RESEARCH AND EDUCATION ASSOCIAZIONE NAZIONALE ORIENTATORI. A cura dell Università Telematica Pegaso. rivista scientifica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESEARCH AND EDUCATION ASSOCIAZIONE NAZIONALE ORIENTATORI. A cura dell Università Telematica Pegaso. rivista scientifica"

Transcript

1 Reserch and Education LIFE DESIGN 1 Anno II n.2 Tr a s f o r m a r e l e proprie ASSOCIAZIONE NAZIONALE ORIENTATORI c o m p e t e n z e i n c onsapevolezz a d i v i t a rivista scientifica A cura dell Università Telematica Pegaso RESEARCH AND EDUCATION

2 2 LIFE DESIGN Research and Education LIFE DESIGN Research and education Rivista semestrale Iscrizione Registro Stampa del Tribunale di Bari n. 34 del 06/07/2010 ai sensi della legge sulla stampa 8 febbraio 1948 n. 47 Direzione scientifica Vito Antonio Baldassarre (Università di Bari) Comitato Scientifico Pierpaolo Limone (Università di Foggia) Michele Baldassarre (Università di Bari) Lucia Chiappetta Cajola (Università Roma Tre) Enzo Mansueto (insegnante e giornalista del Corriere del Mezzogiorno) Marisa Michelini (Università di Udine) Maria Cavalluzzi (esperta didattica yoga) Marc Bru (Università di Tolosa - Francia) Ronald G. Sultana (Università di Malta) Jacqueline Thousand (Università San Marco - California) Direttore editoriale Domenico Pontrandolfo (Direttore Generale dell Associazione Nazionale Orientatori) Direttore responsabile Valentina De Carlo Responsabile di redazione Valentina Rapo Redazione Valentina Rapo Filippo Vasco Editing e impaginazione Raffaele Cacciapaglia Editore Forprogest SPA Via Crisanzio, Bari

3 Reserch and Education LIFE DESIGN 3 Editoriale Cari lettori, questo, della nostra rivista, è un numero speciale; se non altro perché esce con qualche mese di ritardo a causa delle profonde trasformazioni e dei cambiamenti che stanno positivamente coinvolgendo la nostra Associazione. L orientamento, come è noto, è una dimensione sempre in fieri e chi, come noi, animato da professionalità, serietà, costanza, voglia di migliorare e crescere, si avvicina ad essa non può non mettersi nelle condizioni di una continua propensione al nuovo, al mutamento, alla flessibilità ed assumere un atteggiamento per certi versi pionieristico. Chi è il pioniere, se non un temerario?! È colui che apre la via agli altri nell esplorazione di nuove terre, di nuove vie e di nuove idee. Innanzi a situazioni problematiche, inedite, sconcertanti che si incontrano nell esplorazione di queste nuove vie, non si può non fare riferimento all insegnamento di Donald A. Schön: di reflection-in-action, ovvero alla capacità di riflessione nell azione, sull azione (oltre che prima e dopo l azione). Quindi, sé è vero che il cambiamento è rapido e veloce, è anche vero che c è bisogno, ogni tanto, di riprendere i fili che vanno oltre il quotidiano; che guardano ad orizzonti di tempo più vasti e che consentano di riflettere in modo autentico sulla direzione intrapresa e sugli obiettivi da raggiungere per riuscire così a tagliare sempre nuovi traguardi. Quindi: la scelta del voler essere sempre responsabilmente coscienti e coscienziosi nella guida e nella crescita della Associazione può essere considerata la vera e unica ragione del ritardo della pubblicazione del secondo numero di LIFE DESIGN - research and education. Questo secondo numero, pur rispettando la classica struttura della rivista (Study - research and analysis, Best practices, News and reviews, Recensioni), è diverso, speciale appunto. Il suo essere speciale, deriva da due semplici ma significative motivazioni: la prima affonda le sue radici nella consapevolezza che l orientamento occupandosi dell uomo nella sua totalità non può non considerare tutti gli affari umani e pertanto abbiamo sentito viva l esigenza di proporvi contributi che si occupano dell orientamento in un ottica sempre più ad ampio spettro. La seconda motivazione è stata quella di voler dedicare uno spazio sempre più ampio ai contributi provenienti dagli orientatori sul campo rivelatesi vere fonti inesauribili di riflessioni e valutazioni. Nella prima parte della rivista, Study - research and analysis, troviamo preziosi ed interessanti contributi dedicati al rapporto fra orientamento e valutazione, orientamento e scuola, orientamento e formazione, orientamento e nuove tecnologie, orientamento e salute. Nella seconda parte, Best practices, troviamo le esperienze concrete dei nostri orientatori iscritti all Albo. La terza, News and reviews, è stata esplicitamente dedicata all informazione e diffusione di tutte le novità ed attività poste in essere dall Associazione e dei cambiamenti in divenire all intero dell intero panorama dell orientamento. Anche, il secondo numero della rivista si chiude con le preziose Recensioni di testi utili al professionista dell orientamento e a tutti coloro che svolgono professioni che hanno a che fare con quanto più di complesso e delicato esiste al mondo: l essere umano. Dott.ssa Valentina De Carlo Dott.ssa Valentina Rapo

4 4 LIFE DESIGN Research and Education Sommario Sezione Descrizione Pag L Associazione Nazionale Orientatori partecipa all incontro formativo organizzato dall Università Telematica Pegaso Dott.ssa Mery Pontrandolfo, Presidente dell Associazione Nazionale Orientatori 5 STUDY - RESEARCH AND ANALYSIS L European Lifelong Guidance Policy Network e le politiche per l orientamento permanente in Europa a cura del dott. Filippo Vasco L autovalutazione di Istituto per orientare la scuola dell inclusione verso le priorità per il cambiamento Prof.ssa Lucia Chiappetta Cajola - Università degli Studi Roma Tre - Settore Scientifico-disciplinare M-Ped/03, Didattica e Pedagogia Speciale La valutazione una preziosa risorsa per l orientatore Parte Prima Dott.ssa Valentina Rapo - Cultore della materia in progettazione e sperimentazione di ambienti multimediali per la formazione L orientamento diacronico formativo. Un modello da applicare fin dalla scuola primaria Dott.ssa Alessia Checchi - Università degli Studi Roma Tre. Funzionario amministrativo presso la Presidenza della Facoltà di Scienze della Formazione. Le tecnologie digitali per la didattica tra innovazione e nuove competenze Dott.ssa Eleonora Guglielman Docente presso Università degli Studi Roma Tre -Scuola Dottorale in Pedagogia e Servizio Sociale La salute va orientata, ma sopratutto spiegata e capita Dr. Giuseppe D Introno - Giornalista medico scientifico BEST PRACTICES L orientatore nei Centri Informagiovani. A piccoli passi Orientatore Professionale Raffaele Astore - Responsabile Informagiovani nel Comune di Galatina LE Una bussola non dispensa dal remare. Educhiamoci alle scelte educhiamoci al movimento! Centro di Orientamento Skills Project di Spinazzola BT NEWS AND REVIEWS Un ruolo chiave per la crescita e la cura dei cittadini europei del XXI secolo Dott. Danilo Iervolino Presidente del Consiglio di Amministrazione dell Università Telematica Pegaso Il nuovo portale dell orientamento e non solo! Dott. Domenico Pontrandolfo, Direttore Generale dell Associazione Nazionale Orientatori Recensioni

5 Reserch and Education LIFE DESIGN 5 L Associazione Nazionale Orientatori partecipa all incontro formativo organizzato dall Università Telematica Pegaso Dott.ssa Mery Pontrandolfo Presidente dell Associazione Nazionale Orientatori Il sodalizio costituitosi tra ASNOR e l Università Telematica Pegaso per la diffusione e la promozione della figura dell orientatore, avviato da qualche mese, è stato formalmente ufficializzato il 25 luglio scorso, durante un incontro formativo tenutosi a Napoli ed organizzato dall Ateneo partenopeo presso il Complesso Monumentale di Santa Maria La Nova. In questo appuntamento si illustrano annualmente le linee direttive e programmatiche che l Ateneo intende perseguire; rappresenta un importante momento di informazione e confronto dedicato ai partner e finalizzato a migliorare modalità di collaborazione e strategie. L Università Telematica Pegaso è impegnata in un continuo lavoro di ricerca, approfondimento e sviluppo di quei settori che vengono individuati come i più innovativi, richiesti e in crescita dal punto di vista dell immediata spendibilità nel mondo del lavoro dei titoli formativi ottenuti dagli studenti. Data questa fondamentale premessa, sono facilmente comprensibili i motivi che sono alla base e hanno portato alla definizione dell accordo di collaborazione in parola: l orientamento costituisce un settore in forte crescita: aumenta la domanda di consulenza; il lavoro scientifico alla base della ponderosa visione teorica di ASNOR è riconosciuto in toto dall Ateneo: il connubio è naturale. Di questa significativa collaborazione s è discusso in questo incontro. Dopo i saluti del presidente Danilo Iervolino, del direttore generale Elio Pariota e del segretario regionale dell ANSI Domenico Manzo, l approfondimento è stato affidato alla responsabile dell area didattica Lucia Martiniello ed alla referente dei corsi in area scolastica Generosa Manzo. Affrontando il tema delle convenzioni e delle iniziative messe in campo dall Ateneo per il nuovo anno accademico, con l intervento del direttore generale ASNOR Domenico Pontrandolfo, sono state introdotte le motivazioni e le finalità alla base di questo partenariato: attenzione agli aspetti qualificanti ed ai benefici per gli studenti; analisi del mercato del lavoro finalizzata all individuazione dei settori più interessanti dal punto di vista dello sviluppo e della propensione a creare occupazione; ricerca scientifica mirata per la preparazione di percorsi formativi funzionali e spendibili; ferma

6 6 LIFE DESIGN Research and Education volontà di costituire un punto di riferimento nel dibattito scientifico del proprio settore di appartenenza. L Università Telematica Pegaso condivide l articolata impostazione teorica prospettata da ASNOR: riconoscendo la validità dei sette profili di orientatore, presenta un offerta formativa completa: un Master di I livello intitolato Professione Orientatore della durata di 1500 ore (60 cfu), comprendente tutti e sette i profili previsti, e sette corsi di Alta Formazione di 600 ore (24 cfu), uno per ciascuno dei profili. Un offerta didattica completa ed analitica come nessun altra in Italia. ASNOR riconosce questi corsi e ammette al proprio Albo Nazionale coloro che, ottenuto il titolo, ne facciano esplicita richiesta. Come chiarito dai relatori, questo è solo il primo momento di una collaborazione che già ha in nuce implementazioni e sviluppi su cui le parti stanno già lavorando, secondo i propri campi e competenze: l Ateneo intende fondare un dipartimento specializzato in materia; ASNOR promuove la sua rete nazionale di Centri di Orientamento con l obiettivo finale di garantire sevizi di consulenza mirati e di qualità per tutti i cittadini; gli orientatori a loro disposizione devono essere scrupolosamente formati e sinceramente preparati; all interno dei Centri di Orientamento operano esclusivamente orientatori iscritti all Albo Nazionale; non si tratta solo di una comunità in cui è possibile condividere esperienze e informazioni; l Albo è uno spazio pensato per assicurare quella formazione continua che, in un settore così delicato e in evoluzione come quello della consulenza alle persone, costituisce un pilastro inalienabile (in linea con le ultime disposizioni comunitarie in tema di Life Long Learning). ASNOR lavora affinché, dopo la pausa estiva, la piattaforma telematica realizzata a tal fine entri definitivamente in funzione per diventare il principale strumento di aggiornamento e di studio per tutti gli iscritti. Fatto questo cenno ai programmi e agli sviluppi su cui si sta lavorando per il prossimo periodo, colgo l occasione per salutare i lettori tutti e gli iscritti in particolare, nostra linfa, sostegno e primo motivo di orgoglio e spinta motivazionale.

7 Reserch and Education LIFE DESIGN 7 STUDY RESEARCH AND ANALYSIS

8 8 LIFE DESIGN Research and Education L European Lifelong Guidance Policy Network e le politiche per l orientamento permanente in Europa Dott. Filippo Vasco Cultore della materia di diritto pubblico Presentiamo il report delle attività svolte nel 2009/2010 nell ambito delle politiche di Orientamento Permanente da parte dell ELGPN (European Lifelong Guidance Policy Network). ASNOR ha da sempre condiviso uno dei principi cardine della politica comunitaria in argomento: l orientamento permanente è riconosciuto come una dimensione cruciale dell apprendimento continuo, anche perché promuove obiettivi di natura economica e sociale. In particolare, migliora l efficienza e l efficacia dei settori istruzione, formazione e lavoro attraverso il suo contributo mirato alla riduzione della dispersione scolastica, al potenziamento dell incontro tra domanda e offerta di competenze e all aumento della produttività. Due Risoluzioni UE del Consiglio Istruzione (20041; 20082) hanno evidenziato l esigenza di potenziare i servizi di orientamento lungo tutto l arco della vita, al fine di fornire agli utenti le capacità per gestire i propri percorsi formativi e professionali, nonché i momenti di transizione tra i percorsi educativi, formativi e di carriera. Le Risoluzioni si focalizzano su quattro aree prioritarie: sviluppo delle capacità di orientamento al lavoro (d ora in avanti, CMS, career management skills); accessibilità dei servizi; qualità e coordinamento dei servizi. A seguito delle suddette Risoluzioni, gli Stati membri sono stati invitati a modernizzare e rafforzare le proprie politiche e i sistemi di orientamento. La Commissione europea, assistita dal Cedefop e dalla Fondazione Europea per la Formazione Professionale (ETF), ha sostenuto attivamente tali obiettivi, attraverso la promozione di studi mirati, la produzione, insieme all OCSE3, di un manuale per i policy maker, il sostegno all apprendimento fra pari (peer learning) e lo sviluppo di strumenti di riferimento comuni, con il supporto di un gruppo di esperti europei che si è incontrato periodicamente tra il 2002 e il Nel 2007, gli Stati membri hanno deciso di istituire la rete ELGPN. La Commissione europea ha accolto favorevolmente tale iniziativa, quale impegno concreto verso l attuazione, a livello nazionale, delle priorità identificate nella citata Risoluzione del 2004 e ha deciso di fornire il supporto finanziario attraverso il Lifelong Learning Programme. Essendo una rete guidata dagli Stati membri, rappresenta anche una

9 Reserch and Education LIFE DESIGN 9 forma innovativa del Metodo Aperto di Coordinamento all interno dell UE. La rete è aperta a tutti i paesi eleggibili all assistenza nell ambito del Lifelong Learning Programme 2007/2013. I Paesi partecipanti identificano i propri rappresentanti e sono incoraggiati a favorire la partecipazione di rappresentanti governativi e non governativi. Quasi tutti i Paesi sono rappresentati da membri del Ministero dell Istruzione; più della metà dei Paesi è rappresentata da membri del Ministero del Lavoro ed alcuni sono rappresentati da ONG. Nel biennio 2009/2010 sono state organizzate quattro Riunioni Plenarie ELGPN (Lussemburgo, marzo 2009; Riga, Lettonia, settembre 2009; Saragozza, Spagna, maggio 2010; Lisbona, Portogallo, settembre 2010). I membri della rete hanno condiviso la decisione di basare il programma di lavoro 2009/2010 sulle quattro tematiche identificate nella Risoluzione Di conseguenza, sono state intraprese attività relative ai quattro Work Package (ognuno dei quali coinvolge 10/12 Paesi), finalizzate a: incoraggiare l acquisizione continua di capacità di orientamento al lavoro (WP1); agevolare l accesso ai servizi di orientamento da parte di tutti i cittadini, incluso l accreditamento di apprendimenti pregressi derivanti dall esperienza (APEL), (WP2); incoraggiare meccanismi di cooperazione e coordinamento nello sviluppo di politiche e sistemi di orientamento tra i vari stakeholder nazionali, regionali e locali (WP3); sviluppare meccanismi di qualità basati sulle evidenze per la definizione di politiche e sistemi (WP4). Inoltre, il programma di lavoro 2009/2010 della rete ELGPN ha incluso due Task Group tematici che si sono occupati di: politiche europee in materia di istruzione, formazione e lavoro dalla prospettiva dell orientamento lungo tutto l arco della vita, inclusi riepiloghi delle politiche relativi alle quattro tematiche dei Work Package come identificate nelle Risoluzioni del 2004 e del 2008, più un commento sul ruolo dell orientamento permanente in relazione all attuale crisi economica (TG1); sinergia tra progetti finanziati dall UE e relativi collegamenti con le politiche di orientamento permanente (TG2). CMS: Capacità di orientamento al lavoro (Work Package 1) Le capacità di orientamento al lavoro (career management skills, CMS) sono un insieme di competenze che forniscono, a individui e gruppi, modalità strutturate per raccogliere, analizzare, sintetizzare e organizzare autonomamente informazioni in materia di istruzione e lavoro, nonché per prendere decisioni e affrontare i momenti di transizione. Si tratta di competenze necessarie ai cittadini per poter gestire le complesse transizioni che caratterizzano i diversi percorsi educativi, formativi e occupazionali.

10 10 LIFE DESIGN Research and Education L insegnamento delle CMS può aiutare gli individui a gestire i percorsi di carriera non lineari, promuovendo l uguaglianza e l inclusione sociale. In molto Paesi sono state avviate politiche in tal senso: programmi scolastici sostengono i giovani nel diventare più abili nella pianificazione e nella gestione delle transizioni tra le diverse fasi educative, formative ed occupazionali; gli universitari (sulla scia del Processo di Bologna) cominciano a confrontarsi seriamente con la materia; per quanto riguarda i disoccupati, molti servizi pubblici per l impiego erogano o affidano ad esterni programmi finalizzati a potenziare le capacità occupazionali degli adulti, al fine di aumentare le loro possibilità di successo in un mercato del lavoro estremamente competitivo. Se diversi sono i termini con cui è possibile riferirsi a tali competenze (life-skills, educazione personale e sociale, apprendimento delle capacità di sviluppo professionale), il contenuto e le modalità di erogazione delle CMS mantengono un elevato grado di convergenza all interno dell UE. Le tematiche principali riguardano i seguenti aspetti: il livello su cui affrontare le diverse tematiche in materia, sulla base dell età e del livello di istruzione del cittadino. Si riscontra una tendenza diffusa, anche se non comune a tutti i Paesi, all ampliamento delle CMS; la necessità di identificare le CMS che rispondano alle specifiche esigenze dei gruppi target a rischio, assegnando agli stessi gruppi target un ruolo importante nella definizione dei programmi di CMS; la necessità di riconoscere le diverse tradizioni curricolari dei vari Paesi. Nell affrontare questo aspetto è necessario tenere conto del possibile rischio, insito in esso, di ostacolare lo sviluppo di un quadro europeo delle CMS; l importanza di un quadro nazionale delle CMS, che definisca conoscenze e abilità di base disponibili per tutti i cittadini, e che consenta una interpretazione flessibile di tale quadro in relazione a contesti specifici; la sfida di integrare le CMS in un contesto educativo. Le opzioni includono la possibilità di avere le CMS come una materia autonoma e programmata; la trasmissione delle stesse attraverso il curriculum; l inserimento delle CMS quale attività extracurricolare o un mix delle suddette strategie; lo sviluppo di pedagogie sperimentali e innovative. È fondamentale che gli educatori vadano oltre le indicazioni puramente didattiche per includere una serie di strategie di apprendimento esperienziale, giochi interattivi di autovalutazione e orientamento alle scelte professionali (career game), risorse informatiche, ecc; la valutazione delle CMS. In alcuni Paesi, l idea di base è che la motivazione degli studenti sia sufficiente per l apprendimento delle CMS e che non vi sia bisogno di valutare tali capacità. In altri Paesi, prevale l idea secondo cui gli studenti abbiano

11 Reserch and Education LIFE DESIGN 11 diritto a un riconoscimento formale dello sviluppo di tali abilità. In una tradizione educativa in cui gli esami svolgono un ruolo chiave, ogni area curricolare che non viene formalmente valutata appare inevitabilmente poco importante nella gerarchia delle conoscenze e di conseguenza anche gli studenti attribuiscono ad essa scarso valore. L utilizzo di modalità innovative di valutazione, quali il portfolio, ha il vantaggio di agevolare e riconoscere l apprendimento, senza necessariamente soffocare le metodologie innovative di insegnamento; le modalità attraverso cui le CMS possono essere trasmesse agli adulti nel contesto dei Servizi pubblici per l impiego, al fine di garantire che la persona disoccupata possa apprendere una serie di abilità volte a potenziare le proprie capacità occupazionali. Gli esempi migliori sono quelli dei job club, in particolare quelli commissionati a service provider vicini ai gruppi target. In tali contesti, un approccio di gruppo può più facilmente favorire l empowerment; la necessità di assicurare che le CMS siano trasmesse partendo non da una prospettiva deficitaria che vede negli utenti esclusivamente delle carenze, quanto piuttosto da una prospettiva di autonomia e responsabilità. È importante considerare gli utenti come persone dotate di determinati punti di forza, e non unicamente di specifiche problematicità. Dati questi elementi, l ELGPN segnala che molti Paesi devono ancora sviluppare una quadro nazionale di CMS; molti altri Paesi devono ancora articolare una politica chiara relativa al collocamento delle CMS all interno del curriculum nazionale; è necessario definire una chiara strategia di formazione per coloro che dovranno erogare le CMS, nonché identificare le risorse necessarie che potranno essere utilizzate in diversi contesti; il programma di sviluppo delle CMS deve prendere in considerazione le esigenze specifiche dei gruppi target a rischio; è necessario lavorare ulteriormente su strategie di valutazione più adeguate; è opportuno lavorare allo sviluppo di un quadro europeo delle CMS. L Italia, da questo punto di vista, segna il passo, soffrendo tutte le criticità indicate. Ampliare l accesso ai servizi (Work Package 2) L ampliamento dell accesso ai servizi di orientamento è un punto all ordine del giorno di numerosi Paesi, inclusi le modalità di ampliamento dell erogazione dei servizi a diversi gruppi target, l uso di strumenti ICT (tecnologie dell informazione e delle comunicazioni) e le modalità di gestione e finanziamento di servizi integrati. Da questa analisi, sono emerse due problematiche principali:

12 12 LIFE DESIGN Research and Education le esigenze di una parte consistente di gruppi target specifici non sono state soddisfatte adeguatamente; i servizi di orientamento continuano ad essere erogati in sedi e con modalità ancora carenti, in pochi momenti del giorno o della settimana e soltanto in alcune fasi del ciclo di vita dell utente, limitando le possibilità di accesso continuo e lungo tutto l arco della vita. A seguito della crisi economica e dei crescenti tassi di disoccupazione, i servizi di orientamento hanno assunto un ruolo chiave. La crisi attuale sottolinea l esigenza di ampliare l accesso ai servizi, con particolare attenzione ai gruppi target (es. giovani in momenti di transizione dei percorsi educativi o nel passaggio dai percorsi formativi al mondo del lavoro; persone che abbandonano precocemente il percorso formativo, giovani e adulti disoccupati e persone che si trovano nel mondo del lavoro in condizioni di svantaggio). Molti paesi hanno identificato nei supporti tecnologici, in particolare nelle piattaforme web e nel telefono, un fattore determinante per lo sviluppo di tali risorse, permettendo ad un numero maggiore di utenti di accedere ai servizi in momenti e sedi e con metodi che si adattano meglio alle loro esigenze. Le moderne tecnologie consentono di erogare servizi attraverso una combinazione di mezzi quali l e-guidance e numeri telefonici dedicati all orientamento, incluso l orientamento in presenza. Le attuali modalità di erogazione dei servizi di orientamento devono essere riprogrammate in termini di efficienza dei costi e modalità di erogazione. Numerosi paesi dispongono di nuove leggi in materia di accesso, erogazione dei servizi e sviluppo di nuovi strumenti e sistemi, tra le quali norme relative ai servizi di counselling come parte delle politiche per l occupazione (Repubblica Ceca), al diritto di tutti i cittadini all orientamento permanente gratuito erogato nei servizi pubblici (Francia), all educazione degli adulti che sostiene l orientamento sul posto di lavoro e la validazione dei processi di apprendimento informali e non formali (Islanda) e alle qualifiche dei consulenti (Francia, Islanda, Polonia). Altri orientamenti in termini di politiche individuano tra le priorità da perseguire l uso più efficace delle ICT nell orientamento (Lituania) e degli strumenti ICT affinché l orientamento diventi parte di una strategia di e-government (Slovacchia). Ulteriori sviluppi significativi includono un nuovo servizio integrato (Francia), l utilizzo di un portale internet e di un servizio telefonico come strumenti di supporto alle scelte occupazionali, nonché un programma di promozione di iniziative di orientamento locali collegate alle strategie di apprendimento locale (Germania), un nuovo servizio per l impiego rivolto agli adulti (Regno Unito) ed un sistema informatico nazionale di informazioni sulle professioni (Turchia). Non ci sono riferimenti al caso italiano. Numerosi sono i punti chiave intorno cui ruota tutta quella che dovrebbe essere l attività necessaria per raggiungere i risultati attesi:

13 Reserch and Education LIFE DESIGN 13 complementarietà della natura dei canali di erogazione. Se da un lato il supporto tecnologico è stato identificato dalla maggior parte dei paesi come un aspetto importante nello sviluppo e nell erogazione dei servizi per l impiego, i servizi in presenza, nella forma di attività individuali o di gruppo, restano una componente essenziale nell erogazione dei servizi di orientamento. Le nuove tecnologie permettono di agevolare e di rendere più economico l accesso ai servizi, creando modalità di erogazione innovative e flessibili, collegate a modalità di accesso individuale e di self-help; sviluppo di servizi integrati. Sviluppare servizi integrati per persone di tutte le età è una nuova sfida, che richiede un ripensamento dei contesti istituzionali e delle competenze professionali, nonché una nuova mentalità e una nuova cultura; diversi livelli di servizio per soddisfare le diverse esigenze individuali. Vi sono persone auto-motivate, capaci di prendere autonomamente e con successo decisioni in merito alla propria carriera, mentre vi sono persone che hanno bisogno di assistenza; APEL (accreditamento di apprendimenti pregressi derivanti dall esperienza) quale metodologia efficace per lo sviluppo dell occupabilità. L accesso ad un orientamento adeguato è necessario per aiutare i cittadini, in particolare quelli con basse competenze e senza un occupazione, ad utilizzare l APEL e quindi a dare valore alle esperienze precedenti di apprendimento; standard nell erogazione. Occorre sviluppare nuovi standard (es. validità, affidabilità, accuratezza, obiettività, comprensibilità, pertinenza ai gruppi target, tempestività) per i servizi che utilizzano le ICT; questioni etiche relative all uso delle ICT nell orientamento, tra cui la qualità della valutazione disponibile su internet; accesso come questione di giustizia sociale. Per raggiungere un equilibrio soddisfacente tra qualità e accesso ai servizi, è necessaria una maggiore comprensione dell efficacia dell orientamento al lavoro, non solo in relazione ai costi, ma anche al raggiungimento di obiettivi di equità sociale. Meccanismi di cooperazione e coordinamento (Work Package 3). In tutti i paesi, l erogazione dei servizi di orientamento avviene in diversi settori ed è coordinata e gestita da diversi Ministeri ed organizzazioni (scuole, istruzione terziaria, servizi pubblici per l impiego, partner sociali, volontariato, settore privato). Uno degli obiettivi fondamentali di tali servizi è quello di aiutare gli individui a muoversi in maniera efficace attraverso i propri percorsi di vita e di carriera. Di conseguenza, le politiche per l orientamento permanente devono coinvolgere autorità e stakeholder diversi. Questa finalità può essere perseguita attraverso l istituzione di un forum nazionale

14 14 LIFE DESIGN Research and Education sull orientamento permanente che unisca tutti gli enti interessati, al fine di sostenere lo sviluppo di nuove politiche e l armonizzazione dei servizi erogati. Per essere riconosciuto, un forum nazionale sull orientamento permanente deve soddisfare i seguenti quattro requisiti: coinvolgere il Governo, o riceverne l accreditamento; essere aperto non solo ad enti governativi, ma anche ad altri stakeholder; includere i settori dell istruzione e dell occupazione; occuparsi dell orientamento per i giovani e per gli adulti. In alcuni casi il forum nazionale può essere sostituito da meccanismi alternativi ed egualmente efficaci. Un forum (o un meccanismo simile) può operare ad uno o più dei seguenti tre livelli: comunicazione, attraverso lo scambio di informazioni e l esplorazione di possibilità di cooperazione e coordinamento; cooperazione tra partner nell ambito delle strutture esistenti. Può trattarsi di attività di natura prevalentemente informale e basate su un accordo di cooperazione in base al quale ciascun partner dispone di poteri decisionali; coordinamento. É probabile che sia necessario disporre di una struttura di coordinamento con poteri operativi e una propria forma di finanziamento (e possibilmente con un contratto o un mandato legale). Garanzia di qualità ed evidenze (Work Package 4). Il WP4 si occupa di collegamenti tra politiche, ricerca e pratiche di orientamento, con particolare enfasi su due aspetti: il ruolo e lo sviluppo della qualità (QA, Quality Assurance) nell orientamento; le evidenze che vengono o potrebbero essere prodotte per spiegare, migliorare e legittimare le attività di orientamento. Il ruolo trasversale dell apprendimento permanente richiede qualità nell erogazione dei servizi e un approccio trasversale alla progettazione del sistema di qualità nell orientamento. Dopo avere esaminato le iniziative politiche e le pratiche più interessanti dei paesi partecipanti in merito alla qualità nell orientamento al lavoro, e a seguito di un analisi delle ricerche compiute per fornire una base empirica allo sviluppo delle politiche, è stata redatta una lista di elementi da includere nel quadro di riferimento sulla qualità (si fa riferimento all esperienza di Scozia, Danimarca, Germania, Inghilterra, Germani; nessuna esperienza significativa è stata registrata in Italia). Il gruppo di esperti della Commissione europea sull orientamento permanente ha definito cinque punti di riferimento comuni per i sistemi di qualità in materia di erogazione dei servizi di orientamento:

15 Reserch and Education LIFE DESIGN 15 Punti di riferimento Coinvolgimento di cittadini e utenti Competenze dell esperto di orientamento Miglioramento dei servizi Conferenza Risultati/impatto: - Risultati di apprendimento - Risultati economici e sul mercato del lavoro - Risultati di inclusione sociale Indicatori selezionati - Disponibilità dell informazione su diritti e servizi - Uso ed implementazione di sistemi di customer reaction - Pubblicazione ed uso di indagini periodiche su customer satisfaction - Standard accettati a livello nazionale e regionale - Sistema di certificazione/accreditamento - Requisiti e disponibilità di formazione - Supervisione richiesta - Comportamento professionale e uso di metodi adeguati - Esistenza e uso obbligatorio dei sistemi di qualità - Standard definiti per l erogazione dei servizi (codice etico, metodologia, rapporto consulente/clienti, circostanze di servizio, risorse finanziarie, procedure amministrative, dispositivi ICT, informazioni aggiornate, informazioni sul mercato del lavoro, erogazione dei servizi per utenti con esigenze speciali, ecc.) - Sviluppo di un piano di azione con i clienti - Documentazione di processi e risultati dei servizi di orientamento - Monitoraggio per valutare il miglioramento e i risultati dei servizi - Esistenza di un servizio per tutte le età e/o cooperazione e coordinamento dei diversi service provider - Accordo sui principi comuni - Miglioramento significativo di conoscenze e competenze, capacità di orientamento al lavoro, livello di fiducia in sé stessi, competenze decisionali, capacità di essere pronti al lavoro, ecc. - Transizione al livello successivo in termini di istruzione/formazione/occupazione - Miglioramento dei tassi di occupazione e riduzione della dispersione scolastica - Buoni risultati in termini di incontro tra domanda/offerta sul mercato del lavoro - Livello e durata della disoccupazione - Miglioramento dell offerta di lavoro in base alla domanda - Efficacia dei costi del servizio L obiettivo non è quello di imporre agli Stati membri un quadro di riferimento prestabilito, bensì incoraggiare un dibattito che conduca ad un maggiore accordo sugli elementi da includere nell approccio alla qualità per l orientamento. I relatori si dicono soddisfatti dei risultati raggiunti nel biennio e sono già lavorano per la fase successiva: Un obiettivo chiave sarà lo sviluppo di strumenti operativi o progetti comuni a supporto dell attuazione delle politiche. A questo scopo si procederà ad un aggiornamento del manuale OCSE/UE 2004 per i policy maker e alla definizione degli elementi e degli strumenti di riferimento comuni esistenti a livello dell UE. L Italia ha fornito un delegato per il Settore Lavoro ma non è stata protagonista dei lavori; pur partecipando al WP1 e al WP3 non ha analizzato le proprie politiche, la sinergia tra i progetti, non ha fatto parte delle riunioni del comitato di pilotaggio ELGPN e alle riunioni plenarie dell ELGPN.

16 16 LIFE DESIGN Research and Education L autovalutazione di Istituto per orientare la scuola dell inclusione verso le priorità per il cambiamento Prof.ssa Lucia Chiappetta Cajola Università degli Studi Roma Tre Settore Scientifico-disciplinare M-Ped/03, Didattica e Pedagogia Speciale Autovalutazione e orientamento per lo sviluppo inclusivo della scuola Lo sviluppo della scuola può essere considerato il processo entro cui si intrecciano valori, emozioni, competenze e azioni, e contemporaneamente pratiche riflessive, di analisi e di autovalutazione in grado di influenzare in modo determinante le esperienze formative sia degli allievi che dei docenti. In questa dimensione di significato, si delinea una prospettiva culturale in cui ognuno è considerato e rispettato, e in cui le decisioni e le pratiche didattiche sono indirizzate a sostenere tutti gli alunni nel loro apprendimento e nella condivisione dei risultati ottenuti. Procedendo nell esplorazione delle culture, delle decisioni sia di politica scolastica sia di prassi didattica, nonché del contesto in cui si opera, possono emergere opportunità anche per la crescita dell inclusione in modo da ridurre le spinte all esclusione determinate dagli ostacoli all apprendimento e alla partecipazione degli alunni (Booth T., Ainscow M., 2002) e di promuovere azioni efficaci per il cambiamento. La promozione dell inclusione implica infatti necessariamente un autovalutazione puntuale e cooperativa che fa riferimento all insieme delle esperienze di tutti coloro che sono coinvolti nell attività scolastica. Al di là delle competenze individuali, si tratta soprattutto di cogliere le modalità per sostenere la scuola e il miglioramento professionale, sostenendo nello stesso tempo anche il coinvolgimento e la motivazione di ciascun allievo. L inclusione di tutte le diversità, definita oggi la pietra angolare delle politiche educative, obbliga a rivedere le modalità e le pratiche della relazione educativa nella scuola, a cominciare dal linguaggio per comunicare, lasciando via via spazi sempre maggiori alle componenti affettive ed emotive, per incoraggiarle e gestirle positivamente. Ma per avere senso ed efficacia tutto ciò deve essere condiviso con il territorio e con la famiglia. Quest ultima in particolare deve dialogare senza barriere pregiudiziali con la scuola poiché la tensione verso una comunità inclusiva impegna tutti e contemporaneamente, come rotta da seguire per realizzare il cambiamento sociale e culturale indispensabile. Una comunità che possa cioè rappresentare una rivincita sul senso di sfiducia verso se stesso e verso l altro che si insinua nei rapporti improntati a fredda verticalità, e che sia invece capace di stimolare una affettività orizzontale, pronta a trasformare in benessere psicofisico le innumerevoli ansie e i sentimenti di inadeguatezza.

17 Reserch and Education LIFE DESIGN 17 Non si tratta soltanto e semplicemente di poter disporre di risorse umane e materiali, quanto piuttosto di promuovere un cambiamento profondo del contesto, in cui siano previsti spazi alle differenze accolte come elemento fondante delle relazioni tra docenti e alunni, tra alunni, tra insegnanti e famiglia (Chiappetta Cajola L., 2008a, p. 31). La diversità diviene, dunque, l elemento culturale dell azione della scuola e comprende in sé i presupposti relativi ai sostegni e alle risorse per svolgere la sua azione, in cooperazione solidale con il territorio e con le politiche scolastiche chiamate ad assumere e sostenere i processi inclusivi. Seguendo questa linea di pensiero appare evidente come non sia possibile ridurre la dimensione inclusiva della scuola al semplice inserimento in presenza degli alunni, siano essi espressione di diversità culturali, di genere o di abilità, oppure ad azioni didattiche basate sulla misurazione di una differenza da colmare. Piuttosto appaiono necessari contesti positivi di apprendimento che riconoscano la necessità della partecipazione di tutti gli alunni e che siano in grado di permettere ad ognuno l acquisizione più ampia possibile degli strumenti per l autonomia e del senso di appartenenza alla propria comunità scolastica. Sviluppare il senso di appartenenza significa sentirsi parte attiva di un gruppo, assumersi delle responsabilità all interno di un sistema condiviso, in cui siano chiari diritti e doveri di ognuno; significa anche dare il proprio contributo rispondendo a richieste possibili e credibili, sviluppare consapevolmente relazioni di aiuto reciproche evitando ogni forma di dipendenza e di assistenzialismo. Il senso dell appartenenza si evidenzia in questo caso anche come protezione dagli imprevisti, come prendersi cura di sé e degli altri, e in definitiva come necessaria prevenzione alla eccessiva sicurezza individuale. La scuola può così diventare un laboratorio vero e proprio di inclusività, socialità, di buone pratiche, in cui ciò che si fa può essere valutato e ripensato per meglio interpretarne i meccanismi, i nodi e gli aspetti più significativi e/o problematici per riorientarli lungo un continuo adattamento reciproco, frutto di una interazione gruppale fatta di condivisione, di attenzione creativa e di convinzioni che vanno accrescendosi. In questa ottica, i problemi del singolo possono essere avvertiti più leggeri e quindi maggiormente sostenibili, ma anche più osservabili. L agire insieme si presenta come un valido aiuto alla vulnerabilità di ciascuno di noi, docente o allievo con o senza disabilità, con conseguente riduzione della frustrazione e della sofferenza. A tale riguardo, il concetto di resilienza aiuta a chiarire la considerazione appena fatta, dal momento che designa l arte di adattarsi a situazioni diverse (condizioni biologiche e socio-psicologiche) e di sviluppare capacità collegate sia a risorse interne (intrapsichiche), sia esterne (ambientali, sociali, affettive), che permettono una buona costruzione psichica e un buon inserimento sociale (Anaut M., 2003). Ciò comporta non soltanto la possibilità di sopravvivere ad un trauma, ma anche di poter costruire una vita improntata al benessere attorno al trauma stesso, senza tuttavia cancellarlo. L arte di adattarsi non implica infatti alcuna cancellazione, ma piuttosto apprendimento a saper procedere, ad andare avanti nella difficoltà stessa, evitando di arenarsi e affinando le proprie capacità nell affrontarla, senza perdersi (pur correndo questo rischio). Ci si trova nel labirinto, ed occorre muoversi lungo il percorso in cui esso si distende,

18 18 LIFE DESIGN Research and Education puntando al centro per poter risolvere il problema e subito dopo cercando la via d uscita per sfuggire alla logica stessa di quella ricerca (Bologna C., 2007). Una scuola inclusiva è una scuola in movimento: l interazione personaambiente per lo sviluppo dei valori inclusivi Senza questa continua interazione tra ambiente (non solo biologico ma anche sociale) e persona e la loro storia, non sarebbe possibile operare verso la consapevolezza della propria identità. L ambiente è infatti parte integrante dell essere, e in qualche modo anche responsabile, e viceversa: siamo contemporaneamente entrambi, essere e ambiente. Ecco perché più che l essere dovremmo considerare l esserci. Gli ambienti in cui la scuola è immersa sono più ricchi di stimoli culturali, ma anche più contraddittori. Oggi l apprendimento scolastico è solo una delle tante esperienze di formazione che i bambini e gli adolescenti vivono e per acquisire competenze specifiche spesso non vi è bisogno dei contesti scolastici. Ma proprio per questo la scuola non può abdicare al compito di promuovere la capacità degli studenti di dare senso alla varietà delle loro esperienze, al fine di ridurre la frammentazione e il carattere episodico che rischiano di caratterizzare la vita dei bambini e degli adolescenti ( ) Le finalità della scuola devono essere definite a partire dalla persona che apprende, con l originalità del suo percorso individuale e le aperture offerte dalla rete di relazioni che la legano alla famiglia e agli ambiti sociali. La definizione e la realizzazione delle strategie educative e didattiche devono sempre tener conto della singolarità e complessità di ogni persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, capacità e delle sue fragilità, nelle varie fasi di sviluppo e di formazione. Lo studente è posto al centro dell azione educativa in tutti i suoi aspetti: cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, estetici, etici, spirituali, religiosi. In questa prospettiva, i docenti dovranno pensare e realizzare i loro progetti educativi e didattici non per individui astratti, ma per persone che vivono qui e ora, che sollevano precise domande esistenziali, che vanno alla ricerca di orizzonti di significato (Lutte G., 1984, p. 45). L ambiente scolastico è certamente uno spazio fertile dove promuovere la crescita sia delle persone sia della comunità educativa in cui i saperi si coniugano con il sentire, con la mediazione dell esperienza affettiva, con una organizzazione della didattica in grado di realizzare le condizioni che aiutino a crescere, a ricordare ciò che si è appreso e non a dimenticarlo. Assimilare la conoscenza e ricordare passa anche attraverso la sfera affettivo-relazionale. Si tratta infatti di un processo che mettiamo in atto per attualizzare il sapere, per renderlo operativo e gli educatori possono facilitare questa operazione attraverso una attenzione e un allenamento alla consapevolezza costanti che aprono a tante opportunità. Farsi attenti non come un obbligo astratto, ma come processo di conoscenza e di connessione all ambiente che ci circonda; è il modo che ci predispone alla relazione con l allievo, nella quale diamo e riceviamo. In questo senso, farsi attenti non è una qualità che possiede l insegnante, quanto piuttosto una risorsa cui attinge per mettere in atto le strategie necessarie.

19 Reserch and Education LIFE DESIGN 19 Partire e agire dal e sull ambiente, e quindi inevitabilmente su chi lo abita e frequenta e chi l osserva, implica che nessuno è escluso e che l insegnamento si integra non solo con l esperire degli allievi, ma anche con gli spazi, le classi e gli uffici, come pure i differenti ruoli coinvolgendoli tutti nel cambiamento. In questo senso, inclusione è sia ciò che avviene quando ognuno sente di essere apprezzato e che la sua partecipazione è gradita, sia che il peso dell handicap si sta spostando dall individuo all ambiente. Inclusione implica il cambiamento: è un percorso verso la crescita illimitata degli apprendimenti e della partecipazione di tutti gli alunni, un ideale cui le scuole possono aspirare ma che non potrà mai realizzarsi compiutamente. Tuttavia l inclusione comincia a realizzarsi non appena ha inizio il processo per la crescita della partecipazione. Una scuola inclusiva è una scuola in movimento (Booth, Ainscow, 2008, p.110). L Index per l inclusione: orientare l ambiente scolastico verso valori inclusivi In relazione a quanto abbiamo affermato nei paragrafi precedenti, appare di fondamentale importanza che la scuola disponga e impieghi strumenti che le permettano di ottenere un buon grado di controllo sul proprio sviluppo in senso inclusivo, analizzando ciò che fanno e autovalutandone gli effetti, e individuando le priorità per il cambiamento per poi realizzarle in pratica. Uno strumento innovativo ed efficace, a tale riguardo, è l Index for inclusion di Tony Booth e di Mel Ainscow per il Centre for Studies on Inclusive Education (CSIE) in Gran Bretagna, che opportunamente utilizzato è proprio un modo per migliorare l ambiente scolastico sulla base di valori inclusivi. Ed è un miglioramento da perseguire se si vuole evitare il rischio di parlare della persona disabile identificandola con un prototipo privo di contesto e quindi privato delle sue armi di difesa. In realtà è necessario storicizzare la persona e l ambiente dove questa vive per non escluderla dalla propria storia e per poterle permettere di riconoscersi e riconsiderare il proprio vissuto alla luce di una diversa consapevolezza. Questa operazione aiuta a credere nelle risorse presenti nell ambiente e in quelle della comunità che lo abita e lo vive, aiutando a ricercarle dentro di sé soprattutto in presenza di situazioni di difficoltà. A distanza di oltre dieci anni dalla sua formulazione e dalla sua diffusione in molte nazioni, l Index costituisce una delle più efficaci testimonianze di un percorso inclusivo. Si tratta di uno studio che mette in discussione l ambiente, il contesto, verificando passo dopo passo, la rimozione di ogni ostacolo alla inclusione di tutti. Ed è proprio questo ampliamento di prospettiva consentito dalla ricollocazione dei bisogni del singolo nel quadro più ampio della pluralità delle differenze nel contesto scolastico, che rappresenta l aspetto più interessante dell Index, e nello stesso tempo più problematicamente aperto al dibattito scientifico internazionale. Con la netta vocazione ad un graduale superamento della prospettiva dell integrazione a favore di una più ampia concezione inclusiva per realizzare un effettivo cambiamento

20 20 LIFE DESIGN Research and Education che investa gli aspetti culturali, organizzativi e didattici nella scuola, il percorso che l Index invita a fare è quello, per un verso, di pensare e parlare delle differenze evitando di uniformarle o di chiuderle precocemente in codici linguistici e sigle che rischiano spesso di diventare autoreferenziali; per l altro, di sviluppare una professionalità docente in grado di osservare, conoscere e comprendere pienamente la complessità degli alunni e dei loro bisogni e di considerarli portatori veri e propri di risorse. Se dunque l inclusione riguarda tutti gli alunni, e non soltanto quelli con deficit o con difficoltà, e prende in carico l insieme delle differenze nell intento di valorizzare tutte le potenzialità, la sfida che essa pone, e che echeggia anche nelle pagine dell Index, implica dunque non semplicemente fare posto alle differenze - in nome di un astratto principio di tolleranza delle diversità - ma piuttosto affermarle, metterle al centro dell azione educativa in quanto nucleo generativo dei processi vitali che si sviluppano proprio attraverso lo scarto di prospettiva derivante dalle molteplici differenze di cultura, abilità, genere e sensibilità che attraversano il contesto scolastico (Dovigo F., 2008). Da un lato si agisce sulla persona disabile perché possa avere maggiori spazi di vivibilità e di attenzione nella comunità dove vive, dall altro, quando si parla appunto di inclusione, si agisce sull ambiente per rimuovere tutti quegli ostacoli (non solo architettonici o tecnologici) che non lo rendono fino in fondo praticabile da chi è in difficoltà. Quando facciamo riferimento all inclusione, e qui l Index è chiaro, intendiamo soprattutto un ambiente inclusivo, una società equa, pacifica, democratica, solidale che agisce rimuovendo in continuazione gli ostacoli che ne limitano la fruibilità. Il concetto chiave per eccellenza è proprio questo della rimozione degli ostacoli all apprendimento, a cui fa seguito l analisi delle risorse e il sostegno alle diversità. La lunga serie degli indicatori, tracciati sulle dinamiche dell inclusione, sono un materiale plastico e adattabile alle diverse soluzioni. Non dunque essi stessi la soluzione, ma un orientamento verso una sostenibilità maggiore del nostro vivere sociale. L Index for Inclusion: uno sguardo d insieme L Index for inclusion: developing learning and participation in schools è una proposta nata dopo tre anni di studi e ricerche, per lo sviluppo inclusivo della scuola che sviluppa a livello teorico le motivazioni, le possibilità e gli sviluppi dell approccio inclusivo e offre agli interessati anche utili materiali operativi (indicatori, questionari e schede) per la rilevazione del livello di inclusione promosso nei singoli contesti scolastici. Si tratta di un approfondito lavoro di ricerca che ha coinvolto insegnanti, genitori, amministratori e rappresentanti delle organizzazioni delle persone con disabilità, tutti con un ampia esperienza rispetto ai temi dell educazione inclusiva. La versione iniziale è stata testata in sei scuole primarie e secondarie del Regno Unito; una versione rivista è stata poi valutata attraverso un programma dettagliato di ricerca-azione svolto in diciassette scuole appartenenti a quattro differenti Local Education Autority -LEA-, gli Enti locali che in Gran Bretagna costituiscono il punto di riferimento per le politiche educative e che godono di un ampia autonomia rispetto all investimento delle risorse e all assunzione del personale scolastico.

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA

10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA 1 10 PROPOSTE IN FAVORE DELL EDUCAZIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE IN EUROPA MEMORANDUM SULL EASS L' Educazione all Ambientale e allo Sviluppo Sostenibile, una necessità! L'Educazione Ambientale

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli