Strumentazione Automatica di Misura e Sistemi ATE. Hardware e Software

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strumentazione Automatica di Misura e Sistemi ATE. Hardware e Software"

Transcript

1 Strumentazione Automatica di Misura e Sistemi ATE Hardware e Software

2 Sommario Introduzione Classificazione della strumentazione di misura Generalità sull hardware dei sistemi ATE Principali standard industriali correnti: IEEE488 (o GPIB), VXI, PXI, IEEE1178, LXI Generalità sul software di controllo dei sistemi ATE: principali ambienti di sviluppo e tecnologie software disponibili Principali standard di riferimento per lo sviluppo software per sistemi ATE: SCPI, VISA, IVI

3 Introduzione La misura di grandezze fisiche di varia natura (pressione, temperatura, corrente elettrica, ecc.) è di fondamentale importanza nell attuale realtà industriale e/o scientifica; La misura può essere necessaria per i motivi più disparati: controllo automatico di qualità di prodotti nell industria, verifica di ipotesi scientifiche, ecc. La mole di dati da raccogliere ed elaborare è spesso di tale rilevanza da rendere indispensabile il ricorso a sistemi di misura automatizzati controllati da computer;

4 Uno schema a blocchi della catena di misura misura Variabile trasdotta (tensione o corrente) Raccolta dati manuale Processo Trasduttore dispositivo di misura (strumento stand alone o da sistema) Variabile di processo (pressione, temperatura, spostamento, ecc.) Raccolta dati su PC dotato di sistema DAQ o controller ATE + software per datalogging, elaborazione, presentazione risultati, ecc.

5 strumentazione di misura una prima classificazione sommaria stand-alone DMM palmari, strumentazione analogica da banco, ecc. in cabinet o benchtop (GPIB, RS232, ) da sistema Instrument on A Card (PXI, VXI, VME, )

6 Strumentazione stand alone (DMM palmari, strumentazione analogica da banco, ecc.) pregi economicità d'acquisto e d'esercizio; semplicità d'uso; dimensioni e peso ridotti portatilità; difetti scarse (o nessuna) possibilità di connessione a unità esterne per controllo remoto dell operatività; raccolta dati manuale lentezza delle operazioni di misura; possibili errori di interpretazione delle letture;

7 Strumentazione da sistema (GPIB, VXI, PXI, ) pregi programmabilità delle procedure di misura; funzionamento in modo totalmente automatico; raccolta dati centralizzabile su calcolatore (a fini di postelaborazione, archiviazione, reporting, ecc.). difetti costi iniziali piuttosto elevati; necessità di sofisticati software di supporto; complessità di manutenzione ed aggiornamento.

8 Strumentazione da sistema (GPIB, VXI, PXI, ) Confronto tra strumenti da sistema benchtop e IAC: gli oscilloscopi Agilent Serie 6000x Serie 6000 Serie 6000L

9 Generalità sulla strumentazione automatica di misura ed i Sistemi ATE Un Sistema ATE (Automatic Test Equipment) è costituito da un insieme di strumenti di misura (oscilloscopi, analizzatori di spettro, multimetri, ecc.) e/o apparecchi ausiliari (generatori di funzioni, matrici di switch, alimentatori, ecc.) opportunamente connessi tra loro e con un dispositivo supervisore. Stabilite le connessioni con i punti di misura/attuazione (variabili di campo) un sistema ATE può operare anche in modo totalmente automatico sotto il controllo di un programma di supervisione in esecuzione sul dispositivo supervisore (normalmente un computer opportunamente programmato e interfacciato agli strumenti).

10 Un sistema ATE può comprendere anche sofisticati dispositivi di acquisizione dati (DAQ) e dispositivi modulari per il condizionamento dei segnali provenienti dai sensori e/o diretti agli attuatori sul campo. In questo caso in uno stesso sistema ATE si possono avere più bus di comunicazione distinti per le varie tipologie di dispositivi di misura presenti. Per applicazioni industriali i sistemi ATE costituiscono spesso il solo front-end di misura di più complessi sistemi di automazione distribuita comprendenti elementi quali PLC e PC industriali oltre che sistemi di supervisione integrata (sistemi SCADA/HMI). Per applicazioni scientifiche i sistemi ATE sono invece spesso sistemi a se stanti utilizzati per la raccolta e la successiva elaborazione di dati utili al rilievo delle caratteristiche o alla validazione di modelli matematici di dispositivi fisici.

11 I principali elementi costitutivi di un sistema ATE Controller Strumento o Dispositivo Ha funzioni di supervisione e controllo: trasmette i comandi ai dispositivi e riceve da questi i dati di misura attraverso il (o i) bus di comunicazione. E' normalmente un calcolatore opportunamente interfacciato al (o ai) bus di comunicazione e che esegue il programma di supervisione. Riceve, interpreta ed esegue i comandi provenienti dal controller: imposta la modalità di acquisizione, fornisce le eventuali risposte (risultati di una misura, messaggi di stato, ecc.). Bus di comunicazione Costituisce il "canale di comunicazione" tra strumenti e controller. Risponde sempre a precise disposizioni normative (meccaniche ed elettriche).

12 Le principali architetture dei sistemi ATE (1/4) Controller bus di comunicazione strumento 1 strumento 2 strumento N intra-instrument (GPIB, HP-IL, )

13 Le principali architetture dei sistemi ATE (2/4) Controller strumento 1 Strumento 2 Strumento N controller to instrument (RS232, USB, )

14 Le principali architetture dei sistemi ATE (3/4) Synthetic Instruments (VME, VXI, PXI, )

15 Le principali architetture dei sistemi ATE (4/4) Controller LAN WAN strumento 1 strumento 2 strumento N Architettura distribuita su rete LAN/WAN (LXI)

16 Standard industriali correnti per l hardware dei Sistemi ATE IEEE488 (GPIB) VXI PXI IEEE1178, IEEE1394, IEEE802.3 LXI

17 Introduzione I primi sistemi di test e misura automatici sono stati introdotti nei lontani anni '60. L assenza di precisi standard di riferimento per l hardware e per il software di questi dispositivi rendeva all epoca molto complessa l integrazione di strumenti di produttori diversi in uno stesso sistema ATE. Il primo standard ATE ad apparire sul mercato è stato il GPIB (General Purpose Interface Bus), inizialmente proposto da Hewlett- Packard (1965) e successivamente standardizzato (1975) dallo IEEE. Oggi è noto con il nome di ANSI/IEEE488 (USA) o IEC 625 (CE).

18 Cronistoria dello standard GPIB 1965: La Hewlett-Packard introduce il sistema HP-IB per il controllo remoto della propria linea di strumenti di misura programmabili 1972: Lo IEEE inizia l'iter di standardizzazione del bus HP-IB 1975: Il sistema HP-IB diviene lo standard IEEE (specifiche elettriche e meccaniche) 1987: Revisione IEEE (trattamento unificato di stato ed eventi) 1990: Introduzione dello SCPI per la strumentazione programmabile 1992: Estensione IEEE (definizione del formato dei dati) 1993: Presentazione del protocollo HS488 (NI e CEC)

19 Caratteristiche essenziali del bus GPIB Bus di tipo intra-instrument, parallelo a 8 bit con 5 linee di gestione generale dell'interfaccia e 3 di sincronismo (handshake); architettura tipo party-line (linee omonime di tutti gli apparecchi connesse in parallelo); handshake interlacciato per garantire la corretta ricezione dei dati anche da parte dei dispositivi più lenti; 14 dispositivi max contemporaneamente attivi sullo stesso segmento di bus (lunghezza max 20 m); 1 MByte/s di transfer rate massimo (8 MByte/s con handshake HS488);

20 Il connettore lato femmina per la connessione in partenza verso altri strumenti lato maschio per la connessione in arrivo allo strumento

21 Il bus GPIB è oggi una delle più diffuse interfacce nell'ambito della strumentazione da sistema di tipo benchtop. La maggior parte degli strumenti di questo tipo sul mercato sono (o possono essere) equipaggiati con moduli di connessione al bus GPIB. connettore GPIB connettore RS232 esempio di strumento dotato di interfacciamento GPIB (+ RS232) di serie (Generatore di funzioni Agilent 33120A)

22 Esempi di controller GPIB (1/3) (convertitori di protocollo) plug-in per bus PCI

23 Esempi di controller GPIB (2/3) (convertitori di protocollo) per bus USB

24 Esempi di controller GPIB (3/3) (convertitori di protocollo) per rete Ethernet

25 I perché della revisione IEEE Lo Standard IEEE definisce le sole specifiche meccaniche, ed elettriche del protocollo per strumentazione e dispositivi programmabili ma non definisce il formato dei dati, i comandi di configurazione, ecc. La disomogeneità nei set di comandi di strumenti di diversa origine comportava serie difficoltà ed elevati costi di manutenzione per il software di supervisione dei sistemi automatici di misura. Se in un sistema ATE già operativo si presentava la necessità di sostituire anche un solo strumento con un altro di diversa origine, era sempre necessario apportare modifiche anche significative al software di controllo.

26 Quello che la revisione IEEE488.2 definisce Un set di comandi base (common commands) ed i formati di dati da utilizzarsi per lo scambio di informazioni tra i vari dispositivi I diversi tipi di messaggi scambiabili fra controller e dispositivo (comandi e interrogazioni) i principali eventi che possono verificarsi durante il funzionamento di un dispositivo ed una struttura a registri programmabile per la segnalazione di questi ultimi al controller e quello che non definisce la semantica dei comandi un set di istruzioni univoco da utilizzarsi per le diverse tipologie di strumenti

27 Standard VXI (VMEbus extension for Instruments) (Synthetic instruments)

28 Consente l uso di moduli di diverse case costruttrici senza problemi di conflittualità meccaniche o elettriche. Consente trasferimenti dati a 8, 16 e 32 bit ma con transfer rate massimo limitato a circa 80 MByte/s; Non si basa sulla tecnologia dei Personal Computer quindi non può trarre vantaggio dai suoi progressi; E' in assoluto la piattaforma ATE più costosa sul mercato; fino a pochi anni fa era anche la più performante; E' ancora molto utilizzata (soprattutto in applicazioni di fascia alta) dati la grande diffusione avuta in passato (prima dell'introduzione delle architetture ATE più recenti) e l'elevato costo;

29 Standard PXI (PCI extension for Instruments) (intra-board/intra-cabinet)

30 Consente l'uso di moduli di produttori diversi Si basa sullo standard CompactPCI (PCI = Peripheral Component Interconnect) molto diffuso in ambito industriale; Usa il meglio della tecnologia dei Personal Computer (hardware e software) man mano che si rende disponibile (Open Standard); Consente trasferimenti di dati a 8, 16, 32 e 64 bit con transfer rate fino a 264 MByte/s (previste estensioni fino a diversi gigabyte/s); Le sue rigide specifiche meccaniche ed EMC ne fanno un ottimo candidato per applicazioni industriali e di test e misura di fascia alta; E' relativamente poco costosa (costi intermedi ai sistemi basati su PC ed a quelli basati su piattaforma VXI);

31 Standard IEEE1174 (controller to instrument)

32 Basato sulla specifica RS232, da decenni standard sui PC ma da qualche tempo in declino nel mercato consumer; insieme con le sue varianti RS422 e RS485 è una delle interfacce seriali riconosciute a livello internazionale ed è presente in molti strumenti e dispositivi usati in ambito industriale (soprattutto su quelli portatili); Consente transfer rate massimi di 384 kbit/s ma su corte distanze (pochi metri); le varianti RS422 e RS485 consentono velocità superiori (> 10 Mbit/s) su distanze dell ordine del kilometro ma non sono molto utilizzate negli strumenti di misura; E' una connessione di tipo "punto-punto" (una porta di comunicazione sul controller per ogni strumento); la RS485 consente invece la connessione di 32 dispositivi sullo stesso bus La recentissima standardizzazione dello IEEE ha permesso di armonizzarne definitivamente l uso nell'ambito della strumentazione programmabile;

33 architettura distribuita su rete LAN/WAN

34 Altri bus di recente standardizzazione per i sistemi ATE USB (Universal Serial Bus) che consente velocità di picco di 480 Mbit/s (USB 2.0) con la possibilità di connettere fino a 127 dispositivi; di recente è stata infatti introdotta la classe di periferiche USBTMC (USB Test & Measurement Class) con relativo driver; IEEE1394 (FireWire) che consente velocità di picco di 400 Mbit/s (oltre 3 Gbit/s nella versione su fibra ottica);

35 Il software di controllo dei sistemi ATE

36 L'hardware di misura non è tutto! Ogni sistema ATE è gestito da un apposito programma di supervisione e controllo che, nella maggior parte dei casi, è sviluppato ad hoc per la specifica applicazione; i compiti di quest'ultimo sono: controllo e coordinamento delle operazioni di misura (dire agli strumenti cosa fare, come e quando), raccolta dati dal lato controller, elaborazione dei dati di misura per estrazione delle informazioni di interesse, presentazione dei risultati (in forma di tabelle, grafici, ecc.) archiviazione su dispositivi di memoria di massa. un sistema ATE privo di un simile supporto software sarebbe del tutto inoperativo o potrebbe essere utilizzato solo in modo manuale (solo strumenti benchtop )

37 il programma di supervisione può "dialogare" con la strumentazione (trasmettendogli i comandi ed aspettando le eventuali risposte) grazie al software di supporto fornito dal costruttore del controller o da terze parti. Fondamentalmente esso è costituito da tre parti distinte: un driver di basso livello per il sistema operativo in uso; una o più librerie API (Application Programming Interface) ; uno o più moduli di interfacciamento versounoopiùambienti di sviluppo supportati; una o più utility; L'interazione di un eventuale operatore umano con l'hardware di misura è garantito da un'apposita interfaccia utente grafica interattiva (strumento virtuale)

38 il driver la libreria API i moduli di interfacciamento agli ambienti di sviluppo utility consente di realizzare l interfacciamento tra il controller ed il sistema operativo del calcolatore al quale quest'ultimo è connesso. consente di realizzare l interfacciamento tra il driver di basso livello e le applicazioni utente. Il sistema operativo fornisce supporto alle operazioni di scambio dati a questo livello. Per ragioni di copyright sono sempre in forma compilata e non modificabile dall'utente. sono dei moduli software dati spesso in forma sorgente che consentono l'accesso alle varie funzioni della libreria API dai vari ambienti supportati. sono dei programmi che consentono di eseguire semplici operazioni di verifica e debug dello stato del sistema ATE. Generalmente sono forniti in forma compilata e non modificabile.

39

40 Losviluppoelamanutenzionedelsoftwaredisupervisioneecontrollo di un sistema ATE richiede approfondite conoscenze tanto delle varie tecnologie software disponibili quanto delle caratteristiche della strumentazione che si intende controllare. In questo ambito si è avuto un notevole impulso positivo dall'introduzione dei nuovi ambienti di programmazione "visuale" (NI LabVIEW,Microsoft Visual Basic /Visual C++,BorlandDelphi, ecc.) e delle nuove tecnologie software (COM, DCOM, ActiveX,.NET)

41 La selezione dell'ambiente di sviluppo del software di supervisione: primo e più importante problema da risolvere breve panoramica e confronto tra le principali alternative oggi disponibili

42 Le possibili alternative: Ambienti specifici per il controllo di strumentazione numerica e hardware DAQ Ambienti specifici per l'elaborazione di dati scientifici Ambienti di tipo "RAD generici Soluzioni "ibride"

43 Ambienti specifici per il controllo di strumentazione numerica e dispositivi DAQ (LabVIEW, CVI, HP VEE, TestPoint, ATEasy, HTBasic, ecc.) Pregi: Grande flessibilità nell'interfacciamento alla strumentazione di misura ed ai dispositivi DAQ; Flessibilità nella creazione dell'interfaccia utente; Programmazione semplice e veloce per algoritmi di bassa/media complessità. Difetti: Non dispongono di funzionalità avanzate per l'elaborazione di dati numerici; Difficile implementazione di algoritmi complessi; Elaborazione lenta per grandi moli di dati e/o per algoritmi computazionalmente impegnativi.

44 Esempio: un programma (strumento virtuale) sviluppato in LabVIEW

45 Ambienti di tipo "RAD" (Rapid Application Development) (MS Visual Basic /C++, Borland Delphi e simili) Pregi: Creazione dell'interfaccia utente in modo semplice e veloce; Programmazione avanzata di tipo event-driven; Interfacciabilità (relativamente) semplice alla strumentazione di misura; Disponibilità di tecnologie avanzate come MS COM/DCOM, ActiveX e.net per la rapida ed efficace integrazione di componenti software di terze parti anche molto sofisticati; Difetti: Mancanza o scarsità di avanzate funzionalità di elaborazione numerica; Sono richieste conoscenze di programmazione anche piuttosto avanzate;

46 Modalità di lavoro in un tipico ambiente RAD: Borland Delphi (Inprise Corp.)

47 Ambienti specifici per l'elaborazione di dati scientifici (MATLAB, Mathematica, ecc.) Pregi: Programmazione semplice; Dispongono di librerie complete per la soluzione di ogni tipo di problema scientifico; Difetti: Limitata interattività nella creazione dell'interfaccia utente; Accesso difficoltoso ai dispositivi DAQ o alla strumentazione di misura con controllo centralizzato da PC.

48 Soluzioni "ibride" (più ambienti specializzati tra loro cooperanti) Pregi: (quasi) tutti quelli dei singoli ambienti utilizzati. Difetti: Programmazione complessa (sono spesso necessarie conoscenze avanzate); Costi iniziali elevati (richiedono più pacchetti software); Possibili problemi nel dialogo tra i vari ambienti; Scarsa efficienza computazionale.

49 Standard software per i sistemi ATE SCPI: Standard Commands for Programmable Instruments VISA: Virtual Instruments Software Architecture IVI: Interchangeable Virtual Instruments

50 SCPI i perché di un set di istruzioni standard Dallaprimacomparsadellastrumentazione di misura programmabile e fino a pochi anni fa le diverse case costruttrici normalmente implementavano per i propri strumenti set di comandi proprietari. Identici comandi potevano avere differenti significati per strumenti di diversi produttori o (più frequentemente) identiche funzioni su strumenti diversi (anche se dello stesso produttore ) richiedevano comandi completamente differenti. Sotto la guida dello SCPI Consortium UK (un associazione dei maggiori produttori di strumenti programmabili, oggi assorbito dalla IVI Foundation) si è ottenuto uno standard noto come SCPI (Standard Commands for Programmable Instruments), che introduce un modello unico per gli strumenti di misura programmabili e incoraggia l'uso di un set univoco di istruzioni per il loro controllo remoto.

51 Introduce un modello di riferimento adattabile ad ogni strumento/dispositivo di misura e/o stimolo; I pregi dello SCPI Introduce e standardizza le regole per la composizione dei comandi della strumentazione programmabile; E' un estensione dello standard IEEE488.2, quindi è con esso pienamente compatibile; E indipendente dal particolare standard hardware può essere adottato anche su strumentazione programmabile non GPIB; Riduce nettamente (se non azzera ) i tempi di adattamento del software di supervisione di un sistema ATE quando è necessario sostituire uno strumento con uno di diversa origine (purché entrambi conformi alle direttive SCPI ); Riduce considerevolmente il tempo di addestramento degli amministratori di sistema e degli sviluppatori del software di supervisione; esempio di comando SCPI per un multimetro: :MEASURE:VOLTAGE:AC? 20, invece dei vari: ACVOLT 20, 0.001, oppure VOLTAC 20, 0.001, oppure FUNCTION ACVOLT 20, ecc.

52 Il modello di un generico strumento/dispositivo di misura elaborato dallo SCPI Consortium UK Funzione di misura Signal Routing INPut SENSe CALCulate FORMat data bus TRIGer MEMory DISPlay Signal Routing OUTput SOURce CALCulate FORMat Funzione di generazione di segnali

53 VISA (Virtual Instrument Software Architecture) Uno standard aperto per il controllo di strumentazione automatica indipendente dal bus di sistema (GPIB, Seriale, VXI, PXI, USB, ) E una libreria API (Application Programming Interface) di formato standard (nomi delle funzioni con ordine, tipo e significato degli argomenti fissi e non modificabili) Supportato da VXIPlug&Play System Alliance (un associazione di produttori di hardware di misura come NI, LeCroy, Agilent, ecc., oggi assorbita dalla IVI Foundation); Semplifica notevolmente lo sviluppo del software di controllo ma non consente di raggiungere la totale intercambiabilità dell hardware.

54 Un esempio d uso di VISA accesso ad uno strumento seriale in LabVIEW

55 IVI (Interchangeable Virtual Instruments) Uno standard aperto per il controllo di strumentazione automatica indipendentemente dal set di istruzioni dello strumento; Supportato da IVI Foundation, un consorzio costituito dai maggiori produttori mondiali di strumentazione programmabile; Come VISA è una libreria API di formato standard (nomi delle funzioni con ordine, tipo e significato degli argomenti fissi e non modificabili); Si propone come estensione e completamento di VISA richiede l installazione di una libreria VISA standard; Richiede l installazione di driver IVI specifici per ogni strumento (IVI instrument drivers); Consente un controllo fine dello stato degli strumenti riducendo al minimo il traffico dati sul bus; Consente di raggiungere (finalmente ) la totale intercambiabilità dell hardware di misura.

56 Conclusioni La strumentazione di misura programmabile riveste un ruolo di primo piano in moltissimi settori, dalla ricerca di base e applicata all automazione industriale; Esistono numerosi standard internazionali sia per l hardware che per il software di controllo dei sistemi ATE; Gli standard hardware (IEEE488, VXI, PXI, ecc.) consentono di realizzare sistemi ATE integrando strumenti di diversi produttori; Gli standard software (SCPI, VISA, IVI) e le moderne tecnologie di programmazione modulare (COM, DCOM, ActiveX,.NET) consentono di semplificare enormemente lo sviluppo e la manutenzione dell indispensabile software di supervisione;

Sistemi di acquisizione dati

Sistemi di acquisizione dati Sistemi di acquisizione dati - 1 Sistemi di acquisizione dati 1 - Configurazioni tipiche Generalità L impiego di tecniche numeriche per la rappresentazione dei segnali consente la successiva elaborazione

Dettagli

Le tendenze future nella tecnologia PC Bus

Le tendenze future nella tecnologia PC Bus Le tendenze future nella tecnologia PC Bus Agenda Bus Il software NI Demo Domande I Bus Test and Measurement Message based GPIB Ethernet USB Register-based VXI PCI PXI PCI Express Cos è la GPIB? General

Dettagli

Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri

Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri Gruppo Misure Elettriche ed Elettroniche Facoltà di Ingegneria Università Mediterranea di Reggio Calabria Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri LabView Ambiente di sviluppo grafico: - LabVIEW

Dettagli

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ)

Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Introduzione alle misure con moduli multifunzione (DAQ) Ing. Andrea Zanobini - Maggio 2012 Dipartimento

Dettagli

SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI

SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI Strumenti dedicati a particolari fasi operative (esempio: analizzatori di bus di campo, sniffer, strumenti per il monitoraggio della distribuzione dell energia,..)

Dettagli

Hardware di I/O Agilent per il collegamento di strumenti ai PC Scheda tecnica

Hardware di I/O Agilent per il collegamento di strumenti ai PC Scheda tecnica Hardware di I/O Agilent per il collegamento di strumenti ai PC Scheda tecnica Scegliete il modo migliore per collegare il vostro PC agli strumenti GPIB e RS-232 Sfruttate i vantaggi offerti dalle interfacce

Dettagli

RETI INDUSTRIALI. Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Introduzione GERARCHIA DI CONTROLLO

RETI INDUSTRIALI. Sistemi di rete a cablatura tradizionale. Sistemi di rete a cablatura innovativa Bus. Introduzione GERARCHIA DI CONTROLLO RETI INDUSTRIALI Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it\fmraimondi Lezioni del corso di Automazione Industriale Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei Sistemi GERARCHIA DI CONTROLLO Ing. F.M.

Dettagli

DD 1050i. Terminale di pesatura Serie Diade. Touch screen, mille dati con un dito.

DD 1050i. Terminale di pesatura Serie Diade. Touch screen, mille dati con un dito. DD 1050i Terminale di pesatura Serie Diade Touch screen, mille dati con un dito. Terminale di pesatura Serie Diade DD 1050i DIADE in matematica indica la combinazione di due elementi per raggiungere l

Dettagli

Input/Output: bus, interfacce, periferiche

Input/Output: bus, interfacce, periferiche Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 29 Input/Output: bus, interfacce, periferiche A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L

Dettagli

MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo

MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo IPSES S.r.l. Scientific Electronics MT2 e MT3: Schede e sistemi di controllo motori passo passo La gamma più completa per il controllo intelligente dei motori passo passo I nostri sistemi sono la soluzione

Dettagli

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM.

Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. Sistema per il test dell impianto elettrico in linea di montaggio della vettura FERRARI 575 MM. La sfida Certificare il corretto montaggio dell impianto elettrico, escludendo la presenza di cortocircuiti

Dettagli

Touch screen, mille dati con un dito

Touch screen, mille dati con un dito DD 1050 Terminale di pesatura Serie Diade Touch screen, mille dati con un dito Strumenti e Tecnologie per Pesare Terminale di pesatura Serie Diade DD 1050 DIADE in matematica indica la combinazione di

Dettagli

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Introduzione La RTU B200, ultima nata del sistema TMC-2000, si propone come valida risposta alle esigenze di chi progetta e implementa sistemi di automazione

Dettagli

ACQUISIZIONE DATI TELECONTROLLO AUTOMAZIONI

ACQUISIZIONE DATI TELECONTROLLO AUTOMAZIONI 1 ACQUISIZIONE DATI 2 TELECONTROLLO 3 BUILDING E INFRASTRUTTURE 4 AUTOMAZIONI ACQUISIZIONE DATI Sistema di acquisizione dati: sistema in grado di raccogliere, elaborare e memorizzare grandezze analogiche

Dettagli

e automazione industriale

e automazione industriale Corso di Laurea Magistrale di Ingegneria Elettrica Corso di Sistemi e componenti per l automazione AA 2014-15 Azionamenti elettrici e automazione industriale Ezio Bassi, Francesco Benzi Università di Pavia

Dettagli

Sistema di acquisizione dati

Sistema di acquisizione dati Sistema di acquisizione dati Ci sono innumerevoli ragioni sul perché é necessario acquisire informazioni dal mondo esterno: 1. Il controllo dei processi fisici che interessano la produzione industriale

Dettagli

Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232

Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232 IPSES S.r.l. Scientific Electronics IPSES SCHEDE DI I/O Schede di gestione di ingressi e uscite digitali e/o analogiche mediante interfaccia USB, Ethernet, WiFi, CAN o RS232 Le schede di gestione I/O IPSES

Dettagli

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica. Ing. Alessandro Pisano Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.it Cagliari, 25 settembre 2009 Impianti domotici Una opportuna interconnessione

Dettagli

EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio

EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio Dr Stefano Vianelli EURINS srl Categoria Automotive Prodotti utilizzati LabVIEW 6i,

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA. Presentazione

FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA. Presentazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA Presentazione Tesi di Laurea in Misure per l Automazione

Dettagli

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania

What is LabVIEW???? Pietro Giannone. Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi. Università degli Studi di Catania Università degli Studi di Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica e dei Sistemi What is LabVIEW???? Pietro Giannone University of Catania Dipartimento di Ingegneria Elettrica Elettronica

Dettagli

L architettura di sviluppo per PLC presente in Laboratorio

L architettura di sviluppo per PLC presente in Laboratorio L architettura di sviluppo per PLC presente in Laboratorio Introduzione Le postazioni presenti in laboratorio sono configurate per consentire lo sviluppo e la validazione di software per PLC. Ogni postazione

Dettagli

" Soluzioni avanzate di telecontrollo con componenti standard di automazione: tecnologie Internet, M2M, IEC60870 "

 Soluzioni avanzate di telecontrollo con componenti standard di automazione: tecnologie Internet, M2M, IEC60870 " Soluzioni avanzate di telecontrollo con componenti standard di automazione: tecnologie Internet, M2M, IEC60870 " Obiettivi Prevenzione malfunzionamenti riduzione disservizi conformità a standard minimi

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Open Core Engineering Libertà ed efficienza nelle vostre mani

Open Core Engineering Libertà ed efficienza nelle vostre mani Open Core Engineering Libertà ed efficienza nelle vostre mani Nuove opportunità per affrontare le attuali sfide nella progettazione di software Cicli di vita dei prodotti sempre più brevi stanno alimentando

Dettagli

LabVIEW. Apertura del programma

LabVIEW. Apertura del programma LabVIEW Il termine LabVIEW significa Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. LabVIEW è un prodotto che si è imposto nel tempo come standard di riferimento per la gestione e la elaborazione

Dettagli

DS100: COLLEGAMENTI E SEGNALAZIONI

DS100: COLLEGAMENTI E SEGNALAZIONI di Davide Ferrario Il Tibbo DS100 è un Server di Periferiche Seriali, consente cioè di collegare un dispositivo munito di porta seriale ad una LAN Ethernet, permettendo quindi l accesso a tutti i PC della

Dettagli

MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA

MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA ESSEBI Srl NUOVE FRONTIERE DEL MONITORAGGIO STRUTTURALE MONITORAGGI STRUTTURALI WIRELESS A LETTURA REMOTA Roma, 4 maggio 2011 Facoltà di Architettura via Gramsci, 53 Roma MONITORAGGIO WIRELESS I principali

Dettagli

Architettura dei sistemi x86 Interfacce I/O

Architettura dei sistemi x86 Interfacce I/O I.I.S. Benvenuto Cellini Corso di formazione tecnica Architettura dei sistemi x86 Interfacce I/O Prof. Alessandro Pinto v.2009 Bus ISA (Industry Standard Architecture ) (1981 metà anni 90) Bus di interconnessione

Dettagli

Un Laboratorio di Telecomunicazioni ed Elettromagnetismo applicato per Teledidattica

Un Laboratorio di Telecomunicazioni ed Elettromagnetismo applicato per Teledidattica Un Laboratorio di Telecomunicazioni ed Elettromagnetismo applicato per Teledidattica A.N. D ANDREA, F. GIANNETTI, G. MANARA, M. MICHELINI, P. NEPA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE, UNIVERSITÀ

Dettagli

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento

Matrice delle competenze THEME - Settore tecnologie elettriche/elettroniche con competenze parziali/ risultati di apprendimento AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Preparazione, progettazione, montaggio e installazione di impianti elettrici e/o elettronici per edifici a uso civile e applicazioni industriali

Dettagli

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 SISTEMA DI ALLARME Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 i s o p l u s IPS-DIGITAL-CU IPS-DIGITAL-NiCr IPS-DIGITAL-Software IPS-DIGITAL-Mobil IPS-DIGITAL isoplus Support

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

Un linguaggio comune per la domotica

Un linguaggio comune per la domotica Un linguaggio comune per la domotica La trasmissione e la corretta comprensione dʼinformazioni e comandi è indispensabile per il funzionamento ottimale degli impianti domotici Sono ormai di larga diffusione

Dettagli

Corso di Sistemi Automatici di Misura

Corso di Sistemi Automatici di Misura Corso di Sistemi Automatici di Misura GENERALITA SUL VXI BUS Oggi che i sistemi di misura automatici costituiscono una realtà consolidata, l interesse va spostandosi sempre più verso la qualità dell automazione

Dettagli

SUPPORTI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE

SUPPORTI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE SUPPORTI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE Alessandro DE CARLI - Luigi PARIS Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza Via Eudossiana

Dettagli

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1 Introduzione al Networking Introduzione Al giorno d oggi il Networking non è più un sistema riservato solo alle aziende di enormi dimensioni, ma interessa anche i piccoli uffici, le scuole e le case. Infatti

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Misure per la Automazione e la Produzione Industriale (Studenti Ingegneria Elettrica e Meccanica V anno Vecchio Ordinamento) Misure per la Automazione e la Qualità (Studenti Ingegneria Elettrica

Dettagli

Le porte del computer. Appunti di Sistemi per la cl. 3 D inf. A cura del prof. Mario Catalano

Le porte del computer. Appunti di Sistemi per la cl. 3 D inf. A cura del prof. Mario Catalano Le porte del computer Appunti di Sistemi per la cl. 3 D inf. A cura del prof. Mario Catalano Le porte Il computer deve comunicare i dati che elabora Le porte di I/O sono una serie di prese, localizzate

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Piattaforme di connettività nelle applicazioni industriali

Piattaforme di connettività nelle applicazioni industriali www.microscan.com Piattaforme di connettività nelle applicazioni industriali Gli ambienti di produzione industriale presentano rischi in termini di pulizia, umidità e picchi di temperatura molto significativi

Dettagli

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI

I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Corso di Strumentazione e Misure per l Automazione (Studenti Ingegneria Meccanica II anno Laurea Magistrale curr. Automazione e Produzione) I BUS DI COMUNICAZIONE SERIALI Andrea Bernieri bernieri@unicas.it

Dettagli

SERVOAZIONAMENTI SERVOAZIONAMENTO DIGITALE SINGOLO ASSE ESTREMAMENTE COMPATTO

SERVOAZIONAMENTI SERVOAZIONAMENTO DIGITALE SINGOLO ASSE ESTREMAMENTE COMPATTO SERVOAZIONAMENTI SERVOAZIONAMENTO DIGITALE SINGOLO ASSE ESTREMAMENTE COMPATTO DS2020 MAGGIORE COMPATTEZZA E FLESSIBILITÀ IN UNA VASTA GAMMA DI APPLICAZIONI INDUSTRIALI WHAT MOVES YOUR WORLD INTRODUZIONE

Dettagli

Tecnologia di controllo per un'efficienza a lungo termine degli impianti fotovoltaici

Tecnologia di controllo per un'efficienza a lungo termine degli impianti fotovoltaici Centro per le Energie Rinnovabili Tecnologia di controllo per un'efficienza a lungo termine degli impianti fotovoltaici Avda. Isaac Newton, 3; 4ª Planta PCT Cartuja 41092 Sevilla Tel: +34 955 036 800 Fax:

Dettagli

SISTEMA A FIBRA OTTICA SNAKE PERIMETER

SISTEMA A FIBRA OTTICA SNAKE PERIMETER SISTEMA A FIBRA OTTICA SNAKE SNAKE Protezione perimetrale a FIBRA OTTICA SNAKE è un sistema di protezione perimetrale con rilevazione a fibra ottica adatto ad applicazioni interne ed esterne. Utilizza

Dettagli

Controllo logico sequenziale

Controllo logico sequenziale Controllo logico sequenziale Automazione 28/10/2015 Vincenzo Suraci STRUTTURA DEL NUCLEO TEMATICO INTRODUZIONE REALIZZAZIONE SU EMBEDDED SYSTEM REALIZZAZIONE SU PLC REALIZZAZIONE SU SOFT PLC Via Ariosto

Dettagli

Benchmarking ATE. Ottimizzazione del Tempo di Collaudo

Benchmarking ATE. Ottimizzazione del Tempo di Collaudo Benchmarking ATE Ottimizzazione del Tempo di Collaudo La Tendenza in Campo Industriale Alto Basso Ciclo vitale Prezzo Volumi Prodotti Standard di Qualità Complessità Tempo La Catena di Misura Una Visione

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

RoboTESTER Wall-E, ATE a letto d aghi per Test In-Circuit e Funzionale. 1/6 www.ni.com

RoboTESTER Wall-E, ATE a letto d aghi per Test In-Circuit e Funzionale. 1/6 www.ni.com RoboTESTER Wall-E, ATE a letto d aghi per Test In-Circuit e Funzionale "L utilizzo di hardware COTS (Commercial off-the-shelf) National Instruments e di LabVIEW ha permesso al cliente finale di ottenere

Dettagli

Universal Serial Bus. Informazioni tecniche. Simbolo dell USB

Universal Serial Bus. Informazioni tecniche. Simbolo dell USB Universal Serial Bus Simbolo dell USB L'Universal Serial Bus (USB) è uno standard di comunicazione seriale che consente di collegare diverse periferiche ad un computer. Informazioni tecniche Connettore

Dettagli

I bus di campo nell automazione industriale

I bus di campo nell automazione industriale I bus di campo nell automazione industriale Fabio Giorgi Introduzione Aspetti di comunicazione nell automazione industriale Esempio di cella di lavorazione Passaggio dal controllo centralizzato al controllo

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

AMBIENTE DI SVILUPPO Promax offre un ambiente di sviluppo software con interfaccia windows completo di tante funzioni tecnologiche avanzate.

AMBIENTE DI SVILUPPO Promax offre un ambiente di sviluppo software con interfaccia windows completo di tante funzioni tecnologiche avanzate. www.promax.it Le informazioni contenute nel manuale sono solo a scopo informativo e possono subire variazioni senza preavviso e non devono essere intese con alcun impegno da parte di Promax srl. Promax

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

UN ARCHITETTURA PER L INTERNET CALIBRATION Nuove opportunità di taratura e di diagnostica a distanza della strumentazione

UN ARCHITETTURA PER L INTERNET CALIBRATION Nuove opportunità di taratura e di diagnostica a distanza della strumentazione Workshop sulle sulle Telemisure --Bologna, 25 25 febbraio 2004 2004 UN ARCHITETTURA PER L INTERNET CALIBRATION Nuove opportunità di taratura e di diagnostica a distanza della strumentazione Alessio Franco

Dettagli

La lavorazione del legno si evolve

La lavorazione del legno si evolve La lavorazione del legno si evolve Bottene Srl da oltre 75 anni produce a Schio macchine e impianti per la lavorazione del legno. Oggi le macchine sono ancora più semplici da usare grazie a Movicon CE.

Dettagli

Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso

Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso Domino Domino Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso Versione 1.2 - Giugno 2002 srl Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 Domino - DFTS: Manuale d'uso r.1.2 Indice 1-

Dettagli

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8

Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Insegnamento di Informatica CdS Scienze Giuridiche A.A. 2007/8 Livelli di rete e architettura Client-Server Lez 12 architettura client-server 1 Scorsa lezione: comunicazione Gli utenti chiedono comunicazione

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA I sistemi di misura distribuiti

SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA I sistemi di misura distribuiti ferrigno@unicas.it Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale SISTEMI DI INTEGRAZIONE ELETTRONICA I sistemi di misura distribuiti Docente: Luigi Ferrigno MiniDAT MiniDAT MiniDAT I sistemi

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Convertitori/Ripetitori in FIBRA OTTICA

Convertitori/Ripetitori in FIBRA OTTICA FUNZIONALITA ED AFFIDABILITA I convertitori in fibra ottica danno la possibilità di estendere su fibra ottica qualsiasi tipo di rete/bus (LAN/Ethernet, CAN o seriale) anche contemporaneamente e garantiscono

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! L interfaccia tra i sistemi di controllo ed i sistemi elettrici: nuove architetture basate su reti e/o bus di comunicazione Andrea Bazzani Michele Monaco Sergio Guardiano SISTEMI

Dettagli

Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione

Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione Ing. Susanna Spinsante Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università Politecnica delle Marche Ancona, 21

Dettagli

La tecnica proporzionale

La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Controllo direzione e flusso La tecnica proporzionale

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE

MANUALE D ISTRUZIONE MANUALE D ISTRUZIONE 1. INTRODUZIONE SISTEMA DIGICROWN PROBING LINE... 4 2. SCHEDA PCI... 6 2.1. PRIMA DI PROCEDERE ALL INSTALLAZIONE... 6 3. INSTALLAZIONE HARDWARE... 7 3.1. SINCRONIZZAZIONE DELLE SCHEDE...

Dettagli

CORSEO TECNICO RIPARATORE HARDWARE TEST DI VERIFICA FINALE

CORSEO TECNICO RIPARATORE HARDWARE TEST DI VERIFICA FINALE CORSEO TECNICO RIPARATORE HARDWARE TEST DI VERIFICA FINALE 1. Descrivi brevemente la differenza tra hardware e software: Hardware: Insieme delle sue componenti elettroniche e meccaniche; Software: Insieme

Dettagli

AUTROSAFE 4 La nuova generazione di sistemi di rivelazione incendi interattivi

AUTROSAFE 4 La nuova generazione di sistemi di rivelazione incendi interattivi AUTROSAFE 4 La nuova generazione di sistemi di rivelazione incendi interattivi Autronica Fire and Security AS COLLAUDATO, AFFIDABILE ED INNOVATIVO AUTROSAFE 4 - la nuova generazione di sistemi di rivelazione

Dettagli

La simulazione motore nel test automatico per centraline auto. 1/7 www.ni.com

La simulazione motore nel test automatico per centraline auto. 1/7 www.ni.com La simulazione motore nel test automatico per centraline auto "Grazie a LabVIEW è stato possibile riutilizzare tutti gli oggetti software e le funzioni precedentemente sviluppate e collaudate" - L. Pantani,

Dettagli

Il Gruppo Esea Strumentazione di processo

Il Gruppo Esea Strumentazione di processo Il Gruppo Esea Strumentazione di processo Apparecchiature da campo e di analisi per l automazione di processo dalla A alla Z, tutto da un unico partner. Misura ciò che è misurabile, e rendi misurabile

Dettagli

Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0

Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0 Linea LINEA SYSTEMS vers. 4.0 Categoria COMPUTO E CAPITOLATO Famiglia SISTEMI DI CONTROLLO Tipologia SISTEMA DI SUPERVISIONE GEOGRAFICO Modello TG-2000 WIDE AREA Pubblicata il 01/09/2006 TESTO PER COMPUTO

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE Introduzione alle reti 1 2 Perché... All inizio degli anni 80 sono nati i PC, in contrapposizione ai grossi sistemi presenti allora nelle aziende che collegavano terminali

Dettagli

EXD 10 Controllore multiprotocollo Scheda madre 6UI+6AO+COM

EXD 10 Controllore multiprotocollo Scheda madre 6UI+6AO+COM EXD 10 Controllore multiprotocollo Scheda madre 6UI+6AO+COM DESCRIZIONE SINTETICA Controllore multiprotocollo operante in multitasking su cinque porte di comunicazione ed una base di ingressi ed uscite,

Dettagli

Collegamento al sistema

Collegamento al sistema Collegamento al sistema Chi comanda il movimento della testina? Chi comanda la generazione del raggio laser? Chi si occupa di trasferire i dati letti in memoria centrale? Chi comanda la rotazione dei dischi?

Dettagli

Componenti principali di un computer

Componenti principali di un computer Componenti principali di un computer Unità centrale Processore Controller Memoria principale (centrale) Bus Stampante Terminale Periferiche di input/output Memorie di massa (secondarie) 1 COMPONENTI DI

Dettagli

Grado di protezione IP 65 Classe di protezione Condizioni ambientali Da - 25 C a + 55 C

Grado di protezione IP 65 Classe di protezione Condizioni ambientali Da - 25 C a + 55 C 52 / Guida Pratica Prodotti e Servizi Accessori per inverter / I nostri accessori completano tutti gli impianti FV, semplificano l installazione e provvedono alla necessaria sicurezza del sistema Fronius

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

DCC 4.01. Data Center Control. Da oltre 20 ANNI, la nostra esperienza a vostra disposizione

DCC 4.01. Data Center Control. Da oltre 20 ANNI, la nostra esperienza a vostra disposizione DCC 4.01 Data Center Control Da oltre 20 ANNI, la nostra esperienza a vostra disposizione DCC 4.01 - DATA CENTER CONTROL Il DCC4.01 è un sistema opportunamente studiato per la gestione e il controllo di

Dettagli

Componenti per l automazione industriale

Componenti per l automazione industriale Componenti per l automazione industriale Gest. Aziend. Pian. Prod. EDP PIMS Supervisione Controllo di base SCADA PLC / PID DCS Misura e comando Sensori e attuatori Architettura a singolo anello Realizzata

Dettagli

Rilheva - LAN. Manuale d uso. Ethernet System

Rilheva - LAN. Manuale d uso. Ethernet System Rilheva - LAN Manuale d uso Ethernet System INDICE DIMENSIONI 3 AVVERTENZE DI SICUREZZA 4 DESCRIZIONE GENERALE 4 ARCHITETTURA DEL SISTEMA 5 APPLICAZIONI 6 CONFIGURAZIONE DEL DISPOSITIVO 6 DIAGNOSTICA 7

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Z-TWS4 CONTROLLORE MULTIFUNZIONE PER ENERGY MANAGEMENT. www.seneca.it OPC

Z-TWS4 CONTROLLORE MULTIFUNZIONE PER ENERGY MANAGEMENT. www.seneca.it OPC CONTROLLORE MULTIFUNZIONE PER ENERGY MANAGEMENT 100% Made & Designed in Italy Linux OPC Protocolli Energy Management IEC 60870-5-101 IEC 60870-5-104 IEC 61400-25 www.seneca.it ENERGY MANAGEMENT Grazie

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

Sistemi di Automazione Industriale

Sistemi di Automazione Industriale Introduzione ai PLC Sistemi di Automazione Industriale Ridurre e/o eliminare il ruolo dell operatore umano Ogni sistema di automazione prevede: Sistema Controllato; è un generatore di eventi non prevedibili

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO PER LE SCOMMESSE SU EVENTI SIMULATI

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO PER LE SCOMMESSE SU EVENTI SIMULATI LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO PER LE SCOMMESSE SU EVENTI SIMULATI Premessa... 2 Percorso della verifica di conformità... 2 Documento specifiche tecnico-funzionali

Dettagli

Panoramica dei firmware per dispositivi Barix

Panoramica dei firmware per dispositivi Barix Panoramica dei firmware per dispositivi Barix PRESENTAZIONE Introduzione L obiettivo di questa presentazione è quello di illustrare la panoramica dei firmware disponibili per i dispositivi Barix. Attraverso

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

-V- Novità. Unità operative FED, Front End Display 7.1. Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6.

-V- Novità. Unità operative FED, Front End Display 7.1. Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6. D07_01_010_F-FED D07_01_009_E-FED Unità operative FED, Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6.02 Interfaccia PC/stampante (FED-90) Clock interno 2003/10 Con riserva

Dettagli

MICROSERVER Codice: 704941-421 0,00

MICROSERVER Codice: 704941-421 0,00 NB4 SRL VIA DELLA MADONNINA 4 20881 BERNAREGGIO (MB) Tel: +390396884207 Fax: +390396884248 e-mail: info@nb4.it MICROSERVER Codice: 704941-421 0,00 Proliant Microserver HP - Ultra Micro Tower - L'azienda

Dettagli

Scheda PCI Express SuperSpeed USB 3.0 a 2 porte con supporto UASP - 1 interna 1 esterna

Scheda PCI Express SuperSpeed USB 3.0 a 2 porte con supporto UASP - 1 interna 1 esterna Scheda PCI Express SuperSpeed USB 3.0 a 2 porte con supporto UASP - 1 interna 1 esterna StarTech ID: PEXUSB3S11 La scheda PCI Express USB 3.0 PEXUSB3S11 permette di aggiungere una porta USB 3.0 interna

Dettagli

TDSP sistema di monitoraggio vibrazioni

TDSP sistema di monitoraggio vibrazioni Divisione Strumentazione TDSP sistema di monitoraggio vibrazioni CEMB S.p.A. - Via Risorgimento, 9-23826 Mandello del Lario (LC) - Italy - CEMB/TDSP SISTEMA/VERSION 1 /05-10-10 Tel. +39 0341 706111 - -

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO

Automazione Direzione Progetto Progettazione HSRIO HSRIO_BROCHURE.DOC HSRIO HIGH SPEED REMOTE INPUT OUTPUT Nome documento: Hsrio_Brochure.doc Responsabile: Bassignana Luigi Data: 01/04/2008 1 DESCRIZIONE Sistema modulare di IO remoto ad alta velocità,

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Sistema ATM con rete NetRail. Divisione elco srl

Sistema ATM con rete NetRail. Divisione elco srl Sistema ATM con rete NetRail Divisione elco srl Introduzione Verrà di seguito descritto un sistema di gestione degli impianti automotore di tipo evoluto. Questo sistema si basa sull'utilizzo di una rete

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO PROGRAMMA algoritmi, linguaggi di programmazione, traduttori, sistemi operativi e reti. Sistemi operativi

Dettagli