MINISTERO DELLA DIFESA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELLA DIFESA"

Transcript

1 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSON ALE MILITARE IIIREPARTO Viale dell'esercito n 186 Prot n M_D GMIL Cod class: (CIRC) (citare interamente nella risposta) All 2 PDC: CollAmm tel 5/0771 ZAULI OGGETTO: autorizzazione a fregiarsi di onorificenze conferite a cittadini italiani da Stati esteri 0 da ordini cavallereschi II non nazionali" SegcircnM_D GMIL III Codclass: (CIRC) in data 10 ottobre 2008 /\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\ ; 1 II cerimoniale diplomatico della Repubblica presso il Ministero degli a fari esteri ha espresso doghanze in merito alla ricezione di numerose richieste di autorizzazione a fregiarsi di onorificenze/ decorazioni conferite da Stati esteri ordini equestri indipendenti ordini "non nazionali" Ie quali non rientrando nel regime II autorizzativo" disposto dalla legge 3 marzo 1951 n178 devono essere respinte 2 Al fine di consentire al personale di operare una maggiore selettivita nella richiesta di autorizzazione a fregiarsi delle onorificenze in genere si trasmette in allegato B copia della scheda pervenuta dal citato cerimoniale diplomatico relativa ai criteri di classificazione degli ordini onorificenze e decorazioni internazionali civili e militari formulata sulla base di quanta disposto dalla predetta legge n 178/51 3 Alla luce delle recenti precisazioni fornite dal Ministero degli a fari esteri e con esclusivo riguardo allo Stemma di Skanderberg e Distintivo dell' Aquila d' oro della Repubblica di Albania a parziale modifica della circolare cui si fa seguito si comunica che per conseguire l' autorizzazione a fregiarsi di detta decorazione dovra pervenire alla scrivente: - domanda dell'interessato in carta semplice indirizzata al Ministero della difesa - III Reparto -10/\ Divisione Ricompense e Onorificenze - 3/\ Sezione - Viale dell'esercito n Roma; - copia autenticata in carta semplice del diploma di conferimento 4 Si invitano gli Enti in indirizzo a voler dare massima diffusione di quanta precede ai Comandi dipendenti

2 All A al fn M_D GMIL III 10 4/ (CIRC) del 30 aprile 2009 A: SEGRET ARIA TO GENERALE DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA Ufficio per gli affari militari PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRl Ufficio del Consigliere militare MINISTERO DELLA DIFESA Gabinetto del Ministro SEGRETERIA PARTICOLARE DEI SOTTOSEGRETARI DI STATO ALLA DIFESA STATO MAGGIORE DELLA DIFESA STATO MAGGIORE DELL'ESERCITO STATO MAGGIORE DELLA MARINA STATO MAGGIORE DELL' AERONAUTICA GENERALE DELL' ARMA DEI CARABINIERI SEGRET ARIA TO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARl FINANZIARI UFFICIO CENTRALE PER LE ISPEZIONI AMMINISTRATIVE DIREZIONE GENERALE PER IL PERSON ALE CIVILE DIREZIONE GENERALE DELLE PENSIONI MILITARI DEL COLLOCAMENTO AL LAVORO DEI VOLONT ARI CONGEDATI E DELLA LEVA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRl DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI NA VALI DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI AERONAUTICI DIREZIONE GENERALE DELLE TELECOMUNICAZIONI DELL' INFORMATICA E DELLE TECNOLOGIE AVANZATE ROM A DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI DIREZIONE GENERALE DEI LAVORl E DEL DEMANIO DIREZIONE GENERALE DELLA SANIT A' MILITARE COMAN DO OPERATIVO DI VERTICE INTERFORZE DELLE FORZE OPERATIVE TERRESTRI VERONA IN CAPO DELLA SQUADRA NAVALE SQUADRA AEREA COMAN DO OPERATIVO DELLE FORZE AEREE POGGIO RENATICO (FE) GENERALE DEL CORPO DELLE CAPIT ANERlE DI PORTO CONSIGLIO SUPERIORE DELLE FORZE ARMATE ROM A ORDINARIATO MILITARE PER L'ITALIA CENTRO ALTI STUDI PER LA DIFESA j

3 -2- COMAN DO DELLE SCUOLE DELL'ESERCITO ISPETTORATO SCUOLE DELLA MARINA MILITARE DELLE SCUOLE DELL' ARMA DEI CARABINIERI LOGISTICO DELL'ESERCITO ISPETTORATO PER LE INFRASTRUTTURE DELL'ESERCITO UFFICIO GENERALE DEL PERSONALE DELLA MARINA MILITARE ISPETTORATO DI SUPPORTO NAV ALE LOGISTICO E DEI FARI ROM A ISPETTORATO DI SANITA' DELLA MARINA MILITARE LOGISTICO DELL' AERONAUTICA MILITARE DIREZIONE PER L'IMPIEGO DEL PERSONALE MILITARE DELL' AERONAUTICA UFFICIO DEL GENERALE DEL RUOLO DELLE ARM I DELL' ARMA AERONAUTIC A UFFICIO DEL CAPO DEL CORPO DEL GENIO AERONAUTICO UFFICIO DEL CAPO DEL CORPO DI COMMISSARIATO AERONAUTICO UFFICIO DEL CAPO DEL CORPO SANIT ARIO AERONAUTICO MILITARE PER IL TERRITORIO FIRENZE COMMISSARIATO GENERALE PER LE ONORANZE AI CADUTI IN GUERRP ROM A COM AN DO CORPO DI ARMATA DI REAZIONE RAPID A SOLBIATE OLONA (VA) VITTORIO VENETO (TV) SAN GIORGIO A CREMANO (NA) TRUPPE ALPINE DEI SUPPORTI DELLE FORZE OPERATIVE TERRESTRI TRASMISSIONI E INFORMAZIONI DELL'ESERCITO COMAN DO REGIONE MILITARE NORD REGIONE MILITARE CENTRO REGIONE MILITARE SUD MILITARE AUTONOMO DELLA SARDEGNA COMAN DO IN CAPO DEL DIPARTIMENTO MILITARE MARITTIMO DELL' ALTO TIRRENO IN CAPO DEL DIPARTIMENTO MILITARE MARITTIMO DELL' ADRIATICO IN CAPO DEL DIPARTIMENTO MILIT ARE MARITTIMO DELLO IONIO E DEL CANALE D'OTRANTO COMAN DO MILITARE MARITTIMO AUTONOMO IN SARDEGNA BOLZANO TREVISO ANZIO TORINO PALERMO CAGLIARI LASPEZIA

4 - 3- COMAN DO MILITARE MARITTIMO AUTONOMO IN SICILIA COMAN DO MILITARE MARITTIMO AUTONOMO DELLA CAPIT ALE 1/\ REGlONE AEREA SCUOLE DELL' AERONAUTICA MILITARE/3/\ REGIONE AEREA INTERREGIONALE CARABINIERI "PASTRENGO" INTERREGIONALE CARABINIERI "VITTORIO VENETQl' INTERREGIONALE CARABINIERI "PODGORA" INTERREGIONALE CARABINIERI "OGADEN" INTERREGIONALE CARABINIER{ "CULQUALBER" COMAN DO UNIT A' MOBILI E SPECIALIZZATE CARABINIERI RAGGRUPP AMENTO UNIT A' DIFESA CONSIGLIO DELLA MAGISTRA TURA MILITARE PROCURA GENERALE MILITARE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE lip ALIDOROil AUGUSTA (SR) MILANO BARI MILANO PADOVA NAPOLI MESSINA CORTE MILITARE DI APPELLO PROCURA GENERALE MILITARE DELLA REPUBBLICA PRESSO LA CORTE MILITARE DI APPELLO TRIBUNALE MILITARE PROCURA MILITARE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE MILITARE TRIBUNALE MILITARE DI SORVEGLIANZA VERONA - - NAPOLI VERONA - - NAPOLI SEGRETERIA DEL DIRETTORE GENERALE SEGRETERIA DEL VICE DIRETTORE GENERALE (Gen DA DOMINI) SEGRETERIA DEL VICE DIRETTORE GENERALE (Amm Div TALARICO) SEGRETERIA DEL VICE DIRETTORE GENERALE (Dirg Dott GIOJA) SEGRETERIA DEL CAPO UFFICIO DEL DIRETTORE GENERALE UFFICIO COORDINAMENTO GIURIDICO E AMMINISTRATIVO IREPARTO IIREPARTO IVREPARTO VREPARTO VIREPARTO estensione di copia: 9/\ Divisione

5 All B a1 fn: M_D GMIL III 104/ (CIRC) del 30 aprile 2009 ~ '1vtinistero 'deg Ei}IJian CEsten Cetimoniafe cdipfomatico tfeffa CJ(epu6ELUa CRITERI DI (L4S SIFICAZIOiVE DEGLI ORDINI ONORIFICENZE EDECORAZIONI ISTERiY4ZIOfYALI ClviLI E 1J1LITARI IN FUNZIONE DEL REGIAJEAUTORIZZ4TIVO A FREGIARSI DISPOSTO DALLA LEGGE N178 DEL 3 iharzo 1951 ~ L'introduzionei1el nostro ordinamento del "regime \autorizzati\:o" disposto dalla legge 178/51 teso a Iinlitare a regolamentare il conferimento e ruso delleonorificenze di Stati esteri e -' degli ordini cavallereschi "lion nazionalj" nel no~tro Paese ha reso necessaria per il Cerimoniale' Diplomatico delia Repubblica I'adozione di alcuni criteri generali per stabilire quali categorie di distinzioni siano effettivamente soggette air autorizzazione quali non rientrino nel suddetto regime e qllali si consideri i\lvecedel tutto inopportuno autorizzare lil tale conresto tentndo presente la grande varieta di decorazioni esisiente nel panorama l11ondiale e qui!ndi apparsc opportuno effettuareullagenerale suddivisione delle distinzioni Civili e mijitaripllbbiic3mente utilizzabili in due principali tipologie: i "Titoli Onol'ifici" ed i "Segni Distintivi" considerandosoggetti ad alltorizzazione i ptimi eo esenti i secolldi ' Una lerza categoria im ece riguarda Ie '~Onorificenze e Distinzioni non Autoriz;zabili" ossia qlielle decorazion i per lequali - sia per la fonteessenzialmente privatistica 'da cui promanano che per Ie final ita che si propongol1o -: non si ritiene opportuno consentire il pubblico fregio nel n05tro Paese Ognllna di que?te c1tegorie a sua volta 'comprende s\:ariate tipologie di distinzioni delle quali - t~nendoanche presente il perdurare di talune incertezze e diversita interpretative tra' Ie Al11l11inistrazioni pubbliche direttamente interessate - si ritiene utile fornire un sintetico riepilogo di riferil11ento ' '1 'In questa categoria_ che si ritiene corrisponda in 1110d~specifico a quella indicata dalla legge 178/5 I' e che quindi ricomprende quelle distinzioni ol1orifiche per il pubblico uso delle quali e necessario I"ottenimento di una autorizza2:ione a fregiarsi da parte dello Statol si fanno rientrare tutti gli' ol'dini c:lvallerrschi esteri o non nazionali nonche alcune delle piu importahti' onor-ificellze e distinzioni nazionali di ciascun Paese la 'cui sovranita sia riconosciuta dajritalia ' Sona ovyijmente soggetti ad autorizzazione solo quei titoli onorifici che prevedono I"esposizione sul1a' persona di insegne e simboli distintivi che identifichino chiaramente I"appartenenza del soggett~) all'istituzione coriferente (croci placche collari decorazioni mantelli e unifonni cavalleresche spille e distinti\'i ecc) I In proposilo si ricorda qllantodisposto dairart 7 delia Icgge 178/51: "I cittadini non possono lisarc nel territorio n:ll:iona!c delia Rcplibblica onoriticcnzc 0 distinzion(cayal!crcschc loroconfcritc in Onlini non n:lzionali 0 da Stati Estcri sc non sono <llllorizzaticon decretqdel Presidente delia Repubblica souproposta del Ministro degli Affarl I:sterl" t rart 2 delia lcggc IJ I i del <)1) I hapoi trasfcrito Ia competcrlza perteniissione dci decreti di autorizz<lzione diret Iamcntc al ~Iinisrro dcgli ESlcri)

6 Non _vengonoquindi presi in considerazione tutti quei titoli onorari di merito di con corso acca<;lemici ecc che comportino I'assegnazione al destinatario di premi trofei targhe coppe diplomi 0 medaglie non portative dei quali non e previsto il fregio sulla persona (quali ad esempio il confer:-imento di cittaclinanze onorarie 0 alti riconoscimenti onorifici governativio accademicif Per maggiore praticitil gli ordini cavallereschi categorieprincipali: possono essere suddivisi nelle seguenti a) Ordini semi-indipendentiriconosciuti di internllvoiwle origine e!jliesfre indipemlenti 0 a tre lil'elto In questa categoria delia quale fanno parte un ristretto numero di istituzioni cavalleresche dalle secolari tradizioni storiche~ rientrano innanzitutto Ie onorificenze ele distinzioni concesse dal Sm'rlll1o luilitare Online di A-1alta SMOAl che godelldo in Italia di un formale riconoscimento non neeessitano di alcunaautorizzazione a fregiarsi Vengono altresi consideniti autorizzabili!'ordine ljuestre del \: Sepolcro di (JeruslIlemme (di sub-collazione del Vatieano) I'emissione dei cui deereti e c~rata dalla Presidenza del Consiglio ed il \'acro ~filita"'e Ordine (~stantilliano {Ii S Giorgio per entrambe i rami fanco'iiapoletanoe spagnolo (eonsiderabile per eerti aspetti come un oraine semi-indipendente e per altri come un ordine dinastieo) i cui decreti sono invece emessidal MAE Non vengono invece considerate autorizzabili Ie onorificenze concesse daw OnLine Teutollico di S Maria di Gerusale11ll11e (con sede in Vienna) il quale benche posta satto la protezione delia Santa Sede presenta ormai una natura prettamente canonica In questa categoria -' Iimitatamenteal solo contesto preunltario' italiano - vengono attualmente eonsiderati autorizzabili all'uso nel territorio nazionale i'l Sacro Angelico Imperiale Online co\ umtiniano di S Giorgio ed il Real Online al Merito solto il Titolo l1i S Lodol'ico (Borborie 'Parma) I' fl1~iglle Real Online di S Gennaro ed il gia citato Sacro Militare Online Costantiniallo di S Giorgio (Borbone Due Sieilie entrambi i rami) l'ordine di S Stefano Papa e lhartire e )Ordine del merito tiotto if Titolo di S; Giuseppe (Asburgo Lorena Toscad) Ie cui autorizzazioni sono curate clal MAE Non autorizzabili per contro in virtu dei principi espressi dalla' legge 178/51 so no considerati gli ordini appartenuti al Regno d' halia ed a) patrimonio dinastico dei Savoia «()rdilll! S'uprelJlo delia SS AnnUNziata Ordine dei S<)'A1alfrizio e Lazzaro e Ordille delia Corona d'l/alia ivi indusi per analogi a di origini anche I'()rcline Cil'iledi Sal'orel ed il piu recente Ordine al Jv1eritoCil'ile di <)'al'oia)''' Come gia accennato non si ritiene inoltre opportuno allargare I'autorizzabilita al fregio nel territorio italiano a quelle istituzioni cavalleresche non nazionali che pur risultartdo Iegittimate da un punto di vista dinastico;cavalleresco nei rispettivi Paesi di origine nonpr~sentinopero alcuna radice 0 collegamento storico con I'ltalia (come ad esempio I'Ordine di NS di Villal'iciosa del : A titolo di cselllpio: POSSOllOesscre qui ricordali il h'c'liliu \:uhel 0 la \fedaglia d'()ro del Congresso pren~donopcr i destinalari l'assegnazione di Spccifiche decol<vioni da indossare sulla persona cc:lche Confrontare in talc ambilo il parcre elllesso il H scllembre 2007 dalla --Colllmissiolle di Studio C AggiorTIalllcnto' sulle OIlOlificCll/C delia Repllbblica" islilllila prcsso' la Presiden/a dcl Consiglio in relazione alia non aut'ori77abilil3 delle onorificcn/c dcli'()n!i/w al\lerill) C'i-ile di nfoio ~~

7 POl1oga!lo!(Ju/illi'di IJullilu J del Montenegro I' ()rdilli' (jrdi/~' 1ile::1 /«('//d de1l'ungheria ed altri{ ~ del /)f"(i!!(}jll! di AIIIJ([11l del Vietnam r < Queste onorificenze n~i diversi ambiti di assegnazione onorifica 0 meritocratica rappresentano il nucleo priricipale e di maggior prestig:io nel quadro dei si$temi premiali nazionali dei rispettivi Paesi J;" In questa categoria oltre agli ordini di merito gene-ico come ad esempio I' Ordill<! del/a legiojl d'o!iore delia R-epubblica Francese~!'()rJille dell'!mpero HrilGJlilico del Regno Unito 0 r ()~'di/le delia Stelill Polare del Regno disvezia rientrano anche i cosiddetti ~'ordini specializzati" destinati al riconoscimento di particolari meriti e servizi conseguiti in specifici cam'pi di atti\:ita come i \fari (Jr(fiJli cd Afl!rilo llli/ilare Nal'Ole 0 Al!I"Ol1alllico c6stit~iti in diversi Paesi del panorama mondiak 0 r (J(dine JC!//a Arli e delle lelll!l"e e rordine al A1erilo Aghco!o delia Repubblica Frallcese' oppure!'ordin{' ddla ('orona Sacra del Giappbne (riservato unicamente aile dame) Nel contesto delle istituzioni onorifiche statlialisi considerano autorizzabili tutti gli ordini concessi da un Capo di Stato 0 da membri del Governo a titolo nazionale fo federale nel caso di paesi' formati da pili Stati) che compol'1ino I'attribuzione di un titolo cavalleresco Tali istituzioni normalmente suddivis'e in diverse classi di conferimento (ma possono anche essere eostituiti daun unieogrado) devonoqqindi rappresentare l'espressicme di un riconosdment~ a livello nazionale e non soltimto di una sua componente In linea di principio per contro non si eonsiderano autorizzabili quegli' ordini e quelle onorificenze che vengono assegnate a titolo regionale provincialeo comunale 0 coniunque in contesti di tipo de'centrato rispetto a quello nazionale essendo conferiti da Autorita' locali linicamente come espressione di un riconoscimento di entitaterritorjali circoscritte5 Nel grllppo dei titbli onoritici si fanno allche rientrare alcune alte onorificenze 0 distinzioni nazionali che per la particolare natura del loroconferimento e per l'elevata importanza e prestigio delia loro attribuzione si ~itllano tra j primi posti nell'ordine di precedenza dei sistemi premiali di ciascun Paese In questa categoria rientrano Ie Ricompense 31 Valol"e (sia nell'ambito civile che militare) e Ie OecorazionioCroci dimel"ito piu importanti concesse' per straordirlari contributi prestati eccezionali I"isultati conseguiti 0 speciali servizi resi alia Nazione nei vari campi di attivita civili 0 militari sia in teilipo di pace che di guert-a ' Tra queste distinzioni" per fare qualche esempio rientrano la /l4ejaille Mililaire delia Repubblica FranceselaA4ililmy Cross del Regno Unito 1a IJistinXlfished S'ervicC!('ro''-\' o'l~pillple Hearl dedi Stati Uniti Ie varie Croci al 1ct!ore 0 al!l4erilo di Guerra istituite in numerosi Paesi e assegnat; per la partecipazione a conflitti internazionali I-aCroce d'o!1ore delia BlIndeswher delia Repubblica Federale di Germania eee - : ("onfrontarc in tate ambito il parcrc clllessd dal Consiglio di St(1I0 il 29 ottobrc alltori//abilit;i delle Ollorifkcll/c dell" (Ji-f!II/(' di /)oni/o f del Montellegro ' J 20(lX 11 2~ n/(lk reiatiyo alia noil ; A tilolo di csclllpio lientrano in (Juesl'ullimo glllppo Ie onorifieell/c e Ie dislinzioni Tegionali assegnalc dai \'ari Uinclcr delia Rcpnbblica Fedcnile di GCIlll<lllia (Ba\icra Baden-Wurllctnbcrg Sassoilia ecc) 0 delia Rcpubblica Austriaea (Tirolo Sliria Voralbcrg cee>oppurc Ie onorificenze proyineiali e~liladesi (Onlario Quebec Nuo\"a Scozia ecc> lionche Ie dislill/ioni e i gradi onorari eonccssi'da a1cuni GO\ernalori degli Stati Unili (lrkal1s{ls hanf/cr \'('hros{;o Idll/irul!:('I1/U('\' ( 'o/o/lef eee!

8 i In questa categoria di distinzioni est ere - che'non si ritiene di far rientrare tra quelle indicate dalla legge ] 78/51 e che non sono quindi soggette ad autorizzazione' - sono ricomprese tutte Ie decol'azioni me(1agli'e e distintivi concessi per meriti diservizio 0 anzianita co~memonltive 0 di campagna di partecipazione a missioni di mantenimento delia pace ordine pubblico 0 proteziolle' civile (sia in patria che all'estero) di frequentazione di corsi formativi 0 di specializzazione di bl'evetti 0 meriti sportivi ecc" che vengono assegnate riormalmente da singole Autoritagovernative 0 da singoli comandi militari per specifiche benemerenze acquisite nel corso delperiodo di servizio e che non conferiscon~ alc"n titolo onorifico 0 cavalleresco Per talidecorazioni si ritiene opportuno :- per quanto riguarda coloro che indossano U1l'unitorme' (Forze Armate Forzedell'Orcli'ne e altri Corpi militarmente organizzati dello State» che la decisione di autorizzarne 0 meno ruso sull'uniforme e di concederne 0 meno la trascrizione sui foglio matricolare' venga demandata direttamente aile rispettive Amministrazioni di appal1enenza Tra queste decorazioni a titolo di esempio rientranq la A4eda~lia delia D(fesa Nazionale e Ie l\jedt7rlieconll11em(wative per la ex-jugoslavia 0 per I 'Af~hallistan delia Repubblica Fraricese i IJi</!J71ivi di SkanderheR e dell'aquila d'om delia Repubblica Albanese je varie distinzioni concesse dai Corpi di Polizia stranieri per operazioni di 'contrasto al narcotraffico 0 per frequentazione di speciali corsi e missioni all' estero Analogamente si fanno rientrare in questacategoria anche Ie varie decorazionie' medaglie di 'merito 0 benemerenza collegate ad ordini equestri 0 dinastici riconosciuticome Ie Medaglie di HeiJemerell=a del Sacro A4iliiare Ordine Costal11illiallO di S Gior~io Per tali decorazioni che' non compol1ano il conferimento di unainvestitura cavalleresca ma solo la concessio~edi un segno distintivo di merito I'autorizzazione al fregio per ii' personale militare viene d~mandata aile rispettive Amministrazioni di appartenenza '" In quest "ambito irloltre si ritieneopportuno far rientrare anche Ie decorazioni rilasciate da organismi internazionali riconosciuti come I'ONU la NATO: J'Unione EllfOpea 0 le'societil delia Croce Rossa istituite nei vari Paesi per Ie quali si rimanda pahmenti aile Amministrazioni di appart'enenza la decisione di autorizzarne la registrazione e ruso per i militari7' ' III LE ONORIFICENZE E DISTINZIONI NON AUTORIZZABILI Non si considerano ii1vece autorizzabili all'uso Ie distinzioni assegnate da enti non governativi ed organizzazioni private ditipo assistenziale oumanitario associazioni private di insigniti di ordini cavallereschi 0 associazioni di tipo reducistico 0 d'arma ex-combattentistico o di olloranze ai cadritil-: I\"i inclusi il Corpo delia Poh/ia Pcnitcnziaria la Guardia Forestale i Corpi di Polizia MWlicipale il Corpo dei Vigili dcl Fuoco il Corvo Militare delia Crocc Rossa i Corpi Vololl\ari delia Protezione Chile e tuttc Ie organiz7"<l7joni che nell' csplctamcnto dclle loro alli'itci indossano una di\'isa Tcncndo anche prcscntc quanto disposto dal --Rcgolamento per la disciplina dclle Uniformi" Maggiore delia Difesa appro\'ato dallo Stato ~ III qucslo gruppo ricnlrano ad escmpio 'Ie dislin/ioni C911CCSSC dair Associaziol1c delia Croce «}sterreichische clllrnr::e I"rel/::)che si occupa delia custodia dci cimiten di guerra in Austria :\'era -ll/strioca

9 Parimenti non si considerano autorizzabili all'uso gli ordini e ledistinzioni ecclesiastiche conferite da patria-cati e confratemite religiose di ogni CHItO ocoqfessione~ la cui validita rimane strettamente circoscritta air Autorita religiosa che Ie concede') In linea di principio non dovrebbero essere autorizzate neanche Ie distinzioni estere coilcesse da enti loeali e mmiicipali associazioni di categoria ordini professionali confederazioni sindacali accademie scientifiche artistiche 0 musicali federazioni sportive eee per ie quali si fa comunque riser~'a di \'alutarele richieste caso per caso Merita infine essere ricordato in tale contestoche non sono considerati in alcun modo autorizzabili al pubblico fregio tutti gli ordini e Ie distinzioni di origine pri~ata - di ispirazione equestre e 110n - eonferiti da istituzioni assoeiazioni ed organizzazioni di tipo storicoeavalleresco 0 dinastieo~nobiliare ehe non godano di un rieonoscimento a livello internaiionale (indipendentemente dal fatto che tali organizzazioni operino in-halia 0 all'estero-)10 La presente scheda si propone U11icamentedi fornire una traccia generale sui criteri da seguire per il rilascio delle autorizzazioni a tregiarsi nel territorio nazionale delle onorificenze non pertinenti alia StatQ italiano Delle linee guida <;:hederivate datla continua evoiuzione delia prassi' degli ultimi dec~nni e dal costante perseguimento interpretativo delia norniativa vigente possono comunque essere suscettibili - anche grazie Ii contributi e aile valutazioni delle altre Amministrazioni interess'ate - di integnizioni modifiche e miglioramenti~ ~ ~ " Non song O\'\iamcnlc inclusi in laic gmppo gli Ordini Equcslri delia Sanla Scdc (Online \uprel11odel Crislo Online dl'llo i)i'/"(jlld 'Urn Ordil1l'!)h1l1o (}rdinl' di Gregorio\ fagl10 coniine di <' S'ih'eslro) chc godoilo del fonnalc riconoscimenlo delia Rcpubblica Italiana e Ie cui auloriz:t<l/ioni al fregio \'cngono C111cssedalla Presidcnza del Consiglio 11 Si ricordachc in laic scuorc son6 nlllllcrosc Ic islilllzioni pscudo-c;l\'alicrcschc chc SClV<l aicun fondmnenlo giuridico ncalclill aggancio storico con i piu prcstigiosi Ordilli Eqllcslri riconosciuli ill atti\'ili nc imitano ladc;nominazionc c i ccrimoniali (collvarlicolarc rifcrimcnlo ai yari scdiccnli ordini di Malta~ Tcmplari TClllonici:-Costanliniani e ddsanlo Scpolcro)~ al finc di oltencrc in fond;lii pjiyi\cgi cd illccili guadagni allrmcrso rasscgnazione di in\'cslilurc C<l\allcrcschc ClilO/i nobiliarl pri"i di Oglli \:llidila -~:

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE MILITARE Prot. n. DGPM/VI/19.000/A/45-109.000/I/15 Roma, 5 marzo 2002 OGGETTO:Erogazione del trattamento privilegiato provvisorio nella misura

Dettagli

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA

F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA F A Q ORDINE AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA 1. Che cos è l Ordine Al Merito della Repubblica Italiana? L Ordine Al Merito della Repubblica Italiana è il primo degli Ordini cavallereschi nazionali.

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Un'altra difesa è possibile

Un'altra difesa è possibile Un'altra difesa è possibile Campagna per il disarmo e la difesa civile. Se vuoi la PACE prepara la PACE... fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Obiettivo L obiettivo è quello della costituzione

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Equal Jus Database European network for the legal support of LGBT rights

Equal Jus Database European network for the legal support of LGBT rights EqualJusDatabase EuropeannetworkforthelegalsupportofLGBTrights Decreto del Presidente della Repubblica - 15/03/2010, n. 90 - Gazzetta Uff. 18/06/2010, n.140 TESTO VIGENTE EPIGRAFE DECRETO DEL PRESIDENTE

Dettagli

Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE PREMESSA... 23

Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE PREMESSA... 23 Norme Disciplinari Trattamento Economico e Organi di Rappresentanza del personale militare INTRODUZIONE a cura di Enzo Trevisiol PREMESSA... 23 1. CENNI STORICI SULLE NORME DISCIPLINARI 1.1 Il regolamento

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO Stralcio della Legge Delega (art. 4, 5 e 6) per riordino e accorpamento Forze statali di Polizia Art. (3) Principi generali e criteri direttivi della

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Decorati al Valor Militare

Decorati al Valor Militare Cantalice ai suoi figli Caduti per la Patria nella Grande Guerra 1915 1918 Decorati al Valor Militare Caporale BOCCHINI Felice di Luigi - del 146 Reggimento fanteria, nato a Cantalice il 15 ottobre 1895,

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI

ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI ALLA CAPITANERIA DI PORTO DI Il sottoscritto... nato a...il... e residente a...provincia di... in via... n C.A.P.. recapito telefonico.../... CHIEDE di essere iscritto, nella Gente di Mare di... categoria

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

CARTA COSTITUZIONALE

CARTA COSTITUZIONALE CARTA COSTITUZIONALE DEL SOVRANO MILITARE ORDINE OSPEDALIERO DI SAN GIOVANNI DI GERUSALEMME DI RODI E DI MALTA PROMULGATA IL 27 GIUGNO 1961 RIFORMATA DAL CAPITOLO GENERALE STRAORDINARIO DEL 28-30 APRILE

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

Federazione Italiana Nuoto. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014

Federazione Italiana Nuoto. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014 Federazione Sportiva Nazionale riconosciuta dal Coni Federazione Italiana Nuoto F.I.N.A. LE.N. I.LS.E. I.L.S. Propaganda-Scuole Nuoto Prot. AP/pr/ar/2013/8904 Roma 15 novembre 2014 Ai Presidenti dei Comitati

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta

FAQ. 4) Si può partecipare ai concorsi avendo delle imperfezioni fisiche? Risposta FAQ 1) Come si entra in Guardia di Finanza? Risposta 2) Quali sono i limiti di età per partecipare ai concorsi? Risposta 3) Quali titoli di studio occorrono per partecipare ai concorsi? Risposta 4) Si

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Flowchart della procedura in materia di accesso agli atti

Flowchart della procedura in materia di accesso agli atti RICEZIONE ISTANZA Flowchart della procedura in materia di accesso agli atti 30 gg. (salvo sospens. per integraz. docum.) Richiesta integrazione Ricezione integrazione Comunicazione accoglimento accesso

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 novembre 2013 Modalita' per la pubblicazione dello scadenzario contenente l'indicazione delle date di efficacia dei nuovi obblighi amministrativi introdotti,

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2009, n. 189 Regolamento concernente il riconoscimento dei titoli di studio accademici, a norma dell'articolo 5 della legge 11 luglio 2002, n. 148. (09G0197)

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli