Diploma Supplement: proposta di un modello di certificazione per la Laurea in Infermieristica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diploma Supplement: proposta di un modello di certificazione per la Laurea in Infermieristica"

Transcript

1 Diploma Supplement: proposta di un modello di certificazione per la Laurea in Infermieristica Prof.ssa Anne Destrebecq Professore associato MED/45 Università degli Studi di Milano Dott.ssa Elena Sala Tutor CLI Università degli Studi di Milano

2 CONTESTO Febbraio annunci online di lavoro riferiti alla figura dell Infermiere portali specialistici per l incontro tra domanda e offerta di lavoro, siti delle principali Agenzie per il Lavoro siti delle principali testate giornalistiche nazionali. Fonte: Wollybi, Osservatorio Mercato del Lavoro

3 CONTESTO Circa l 72% degli annunci di lavoro riferiti agli Infermieri sono distribuiti nel Nord o all Estero: N. annunci % tot annunci Lombardia % Emilia- Romamagna % Piemonte % Veneto % Estero % Per il periodo marzo-agosto 2015 si prevede, rispetto allo stesso periodo del 2014, un aumento della domanda del +23,5%. Fonte: Wollybi, Osservatorio Mercato del Lavoro

4 LA STRATEGIA EUROPEA Trasparenza della certificazione a favore della mobilità delle persone Quadro comune di riferimento per la trasparenza delle qualifiche e delle competenze (Europass)* Gli strumenti riconosciuti: - sono immediatamente fruibili in tutti gli Stati dell'unione - hanno un formato e un linguaggio comune - contengono indicatori che garantiscono efficacia e pertinenza delle informazioni * Decisione 2241/2004/EC

5 LA STRATEGIA EUROPEA Esempi: Curriculum vitae europeo ECDL (European computer driving licence) Portfolio delle lingue Europass Mobilità Supplemento al certificato Supplemento al Diploma

6 DIPLOMA SUPPLEMENT: ORIGINI 1986 Comitato regionale intergovernativo europeo dell'unesco: migliorare il riconoscimento internazionale dei titoli accademici. Dichiarazione di Bologna (1999), cita il DS quale strumento cardine per favorire la leggibilità e la comparabilità dei titoli accademici. [Decreto 3 novembre 1999, n. 509 Art.11 comma 8] Berlino (2003) Ogni studente che si laurea a partire dal 2005 riceva il Diploma Supplement automaticamente e gratuitamente. Il DS dovrebbe essere rilasciato in una lingua europea ampiamente diffusa. [ ] Per favorire l'occupabilità dei laureati che per facilitare il riconoscimento accademico ai fini del proseguimento degli studi."* *Comunicato di Berlino 2003,

7 DIPLOMA SUPPLEMENT, LA NORMATIVA ITALIANA Decreto Ministeriale 9/2004 Anagrafe Nazionale degli Studenti e dei Laureati Art.6: Le Università, a partire dall anno 2005 rilasciano, in edizione bilingue, il certificato supplemento al diploma

8 DIPLOMA SUPPLEMENT, LA NORMATIVA ITALIANA DM 28 dicembre 2010 Modificazioni al decreto 3 novembre 1999, n. 509 IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA decreta che il termine «certificato» è sostituito con la locuzione «relazione informativa». Decreto Ministeriale 47/2013 Autovalutazione, Accreditamento iniziale e periodico delle sedi e dei corsi di studio 5 requisito di assicurazione di qualità (AQ5) - verifica sull effettiva adozione del Diploma Supplement presso le singole realtà accademiche

9 DIPLOMA SUPPLEMENT: TERMINI DI RILASCIO Per il rilascio è sufficiente, al compimento degli studi, a partire del 2005, compilare il modulo di richiesta e lo studente riceverà per indicazione sulla data e il luogo della consegna. Viene rilasciata un'unica copia originale, in edizione bilingue (italiano e inglese)* * Sito della propria Università

10 DIPLOMA SUPPLEMENT: UTILITÀ Promuovere i titoli, le qualifiche e le competenze acquisite verso il mondo del lavoro e delle professioni facilitare il loro riconoscimento accademico ai fini del proseguimento degli studi. Accogliere studenti o laureati stranieri nelle università italiane e negli Istituti di Istruzione Superiore non accademica Agevolare la mobilità di studenti e laureati in ambito nazionale e internazionale tra i vari atenei e/o tra i corsi di laurea Descrivere la natura, il livello, il contenuto degli studi intrapresi e completati con successo, nonché le informazioni essenziali sul contesto educativo nel quale sono stati condotti gli studi

11 DIPLOMA SUPPLEMENT: VANTAGGI PER LO STUDENTE Maggiore leggibilità e comparabilità del diploma in Italia e all'estero Descrizione precisa e oggettiva della carriera accademica, dei successi e delle competenze acquisite durante il periodo di studio Più facile accesso alle opportunità di lavoro (occupabilità) o di prosecuzione degli studi

12 DIPLOMA SUPPLEMENT: NELLA VERSIONE ITALIANA Ottobre 2000 gruppo di lavoro della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI) e del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica (MURST) sul Diploma Supplement (DS). Raccomanda ogni università di personalizzare il DS di ogni studente fornendo in allegato alle singole certificazioni la descrizione dei moduli didattici compresi nel curriculum del corso di studio Suggerisce l opportunità di integrare chiaramente la definizione dei contenuti generali previsti dai corsi di studio con il curriculum effettivamente seguito dallo studente: nei punti 4.2 la descrizione generale e 4.3 il curriculum del singolo studente.

13 IL DIPLOMA SUPPLEMENT: LA STRUTTURA 1. dati anagrafici, 2. informazioni sul titolo di studio, 3. informazioni sul livello del titolo di studio, 4. informazioni sulle attività formative svolte e su valutazioni e voti conseguiti, 5. informazioni sull ambito di utilizzazione del titolo di studio, 6. informazioni aggiuntive, 7. certificazione, 8. informazioni sul sistema nazionale di istruzione superiore.

14 DIPLOMA SUPPLEMENT: LA DUPLICE VALENZA AMMINISTRATIVA FORMATIVA Il DS descrive le conoscenze teoriche e pratiche e le competenze in termini di responsabilità e autonomia connesse alla Qualificazione Il DS descrive le competenze attraverso i risultati di apprendimento, i Descrittori di Dublino e i descrittori del Quadro Nazionale delle qualifiche * *Tuning Educational Structures in Europe, Il contributo delle università al processo di Bologna. (2008)

15 DIPLOMA SUPPLEMENT: I DATI NAZIONALI ISFOL, Indagine conoscitiva sull utilizzo dell Europass Diploma Supplement (2012) Nel 2010, meno della metà degli atenei hanno distribuito più di cinquanta DS Criticità procedurali: continue modifiche dell offerta formativa, alle traduzioni, alla gestione dei sistemi informativi Facilitare le traduzioni in lingua straniera dei programmi di insegnamento e delle altre informazioni da inserire nel dispositivo Promuovere attività d informazione e di sensibilizzazione sul valore e sull utilità del dispositivo

16 DIPLOMA SUPPLEMENT: I DATI UNIMI I dati di UniMi: Dal 2007 ad oggi rilasciati 1352 DS, di cui 15 per il CL Infermieristica e 1 per la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche. Il DS è in corso di adeguamento alle disposizioni del dm 30 gennaio 2013 n. 47 Dato rilasciato dal settore servizi informativi dell Università degli Studi di Milano, Gennaio 2014

17 IL DIPLOMA SUPPLEMENT DI UNIMI Certificato rilasciato in Unimi Versione italiana Versione inglese

18 PROPOSTA DI MODELLO DI CERTIFICATO Esempio 1 Esempio 2 Sez.4 Informazioni sulle attività formative svolte e su valutazioni e voti conseguiti Sez 5. Informazioni sull ambito di utilizzazione del titolo di studio Esempio 3 Sez 6. Informazioni aggiuntive

19 PROSPETTIVE E SVILUPPI Dal D.M. 270/2004 nel definire gli ordinamenti didattici dei corsi di laurea, le università specificano gli obiettivi formativi in termini di risultati di apprendimento attesi, con riferimento al sistema di descrittori adottato in sede europea. Mobilità infermieristica europea DS certificato formale e formativo DS adotta il linguaggio delle competenze infermieristiche Contributo del Formatore/ Docente

20

IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ. Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015

IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ. Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015 IL PORTAFOGLIO EUROPASS PER LA TRASPARENZA E LA MOBILITÀ Luogo Presentazione: Verona Autore: Silvia Lotito Data: 27 novembre 2015 Muoversi in Europa La mobilità transnazionale è considerata da oltre un

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPLOMA SUPPLEMENT Linee guida Di seguito sono riportate alcune precisazioni per la compilazione del Diploma Supplement, che accompagnano il D.M. senza farne parte. Premessa Il supplemento al diploma è

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca La richiesta del Supplemento al Diploma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca La richiesta del Supplemento al Diploma Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca La richiesta del Supplemento al Diploma Marzia Foroni Direzione Generale per l Università, lo studente e il Diritto allo Studio Universitario

Dettagli

Linee guida per la compilazione del Diploma Supplement nel settore AFAM

Linee guida per la compilazione del Diploma Supplement nel settore AFAM Linee guida per la compilazione del Diploma Supplement nel settore AFAM 1. Introduzione Il supplemento al diploma è un allegato al titolo conseguito, al termine di un corso di studi, in una università

Dettagli

Rendere visibili le competenze per studiare e lavorare in Europa

Rendere visibili le competenze per studiare e lavorare in Europa Rendere visibili le competenze per studiare e lavorare in Europa L utilizzo in Italia dell Europass supplemento al diploma di Silvia Vaccaro Riassunto: l articolo descrive i risultati di un indagine conoscitiva

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Linee guida per le Università sul tema del riconoscimento e della convalida degli apprendimenti pregressi. Luciano Galliani, Università di Padova

Linee guida per le Università sul tema del riconoscimento e della convalida degli apprendimenti pregressi. Luciano Galliani, Università di Padova Linee guida per le Università sul tema del riconoscimento e della convalida degli apprendimenti pregressi Luciano Galliani, Università di Padova Secondo quanto riportato all art. 4 commi 51-58 della Legge

Dettagli

Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore

Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Maria Sticchi Damiani Sapienza, Roma 21 ottobre 2014 1 A Bologna nel 1999 i Ministri dell Istruzione di 29 paesi hanno concepito una visione comune: creare uno

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Presentazione risultati indagine conoscitiva sull utilizzo dell Europass Supplemento al Diploma. ISFOL Centro Nazionale Europass

Presentazione risultati indagine conoscitiva sull utilizzo dell Europass Supplemento al Diploma. ISFOL Centro Nazionale Europass Presentazione risultati indagine conoscitiva sull utilizzo dell Europass ISFOL Centro Nazionale Europass 1 Indagine conoscitiva sull utilizzo dell Europass Popolazione: 76 Atenei, che, su richiesta del

Dettagli

PER LA DEFINIZIONE DEI NUOVI ORDINAMENTI DIDATTICI PER LA PROGETTAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

PER LA DEFINIZIONE DEI NUOVI ORDINAMENTI DIDATTICI PER LA PROGETTAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO LINEE GUIDA PER LA DEFINIZIONE DEI NUOVI ORDINAMENTI DIDATTICI PER LA PROGETTAZIONE DEI PERCORSI FORMATIVI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO Questo documento individua gli orientamenti fondamentali relativamente

Dettagli

Il Ministro dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Università e della Ricerca VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni;; VISTO l'articolo 11, commi 1 e 2, della legge 19 novembre 1990, n. 341; VISTI gli articoli 2 e 3 del decreto

Dettagli

CAPITOLO 2 LA PROCEDURA DI RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI

CAPITOLO 2 LA PROCEDURA DI RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI CAPITOLO 2 LA PROCEDURA DI RICONOSCIMENTO DEI TITOLI ACCADEMICI Quando si va all estero per studiare o lavorare ci si imbatte in sistemi diversi da quelli che ci sono più familiari. Le differenze più evidenti

Dettagli

Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze della Formazione Classe 19 delle lauree in Scienze dell'educazione e della Formazione CORSO DI LAUREA A DISTANZA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO (Emanato con D.R. prot. n. 15141 I/3 - rep. D.R. n. 714-2015 del 19.06.2015) I termini relativi a persone che, nel presente Regolamento,

Dettagli

RELAZIONI INTERNAZIONALI

RELAZIONI INTERNAZIONALI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE RELAZIONI INTERNAZIONALI Classe di Laurea LM 52 DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE, POLITICHE E DELLE LINGUE MODERNE PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof.ssa Valentina Sabato

Dettagli

Avanzamenti nella realizzazione del piano strategico 2013-18

Avanzamenti nella realizzazione del piano strategico 2013-18 Avanzamenti nella realizzazione del piano strategico 2013-18 Nota a dicembre 2014 Nota: la numerazione accanto a obiettivi, strategie e azioni è in riferimento a quanto indicato nel piano strategico 2013-18

Dettagli

art. 2 offerta formativa pubblica

art. 2 offerta formativa pubblica Regolamento di disciplina dell offerta formativa pubblica rivolta ad apprendisti assunti con contratti di apprendistato professionalizzante, ai sensi degli articoli 4, comma 1, lettera c) e 53 della legge

Dettagli

L.R. 76/1982, art. 4, c. 1, lett. c) e art. 53 B.U.R. 23/5/2012, n. 21 L.R. 18/2005, art. 61

L.R. 76/1982, art. 4, c. 1, lett. c) e art. 53 B.U.R. 23/5/2012, n. 21 L.R. 18/2005, art. 61 L.R. 76/1982, art. 4, c. 1, lett. c) e art. 53 B.U.R. 23/5/2012, n. 21 L.R. 18/2005, art. 61 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 maggio 2012, n. 0101/Pres. Regolamento di disciplina dell offerta formativa

Dettagli

Il dispositivo Europass per promuovere la mobilità: il Supplemento al Diploma Verona, 21 novembre 2014 JOB&ORIENTA 2014

Il dispositivo Europass per promuovere la mobilità: il Supplemento al Diploma Verona, 21 novembre 2014 JOB&ORIENTA 2014 Il dispositivo Europass per promuovere la mobilità: il Supplemento al Diploma Verona, 21 novembre 2014 JOB&ORIENTA 2014 Ismene Tramontano ISFOL Centro Nazionale Europass Italia 1 Muoversi in Europa La

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n.... - Prot. n.... Anno... Tit.... Cl.... Fasc....

Dettagli

GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO. Classe di Laurea LMG/01. DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA - Palermo -

GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO. Classe di Laurea LMG/01. DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA - Palermo - CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO GIURISPRUDENZA Classe di Laurea LMG/01 DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA - Palermo - PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof. Pietro Lo Iacono E-mail: p.loiacono@lumsa.it

Dettagli

Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca di concerto con Il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali

Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della Ricerca di concerto con Il Ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali Decreto Interministeriale 19 febbraio 2009 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 25 maggio 2009 n.119 Determinazione delle classi delle lauree delle professioni sanitarie Il Ministro dell'istruzione, dell'università

Dettagli

Regolamento didattico d Ateneo ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Regolamento didattico d Ateneo ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 Regolamento didattico d Ateneo ai sensi del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 D.R. 24 giugno 2008 n. 9018 - Emanazione D.R. 26 gennaio 2010 n. 919 Modifiche agli articoli 10,18,19,24 e 27 D.R 22 settembre 2011

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca Consiglio Nazionale Universitario

Ministero dell Università e della Ricerca Consiglio Nazionale Universitario Ministero dell Università e della Ricerca Consiglio Nazionale Universitario Criteri per una valutazione omogenea degli ordinamenti didattici dei corsi di studio formulati ai sensi del Decreto Ministeriale

Dettagli

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti?

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? DOMANDE FREQUENTI Palermo, Largo Esedra nr.3, tel. 091 6254431 ONLUS 1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? Le Università sono pubbliche o private riconosciute dal

Dettagli

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO

FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO FAQ ORIENTAMENTO IN INGRESSO 1. CHI SIAMO? 2. COME RAGGIUNGERCI? 3. COSA SONO I DIPARTIMENTI? 4. COS È L ORIENTAMENTO IN INGRESSO? 5. COSA SONO I C.F.U.? 6. COSA SONO I CORSI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Sistema CRUI di Gestione per la Qualità dei Corsi di Studio universitari

Sistema CRUI di Gestione per la Qualità dei Corsi di Studio universitari Sistema CRUI di Gestione per la Qualità dei Corsi di Studio universitari Revisione 2007 1 Premessa Il presente documento descrive il Sistema CRUI di gestione per la qualità dei Corsi di Studio universitari

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340)

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO. Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340) REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Approvato ed emanato con Decreto Rettorale del 31 maggio 2011, n. 660 e confermato con Decreto Rettorale del 28 novembre 2011, n. 1340) Parte prima NORME GENERALI ART. 1

Dettagli

Bando di concorso per l ammissione al corso di laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e di Impresa (classe LM 59)

Bando di concorso per l ammissione al corso di laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e di Impresa (classe LM 59) DIV. III Reg. 294596 del 24/03/2015 Bando di concorso per l ammissione al corso di laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e di Impresa (classe LM 59) ANNO ACCADEMICO 2015-2016 IL RETTORE VISTA la

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

Bando di selezione per l anno accademico 2013/2014 per corsi di laurea, corsi di laurea magistrale a ciclo unico e corsi di laurea magistrale

Bando di selezione per l anno accademico 2013/2014 per corsi di laurea, corsi di laurea magistrale a ciclo unico e corsi di laurea magistrale Bando di selezione per l anno accademico 2013/2014 per corsi di laurea, corsi di laurea magistrale a ciclo unico e corsi di laurea magistrale Bando di selezione per l anno accademico 2013/2014 per corsi

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE DELLE CLASSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PRESIDENTE PROF. LUIGI FRATI SEGRETARIO GENERALE PROF.

CONFERENZA PERMANENTE DELLE CLASSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PRESIDENTE PROF. LUIGI FRATI SEGRETARIO GENERALE PROF. CONFERENZA PERMANENTE DELLE CLASSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PRESIDENTE PROF. LUIGI FRATI SEGRETARIO GENERALE PROF. Alvisa Palese MOZIONE del 13 settembre 2013 Oggetto: Direttore delle attività

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 3158 Prot. n 42949 Data 02.07.2015 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia

Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia Collegio Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia Provinciale di Gorizia EQUIVALENZA DEI TITOLI E in corso la procedura avviata da gennaio 2012 per le professioni sanitarie tecniche,

Dettagli

Dai requisiti all accreditamento: vincolo o opportunità ww.anvur.org. Massimo Castagnaro Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.

Dai requisiti all accreditamento: vincolo o opportunità ww.anvur.org. Massimo Castagnaro Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur. Dai requisiti all accreditamento: vincolo o opportunità ww.anvur.org Massimo Castagnaro Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Assemblea CODAU, 25 gennaio 2012 Aspetti normativi (legge

Dettagli

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo

Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Giornata di Formazione per referenti delle Scuole Polo Milano, 18 gennaio 2013 1 NORMATIVA RELATIVA ALLA SOLIDARIETA, AL BENESSERE DEGLI STUDENTI E ALL AUTONOMIA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI L. 285/97 relativa

Dettagli

Riconoscimento dei periodi di studio all estero e conversione dei voti:

Riconoscimento dei periodi di studio all estero e conversione dei voti: Riconoscimento dei periodi di studio all estero e conversione dei voti: Erasmus+ e ECTS Maria Sticchi Damiani Università di Messina 14 aprile 2014 www.bolognaprocess.it 1 ATENEO 1. Documenti di riferimento

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO Ai sensi del DM 270/2004 Emanato con D.R. n. 15863 dell'08.04.2010 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n. 964/2013 del 05/08/2013 Entrato in vigore il 02/08/2013

Dettagli

SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE

SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE CORSO DI LAUREA TRIENNALE SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE Classe di Laurea L 24 DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE COMUNICAZIONE, FORMAZIONE, PSICOLOGIA PRESIDENTE DEL CORSO DI STUDIO Prof.ssa Caterina Fiorilli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie LAUREA IN CHIMICA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 È istituito presso l Università degli Studi di Perugia il Corso

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Per tutte le analisi che seguono le fonti sono state: 1) Scheda SUA 2014 2) RAR 2014 3) Valutazioni

Dettagli

Bando di concorso per l ammissione al corso di laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e di Impresa (classe LM 59)

Bando di concorso per l ammissione al corso di laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e di Impresa (classe LM 59) DIV. III Bando di concorso per l ammissione al corso di laurea magistrale in Comunicazione Pubblica e di Impresa (classe LM 59) ANNO ACCADEMICO 2016-2017 IL RETTORE VISTA la legge 02.08.1999, n. 264 recante

Dettagli

La dimensione europea dell Assicurazione della qualità

La dimensione europea dell Assicurazione della qualità L assicurazione della qualità come opportunità di sviluppo Conservatorio di Musica Arrigo Boito Parma 14 marzo 2009 La dimensione europea dell Assicurazione della qualità Carla Salvaterra carla.salvaterra@unibo.it

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 17 aprile 2003

DECRETO MINISTERIALE 17 aprile 2003 DECRETO MINISTERIALE 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare

Dettagli

Europass Diploma Supplement. Trasparenza dei titoli di istruzione superiore per la mobilità dei cittadini europei

Europass Diploma Supplement. Trasparenza dei titoli di istruzione superiore per la mobilità dei cittadini europei Ministero dell Università e della Ricerca Ministero della Pubblica Istruzione Ministero dell Università e della Ricerca Ministero della Pubblica Istruzione esd Europass Diploma Supplement Trasparenza dei

Dettagli

Europass strumento di trasparenza e mobilità nei percorsi di certificazione delle competenze linguistiche

Europass strumento di trasparenza e mobilità nei percorsi di certificazione delle competenze linguistiche Europass strumento di trasparenza e mobilità nei percorsi di certificazione delle competenze linguistiche Bologna, 22 ottobre 2009 Alessandra Biancolini Centro Nazionale Europass Italia 1 Muoversi in Europa

Dettagli

NORME GENERALI IN MATERIA DI TIROCINIO E ATTIVITÀ FORMATIVE E PROFESSIONALI SOSTITUTIVE DEL TIROCINIO

NORME GENERALI IN MATERIA DI TIROCINIO E ATTIVITÀ FORMATIVE E PROFESSIONALI SOSTITUTIVE DEL TIROCINIO NORME GENERALI IN MATERIA DI TIROCINIO E ATTIVITÀ FORMATIVE E PROFESSIONALI SOSTITUTIVE DEL TIROCINIO Approvate dal Consiglio di Facoltà in data 28 febbraio 2012 Modificate dal Consiglio di Dipartimento

Dettagli

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con

IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca. Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali. di concerto con IlMinistro dell Istruzione, dell Università e d ellaricerca di concerto con Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali VISTA la legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO l'articolo 17, comma 95, della legge

Dettagli

Il Progetto Qualità sui corsi di studio a UNIFE: verso il sistema di assicurazione della qualità AVA

Il Progetto Qualità sui corsi di studio a UNIFE: verso il sistema di assicurazione della qualità AVA Il Progetto Qualità sui corsi di studio a UNIFE: verso il sistema di assicurazione della qualità AVA Università degli Studi della Basilicata 12 febbraio 2013 Maja Feldt Responsabile Ripartizione Management

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Sviluppo gestionale delle Professioni Sanitarie dell Area Tecnico Diagnostica: dalla Riforma Universitaria alle Competenze Manageriali

Sviluppo gestionale delle Professioni Sanitarie dell Area Tecnico Diagnostica: dalla Riforma Universitaria alle Competenze Manageriali Sviluppo gestionale delle Professioni Sanitarie dell Area Tecnico Diagnostica: dalla Riforma Universitaria alle Competenze Manageriali Comacchio - Sabato 17 Ottobre 2009 La Formazione della 3 classe, tecnico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO MAGISTRALE IN LINGUE E CULTURE PER LA COMUNICAZIONE INTERNAZIONALE (LM37) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento, in conformità con i principi e le disposizioni

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Denominazione, Classe di Appartenenza e Struttura Didattica di Riferimento. Art. 3 Obiettivi Formativi Specifici Regolamento Didattico del Corso di Laurea Specialistica in Biologia Agro-alimentare e della Nutrizione Facoltà di Scienze mm. ff. nn Classe 6/S delle Lauree Specialistiche in Biologia Art. 1 Definizioni

Dettagli

Formulario di progetto AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA SPERIMENTALE LAUREE IN APPRENDISTATO PERIODO 2011-2014

Formulario di progetto AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA SPERIMENTALE LAUREE IN APPRENDISTATO PERIODO 2011-2014 Formulario di progetto AVVISO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA SPERIMENTALE LAUREE IN APPRENDISTATO PERIODO 2011-2014 Titolo del progetto 1 Laurea triennale Tipologia di progetto Laurea magistrale

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MANISCALCO ROBERTO Indirizzo VIA GIUSEPPE LEONARDI 3H 95022 ACICATENA (CT) Telefono Ufficio: 095657380 Fax

Dettagli

I consigli per una ricerca efficace del lavoro pag. 4. Europass curriculum vitae pag. 5. La lettera di presentazione pag. 8

I consigli per una ricerca efficace del lavoro pag. 4. Europass curriculum vitae pag. 5. La lettera di presentazione pag. 8 RICERCA ATTIVA DEL LAVORO: GLI STRUMENTI 2 sommario I consigli per una ricerca efficace del lavoro pag. 4 Europass curriculum vitae pag. 5 La lettera di presentazione pag. 8 Il colloquio di lavoro pag.

Dettagli

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato professionalizzante

Dettagli

Sistema Informativo del Ministero dell'istruzione, Università e Ricerca

Sistema Informativo del Ministero dell'istruzione, Università e Ricerca (I dati sono stati inseriti a cura del docente, titolare della scheda, in occasione della rilevazione "Anagrafe Professionalità Docente" anno 2012) Dati Anagrafici Cognome Nome Data di Nascita Provincia

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI CONSULENTE DEL LAVORO ED ESPERTO DI RELAZIONI INDUSTRIALI (Modificato con delibere del CdF e CdS del 22.01.03, del 07.05.2003, del 8.10.2003; del 25.02.2004;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Ultima modificazione: D.R. n. 1374 del 01 Giugno 2012)

REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Ultima modificazione: D.R. n. 1374 del 01 Giugno 2012) INDICE REGOLAMENTO DIDATTICO D ATENEO (Ultima modificazione: D.R. n. 1374 del 01 Giugno 2012) PARTE PRIMA NORME GENERALI ART. 1 -Definizioni ART. 2 - Autonomia didattica ART. 3 - Titoli di studio ART.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Area uffici didattica Settore master Rep. n. 189-013 - Prot. n. 31 del 19/09/013 Allegati / Anno 013 tit. III cl. 5 fasc.9 DIPARTIMENTO DI SCIENZE

Dettagli

AGENZIA EUR-ACE. CORSO DI FORMAZIONE PER VALUTATORI Roma, 6-7-8 e 20-21 ottobre 2010 sede della Fondazione CRUI Piazza Rondanini, 48 00186 Roma

AGENZIA EUR-ACE. CORSO DI FORMAZIONE PER VALUTATORI Roma, 6-7-8 e 20-21 ottobre 2010 sede della Fondazione CRUI Piazza Rondanini, 48 00186 Roma AGENZIA EUR-ACE CORSO DI FORMAZIONE PER VALUTATORI Roma, 6-7-8 e 20-21 ottobre 2010 sede della Fondazione CRUI Piazza Rondanini, 48 00186 Roma Il programma potrebbe subire alcune variazioni Premessa Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n. 1623/2008 - Prot. n. 33873 Anno 2007 Tit. III

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO TITOLO I OFFERTA FORMATIVA DELL ATENEO ART. 1 - AUTONOMIA DIDATTICA E REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO 1. Il presente regolamento didattico di Ateneo definisce e disciplina:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIREZIONE RICERCA, RELAZIONI INTERNAZIONALI, BIBLIOTECHE E MUSEI Settore Rapporti Internazionali Via Bogino 9 10123 Torino Tel. + 39 011 670.4397 /4387/9621/4393/9614 Fax

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Università degli Studi di Torino CARTA DEI SERVIZI EROGATI DALLA DIREZIONE DIDATTICA E SEGRETERIE STUDENTI OBIETTIVI Attraverso la Carta dei Servizi, la presenta in modo trasparente agli stakeholders di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI CONVENZIONE TRA. L Università degli Studi Guglielmo Marconi (di seguito denominata Università), con

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI CONVENZIONE TRA. L Università degli Studi Guglielmo Marconi (di seguito denominata Università), con UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI CONVENZIONE TRA L Università degli Studi Guglielmo Marconi (di seguito denominata Università), con sede in 00193 Roma, Via Plinio,44 rappresentata dal Rettore Prof.ssa

Dettagli

IL MINISTRO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Visto l'art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127, e successive modificazioni;

IL MINISTRO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA. Visto l'art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127, e successive modificazioni; D.M. 16 marzo 2007 (1). Determinazione delle classi di laurea magistrale (2). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 luglio 2007, n. 157, S.O. (2) Vedi, anche, il D.M. 26 luglio 2007. IL MINISTRO DELL'UNIVERSITÀ

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

Area Studenti Ufficio Esami di Stato e Corsi Post Lauream. Repertorio n. Prot n. IL RETTORE

Area Studenti Ufficio Esami di Stato e Corsi Post Lauream. Repertorio n. Prot n. IL RETTORE Area Studenti Ufficio Esami di Stato e Corsi Post Lauream Repertorio n. Prot n. IL RETTORE VISTO l art. 3 del D.M. 509/99, ora integrato e/o modificato dal D.M. 270/04; VISTO l art. 2 del Regolamento Didattico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

*** NORMATTIVA -Stampa ***

*** NORMATTIVA -Stampa *** *** NORMATTIVA -Stampa *** Page 1 of 6 DECRETO 21 luglio 1997, n. 245 Regolamento recante norme in materia di accessi all'istruzione universitaria e di connesse attivita' di orientamento. Vigente al: 10-11-2015

Dettagli

LINGUE E CULTURE MODERNE

LINGUE E CULTURE MODERNE CORSO DI LAUREA TRIENNALE LINGUE E CULTURE MODERNE Classe di Laurea L 11 DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE, POLITICHE E DELLE LINGUE MODERNE PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA Prof.ssa Benedetta Papasogli

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE E AMBIENTALE (CLASSE L-4) ANNO ACCADEMICO 2015-2016 IL RETTORE

BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE E AMBIENTALE (CLASSE L-4) ANNO ACCADEMICO 2015-2016 IL RETTORE BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA IN DISEGNO INDUSTRIALE E AMBIENTALE (CLASSE L-4) ANNO ACCADEMICO 2015-2016 IL RETTORE DECRETO N. 127 - Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168; - Vista

Dettagli

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010

Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Modelli Aziendali per le Amministrazioni Pubbliche a.a. 2009-2010 Fonte: Decimo rapporto sullo stato del sistema universitario (dicembre 2009) Studenti immatricolati Maturi anno 2007 Immatricolati a.a.

Dettagli

GUIDA ALLA DOMANDA DI VALUTAZIONE INIZIALE PER I CORSI Di LAUREA MAGISTRALE

GUIDA ALLA DOMANDA DI VALUTAZIONE INIZIALE PER I CORSI Di LAUREA MAGISTRALE GUIDA ALLA DOMANDA DI VALUTAZIONE INIZIALE PER I CORSI Di LAUREA MAGISTRALE Aggiornata al 30/07/2015 A cura del Servizio Help On-line Direzione Pianificazione e Valutazione Sistema integrato per la gestione

Dettagli

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE DI RIFORMA DEL DOTTORATO DI RICERCA 1. Il dottorato di ricerca costituisce il terzo livello della formazione universitaria, nel quale si fondono in maniera

Dettagli

Certificazione CBUI. modello di coordinamento nazionale di messa in qualità. dei corsi di studio. December 18, 2011

Certificazione CBUI. modello di coordinamento nazionale di messa in qualità. dei corsi di studio. December 18, 2011 modello di coordinamento nazionale di messa in qualità dei corsi di studio December 18, 2011 "Le organizzazioni eccellenti non credono nell'eccellenza ma solo nel miglioramento continuo e nel cambiamento

Dettagli

DOCENTI ESPERTI IN DIDATTICA CON TECNOLOGIE DIGITALI CERTIFICARE LE PROPRIE COMPETENZE

DOCENTI ESPERTI IN DIDATTICA CON TECNOLOGIE DIGITALI CERTIFICARE LE PROPRIE COMPETENZE DOCENTI ESPERTI IN DIDATTICA CON TECNOLOGIE DIGITALI CERTIFICARE LE PROPRIE COMPETENZE Profilo - Competenze - Certificazioni Perché definire un profilo? Perché descriverne le competenze e certificarle?

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM INDICE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM INDICE REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA TELEMATICA INDICE Premessa Definizioni...3 Titolo I - Titoli e corsi di studio...4 Art. 1 Autonomia didattica...4 Art. 2 Titoli di studio...4 Titolo II - Tipologia

Dettagli

FACOLTÀ SCIENZE DELLA FORMAZIONE

FACOLTÀ SCIENZE DELLA FORMAZIONE MODELLO D SCHEDA DI TRASPARENZA Da compilare, stampare e allegare alla richiesta di affidamento. In caso di affidamento deliberato dal Consiglio di Facoltà, il docente è tenuto a compilare la scheda online

Dettagli

COLLEGIO DI MERITO BERNARDO CLESIO

COLLEGIO DI MERITO BERNARDO CLESIO COLLEGIO DI MERITO BERNARDO CLESIO Bando di selezione per corsi di Laurea, Laurea Magistrale a ciclo unico e Laurea Magistrale Anno Accademico 2015-2016 Emanato con D.R. n. 207 del 13 aprile 2015 Sommario

Dettagli

Divisione Attività Istituzionali e del Personale Settore Servizi agli Studenti e Progetti per la Didattica Ufficio Accreditamento e Qualità

Divisione Attività Istituzionali e del Personale Settore Servizi agli Studenti e Progetti per la Didattica Ufficio Accreditamento e Qualità \ Divisione Attività Istituzionali e del Personale Settore Servizi agli Studenti e Progetti per la Didattica Ufficio Accreditamento e Qualità SO/fm Decreto del Rettore Repertorio n. 296/2007 Prot. n. 18543

Dettagli

FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2009/2010

FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Corso di Laurea telematico in: FUNZIONARIO GIUDIZIARIO E AMMINISTRATIVO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 Depliant informativo FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA

Dettagli

Università degli studi di Roma La Sapienza

Università degli studi di Roma La Sapienza D.R. n. 4703 Facoltà di Ingegneria dell informazione, Informatica e Statistica ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Bando relativo alle modalità di ammissione al percorso d eccellenza per il corso di laurea in Informatica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITA' MOTORIE PREVENTIVE E ADATTATE -CLASSE LM 67- ANNO

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento delle attività formative di tipo F del Corso di Studio Magistrale c. u. in Architettura Classe LM 4 a.a.

Regolamento per il riconoscimento delle attività formative di tipo F del Corso di Studio Magistrale c. u. in Architettura Classe LM 4 a.a. ALLEGATO 2 Regolamento per il riconoscimento delle attività formative di tipo F del Corso di Studio Magistrale c. u. in Architettura Classe LM 4 a.a. 2014 15 Regolamento didattico del Corso di Studio in

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. - Istituzione scolastica : DANTE ALIGHIERI (RMPC07000L)

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca. - Istituzione scolastica : DANTE ALIGHIERI (RMPC07000L) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di Nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale MARIA URSO 12/06/1957 Dirigente Scolastico Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Dettagli

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania

Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania e del Forum Regionale della Gioventù 03 ALLEGATO A Nota Tecnica Modalità di progettazione dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) attivati dai Poli Formativi in Campania 1- Premessa

Dettagli