INGLESE SCIENTIFICO 4 II Diritto del lavoro 2 PRINCIPI DI DIRITTO-ORGANIZZAZIONE SANITARIA E DELL'ASSISTENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INGLESE SCIENTIFICO 4 II Diritto del lavoro 2 PRINCIPI DI DIRITTO-ORGANIZZAZIONE SANITARIA E DELL'ASSISTENZA"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA (Presidente: Prof. Loreto Lancia) GUIDA AL RECUPERO DEI DEBITI FORMATIVI DI 1 LIVELLO (PER I POSSESSORI DEL TITOLO ABILITANTE DI INFERMIERE) Anno accademico 2006/07 1

2 A CHI INTERESSA LA PROCEDURA? Sono ammessi alla procedura di recupero debiti formativi del Corso di Laurea in Infermieristica, in deroga alla programmazione nazionale, i possessori di titoli abilitanti alla professione di infermiere conseguiti secondo i vecchi ordinamenti (Diplomi Regionali o Diplomi Universitari) che, per il corrente anno accademico, risultino iscritti ad uno dei seguenti corsi dell Università degli studi dell Aquila: 1. Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche; 2. Master di I livello di area infermieristica 3. Corso di Laurea in infermieristica (in deroga alla programmazione nazionale a seguito di bando pubblico di cui al DR n del ) QUALI DEBITI SI DEVONO RECUPARARE? Il Consiglio di Struttura Didattica del Corso di Laurea in Infermieristica ha stabilito una tipologia di debiti da recuperare differenziata in base al possesso dei seguenti titoli di studio: diploma regionale o diploma universitario diploma di DDSI o equivalente ulteriori titoli di cui all art.5, comma 7, del DM 509/99 In particolare: 1. ai candidati in possesso unicamente del Diploma Regionale o del Diploma Universitario di Infermiere sono stati attribuiti i seguenti debiti formativi: C.I. DISCIPLINA CFU SEM METODOLOGIA STATISTICA-EPIDEMIOLOGIA ED INFORMATICA Statistica medica ed Epidemiologia 1,5 Informatica applicata 1,5 II INGLESE SCIENTIFICO 4 II Diritto del lavoro 2 PRINCIPI DI DIRITTO-ORGANIZZAZIONE SANITARIA E DELL'ASSISTENZA Economia aziendale 2 Sociologia della salute e delle org. Sanitarie 1 I DISCIPLINE MEDICO-LEGALI/BIOETICA E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE Inferm.ca gener. Orientata alla deontologia prof.le 1,5 II METODOLOGIA INFERM.CA E METODOL. DELLA RICERCA INFERM.CA Metodologia della ricerca inferm.ca 1,5 II 2. Ai candidati in possesso del Diploma di DDSI o equivalente sono stati attribuiti i seguenti debiti formativi: C.I. DISCIPLINA CFU SEM Diritto del lavoro 2 PRINCIPI DI DIRITTO-ORGANIZZAZIONE SANITARIA E DELL'ASSISTENZA Economia aziendale 2 Sociologia della salute e delle org. Sanitarie 1 I METODOLOGIA INFERM.CA E METODOL. DELLA RICERCA INFERM.CA Metodologia della ricerca inferm.ca 1,5 II 3. Ai candidati in possesso ulteriori titoli, di cui all art.5, comma 7, del DM 509/99, sono stati riconosciuti ulteriori crediti formativi sulla base delle specifiche carriere. 2

3 COME RECUPERARE I DEBITI FORMATIVI? I debiti formativi si colmano sostenendo, davanti alle normali commissioni di C.I., un esame consistente in una delle seguenti modalità, a scelta dello studente: 1. discussione di una breve dissertazione elaborata per ogni singola disciplina di cui si compone il C.I. medesimo, su un argomento scelto dallo studente tra quelli presenti nei programmi di seguito riportati. La tesina deve essere redatta secondo le norme editoriali riportate in appendice. 2. soluzione di test a risposta multipla predisposti in modo accorpato per ciascun Corso Integrato di cui si è in debito (modalità non possibile nelle sedi periferiche). QUALI SONO I PROGRAMMI DELLE MATERIE CHE COSTITUISCONO DEBITO? STATISTICA MEDICA ED EPIDEMIOLOGIA (Prof.ssa Antonella Mattei) FINALITÀ DEL CORSO Introdurre al metodo logico-sperimentale applicato ai fenomeni inerenti le scienze biomediche che presentano variabilità nelle manifestazioni individuali PROGRAMMA DEL CORSO La statistica medica: Il ruolo della statistica nelle scienze biomediche Finalità dell analisi dei dati e della presentazione dei risultati Frequenze, distribuzioni di frequenze, istogrammi e rappresentazioni grafiche Sintesi dei dati: Media aritmetica, mediana e percentili, moda Variabilità dei dati: Indici assoluti e indici relativi di variabilità La distribuzione normale Probabilità Universo e campione: media campionaria, errore standard, intervallo di confidenza Epidemiologia: Disegno e analisi degli studi epidemiologici Storia naturale delle malattie, concetto di rischio e di prevenzione Proporzioni e tassi, incidenza, prevalenza, mortalità, letalità Fonti dei dati: dati correnti, registri di patologia, indagini mirate Studi prospettici, di coorte e caso-controllo Nesso di causalità, misure di associazione e impatto Testi consigliati: F. di Orio: Statistica Medica: le basi quantitative della ricerca biomedica - Carocci Editore, Roma, F. di Orio: Igiene, epidemiologia e statistica medica, - Masson, Milano, C. Signorelli: Igiene epidemiologia Sanità Pubblica- Società Editrice Universo, Roma M.C. Marinucci, A. Mattei: Statistica medica: teoria ed applicazioni, 1995, Argomenti di Statistica Medica, Centro Interdipartimentale di Epidemiologia-Università L Aquila. Nome del docente: Dott.ssa Antonella Mattei 3

4 Sede ricevimento: Dipartimento di Medicina Interna e Sanità Pubblica, Cattedra di Statistica - Edificio 6 IV piano Stanza 226. Telefono , Fax: giorno ed ora di ricevimento: martedì ore Dati, informazione e conoscenza Codifica dell'informazione INFORMATICA APPLICATA (Prof. Pierpaolo Vittorini) Codifica di informazioni elementari (booleano, numerico, carattere) Esempi di sistemi di codifica medica Codifica dei segnali e delle immagini Introduzione agli algoritmi Pseudocodifica Progettazione e analisi di semplici algoritmi Strutture dati (vettori, record, alberi) Principali algoritmi su vettori Esempi di algoritmi per la medicina Tipologie di elaboratori La macchina di Von Neumann Memoria Dispositivi di I/O Il bus di sistema La CPU La gestione dei processi La gestione della memoria La gestione delle periferiche La gestione del file system Interprete dei comandi e interfaccia grafica Introduzione alle reti di calcolatori Architettura della rete Internet Strato di collegamento/fisico Strato di rete/trasporto Strato di applicazione Sicurezza Nome del docente: Dott. Pierpaolo Vittorini Ricevimento studenti Sede ricevimento: Dipartimento di Medicina Interna e Sanità Pubblica, Cattedra di Statistica - Edificio 6 IV piano Stanza 224. Telefono , Fax: giorno ed ora di ricevimento: lunedì ore

5 INGLESE (Prof.ssa Alessandra Bottino) L esame consiste nell analisi di un articolo scientifico tratto dalla letteratura infermieristica internazionale precedentemente scelto e tradotto dal candidato (dall inglese all italiano). Ricevimento studenti Il docente può essere contattato via DIRITTO DEL LAVORO Collocamento ordinario e collocamento obbligatorio Subordinazione, autonomia e lavoro parasubordinato Discipline delle categorie, delle qualifiche e delle mansioni Contratto a termine e somministrazione di mano d'opera La retribuzione del prestatore di lavoro Il potere disciplinare della datore di lavoro I licenziamenti individuali Nome del docente: Prof. Pietro Lambertucci Ricevimento studenti Sede ricevimento: Presidenza Facoltà di Economia- Roio Santuario, Telefono , Fax: giorno ed ora di ricevimento: martedì-mercoledì ore ECONOMIA AZIENDALE Il Servizio Sanitario Nazionale Cenni giuridico-istituzionali L intervento pubblico in sanità L Unità Sanitaria Locale nella 833/78:funzioni,organi,contabilità Inefficienze e sprechi: auspici di una controriforma: L aziendalizzazione nel Servizio Sanitario Nazionale Procedure di programmazione ed attuazione del SSN Nuovo sistema di finanziamento Strutture del SSN Il Servizio Sanitario come processo produttivo: nuovo concetto di sanità. La salute nella costituzione Mercato sanitario imperfetto L ingegnerizzazione dei servizi sanitari: approccio per processi Il sistema di gestione della qualità e le tendenze evolutive in sanità: il miglioramento continuo Indicatori e controllo di gestione Pianificazione, Programmazione e controllo di gestione Finalità del controllo di gestione Strumenti del controllo di gestione: Budget, Contabilità analitica, Report Ricevimento studenti Il docente può essere contattato via 5

6 SOCIOLOGIA DELLA SALUTE E DELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE 1) Le origini della sociologia - i temi della sociologia classica - le principali correnti sociologiche 2) Le branche della sociologia - la sociologia delle organizzazioni - sociologia e politica - la sociologia medica ed ospedaliera 3) I principi sociologici per l assistenza sanitaria - l evoluzione dei concetti di salute e malattia - il concetto di ruolo - il ruolo del malato - il ruolo dell infermiere 4) La metodologia utilizzata - diversi tipi di colloquio - l intervista - osservazione libera e partecipante - l esperimento. TESTI CONSIGLIATI: Giovanni Guerra, Psicosociologia dell ospedale La Nuova Italia Scientifica, Alessandro Cavalli Incontro con la Sociologia, Il Mulino, Galliano Cocco, Antonio Tiberio Lo sviluppo delle competenze relazionali in ambito sanitario, Franco Angeli Ricevimento studenti Il docente può essere contattato via INFERM.CA GENER. ORIENTATA ALLA DEONTOLOGIA PROF.LE - la necessità dell' Etica Infermieristica - strumenti normativi dell'etica Infermieristica - la responsabilità professionale - azioni dolose e colpose - la comunicazione tra operatore e paziente - l'umanizzazione dell'assistenza - il segreto professionale - il consenso ai trattamenti sanitari - la verità al paziente - aspetti etici della donazione degli organi - il codice di deontologia Ricevimento studenti Il docente può essere contattato via 6

7 METODOLOGIA DELLA RICERCA INFERMIERISTICA (Prof. Loreto Lancia) 1. L EBN nella pratica infermieristica 2. Problemi ed ipotesi di ricerca nelle scienze infermieristiche 3. Studi osservazionali e Studi sperimentali 4. Revisioni sistematiche della letteratura e Meta-Analisi 5. Studi di validita diagnostica 6. Linee guida e protocolli assistenziali 7. Ricerca bibliografica 8. Aspetti etici e deontologici della ricerca biomedica E inoltre possibile svolgere un analisi critica di un lavoro scientifico di interesse infermieristico tratto dalla letteratura nazionale o internazionale oppure presentare un proprio progetto di ricerca in cui risulti ben evidente l ipotesi scientifica e la metodologia che sarà utilizzata. Ricevimento studenti Nome del docente: Prof. Loreto Lancia Sede ricevimento: Dipartimento di Medicina Interna e Sanità Pubblica, Cattedra di Scienze Infermieristiche - Edificio 6 IV piano Stanza 211. Telefono , Fax: giorno ed ora di ricevimento: Martedì, Mercoledì, Venerdì ore N.B. Per il sostenimento degli esami relativi alle discipline che costituiscono debito formativo sono valide anche le commissioni nominate presso le sedi periferiche del CL in Infermieristica Gli elaborati dovranno pervenire per posta ordinaria ai docenti interessati almeno 10 giorni prima della data prevista per l appello. 7

8 INDIRIZZI DEI DOCENTI DI RIFERIMENTO PER LA DISCUSSIONE DELLE TESINE SEDE DELL AQUILA DISCIPLINA DOCENTE Indirizzo di posta elettronica Indirizzo della sede Statistica medica ed Epidemiologia Dr.ssa A. MATTEI Informatica applicata Dr P. Vittorini Inglese Dr.ssa A. Bottino Diritto del lavoro Prof. Pietro Lambertucci Economia aziendale Dr.ssa Antonella Giuliani Sociologia della salute e delle org. Sanitarie Inferm.ca gener. Orientata alla deontologia prof.le Dr.ssa Mirella Del Principe Dr Giuseppe Sforna Dip.MISP Univ. L Aquila Edificio L Aquila Dip.MISP Univ. L Aquila Edificio L Aquila Fac. Medicina e Chirurgia Univ. L Aquila. P.le Tommasi, L Aquila Presidenza Facoltà di Economia -Roio Poggio - Univ. L Aquila L Aquila U.O. Ingegneria Clinica, - Direzione Sanitaria P.O. S. Salvatore ASL L Aquila Centro di Salute Mentale Collemaggio ASL L Aquila U.O. di Lungodegenza P.O. S. Salvatore ASL L Aquila Metodologia della ricerca inferm.ca Prof. Loreto Lancia Dip.MISP Univ. L Aquila Edificio L Aquila SEDE DI AVEZZANO DISCIPLINA DOCENTE Indirizzo di posta elettronica Indirizzo della sede Diritto del lavoro Dr C.M.M. Di Girolamo Via Don Minzioni 42/a Avezzano Economia aziendale Dr.ssa A. Macerola Via Don Minzioni 42/a Avezzano Sociologia della salute e delle org. Sanitarie Dr S.Spurio Via Don Minzioni 42/a Avezzano Inferm.ca gener. Orientata alla deontologia prof.le Dr.ssa Rau Patrizia Via Don Minzioni 42/a Avezzano Metodologia della ricerca inferm.ca Prof. L.Lancia Via Don Minzioni 42/a Avezzano SEDE DI SULMONA DISCIPLINA DOCENTE Indirizzo di posta elettronica Indirizzo della sede Diritto del lavoro Dr P. Fasciani Economia aziendale Dr. G. Moroni Sociologia della salute e delle org. Sanitarie Inferm.ca gener. Orientata alla deontologia prof.le Metodologia della ricerca inferm.ca Dr A. Le Donne Dr V. Recchia Dr D. Silla SEDE DI TERAMO Polo Formativo P.O. di Sulmona V.le Mazzini Sulmona Polo Formativo P.O. di Sulmona V.le Mazzini Sulmona Polo Formativo P.O. di Sulmona V.le Mazzini Sulmona Polo Formativo P.O. di Sulmona V.le Mazzini Sulmona Polo Formativo P.O. di Sulmona V.le Mazzini Sulmona DISCIPLINA DOCENTE Indirizzo di posta elettronica Indirizzo della sede Diritto del lavoro Dr G. Di Clemente Economia aziendale Dr S. Prosperi Sociologia della salute e delle org. Sanitarie Dr F. Santarelli P.O. di Teramo, palazzina ex Sanatorio, Villa Mosca Teramo P.O. di Teramo, palazzina ex Sanatorio, Villa Mosca Teramo P.O. di Teramo, palazzina ex Sanatorio, Villa Mosca Teramo Inferm.ca gener. Orientata alla deontologia prof.le Dr.ssa B. Di Remigio P.O. di Teramo, palazzina ex Sanatorio, Villa Mosca Teramo Metodologia della ricerca inferm.ca Dr V. Di Giamberardino P.O. di Teramo, palazzina ex Sanatorio, Villa Mosca Teramo 8

9 QUANDO POSSO SOSTENERE GLI ESAMI? IL CALENDARIO DEGLI ESAMI E DISPONIBILE SUL SITO DI FACOLTA NB Gli esami relativi agli insegnamenti del 1 semestre sono sostenibili a partire dalla sessione di Febbraio 2007 fino a quella di Febbraio 2008; gli esami relativi agli insegnamenti del 2 semestre sono sostenibili a partire dalla sessione di Giugno 2007 fino a quella di Febbraio Per la prenotazione agli esami è disponibile il link servizi on line sul sito di ateneo (www.univaq.it) RICONVERSIONE CREDITIZIA CL IN INFERMIERISTICA CALENDARIO ESAMI SEDE DI L'AQUILA DISCIPLINA COORDINATORE GIU LUG SETT DIC FEBB MAR SEDE ORA METODOLOGIA STATISTICA- EPIDEMIOLOGIA AD INFORMATICA MATTEI COPPITO BLOCCO INGLESE SCIENTIFICO BOTTINO COPPITO BLOCCO PRINCIPI DI DIRITTO - ORGANIZZAZIONE SANITARIA E DELL'ASSISTENZA DISCIPLINE MEDICO-LEGALI/BIOETICA E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE METODOLOGIA INFERM.CA E METODOLOGIA DELLA RICERCA INFERM.CA PRINCIPI DI DIRITTO - ORGANIZZAZIONE SANITARIA E DELL'ASSISTENZA DISCIPLINE MEDICO-LEGALI/BIOETICA E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE METODOLOGIA INFERM.CA E METODOLOGIA DELLA RICERCA INFERM.CA PRINCIPI DI DIRITTO - ORGANIZZAZIONE SANITARIA E DELL'ASSISTENZA DISCIPLINE MEDICO-LEGALI/BIOETICA E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE METODOLOGIA INFERM.CA E METODOLOGIA DELLA RICERCA INFERM.CA PRINCIPI DI DIRITTO - ORGANIZZAZIONE SANITARIA E DELL'ASSISTENZA DISCIPLINE MEDICO-LEGALI/BIOETICA E DEONTOLOGIA PROFESSIONALE METODOLOGIA INFERM.CA E METODOLOGIA DELLA RICERCA INFERM.CA GIAMPIETRO COPPITO BLOCCO ARCANGELI COPPITO BLOCCO LANCIA COPPITO BLOCCO SEDE DI AVEZZANO COORDINATORE GIU LUG SETT DIC FEBB MAR SEDE ORA SEIMONTE POLO FORMATIVO AZ RAU POLO FORMATIVO AZ LANCIA POLO FORMATIVO AZ SEDE DI SULMONA COORDINATORE GIU LUG SETT DIC FEBB MAR SEDE ORA FASCIANI POLO FORMATIVO SU RECCHIA POLO FORMATIVO SU DI BACCO POLO FORMATIVO SU SEDE DI TERAMO COORDINATORE GIU LUG SETT DIC FEBB MAR SEDE ORA DI GIAMBERARDINO POLO FORMATIVO TE 8.00 DI REMIGIO POLO FORMATIVO TE 8.00 PECORALE POLO FORMATIVO TE

10 TESI DI LAUREA: argomenti, relatori, date. Tutti i docenti del CL possono essere relatore di tesi. Il piano di studi è consultabile sul sito di Facoltà La maggior parte degli indirizzi dei docenti è reperibile sul sito di ateneo cliccando sull icona che raffigura la cornetta telefonica. Chi dopo aver espletato queste procedure dovesse trovarsi ancora in difficoltà, può inviare una mail all indirizzo con l indicazione dell argomento scelto e riceverà un aiuto per la scelta del relatore appropriato. Dal sito di ateneo è possibile scaricare i due moduli (domanda di tesi + scheda di tesi corsi di laurea nuovo ordinamento Facoltà di Medicina) da presentare in segreteria studenti entro il 15 settembre per discutere la tesi a Novembre 2007 oppure entro il 15 gennaio per discutere la tesi ad Aprile Il percorso, partendo dalla home page di ateneo (http://www.univaq.it/), è il seguente: studenti / informazioni studenti / modulistica studenti. Quando lo studente consegna la copia della tesi in segreteria, è pregato di consegnare un CD presso la sede del CL (Dott.ssa Petrucci Dip. Medicina Interna e Sanità Pubblica Edificio 6, stanza 210) contenente il testo della tesi e le diapositive riguardanti la dissertazione orale. Appendice a: LA TESINA LAYOUT Ogni tesina deve essere redatta su fogli A4 per un numero di pagine compreso tra 10 e 15 (bibliografia inclusa) usando il carattere arial 12, interlinea doppia e paragrafo giustificato. BIBLIOGRAFIA: Vedi Appendice B 10

11 Appendice b: LA TESI DI LAUREA DEFINIZIONI E SCOPI La tesi di laurea è un elaborato che lo studente infermiere deve produrre al termine del corso, sotto la guida e la supervisione di un relatore scelto tra i docenti del corso di laurea, anche di discipline diverse da quelle che costituiscono debito formativo, nel rispetto della pertinenza disciplinare con l argomento della tesi. L acquisizione di una metodologia corretta, rigorosa e scientifica da parte dello studente rappresenta l obiettivo principale della tesi di laurea. Esistono 3 tipologie di tesi: 1. compilativa (o bibliografica) 2. di ricerca (o sperimentale) 3. mista Copertina PARTI ESSENZIALI DI UNA TESI Rappresenta il biglietto da visita della Tesi (Vedi l esempio allegato.) Indice Fornisce indicazioni immediate sul contenuto e l organizzazione della Tesi. Deve essere abbozzato preliminarmente in modo da rappresentare una guida per lo studente durante l elaborazione. E fondamentale l uso di una tabulazione appropriata al fine di rendere comprensibili la classificazione dei capitoli in eventuali sottocapitoli. E preferibile collocarlo all inizio della Tesi. Esempio: 4. i modelli teorici del nursing 4.1 il modello delle prestazioni infermieristiche 4.2 il modello Gordon i modelli concettuali di salute il modello Gordon nell accertamento infermieristico il modello Handerson.. 5. le teorie del nursing a confronto Introduzione Deve esprimere il background dell argomento svolto. Due pagine al massimo scritte in forma impersonale. Capitoli Devono rappresentare la sintesi di un accurata rassegna della letteratura più recente effettuata attraverso riviste scientifiche, libri ed internet. MEDLINE e CINAHL (Comulative Index to Nursing and Allied Health Literature) rappresenatano i database più completi attualmente disponibili su cui ricercare le fonti della letteratura biomedica ed infermieristica: Per le tesi di ricerca sono fondamentali le seguenti sezioni: scopi ed obiettivi, materiali e metodi, risultati, discussione, conclusioni. 11

12 Ove possibile, sintetizzare i dati attraverso l uso di grafici e tabelle. Conclusioni Deve esprimere una sintesi breve del lavoro svolto e di eventuali risultati ottenuti. Da essa si dovrà desumere l originalità e l apporto personale del candidato. Due pagine al massimo. Bibliografia Consente di valutare l affidabilità dello studio e permette ad altri di approfondire argomenti di particolare interesse. 1. Solo i lavori citati nel testo possono essere elencati, in ordine alfabetico, nella bibliografia. 2. Citazioni nel testo (obbligatorie): Riportare tra parentesi il nome dell autore del lavoro seguito dalla data di pubblicazione (es. Bianchi, 2001). Ove presenti più autori dello stesso lavoro citare il primo seguito da et al. (es. Azzurro et al., 2003), nel caso di più citazioni, queste vanno indicate in ordine cronologico (es. Bianchi, 2001; Verdi et al. 2005). Esempi di bibliografia: - Articoli: Sawyer, J. (1996). Measurement and prediction, clinical and statistical. Psychological Bulletin, 66 (3), Sawyer, J., & Smith, S.(1976). Measurement and prediction, clinical and statistical. Psychological Bulletin, 66 (3), Sawyer, J., Smith, S., & Nephew, M. (1976). Measurement and prediction, clinical and statistical. Psychological Bulletin, 66 (3), Libro: Arnheim, R. (1971). Art and visual perception. Berkeley: University of California Press. - Articoli internet: Kawasaki, J. L., & Raven, M.R. (1995). Computer administered surveys in extension. Journal of extension, 33, Data accesso 2 Giugno, 1999, da - Generico internet: International Council of Nurses. Elder abuse: Nursing Matters. Data accesso 2 Giugno, 1999, da LAYOUT La tesi di laurea deve essere redatto su fogli A4 per un numero di pagine compreso tra 50 ed 80 usando il carattere arial 12, interlinea doppia e paragrafo giustificato. PRESENTAZIONE DEL LAVORO ALLA COMMISSIONE Rappresentano un valore aggiunto: 1. Capacità di rimanere all interno del tempo assegnato 2. Adeguata distribuzione delle parti che compongono la relazione all interno del tempo assegnato. 3. Uso di un lessico appropriato e conciso Esempio di come suddividere la presentazione: Premessa (Backround del problema) Brevi informazioni derivate dalla revisione bibliografica 12

13 Obiettivi e scopi dell indagine Materiali e metodologia usata Risultati Conclusioni Sussidi Lucidi o diapositive in numero adeguato al tempo a disposizione. Evitare i lucidi fatti a mano. I lucidi o le diapositive devono accompagnare e non sostituire la relazione (non fitti di parole, preferire i grafici alle tabelle). 13

14 FAC SIMILE FRONTESPIZIO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA (Presidente: Prof. Loreto Lancia) TESI DI LAUREA TITOLO LAUREANDO RELATORE Chiar.mo Prof. ANNO ACCADEMICO

15 LE COMUNICAZIONI Il presidente del Corso di Laurea Prof. Loreto Lancia Scienze Infermieristiche Generali, Cliniche e Pediatriche Dipartimento di Medicina Interna e Sanità Pubblica Università degli Studi dell'aquila Ospedale S. Salvatore Edificio 6 Piano IV Stanza Coppito L AQUILA Tel.n Fax n Riceve il Martedì, Mercoledì, Venerdì dalle ore 12,00 alle ore 14,00. Il coordinamento del Corso di Laurea Dr.ssa Cristina Petrucci Dip.to di Medicina interna e Sanità Pubblica Università degli Studi dell'aquila Ospedale S. Salvatore Edificio 6 Piano IV Stanza Coppito L AQUILA Tel.n Fax n Riceve il Martedì, Mercoledì, Giovedì dalle ore 08:30 alle ore 09:30 L ndirizzo di posta elettronica del Corso di Laurea Il sito della Facoltà di Medicina e Chirurgia Il sito dell Ateneo 15

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A019 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE)

INCONTR-AIOSS 2015 COMPETENZE E ETICA BEST PRACTICE VS. 15-17 Ottobre 2015 AIOSS. Hotel Serena Majestic Montesilvano Lido (PE) Brochure Montesilvano 2015 30/07/15 12: Pagina 1 Associazione Italiana Operatori Sanitari di Stomaterapia INCONTR- 2015 Certificazione EN ISO 9001:2008 IQ-0905-12 per formazione ed aggiornamento COMPETENZE

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco?

Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Lauree triennali ed equipollenza dei titoli di studio pregressi: si sta per chiarire un grande equivoco? Al fine dell iscrizione alle Lauree specialistiche delle professioni sanitarie non è necessario

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015)

CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) CALENDARIO ATTIVITA DI ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014/2015 (prima versione, aggiornato al 28.01.2015) Si ricorda che le attività di orientamento predisposte per l'anno scolastico 2014/2015 sono state

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ON LINE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROVA FINALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ON LINE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROVA FINALE GUIDA ALLA COMPILAZIONE ON LINE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA PROVA FINALE Collegati allo sportello internet studenti (click su login ed inserisci nome utente e password). Clicca su Laurea. Clicca sul

Dettagli

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C450 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare?

1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare? 1) Sono fuori dai termini per cancellare/prenotare un esame, come posso rimediare? 2) Non ho prenotato, posso chiedere al docente di sostenere ugualmente l'esame? 3) La regola dell'appello alternato vale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza.

DIPARTIMENTO 25123 BRESCIA Partita IVA 14/15. iniziato, come. fa specifico. paragrafo 2.2. stesso. valutazione. rispondenza. REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALLE LAUREE MAGISTRALI IN INGEGNERIA 14/15 (Approvato dal CCSA di ingegneria Industriale del 17/7/2014) 1. PREMESSA E NORME GENERALI 1.1. Norme e principi di riferimento Il

Dettagli

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST

LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST LABORATORIO di RICERCA BIBLIOGRAFICA SUI TEST emanuela.canepa@unipd.it Biblioteca di psicologia Fabio Metelli Università degli Studi di Padova Materiale didattico: guida corso Casella della biblioteca

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line Università degli Studi Roma Tre Prenotazione on-line Istruzioni per effettuare la prenotazione on-line degli appelli presenti sul Portale dello Studente Assistenza... 2 Accedi al Portale dello Studente...

Dettagli

Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione A036 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

DOMANDA CONSEGUIMENTO TITOLO ON-LINE

DOMANDA CONSEGUIMENTO TITOLO ON-LINE Questa guida ha lo scopo di illustrarti le modalità da seguire per inoltrare la domanda di conseguimento titolo ON-LINE che non rende necessario recarsi personalmente alla Segreteria Studenti. Se desideri

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli