COMUNE DI SAN PRISCO (PROVINCIA DI CASERTA) PROGETTO ADOTTA UNO SPAZIO VERDE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SAN PRISCO (PROVINCIA DI CASERTA) PROGETTO ADOTTA UNO SPAZIO VERDE"

Transcript

1 COMUNE DI SAN PRISCO (PROVINCIA DI CASERTA) PROGETTO ADOTTA UNO SPAZIO VERDE LINEE GUIDA PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI SPAZI VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Approvate con deliberazione della Giunta Comunale n. 115 del

2 ART. 1 - OGGETTO Le presenti linee guida forniscono le direttive per l affidamento ai privati (soggetti individuati al successivi art. 2) di spazi verdi allo scopo di conservare, migliorare e allestire il verde pubblico sul territorio comunale, attraverso l istituto dell adozione. ART. 2 - RICHIESTA DI ADOZIONE SPAZI VERDI E MODALITA DI PARTECIPAZIONE Le associazioni, enti, comitati di quartiere, istituti scolastici, titolari di negozi o chioschi, nonché singoli cittadini, possono fare richiesta di adozione di uno spazio sistemato a verde pubblico (elencati all art. 3) facendosi carico della sistemazione, manutenzione, cura e valorizzazione, nel rispetto di quanto previsto nelle presente atto. La richiesta di adozione, compilata secondo il modulo ALLEGATO A al presente atto, dovrà essere corredata dall indicazione dell'area che si intende adottare e della seguente documentazione: - relazione descrittiva del programma di sistemazione, manutenzione, modalità di gestione, proposte di intervento, ecc., che dovrà essere redatto in termini chiari, dettagliati ed esaustivi; - eventuale progetto di allestimento che indichi gli elementi di arredo urbano e/o colturali che si intende collocare; - planimetria dell Area verde da adottare; L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di decidere la tipologia di piante nel caso in cui quelle inserite nel progetto non siano ritenute idonee. Gli spazi verdi vengono affidati seguendo l ordine di presentazione delle richieste al protocollo generale del Comune. ART. 3 - SPAZI VERDI ADOTTABILI Sono adottabili secondo le modalità stabilite dalle presenti linee giuda i seguenti spazi verdi di proprietà comunale: a) - aree a verde attrezzato (villette); b) - aree a verde di pertinenza degli edifici scolastici; c) - aree verdi in genere d) - aree di pertinenza stradale, comprese le rotatorie e le isole spartitraffico; e) - aiuole e fioriere. ART. 4 - DISPOSIZIONI GENERALI 1. Nel caso in cui più soggetti richiedano in adozione la medesima area, l Ufficio provvederà ad evadere le istanze considerando in via preferenziale quelle con i seguenti requisiti : - data di presentazione della domanda; - proposta di intervento, modalità di gestione, ecc.; 2. L affidamento in adozione avverrà mediante la stipula di apposita convenzione (schema ALLEGATO B al presente atto) sottoscritta dal rappresentante del Comune e dal soggetto affidatario. Al momento della consegna dell area verrà redatto verbale con descrizione specifica dello stato dei luoghi. 3. E vietata qualsiasi attività a scopo di lucro. 4. L area verde adottata deve essere conservata con la massima diligenza e nelle migliori condizioni d uso, evitando di arrecare danni alle alberature e/o strutture esistenti, deve

3 mantenere la destinazione prevista dagli strumenti urbanistici, non può essere sottratta all uso pubblico né può essere concessa dall adottante ad altri soggetti. 5. Non sono ammessi interventi di qualsiasi tipo che possono costituire limitazioni alle funzioni pubbliche delle aree a verde o variazioni della loro destinazione urbanistica. 6. L Amministrazione Comunale si riserva in ogni caso, a suo insindacabile giudizio, di intervenire con lavori e/o opere nell area verde affidata in adozione dandone semplice comunicazione scritta all affidatario. 7. L affidatario non può svolgere o permettere che siano svolte attività che contrastino con l uso pubblico dell area verde oggetto della convenzione. 8. L Amministrazione Comunale si riserva, sull area verde affidata in adozione, il diritto di organizzare e svolgere manifestazioni ogni qualvolta lo ritiene opportuno. Tale facoltà può essere esercitata anche dall affidatario previa autorizzazione da parte dell Amministrazione Comunale. 9. Ogni variazione, innovazione, eliminazione o addizione, che non sia già contemplata nella richiesta di adozione, dovrà essere presentata all ufficio comunale competente e preliminarmente autorizzata. 10. L affidatario ha l obbligo morale di collaborare con l Amministrazione Comunale nella custodia dell area adottata al fine di prevenire ed evitare atti vandalici. 11. L Amministrazione Comunale è sollevata da qualsiasi responsabilità, anche rispetto a terzi, per eventuali infortuni e/o danni derivanti dall attività di manutenzione dell area oggetto dell affidamento in adozione. 12. Allo scadere della convenzione, o in caso di recesso anticipato, l affidatario è tenuto alla riconsegnare dell area senza nulla a pretendere per opere o miglioria, né per altra causa riguardante l area adottata. Tutte le opere e/o strutture, realizzate, previa autorizzazione dell Ufficio comunale competente, verranno acquisite al patrimonio comunale, senza che nulla sia dovuto all affidatario. ART. 5 - MANUTENZIONE SPAZI VERDI I seguenti interventi di prestazioni di manutenzione ordinaria saranno effettuati dall affidatario, a propria cura e spese, e dovranno essere eseguiti con la massima diligenza, osservando tutte le norme tecniche e precauzionali del caso ed in conformità alle norme di cui al D. Lgs n. 81/2008: - taglio dell erba ed eliminazione della vegetazione infestante; - eliminazione e sostituzione delle fioriture appassite; - pulizia dell area mediante la raccolta di carte, bottiglie, lattine, vetri ed altri rifiuti eventualmente presenti; - irrigazione, in particolare durante la stagione estiva; - piccole riparazioni con sostituzione di parti mancanti (fontanelle, cestini, elementi di arredo, ecc. presenti nell area); - realizzazione di ulteriori interventi ritenuti migliorativi concordati ed autorizzati dall A. C. E vietato l uso di pesticidi e diserbanti ritenuti dannosi per l ambiente.

4 ART. 6 - OBBLIGHI A CARICO DEI SOGGETTI AFFIDATARI Oltre a quanto previsto dai precedenti articoli, sono a totale carico del soggetto affidatario i seguenti obblighi: 1. Mantenere l area adotta, incluso gli eventuali arredi (attrezzature da gioco per bambini, panchine, cestini, ecc.), in ottimo stato di manutenzione assicurandone il costante perfetto uso da parte degli utenti. 2. Consentire il libero e gratuito accesso all area adottata e, qualora sia recintata, assicurare l apertura e la chiusura degli accessi secondo gli orari e modalità concordati con l Amministrazione Comunale. 3. Salvaguardare tutti gli impianti esistenti sull area, anche di proprietà di altri enti. 4. Operare sempre nel rispetto delle normative di prevenzione degli infortuni e di tutela della pubblica incolumità. 5. Consentire, in seguito a semplice comunicazione dell ufficio comunale competente, l esecuzione di necessari interventi di manutenzione da parte dell Amministrazione Comunale, di imprese incaricate dalla medesima, senza pretendere nulla qualora l area risulti modificata in conseguenza degli interventi eseguiti. 6. Segnalare tempestivamente agli Uffici comunali competenti: - presenza di anomalie nella vegetazione esistente nell area adottata e gli impedimenti alla corretta attuazione della convenzione; - presenza di punti luce spenti o malfunzionanti e/o problemi inerenti il servizio di distribuzione idrica ingombranti e/o speciali; - atti di vandalismo ai danni della vegetazione e/o degli elementi di arredo e gioco eventualmente presenti nell area; - abbandono di rifiuti. ART. 7 - OBBLIGHI DELL AMMININISTRAZIONE COMUNALE 1. L Amministrazione Comunale è tenuta a mettere a disposizione dell affidatario l area verde adotta oggetto della convenzione. 2. L Amministrazione Comunale non può remunerare in alcun modo le attività lavorative prestate dall affidatario sull area adottata. 3. Sono a carico dell Amministrazione Comunale tutti gli interventi di manutenzione non compresi tra quelli descritti al precedente articolo 4, compreso il controllo della staticità e l eventuale abbattimento degli alberi, la sostituzione e la potatura degli stessi, e le spese relative ai consumi dei servizi a rete (idrici, elettrici, ecc.). 4. Nell area adottata l Amministrazione Comunale ha la facoltà di fornire e piantare essenze arboree e arbustive e di collocare elementi di arredo urbano. 5. L amministrazione Comunale vigila, tramite l ufficio comunale competente per materia e la polizia locale, sulle aree adottate, richiedendo all occorrenza agli affidatari di eseguire quanto appare necessario per mantenere le aree adottate nelle migliori condizioni d uso e nel rispetto delle convenzioni.

5 ART. 8 - VISIBILITA L affidatario provvederà al posizionamento nell area verde adottata di un cartello pubblicitario recante il logo del Comune, l eventuale logo ed indirizzo del soggetto affidatario, nonché la seguente dicitura: Il verde di questo spazio è curato da.. Dimensione massima del cartello pubblicitario: cm 90 (orizzontale) x cm 60 (verticale). Tale cartello non si configura come pubblicità commerciale ma quale comunicazione istituzionale e, pertanto, esente da imposta sulla pubblicità. Il cartello deve essere posizionato all interno dell area in modo tale da non costituire ostacolo alla visuale degli automobilisti che transitano in prossimità dell area adottata. ART. 9 - CONTROLLI / INFRAZIONI L Amministrazione Comunale, per il tramite del proprio personale o di altri incaricati, eseguirà periodici controlli, senza l obbligo di preavviso, al fine di verificare lo stato di manutenzione e conservazione dell area a verde assegnata in adozione. Eventuali irregolarità che venissero riscontrate verranno immediatamente comunicate all affidatario (anche a mezzo fax). ART DURATA DELL AFFIDAMENTO, RINNOVO E RECESSO Gli affidamenti in adozione ai sensi delle presenti linee guida hanno validità di anni 2 (due), a decorre dalla data di sottoscrizione della convenzione di adozione, con possibilità di rinnovo su esplicita richiesta della parte. Non è prevista la possibilità di rinnovo tacito. Il soggetto affidatario può unilateralmente recedere in ogni momento dalla convenzione, previa comunicazione scritta che dovrà pervenire all Amministrazione Comunale con anticipo di almeno 60 giorni. ART REVOCA E DECADENZA DELL AFFIDAMENTO L Amministrazione Comunale può revocare, senza indennizzo, l affidamento nei seguenti casi: - a seguito di sopravvenute necessità d'interesse pubblico. - a seguito di verifiche e controlli, l affidatario risultasse inadempiente rispetto agli obblighi e prescrizioni del presente atto; L avvio del procedimento di revoca della convenzione di adozione, sarà comunicata all affidatario dell area con lettera raccomandata. Al termine della convenzione di adozione sarà predisposto un sopralluogo congiunto (affidatario e rappresentante dell Amministrazione Comunale) per la verifica dello stato dei luoghi dell area riconsegnata.

6 ALLEGATO A Al SIG. SINDACO della città di San Prisco Via Michele Monaco, SAN PRISCO RICHIESTA AFFIDAMENTO IN ADOZIONE AREE VERDI DI PROPRIETA COMUNALE Il sottoscritto nato a il / / residente in Prov. alla via n. C.F./P. IVA in qualità di con sede in CHIEDE l affidamento in adozione dell area verde di proprietà comunale sita in Viale/Via/P.zza, dell estensione di mq., distinta in catasto terreni al foglio, particella, al fine di sottoporla al programma di sistemazione, manutenzione, ecc, come si evince dalla relazione allegata alla presente richiesta. A tal fine, a sensi del DPR n. 445/2000, il sottoscritto DICHIARA - di essere a conoscenza che l affidamento in adozione della suddetta area ha validità di anni 2 (due), a decorre dalla data di sottoscrizione della convenzione; - di aver preso visione e di accettare pienamente le condizioni, obblighi, ecc., contenuti nelle LINEE GUIDA relative all affidamento in adozione di spazi verdi appartenenti al patrimonio comunale, approvate con deliberazione di Giunta Comunale n. del ; - di accettare ogni determinazione dell Amministrazione Comunale, rinunciando espressamente a richiedere qualsiasi risarcimento e/o indennizzo; - di non arrecare danni a persone o cose nel periodo di adozione, esonerando già in via preventiva ed espressamente l Amministrazione Comunale ed il funzionario incaricato della sorveglianza da ogni responsabilità anche rispetto ai terzi. ALLEGATI: Documentazione (art. 2 delle citate LINEE GUIDA ) Li, N.B. In alternativa all autenticazione della sottoscrizione, allegare copia fotostatica (fronte retro) di un documento di identità, in corso di validità, del/dei sottoscrittore/i.

7 ALLEGATO B COMUNE DI SAN PRISCO (PROVINCIA DI CASERTA) AFFIDAMENTO IN ADOZIONE SPAZI VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE CONVENZIONE L anno duemila, il giorno del mese di in San Prisco presso la Sede Municipale in via Michele Monaco n. 88 (AREA ), TRA Il COMUNE DI SAN PRISCO - C.F./P.IVA , rappresentato da, il quale interviene nel presente atto, nella sua qualità di Responsabile dell Area E Il sig. (in proprio o nella qualità di legale rappresentante del ) residente in alla via n., C.F./P.IVA da qui innanzi denominato affidatario Premesso che la Giunta Comunale con deliberazione n. del ha approvato le LINEE GUIDA relative all affidamento in adozione di spazi verdi appartenenti al patrimonio comunale; che in seguito alla richiesta, acquisita al protocollo generale dell Ente in data n., con determinazione n. del, è stato disposto l affidamento dell area verde di proprietà comunale, di seguito descritta, a favore del sig., come sopra generalizzato, nel rispetto delle condizioni stabilite nelle citate LINEE GUIDA ; Ciò premesso con il presente atto, da valere ad ogni effetto di legge, si conviene e si stipula quanto segue: 1. Le premesse fanno parte integrante della presente convenzione. 2. Il COMUNE DI SAN PRISCO, come sopra rappresentato, affida in adozione, al sig., l area a verde di proprietà comunale sita in Viale/Via/P.zza, dell estensione di mq., distinta in catasto terreni al foglio, particella ed individuata nella planimetria allegata. 3. L affidamento in adozione della suddetta area ha validità di anni 2 (due), a decorre dalla data di sottoscrizione della presente convenzione, con possibilità di rinnovo su esplicita richiesta della parte. Non è prevista la possibilità di rinnovo tacito. 4. L'affidamento in adozione di detta area è regolamentato, nei diritti e nei doveri, dalle LINEE GUIDA, approvate con la predetta delibera di G.C. n. /, che, sottoscritte in ogni pagina dalle parti, costituiscono parte integrante e sostanziale della presente convenzione.

8 5. L affidatario, come sopra rappresentato, accetta, senza condizione o riserva alcuna, l area descritta al precedente punto 2) e si impegna ad osservare tutte le condizioni, obblighi, ecc. contenuti nelle citate LINEE GUIDA e nella presente convenzione. 6. E vietata qualsiasi attività a scopo di lucro. 7. La descrizione dello stato dei luoghi dell area verde affidata in adozione è quello risultante dal verbale, allegato alla presente convenzione, redatto in data congiuntamente dal rappresentante del Comune e dall affidatario. Ogni variazione, innovazione, eliminazione o addizione, che non sia già contemplata nella richiesta di adozione, dovrà essere presentata all ufficio comunale competente e preliminarmente autorizzata. 8. Il COMUNE DI SAN PRISCO, per il tramite del proprio personale o di altri incaricati, eseguirà periodici controlli, senza l obbligo di preavviso, al fine di verificare lo stato di manutenzione e conservazione dell area a verde assegnata in adozione. Eventuali irregolarità che venissero riscontrate verranno immediatamente comunicate all affidatario (anche a mezzo fax). 9. Il COMUNE DI SAN PRISCO si riserva, sull area verde affidata in adozione, il diritto di organizzare e svolgere manifestazioni ogni qualvolta lo ritiene opportuno. Tale facoltà può essere esercitata anche dall affidatario previa autorizzazione da parte dell Amministrazione Comunale. 10. L area verde adottata deve essere conservata con la massima diligenza e nelle migliori condizioni d uso, evitando di arrecare danni alle alberature e/o strutture esistenti, deve mantenere la destinazione prevista dagli strumenti urbanistici, non può essere sottratta all uso pubblico né può essere concessa dall adottante ad altri soggetti. 11. Il COMUNE DI SAN PRISCO è sollevato da qualsiasi responsabilità, anche rispetto a terzi, per eventuali infortuni e/o danni derivanti dall attività di manutenzione dell area verde oggetto della presente convenzione. 12. Allo scadere della convenzione, o in caso di recesso anticipato, l affidatario è tenuto alla riconsegnare dell area senza nulla a pretendere per opere o miglioria, né per altra causa riguardante l area adottata. Tutte le opere e/o strutture, realizzate, previa autorizzazione dell Ufficio comunale competente, verranno acquisite al patrimonio comunale, senza che nulla sia dovuto all affidatario. 13. Per tutto quanto non previsto nella presente convenzione si rinvia alle norme vigenti in materia ed alle altre disposizioni di legge in vigore. 14. Il presenta atto sarà registrato solo in caso d uso. Sono a carico dell affidatario tutte le spese inerenti e conseguenti la stipula della presente convenzione in caso di registrazione. Per l affidatario Per il Comune

REGOLAMENTO COMUNALE. CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE

REGOLAMENTO COMUNALE. CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DI AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE Allegato delib. C.C. n. 35 / 2015 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE Approvato con deliberazione Consiglio comunale n. 35 dell 11 maggio 2015 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU (approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 22.07.2014) Comune di Palau Pagina 1 Indice ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo LINEE GUIDA PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DI AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE O IN CONCESSIONE ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Allegato alla Determina Dirigenziale n. 579 del 10.10.2013.

LINEE GUIDA PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Allegato alla Determina Dirigenziale n. 579 del 10.10.2013. LINEE GUIDA PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Allegato alla Determina Dirigenziale n. 579 del 10.10.2013. Indice Articolo 1 - Oggetto Articolo 2 - Affidamento in

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO. Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DELLE AREE VERDI DEL COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO. Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DELLE AREE VERDI DEL COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DELLE AREE VERDI DEL COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO INDICE Articolo 1 - Finalità Articolo 2 - Oggetto e disciplina Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con Deliberazione Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA AVELLINO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO

COMUNE DI PRATOLA SERRA AVELLINO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO COMUNE DI PRATOLA SERRA AVELLINO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLA MANUTENZIONE DI AIUOLE - E - RELIQUATI A VERDE DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI PRATOLA SERRA Apprvato con deliberazione di C.C.n. 20 del

Dettagli

Regolamento per l affidamento mediante sponsorizzazione di aree verdi pubbliche appartenenti al patrimonio comunale

Regolamento per l affidamento mediante sponsorizzazione di aree verdi pubbliche appartenenti al patrimonio comunale Regolamento per l affidamento mediante sponsorizzazione di aree verdi pubbliche appartenenti al patrimonio comunale Art. 1 - Oggetto Il presente regolamento detta le norme di attuazione della forma di

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO ROMANO Provincia di Roma

COMUNE DI SAN VITO ROMANO Provincia di Roma COMUNE DI SAN VITO ROMANO Provincia di Roma Regolamento per l affidamento a soggetti pubblici o privati della gestione di aree e spazi pubblici di proprietà del Comune di San Vito Romano Progetto Adotta

Dettagli

Regolamento per l adozione di aree verdi pubbliche

Regolamento per l adozione di aree verdi pubbliche COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE (PROVINCIA REGIONALE DI ENNA) Regolamento per l adozione di aree verdi pubbliche Approvato con Delibera Consiliare N 48 del 06-05-2011. INDICE Articolo 1 Finalità Articolo

Dettagli

COMUNE DI CAPOLONA Prov. Di Arezzo REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DELLE AREE VERDI DEL COMUNE DI CAPOLONA

COMUNE DI CAPOLONA Prov. Di Arezzo REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DELLE AREE VERDI DEL COMUNE DI CAPOLONA COMUNE DI CAPOLONA Prov. Di Arezzo REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DELLE AREE VERDI DEL COMUNE DI CAPOLONA (Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 14 del 09/05/2014 e modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CASALETTO SPARTANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO ADOZIONE AREE VERDI E SPAZI PUBBLICI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE

COMUNE DI CASALETTO SPARTANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO ADOZIONE AREE VERDI E SPAZI PUBBLICI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE COMUNE DI CASALETTO SPARTANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO ADOZIONE AREE VERDI E SPAZI PUBBLICI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Allegato alla delibera di C.C. n. 34 del 21.10.2014 ART. 1 FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI COMUNALI COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI COMUNALI - Delibera C.C. n 39 del 28.11.2011: Regolamento per l adozione di aree verdi comunali - Approvazione. INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE DELLA CITTA DI CALTAGIRONE

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE DELLA CITTA DI CALTAGIRONE REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE DELLA CITTA DI CALTAGIRONE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale Nr 11 del 21.03.2012 INDICE Articolo 1 - Finalità...3 Articolo 2 - Oggetto e disciplina...3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE PUBBLICHE COMUNE DI CASTRI DI LECCE C.A.P. 73020 - PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE PUBBLICHE INDICE ARTICOLO 1. PRINCIPI GENERALI ARTICOLO 2. FINALITA ARTICOLO 3. AREE AMMESSE ARTICOLO 4. SOGGETTI

Dettagli

COMUNE DI NOCERA TERINESE

COMUNE DI NOCERA TERINESE COMUNE DI NOCERA TERINESE Ufficio demanio e patrimonio comunale REGOLAMENTO PER L ADOZIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE DEL COMUNE DI NOCERA TERINESE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale Nr 20 del 29/06/2013

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO MODELLO DI ISTANZA DI ADOZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE

DISCIPLINARE TECNICO MODELLO DI ISTANZA DI ADOZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì-Cesena SETTORE LAVORI PUBBLICI Ufficio Ambiente DISCIPLINARE TECNICO MODELLO DI ISTANZA DI ADOZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN FAVORE DI SOGGETTI

Dettagli

Regolamento per l adozione di spazi verdi e per la donazione di elementi di arredo urbano da parte di soggetti privati

Regolamento per l adozione di spazi verdi e per la donazione di elementi di arredo urbano da parte di soggetti privati Regolamento per l adozione di spazi verdi e per la donazione di elementi di arredo urbano da parte di soggetti privati INDICE Articolo 1. Finalità Articolo 2. Oggetto e disciplina Articolo 3. Prescrizioni

Dettagli

MODALITÀ DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE COMUNALI

MODALITÀ DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE COMUNALI MODALITÀ DI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE COMUNALI Art. 1 Premessa L'Amministrazione Comunale riconoscendo l'importante valore sociale del patrimonio verde cittadino, che

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE:

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE: ALLEGATO C) Rep. n... del.. COMUNE DI CAVEZZO Provincia di Modena CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE DELL AREA / AREE IN LOCALITA CAVEZZO. PER L ALLESTIMENTO A VERDE E LA MANUTENZIONE L anno duemilasette del

Dettagli

Regolamento per l adozione di un Bene Comune

Regolamento per l adozione di un Bene Comune Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.16 del 22.04.2016 COMUNE DI MISILMERI Provincia di Palermo Regolamento per l adozione di un Bene Comune Art. 1 Principi generali e finalità 1. L Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE AREE VERDI DEL COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA ARTICOLO 1 - FINALITÀ

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE AREE VERDI DEL COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA ARTICOLO 1 - FINALITÀ REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE AREE VERDI DEL COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA ARTICOLO 1 - FINALITÀ 1. L Amministrazione Comunale nella consapevolezza che il verde urbano si inserisce nel contesto più ampio

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO Repertorio n. 4318 / 2015 COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO (Città Metropolitana di Bologna) CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO E L ASSOCIAZIONE FORNELLI 2000 PER LA CONCESSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR

REGOLAMENTO GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE DELLA GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 27 del 29 febbraio 2000 1. Finalità

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

COMUNE DI LANUVIO Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI AREE PUBBLICHE E LA DONAZIONE DI ELEMENTI DI ARREDO URBANO

COMUNE DI LANUVIO Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI AREE PUBBLICHE E LA DONAZIONE DI ELEMENTI DI ARREDO URBANO COMUNE DI LANUVIO Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L ADOZIONE DI AREE PUBBLICHE E LA DONAZIONE DI ELEMENTI DI ARREDO URBANO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 30 del 14.10.2013

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia

COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia Approvato con deliberazione di c.c. n. 22 del 13.05.2010 COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO MEDIANTE SPONSORIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DI AREE VERDI

Dettagli

COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE Provincia di Carbonia Iglesias Assessorato alle Politiche Ambientali e all'urbanistica

COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE Provincia di Carbonia Iglesias Assessorato alle Politiche Ambientali e all'urbanistica Assessorato alle Politiche Ambientali e all'urbanistica INIZIATIVA ADOTTA un AIUOLA L'amministrazione Comunale intende attivare l'iniziativa ADOTTA un' AIUOLA. I cittadini in prima persona potranno rendersi

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE * * * * * * * * *

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE * * * * * * * * * Allegato B SCHEMA DI CONVENZIONE CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE S.P.n. Km S.P.n. Km Intersezione: Comune: * * * * * * * * * L anno

Dettagli

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI COMUNE DI CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO MEDIANTE SPONSORIZZAZIONE DELLE AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO DELL ENTE Approvato con deliberazione di

Dettagli

Provincia di Latina. AVVISO PUBBLICO Progetto Adotta uno spazio verde

Provincia di Latina. AVVISO PUBBLICO Progetto Adotta uno spazio verde VÉÅâÇx w eévvtzéüzt Provincia di Latina AVVISO PUBBLICO Progetto Adotta uno spazio verde L amministrazione comunale di Roccagorga, presenta l'iniziativa denominata Adotta uno spazio verde. Una proposta

Dettagli

Regolamento per l adozione di aree verdi pubbliche del Comune di Tortoreto

Regolamento per l adozione di aree verdi pubbliche del Comune di Tortoreto Comune di Tortoreto Regolamento per l adozione di aree verdi pubbliche del Comune di Tortoreto Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 41 del 18/10/2012 bandiera blu d'europa certificazione ambientale

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta

COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COMUNE di CAPUA Provincia di Caserta COPIA di DELIBERAZIONE della GIUNTA MUNICIPALE N 57 del 8.5.2014 Oggetto: Affidamento in adozione area verde Via Mezza Appia Ambito di Settore: Lavori Pubblici L anno

Dettagli

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI :

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : SCHEMA DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : N 02 PENSILINE DI ATTTESA BUS N 02 OROLOGI ANTICHIAZZATI N 05 CESTINI

Dettagli

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI.

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. A.S. 2012/2013 L Istituto scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO, 1 di seguito chiamato scuola,

Dettagli

DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE VERDI

DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE VERDI DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE VERDI Art. 1 Finalità L Amministrazione comunale, nella consapevolezza che il verde urbano si inserisce nel contesto più ampio di bene paesaggistico da

Dettagli

COMUNE DI VOLTERRA NORME E INDIRIZZI TECNICI PER L ADOZIONE O SPONSORIZZAZIONI DI SPAZI VERDI

COMUNE DI VOLTERRA NORME E INDIRIZZI TECNICI PER L ADOZIONE O SPONSORIZZAZIONI DI SPAZI VERDI ALLEGATO D COMUNE DI VOLTERRA NORME E INDIRIZZI TECNICI PER L ADOZIONE O SPONSORIZZAZIONI DI SPAZI VERDI ELABORATO DA: geom. Fosco Pasqinuzzi Funzionario P.O. Responsabile del Servizio Qualità Urbana FINALITÀ

Dettagli

COMUNE di EMPOLI Settore Lavori Pubblici AVVISO PUBBLICO

COMUNE di EMPOLI Settore Lavori Pubblici AVVISO PUBBLICO Allegato B COMUNE di EMPOLI AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI SOGGETTI A CUI AFFIDARE LA MANUTENZIONE DELLE ROTONDE COMUNALI CON PUBBLICIZZAZIONE DELL INTERVENTO RIFERIMENTI GENERALI L Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO MEDIANTE SPONSORIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DI AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO MEDIANTE SPONSORIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DI AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE COMUNE DI BOTTANUCO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO MEDIANTE SPONSORIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DI AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Approvato dal Consiglio

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ADOZIONE DELLE AREE VERDI DELLA CITTÀ DI CAIVANO

DISCIPLINARE PER L'ADOZIONE DELLE AREE VERDI DELLA CITTÀ DI CAIVANO COMUNE DI CAIVANO DISCIPLINARE PER L'ADOZIONE DELLE AREE VERDI DELLA CITTÀ DI CAIVANO INDICE Articolo 1 - Finalità... pag. 3 Articolo 2 - Oggetto e disciplina... 3 Articolo 3 - Aree ammesse... 4 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER AFFIDAMENTO DELLE AREE VERDI

REGOLAMENTO PER AFFIDAMENTO DELLE AREE VERDI 1 COMUNE DI LEVERANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER AFFIDAMENTO DELLE AREE VERDI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 25 del 03/10/2012 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE AREE VERDI

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

CITTÀ DI MURO LECCESE Provincia di Lecce

CITTÀ DI MURO LECCESE Provincia di Lecce CITTÀ DI MURO LECCESE Provincia di Lecce Regolamento per l affidamento senza fini di lucro a soggetti pubblici e privati di spazi destinati a verde pubblico Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

C O M U N E DI M A L FA PROV. DI MESSINA ISOLA DI SALINA - EOLIE

C O M U N E DI M A L FA PROV. DI MESSINA ISOLA DI SALINA - EOLIE C O M U N E DI M A L FA PROV. DI MESSINA ISOLA DI SALINA - EOLIE REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA DENOMINATA STRUTTURA POLIFUNZIONALE SITA A MALFA IN VIA ROMA PIAZZA IMMACOLATA - PER SCOPI DIVERSI. C O

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

SCHEMA CONVENZIONE TRA COMUNE ED ASSOCIAZIONE GESTIONE AREA SGAMBAMENTO CANI TRA

SCHEMA CONVENZIONE TRA COMUNE ED ASSOCIAZIONE GESTIONE AREA SGAMBAMENTO CANI TRA SCHEMA CONVENZIONE TRA COMUNE ED ASSOCIAZIONE GESTIONE AREA SGAMBAMENTO CANI L anno., il giorno del mese di nella sede del Comune di San Piero a Sieve, TRA - Dott. Adriano Santoni, non in proprio, ma nella

Dettagli

AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR - PUNTO DI RISTORO PRESSO IL LABORATORIO DI CITTA NELSON MANDELA DI MISTERBIANCO

AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR - PUNTO DI RISTORO PRESSO IL LABORATORIO DI CITTA NELSON MANDELA DI MISTERBIANCO COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania - SERVIZIO PATRIMONIO - 8 SETTORE FUNZIONALE AVVISO ESPLORATIVO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ******** AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI MOGORO - Provincia di Oristano. Contratto di concessione in comodato d uso di parte dei locali comunali

COMUNE DI MOGORO - Provincia di Oristano. Contratto di concessione in comodato d uso di parte dei locali comunali Rep. _ atti da registrare in caso d uso COMUNE DI MOGORO - Provincia di Oristano Contratto di concessione in comodato d uso di parte dei locali comunali denominati Casa Grussu all Associazione Università

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE ADOTTA UN'AIUOLA TRA

BOZZA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI AREE VERDI PUBBLICHE ADOTTA UN'AIUOLA TRA Rotatoria inizio paese Bacheche Fioriere Piazza Europa Fioriera "Capo Selvino" Fioriera "Purito" Fioriere "Funivia" Fioriera "Belvedere Moderno" Corso Milano fronte G&G Funivia Moderno Parcheggi Via M.

Dettagli

COMUNE DI LUCOLI. (Provincia di L Aquila) CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO DEL TERRENO (LOTTO N. ) DI

COMUNE DI LUCOLI. (Provincia di L Aquila) CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO DEL TERRENO (LOTTO N. ) DI SCHEMA CONTRATTO DI CONCESSIONE ALLEGATO - C COMUNE DI LUCOLI (Provincia di L Aquila) CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO DEL TERRENO (LOTTO N. ) DI PROPRIETÀ COMUNALE PER L'INSTALLAZIONE DI STRUTTURE MOBILI

Dettagli

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2

schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 COMUNE DI AVIO Provincia di Trento Rep. n. - Atti Privati soggetti a registrazione schema di CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE AD USO STUDIO MEDICO SABBIONARA, STUDIO MEDICO N. 2 omissis Tutto ciò premesso

Dettagli

Città di Novi Ligure

Città di Novi Ligure Città di Novi Ligure REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TEATRO CIVICO PAOLO GIACOMETTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 in data 5/6/2006. Articolo 1 Finalità Il Comune si avvale

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE TRA COMUNE DI SCANDIANO E

SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE TRA COMUNE DI SCANDIANO E III SETTORE USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO SCHEMA DI CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE TRA COMUNE DI SCANDIANO E PER VALORIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI ROTATORIE Allegato A) Sponsorizzazione rotonde bozza.doc

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER. IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978)

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER. IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978) CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978) L anno duemiladodici (2012), il giorno ( ) del mese di.., in Santa Fiora (GR), tra: Maurizio ONOFRI,

Dettagli

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011 Filiale Emilia Romagna ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO Rep. n /Atti Privati del 2011 L anno 2011 addì del mese di, presso la sede dell Agenzia del Demanio Filiale Emilia Romagna

Dettagli

COMUNE DI CRISPIANO Provincia di Taranto

COMUNE DI CRISPIANO Provincia di Taranto 1 COMUNE DI CRISPIANO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER AFFIDAMENTO E GESTIONE DELLE AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 8 del

Dettagli

L anno il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste.

L anno il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste. COMUNE DI TRIESTE N. Cod. Fisc. e Part. IVA 00210240321 Rep. n Area Risorse Economiche-Finanziarie e di Sviluppo Economico Prot. n OGGETTO: Affidamento servizio di assistenza tecnica in relazione alla

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

CONVENZIONE DI CONCESSIONE D USO DI LOCALI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE. L anno 2012, TRA

CONVENZIONE DI CONCESSIONE D USO DI LOCALI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE. L anno 2012, TRA Allegato alla D.G. N. 55 DEL 30/03/2012 CONVENZIONE DI CONCESSIONE D USO DI LOCALI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE L anno 2012, TRA Il COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, (codice fiscale 00819880378)

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA CONCESSIONE DI UN VANO FINESTRATO PRESSO L EDIFICIO EX SCUOLA

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA CONCESSIONE DI UN VANO FINESTRATO PRESSO L EDIFICIO EX SCUOLA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA Reg. interno n. CONCESSIONE DI UN VANO FINESTRATO PRESSO L EDIFICIO EX SCUOLA ELEMENTARE DI FERRAZZE A FAVORE DELL A.R.I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI

Dettagli

COMUNE DI SABAUDIA IL DIRIGENTE DEL SETTORE LAVORI PUBBLICI RENDE NOTO

COMUNE DI SABAUDIA IL DIRIGENTE DEL SETTORE LAVORI PUBBLICI RENDE NOTO COMUNE DI SABAUDIA Settore LL.PP./Servizio Programmazione e Appalti - Piazza del Comune, n. 1 04016 Sabaudia (LT) Telefono 0773/514305 Telefax: 0773/514270 e-mail: settore@llpp@comune.sabudia.latina.it

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 49 del 18/03/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE CONVENZIONE PER LA MANUTENZIONE DI AIUOLE DI PERTINENZA DELLA ZONA VERDE

Dettagli

COMUNE DI ARQUATA SCRIVIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SPONSORIZZAZIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE

COMUNE DI ARQUATA SCRIVIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SPONSORIZZAZIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE Regione Piemonte Provincia di Alessandria COMUNE DI ARQUATA SCRIVIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA SPONSORIZZAZIONE DELLE AREE VERDI PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio n. 61 in data 30/11/2009

Dettagli

COMUNE DI MARTIGNANO

COMUNE DI MARTIGNANO COMUNE DI MARTIGNANO Provincia di Lecce Valore dell atto: La presente Convenzione è a titolo gratuito. CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE IN COMODATO D USO GRATUITO DEI LOCALI SITI IN VIA GARIBALDI, AL PRIMO

Dettagli

OGGETTO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE EVENTUALI TITOLI PREFERENZIALI

OGGETTO REQUISITI DI PARTECIPAZIONE EVENTUALI TITOLI PREFERENZIALI AVVISO PUBBLICO PER LA STIPULA DI CONVENZIONI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Per la collaborazione con la Polizia Municipale (giusta delibera di Giunta Comunale n 131 del 29/07/2014), nell ambito

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE Parchi e Giardini pubblici Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 9/07/2014 1 INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PARCHI E GIARDINI

Dettagli

Schema di convenzione per l affidamento di aree verdi appartenenti al patrimonio del Comune di Giardinello

Schema di convenzione per l affidamento di aree verdi appartenenti al patrimonio del Comune di Giardinello Schema di convenzione per l affidamento di aree verdi appartenenti al patrimonio del Comune di Giardinello Il del mese di dell anno presso l ufficio Servizi Sociali di questo Comune, tra il sig. nato a

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI VOLONTARIATO COMUNALE (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 25 del 12/05/2015) REGOLAMENTO

Dettagli

Comune di Scanzorosciate

Comune di Scanzorosciate Comune di Scanzorosciate Provincia di Bergamo CONVENZIONE CON L'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TRIBULINA GAVARNO CALCIO 1973 PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI VIA MONTE MISMA REP.N.222

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 249 del 23/12/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO RINNOVO CONCESSIONE IN USO DI UN LOCALE DELLA DOMUS CIVICA GIUSY TONINELLI SITA IN ORZINUOVI

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dipartimento dell organizzazione Giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale delle risorse materiali, dei beni e dei servizi Schema di contratto di locazione dell

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL CENTRO POLIVALENTE SITO IN VIA DONATORI DEGLI ORGANI

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL CENTRO POLIVALENTE SITO IN VIA DONATORI DEGLI ORGANI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL CENTRO POLIVALENTE SITO IN VIA DONATORI DEGLI ORGANI L anno 2012, nella residenza municipale, ai sensi di quanto disposto con atto determinativo n. del, esecutivo ai sensi

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE Allegato A DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA RETE VIARIA PROVINCIALE - 1 - DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL VERDE SULLE INTERSEZIONI E PERTINENZE LUNGO LA

Dettagli

SCHEMA DISCIPLINARE INCARICO

SCHEMA DISCIPLINARE INCARICO 1 SCHEMA DISCIPLINARE INCARICO Allegato B) COMUNE DI TRIESTE N. Cod. Fisc. e Part. IVA 00210240321 Area Cultura e Sport Civici Musei di Storia ed Arte Rep./Racc. n Prot. n OGGETTO: Contratto di collaborazione

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE. Provincia di Pisa CONVENZIONE PER LA GESTIONE DELLA PALESTRA

COMUNE DI POMARANCE. Provincia di Pisa CONVENZIONE PER LA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa CONVENZIONE PER LA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE DI POMARANCE ------------------------------------------------ * * * * * * * * * * * * * * * L anno duemiladodici.,

Dettagli

CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE SEGUENTI AREE DI PROPRIETA COMUNALE DITTA

CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE SEGUENTI AREE DI PROPRIETA COMUNALE DITTA CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE SEGUENTI AREE DI PROPRIETA COMUNALE DITTA.. AREA N.. ****************************************** In Como, nella Residenza

Dettagli

ALLEGATO A COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA REG. N. OGGETTO: Convenzione con la Cooperativa Sociale L Allegra Brigata per la promozione

ALLEGATO A COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA REG. N. OGGETTO: Convenzione con la Cooperativa Sociale L Allegra Brigata per la promozione ALLEGATO A COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA REG. N. OGGETTO: Convenzione con la Cooperativa Sociale L Allegra Brigata per la promozione dell utilizzo di porzione di area di proprietà comunale

Dettagli

! " #!! $ % &$! ' ( " ' ) &* ' # # + + #! $ # % &*

!  #!! $ % &$! ' (  ' ) &* ' # # + + #! $ # % &* C.A.P. 09070 - Via Umberto I n. 16 - tel. 0783.410219 fax: 0783.411176 - P.I.: 00070490958! " #!! $ % &$! ' ( " ' ) &* ' # # + + #! $ # % &* Approvato con deliberazione C.C. n in data INDICE: Art.1 OGGETTO

Dettagli

Determinazione. del 07-02-2008. SETTORE: Settore Direzione

Determinazione. del 07-02-2008. SETTORE: Settore Direzione Comune n. 116 di del 07-02-2008 Argenta PROVINCIA DI FERRARA Determinazione SETTORE: Settore Direzione OGGETTO: Dott.ssa Anna Pappalardo - Affidamento incarico per sorveglianza sanitaria ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

Città di Maratea. Adozione di Aree e Spazi Verdi Pubblici

Città di Maratea. Adozione di Aree e Spazi Verdi Pubblici Città di Maratea Adozione di Aree e Spazi Verdi Pubblici Regolamento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 38 del 28/11/2014 1 Indice Premessa ---------------------------------------------------------------

Dettagli

COMUNE DI LIVORNO. alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del

COMUNE DI LIVORNO. alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del COMUNE DI LIVORNO N del Repertorio CONVENZIONE ACCESSIVA alla concessione della cappella denominata ex Fubini, posta all interno del Cimitero Comunale La Cigna sul V.le Monumentale. L anno e questo di

Dettagli

CONTRATTO DI COMODATO D USO GRATUITO DI STRUTTURE RICETTIVE DI PARTICOLARE PREGIO STORICO ARCHITETTONICO AMBIENTALE O ARTISTICO

CONTRATTO DI COMODATO D USO GRATUITO DI STRUTTURE RICETTIVE DI PARTICOLARE PREGIO STORICO ARCHITETTONICO AMBIENTALE O ARTISTICO CONTRATTO DI COMODATO D USO GRATUITO DI STRUTTURE RICETTIVE DI PARTICOLARE PREGIO STORICO ARCHITETTONICO AMBIENTALE O ARTISTICO PRESENTI SUL TERRITORIO COMUNALE L anno. giorno. del mese di.. nella sede

Dettagli

A CC. 23/2015 CONTRATTO DI COMODATO GRATUITO DEL LOCALE SITO IN PERETO IN VIA DELLA CATENA REPUBBLICA ITALIANA TRA

A CC. 23/2015 CONTRATTO DI COMODATO GRATUITO DEL LOCALE SITO IN PERETO IN VIA DELLA CATENA REPUBBLICA ITALIANA TRA Allegato A CC. 23/2015 CONTRATTO DI COMODATO GRATUITO DEL LOCALE SITO IN PERETO IN VIA DELLA CATENA REPUBBLICA ITALIANA TRA Comune di Pereto, (AQ), rappresentato dal Responsabile dell Ufficio Tecnico,

Dettagli

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia

COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia COMUNE di CUTIGLIANO Prov. di Pistoia CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CUTIGLIANO E PRO LOCO DI CUTIGLIANO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DENOMINATO CENTRO ANIMAZIONE ESTIVO. ANNO 2014 Rep. 478 L anno duemillaquattordici

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA CONCESSIONE D USO SALA CIVICA DI VIA ADAMELLO N. 10/C A

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA CONCESSIONE D USO SALA CIVICA DI VIA ADAMELLO N. 10/C A COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA Reg. interno n. CONCESSIONE D USO SALA CIVICA DI VIA ADAMELLO N. 10/C A FAVORE DELL AVIS COMUNALE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO (VR) ASSOCIAZIONE VOLONTARI

Dettagli

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA

L anno nel mese di il giorno.in Milano Via Vivaio, 1 TRA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AI DIPENDENTI DELLA CITTA' METROPOLITANA DI MILANO CON ESTINZIONE MEDIANTE L ISTITUTO DELLA DELEGAZIONE DI PAGAMENTO L anno nel mese di il giorno.in

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani

CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani CITTA DI CASTELVETRANO Provincia di Trapani Siciliana ia Regionale di Trapani REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI SPORTIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 02 febbraio

Dettagli

Comune di Comacchio Settore AA.GG. Cultura e Promozione del Territorio - Personale

Comune di Comacchio Settore AA.GG. Cultura e Promozione del Territorio - Personale Comune di Comacchio Settore AA.GG. Cultura e Promozione del Territorio - Personale Prot. n. 2170 del 14-01-2013 TIT. 4 CLAS. 09 File: polispmagnavacca-caiazzo_12-13-det DETERMINAZIONE N. 199/271 del 12-12-2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) AGGIORNATO AL 12 OTTOBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto Il presente regolamento ha

Dettagli

COMUNE DI MOGLIANO VENETO

COMUNE DI MOGLIANO VENETO COMUNE DI MOGLIANO VENETO - Provincia di Treviso - Prot. n. ---------------------------------------------------------------- Convenzione per la gestione della palestra comunale G. Menegazzi e relative

Dettagli

Regolamento per il servizio di volontariato comunale. Comune di Vernate REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO COMUNALE

Regolamento per il servizio di volontariato comunale. Comune di Vernate REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO COMUNALE Comune di Vernate REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 9 del 15/4/2014 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 14 del

Dettagli

(Provincia di Avellino) Avviso pubblico

(Provincia di Avellino) Avviso pubblico Città di Mercogliano (Provincia di Avellino) Concessione in uso temporaneo per sistemazione e manutenzione aree verdi comunali nell ambito dell iniziativa in via sperimentale adotta un aiuola in località

Dettagli

COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA

COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA COMUNE DI ORSARA DI PUGLIA Provincia Di FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI PRESSO IL CENTRO CULTURALE COMUNALE sito in Via PONTE CAPO (Palazzo Ex Scuola Media) Approvato con deliberazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. OGGETTO: Contratto di affitto di terreno sito in Santa Domenica. L'anno. il giorno.. del mese di.

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. OGGETTO: Contratto di affitto di terreno sito in Santa Domenica. L'anno. il giorno.. del mese di. Allegato alla Delibera di Giunta Comunale n. 59 del 25/7/2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA COMUNE DI SANTA DOMENICA VITTORIA (Provincia Messina) OGGETTO: Contratto di affitto di terreno sito in

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO COMUNALE GRUPPO VOLONTARI CIVICI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 29.04.2013 I N D I C E Art. 1 - OGGETTO DEL

Dettagli

! "# & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7. Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5

! # & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7. Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5 ! "# $ %&!! "'(() & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7 Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5 - Articolo 1 - Oggetto del regolamento e destinazione d uso della Sala Parrocchiale 1. La Parrocchia

Dettagli