Pirelli & C. S.p.A. Assemblea ordinaria del 14 maggio Verbale dell Assemblea

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pirelli & C. S.p.A. Assemblea ordinaria del 14 maggio 2015. Verbale dell Assemblea"

Transcript

1 Pirelli & C. S.p.A. Assemblea ordinaria del 14 maggio 2015 Verbale dell Assemblea

2 PIRELLI & C. S OCIETÀ PER AZIONI AS S EMBLEA ORDINARIA DEL 14 MAGGIO 2015 Il giorno 14 maggio 2015, alle ore 14,33, in M ilano, in viale Sarca n. 214, hanno inizio i lavori della Assemblea ordinaria di PIRELLI & C. S.p.A. (di seguito, anche: la S ocietà o Pirelli ). Il dr. Marco Tronchetti Provera assume la presidenza dell'assemblea a norma di Statuto e, sul consenso unanime dei presenti, chiama a svolgere le funzioni di Segretario della riunione il Prof. Carlo M archetti. Il Presidente, innanzitutto comunica e segnala che: - l Assemblea è chiamata a discutere e deliberare sul seguente ORDINE DEL GIORNO 1. Bilancio al 31 dicembre Deliberazioni inerenti e conseguenti. 2. Nomina di sei componenti del Consiglio di Amministrazione. Deliberazioni inerenti e conseguenti. 3. Collegio Sindacale: - nomina dei componenti effettivi e supplenti; - nomina del Presidente; - determinazione dei compensi dei componenti. 4. Politica in materia di remunerazione: consultazione. 5. Polizza assicurativa cd. Directors and Officers Liability Insurance. Deliberazioni inerenti e conseguenti. 6. Acquisto e disposizione di azioni proprie. Deliberazioni inerenti e conseguenti; - l avviso di convocazione - ai sensi della vigente normativa, anche regolamentare - è stato pubblicato sul sito internet della Società e di Borsa Italiana in data 2 aprile Il medesimo avviso è stato altresì pubblicato sui quotidiani Il Sole 24 Ore e M ilano Finanza in data 3 aprile 2015; la convocazione è stata inoltre resa nota al mercato tramite diffusione di apposito comunicato stampa in data 2 aprile 2015; - non è pervenuta alla Società alcuna richiesta di integrazione dell ordine del giorno o proposte di deliberazione su materie già all ordine del giorno, ai sensi della vigente normativa; 1

3 - il capitale sociale è pari a Euro ,66 diviso in n azioni prive di valore nominale, di cui n ordinarie e n di risparmio; alla data odierna, la Società possiede n azioni proprie ordinarie nonché n azioni proprie di risparmio; - gli aventi diritto al voto partecipanti all'assemblea ai fini costitutivi sono complessivamente n. 902 in proprio o per delega per n azioni ordinarie. I partecipanti alla riunione sono, dunque, complessivamente portatori del 40,249621% delle azioni ordinarie. Il Presidente, quindi, constata e da atto che l Assemblea ordinaria è regolarmente costituita in unica convocazione e può discutere e deliberare sugli argomenti all ordine del giorno. Proseguendo, rende le ulteriori comunicazioni che seguono: - la documentazione relativa ai diversi argomenti all ordine del giorno è stata fatta oggetto degli adempimenti pubblicitari contemplati dalla disciplina applicabile. In particolare, contestualmente alla pubblicazione dell avviso di convocazione, in data 2 aprile 2015, sono state messe a disposizione del pubblico (tramite deposito presso la sede sociale, pubblicazione sul sito internet della Società, di Borsa Italiana e del meccanismo di stoccaggio autorizzato: le relazioni degli Amministratori e le proposte di deliberazione afferenti il secondo punto all ordine del giorno (integrazione del Consiglio di Amministrazione), il terzo punto all ordine del giorno (rinnovo del Collegio Sindacale), il quinto punto all ordine del giorno (Polizza D&O) e il sesto punto all ordine del giorno (acquisto e disposizione di azioni proprie); la Relazione Finanziaria Annuale (primo punto all ordine del giorno), comprendente il progetto di bilancio di esercizio, il bilancio consolidato, la relazione sulla gestione e l attestazione di cui all art. 154-bis, comma 5, del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF ), unitamente alle relative relazioni del Collegio Sindacale e della società di revisione, alla Relazione annuale sul governo societario e gli assetti proprietari e alla Relazione sulla gestione responsabile della catena del valore sono state messe a disposizione del pubblico con le medesime modalità in data 20 aprile La documentazione di cui sopra è inserita nel fascicolo a stampa denominato Annual Report distribuito all ingresso; l Annual Report è stato inviato prima dell assemblea a chiunque ne abbia fatto richiesta; - in data 20 aprile 2015 sono stati altresì depositati presso la sede della Società i bilanci delle società controllate e i dati essenziali di quelle collegate; - all ingresso sono stati anche consegnati i fascicoli afferenti le due liste di candidati alla carica di componente del Collegio Sindacale della Società presentate dagli azionisti in data 17 aprile Nei fascicoli sono contenute le informazioni e la documentazione prevista dall articolo 144-octies della delibera Consob 11971/99; la medesima documentazione, ai sensi della citata delibera Consob, è stata 2

4 messa a disposizione del pubblico presso la sede sociale, Borsa Italiana e pubblicata nel sito internet della Società e del meccanismo di stoccaggio autorizzato in data 20 aprile La lista n. 1 è stata presentata da Camfin S.p.A. e Cam 2012 S.p.A. mentre la lista n. 2 è stata presentata da un gruppo di società di gestione del risparmio e di intermediari finanziari. La Società ha provveduto a dare pubblicità al mercato del deposito delle predette liste tramite diffusione di apposito comunicato stampa; - all ingresso è stata anche consegnata copia della documentazione presentata dall azionista Camfin S.p.A. in data 17 aprile 2015 concernente il punto due all ordine del giorno. In qualità di azionista Camfin propone all assemblea di confermare nella carica di Amministratore Igor Sechin; Didier Casimiro; Andrey Kostin; Ivan Glasenberg; Petr Lazarev e Igor Soglaev, già cooptati in data 10 luglio 2014, lasciando pertanto invariato in quindici il numero dei componenti il Consiglio di Amministrazione. Andrey Kostin e Ivan Glasenberg hanno dichiarato l idoneità a qualificarsi come indipendenti. All ingresso è stata consegnata copia della citata lettera di Camfin unitamente ai curricula vitae dei candidati. Anche in questo caso la Società ha provveduto a dare pubblicità al mercato della proposta di Camfin tramite comunicato stampa e pubblicazione della stessa sul sito internet della Società; - secondo le risultanze del Libro dei Soci integrate dalle comunicazioni ricevute ai sensi dell art. 120 del Decreto Legislativo n. 58/1998 e dalle altre informazioni a disposizione, possiedono azioni con diritto di voto in misura superiore al 2% del capitale ordinario: Numero % sul azioni capitale in azioni ordinarie 1 CAMFIN S pa ,19 di cui indirettamente tramite. Cam 2012 SpA - n. az (5,85%) 2 MALACALZA INVES TIMENTI S.R.L ,98 3 EDIZIONE S.r.l. di cui indirettamente tramite ,48 3

5 . Schematrentaquattro S.p.A. n. az (2,91%) 4 MEDIOBANCA S.p.A ,02 fatta avvertenza che è presente in assemblea Paulson and Co. Inc. (che ha dichiarato di avvalersi dell esenzione dall invio della comunicazione di possesso ex 120 TUF così come previsto dal regolamento emittenti della Consob) con un totale di numero azioni pari al 4% del capitale ordinario. Ed ancora, il Presidente: - ricorda che numero azioni ordinarie, pari allo 0,07% circa del capitale in azioni ordinarie, sono inoltre detenute dalla stessa Pirelli & C. S.p.A., mentre non vi sono azioni Pirelli & C. S.p.A. detenute da società controllate; - precisa che l elenco nominativo dei partecipanti alla riunione sarà disponibile all ingresso in sala non appena stampato e verrà poi allegato al verbale, corredato dalle ulteriori informazioni richieste dalla vigente disciplina regolamentare; - invita gli aventi diritto al voto a voler segnalare l eventuale carenza di legittimazione al voto ai sensi della vigente normativa; - riguardo all esistenza di patti parasociali di cui all art. 122 del Decreto Legislativo 58/1998, comunica che all ingresso è stato messo a disposizione un fascicolo contenente le informazioni essenziali di cui all articolo 130 della delibera Consob 11971/99 relativamente agli accordi parasociali comunicati alla Società; - con riferimento all operazione tra Camfin e Chem China - comunicata al mercato lo scorso 22 marzo e alla prospettata offerta pubblica di acquisto su Pirelli & C., fa presente che, tenuto conto che non è argomento all ordine del giorno dell odierna Assemblea e poiché comunque Pirelli è oggetto dell operazione, non verrà fornita in questa sede alcuna valutazione in merito né alcuna informazione aggiuntiva rispetto a quelle già comunicate dalle parti dell operazione con il comunicato stampa del 22 marzo Segnala unicamente che lo scorso 31 marzo 2015 in occasione dell approvazione dei dati di bilancio - impregiudicate le valutazioni che, in base alle disposizioni di legge applicabili, gli amministratori indipendenti e il Consiglio di Amministrazione della Società saranno chiamati a rendere sull offerta pubblica di acquisto allorquando sarà lanciata - il Consiglio di Amministrazione di Pirelli 4

6 ha preso atto della natura amichevole dell operazione le cui caratteristiche - sulla base di quanto reso pubblico - sono coerenti con la strategia nel settore Industrial che già prevede percorsi di crescita e di aggregazione in aree geograficamente strategiche come l Asia; - segnala che sono presenti alla riunione, oltre al Presidente: -- i Consiglieri Alberto Pirelli, Elisabetta M agistretti, Paolo Pietrogrande, Luigi Roth, Manuela Soffientini ed Igor Soglaev e tutti i Sindaci ad eccezione del dott. Iacovino, che ha giustificato l assenza così come gli altri Consiglieri; -- rappresentanti della società di revisione, di organi di informazione, esperti ed analisti finanziari, oltre che personale addetto ai lavori assembleari nonché un gruppo di studenti che ha chiesto di poter assistere alla riunione; -- il rappresentante comune degli azionisti di risparmio Avv. Angelo Cardarelli; - informa che Computershare S.p.A., Rappresentante Designato dalla Società, ai sensi dell art undecies del Decreto Legislativo 58/98, quale soggetto al quale gli aventi diritto potevano conferire delega con istruzioni di voto su tutte o alcune delle proposte all ordine del giorno, ha comunicato di non aver ricevuto alcuna delega; - ricorda che i testi vigenti del Regolamento delle Assemblee e dello Statuto sociale sono disponibili all ingresso della sala; - informa che, ai sensi dell art. 127-ter del Decreto Legislativo 58/98 (TUF), l azionista Marco Bava ha fatto pervenire alla Società alcune domande prima dell odierna Assemblea. Come previsto dalla citata normativa un apposito fascicolo contenente le relative risposte è già stato pubblicato sul sito internet della Società in formato domanda e risposta. L azionista Bava ha chiesto anche alcuni dati riferiti agli azionisti in assemblea. Tali dati sono riportati negli elenchi allegati al presente verbale. Come richiesto dall azionista le risposte fornite sono allegate al presente verbale. Per alcune di esse si è demandata la risposta all odierna assemblea in funzione dell approvazione da parte del Consiglio del resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015 avvenuta ieri (in particolare le domande n. 32, 35 e 37, alle quali sarà fornita risposta nel prosieguo della riunione); - per consentire la partecipazione al dibattito di tutti i presenti che lo desiderino, avvalendosi dei poteri di legge e di Regolamento delle Assemblee, determina in 15 minuti la durata massima degli interventi. Invita a rispettare questa tempistica, per un ordinato e corretto svolgimento dei lavori, e a svolgere interventi attinenti al punto di volta in volta in trattazione. Invita altresì coloro che intendono prendere la parola sui diversi argomenti all Ordine del Giorno a prenotarsi utilizzando l apposito modulo (scheda per richiesta di intervento) consegnato in fase di ricevimento da trasmettere alla postazione 5

7 situata alla sinistra del Presidente. Quando saranno chiamati a svolgere il loro intervento, sono pregati di recarsi al microfono, evitando di prendere la parola dalla platea, per consentire a tutti di sentire chiaramente; - informa, inoltre, che è in funzione un impianto di registrazione allo scopo di facilitare il compito di verbalizzazione e un servizio di traduzione simultanea dall italiano all inglese e dall inglese all italiano; - precisa che i dati personali raccolti mediante la registrazione, così come in sede di accredito per la partecipazione ai lavori, saranno trattati ai soli fini del regolare svolgimento dell Assemblea e per la verbalizzazione. Tutti i trattamenti saranno effettuati nel rispetto della normativa sulla privacy; - ricorda invece che non sono consentite registrazioni audio e video dei lavori da parte degli intervenuti; - informa che, al fine di agevolare i lavori assembleari, la Società si avvale di un apposito sistema informatico per le operazioni di rilevazione delle presenze dei partecipanti alla riunione assembleare e per le operazioni di voto. Richiama quindi il sistema di rilevazione del voto tramite il radiovoter, segnalando che per i portatori di deleghe che intendono esprimere voti diversificati nell ambito delle azioni complessivamente rappresentate è stata predisposta l apposita postazione denominata voto assistito e che per ogni dubbio sulle votazioni è comunque presente in sala il personale addetto che potrà dare assistenza ove necessario; - invita a non uscire dalla sala e a non entrare nella stessa durante le operazioni di voto per consentire una corretta rilevazione delle presenze e ricorda che il radiovoter sarà utilizzato anche per la rilevazione delle presenze ogni volta che si entra o si esce temporaneamente dalla sala assembleare e dovrà poi essere restituito al personale incaricato nel momento di abbandono definitivo dell assemblea o al termine della medesima; - poichè per ogni punto in discussione la relativa documentazione è stata messa a disposizione del pubblico con largo anticipo rispetto alla data della riunione e inviata peraltro a chiunque ne abbia fatto richiesta nonché consegnata all ingresso in sala, comunica che come di consueto, ne sarà omessa la lettura. * * * Il Presidente quindi, con riferimento al primo punto all ordine del giorno, per quanto riguarda i fatti di rilievo da segnalare dopo l approvazione del progetto di bilancio da parte del Consiglio, avvenuta in 6

8 data 31 marzo 2015, informa anzitutto che ieri si è riunito il Consiglio che ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2015, reso disponibile a tutti gli intervenuti all odierna assemblea all ingresso della sala. Richiama quindi brevemente i principali dati relativi al primo trimestre. Sottolinea che i risultati del primo trimestre 2015, che evidenziano una crescita dei principali indicatori economici, sono stati caratterizzati in particolare da: l ulteriore rafforzamento del segmento Premium; la crescita dei ricavi del 6,5% a 1.568,4 milioni di euro; il positivo andamento della componente price/mix (+3,7%); il conseguimento di efficienze per 21,1 milioni di euro; la crescita del risultato operativo (Ebit) del 4,5% a 210,1 milioni di euro; il risultato netto delle attività in funzionamento a 101,4 milioni di euro; la posizione finanziaria netta passiva per 1.732,9 milioni di euro. Tenuto conto di tali risultati, evidenzia il Presidente, risultano confermati i target 2015 annunciati a febbraio. Segnala, infine, che in data 16 aprile 2015 Pirelli e Rosneft, nell ambito del M emorandum of Understanding siglato nel 2014, hanno comunicato di aver identificato in Synthos, società con sede in Polonia leader nella produzione di materie prime chimiche, il partner tecnologico con il quale sviluppare attività di ricerca, produzione e fornitura di gomma sintetica in Nakhodka, nel contesto del polo petrolchimico FEPCO (Far East Petrolchimical Company). Pirelli, Rosneft e Synthos hanno pertanto siglato un M emorandum of Understanding per condurre studi di fattibilità inerenti attività riguardanti i requisiti di design ingegneristico e operatività degli impianti, oltre a studi di mercato, investimenti e stime di costi operativi. I tre gruppi intendono anche utilizzare il polo petrolchimico FEPCO per produrre gomma sintetica con l obiettivo di rifornire, fra l altro, gli stabilimenti Pirelli localizzati nell area Apac. *** Prima di aprire la discussione, il Presidente comunica che il corrispettivo della società di revisione Reconta Ernst & Young S.p.A.: per la revisione del bilancio d esercizio 2014 di Pirelli & C. S.p.A. è ammontato a euro per un totale di n. 970 ore; per la revisione del bilancio consolidato 2014 del Gruppo Pirelli & C. è ammontato a euro per un totale di n ore; per la revisione limitata del bilancio consolidato semestrale al 30 giugno 2014 del Gruppo Pirelli & C. è ammontato a euro per un totale di n. 746 ore. Come già segnalato gli scorsi anni a detti compensi si aggiunge il compenso di euro relativo alle attività connesse al giudizio di coerenza su alcune delle informazioni contenute nella Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari per l'esercizio 2014 in ottemperanza a quanto previsto 7

9 dall articolo 123-bis del D.Lgs. 58/1998. I tempi e i compensi per la revisione contabile del bilancio d esercizio includono anche quelli relativi alle attività concernenti la verifica nel corso dell esercizio della regolare tenuta della contabilità sociale e della corretta rilevazione dei fatti di gestione nelle scritture contabili. Detti corrispettivi non comprendono le spese dirette e il contributo di vigilanza Consob, che vengono addebitati al costo. Il Presidente segnala poi che, come ormai da tradizione di questi ultimi anni, Pirelli ha sviluppato intorno al volume di bilancio un progetto di comunicazione per raccontare attraverso una modalità innovativa e originale i valori dell azienda. Il progetto di bilancio 2014 è stato realizzato con il coinvolgimento di tre street artist di fama internazionale rafforzando il connubio tra Pirelli e l arte contemporanea. Le opere dei tre artisti - la brasiliana d'adozione M arina Zumi, il tedesco Dome e il russo Alexey Luka, che hanno interpretato i cardini della cultura Pirelli (emozione, arte e tecnologia) guidati dalla strada come elemento ispiratore, - sono state presentate alla stampa a M ilano nella cornice dell Hangar Bicocca lo scorso 24 febbraio. Quest anno è stato realizzato un bilancio integrato che rappresenta un ulteriore evoluzione del dialogo con tutti gli stakeholders. Un unico volume che, attraverso un racconto unitario e integrato, descrive un anno di storia aziendale fornendo una rappresentazione dell intero processo di creazione del valore e documenta lo stato di avanzamento del Piano Industriale Come per gli anni scorsi saranno disponibili il sito e le applicazioni per tablet e smartphone relative ai dati di bilancio. Quindi, il Presidente: - fornisce le seguenti risposteall azionista Bava: - domanda 32 - La posizione finanziaria netta del Gruppo al 31/03/2015 è passiva per 1.732,9 milioni di euro. - domanda 35 - Le partecipazioni in società collegate e joint venture passano da 186,8 milioni di euro al 31/12/2014 a 211,9 milioni di euro al 31/3/2015 (aumento di 25 milioni di euro), principalmente per effetto della valutazione con il metodo del patrimonio netto delle collegate Fenice S.r.l. (+28,4 milioni di euro) e Prelios (-2,6 milioni di euro). Le partecipazioni in altre imprese (che si qualificano ai fini IFRS come attività finanziarie available for sale ) passano da 180,7 milioni di euro al 31/12/2014 a 226,8 milioni di euro al 31/3/2015 (incremento di 46,1 milioni euro): tale incremento è legato principalmente a M ediobanca (+34,1 milioni euro) e RCS M ediagroup (+4,7 milioni di euro); 8

10 - domanda 37 - Le vendite del Grupponel primo trimestre 2015 sono aumentate del 6,5% rispetto allo stesso periodo del In particolare, escludendo l effetto dei cambi (positivo per 4,1%), la crescita complessiva è stata del 2,4% sostenuta dal business Consumer (+5,1%) compensata parzialmente dalla flessione registrata dal business Industrial (-6,8%) che sconta in particolare il rallentamento del mercato in Sud America; - apre la discussione raccomandando di svolgere interventi attinenti al punto in trattazione e ricordo che il periodo di tempo a disposizione di ciascun oratore è determinato in 15 minuti. Al termine delle domande e risposte, e delle eventuali repliche, sarà possibile formulare dichiarazioni di voto. *** Cini, preannuncia voto favorevole al bilancio anche in considerazione del dividendo distribuito, che giudica favorevolmente, chiedendo se la cessione delle attività steelcord in Turchia potrà avere effetti sul dividendo futuro. Svolge quindi alcune considerazioni di carattere generale sulla storia recente della Società, richiamando le molte accuse, rivelatesi infondate, rivolte al Presidente e stigmatizzando l atteggiamento giornalistico che troppo spesso ha alimentato tali accuse senza poi riconoscere i propri errori. Proseguendo, fa presente come l impressione sia che alcune delle recenti infondate accuse siano state finalizzate a sabotare l annunciata operazione di offerta pubblica di acquisto, ed osserva che nella operazione medesima non risultano coinvolte le principali banche d'affari. Dopo aver ricordato la sua lunga storia di socio di Caboto M ilano Centrale prima e, via via, di Pirelli poi, il socio chiede se l OPA dovrà essere approvata dalle assemblee ordinaria e di risparmio e, in tal caso, con quali quorum, domandando altresì quali conseguenze avrebbe la mancata adesione all offerta di alcuni azionisti titolari di significativi pacchetti azionari. Chiede inoltre quali impatti avrà l operazione su Prelios ed in particolare sulle azioni detenute da Pirelli e sul contratto di finanziamento in essere e sulle partecipazioni in RCS e M ediobanca. Ancora, domanda quali effetti potranno avere sul business gli Smart Grid Projects a livello europeo; stigmatizza le critiche ai compensi del Presidente, che ritiene meritati, e domanda a quale aliquota fiscale siano soggetti gli utili della Società e se si prevedano ulteriori incrementi del prezzo dell OPA, richiamando sul punto la correzione del prezzo a suo tempo imposta nell ambito dell offerta su Camfin. Conclude esprimendo il proprio apprezzamento per il lavoro del Presidente, del Vice Presidente e dei loro collaboratori per l attenzione mostrata nei confronti dei soci, così come ringrazia il notaio per l attività di verbalizzazione svolta nel corso degli anni nelle assemblee. 9

11 Peverelli, chiede le motivazioni che hanno indotto il management a perfezionare la cessione a Bekaert delle attività steelcord, ritenendo che il valore ottenuto dalla cessione, quand anche fosse economicamente congruo, non sia coerente con gli sforzi umani e finanziari e con gli ingenti investimenti effettuati per costruire gli stabilimenti in Italia (Figline), Romania (Slatina), Brasile (Sumaré), Turchia (Ismitz) e in Cina (Yanzhou). Evidenzia che, come dimostra l esperienza di altri operatori, le attività steelcord non dovrebbero essere cedute, in quanto si tratta di una materia prima essenziale per la qualità dei pneumatici ed un esempio di tipica verticalizzazione strategica, considerata la peculiare tecnologia necessaria per la sua produzione. Facchetti, richiama la storia di Pirelli dell ultimo decennio recentemente ripercorsa anche da alcuni articoli di stampa - a dimostrazione che aveva torto chi dopo la vicenda Telecom Italia aveva ritenuto la Società ormai senza futuro. Proprio in merito alla vicenda Telecom, fa peraltro presente come oggi si ritorni a parlare di ipotesi di scorporo della rete, dimostrazione di come in Italia si rimanga sempre al punto di partenza senza essere in grado di risolvere i problemi. Analogamente, si aprono con l ingresso di Vivendi ipotesi di integrazione tra contenuti ed attività di operatore, ipotesi che fu proprio il dott. Tronchetti a immaginare anni fa con M urdock, incontrando però una posizione ostile da parte della politica. Tornando a Pirelli, esprime soddisfazione per la gestione di questi anni e per la prospettata offerta pubblica di acquisto. Domanda se il Presidente abbia rimpianti e conclude esprimendo il proprio apprezzamento per la capacità mostrata dal Presidente medesimo anche nei momenti più difficili. Ricorda, in particolare, i momenti critici culminati con una conferenza stampa al Principe di Savoia, momenti dopo i quali Pirelli ha saputo rilanciarsi con grande bravura puntando al settore Premium. Auspica, in conclusione, che il Presidente continui a restare una risorsa della Società anche dopo l eventuale successo dell offerta pubblica. Cardillo, premette di voler circoscrivere il proprio intervento ad un tema di carattere generale, connesso peraltro alla delibera in discussione, cioè a dire allo scenario macroeconomico descritto a pagina 10 del bilancio; preannuncia che l intervento si chiuderà con una richiesta di leggera correzione della delibera relativa agli utili. L avv. Cardillo ricorda quindi di interessarsi da tempo di macroeconomia per averla studiata all'università parallelamente agli studi giuridici ed averla anche insegnata in Svizzera e di aver sviluppato in tale ambito le seguenti riflessioni. 10

12 La sostituzione delle monete nazionali con una moneta unica rende inefficace l'intervento monetario su economie e congiunture nazionali del tutto diverse e non omogenee, come quelle tedesche, francesi, greche o italiane. Così, misure temporanee quali quelle di quantitative easing della BCE si presentano del tutto inadeguate a risolvere queste incongruenze strutturali; né ragionevolmente si può ritenere che una ripresa economica, che comporti un incremento contenuto del PIL, possa permettere una riduzione significativa del debito pubblico. Segnala come la situazione di oggi non ha precedenti, e le discipline economiche nulla dicono su come si possa ridurre un debito così importante come quello dell Italia senza avere la gestione nazionale della moneta e dei tassi di interesse. Prosegue il socio sottolineando come il primo aumento significativo dei tassi di interesse che si dovesse rendere necessario, ad esempio per raffreddare l'economia tedesca e/o francese, da parte della BCE squilibrerebbe la nostra economia rendendone precaria la gestione. Dalla gestione monetaria accentrata deriva poi, ribadisce l avv. Cardillo, l'impossibilità di gestire convenzionalmente debiti pubblici nazionali ingentissimi, come quello italiano. Infatti, le monete nazionali storicamente sono state impiegate per ridurre il peso di un debito statale divenuto eccessivo, attraverso la svalutazione della moneta e/o la manovra sui tassi di interessi. Da qui, l'idea di molti di ritornare alle vecchie monete nazionali per una gestione più puntuale ed efficace delle singole economie. Il socio sottolinea come egli ha dunque nel corso degli anni formulato una riflessione su tali temi, riflessioni che provengono dunque da un soggetto parzialmente incompetente dal punto di vista economico: ma quasi tutte le scoperte più importanti, ricorda l avv. Cardillo, non sono state effettuate da soggetti esperti dello specifico settore, ma da persone in qualche modo estranee, e come tali non colpite dal c.d. idiotismo specialistico e cioè da un sapere eccessivamente particolaristico. Le sue considerazioni e le sue idee, precisa, prendono invece spunto da altre discipline, quali la linguistica, che solo apparentemente sono lontane dalla economia: cita, sul punto, l importanza degli spunti contenuti nell opera di McLuhan Gli strumenti del comunicare. Tornando al quadro problematico macroeconomico, l avv. Cardillo sottolinea come occorreva creare uno strumento normativo ed economico che consentisse "la messa a punto" della contingenza economica al posto della moneta nazionale e modulasse, a livello locale, la manovra sui tassi stabiliti centralmente dalla BCE. Detto "strumento" doveva regolare la domanda, consentendo la gestione delle peculiarità proprie di ogni singolo Paese e rendendo coerenti i flussi monetari necessari per la gestione del debito pubblico con le esigenze della contingenza economica locale. Partendo da tali riflessioni, l avv. Cardillo segnala di aver messo a punto uno "strumento normativo ed economico" di gestione non convenzionale dell'economia, di facile applicazione e di grande efficacia che consente un intervento 11

13 pressoché immediato sulla congiuntura riuscendo a far variare in modo significativo, nel brevissimo termine, le decisioni sui consumi - aumentandoli o diminuendoli - e quindi, di conseguenza, variando nello stesso segno profitti ed investimenti. Tutto quanto sopra premesso, il socio propone di modificare la delibera di distribuzione degli utili, destinando euro al supporto ed alla diffusione, in particolare mediante inserzioni nei principali quotidiani, dello strumento normativo ed economico messo a punto da Cardillo, senza doverlo necessariamente condividere ma consentendo la sua conoscenza diffusa, e dunque anche la sua conoscenza da parte dei politici. Il socio conclude il proprio intervento menzionando il ricevimento da parte del Presidente di una laurea ad honorem presso la Bocconi, esprimendo il proprio ringraziamento ai collaboratori del Presidente per la disponibilità mostrata anche oggi in sede di accreditamento in assemblea, ed infine riferendo della partecipazione all assemblea anche della moglie. Caradonna, evidenzia l importanza di un asset che, se fosse rappresentato in bilancio, costituirebbe uno dei punti di forza di Pirelli: la web reputation. Ricorda, infatti, che in una recente indagine sull argomento tra tutte le società italiane, Pirelli ha ottenuto il secondo posto: si tratta di un risultato frutto dell attenzione da sempre prestata al web e al mondo internet. Esprime inoltre apprezzamento per l iniziativa Io leggo perché e conclude chiedendo aggiornamenti sul progetto Pirelli Drive Center. D Atri, dopo aver svolto talune considerazioni di carattere generale sul ruolo dell assemblea come momento di incontro degli stakeholders nell'ambito della governance societaria, auspica che tale momento di confronto tra soci e management sia mantenuto anche nell ipotesi di delisting della Società. In relazione poi agli accordi tra Camfin e Chem China, il prof. d Atri domanda se gli stessi prevedano, accanto ai consueti impegni economici, anche impegni dei nuovi partner in termini di mantenimento dei livelli occupazionali, qualità del lavoro, qualità del prodotto e così via. Conclude chiedendo se, in ipotesi di nuova quotazione dopo il delisting, Pirelli sarà quotata sul mercato italiano. Nessun altro chiedendo la parola, il Presidente passa alle repliche, ed anzitutto precisa che la cessione delle attività steelcord in Turchia ha effetti solo marginali sul dividendo, la cui misura è peraltro già coerente con la politica di pay out del Gruppo. Ribadisce poi di non ritenere opportuno in questa sede commentare la prospettata offerta pubblica di acquisto, trattandosi di una questione sulla quale spetterà al Consiglio di esprimersi nelle sedi competenti. Si sofferma quindi sulle partecipazioni citate da Cini 12

14 (Prelios, RCS e M ediobanca), ricordando che Prelios è stata sottoposta ad una lunga terapia di recupero dimostrando di poter uscire dalla profonda crisi del settore immobiliare ottemperando a tutti i propri impegni nei confronti del sistema finanziario, come nella tradizione del Gruppo, e perseguendo al contempo l'obiettivo del recupero di redditività dell'azienda e di ritorno a una piena operatività, obiettivo che si sta avvicinando. Quanto a RCS, ricorda che Pirelli ha supportato lo sforzo di risanamento ed attende ora di vederne gli sviluppi, mentre in relazione alla partecipazione in M ediobanca precisa che nessuna iniziativa è prevista nel breve periodo. Il Presidente si sofferma quindi brevemente sul tema degli Smart Grid Projects, auspicando che l'ammodernamento della rete si accompagni ad evoluzioni strutturali anche relativamente al numero degli operatori - che aumentino la competitività del sistema europeo rispetto a quello di altri mercati internazionali come gli Stati Uniti. In merito ai compensi del management, evidenzia che essi sono da sempre determinati secondo gli standard internazionali e nel rispetto di una procedura trasparente che coinvolge consiglieri indipendenti ed appositi comitati. Riferendosi ad alcune vicende del passato, sottolinea che le critiche che a suo tempo vennero formulate in merito alle stock options derivanti dalle operazioni Cisco e Corning siano state il frutto di mere polemiche costruite ad hoc: furono quelle operazioni, ricorda il Presidente, in grado di creare un grande valore per tutti, ed egli, rammenta, decise di chiudere l operazione nel 2001 con anticipo di qualche mese così sottoponendosi ad una tassazione personale di quasi il 50% molto più onerosa rispetto a quella applicabile l anno successivo. Sul piano più generale, il dott. Tronchetti Provera rivendica quindi i risultati ottenuti negli anni dal Gruppo, frutto dell impegno e del lavoro del management, passando da una capitalizzazione di 1,6 miliardi a circa 7,5 miliardi di Euro e sottolinea come, onde evitare distorsioni, a fronte dei recenti eccezionali risultati conseguiti sia stato fissato un cap alle remunerazioni dei top manager. Per quanto riguarda il prezzo di acquisto delle azioni Camfin nell ambito dell OPA, il Presidente ricorda che, a seguito della sentenza del TAR, pende un'azione giudiziaria da parte dei promotori dell offerta: ribadisce che gli stessi hanno ritenuto che l'aumento del prezzo richiesto da Consob non fosse giustificato. A Peverelli, il Presidente ricorda che, nel settore steelcord, Pirelli aveva una capacità produttiva pari al 140% del fabbisogno aziendale e, quale produttore, non aveva accesso ai prodotti di concorrenti come Bekaert, trovandosi dunque in una situazione tutt altro che ottimale. Si è dunque promossa una gara internazionale, che ha visto il successo proprio di Bekaert, ossia il miglior produttore al mondo dal punto di vista tecnologico; ad esito di tale gara, sono stati perfezionati contratti a condizioni decrescenti globali, che peraltro permettono a Pirelli di continuare a sviluppare tecnologia 13

15 al proprio interno. L operazione di cessione, prosegue, ha permesso di migliorare la posizione finanziaria per circa 230 milioni di Euro evitando il rischio di un calo di redditività e, al contempo, ha consentito di mantenere il livello di occupazione a Figline Valdarno, dove l accordo ha avuto l approvazione da parte dei Sindacati ed è stato apprezzato dai dipendenti. A Facchetti, il Presidente esprime gratitudine per l'assiduità e per l'affetto, anche critico, dimostrati nei confronti dell'azienda e assicura che lo sforzo è sempre stato quello di adoperarsi per il meglio del Gruppo e di lavorare con impegno, senza nascondersi, anche per riparare agli errori commessi. Lo sforzo, egualmente, è stato quello di restare sul campo anche nei momenti più difficili, salvo che in un caso, e cioè salvo il caso in cui per l'opposizione ferma di un largo spettro di forze politiche ciò rischiava di portare un danno irreparabile all'azienda. Prende quindi atto del progetto di Cardillo ed assicura che lo stesso sarà valutato, come accade per ogni progetto che può essere d'interesse e di supporto allo sviluppo dell'economia. Precisa, peraltro, di non aver ricevuto lauree ad honorem in Bocconi. Ringrazia quindi Caradonna per aver ricordato Io leggo perché: iniziativa, questa, i cui protagonisti sono i libri e i lettori, volta a riportare la passione della lettura anche ai giovani, affinchè mantengano l attenzione allo strumento libro, che rispetto agli strumenti tecnologici - consente una lettura e riflessioni più ponderate e personali. Evidenzia poi che il progetto Pirelli Drive Center sta dando buoni risultati e sarà sviluppato anche rafforzandone il brand in altri Paesi, con l auspicio che possa diventare uno dei pilastri dello sviluppo futuro dell attività commerciale, anche grazie al coinvolgimento del management nell'attività dei punti di vendita. Assicura infine al prof. d'atri che il dialogo con i soci proseguirà anche dopo il delisting, nel senso della massima trasparenza nei rapporti con tutti gli stakeholders. Cini, chiede l aliquota fiscale cui è assoggettata la Società e se vi sarà un altra assemblea dopo l Opa. Raccomanda di prestare la massima attenzione all attività di ricerca dei Pirelli Labs. Il Presidente, per quanto riguarda le imposte, precisa che l IRES ammonta al 27,5%. In merito all assemblea, fa presente come occorrerà verificare l esito della offerta. Per quanto riguarda invece la ricerca, ricorda il notevole numero di ricercatori in Pirelli ed evidenzia che il Gruppo Pirelli è il secondo operatore italiano dopo Telecom Italia per numero di brevetti: assicura dunque la massima attenzione alla ricerca, che costituisce il futuro di una azienda come Pirelli la quale, come ogni azienda di prodotto, deve puntare sulla tecnologia. Ricorda quindi i progetti di ricerca in corso, che si concentrano sulla creazione di una nuova generazione di prodotti, soprattutto caratterizzati da una 14

16 sensoristica capace di fornire informazioni che possono venire solo dal pneumatico, unica parte della vettura che tocca il terreno, in termini di stabilità, comfort, sicurezza, ambiente e consumi. Cini, raccomanda anche di porre rimedio all eccesiva durezza dei pneumatici agro. Il Presidente assicura che vi è attenzione sul tema; ricorda peraltro che si tratta di pneumatici da agricoltura, che devono adattarsi ai relativi terreni. Cardillo, richiama nuovamente la propria proposta di modifica della destinazione dell utile e precisa ulteriormente lo "strumento normativo ed economico" messo a punto, che lungi dall inquadrarsi nel dibattito tra favorevoli e contrari all Euro costituisce un correttivo per dare alle singole economie locali la possibilità di tornare a gestire l economia stessa. Le congiunture dei singoli Paesi europei, infatti, ben difficilmente potranno essere tra di loro allineate nel tempo, e dunque l accentramento delle politiche monetarie e dei tassi diventerà sempre di più un problema. Si tratta, ribadisce, di una vera scoperta, capace di variare con grande precisione e relativa facilità applicativa la domanda interna, introducendo strumenti che non sono stati mai ad oggi utilizzati, anche considerando che mai si è verificata una situazione di contesto paragonabile a quella della Europa di oggi. Torna a ricordare come, tradizionalmente, i problemi ad esempio di riduzione del debito pubblico sono stati gestiti mediante manovre combinate di tassi e moneta, opzione oggi non usufruibile dai singoli paesi europei. Insiste dunque nell invito a prendere in considerazione la proposta, e a consentire che la stessa possa avere una propria pubblicità e diffusione, considerate le difficoltà oggettive che oggi si riscontrano nel trovare uno spazio sui mezzi di informazione. Il Presidente, assicura che la proposta sarà valutata dagli uffici della Società, e fa presente che, prima di ogni altra, verrà posta in votazione la proposta di distribuzione formulata dal Consiglio di Amministrazione. Nessun altro chiedendo la parola, il Presidente: - dichiara chiusa la discussione sul primo punto all ordine del giorno; - comunica che, ai fini deliberativi, gli aventi diritto al voto partecipanti in proprio o per delega sono n 909 Azionisti portatori complessivamente di n azioni ordinarie pari al 66,443230% del capitale sociale ordinario; - pone dunque in votazione, alle ore 16,04, mediante utilizzo del radiovoter, la proposta di approvazione del bilancio e di destinazione qui di seguito trascritta: L Assemblea degli Azionisti, esaminata la relazione finanziaria annuale al 31 dicembre 2014; 15

17 preso atto della relazione del Collegio Sindacale; preso atto della relazione della Società di Revisione; DELIBERA a) di approvare il bilancio della Società per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2014, così come presentato dal Consiglio di Amministrazione nel suo complesso, nelle singole appostazioni e con gli stanziamenti proposti, che evidenzia un utile di Euro ; b) di destinare l utile dell'esercizio 2014 di Euro come segue: 5% alla riserva legale per Euro agli azionisti: Euro 0,367 (*) alle n (**) azioni ordinarie, per complessivi Euro Euro 0,431 (*) alle n (***) azioni di risparmio, per Euro a nuovo il residuo utile Euro (*) Al lordo delle ritenute di legge. (**) Al netto delle n azioni ordinarie attualmente detenute dalla Società. (***) Al netto delle n azioni di risparmio attualmente detenute dalla Società. c) di autorizzare gli amministratori, nel caso in cui prima dello stacco del dividendo di cui al precedente punto b) siano effettuate operazioni di compravendita di azioni proprie, a destinare a e/o prelevare da utili portati a nuovo l importo del dividendo a tali azioni spettante, nonché imputare alla medesima voce il saldo degli arrotondamenti che si dovessero determinare in sede di pagamento del dividendo. Il dividendo dell esercizio 2014 sarà posto in pagamento a partire dal 20 maggio 2015, con stacco cedola in data 18 maggio 2015 ( record date in data 19 maggio 2015). L Assemblea approva a maggioranza. Contrarie n azioni. Astenute n azioni. Favorevoli le rimanenti n azioni intervenute. Il tutto come da dettagli allegati. 16

18 Il Presidente proclama il risultato dando quindi atto che sono stati approvati: il bilancio di Pirelli & C. S.p.A. chiuso al 31 dicembre 2014; la destinazione dell utile d esercizio Il dividendo dell esercizio 2014 sarà posto in pagamento a partire dal 20 maggio 2015, con stacco cedola in data 18 maggio 2015 (record date in data 19 maggio 2015). * * * Passando quindi alla trattazione del secondo punto all ordine del giorno, il Presidente rammenta che: - come evidenziato in precedenza la proposta formulata dall azionista Camfin, prevede la conferma nella carica di tutti gli Amministratori cooptati in data 10 luglio 2014 e precisamente di: Igor Sechin; Didier Casimiro; Andrey Kostin; Ivan Glasenberg; Petr Lazarev; Igor Soglaev; lasciando pertanto invariato in quindici il numero complessivo dei componenti il Consiglio di Amministrazione; - Andrey Kostin e Ivan Glasenberg hanno dichiarato la loro idoneità a qualificarsi come indipendenti; - i curricula dei predetti candidati sono contenuti nella documentazione consegnata all ingresso unitamente alla lettera con la quale Camfin ha formulato la sua proposta. Come detto in precedenza detta proposta è stata tempestivamente pubblicata dalla Società sul proprio sito internet; ne viene omessa pertanto la lettura. Apre quindi la discussione raccomandando ancora di svolgere interventi attinenti al punto in trattazione e ricordando che il periodo di tempo a disposizione di ciascun oratore è determinato in 15 minuti. Nessuno chiedendo la parola, il Presidente: - dichiara chiusa la discussione sul secondo punto all ordine del giorno; 17

19 - comunica che, ai fini deliberativi, gli aventi diritto al voto partecipanti in proprio o per delega sono n 907 Azionisti portatori complessivamente di n azioni ordinarie pari al 66,442943% del capitale sociale ordinario; - pone dunque in votazione, alle ore 16,08, mediante utilizzo del radiovoter, la proposta di Camfin di nominare Amministratori Igor Sechin; Didier Casimiro; Andrey Kostin; Ivan Glasenberg; Petr Lazarev e Igor Soglaev, già cooptati in data 10 luglio 2014, confermando pertanto in quindici il numero dei componenti il Consiglio. L Assemblea approva a maggioranza. Contrarie n azioni. Astenute n azioni. Non Votanti n azioni Favorevoli le rimanenti n azioni intervenute. Il tutto come da dettagli allegati. Il Presidente proclama il risultato. * * * Passando quindi alla trattazione del terzo punto all ordine del giorno, il Presidente rammenta che: - con le modalità e nei termini previsti dall articolo 16 dello statuto sociale e dalla vigente disciplina, anche regolamentare, nonché in conformità alle disposizioni del Codice di Autodisciplina delle società quotate, sono state depositate presso la sede sociale due liste di candidati. Unitamente alle liste è stata depositata tutta l ulteriore documentazione richiesta dalla vigente disciplina di legge e dallo statuto; - come già segnalato in apertura dei lavori assembleari la Società ha provveduto a dare pubblicità alle liste presentate in conformità a quanto previsto dall articolo 144-octies della delibera Consob 11971/99. In particolare, in data 20 aprile 2015, la Società ha diffuso un comunicato stampa con il quale è stata data notizia: - dell avvenuta presentazione, entro i termini previsti, di due liste di candidati da parte di Camfin e della sua controllata Cam 2012 e da parte di un gruppo di società di gestione del risparmio e intermediari finanziari; - della composizione delle liste presentate; 18

20 - della messa a disposizione del pubblico lo stesso 20 aprile 2015 presso la sede sociale, presso Borsa Italiana e sul sito internet della Società e del meccanismo di stoccaggio autorizzato 1Info, delle informazioni e della documentazione depositata dagli azionisti unitamente alle liste ai sensi della vigente normativa; - tutti i candidati hanno dichiarato di essere in possesso dei requisiti di indipendenza previsti dal Codice di Autodisciplina delle società quotate e di ricoprire, qualora nominati, un numero di incarichi compatibile con quanto stabilito in proposito da Consob; - le due liste presentate sono le seguenti: Lista numero uno, presentata da Camfin S.p.A. e dalla sua controllata Cam 2012 S.p.A. S ezione 1 Sindaci Effettivi 1. Fabio Artoni; 2. Antonella Carù; 3. Alessandro Zattoni. S ezione 2 Sindaci supplenti 1. Fabio Facchini; 2. Giovanna Oddo; 3. Elenio Bidoggia. Lista numero due, presentata da un gruppo di società di gestione del risparmio e di intermediari finanziari: S ezione 1 Sindaci effettivi 1. Francesco Fallacara. S ezione 2 Sindaci supplenti 1. Andrea Lorenzatti. - i curricula vitae dei candidati e gli incarichi dai medesimi ricoperti - aggiornati alla data odierna - sono contenuti nel fascicolo distribuito ed allegato al verbale dell assemblea, anche ai fini del disposto di cui all articolo 2400, ultimo comma, del codice civile; data anche la notorietà dei candidati, viene omessa la lettura dei loro curricula; - dal presente rinnovo del Collegio i componenti da nominare sono sei in totale (tre effettivi e tre supplenti); - Camfin S.p.A. ha inoltre proposto, tenuto anche conto dei compiti attribuiti al Collegio Sindacale dal d.lgs. 39/2010 e della possibilità di attribuire a tale organo le funzioni di Organismo di Vigilanza - di 19

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

02. Relazione. annuale sul Governo

02. Relazione. annuale sul Governo PIRELLI & C. S.p.A. Milano 02. Relazione annuale sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari 2013 RELAZIONE annuale sul governo societario e gli assetti proprietari 2013 Sommario SOMMARIO 2 01. RELAZIONE

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA

Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Comitato per la Corporate Governance CODICE DI AUTODISCIPLINA Luglio 2014 2014 Comitato per la Corporate Governance Tutti i diritti di riproduzione, di adattamento totale o parziale e di memorizzazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Relazione sulle Politiche di Remunerazione

Relazione sulle Politiche di Remunerazione SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società cooperativa con sede legale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Capogruppo del Gruppo Cattolica Assicurazioni, iscritto all Albo dei Gruppi Assicurativi 019

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF )

RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) RELAZIONE SUL GOVERNO SOCIETARIO E GLI ASSETTI PROPRIETARI ai sensi dell articolo 123 bis del Decreto Legislativo 58/1998 ( TUF ) (modello di amministrazione e controllo tradizionale) Emittente: SALINI

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI COLLEGATI EDIZIONE NOVEMBRE 2010 Approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 30 Novembre 2010 Indice Premessa...3 A. PARTE GENERALE...5 1. Inquadramento...5

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Relazione sul governo societario. e sugli assetti proprietari 2013

Relazione sul governo societario. e sugli assetti proprietari 2013 Relazione sul governo societario e sugli assetti proprietari 2013 Relazione al 21 marzo 2014 relativa all esercizio 2013 (ai sensi dell art 123-bis TUIF - modello di amministrazione e controllo tradizionale)

Dettagli

Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Bio-On S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Procedura per l'adempimento degli obblighi di comunicazione al Nomad da parte di Bio-On S.p.A. (la Società ) ai sensi del Regolamento AIM Italia

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli