Sisma 2012 e alluvione 2014: l Azienda USL di Modena e l uso di twitter nelle emergenze. Massimiliano Laviola, giornalista, Azienda USL Modena

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sisma 2012 e alluvione 2014: l Azienda USL di Modena e l uso di twitter nelle emergenze. Massimiliano Laviola, giornalista, Azienda USL Modena"

Transcript

1 Sisma 2012 e alluvione 2014: l Azienda USL di Modena e l uso di twitter nelle emergenze Massimiliano Laviola, giornalista, Azienda USL Modena

2 Crisi o emergenza sanitaria? CRISI. L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS, 2013) ha definito la crisi come una situazione percepita come difficile. L aspetto principale è che la situazione di crisi implica la possibilità del verificarsi di un evento avverso che può non essere previsto in tempo e che, spesso, si può registrare in luoghi diversi, a strati/livelli diversi di intensità. Una crisi potrebbe essere non evidente e richiedere analisi per essere riconosciuta EMERGENZA. Emergenza è un termine che descrive uno stato. È un termine gestionale e richiede di prendere delle decisioni e di effettuare dei follow-up rispetto a delle misure straordinarie (Oxford Pocket Dictionary, 1992). Uno "stato di emergenza" deve essere dichiarato" o imposto dalle autorità che, ad un certo punto, provvederanno anche a dichiarare la fine dell emergenza. Di conseguenza, l emergenza è solitamente definita in termini di tempo e di spazio, richiede dei valori soglia che devono essere riconosciuti, implica regole di coinvolgimento e la definizione di una strategia di fronteggiamento. Concettualmente, fa riferimento principalmente alla fase di risposta.

3 Il ruolo della comunicazione nelle situazioni di emergenza/crisi We have had a great success in the [last] five years in controlling outbreaks, but we have only r e c e n t l y c o m e t o u n d e r s t a n d t h a t communications are as critical to outbreak control as laboratory analysis or epidemiology Jong-Wook Lee, Direttore Generale World Health Organization (dichiarazione del 2004)

4 Il ruolo della comunicazione nelle La comunicazione assume una rilevanza molto alta, in relazione principalmente alla necessità di costruire e mantenere un clima di fiducia nei confronti delle istituzioni che si occupano di emergenze di sanità pubblica e sviluppare la collaborazione con i media offrendo informazioni tempestive, trasparenti e in un formato appropriato. situazioni di emergenza/crisi Circolare del 26 agosto 2014 Assessorato Politiche per la salute Regione Emilia-Romagna Epidemia da virus Ebola in Africa occidentale: indicazioni per la sorveglianza e il controllo

5 Le emergenze Le emergenze: sono improvvise sono travolgenti e richiedono risposte rapide hanno carattere regionale/nazionale ma con il potenziale di raggiungere dimensioni internazionali si riflettono sulla salute delle persone causano interruzioni sul funzionamento del sistema richiedono strategie comunicative focalizzate sulla trasmissione/ contatto anziché sull origine/causa della situazione

6 Il terremoto del 2012 Nel maggio 2012 l Emilia-Romagna è stata colpita da diverse sequenze sismiche. Le più importanti sono state quelle del: - 20 maggio, magnitudine 5.9 con epicentro a Finale Emilia - 29 maggio, magnitudine 5.8 con epicentro tra Medolla e Cavezzo - 31 maggio, due scosse di magnitudine 4,0 e 4,2 con epicentri tra Rolo e Novi la prima e a San Possidonio la seconda - 3 giugno, magnitudine 5,1 con epicentro a Novi La provincia di Modena è quella che ha subito i maggiori effetti sia in termini di vittime: - 17 decessi su 29 totali - popolazione esposta (oltre persone residenti) nei comuni colpiti - danni alle strutture produttive e alle abitazioni ( inagibili) Fonte: Servizio Epidemiologia e Comunicazione del rischio Azienda USL Modena

7 L alluvione del gennaio 2014 Nel gennaio 2014 un alluvione ha colpito la Bassa modenese. I danni - Circa 300 persone sfollate - Inagibili temporaneamente una Casa della salute e una medicina di gruppo - Allagati diversi ambulatori di medici di famiglia e pediatri di libera scelta

8 I social media, parole chiave

9 Online Audience

10 Mobile Audience

11 Twitter Twitter è un servizio online di social networking e microblogging che consente agli utenti di inviare e leggere brevi messaggi di 140 caratteri, chiamati tweet (Wikipedia, 2014)

12 Twitter, esempi servizi di emergenza twitter.com/bostonfire twitter.com/fdny

13 Twitter, esempi servizi di emergenza twitter.com/emergenza24 twitter.com/cdcgov

14 Twitter alerts about.twitter.com/products/alerts

15 Esempio alert twitter.com/fdny/alerts

16 Twitter durante l emergenza

17 Twitter durante l emergenza

18 Twitter durante l emergenza

19 Twitter durante l emergenza

20 La strategia social media nelle emergenze e nelle situazioni di crisi È importante: avere un piano di comunicazione del rischio e integrare la strategia social media. poter contare su personale formato all utilizzo dei social media monitorare i social media, per evitare di lasciare degli spazi informativi vuoti dai cui potrebbero svilupparsi voci infondate ed informazioni fuorvianti.

21 Social Media Manager Compiti del Social Media Manager Monitorare costantemente il network per identificare le conversazioni relative all istituzione o evento. Essere in grado di interagire all interno della community fornendo informazioni rilevanti raccolte da conversazioni esterne. Ricercare leader interni o esterni, nei settori di interesse, che potrebbero migliorare sensibilmente la collaborazione tra istituzione e community e coinvolgerli nelle attività della community stessa.

22 Le fasi dell emergenza PREPARAZIONE>RISPOSTA>RECUPERO

23 Riferimenti e bibliografia Unità di crisi regionale per terremoto World Health Organization Regional Office for Europe. (2012). Toolkit for assessing health-system capacity for crisis management. data/assets/pdf_file/0008/157886/e96187.pdf Health C, progetto europeo sulla comunicazione nella gestione di crisi sanitarie Comunicare con Twitter: Creare relazioni, informarsi, lavorare (Web & marketing 2.0) di Luca Conti, edizioni Hoepli

24 Arrivederci

04/11/2014. Convegno HSF 25-26 ottobr e 2014

04/11/2014. Convegno HSF 25-26 ottobr e 2014 Virus Ebola: 15 cose da sapere Continuano ad aumentare le vittime della malattia emorragica in Africa. Come si previene? Come si cura? È sicuro viaggiare? Procedure tecniche e operative Convegno HSF 25-26

Dettagli

Dolphin - Marketing & CRM

Dolphin - Marketing & CRM Dolphin - Marketing & CRM CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT NOTE MARKETING E CRM CONFERMA VIAGGIO L Agenzia anticipa la partenza del viaggiatore con un messaggio che riepiloga i servizi prenotati, orari

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169

CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 CENTRO SEGNALAZIONE EMERGENZE 0971/415211 NUMERO VERDE U.R.P. 800 254169 Non essendo l evento sismico prevedibile, non è possibile stabilire delle soglie di allerta come, ad esempio, per gli eventi idrogeologici.

Dettagli

ACCORDO TRA COMMISSIONE REGIONALE ABI EMILIA ROMAGNA LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI. 20 Febbraio 2013

ACCORDO TRA COMMISSIONE REGIONALE ABI EMILIA ROMAGNA LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI. 20 Febbraio 2013 ACCORDO TRA COMMISSIONE REGIONALE ABI EMILIA ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI PER IL SOSTEGNO DELLE POPOLAZIONI DELL EMILIA ROMAGNA E DELLE PROVINCE DI MANTOVA E DI ROVIGO COLPITE DAL SISMA DEL

Dettagli

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte F R A N C E S C A R U S S O S E T T O R E P R O M O Z I O N E E S V I L U P P O I G I E N E E S A N I T À P U B B L I C A S E Z I O N E A T T U

Dettagli

comunicare la crisi >>>>

comunicare la crisi >>>> comunicare la crisi tutto può precipitare in una crisi Catastrofi naturali attentati incidenti scalate ostili trans-fotografie copertine black-out cadute di sistemi paralisi dei collegamenti mucca pazza

Dettagli

Aggiornamento terremoto 04 giugno 2012 ore 17

Aggiornamento terremoto 04 giugno 2012 ore 17 Assessorato politiche per la salute Provincia di Modena Ospedali e Punti Medici Avanzati Aggiornamento terremoto 04 giugno 2012 ore 17 Confermata la situazione pre-esistente sia per le strutture della

Dettagli

Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA

Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA INDICE Premessa CAPO 1: UNITA DI CRISI 1.1 Unità di crisi della Regione Toscana

Dettagli

FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale

FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale Numero 1, del 16 Gennaio 21 FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale Aggiornamento alla 2 settimana del 21 (6-12 Gennaio 21) Il presente rapporto integra i risultati di differenti sistemi di sorveglianza

Dettagli

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 Realizzazione Palestre

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Sei pronto ad affrontare la rete?

Sei pronto ad affrontare la rete? Sei pronto ad affrontare la rete? In uno scenario in continua evoluzione, per le organizzazioni è indispensabile presidiare nel modo più corretto ed efficace il web, interagire con i differenti stakeholders

Dettagli

Il cittadino reclama, il Comune risponde.. e migliora

Il cittadino reclama, il Comune risponde.. e migliora Il cittadino reclama, il Comune risponde.. e migliora Con il progetto Analisi dei reclami nel Comune di Pisa si è voluto monitorare e riorganizzare l attuale l processo di gestione dei reclami attraverso

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 104 DEL 05/11/2015

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 104 DEL 05/11/2015 OGGETTO: SISMA 2012 - APPROVAZIONE DELLA DELIMITAZIONE DELLE ZFU - ZONE FRANCHE URBANE DEL TERRITORIO COMUNALE AI SENSI DEL D.L. 19 GIUGNO 2015, N. 78 E SS.MM.II. La Giunta Comunale Premesso che a seguito

Dettagli

I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI

I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI I VOLONTARI ARCHITETTI PER LA PROTEZIONE CIVILE: DAL SISMA DELL EMILIA ALLA RETE NAZIONALE DEI PRESIDI Arch. Walter Baricchi Il sisma 2012 in Emilia. Il 20 maggio 2012 una vastissima area compresa tra

Dettagli

Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014

Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 17 del 7 marzo 2014 Concessione a titolo

Dettagli

Una partnership per la comunicazione di qualità

Una partnership per la comunicazione di qualità Una partnership per la comunicazione di qualità 2 2 Una partnership per la comunicazione di qualità I servizi di Twister communications group sono rivolti a imprese e gruppi industriali, banche e società

Dettagli

Rischi catastrofali. Prendendo spunto dalla recente pubblicazione del Natural Hazard Risk Atlas 2014 di

Rischi catastrofali. Prendendo spunto dalla recente pubblicazione del Natural Hazard Risk Atlas 2014 di Rischi catastrofali Prendendo spunto dalla recente pubblicazione del Natural Hazard Risk Atlas 2014 di che indica l Italia come l ottavo paese al mondo ed il primo in Europa per rischiosità in tema di

Dettagli

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA)

OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Assessorato politiche per la salute Situazione terremoto 31 maggio 2012 ore 17 Provincia di Modena Ospedale di Mirandola OSPEDALI E PUNTI MEDICI AVANZATI (PMA) Evacuato dopo la prima scossa del 20 maggio.

Dettagli

Il Servizio Sismico Svizzero (SED)

Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Il Servizio Sismico Svizzero (SED) Storia e missione del SED Il Servizio Sismico Svizzero registra in media due terremoti al giorno. Di questi, circa dieci ogni anno sono abbastanza forti da essere percepiti

Dettagli

MANAGER. e la COMUNICAZIONE. Strategie, metodi e nuove tecnologie

MANAGER. e la COMUNICAZIONE. Strategie, metodi e nuove tecnologie Il MANAGER e la COMUNICAZIONE Strategie, metodi e nuove tecnologie Manuale per sviluppare le competenze individuali e facilitare il flusso comunicativo all interno e all esterno dell organizzazione Indice

Dettagli

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015 Agenzia sanitaria e sociale regionale Biblioteca Periodici in nel 2015 PERIODICI ITALIANI Adverse drug reaction bullettin (ed. italiana) 1978 Carta e online Ambiente e sicurezza sul lavoro 1995 Carta e

Dettagli

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP 14 ottobre 2013 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 RELATORI: GIAMPAOLO AZZONI - TONI MUZI FALCONI Indice degli argomenti

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

La comunicazione del rischio

La comunicazione del rischio La comunicazione del rischio Di Mauro Palazzi (modificata) A cura di Luigi Triggiano Medico di medicina generale 1 OBIETTIVI DEL CORSO migliorare le conoscenze sulla comunicazione e sulle sue criticità

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute ALLEGATO 1 N. Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA Ufficio V - Malattie Infettive e Profilassi Internazionale DGPREV.V/19262/P/I.4.c.a.9

Dettagli

Il ruolo del Responsabile aziendale di farmacovigilanza, i flussi, le DDL e il supporto nella segnalazione

Il ruolo del Responsabile aziendale di farmacovigilanza, i flussi, le DDL e il supporto nella segnalazione Il ruolo del Responsabile aziendale di farmacovigilanza, i flussi, le DDL e il supporto nella segnalazione La cultura della farmacovigilanza per la sicurezza del paziente Reggio Emilia 29 novembre 2011

Dettagli

GESTIRE I SOCIAL MEDIA

GESTIRE I SOCIAL MEDIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION GESTIRE

Dettagli

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA Indice 4.1 LA COMUNICAZIONE INTERNA...............................................69 Comprendere lo stato dell arte...................................................70

Dettagli

terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 Attendibilità evento: attendibile Attendibilità data: data certa

terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 Attendibilità evento: attendibile Attendibilità data: data certa terremoto (evento n. 10820) Data: 22/5/1868 terremoto (evento n. 3891) Data: 15/9/1928 terremoto (evento n. 3893) Data: 25/12/1930 terremoto (evento n. 10841) Data: 19/2/1932 1935/12/ Varie Sismicità del

Dettagli

http://ingvterremoti.wordpress.com Conoscere e prevenire il rischio sismico nel territorio sannita

http://ingvterremoti.wordpress.com Conoscere e prevenire il rischio sismico nel territorio sannita Conoscere e prevenire il rischio sismico nel territorio sannita Il blog INGVterremoti: un nuovo strumento di comunicazione per migliorare l informazione sui terremoti durante la sequenza sismica nella

Dettagli

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte

Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Senigallia, la Fondazione pronta a fare la sua parte Una delegazione dell Enpam ha incontrato i medici e gli odontoiatri che hanno subìto danni allo studio professionale e ai macchinari a causa dell alluvione

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA I CRITERI PER LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE

OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE MISSION Sapere per decidere, conoscere per orientare le scelte, informarsi per agire in modo corretto. In ogni settore, oggi è più che mai è necessario

Dettagli

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa

Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Il Sistema di Gestione della Business Continuity Un percorso obbligatorio per la resilienza organizzativa Gianna Detoni, AFBCI Presidente di PANTA RAY BCI Italian Forum Leader 1 Milano, 13 ottobre 2015

Dettagli

Presentazione Progetto

Presentazione Progetto Presentazione Progetto Coordinatore Scientifico: Massimo Annicchiarico Premessa La Violenza contro le Donne è qualunque atto di violenza in base al sesso, o la minaccia di tali atti, che produca o possa

Dettagli

Ordinanza n. 80 del 22/11/2012. Realizzazione Palestre Scolastiche Temporanee (PST) Localizzazione delle aree.

Ordinanza n. 80 del 22/11/2012. Realizzazione Palestre Scolastiche Temporanee (PST) Localizzazione delle aree. IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 80 del 22/11/2012 Realizzazione Palestre

Dettagli

5 minuti fortemente virali

5 minuti fortemente virali 5 minuti fortemente virali 18 dicembre 2012 - Palazzo Arese Borromeo 1 of 12 In pochi tweet... un laboratorio di progettazione avanzata per lo sviluppo di: #advanced Soluzioni internet ad alto valore tecnologico;

Dettagli

SOCIAL MEDIA MARKETING:

SOCIAL MEDIA MARKETING: SOCIAL MEDIA MARKETING: Il valore della relazione Giovanna Montera Comunic/Azione. Comunicare oggi fra Narrazioni e Nuove Tecnologie 24 Gennaio 2013 é una social media company specializzata nell analizzare

Dettagli

GRETA 2.2 (la cassetta degli attrezzi) Gestione integrata di patrimoni immobiliari Dossier del Fabbricato Condominio GRETA 2.2 (versione beta 2012)

GRETA 2.2 (la cassetta degli attrezzi) Gestione integrata di patrimoni immobiliari Dossier del Fabbricato Condominio GRETA 2.2 (versione beta 2012) GRETA 2.2 (la cassetta degli attrezzi) Gestione integrata di patrimoni immobiliari Dossier del Fabbricato Condominio GRETA 2.2 (versione beta 2012) GRETA 2.2 (Professional Network) GRETA 2.2 (versione

Dettagli

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015

Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 39 del 6 Agosto 2015 Integrazioni e modifiche

Dettagli

BNL People. Netiquette

BNL People. Netiquette BNL People Netiquette Netiquette È importante tutelare l attività sulle pagine Facebook e Twitter di BNL attraverso l implementazione di un area dedicata alla comunicazione della Netiquette (su Facebook

Dettagli

Ruolo e competenze dei media nella gestione di una corretta informazione nella stampa Le campagne La comunicazione dell incertezza

Ruolo e competenze dei media nella gestione di una corretta informazione nella stampa Le campagne La comunicazione dell incertezza Ruolo e competenze dei media nella gestione di una corretta informazione nella stampa Le campagne La comunicazione dell incertezza Mirella Taranto Capo Ufficio Stampa ISS Roma FNSI 23 Giugno 2016 SCIENZA

Dettagli

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia

RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia con il sostegno di propongono il percorso formativo RISK & CRISIS MANAGEMENT come fronteggiare eventi imprevedibili con prontezza ed efficacia sede del corso: ISFOR 2000, via Pietro Nenni 30, Brescia periodo

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NEL TERRITORIO DELLA ASL n.

PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NEL TERRITORIO DELLA ASL n. Allegato alla Deliberazione n. 1459/C del 24/11/2010 PROCEDURE OPERATIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NEL TERRITORIO DELLA ASL n. 7 DI CARBONIA INDICE

Dettagli

SENTIMENT ANALYSIS SUL WEB CORSO DI PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA

SENTIMENT ANALYSIS SUL WEB CORSO DI PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA SENTIMENT ANALYSIS SUL WEB CORSO DI PUBBLICITÀ E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE INTEGRATA 2 INDICE 1. BRAND E SOCIAL NETWORK 2. L AVVENTO DEI BIG DATA 3. LA SENTIMENT ANALYSIS 4. METODOLOGIE 1 BRAND E SOCIAL

Dettagli

La salute della popolazione migrante: quale diritto, quale organizzazione, quale patto?

La salute della popolazione migrante: quale diritto, quale organizzazione, quale patto? Un patto per la salute degli immigrati: diritti, famiglia, tutela del lavoro, reti. Milano, 17 e 18 maggio 2007 TAVOLA ROTONDA La salute della popolazione migrante: quale diritto, quale organizzazione,

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

photo credits @jessicarone Quando i comportamenti social dei clienti diventano soluzioni di business

photo credits @jessicarone Quando i comportamenti social dei clienti diventano soluzioni di business photo credits @jessicarone Quando i comportamenti social dei clienti diventano soluzioni di business Non è una moda passeggera Il Social CRM è diventato un argomento di grande interesse nel 2011, con la

Dettagli

CORSO MARKET ACCESS PROGRAMMA

CORSO MARKET ACCESS PROGRAMMA CORSO MARKET ACCESS PROGRAMMA OBIETTIVI Preparare professionisti del settore life-science a ricoprire ruoli nel Market Access e a interagire efficacemente con la struttura di Market Access. Far conoscere

Dettagli

Riportiamo l'e-mail inviataci da Andrea Mandarino:

Riportiamo l'e-mail inviataci da Andrea Mandarino: Riportiamo l'e-mail inviataci da Andrea Mandarino: Dopo una breve fase sperimentale, anche la Questura di Roma sbarca sui Social Network. Per adattarsi alle nuove esigenze di comunicazione diretta, sia

Dettagli

Ushaidi per le emergenze in Liguria

Ushaidi per le emergenze in Liguria Gter s.r.l. Innovazione in Geomatica GNSS e GIS Genova, 5 novembre 2012 Cosa è Ushahidi, in lingua Swahili, significa testimone E una piattaforma free e Open Source rilasciato con licenza LGPL E sviluppato

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP 7 ottobre 2014 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 MANAGER DELLE RP: IL NUOVO RUOLO IN AZIENDA Le 5 Key-Words

Dettagli

L ESPERIENZA DEI PEDIATRI ITALIANI NELL EMERGENZA ABRUZZO 2009

L ESPERIENZA DEI PEDIATRI ITALIANI NELL EMERGENZA ABRUZZO 2009 COMMISSIONE NAZIONALE MAXIEMERGENZE SIMEUP Gruppo Intersocietario: PEDIATRIA PER LE MAXIEMERGENZE L ESPERIENZA DEI PEDIATRI ITALIANI NELL EMERGENZA ABRUZZO 2009 2009 L evento catastrofico travalica le

Dettagli

Comunicare Salute Website ed empowerment sanitario

Comunicare Salute Website ed empowerment sanitario Comunicare Salute Website ed empowerment sanitario Ufficio Stampa Istituto Superiore di Sanità Francesca Scapinelli, Mirella Taranto Trasparenza e partecipazione attiva del cittadino «Carta europea per

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 Dott.ssa Speranza Sensi ASL 3 Genovese - Regione Liguria SICUREZZA SANITARIA GLOBALE gli impegni assunti

Dettagli

L esperienza GeoSDI Della Protezione Civile Nazionale

L esperienza GeoSDI Della Protezione Civile Nazionale L esperienza GeoSDI Della Protezione Civile Nazionale a cura di Claudio Schifani Infrastruttura dei dati territoriali per la gestione di scenari di emergenza in Italia - GeoSDI Perchè Realizzare un Sistema

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

Quadro normativo e Rete Nazionale di FV

Quadro normativo e Rete Nazionale di FV Quadro normativo e Rete Nazionale di FV Andrea Marchi Servizio Politica del Farmaco Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna BOLOGNA 8 NOVEMBRE 2013 La normativa un po di storia

Dettagli

I SOCIAL MEDIA GESTIRE. 29 Novembre 2013 / 30 Novembre 2013 Z2112.4 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION

I SOCIAL MEDIA GESTIRE. 29 Novembre 2013 / 30 Novembre 2013 Z2112.4 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION GESTIRE

Dettagli

17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING

17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING 17. SISTEMA COMUNICAZIONE E MARKETING Nel 2000 è stato istituito il Sistema Comunicazione e Marketing, in applicazione di una specifica normativa ed in attuazione del Piano Sanitario Regionale 1999-2001.

Dettagli

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro

R e l a z i o n e. Ing. A. Castellini. Dott. R. Chiesa. Dott. V. Piro PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Rischio Idrogeologico AZIONI PER L INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE R e l a z i o n e Ing. A. Castellini Dott. R. Chiesa Dott. V. Piro Sommario: 1. Premessa 2. Il Piano

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini

La gestione della crisi: CRM. G. Scagliarini La gestione della crisi: CRM G. Scagliarini Obiettivi Introdurre concetto di CRM Razionale della Simulazione Cosa hanno in comune aeronautica, anestesia e emergency medicine? Elementi comuni Alta complessità

Dettagli

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana

VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012. Elisa Fontana VII CONVEGNO ANNUALE SUI CONTACT CENTER Milano, 7 giugno 2012 Elisa Fontana 1 Contenuti Chi siamo CRM, Customer experience, Customer Engagement Il consumatore e i Social Network I social network generano

Dettagli

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA

A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA A cura del Dr. Paolo De Micheli LA SPERIMENTAZIONE CLINICA IN ITALIA MEDICALSTAR Via S. Gregorio, 12 20124 MILANO Tel. 02 29404825 www.medicalstar.it info@medicalstar.it Perché i Quaderni I Quaderni sono

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

InfluNet - Casi Gravi - InfluWeb - Accessi ai Pronto Soccorso

InfluNet - Casi Gravi - InfluWeb - Accessi ai Pronto Soccorso FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale Numero 13, del 7 Maggio 21 FluNews : aggiornamento alla 17 settimana del 21 (21-2 Aprile 21) Il presente rapporto integra i risultati di differenti sistemi di

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

Il social network. dei professionisti della salute

Il social network. dei professionisti della salute Il social network dei professionisti della salute Chi è Sanitanova Sanitanova è un azienda leader nel panorama italiano nella formazione, consulenza e progettazione di modelli organizzativi, da sempre

Dettagli

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese

La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese La forza lavoro del futuro: nuove strategie gestionali e previdenziali per le imprese Marco Valerio Morelli, Mercer Valerio Salone, Mercer Ripensare l età e la sua gestione La prospettiva dell Age Management

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI

8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI 8 PASSI DI PREVENZIONE A TUTELA DELLA SALUTE DEI BAMBINI LE PROPOSTE DELL ACP NELL AMBITO DELLE CURE PRIMARIE PEDIATRICHE Il contesto - Le vaccinazioni rientrano in una funzione più ampia e articolata

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE 2013/4047 Modalità di fruizione del credito d imposta, in caso di accesso al finanziamento agevolato, per gli interventi di riparazione, ripristino o ricostruzione di immobili di edilizia abitativa e ad

Dettagli

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager

Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE. AO Legnano - 14 aprile 2005. Dott. Lodovico Marazzi - Risk Manager Risk Management Sanitario LO STATO DELL ARTE AO Legnano - 14 aprile 2005 Introduzione: Willis Uno dei primi tre gruppi di Brokeraggio Assicurativo e Risk Management a livello mondiale. La migliore performance

Dettagli

CRM per il marketing associativo

CRM per il marketing associativo CRM per il marketing associativo Gestire le relazioni e i servizi per gli associati Premessa Il successo di un associazione di rappresentanza dipende dalla capacità di costituire una rete efficace di servizi

Dettagli

Esistono cose urgenti perché ci si è mossi tardi

Esistono cose urgenti perché ci si è mossi tardi Consulenza Organizzativa e di Direzione Aziendale Esperti nella creazione, sviluppo e implementazione di Sistemi per l organizzazione aziendale: - Qualità ISO 9001 (2015) - Ambiente ISO 14001 - Gestione

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Sicurezza informatica. Strumento basilare per la business continuity

Sicurezza informatica. Strumento basilare per la business continuity Sicurezza informatica Strumento basilare per la business continuity CLUSIT- Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica Associazione "no profit" con sede presso l'università degli studi di Milano,Dipartimento

Dettagli

NEPAL. Emergenza Terremoto. Aggiornamento n. 2. 27 Aprile 2015. In evidenza

NEPAL. Emergenza Terremoto. Aggiornamento n. 2. 27 Aprile 2015. In evidenza Emergenza Terremoto NEPAL Aggiornamento n. 2 27 Aprile 2015 In evidenza L UNICEF programma di raggiungere 2,8 milioni di bambini, il 40% dei 7 milioni di abitanti dei 35 distretti colpiti L UNICEF Nepal

Dettagli

WORLD WIDE WEB MARKETING TURISTICO SOFTWARE DEVELOPMENT SOCIAL MEDIA MARKETING

WORLD WIDE WEB MARKETING TURISTICO SOFTWARE DEVELOPMENT SOCIAL MEDIA MARKETING MARKETING TURISTICO SOFTWARE DEVELOPMENT WORLD WIDE WEB SOCIAL MEDIA MARKETING AGENZIA SOCIAL MEDIA TEAM Siamo un agenzia di comunicazione e marketing digitale. Amiamo il nostro lavoro e ci entusiasmano

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Corso di alta formazione Manager per l innovazione turistica

Dettagli

PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014

PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014 PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014 Legge n.150/2000 D.P.R. 21-9-2001 n. 422 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 19 del 25/02/2014 1/9 PREMESSA L'evoluzione che caratterizza l'attuale scenario

Dettagli

Gestire l emergenza comunicando. Principi e metodi per un efficace informazione

Gestire l emergenza comunicando. Principi e metodi per un efficace informazione Gestire l emergenza comunicando. Principi e metodi per un efficace informazione Marco Lombardi Università Cattolica marco.lombardi@unicatt.it www.itstime.it "...c'è tanta informazione che arriva che è

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE PROTOCOLLO OPERATIVO PER IL CONTRASTO DELLA VIOLENZA DI GENERE DISTRETTO 2 MIRANDOLA : RUOLO DEL MEDICO DI MEDICO DI MEDICINA GENERALE DR.SSA COVIZZI RITA MORENA MMG DR.SSA DI PIETRO MARGHERITA MMG Medolla

Dettagli

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario»

Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013. L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Comunicare per «costruire salute» FORUM PA Roma, 29 maggio 2013 L uso dell ICT per lo sviluppo del «Sistema Informativo Sociosanitario» Chiara Penello Decreto Crescita 2.0 (DL 179/2012 conv. in Legge n.

Dettagli

MONIWEB Analisi dell immagine in Web 2.0

MONIWEB Analisi dell immagine in Web 2.0 MONIWEB Analisi dell immagine in Web 2.0 Eikon Strategic Consulting. Nessuna parte di questo documento puo essere usato o riprodotto senza permesso scritto INDICE Cos è il Web 2.0? Web 2.0 e la sua influenza

Dettagli

SEZIONE 1: IL VOSTRO PROGETTO

SEZIONE 1: IL VOSTRO PROGETTO SEZIONE 1: IL VOSTRO PROGETTO Titolo della vostra ricerca * Dare un titolo al proprio lavoro. Cercate di essere accattivanti e di incuriosire il lettore, come se fosse il titolo della prima pagina di un

Dettagli

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna Centro Studi Erickson Autismi. Dai bambini agli adulti, dalla famiglia alla società I Servizi per l Autismo: la situazione italiana Franco Nardocci Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato

Dettagli

50 Anni e non sentirli

50 Anni e non sentirli 50 Anni e non sentirli A un anno dal terremoto che ha colpito gravemente l Emilia, siamo stati a Mirandola per vedere a che punto è la ricostruzione della Mantovanibenne srl, che si prepara a festeggiare

Dettagli

Enterprise 2.0: un nuovo paradigma di sviluppo organizzativo

Enterprise 2.0: un nuovo paradigma di sviluppo organizzativo Enterprise 2.0: un nuovo paradigma di sviluppo organizzativo Emanuele Scotti, Partner e Co-Founder emanuele.scotti@open-knowledge.it Milano, 9 dicembre 2008 Il lavoro è cambiato Frederick Taylor (1856-1915)

Dettagli

Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola. Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco

Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola. Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco Aspetti preventivi clinici e gestionali della malattia da virus Ebola Definizione di contatto e sua gestione Toni Francesco 15 Novembre 2014 Migranti che arrivano con gli sbarchi via mare 1- La grande

Dettagli

Denominazione UC Conoscenze e capacità delle UC tecnico-professionali CONOSCENZE

Denominazione UC Conoscenze e capacità delle UC tecnico-professionali CONOSCENZE RIF. CORSO: 205-GG-9 Scheda progetto FIGURA PROFESSIONALE Denominazione corso: Durata: SOCIAL MEDIA MANAGER 200 Descrizione della figura professionale: Il Social Media Manager è in grado di applicare efficacemente

Dettagli