CRITERI REDAZIONALI PER LA PUBBLICAZIONE DI WORKING PAPERS NELLA COLLANA ENTER WORKING PAPERS SERIES

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRITERI REDAZIONALI PER LA PUBBLICAZIONE DI WORKING PAPERS NELLA COLLANA ENTER WORKING PAPERS SERIES"

Transcript

1 CRITERI REDAZIONALI PER LA PUBBLICAZIONE DI WORKING PAPERS NELLA COLLANA ENTER WORKING PAPERS SERIES Ottobre 2010 Versione 1.1 Via Roentgen Milano Telefono: Telefax :

2 1. Finalità EntER EntER si propone, con l avvio della nuova collana EntER Working Papers Series di: a) incentivare la pubblicazione e la diffusione dei risultati di ricerche afferenti ai temi di interesse caratteristici di EntER; b) fornire un primo passo finalizzato alla pubblicazione di tali lavori su riviste o editori di elevata rilevanza nazionale e internazionale; c) qualificarsi ulteriormente quale centro di aggregazione e sviluppo di conoscenze sul tema dell entrepreneurship e del family business. Università Commerci Lu 2. Presentazione e valutazione delle proposte di working paper I lavori già completati possono essere sottoposti inviandoli per secondo le indicazioni contenute nelle presenti Norme Redazionali e usando il modello presente sul sito all indirizzo: Le proposte di pubblicazione saranno sottoposte per approvazione al vaglio del Comitato Scientifico di EntER che ne autorizzerà la pubblicazione. 3. Criteri per la presentazione I paper non dovranno avere una lunghezza minima o massima ma ci si attende una dimensione compresa tra le 20 e le 40 pagine da 2000 battute, comprensive di bibliografia, note, grafici e illustrazioni. I paper possono essere scritti in italiano o inglese. Ogni lavoro deve essere corredato dai seguenti elementi: titolo riferimenti degli autori (mail, indirizzo, università/istituzione/area di afferenza); abstract (tendenzialmente non superiore a 1500 caratteri, 200 parole circa); parole o frasi chiave (almeno 3 ma non più di 7); JEL Codes (Journal of Economic Literature codes: per chiarimenti sul loro utilizzo e una lista aggiornata, cfr. 4. Finanziamenti I Working Papers EntER non sono remunerati. Tuttavia, ove l autore presenti la documentazione opportuna della sottomissione a un importante rivista internazionale, il Centro potrà concedere un finanziamento forfettario di dimensione diversa a seconda del tipo di rivista internazionale di destinazione. 5. Diffusione I Working Papers EntER accettati per la pubblicazione sono: a) resi disponibili e scaricabili dal sito del Centro b) se in inglese, inseriti nel Social Science Research Network (SSRN) e resi scaricabili anche da tale sito. 2

3 6. Software EntER Per agevolare il lavoro redazionale, il format di sottomissione dei working paper è in Microsoft Word, RTF o un altro formato aperto riconosciuto da Microsoft Word. I working paper verranno pubblicati in formato PDF. 7. Template per la sottomissione del paper Sul sito di EntER, all indirizzo è disponibile da scaricare un template in formato Microsoft Word per i working paper da sottoporre a EntER. 8. Informazioni generali sul formato ed editoriali Il formato del documento dovrà essere: Dimensione della pagina: A4 Margini: uguali su tutti i lati e pari a 2,5 cm Numero di pagina: in basso, centrato nella pagina Carattere per il testo: Times New Roman corpo 11 Al di fuori di quanto sopra specificato, per la lingua italiana, valgono le direttive generali per la pubblicazione della casa editrice Egea di seguito richiamate: Non inserire sotto-sottoparagrafi per evitare un eccessiva frammentazione del testo. L attribuzione del paragrafo va indicata sotto il titolo dello stesso, in corsivo, senza parentesi. La numerazione dei paragrafi, dei sottoparagrafi, delle tabelle, delle figure e delle note è progressiva. Per dare risalto a una o più parole utilizzare il corsivo o le virgolette: mai l uno e le altre insieme. Utilizzare il corsivo e il neretto all interno del testo solo dove strettamente necessario. Da evitare assolutamente l inserimento in testa pagina di rigo spezzato. Da evitare l inserimento del punto in fine frase quando la parola che la conclude già lo prevede Esempio: ecc. Mai doppio punto: ecc.. Il primo capoverso di ciascun paragrafo e il primo capoverso dopo una citazione sono sempre a filo gabbia, cioè non rientrati. Negli elenchi di più voci utilizzare il pallino per evidenziarle singolarmente; quando una voce ha della sottovoci evidenziarle con i trattini. Alternativamente le voci tematiche possono essere identificate con numeri, soprattutto ove vi siano rimandi interni al testo. In genere si consiglia di non abbreviare le parole e di scriverle per esteso, tranne le possibili eccezioni come indicato in Abbreviazioni. Abbreviazioni articolo/i = art./artt. articolo citato = art. cit. autori vari = AA. VV. capitolo/capitoli = cap./capp. citato/i = cit./citt. Codice civile = c.c. Codice penale = c.p. come sopra = c.s. confronta = cfr. Decreto legge = D.L. Decreto legislativo = D.lgs. Decreto ministeriale = D.M. Decreto del presidente della repubblica = D.P.R. eccetera = ecc. (mai preceduto da virgola) edizione/i = ed./edd. edizione italiana = ed. it. fascicolo/i = fasc./fascc. Figura = Fig. fuori testo = f.t. ibidem = ibid. ivi = ivi (in tondo) legge = L. luogo citato = loc. cit. manoscritto/i = ms./mss. 3

4 nota dell autore = [N.d.A.] nota del curatore = [N.d.Cur.] nota del redattore = [N.d.R..] nota del traduttore = [N.d.T.] numero/i = n./nn. opera citata = op. cit. pagina/e = p./pp. seguente/i = s./ss. senza indicazione di data = s.d. senza indicazione di editore = s.e. senza indicazione di luogo = s.l. serie = s. sic = sic sezione/i = sez./sezz. Tabella = Tab. traduzione italiana = trad. it. vedi = v. Accenti Le vocali a, i, o, u nelle parole tronche hanno sempre accento grave. L accento della vocale e è sempre acuto, tranne che per: è, cioè, caffè, tè, ahimè, piè, diè, Mosè e per le parole derivate dal francese (per esempio lacchè). Il pronome personale sé ha l accento acuto, ma non quando seguito da stesso e medesimo. Evitare gli accenti tonici. La maiuscola È va sempre accentata (e non E ). Le maiuscole in lingua francese non richiedono accento. Nella lingua spagnola gli accenti sono solo acuti. Apostrofo L elisione della vocale finale in forme imperative richiede l apostrofo: fa, sta ecc. In date doppie (per esempio ) non usare l apostrofo prima delle cifre che seguono il trattino. Evitare due apostrofi di seguito: dell 82 (non dell 82). È in ogni caso preferibile svolgere la data per intero. Citazione bibliografia Volumi Le indicazioni comprese nella bibliografia finale devono riportare: COGNOME dell autore Iniziale del nome, Titolo dell opera (in corsivo), Luogo, Editore, data di edizione, eventuale numero di volumi. Esempi: LOTHIAN N., Misurare la performance aziendale, Milano, Egea, BURCH J.G., Cost and Management Accounting, New York, West Publishing, 1994 (trad. it. Contabilità direzionale e controllo di gestione, Milano, Egea, 1997). VALDANI E., ANCARANI F. (a cura di), Strategie di marketing del territorio, Milano, Egea, CUGINI A., Il miglioramento della redditività aziendale e della soddisfazione del cliente, in ARCARI A. (a cura di), I processi di crescita delle PMI, Milano, Egea, Quando uno stesso autore è citato più di una volta si seguirà l ordine cronologico delle opere a partire da quella meno recente. Le particelle «de», «von», «van» non vanno posposte al nome dell autore ma non ne determinano la posizione nell ordine alfabetico. Fanno eccezione i casi in cui tali particelle siano considerate parti integranti del cognome (per esempio: Van Dyck). Nella voce bibliografica relativa a titoli di editori americani, omettere la citazione dello stato, lasciando il riferimento alla città e al nome dell editore. Articoli Esempi: MARKOFF J., «Long Before Microsoft s Internet War: A Peaceful Ethernet», New York Times, 18 May BALDWIN R., KRUGMAN P., «Persistent Effects of Larger Exchange Rate Shocks», Quarterly Journal of Economics, 104(1), pp Nel testo È possibile utilizzare il sistema autore-data: per esempio: (Zanetti 2000), cui corrisponderà in bibliografia: ZANETTI L. (2000), La valutazione delle acquisizioni, Milano, Egea. Nelle note Le indicazioni bibliografiche devono essere sempre complete di: Iniziale del nome, Cognome dell autore, Titolo dell opera (in corsivo), Luogo di edizione, Editore, data, eventuale numero di volumi. Citazioni di testo Fuori testo in corpo minore rientrato, senza virgolette; all interno del testo tra virgolette di apertura e virgolette di chiusura. È preferibile citare all interno del testo brani di una o poche righe, fuori testo 4

5 brani di almeno un capoverso. Corsivo Sono sempre in corsivo: titoli di libri italiani o stranieri (al contrario nomi di giornali e di riviste sono in tondo tra virgolette); espressioni o termini stranieri non entrati nell uso comune; titoli di opere d arte, di film ecc.; nomi propri di aeroplani, navi, divisioni militari. È in ogni caso da evitare l uso del corsivo per termini quali: budget, business, know-how leadership, management, manager, partner, partnership, performance, staff, standard, turnover, ecc., che non vanno declinati. Limitare l uso del corsivo enfatico. I termini latini ad hoc, ex post, cœteris paribus, mutatis mutandis, una tantum ecc. Date È preferibile riportarle per esteso; le date doppie si possono abbreviare (per esempio: ). Si scriverà il XX secolo, e non il ventesimo secolo; il Settecento, l Ottocento (sempre maiuscoli), e non il 700, l 800. Per date di importanza storica è ammessa la forma abbreviata con apostrofo: per esempio il 48, il 68. Le date complete di giorno, mese, anno si scrivono: il 10 giugno 1966; il 1 maggio Va privilegiata la forma: anni Venti, anni Settanta ecc., e non: anni 20, anni venti ecc. «D eufonica» Si consiglia l utilizzo della cosiddetta «d eufonica» prima di un termine che inizia con analoga vocale. Esempi: ed essere, ad andare; a essere, e andare. La «d eufonica» va usata: per evitare l incontro di due vocali uguali; per evitare l incontro di più di tre vocali. In tutti gli altri casi va eliminata. Evitare sempre l uso di «od». Nei casi in cui ci sia incontro di due vocali uguali, ma la seconda sia seguita da una dentale (t o d), è possibile omettere la consonante eufonica (per esempio: e Edimburgo). Sono previste eccezioni, quali, per esempio: ad ogni modo. Figure e tabelle I titoli di Figure e Tabelle vanno numerati indicando il numero progressivo di posizione, in grassetto. Esempio: Figura 2 Relazioni tra funzioni e ambiente Il testo compreso in Figure e Tabelle è nello stesso carattere del testo, in corpo minore. La fonte (per esempio: Fonte: OCSE, Employment Outlook) va al piede, in corpo minore, con punto finale. Figure e Tabelle devono comparire sempre dopo essere state richiamate nel testo. Il rimando secco va tra parentesi tonde, in forma abbreviata e con iniziale Maiuscola (Fig. 2.1; Tab. 4.3). Qualora il rimando sia sciolto discorsivamente nel testo le parole Figura e Tabella vanno espresse per esteso con iniziale Maiuscola (per esempio: come si è evidenziato alla Tabella 3). Maiuscolo Si usa l iniziale maiuscola per: nomi, cognomi, soprannomi, pseudonimi, dinastie; gli stati, le denominazioni ufficiali di organismi internazionali, le istituzioni nazionali e internazionali, le imprese (Repubblica Popolare Cinese, Organizzazione delle Nazioni Unite, Corte Costituzionale, Ford); 5

6 i casi in cui la specificazione geografica (aggettivo o sostantivo) faccia parte del nome o segnali una collocazione geografica (Sud-est Asiatico, America Latina, il Mezzogiorno ); i termini di orientamento (il Medio Oriente, l Occidente ); le epoche storiche e i periodi che hanno valore antonomastico (il Medioevo, la Resistenza, l Illuminismo ); la designazione di un secolo o di un decennio (il Novecento, gli anni Settanta ); nomi geografici. Nei nomi geografici composti l iniziale del nome comune è minuscola, del nome proprio maiuscola: il mar Mediterraneo ecc.; leggi fondamentali e organi dello stato: la Costituzione, il Parlamento, il Congresso, lo Statuto dei Lavoratori ecc. È preferibile limitare l uso del maiuscolo a: funzioni, cariche e istituzioni: ministero delle Finanze (in maiuscolo solo il nome proprio dell istituzione), e ministro delle Finanze ecc.; Stato, Chiesa, Regione quando intesi come istituzioni. Vanno in minuscolo quando intesi in modo generico o al plurale. Minuscolo Si usa l iniziale minuscola per: nazione, paese, stato (nel caso in cui si intenda l istituzione, va maiuscolo); i nomi di popoli (italiani, americani ); al contrario i popoli «storici» (Romani, Greci ) hanno la maiuscola; le denominazioni generiche dei movimenti politici, culturali e delle correnti di pensiero (il marxismo, il surrealismo, il liberismo ), così come quelli derivati dall attualità corrente (il reaganismo, il craxismo); le denominazioni convenzionali e d uso corrente di istituti, cariche e dignità (le regioni, la polizia, il presidente della repubblica, l amministratore delegato ); gli organismi direttivi di partiti, organizzazioni, imprese (comitato centrale, consiglio di amministrazione); nomi di palazzi, teatri, vie, piazze: palazzo Madama, Bolscioi, piazza Tien An Men; accordi, paci, guerre, trattati: grande depressione, guerra fredda, piano Marshall, prima guerra mondiale, pace di Parigi, trattato di Maastricht; indicazioni geografiche: nord, sud, oriente e occidente; nomi di organismi al plurale (per esempio camere di commercio). Evitare le maiuscole di rispetto: governo, ministro, paese, stato, gruppo, direttore generale. Nomi stranieri I termini in lingua straniera sono da impiegare con parsimonia, limitatamente a concetti non esprimibili in italiano o a quelli di chiara derivazione gergale. Vanno in corsivo, tranne quelli oramai acquisiti nella lingua italiana o quelli di uso corrente, che restano in tondo. I nomi stranieri di enti, organizzazioni ecc. non vanno tradotti e vanno in tondo senza virgolette. I nomi comuni stranieri richiedono il corsivo quando non siano entrati nell uso corrente. In questi casi vanno anche declinati. Note Il rimando di nota all interno del testo si indica con un numero a esponente, in corpo minore da collocarsi sempre prima della punteggiatura. Il testo delle note compare a piè pagina. La citazione di un opera in nota deve essere completa per il primo rimando; per i successivi si procederà come segue: 6

7 R. Dornbusch, op. cit., p. 96. R. Dornbusch, Le chiavi della prosperità, cit., p. 73, nel caso in cui nel testo siano citate più opere dello stesso autore. Ivi, p. 25, quando il rimando è all opera citata in nota precedente ma a diverso numero di pagina. Ibid., quando il rimando è all opera e alla pagina (o pagine) citate in nota precedente. Numeri I numeri si scrivono in cifre quando si tratta di indirizzi, numeri telefonici, date, orari, grandezze (65 cm), dati percentuali (per esempio: il 50 per cento). I numeri dal diecimila in avanti si scrivono con un punto davanti a ogni raggruppamento di tre cifre: 1000; ; I numeri romani vanno scritti senza circoletto a esponente: XX secolo. Parentesi La parentesi di apertura non è mai preceduta da virgola; quella di chiusura può essere seguita da qualsiasi segno di punteggiatura richiesto. Il punto fermo è all interno della parentesi se questa contiene una frase autonoma rispetto al testo, andrà all esterno quando conclude un periodo cominciato prima della parentesi. Le parentesi quadre [...] indicano, in citazioni d autore, omissis o lacune e parti ricostruite per congettura. Puntini di sospensione Sempre e solo tre, staccati dalla parola che segue e uniti a quella che li precede. Dopo i puntini di sospensione si prosegue con la lettera minuscola a meno che non cominci un nuovo periodo. Sigle Sono sempre in lettere maiuscole senza punti. La prima volta che compaiono nel testo vanno scritte per esteso e la sigla con iniziali maiuscole tra parentesi tonde. Esempi: Economic Value Added (EVA), Organismi Geneticamente Modificati (OGM), Banca Centrale Europe (BCE) ecc. Trattini Vice, capo, neo, filo, anti ecc. fanno corpo unico con la parola che segue. I nomi composti vanno scritti uniti, senza trattino: vicepresidente; filogovernativo; antiamericano. Fanno eccezione i punti cardinali: nord-est; sud-ovest. Qualora si giudichi opportuno evidenziare un inciso nel testo occorre utilizzare tratti medi spaziati. Unità di misura Le unità di misura vanno indicate con il simbolo relativo quando compaiono in cifre (47 kg; 90 cm ecc.). I simboli di unità di misura non vanno mai puntati e seguono la cifra. Vale l inverso per le unità monetarie. Esempio: $50, 5000 ecc. Virgolette Utilizzare le virgolette cosiddette a caporale. Esempio: All interno delle virgolette utilizzare quelle doppie alte. Esempio: Il punto fermo va dentro le virgolette se il discorso non è introdotto da nulla, va fuori dalle virgolette se preceduto da altro testo. Esempi: Disse: «Verrò domani». «Verrò» disse «domani.» «Credo abbia ragione.» Il punto di domanda, il punto esclamativo e i tre puntini al termine di una frase fra virgolette non sono sufficienti per chiudere il periodo se questo è stato aperto prima delle virgolette, mentre lo sono se la frase fra virgolette è autonoma 7

8 rispetto al testo che la precede. Esempi: «Verrà domani?» Disse: «Verrò certamente domani!». Nelle seguenti espressioni è da preferire la seconda forma: % = per cento (all interno del testo. In Tabelle e Figure utilizzare il simbolo %). ad esempio = per esempio col = con il colla = con la cosa = che cosa famigliare = familiare sia che = sia sia 8

Norme per la redazione del testo

Norme per la redazione del testo Norme per la redazione del testo Norme ortografiche e per la redazione dei segni di interpunzione Puntini di sospensione Sono sempre solo tre e si inseriscono con l apposito carattere unico. Come ogni

Dettagli

Norme per gli autori e i collaboratori

Norme per gli autori e i collaboratori Norme per gli autori e i collaboratori Gli articoli vanno consegnati su file, e non devono superare le 20 cartelle (circa 3000 battute ciascuna, spazi inclusi). Le recensioni non devono superare le due

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali TESI Laurea Triennale - Norme redazionali Formattazione 1. I testi devono essere redatti utilizzando il font Times New Roman 2. Il corpo del carattere deve essere di 12 o 13 punti (le note vanno in corpo

Dettagli

CINERGIE ONLINE Norme redazionali

CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE MEDIA I testi devono essere compresi tra 5000 e 7000 battute e NON devono contenere note. Per tutto il resto si rimanda alle norme di CINERGIE SEMESTRALE CINERGIE

Dettagli

FORMATO PROVA FINALE

FORMATO PROVA FINALE FORMATO PROVA FINALE Il Consiglio di Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione ha deliberato di adottare un nuovo format per le tesi cui occorre dunque attenersi. Quelle qui riportate sono le regole

Dettagli

INDICAZIONI EDITORIALI PER L UNIFORMAZIONE DEI TESTI PUBBLICATI DALLA FONDAZIONE ARIODANTE FABRETTI

INDICAZIONI EDITORIALI PER L UNIFORMAZIONE DEI TESTI PUBBLICATI DALLA FONDAZIONE ARIODANTE FABRETTI INDICAZIONI EDITORIALI PER L UNIFORMAZIONE DEI TESTI PUBBLICATI DALLA FONDAZIONE ARIODANTE FABRETTI Fondazione Ariodante Fabretti ONLUS Corso Turati, 11/C 10128 Torino Tel.011 581 23 14 www.fondazionefabretti.it

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

Prova finale / Regole tipografiche

Prova finale / Regole tipografiche Prova finale / Regole tipografiche Copertina: scaricare dal sito http://www.unibg.it/provafinale il file della Facoltà di riferimento ed inserire i dati personali. Di seguito si forniscono indicazioni

Dettagli

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte.

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Tutte le altre informazioni, non contenute in questo documento, potete trovarle nel sito http://www.ababo.it/aba/tesi/ Caratteristiche

Dettagli

- controllare che le virgolette doppie non siano dritte (" ") ma tonde doppie o all inglese ( )

- controllare che le virgolette doppie non siano dritte ( ) ma tonde doppie o all inglese ( ) Norme Redazionali I contributi devono essere presentati in file Word, carattere Garamond corpo 12 (note corpo 10), interlinea 1,5, giustificato, senza tabulazioni o rientri. Il titolo deve essere in grassetto,

Dettagli

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2007-2008 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale L elaborato deve contenere nell ordine le seguenti parti: 1. copertina 2. frontespizio 3. indice 4.

Dettagli

mimesis edizioni norme editoriali

mimesis edizioni norme editoriali mimesis edizioni norme editoriali Norme editoriali Pagina 1 di 6 UTILIZZO DI WORD Usare l inserimento automatico delle note a piè di pagina e NON ricominciare la numerazione da 1 per un nuovo capitolo,

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

0 libro 0 interno 0 testo libro 0 immagini 0 titoli e didascalie img 0 file foto e figure 0 tabelle 0 titoli e didascalie tab 0 file tabelle

0 libro 0 interno 0 testo libro 0 immagini 0 titoli e didascalie img 0 file foto e figure 0 tabelle 0 titoli e didascalie tab 0 file tabelle NORME DI REDAZIONE EDIZIONI POLIPRESS 1. FORMATO DEL MATERIALE Tutto il materiale necessario per l edizione di un testo Polipress deve essere consegnato in formato digitale. 1 Il contenuto dovrà essere

Dettagli

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO Chiediamo a ciascun Autore di fornire i propri testi in file Word. Formato: mandare i testi in Word (o.doc o.docx), e.rtf.

Dettagli

Edizioni Epoké NORME REDAZIONALI

Edizioni Epoké NORME REDAZIONALI Edizioni Epoké NORME REDAZIONALI Norme generali Per dare risalto a una o più parole, usare in alternativa o il corsivo o le virgolette: mai l uno e le altre insieme. Utilizzare il corsivo all interno del

Dettagli

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA Facoltà di Missiologia ELEMENTI DI METODOLOGIA SCIENTIFICA ALCUNI SUGGERIMENTI 1. CITAZIONE IN NOTA, A PIÈ PAGINA: 1.1. Per un libro: Nome (si consiglia che sia per esteso,

Dettagli

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Norme redazionali Rubbettino editore «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Corsivi va usato esclusivamente per i titoli dei libri

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

Unifepress - Norme redazionali

Unifepress - Norme redazionali Ai collaboratori si richiede di osservare le seguenti norme: Invio dei contributi. I contributi devono essere inviati esclusivamente in formato elettronico al Comitato di Redazione di Unifepress (unifepress@unife.it),

Dettagli

Linee Guida Editoriali AIRInforma

Linee Guida Editoriali AIRInforma Linee Guida Editoriali AIRInforma Ogni articolo deve seguire le norme qui riportate. E molto importante che ogni autore controlli che il proprio articolo si adegui alle seguenti norme, prima di sottometterlo

Dettagli

Norme redazionali Liguori

Norme redazionali Liguori Norme redazionali Liguori 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure

Dettagli

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2006-2007 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

Centro Studi ed Esperienze Scout Baden-Powell Norme redazionali di Esperienze e Progetti NORME REDAZIONALI

Centro Studi ed Esperienze Scout Baden-Powell Norme redazionali di Esperienze e Progetti NORME REDAZIONALI NORME REDAZIONALI Per agevolare la lavorazione degli articoli da pubblicare su Esperienze e Progetti proponiamo ai collaboratori queste norme redazionali. Le ragioni sono molte, la più ovvia è la necessità

Dettagli

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali PER GLI AUTORI Norme Redazionali Lunghezza Gli articoli, comprensivi di note e di riferimenti bibliografici, non devono superare le 7.000 parole. Le recensioni dei libri non devono superare le 1.500 parole.

Dettagli

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI CAROCCI EDITORE S.P.A. Via Sardegna N 50-00187 Roma Indirizzo Internet: http://www.carocci.it - E-mail: red@carocci.it Sede Redazione: via Santa Teresa, 23-00198 Roma

Dettagli

Guida allo Stile per traduzioni. (italiano)

Guida allo Stile per traduzioni. (italiano) Guida allo Stile per traduzioni (italiano) 1 1. INTRODUZIONE 2. PUNTEGGIATURA Punto Virgolette Virgola Punto e Virgola Due Punti Accento 3. ORTOGRAFIA Parole Straniere 4. GRAMMATICA Uso del Corsivo invece

Dettagli

Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice

Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice Corso Intensivo di Formazione per Redattore di Casa Editrice Bando del corso 2016 I. IL CORSO IN BREVE L obiettivo del corso è quello di formare delle figure che siano in grado di operare nel difficile

Dettagli

bocconi legal papers

bocconi legal papers bocconi legal papers http://www.bocconilegalpapers.it LINEE GUIDA PER CITAZIONI BIBLIOGRAFICHE NOTE Il rimando di nota all interno del testo si indica con un numero a esponente, in corpo minore, da collocarsi

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Norme redazionali. Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali:

Norme redazionali. Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: Norme redazionali Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: 1) Gli articoli inediti e non sottoposti alla valutazione di altre riviste, devono essere

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

NORME GRAFICHE E REDAZIONALI per i collaboratori e i revisori

NORME GRAFICHE E REDAZIONALI per i collaboratori e i revisori Poli-femo NORME GRAFICHE E REDAZIONALI per i collaboratori e i revisori 1. Indicazioni generali I collaboratori sono tenuti a fornire i contributi in formato digitale ( per posta elettronica, al seguente

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI AUTORI

LINEE GUIDA PER GLI AUTORI LINEE GUIDA PER GLI AUTORI NORME REDAZIONALI Gli articoli proposti per la pubblicazione vanno inviati in formato elettronico.rtf (Microsoft Word) via e-mail e indirizzati a: italicawratislaviensia@gmail.com

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA BREVE PRONTUARIO PER LE TESI DI LAUREA 1. INDICAZIONI PRELIMINARI a) I laureandi sono tenuti a richiedere la tesi almeno

Dettagli

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Indice 1. Come inviare i testi 2. Immagini 3. Divisione capitoli e paragrafi, titoli 4. Citazioni

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II VADEMECUM DEL TESISTA PREMESSA Questo scritto costituisce un supporto alla stesura dell elaborato finale. Per questo motivo, ciascun candidato è tenuto a prenderne visione prima di procedere alla redazione

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea (Sabato 20 ottobre 2012) ESERCITAZIONI PER LE CITAZIONI Preliminarmente, merita sottolineare che esistono diversi metodi di citazione

Dettagli

FOCUS SU UTILIZZO, RISCHIO-BENEFICIO E COSTO-EFFICACIA DEI FARMACI E SULLE POLITICHE SANITARIE

FOCUS SU UTILIZZO, RISCHIO-BENEFICIO E COSTO-EFFICACIA DEI FARMACI E SULLE POLITICHE SANITARIE FOCUS SU UTILIZZO, RISCHIO-BENEFICIO E COSTO-EFFICACIA DEI FARMACI E SULLE POLITICHE SANITARIE SCOPI Il Giornale Italiano di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione (GIFF) è un periodico di aggiornamento

Dettagli

ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO

ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO La cosiddetta tesina dell Esame di Stato è in realtà un argomento scelto liberamente dal candidato, con il quale ha inizio il colloquio dell

Dettagli

Norme redazionali AItLA foglio di stile per gli autori

Norme redazionali AItLA foglio di stile per gli autori foglio di stile per gli autori 1. Generalia Si prega di seguire scrupolosamente le norme redazionali della collana e di non utilizzare fogli di stile o altri tipi di formattazione automatica diversi da

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

Indicazioni riferimenti bibliografici

Indicazioni riferimenti bibliografici Indicazioni riferimenti bibliografici Libri e pubblicazioni a stampa Indicazioni generali Volumi Volumi tradotti Saggi in volume collettaneo Curatele Saggi tradotti Articoli su rivista scientifica Interventi

Dettagli

Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice

Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice Corso Universitario Intensivo per Redattore di Casa Editrice I. Il corso in breve L obiettivo del corso è quello di formare delle figure che siano in grado di operare nel difficile e sempre più articolato

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI

Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Si invitano i collaboratori a seguire scrupolosamente le norme grafiche e redazionali qui di seguito riportate. In ogni caso è bene attenersi alla massima uniformità

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione SPORTELLO TESI Istruzioni per lo svolgimento della TESI DI LAUREA o della PROVA FINALE in SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO 1- ART. 9 ESAME FINALE (D.M. 30/09/11) 1. Il corso si conclude con un esame finale al quale è assegnato uno specifico punteggio. 2. La commissione d'esame

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE 1. Le parti di una tesi/tesina... 2 L indice-sommario... 2 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 2 La introduzione... 3 L elaborato... 3 Gli indici bibliografici...

Dettagli

EUT - Edizioni Università di Trieste Norme Redazionali

EUT - Edizioni Università di Trieste Norme Redazionali EUT - Edizioni Università di Trieste Norme Redazionali Copyright 2008 EUT Proprietà letteraria riservata. I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale e

Dettagli

I lavori devono conformarsi alle seguenti norme redazionali:

I lavori devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: Metodologie di ricerca per il management (Prof. Patrizia de Luca) Project work: norme redazionali Il project work è costituito da 2 parti: a. Relazione scritta (Documento Word) b. Presentazione (Power

Dettagli

Note per la redazione delle tesi di laurea

Note per la redazione delle tesi di laurea Note per la redazione delle tesi di laurea (proff. Pietro Perconti e Alessio Plebe) Introduzione Queste note intendono guidare lo studente alla stesura della propria tesi di laurea, affinché il documento

Dettagli

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE DIPARTIMENTO DI TEORIA ECONOMICA E METODI QUANTITATIVI PER LE SCELTE POLITICHE Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma GUIDA

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione. Linee guida editoriali atti dell Autorità

Autorità Nazionale Anticorruzione. Linee guida editoriali atti dell Autorità Autorità Nazionale Anticorruzione Linee guida editoriali atti dell Autorità Premessa Con il presente documento si intende rendere omogenee le modalità di scrittura degli atti dell Autorità per uniformarli

Dettagli

Diritto & Questioni pubbliche

Diritto & Questioni pubbliche Diritto & Questioni pubbliche CRITERI REDAZIONALI e NORME PER LA PUBBLICAZIONE Diritto & Questioni pubbliche pubblica due numeri l anno (giugno e dicembre). Gli articoli sono pubblicati nella rivista o

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA Raccomandazione iniziale: E opportuno che le note siano poste a pie di pagina

Dettagli

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative

CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana di Cure Palliative Allegato al n. 4 2008 DI CURE PALLIATIVE Organo ufficiale della Società Italiana Società Italiana BANDO DI CONCORSO NAZIONALE PER L ASSEGNAZIONE DI DUE PREMI PER ARTICOLI SCIENTIFICI SUL TEMA L APPROCCIO

Dettagli

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 Elio Padoano Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 (Consiglio generale: redigere le prime bozze seguendo già le impostazioni definitive.) 1. Impostazione pagina Margini: Superiore 2,5+3,0 cm

Dettagli

La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica:

La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica: Norme per gli autori La Ricp (Rivista italiana di cure palliative) è un periodico con cadenza trimestrale che pubblica: articoli (ricerche originali); contributi (revisioni della letteratura, messe a punto

Dettagli

Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza

Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza Versione 03 aprile 2007 Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Suggerimenti per la

Dettagli

ALCUNE NORME REDAZIONALI

ALCUNE NORME REDAZIONALI ALCUNE NORME REDAZIONALI 1. Virgolette a) Si scrivono tra virgolette basse o caporali (): le citazioni superiori alle 5 parole i discorsi diretti le testate di periodici. Ricordiamo che il punto fermo

Dettagli

L INCIDENZA DELLA DOTTRINA SULLA GIURISPRUDENZA NEL DIRITTO DEI CONTRATTI

L INCIDENZA DELLA DOTTRINA SULLA GIURISPRUDENZA NEL DIRITTO DEI CONTRATTI Call for Papers L INCIDENZA DELLA DOTTRINA SULLA GIURISPRUDENZA NEL DIRITTO DEI CONTRATTI Scadenza: 1 settembre 2015 Contenuto dei paper: La Scuola di Specializzazione in Diritto civile dell Università

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE... 1 1. Le parti di una tesi/tesina... 1 L indice-sommario... 1 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 1 La introduzione...

Dettagli

Regolamento del bando

Regolamento del bando PREMIO RASSEGNA ECONOMICA Edizione 2012 Regolamento del bando CARATTERISTICHE DEI PARTECIPANTI Potranno partecipare al Bando 2012 del Premio Rassegna Economica, giovani ricercatori di età inferiore ai

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace

Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Scrivere per il web in modo corretto ed efficace Presentazione linee guida editoriali per il web Giovedì 29 gennaio 2015 Servizio Comunicazione Scrivere per il web Linee guida editoriali per il web Cosa

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

For authors not speaking Italian: please, contact the secretary of the journal (ricerchedipsicologia@unicatt.it) to receive instructions.

For authors not speaking Italian: please, contact the secretary of the journal (ricerchedipsicologia@unicatt.it) to receive instructions. For authors not speaking Italian: please, contact the secretary of the journal (ricerchedipsicologia@unicatt.it) to receive instructions. RICERCHE DI PSICOLOGIA NORME PER GLI AUTORI Modalità di sottomissione

Dettagli

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Standard editoriali per l impostazione della tesi di laurea (a cura di Carla Rossi) STRUTTURA DEL LAVORO FRONTESPIZIO

Dettagli

Linee guida per l autor*

Linee guida per l autor* Linee guida per l autor* Margini: superiore 3,5 cm; inferiore 3,5 cm; destro 3 cm; sinistro 3 cm. Carattere: Times New Roman Dimensione del carattere: 12 per il testo, i titoli come nell esempio che segue:

Dettagli

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE

LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE LA CORRISPONDENZA COMMERCIALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DELLA LETTERA COMMERCIALE Intestazione Individua il nome e il cognome o la ragione sociale di chi scrive; contiene inoltre l indirizzo e i recapiti

Dettagli

Aracne editrice S.r.l. NORME GRAFICO REDAZIONALI PER AUTORI, CURATORI, TRADUTTORI, REDATTORI, GRAFICO IMPAGINATORI E CORRETTORI DI BOZZE (marzo 2008)

Aracne editrice S.r.l. NORME GRAFICO REDAZIONALI PER AUTORI, CURATORI, TRADUTTORI, REDATTORI, GRAFICO IMPAGINATORI E CORRETTORI DI BOZZE (marzo 2008) Aracne editrice S.r.l. NORME GRAFICO REDAZIONALI PER AUTORI, CURATORI, TRADUTTORI, REDATTORI, GRAFICO IMPAGINATORI E CORRETTORI DI BOZZE (marzo 2008) ALCUNE NORME GRAFICHE Le norme che seguono intendono

Dettagli

Berk, K. N. (1978), "Comparing Subset Regression Procedures," Technometrics, 20, 1-6.

Berk, K. N. (1978), Comparing Subset Regression Procedures, Technometrics, 20, 1-6. Erasmo VASSALLO DICAP, Univ.Palermo Di seguito alcuni consigli per la redazione della tesi o del report di stage. Non sono ovviamente tutti criteri obbligatori; l importante è rispettare il principio di

Dettagli

Roma TrE-Press. Norme editoriali

Roma TrE-Press. Norme editoriali Roma TrE-Press Norme editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Si invitano i collaboratori a seguire scrupolosamente le norme grafiche e redazionali qui di seguito riportate. Ai fini della pubblicazione si sottolinea

Dettagli

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione I. Linee guida generali L elaborato finale va presentato, entro il termine perentorio di 30 giorni

Dettagli

ISTRUZIONI PER GLI AUTORI. Invio dei testi

ISTRUZIONI PER GLI AUTORI. Invio dei testi ISTRUZIONI PER GLI AUTORI Invio dei testi I contributi vanno inviati esclusivamente alla redazione della rivista al seguente indirizzo di posta elettronica: sociologiadeldiritto@unimi.it Gli articoli devono

Dettagli

Vademecum di scrittura per la tesi prof. Stefano Casi stefano.casi2@unibo.it

Vademecum di scrittura per la tesi prof. Stefano Casi stefano.casi2@unibo.it Vademecum di scrittura per la tesi prof. Stefano Casi stefano.casi2@unibo.it Queste pagine sono un vademecum per aiutare il laureando nella scrittura della tesi. Le indicazioni qui contenute vanno seguite

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA -

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA - N o r m e r e d a z i o n a l i p e r l a s t e s u r a d e l l a t e s i d i l a u r e a l i n e e d i m a s s i m a A m b i t o d i P s i c o l o g i a NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI

Dettagli

NORME EDITORIALI. nome esatto dell'opera in tondo alto/basso, ad eccezione degli acronimi

NORME EDITORIALI. nome esatto dell'opera in tondo alto/basso, ad eccezione degli acronimi NORME EDITORIALI ArchiDiAP è un portale web di contenuti riguardanti opere e contesti fisici e ambientali di particolare rilevanza e interesse per l`architettura da ogni parte del mondo. Sfruttando le

Dettagli

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan ISTRUZIONI GENERALI PER L'IMPAGINAZIONE E LA REDAZIONE DELLE NOTE Ogni testo redazionale richiede un editing adeguato che valorizzerà

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

SUGGERIMENTI FORMALI PER SCRITTURA TESI E TESINE

SUGGERIMENTI FORMALI PER SCRITTURA TESI E TESINE SUGGERIMENTI FORMALI PER SCRITTURA TESI E TESINE Premessa È evidente che una tesi di laurea deve servire soprattutto a chi la scrive, come impegnativo momento di esercizio formale e di ricerca approfondita

Dettagli

Formattazione e suggerimenti tesi di laurea

Formattazione e suggerimenti tesi di laurea Formattazione e suggerimenti tesi di laurea 2 FORMATTAZIONE TESI DI LAUREA Carattere testo: Bookmann Old Style, corpo12 Carattere note: Bookmann Old Style, corpo 10 Clicca FORMATO e poi PARAGRAFO Allineamento:

Dettagli

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA IIS V. Benini Prof. Marco Menna 1 NORME PER LO SVOLGIMENTO DEL COLLOQUIO D ESAME O.M. 37/2014, ART. 16 c. 2. Il colloquio ha inizio con un argomento

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA «BENEDETTO MARCELLO» - Venezia -

CONSERVATORIO DI MUSICA «BENEDETTO MARCELLO» - Venezia - CONSERVATORIO DI MUSICA «BENEDETTO MARCELLO» - Venezia - Istruzioni per la redazione della tesi di laurea aprile 2012 Indice Introduzione p. 3 Norme generali p. 5 Copertina e frontespizio p. 6 Indice p.

Dettagli

Manuale per la scrittura della tesi di laurea. Indicazioni generali per una corretta stesura del testo

Manuale per la scrittura della tesi di laurea. Indicazioni generali per una corretta stesura del testo Università degli Studi di Torino Facoltà di Psicologia Corso di Laurea in Psicologia Clinica e di Comunità Manuale per la scrittura della tesi di laurea. Indicazioni generali per una corretta stesura del

Dettagli

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI PONTIFICA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL ITALIA MERIDIONALE SEZIONE SAN LUIGI - NAPOLI NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI Nella stesura di un lavoro scritto bisogna attenersi

Dettagli

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Per facilitare il lavoro della redazione e ridurre i tempi di lavorazione, si raccomanda agli autori di attenersi alle seguenti raccomandazioni.

Dettagli

Norme redazionali per le tesi di laurea

Norme redazionali per le tesi di laurea Norme redazionali per le tesi di laurea Come costruire le note a piè pagina? Il modello autore-data consente di costruire un apparato di note estremamente economico, poiché non richiede la menzione di

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL S. CUORE MASTER IN MANAGEMENT AGRO-ALIMENTARE REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DI STAGE

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL S. CUORE MASTER IN MANAGEMENT AGRO-ALIMENTARE REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DI STAGE UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL S. CUORE MASTER IN MANAGEMENT AGRO-ALIMENTARE REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ DI STAGE FINALITÀ: lo stage costituisce un'attività formativa in cui assume un ruolo fondamentale l'integrazione

Dettagli