Centralina di controllo e gestione per impianti di pompaggio depurazione e distribuzione idrica UCC/UP20

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centralina di controllo e gestione per impianti di pompaggio depurazione e distribuzione idrica UCC/UP20"

Transcript

1 IT Centralina di controllo e gestione per impianti di pompaggio depurazione e distribuzione idrica UCC/UP20

2 e gestione Centralina di controllo per impianti di pompaggio depurazione e distribuzione idrica. La centralina di gestione UCC/UP20 è un apparecchiatura a microprocessore studiata per essere utilizzata nel settore elettroidraulico; è realizzata con la più moderna tecnologia elettronica impiegando componentistica SMD (Surface Mounting Device) di prima qualità attraverso la quale è stato possibile eliminare gran parte dei cablaggi interni, limitando il consumo di energia e gli spazi occupati. I criteri costruttivi scelti hanno permesso di realizzare una centralina compatta, affidabile e molto flessibile sotto il profilo delle funzioni operative; il potente software di cui è dotata rende la UCC/UP20 capace di controllare e gestire impianti tecnologici anche molto complessi, in modo semplice ed economico. Le differenze tra una centralina UCC/UP20 ed un convenzionale PLC sono molte, soprattutto per quanto riguarda la programmazione, la configurazione ed il costo complessivamente più contenuto. L impiego di una centralina UCC/UP20 non richiede la conoscenza di alcun linguaggio di programmazione in quanto tutte le funzioni sono già inserite nel software: è quindi sufficiente richiamare quelle di interesse e modificare a piacimento i valori di taratura. La centralina UCC/UP20 offre inoltre funzioni uniche nel suo genere, specifiche per il settore elettroidraulico, oltre a funzioni generali quali: la capacità di registrare e conteggiare cronologicamente allarmi ed eventi, la completa programmabilità attraverso una tastiera ed un display alfanumerico retroilluminato a 4 righe con 20 caratteri ciascuna e la gestione diretta di modem per la realizzazione di reti di telecontrollo e telecomando. La UCC/UP20 può essere anche impiegata come master o slave in complessi sistemi di gestione, dove più apparecchiature sono collegate tra loro attraverso un semplice cavo a due conduttori (Bus di campo). Controllore e regolatore di livello tramite la completa gestione delle pompe, in combinazione con le funzioni di: calcolo di portata e misura della corrente assorbita, registrazione del tempo di funzionamento e del numero di La centralina UCC/ UP20 può essere usata come:

3 avviamenti di ciascun organo elettromeccanico, misura di livello ecc... Periferica di telecontrollo e telecomando nell ambito di un sistema semplice o complesso in abbinamento anche con altre apparecchiature elettroniche o elettromeccaniche. Unità remota o principale nella relizzazione di sistemi complessi per il controllo, la gestione e la conduzione di grandi impianti dove più centraline UCC/UP20 possono essere collegate tra loro. Le centraline UCC/UP20 sono fornite, in versione per montaggio su pannello, con tastiera e display in apposito contenitore in acciaio con grado di protezione frontale IP65, mentre la parte di alimentazione, acquisizione dati e comando è alloggiata in contenitore di alluminio per il montaggio su barra DIN tipo OMEGA. Il collegamento tra queste due parti (gruppo tastiera/display e gruppo alimentazione / I-O) avviene mediante due semplici cavetti multipolari lunghi 1,5 metri. In pratica la centralina UCC/UP20 è realizzata da due parti distinte: Il pannello frontale con una tastiera soft-touch key a 16 tasti, un display a 4 righe con 20 caratteri alfanumerici e 20 led indicatori in qualità di quadro sinottico personalizzabile. L unità base e CPU che contiene la parte di alimentazione, i relè di comando, i led di segnalazione degli stati ed i connettori di ingresso/uscita. Tutti i testi che vengono presentati attraverso il display sono composti da più pagine che possono scorrere attraverso la pressione dei tasti di lettura (frecce di scorrimento) per avere informazioni chiare e dettagliate sul funzionamento della centralina e degli impianti sottoposti a gestione. L operatore può personalizzare queste funzioni secondo quanto viene richiesto dalla situazione impiantistica; tutti i segnali di ingresso e di uscita sono separati galvanicamente attraverso opportuni circuiti elettrici. Tale svincolo è operativo anche con alimentazione a 12 Vcc fornita dalla batteria in tampone. Opportuni circuiti di controllo sono stati inseriti per la protezione da picchi di corrente o sovratensioni che possano danneggiare la centralina. Le centraline UCC/UP20 sono state realizzate seguendo le direttive CE per quanto riguarda il rispetto delle normative in termini di compatibilità elettromagnetica. I terminali di connessione sono del tipo estraibile con fissaggio dei cavi tramite vite per rendere semplice, veloce ed affidabile l installazione di queste apparecchiature; sono inoltre presenti diodi LED di segnalazione per l indicazione dell ingresso o dell uscita digitale attiva.

4 Il programma standard inserito nella centralina UCC/UP20 è in grado di gestire completamente: 16 ingressi digitali 8 uscite digitali 4 ingressi analogici 1 uscita analogica 2 uscite seriali RS 232 di cui una può diventare RS 485 Le funzioni relative al conteggio del tempo di funzionamento delle pompe, alla corrente assorbita, al contatore degli avvii, alla portata delle pompe, al volume pompato ed all attività di ciascun relè di comando sono facilmente accessibili e programmabili tramite la tastiera posta sul pannello frontale. La centralina UCC/UP20 è inoltre dotata di 2 parole d ordine differenziate per l accesso alle sue funzioni, in modo che sia possibile proteggere adeguatamente la programmazione da modifiche accidentali o dolose. In dettaglio i codici di accesso sono: Codice di sistema e d operatore Codice di sistema: consente all operatore l accesso a tutte le funzioni di comando della UCC/UP20. Ciò significa che può riprogrammare tutte le funzioni di ingresso e di uscita. Codice operatore: dà all operatore la possibilità di cambiare valori di impostazione, ritardi, livelli ecc. e tutto quanto può essere controllato automaticamente in una stazione di sollevamento, in un impianto di trattamento acque o di fognatura. Caratteristiche Tutti i segnali di ingresso tecniche della UCC/UP20 ed uscita tra il pannello principale di gestione e la CPU sono galvanicamente isolati. Il sistema ha un software con watchdog per garantire che l unità non si blocchi a causa di errori del programma. La UCC/UP20 ha un termometro incorporato con una precisione di ±0.5 gradi Celsius. Questo termometro indica la temperatura della CPU e può essere collegato con un allarme. Il valore di temperatura può essere evidenziato sul display. Questa funzione dà la possibilità di controllare le temperature che sono presenti all interno del quadro elettrico e che possono causare malfunzionamenti sia nel quadro elettrico che nella centralina stessa. Ciascuna UCC/UP20 dispone di una batteria interna al litio per il salvataggio dei dati nella memoria RAM ed ha un allarme per bassa tensione, che può essere visualizzato. Questa funzione viene usata per segnalare il probabile esaurimento dell energia fornita dalla batteria. Una suoneria incorporata può essere attivata per dare allarmi locali o comunicare errori nell inserimento dei dati.

5 La UCC/UP20 può dare un allarme quando la batteria di alimentazione per il salvataggio dati è prossima alla scarica. L attenta costruzione dell hardware unitamente ad un programma chiaro e autoesplicativo fa della UCC/UP20 uno strumento indispensabile per l operatore che vuole fare manutenzione ad impianti tecnologici anche complessi con estrema semplicità. Evoluzioni possibili con l impiego di centralina UCC/UP20 È stato scelto un esempio esplicativo per far comprendere quali siano le possibilità di sviluppo offerte da una centralina UCC/UP20 in una stazione di sollevamento. Step 1. Installate e programmate la UCC/UP20 secondo le proprie necessità. Il controllore intelligente di cui è dotata la UCC/UP20 gestisce le pompe e gli organi elettromeccanici di complemento, registra gli allarmi e fornisce i dati operativi dell impianto. Visitate la stazione una volta alla settimana per prelevare tutte le informazioni circa il funzionamento degli impianti (la frequenza delle visite dipende dalla quantità di dati registrati e dalla capacità di memoria). Usate un PC portatile ed il programma UC-COM o REPORT per trasferire in pochi secondi tutti i valori e gli allarmi registrati dalla centralina. Step 2. Installate e programmate la UCC/UP20 come sopra, installate e collegate un modem e una linea telefonica o radio. Il controllore intelligente di cui è dotata la UCC/UP20 gestisce ora le pompe e gli organi elettromeccanici di complemento, registra gli allarmi e fornisce i dati operativi dell impianto. È così possibile leggere i dati di funzionamento e programmare a distanza tutte le funzioni tramite linea telefonica o radio. Attraverso un normale PC collegato ad un modem, è possibile chiamare la stazione ogni volta sia necessario e raccogliere i valori registrati utilizzando il programma UC-COM o REPORT. Ciò permette di avere tutti i dati e gli allarmi registrati, nonché le informazioni in tempo reale sul funzionamento degli impianti collegati.

6 Step 3. Installate e programmate la UCC/UP20 munita di un modem attraverso una linea telefonica o radio in modo che sia collegata ad un centro di controllo e supervisione utilizzando i nostri programmi REPORT e UC-COM. Il controllore intelligente inserito nella UCC/UP20 gestisce adesso le pompe e gli organi elettromeccanici di complemento, registra gli allarmi e fornisce i dati operativi dell impianto. È possibile ora leggere e programmare a distanza via linea telefonica o radio, senza muoversi dal proprio posto di lavoro e visualizzare videate dinamiche e schemi mimici dell impianto controllato. La centralina UCC/UP20 chiamerà direttamente il computer munito del software REPORT per fornire i parametri più significativi e gli allarmi, oppure, in qualsiasi istante, sarà possibile collegarsi con la centralina UCC/UP20 per prelevare le informazioni di funzionamento in tempo reale. Questi tre passaggi danno un idea di quanto sia facile far crescere il sistema senza modificare alcunchè nella centralina UCC/UP20 acquistata e installata. UC-COM: software con videate alfanumeriche per teleprogrammazione. REPORT: software con videate dinamiche e schemi mimici per gestione degli impianti. delle Alimentazione Centraline UCC/UP20 La centralina dispone di un alimentatore con ingresso a 230Vc.a. ma può essere alimentata anche in bassa tensione a 12 Vc.c. tramite accumulatore in tampone con caricabatteria incorporato. Nel caso mancasse l energia elettrica di rete, la scheda di alimentazione commuta automaticamente l alimentazione prelevandola dalla batteria a 12 V e generando un allarme di mancanza di tensione. Se la UCC/UP20 è collegata ad una batteria da 12 V 7,2 A/h, le registrazioni e le comunicazioni continueranno regolarmente anche in assenza di alimentazione di rete. Il tempo di funzionamento con la batteria in tampone dipende dal carico, ma è solitamente di 3-8 ore circa. Un vantaggio della UCC/UP20 è che i circuiti di alimentazione si trovano sulla scheda degli ingressi/uscite; questo significa che i modem e i sensori alimentati in bassa tensione, continueranno a funzionare anche in assenza di rete. Questa soluzione innovativa consente la trasmissione di allarmi e dati anche durante l assenza di energia elettrica nella stazione di sollevamento. Tutte le impostazioni e l orologio interno sono protette da un ulteriore batteria di emergenza, che consente la loro memorizzazione per un periodo di 6 mesi.

7 Se la batteria viene sostituita quando la centralina non è alimentata, un condensatore di sicurezza mantiene comunque tutti i dati per circa 1 ora. La centralina UCC/ UP20 ha ingressi analogici ad alta risoluzione Le funzioni di misura, regolazione e controllo basate su segnali analogici hanno le migliori risoluzioni dei convertitori A/D (Analogico/Digitale) disponibili oggi sul mercato. Cerchiamo ora di spiegare cosa significa un convertitore A/D con un semplice esempio utilizzando la misura di livello in una stazione di pompaggio. Richiedere misure di livello accurate nelle stazioni di pompaggio, fino ad ieri, non era molto importante. Una differenza di livello, ad esempio di 10 cm, per i livelli di avvio e arresto raramente dava dei problemi. Oggi, per la necessità di effettuare le misure di portata degli sfiori e per il calcolo della portata effettiva delle pompe, sono richieste misure di livello molto precise. Allo stesso tempo vi è la necessità di misurare e immagazzinare i dati anche in mancanza di tensione. È importante quindi ottenere la massima risoluzione in quanto la misura di livello è la base per il calcolo della portata in entrata e in uscita, ed anche di troppo pieno. Per ottenere la più alta precisione nella misura, tutti i 4 ingressi analogici della UCC/UP20 sono collegati con convertitori a 14 e 1/4 bit AD, che forniscono una risoluzione del segnale misurato su punti. Molti PLC sul mercato dispongono di semplici convertitori a 10 o a 12 bit che corrispondono a una risoluzione su 1024 o 4096 punti del segnale misurato. Che cosa significano in pratica questi numeri espressi in mm? Esempio: misurare il livello con un sensore con uscita in corrente nello standard 4-20 ma tra 0 e 10 metri in una stazione di pompaggio significa disporre delle seguenti precisioni: Risoluzione su punti (14 1/4 bit) corrisponde a sezioni da 0,63 mm Risoluzione su punti (12 bit) corrisponde a sezioni da 3.05 mm Risoluzione su punti (10 bit) corrisponde a sezioni da mm Esempio: misura il livello con un sensore 4-20 ma tra 0 e 4 metri in una stazione di pompaggio Risoluzione su punti (14 1/4 bit) corrisponde a sezioni da 0.25 mm Risoluzione su punti (12 bit) corrisponde a sezioni da 1.22 mm Risoluzione su punti (10 bit) corrisponde a sezioni da 4.88 mm

8 Quanto sopra illustra l importanza dell alta risoluzione per gli ingressi analogici, al fine di garantire risultati precisi e ripetitivi soprattutto per ciò che riguarda le volumetrie calcolate. Anche le uscite analogiche 4-20 ma hanno la medesima risoluzione. Monitoraggio delle stazioni di pompaggio Il software incluso nella UCC/UP20 è molto potente e non serve conoscere nessun complesso linguaggio di programmazione per configurare o cambiare i parametri di funzionamento. La UCC/UP20 è in grado di immagazzinare e trasmettere i dati, e di aiutare il personale, migliorando le condizioni di lavoro, grazie alle regolazioni precise ed affidabili. La UCC/UP20 può essere programmata tramite la tastiera posta sul pannello frontale o tramite il Personal Computer. Ciascuna UCC/UP20 può controllare fino a 6 pompe gestendole in alternanza, e tramite altre funzioni operative è possibile gestire altri parametri. È inoltre possibile dividere queste 6 pompe tra 2 stazioni con 2 sensori di livello separati e controllati da una sola UCC/UP20. La UCC/UP20 può anche accettare segnali digitali di tipo impulsivo, come quelli forniti dai pluviometri, dai misuratori di portata meccanici e dai misuratori di energia. La centralina UCC/UP20 ha la possibilità di differenziare il funzionamento degli impianti in base all orario: in pratica il giorno potrà essere diviso in due periodi, ognuno dei quali avrà differenti criteri di gestione delle pompe. Cio è particolarmente utile nel caso di sollevamenti fognari, in quanto i carichi di liquame variano in funzione dell orario. Sono inoltre disponibili alcune funzioni tipiche del settore del pompaggio quali: Avvio della pompa sulla base del livello o della portata in ingresso. Alternanza forzata delle pompe dopo un certo periodo di tempo per evitare che la stessa pompa continui a funzionare qualora il livello si mantenga stabile. Programmare quali e quante pompe possono funzionare nello stesso momento. Avviare o fermare automaticamente macchinari attraverso comunicazioni seriali, o via telefono, effettuate tramite due o più UCC/UP20. Prevenire, mediante un allarme, che l insufficiente portata effettiva di una pompa possa generare danni o guasti più complessi. Programmare una soglia di portata tale per cui le portate di ingresso superiori o inferiori rispetto a quanto definito possono attivare o disattivare una o più pompe. Ciò consente di prevenire ed evitare allagamenti nelle stazioni di pompaggio, nonchè sfiori o situazioni di troppo pieno. Collegare, come dispositivo di sicurezza, un contatto magnetico o un sensore per segnalare la presenza di una persona all interno del locale quadri. Ciò attiverà un timer che, al termine del tempo a disposizione per la permanenza all interno della stazione, genera un allarme acustico / ottico locale e remoto (se la UCC/UP20 ha il modem di comunicazione) per segnalare la situazione di pericolo.

9 Calcoli di volume La UCC/UP20 utilizza la misura di livello fornita con precisione dal sensore piezoresistivo per calcolare la portata in ingresso ed in uscita della stazione di sollevamento, nonchè la capacità effettiva di pompaggio di ciascuna pompa. portata e capacità di pompaggio Il metodo tradizionale, che impiega valori fissi per il calcolo della portata, non tiene in considerazione la reale forma della vasca e può fornire risultati errati a causa della variazione della portata in ingresso durante il periodo di calcolo. Abbiamo scelto di lasciare all operatore la facoltà di immettere nella UCC/UP20 i dati relativi alla reale forma geometrica della vasca di pompaggio, in modo che si possa calcolare in continuo la portata in ingresso e in uscita, ed in modo preciso, la capacità di pompaggio di ciascuna pompa. Possono essere inserite fino a 10 superfici con i relativi livelli che formano 10 volumetrie diverse. Rilevando con precisione le variazioni di livello in un tempo noto e calcolando il volume per ogni livello raggiunto è possibile conoscere continuamente le portate in ingresso ed uscita. Il segnale di livello misurato con i sistemi ITT Flygt ha una risoluzione su punti cioè una risoluzione assoluta di 0.63 mm su un campo di misura di 10 m. La centralina elabora il segnale di livello e calcola automaticamente la portata istantanea. Il segnale di livello e la portata istantanea sono presentati, come un valore medio calcolato in un periodo di tempo variabile (maggiore è la volumetria più lungo è il tempo richiesto per il calcolo). Quando nessuna pompa è in funzione la portata in ingresso è calcolata continuamente; quando il livello di avvio viene raggiunto, il valore di portata viene memorizzato istantaneamente e viene attivato un temporizzatore a ritardo variabile, per prevenire errati calcoli di portata dovuti ad avvii stella/triangolo, tempi di attivazione delle valvole, ecc... Al termine del tempo di ritardo, la capacità di pompaggio viene calcolata durante un periodo di tempo variabile. Questo valore viene confrontato con i valori memorizzati degli avviamenti precedenti. Il calcolo viene effettuato solo quando funziona una pompa alla volta. Questo sistema di calcolo sfrutta le teorie delle misure SAMPLE AND HOLD. La capacità totale di pompaggio viene calcolata e visualizzata continuamente sul display.

10 Se la portata in ingresso dovesse aumentare durante il pompaggio, in modo tale che il livello cominci a crescere, la UCC/UP20 utilizza i dati calcolati della portata contenuti nella memoria, e ricava la nuova portata in ingresso considerando il nuovo livello. La portata in uscita viene calcolata come la somma del valore rilevato per ciascuna pompa. Il software inserito nella UCC/UP20 permette di compensare nel calcolo della portata in uscita le perdite dovute all aumentare della velocità del fluido nei tubi quando più pompe sono in funzione contemporaneamente. Misure di portata in canali aperti e stramazzi Il programma software inserito nella UCC/UP20 per la misura di portata in canali aperti è molto versatile ed offre diverse possibilità. La UCC/UP20 ha 4 ingressi analogici separati e può calcolare simultaneamente le portate di 4 canali con restrizione calibrata. Le formule per tutti i canali/stramazzi standard sul mercato sono già disponibili nel programma e c è la possibilità di selezionare sia la costante sia l esponente di calcolo in modo semplice. Per la misura di portata in un tubo, dove la portata non segue una formula esponenziale certa, vi è la possibilità di immettere 14 punti (livelli) con le corrispondenti portate, in modo da costruire una curva per interpolazione. Molti misuratori di portata in canale aperto oggi sul mercato calcolano la portata secondo una formula matematica avente una costante fissa. Usare una costante fissa per canali diritti e stramazzi a V non è totalmente corretto, in quanto l altezza misurata, l altezza sbarrata e la larghezza del canale hanno influenza sul valore della costante. Per questa ragione la UCC/UP20 ha i parametri della formula modificabili. Misure di troppo pieno Il programma standard della UCC/- UP20 consente di misurare i valori di portata sfiorata durante periodi di troppo pieno, prelevando la misura sia dal sensore di livello che regola il funzionamento delle pompe, che da un sensore di sfioro separato ed appositamente realizzato per questo scopo. La UCC/UP20 ha 4 ingressi analogici e può gestire fino a 4 differenti canali di troppo pieno e 4 diversi misuratori di portata registrando: gli eventi, la loro durata e la portata totalizzata complessivamente. Per eliminare errori dovuti a modifiche del valore di azzeramento, o a variazioni di temperatura, uno speciale sensore di sfioro è stato appositamente realizzato per indicare quando il livello di troppo pieno viene raggiunto, indipendentemente dal valore misurato dal sensore di livello destinato alla gestione delle pompe.

11 La UCC/UP20 identifica questo valore di livello come valore di inizio sfioro, memorizzandolo come valore di avvio per il calcolo della portata di troppo pieno. È necessario sottolineare che usando un sensore piezoresistivo compensato in pressione atmosferica e temperatura come i nostri DS05, DS15, SS05, SS15, TS175 la risoluzione del segnale di livello è in mm o parti di mm e quindi la misura di portata sarà molto precisa. Gestione allarmi Tutti i segnali di ingresso analogici e digitali possono essere collegati con un allarme eventualmente temporizzato. Per ciascun allarme ci sono tre livelli di priorità: A, B e C dove l allarme A è il più importante. Possono essere memorizzati nel software della centralina fino a 20 allarmi, con la descrizione completa dell evento. Gli allarmi successivi al ventesimo cancelleranno i più vecchi, secondo le modalità della funzione FIFO (First-In-First-Out). In funzione della configurazione, la UCC/UP20 può trasmettere autonomamente questi allarmi al centro di controllo. Gli allarmi attivi possono essere riconosciuti e azzerati localmente o a distanza tramite l impiego della parola d ordine. Memorizzazione Il programma base della UCC/UP20 è inserito in una EEPROM con 512 Kb di memoria, mentre i valori istantanei e i valori registrati vengono memorizzati in una memoria RAM tampone con 128 Kb. La memoria disponibile per la registrazione dei valori analogici e/o calcolati e per lo stato degli ingressi/uscite è di circa 100 Kb. Per essere in grado di utilizzare al meglio questo spazio disponibile, abbiamo sviluppato un programma di compressione dati chiamato BBC (Binary Bit Compression). Il programma BBC ha un fattore di compressione massima pari al 99.5% con una risoluzione piena di 16 bit. Un segnale di livello normalmente variabile ha tipicamente un fattore di compressione pari al %, che consente di mantenere la risoluzione di 20 bit e 1/4. Nella configurazione di base possono essere memorizzati 20 differenti segnali, con un intervallo di tempo da 2 secondi fino a 60 minuti ciascuno, oppure segnali con valori istantanei, massimi, minimi o medi. Ad ogni segnale viene affidato un numero di canale (0-19), ognuno dei quali dati nella UCC/UP20

12 può essere relativo ad un periodo fino a 31 giorni. Se necessario lo stesso segnale può essere registrato su più di un canale con differenti intervalli di tempo. Nel programma vi è il canale di memoria N 20 che viene usato per registrare lo stato degli ingressi/uscite digitali e lo stato degli allarmi. Durante i periodi di mancanza di tensione, in assenza della batteria di alimentazione in tampone, i blocchi di memoria verranno completamente svuotati. Se invece la memoria è piena e l apparecchiatura è alimentata (con la tensione di rete o di batteria) la memorizzazione sarà attiva con il metodo FIFO descritto in precedenza. Il database può essere trasferito al programma UC-COM o, in alternativa, al programma REPORT di un centro di controllo. Il vantaggio di trasferire il dati in forma compressa permette un considerevole risparmio di tempo nel trasferimento, che permette indubbi vantaggi economici. Con tale software il trasferimento avviene in pochi secondi, per trasmettere un blocco di dati relativi ad un giorno completo di lavoro, ad una velocità di trasferimento di 2400 baud. Attraverso l impiego dei software REPORT o UC-COM, è possibile trasmettere o ricevere i dati memorizzati nelle centraline UCC/UP20; le comunicazioni possono avvenire tramite reti telefoniche convenzionali (linee commutate, dedicate, private, ISDN), tramite reti GSM o tramite reti radio monocanale. La centralina UCC/UP20 può inviare in modo autonomo chiamate a dispositivi teledrin qualora si verifichino situazioni che richiedano di allertare il manutentore degli impianti. Attraverso l impiego di un centro di controllo, è inoltre possibile trasmettere messaggi SMS su telefoni GSM; l operatore riceverà quindi un testo nel quale saranno riportati data, ora, denominazione della stazione chiamante e tipo di allarme presente. Impiego della memoria Un valore analogico, reale o calcolato che abbia un valore costante utilizza circa 50 bytes al giorno ad intervalli di registrazione di 1 minuto. Un valore analogico, reale o calcolato che non sia costante, utilizza circa bytes al giorno ad intervalli di registrazione di 1 minuto. Ad intervalli di registrazione di 6 minuti lo spazio occupato è di bytes al giorno. Con una memoria disponibile per la registrazione di bytes raramente ci saranno problemi di immagazzinamento dati di un mese intero a intervalli di registrazione di 6 minuti.

13 Questi sono alcuni degli elementi gestiti dalla memoria e registrati: Portata in ingresso Portata in uscita Livello Troppo pieno Corrente assorbita Numero Avviamenti Ore di funzionamento Allarmi Tensione di alimentazione Stato pompe Ingressi / uscite Programmabili e speciali Ci sono parecchie funzioni speciali già pronte nella UCC/UP20 e funzioni programmabili dal cliente. Ciò rende la UCC/UP20 versatile e di facile impiego per qualsiasi impianto idraulico. Se ad esempio è necessario collegare un misuratore di ph ad un ingresso analogico, è sufficiente scegliere la funzione libera scelta, scrivere il testo misuratore di ph, l unità di misura, l allarme di alto e basso livello, il ritardo di tempo e, se si ritiene necessaria, anche la registrazione del valore. Quando si usa una centralina UCC/UP20 come unità di allarme combinata con valori analogici e/o digitali, si impiegherà solo qualche minuto per configurare la centralina con testi, priorità di allarmi, registrazioni ecc. Un ingresso digitale di cui è necessario parlare è l ingresso ad impulsi. Il processore può ricevere e gestire segnali digitali provenienti da misuratori di pioggia, misuratori d acqua con uscita ad impulsi e da misuratori d energia (contatori elettrici). Gli impulsi digitali verranno conteggiati e registrati come: valore totale, valore odierno, valore di ieri e dell altroieri; verranno inoltre calcolati valori analogici, con visualizzazione dei valori istantanei. La centralina UCC/UP20 dispone inoltre di due canali indipendenti con funzioni di regolatore PID attivabili anche su ciascun modulo di I/O 168. UCC/UP20 Comunicazioni La UCC/UP20 può comunicare tramite porta RS 232 o RS 485 in diversi modi. Può essere usato un modem Z, modem Multidrop, un modem radio o un modem per fibre ottiche. Oltre alle comunicazioni con un centro di controllo, la UCC/UP20 può comunicare direttamente con altre unità UCC/UP20 o con moduli d espansione I/O 168. La UCC/UP20 può gestire direttamente segnali analogici e digitali in altre unità UCC/UP20, tramite una linea telefonica diretta o commutata. La comunicazione può essere attivata saltuariamente con un intervallo di tempo prefissato e controllato, oppure tramite il comando di un ingresso o una uscita digitale. Questo significa per esempio che 4 uscite digitali della UCC/UP20 N 1 possono essere collegate a 4 ingressi digitali della UCC/UP20 N 2, che le possono gestire direttamente. La comunicazione sopra menzionata permette interessanti possibilità nel controllo di impianti complessi, senza la necessità di di installare un centro di controllo.

14 Esempio: La centralina UCC/UP20 nella stazione di pompaggio N 3 dà un allarme di alto livello che attiva una chiamata alla UCC/UP20 nella stazione precedente (N 2) bloccando le pompe in questa stazione. Quando il livello nella stazione N 3 ha raggiunto un valore accettabile chiama di nuovo la N 2 per rilasciare il blocco riattivando il normale ciclo di lavoro. QUADRI ELETTRICI DI POTENZA Le centraline possono essere fornite montate in quadri elettrici di potenza già pronti e cablati. I quadri sono disponibili con parecchie opzioni e con potenze adeguate alle pompe. Quadri speciali possono essere forniti su richiesta. SOFTWARE UC-COM Il software UC-COM lavora in Windows 95 ed è stato realizzato per configurare nel modo più semplice le centraline UCC/UP20. Il programma dà all utente la possibilità di usare a distanza tutte le funzioni della UCC/UP20 fin dall inizio, senza dover acquistare un centro di controllo più complesso. Il programma consente di chiamare la UCC/UP20 per verificare, programmare e configurare a distanza le funzioni di un qualsiasi impianto senza recarsi personalmente presso l impianto stesso. Quando siete collegati con la UCC/UP20, localmente o tramite linea telefonica, tutti i valori di misura istantanei e memorizzati sono trasferiti automaticamente tramite UC- COM al vostro Personal Computer. Tutti i valori e le impostazioni della UCC/UP20 possono essere eseguite tramite l UC-COM quando esiste un collegamento via cavo seriale. La configurazione della UCC/UP20 è allo stesso tempo memorizzata nel software UC-COM. Questo rende facile il trasferimento, se necessario, della configurazione ad altre UCC/UP20. Il vantaggio di programmare e configurare la UCC/UP20 tramite l UC-COM è quello di ottenere una buona visione d insieme delle impostazioni. Tutti i valori registrati possono essere raccolti con l UC-COM attraverso un semplice cavo seriale connesso al PC oppure via Modem. Il programma può produrre semplici rapporti, liste di allarmi ed elenchi di impostazioni riportandole a video o su stampante, ma non fornisce le funzioni mimiche e grafiche tipiche del programma gestionale REPORT.

15 Quando si è in collegamento con la UCC/UP20 via software attraverso un cavo seriale o via Modem i dati sono presentati sempre in tempo reale. Le seguenti informazioni sono fornite in tempo reale: Data Livello Stato degli ingressi Ora Troppo pieno Stato delle uscite Portata in ingresso Stato delle pompe Stato delle misure Portata in uscita Stato degli allarmi Numero avviamenti Il programma UC-COM è un eccellente mezzo per i manutentori ed è disponibile in inglese, svedese o italiano. Caricando l UC-COM su un computer portatile con modem è possibile, tramite il vettore di comunicazione più adatto, monitorare la stazione di sollevamento ovunque vi troviate. elettriche Installazione meccanica e connessioni della centralina UCC/UP20. INSTALLAZIONE MECCANICA Il pannello di comando viene preferibilmente montato sulla porta di un quadro elettrico, ed è stato meccanicamente progettato in modo tale da poter essere facilmente installato anche in spazi molto ridotti. Il pannello di comando è provvisto di una guarnizione in gomma per il montaggio a fronte quadro. Deformandosi la guarnizione del pannello aderisce alla lamiera del quadro. Questa soluzione garantisce un grado di protezione meccanica IP65. Il pannello frontale misura 220x135mm ed ha una profondità di 45mm, rilevata dall interno della porta. La parte degli ingressi/uscite e l eventuale modem, munito di clips, sono adatti per il montaggio su binario a standard DIN.

16 PARTE DI I/O

17 CONNESSIONI ELETTRICHE

18 CONNESSIONI ELETTRICHE

19 CONNESSIONI ELETTRICHE

20 CONNESSIONI ELETTRICHE

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

The Future Starts Now. Termometri portatili

The Future Starts Now. Termometri portatili Termometri portatili Temp 70 RTD Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD 0,01 C da -99,99 a +99,99 C 0,1 C da -200,0 a +999,9 C Temp 7 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD 0,1 C da -99,9 a +199,9 C 1 C da

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili.

Il gruppo emettitore di biglietti - piantana, è studiatoin modo da consentire l uso del sistema, anche a persone diversamente abili. Made in Italy Sistemi gestione code MS32 Il sistema può utilizzare : - la documentazione eventi, numero di operazioni per servizio e postazione e dei tempi medi di attesa, con il programma MSW - il servizio

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31)

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) CE 100-8 CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) AVVERTENZE Si ricorda che l installazione del prodotto deve essere effettuata da personale Specializzato. L'installatore

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless Gentile Cliente, Ti ringraziamo per aver scelto Aladino Vision. Aladino Vision è unico, essenziale, elegante e definisce un nuovo concetto per la telefonia cordless assegnando un ruolo attivo alla stazione

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso Avena 135/135 Duo T elefono cordless analogico DECT Istruzioni per l uso Attenzione: istruzioni per l uso con avvertenze di sicurezza! Leggerle attentamente prima di mettere in funzione l apparecchio e

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX

AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX AUTOMAZIONE DI FABRICA IDENTIFICAZIONE DEI CODICI 1D E 2D LETTORI PORTATILI DI CODICI DATA MATRIX ADATTATO PER QUALSIASI APPLICAZIONE DISPOSITIVI PORTATILI DI PEPPERL+FUCHS SICUREZZA INTRINSECA I lettori

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big MANUALE D USO MODULI PIC-SMS Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big Rev.0807 Pag.1 di 43 www.carrideo.it INDICE 1. I MODULI SMS... 4 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 4 1.2. DETTAGLI SUL MICROCONTROLLORE

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR

3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR Ã Ã 3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR 9RJOLDPRIDUYLULVSDUPLDUHWHPSRHGHQDUR 9LDVVLFXULDPRFKHODFRPSOHWDOHWWXUDGLTXHVWRPDQXDOHYLJDUDQWLUjXQD FRUUHWWDLQVWDOOD]LRQHHGXQVLFXURXWLOL]]RGHOSURGRWWRGHVFULWWR

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1.

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1. DPS-Promatic Telecom Control Systems Famiglia TCS-AWS di Stazioni Metereologiche Autonome connesse alla rete GSM (www.dpspro.com) Guida rapida all'uso versione 1.0 Modelli che compongono a famiglia TCS-AWS:

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Manuale d istruzioni Termometro PCE-TH 5

Manuale d istruzioni Termometro PCE-TH 5 PCE Italia s.r.l. Via Pesciatina 878 / B-Interno 6 55010 LOC. GRAGNANO - CAPANNORI (LUCCA) Italia Telefono: +39 0583 975 114 Fax: +39 0583 974 824 info@pce-italia.it www.pce-instruments.com/italiano Manuale

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email :

Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : Distributore per la Campania : Centro Sicurezza Campano di Marcello Cioffi Via Ben Hur 74-80126 Napoli Tel. sede 081 7679155 / email : info@sicurezzacsc.it sito : www.sicurezzacsc.it 2 NEXTtec progetta

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

TICONTROL MOD. DEP. attraversa il Livello per mezzo di viti. Attraverso una ricca. i nostri livelli riescono a soddisfare le esigenze più particolari,

TICONTROL MOD. DEP. attraversa il Livello per mezzo di viti. Attraverso una ricca. i nostri livelli riescono a soddisfare le esigenze più particolari, LV LIVELLI VISIVI SERIE MULTICONTR TICONTROL OL I Livelli Visivi danno la possibilità di controllare in ogni istante il livello del liquido in modo chiaro e preciso. Il principio utilizzato è quello dei

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo 5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI La configurazione 111 amplia la configurazione di controllo con un controllore PI per applicazioni specifiche tipiche di regolazione

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili

Videocitofonia a colori con cablaggio a 2 fili IT MANUALE TECNICO MT SBC 0 Videocitofonia a colori con cablaggio a fili Assistenza tecnica Italia 046/750090 Commerciale Italia 046/75009 Technical service abroad (+9) 04675009 Export department (+9)

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature.

*'ffis. bk# crrrà DI AcIREALE COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. in opera di attrezzature. \w *'ffis bk# crrrà D AcREALE SETTORE PROTEZONE CVLE --ooooooo Automatizzazione del parcheggio a pagamento di via Galatea - Fornitura e posa in opera di attrezzature. COMPUTO METRCO ESTMATVO., ':. \ r

Dettagli

DOC SI-RR+ ITAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 SI-RR+

DOC SI-RR+ ITAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 SI-RR+ DOC -RR+ TAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 25 cm 25 cm -RR+ A/ NFORMAZON GENERAL 1/ nstallazione Collocare il programmatore presso una presa di corrente a 230 V, 50 Hz. La presa deve far parte di un impianto

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

1. Instruzioni d uso 2

1. Instruzioni d uso 2 1. Instruzioni d uso 2 1.0 Prefazione Leggere attentamente queste instruzione d uso per utilizzare in modo ottimale tutte le funzioni dell interruttore orario. Il progetto di questo interruttore orario

Dettagli

Ridondante Modulare Affidabile

Ridondante Modulare Affidabile Ridondante Modulare Affidabile Provata efficacia in decine di migliaia di occasioni Dal 1988 sul mercato, i sistemi di chiusura Paxos system e Paxos compact proteggono oggi in tutto il mondo valori per

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli