REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE. del 30.9.2015"

Transcript

1 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, C(2015) 6588 fnal REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE del che modfca l regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone per quanto rguarda l calcolo de requst patrmonal obblgator per dverse categore d attvtà detenute dalle mprese d asscurazone e d rasscurazone (Testo rlevante a fn del SEE) IT IT

2 RELAZIONE 1. CONTESTO DELL'ATTO DELEGATO Solvbltà II 1 è l moderno quadro prudenzale per l'asscurazone e la rasscurazone che sarà penamente applcable dal 1º gennao Il presente regolamento modfca le norme d attuazone d solvbltà II, che sono state fssate dalla Commssone con l regolamento delegato (UE) 2015/35, del 10 ottobre (atto delegato d solvbltà II). L'atto delegato d solvbltà II, che è l fulcro del codce unco sulle asscurazon nell'unone, specfca parametr della formula standard per l calcolo del requsto patrmonale d solvbltà, comprese le calbrazon specfche per fattor d rscho da applcare a dvers tp d nvestment delle mprese d asscurazone. La presente modfca dell'atto delegato d solvbltà II ntroduce trattament mrat per gl nvestment delle mprese d asscurazone nelle nfrastrutture, ne fond d nvestmento europe a lungo termne e negl strument d captale negozat attraverso pattaforme multlateral d negozazone. Inoltre, essa charsce ed estende l'ambto d applcazone della msura transtora per gl nvestment n strument d captale. Il pano d nvestment per l'europa, annuncato nel novembre 2014, verte sulla rmozone degl ostacol agl nvestment, sulla necesstà d dare vsbltà e assstenza tecnca a progett d nvestmento e su un uso pù ntellgente delle rsorse fnanzare esstent e nuove. Per consegure quest obettv l pano prevede ntervent n tre ambt: 1) mobltare nvestment per almeno 315 mlard d EUR n tre ann; 2) sostenere gl nvestment nell'economa reale; 3) creare un ambente favorevole agl nvestment. In lnea con l'obettvo d creare un ambente favorevole agl nvestment, la Commssone mra a creare un'unone de mercat de captal ben regolamentata e ntegrata, che ncluda tutt gl Stat membr, al fne d massmzzare benefc che mercat de captal e le sttuzon fnanzare non bancare possono offrre all'economa. L'Unone de mercat de captal mra anche a lberare l captale presente n Europa, attualmente congelato, e a metterlo al servzo dell'economa. In questo contesto è mportante asscurare che fond dsponbl arrvno laddove sono pù necessar e che sano rmoss gl specfc ostacol al fnanzamento d progett d nvestmento a lungo termne. Gl nvestment sttuzonal delle mprese d asscurazone, n quanto nvesttor a lungo termne, hanno un ruolo fondamentale, dato che le mprese d asscurazone sono grand nvesttor sttuzonal che gestscono crca mlard d EUR d attvtà. La presente nzatva consentrà d rorentare parte d queste rsorse verso gl nvestment nfrastruttural, asscurando che l contesto normatvo non cre ostacol ngustfcat a questo tpo d nvestment. La Commssone, che ha gà adottato mportant provvedment per rmuovere gl ostacol agl nvestment a lungo termne nel quadro d solvbltà II e dell'atto delegato d solvbltà II, ntende consentre alle mprese d asscurazone d nvestre d pù n attvtà a lungo termne elmnando le restrzon nazonal alla composzone del loro portafoglo d attvtà. Tuttava, le norme d attuazone d solvbltà II non tengono ancora conto della natura specfca d 1 2 Drettva 2009/138/CE del Parlamento europeo e del Consglo, del 25 novembre 2009, n matera d accesso ed eserczo delle attvtà d asscurazone e d rasscurazone (solvbltà II) (GU L 335 del , pag. 1), come modfcata dalle drettve 2011/89/CE, 2012/23/UE, 2013/23/CE, 2013/58/UE e 2014/51/UE. Regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone, del 10 ottobre 2014, che ntegra la drettva 2009/138/CE del Parlamento europeo e del Consglo n matera d accesso ed eserczo delle attvtà d asscurazone e d rasscurazone (solvbltà II) (GU L 12 del , pag. 1). IT 2 IT

3 alcun nvestment a lungo termne. Consderato l'obettvo del pano d nvestment d rmuovere gl ostacol agl nvestment nell'economa reale, è apparso essenzale ntervenre per affnare requst quanttatv per gl nvestment nfrastruttural, al fne d asscurare che solvbltà II non mponga requst patrmonal nadeguat o puntv. Un trattamento pù mrato degl nvestment n progett nfrastruttural nella formula standard d solvbltà II era stato gà ndvduato come aspetto prortaro nella drettva "omnbus II" 3. Al momento dell'adozone dell'atto delegato d solvbltà II non era dsponble un parere tecnco su cu basare una nuova classe d attvtà nfrastruttural. L'Autortà europea delle asscurazon e delle penson azendal e professonal (EIOPA), nella sua relazone tecnca sulla defnzone e la calbrazone della formula standard per talun nvestment a lungo termne, aveva tuttava effettuato un'anals nzale del proflo d rscho de progett nfrastruttural, da cu erano emers alcun dat promettent, che s è potuto utlzzare come base per gl ulteror lavor. Da allora è stato pertanto effettuato un lavoro sgnfcatvo sul rscho d tal nvestment e la Commssone ha chesto l parere tecnco dell'eiopa, l che sgnfca che è ora possble procedere con le modfche legslatve n matera. Il presente regolamento vene adottato poco dopo l'adozone del parere tecnco dell'eiopa, al fne d asscurare che le norme modfcate possano entrare n vgore l prma possble, n partcolare n consderazone del fatto che l quadro solvbltà II dverrà penamente applcable a decorrere dal 1º gennao Inoltre, solvbltà II dovrebbe tenere debtamente conto d altre nzatve europee volte a mglorare le opportuntà d nvestmento a lungo termne e l'effcenza de mercat de captal. Pertanto, l quadro dovrebbe essere aggornato a seguto dell'adozone del regolamento su fond d nvestmento europe a lungo termne 4, che contrburà a rmuovere gl ostacol agl nvestment a lungo termne. Inoltre, alla luce della recente revsone delle norme n matera 5, è opportuno tenere conto della scurezza e dell'mportanza accrescute de sstem multlateral d negozazone (MTF), concedendo loro lo stesso status de mercat regolamentat. È anche mportante asscurare che le msure transtore d solvbltà II sano penamente effcac nel prevenre perturbazon delle attual stratege d nvestmento e consentano un'ntroduzone graduale delle nuove norme n matera d requst patrmonal, n partcolare, per gl nvestment n strument d captale. Il presente regolamento ntende pertanto charre e amplare l'ambto d applcazone della msura transtora sugl nvestment n strument d captale. Inoltre, l presente regolamento modfca e rettfca alcun error redazonal present nell'atto delegato d solvbltà II Consderando 60 della drettva 2015/51/UE del Parlamento europeo e del Consglo, del 16 aprle 2014, che modfca le drettve 2003/71/CE e 2009/138/CE e regolament (CE) n. 1060/2009, (UE) n. 1094/2010 e (UE) n. 1095/2010 per quanto rguarda poter dell'autortà europea d vglanza (Autortà europea delle asscurazon e delle penson azendal e professonal) e dell'autortà europea d vglanza (Autortà europea degl strument fnanzar e de mercat) (GU L 153 del , pag. 1). Regolamento (UE) 2015/760, del 29 aprle 2015, relatvo a fond d nvestmento europe a lungo termne (GU L 123 del , pag. 98). Regolamento (UE) n. 600/2014 del Parlamento europeo e del Consglo, del 15 maggo 2014, su mercat degl strument fnanzar e che modfca l regolamento (UE) n. 648/2012, (GU L 173, , pag. 84), e la drettva 2014/65/UE del Parlamento europeo e del Consglo, del 15 maggo 2014, relatva a mercat degl strument fnanzar e che modfca la drettva 2002/92/CE e la drettva 2011/61/UE, (GU L 173, del , pag. 349). IT 3 IT

4 1.2 Contesto gurdco Le sostanzal modfche ntrodotte dal presente regolamento all'atto delegato d solvbltà II per quanto rguarda l trattamento degl nvestment nfrastruttural, de fond d nvestmento europe a lungo termne e degl strument d captale negozat ne sstem multlateral d negozazone s basano sull'artcolo 111, paragrafo 1, lettere b) e c), della drettva solvbltà II. La modfca dell'ambto d applcazone della msura transtora sugl strument d captale s basa sull'artcolo 308 ter, paragrafo 13, della drettva solvbltà II. Le modfche mrant a rettfcare error redazonal d leve enttà nell'atto delegato d solvbltà II sono basate sull'artcolo 31, paragrafo 4, sull'artcolo 75, paragraf 2 e 3, sull'artcolo 92, paragrafo 1 bs, e sull'artcolo 111, paragrafo 1, lettere b), c) e m). 2. CONSULTAZIONI PRECEDENTI L'ADOZIONE DELL'ATTO Per quanto rguarda le modfche relatve alle nfrastrutture, la Commssone ha chesto all'eiopa un parere tecnco sull'opportuntà e sul modo adeguato d modfcare la formula standard d solvbltà II per l calcolo del requsto patrmonale d solvbltà. L'EIOPA ha condotto una consultazone pubblca sul progetto d parere tecnco tra l 2 luglo 2015 e l 9 agosto 2015, e ha adottato l propro parere tecnco fnale l 29 settembre Dcannove portator d nteress hanno rsposto alla consultazone pubblca, tra cu assocazon d mprese d asscurazone, ntermedar su mercat de captal, nvesttor, contraent e sngole mprese. I partecpant hanno nel complesso valutato postvamente l'nzatva, sottolneando, però, che alcun crter dettaglat potrebbero lmtare gravemente la portata de progett nfrastruttural ammess e che l fabbsogno d captale per obblgazon e prestt potrebbe essere ulterormente rdotto. Nel suo parere tecnco fnale l'eiopa ha dato rscontro a tal osservazon, n partcolare ntroducendo modfche all'elenco de crter. Per quanto rguarda tutt gl aspett dscplnat dal presente atto, l gruppo d espert sull'attvtà bancara, pagament e le asscurazon (formazone asscurazone), che runsce espert degl Stat membr, con l Parlamento europeo n qualtà d osservatore, è stato consultato nel corso delle runon del 5 marzo 2015 e del 14 luglo 2015, nonché per scrtto tra l 10 agosto 2015 e l 21 agosto La modfca relatva a fond d nvestmento europe a lungo termne è stata noltre dscussa al Parlamento europeo, nella runone della commssone ECON del 26 maggo I deputat al Parlamento europeo hanno sollectato una rapda adozone del presente atto. L'11 novembre 2014 nell'ambto d uno scambo d opnon sull'atto delegato d solvbltà II, membr della commssone ECON hanno sottolneato che sarebbe auspcable prosegure lavor sulla prevsone d una categora dstnta d attvtà per gl nvestment n progett nfrastruttural, con fattor d rscho nferor. L'elenco degl error tpografc e redazonal d leve enttà rettfcat dal presente regolamento è stato elaborato tenendo conto delle segnalazon d tutt portator d nteress (assocazon del settore asscuratvo, autortà nazonal d vglanza ed EIOPA). 3. VALUTAZIONE D'IMPATTO La modfca che ntroduce una dstnta classe d attvtà per gl nvestment nfrastruttural fa seguto ad una rchesta d parere rvolta all'eiopa, la quale ha analzzato dat dsponbl e condotto una consultazone pubblca prma d emettere l propro parere, come llustrato n precedenza. IT 4 IT

5 Obettvo del presente regolamento è ncoraggare gl nvestment delle mprese d asscurazone n un'ampa gamma d progett nfrastruttural scur, compres progett, sstem e ret nnovatv. Pertanto, la nuova classe d attvtà nfrastruttural non è un elenco d aree d attvtà o d settor economc, ma è defnta sulla base d un parere dell'eiopa. Nel suo parere l'eiopa defnsce la nuova classe d attvtà sulla base d una sere d crter tecnc che asscurano che gl nvestment ammssbl presentno un proflo d rscho mglore rspetto ad altr nvestment n strument d captale o debto. Ed è solo per gl nvestment che soddsfano dett crter che fattor d rscho prudenzal vengono rdott. La soldtà prudenzale dell'nzatva è pertanto asscurata. La defnzone della nuova classe d attvtà nella presente modfca è n lnea con l parere dell'eiopa, senza sostanzal dvergenze. I crter d base che defnscono la classe d attvtà comprendono requst che asscurano l'esstenza d un soldo pano azendale e l controllo degl nvesttor e che s concentrano sulla prevedbltà de fluss fnanzar, la stabltà n condzon d stress e un quadro contrattuale che garantsca la tutela degl nvesttor. La nuova classe d attvtà comprende, oltre agl nvestment n strument d captale, anche debto d categora "nvestmento" (nvestment grade) o prvo d ratng. Il debto d categora speculatva (non-nvestment grade) è escluso per motv prudenzal. La categora ammssble s lmta agl nvestment n socetà vecolo che possedono, fnanzano, svluppano o gestscono attvtà nfrastruttural che fornscono o sostengono servz pubblc essenzal. Questo modello d nvestmento, che è prass comune nel fnanzamento delle nfrastrutture, non s estende agl nvestment delle mprese n mprese operant nelle nfrastrutture, che non sono state prese n consderazone nel parere dell'eiopa. La Commssone esamnerà se possano essere fssat crter d ammssbltà per strutture socetare che svolgono funzon analoghe alle enttà responsabl de progett nfrastruttural e l cu proflo d rscho potrebbe, d conseguenza, mertare una rduzone analoga de requst patrmonal, con l'obettvo d ncludere n futuro tal esposzon nella classe delle attvtà nfrastruttural. Gl nvestment nfrastruttural ammssbl sono defnt sulla base d un nseme d crter d alto lvello. Nell'ambto della presente modfca non vengono fornt orentament pù dettaglat sulla verfca de crter, dato che spetterà alle mprese d asscurazone e rasscurazone svolgere la dovuta dlgenza e asscurare l rspetto de crter. I crter che avrebbero potuto causare l'esclusone non ntenzonale d progett nfrastruttural pù scur sono stat modfcat. D seguto s rporta una quadro dettaglato delle modfche: n lnea con l parere dell'eiopa, l presente regolamento stablsce che progett nfrastruttural ammssbl per la nuova classe d attvtà debbano generare fluss d cassa prevedbl e prevede un elenco dettaglato d condzon da rspettare n relazone alle entrate del progetto affnché l crtero sa soddsfatto. Tuttava, l parere dell'eiopa lmtava le part che acqustano ben o servz fornt dal progetto nfrastrutturale a govern e alle enttà d categora "nvestmento". I portator d nteress hanno evdenzato che questa condzone sarebbe napproprata ne cas n cu vengono fornt servz a enttà che potrebbero essere faclmente sosttute. D conseguenza, e tenendo presente l'obettvo generale d rdurre l'affdamento a ratng del credto estern, l crtero è stato esteso a tal cas; secondo l parere dell'eiopa, progett nfrastruttural dovrebbero dsporre d un fondo d rserva. I portator d nteress hanno evdenzato che questo requsto non è necessaramente n lnea con la prass del settore, ad esempo ne cas n cu requst de fnanzament d emergenza sarebbero gà pres n consderazone con l'ntroduzone d margn d prudenza nella stma de cost del progetto. D IT 5 IT

6 conseguenza, questo crtero è stato modfcato per rendere ammssbl altr dspostv fnanzar per la copertura de fnanzament d emergenza; n assenza d una valutazone esterna emessa da un'agenza esterna d valutazone del merto d credto prescelta (ECAI) 6 per un nvestmento nfrastrutturale ammssble, s applcano crter agguntv per asscurare che l'nvestmento sa soggetto a rsch lmtat. Tal crter dovrebbero garantre che l progetto nfrastrutturale preveda una gestone professonale del progetto nella fase d costruzone, asscur un'adeguata attenuazone de rsch d costruzone, lmt l rscho tecnologco e d rfnanzamento e vet che l'enttà responsable del progetto assuma poszon speculatve su dervat. Secondo l parere dell'eiopa, gl nvestment ammssbl prv d ratng dovrebbero essere stuat ne paes del SEE e dell'ocse ed essere soggett ad una valutazone della stabltà del contesto poltco e gurdco de paes nteressat. Tale valutazone non è stata rtenuta obettva né necessara; secondo l parere dell'eiopa, gl nvesttor n strument d captale che agscono da promotor del progetto nfrastrutturale dovrebbero dsporre d un'adeguata esperenza gestonale e fornre soldtà fnanzara. I portator d nteress hanno evdenzato che tale crtero lmterebbe ndebtamente l'ambto della classe d attvtà, ad esempo ne cas n cu uno degl nvesttore n strument d captale sa dotato d una sgnfcatva esperenza nella tecnologa e nella costruzone, mentre un altro nvesttore n strument d captale fornsca la necessara soldtà fnanzara. Per asscurare che tal progett non sano ndebtamente esclus, questo crtero è stato modfcato per consentre ad un gruppo d nvesttor n strument d captale d soddsfare collettvamente tale crtero. Per quanto rguarda la calbrazone degl nvestment n forma d strument d captale n nfrastrutture ammssbl, l'eiopa ha proposto un ntervallo del Il lmte nferore dell'ntervallo è calbrato n base a dat relatv alle mprese che realzzano progett nel quadro d nzatve d fnanzamento prvato (ad esempo partenarato pubblco/prvato), rtenut alquanto pertnent per la classe delle attvtà nfrastruttural ammssbl defnta da crter. Per gl nvestment n forma d debto, l'eiopa ha utlzzato dat che dmostrano che tass d recupero degl nvestment nfrastruttural sono sgnfcatvamente pù elevat rspetto ad altr nvestment delle mprese. Sulla base d tal element, l'eiopa ha consglato una calbrazone della parte relatva al rscho d credto del debto nfrastrutturale. L'EIOPA ha noltre analzzato la parte relatva alla lqudtà dello spread e ha evdenzato un rscho d lqudtà nferore se l'nvestmento nfrastrutturale è mantenuto fno alla scadenza. La calbrazone dell'nvestmento n nfrastrutture n forma d debto adottata nel presente atto s basa su una combnazone d metod che runsce due approcc svluppat dall'eiopa. Per quanto concerne la gestone del rscho, l'eiopa s basa su requst stablt n solvbltà II, ma aggunge dsposzon n matera d dovuta dlgenza e d montoraggo de rsultat, che sono specfche per le attvtà nfrastruttural. Questo approcco, che appare adeguato alla luce dell'obettvo complessvo delle modfche, ha trovato rscontro nel presente regolamento. Per quanto rguarda la classfcazone de fond d nvestmento europe a lungo termne tra gl strument d captale d tpo 1, s può rtenere che la relazone sulla valutazone d'mpatto per l regolamento (UE) 2015/35 copra la presente modfca a fond d nvestmento europe a lungo termne. La valutazone analzza nello specfco l trattamento degl nvestment delle mprese d asscurazone ne fond europe per l venture captal, ne fond europe per l'mprendtora socale e ne fond d nvestmento europe a lungo termne (anche se all'epoca 6 A sens dell'artcolo 13, punto 40), della drettva 2009/138/CE. IT 6 IT

7 l progetto d regolamento 7 che sttusce un quadro per quest ultm non era ancora stato adottato). La modfca volta a charre l'applcazone della msura per la progressva ntroduzone de requst patrmonal d solvbltà II per gl strument d captale acqustat prma del 1º gennao 2016, per quanto rguarda gl strument d captale detenut n fond gestt, rsponde alle osservazon mosse da portator d nteress, che hanno evdenzato la mancanza d charezza sull'applcazone della msura transtora quando non è possble applcare l metodo look-through al fondo. Era necessaro charre l'applcazone molto prma della fne del L'estensone della msura transtora agl strument d captale d tpo 2 è una msura che mpedrà la svendta destablzzante d strument d captale non quotat n vsta dell'applcazone d solvbltà II a decorrere dal 1º gennao La modfca relatva a sstem multlateral d negozazone rappresenta un semplce allneamento d solvbltà II alla normatva europea recentemente adottata (drettva 2014/65/UE, regolamento (UE) n. 600/2014) e pertanto non è necessara una valutazone d'mpatto. Per asscurare che la formula standard contnu a essere conforme a requst d cu all'artcolo 101, paragraf 2 e 3, della drettva 2009/138/CE su base contnuatva, la Commssone resamnerà metod, le potes e parametr standard utlzzat nel calcolo del requsto patrmonale d solvbltà con la formula standard nell'atto delegato d solvbltà II, ncluse le modfche ntrodotte dal presente regolamento Anals de cost e de benefc I cost e benefc della prevsone d class d attvtà pù dettaglate, qual nfrastrutture e fond d nvestmento europe a lungo termne, sono stat analzzat nella relazone sulla valutazone d'mpatto per l regolamento (UE) 2015/35. I cost delle scelte effettuate dalla Commssone descrtt nella relazone dervano essenzalmente dagl obblgh d segnalazone e d trasparenza. Il presente regolamento non ntervene su tal aspett. I benefc, nvece, rguardano sa le mprese d asscurazone (la maggore sensbltà al rscho de requst patrmonal sgnfca una pù attenta gestone de rsch e una maggore capactà d nvestre n nvestment che garantscono rendment stabl) che la socetà nel suo complesso (maggor nvestment n settor che promuovono la crescta, n partcolare le nfrastrutture e le PMI). S rtene che quest benefc sano notevolmente superor a cost. Non v è alcuna ncdenza sul blanco dell'ue. 3.2 Proporzonaltà Conformemente al prncpo d cu all'artcolo 29, paragrafo 4, della drettva solvbltà II, l'esgenza d proporzonaltà è presa n debta consderazone n tutto l regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone, che prevede numerose semplfcazon de requst quanttatv d calcolo, se gustfcate dalla natura, dalla portata e dalla complesstà de rsch cu sono espost. Cò s rflette anche nelle modfche specfche de fond d nvestmento europe a lungo termne e della msura transtora sugl strument d captale ntrodotte dal presente regolamento. 7 8 Regolamento (UE) 2015/760, del 29 aprle 2015, relatvo a fond d nvestmento europe a lungo termne. Consderando 150 dell'atto delegato d solvbltà II. IT 7 IT

8 In lnea d prncpo, gl nvestment delle mprese d asscurazone detenut attraverso un fondo sono soggett al "metodo look-through", n base al quale requst patrmonal sono calcolat per cascuna attvtà sottostante del fondo come se fossero detenut drettamente. Se non è possble applcare l metodo look-through, le esposzon verso fond sono soggette a trattament pù oneros (strument d captale d tpo 2). Tuttava, per motv d proporzonaltà e d effcaca del fattore d rscho rdotto applcable a fond d nvestmento europe a lungo termne, l presente regolamento stablsce che le mprese d asscurazone mantengano benefc del trattamento degl strument d captale d tpo 1, anche se non è possble applcare l metodo look-through ad un determnato fondo d nvestmento europeo a lungo termne. Analogamente, l presente regolamento prevede una soluzone per applcare la msura transtora sul fabbsogno d captale propro, quando gl strument d captale sono detenut attraverso un fondo e qualora fosse troppo costoso rsalre alla data dell'acqusto. La nuova classe d attvtà nfrastruttural prevede un calcolo specfco rdotto che mra a coglere precsamente la natura, la portata e la complesstà delle esposzon e a rspettare qund l prncpo d proporzonaltà. La modfca relatva alle pattaforme multlateral d negozazone non aumenta la complesstà del quadro, poché assegna semplcemente tal esposzon ad un'altra classe d attvtà esstente nella formula standard d solvbltà II. 3.3 Sussdaretà Obettvo del presente regolamento delegato è ntrodurre una nuova classe d attvtà mrata per progett d nvestmento, per agevolare e favorre gl nvestment delle mprese d asscurazone n tal attvtà. Gl Stat membr non possono adottare autonomamente tal msure per ncoraggare le mprese d asscurazone a nvestre n progett nfrastruttural, dato che l calcolo e parametr del requsto patrmonale d solvbltà sono stat penamente armonzzat medante la drettva solvbltà II e l relatvo atto delegato. Il presente regolamento, che ntegra tale quadro, rspettando allo stesso tempo l prncpo d proporzonaltà come ndcato sopra, rspetta pertanto l prncpo d sussdaretà. 4. ELEMENTI GIURIDICI DELL'ATTO DELEGATO 4.1 Artcolo Modfche rguardant l trattamento degl nvestment nfrastruttural ammssbl Il presente regolamento ntroduce l concetto d "nvestment nfrastruttural ammssbl", che benefcano d un trattamento specfco. Una defnzone generale d enttà responsable del progetto nfrastrutturale è ntrodotta n prmo luogo nell'artcolo 1 del regolamento (UE) 2015/35 della Commssone, e s concentra sulle socetà vecolo che nvestono n strutture fsche o mpant, sstem e ret che fornscono o sostengono servz pubblc essenzal. È nserto un nuovo artcolo 164 bs che specfca le caratterstche degl "nvestment nfrastruttural ammssbl". L'elenco de crter d ammssbltà mra ad asscurare l'ammssbltà d progett scur, senza essere troppo restrttvo. Il presente regolamento ntroduce un trattamento specfco nel requsto patrmonale d solvbltà per gl "nvestment nfrastruttural ammssbl" n forma d strument d captale. L'artcolo 168 è modfcato per stablre un requsto patrmonale dstnto per gl strument d IT 8 IT

9 captale n nfrastrutture ammssbl, che va ad aggungers al requsto patrmonale per gl strument d captale d tpo 2. L'artcolo 169 è modfcato per fssare la calbrazone ad un calo del 30 del valore degl nvestment nfrastruttural ammssbl. Il presente regolamento ntroduce noltre un trattamento specfco nel requsto patrmonale d solvbltà per gl "nvestment nfrastruttural ammssbl" n forma d obblgazon e prestt. L'artcolo 180 del regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone è modfcato per attrbure a tal nvestment una calbrazone specfca, n funzone della valutazone del merto d credto del progetto nfrastrutturale. Gl nvestment n obblgazon o prestt n progett nfrastruttural con merto d credto d classe nferore a 3 non benefcano della calbrazone adattata e, qualora non fosse dsponble una valutazone del merto d credto da parte d un'ecai prescelta, dovrebbe essere applcato un fattore d rscho equvalente alla classe d merto d credto 3. Il fabbsogno d captale propro rentra nell'ntervallo fornto da un'anals basata su prezz d un panere d pertnent strument d captale quotat. I fattor d rscho applcabl alle obblgazon e a prestt dervano da due aggustament presentat nel parere dell'eiopa, che tengono conto, n prmo luogo, del fatto che l debto connesso a progett nfrastruttural è caratterzzato da elevat tass d recupero e, n secondo luogo, che v sono maggor probabltà, rspetto ad altr nvestment, che sa detenuto fno alla scadenza. Il presente regolamento combna una calbrazone mrata e dsposzon n matera d gestone del rscho specfco da parte dell'mpresa. L'artcolo 261 bs è ntrodotto per mporre lo svolgmento d un'adeguata dovuta dlgenza prma d realzzare l'nvestmento nfrastrutturale ammssble, la regolare esecuzone d prove d stress e una poltca d gestone delle attvtà e delle passvtà che asscur che l'mpresa contnu ad essere n grado d mantenere l'nvestmento fno alla scadenza Modfche rguardant l trattamento degl nvestment n fond d nvestmento europe a lungo termne Il presente regolamento estende a fond d nvestmento europe a lungo termne le vgent dsposzon rguardant l trattamento specfco de fond europe per l venture captal e de fond europe per l'mprendtora socale, d cu all'artcolo 168, paragrafo 6, lettere a) e b), del regolamento (UE) 2015/35. A tal fne, nsersce una dsposzone all'artcolo 168, paragrafo 6, che dspone che gl strument d captale detenut nell'ambto d fond d nvestmento europe a lungo termne (o quote o azon d tal fond quando non è possble applcare l metodo look-through) sono consderat strument d captale d tpo 1, che attraggono un fattore d rscho nferore nell'ambto della formula standard per l requsto patrmonale d solvbltà. Questa scelta è suffragata dall'anals dell'andamento storco d un ndce azonaro prvato (LPX NAV50) effettuata per la valutazone d'mpatto. Questo parametro d rfermento è pertnente, dato che la maggor parte degl strument d captale detenut nell'ambto d fond europe per l venture captal, d fond europe per l'mprendtora socale e d fond d nvestmento europe a lungo termne probablmente non è quotata. In base a tale ndce, l valore a rscho con un lvello d fduca del 99,5 nell'arco d un anno s avvcna al 39. Cò gustfca l trattamento degl strument d captale detenut nell'ambto d tal fond come strument d captale d tpo Modfche rguardant l trattamento degl strument d captale negozat n sstem multlateral d negozazone Il presente regolamento tene conto dell'entrata n vgore della drettva 2014/65/UE e del regolamento (UE) n. 600/2014, che asscurano l'applcazone delle stesse norme a sstem IT 9 IT

10 multlateral d negozazone e a mercat regolamentat. L'artcolo 168 del regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone è pertanto modfcato per estendere agl strument d captale negozat n sstem multlateral d negozazone un trattamento equvalente a quello degl strument negozat su mercat regolamentat, per quanto rguarda l requsto patrmonale d solvbltà Modfche rguardant l'ambto d applcazone della msura transtora sugl strument d captale Il presente regolamento modfca l regolamento delegato (UE) 2015/35 allo scopo d mpedre rallocazon d portafogl mprovvse o su vasta scala nel settore degl strument d captale prma dell'entrata n vgore d solvbltà II. L'artcolo 173 è modfcato al fne d estendere agl strument d captale d tpo 2 l'ntroduzone progressva nell'arco d sette ann del requsto patrmonale d solvbltà per gl strument d captale acqustat prma del 1º gennao Per asscurare che gl strument d captale detenut nell'ambto d organsm d nvestmento collettvo o d nvestment n forma d fond rcevano, per quanto rguarda questa msura transtora, lo stesso trattamento degl strument d captale detenut drettamente, l'artcolo 173 è modfcato anche per ntrodurre un metodo semplfcato nel caso n cu non s possa, n ragone delle norme sull'nformatva o d consderazon d costo, rsalre alla data d acqusto degl strument d captale da parte del gestore del fondo. L'mpresa può n tal caso stmare ogn anno la percentuale d strument d captale acqustat prma del 1º gennao 2016 e applcare la msura transtora a detta percentuale del fondo Rettfca d error redazonal d leve enttà Il presente artcolo ntroduce noltre modfche al regolamento delegato (UE) 2015/35 per rettfcare error redazonal d leve enttà. Le prncpal rettfche ntrodotte per evtare error d nterpretazone del testo sono le seguent: charmento delle conseguenze n termn d metod d valutazone, dell'esclusone d un'mpresa partecpata dall'ambto d applcazone della vglanza d gruppo, tenendo conto d tutt possbl cas n cu questa esclusone può essere decsa dall'autortà d vglanza del gruppo (cfr. artcolo 1, paragrafo 2); per quanto rguarda le partecpazon strategche n ent fnanzar e credtz, dove l regolamento (UE) 2015/35 s rfersce al metodo d consoldamento d cu alla drettva 2002/87/CE, cò non deve essere nteso nel senso che l gruppo deve essere anche un conglomerato fnanzaro soggetto a vglanza supplementare, a sens della drettva (cfr. l'artcolo 1, paragrafo 3); per quanto rguarda dat statstc aggregat, sono allneat termn per la comuncazone, e pertanto le nformatve anteror al 31 dcembre 2020 ncluderanno dat d tutt gl ann precedent, a partre dal 1º gennao L'artcolo 316, paragrafo 2, del regolamento delegato (UE) 2015/35 deve pertanto essere modfcato (cfr. artcolo 1, paragrafo 12). 4.2 Artcolo 2 Rettfca d error tpografc Inoltre, l presente regolamento rettfca anche alcun error tpografc present nell'atto delegato d solvbltà II. IT 10 IT

11 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) /... DELLA COMMISSIONE del che modfca l regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone per quanto rguarda l calcolo de requst patrmonal obblgator per dverse categore d attvtà detenute dalle mprese d asscurazone e d rasscurazone (Testo rlevante a fn del SEE) LA COMMISSIONE EUROPEA, vsto l trattato sul funzonamento dell'unone europea, vsta la drettva 2009/138/CE del Parlamento europeo e del Consglo, del 25 novembre 2009, n matera d accesso ed eserczo delle attvtà d asscurazone e d rasscurazone 9, n partcolare l'artcolo 31, paragrafo 4, l'artcolo 75, paragraf 2 e 3, l'artcolo 92, paragrafo 1 bs, l'artcolo 111, paragrafo 1, lettere b), c), e m), e l'artcolo 308 ter, paragrafo 13, consderando quanto segue: (1) Il pano d nvestment per l'europa adottato dalla Commssone nel novembre 2014 verte sulla rmozone degl ostacol agl nvestment, sulla necesstà d dare vsbltà e d fornre assstenza tecnca a progett d nvestmento e su un uso pù ntellgente delle rsorse fnanzare esstent e nuove. Nel quadro del pano, l'sttuzone del Fondo europeo per gl nvestment strategc (FEIS), prevsta dal regolamento (UE) 2015/1017 del Parlamento europeo e del Consglo 10, mra a colmare l'attuale carenza d nvestment nell'ue, mobltando fnanzament prvat a favore degl nvestment strategc, che l mercato da solo non può fnanzare. Il FEIS sosterrà gl nvestment strategc nelle nfrastrutture e captal d rscho per le pccole mprese. Contemporaneamente lavor per realzzare l'unone de mercat de captal contrburanno ad approfondre l'ntegrazone fnanzara, a promuovere la crescta e ad aumentare la compettvtà nell'ue. (2) Per contrbure alla realzzazone d quest obettv, oltre che dell'obettvo che l'unone s è data d una crescta sostenble a lungo termne, è opportuno agevolare gl nvestment n nfrastrutture da parte delle mprese d asscurazone, che sono grand nvesttor sttuzonal, o da parte del FEIS. Per facltare tal nvestment, dovrebbe essere sttuta una nuova classe d attvtà per gl nvestment nfrastruttural nell'ambto del quadro sttuto dalla drettva 2009/138/CE. L'attuazone parallela d nzatve d questo tpo, untamente al FEIS, dovrebbe accrescere l'mpatto complessvo sulla crescta e sull'occupazone nell'unone GU L 335 del , pag. 1. Regolamento (UE) 2015/1017 del Parlamento europeo e del Consglo, del 25 gugno 2015, relatvo al Fondo europeo per gl nvestment strategc, al polo europeo d consulenza sugl nvestment e al portale de progett d nvestmento europe e che modfca regolament (UE) n. 1291/2013 e (UE) n. 1316/ l Fondo europeo per gl nvestment strategc (GU L 169 del , pag. 1). IT 11 IT

12 (3) La Commssone ha chesto e rcevuto l parere tecnco dell'autortà europea delle asscurazon e delle penson azendal e professonal per quanto rguarda crter e la calbrazone della nuova classe d attvtà per gl nvestment nfrastruttural. (4) In lnea con l'obettvo del pano d nvestment per l'europa d sostenere gl nvestment che contrbuscono a rafforzare le nfrastrutture europee, con un'attenzone partcolare alla creazone d un mercato unco pù nterconnesso, la nuova classe d attvtà nfrastruttural non dovrebbe essere lmtata a settor o a strutture fsche specfc, ma dovrebbe ncludere tutt sstem e tutte le ret per la forntura e l sostegno de servz pubblc essenzal. (5) Per asscurare che la classe delle attvtà nfrastruttural sa effettvamente lmtata agl nvestment nfrastruttural, le attvtà nfrastruttural ammssbl dovrebbero essere possedute, fnanzate, svluppate e gestte da un'enttà responsable del progetto nfrastrutturale che non svolta alcuna altra funzone. (6) La nuova classe d attvtà nfrastruttural dovrebbe essere defnta sulla base d crter che asscurno che gl nvestment nfrastruttural presentno un buon proflo d rscho per quanto rguarda la loro capactà d reslenza agl stress, la prevedbltà de fluss d cassa e la protezone fornta dal quadro contrattuale. Dove può essere dmostrato che gl nvestment nfrastruttural presentano un proflo d rscho mglore rspetto ad altr nvestment delle mprese, dovrebbero essere rdott fattor d rscho nel sottomodulo del rscho d spread e n quello del rscho azonaro della formula standard. (7) L'enttà responsable del progetto nfrastrutturale dovrebbe fornre un quadro contrattuale che asscur un elevato grado d tutela de suo nvesttor, tra cu dsposzon contro le perdte dervant dalla cessazone del progetto ad opera della parte che s è mpegnata ad acqustare ben o servz, qual potrebbero essere causate dalla cessazone d un contratto d acqusto. Adeguat dspostv fnanzar dovrebbero essere mess n atto per coprre fnanzament d emergenza e l fabbsogno d captale d eserczo. (8) Per rdurre l rscho per prestator, dovrebbero essere prevst controll adeguat sull'enttà responsable del progetto nfrastrutturale, comprese garanze a protezone delle attvtà e degl strument d captale e lmt all'uso de fluss d cassa e delle attvtà. (9) Quando la calbrazone degl nvestment n obblgazon e prestt vene rdotta sulla base dell'potes che la maggor parte degl nvestment nfrastruttural saranno possedut fno alla scadenza, l'mpresa d asscurazone o d rasscurazone dovrebbe essere n grado d dmostrare che è n grado d farlo. (10) Per ncentvare gl nvestment nfrastruttural a elevato tasso d recupero, quando non è dsponble una valutazone esterna la nuova classe d attvtà dovrebbe essere lmtata al debto d categora "nvestmento" (nvestment grade) e uncamente al debto d rango superore (senor). Tuttava, per rmanere n lnea con l quadro relatvo agl strument d captale creato dalla drettva 2009/138/CE, l'nclusone degl strument d captale n nfrastrutture n questa nuova classe d attvtà non dovrebbe dpendere dall'esstenza d una valutazone esterna dell'enttà responsable dell'nfrastruttura o dal lvello della valutazone stessa. (11) In assenza d una valutazone esterna emessa da un'agenza esterna d valutazone del merto d credto (ECAI) prescelta per un nvestmento n nfrastrutture ammssbl, dovrebbero applcars crter agguntv per asscurare che l'nvestmento sa soggetto a IT 12 IT

13 rsch lmtat. Tal crter dovrebbero prevedere la gestone professonale del progetto nella fase d costruzone, asscurare un'adeguata attenuazone del rscho d costruzone, lmtare l rscho operatvo e l rscho d rfnanzamento e vetare che l progetto assuma poszon speculatve su dervat. (12) In assenza d una valutazone esterna emessa da un'ecai prescelta per un nvestmento n nfrastrutture ammssbl, dovrebbe essere asscurato che l progetto nfrastrutturale sa soggetto ad un contesto poltco stable. (13) I progett basat su tecnologa o progettazone nnovatve dovrebbero essere ammssbl a essere nclus nella nuova classe d attvtà, per asscurare che l'ue possa contnuare ad essere all'avanguarda dell'evoluzone degl svlupp tecnologc. Per asscurare che progett basat sulle nnovazon sano scur, le mprese d asscurazone dovrebbero svolgere un'adeguata dlgenza dovuta per accertare che la tecnologa è stata collaudata. Cò può ncludere collaud su prototpo, collaud plota e altre forme d collaud per dmostrare la soldtà della tecnologa e della progettazone del progetto. (14) Nel complesso, la combnazone d quest crter, secondo l parere tecnco dell'eiopa, asscura la soldtà del sstema prudenzale, n quanto le attvtà nfrastruttural che benefcano d una rduzone de requst patrmonal sono pù scure e meno volatl rspetto ad nvestment analogh delle mprese. (15) L'EIOPA ha analzzato dat sugl ndc relatv agl strument d captale n nfrastrutture, sugl strument d captale n nfrastrutture quotat e sulle mprese attve nelle nzatve d fnanzamento prvato. In conclusone, per lo stress nfrastrutturale è stato consglato un ntervallo d In lnea con l'obettvo del pano d nvestment per l'europa d favorre gl nvestment nell'economa reale, è stata scelta una calbrazone del 30 per la nuova classe d attvtà nfrastruttural, dato che una tale calbrazone fornsce gl ncentv pù effcac a nvestre n nfrastrutture. (16) In lnea con l parere dell'eiopa, l'aggustamento smmetrco del fabbsogno d captale propro dovrebbe essere applcato al fattore d stress sugl strument d captale n nfrastrutture su base pro rata. (17) La rduzone de fattor d rscho nel sottomodulo del rscho d spread dovrebbe tenere conto del fatto che è dmostrato che gl nvestment nfrastruttural presentano tass d recupero superor rspetto al debto delle mprese e sono meno sensbl a fattor economc pù general. D conseguenza, per la nuova classe d attvtà, lo stress sulla componente d credto dello spread dovrebbe essere rdotto n lnea con la calbrazone ndcata dall'eiopa. Per tener conto del crtero d ammssbltà che prevede che gl nvestment nfrastruttural possano essere detenut fno alla scadenza, dovrebbe essere rdotto anche lo stress sulla componente d lqudtà dello spread. (18) Quando lo stress della componente d lqudtà dello spread è rdotta per gl nvestment nfrastruttural ammssbl, la rduzone dovrebbe applcars anche alle attvtà nel portafoglo soggetto ad aggustamento d congrutà, senza tuttava doppo computo del rscho d lqudtà rdotto. Per questo motvo, lo stress dello spread applcable alle attvtà nfrastruttural ammssbl nel portafoglo soggetto ad aggustamento d congrutà dovrebbe essere o lo stress rdotto applcable alle attvtà del portafoglo soggetto ad aggustamento d congrutà o lo stress dello spread per le attvtà nfrastruttural ammssbl, se nferore. (19) Dovrebbe essere asscurato un trattamento pù adeguato degl nvestment delle mprese d asscurazone e d rasscurazone ne fond sttut dal regolamento IT 13 IT

14 (UE) 2015/760 del Parlamento europeo e del Consglo 11, n lnea con l trattamento degl nvestment ne fond europe per l venture captal e ne fond europe per l'mprendtora socale, gà prevst all'artcolo 168 del regolamento delegato (UE) 2015/ (20) Negl ultm ann gl strument fnanzar sono stat negozat con sempre maggor frequenza su sstem multlateral d negozazone (MTF). La drettva 2014/65/UE del Parlamento europeo e del Consglo 13 asscura che gl MTF sano assoggettat agl stess requst de mercat regolamentat per quanto rguarda soggett ammssbl come membr o partecpant. Il regolamento (UE) n. 600/2014 del Parlamento europeo e del Consglo 14 mpone anch'esso requst d trasparenza sml agl MTF e a mercat regolamentat. Per tener conto della crescente mportanza degl MTF e della convergenza delle norme applcabl sa agl MTF che a mercat regolamentat, le esposzon negozate negl MTF dovrebbero essere consderate come strument d captale d tpo 1 nel sottomodulo del rscho azonaro. (21) La drettva 2014/51/UE del Parlamento europeo e del Consglo 15 ha ntrodotto una msura transtora applcable agl nvestment negl strument d captale acqustat prma del 1 gennao Per evtare d creare ncentv alla vendta masscca d strument d captale non quotat prma che l quadro normatvo sttuto dalla drettva 2009/138/CE dvent applcable, l'ambto d applcazone della msura transtoro non dovrebbe essere lmtato agl strument d captale quotat. (22) Per consentre l trattamento proporzonato degl strument d captale detenut nell'ambto d organsm d nvestmento collettvo o d nvestment n forma d fond, quando non è possble applcare l metodo look-through, l presente regolamento specfca noltre che la msura transtora d cu all'artcolo 308 ter, paragrafo 13, della drettva 2009/138/CE s applca alla quota degl strument d captale detenuta nell'ambto dell'organsmo d nvestmento collettvo o dell'nvestmento n forma d fond, conformemente all'allocazone target dell'attvtà sottostante al 1 gennao 2016, purché l'allocazone target sa dsponble per l'mpresa. Cò consente alle mprese d stmare la percentuale d strument d captale acqustat dal gestore del fondo prma del 1º gennao 2016, quando non è possble rntraccare tal acqust a causa d lmtazon mposte dalle norme n matera d nformatva, o d cost probtv. Successvamente la quota d strument d captale cu s applca la msura transtora è rdotta annualmente n proporzone al tasso d rotazone delle attvtà dell'organsmo d nvestmento collettvo o dell'nvestmento n forma d fondo Regolamento (UE) n. 2015/760 del Parlamento europeo e del Consglo, del 29 aprle 2015, relatvo a fond d nvestmento europe a lungo termne (GU L 123 del , pag. 98). Regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone, del 10 ottobre 2014, che ntegra la drettva 2009/138/CE del Parlamento europeo e del Consglo n matera d accesso ed eserczo delle attvtà d asscurazone e d rasscurazone (solvbltà II) (GU L 12 del , pag. 1). Drettva 2014/65/UE del Parlamento europeo e del Consglo del 15 maggo 2014, relatva a mercat degl strument fnanzar e che modfca la drettva 2002/92/CE e la drettva 2011/61/UE (GU L 173 del , pag. 349). Regolamento (UE) n. 600/2014 del Parlamento europeo e del Consglo, del 15 maggo 2014, su mercat degl strument fnanzar e che modfca l regolamento (UE) n. 648/2012 (GU L 173 del , pag. 84). Drettva 2014/51/UE del Parlamento europeo e del Consglo, del 16 aprle 2014, che modfca le drettve 2003/71/CE e 2009/138/CE e regolament (CE) n. 1060/2009, (UE) n. 1094/2010 e (UE) n. 1095/2010 per quanto rguarda poter dell'autortà europea d vglanza (Autortà europea delle asscurazon e delle penson azendal e professonal) e dell'autortà europea d vglanza (Autortà europea degl strument fnanzar e de mercat) (GU L 153 del , pag. 1). IT 14 IT

15 (23) Il regolamento delegato (UE) 2015/35 contene dvers error redazonal d leve enttà, che dovrebbero essere rettfcat. (24) In partcolare, l regolamento delegato (UE) 2015/35 stablsce l metodo d valutazone delle partecpazon n mprese partecpate che sono escluse dall'ambto d applcazone della vglanza d gruppo o sono dedotte da fond propr ammssbl per la solvbltà d gruppo. Le conseguenze n termn d valutazone delle partecpazon detenute n mprese partecpate dovrebbero essere le stesse, ndpendentemente dal motvo d esclusone d una determnata mpresa partecpata dall'ambto d applcazone della vglanza d gruppo e, d conseguenza, dovrebbero essere ncluse tutte le stuazon n cu un'mpresa partecpata può essere esclusa dal campo d applcazone della vglanza d gruppo. Pertanto, l'artcolo 13 dovrebbe essere modfcato. (25) Per quanto rguarda le partecpazon strategche n ent fnanzar e credtz, l rfermento al metodo 1 della drettva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consglo 16 non dovrebbe sgnfcare che l gruppo deve anche presentare requst per essere consderato un conglomerato ed essere soggetto a vglanza supplementare a sens della stessa drettva. Per applcare l'esenzone, è suffcente che l'ente fnanzaro o credtzo venga ncluso nel calcolo della solvbltà del gruppo a sens della drettva 2009/138/CE. I metod d consoldamento della drettva 2002/87/CE e della drettva 2009/138/CE sono consderat equvalent, come prevsto all'artcolo 8 del regolamento delegato (UE) n. 342/2014 della Commssone 17. Pertanto, l'artcolo 68, paragrafo 3, del regolamento delegato (UE) 2015/35 dovrebbe essere modfcato. (26) Per quanto rguarda dat statstc aggregat, sono allneat termn per la comuncazone, e pertanto le nformatve anteror al 31 dcembre 2020 dovranno ncludere dat d tutt gl ann precedent, a partre dal 1º gennao Pertanto, l'artcolo 316, paragrafo 2, del regolamento delegato (UE) 2015/35 dovrebbe essere modfcato. (27) Il regolamento delegato (UE) 2015/35 contene anche alcun error tpografc, nonché rferment ntern errat, che dovrebbero essere rettfcat. (28) Nell'applcare requst stablt nel presente regolamento, è opportuno tenere conto della natura, della portata e della complesstà de rsch nerent all'attvtà d un'mpresa d asscurazone o d rasscurazone. Gl oner e la complesstà mpost alle mprese d asscurazone dovrebbero essere proporzonat al loro proflo d rscho. Nell'applcare requst stablt nel presente regolamento, le nformazon sono da consderars sostanzal se possono nfluenzare le decson o l gudzo degl utent destnatar delle nformazon. (29) A fn d una maggore certezza del drtto relatvamente al regme d vglanza prma che l quadro prevsto da solvbltà II dvent penamente applcable l 1 gennao Drettva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consglo, del 16 dcembre 2002, relatva alla vglanza supplementare sugl ent credtz, sulle mprese d asscurazone e sulle mprese d nvestmento appartenent ad un conglomerato fnanzaro e che modfca le drettve 73/239/CEE, 79/267/CEE, 92/49/CEE, 92/96/CEE, 93/6/CEE e 93/22/CEE del Consglo e le drettve 98/78/CE e 2000/12/CE del Parlamento europeo e del Consglo (GU L 35 dell' , pag. 1). Regolamento delegato (UE) n. 342/2014 della Commssone, del 21 gennao 2014, che ntegra la drettva 2002/87/CE del Parlamento europeo e del Consglo e l regolamento (UE) n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consglo per quanto rguarda le norme tecnche d regolamentazone per l'applcazone de metod d calcolo de requst d adeguatezza patrmonale per conglomerat fnanzar (GU L 100 del , pag. 1). IT 15 IT

16 2016, è mportante asscurare che l presente regolamento entr n vgore quanto prma possble, HA ADOTTATO IL PRESENTE REGOLAMENTO: Artcolo 1 Dsposzon modfcatve Il regolamento delegato (UE) 2015/35 della Commssone è così modfcato: 1. all'artcolo 1, sono nsert seguent punt 55 bs e 55 ter: "55 bs "attvtà nfrastruttural": strutture fsche o mpant, sstem e ret che fornscono o sostengono servz pubblc essenzal; 55 ter "enttà responsable del progetto nfrastrutturale": enttà che può svolgere solo le funzon d possedere, fnanzare, svluppare o gestre attvtà nfrastruttural, la cu fonte prmara d pagamento a detentor del debto e agl nvesttor n strument d captale è costtuta dal reddto generato dalle attvtà fnanzate;"; 2. l'artcolo 13 è così modfcato: (a) (b) al paragrafo 2, la lettera a) è sosttuta dalla seguente: "(a) mprese che sono escluse dall'ambto della vglanza d gruppo a norma dell'artcolo 214, paragrafo 2, della drettva 2009/138/CE;"; l paragrafo 6 è sosttuto dal seguente: "6. Quando sono soddsfatt crter d cu all'artcolo 9, paragrafo 4, del presente regolamento e l'uso de metod d valutazone d cu al paragrafo 1, lettere a) e b), non è possble, le partecpazon n mprese partecpate possono essere valutate n base al metodo d valutazone che l'mpresa d asscurazone o d rasscurazone utlzza per la preparazone del blanco d'eserczo o consoldato. In tal cas l'mpresa partecpante deduce dal valore dell'mpresa partecpata l valore dell'avvamento e d altre attvtà mmateral che sarebbero valutate par a zero conformemente all'artcolo 12, paragrafo 2, del presente regolamento."; 3. all'artcolo 68, l paragrafo 3 è sosttuto dal seguente: "3. Nonostante paragraf 1 e 2, le mprese d asscurazone e d rasscurazone non deducono partecpazon d tpo strategco d cu all'artcolo 171 e ncluse nel calcolo della solvbltà d gruppo sulla base del metodo 1 d cu all'allegato I della drettva 2002/87/CE o sulla base del metodo 1 d cu all'artcolo 230 della drettva 2009/138/CE."; 4. al ttolo I, capo V, sezone 5, è nserta la seguente sottosezone 1 bs: "Sottosezone 1 bs Investment nfrastruttural ammssbl Artcolo 164 bs Investment nfrastruttural ammssbl 1. A fn del presente regolamento, gl nvestment nfrastruttural ammssbl comprendono gl nvestment n un'enttà responsable del progetto nfrastrutturale che soddsfa seguent crter: IT 16 IT

17 (a) (b) (c) (d) (e) (f) l'enttà responsable del progetto nfrastrutturale è n grado d adempere le propre obblgazon fnanzare sotto stress contnu, pertnent per l rscho nerente al progetto; fluss d cassa generat dall'enttà responsable del progetto nfrastrutturale per detentor del debto e gl nvesttor n strument d captale sono prevedbl; le attvtà nfrastruttural e l'enttà responsable del progetto nfrastrutturale sono dscplnate da un quadro contrattuale che asscura a detentor del debto e agl nvesttor n strument d captale un elevato grado d protezone, che comprende le tutele seguent: (a) (b) se le entrate dell'enttà responsable del progetto nfrastrutturale non sono fnanzate da pagament da parte d un numero elevato d utent, l quadro contrattuale nclude dsposzon che tutelno n modo effcace detentor del debto e gl nvesttor n strument d captale contro le perdte dervant dalla cessazone del progetto ad opera della parte che s mpegna ad acqustare ben o servz fornt dall'enttà responsable del progetto nfrastrutturale; l'enttà responsable del progetto nfrastrutturale dspone d suffcent rserve o d altr dspostv fnanzar per coprre fnanzament d emergenza e l fabbsogno d captale d eserczo del progetto. Se gl nvestment consstono n obblgazon o prestt, l quadro contrattuale comprende anche quanto segue: ) detentor del debto benefcano nella msura consentta dalla legge applcable d garanze n tutte le attvtà e n tutt contratt necessar per realzzare l progetto; ) ) v) a detentor del debto sono concess n garanza strument d captale tal che ess sano n grado d assumere l controllo dell'enttà responsable del progetto nfrastrutturale prma dell'nadempmento; è lmtato l'uso de fluss d cassa operatv nett dopo pagament obblgator generat dal progetto a fn dvers dall'adempmento delle obblgazon debtore; restrzon contrattual sulla capactà dell'enttà responsable del progetto nfrastrutturale d svolgere attvtà che possono ledere gl nteress de detentor del debto, che prevedano tra l'altro che non può essere emesso nuovo debto senza l consenso de detentor del debto esstent; nel caso d nvestment n forma d obblgazon o prestt, l'mpresa d asscurazone o d rasscurazone può dmostrare all'autortà d vglanza che essa è n grado d mantenere l'nvestmento fno alla scadenza; nel caso d nvestment n forma d obblgazon per cu non è dsponble una valutazone del merto d credto emessa da un'ecai prescelta, lo strumento d nvestmento è d rango superore (senor) rspetto a tutt gl altr credt dvers da quell d legge e da credt delle contropart n dervat; nel caso d nvestment n forma d strument d captale, obblgazon o prestt per cu non è dsponble una valutazone del merto d credto emessa da un'ecai prescelta, sono soddsfatt seguent crter: IT 17 IT

18 ) le attvtà nfrastruttural e l'enttà responsable del progetto nfrastrutturale sono ubcate n paes membr del SEE o dell'ocse; ) ) v) se l'enttà responsable del progetto nfrastrutturale è n fase d costruzone, l'nvesttore n strument d captale soddsfa crter ndcat d seguto, o qualora v sa pù d un nvesttore n strument d captale, crter ndcat d seguto sono soddsfatt dal gruppo d nvesttor n strument d captale nel suo complesso: gl nvesttor n strument d captale dspongono d una notevole esperenza nella supervsone effcace d progett nfrastruttural e le competenze pertnent; gl nvesttor n strument d captale presentano un basso rscho d nadempmento, oppure sussste un basso rscho d perdte sgnfcatve per l'enttà responsable del progetto nfrastrutturale a seguto del loro nadempmento; gl nvesttor n strument d captale sono ncentvat a tutelare gl nteress degl nvesttor; l'enttà responsable del progetto nfrastrutturale ha preso msure d salvaguarda per asscurare l completamento del progetto secondo le specfche, ne lmt del blanco o alla data d completamento concordat; rsch operatv, se rlevant, sono gestt adeguatamente; v) l'enttà responsable del progetto nfrastrutturale utlzza una tecnologa e una progettazone collaudate; v) la struttura del captale dell'enttà responsable del progetto nfrastrutturale le consente d far fronte a propr debt; v) l rscho d rfnanzamento dell'enttà responsable del progetto nfrastrutturale è rdotto; v) l'enttà responsable del progetto nfrastrutturale utlzza dervat solo a fn d attenuazone del rscho. 2. A fn del paragrafo 1, lettera b), fluss d cassa generat per detentor del debto e gl nvesttor n strument d captale non sono consderat prevedbl, a meno che tutte le entrate, tranne una parte rrlevante, soddsfno le condzon seguent: (a) è soddsfatto uno de seguent crter: ) le entrate sono basate sulla dsponbltà; ) ) v) le entrate sono soggette a regolamentazone del tasso d rendmento; le entrate sono soggette a contratto prend o pagh (take-or-pay); l lvello della produzone o l'uso e l prezzo soddsfano ndvdualmente uno de seguent crter: sono regolamentat; sono fssat contrattualmente; IT 18 IT

19 (b) sono suffcentemente prevedbl n ragone del basso rscho legato alla domanda; se le entrate dell'enttà responsable del progetto nfrastrutturale non sono fnanzate da pagament da parte d un numero elevato d utent, la parte che s mpegna ad acqustare ben o servz fornt dall'enttà responsable del progetto nfrastrutturale deve essere uno de seguent soggett: ) uno de soggett d cu all'artcolo 180, paragrafo 2, del presente regolamento; ) ) v) le ammnstrazon regonal o le autortà local elencate nel regolamento adottato a norma dell'artcolo 109 bs, paragrafo 2, lettera a), della drettva 2009/138/CE; un'enttà avente un ratng emesso da un'ecai almeno nella classe d merto d credto 3; un'enttà che è sosttuble senza varazon sgnfcatve del lvello e della tempstca delle entrate."; 5. l'artcolo 168 è così modfcato: (a) (b) paragraf 1, 2 e 3 sono sosttut da seguent: "1. Il sottomodulo del rscho azonaro d cu all'artcolo 105, paragrafo 5, secondo comma, lettera b), della drettva 2009/138/CE comprende un sottomodulo del rscho per gl strument d captale d tpo 1, un sottomodulo del rscho per gl strument d captale d tpo 2 e un sottomodulo del rscho per gl strument d captale n nfrastrutture ammssbl. 2. Gl strument d captale d tpo 1 comprendono gl strument d captale quotat n mercat regolamentat de paes membr dello Spazo economco europeo (SEE) o dell'organzzazone per la cooperazone e lo svluppo economco (OCSE), o negozat su sstem multlateral d negozazone d cu all'artcolo 4, paragrafo 1, punto 22), della drettva 2014/65/UE, che abbano la sede legale o la sede centrale negl Stat membr dell'ue. 3. Gl strument d captale d tpo 2 comprendono strument d captale dvers da quell ndcat al paragrafo 2, merc e altr nvestment alternatv. Ess comprendono altresì tutte le attvtà dverse da quelle comprese nel sottomodulo del rscho d tasso d nteresse, nel sottomodulo del rscho mmoblare o nel sottomodulo del rscho d spread, ncluse le attvtà e le esposzon ndrette d cu all'artcolo 84, paragraf 1 e 2, quando non è possble applcare l metodo look-through e l'mpresa d asscurazone o d rasscurazone non s avvale delle dsposzon d cu all'artcolo 84, paragrafo 3."; è nserto l seguente paragrafo 3 bs: "3 bs Gl strument d captale n nfrastrutture ammssbl comprendono gl nvestment n strument d captale n enttà responsabl d progett nfrastruttural che soddsfano crter stablt all'artcolo 164 bs."; IT 19 IT

20 (c) (d) l paragrafo 4 è sosttuto dal seguente: "4. Il requsto patrmonale per l rscho azonaro è uguale a: ' SCR dove: equty (a) (b) (c) SCR SCR 2 type equtes SCR type1equtes è l requsto patrmonale per gl strument d captale d tpo 1; SCR type2equtes è l requsto patrmonale per gl strument d captale d tpo 2; SCR qunf è l requsto patrmonale per gl strument d captale n nfrastrutture ammssbl."; l paragrafo 6 è così modfcato: type1 equtes ) le lettere a) e b) sono sosttute dalle seguent: "(a) gl strument d captale, dvers dagl strument d captale n nfrastrutture ammssbl, detenut nell'ambto d organsm d nvestmento collettvo che sono fond qualfcat per l'mprendtora socale a sens dell'artcolo 3, lettera b), del regolamento (UE) n. 346/2013 del Parlamento europeo e del Consglo 18 quando è possble applcare l metodo look-through d cu all'artcolo 84 del presente regolamento a tutte le esposzon comprese nell'organsmo d nvestmento collettvo, o le quote o azon d dett fond quando non è possble applcare l metodo look-through a tutte le esposzon comprese nell'organsmo d nvestmento collettvo; (b) gl strument d captale, dvers dagl strument d captale n nfrastrutture ammssbl, detenut nell'ambto d organsm d nvestmento collettvo che sono fond per l venture captal qualfcat a sens dell'artcolo 3, lettera b), del regolamento (UE) n. 345/2013 del Parlamento europeo e del Consglo 19 quando è possble applcare l metodo look-through d cu all'artcolo 84 del presente regolamento a tutte le esposzon comprese nell'organsmo d nvestmento collettvo, o le quote o azon d dett fond quando non è possble applcare l metodo look-through a tutte le esposzon comprese nell'organsmo d nvestmento collettvo;"; ) alla lettera c), l punto ) è sosttuto dal seguente: SCR SCR SCR SCR 2 type2equtes qunf type2equtes qunf "() gl strument d captale, dvers dagl strument d captale n nfrastrutture ammssbl, detenut nell'ambto d dett fond quando è possble applcare l metodo look-through d cu all'artcolo 84 del presente regolamento a tutte le esposzon comprese nel fondo d nvestmento alternatvo;"; Regolamento (UE) n. 346/2013 del Parlamento europeo e del Consglo, del 17 aprle 2013, relatvo a fond europe per l'mprendtora socale (GU L 115 del , pag. 18). Regolamento (UE) n. 345/2013 del Parlamento europeo e del Consglo, del 17 aprle 2013, relatvo a fond europe per l venture captal (GU L 115 del , pag. 1). IT 20 IT

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO

A. AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA FINANZIATO ESCLUSIVAMENTE TRAMITE INDEBITAMENTO 4. SCHMI ALTRNATIVI DI FINANZIAMNTO DLLA SPSA PUBBLICA. Se l Governo decde d aumentare la Spesa Pubblca G (o Trasferment TR), allora deve anche reperre fond necessar per fnanzare questa sua maggore spesa.

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A.

Bonus Cap Certificates con sottostante Allianz SE, AXA SA, Assicurazioni Generali S.p.A. Bonus Cap Certfcates con sottostante Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Dal 7 febbrao fno al 1 marzo solo su ISIN: DE000HV8AKJ8 Sottostante: Allanz SE, AXA SA, Asscurazon General S.p.A. Scadenza:

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015

MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 MACROECONOMIA A.A. 2014/2015 ESERCITAZIONE 2 MERCATO MONETARIO E MODELLO /LM ESERCIZIO 1 A) Un economa sta attraversando un perodo d profonda crs economca. Le banche decdono d aumentare la quota d depost

Dettagli

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes.

EH SmartView. Una SmartView sui rischi e sulle opportunità. Servizio di monitoraggio dell assicurazione del credito. www.eulerhermes. EH SmartVew Servz Onlne d Euler Hermes Una SmartVew su rsch e sulle opportuntà Servzo d montoraggo dell asscurazone del credto www.eulerhermes.t Cos è EH SmartVew? EH SmartVew è l servzo d Euler Hermes

Dettagli

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse

Lezione 10. L equilibrio del mercato finanziario: la struttura dei tassi d interesse Lezone 1. L equlbro del mercato fnanzaro: la struttura de tass d nteresse Ttol con scadenza dversa hanno prezz (e tass d nteresse) dfferent. Due ttol d durata dversa emess dallo stesso soggetto (stesso

Dettagli

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE PROCEDURA NEGOZIATA PER L'ACQUISIZIONE DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE E PROGETTAZIONE GRAFICA PER LA PUBBLICAZIONE E DIVULGAZIONE DELLE INIZIATIVE CULTURALI DELL'ERT ALLEGATO B REQUISITI DI ORDINE GENERALE

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof Pnzzotto Dana classe 5 b afm Obtv educatv OBTV ddattc trasversal Acqusre

Dettagli

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari

Indicatori di rendimento per i titoli obbligazionari Indcator d rendmento per ttol obblgazonar LA VALUTAZIONE DEGLI INVESTIMENTI A TASSO FISSO Per valutare la convenenza d uno strumento fnanzaro è necessaro precsare: /4 Le specfche esgenze d un nvesttore

Dettagli

Economia del Lavoro. Argomenti del corso

Economia del Lavoro. Argomenti del corso Economa del Lavoro Argoment del corso Studo del funzonamento del mercato del lavoro. In partcolare, l anals economca nerente l comportamento d: a) lavorator, b) mprese, c) sttuzon nel processo d determnazone

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz

LEZIONE 2 e 3. La teoria della selezione di portafoglio di Markowitz LEZIONE e 3 La teora della selezone d portafoglo d Markowtz Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa Unverstà degl Stud d Bergamo Premessa () È puttosto frequente osservare come gl nvesttor tendano a non

Dettagli

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida

Hansard OnLine. Unit Fund Centre Guida Hansard OnLne Unt Fund Centre Guda Sommaro Pagna Introduzone al Unt Fund Centre (UFC) 3 Uso de fltr per la selezone de fond 4-5 Lavorare con rsultat del fltro 6 Lavorare con rsultat del fltro - Prezz 7

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria

COMUNE DI SOLARUSSA- (OR) Area_Finanziaria_Tributaria Responsable del provvedmento fnale : Solnas Grazella - tel.0783/378206 - ragonera@comune.solaru sto Acquszone d ben e servz d Fnanzaro Trbutaro Grazella Solnas 0783-378206 ragonera@comune.solaru preventv

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato

RELAZIONE TECNICA. Introduzione. 1 Finalità e requisiti delle attività di dispacciamento nel mercato elettrico liberalizzato Allegato n. 1 a Prot AU/01/130 RELAZIONE TECNICA PRESUPPOSTI PER L ADOZIONE DI SCHEMA DI CONDIZIONI PER L EROGAZIONE DEL PUBBLICO SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO DELL ENERGIA ELETTRICA SUL TERRITORIO NAZIONALE

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV)

AVVISO PUBBLICO Costituzione di short list: Servizio di pulizie presso l Istituto di Ricerca Biogem s.c.ar.l. Via Camporeale, Ariano Irpino (AV) AVVISO PUBBLICO Costtuzone d short lst: Servzo d pulze presso l Isttuto d Rcerca Camporeale, Arano Irpno (AV) In esecuzone della Determna Presdenzale n. 15/103 del 10/09/2015, la Bogem Scarl ntende procedere

Dettagli

Newsletter "Lean Production" Autore: Dott. Silvio Marzo

Newsletter Lean Production Autore: Dott. Silvio Marzo Il concetto d "Produzone Snella" (Lean Producton) s sta rapdamente mponendo come uno degl strument pù modern ed effcac per garantre alle azende la flessbltà e la compettvtà che l moderno mercato rchede.

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne

Corso di Laurea in Lingue e Culture Moderne Dpartmento d Stud Umanstc Corso d Laurea n Lngue e Culture Moderne (L-11 classe n Lngue e Culture Moderne) Manfesto degl Stud A.A. 2014/2015 ART. 1 Obettv formatv specfc e descrzone del corso formatvo

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche

Corso di Laurea in Scienze Giuridiche hoògoò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà d Gursprudenza Como Corso d Laurea n Scenze Gurdche Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2005/2006 Presentazone del Corso. Presso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO POLITICHE RIASSICURATIVE OTTIMALI NELLE ASSICURAZIONI DANNI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO POLITICHE RIASSICURATIVE OTTIMALI NELLE ASSICURAZIONI DANNI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE ED AZIENDALI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE STATISTICHE E ATTUARIALI TESI DI LAUREA MAGISTRALE IN TEORIA DEL RISCHIO TITOLO DELLA

Dettagli

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS

Capitolo 7. La «sintesi neoclassica» e il modello IS-LM. 2. La curva IS Captolo 7 1. Il modello IS-LM La «sntes neoclassca» e l modello IS-LM Defnzone: ndvdua tutte le combnazon d reddto e saggo d nteresse per le qual l mercato de ben (curva IS) e l mercato della moneta (curva

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana

COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) Atto N. 09 del 05 03 20ls. il giorno, qll-qgg il sottoscritto dott. Vito Montana @ @ COMI]Ntr DI BI]RGIO (PROVINCIA DI AGRIGENTO) D etermnazone del Respons able dell' are a frnanzara Atto N. 09 del 05 03 20ls OGGETTO: Determnazone delf mporto della cassa vncolata alla data del 3lll2l20l4

Dettagli

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale.

Dove RF è la rendita catastale del fabbricato e f (RF ) la funzione che associa l indice economico del fabbricato alla rendita catastale. 4.4.2. Indc economc L ndce d natura economca, n base a quanto prevsto dalla lettera b), del comma 2 dell artcolo 36 della legge regonale deve essere rferto a reddt catastal rvalutat. S ha pertanto che:

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

I SINDACATI E LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Il ruolo economico del sindacato in concorrenza imperfetta, in cui:

I SINDACATI E LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA. Il ruolo economico del sindacato in concorrenza imperfetta, in cui: I IDACATI E LA COTRATTAZIOE COLLETTIVA Il ruolo economco del sndacato n concorrenza mperfetta, n cu: a) le mprese fssano prezz de ben n contest d concorrenza monopolstca (con extra-proftt); b) lavorator

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE

BANCA POPOLARE DI VICENZA S.C.P.A. OBBLIGAZIONI CON OPZIONE EUROPEA DI TIPO CALL O PUT PLAIN VANILLA, ASIATICA O DIGITALE Socetà cooperatva per azon Sede socale: Vcenza, Va Btg. Framarn n. 18 scrtta al n. 1515 dell Albo delle Banche e de Grupp Bancar, codce AB 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare d Vcenza Captale

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dpartmento d Economa Azendale e Stud Gusprvatstc Unverstà degl Stud d Bar Aldo Moro Corso d Macroeconoma 2014 1.Consderate l seguente grafco: LM Partà de tass d nteresse LM B A IS IS Y E E E Immagnate

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consglo Regonale della Campana Prot.n. 14872/A Al Sgnor Presdente della Gunta Regonale della Campana Va S. Luca, 81 NAPOLI A Presdent delle Commsson Conslar Permanent V e VI A Consgler Regonal Al Settore

Dettagli

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche.

DECRETA. ART. 3 Il compenso per l attività di collaborazione è fissato in 1.095,00 esente dall imposta sul reddito delle persone fisiche. BANDO PER n. 64 BORSE DI COLLABORAZIONE PER IL SUPPORTO PRESSO IL C.I.A.O. DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA NEL PERIODO DA SETTEMBRE 2010 A FINE GENNAIO 2011 000280 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA:

Economia del Settore Pubblico 97. Economia del Settore Pubblico 99. Quale indice di diseguaglianza usare? il rapporto interdecilico PROBLEMA: Economa del Settore Pubblco Laura Vc laura.vc@unbo.t www.dse.unbo.t/lvc/edsp_.htm LEZIONE 4 Rmn, 9 aprle 008 Economa del Settore Pubblco 96 I prncpal ndc d dseguaglanza: ndc d entropa generalzzata Isprata

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 598/2014/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA RIFORMA DELLE INTEGRAZIONI TARIFFARIE PER LE IMPRESE ELETTRICHE MINORI NON INTERCONNESSE Documento per la consultazone per la formazone

Dettagli

VA TIR - TA - TAEG Introduzione

VA TIR - TA - TAEG Introduzione VA TIR - TA - TAEG Introduzone La presente trattazone s pone come obettvo d analzzare due prncpal crter d scelta degl nvestment e fnanzament per valutare la convenenza tra due o pù operazon fnanzare. S

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA SECONDO LO STANDARD OHSAS 18001 Prof. Maro Tucc, Ing. Lorenzo Gagnon, Ing. Gann Bettn, Dott. Ely Menchern Dpartmento d Energetca Sergo Stecco Sezone

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

Un modello stocastico per il calcolo della riserva sinistri nell ottica Solvency II: il metodo di Mack.

Un modello stocastico per il calcolo della riserva sinistri nell ottica Solvency II: il metodo di Mack. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO FAOLTÀ DI EONOMIA orso d Laurea Specalstca n Scenze Statstche ed Attuaral Tes d Laurea n Teora del Rscho per le Asscurazon contro dann Un modello stocastco per l calcolo

Dettagli

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l

... ... ... DI GIOIOSA MAREA (ME) PORTO TURISTICO NELLA FRAZIONE SAN GIORGIO DEL COMUNE. 3. RICAVI E COSTI DI GESTIONE... l PORTO TURSTCO NELLA FRAZONE SAN GORGO DEL COMUNE D GOOSA MAREA (ME) PROGETTO PRELMNARE PANO ECOVOb'TCO E FNANZAF0 NDCE 1. PREMESSA...,.l 2. COSTO DELL'NTERVENTO...,...,...,..,,.,...,,.,,~...,.,.,.,,...l

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

1. Una panoramica sui metodi valutativi

1. Una panoramica sui metodi valutativi . Una panoramca su metod valutatv La dottrna azendalstca rconosce l esstenza d var metod att a determnare l valore del captale economco d un mpresa. In partcolare, è possble ndvduare tre macro-tpologe

Dettagli

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero.

Circolare Decreto Legislativo 155/97 - Sistema HACCP e coinvolgimento dei comparti Imballaggi Ortofrutticoli e Sughero. Crolare Dereto Legslatvo 155/97 - Sstema HACCP e onvolgmento de ompart Imballagg Ortofruttol e Sughero. Sheda esplatva D.Lvo 155/97" Sopo del presente doumento è quello d llustrare gl aspett nerent alla

Dettagli

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria

2 Modello IS-LM. 2.1 Gli e etti della politica monetaria 2 Modello IS-LM 2. Gl e ett della poltca monetara S consderun modello IS-LM senzastatocon seguent datc = 0:8, I = 00( ), L d = 0:5 500, M s = 00 e P =. ) S calcolno valor d equlbro del reddto e del tasso

Dettagli

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo

I fabbisogni standard nel settore sanitario Commento allo schema di decreto legislativo Federalsmo I fabbsogn standard nel settore santaro Commento allo schema d decreto legslatvo Guseppe Psauro Premessa La defnzone del sstema d fnanzamento della santà è charamente un momento fondamentale

Dettagli

Risoluzione quesiti I esonero 2011

Risoluzione quesiti I esonero 2011 Rsoluzone quest I esonero 011 1) Compto 1 Q3 Un azenda a a dsposzone due progett d nvestmento tra d loro alternatv. Il prmo prevede l pagamento d un mporto par a 100 all epoca 0 e fluss par a 60 all epoca

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare

Manuale delle Segnalazioni Statistiche e di Vigilanza per gli Intermediari del Mercato Mobiliare Manuale delle Segnalazon Statstche e d Vglanza per gl Intermedar del Mercato Moblare Crcolare n. 148 del 2 luglo 1991 14 aggornamento del 16 dcembre 2009 VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA Manuale delle

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione;

Visto l articolo 117, comma sesto, della Costituzione; 22 28.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 50 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modfche al regolamento emanato con decreto del Presdente della

Dettagli

Indici di misurazione del potere di mercato

Indici di misurazione del potere di mercato Indc d msurazone del potere d mercato Metod tradzonal: tass d rendmento, margn e q d Tobn Indc d concentrazone Metod presuntv d Ganmara Martn Introduzone Le teore de mercat concorrenzal e non concorrenzal

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Sintesi della policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse da Banca Emilveneta S.p.A.

Sintesi della policy di valutazione e pricing delle obbligazioni emesse da Banca Emilveneta S.p.A. Sntes della polcy d valutazone e prcng delle obblgazon emesse da Banca Emlveneta S.p.A. INDICE 1. PREMESSA...1 2. METODOLOGIA DI PRICING...1 2.1 PRICING...3 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

L APPLICAZIONE DEI CRITERI ETICI NEGLI INVESTIMENTI DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA Ottobre 2008

L APPLICAZIONE DEI CRITERI ETICI NEGLI INVESTIMENTI DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA Ottobre 2008 Allegato I L APPLICAZIONE DEI CRITERI ETICI NEGLI INVESTIMENTI DELLA PREVIDENZA INTEGRATIVA Ottobre 2008 me del fondo Natura e caratterstche del fondo Garanza e controllo Trasparenza Aperto Chuso Qual

Dettagli

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001

Verifica di efficacia di un Sistema di Gestione di Sicurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Relazone Verfca d effcaca d un Sstema d Gestone d Scurezza e Salute sul lavoro: l OHSAS 18001 Gl nfortun sul lavoro e le malatte professonal sono ad ogg uno de prncpal problem che afflggono l Itala e

Dettagli

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio

Codice di Stoccaggio Capitolo 7 Bilanciamento e reintegrazione dello stoccaggio Codce d Stoccaggo Captolo 7 Blancamento e rentegrazone dello stoccaggo 7.4 Corrspettv per servz d stoccaggo L UTENTE è tenuto a corrspondere a STOGIT, per la prestazone de servz, gl mport dervant dall

Dettagli

PRIVATIZZAZIONE DEL WELFARE E RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI DI RAPPRESENTANZA

PRIVATIZZAZIONE DEL WELFARE E RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI DI RAPPRESENTANZA PRIVATIZZAZIONE DEL WELFARE E RUOLO DELLE ASSOCIAZIONI DI RAPPRESENTANZA La rforma del sstema pensonstco talano: le queston aperte e le prospettve d svluppo della componente a captalzzazone Carlo Mazzaferro

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE

I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Facoltà d Economa Valutazone de prodott e dell mpresa d asscurazone I MODELLI MULTISTATO PER LE ASSICURAZIONI DI PERSONE Clauda Colucc Letza Monno Gordano Caporal Martna Ragg I Modell Multstato sono un

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto

Scenari di frenata per il comparto elettrico: il nodo della valorizzazione del prodotto CRESME Scenar d frenata per l comparto elettrco: l nodo della valorzzazone del prodotto Il mercato elettrco rappresenta uno de pù nteressant compart economc del nostro paese, caratterzzato da profonde

Dettagli

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza

La tua area riservata Organizzazione Semplicità Efficienza Rev. 07/2012 La tua area rservata Organzzazone Semplctà Effcenza www.vstos.t La tua area rservata 1 MyVstos MyVstos è la pattaforma nformatca rservata a rvendtor Vstos che consente d verfcare la dsponbltà

Dettagli

I metodi misti. Valutazione d impresa a.a Lezioni 18 e 19 aprile 2011

I metodi misti. Valutazione d impresa a.a Lezioni 18 e 19 aprile 2011 I metod mst Valutazone d mpresa a.a. 2010-2011 Lezon 18 e 19 aprle 2011 1 Il metodo msto n passato era l tpco metodo europeo per la stma del valore d captale economco consdera sa l elemento patrmonale

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand

31/03/2012. Collusione (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Il modello standard. Collusione nel modello di Bertrand. Collusione nel modello di Bertrand Collusone (Cabral cap.8 PRN capp. 13-14) Accord tact o esplct per aumentare l potere d mercato e pratcare prezz pù elevat rspetto all equlbro non cooperatvo corrspondente Esste un vantaggo dalla collusone

Dettagli

MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura di L.

MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura di L. MATERIALE PER IL CORSO DI INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO NON DIFFONDERE DA PERCORSI DI RICERCA SOCIALE (a cura d L.Bernard) 3.3. Dsegn d camponamento d Lorenzo Bernard 3.3.1. Una defnzone per ntrodurre

Dettagli

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF.

NR.400/Ct2008t Y*g tpt12.2r4.27brs VOCE: DECRETO LEGISLATIVO 10 AGOSTO 2007, N. 154 DI ATTUAZIONE ALLA DIRETTIVA 2OO4III ICF. -- ["-_lci.',,"*i;* j L.---i1"1î_:_ - i ti{}il 4 Ír ;ì.,-l,'..* Dl PÉLTMNTO []E[.[-.,\. PUBtsl-lC.r\ SCtiF-g /,'f.a NREZT$NN CF,NTfuq,E NH,T,'T\{Mfffu\ZONE h ]ÈN,.A P{JL7,A }Hì".,LH FR(}}-iT'Ti:;ÍT.JJ

Dettagli

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26

CAPITOLO 3 Incertezza di misura Pagina 26 CAPITOLO 3 Incertezza d msura Pagna 6 CAPITOLO 3 INCERTEZZA DI MISURA Le operazon d msurazone sono tutte nevtablmente affette da ncertezza e coè da un grado d ndetermnazone con l quale l processo d msurazone

Dettagli

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti

Il modello markoviano per la rappresentazione del Sistema Bonus Malus. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. Materiale e Riferimenti Il modello marovano per la rappresentazone del Sstema Bonus Malus rof. Cercara Rocco Roberto Materale e Rferment. Lucd dstrbut n aula. Lemare 995 (pag.6- e pag. 74-78 3. Galatoto G. 4 (tt del VI Congresso

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

Macchine. 5 Esercitazione 5

Macchine. 5 Esercitazione 5 ESERCITAZIONE 5 Lavoro nterno d una turbomacchna. Il lavoro nterno massco d una turbomacchna può essere determnato not trangol d veloctà che s realzzano all'ngresso e all'uscta della macchna stessa. Infatt

Dettagli

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013)

Manuale di conservazione della Provincia di Verona (Articolo 8 DPCM 3 dicembre 2013) p_vr.p_vr.registro UFFICIALE.I.0045688.30-04-2014.h.13:15 Allegato alla determnazone organzzatva n. del PROVINCIA DI VERONA Settore drezone generale Servzo gestone nformatzzata de fluss documental e trattamento

Dettagli

SOLUZIONI III PLICO DI ESERCIZI DI RAGIONERIA

SOLUZIONI III PLICO DI ESERCIZI DI RAGIONERIA SOLUZIONI III PLICO DI ESERCIZI DI RAGIONERIA ESERCIZIO N.1 Calcolo del metodo patrmonale semplce con correzone reddtuale 1. Determnazone del patrmono netto rettfcato Dat blanco stato patrmonale al 31.12.01

Dettagli

I VANTAGGI DELL ADOZIONE DEL SGSL

I VANTAGGI DELL ADOZIONE DEL SGSL 5 Febbrao 2009 Scurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzon. Le responsabltà dervant dal nuovo Testo Unco e vantagg d un sstema d gestone certfcato secondo la norma OHSAS 18001:2007 I VANTAGGI

Dettagli

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa

PROTOCOLLO C'INTESA PER LA TUTELA E IL TRA: La Provincia di Avellino. Il Consorzio ASI di Avellino. La Società Irpiniambiente spa PROTOCOLLO C'NTESA PER LA TUTELA E L RSANAMENTO CELLA MEDA VALLE DEL "'''1.''' TRA: La Provnca d Avellno l Consorzo AS d Avellno La Socetà rpnambente spa l Comune d Atrpalda l Comune d Avellno l Comune

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing

Il patrimonio informativo aziendale come supporto alle attività di marketing Unverstà degl Stud d RomaTre - Facoltà d Economa Corso d Rcerche d Marketng Il patrmono nformatvo azendale come supporto alle attvtà d marketng ng. Stefano Cazzella stefano.cazzella@datamat.t Agenda La

Dettagli

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013

Dipartimento di Statistica Università di Bologna. Matematica finanziaria aa 2012-2013 lezione 13: 24 aprile 2013 Dpartmento d Statstca Unverstà d Bologna Matematca fnanzara aa 2012-2013 lezone 13: 24 aprle 2013 professor Danele Rtell www.unbo.t/docent/danele.rtell 1/23? reammortamento uò accadere che, dopo l erogazone

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

8.2 CORSO DI FORMAZIONE

8.2 CORSO DI FORMAZIONE SRVeSS Sstema d Rfermento Veneto per la Scurezza nelle Scuole La runone perodca 8.2 CORSO DI FORMAZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA EX D.Lgs. 81/08 LA RIUNIONE PERIODICA DI SICUREZZA

Dettagli

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi

Analisi di mercurio in matrici solide mediante spettrometria di assorbimento atomico a vapori freddi ESEMPIO N. Anals d mercuro n matrc solde medante spettrometra d assorbmento atomco a vapor fredd 0 Introduzone La determnazone del mercuro n matrc solde è effettuata medante trattamento termco del campone

Dettagli

Tutti gli strumenti vanno tarati

Tutti gli strumenti vanno tarati L'INCERTEZZA DI MISURA Anta Calcatell I.N.RI.M S eseguono e producono msure per prendere delle decson sulla base del rsultato ottenuto, come per esempo se bloccare l traffco n funzone d msure d lvello

Dettagli

Modelli di base per la politica economica

Modelli di base per la politica economica Marcella Mulno Modell d base per la poltca economca Corso d Poltca economca a.a. 22-23 Captolo 2 Modello - e poltche scal e monetare In questo captolo rchamamo brevemente l modello macroeconomco a prezz

Dettagli

ESERCIZIO N. 1. b) rendimenti reali dell azienda Gesis e del portafoglio di mercato:

ESERCIZIO N. 1. b) rendimenti reali dell azienda Gesis e del portafoglio di mercato: ESERCIZIO N. 1 Il canddato proceda a calcolare l tasso d congrua remunerazone reale dell azenda Gess al 31.12.2003 applcando l CAPM e l WACC della stessa azenda; dat d cu s dspone sono seguent: a) rendmento

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

LA VALUTAZIONE D AZIENDA: I METODI ASSOLUTI E I METODI RELATIVI. Dott.ssa Elisa MENICUCCI

LA VALUTAZIONE D AZIENDA: I METODI ASSOLUTI E I METODI RELATIVI. Dott.ssa Elisa MENICUCCI LA VALUTAZIONE D AZIENDA: I METODI ASSOLUTI E I METODI RELATIVI Dott.ssa Elsa MENICUCCI Dottore Commercalsta Rcercatrce area Azendale IRDCEC Modena, 24 aprle 2014 INTRODUZIONE ALLA VALUTAZIONE D AZIENDA

Dettagli