Le informazioni necessarie per l istruttoria Le informazioni e la documentazione che la banca chiede riguardano principalmente: Soggetto richiedente

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le informazioni necessarie per l istruttoria Le informazioni e la documentazione che la banca chiede riguardano principalmente: Soggetto richiedente"

Transcript

1 La valutazione del merito creditizio dei soggetti richiedenti finanziamenti di Microcredito assistiti dal Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese. Questo documento rappresenta, in modo schematico e non esaustivo, le principali fasi dell attività istruttoria e di valutazione del merito creditizio che la banca svolge per le richieste, formulate da professionisti e piccole imprese, di operazioni di "microcredito" che prevedono l assistenza della garanzia del Fondo di Garanzia per le PMI, al fine di decidere sulla loro accoglibilità. Le pagine che seguono illustreranno, sinteticamente, i principali criteri che la banca adotta per il corretto svolgimento di queste fasi, nel rispetto delle vigenti Normative (ordinaria, di Vigilanza Bancaria, e così via). Presupposti fondamentali del merito creditizio In linea generale, nella sua attività di intermediazione, tra soggetti depositanti ed affidati, la banca è chiamata a verificare costantemente la capacità di rimborso dei singoli richiedenti dei finanziamenti, al fine di garantire la regolare restituzione delle somme. Alla base del rapporto creditizio tra banca e impresa, infatti, c è la concessione del "Fido Bancario": il termine fido è riconducibile al concetto di fiducia, per cui, in sostanza, il fido concesso rappresenta il grado di fiducia che si instaura tra affidato e banca grazie alla conoscenza reciproca delle rispettive attese ed esigenze. Il fido si esprime, poi, nell'individuazione della più consona tipologia di intervento creditizio in grado, per modalità ed entità, di soddisfare l'esigenza finanziaria del cliente. Le informazioni per l analisi del fido Le fonti informative sull azienda riguardano: Informazioni sull ambiente e sul settore: Dati di settore / Dati Macroeconomici Informazioni sull azienda affidata: Informazioni dirette / Bilancio d esercizio Informazioni sul rapporto col sistema bancario: Banche dati esterne / Centrale dei rischi Le informazioni necessarie per l istruttoria Le informazioni e la documentazione che la banca chiede riguardano principalmente: Soggetto richiedente Destinazione del finanziamento Per quanto riguarda il soggetto richiedente, le informazioni richieste trovano una diversa articolazione a seconda della sua tipologia e cioè se si tratta di: Professionista o Impresa Le informazioni necessarie: le Imprese Distinguendo tra Imprese Individuali e Società devono parimenti fornire adeguata documentazione ufficiale: per le imprese in contabilità ordinaria: il bilancio ufficiale (completo di tutti gli allegati) riferito agli ultimi tre esercizi; qualora disponibile, la relazione di certificazione della società di revisione contabile; per le imprese in contabilità semplificata: la dichiarazione dei redditi riferita agli ultimi due esercizi, compresa quella del coniuge in caso si tratti di impresa individuale; in entrambi i casi: le informazioni sugli impegni verso il sistema bancario, i dati prospettici di budget, le informazioni inerenti i soci / azionisti, management ed il settore di appartenenza. Il set documentale richiesto può prevedere, a titolo di esempio*: Atto costitutivo e statuto della società Organigramma completo di Gruppo Verbale di nomina degli amministratori Estratto (eventuale) della delibera di autorizzazione all apertura del rapporto bancario

2 Copia del documento di identità e del codice fiscale e regime matrimoniale dei legali rappresentanti / soci illimitatamente responsabili / garanti e dichiarazione di titolare effettivo Estratto del certificato di iscrizione alla C.C.I.A.A. Documentazione comprovante la consistenza patrimoniale dei garanti Dichiarazione dei redditi Ultimi tre bilanci ordinari (con relativi allegati) Situazione Contabile di Periodo e Previsioni di Chiusura dell'esercizio / Bilancio provvisorio Dettaglio debiti/crediti (se non presente in nota integrativa di bilancio) Per Imprese a ciclo pluriennale, piano delle commesse in corso Lista Clienti / Fornitori Lista affidamenti Bancari (situazione aggiornata fidi/utilizzi in essere con il sistema bancario) "Operazioni a m/l termine: Bilancio Prospettico o Business Plan Eventuali* *: non esaustivo, poiché può essere richiesta ulteriore documentazione di approfondimento, ad integrazione di quella suindicata Le informazioni necessarie: altri soggetti coinvolti Analoga documentazione prevista per il cliente da affidare è richiesta per i terzi coobbligati (ad esempio: i garanti). Altra documentazione deve essere invece presentata nel caso di Gruppi Economici In questo caso, infatti, devono essere fornite le informazioni sul gruppo, sulla società controllante e sulle collegate (% di partecipazione, attività svolta, ecc.). Le informazioni necessarie: la Destinazione Deve essere poi fornita tutta la documentazione di interesse per la specifica proposta. A titolo esemplificativo e non esaustivo: compromessi di vendita / acquisto relativamente ad operazioni immobiliari; situazione economico-finanziaria prospettica e/o modello degli scenari futuri (business plan) per operazioni a medio / lungo termine, di acquisizione / investimento o di realtà di nuova costituzione. copia delle fatture preventivi di spesa ricevute di versamento di eventuali acconti contratti e commesse. I documenti da sottoscrivere Il cliente ed eventuali altri soggetti collegati/coobbligati (ad esempio: legale rappresentante, garanti, soci, ecc.) dovranno firmare la domanda di affidamento/finanziamento, oltre ad eventuali moduli specifici per l'operazione in richiesta. La domanda e l'eventuale modulistica aggiuntiva sono compilati dal richiedente con l eventuale assistenza dell operatore della Filiale, comprensivi del consenso relativo alla normativa sulla "privacy", ove necessario. Le fasi di valutazione del merito di credito: controlli preliminari La documentazione raccolta, consente alla banca di proseguire l istruttoria: è evidente che la completezza di tutti i dati, anche quelli accessori, consente di avere un quadro completo ed esaustivo degli elementi a supporto della richiesta. I passi successivi si possono ricondurre a due macro fasi: Controlli preliminari e Analisi dei dati Controlli preliminari Accertamento protesti ed altre pregiudizievoli Accertamenti anagrafici Accertamento dati costitutivi e poteri di firma Recupero Informazioni dalla Centrale dei Rischi / Banche dati Accertamenti patrimoniali (visure ipocatastali, ecc.)

3 Contenuti di eventuali precedenti delibere di concessione. Le fasi di valutazione del merito di credito: fase di analisi Analisi qualitativa In estrema sintesi valuta il profilo dell azienda (storia, tipo di attività, settore e business principale), della proprietà e del management, sulla base di informazioni che non possono essere colte dai dati numerici di bilancio. Analisi quantitativa In estrema sintesi è riferita all esame dei dati reddituali e dei principali indicatori finanziari ricavati essenzialmente dal bilancio, alla luce della loro evoluzione storica e prospettica. Analisi andamentale In estrema sintesi si basa sull osservazione del rapporto corrente del cliente al fine di analizzare le caratteristiche dello svolgimento dei rapporti nei confronti del sistema bancario e della banca. Analisi dell operazione Valutazione della destinazione del finanziamento, delle caratteristiche dell'operazione quali tipologia, importo, valuta, durata / scadenza e modalità di rimborso e della generale coerenza dell intervento previsto rispetto ai fabbisogni aziendali. Analisi delle garanzie Esame dei garanti, delle garanzie offerte e del grado di copertura delle stesse. Analisi integrata La banca, infine, elabora i risultati delle proprie verifiche ed analisi, verifica la capacità del cliente di rimborsare il capitale e di far fronte ai relativi oneri finanziari, determinando l'accoglimento della richiesta. Le medesime analisi vengono estese al Gruppo Economico di appartenenza ove presente. Le fasi di valutazione del merito di credito: esito finale Alla richiesta del "fido" da parte del cliente, sulla base degli elementi raccolti, dei controlli preliminari e delle analisi svolte, la banca può decidere nei seguenti modi: accogliere pienamente o parzialmente la richiesta; chiedere garanzie personali e/o reali* (*escluse nel caso del Microcredito con garanzia del Fondo di garanzia per le PMI); chiedere documentazione integrativa necessaria per l istruttoria; non proseguire nella fase istruttoria; non accogliere la richiesta. La vigente normativa indica che la valutazione del merito di credito è svolta dalla banca in piena autonomia ed a suo insindacabile giudizio, secondo i principi della sana e prudente gestione Attivazione della garanzia del Fondo: richiedenti I soggetti che possono ottenere la garanzia a supporto del finanziamento richiesto sono esclusivamente: - le imprese già costituite da non più di 5 anni. Non possono avere più di 5 dipendenti, ovvero 10 nel caso di Società di persone, SRL semplificate, cooperative. Ulteriori requisiti riguardano: - l'attivo patrimoniale (massimo euro) - i ricavi lordi (fino a euro) - livello di indebitamento (non superiore a euro) Per essere ammissibili al Fondo le imprese devono operare nei settori ammissibili in base alle Disposizioni operative del Fondo. Su tali soggetti, non si devono rilevare eventi pregiudizievoli, quali protesti e pignoramenti a proprio carico e, limitatamente alle società di persone, anche a carico dei soci amministratori e sulla base delle evidenze della Centrale dei Rischi, limitatamente ai rapporti con la banca, non devono presentare crediti scaduti da più di 180 giorni né siano classificati tra la clientela ad incaglio o in sofferenza. Garanzia del Fondo: fasi di richiesta PRENOTAZIONE GARANZIA I soggetti richiedenti possono prenotare "on-line" la garanzia, accedendo alla procedura telematica La procedura "on-line" emette una ricevuta, con relativo codice identificativo, che attesta la prenotazione e che il beneficiario può stampare. CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE

4 La prenotazione della garanzia non comporta automaticamente la sua concessione, nè del connesso finanziamento. La prenotazione resta valida per i 5 giorni lavorativi successivi: entro questo termine, il soggetto richiedente deve trovare una banca disponibile a valutare la concessione del finanziamento e a confermare "on-line" la prenotazione. A tal fine si deve presentare al finanziatore la ricevuta di prenotazione e l'allegato 4. La prenotazione non è un passaggio necessario per ottenere la garanzia. Le Imprese e professionisti si possono rivolgere direttamente ad una banca, anche in assenza di prenotazione, effettuando la richiesta di ammissione alla garanzia per un operazione di microcredito.

5 La valutazione del merito creditizio dei soggetti richiedenti finanziamenti di Microcredito assistiti dal Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese. Questo documento rappresenta, in modo schematico e non esaustivo, le principali fasi dell attività istruttoria e di valutazione del merito creditizio che la banca svolge per le richieste, formulate da professionisti e piccole imprese, di operazioni di "microcredito" che prevedono l assistenza della garanzia del Fondo di Garanzia per le PMI, al fine di decidere sulla loro accoglibilità. Le pagine che seguono illustreranno, sinteticamente, i principali criteri che la banca adotta per il corretto svolgimento di queste fasi, nel rispetto delle vigenti Normative (ordinaria, di Vigilanza Bancaria, e così via). Presupposti fondamentali del merito creditizio In linea generale, nella sua attività di intermediazione, tra soggetti depositanti ed affidati, la banca è chiamata a verificare costantemente la capacità di rimborso dei singoli richiedenti dei finanziamenti, al fine di garantire la regolare restituzione delle somme. Alla base del rapporto creditizio tra banca e impresa, infatti, c è la concessione del "Fido Bancario": il termine fido è riconducibile al concetto di fiducia, per cui, in sostanza, il fido concesso rappresenta il grado di fiducia che si instaura tra affidato e banca grazie alla conoscenza reciproca delle rispettive attese ed esigenze. Il fido si esprime, poi, nell'individuazione della più consona tipologia di intervento creditizio in grado, per modalità ed entità, di soddisfare l'esigenza finanziaria del cliente. Le informazioni per l analisi del fido Le fonti informative sull azienda riguardano: Informazioni sull ambiente e sul settore: Dati di settore / Dati Macroeconomici Informazioni sull azienda affidata: Informazioni dirette / Bilancio d esercizio Informazioni sul rapporto col sistema bancario: Banche dati esterne / Centrale dei rischi Le informazioni necessarie per l istruttoria Le informazioni e la documentazione che la banca chiede riguardano principalmente: Soggetto richiedente Destinazione del finanziamento Per quanto riguarda il soggetto richiedente, le informazioni richieste trovano una diversa articolazione a seconda della sua tipologia e cioè se si tratta di: Professionista o Impresa Le informazioni necessarie: i Professionisti (Professionista non iscritto al registro delle Imprese/Artigiane ma solo in possesso di partita IVA). Deve fornire adeguata documentazione ufficiale relativa alla situazione patrimoniale, finanziaria e reddituale, compresa quella del coniuge, nonché informazioni sugli impegni verso il sistema bancario. A titolo di esempio*: Documento d identità Codice fiscale Certificato di nascita Certificato di residenza Modello Unico Certificato di stato civile (certificato contestuale) Estratto atto di matrimonio Permesso di soggiorno (se non residente) Iscrizione alla CCIAA (se iscritto) Eventuali*

6 *: non esaustivo, poiché può essere richiesta ulteriore documentazione di approfondimento, ad integrazione di quella suindicata Le informazioni necessarie: altri soggetti coinvolti Analoga documentazione prevista per il cliente da affidare è richiesta per i terzi coobbligati (ad esempio: i garanti). Altra documentazione deve essere invece presentata nel caso di Gruppi Economici In questo caso, infatti, devono essere fornite le informazioni sul gruppo, sulla società controllante e sulle collegate (% di partecipazione, attività svolta, ecc.). Le informazioni necessarie: la Destinazione Deve essere poi fornita tutta la documentazione di interesse per la specifica proposta. A titolo esemplificativo e non esaustivo: compromessi di vendita / acquisto relativamente ad operazioni immobiliari; situazione economico-finanziaria prospettica e/o modello degli scenari futuri (business plan) per operazioni a medio / lungo termine, di acquisizione / investimento o di realtà di nuova costituzione. copia delle fatture preventivi di spesa ricevute di versamento di eventuali acconti contratti e commesse. I documenti da sottoscrivere Il cliente ed eventuali altri soggetti collegati/coobbligati (ad esempio: legale rappresentante, garanti, soci, ecc.) dovranno firmare la domanda di affidamento/finanziamento, oltre ad eventuali moduli specifici per l'operazione in richiesta. La domanda e l'eventuale modulistica aggiuntiva sono compilati dal richiedente con l eventuale assistenza dell operatore della Filiale, comprensivi del consenso relativo alla normativa sulla "privacy", ove necessario. Le fasi di valutazione del merito di credito: controlli preliminari La documentazione raccolta, consente alla banca di proseguire l istruttoria: è evidente che la completezza di tutti i dati, anche quelli accessori, consente di avere un quadro completo ed esaustivo degli elementi a supporto della richiesta. I passi successivi si possono ricondurre a due macro fasi: Controlli preliminari e Analisi dei dati Controlli preliminari Accertamento protesti ed altre pregiudizievoli Accertamenti anagrafici Accertamento dati costitutivi e poteri di firma Recupero Informazioni dalla Centrale dei Rischi / Banche dati Accertamenti patrimoniali (visure ipocatastali, ecc.) Contenuti di eventuali precedenti delibere di concessione. Le fasi di valutazione del merito di credito: fase di analisi Analisi qualitativa In estrema sintesi valuta il profilo dell azienda (storia, tipo di attività, settore e business principale), della proprietà e del management, sulla base di informazioni che non possono essere colte dai dati numerici di bilancio. Analisi quantitativa In estrema sintesi è riferita all esame dei dati reddituali e dei principali indicatori finanziari ricavati essenzialmente dal bilancio, alla luce della loro evoluzione storica e prospettica. Analisi andamentale In estrema sintesi si basa sull osservazione del rapporto corrente del cliente al fine di analizzare le caratteristiche dello svolgimento dei rapporti nei confronti del sistema bancario e della banca. Analisi dell operazione Valutazione della destinazione del finanziamento, delle caratteristiche dell'operazione quali tipologia, importo, valuta, durata / scadenza e modalità di rimborso e della generale coerenza dell intervento previsto rispetto ai fabbisogni aziendali. Analisi delle garanzie Esame dei garanti, delle garanzie offerte e del grado di copertura delle stesse. Analisi integrata La banca, infine, elabora i risultati delle proprie verifiche ed analisi, verifica la capacità del cliente di rimborsare il capitale e di far fronte ai relativi oneri finanziari, determinando l'accoglimento della richiesta. Le medesime analisi vengono estese al Gruppo Economico di appartenenza ove presente.

7 Le fasi di valutazione del merito di credito: esito finale Alla richiesta del "fido" da parte del cliente, sulla base degli elementi raccolti, dei controlli preliminari e delle analisi svolte, la banca può decidere nei seguenti modi: accogliere pienamente o parzialmente la richiesta; chiedere garanzie personali e/o reali* (*escluse nel caso del Microcredito con garanzia del Fondo di garanzia per le PMI); chiedere documentazione integrativa necessaria per l istruttoria; non proseguire nella fase istruttoria; non accogliere la richiesta. La vigente normativa indica che la valutazione del merito di credito è svolta dalla banca in piena autonomia ed a suo insindacabile giudizio, secondo i principi della sana e prudente gestione. Attivazione della garanzia del Fondo: richiedenti I soggetti che possono ottenere la garanzia a supporto del finanziamento richiesto sono esclusivamente: - i professionisti già titolari di partita IVA da non più di 5 anni. Non possono avere più di 5 dipendenti, ovvero 10 nel caso di Società di persone, SRL semplificate, cooperative. Ulteriori requisiti riguardano: - l'attivo patrimoniale (massimo euro) - i ricavi lordi (fino a euro) livello di indebitamento (non superiore a euro) Per essere ammissibili al Fondo i professionisti, inoltre, devono essere iscritti agli ordini professionali o aderire alle associazioni professionali iscritte nell'elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi della legge 4/2013. I Professionisti devono operare nei settori ammissibili in base alle Disposizioni operative del Fondo. Su tali soggetti, non si devono rilevare eventi pregiudizievoli, quali protesti e pignoramenti a proprio carico e, limitatamente alle società di persone, anche a carico dei soci amministratori e sulla base delle evidenze della Centrale dei Rischi, limitatamente ai rapporti con la banca, non devono presentare crediti scaduti da più di 180 giorni né siano classificati tra la clientela ad incaglio o in sofferenza. Garanzia del Fondo: fasi di richiesta PRENOTAZIONE GARANZIA I soggetti richiedenti possono prenotare "on-line" la garanzia, accedendo alla procedura telematica La procedura "on-line" emette una ricevuta, con relativo codice identificativo, che attesta la prenotazione e che il beneficiario può stampare. CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE La prenotazione della garanzia non comporta automaticamente la sua concessione, nè del connesso finanziamento. La prenotazione resta valida per i 5 giorni lavorativi successivi: entro questo termine, il soggetto richiedente deve trovare una banca disponibile a valutare la concessione del finanziamento e a confermare "on-line" la prenotazione. A tal fine si deve presentare al finanziatore la ricevuta di prenotazione e l'allegato 4. La prenotazione non è un passaggio necessario per ottenere la garanzia. Le Imprese e professionisti si possono rivolgere direttamente ad una banca, anche in assenza di prenotazione, effettuando la richiesta di ammissione alla garanzia per un operazione di microcredito.

ALLEGATO (articolo 2, comma 1)

ALLEGATO (articolo 2, comma 1) ALLEGATO (articolo 2, comma 1) CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI PREMESSA I modelli di valutazione adottati sono distinti per procedura, per settore

Dettagli

ALLEGATO (articolo 2, comma 1)

ALLEGATO (articolo 2, comma 1) ALLEGATO (articolo 2, comma 1) CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI PREMESSA I modelli di valutazione adottati sono distinti per procedura, per settore

Dettagli

Sulla base dei valori di riferimento indicati sono assegnati alle imprese i seguenti punteggi: A 100% 3 75% < A < 100% 2 0 < A 75% 1

Sulla base dei valori di riferimento indicati sono assegnati alle imprese i seguenti punteggi: A 100% 3 75% < A < 100% 2 0 < A 75% 1 A. Procedura Ordinaria - Modello di valutazione per le imprese in contabilità ordinaria operanti nei settori: industria manifatturiera, edilizia, alberghi (società alberghiere proprietarie dell immobile),

Dettagli

All'IRFIS FinSicilia S.p.A.

All'IRFIS FinSicilia S.p.A. Mod. 03.F_UNICO Numero pratica Codice cliente DOMANDA DI FINANZIAMENTO (da presentarsi in duplice copia) All'IRFIS FinSicilia S.p.A. (Riservato all'irfis) Via G. Bonanno, 47 90143 - PALERMO LA DITTA PARTITA

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana

SCATTO. il prestito partecipativo di Fidi Toscana SCATTO il prestito partecipativo di Fidi Toscana FINALITA BENEFICIARI SETTORI AMMISSIBILI PROGRAMMA D ATTIVITA Anticipare all impresa, alle migliori condizioni del mercato e sulla base di un programma

Dettagli

Richiesta concessione fido

Richiesta concessione fido Richiesta concessione fido SOLIDARFIDI Consorzio di Imprese Sociali. Società Cooperativa Sociale. Sede operativa: via Due Palazzi, 16 35136 Padova Tel. 049 8900495 Fax 049 8909148 Cod. Fisc. e P.IVA: 02636990281

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE FONDO STARTER

GUIDA ALLA COMPILAZIONE FONDO STARTER Pag. 1 di 6 GUIDA ALLA COMPILAZIONE FONDO STARTER PREMESSA La domanda può essere presentata, nel periodo di apertura dello sportello, attraverso modalità online con firma digitale. Per accedere alla piattaforma

Dettagli

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO

L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA PER LE PMI SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO Oggetto e finalità Favorire la microimprenditorialità nell'accesso alle fonti finanziarie mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012

Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Fondo di garanzia a sostegno delle imprese danneggiate dalle nevicate straordinarie del febbraio 2012 Nell ambito del Fondo per il sostegno all accesso al credito delle imprese del Lazio (art. 20 LR 9/2005)

Dettagli

Studio Canti srl Consulenza del Lavoro- Gestione del personale. Daniela Canti Ordine Consulenti del lavoro di Roma n. 1844

Studio Canti srl Consulenza del Lavoro- Gestione del personale. Daniela Canti Ordine Consulenti del lavoro di Roma n. 1844 Circolare Microcredito 2015 Siamo a fornire una serie di chiarimenti sul Bando Microcredito PMI, in attesa del click day di inizio aprile e del nuovo decreto attuativo,contenente una serie di novità, in

Dettagli

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013. DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07.

ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013. DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07. ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 13 ALLEGATO 4 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. del.07.2011 RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

Dettagli

RICHIESTA DI GARANZIA

RICHIESTA DI GARANZIA Pagina 1 di 5 BANCA : Filiale : Referente : Tel. Fax. RICHIESTA DI GARANZIA CONFIDI PORDENONE Ai sensi della Convenzione stipulata da Codesto Istituto con il CONFIDI PORDENONE, il/la sottoscritto/a COGNOME

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI PRESTITO PARTECIPATIVO Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI PRESTITO PARTECIPATIVO Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI PRESTITO PARTECIPATIVO Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI Domanda presentata a Richiedente Denominazione Sede legale Codice

Dettagli

FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 art. 2 comma 100 lett. a), LEGGE 266 /97 art. 15, D.M. 248/99, DM del 26/6/2012

FONDO DI GARANZIA A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 art. 2 comma 100 lett. a), LEGGE 266 /97 art. 15, D.M. 248/99, DM del 26/6/2012 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia - Controgaranzia sussidiaria Pagina 1 di 5 Data: Spett.le Banca del Mezzogiorno - MedioCredito Centrale Spa Area Fondi di Garanzia e Interventi per il Capitale

Dettagli

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE Massimo Generali MPS Capital Services SpA RTI per la Gestione del Fondo di

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO 2 CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore - MCC per la presentazione delle

Dettagli

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi ANNO 2015 Gli Approfondimenti della Fondazione Studi Approfondimento del 16.03.2015 IL MICROCREDITO ALLE PMI PASSA DAI CONSULENTI DEL LAVORO Il Microcredito passa dai Consulenti del Lavoro. In attesa del

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof.

Le Operazioni di Impiego: ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE. Università degli Studi di Teramo - Prof. ISTRUTTORIA DI FIDO E VALUTAZIONE DELLE GARANZIE 1 Ogni operazione di prestito concessa dalle banche a favore del soggetto che ne ha fatto richiesta prevede due FASI PRELIMINARI alla stipula del contratto

Dettagli

Circolare N. 59 del 17 Aprile 2015

Circolare N. 59 del 17 Aprile 2015 Circolare N. 59 del 17 Aprile 2015 Tutto pronto per accedere alla garanzia del microcredito Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo Economico ha recentemente

Dettagli

02.2012 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. n.32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 4 TER 1

02.2012 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. n.32 del 23/12/2000 art. 60 comma 1 punto 4 TER 1 FONDI REGIONALI DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. 23/12/2000 n. 32 art. 60 comma 1 punto 4 TER FINANZIAMENTO DIRETTO A TASSO AGEVOLATO (DA PRODURRE IN DUPLICE COPIA) Protocollo Nr. Alla Banca

Dettagli

Randazzo, 9 Novembre 2015

Randazzo, 9 Novembre 2015 Randazzo, 9 Novembre 2015 L'INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA SULLE OPERAZIONI DI MICROCREDITO divenuto operativo con circolare n. 8 del 26 maggio 2015 1 Il Fondo di Garanzia per le PMI è uno strumento

Dettagli

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA

BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI GARANZIA DELLA CCIAA DI CHIETI PER LA NUOVA MICRO IMPRENDITORIALITA Chieti, 14 Novembre 2014 La Camera di Commercio di Chieti, attraverso la creazione di un Fondo di Garanzia,

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale

Microcredito. La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Microcredito La soluzione di Intesa Sanpaolo per il microcredito imprenditoriale Gennaio 2016 Normativa relativa al Microcredito in Italia. Il Microcredito è stato oggetto negli anni di continue evoluzioni

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

TUTELA del CREDITO Assistenza a studi legali, professionisti, imprenditori finanziarie - banche

TUTELA del CREDITO Assistenza a studi legali, professionisti, imprenditori finanziarie - banche evoluzione commerciale TUTELA del CREDITO Assistenza a studi legali, professionisti, imprenditori finanziarie - banche guida ai servizi fruibili riservati all'abbonato ------------------- -informativa

Dettagli

DOMANDA DI FINANZIAMENTO

DOMANDA DI FINANZIAMENTO DOMANDA DI FINANZIAMENTO Intervento a) Microcredito Sociale Intervento b) Microcredito Sociale. Autonomia Lavoro (progetto donna) Spett.le UNICREDIT BANCA Agenzia di IL/LA Sottoscritto/a nato/a a residente

Dettagli

MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI

MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI MISURA INCENTIVI ALLE IMPRESE PER IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI L AVVISO PUBBLICO INTENDE FAVORIRE IL RICORSO A GIOVANI PROFESSIONISTI DA PARTE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE CAMPANE CHE NECESSITANO

Dettagli

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per incentivare la creazione di nuove reti di imprese ovvero lo svolgimento di nuove attività da parte

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE DEVE ESSERE PRODOTTA TUTTA IN DUPLICE COPIA

LA DOCUMENTAZIONE DEVE ESSERE PRODOTTA TUTTA IN DUPLICE COPIA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PER L ISTRUTTORIA FONDO CONSORTILE Per consentirci la valutazione di merito dell affidamento richiesto, è espressamente necessario che la domanda sia completa in ogni sua parte,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE. - ENPAPI (di seguito anche Ente) E......

SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE. - ENPAPI (di seguito anche Ente) E...... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA - ENPAPI (di seguito anche Ente) E...... (di seguito Istituto bancario) PER IL FINANZIAMENTO DELL AVVIO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO ACCESSO AL MICROCREDITO IMPRENDITORIALE

AVVISO PUBBLICO ACCESSO AL MICROCREDITO IMPRENDITORIALE AVVISO PUBBLICO ACCESSO AL MICROCREDITO IMPRENDITORIALE FINALITA La Fondazione Banca del Monte di Foggia e Banca Popolare Etica intendono promuovere un programma di microcredito rivolto agli operatori

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI

AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO E LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE NELLA PROVINCIA DI TRAPANI ARTICOLO 1 - Finalità La Camera di Commercio di Trapani, nell ambito del progetto

Dettagli

Settore Informativo. Informazioni commerciali. in Italia e all estero

Settore Informativo. Informazioni commerciali. in Italia e all estero Informazioni commerciali in Italia e all estero COME OPERIAMO La solvibilità della clientela costituisce il problema centrale per la vita di un azienda. Il blocco dei pagamenti imposto da un imprenditore

Dettagli

In corso di pubblicazione le procedure per accedere agli interventi del Fondo di Garanzia in favore del microcredito

In corso di pubblicazione le procedure per accedere agli interventi del Fondo di Garanzia in favore del microcredito Fabio Mora Dottore Commercialista Revisore Contabile partita iva 01520610443 Cod. Fisc. MROFBA66B10G920A A mezzo fax / e.mail Circolare n. 6/2015 A tutti i signori clienti loro sedi Porto San Giorgio,

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

Contratto di Sviluppo Turistico per la Provincia di Foggia SCHEDA RACCOLTA DATI. Scheda anagrafica impresa proponente

Contratto di Sviluppo Turistico per la Provincia di Foggia SCHEDA RACCOLTA DATI. Scheda anagrafica impresa proponente Scheda anagrafica impresa proponente N.B. Se la Società proponente è neo costituita le informazioni seguenti dovranno essere fornite anche dalla Società controllante e dalle eventuali altre società azioniste/socie.

Dettagli

RICHIESTA DI CONCESSIONE DI GARANZIA

RICHIESTA DI CONCESSIONE DI GARANZIA RICHIESTA DI CONCESSIONE DI GARANZIA DOMANDA FIDO N. /2014 (a cura della Segreteria) Spett.le FIDIMPRESA LAZIO scpa Filiale di e p.c. Spett.le Banca Filiale di Gestore Sig. Recapito tel. Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

ALLEGATO C2. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a

ALLEGATO C2. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a ALLEGATO C2 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA SCHEDA 1 Art. 13 comma 12 lett. a 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime contabile

Dettagli

Pianificazione finanziaria

Pianificazione finanziaria Pianificazione finanziaria La rappresentazione della dinamica finanziaria prospettica capitolo 7 La dinamica finanziaria prospettica Il capitolo 7 approfondisce il tema della proiezione della dinamica

Dettagli

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011

Versione 2.0. PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Versione 2.0 PROGETTO ESECUTIVO Giugno 2011 Qualsiasi ipotesi di crescita e di sviluppo non può prescindere dal considerare il valore del capitale umano. Ormai ogni ricerca in merito, sottolinea che la

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Alla Banca DATA TIMBRO E FIRMA BANCA PRESENTATRICE TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPR.TE DELL IMPRESA RICHIEDENTE

Alla Banca DATA TIMBRO E FIRMA BANCA PRESENTATRICE TIMBRO E FIRMA DEL LEGALE RAPPR.TE DELL IMPRESA RICHIEDENTE FONDO REGIONALE COMMERCIO Mod. n. 60.02 DOMANDA DI FINANZIAMENTO ai sensi della L.R. 23/12/2000 n. 32 art. 60 comma 1 punto 2 e succ. m. e i. AIUTI ALL INVESTIMENTO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI (DA PRODURRE

Dettagli

Allegato 8 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia Garanzia diretta a prima richiesta Pag. 1 di 6

Allegato 8 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia Garanzia diretta a prima richiesta Pag. 1 di 6 Richiesta di attivazione del Fondo di garanzia Garanzia diretta a prima richiesta Pag. 1 di 6 Data: Spett.le Banca del Mezzogiorno - MedioCredito Centrale Spa Area Fondi di Garanzia e Interventi per il

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

Allegato 2 SCHEDA DI PROPOSTA DI MUTUO

Allegato 2 SCHEDA DI PROPOSTA DI MUTUO . (nome e cognome), luogo data Spett.le CREDITO BERGAMASCO Filiale di Oggetto: richiesta di mutuo ipotecario - convenzione In conformità all accordo in essere con la Vostra Banca, riguardante la promozione

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Vers 3/2014 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione

Dettagli

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte

Collocamento delle Azioni Tercas. 21 e. domande risposte Collocamento delle Azioni Tercas 21 e domande risposte Prima dell adesione leggere attentamente il prospetto informativo Il 21.08.2006 ha inizio il collocamento del 15% delle Azioni Tercas. 21 e domande

Dettagli

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance. La Centrale dei Rischi Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.eu Obiettivi della Centrale dei Rischi La Centrale dei Rischi

Dettagli

RICHIESTA DI CREDITO GARANTITO

RICHIESTA DI CREDITO GARANTITO Pag. 1 di 5 Riservato a fidimpresa Data arrivo... Numero Pratica... Consulente finanziario... Tel/mail... Spett.le FIDIMPRESA ABRUZZO Via Cetteo Ciglia, 8 65100 Pescara Spett.le FIDIMPRESA ABRUZZO Comitato

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari) L.R. 01 Settembre 1999, n. 19 Istituzione del prestito d'onore (1) Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina la concessione di finanziamenti a favore di soggetti inoccupati e disoccupati per la

Dettagli

4, 1 13 2015, 273 COMMERCIO ELETTRONICO

4, 1 13 2015, 273 COMMERCIO ELETTRONICO Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per la realizzazione e l ampliamento di infrastrutture informatiche di cui all articolo 4, comma 1

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia per le PMI Il Fondo di Garanzia per le PMI Sezione Speciale Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità L assistenza alla Sezione Speciale per le Imprese Femminili Silvia Lorenzini

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente

b) finanziamento condizionato ad aumento di capitale sociale di importo almeno equivalente DOMANDA DI AMMISSIONE ALL INTERVENTO DI GARANZIA PER IL RISCHIO DI INSOLVENZA SU FINANZIAMENTI Regione Umbria POR FESR 2007-2013 Attività C2 Servizi finanziari alle PMI Domanda presentata a Istituto Finanziatore

Dettagli

CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2012-2013

CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2012-2013 Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali CORSO DI TECNICA BANCARIA A.A. 2012-2013 Dott. Rundeddu Vincenzo Le operazioni di Impiego 2 Bibliografia della corrente

Dettagli

MinisterodelloSviluppoEconomico

MinisterodelloSviluppoEconomico MinisterodelloSviluppoEconomico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 24 settembre 2014, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna

Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Organizzazione e aspetti organizzativi nella loro complessità gestionale esterna ed interna Renato Cavallari Consigliere di Amministrazione 21 novembre 2012 LUISS Business School - Roma Agenda Profilo

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NU MERO 5 Le Circolari della Fondazione Studi n.5 del 06.03.2015 Microcredito: istruzioni per l uso Partito il bando del Mise, che mette a disposizione circa 40 milioni di euro per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 Pagina COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA

FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA FOGLIO INFORMATIVO GARANZIA A PRIMA RICHIESTA INFORMAZIONI SU ARTIGIANCREDITO TOSCANO Artigiancredito Toscano Consorzio Fidi della Piccola e Media Impresa società cooperativa (in breve ACT) Sede legale

Dettagli

Stazione Appaltante Enti Finanziatori presenta Workshop Itineranti Si terranno nr. 5 eventi divulgativi, rivolti sia alle imprese Start Up potenzialmente interessate che a tutti gli attori economici del

Dettagli

REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO. 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione:

REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO. 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione: Allegato A) REQUISITI SOGGETTIVI DI AMMISSIBILITA AL PRESTITO 1.Possono essere ammessi ai finanziamenti concessi dalla Banca ai sensi della Convenzione: Persone fisiche e famiglie che versino in situazione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione di una garanzia

Dettagli

COMMISSIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CIV) PROCEDURA INTERNA

COMMISSIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CIV) PROCEDURA INTERNA COMMISSIONE DI ISTRUTTORIA VELOCE (CIV) PROCEDURA INTERNA Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 29 ottobre 2015 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1. Scopo del documento... 3 1.2.

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER L ANTICIPAZIONE DEI CONTRIBUTI PAC. tra

SCHEMA DI ACCORDO PER L ANTICIPAZIONE DEI CONTRIBUTI PAC. tra ALLEGATO SCHEMA DI ACCORDO PER L ANTICIPAZIONE DEI CONTRIBUTI PAC tra l Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura - AGEA, con sede in Roma, via Palestro 81, codice fiscale P.I.: 06234661004 - Codice fiscale:

Dettagli

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti Circolare n. 36 del 29 maggio 2012 Oggetto: Finanziamenti ai Dipendenti Serie: PERSONALE Argomento: CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE UNIONE EUROPEA COMUNE DI CIRO MARINA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO BILANCIO E PROGRAMMAZIONE FONDO DI GARANZIA ROYALTIES COMUNE DI CIRO MARINA LINEE GUIDA OPERATIVE Entità e finalità del Fondo Il Fondo

Dettagli

Regolamento del Fondo per la prevenzione del fenomeno dell'usura

Regolamento del Fondo per la prevenzione del fenomeno dell'usura Regolamento del Fondo per la prevenzione del fenomeno dell'usura Premesso: che la Coopcredito Cooperativa di Garanzia di Credito dei Commercianti della Regione Abruzzo, aderente alla Confesercenti Regionale

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

DELLA REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. Disposizioni per il rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese.

DELLA REPUBBLICA ITALIANA MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. Disposizioni per il rafforzamento del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 56 del 8 marzo 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

BANDO BREVETTI+2 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

BANDO BREVETTI+2 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO BANDO BREVETTI+2 BENEFICIARI Micro, piccole e medie imprese aventi sede legale ed operativa in Italia, che si trovano in una delle seguenti condizioni: 1) siano titolari

Dettagli

Ad uso esclusivo dei Dealer autorizzati

Ad uso esclusivo dei Dealer autorizzati Ed. Giugno 2012 Credito Findomestic per le Imprese: Ad uso esclusivo dei Dealer autorizzati A chi è rivolto? Ditte Individuali e liberi professionisti Società di persone ed equiparate (SNC, SAS ) Società

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015

Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Circolare N. 90 del 17 Giugno 2015 Giovani agricoltori: per l avvio delle attività contributi fino a 70.000 euro per l acquisto dei terreni Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che recentemente

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI PRESTITO PER ACQUISIZIONE ALLOGGIO Disciplina straordinaria

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI PRESTITO PER ACQUISIZIONE ALLOGGIO Disciplina straordinaria ARCA REGIONALE ABRUZZO DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI PRESTITO PER ACQUISIZIONE ALLOGGIO Disciplina straordinaria Il sottoscritto (cognome e nome del lavoratore) C.F. residente* a Prov. CAP in Via/Piazza

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI ALLEGATO 1 - DOMANDA (I dati riportati nella domanda devono corrispondere a quelli inseriti nel form on line per l assegnazione del numero di protocollo) PROT. N.. DEL.. (Inserire numero e data del protocollo

Dettagli

Pagina 1. Circolare n. 3/2010

Pagina 1. Circolare n. 3/2010 Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST DELIBERA

Dettagli

PROPOSTA DI FORNITURA DI SERVIZI IMMOBILIARI E CAMERALI

PROPOSTA DI FORNITURA DI SERVIZI IMMOBILIARI E CAMERALI PROPOSTA DI FORNITURA DI SERVIZI IMMOBILIARI E CAMERALI VI.VA. Visure e Valutazioni S.r.l., (d ora in poi anche VIVA) con sede legale in Milano Via del Vecchio Politecnico, 9, c.f./p.iva n. 05907160963,

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al Fondo aziendale

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

DOCUMENTO sulle Anticipazioni

DOCUMENTO sulle Anticipazioni DOCUMENTO sulle Anticipazioni Aggiornato al 9/12/2015 Requisiti generali Albo dei fondi pensione n. 61 Secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo del 05 Dicembre 2005, n 252, art. 11, comma 7: Gli

Dettagli

GUIDA TECNICA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Aggiornamento del 22/10/2014

GUIDA TECNICA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Aggiornamento del 22/10/2014 Pag. 1 di 8 GUIDA TECNICA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Aggiornamento del 22/10/2014 PREMESSA La domanda può essere presentata, nel periodo di apertura dello sportello, attraverso modalità online con

Dettagli