Le Applicazioni della Formazione a Distanza (FAD) in Biblioteca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Applicazioni della Formazione a Distanza (FAD) in Biblioteca"

Transcript

1 Apprendere in Biblioteca: la Società dell Informazione contro la Discriminazione e l Emarginazione Le Applicazioni della Formazione a Distanza (FAD) in Biblioteca Di Giada Costa Con la collaborazione di: Manuela Corbosiero, Valeria Di Vita, Giovanni Solimine Unione Europea Fondo Sociale Europeo Un progetto finanziato dalla Commissione Europea e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociale - U.C.O.F.P.L. - Div. IV nell'ambito del Programma di Iniziativa Comunitaria Equal

2

3 INDICE DEI CONTENUTI INDICE DEI CONTENUTI I PREMESSA 3 CHE COS È LA FAD 4 1. Aspetti terminologici e metodologici 4 2. FaD e Internet: a proposito dell e-learning Aspetti tecnologici: le piattaforme per l e-learning Aspetti tecnologici: gli standard I costi dell e-learning Il contesto dell istruzione universitaria Due esperienze FaD nelle università italiane Il contesto della formazione e dell aggiornamento professionale Un indagine nel panorama italiano: la pubblica amministrazione FaD e scuola Biblioteche e FaD 50 APPLICAZIONI FAD PER LE BIBLIOTECHE Il dibattito internazionale sulla formazione continua in LIS Stati Uniti: i corsi universitari a distanza I corsi della Francia Germania: i corsi a distanza e i seminari online Gran Bretagna: i corsi universitari a distanza Italia: supporti multimediali alla didattica, corsi e moduli didattici online Italia: i corsi universitari a distanza 111 PAG. I

4 PAG. II

5 PREMESSA Scopo del presente documento è l analisi del rapporto tra biblioteche e formazione a distanza da un duplice punto di vista: il ruolo di supporto alle attività formative che le biblioteche possono offrire nella società dell apprendimento, anche proponendosi come luogo per l erogazione di corsi rivolti agli utenti finali, allo scopo di favorire l inserimento attivo di tutti i cittadini, e in particolare di quelli svantaggiati, nelle dinamiche delle comunità locali; la necessità di utilizzare strumenti innovativi, come quelli previsti dalla FaD e dall'elearning, in ambito biblioteconomico per la formazione continua e l aggiornamento professionale dei bibliotecari e di quanti operano nei servizi di documentazione e accesso all informazione, in modo da potenziare i servizi di reference e la capacità di incidere positivamente nei processi di integrazione sociale. Entrambi questi obiettivi sono presenti nel progetto Abside e a questi scopi sono stati progettati moduli formativi, rivolti sia ai destinatari finali del progetto sia alle figure che potranno esercitare un utile ruolo di mediazione. L analisi dei principi e delle metodologie proprie della FaD e la ricognizione delle più significative esperienze a livello internazionale intende essere un contributo alla messa a punto di un offerta formativa adeguata agli obiettivi di Abside e di Equal. L ultima consultazione di tutti i siti web citati nello studio è stata effettuata durante il mese di ottobre PAG. 3

6 CHE COS È LA FAD 1. Aspetti terminologici e metodologici Per formazione a distanza (FaD) si intende quel processo formativo caratterizzato da: la separazione spazio-temporale tra docente e discente e tra gli studenti; l uso di educational media per colmare la distanza e condurre e favorire il dialogo tra i fruitori e il centro erogatore dell intervento formativo; la possibilità di sviluppare una comunicazione bidirezionale, sia in senso verticale (docente-studente) che in direzione orizzontale (studente-studente), ricreando processi di socializzazione tipici dell aula; la maggiore autonomia dello studente nell organizzazione del proprio iter di studio e nella gestione dei propri tempi di apprendimento. La FaD non va identificata con l autoistruzione; quest ultima infatti non implica alcun rapporto di interazione tra il produttore del corso e il suo fruitore, il quale segue il proprio percorso formativo non soltanto in modo autonomo ma soprattutto isolato, senza referenti, privo cioè della possibilità di chiedere chiarimenti e di ricevere supporto e assistenza. Concettualmente e metodologicamente lontana da questo modello educativo è la FaD, con la quale ci si propone invece di innescare un processo di apprendimento fondato sui tradizionali valori pedagogici della comunicazione, condivisione, collaborazione, confronto e verifica. Perché ciò si realizzi è necessario che dietro ogni intervento FaD ci sia un istituzione di riferimento che garantisca l adeguato supporto professionale, metodologico e tecnologico, oltre a farsi carico della progettazione, gestione e validazione del corso di studi a distanza. 1 La Fad è stata definita come la forma educativa più industrializzata 2 per il fatto che le sue origini e la sua evoluzione sono state segnate e determinate dalle innovazioni tecnologiche. 1 2 Per una più completa definizione di formazione a distanza si veda Desmond Keegan, Principi di istruzione a distanza, Firenze, La Nuova Italia, Otto Peters on distance education: the industrialization of teaching and learning, edited by Desmond Keegan, London, New York, Routledge, PAG. 4

7 L e-learning può essere considerato come la FaD di terza generazione, quella cioè che si avvale principalmente dell uso di internet come strumento trasmissivo, comunicativo e collaborativo per colmare la separazione spazio-temporale tra docente e discente e tra la comunità degli allievi. In base alla metodologia didattica adottata l e-learning assume connotazioni diverse, spesso espresse da termini specifici: teledidattica, didattica online e FaD sono quelli comunemente utilizzati nel contesto universitario italiano. La teledidattica implica l uso della telematica come mezzo trasmissivo più che collaborativo, pertanto solitamente le si associa un modello pedagogico tradizionale tipico del Web based training (WBT 3 ), ovvero dell autoapprendimento basato sugli strumenti e sui materiali messi a disposizione attraverso il Web; di fatto però nella realtà italiana ha significato l uso predominante della televisione satellitare per la fase di insegnamento, quasi a volere intendere il prefisso tele come indicativo di televisiva più che di telematica. Un corso online dovrebbe sottendere un modello didattico di tipo costruttivistico 4, che utilizzi la rete internet come canale di comunicazione per attuare forme di apprendimento collaborativo: «Il termine rete non evoca solo l uso di una rete di computer quanto piuttosto l'adozione di strategie didattiche collaborative che esaltino la componente sociale del processo di apprendimento attraverso l attivazione di una rete di individui [ ] facendo leva sulle funzionalità e le dinamiche della computer mediated communication (CMC)» 5. La modalità FaD di solito combina lezioni residenziali ad autoapprendimento a distanza; corrisponde all inglese blended learning: «Learning events that combine aspects of online and face-to-face instruction» 6. È stato sottolineato come «puntare su un modello misto abbia Che cos è l e-learning, a cura di Valerio Eletti, Roma, Carocci, 2002, p. 5. Barbara Allan in E-learning and teaching in library and information services, London, Facet Publishing, 2002, p. 4, individua queste come caratteristiche del web-based training: «Content-focused, delivery-driven, individual learning, minimal interaction with tutor, no collaboration with other learners». Per una definizione di costruttivismo si veda Che cos è l e-learning, op. cit., p. 40. Guglielmo Trentin, Dalla formazione a distanza all'apprendimento in rete, Milano, Franco Angeli, 2001, p. 23. Glossary, compiled by Eva Kaplan-Leiserson in ASTD, Learning Circuits, 2002 <http://www.learningcircuits.org/glossary.html>. PAG. 5

8 implicazioni positive sui processi di apprendimento e possa migliorare l organizzazione della classe e l organizzazione delle attività di insegnamento in generale» 7. Mentre la FaD di prima e seconda generazione si sono poste come scelta alternativa, spesso considerata secondaria, alla formazione universitaria residenziale, l e-learning invece ne diventa pervasiva attribuendo all istruzione universitaria valore aggiunto attraverso il miglioramento della qualità dell apprendimento 8. La FaD di prima generazione sottendeva un modello di comunicazione unidirezionale, per corrispondenza (già da fine Ottocento), e ha attuato un processo formativo estensivo rivolgendosi a grandi numeri di utenza; la seconda generazione (anni Sessanta) ha mantenuto un modello unidirezionale ma che si è avvalsa di moderni canali di comunicazione (radio e televisione) divenendo multi/plurimediale; la terza generazione si è sviluppata a partire dagli anni Novanta attuando un processo comunicativo bidirezionale e partecipativo, caratterizzato cioè da forte interattività, e trova oggi la sua massima espressione nell e-learning 9. L e-learning compendia in sé le caratteristiche di: multimedialità, intesa come capacità di mettere a frutto le potenzialità di media diversi e di diversi linguaggi espressivi per rendere più efficace l attività didattica e per agevolare il processo di apprendimento; interattività, intesa come processo comunicativo dinamico che crei un ambiente di apprendimento collaborativo e cooperativo 10 attraverso la partecipazione attiva degli studenti; ipertestualità, intesa come possibilità data agli studenti di personalizzare il proprio iter formativo costruendolo secondo una logica reticolare. Da una disamina dei principali glossari sull open and distance learning 11 presenti in internet l elearning risulta caratterizzata da: «The use of network technology to design, deliver, select, Mario Rotta, Università e classi virtuali in Innovazione tecnologica e cambiamento dell università: verso l università virtuale, a cura di Antonio Calvani, Firenze, Firenze University Press, 2001, p. 82. Cfr. Gordon E. McCray, The hibrid course: merging online instruction and the traditional classroom, Information technology and management, 1 (2000), 4, p Cfr. Convegno internazionale E-learning: una sfida per l università. Università degli studi di Milano, novembre 2002, <http://elearning.ctu.unimi.it/elearnconference/it/home/default.html>. Guglielmo Trentin, Dalla formazione a distanza all'apprendimento in rete, cit., p Per una distinzione tra le attività di collaborazione e cooperazione si veda Che cos è l e-learning, a cura di Valerio Eletti, cit., p. 50. Si veda in particolare Caliber-Net, Open and distance multilingual glossary: english, french, german, italian, portuguese, spanish, , <http://www.caliber-net.odl.org/htdocs/outcomes/glossary/indexi.html>; The Commonwealth of learning, Glossary of open and distance learning, 2000, <http://www.col.org/resources/startupguides/glossary.htm>. PAG. 6

9 administer, support and extend learning [...] Network technology refers to the WWW and private intranets or extranets» 12. E ancora: «E-learning covers a wide set of applications and processes, such as web-based learning, computer-based learning, virtual classrooms, and digital collaboration. It includes the delivery of content via Internet, intranet/extranet (LAN/WAN), audio and videotape, satellite broadcast, interactive TV, and cd-rom» 13 ; «[ ] Indica il legame crescente tra offerta formativa e new economy e suggerisce quindi l'idea che conoscenza e formazione costituiscano uno dei business della rete. Il termine è quindi equiparabile, nell'assunto anche se non nel significato, a e-commerce. Dal punto di vista del significato il termine equivale a online learning, [ ] ovvero l'insieme delle attività di formazione a distanza di terza generazione e tutte le esperienze di apprendimento basate prevalentemente sulle tecnologie telematiche» Futuremedia, Your guide to e-learning: Jargon buster, <http://www.futuremedia.co.uk/fmsite3/html/e_learning3.htm>. Glossary, compiled by Eva Kaplan-Leiserson in ASTD, Learning Circuits, 2002 <http://www.learningcircuits.org/glossary.html>. Glossario, a cura di Mario Rotta e Maria Chiara Pettinati in newsletter per la formazione in rete, 2002, <http://formare.erickson.it/glossario.html>. Per una comparazione tra gli attributi distance, open, flexible al termine learning si rimanda a Camilla Tartoni, Verso l università aperta e flessibile in Innovazione tecnologica e cambiamento: verso l università virtuale, cit., p PAG. 7

10 2. FaD e Internet: a proposito dell e-learning Definito l e-learning, analizziamo ora le sue principali caratteristiche. Una prima distinzione sull attività didattica in processi formativi erogati in modalità e-learning si genera in base alla definizione del come e del quando avviene il processo di insegnamento e di apprendimento. L e-learning infatti consente comunicazione asincrona e sincrona, permettendo di integrare l attività di studio di materiali didattici preconfezionati prima dell inizio del corso e resi disponibili dal docente, con appuntamenti occasionali non previsti in partenza, incontri virtuali o momenti di approfondimento e discussione in gruppo. Partendo comunque dal presupposto che docenti, eventuali mediatori e discenti sono separati fisicamente gli uni dagli altri durante un corso in modalità e-learning, la differenza sostanziale consiste nel fatto che nella comunicazione asincrona il processo formativo avviene in differita, mentre nella comunicazione sincrona avviene in tempo reale. Esempi pratici di formazione asincrona possono essere l erogazione di dispense, contributi, presentazioni o seminari audio/video scaricabili in qualsiasi momento dal web, l attività di supporto del tutor via , la partecipazione a forum di discussione o approfondimento su tematiche di interesse. La formazione sincrona può invece servirsi di chat, lavagne elettroniche, telefonia su Internet, audio/videoconferenza, strumenti che consentono interazione immediata. Rimanendo concentrati sulle diverse modalità comunicative ci renderemo conto che, così come nei processi formativi tradizionali, nell e-learning si vengono a creare 4 diverse situazioni comunicazionali tra docente/tutor e discenti: comunicazione uno a uno (docente-discente, discente-docente, discente-discente); ciò può avvenire attraverso lo scambio di posta elettronica, attraverso l uso di instant messaging e chat, attraverso la condivisione dello schermo e la visualizzazione del desktop di un altro utente; comunicazione uno a molti (docente-discenti, discente-discenti); anche in questo caso si può ricorrere a un sistema di chat che utilizzi una stanza, uno spazio pubblico su server, oppure si può pensare ad un gruppo di discussione (newsgroup), o ad una videoconferenza; PAG. 8

11 comunicazione molti a uno (discenti-docente, discenti-discente) attraverso chat e gruppi di discussione; comunicazione molti a molti (discenti-discenti, discenti-discenti e docente) attraverso chat o videoconferenza a due vie: il docente parla alla classe virtuale e i discenti reagiscono in tempo reale. Da questa velocissima disamina delle possibilità comunicative si capirà come le modalità di interazione dell e-learning tendano a creare legami e ad avviare una comunità di persone che condividano interessi, esperienze e percorsi formativi, una community che già di per sé ha la capacità di trasformarsi in importante elemento motivazionale per il successo del percorso formativo. Dopo aver individuato le due grandi possibilità di formazione asincrona e sincrona tipiche dell elearning e aver elencato le diverse modalità comunicazionali, passiamo ad introdurre i contenuti e i formati con cui i contenuti stessi possono venir presentati. Se i tradizionali metodi di comunicazione didattica non vengono fondamentalmente stravolti nel passaggio dalla lezione frontale alla formazione via Rete, a patto che si adattino alle nuove tipologie formative, i contenuti di un corso e-learning dovrebbero essere concepiti, formulati ed erogati secondo criteri ben diversi da quelli tradizionali: è importante perché il corso e-learning abbia esito positivo che i contenuti formativi siano pensati e progettati ad hoc. «Il contenuto dei corsi in rete può essere presentato in modi differenti, e in particolare la multimedialità trova nell e-learning la sua massima realizzazione. Ogni rappresentazione dei contenuti ha però i suoi pregi e difetti, e va utilizzata in maniera propria per non arrivare a intralciare, invece di favorire, il complicato processo di apprendimento» 15. I formati attraverso cui i contenuti possono essere presentati sono sostanzialmente 5: testo, foto/immagini, animazioni, audio, video. Tutti hanno pregi e difetti e per essere usati al meglio devono assolutamente essere scelti rispondendo alle necessità e-learning e per rappresentare contenuti nati per l e-learning: riciclaggio di materiale nato per essere distribuito secondo modalità diverse è quanto mai sconsigliabile. 15 Pierluigi Fontanesi, E-learning, Milano, Tecniche nuove, 2003, p. 7. PAG. 9

12 Il testo è sicuramente di più agevole produzione, è familiare per l utente, è facile da stampare e non necessità di una connessione a Internet a banda larga. Naturalmente la visualizzazione, la gradevolezza nella presentazione, l incisività dell impaginazione sono elementi che non dovrebbero essere trascurati. Come non è possibile pensare di distribuire in e-learning corsi monolitici, invariabilmente strutturati per qualsiasi utente, così non è possibile pensare alla forma del testo a stampa per una distribuzione via web: si tenga presente che è ben difficile leggere molto testo continuo sullo schermo di un computer. I testi dovrebbero essere organizzati gerarchicamente, i periodi non dovrebbero essere troppo lunghi, dovrebbero essere previsti collegamenti ipertestuali interni ed esterni, dovrebbe essere presente un indice ipertestuale ed eventualmente un sommario, una bibliografia di riferimento, un navigatore. È poi importante pensare ad una doppia modalità di fruizione, online e offline, con la possibilità di scaricare e stampare il testo. L incisività del testo cresce se vi si affiancano grafici, schemi, slide, così come immagini e foto in forma bidimensionale. Poiché però le immagini necessitano di una banda Internet maggiore rispetto al testo, è importante scegliere bene e non sovraccaricare i contenuti di informazioni inutili o superflue, perché potrebbero rallentare la navigazione e distrarre l utente. Le animazioni, simulazioni di movimento dovute ad una sequenza di immagini che si susseguono più o meno velocemente, sono in grado di comunicare in maniera diretta le informazioni necessarie e sono comprensibili in maniera intuitiva, ma se non sono create nel modo giusto possono avere un peso consistente e quindi necessitare di una buona connessione Internet da parte dell utente. I file audio possono essere registrati e ascoltati in differita, oppure possono essere diffusi in tempo reale con la tecnica streaming. Sicuramente l audio può offrire vantaggi per il processo formativo, ma non dovrebbe impegnare l utente per lunghi periodi. Richiede una banda Internet particolarmente larga. Il video, a differenza dell animazione, consiste in una sequenza molto veloce di immagini reali, le fotografie. Più immagini si susseguono nell unità di tempo, maggiore risulta, ai nostri occhi, la fedeltà del filmato alla realtà. Naturalmente il video necessita di una banda larga e dovrebbe essere supportato da altro materiale di approfondimento. È importante che non sia creato in maniera approssimativa, perché perderebbe molto del suo potenziale informativo e comunicativo se per superficialità visualizzasse molte informazioni inutili. Basti pensare al diverso grado di incisività che caratterizza filmati amatoriali e filmati realizzati professionalmente. Sicuramente i PAG. 10

13 pregi del video sono dati dalla velocità con cui esso permette di comunicare un concetto, dal ruolo sociale che esso riveste per esempio nel caso di conferenze online, il vantaggio di poter essere usato anche per una comunicazione non verbale. Passando dalla forma al contenuto del corso e-learning, occorre introdurre il concetto di modularità : il contenuto di un corso potrebbe essere realizzato da più autori, insegnato da più docenti, utilizzato da più categorie di utenti, reso disponibile su più sistemi. Perché ciò avvenga però è necessario che il materiale sia stato in partenza strutturato organicamente in blocchi omogenei e autoconsistenti per contenuti. Si parla generalmente di learning object, intendendo una struttura modulare, composta di brevi unità di apprendimento su uno specifico argomento, corredate anche di test, esercitazioni e prove di autovalutazione. Questi moduli possono, all occorrenza, essere sfilati da un corso, assemblati in maniera diversa, combinati con materiale aggiuntivo, in modo da costruire un nuovo corso, che risponda al meglio alle necessità formative di un nuovo gruppo di utenti. Gli attori coinvolti durante lo svolgimento di un corso e-learning sono generalmente il docente, il tutor, l esperto informatico, la segreteria. Il ruolo del docente è non solo quello di comunicare il proprio sapere, ma di progettare la didattica del corso, stendere i materiali, erogare le lezioni in video, supportare la realizzazione pratica del materiale didattico affidata generalmente a esperti del settore -, gestire la valutazione finale dei partecipanti. Il tutor, esperto dei contenuti e contemporaneamente preparato sul funzionamento della piattaforma di erogazione, è colui al quale lo studente può rivolgersi per esporre le sue perplessità e i suoi dubbi. Facilita l attività di apprendimento dei partecipanti, li sollecita attraverso dirette, coordina le discussioni nel forum o nelle aule virtuali, favorisce lo scambio delle idee e le relazioni tra i corsisti, suggerisce temi di discussione e, grazie al suo ruolo di mediatore, è in grado di monitorare l andamento della classe e dare feed-back. A volte al tutor è affiancato il mentor, in qualità di esperto dei processi di apprendimento e di strategie didattiche. È colui che può consigliare all utente un metodo di studio personalizzato, individuando il percorso formativo più adatto. L esperto informatico è il responsabile della piattaforma, dal punto di vista hardware e software ed è in grado di risolvere i problemi tecnici. PAG. 11

14 In un corso e-learning, esattamente come in un corso tradizionale, il ruolo della segreteria è quello di registrare gli utenti, inserendo i loro dati nella banca dati, controllare la loro posizione amministrativa, provvedere alle normali attività di carattere amministrativo. Se volessimo ora mettere a confronto un corso tradizionale standard guidato da un docente e un corso e-learning standard, potremmo utilizzare la tabella comparativa elaborata da Pierluigi Fontanesi 16, tenendo comunque sempre ben presente che esistono tipologie diverse di corsi, sia per quanto riguarda la tradizione, sia per quanto attiene all e-learning: Corso tradizionale Un docente, 10 studenti Una classe Le lezioni in classe iniziano in un preciso momento e in un determinato luogo Il discente è fisicamente insieme al gruppo Il docente parla al gruppo per spiegare e relazionare sul materiale del corso E-learning Un docente, 100 studenti Nessuna classe fisica Le lezioni iniziano nel momento in cui lo decide il discente (può però essere stabilito un tempo massimo in cui svolgere le lezioni) Il discente è generalmente solo Il docente fornisce solo feedback o approfondimenti Il discente è passivo per la maggior parte del corso Il docente definisce la struttura del corso (eventualmente con la partecipazione dei discenti) Il docente ha la responsabilità del processo formativo Il docente è al centro dell attenzione Il discente è attivo per la maggior parte del corso Il discente definisce la struttura e la sequenza dello studio nel corso (al massimo seguendo le linee guida indicate dal docente) Il discente è responsabile del proprio processo formativo Il discente è al centro dell attenzione 16 Ibidem, p. 12. PAG. 12

15 3.1. Aspetti tecnologici: le piattaforme per l e-learning Parlando delle caratteristiche dell e-learning e delle modalità di erogazione dei contenuti, abbiamo appena accennato all esistenza di piattaforme online. Chi ha una discreta familiarità con Internet non avrà difficoltà a distinguere, per esempio, tra un sito e un portale, un motore di ricerca e un servizio di e-commerce. Ogni informazione che viaggia in rete deve essere gestita con il sistema più appropriato. Questo sistema cambierà in base all obiettivo da raggiungere: divulgare informazioni, registrare e conservare dati, attuare transazioni commerciali, comunicare. Nel nostro caso l intento è di permettere una circolazione di contenuti, di costruire su di essi una struttura formativa organizzata, di realizzare un sistema di scambio delle informazioni, di consentire la comunicazione diretta, di acquisire, conservare e rendere disponibili interventi, riflessioni, dubbi e risposte. In breve si tratta di mettere a disposizione di un gruppo di persone i mezzi per costituirsi classe, comunità, a dispetto dei limiti e dei vincoli spazio-temporali. Esistono strumenti culturali e tecnologici per realizzare un sistema e-learning. Abbiamo precedentemente definito gli strumenti culturali impostazione costruttivista, creazione di learning object, ricerca di confronto ad ampio raggio, necessità di interazione - occorre ora indagare gli strumenti tecnologici che consentono di gestire contenuti e comunicazione. I learning object hanno bisogno di essere inglobati e gestiti nelle piattaforme. «Una piattaforma per la formazione a distanza è un sistema attraverso il quale implementare, strutturare e gestire le attività formative svolte attraverso la rete» 17 : si tratta dell ambiente virtuale dove si sviluppa la comunicazione e la collaborazione tra i soggetti del processo formativo, corsisti, docenti, tutor, che danno luogo alle attività didattiche. Content Management System (CMS), Learning Management System (LMS), Learning Content Management System (LCMS) sono le possibili tipologie di piattaforme per l e-learning. La prima è finalizzata all archiviazione, organizzazione e gestione delle diverse tipologie di contenuti, strutturati in forma di learning object ai fini di una loro riusabilità. La seconda è finalizzata alla gestione del processo di apprendimento, focalizzando l attenzione sull utente e monitorando ogni aspetto e fase della sua attività. La terza compendia in sé le caratteristiche delle precedenti, integrando quindi la gestione dei contenuti con quella degli utenti e con l amministrazione del processo di apprendimento, 17 Che cos è l e-learning, a cura di Vittorio Eletti, Roma, Carocci, 2002, p. 68. PAG. 13

16 indirizzando i flussi informativi provenienti dai diversi livelli di attività e di comunicazione verso l obiettivo principale di offrire la massima personalizzazione del percorso di studi. Le funzioni tipiche dei sistemi per la FaD si possono suddividere nelle seguenti classi fondamentali 18 : Supporto per l interazione in tempo reale studenti/tutor: funzioni che consentono lo svolgimento di lezioni remote in tempo reale tramite strumenti quali videoconferenza, chat, instant messaging, lavagna condivisa, e strumenti di controllo remoto di applicazioni desktop da parte del tutor (tool sharing). Supporto per l interazione in tempo reale studente/studente: funzioni che consentono agli studenti di comunicare fra loro in tempo reale, sia durante una lezione che indipendentemente da essa. Gli strumenti utilizzabili possono essere quelli sopra esposti con l aggiunta di meccanismi di controllo degli accessi per consentire al tutor di monitorare ed eventualmente regolamentare la comunicazione. Supporto per la comunicazione asincrona studente/tutor o studente/studente: funzioni che consentono di comunicare e interagire senza il vincolo della contemporaneità, di solito attraverso message systems integrati o sistemi di tipo bullettinboard. Supporto per la realizzazione del materiale didattico e delle esercitazioni: strumenti di authoring per lo sviluppo di materiale didattico di qualità, modularizzato e tipologicamente pertinente all ambiente software di erogazione. Supporto per esercitazioni e verifiche: funzioni che assistono lo svolgimento di test e verifiche sia a titolo di esercitazione che di esami valutativi e che consentono il controllo automatico dei risultati. Supporto per la fruizione asincrona del materiale didattico: funzioni che consentono una fruizione del materiale didattico avanzata rispetto alla semplice navigazione di pagine Web, e la personalizzazione della fornitura dei documenti in base alle funzioni di profilatura dell utente. 18 Riadattamento della tassonomia proposta da Andrea Sosio, Piattaforme software per la FaD in Rapporto di ricerca Strumenti amministrativi, qualità e costi nella FAD", C.F.P. Vigorelli, Direzione Generale Formazione e Lavoro, Regione Lombardia, con la collaborazione di IFOA, <http://www.espero.it/vigorelli/rapp_ricerca/testi/appendici/appendice_c/appendice_c.html>. PAG. 14

17 Supporto per l amministrazione dei corsi e per il monitoraggio delle attività: possibilità di monitorare gli accessi degli studenti al materiale didattico, i moduli svolti, i voti conseguiti, il grado di partecipazione alle attività collaborative attraverso la history della messaggistica 19. Le attività di monitoraggio sono funzionali alla valutazione del processo formativo. Di seguito si propongono brevi schede informative su alcuni dei principali ambienti software per le attività di e-learning 20 compatibili con gli standard per la portabilità dei contenuti (AICC, SCORM, IMS) 21. Va sottolineato il fatto che sempre meno si utilizzano piattaforme di tipo CMS, mentre trovano largo impiego soluzioni integrate LMS e soprattutto LCMS che meglio rispondono ad una gestione globale del processo formativo e delle attività correlate 22. NOME: Aspen 2.0 PRODUTTORE: Clik2learn TIPOLOGIA: LCMS DESCRIZIONE: il software include supporto per forum di discussione, strumenti chat che consentono anche di creare stanze riservate e permettono lo scambio di messaggi privati, chat vocale, instant messaging tool, videoconferenza, lavagna condivisa e application sharing, help context sensitive, funzione di search tra le pagine web dedicate ai corsi e relativi documenti, il programma ToolBook Instructor che consente di produrre contenuti riusabili. URL: <http://home.click2learn.com/en/aspen/index.asp>. NOME: Blackboard PRODUTTORE: Blackboard Inc. 19 Guglielmo Trentin, Dalla formazione a distanza all apprendimento in rete, Milano, Franco Angeli, 2001, p Per avere informazioni tecniche dettagliate su alcune delle piattaforme proposte si veda AICC, AICC certified products, 2003, <http://www.aicc.org/pages/cert.htm>. 21 AICC Aviation Industry CBT Committee; IMS Global Learning Consortium; SCORM Sharable Content Object Reference Model. 22 Per una comparazione tra diverse piattaforme si rimanda ai seguenti repertori: IRRE Lombardia, Piattaforme telematiche, 2001, <http://www.irre.lombardia.it/td/fad/ricerca_livello2p.htm>; TeleEducation NB, E-learning environments, 2001, <http://cite.telecampus.com/lms/>; Robert H. Jackson, Software tools for Web learning, last update 5/3/2003, <http://www.knowledgeability.biz/weblearning/softwaretools.htm>; Edutools, Course Management Systems, 2003, <http://www.edutools.info/course/index.jsp>. PAG. 15

18 TIPOLOGIA: LMS DESCRIZIONE: i profili previsti sono instructor, student, designer, teaching assistant, tutor e guest. Gli strumenti chat supportano i messaggi privati ed è possibile creare archivi per ciascuna chat room; le discussioni sviluppate nei forum possono essere visualizzate sia per data che per argomento, si possono comporre messaggi in testo formattato o html e includere in allegato file e url; la lavagna condivisa supporta simboli matematici, immagini e il caricamento di file power point; è possibile archiviare le registrazioni di sessioni di lavagna condivisa per riproporle in altre occasioni. Ciascuno studente ha la possibilità di creare la propria homepage e di disporre di una cartella dove scaricare file; può anche ricevere l autorizzazione a creare gruppi. È possibile creare test di verifica con domande di tipo vero/falso, scelta multipla, ordinamento, risposte aperte, inserimento in spazio bianco; le domande possono essere importate o realizzate con gli strumenti che Blackboard mette a disposizione. URL: <http://www.blackboard.com>. NOME: Docent PRODUTTORE: Docent Inc. TIPOLOGIA: LCMS DESCRIZIONE: dispone di strumenti di facile utilizzo per la creazione di contenuti altamente personalizzabili nella struttura e nella modalità di erogazione, con la possibilità di integrare file audio, video, animazioni, XML; offre la possibilità di sincronizzare slides power point con elementi audio e video da erogare tramite streaming sul web; assicura l integrazione delle funzioni di connettività dei contenuti, controllo della sicurezza, gestione delle sessioni di studio, fornitura di report. URL: <http://www.docent.com/products/data6_lcms.html>. NOME: FirstClass PRODUTTORE: Centrinity Inc. TIPOLOGIA: LMS DESCRIZIONE: software di collaborative groupware che consente di creare un ambiente di comunicazione basato sostanzialmente sugli strumenti di posta elettronica e chat. Non nasce espressamente per fini didattici ma per ottimizzare la comunicazione nell ambito di gruppi di lavoro. La sua applicazione in ambito didattico è particolarmente adatta per sviluppare attività PAG. 16

19 collaborative e cooperative secondo i principi pedagogici del costruttivismo. È possibile fare convergere nella propria casella di posta elettronica anche messaggi vocali e fax in modo da moltiplicare le possibilità di accesso ai propri messaggi disponibili oltre che tramite personal computer e web anche tramite cellulare e telefono fisso. URL: <http://www.centrinity.com/>. NOME: Intellinex PRODUTTORE: Intellinex Inc. TIPOLOGIA: LCMS DESCRIZIONE: l interfaccia utente è disponibile in 7 lingue. I corsi possono essere stampati o in alternativa è possibile studiare e utilizzare materiali e funzioni dei corsi in modalità offline. I materiali didattici sono realizzabili integrando grafica, animazioni e suono. A disposizione dei docenti vi sono una serie di strumenti, di semplice utilizzo anche per i meno esperti, per realizzare diverse tipologie di verifiche (test del tipo vero/falso, inserimento nello spazio bianco, domande a risposta multipla), ed è possibile attingere a vari modelli per impostare corsi, lezioni, pagine web. L assistenza per la gestione della piattaforma è disponibile attraverso un help integrato online. URL: <http://www.intellinex.com/m1/m1f2.asp>. NOME: LearningSpace PRODUTTORE: IBM Lotus software TIPOLOGIA: LMS DESCRIZIONE: dispone di due interfacce, una per l accesso ai contenuti da parte degli studenti, e una per la redazione dei corsi da parte dei docenti. Gli studenti hanno la possibilità di monitorare i propri progressi, il grado di fruizione dei contenuti e delle verifiche svolte, il livello di partecipazione alle attività collaborative. I docenti possono dal canto loro avvalersi, per l attività di redazione dei contenuti, di strumenti conformi agli standard e particolarmente fessibili nella gestione di molteplici formati di file. La collaborazione interattiva avviene attraverso chat, forum di discussione, strumenti di audio/videoconferenza per sessioni in tempo reale, condivisione e controllo remoto di applicazioni desktop. URL: <http://www.lotus.com/products/learnspace.nsf/wdocs/homepage?opendocument>. PAG. 17

20 NOME: Saba Content PRODUTTORE: Saba Software Inc. TIPOLOGIA: LCMS DESCRIZIONE: piattaforma che consente di integrare tools Saba, ma che supporta anche altre applicazioni (come ad esempio Microsoft Outlook); dispone di chat (testuale e vocale), whiteboard, application sharing, virtual space, group browsing, teleconferencing, e video conferencing come strumenti di comunicazione sincrona. Gli strumenti asincroni includono e- mail, gruppi di discussione, e il download di documenti amministrativi da parte dello studente. Può essere installato in intranet o ospitato sui server Saba. URL: <http://www.saba.com/english/products/content_management/index.htm>. NOME: Sinfodia PRODUTTORE: Cineca TIPOLOGIA: LCMS DESCRIZIONE: Sistema INterattivo per la FOrmazione a DIstanzA, è una piattaforma per la gestione e la fruizione dei contenuti didattici attraverso il web e per la gestione dei percorsi didattici dei corsisti. Sono previsti due profili utente: docente e studente. La tecnologia utilizzata permette la separazione tra i contenuti, il modo in cui sono organizzati e presentati, il modo in cui sono organizzati i percorsi di navigazione, il processo di identificazione dei profili utente; in questo modo è possibile modificare qualsiasi di questi aspetti senza compromettere gli altri. URL: <http://www.cineca.it/sis_info/sinfodia.html>. NOME: ThinQ TrainingServer PRODUTTORE: ThinQ TIPOLOGIA: LMS DESCRIZIONE: si tratta di un software multi-tier web-based che consente agli studenti di configurare un interfaccia altamente personalizzata, gestire i propri piani di apprendimento, svolgere test e verifiche online, seguire classi virtuali e collaborare con i propri pari ; gli amministratori possono ottenere il resoconto dell apprendimento dei corsisti, servirsi di notifiche tramite inviate automaticamente ai partecipanti alle attività formative, creare specifici profili studente, aggiungere al catalogo eventi specifici della classe virtuale (incontri, conferenze ecc.) e corsi nuovi. URL: <http://learning.thinq.com/>. PAG. 18

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

E-learning. Introduzione

E-learning. Introduzione E-learning Introduzione Definizione L'e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agli utenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa

MODULO I TRODUTTIVO. Premessa MODULO I TRODUTTIVO Indice Premessa Obiettivo del modulo Didattica blended Ragioni dell adozione del blended e-learning - Ragioni didattiche - Ragioni del lifelong learning Finalità e obiettivi Risultati

Dettagli

applicazione strategica per le università

applicazione strategica per le università E-learning applicazione strategica per le università Enrico Cavalli Università degli Studi di Bergamo Strategie dell e-business Università degli Studi di Bergamo 5-6 giugno 2002 e-learning E-learning Distance

Dettagli

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina

Modello per la progettazione di un percorso formativo. A cura di Novella Caterina A cura di Novella Caterina 1 RACCOLTA DELLE INFORMAZIONI 1.1 Premessa di scenario 1.2 Finalità 1.3 Destinatari del corso 1.4 Obiettivi 1.5 Target di riferimento 1.6 Referenti di progetto manager (Pm) si

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015

Carta dei Servizi per lo Studente. a.a. 2014/2015 Carta dei Servizi per lo Studente a.a. 2014/2015 INDICE ART. 1 PRINCIPI GENERALI E FINALITÀ... 3 ART. 2 CONTRATTO CON GLI STUDENTI... 3 ART. 3 TUTELA DEI DATI PERSONALI... 3 ART. 4 MATERIALE DIDATTICO...

Dettagli

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento.

E-LEARNING. Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E-LEARNING Electronic Learning E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e

E-LEARNING E- LEARNING E-LEARNING. Learning. Electronic. Perché E-learning? EXPERIENCE: possibilità di interazione, partecipazione e E-LEARNING E-LEARNING Electronic Learning Utilizzare le tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare l apprendimento. E- LEARNING EXPERIENCE: possibilità di interazione,

Dettagli

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative

ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative ERUDIO Sistema Web Integrato per Erogazione e Gestione delle Attività Formative Sommario INDICE Lo strumento ideale per erogazione e gestione dei C.F.P. (Crediti formativi permanenti) Punti di Forza Sistema

Dettagli

http:www.e-oncology.it

http:www.e-oncology.it http:www.e-oncology.it Il prototipo e-oncology strumento operativo di Rete di interconnessione tra gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Oncologici costituita per iniziativa del Ministero

Dettagli

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo

Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo Il blended learning nel Master Part Time di formazione imprenditoriale in agricoltura: impianto metodologico, buone pratiche, prospettive di sviluppo 1. Elementi generali Le attività didattiche del Master

Dettagli

Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System)

Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System) Learning and Management System Sistema di erogazione didattica Organizzata attraverso Piattaforme L.C.M.S. (Learning Content Management System) Linee guida: 1. StartUp sistema videoconferenza in piattaforma

Dettagli

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa

E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa 8 Congresso Nazionale FADOI Bologna, 14-17 Maggio 2003 E-learning: un esperienza di didattica on-line V. Arienti, C. Dellacasa Centro di Ricerca e Formazione in Ecografia Internistica ed Interventistica

Dettagli

UD1 E learning: Introduzione e Standard Filippo Sciarrone

UD1 E learning: Introduzione e Standard Filippo Sciarrone UD1 E learning: Introduzione e Standard Filippo Sciarrone 23/09/2009 Guida all uso di piattaforme e-learning 1 Schema Obiettivi della UD1 E learning Piattaforme LMS Esercitazione Standard di riferimento

Dettagli

formazione professionale continua a distanza

formazione professionale continua a distanza formazione professionale continua a distanza Piattaforma formativainnovaforma.com Moodle 2.7 Moodle (acronimo di Modular Object-Oriented Dynamic Learning Environment, ambiente per l apprendimento modulare,

Dettagli

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008)

Regolamento del servizio di tutorato. (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Regolamento del servizio di tutorato (Decreto Rettorale n.35 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1 - L istituto del tutorato... 3 Articolo 2 - Obiettivi generali e specifici... 3 Articolo 3 - I tutor...

Dettagli

DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING

DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING CAPITOLO 2 DALLA FORMAZIONE A DISTANZA ALL E-LEARNING Il fenomeno dell e-learning rappresenta una ennesima tappa dell annoso tentativo di affrancare l apprendimento dalla contestualità spaziale e temporale.

Dettagli

3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme

3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme 3.1 3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme 3.2 VLE: un Un ambiente VLE è un integrato ambiente integrato L idea di ambiente include la nozione di integrazione di funzioni e contenuti

Dettagli

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE

LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE LA PIATTAFORMA COMOL L E-LEARNING CENTER PER LE AZIENDE Edutech Vi Offre Un Ambiente Dedicato Per La Formazione A Distanza Cosa vi offre EduTech EduTech, grazie alla collaborazione con il Dipartimento

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Sistemi e tecnologie: un primo sguardo

Sistemi e tecnologie: un primo sguardo Sistemi e tecnologie: un primo sguardo Ernesto Damiani Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Universita di Milano Polo di Crema damiani@dti.unimi.it http://olaf.crema.unimi.it 1 Sommario Sistemi

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale. Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance

E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale. Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance E-learning project: metodo di programmazione della compliance aziendale Una nuova proposta da NOVASTUDIA Professional alliance «L e-learning è l istruzione di domani, il nuovo modo di studiare reso possibile

Dettagli

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning

ICT Solution. E-Learning. E-Learning. E-Learning ICT Solution ICT Solution WeTech Srl è un'azienda italiana operante nel campo dell'information & Communication Technology che, grazie alla sua offerta di prodotti e servizi ad alto valore aggiunto, è in

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY

TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY TELESKILL ITALIA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA LEARNING COMMUNITY Giugno 2010 Teleskill Learning Community Teleskill Learning Community è un portale on-line che consente al cliente di gestire

Dettagli

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane

e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane e-learning per l internazionalizzazione delle PMI italiane Il progetto e-learning ICE nasce da un indagine dei fabbisogni formativi delle piccole e medie imprese italiane, interessate a progetti di internazionalizzazione,

Dettagli

E-learning: Metodi e Strumenti. Elena Ferrari Università dell Insubria, Como

E-learning: Metodi e Strumenti. Elena Ferrari Università dell Insubria, Como E-learning: Metodi e Strumenti Elena Ferrari Università dell Insubria, Como E-learning Definisce metodi/strumenti di apprendimento con cui si trasferiscono le conoscenze a distanza: spaziale e/o temporale

Dettagli

e-learning connessione in rete

e-learning connessione in rete Per e-learning si intende un attività formativa (rivolta a utenti adulti, studenti universitari, studenti delle superiori, insegnanti, ecc.) che prevede: l utilizzo della connessione in rete per la fruizione

Dettagli

ATTENZIONE il corso è evidenziabile sul catalogo interregionale ricercando l'id 11834

ATTENZIONE il corso è evidenziabile sul catalogo interregionale ricercando l'id 11834 corso GRATUITO: CHIEDI IL VOUCHER DI FORMAZIONE REGIONALE! Corso di specializzazione della durata di 450 ore: si svolgerà con una frequenza di 3/4 volte a settimana, in orario pomeridiano/serale (presumibilmente

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale

Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Mattone 3 - Evoluzione del sistema DRG nazionale Portale web e Corso FAD Roma 25 ottobre 2006 MATTONI SSN Nolan, Norton Italia Attività Portale web predisposto nell ambito delle Attività di Manutenzione

Dettagli

Formazione in rete e apprendimento collaborativo

Formazione in rete e apprendimento collaborativo Formazione in rete e apprendimento collaborativo Ballor Fabio Settembre 2003 Cos è l e-learning Il termine e-learning comprende tutte quelle attività formative che si svolgono tramite la rete (Internet

Dettagli

SIMULWARE. SimulwareProfessional

SIMULWARE. SimulwareProfessional SIMULWARE SimulwareProfessional Che cosʼè SimulwareProfessional SimulwareProfessional è una piattaforma elearning SCORM-AICC compliant con un elevato livello di scalabilità e personalizzazione. Si presenta

Dettagli

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa

Gianluca Cicognani. La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Gianluca Cicognani La piattaforma FAD Chronos: demo e metodologia formativa Il progetto Osservatorio RRHH Spin-Off Formazione a distanza Evoluzione FAD Prima generazione: materiale cartaceo inviato per

Dettagli

IL PROGETTO DIONE IMPLEMETANZIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO PER IL SUPPORTO ALLA DIDATTICA DELLA MARINA MILITARE

IL PROGETTO DIONE IMPLEMETANZIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO PER IL SUPPORTO ALLA DIDATTICA DELLA MARINA MILITARE IL PROGETTO DIONE IMPLEMETANZIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO PER IL SUPPORTO ALLA DIDATTICA DELLA MARINA MILITARE TV (AN) Filippo PONTIL Accademia Navale Livorno Ufficio Informatica/TLC filippo.pontil@marina.difesa.it

Dettagli

Titolo del intervento: Ε-Learning all Università Aristotele di Salonicco

Titolo del intervento: Ε-Learning all Università Aristotele di Salonicco Convegno Tempus Salonicco 2006 Theodoros Vavouras Applicazioni del computer Corso di Laurea in Lingua e Letteratura Italiana Facoltà di Lettere e Filosofia Università Aristotele di Salonicco Thessaloniki

Dettagli

L analisi dei fabbisogni formativi

L analisi dei fabbisogni formativi L analisi dei fabbisogni formativi 0 Premessa In un contesto come quello attuale di difficile congiuntura economica, la Formazione assume un ruolo strategico per le organizzazioni che vogliono essere competitive

Dettagli

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11

Presentazione della collana... vii. INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1. Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 INDICE Presentazione della collana... vii INTRODUZIONE (F. Falcinelli)... 1 Massimo Capponi 1. IL COOPERATIVE LEARNING IN RETE... 11 Elena Cozzari 2. L e-learning COME AMBIENTE DI FORMAZIONE... 37 Gioconda

Dettagli

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI

IAMP ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI ISTITUTO AVANZATO MULTIPROGETTO IL FUTURO E QUI E-LEARNING + ON LINE - costi + RISULTATI PROGETTO PRESENTAZIONE GENERALE è un marchio commerciale di Studio Mandelli S.r.l., società specializzata in servizi

Dettagli

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA

VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER LEZIONI IN AULA VIRTUALE, SEMINARI E RIUNIONI A DISTANZA Grifo multimedia Srl Via Bruno Zaccaro, 19 Bari 70126- Italy Tel. +39 080.460 2093 Fax +39 080.548 1762 info@grifomultimedia.it www.grifomultimedia.it VIDEO COMUNICAZIONE VIA WEB: LA NOSTRA SOLUZIONE PER

Dettagli

FLESSIBILITÀ ED EFFICACIA DELLE PIATTAFORME INFORMATICHE DEDICATE ALLA FORMAZIONE A DISTANZA: IL PROGETTO SOFIA

FLESSIBILITÀ ED EFFICACIA DELLE PIATTAFORME INFORMATICHE DEDICATE ALLA FORMAZIONE A DISTANZA: IL PROGETTO SOFIA FLESSIBILITÀ ED EFFICACIA DELLE PIATTAFORME INFORMATICHE DEDICATE ALLA FORMAZIONE A DISTANZA: IL PROGETTO SOFIA M. CASALE*, R. D ANGELO*, D. FERRANTE* RIASSUNTO La Direzione regionale Inail per la Campania,

Dettagli

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL

E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Innovazione nella formazione universitaria Firenze, 21 marzo 2012 E-learning: esperienza nel Progetto STEEL Prof. Enrico Del Re Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Il progetto STEEL Progetto

Dettagli

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community

Indice. 01. Presentazione generale. 02. Team. 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community Indice 01. Presentazione generale 02. Team 03. Presenza in rete 1. Siti Web dinamici 2. Web writing e SEO copywriting 3. Business Community 04. E-learning 1. Learning Object 2. Piattaforme LMS 3. Business

Dettagli

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare.

elearnit propone una modalità di e-learning efficace, integrabile nei processi aziendali e semplice da usare. Gestire la conoscenza nell'era del web elearnit: un network di consulenti per la crescita della tua azienda Piattaforma di formazione via web senza costi di licenza Oggi molte aziende utilizzano la formazione

Dettagli

LEARNING OBJECTS Progettare e realizzare oggetti di apprendimento

LEARNING OBJECTS Progettare e realizzare oggetti di apprendimento Un progetto di innovazione didattica dell Istituto Comprensivo Statale "Galileo Galilei" - Pieve a Nievole Lezione 3 LEARNING OBJECTS Progettare e realizzare oggetti di apprendimento a cura di Carlo Mariani

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Tecnologie Educative Cazzaniga Paolo Dip. di Scienze Umane e Sociali paolo.cazzaniga@unibg.it Outline Formazione a distanza 1 Formazione a distanza 2 3 4 5 Outline Formazione a distanza 1 Formazione a

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica

CPS1 Linee guida per l uso dei sistemi di e- learning nella didattica learning nella didattica Il presente documento propone la struttura e i contenuti di un possibile documento relativo alle linee guida sull uso dell elearning nell ambito delle attività didattiche con riferimento

Dettagli

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE

COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE COMUNITÀ VIRTUALI E AMBIENTI DI APPRENDIMENTO IL CONCETTO DI COMUNITÀ VIRTUALE Per capire come disegnare e organizzare un ambiente di interazione orientato alla collaborazione on line occorre prima di

Dettagli

Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO

Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO Progetto ESPERTO - E-learning per lo SviluPpo dell E-procuRement del TrentinO Contesto promozione dell utilizzo delle metodologie e delle tecnologie di e-learning Obiettivi realizzazione di un sistema

Dettagli

METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning

METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning METHODY: l unica one stop shop solution per i vostri progetti di e- learning 1 METHODY: the one stop shop solution for your e-learning projects La FAD (Formazione a Distanza) dopo anni di sperimentazione

Dettagli

La Storia, le prospettive, il glossario

La Storia, le prospettive, il glossario La Storia, le prospettive, il glossario L'apprendimento a distanza non è una novità dell' ultimo decennio, ma risale a molto tempo fa. Sembra che già nel 1833 esistessero corsi per corrispondenza in Svezia

Dettagli

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio

COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio COLLABORATIVE E-LEARNING: UN APPLICAZIONE PRATICA NELLE POLITICHE DI PREVENZIONE SOCIO-SANITARIA Elisabetta Simeoni, Giovanni Serpelloni, Diana Candio INTRODUZIONE Nell ambito delle politiche socio-sanitarie,

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica

Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica Sommario Strumenti per il supporto alla formazione a distanza e la didattica Introduzione al portale SSIS infofactory - Laboratorio di Intelligenza Artificiale - Univ. degli Studi di Udine 3-4 Dicembre

Dettagli

FORMAZIONE INTEGRATA. E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3

FORMAZIONE INTEGRATA. E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3 FORMAZIONE INTEGRATA E-TUTOR 2005/2006 corso N.3 gruppo n. 3 1 TUTOR Bevilacqua Barbara Discenti: Giuseppe Marino Nadia Vincenzo 2 La scheda a fianco proviene dalla Svizzera; descrive le attitudini e le

Dettagli

PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PROGETTO PER LA FORMAZIONE PERMANENTE SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO 1 INDICE 1. Premessa... 2 2. I NOSTRI CORSI... 4 3. OBIETTIVI... 6 4. MODALITÀ DI EROGAZIONE... 7 4.1. E-Learning... 7 4.2. In

Dettagli

La cultura della gestione della conoscenza è diventata

La cultura della gestione della conoscenza è diventata RAGONAMENT 41 La rete per insegnare D FABRZO EMER Tecnologie e modelli per l e-teaching La cultura della gestione della conoscenza è diventata il punto focale dell apprendimento. Questa innovazione comporta

Dettagli

Glossario. Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi)

Glossario. Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi) Glossario Adaptive Learning System (Sistemi di apprendimento adattivi) Con adaptive learning ( apprendimento adattivo ) si intende un metodo che utilizza il computer come strumento interattivo per adattare

Dettagli

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning

Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Linee guida per le attività didattiche in modalità e- learning Approvate dal Senato Accademico nella seduta del 23/01/2013 1. Introduzione: modelli ISA e blended learning... 2 2. Linee guida... 3 2.1.

Dettagli

Modello di E-LEARNING e FORMAZIONE A DISTANZA della Clinica di Malattie dell'apparato Respiratorio

Modello di E-LEARNING e FORMAZIONE A DISTANZA della Clinica di Malattie dell'apparato Respiratorio www.pneumologia.unimo.it Modello di E-LEARNING e FORMAZIONE A DISTANZA della Clinica di Malattie dell'apparato Respiratorio 11/10/2004 Medicina ed e-learning nella formazione del medico Lorenzo Corbetta

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

Learinig Object CORSO 7AV LO E LIBRI DIGITALI I.C.S. «PIAN DEL BRUSCOLO» 05 NOVEMBRE 2015

Learinig Object CORSO 7AV LO E LIBRI DIGITALI I.C.S. «PIAN DEL BRUSCOLO» 05 NOVEMBRE 2015 Learinig Object CORSO 7AV LO E LIBRI DIGITALI I.C.S. «PIAN DEL BRUSCOLO» 05 NOVEMBRE 2015 PROF. MONIA GRILLI Learning Object - Definizione «Qualsiasi risorsa digitale che può essere riutilizzata per supportare

Dettagli

FORMAT. per la produzione contenuti. courseware on line

FORMAT. per la produzione contenuti. courseware on line FORMAT per la produzione contenuti courseware on line Introduzione agli aspetti redazionali [ ] All interno del quadro di riferimento della realizzazione del master on line progetto E_LASTIC - E-learning

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO 2

LINEE DI INDIRIZZO 2 LINEE DI INDIRIZZO 2 ATTIVITÀ DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA A DISTANZA PER L APPRENDIMENTO NON FORMALE 1. Attività di Formazione a distanza (FAD) 1.1. La formazione a distanza (FAD) consiste nell

Dettagli

elearningforce SharePoint LMS

elearningforce SharePoint LMS elearningforce SharePoint LMS ElearningForce SharePoint LMS estende le funzionalità predefinite di Microsoft SharePoint per creare un ambiente dove insegnanti e studenti possono vivere una nuova esperienza

Dettagli

4. Contenuti e Attività come sviluppare

4. Contenuti e Attività come sviluppare 4.1 4. Contenuti e Attività come sviluppare 4.2 contenuti e attività dove siamo contesto tema disciplina focus infrastruttura le tecnologie dell educazione (Educational Technology) progettazione: come

Dettagli

Spettabile. Termine attività PREMESSA

Spettabile. Termine attività PREMESSA Spettabile Ogetto: Regione Lazio - Bando per l educazione permanente degli adulti. Misura 1.a di Sistema. Delibera Giunta Regionale n. 30 dell 11/01/2001 - (Pubblicato nel BUR Lazio n.5 del 20 febbraio

Dettagli

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di:

Si appoggia a Internet come canale per veicolare le informazioni. Un LMS permette di: Compito I settimana del II modulo Fagnani Lorena classe E13 1. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono

Dettagli

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro

PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro PON 2009-2011 Innovazione e Crescita a Supporto dell Efficienza dei Servizi per il Lavoro Requisiti tecnici per la produzione di moduli formativi destinati all offerta didattica del progetto INCREASE Allegato

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

KPMG e-learning Solution La nostra offerta

KPMG e-learning Solution La nostra offerta KPMG e-learning Solution La nostra offerta BUSINESS PERFORMANCE SERVICES Aprile 2011 ADVISORY Agenda 1. Introduzione Il ruolo della tecnologia nella formazione Le opportunità offerte dall e-learning 2.

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

La rendicontazione e le misure di accompagnamento. nei percorsi IFTS

La rendicontazione e le misure di accompagnamento. nei percorsi IFTS Università di Padova La rendicontazione e le misure di accompagnamento nei percorsi IFTS 14 Marzo 2006 Università di Padova La rendicontazione negli IFTS Università di Padova Cosa cambia con e-learning

Dettagli

GLOSSARIO. (a cura di Francesca Ferrucci)

GLOSSARIO. (a cura di Francesca Ferrucci) GLOSSARIO (a cura di Francesca Ferrucci) 1. ORGANI DI GOVERNO DELL UNIVERSITÀ...4 COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI...4 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE...4 CONSIGLIO DI FACOLTÀ...4 NUCLEO DI VALUTAZIONE...4

Dettagli

C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO

C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO C018 Corso di formazione per lavoratori IL RISCHIO ELETTRICO durata 3 ore Artt. 36-37 del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 DESTINATARI DEL CORSO Il corso di formazione è destinato

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I

C A R T A D E I S E R V I Z I C A R T A D E I S E R V I Z I VIA DON CARLO GNOCCHI, 3 00166 ROMA TEL. 06.45678350 FAX 06.45678379 www.unicusano.it - info@unicusano.it P.IVA 09073721004 I N D I C E 1 CARTA DEI SERVIZI...3 1 PREMESSA...3

Dettagli

Calvani Antonio, Rotta M., Fare formazione in Internet. Manuale di didattica online, Edizioni Erickson; Trento, 2000 pp. 378

Calvani Antonio, Rotta M., Fare formazione in Internet. Manuale di didattica online, Edizioni Erickson; Trento, 2000 pp. 378 Calvani Antonio, Rotta M., Fare formazione in Internet. Manuale di didattica online, Edizioni Erickson; Trento, 2000 pp. 378 -Recensione di Cristiana Cardinali - 29 marzo 2007- Abstract In questo lavoro

Dettagli

E-LEARNING ED INSEGNAMENTO UNIVERSITARIO: SPERIMENTAZIONE DI UN CORSO A DISTANZA, MULTIMEDIALE E INTERATTIVO

E-LEARNING ED INSEGNAMENTO UNIVERSITARIO: SPERIMENTAZIONE DI UN CORSO A DISTANZA, MULTIMEDIALE E INTERATTIVO E-LEARNING ED INSEGNAMENTO UNIVERSITARIO: SPERIMENTAZIONE DI UN CORSO A DISTANZA, MULTIMEDIALE E INTERATTIVO Bucciarelli Ducci C, MD; Roberto Donati, MD ; Roberto Mezzanotte, MD ; Domenico Mattioli, MD

Dettagli

La piattaforma e-learning dello IAL

La piattaforma e-learning dello IAL La piattaforma e-learning dello IAL Lo IAL - Innovazione Apprendimento Lavoro della Campania è da sempre attento alle richieste formative e di aggiornamento che arrivano dai giovani e dal mercato del lavoro.

Dettagli

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO

TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO TELESKILL PROGETTO E-LEARNING 2.0 PER LA FORMAZIONE E L'AGGIORNAMENTO CONTINUO CARATTERISTICHE FUNZIONALI DELLA SOLUZIONE TECNOLOGICA DEDICATA ALLA FORMAZIONE E ALL'AGGIORNAMENTO A DISTANZA

Dettagli

Blackboard Academic Suite. Descrizione delle funzioni del prodotto

Blackboard Academic Suite. Descrizione delle funzioni del prodotto Blackboard Academic Suite Descrizione delle funzioni del prodotto PANORAMICA Blackboard Academic Suite fornisce agli istituti didattici funzioni straordinarie per raggiungere i propri obiettivi di e-learning.

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. APQ in Materia di Ricerca Scientifica nella Regione Puglia BANDO ACQUISIZIONI Prodotti Software ALLEGATO 6.2 Capitolato Tecnico Piattaforma di e-learning Allegato 6.2: capitolato tecnico Pag. 1 1 La piattaforma di e-learning Per far fronte alla forte evoluzione

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

Fondamenti di Informatica per l'apprendimento

Fondamenti di Informatica per l'apprendimento per l'apprendimento Outline Formazione a distanza 1 Formazione a distanza 2 3 4 5 Outline Formazione a distanza 1 Formazione a distanza 2 3 4 5 Le tecnologie educative Tecnologie digitali educative: Formazione

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Open KIS- Servizi ad alta intensità di conoscenza

Open KIS- Servizi ad alta intensità di conoscenza Nell ambito del progetto Open Innovation, LIASES - Laboratorio di Informatica Applicata alle Scienze Economiche e Sociali Giorgio Rota, centro di servizi informatici dell'università di Torino che svolge

Dettagli

Il documento di progetto dovrà prendere in considerazione gli aspetti seguenti:

Il documento di progetto dovrà prendere in considerazione gli aspetti seguenti: TRACCIA N 1 CORSO DI RECUPERO In qualità di esperti di didattica assistita dalle nuove tecnologie avete ricevuto l incarico di progettare la struttura didattica ed organizzativa dei corsi di recupero di

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning

Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Manuale di utilizzo della piattaforma e-learning Rivolto ai discenti Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo Di Potenza Sommario 1. Cos è Moodle... 3 1.1. Accesso alla piattaforma Moodle... 4 1.2. Come

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA

L E-LEARNING ENTRA NELLA PA : IL CASO ARPA PUGLIA Luigi Barberini Studiodelta S.r.l. Bari /Italia l.barberini@studiodelta.it FULL PAPER Obiettivo principale del progetto è stato la formazione informatica di base per un numero di circa 0 dipendenti dell

Dettagli