Le imprese italiane e la sfida della crescita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le imprese italiane e la sfida della crescita"

Transcript

1 Fondazione CUOA Le imprese italiane e la sfida della crescita Gregorio De Felice Chief Economist Altavilla Vicentina, 2 settembre 2013

2 Agenda 1 L economia al punto di svolta? 2 La crescita delle imprese parte dai mercati esteri 3 Il nodo delle risorse 1

3 La congiuntura internazionale Accelera il ciclo manifatturiero negli USA. Prosegue il miglioramento degli indici congiunturali europei, tornati in territorio espansivo per la prima volta dopo due anni. In rallentamento invece quasi tutte le principali economie emergenti. PMI manifatturiero indice di produzione Globale Eurozona Globale Giappone Globale USA 40 gen-12apr-12 lug-12 ott-12 gen-13apr-13 lug gen-12apr-12 lug-12 ott-12 gen-13apr-13 lug gen-12apr-12lug-12 ott-12gen-13apr-13lug Globale Cina Globale Brasile gen-12apr-12 lug-12 ott-12gen-13apr-13 lug gen-12apr-12 lug-12 ott-12 gen-13apr-13 lug Globale India 40 gen-12apr-12 lug-12 ott-12 gen-13apr-13 lug-13 Fonte: elaborazioni su dati Markit 2

4 Le proiezioni di crescita per il Variazioni a/a del PIL a prezzi costanti p 2014p Intesa Consensus Intesa Consensus Stati Uniti Giappone Area euro Germania Francia Italia Spagna OPEC nd 4.7 nd Europa Orientale nd 3.1 nd America Latina* Cina* India* Crescita mondiale * Fonte Consensus: Emerging Market Economic Data Fonte: Servizio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo, Consensus Economics, EMED 3

5 Stati Uniti: la ripresa si consolida, nonostante il freno fiscale La ripresa prosegue e la zavorra fiscale si riduce Q Q Q Q Q Q Q Q Consumi Inv. non resid. Invest. resid. Var. scorte Spesa pubblica Esportazioni nette PIL La crescita rimane moderata, in parte per via del contributo negativo della spesa pubblica. La domanda domestica privata però è in espansione. Consumi e investimenti residenziali sono stabilmente in crescita e garantiscono il proseguimento della ripresa. Da fine 2013, la spesa pubblica non darà più contributi negativi alla crescita. La ripresa si va consolidando e nel 2014, il PIL è previsto in aumento del 3,2%. Fonte: Thomson Reuters Datastream 4

6 Mercato del lavoro: il miglioramento è «sostanziale» Tasso di disoccupazione: il trend è chiaro Il mercato del lavoro mostra chiari segni di miglioramento, in linea con le previsioni della Fed lug-12 ago-12 set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 U-6 Tasso di disoccupazione, sx Nuovi occupati non agricoli 152 media Q media Q media H La crescita degli occupati si è mantenuta vicina ai 200 mila nuovi posti al mese. Su base annua, l occupazione cresce intorno all 1,5% a/a; la forza lavoro aumenta molto più lentamente (circa 0,5% a/a). Gli occupati crescono più della forza lavoro: così scende il tasso di disoccupazione gen-07 apr-08 lug-09 ott-10 gen-12 apr-13 var. occupati non agricoli, migliaia media var. occupati non agricoli, a/a var. forza lavoro, a/a Fonte: Thomson Reuters Datastream. U6=tasso di disoccupazione allargato a individui scoraggiati, marginalmente attaccati alla forza lavoro e a occupati part-time per motivi economici 2 1

7 Giappone - BoJ: impegno a raggiungere l obiettivo di inflazione al 2% entro il 2015 L'obiettivo di base monetaria e le proiezioni per il bilancio della BoJ (tln yen) Fine 2012 effettivo Fine 2013 previsto Fine 2014 previsto Base monetaria Disaggregazione del bilancio JGB CP Corporate bonds ETF J-REIT Programma supporto prestiti Totale attività (incluse altre) Banconote Depositi correnti Totale passività (incluse altre) Fonte: BoJ Le misure del QQE 1) aumento base monetaria di tln di yen all anno 2) acquisti di JGB per circa 50 tln di yen all anno con scadenza media di 7 anni 3) acquisti di ETF di 1 tln e di J-REITs di 30 mld di yen all anno 4) acquisti di carta commerciale e corporate bonds in modo da detenere 2,2 tln e 3,3 tln di yen a fine 2013 Per memoria: PIL Giappone: 476 tln di yen (1 trimestre 2013) La Bank of Japan (BoJ) continua a reiterare l impegno a fornire stimolo monetario finalizzato al raggiungimento dell obiettivo di inflazione al 2% entro 2 anni. Nella valutazione dello scenario economico, si rileva che l economia ha iniziato a riprendersi moderatamente, e si indica che lo stimolo è appropriato. Nel 2014 la BoJ potrebbe dover ampliare le misure espansive, se verrà attuato il rialzo dell imposta sui consumi (aprile 2014). 6

8 L economia ha già risposto allo stimolo monetario: un ciclo anomalo spinto dai consumi 8% 4% 0% -4% Il PIL cresce grazie ai consumi L economia è in ripresa, trainata da consumi e spesa pubblica, con qualche timido segnale di ripresa di investimenti privati ed esportazioni. La crescita del PIL nel primo semestre 2013 è stata sostenuta (+0,9% t/t nel 1 trimestre, +0,6% t/t nel 2 ). L inflazione dovrebbe essere positiva da fine % Q Q Q Q Q Q Q Consumi privati Inv. fissi non resid. PIL Fonte: Thomson Reuters Datastream. Variazioni a/a. Ultimo dato disponibile: 2 trimestre Il governo sta valutando una modifica del programma di rialzo dell imposta sui consumi. In autunno verrà comunicato il piano fiscale: il governo potrebbe introdurre aumenti dell imposta più graduali rispetto a quelli originariamente annunciati. 7

9 Area euro: l economia sembra aver svoltato Dopo sei trimestri consecutivi di contrazione, il PIL dell eurozona è tornato a crescere nel 2 trimestre (0,3% t/t), trainato da Germania (0,7% t/t) e Francia (0,5% t/t); continua a contrarsi, ma meno del previsto, l attività economica in Spagna (-0,1% t/t) e Italia (-0,2% t/t). Il PMI composito è tornato al di sopra del valore-soglia dopo 2 anni. L indice manifatturiero segnala una svolta del ciclo di ordini e scorte. I dati di produzione industriale avevano mostrato un recupero già dai mesi primaverili. La ripresa per il momento è ancora trainata dall export. L industria ha svoltato PMI man., ord.-scorte (+6m) -10 Prod. Ind. a/a, dx La ripresa è ancora trainata dall export PMI man,exp.ord.+6m Exp.a/a,dx O-03 A-05 O-06 A-08 O-09 A-11 O-12 A Fonte: Markit, Eurostat e elaborazioni Intesa Sanpaolo 8

10 La ripresa si consoliderà nel secondo semestre Ci attendiamo che la ripresa seppur debole continui nel secondo semestre, per il momento ancora alimentata dalle esportazioni. L inflazione rimarrà sotto la soglia del 2% per almeno un anno, anche se una modesta accelerazione è possibile nel Soltanto la Germania dovrebbe registrare una crescita del PIL positiva in media annua nel corso del 2013, e una ripresa relativamente sostenuta nel PIL (a/a) IPCA (a/a) P 2014P P 2014P Germania Francia Italia Spagna Olanda Belgio Fonte: Intesa Sanpaolo 9

11 La politica fiscale rimane restrittiva La Commissione Europea, esaminati i programmi di stabilità , ha raccomandato una correzione fiscale strutturale aggiuntiva in particolare per Francia e Spagna. Di riflesso, nel 2014, la politica fiscale peserà per lo 0,3% di PIL, mentre le previsioni della Commissione di primavera indicavano un espansione dello 0,1% Variazione del saldo primario strutturale: aggregato e contributo per Paese BEL+NLD Altri FRA DEU ESP ITA EUR Prev Prim 2013 Post Racc 2014 Prev Prima 2014 Post Racc Nota: Altri = PRT, IRL, GRC, SLJ, SLK Fonte: Commissione Europea previsioni di primavera e raccomandazioni della Commissione Europea del 29/05/

12 BCE: arriva la forward guidance anche in Europa Arriva la guidance sui tassi di interesse anche in Europa, mossa molto più utile di una limatura dei tassi ufficiali. La BCE si è impegnata a mantenere i tassi d interesse chiave (refi e tasso sui depositi) sui livelli attuali o su livelli più bassi per un periodo prolungato di tempo. Le previsioni sull andamento della politica monetaria non cambiano ma l introduzione della guidance è un chiaro segnale che ulteriori mosse non troverebbero ostacoli all interno del Consiglio. Se i dati macro dovessero confermare i timidi segnali di recupero dell eurozona, la BCE manterrà il refi allo 0,5%; tuttavia, una limatura del refi rimane un opzione (priva di costi e benefici rilevanti). Un tasso negativo sui depositi, potenzialmente più rilevante ma anche più problematico, potrebbe arrivare se la frammentazione dei mercati interbancari europei non dovesse migliorare ulteriormente. 11

13 Italia: la strada verso la ripresa è ancora lunga La previsione sul PIL per il 2013 era stata rivista al -2% a inizio maggio, per effetto principalmente di un deludente 1 trimestre. Da allora, si è verificata una sorpresa «positiva» sul trimestre primaverile, meno negativo di quanto anticipato (-0,2% t/t, dopo il -0,6% t/t del 1 trimestre). Ad oggi è dunque possibile che il consuntivo 2013 risulti lievemente migliore del -2%. Permangono tuttavia dei rischi, derivanti principalmente dalle incertezze sulla stabilità (e la durata) del governo, che potrebbero incidere su condizioni finanziarie e fiducia di imprese e famiglie. La stabilità del quadro politico, accanto al mantenimento del ciclo espansivo mondiale, appare condizione necessaria per un miglioramento in corso d anno e nel Il miglioramento del quadro ciclico nei restanti paesi dell eurozona costituisce il principale fattore positivo, oltre all attenuarsi del freno rappresentato dalla politica fiscale e al procedere del pagamento dei debiti arretrati della PA (secondo l aggiornamento del 6 agosto, 17 miliardi dei 20 complessivi previsti per il 2013 sono stati resi disponibili agli enti debitori, e di questi 5 miliardi sono stati già pagati ai creditori). 12

14 ma gli indicatori forward-looking anticipano la possibilità di un recupero per fine anno Già da qualche mese/trimestre, alcuni indicatori maggiormente affidabili nell anticipare le tendenze di medio termine, come il leading indicator dell OCSE o la massa monetaria M1 al netto dell inflazione, segnalano una possibile svolta ciclica tra fine 2013 e inizio Tali indicatori sono tuttavia più affidabili come segnalatori dei punti di svolta del ciclo che non dell intensità del ritmo della ripresa, che sarà assai modesta. PIL e indicatore composito dell OCSE Pil t/t LEI t/t +1T -3.5 giu-05 giu-07 giu-09 giu-11 giu-13 Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Istat, OCSE, Banca d Italia PIL e M1 reale a/a PIL a/a (sx) M1 reale a/a +1a -7 g-99 g-01 g-03 g-05 g-07 g-09 g-11 g

15 Primi segnali di stabilizzazione dalle indagini sulle imprese La fiducia delle imprese manifatturiere (sia secondo l indagine Istat che in base alla survey PMI) mostra da qualche mese un trend di ripresa. A luglio l indice PMI manifatturiero è tornato in territorio espansivo per la prima volta dopo due anni. Gli ordini dall estero continuano ad essere trainanti, ma la novità degli ultimi mesi è il minor pessimismo delle imprese anche sulle commesse dal mercato domestico. Non solo le indagini sulle imprese, ma anche i dati reali sugli ordini all industria hanno mostrato un recupero già dai mesi primaverili. Le indagini segnalano che il peggio è passato per l attività economica nell industria g-05 g-06 g-07 g-08 g-09 g-10 g-11 g-12 g-13 PMI scorte-ord. +4m ( sx inv.) Prod. ind. a/a, dx Prosegue la ripresa degli ordini dall estero e si nota anche un primo rimbalzo dai minimi per le commesse dall interno PMI man.,ord.est.(sx) 36 PMI man.,ord.int.(dx) Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Istat, Markit Economics 14

16 Meno pessimiste anche le famiglie Da aprile, per la prima volta dopo due anni e mezzo, le retribuzioni contrattuali sono tornate in territorio positivo in termini reali. Nel 1 trimestre il reddito disponibile reale delle famiglie è aumentato per la prima volta dopo 8 trimestri di contrazione (+0,5% t/t, grazie a una crescita dello 0,8% t/t del reddito disponibile nominale). In recupero anche per la propensione al risparmio (al 9,3%, in aumento di 0,9 punti percentuali rispetto sia al trimestre precedente sia a un anno fa). Da qualche mese le retribuzioni contrattuali sono tornate in positivo in termini reali Salari reali Salari contrattuali a/a (dx) e si nota un tentativo di rimbalzo dai minimi del potere d acquisto delle famiglie (e del tasso di risparmio) 8% 17 6% 4% 15 2% 13 0% 11-2% -4% 9-6% 7 dic-00 dic-03 dic-06 dic-09 dic-12 Potere d'acquisto a/a Tasso di risparmio (dx) Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Istat, Markit 15

17 Segnali positivi dall export I dati sulle esportazioni, in particolare verso i Paesi extra-ue, hanno mostrato segnali di riaccelerazione nei mesi primaverili. Nel 1 trimestre del 2013 il commercio con l estero aveva fornito un contributo negativo al PIL per la prima volta dopo più di 2 anni (-0,1% t/t). La stabilizzazione del ciclo nei Paesi UE fa sperare in segnali meno negativi anche dalle vendite verso quelli che rimangono i maggiori partner commerciali dell Italia. Prosegue il trend di miglioramento della bilancia commerciale specie verso i Paesi extra-ue L andamento della domanda mondiale resta coerente con una crescita dell export Bil. Comm. Tot. Bil. Comm. Ue Bil. Comm. Extra-Ue Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Istat, Markit d-06 d-07 d-08 d-09 d-10 d-11 d-12 d-13 Export Italia a/a (sx) Indice PMI globale (ponderato per pesi export IT) + 3m 16

18 Scenario macro gradualmente meno negativo Prevediamo un ritorno alla crescita su base congiunturale nell ultimo trimestre dell anno. La ripresa dovrebbe poi consolidarsi su ritmi modesti nel Nel nostro scenario, gli interventi su IMU e IVA sono a fronte di adeguate coperture in quanto i margini per misure genuinamente espansive appaiono pressoché inesistenti P 2014P P 2013P 2013P 2014P 2014P PIL (prezzi 2005, a/a) var.ne % t/t Consumi delle famiglie Consumi collettivi Investimenti fissi Importazioni Esportazioni Contributo alla crescita: Commercio estero Domanda finale interna Prezzi al consumo (a/a) Disoccupazione (%) Reddito disponibile reale Tasso di risparmio Partite correnti (% PIL) Variazioni percentuali rispetto al periodo precedente, ove non diversamente specificato. Nota: le previsioni non incorporano il rialzo dell 1% dell aliquota ordinaria IVA dal 1 ottobre. Fonte: Intesa Sanpaolo 17

19 Agenda 1 L economia al punto di svolta? 2 La crescita delle imprese parte dai mercati esteri 3 Il nodo delle risorse 18

20 Performance diversificate in funzione delle dimensioni aziendali Manifatturiero italiano: variazione cumulata del fatturato tra il 2008 e il 2011 Mediana imprese migliori e mediana imprese peggiori (%) Imprese peggiori (1) Imprese migliori (2) Differenza tra migliori e peggiori Micro imprese Piccole imprese Medie imprese Grandi imprese (1) Imprese peggiori: mediana del peggior 20% della distribuzione delle imprese (2) Imprese migliori: mediana del miglior 20% della distribuzione delle imprese Fonte: ISID (Intesa Sanpaolo Integrated Database) 19

21 dei settori Previsioni su fatturato (a prezzi costanti) ed EBITDA 2014 per settore 18 gas 15 elettromedicali EBITDA margin farmaceutica apparati per generazione e trasmissione 3 siderurgia Variazione % del fatturato Fonte: Intesa Sanpaolo - Prometeia 20

22 del territorio Evoluzione del fatturato e Redditività nelle province italiane (valori mediani) 9 8 EBITDA margin, Var. % fatturato 2011: Min -3%; Max 10,1% EBITDA margin 2011: Min 4,9%; Max 8,9% Variazione % del fatturato nel imprese manifatturiere italiane con almeno un milione di euro di fatturato nel Fonte: ISID (Intesa Sanpaolo Integrated Database) 21

23 e delle strategie Fatturato: distanza dai livelli pre-crisi per leva strategica (variazione % del fatturato tra il 2008 e il 2011; valori mediani) +1,7 +3,1 +3,1 +4,4 +4,3 +6,5 Impresa CON partecipate estere Impresa SENZA partecipate estere Impresa CON attività di export Impresa SENZA attività di export Imprese CON marchio internazionale Imprese SENZA marchio internazionale Imprese CON certificati di qualità Imprese SENZA certificati di qualità Imprese CON brevetto Imprese SENZA brevetto Imprese CON certificati ambientali Imprese SENZA certificati ambientali imprese manifatturiere italiane con almeno un milione di euro di fatturato nel Fonte: ISID (Intesa Sanpaolo Integrated Database) 22

24 Industria italiana sempre più orientata all estero La propensione all export dell industria manifatturiera italiana salirà quest anno al 45,4%. Era al 36% nel Domanda interna e domanda estera per settore nel (variazioni m.a. a prezzi costanti) Prod. e materiali da costruzione Mobili Elettrodomestici Autoveicoli e moto Sistema moda Meccanica Altri intermedi Largo consumo Prodotti in metallo Alimentare e Bevande Elettrotecnica Elettronica Metallurgia Intermedi chimici Farmaceutica Industria manifatturiera Fonte: Intesa Sanpaolo - Prometeia Domanda interna Domanda estera

25 L alto potenziale dei «nuovi mercati». 70 Peso dei «nuovi mercati» e dei mercati maturi* sulle importazioni mondiali di beni manufatti (%) mercati maturi nuovi mercati * Mercati maturi: UE15, USA, Giappone, Svizzera e Norvegia Fonte: elaborazioni su dati BACI e EIU 24

26 ma anche degli Stati Uniti Prodotti manufatti: destinazioni a più alto potenziale al 2016 e quote di mercato dell Italia Quote di mercato dell Italia nel Turchia Germania Russia Nei 15 mercati a più alto potenziale al 2016 solo in Germania, Russia e Turchia la quota di mercato italiana supera il 4% 3 Australia India 2 Canada Singapore Stati Uniti Sud Corea Messico Cina 1 Hong Kong Thailandia Indonesia Malaysia Potenziale (0-100) Potenziale: aumento import al 2016 in % aumento import mondiale al Fonte: elaborazioni su dati BACI e EIU 25

27 richiede un ulteriore riposizionamento delle nostre esportazioni I principali mercati di sbocco del settore manifatturiero italiano (in %, 2012) Hong Kong 1.2 Brasile Giappone 1.5 Romania 1.5 Austria 2.1 Cina 2.3 Paesi Bassi 2.3 Polonia 2.4 Russia 2.6 Belgio 2.6 Turchia 2.8 Emirati Arabi Uniti Spagna Regno Unito Svizzera Stati Uniti Francia Germania Nota: in blu i mercati maturi. Fonte: Istat Nonostante i progressi degli ultimi anni, l export italiano è ancora concentrato sui paesi europei

28 Occorre una maggiore proiezione internazionale 40.0 Addetti delle partecipate estere in % degli addetti nazionali (2010) Spagna Italia Germania Francia Fonte: Intesa Sanpaolo da Istat ed Eurostat 27

29 lungo tutte le filiere Fatturato realizzato da partecipate estere in % del fatturato nel proprio paese (2010) Gas ed elettricità Manifatturiero Informazione e comunicazione Commercio Attività professionali Trasporto e magazzinaggio Costruzioni Fornitura di acqua; rifiuti Germania Italia Fonte: Intesa Sanpaolo da Istat ed Eurostat 28

30 con più investimenti all estero che in Italia Probabilità di apertura/ampliamento degli stabilimenti entro la fine del 2013 per classe di addetti (%, somma risposte «abbastanza» e «molto probabile») All'estero In Italia > 500 Totale Fonte: Intesa Sanpaolo da Banca d Italia - Supplemento al Bollettino Statistico novembre

31 Le strategie competitive contano Evoluzione delle esportazioni (var. % ) e diffusione delle strategie non price (% di imprese) 6.0 Elettrotecnica Farmaceutica Var.% m.a. export (pr.costanti) Pr.metallo Sistema moda Mobili Altri intermedi Pr.Costr. Elettronica Alimentare Largo consumo Metallurgia Auto&moto Meccanica Int.chimici Elettrodomestici Peso % imprese con strategie non price Strategie non price: brevetti, marchi, partecipate estere, certificazioni di qualità e ambientali Fonte: ISID (Intesa Sanpaolo Integrated Database) e Intesa Sanpaolo-Prometeia 30

32 Tra le piccole imprese meno diffuse le strategie non-price Imprese esportatrici che adottano strategie non-price per classe dimensionale (in % imprese) Imprese micro e piccole Imprese medie e grandi Differenza 0 Gruppo Partecipazioni estere Marchio internazionale Certificati di qualità o ambientali Brevetti EPO Reti di imprese +30,1 +30,4 +25,1 +14,7 +19,0 +1,4 Fonte: ISID (Intesa Sanpaolo Integrated Database) 31

33 Un sostegno dalla modernizzazione della distribuzione Peso della distribuzione sulle esportazioni di manufatti (%, 2010) Fatturato delle partecipate estere nella distribuzione (% fatturato nazionale, 2010) Investimenti ICT nella distribuzione (% sul valore aggiunto media ) Italia Germania 0 Italia Germania 1.0 Italia Germania Fonte: elaborazioni Intesa Sanpaolo su dati Eurostat, Istat e KLEMS 32

34 Agenda 1 L economia al punto di svolta? 2 La crescita delle imprese parte dai mercati esteri 3 Il nodo delle risorse 33

35 Dieci anni di espansione del credito La recente flessione del credito segue un periodo di forte espansione della dinamica degli impieghi bancari, sostanzialmente raddoppiati nell arco di un decennio. Anche durante la recessione del 2009, il credito all economia è stato più dinamico rispetto alle variabili reali. Prestiti alle società non finanziarie e principali driver della domanda di credito (*) (marzo 2000=100) (*) Investimenti fissi a valori nominali Fonte: Istat, Banca d Italia, elaborazioni Servizio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo 34 Prestiti alle società non finanziarie Fatturato Investimenti fissi Produzione industriale

36 Sofferenze in aumento per effetto della crisi Lo stock di sofferenze lorde ha raggiunto 138 miliardi e il 7,1% dei prestiti a giugno. La crescita delle sofferenze ha accelerato a oltre il 20% da marzo in poi (+22% a/a a giugno). Rapporto Sofferenze / Prestiti (%) mld mld Discontinuità statistica 0 giu08 giu09 giu10 giu11 giu12 giu13 Fonte: Banca d Italia, elaborazioni Servizio Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo 35

37 Forte dipendenza delle imprese dal finanziamento bancario L incidenza dei prestiti bancari sul totale dei debiti finanziari è molto elevata nel confronto internazionale. Negli ultimi anni, il grado di dipendenza dal credito bancario è rimasto sostanzialmente invariato, mentre è diminuito nell area euro e soprattutto nei paesi anglosassoni, a fronte dell accresciuto ricorso al mercato obbligazionario. Quota di debiti bancari sul totale dei debiti finanziari delle imprese (%) ITA FRA GER Area Euro UK USA Fonte: Banca d Italia 36

38 e contenuto ricorso al capitale di rischio La capitalizzazione di Borsa delle imprese italiane non finanziarie risultava pari nel 2012 al 18% del PIL, un valore molto più ridotto rispetto a quello dei maggiori partner dell area euro e dei paesi anglosassoni. 100% Imprese non finanziarie: capitalizzazione di Borsa (% del PIL) 80% 60% 40% 20% 0% Italia Francia Germania Spagna UK USA Fonte: Banca d Italia

39 E necessario diversificare le fonti di finanziamento A fine 2011 è stata introdotta ACE (Aiuto alla Crescita Economica), una agevolazione che mira a riequilibrare il trattamento fiscale tra capitale di debito e capitale di rischio, attraverso una riduzione dell imposizione sui redditi commisurata ai nuovi apporti di capitale proprio. Tra il 2011 e il 2012 sono stati predisposti incentivi fiscali per società e persone fisiche che investono nel capitale di rischio di start up innovative e fondi di venture capital. Con l obiettivo di favorire una maggiore diversificazione delle fonti di finanziamento, nel 2012: sono stati eliminati i limiti quantitativi all emissione da parte di società non quotate; è stato uniformato il regime fiscale delle obbligazioni e titoli similari emessi da società quotate o non quotate; è stata modificata la disciplina delle cambiali finanziarie; è stata introdotta la possibilità per le società non quotate di emettere obbligazioni subordinate partecipative. 38

40 Le sfide per le imprese italiane (in sintesi) Il mercato estero continuerà ad essere il principale driver di crescita delle imprese, da servire sempre di più con proprie strutture in loco, marchi noti e prodotti nuovi e differenziati. Aumenteranno le pressioni competitive: molte imprese dovranno confrontarsi con risultati economico-finanziari in deterioramento. Resterà elevata la differenziazione dei risultati in funzione della dimensione aziendale, del settore, del territorio e delle capacità competitive. Migliori performance continueranno a caratterizzare i settori e le imprese che adottano con più intensità strategie non-price. La modernizzazione e l internazionalizzazione della distribuzione garantirà un sostegno importante, soprattutto alle PMI più in difficoltà, per attuare il salto verso i mercati esteri. Occorrerà superare le difficoltà di accesso, in particolare da parte delle PMI, a fonti di finanziamento alternative al credito bancario, da tempo identificate ma mai divenute realmente efficaci. 39

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Scenari economici europei e italiani: analisi dell impatto sul settore bancario

Scenari economici europei e italiani: analisi dell impatto sul settore bancario Banking Summit 213 «Le banche che si rinnovano, fare banca per la crescita» Scenari economici europei e italiani: analisi dell impatto sul settore bancario Gregorio De Felice Chief Economist Milano, 26

Dettagli

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO

LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo LE PROSPETTIVE DEL SETTORE ORAFO NELL'ATTUALE CONTESTO MACROECONOMICO Stefania Trenti Servizio Studi e Ricerche Vicenza, 13 novembre 2013 Agenda

Dettagli

Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo Il Settore orafo nell attuale contesto macroeconomico

Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo Il Settore orafo nell attuale contesto macroeconomico Centro Produttività Veneto Gruppo di studio Settore Orafo Il Settore orafo nell attuale contesto macroeconomico Stefania Trenti Servizio Studi e Ricerche Vicenza, 18 aprile 2013 Agenda 1 Alla ricerca della

Dettagli

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria

Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Banking Summit 2014 L economia italiana e il credito nella prospettiva dell Unione Bancaria Gregorio De Felice Chief economist Milano, 25 settembre 2014 Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2

Dettagli

Sistema Moda Italia Come valorizzare il Tessile Moda Italiano Il Sistema Moda nell attuale contesto macroeconomico

Sistema Moda Italia Come valorizzare il Tessile Moda Italiano Il Sistema Moda nell attuale contesto macroeconomico Sistema Moda Italia Come valorizzare il Tessile Moda Italiano Il Sistema Moda nell attuale contesto macroeconomico Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 4 aprile 2013 Agenda 1 Alla ricerca

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Italia: ultima chiamata per la crescita

Italia: ultima chiamata per la crescita Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Italia: ultima chiamata per la crescita Agenda 1 Economia mondiale in moderata ripresa 2 Italia in lento recupero, ma solo dal 2015 1 Le previsioni per

Dettagli

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali

«Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali «Going Global: M&A per il food Made in Italy» Fare sistema per conquistare i mercati internazionali Gregorio De Felice Direzione Studi e Ricerche Milano, 8 settembre 2015 Agenda 1 Importanza e specificità

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri

I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri I mercati esteri e il futuro della calzetteria italiana L industria della calzetteria italiana: opportunità di crescita sui mercati esteri Giovanni Foresti Direzione Studi e Ricerche Guidizzolo, 25 novembre

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Contesto economico e caratteristiche del sistema industriale italiano. Roberto Calugi Direttore - Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Contesto economico e caratteristiche del sistema industriale italiano. Roberto Calugi Direttore - Consorzio Camerale per il credito e la finanza Contesto economico e caratteristiche del sistema industriale italiano Roberto Calugi Direttore - Consorzio Camerale per il credito e la finanza Agenda ANALISI DEGLI SCENARI MACROECON OMICI I. Analisi degli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

L economia dei territori e il credito alle imprese

L economia dei territori e il credito alle imprese Acef L economia dei territori e il credito alle imprese Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Bologna, 23 ottobre 2015 Agenda 1 L economia italiana 2 L economia dell Emilia Romagna 3 Il credito in

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Luglio 21 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. 2/346.337 - Mail aei@feder.it Chimica europea in moderata

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore

Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Agganciare la ripresa, ma con quali capitali? 10 Annual Economia & Finanza Il Sole 24 Ore Milano, 28 novembre 2013 Euro mld Il fardello dell economia italiana Debito pubblico dello Stato italiano 2.068.564.740.090

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Situazione e prospettive per l industria chimica

Situazione e prospettive per l industria chimica Situazione e prospettive per l industria Dicembre 15 Sintesi Per informazioni: Direzione Centrale Analisi Economiche-Internazionalizzazione Tel. /355.337 - Mail aei@feder.it Chimica mondiale a macchia

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014

CONGIUNTURA FLASH APRILE 2014 5 APRILE 2014 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Le economie avanzate accelerano, le emergenti frenano ancora. Per la crescita globale la somma è positiva,

Dettagli

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014

Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Ripresa in vista ma a passo lento: previsioni CSC per l Italia nel biennio 2013-2014 Indagine Confindustria sul mercato del lavoro nel 2012 Francesca Mazzolari In Italia segnali di fine caduta e ripresa

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche 0 Bologna, 7 ottobre 20 Agenda Andamento del credito a livello nazionale Il credito in Emilia-Romagna 1 Crescita sostenuta

Dettagli

La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014

La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 La congiuntura economica e i mercati finanziari Presentazione del Rapporto annuale L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 9 luglio 2014 Agenda L economia mondiale

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

La moda oltre la crisi: quali strategie per competere nel nuovo scenario di mercato Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico

La moda oltre la crisi: quali strategie per competere nel nuovo scenario di mercato Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico La moda oltre la crisi: quali strategie per competere nel nuovo scenario di mercato Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche 0 Milano, 3 novembre 2009

Dettagli

Il contesto del credito

Il contesto del credito Il contesto del credito Italia & Puglia Francesco Paolo ACITO Direttore Territoriale Corporate SUD Trani, 23 novembre 2012 Agenda Il contesto ed il sistema PMI I driver per la crescita e le Reti di Impresa

Dettagli

Economia industriale: fattori della ripresa.

Economia industriale: fattori della ripresa. Economia industriale: fattori della ripresa. Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria COME ERAVAMO! Is Italy Facing the Stability of the Graveyard? COME SIAMO? Italy s Fragile Comeback I TEMI

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'INFLAZIONE IL CREDITO. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 98 GIUGNO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Reggio Emilia. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Reggio Emilia. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Reggio Emilia Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Servizio Statistica e Informazione Geografica. Economia regionale. congiuntura e previsioni

Servizio Statistica e Informazione Geografica. Economia regionale. congiuntura e previsioni Servizio Statistica e Informazione Geografica Economia regionale congiuntura e previsioni Aggiornamento settembre 2014 Responsabile di Progetto: Roberto Righetti Redazione del rapporto: Elena Clò Il presente

Dettagli

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5

RAPPORTO BANCHE 1/2 0 1 5 RAPPORTO BANCHE 1/2015 N. 1-2015 Il Rapporto Cer-Banche è frutto della ricerca in campo bancario svolta in questi anni dall'istituto. Il programma di attività ha condotto alla costruzione di un modello

Dettagli

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Benevento. Settembre 2013. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche Benevento Settembre 213 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Economia e competitività Indicatori strutturali Valore aggiunto e

Dettagli

Il Made in Italy al 2020: reti globali in un mondo in cambiamento

Il Made in Italy al 2020: reti globali in un mondo in cambiamento Milano 16 maggio 2016 Il Made in Italy al 2020: reti globali in un mondo in cambiamento 89 Rapporto Analisi dei Settori Industriali Un mondo in cambiamento: le prospettive dei settori industriali al 2020

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie

ASSOFOND ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro. ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Federazione Nazionale Fonderie XXXI Congresso di Fonderia Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro Roma 4-5 Ottobre 2012 PRESIDENTE : Enrico Frigerio 1 La Fonderia in Italia

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Ascoli Piceno, 24 ottobre 2014 Agenda 1 L identikit delle

Dettagli

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione "Programmazione

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

L'Italia delle province. Pescara. Dicembre 2012

L'Italia delle province. Pescara. Dicembre 2012 Dicembre 212 Principali indicatori Società, lavoro e ricchezza indicatori Indicatori strutturali La provincia nella regione Stime e previsioni dei principali indicatori socio-economici Economia e competitività

Dettagli

Quaderno Trimestrale degli Indicatori Macroeconomici

Quaderno Trimestrale degli Indicatori Macroeconomici Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno Trimestrale degli Indicatori Macroeconomici N 1 Novembre 2009 Quaderni Statistici

Dettagli

intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna

intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna INSIEME PER LA RIPRESA LO STATO DELL ECONOMIA REGIONALE intervento del Direttore Regionale Ing. Adriano Maestri Giovedì 20 settembre ore 09.00 Convento S.Domenico Sala Bolognini - Bologna 1 La congiuntura

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3.1. IL CONTESTO INTERNAZIONALE Fin dalla primavera la ripresa dell economia mondiale ha perso vigore. Le turbolenze finanziarie e il peggioramento

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

L infinita crisi del debito e l economia italiana. Gregorio De Felice Chief Economist

L infinita crisi del debito e l economia italiana. Gregorio De Felice Chief Economist L infinita crisi del debito e l economia italiana Gregorio De Felice Chief Economist Agenda 1 Il ciclo internazionale 2 La crisi del debito sovrano in Europa 3 Valutazioni sui meccanismi di sostegno 4

Dettagli

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI

L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI L ATTIVITA DELLE RETI DI PROMOTORI FINANZIARI Nel primo trimestre del 2014, la raccolta netta in prodotti finanziari e servizi d investimento realizzata dalle Società aderenti ad Assoreti è stata pari

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 Maggio 2013 Più raccolta, meno prestiti PIÚ RACCOLTA, MENO PRESTITI Continuano a ridursi gli impieghi, con saggi che nel caso delle famiglie raggiungono valori di massimo

Dettagli

Business Plan 2010-2012 Conference Call

Business Plan 2010-2012 Conference Call Business Plan 2010-2012 Conference Call Adolfo Bizzocchi 11/01/2010 Agenda Il contesto attuale di mercato La posizione competitiva di Credem Il piano 2010-2012 CRESCERE PER CONTINUARE AD ECCELLERE 2 Il

Dettagli

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA:

IL PRESENTE RAPPORTO E STATO ELABORATO CON LE INFORMAZIONI DISPONIBILI AL 16 dicembre 2004 DA: Istituto nazionale per il Commercio Estero PROMETEIA S.R.L. Evoluzione del commercio con l estero per aree e settori Gennaio 2005 PROMETEIA S.R.L. Via G. Marconi, 43 40122 Bologna 051-6480911 fax 051-220753

Dettagli

ECONOMIA E INDUSTRIA: CONSUNTIVO PREVISIONI

ECONOMIA E INDUSTRIA: CONSUNTIVO PREVISIONI ECONOMIA E INDUSTRIA: CONSUNTIVO E PREVISIONI Palazzo Torriani, 13 gennaio 2015 Economia internazionale L attività economica mondiale presenta un quadro frammentato. Tra i paesi avanzati prevalgono segnali

Dettagli

Documento di Economia e Finanza 2016. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva

Documento di Economia e Finanza 2016. Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Documento di Economia e Finanza 2016 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni riunite V Commissione "Bilancio, tesoro e programmazione" della Camera dei

Dettagli

NUMERO 97 MAGGIO 2015

NUMERO 97 MAGGIO 2015 NUMERO 97 MAGGIO 21 ATTIVITA' ECONOMICA E OCCUPAZIONE GLI SCAMBI CON L'ESTERO E LA COMPETITIVITA' L'INFLAZIONE IL CREDITO LA FINANZA PUBBLICA LE PREVISIONI MACROECONOMICHE 1 7 8 11 12 Indicatore ciclico

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione

Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione Stefano Guglielmetto Head of Portfolio Management Italy Osservatorio PMI 212 Milano 11 Luglio 212 Il 212 a metà strada: economic summary L economia mondiale

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

LA CONGIUNTURA INTERNAZIONALE E L OUTLOOK PER IL 2015/2016

LA CONGIUNTURA INTERNAZIONALE E L OUTLOOK PER IL 2015/2016 LO SCENARIO ECONOMICO SOMMARIO Dopo un 2014 interlocutorio sia dal punto di vista congiunturale che occupazionale, la convergenza di politiche monetarie espansive, il basso costo del denaro e dei prodotti

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 23 agosto 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli