioni m.a. a prezzi costanti) Prod. e materiali da costruzione Mobili Elettrodomestici Autoveicoli e moto Sistema moda Meccanica Altri intermedi Largo consumo Prodotti in metallo Alimentare e Bevande Elettrotecnica Elettronica Metallurgia Intermedi chimici Farmaceutica Industria manifatturiera Fonte: Intesa Sanpaolo - Prometeia Domanda interna Domanda estera

25 L alto potenziale dei «nuovi mercati». 70 Peso dei «nuovi mercati» e dei mercati maturi* sulle importazioni mondiali di beni manufatti (%) mercati maturi nuovi mercati * Mercati maturi: UE15, USA, Giappone, Svizzera e Norvegia Fonte: elaborazioni su dati BACI e EIU 24

26 ma anche degli Stati Uniti Prodotti manufatti: destinazioni a più alto potenziale al 2016 e quote di mercato dell Italia Quote di mercato dell Italia nel Turchia Germania Russia Nei 15 mercati a più alto potenziale al 2016 solo in Germania, Russia e Turchia la quota di mercato italiana supera il 4% 3 Australia India 2 Canada Singapore Stati Uniti Sud Corea Messico Cina 1 Hong Kong Thailandia Indonesia Malaysia Potenziale (0-100) Potenziale: aumento import al 2016 in % aumento import mondiale al Fonte: elaborazioni su dati BACI e EIU 25

27 richiede un ulteriore riposizionamento delle nostre esportazioni I principali mercati di sbocco del settore manifatturiero italiano (in %, 2012) Hong Kong 1.2 Brasile Giappone 1.5 Romania 1.5 Austria 2.1 Cina 2.3 Paesi Bassi 2.3 Polonia 2.4 Russia 2.6 Belgio 2.6 Turchia 2.8 Emirati Arabi Uniti Spagna Regno Unito Svizzera Stati Uniti Francia Germania Nota: in blu i mercati maturi. Fonte: Istat Nonostante i progressi degli ultimi anni, l export italiano è ancora concentrato sui paesi europei

28 Occorre una maggiore proiezione internazionale 40.0 Addetti delle partecipate estere in % degli addetti nazionali (2010) Spagna Italia Germania Francia Fonte: Intesa Sanpaolo da Istat ed Eurostat 27

29 lungo tutte le filiere Fatturato realizzato da partecipate estere in % del fatturato nel proprio paese (2010) Gas ed elettricità Manifatturiero Informazione e comunicazione Commercio Attività professionali Trasporto e magazzinaggio Costruzioni Fornitura di acqua; rifiuti Germania Italia Fonte: Intesa Sanpaolo da Istat ed Eurostat 28

30 con più investimenti all estero che in Italia Probabilità di apertura/ampliamento degli stabilimenti entro la fine del 2013 per classe di addetti (%, somma risposte «abbastanza» e «molto probabile») All'estero In Italia > 500 Totale Fonte: Intesa Sanpaolo da Banca d Italia - Supplemento al Bollettino Statistico novembre

31 Le strategie competitive contano Evoluzione delle esportazioni (var. % ) e diffusione delle strategie non price (% di imprese) 6.0 Elettrotecnica Farmaceutica Var.% m.a. export (pr.costanti) Pr.metallo Sistema moda Mobili Altri intermedi Pr.Costr. Elettronica Alimentare Largo consumo Metallurgia Auto&moto Meccanica Int.chimici Elettrodomestici Peso % imprese con strategie non price Strategie non price: brevetti, marchi, partecipate estere, certificazioni di qualità e ambientali Fonte: ISID (Intesa Sanpaolo Integrated Database) e Intesa Sanpaolo-Prometeia 30

32 Tra le piccole imprese meno diffuse le strategie non-price Imprese esportatrici che adottano strategie non-price per classe dimensionale (in % imprese) Imprese micro e piccole Imprese medie e grandi Differenza 0 Gruppo Partecipazioni estere Marchio internazionale Certificati di qualità o ambientali Brevetti EPO Reti di imprese +30,1 +30,4 +25,1 +14,7 +19,0 +1,4 Fonte: ISID (Intesa Sanpaolo Integrated Database) 31

33 Un sostegno dalla modernizzazione della distribuzione Peso della distribuzione sulle esportazioni di manufatti (%, 2010) Fatturato delle partecipate estere nella distribuzione (% fatturato nazionale, 2010) Investimenti ICT nella distribuzione (% sul valore aggiunto media ) Italia Germania 0 Italia Germania 1.0 Italia Germania Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Eurostat, Istat e KLEMS 32

34 Agenda 1 L economia al punto di svolta? 2 La crescita delle imprese parte dai mercati esteri 3 Il nodo delle risorse 33

35 Dieci anni di espansione del credito La recente flessione del credito segue un periodo di forte espansione della dinamica degli impieghi bancari, sostanzialmente raddoppiati nell arco di un decennio. Anche durante la recessione del 2009, il credito all economia è stato più dinamico rispetto alle variabili reali. Prestiti alle società non finanziarie e principali driver della domanda di credito (*) (marzo 2000=100) (*) Investimenti fissi a valori nominali Fonte: Istat, Banca d Italia, elaborazioni Servizio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo 34 Prestiti alle società non finanziarie Fatturato Investimenti fissi Produzione industriale

36 Sofferenze in aumento per effetto della crisi Lo stock di sofferenze lorde ha raggiunto 138 miliardi e il 7,1% dei prestiti a giugno. La crescita delle sofferenze ha accelerato a oltre il 20% da marzo in poi (+22% a/a a giugno). Rapporto Sofferenze / Prestiti (%) mld mld Discontinuità statistica 0 giu08 giu09 giu10 giu11 giu12 giu13 Fonte: Banca d Italia, elaborazioni Servizio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo 35

37 Forte dipendenza delle imprese dal finanziamento bancario L incidenza dei prestiti bancari sul totale dei debiti finanziari è molto elevata nel confronto internazionale. Negli ultimi anni, il grado di dipendenza dal credito bancario è rimasto sostanzialmente invariato, mentre è diminuito nell area euro e soprattutto nei paesi anglosassoni, a fronte dell accresciuto ricorso al mercato obbligazionario. Quota di debiti bancari sul totale dei debiti finanziari delle imprese (%) ITA FRA GER Area Euro UK USA Fonte: Banca d Italia 36

38 e contenuto ricorso al capitale di rischio La capitalizzazione di Borsa delle imprese italiane non finanziarie risultava pari nel 2012 al 18% del PIL, un valore molto più ridotto rispetto a quello dei maggiori partner dell area euro e dei paesi anglosassoni. 100% Imprese non finanziarie: capitalizzazione di Borsa (% del PIL) 80% 60% 40% 20% 0% Italia Francia Germania Spagna UK USA Fonte: Banca d Italia

39 E necessario diversificare le fonti di finanziamento A fine 2011 è stata introdotta ACE (Aiuto alla Crescita Economica), una agevolazione che mira a riequilibrare il trattamento fiscale tra capitale di debito e capitale di rischio, attraverso una riduzione dell imposizione sui redditi commisurata ai nuovi apporti di capitale proprio. Tra il 2011 e il 2012 sono stati predisposti incentivi fiscali per società e persone fisiche che investono nel capitale di rischio di start up innovative e fondi di venture capital. Con l obiettivo di favorire una maggiore diversificazione delle fonti di finanziamento, nel 2012: sono stati eliminati i limiti quantitativi all emissione da parte di società non quotate; è stato uniformato il regime fiscale delle obbligazioni e titoli similari emessi da società quotate o non quotate; è stata modificata la disciplina delle cambiali finanziarie; è stata introdotta la possibilità per le società non quotate di emettere obbligazioni subordinate partecipative. 38

40 Le sfide per le imprese italiane (in sintesi) Il mercato estero continuerà ad essere il principale driver di crescita delle imprese, da servire sempre di più con proprie strutture in loco, marchi noti e prodotti nuovi e differenziati. Aumenteranno le pressioni competitive: molte imprese dovranno confrontarsi con risultati economico-finanziari in deterioramento. Resterà elevata la differenziazione dei risultati in funzione della dimensione aziendale, del settore, del territorio e delle capacità competitive. Migliori performance continueranno a caratterizzare i settori e le imprese che adottano con più intensità strategie non-price. La modernizzazione e l internazionalizzazione della distribuzione garantirà un sostegno importante, soprattutto alle PMI più in difficoltà, per attuare il salto verso i mercati esteri. Occorrerà superare le difficoltà di accesso, in particolare da parte delle PMI, a fonti di finanziamento alternative al credito bancario, da tempo identificate ma mai divenute realmente efficaci. 39

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE A Ugo che ci ha insegnato con competenza e passione ad apprezzare ogni riga del Rapporto RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE Il presente rapporto è stato redatto

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 30 settembre 2014 Il Rapporto CNEL sul mercato del lavoro 2013-2014 è suddiviso in due sezioni realizzate da un gruppo

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.)

LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) cap 01 libro finanza 22-04-2005 11:22 Pagina 13 CAPITOLO PRIMO LE PMI ITALIANE: UN QUADRO INTRODUTTIVO (a cura di Cenciarini R.A., Dallocchio M., Dell Acqua A., Etro L.L.) INTRODUZIONE Le piccole e medie

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

5 OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO DONNE IMPRESA

5 OSSERVATORIO CONFARTIGIANATO DONNE IMPRESA DONNE, MERCATO, DEMOCRAZIA E WELFARE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE ABSTRACT A CURA DELL UFFICIO STUDI CONFARTIGIANATO LUGLIO 2008 2 DONNE, MERCATO, DEMOCRAZIA E WELFARE NELL ERA DELLA GLOBALIZZAZIONE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina

Esportare la dolce vita. Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Esportare la dolce vita Il bello e ben fatto italiano nei nuovi mercati Ostacoli, punti di forza e focus Cina Il rapporto è stato realizzato da: Alessandro Gambini, Manuela Marianera, Luca Paolazzi (Centro

Dettagli

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI

Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI Sommario Il settore calzaturiero italiano: quadro di sintesi, potenziali nuovi 3 mercati e strategie ANCI BANCA MPS Area Rischi di Gruppo e Ristrutturazioni Performance di bilancio e prospettive economiche

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli