Travi fredde high tech: efficienza & design

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Travi fredde high tech: efficienza & design"

Transcript

1 - progettazione Travi fredde high tech: efficienza & design Quando si parla di travi fredde ci si riferisce in genere ad elementi, detti ad induzione oppure attivi, in quanto basano il loro funzionamento sull induzione, ovvero sulla distribuzione di aria primaria attraverso un plenum dotato di piccoli ugelli che, creando una zona di depressione in prossimità del soffitto, movimentano un flusso d aria ambiente che viene risucchiata all interno della trave e trattata da una o due batterie di scambio di tipo tradizionale, con tubi in rame e alette in alluminio. L induzione permette in sostanza di ottenere il ricircolo dell aria ambiente senza dover utilizzare un ventilatore come invece avviene nei terminali fan-coil, con tutti i vantaggi che ciò comporta (comfort termico e acustico, risparmio energetico, igiene, manutenzione). Questa tipologia è la più diffusa e viene proposta da diversi costruttori in modelli che si differenziano tra loro soltanto per i dettagli costruttivi, dato che prestazioni e caratteristiche dimensionali risultano assai simili. Gli apparecchi sono infatti progettati in modo da integrarsi con i pannelli standard dei controsoffitti modulari a quadrotti da 600 x 600: la larghezza standard è quindi di 600 mm, mentre la lunghezza si basa su più moduli da 600 mm ciascuno e quindi varia da un minimo di ad un massimo di mm. La potenza frigorifera specifica, misurata in Watt per metro di lunghezza, dipende dalla differenza di temperatura tra l aria ambiente e la temperatura media dell acqua, e dalla portata specifica di aria immessa. Con una temperatura media dell acqua di 16 C e un diffe- Tutte le travi fredde sono del tipo ad induzione. Esiste tuttavia una tipologia high tech, che può essere definita ad alta induzione, che si distingue nettamente dalle altre dal punto di vista costruttivo e che presenta elevate caratteristiche di efficienza ed igiene unitamente ad un originale design. di Maurizio Magistrelli, Sagicofim :56:47

2 1 Le travi fredde ad alta induzione sono composte da un diffusore lineare ad alta induzione, integrato con una piastra radiante alettata in estruso di alluminio, dotata nella parte superiore di un circuito di tubi in rame nei quali circola l acqua calda o fredda. renziale tra la temperatura della batteria e la temperatura ambiente pari a 10 K, la potenza frigorifera è di circa 500 W/m compreso il contributo dell aria primaria, considerata immessa a 18 C con una portata pari a 2 vol/h. Le travi possono essere utilizzate anche per il dell ambiente in regime invernale: con acqua calda ad una temperatura in ingresso di 45 C e con aria primaria a temperatura neutra (20 C) la resa termica è anch essa intorno ai 500 W/m. Una trave diversa Da diversi anni è tuttavia disponibile un tipo di trave high tech che si basa su una costruzione ed un principio di funzionamento sostanzialmente diversi. Analogamente alle travi tradizionali si tratta di elementi di tipo attivo, ovvero che integrano in un solo apparecchio le funzioni di controllo della temperatura e di immissione di aria primaria. La costruzione tuttavia è completamente diversa in quanto risulta in pratica dalla combinazione tra un diffusore lineare ad alta induzione con una piastra radiante posta in vista a soffitto. La piastra è costruita in estruso di alluminio di forma alettata ed è dotata nella parte superiore di un circuito di tubi in rame (con diametro di 10 mm x 1 mm), disposti a serpentina, nei quali circola l acqua calda o fredda, a seconda della stagione (figura 1). Il diffusore lineare montato al di sopra della piastra è costituito da un plenum in lamiera zincata che distribuisce l aria per tutta la lunghezza della trave. Il plenum è dotato di una piastra equalizzatrice di pressione, al di sotto della quale si trova l elemento diffusore dotato di molteplici piccoli ugelli situati tra i profili alettati della piastra radiante (figura 2). La distribuzione dell aria in ambiente avviene ad alta induzione con getti d aria inclinati di 45 rispetto alla verticale e al soffitto, il che consente di realizzare uno scambio termico molto efficiente e, quindi, un efficace raffreddamento. L alta induzione, e la conseguente rapida equalizzazione della temperatura del getto, assicurano basse velocità residue nella zona occupata. La piastra ha una larghezza standard di 300 mm ed è composta da singoli moduli con lunghezza di 250 mm, componibili tra loro in modo da ottenere la lunghezza richiesta. L ingombro in altezza è di 150 mm. Il collegamento del plenum ai condotti flessibili dell aria è laterale, come sempre avviene nei diffusori lineari, a differenza di quanto avviene con le travi tradizionali che hanno l attacco dell aria frontale. La piastra della trave esercita una duplice azione di raffreddamento sensibile: per radiazione e per convezione dell aria ambiente che viene raffreddata a contatto con la zona alettata e che, a causa della maggiore densità, ridiscende verso il basso entro la zona occupata. A ciò si aggiunge il contributo di raffreddamento fornito dall aria primaria. I carichi di tipo latente e la ventilazione sono, invece, trattati mediante l immissione dell aria primaria, che permette il controllo della qualità e dell umidità dell aria ambiente. A parità di condizioni di temperatura dell acqua e dell aria primaria e del valore di portata d aria, la potenza frigorifera specifica è analoga a quella delle travi tradizionali. Nella stagione invernale le travi possono essere alimentate con acqua calda a bassa temperatura (35 C). Il avviene, anche in questo caso, in parte per radiazione dalla trave stessa e in :56:48

3 2 Il diffusore lineare montato al di sopra della piastra è costituito da un plenum in lamiera zincata dotato di molteplici piccoli ugelli che provocano l induzione dell aria ambiente che lambisce la piastra raffreddandosi. parte per convezione. L aria primaria, immessa a temperatura neutra, garantisce la ventilazione. Travi a confronto La travi ad alta induzione si differenziano rispetto a quelle tradizionali sono molteplici aspetti: integrazione nei controsoffitti; rapporto di induzione; flusso dell aria immessa; igiene e manutenzione. Integrazione architettonica Essendo le dimensioni della piastra alettata di soli 300 mm in larghezza risulta più semplice l integrazione delle travi con gli altri impianti presenti nei controsoffitti (ad esempio corpi illuminanti). La superficie a soffitto è infatti compresa tra il 5 ed il 10% di quella totale, mentre l altezza contenuta semplifica il passaggio di tubazioni, condotte d aria e impianti elettrici. Una trave di tipo tradizionale presenta invece un corpo in lamiera zincata contenente una o due batterie alettate ed un plenum di diffusione aria, con dimensioni standard di 600 mm in larghezza e di 200 mm in altezza. Anche l aspetto estetico è molto diverso. La trave ad alta induzione si presenta come un elemento in estruso d alluminio con una superficie uniforme che nasconde alla vista il diffusore (figura 3) mentre nelle travi tradizionali si distinguono in modo netto i due elementi lineari posti lateralmente rispetto alla griglia forellata centrale. L alimentazione laterale del plenum e la disponibilità di elementi non attivi costituiti dalla sola piastra alettata consentono la realizzazione di linee continue di travi di lunghezza illimitata, aspetto particolarmente importante in spazi open-space. L insieme di queste caratteristiche rende queste travi molto apprezzate dal punto di vista architettonico, in particolare in presenza di ambienti di prestigio con soffitti continui in cartongesso. Elevata induzione In una trave ad alta induzione l aria primaria viene immessa in ambiente da un diffusore lineare ad elevata induzione con getti d aria inclinati di 45 rispetto alla verticale e al soffitto. L effetto Coanda non è richiesto, quindi è possibile installare la trave anche in assenza di controsoffitto. L aria ambiente viene indotta dall aria immessa a risalire verso la piastra radiante che viene quindi lambita dal flusso d aria. Grazie all elevata induzione, la velocità ed il differenziale di temperatura dell aria si riducono molto rapidamente. Il rapporto di induzione è pari a circa 1 a 25 (per una portata d aria primaria di 2 vol/h la portata indotta messa in circolo è quindi di 50 vol/h). L induzione avviene direttamente nell ambiente e ciò è fondamentale per la riduzione della velocità e del differenziale temperatura dell aria immessa. È quindi possibile immettere aria a bassa temperatura, con un differenziale rispetto all ambiente fino a 14 K, garantendo sempre una velocità dell aria nella zona occupata inferiore a 0,15 m/s. In una trave di tipo tradizionale l aria primaria viene immessa attraverso una serie di ugelli (posti lungo il plenum interno) e provoca un effetto di induzione all interno della trave dell aria ambiente che passa attraverso la batteria alettata di scambio termico. Il rapporto d induzione è di 1 a 4: i costruttori non forniscono dati sull induzione in ambiente, che in ogni caso risulta molto bassa dato che non vi è sufficiente pressione differenziale sulla mandata dell aria. La miscela d aria viene quindi immessa a bassa induzione nell ambiente mediante i due elementi lineari con flusso orizzontale ed aderisce al soffitto grazie all effetto Coanda, senza il quale vi sarebbe una caduta dell aria immessa. Per tale ragione il differenziale di temperatura non può essere superiore a 8 K. Le velocità dell aria possono essere :56:48

4 CASI DI STUDIO Anche se non così diffusi come quelli basati su travi fredde di tipo tradizionale, in Italia esistono diversi impianti realizzati negli ultimi anni con travi ad alta induzione, descritti in precedenti articoli su RCI. La maggior parte riguarda edifici per uffici e strutture sanitarie, come ad esempio la Clinica Santa Rita a Milano, l ospedale Stella del Mattino di Cuneo, e i saloni espositivi di Pegeout e Bentley. All estero ovviamente la parte del leone appartiene alla Germania con centinaia di progetti realizzati, tra i quali FOTO ANNA BLAU A Vista interna del centro direzionale Euro Plaza di Vienna per il quale sono stati previsti più di metri lineari di travi fredde ad alta induzione. spiccano gli uffici della IBM di Amburgo (6.300 m 2 ), numerose agenzie bancarie e Call Center ed i grandi magazzini Marks & Spencer di Francoforte (4.500 m 2 ). Nel resto d Europa si distinguono gli uffici della BP di Londra ( m 2 ) e quelli della banca ING in Olanda ( m 2 ) Ma un cenno particolare meritano alcuni recenti realizzazioni. A Vienna, ad esempio, è stata da poco completata la prima fase di un intervento immobiliare di grandi dimensioni destinato al terziario, denominato Euro Plaza (figura A). Si tratta di un centro direzionale con edifici per uffici per complessivi 128 mila metri quadrati, destinati ad ospitare le sedi di società multinazionali quali Microsoft, Hewlett Packard, Danone, L Oreal e altre ancora. Per la prima fase sono stati previsti impianti con travi fredde ad alta induzione per complessivi metri lineari, ai quali si aggiungeranno altri metri lineari per la seconda fase il cui completamento è previsto nel Ad Amburgo le travi ad alta induzione sono state invece utilizzate per il ristorante Le Soleil dell Hotel Le Royal Meridien (figura B). Integrate nel soffitto in cartongesso le travi garantiscono una resa frigorifera fino a 120 W/m 2 con una portata d aria immessa fino a 15 m 3 /h.m 2. A Stoccarda infine è stato realizzato l impianto per la Pressehaus (Casa della Stampa), una struttura di m 2 per la quale sono state impiegate travi fredde con resa di 125 W/m 2 con una portata di 12 m 3 /h.m 2 (figura C). FOTO JOI-DESIGN INNENARCHITEKTEN, HAMBURG FOTO WILHELM MIERENDORF B Il ristorante Le Soleil dell Hotel Le Royal Meridien è climatizzato mediante travi ad alta induzione integrate nel soffitto in cartongesso che garantiscono una resa frigorifera fino a 120 W/m 2. C Per i metri quadrati della Pressehaus di Stoccarda sono state impiegate travi fredde con resa di 125 W/m 2. controllate soltanto se l effetto Coanda non è disturbato. In caso di uffici singoli dotati di una sola trave l immissione orizzontale del flusso d aria può provocare elevate velocità in prossimità delle pareti e del pavimento, mentre in caso di open-space con più travi installate in parallelo si possono verificare scontri dei flussi d aria contrapposti, con elevate velocità risultanti nella zona occupata. A ciò si può rimediare soltanto se le travi vengono dotate di deflettori sui diffusori in modo da indirizzare l aria con angolazioni divergenti. Igiene e manutenzione La manutenzione è ridotta al minimo dato che l aria ambiente indotta lambisce la parte esterna (lato ambiente) della piastra radiante senza entrare nella trave. Le operazioni di pulizia si limitano alla superficie esterna della piastra, utilizzando un liquido detergente ed una spugna. Non è necessario smontare o aprire la trave e l operazione è molto veloce. In una trave di tipo tradizionale, invece, l aria ambiente attraversa la batteria e circola all interno della trave. È quindi necessario prevedere una periodica pulizia interna dei componenti sui quali si possono depositare germi e batteri trasportati da umidità e polvere. Per la pulizia è necessario aprire e spesso smontare la trave. L operazione non è possibile con soffitti chiusi in cartongesso e risulta più lunga Sporcamento delle superfici a soffitto L accumulo di polvere avviene solo sulla :58:35

5 3 Le travi possono essere allineate in modo da formare elementi continui di lunghezza illimitata, aspetto particolarmente importante in ambienti open-space di grandi dimensioni. superficie delle piastre mentre in una trave di tipo tradizionale può verificarsi anche sul soffitto ai lati della trave. Lo sporcamento della batterie provoca inoltre il rischio di una perdita di efficienza delle batterie. Consumi e costi energetici Come si è detto, grazie all elevata induzione si possono utilizzare temperature dell aria di mandata molto basse, fino a C. Ciò significa che nelle unità di trattamento non è necessario effettuare il post dell aria dopo il raffreddamento e la deumidificazione. In una trave di tipo tradizionale, a causa della bassa induzione l aria di mandata non può essere troppo bassa per non inficiare l effetto Coanda. È quindi necessario effettuare il post dell aria fino a C, con effetti negativi sui consumi energetici (a meno che non si preveda l impiego di chiller con recupero di calore) e con aggravi di costo sulle unità di trattamento. Superare i limiti Due sono gli aspetti che vengono spesso considerati un limite ad una maggiore diffusione delle travi ad alta induzione: l elemento di scambio ad un solo circuito e l elevato costo. Concepite per il solo raffrescamento degli ambienti le travi ad alta induzione posso essere utilizzate, come quelle tradizionali, anche per il ri-scaldamento degli ambienti se alimentate con acqua calda a bassa temperatura. La piastra radiante tuttavia è disponibile con un solo circuito d acqua, il che rende le travi utilizzabili soltanto con impianti a 2 tubi. Ciò significa che non è possibile alimentare contemporaneamente alcune travi con acqua fredda ed altre con acqua calda, come avviene invece con le travi tradizionali che possono essere realizzate con una batteria di scambio dotata di circuito aggiuntivo ad acqua calda, con le quali è quindi possibile realizzare impianti a 4 tubi. In Germania e nei paesi del Nord Europa tale aspetto non co- stituisce un problema in quanto da sempre per il viene utilizzato un impianto specifico posto a pavimento lungo il perimetro, ad esempio del tipo a convettori incassati oppure a radiatori, che, riducendo l effetto di stratificazione, garantisce le migliori condizioni di comfort ed un minore consumo energetico. Inoltre è da considerare il fatto che negli edifici di nuova realizzazione per uffici le caratteristiche di isolamento termico sono ormai così elevate da limitare le necessità di apporto di calore al solo periodo di messa a regime mattutino con ambienti vuoti, dato che nel periodo di occupazione la presenza di elevati carichi endogeni (persone, computer, luci) risulta in grado di compensare le dispersioni di calore. Per la messa regime è possibile riscaldare l ambiente con l aria primaria, facendo funzionare le unità di trattamento, se possibile, a tutto ricircolo. Per quanto riguarda il costo dei terminali, le travi ad alta induzione sono spesso indicate con il soprannome di Formula 1 delle travi. In effetti il loro costo è decisamente superiore a quello delle travi tradizionali ma il confronto economico andrebbe fatto considerando tutti gli aspetti sopra considerati. In una logica di Life Cycle Cost sono infatti sempre più importanti le considerazioni economiche legate ai consumi energetici e alla produttività nell ambiente di lavoro, quest ultima direttamente influenzata dalle condizioni di comfort nell ambiente di lavoro. Ciò spiega perché una soluzione come questa dal più elevato costo iniziale viene spesso preferita ad altre più economiche. Bibliografia L. Stefanutti, Impianti per la salute: una casa di cura a Milano, RCI, Luglio 2005 L. Stefanutti, L integrazione tra edificio ed impianto: facciata attiva e travi fredde, RCI, Luglio 2003 L. Stefanutti, Travi fredde in esposizione, RCI, Febbraio :03:13

Corso di aggiornamento Progetto e scelta degli impianti a Travi Fredde

Corso di aggiornamento Progetto e scelta degli impianti a Travi Fredde l a ngol o dell a f orm a z ione Corso di aggiornamento Progetto e scelta degli impianti a Travi Fredde Gli impianti a travi fredde costituiscono un alternativa relativamente recente per la climatizzazione

Dettagli

L evoluzione degli impianti per gli Smart Building

L evoluzione degli impianti per gli Smart Building L evoluzione degli impianti per Luca Stefanutti BMZ Impianti La progettazione integrata La progettazione degli impianti per gli edifici sostenibili sta vivendo un periodo di innovazione ed evoluzione

Dettagli

Radiant Ceiling in Building Reconstruction - Case Study

Radiant Ceiling in Building Reconstruction - Case Study SOFFITTI RADIANTI 2 Radiant Ceiling in Building Reconstruction - Case Study 3 Sistemi a soffitto radiante: riscaldamento e raffrescamento attraverso ampie superfici 4 Radiatori: solo riscaldamento attraverso

Dettagli

Sistema cartongesso a soffitto

Sistema cartongesso a soffitto sistema cartongesso Sistema cartongesso a soffitto Il raffrescamento a soffitto si è rivelato una soluzione ottimale nell ambito della climatizzazione degli ambienti. Questo tipo di soffitto è stato sviluppato

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto.

Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto. UNITÀ TERMINALI Le unità terminali svolgono un ruolo molto importante poiché costituiscono la prima interazione fra uomo e sistema edificioimpianto. Le unità terminali si suddividono in: Unità a prevalente

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Sistemi di distribuzione/emissione Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

L aerotermo. é Sabiana IL COMFORT AMBIENTALE

L aerotermo. é Sabiana IL COMFORT AMBIENTALE L aerotermo é Sabiana ISO 9001 - Cert. n 0545/4 Aerotermi Termostrisce radianti Ventilconvettori Unità trattamento aria Canne fumarie IL COMFORT AMBIENTALE Aerotermi Sabiana Le descrizioni ed illustrazioni

Dettagli

basso consumo energetico

basso consumo energetico Impianti radianti a pavimento negli edifici a basso consumo energetico Verona, 4 ottobre 2012 Prof. Michele De Carli Dipartimento di 2 Dipartimento di Edifici a basso consumo, definizione: Edifici a basso

Dettagli

Recuperatori di calore

Recuperatori di calore Recuperatori di calore UDE DEUMIDIFICATORI AD ALTA EFFICIENZA Air Control Srl via Luigi Biraghi 33-20159 Milano Tel +39 0245482147 Fax +39 0245482981 P.Iva 04805320969 Recuperatori di calore CARATTERISTICHE

Dettagli

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI Contrariamente al passato dove, di norma, venivano annegati nel pavimento delle linee in acciaio,

Dettagli

soluzioni per trattamento aria

soluzioni per trattamento aria soluzioni per trattamento aria Riscaldamento e raffreddamento con macchine secondarie Fancoil Adatto per riscaldamento e/o raffreddamento nel sistema a 2 o 4 tubi, per montaggio a soffitto o pavimento.

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti

IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Corpi scaldanti Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Il progetto di un impianto di riscaldamento

Dettagli

Pannello Radiante Pulsar

Pannello Radiante Pulsar CONFORME ALLA NUOVA NORMA EUROPEA EN 14037 Pannello Radiante Pulsar Riscaldamento e Raffrescamento Per ambienti commerciali, amministrativi, sportivi, etc. A controsoffitto o a vista 1 Riscaldamento e

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI source X Performance Source NUOVI SISTEMI RADIANTI X PERFORMANCE I componenti che fanno parte della sezione X Performance, sono realizzati con materiali di elevatissima qualità e studiati per dare il massimo

Dettagli

emcotherm KQKL Ricircolo, riscaldamento e raffreddamento

emcotherm KQKL Ricircolo, riscaldamento e raffreddamento Ricircolo, riscaldamento e raffreddamento Convettore a pavimento KQK a convenzione forzata per il raffreddamento e riscaldamento nella versione a tubi oppure 4 tubi. KQKl -Tubi > 345mm KQKl 4-Tubi > 345mm

Dettagli

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede Energy Recuperatore L e unità canalizzabili della serie Energy sono state studiate per permettere un risparmio energetico negli impianti di ventilazione di locali pubblici e privati quali bar, ristoranti,

Dettagli

Trattamento atia. Deuclima VMC Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza

Trattamento atia. Deuclima VMC Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza IT Trattamento atia Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza Unità di ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore ad alta efficienza Il

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli

IMPIANTI PER IL COMFORT

IMPIANTI PER IL COMFORT f Luca Stefanutti CENTRO DI CURE PALLIATIVE: IMPIANTI PER IL COMFORT GLI HOSPICE SONO STRUTTURE DESTINATE ALLE CURE PALLIATIVE DI PAZIENTI TERMINALI CHE NON POSSONO ESSERE ASSISTITI IN MODO ADEGUATO A

Dettagli

PluggMar Ventilare e riscaldare in un unica soluzione. I sistemi di ventilazione Pluggit befresh con recupero termico per gli edifici nuovi

PluggMar Ventilare e riscaldare in un unica soluzione. I sistemi di ventilazione Pluggit befresh con recupero termico per gli edifici nuovi Aria nuova Calore gradevole Ventilare e riscaldare in un unica soluzione I sistemi di ventilazione befresh con recupero termico per gli edifici nuovi Due funzioni in un unica soluzione Finora la ventilazione

Dettagli

A PANNELLI RADIANTI, IL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMPIANTO GEOTERMICO ABITARE BENE, VIVERE MEGLIO.

A PANNELLI RADIANTI, IL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMPIANTO GEOTERMICO ABITARE BENE, VIVERE MEGLIO. ABITARE BENE, VIVERE MEGLIO. COMFORT, QUALITÀ, RISPARMIO ENERGETICO, IL COMFORT DELLA CLIMATIZZAZIONE A PANNELLI RADIANTI, IL RISPARMIO ENERGETICO DELL IMPIANTO GEOTERMICO RISPARMIO ENERGETICO ESTRAZIONE

Dettagli

Diffusori ad effetto elicoidale ad alette fisse KDA-DAQ

Diffusori ad effetto elicoidale ad alette fisse KDA-DAQ Diffusori ad effetto elicoidale ad alette fisse KDA-DAQ La serie K DA-DAQ è costituita da una gamma di diffusori ad effetto elicoidale ad alta induzione ad alette fisse inclinate ricavate dalla piastra

Dettagli

Impianti di ventilazione

Impianti di ventilazione Impianti di ventilazione Michele De Carli Università di Padova UNIVERSITÀ DI PADOVA! Principi di ventilazione Ventilazione naturale (infiltrazioni, aperture, funzione delle condizioni interne ed esterne)

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

INDICE. I dati tecnici e dimensionali riportati nella presente documentazione possono subire variazioni orientate al miglioramento del prodotto.

INDICE. I dati tecnici e dimensionali riportati nella presente documentazione possono subire variazioni orientate al miglioramento del prodotto. MANUALE TECNICO aerotermi a soffitto S80 I INDICE 1 GENERALITA'... 2 2 CARATTERISTICHE TECNICHE NOMINALI... 3 3 RESE TERMICHE... 4 3.1 Resa termica con funzionamento ad acqua... - 11 4 FUNZIONAMENTO A

Dettagli

Gli impianti per la climatizzazione

Gli impianti per la climatizzazione Università IUAV di Venezia Gli impianti per la climatizzazione 1 Tipologie secondo il fluido termovettore Componenti elementi costruttivi Produzione del calore/ frigorifera Dimensioni dei canali d aria

Dettagli

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 Caldaia a condensazione 06/05/2008 2 Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 C in eccesso

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Potenza per ambiente Dal calcolo del Cd e delle dispersioni invernali si ottiene la potenza necessaria all edificio (W) Q t = Q d + Q v Che deve essere nota anche per ogni singolo

Dettagli

Serie. 88 Lossnay - Recuperatori di calore totale 90 VL-LGH - Recuperatori di calore totale 92 GK - Barriere d aria

Serie. 88 Lossnay - Recuperatori di calore totale 90 VL-LGH - Recuperatori di calore totale 92 GK - Barriere d aria Serie I recuperatori entalpici Lossnay di Mitsubishi Electric eliminano l aria viziata sostituendola contemporaneamente con aria fresca e pura. Recuperando il calore totale permettono inoltre un sensibile

Dettagli

Carichi termici in regime invernale ed estivo. Prof.Arch.Gianfranco Cellai

Carichi termici in regime invernale ed estivo. Prof.Arch.Gianfranco Cellai Carichi termici in regime invernale ed estivo Prof.Arch.Gianfranco Cellai Generalità Mantenere condizioni ambiente interne confortevoli significa controllare i carichi termici perturbatori generati nell

Dettagli

www.solarkup.com Collettore SOLARAIR Spendi meno, Vivi meglio

www.solarkup.com Collettore SOLARAIR Spendi meno, Vivi meglio www.solarkup.com Collettore SOLARAIR Spendi meno, Vivi meglio Come Funziona Il funzionamento del SolarAir è semplice ma geniale, il pannello aspira l aria dall esterno, e sfruttando solo il sole la scalda

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

Per un architettura che mette al centro l uomo

Per un architettura che mette al centro l uomo Per un architettura che mette al centro l uomo Il benessere termoigrometrico per l uomo Per benessere termoigrometrico si intende la sensazione di soddisfazione che, in un ambiente, le persone provano

Dettagli

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità.

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità. Scheda Tecnica: Piastra idronica SKUDO DC Inverter Codice scheda: XSCT00078 Data 15/11/2014 Famiglia: Recuperatori di calore Descrizione SKUDO è la piastra idronica con spessore di 13 cm e batteria di

Dettagli

trattamento aria ecoclima D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA

trattamento aria ecoclima D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA IT trattamento aria D deu-climatizzatore DC deu-climatizzatore DCA trattamento aria ARIA! Benessere significa anche qualità dell aria: aria fresca, ricca di ossigeno, prelevata dall esterno, filtrata e

Dettagli

Riassunto della puntata precedente. ing. Massimiliano Pancani

Riassunto della puntata precedente. ing. Massimiliano Pancani Riassunto della puntata precedente Capitolo 4: Impianti di ventilazione Macchine di trattamento aria Componenti per la distribuzione Componenti per la diffusione Capitolo 4 Impianti di ventilazione Macchine

Dettagli

RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO

RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO RADIANTE RISCALDAMENTO RADIANTE RESE TERMICHE QUALITÀ CERTIFICATA Universität Stuttgart Per assicurare chiarezza e sicurezza di funzionamento nella resa di un impianto a

Dettagli

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini La bioclimatica nella storia Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini Le tecnologie solari attive e passive La prima crisi petrolifera mondiale (anni 70) ha portato a molte sperimentazioni

Dettagli

Applicazioni fotovoltaiche

Applicazioni fotovoltaiche Applicazioni fotovoltaiche Frangisole I serramenti e le facciate continue negli edifici rappresentano un canale di passaggio per l apporto energetico gratuito proveniente dal sole. I frangisole si utilizzano

Dettagli

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E VENTILAZIONE Descrizione del progetto Il progetto prevede il rifacimento

Dettagli

Comuni di Sirolo e Numana

Comuni di Sirolo e Numana Progettista: Arch. Giorgio Pagnoni LUGLIO 2012 RELAZIONE TECNICA IMPIANTO RISCALDAMENTO I STRALCIO FUNZIONALE Service & Consulting Immobiliare s.r.l. - Via Trieste n. 21-60124 Ancona - tel 071 3580027

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano.

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano. RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Maggio

Dettagli

Università degli studi di Torino - Impianto a travi fredde. Travi fredde

Università degli studi di Torino - Impianto a travi fredde. Travi fredde Travi fredde Università degli studi di Torino - Impianto a travi fredde Travi fredde Lindab I sistemi ad acqua della gamma Lindab comprendono travi fredde attive e passive, pannelli radianti, sistemi di

Dettagli

L alternativa che risparmia energia Pompe di calore e caldaie a bassa temperatura

L alternativa che risparmia energia Pompe di calore e caldaie a bassa temperatura L alternativa che risparmia energia Pompe di calore e caldaie a bassa temperatura Energia ecologica dal terreno, acqua oppure aria In numero crescente i proprietari di case singole optano per il riscaldamento

Dettagli

Auditori: l integrazione della diffusione aria

Auditori: l integrazione della diffusione aria a - progettazione Auditori: l integrazione della diffusione aria Gli auditori rappresentano un tipo di applicazione particolare dal punto di vista sia strutturale sia per il profilo di utilizzo. La maggior

Dettagli

www.fccplanterm.com Edizione maggio 2012

www.fccplanterm.com Edizione maggio 2012 Edizione maggio 2012 PERMASTEELISA IMPIANTI SRL FCC PLANTERM DIVISION Viale E. Mattei 21/23 31029 Vittorio Veneto, Treviso, Italia Tel.: +39 0438 50 5274 Fax: +39 0438 50 52 info@fccplanterm.com www.fccplanterm.com

Dettagli

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO

CONOSCERE IL SOLARE TERMICO CONOSCERE IL SOLARE TERMICO Parte I - Conoscere il solare termico COLLETTORE, FLUIDO, SERBATOIO CIRCOLAZIONE NATURALE E FORZATA Parte II Sistemi a circolazione naturale IL COLLETTORE I SELETTIVI RENDONO

Dettagli

Impianto Solare Termico

Impianto Solare Termico Impianto Solare Termico La ING DG&R è in grado di progettare, fornire e realizzare impianti solari termici di qualsiasi dimensione, con accesso agli incentivi del Conto Energia Termico. A titolo di esempio

Dettagli

Il raffrescamento estivo con gli impianti radianti

Il raffrescamento estivo con gli impianti radianti Il raffrescamento estivo con gli impianti radianti Raffrescamento a pavimento Il sistema radiante a pavimento, oltre ad essere considerato il miglior impianto di riscaldamento per il periodo invernale,

Dettagli

La deumidificazione applicata alla. climatizzazione radiante

La deumidificazione applicata alla. climatizzazione radiante La deumidificazione applicata alla climatizzazione radiante La deumidificazione L aspetto più importante ai fini del comfort estivo è L UMIDITÀ RELATIVA! IMPORTANTE: se si mantiene controllato questo parametro,

Dettagli

Travi fredde per un industria della refrigerazione

Travi fredde per un industria della refrigerazione 1 dall industria realizzazioni Travi fredde per un industria della refrigerazione Un sistema a travi fredde per la nuova palazzina direzionale di un importante azienda costruttrice di componenti per la

Dettagli

I sistemi radianti RDZ per l edilizia scolastica

I sistemi radianti RDZ per l edilizia scolastica I sistemi radianti RDZ per l edilizia scolastica SCUOLA RDZ Company Profile RDZ, azienda leader in Italia nei sistemi radianti di riscaldamento e raffrescamento, certificata ISO 9001:2008, da oltre 35

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01

corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01 corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 01 corso di FISICA TECNICA modulo di IMPIANTI TECNICI Scheda 02 Composizione di un impianto di climatizzazione 1. Centrale di produzione del caldo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE. Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti. Fino al 20 %

SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE. Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti. Fino al 20 % SISTEMI DI RISCALDAMENTO/ RAFFRESCAMENTO RADIANTE Garanzia di comfort e risparmio per i vostri clienti Fino al 20 % di risparmio sui costi di riscaldamento COMFORT, RISPARMIO E BENESSERE I motivi per scegliere

Dettagli

SABIANA IL COMFORT AMBIENTALE. Condizionamento Termoventilanti Zeus ICIM

SABIANA IL COMFORT AMBIENTALE. Condizionamento Termoventilanti Zeus ICIM Condizionamento Termoventilanti ICIM ISO Cert. n 4/2 Aerotermi Termostrisce radianti Ventilconvettori Unità trattamento aria Canne fumarie SABIANA IL COMFORT AMBIENTALE Condizionamento SABIANA IL COMFORT

Dettagli

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Display I deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza della serie sono stati progettati per garantire la deumidificazione

Dettagli

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente CARATTERISTICHE IMPIANTO: realizzazione di impianto di riscaldamento, condizionamento

Dettagli

P5=2,5 atm 5. P3=3 atm. P6=4 atm

P5=2,5 atm 5. P3=3 atm. P6=4 atm V [m3/h] 3 a.a. 2012-13 APPROVVIGIONAMENTO IDRICO DIMENSIONAMENTO RETE IDRICA APERTA n. 1 Dimensionare tramite il metodo a velocità costante la seguente rete di distribuzione dell acqua industriale, del

Dettagli

RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO E SOFFITTO PRODOTTI E ACCESSORI. www.rehau.com. Edilizia Automotive Industria

RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO E SOFFITTO PRODOTTI E ACCESSORI. www.rehau.com. Edilizia Automotive Industria RAFFRESCAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO E SOFFITTO PRODOTTI E ACCESSORI www.rehau.com Edilizia Automotive Industria RAFFRESCAMENTO RADIANTE GRANDE INNOVAZIONE PER IL MASSIMO COMFORT Elementi per la realizzazione

Dettagli

10 settembre 2015. MUSEO CIVICO Climatizzazione della sala Cremona CUP: D14E15000240004 283D - ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI MECCANICI

10 settembre 2015. MUSEO CIVICO Climatizzazione della sala Cremona CUP: D14E15000240004 283D - ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI MECCANICI 10 settembre 2015 Progetto: MUSEO CIVICO Climatizzazione della sala Cremona CUP: D14E15000240004 Codice e livello progetto: 283D - ESECUTIVO Elaborato tecnico: RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTI MECCANICI

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

OMNIA RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO

OMNIA RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO RADIANT VENTILCONVETTORE CON PIASTRA RADIANTE IL VENTILCONVETTORE CON 3 MODALITÀ DI RISCALDAMENTO Installazione a parete o a pavimento Versioni on-off e ad Inverter, abbinabile al sistema di gestione VMF

Dettagli

92 94 96 98 99 100 101 Componenti ed accessori per sistemi. 102 Collettori premontati - senza cassetta per impianti di riscaldamento

92 94 96 98 99 100 101 Componenti ed accessori per sistemi. 102 Collettori premontati - senza cassetta per impianti di riscaldamento Sistemi di posa - comfort e risparmio energetico Sistemi di posa - Sistema Easy Sistemi di posa - Sistema Easy Tech ribassato Easy 50 - Pannello isolante Easy Tech 50R - Pannello isolante ribassato Tubo

Dettagli

KLIMA NUOVI SISTEMI RADIANTI. klima

KLIMA NUOVI SISTEMI RADIANTI. klima KLIMA NUOVI SISTEMI RADIANTI klima KLIMA LOEX Klima è il sistema di riscaldamento e raffrescamento radiante a soffitto che consente di realizzare un clima molto gradevole in ambienti adibiti principalmente

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 24 febbraio 2010 BRESCIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 BORGO DI VILLA ASTORI TORRE

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Buono Microclima confortevole

Buono Microclima confortevole Temperatura superficiale della parete radiante 45 40 35 30 25 Comfort termico mediante convezione e irradiazione (secondo Dr. Ledwina). Tratto dal materiale didattico del Corso di Architettura Bioecologica

Dettagli

Easy Compact Clima 4 in 1

Easy Compact Clima 4 in 1 Easy Compact Clima 4 in 1 Innovativo sistema compatto per la ventilazione meccanica a doppio flusso, il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria, con pompa di calore. In

Dettagli

Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso

Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso Il contro-soffitto filtrante GIF significa sicurezza e progresso 1. Lo sviluppo del sistema GIF si è basato su una serie di problemi riscontrati nei seguenti campi: A. Tecnologie dell aria e del condizionamento

Dettagli

SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE

SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE RECUPERATORE ORIZZONTALE VERTICALE A RECUPERO TOTALE (scambiatore in Carta) DA 1.580 m³/h DESCRIZIONE

Dettagli

a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale

a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale L EFICIENZA E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEI PARCHI INDUSTRIALI a partire dalla progettazione e costruzione di un comparto polifunzionale industriale, artigianale, commerciale, direzionale Gianni Lorenzetti

Dettagli

TFS Soffitti filtranti per sale operatorie

TFS Soffitti filtranti per sale operatorie Soffitti filtranti per sale operatorie Versioni - A (con pannelli e plenum portafiltro in alluminio, telaio in alluminio estruso) - X (con pannelli e plenum portafiltro in acciaio inox, telaio in alluminio

Dettagli

WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica

WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica WineCenter Caldaro una nuova soluzione energetica Dott. Ing. Georg Felderer Via Negrelli Straße 13 39100 Bolzano / Bozen Tel.: 0471 054040 KLIMAHOUSE 07 Il WineCenter a Caldaro Il WineCenter a Caldaro

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE. parte 5

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE. parte 5 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parte 5 1 Terminali di scambio termico Radiatori Sono corpi scaldanti (ad elementi, a piastra, a tubi o a lamelle) che cedono calore all aria ambiente per convezione naturale

Dettagli

LA TUA CASA IN CLASSE A+ QUALITÀ DELL ABITARE ED EFFICIENZA ENERGETICA

LA TUA CASA IN CLASSE A+ QUALITÀ DELL ABITARE ED EFFICIENZA ENERGETICA SOLaria LA TUA CASA IN CLASSE A+ QUALITÀ DELL ABITARE ED EFFICIENZA ENERGETICA EDIFICIO AD ENERGIA QUASI ZERO A partire dal 2021 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere realizzati ad energia

Dettagli

Il sistema radiante a soffitto e parete. Climalife

Il sistema radiante a soffitto e parete. Climalife Il sistema radiante a soffitto e parete Info 2014 Pannello Radiante Pannello radiante in sandwich prefabbricato costituito da: - Strato a vista in cartongesso ignifugo, spessore 15 mm; - Circuito radiante

Dettagli

Contenuto e obiettivi

Contenuto e obiettivi Aiuto all applicazione EN-4 Impianti di ventilazione Contenuto e obiettivi Il presente aiuto all applicazione tratta delle esigenze da rispettare per la progettazione, la messa in opera e la sostituzione

Dettagli

CLIMAFON L EVOLUZIONE NEL RISCALDAMENTO DELLA CASA

CLIMAFON L EVOLUZIONE NEL RISCALDAMENTO DELLA CASA CLIMAFON L EVOLUZIONE NEL RISCALDAMENTO DELLA CASA MAGGIORE CURA NELL ESTETICA Climafon, con un design dalle linee arrotondate, moderne ed eleganti, si integra con ogni tipo di arredamento e può essere

Dettagli

La società si riserva il diritto di modificare le caratteristiche tecniche dei prodotti senza preavviso.

La società si riserva il diritto di modificare le caratteristiche tecniche dei prodotti senza preavviso. 1 PUNTO unita' di calore decentralizzata Il Punto è un recuperatore di calore che consente di realizzare la Ventilazione Meccanica Controllata ad alta prestazione senza la necessita' di realizzare un impianto

Dettagli

Il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti!

Il riscaldamento a pavimento. Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti! Il riscaldamento a pavimento Il riscaldamento a pavimento a basso spessore Funzionamento ad acqua Semplice benessere Caldo in 10 minuti! SALUTE E BENESSERE IL RISCALDAMENTO A PAVIMENTO ATTIVO Già dopo

Dettagli

pari a 89%. Emissione con fancoil a 2 tubi. Distribuzione poco isolata in montanti in cavedio non riscaldato. Regolazione climatica.

pari a 89%. Emissione con fancoil a 2 tubi. Distribuzione poco isolata in montanti in cavedio non riscaldato. Regolazione climatica. EFFICIENZA ENERGETICA NEL TERZIARIO ESEMPI DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE CASO STUDIO 1: PALAZZINA AD UFFICI Destinazione d'uso: E.2. uffici Località: Milano Volume lordo: 6000 m 3 Anno

Dettagli

La soluzione aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamigliare con impianti autonomi

La soluzione aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamigliare con impianti autonomi La soluzione aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamigliare con impianti autonomi Marco Grisot Application Manager Le nuove normative impongono di costruire abitazioni

Dettagli

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD

DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD DEUCLIMATIZZATORE DP 24RD 1 Indice 1. Descrizione del prodotto 3 1.1 Funzionamento con aria neutra 3 1.2 Funzionamento in integrazione 4 2. Descrizione componenti principali 5 2.1 Predisposizione e ingombri

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

Pannelli radianti: comportamento termico e prestazioni

Pannelli radianti: comportamento termico e prestazioni Pannelli radianti: comportamento termico e prestazioni ing. Stefano Paolo Corgnati, Ph.D. POLITECNICO DI TORINO Dipartimento di Energetica stefano.corgnati@polito.it 1 Pannelli radianti: comportamento

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI CARATTERISTICHE TECNICHE DIMENSIONALI Dimensioni edificio - Volume: mc. 35.000 - Superficie: mq. 4.537 Autorimessa - Superficie: mq. 970 - Altezza: mt. 3,70 - Interrata con n 32 posti auto. Hall d ingresso

Dettagli

DLS Diffusori a feritoie con deflettori regolabili

DLS Diffusori a feritoie con deflettori regolabili Diffusori a feritoie Diffusori a feritoie con deflettori regolabili Versioni - V (in acciaio verniciato bianco RAL9010, con deflettori in alluminio anodizzato nero) - X (in acciaio inox con deflettori

Dettagli

solare termico e pannelli fotovoltaici

solare termico e pannelli fotovoltaici Palestra scolastica, Odenwald, Germania Progettista: Martin Grün solare termico e pannelli fotovoltaici I parte: solare termico 1 IMPIANTI SOLARI TERMICI i sistemi solari termici convertono l energia solare

Dettagli

lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale

lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale lindab we simplify construction Lindab Solus Semplicemente, la scelta naturale Semplicemente, la scelta naturale Immagina una soluzione a travi fredde con bilanciamento della temperatura, dove riscaldamento

Dettagli

Aspetti tecnici per spiegare la presenza di umidità - muffa e condensa sui muri o su pavimenti e pareti fredde in genere

Aspetti tecnici per spiegare la presenza di umidità - muffa e condensa sui muri o su pavimenti e pareti fredde in genere Aspetti tecnici per spiegare la presenza di umidità - muffa e condensa sui muri o su pavimenti e pareti fredde in genere La presenza di muffa sulle pareti è una situazione tipica di condensa dell umidità

Dettagli

SCELTE POSSIBILI ORA PRIMA. Ora 35 % Dal 2015 50% SCELTE + +

SCELTE POSSIBILI ORA PRIMA. Ora 35 % Dal 2015 50% SCELTE + + SCELTE POSSIBILI PRIMA ORA + + + + + SCELTE Ora 35 % Dal 2015 50% Considerazioni generali 1 - Classe energetica dell immobile 2 - Costo del combustibile: 3 Stima eventuale fabbisogno energetico per la

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli