Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE"

Transcript

1 2014 Formazione interaziendale 2014 CATALOGO MANAGEMENT, SVILUPPO E RISORSE UMANE Vers. 18 marzo 2014 Pag. 1

2 2014 INDICE INDICE... 2 INFORMAZIONI GENERALI... 3 Interaziendale... 3 Corso CO COMUNICAZIONE EFFICACE - Livello di base... 4 Corso CO COMUNICAZIONE EFFICACE - Livello avanzato... 5 Corso CO L ANALISI TRANSAZIONALE COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA LEADERSHIP... 6 Corso CO NEGOZIAZIONE E GESTIONE DEL CONFLITTO... 7 Corso CO TEAM BUILDING E TEAM WORKING... 8 Corso CO ETICA DELLA COMUNICAZIONE TECNOLOGICA: dal tam-tam ai social network... 9 Corso MG ANALISI DEL CLIMA ORGANIZZATIVO Corso RU SVILUPPO, MOTIVAZIONE E VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Corso RU LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE PUBBLICHE Corso RU CONTRIBUTO UMANO ALLA SICUREZZA PREVENZIONE DELL ERRORE UMANO ATTRAVERSO LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NON TECNICHE Pag. 2

3 2014 INFORMAZIONI GENERALI Interaziendale La progettazione dei corsi del catalogo si riferisce ad esigenze di formazione e managerialità delle aziende di produzione e servizi, pubbliche e private, per profili di staff, quadri e dirigenti. I corsi destinati esclusivamente ai profili sanitari delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere prevedono la procedura di attribuzione dei crediti ECM. Le competenze di tipo manageriale sono strettamente interconnesse tra loro ed esiste una progettazione comune che lega i diversi argomenti; dal punto di vista della metodologia didattica, si è valorizzato l approccio esperienziale; dal punto di vista del contenuto, la visione sistemica integra le dimensioni individuali con la complessità organizzativa delle realtà produttive, siano beni o servizi. I nostri corsi sono caratterizzati dall utilizzo di metodologia attiva per almeno il 40% del tempo di aula. Esercitazioni e casi di studio sono adattati il più possibile alla specificità del gruppo in formazione. Le aule si intendono composte da un minimo di 10 ad un massimo di 25 partecipanti. Pag. 3

4 2014 Corso CO1 COMUNICAZIONE EFFICACE - Livello di base Essere efficaci nella comunicazione è un prerequisito fondamentale di tutti i contesti lavorativi, sia se ci focalizziamo sul rapporto con soggetti esterni (clienti e fornitori, referenti istituzionali et al.), sia con riferimento a soggetti interni all organizzazione di lavoro (colleghi, superiori, collaboratori). Il contesto definisce la forma particolare, ma la competenza relazionale è alla base dei profili per i ruoli di coordinamento. Nel contesto sanitario, si aggiunge la specificità della relazione con il paziente, in situazione di malattia; il corso prevede un approfondimento della comunicazione in situazione critica e di emergenza. Il corso di base ha l obiettivo di: Fornire gli elementi per la lettura delle situazioni comunicative; Migliorare la conoscenza delle proprie competenze comunicative; Apprendere le strategie per migliorare la capacità di relazione. Struttura della comunicazione Componenti dell atto comunicativo e contesto Funzioni della comunicazione Comunicazione verbale e non verbale Corpo e spazio Postura, gestualità, mimica L arte del comunicare Linguaggio e significato Ascolto attivo Apprendimento delle nozioni di teoria della comunicazione Miglioramento delle competenze comunicative Tutte le professioni Lezione attiva + esercitazioni individuali e di gruppo Docenza per aule di 18 corsisti, codocenza per aule tra 19 e 25 corsisti. nessuno Pag. 4

5 2014 Corso CO2 COMUNICAZIONE EFFICACE - Livello avanzato La competenza comunicativa è una delle risorse principali del manager, del coordinatore e del responsabile di attività e progetti. Il livello avanzato si rende necessario per i ruoli professionali che abbiano responsabilità nella gestione di risorse umane e gruppi di lavoro. Il corso, pensato come approfondimento esperienziale, è studiato specificamente per gli operatori sanitari, per i quali la relazione con il paziente e la malattia assume caratteristiche specifiche. La promozione della competenza comunicativa è necessaria anche ai fini del miglioramento della sicurezza e della prevenzione dello stress organizzativo. Comunicazione verbale e non verbale: esperienze in aula Gestire persone: strategie e tecniche di comunicazione Tecniche di gestione operativa (riunioni di lavoro, gestione del tempo, comunicazione interna) Ascolto attivo Assertività Fare squadra Empatia Gestire le differenze: dialettica e conflitto La comunicazione nella relazione d aiuto La comunicazione nelle organizzazioni complesse Negoziazione e gestione dei conflitti Comunicazione efficace come competenza del leader Strategie per la promozione della comunicazione efficace Criticità, diagnosi e problem solving Apprendimento delle strategie comunicative efficaci nei contesti applicativi di riferimento dei partecipanti Autodiagnosi e strategie di miglioramento Miglioramento delle competenze comunicative in condizioni critiche Tutte le professioni Ruoli di coordinamento ( dirigenti, coordinatori, responsabili) Lezione attiva + esercitazioni individuali e di gruppo Docenza per aule di 18 corsisti, codocenza per aule tra 19 e 25 corsisti Corso di base CO1 Pag. 5

6 2014 Corso CO3 L ANALISI TRANSAZIONALE COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA LEADERSHIP L analisi transazionale è uno dei possibili approcci per l analisi del comportamento basato sugli scambi relazionali, che si è rivelato utile per le applicazioni in contesti organizzativi aziendali. Consente di migliorare la conoscenza delle caratteristiche manageriali e di favorire l ottimale espressione delle competenze manageriali, valorizzando le risorse di ognuno. La valenza dell analisi transazionale è soprattutto di tipo didattico, in quanto favorisce la lettura delle relazioni tra due persone in un contesto dato. Il corso è progettato con particolare riferimento all auto - analisi delle posizioni personali, con strumenti specifici in lavori individuali e di gruppo. I principi di base: ogni persona è ok Gli stati dell Io Ruoli e funzioni Comportamenti e stati dell Io Analisi delle transazioni Posizioni di vita Stili di leadership Egogramma Rappresentazione delle caratteristiche dei partecipanti Miglioramento delle competenze relazionali Tutte le professioni Ruoli di coordinamento ( dirigenti, coordinatori, responsabili) Lezione attiva + esercitazioni individuali e di gruppo Docenza per aule di 18 corsisti, codocenza per aule tra 19 e 25 corsisti Nessuno Pag. 6

7 2014 Corso CO4 NEGOZIAZIONE E GESTIONE DEL CONFLITTO La negoziazione è una situazione relazionale che coinvolge le persone all interno delle organizzazioni di lavoro e nella vita quotidiana. Si tratta di un processo interpersonale che richiede motivazione, competenze ed energie. Saper negoziare riduce i margini del conflitto e consente di finalizzare le risorse verso gli obiettivi comuni. Negoziatori si diventa attraverso l apprendimento di tattiche e strategie, con un approccio che privilegia la soluzione dei problemi, piuttosto che la logica del conflitto, in cui si vince o si perde. La negoziazione migliore è quella nella quella vinco io vinci tu. Il punto di partenza: saper comunicare Espressione individuale: differenze, riconoscimento degli stili percettivi Simpatia-empatia, fiducia Comunicazione persuasiva Arte dell ascolto Arte del negoziare I soggetti della negoziazione: questioni, interessi e posizioni. Processo di negoziazione Strategie e tattiche Motivazioni Variabili facilitanti Ostacoli Il miglior accordo possibile (B.A.T.N.A.) Competenza nella individuazione di questioni interessi e posizioni. Progettazione della B.A.T.N.A. Tutte le professioni Ruoli di coordinamento ( dirigenti, coordinatori, responsabili) Lezione attiva + esercitazioni individuali e di gruppo Simulazione di una situazione negoziale complessa Docenza per aule di 18 corsisti, codocenza per aule tra 19 e 25 corsisti Nessuno Pag. 7

8 2014 Corso CO6 TEAM BUILDING E TEAM WORKING Il corso ha un taglio esperienziale ed approfondisce il tema del gruppo di lavoro, sia dal punto di vista del leader, che dei partecipanti al team. La leadership efficace è caratterizzata dalla capacità di coinvolgimento delle risorse umane, in stretta correlazione con il sistema di valori e con le dimensioni del clima organizzativo. Le potenzialità dei singoli trovano massima espressione nella rispondenza tra le variabili motivazionali ed il complesso sistema organizzativo. Lavoro di gruppo, gruppo di lavoro, squadra. Conoscere i collaboratori: sin-tonia, em-patia, collaborazione. Gli elementi di un team vincente Conoscere i singoli e costruire il gruppo. Ciclo di vita del gruppo Gli obiettivi Il metodo di lavoro I Ruoli Classificazione dei gruppi di lavoro La gestione delle riunioni Le dinamiche di gruppo La leadership La delega La ricompensa L apprendimento La gestione dei conflitti Apprendimento delle strategie di team building Autodiagnosi dello stile di leadership Strategie di sviluppo della leadership Tutte le professioni Ruoli di coordinamento ( dirigenti, coordinatori, responsabili) Lezione attiva + esercitazioni individuali e di gruppo Docenza per aule di 18 corsisti, codocenza per aule tra 19 e 25 corsisti Nessuno Pag. 8

9 2014 Corso CO7 ETICA DELLA COMUNICAZIONE TECNOLOGICA: dal tamtam ai social network La complessità imposta dalle forme di comunicazione prodotte dalle nuove tecnologie, richiede una rivisitazione profonda dei comportamenti che assumiamo attraverso il loro utilizzo. Essere al tempo stesso efficaci, concreti ed etici vuol dire usufruire del massimo valore aggiunto garantito da tali tecnologie, sia sul piano professionale che personale. Il corretto utilizzo di Cellulari, PC, Smartphone, Tablet, etc. permettono di incrementare a dismisura la nostra capacità di comunicare; il loro utilizzo errato al contrario relega la nostra capacità di comunicare in angoli sempre più sterili e ristretti. Il corso ha dunque l obiettivo di: Fornire gli elementi per il corretto utilizzo della tecnologia comunicativa oggi disponibile; Analizzare le modalità verbali e non verbali della comunicazione tecnologica; Fornire i principi etici sui quali deve basarsi la comunicazione tecnologica; Rivisitare in forma critica alcuni abituali comportamenti assunti rispetto alla tecnologia utilizzata. Gli strumenti della comunicazione tecnologica (storia e attualità) Dalla lettera alla , dal telefono di bachelite allo smartphone Dalle slides, al tablet, alla videoconferenza Comunicazione verbale e non verbale Corpo e spazio Voce, tono, pause, mimica Comportamenti non verbali nella comunicazione tecnologica Comunicare efficacemente con la tecnologia Comportamenti di risposta (assenza, presenza, mascheramento) La compresenza di uomini e tecnologie: cosa fare e non fare Efficacia e significatività della comunicazione mista: il ruolo della parola e della tecnologia Acquisizione di schemi comportamentali etici ed efficaci Capire cosa comunicare e con quale strumento Costruzione di un nuovo sistema comunicativo personale e professionale Tutte le professioni Lezione attiva + esercitazioni individuali e di gruppo Docenza per aule da 10 a 15 corsisti nessuno N ore 8 Pag. 9

10 2014 Corso MG1 ANALISI DEL CLIMA ORGANIZZATIVO L analisi del clima si rende necessaria nelle fasi di gestione delle criticità e di progettazione degli interventi di ridisegno organizzativo, quindi correlata ad evoluzioni e cambiamenti dei quali si vuole monitorare la portata. Si tratta di informazioni necessarie anche ai fini della cura del benessere organizzativo, obiettivo previsto anche dalla normativa sulla sicurezza. Il clima organizzativo è la percezione collettiva dell interazione tra gli individui ed è pertanto diversa dalla somma delle rilevazioni individuali. La costruzione di un progetto di analisi organizzativa, che è di fatto una ricerca intervento, prevede una serie di rilevamenti oggettivi (dati assenteismo, infortuni ecc.), insieme ad interviste individuali e di gruppo su tematiche individuate in base al modello teorico di riferimento. Il corso è progettato per la formazione dello staff di analisti interni all organizzazione. La scelta del modello teorico e la costruzione del progetto di ricerca intervento Clima psicologico e clima organizzativo Indicatori qualità del rapporto con l'azienda; con i colleghi, con i superiori senso di appartenenza; coesione del gruppo di lavoro; collaborazione dinamiche di comunicazione stili di leadership; sistema di riconoscimenti e incentivi ambiente fisico, sicurezza, comfort chiarezza di ruolo e funzione soddisfazione individuale motivazioni responsabilità e autonomia Il problema della misura delle variabili oggettive Macro progettazione di analisi organizzativa Professioni del ruolo amministrativo Staff della Direzione Generale, Ufficio Organizzazione e Risorse Umane Lezione attiva + esercitazioni individuali e di gruppo Simulazione di un progetto di analisi organizzativa Docenza per aule di 18 corsisti, codocenza per aule tra 19 e 25 corsisti Nessuno Pag. 10

11 2014 Corso RU1 SVILUPPO, MOTIVAZIONE E VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE Valutare le risorse umane è compito fondamentale delle organizzazioni di lavoro al fine di progettare il proprio sviluppo e di presidiare efficacemente la qualità e la sicurezza. Competenza trasversale, dal responsabile di unità organizzativa fino al dirigente di massimo livello, va monitorata ed alimentata nel tempo, al crescere delle responsabilità e della complessità organizzativa. Il focus del corso è il lavoro sulle competenze interne del valutatore, intese come capacità, abilità ed attitudini personali e sulle competenze relazionali e sistemiche, intese come espressione nel contesto del piccolo/grande gruppo gestito. L approccio è di tipo esperienziale ed è basato sul problem solving relazionale ed organizzativo, con casi di studio, simulazioni ed esercitazioni in aula. Le competenze interne del valutatore Emozioni, pensieri e comportamento Centratura interna, esterna Competenze comunicative Le competenze esterne del valutatore La lettura del contesto Competenze relazionali e di sistema Obiettivi individuali e relazionali Il rimando delle emozioni La sin-tonia con l altro Gestire situazioni comunicative critiche Comunicare buone/cattive notizie Acquisizione delle competenze relazionali e sistemiche del valutatore Gestione del processo e della performance: tecniche di conduzione del colloquio Approfondimento delle aree di valutazione e dei criteri previste dalla scheda di valutazione aziendale Gestione delle criticità Utilizzo della motivazione ai fini dello sviluppo Tutte le professioni - Ruoli di coordinamento ( dirigenti, coordinatori, responsabili) Lezione attiva + esercitazioni individuali e di gruppo. Docenza per aule di 18 corsisti, codocenza per aule tra 19 e 25 corsisti Nessuno Pag. 11

12 2014 Corso RU3 LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NELLE AZIENDE PUBBLICHE La progettazione di questo corso tiene conto delle evoluzioni del contesto normativo in tema di valutazione delle risorse umane. Alla luce di quanto previsto dal D.Lgs150/09, il corso intende sviluppare le competenze specifiche dei valutatori e l inserimento del momento valutativo all interno del più generale processo di.miglioramento dell organizzazione. Nella prima parte si approfondiscono i punti chiave del sistema di valutazione, del ciclo virtuoso della performance individuale ed organizzativa. Nella seconda parte si sviluppano, soprattutto attraverso esperienze in aula, le competenze interne del valutatore e infine le competenze esterne, relazionali e sistemiche. Il principio di trasparenza nell ottica del legislatore e del management Gli strumenti della trasparenza La trasparenza interna e la trasparenza esterna Metodi e contenuti dell informazione trasparente Performance, trasparenza, misurazioni, soggetti valutatori e sistema delle responsabilità. Il concetto di performance Ciclo virtuoso della performance Piano delle performance contenuti e caratteristiche del documento Relazione sulla performance contenuti e caratteristiche del documento Identificazione degli obiettivi: caratteristiche e contenuti Identificazione degli indicatori: la concretezza e la misurabilità Il reticolo obiettivi-indicatori La tempistica e le responsabilità Le competenze interne del valutatore; abilità, attitudini, competenze, centratura invar ed outward Le competenze esterne; relazionali e di sistema. Autodiagnosi delle competenze relazionali e sistemiche del valutatore Gestione del processo e della performance: tecniche di conduzione del colloquio Approfondimento delle aree di valutazione e dei criteri previste dalla scheda di valutazione aziendale Gestione delle criticità Utilizzo della motivazione ai fini dello sviluppo Aziende pubbliche, ASL, Az. Ospedaliere, Comuni, Provincie, Regioni - Tutte le professioni - Ruoli di coordinamento ( dirigenti, coordinatori, responsabili) Lezione attiva + esercitazioni individuali e di gruppo. Docenza per aule di 18 corsisti, codocenza per aule tra 19 e 25 corsisti Nessuno Pag. 12

13 2014 Corso RU6 CONTRIBUTO UMANO ALLA SICUREZZA PREVENZIONE DELL ERRORE UMANO ATTRAVERSO LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NON TECNICHE La necessità di comprendere in che modo il fattore umano incida sulla sicurezza del lavoro deriva dall analisi di incidenti ed errori. Studi fatti in diversi settori produttivi, dall industria ai servizi evidenziano che almeno l 80% di incidenti è riconducibile a dimensioni umane. L approccio che vede la soluzione del problema nella completa automazione è insoddisfacente. I problemi complessi vanno affrontati con modelli che tengano conto della necessità di governo della complessità e non della sua negazione. L errore non può essere eliminato, ma è possibile individuarlo, minimizzarlo e mitigarne gli effetti; ciò è possibile con lo sviluppo di Non Technical Skills (NTS), cioè "Abilita' cognitive, sociali e personali, complementari alle competenze tecniche, che contribuiscono all'attivazione di performance lavorative sicure ed efficaci". Il corso è destinato al profilo tecnico, ai formatori ed ai responsabili delle risorse umane di aziende di produzione e di servizi. Competenza nell individuazione della correlazione tra fattori di rischio e contributo umano alla sicurezza/insicurezza Competenze tecniche e non technical skills Miglioramento della consapevolezza situazionale Fattori cognitivi, emozionali e comportamentali Fattori organizzativi Formazione, mantenimento e valutazione della consapevolezza situazionale Conoscere il modello di presa delle decisioni Come si prendono le decisioni Strategie e tecniche per migliorare il decision making per sé e per i collaboratori Personalità e differenze individuali nella propensione al rischio Conoscere le variabili organizzative e relazionali su cui agire per migliorare la sicurezza Comunicazione Teamwork Leadership Stress e Fatica Competenze nel monitoraggio dei fattori che aumentano il rischio di incidenti all interno dei luoghi di lavoro, sia in ambito produttivo che di servizi Competenze nella formulazione e progettazione di proposte organizzative e sistemiche per l aumento dei livelli di sicurezza all interno dell unità operativa e del sistema azienda Pag. 13

14 2014 Responsabili ed operatori di lavorazioni ad alto rischio di errore umano attiva, esercitazioni e casi di studio Corso di comunicazione di base Pag. 14

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI

ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI ALLEGATO 3: SCHEDA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI 109 S.I.R.I.O. Sistema Integrato di Risultati, Indicatori ed Obiettivi Scheda di valutazione dell attività dei dirigenti Intestazione Periodo di valutazione:

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente

Scheda di valutazione individuale area dirigenza. Competenze e comportamenti Leggenda: 0,5=molto indoddisfacente 1=insoddisfacente Scheda di valutazione individuale area dirigenza Sessione di valutazione Nome e Cognome Valutatore Competenze e comportamenti Leggenda:,=molto indoddisfacente =insoddisfacente anno Incarico: PESATURA:

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

ON LINE COACHING SCHOOL

ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL corso di coaching skills e avvio alla professione di coach Mentre si conclude la prima edizione, yucan.it e ICTF presentano il secondo corso online di avvio

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca

Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Scuola di Management per le Università, gli Enti di ricerca e le Istituzioni Scolastiche Le competenze per la gestione e lo sviluppo delle risorse umane nelle università e negli enti di ricerca Dott. William

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato

La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato La valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato Maggio 2010 PREFAZIONE Al fine di contribuire ad un adeguata gestione dei rischi psicosociali, negli ultimi anni l ISPESL ha adottato una strategia

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli