Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Direttore: Dott.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Direttore: Dott."

Transcript

1 Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Direttore: Dott. Maurizio Lestani CARTA DEI SERVIZI

2 1 INDICE 1. MODALITÀ DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI pag MODALITÀ DI CONSEGNA DEL MATERIALE pag MODALITÀ DI PAGAMENTO pag TEMPI DI CONSEGNA DEI REFERTI pag MODALITÀ DI CONSEGNA DEI REFERTI pag GARANZIA E TUTELA DELL UTENTE pag MISSIONE DELL U.O.C. DI ANATOMIA PATOLOGICA pag PRESTAZIONI EROGATE pag STRUMENTAZIONE IN DOTAZIONE pag INDICATORI DI GESTIONE pag DOCUMENTI ALLEGATI pag ORGANIGRAMMA pag. 12

3 2 1. MODALITÀ DI ACCESSO ALLE PRESTAZIONI 1.1. UBICAZIONE DELL UNITÀ OPERATIVA - Ospedale di Arzignano, via del Parco 1 Anatomia Patologica Ingresso B seminterrato, piano 1 (percorso GIALLO) - Ospedale di Valdagno, via Galileo Galilei 3 Anatomia Patologica - presso il Laboratorio Analisi piano rialzato 1.2. ORARIO DI ATTIVITÀ Segreteria Lunedì-Venerdì 8:00 15:00 Laboratorio Lunedì-Venerdì 8:00 15:00 Medici Lunedì-Venerdì 9:00 18:00 Utenti esterni: Sede di Arzignano dal Lunedì al Venerdì dalle 8:30 alle 13:00 Giovedi dalle 8:30 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 15:00 Sede di Valdagno dal Lunedì al Venerdì dalle 10:00 alle 12:00 Si raccomanda di portare: - tessera Sanitaria TEAM (con Codice Fiscale); - impegnativa SSSR (in caso di pazienti esterni che richiedano prestazioni in regime di Servizio Socio-Sanitario Regionale); - ricetta bianca debitamente firmata e timbrata dal Medico che richiede l esame (nel caso di pazienti esterni che scelgano la modalità di Libera Professione); - apposita modulistica prestampata (nel caso di Centri Medici Privati). Reparti o Ambulatori: Sede di Arzignano dal Lunedì al Venerdì dalle 8:00 alle 14:00 Sede di Valdagno dal Lunedì al Venerdì dalle 10:00 alle 12:00 Al di fuori di tali orari, il materiale può essere consegnato in Anatomia Patologica solo se immerso in adeguato liquido fissativo.

4 Esami estemporanei intraoperatori ( criostati ): 3 Solo presso la Sede di Arzignano dal Lunedì al Venerdì dalle 9:00 alle 14:30 Al di fuori di tale orario, l esame estemporaneo deve essere preventivamente concordato con il Medico Anatomo-Patologo di turno CONTATTI Segreteria: Il personale di Segreteria si occupa della gestione contatti, della registrazione ed accettazione dei campioni e dello smistamento e spedizione dei referti Segreteria Arzignano (Elena Gregna Laura Cracco) Segreteria Valdagno (Stefania Franceschi) Coordinatore Tecnico (Lisa Battistin) Fax Arzignano Fax Valdagno U.O.C. di Anatomia Patologica ULSS5 Ovest Vicentino Via del Parco, Arzignano (VI) Contatti con il personale medico Il personale medico è a disposizione dell utente (Medico Specialista o Medico di Medicina Generale) per attività di consulenza e/o di chiarimento del contenuto delle diagnosi formulate, secondo le seguenti modalità: - consulenze telefoniche (Lunedì - Venerdì dalle 14:00 alle 16:00) - colloquio (su appuntamento tramite segreteria) - audit clinici Si precisa che gli unici operatori autorizzati a fornire agli utenti, siano essi interni o esterni, informazioni di carattere sanitario sono i Dirigenti Medici ed i Dirigenti Biologi; in particolare, il Medico che ha formulato la diagnosi ne può discutere solo con il Medico che ha richiesto l esame oppure direttamente con il paziente. Il Dirigente Biologo fornisce informazioni di carattere sanitario nei limiti della sua competenza. Dr. Maurizio Lestani Dr. Vittorio Rucco Dr. Antonio Paniccià Bonifazi Dr. Daniela Reghellin Dr. Nicola Schiavo Dr. Laura Corponi Dr. Maria Santacatterina

5 2. MODALITÀ DI CONSEGNA DEL MATERIALE 4 Il materiale (sia campioni citologici che istologici) può essere fatto pervenire all U.O.C. di Anatomia Patologica secondo le seguenti modalità: a) consegna diretta ai due punti di accettazione dell U.O.C. di Anatomia Patologica. Per ubicazione, modalità e orari di consegna vedi i punti 1.1 e 1.2. Tutti i campioni consegnati al punto di raccolta di Valdagno vengono successivamente inviati dal personale di Segreteria all U.O.C. di Anatomia Patologica di Arzignano b) consegna a cura del personale addetto dei singoli Reparti, ai due punti di raccolta situati rispettivamente presso: - Ospedale di Lonigo, nei locali del Servizio di Laboratorio Analisi, al piano Terra: il personale addetto al trasporto (dipendente dalla Dirigenza Medica) effettua n 1 turno di raccolta giornaliero, Sabato e Festivi esclusi, alle ore 9:00. - Ospedale di Montecchio Maggiore, nei locali del Servizio di Laboratorio Analisi, al 1 piano: il personale addetto al trasporto (dipendente dalla Dirigenza Medica) effettua n 1 turno di raccolta giornaliero, Sabato e Festivi esclusi, alle ore 8:00. Si precisa che solo il materiale citologico che perviene alla sede di Arzignano dell U.O.C. di Anatomia Patologica entro le ore 10:30 viene processato nel corso della giornata stessa. Il materiale citologico relativo alla campagna di Screening per la diagnosi precoce del carcinoma della cervice uterina viene raccolto presso l U.O.C. di Anatomia Patologica sede di Arzignano ed inviato all U.O.C. di Anatomia Patologica Ospedale di Santorso (ULSS4) per l allestimento e la scansione informatica. I vetrini allestiti con i supporti informatici relativi (DVD con immagini scansite) rientrano quindi all U.O.C. di Anatomia Patologica, per la lettura computer-assistita (accordo di collaborazione interlaboratorio in Area Vasta Vicentina ). E inoltre attivo un protocollo di controllo di qualità, strutturato/continuativo in citologia cervico-vaginale che coinvolge le 4 U.O.C. di Anatomia Patologica attive nella provincia di Vicenza (ULSS3, ULSS4, ULSS5 e ULSS6). 3. MODALITÀ DI PAGAMENTO Il pagamento della prestazione in regime di SSSR e di Libera Professione deve essere fatto prima della prestazione presso: l Ufficio Cassa di uno dei quattro Presidi Ospedalieri (Valdagno, Arzignano, Montecchio Maggiore, Lonigo) dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.00 alle ore tramite Cassa Automatica di uno dei quattro Presidi Ospedalieri (Valdagno, Arzignano, Montecchio Maggiore, Lonigo) con Bonifico o Vaglia Postale L eventuale esenzione per patologia o reddito deve essere indicata sull impegnativa dal Medico richiedente. Per i pazienti non esenti, le prestazioni in regime SSSR prevedono il pagamento del ticket e di una quota fissa per ricetta di 10 o di 5 per chi appartiene a nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a (in questo caso il paziente compila l'autocertificazione, o presenta l impegnativa attestante esenzione 7RQ).

6 5 4. TEMPI DI CONSEGNA DEI REFERTI 4.1 TRIAGE DEL CAMPIONE CITO-ISTOLOGICO IN SEDE DI ACCETTAZIONE Il medico prescrittore dei diversi Reparti/Servizi identifica il grado di priorità dei campioni inviati all U.O.C. di Anatomia Patologica apponendo sulle richieste bollini di diverso colore: - Rosso: esame intraoperatorio/emergenza diagnostica - Giallo: esame urgente - Blu: esame in Libera Professione - Nessun bollino : esame di routine 4.2 TRIAGE DEL CAMPIONE CITO-ISTOLOGICO IN SEDE DI CAMPIONAMENTO MATERIALE In sede di diagnostica macroscopica il Medico Patologo ha il compito di identificare quei casi che pur segnalati come casi di routine - presentano caratteri di urgenza, identificandoli con bollino giallo. 4.3 TEMPI MEDI DI CONSEGNA I tempi medi di produzione del referto sono calcolati dall atto dell accettazione alla refertazione e sono condizionati dal numero di persone in servizio che può essere ridotto da condizioni contingenti (malattia, congedi straordinari, mobilità) - Esami istologici urgenti: 4 giorni lavorativi - Esami istologici di routine (inclusa l eventuale valutazione dei fattori prognosticopredittivi): 20 giorni lavorativi - Esami citologici urgenti (citologia esfoliativa extravaginale o agoaspirativa): 2 giorni lavorativi - Esami citologici di routine (citologia esfoliativa extravaginale o agoaspirativa): 7 giorni lavorativi - Esami citologici cervico-vaginali (Pap test) da Programma Regionale di Screening: 30 giorni lavorativi - Esami citologici cervico-vaginali (Pap test) non da Screening: 15 giorni lavorativi - Esami di Biologia Molecolare: 7 giorni lavorativi - Relazione di riscontro diagnostico: tre mesi In regime di Libera Professione l attività viene svolta dal personale medico, tecnico e amministrativo al di fuori del normale orario di servizio. 5. MODALITÀ DI CONSEGNA DEI REFERTI 5.1 AI REPARTI/SERVIZI Giornalmente i referti destinati all Ospedale di Arzignano vengono depositati nelle cassette relative ai vari Reparti/Servizi situate presso la Portineria dell Ospedale di Arzignano; i referti destinati agli Ospedali di Valdagno, Montecchio Maggiore e Lonigo vengono messi nell apposito casellario dell Open Space del Laboratorio Analisi di Arzignano.

7 5.2 ALL UTENTE ESTERNO La consegna dei referti è effettuata presso la Portineria dei vari Presidi Ospedalieri con orario continuato (Ospedali di Arzignano, Montecchio Maggiore e Lonigo dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8:00 alle ore 20:00; il Sabato dalle 8:00 alle 13:00; Ospedale di Valdagno dal Lunedì al Venerdì dalle ore 7:30 alle ore 19:30; il Sabato dalle 7:30 alle 12:30) e previa presentazione di documento di riconoscimento e ricevuta di pagamento della prestazione; nel caso di delega al ritiro, il delegato deve essere munito, oltre che di delega e di ricevuta di pagamento, anche di documento di identità del delegante e del delegato (anche in fotocopia). L utente esterno (sia esami con impegnativa SSSR, sia esami in Libera Professione) può richiedere, al momento della consegna del materiale alla Segreteria dell Anatomia Patologica o del prelievo presso gli Ambulatori esterni (es: Endoscopia Digestiva), la spedizione del referto ad un indirizzo specifico (previo pagamento della prestazione e delle spese di spedizione). 5.3 REFERTO DIGITALE I referti sono direttamente consultabili e stampabili da computer da parte dei Reparti dell ULSS5 abilitati SEGNALAZIONI E RECLAMI 6. GARANZIA E TUTELA DELL UTENTE Segnalazioni o reclami degli utenti sono considerati contributi al miglioramento del Servizio. Si possono formulare verbalmente o in forma scritta ai seguenti indirizzi: U.O.C. di Anatomia Patologica ULSS5 Ovest Vicentino Via del Parco, Arzignano (VI) Tel /9461/ Segreteria Sede di Arzignano Tel Segreteria Sede di Valdagno U.R.P. (Ufficio Relazioni con il Pubblico) ULSS5 Ovest Vicentino Via del Parco, Arzignano Tel RISPETTO DELLA PRIVACY Il referto prodotto nell'u.o.c. di Anatomia Patologica è un documento con dignità giuridica e valore legale e probatorio (se firmato), contenente dati sensibili. Non è concettualmente diverso dalla cartella clinica: l'utente del servizio (paziente o medico che ha richiesto l esame) è l'unica persona che può accedere al dato.

8 7. MISSIONE DELL U.O.C. DI ANATOMIA PATOLOGICA 7 All'Anatomia Patologica afferisce l'attività diagnostica istologica, citologica ed autoptica dell ULSS5. E funzionalmente strutturata in una Unità Operativa Complessa di Anatomia Patologica (Ospedale di Arzignano) e in una Unità Operativa Semplice ( Presidio di Isto-citopatologia diagnostica dell Ospedale di Valdagno). L Anatomia Patologica svolge la propria attività usufruendo di competenze d'alta specializzazione in diversi campi della patologia umana e di attrezzature automatiche o semi-automatiche per indagini immunoistochimiche e di biologia molecolare (laboratorio di Biologia Molecolare). L'utilizzo di queste attrezzature è finalizzato ad un accurata diagnosi. Nel settore della patologia oncologica ci si pone, in particolare, l obiettivo di valutare i fattori biologici che concorrono a definire la prognosi delle diverse neoplasie e di identificare i fattori predittivi della risposta alla terapia. 7.1 AREE DI ATTIVITÀ L Unità Operativa di Anatomia, Istologia e Citologia Patologica dell ULSS5 Ovest Vicentino fa parte del Dipartimento di Diagnosi e Cura. L attività diagnostica si articola in cinque principali settori: 1. Istologia chirurgica e diagnostica estemporanea; 2. Citopatologia clinica; 3. Citologia di Screening; 4. Biologia Molecolare; 5. Riscontri diagnostici (autopsie). Le attività diagnostiche comprendono: una fase di prelievo (input) che, in prevalenza eseguita da Sanitari di reparti clinici, può essere eseguita anche da Sanitari della nostra unità operativa (agoaspirati di lesioni palpabili o sotto guida ecografica), oppure da personale infermieristico interdipartimentale (Pap test di Screening del carcinoma del collo uterino); una fase tecnico/analitica, in cui il materiale viene valutato e allestito in preparati per l osservazione microscopica; una fase cognitivo-analitica, in cui i reperti macro e microscopici vengono correlati con i dati clinici e tradotti in un risultato finale (output) rappresentato da un referto diagnostico scritto; una fase documentale e di comunicazione, che permette il trasferimento del referto al richiedente e la razionale archiviazione dei dati prodotti e dei preparati allestiti. L Unità Operativa collabora all attività terapeutica oncologica definendo i criteri prognostici delle neoplasie (stadiazione, tipizzazione e valutazione della espressione dei marcatori tumorali) e, per alcuni tipi di tumori, i dati molecolari predittivi della risposta a farmaci target. A supporto dell attività diagnostica operano, come articolazioni tecniche interne: il laboratorio di allestimento istologico; il laboratorio di allestimento citologico; la sezione di tecnica immunoistochimica e di ISH (ibridazione in situ); il laboratorio di biologia molecolare; il settorato anatomico.

9 8 Per l attività di prelievo, quando non direttamente effettuata dai Sanitari richiedenti, i Medici, i Biologi e i Tecnici del Servizio, su richiesta programmata, sono disponibili a recarsi presso i vari Reparti, Servizi ed Ambulatori per: esecuzione di agoaspirati di organi e masse superficiali attività di assistenza all esecuzione di agoaspirati, agobiopsie, biopsie stereotassiche sotto controllo ecografico e radiografico. 7.2 UTENZA L Unità Operativa effettua istituzionalmente o per convenzione le prestazioni previste dall elenco delle prestazioni della disciplina di Anatomia e Istologia Patologica e Citopatologia diagnostica per i Presidi Ospedalieri di Arzignano, di Valdagno, di Montecchio Maggiore e di Lonigo, per gli Ambulatori, Distretti e Consultori dell ULSS5 e per utenti pubblici o privati che, convenzionati o meno con il SSSR, si rivolgono direttamente o indirettamente alla Unità Operativa per prestazioni previste nell elenco. 7.3 OBIETTIVO Obiettivo primario dell Unità Operativa di Anatomia Patologica è fornire diagnosi accurate, complete, tempestive e clinicamente rilevanti, basate sull osservazione di reperti morfologici e di preparati cito-istologici ed immunocitochimici allestiti secondo procedure tecniche ottimali. I dati complessivi di attività e le caratteristiche di accuratezza, completezza e tempestività sono monitorati costantemente con specifici indicatori. Obiettivi complementari: Integrazione dei dati diagnostici derivanti dalle tecniche morfologiche tradizionali con dati derivanti da tecniche di biologia molecolare (PCR e ibridazione in situ) Miglioramento della correlazione anatomo-clinica in collaborazione con i colleghi specialisti delle altre branche clinico-chirurgiche Partecipazione attiva ai programmi di medicina preventiva mediante gli Screening del carcinoma del collo uterino, del colon-retto e della mammella Aggiornamento continuo in Anatomia Patologica, mediante l organizzazione e la partecipazione a Corsi e Convegni Attività di consulenza medico-legale 7.4 VISION L Unità Operativa di Anatomia Patologica è tesa ad ottenere la piena soddisfazione del Cliente finale, rappresentato dall Assistito o Paziente, e del Cliente intermedio, rappresentato dal Sanitario che richiede per l Assistito o Paziente le prestazioni della Unità Operativa. La Direzione dell Unità Operativa, in piena sintonia con le indicazioni della Direzione Strategica dell ULSS5, realizza tale obiettivo attraverso l adozione delle tecnologie più aggiornate ed affidabili per efficienza ed efficacia, la migliore organizzazione procedurale interna ed il coinvolgimento di tutto il personale, favorendo l integrazione della attività diagnostica e clinica.

10 9 La Direzione dell Unità Operativa si pone, inoltre, l obiettivo di creare le migliori condizioni di collaborazione all interno della struttura e tra il personale dell U.O.C. e l intera struttura aziendale. La Direzione è garante del rispetto delle procedure operative e del coinvolgimento di tutto il personale nella gestione e nel miglioramento del sistema. 8.1 DIAGNOSTICA ISTOLOGICA 8. PRESTAZIONI EROGATE esame di campioni bioptici (biopsie incisionali; escissionali; agobiopsie) esame di campioni chirurgici diagnostica estemporanea intra-operatoria (valutazione macroscopica, citologica e/o istologica) 8.2 DIAGNOSTICA CITOLOGICA citologia esfoliativa cervico-vaginale (Pap test) (metodica tradizionale e metodica in strato sottile con analisi computer assistita) citologia esfoliativa senologica (secreto mammario) citologia esfoliativa dei versamenti da cavità sierose citologia esfoliativa urologica (urine e lavaggio vescicale) citologia esfoliativa alte e basse vie respiratorie (espettorati, broncoaspirati, brushing bronchiali, lavaggi broncoalveolari) citologia agoaspirativa (metodica FNAC su neoformazioni d organo) 8.3 DIAGNOSTICA MOLECOLARE (IMMUNOISTOCHIMICA e TECNICHE DI IBRIDAZIONE in situ) Indagini immunoistochimiche per determinazione di: marcatori di differenziazione e di istogenesi Indagini immunoistochimiche quantitative: recettori ormonali e fattori di crescita tumorali, indice di proliferazione cellulare Indagini con tecniche di ibridazione in situ: studio dello stato di amplificazione del gene Her2 8.4 DIAGNOSTICA MOLECOLARE (PCR) Ricerca micobatterio tubercolare Ricerca di espressione genica alterata nella diagnostica dell emocromatosi ereditaria Ricerca e genotipizzazione dei virus del papilloma umano (HPV) Riarrangiamento genetico delle catene pesanti delle immunoglobuline e del TCR gamma (diagnostica differenziale dei processi linfoproliferativi)

11 9. STRUMENTAZIONE IN DOTAZIONE 10 Attualmente la dotazione strumentale è adeguata sia alla tipologia che alla quantità di esami effettuati dall U.O.C e permette la standardizzazione ottimale sia dei processi che dei risultati tramite l utilizzo, dove è possibile, di strumenti automatizzati (istoprocessatori, coloratori). La nostra U.O.C. è dotata anche di alcuni strumenti particolarmente all avanguardia: - N 1 immunocoloratore - N 1 microscopio digitale - N 2 apparecchiature per l allestimento del prepa rato citologico in strato sottile - N 1 microscopio multipostazione (a cinque postaz ioni per la visione multipla e contemporanea dei preparati, per la discussione di casi particolari e complessi ed anche per l attività didattica) 10. INDICATORI DI GESTIONE L U.O.C. utilizza indicatori di qualità relativi alle infrastrutture, alle risorse umane e alle prestazioni erogate. In particolare tali indicatori di qualità riguardano: - INFRASTRUTTURE 1. LOCALI (adeguati alle prestazioni erogate) 2. ATTREZZATURE (tecnologicamente e scientificamente aggiornate) 3. RISPETTO DELLE NORMATIVE DI SICUREZZA (tese alla salute dei lavoratore in ottemperanza alle vigenti disposizioni) - QUALITA OPERATIVE 1. controllo dell adeguatezza dei materiali pervenuti quotidianamente; in particolare congruità e corrispondenza tra materiale inviato nel contenitore, nominativo, ecc. 2. controllo giornaliero degli allestimenti (inclusione, colorazioni) 3. verifica periodica degli strumenti 4. uso di terminologie standardizzate nella refertazione (WHO ICD-O/SNOMED) 5. correlazione cito-istologica di tutti i casi di citologia da agoaspirazione e cervicovaginale 6. revisione periodica dei preparati e delle diagnosi formulate (monitoraggio di falsi negativi e falsi positivi).

12 11. DOCUMENTI ALLEGATI Istruzioni per la raccolta dei campioni istologici 2. Istruzioni per la raccolta dei campioni citologici 3. Esame citologico delle urine: modalità di raccolta 4. Esame citologico dell escreato: modalità di raccolta 5. Richiesta di esame isto-citologico 6. Richiesta di esame istologico mammella 7. Richiesta di Pap test e/o esame citologico endometriale 8. Richiesta di esame isto-citologico in modalità Libera Professione 9. Richiesta di Pap test e/o esame citologico endometriale in modalità Libera Professione 10. Regolamento Aziendale di Pubblica Tutela Gli allegati sono disponibili in formato pdf sul sito:

13 ORGANIGRAMMA Maurizio Lestani MD Direttore U.O.C. Vittorio Rucco MD Responsabile U.O.S. (Valdagno) Antonio Panniccià Bonifazi MD Daniela Reghellin MD Nicola Schiavo MD Laura Corponi BD Inc. di Alta Professionalità (Citopatologia) Maria Santacatterina BD Resp. Laboratorio di Biologia Molecolare Lisa Battistin Antonella Rancan Roberta Bedin Matteo Ferron Alessia Dalla Valle Cinzia Moro Paola Perantoni Andrea Ragno Carla Giacon Silvia Bertini Tecnico Lab. Master 1 livello - Coordinatore Tecnico Lab. Senior Tecnico Lab. Senior Tecnico Lab. LT Tecnico Lab. LT Tecnico Lab. LT Tecnico Lab. LT Tecnico Lab. LT OSS AA Elena Gregna Laura Cracco Stefania Franceschi Segretaria/AA Segretaria/AA Segretaria/AA MD BD LT OSS AA medico dirigente biologo dirigente laurea triennale operatore socio-sanitario assistente amministrativo

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo

Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007. Unità Operativa di Anatomia Patologica Ospedale di Bussolengo Carta dei Servizi rev. 1 aprile 2007 Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Azienda ULSS n. 22 Bussolengo (VR) Dipartimento di Diagnosi e Cura Unità Operativa di Ospedale di Bussolengo Monoblocco -

Dettagli

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA

Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA Unità Operativa Complessa ANATOMIA PATOLOGICA sanitaria Descrizione L obiettivo fondamentale è fornire diagnosi corrette, complete, tempestive e clinicamente rilevanti. Gli esami istologici e citologici

Dettagli

Area Funzionale Omogenea Anatomia ed Istologia Patologica. 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente

Area Funzionale Omogenea Anatomia ed Istologia Patologica. 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente Area Funzionale Omogenea 1.0 Carta dei servizi per il cittadino utente Pag. 2 di 9 INDICE 1.1 Generalità 3 1.2 Missione 3 1.3 Il team 3 1.3.1. Come trovarci 4 1.3.2. Orario del servizio 4 1.4 Prodotti

Dettagli

Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica

Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Patologia Clinica e Medicina Trasfusionale Unità Operativa Aziendale di Anatomia Patologica Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Patologia

Dettagli

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI

CATALOGO PRESTAZIONI PER I CLIENTI UTENTI ESTERNI U. O. ANATOMIA PATOLOGICA - LEGNANO Direttore Dott.ssa Agnese Assi Telefono segreteria: 0331/449358-449266 Fax:0331/449266 e-mail: anatomopatologialegnano@ao-legnano.it Indirizzo: Via Candiani,2-20025

Dettagli

Guida al Servizio. Anatomia Patologica

Guida al Servizio. Anatomia Patologica Guida al Servizio Anatomia Patologica Ospedale Gorizia Responsabile dott. Antonio Colonna Edificio Principale - Sesto Piano Area O Viale Fatebenefratelli, 34 Centralino Ospedale tel. 0481/5921 Ospedale

Dettagli

MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI

MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI Pg 1/ 10 MANUALE UTENTI/CARTA DEI SERVIZI INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER RACCOLTA, PRELIEVO, CONSERVAZIONE, TRASPORTO DEI MATERIALI BIOLOGICI Redazione Verifica Approvazione Data Funzione Visto Data Funzione

Dettagli

Mission e Obbiettivi Attività svolta ARZIGNANO MONTECCHIO MAGGIORE VALDAGNO LONIGO

Mission e Obbiettivi Attività svolta ARZIGNANO MONTECCHIO MAGGIORE VALDAGNO LONIGO REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N.5 36071 ARZIGNANO (VI) Via Trento n.4 UNITA OPERATIVA RADIOLOGIA DIRETTORE DR. PIVETTA GIORGIO CARTA DEI SERVIZI Data di prima redazione:15/10/2009

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Anatomia Patologica per il Paziente

Anatomia Patologica per il Paziente Anatomia Patologica per il Paziente LA DIVISIONE DI ANATOMIA PATOLOGICA, CITOLOGIA DIAGNOSTICA E GENETICA MEDICA DELL AZIENDA OSPEDALIERA SAN GERARDO. ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO Tipologia esami Utenti

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali. - Attività svolta. - Accesso al servizio.

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali. - Attività svolta. - Accesso al servizio. REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali - Attività svolta - Accesso al servizio - Il reparto - Standards di Qualità Informazioni Generali U.O.C. DI UROLOGIA Direttore:

Dettagli

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO

S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO S. C. di CHIRURGIA GENERALE OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Complessa di Chirurgia fa parte del Dipartimento di Chirurgia Generale e d Urgenza. Comprende la Struttura Semplice

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA. Informazioni Generali

REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA. Informazioni Generali REGOLAMENTO INTERNO U.O.C. UROLOGIA - I N D I C E - - Informazioni generali - Attività svolta - Accesso al servizio - Il reparto - Standards di Qualità Informazioni Generali U.O.C. DI UROLOGIA Direttore:

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29

Consultare : http://www.ginecologia.unipd.it/ http://www.sanita.padova.it/reparti/ostetricia-e-ginecologia-clinica,1001,29 Pagina 1 di 14 Indice Presentazione pag. 2 Attività ambulatoriale pag. 3 Ambulatorio ed orari pag. 6 Modalità di accesso pag. 8 Modulo soddisfazione pag. 14 Gentile Signora, il Personale Sanitario desidera

Dettagli

Regione Veneto - Ulss 5 Ovest Vicentino. Dipartimento delle Diagnostiche Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica

Regione Veneto - Ulss 5 Ovest Vicentino. Dipartimento delle Diagnostiche Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Regione Veneto - Ulss 5 Ovest Vicentino Dipartimento delle Diagnostiche Unità Operativa Complessa di Anatomia, Istologia, Citologia Patologica Direttore: Dott. Maurizio Lestani REGOLAMENTO INTERNO 1 Indice

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

L aggiornamento professionale in citologia

L aggiornamento professionale in citologia L aggiornamento professionale in citologia Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Azienda Ospedaliera S. Giovanni-Addolorata, Roma SEMINARIO DI CITOLOGIA E CITOGENETICA: ASPETTATIVE E PROSPETTIVE

Dettagli

Sommario Carta dei Servizi Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2

Sommario Carta dei Servizi Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2 Pag. 1 di 7 Sommario Umbra Salus srl 1. Mission... 2 2. Vision e obiettivi... 2 3. Presentazione della Struttura... 2 3.1 I servizi offerti... 2 3.2 Come arrivare a Umbra Salus srl... 3 3.3 Orari di apertura...

Dettagli

Il Pap test come test primario nello screening

Il Pap test come test primario nello screening Il Pap test come test primario nello screening Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Az. Osp. S.Giovanni-Addolorata Roma Lo screening non è fare un Test Cosa è lo screening? un esame sistematico,

Dettagli

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA.

Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. Scuola di specializzazione in ANATOMIA PATOLOGICA. La Scuola di specializzazione in Anatomia Patologica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe della

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

corso di citologia tiroidea

corso di citologia tiroidea PreSentAzIone IntroduzIone: L introduzione della citologia per aspirazione con ago sottile ha rappresentato un notevole progresso nella diagnostica delle lesioni tiroidee. Infatti, benché le innovazioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------ CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------ Dr. Salvatore ROMANO Spec. in Chirurgia Plastica Spec. in Oncologia Sede studio: piazza G. Garibaldi 45 Rapallo Telefono fisso:

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS

OSPEDALE CLASSIFICATO VILLA SALUS CARTA DEI SERVIZI DEL SERVIZIO DI RADIOLOGIA Revisione Revisione 00 del 01/06/2010 Revisione 01 del 16/07/2012 Revisione 02 del 08/10/2013 Revisione 03 del 27/02/2015 Revisione 04 del 23/09/2015 Modifiche

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

Prove di screening a Rebibbia

Prove di screening a Rebibbia Verona 14 Dicembre 2010 Prove di screening a Rebibbia M. Mangia F. Odoardi E. Rossi UOC Programmi Di Prevenzione e Screening Asl RmB I detenuti e gli internati hanno diritto, al pari dei cittadini in stato

Dettagli

esame citomorfologico cervico vaginale in un contesto clinico e di triage (II livello)

esame citomorfologico cervico vaginale in un contesto clinico e di triage (II livello) PreSentAzIone esame citomorfologico cervico vaginale IntroduzIone: Il recente Health technology Assessment on HPVdnA Based Screening for Cervical Cancer Precursors, pubblicato da epidemiol Prev 2012,36

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

ESSERE RESPONSABILI: PERCORSI INDIVIDUALI IN UN OTTICA DI GRUPPO Responsabilità professionale del Tecnico sanitario biomedico Anatomia Patologica

ESSERE RESPONSABILI: PERCORSI INDIVIDUALI IN UN OTTICA DI GRUPPO Responsabilità professionale del Tecnico sanitario biomedico Anatomia Patologica ESSERE RESPONSABILI: PERCORSI INDIVIDUALI IN UN OTTICA DI GRUPPO Responsabilità professionale del Tecnico sanitario biomedico Anatomia Patologica C. Parodi D. De Leonardis ASL2 S.C. Anatomia Patologica

Dettagli

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY

GINECOLOGIA. Guida al DAY SURGERY GINECOLOGIA Guida al DAY SURGERY Gentile utente, questa guida contiene le informazioni utili per accedere al Day Surgery. Le indicazioni che troverà nella guida la faciliteranno nel percorso pre e post

Dettagli

BIOANALITICO DELTA S.r.l.

BIOANALITICO DELTA S.r.l. CARTA DEI SERVIZI DEL LABORATORIO ANALISI MEDICHE BIOANALITICO DELTA S.r.l. Via Clara Maffei, 14 24121 Bergamo Tel. 035-221565, Fax 035-235848, e-mail: info@laboratoriobioanaliticodelta.it Aggiornato alla

Dettagli

Il GiISCi ed il Controllo di qualità nello screening citologico cervico-vaginale: Cosa è cambiato.

Il GiISCi ed il Controllo di qualità nello screening citologico cervico-vaginale: Cosa è cambiato. Il GiISCi ed il Controllo di qualità nello screening citologico cervico-vaginale: Cosa è cambiato. Paolo Dalla Palma Trento Indicatori screening Cervico-vaginale 1. Estensione Teorica o estensione dei

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

Estensione e Miglioramento del Programma per lo Screening Oncologico del Cancro della Cervice Uterina.

Estensione e Miglioramento del Programma per lo Screening Oncologico del Cancro della Cervice Uterina. Regione Abruzzo - Assessorato alla Sanità Piano Nazionale della Prevenzione 200 2007 (Intesa Stato Regioni 23 Marzo 200) Legge 138 del 2004 art. 2 bis Estensione e Miglioramento del Programma per lo Screening

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Screening oncologici

Screening oncologici Screening oncologici Il Centro Screening Oncologici, fa parte della UOC di Igiene e Sanità Pubblica nel Dipartimento di Prevenzione ed il Responsabile della struttura è il Dott. Francesco Silvio Congiu.

Dettagli

Ospedale Guglielmo da Saliceto

Ospedale Guglielmo da Saliceto Ospedale Guglielmo da Saliceto Laboratorio Analisi BIOCHIMICA MICROBIOLOGIA (EDIZIONE Aprile 2014) INDICE 1. PRESENTAZIONE DEL LABORATORIO ANALISI 2. CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO 2.1. MODALITÀ DI ACCESSO

Dettagli

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050 Carta dei servizi INFORMAZIONI GENERALI Scopo di questa Carta dei servizi è quello di offrire le informazioni per

Dettagli

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Guida ai Servizi Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO ------------------------

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO ------------------------ CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO ------------------------ Dott. Benvenuto Maria Nicoletta Specialista in: Anestesia e rianimazione Dott. Borzone Stefano Specialista in:gastroenterologia ed endoscopia

Dettagli

Rev. N Data Descrizione modifiche

Rev. N Data Descrizione modifiche A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale codice: PR-ANP-002-ICB MANUALE DELLE PROCEDURE pag. 1 di pag. 6 S.C. ANATOMIA PATOLOGICA DIRETTORE Dr. STEFANO TARAGLIO PROCEDURA 2 INVIO CAMPIONI BIOLOGICI Nome Firma

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE

BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE Con Il Patrocinio BIOLOGIA MOLECOLARE E DIAGNOSI DELLE NEOPLASIE VESCICALI: FOLLOW-UP ED IMPLICAZIONI PROGNOSTICHE PRESIDENTI DEL CONVEGNO: Prof. Vito Pansadoro Dott. Vittorio Grazioli ROMA 12 aprile 2013

Dettagli

Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari Alta Specializzazione nell Assistenza Clinica e Chirurgica Sede Legale - Via Ospedale 54 09124 Cagliari

Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari Alta Specializzazione nell Assistenza Clinica e Chirurgica Sede Legale - Via Ospedale 54 09124 Cagliari SERVIZIO DIABETOLOGIA E MALATTIE METABOLICHE P.O. S.Giovanni di Dio tel 070 6092358 CAGLIARI CARTA DI ACCOGLIENZA PER IL PAZIENTE Presentazione Gentile Signora/e Con questo opuscolo desideriamo metterla

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. De Falco Maria Luisa Data di nascita 24/04/1955. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. De Falco Maria Luisa Data di nascita 24/04/1955. Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) INFORMAZIONI PERSONALI Nome De Falco Maria Luisa Data di nascita 24/04/1955 Qualifica Dirigente Biologo Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Allegato A PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Background Epidemiologico Esclusi i carcinomi della cute, In Italia i cinque tumori più frequentemente diagnosticati

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P I E MO NTE Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Ospedale Niguarda Ca Granda Milano

Ospedale Niguarda Ca Granda Milano SPECIFICHE DEL SERVIZIO FORNITO CENTRO ANTI VELENI C. A. V. Ospedale Niguarda Ca Granda Milano DOC.VP01 SPECIFICHE DEL SERVIZIO Rev. 1del 10.12. 2004 Pag. 1 / 7 INDICE CENTRO ANTIVELENI (C.A) - MILANO

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014

CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 A.G.I. Medica srl Poliambulatorio A.G.I. Medica Viale Toselli 94 Siena CARTA SERIVIZI Siena, 07/01/2014 Pagina 1 di 6 Chi siamo Il POLIAMBULATORIO A.G.I. Medica, gestito dalla società A.G.I. Medica srl,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete MEDISETTE (accordi regionali 2009) Medici Associati LODI ASL 306 DOTT. ARAGIUSTO GIUSEPPE Specialista in Malattie dell Apparato Respiratorio Medico

Dettagli

CARTA DEGLI IMPEGNI LABORATORIO ANALISI CLINICHE

CARTA DEGLI IMPEGNI LABORATORIO ANALISI CLINICHE POLIAMBULATORIO SPECIALISTICO PRIVATO Centro Diagnostico Cavour S.R.L. Via Del Lavoro,40 40127 Bologna CARTA DEGLI IMPEGNI LABORATORIO ANALISI CLINICHE Edizione 01/ 2015 Gentile Signore/ Signora, il documento

Dettagli

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...

1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO... Pagina 1 di 6 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RESPONSABILITÀ...2 3. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI...2 3.1 Definizioni...2 3.2 Abbreviazioni...2 4. MODALITÀ DI INVIO DEI CAMPIONI AL LABORATORIO...2

Dettagli

B R E O IO TR N EN ITAR C SAN IO D C SO O L A

B R E O IO TR N EN ITAR C SAN IO D C SO O L A B R E N D O L A CENTRO SOCIOSANITARIO Brendola CENTRO SOCIOSANITARIO BRENDOLA TRE INSIEME ATTORI I medici di Brendola, lungo il percorso di collaborazione instauratosi da anni, sono giunti alla determinazione

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

GUIDA AI SERVIZI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI GUIDA AI SERVIZI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI group Sedi di Acerra (NA) - Via Alcide De Gasperi, 25 DIRETTORE TECNICO: Dott. G.M. FIERRO ESAMI: Radiologia Tradizionale Digitalizzata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ INFORMAZIONI GENERALI

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ INFORMAZIONI GENERALI CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ Dr. COGORNO Stefano Dr. DAPELO Federico Dr. LAMBRUSCHINI Mario Dr. ROTTOLA Cristina Dr. SANNAZZARI

Dettagli

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA

LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA Premessa LA RETE REGIONALE DEI CENTRI DI SENOLOGIA ALLEGATO A Il rinnovamento e le trasformazioni organizzative dei sistemi sanitari sono posti da tutti i paesi industrializzati come elementi fondamentali

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete COMPOSIZIONE DELLA MEDICINA DI RETE La Medicina in Rete è una associazione, libera, volontaria e paritaria che ha lo scopo di esercitare la Medicina

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------ CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------ Dr. FATI FRANCO Sede studio: Piazza Caprera 2\3 SML e-mail: fatif@libero.it Telefono fisso: 0185283645

Dettagli

CENTRALE UNICA DI SCREENING CARTA DEI SERVIZI

CENTRALE UNICA DI SCREENING CARTA DEI SERVIZI CENTRALE UNICA DI SCREENING CARTA DEI SERVIZI 1 INDICE 1. COS È LO SCREENING ONCOLOGICO pag. 2 2. CENTRALE UNICA DI SCREENING: LA MISSIONE pag. 2 3. I TRE PROGRAMMI DI SCREENING ONCOLOGICO pag. 2 3.1 Screening

Dettagli

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA CENTRO DIAGNOSTICO E SERVICE DI LABORATORIO SPECIALIZZATO IN GENETIC LAB La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA Geneticlab

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

VISITE SPECIALISTICHE ED ESAMI

VISITE SPECIALISTICHE ED ESAMI VISITE SPECIALISTICHE ed ESAMI Come accedere alle visite specialistiche, agli accertamenti diagnostici e agli esami di laboratorio: documenti necessari, prenotazione, indirizzi e orari. Chi deve pagare

Dettagli

PROCEDURA RIMBORSI PAGAMENTI EFFETTUATI DA UTENTI

PROCEDURA RIMBORSI PAGAMENTI EFFETTUATI DA UTENTI Regione del Veneto Azienda U.l.s.s. n. 16 Padova Sede Legale: Via Scrovegni 14-35131 Padova / c.f./p.iva 00349050286 PROCEDURA RIMBORSI PAGAMENTI EFFETTUATI DA UTENTI La presente procedura definisce le

Dettagli

MANUALE MODALITÀ PRELIEVO Unità Operativa di Anatomia e Istologia Patologica - Prof. Grigioni W.F. Pad 18 e Pad 26

MANUALE MODALITÀ PRELIEVO Unità Operativa di Anatomia e Istologia Patologica - Prof. Grigioni W.F. Pad 18 e Pad 26 Pag 1 / 12 SOMMARIO Esame istologico biopsia chirurgica...2 Esame istologico biopsia endoscopica o con ago sottile...2 Esame istologico biopsia estemporanea...3 Esame citologico su liquido...3 Esame citologico

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Rete anatomie patologiche Rete delle anatomie patologiche regionali: gestione dei referti e condivisione informatizzata delle informazioni Definizione della rete

Dettagli

- programma di screening per i tumori della cervice uterina - programma di screening per i tumori della mammella

- programma di screening per i tumori della cervice uterina - programma di screening per i tumori della mammella DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio di Medicina Preventiva nelle Comunità CENTRO DI PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI - programma di screening per i tumori della cervice uterina - programma di screening

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico

Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico Documento 01 Tipologia di Prodotto/Servizio Day Hospital Medico REVISIONE DATA REDATTO E ELABORATO APPROVATO FIRMA 0 27/04/2011 Coord.Infermieristico DH Medico Assungia Cora Direttore U.O.C. Medicina Generale

Dettagli

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA

LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA LA RETE DI GENETICA MEDICA IN EMILIA-ROMAGNA A cura del Nucleo di coordinamento per la rete regionale dei servizi di genetica medica dell Emilia-Romagna Con il contributo di Laura Biagetti (Azienda Ospedaliera-Universitaria

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI GRUPPO dei Medici di Famiglia Serafino Caverzasio Ferloni Mario Gambato Lodovica Vitaloni

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI GRUPPO dei Medici di Famiglia Serafino Caverzasio Ferloni Mario Gambato Lodovica Vitaloni CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI GRUPPO dei Medici di Famiglia Serafino Caverzasio Ferloni Mario Gambato Lodovica Vitaloni 1. Presentazione 2. Composizione della Medicina di Gruppo 3. Sede 4. Attività

Dettagli

Regione Veneto - Ulss5 Ovest Vicentino CENTRALE UNICA DI SCREENING CARTA DEI SERVIZI

Regione Veneto - Ulss5 Ovest Vicentino CENTRALE UNICA DI SCREENING CARTA DEI SERVIZI Regione Veneto - Ulss5 Ovest Vicentino CENTRALE UNICA DI SCREENING CARTA DEI SERVIZI Montecchio Maggiore (VI), gennaio 2011 ML/PA Prima edizione; revisioni: 1-20 Aprile 2011 1 Indice 1. COS' E LO SCREENING

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Anatomia Patologica

Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Anatomia Patologica Pag. 1 di 11 Azienda Ospedaliera di Presidio Ospedaliero Magenta-Abbiategrasso Unità Operativa di Direttore: dott. M. Cazzaniga Sede: 3 piano del Corpo F dello Stabilimento Ospedaliero G. Fornaroli. Indirizzo:

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE x ------------------------

CARTA DEI SERVIZI. STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE x ------------------------ CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE x ------------------------ Dr. LEVAGGI FRANCESCO Specialista in: IGIENE E MED.PREVENTIVA Dr. PRATO RENZO Specialista in:cardiologia

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza

Dettagli

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione primaria : agisce sulla causa del tumore (HPV alto rischio) e sui cofattori (stile di vita) Interviene su tutta la popolazione indistintamente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete M.I.R.SUD

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete M.I.R.SUD CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete M.I.R.SUD Medici Associati: Dott. ALBERTO GANDOLFI ( spec. Chirurgia apparato digerente endoscopia digestiva ) Dott. MARCO PRIORI Dott. FAUSTA RANCATI

Dettagli

Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit

Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit 2014 Motore Sanità: Il nuovo patto Stato-Regioni: tra tagli ed efficienza Milano 15.9.2014 Workshop Il trattamento del tumore della mammella Breast Unit Mario Saia Area Sanità e Sociale Direttore Generale

Dettagli

Convegno Nazionale GISCi Gestire il cambiamento

Convegno Nazionale GISCi Gestire il cambiamento Convegno Nazionale GISCi Gestire il cambiamento Studio pilota Regione Umbria-ASL1 C.Castello-Gubbio Venezia 27-28 maggio 2010 Tecnology Assessment: LBC (citologia in fase liquida) e HPV-DNA HR come test

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L'AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO ENDOSCOPIA BILIO-PANCREATICA

BANDO DI CONCORSO PER L'AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO ENDOSCOPIA BILIO-PANCREATICA BANDO DI CONCORSO PER L'AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO ENDOSCOPIA BILIO-PANCREATICA A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello Presso Humanitas University è attivato, per l A.A. 2015/2016,

Dettagli

Le zone grigie della citologia tiroidea.

Le zone grigie della citologia tiroidea. Carcinoma differenziato della tiroide: dalla diagnosi al follow-up Bologna 21 marzo 2009 Le zone grigie della citologia tiroidea. Cosa deve dire il patologo Gian Piero Casadei Anatomia Patologica Ospedale

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo Relatori: Neoplasia della mammella: come si affronta Dott. Duilio Della Libera Dott. Mauro Dal Soler Dott. Pierluigi Bullian Data 16 aprile 2014 Sede Aula

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

ARIANNA CONIGLIO VIA BORSI 10 - BRESCIA. coniglio@med.unibs.it

ARIANNA CONIGLIO VIA BORSI 10 - BRESCIA. coniglio@med.unibs.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ARIANNA CONIGLIO VIA BORSI 10 - BRESCIA Telefono 030-393507 Fax 030-3397476 E-mail coniglio@med.unibs.it

Dettagli

DECRETO n. 170 del 13/03/2014

DECRETO n. 170 del 13/03/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE)

MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) MARILENA FRANCHINI U.O. Anatomia Patologica Ospedale dell Angelo di Mestre (VE) L esercizio delle attività mediche, al pari di tutte le attività umane, è correlato alla possibilità di generare errori.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA 1 I N D I C E Articolo 1 PREMESSA Articolo 2 NORME GENERALI

Dettagli

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005

Dettagli