Contrattualistica, previdenza e fisco a cura di Bruno Benelli Esperto in materia previdenziale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contrattualistica, previdenza e fisco a cura di Bruno Benelli Esperto in materia previdenziale"

Transcript

1 Contrattualistica, previdenza e fisco a cura di Bruno Benelli Esperto in materia previdenziale - Edilizia: riduzione contributiva dell 11,5% valida anche per il Fondi interprofessionali, fissato al mese di giugno il termine per le adesioni - Consulenti del lavoro: Il Ministero del lavoro ammette le ispezioni in studio - Novità in materia di cassa integrazione: nasce il modello Cigs 2 Imprese edili, torna la riduzione dei contributi dell 11,5% La riduzione dei contributi per le imprese edili, pari all 11,5% dell aliquota contributiva, vale anche per l anno Lo dispone il decreto interministeriale 25 febbraio 2003, pubblicato su Gazzetta Ufficiale 76/2003, prorogando l agevolazione anche per lo scorso anno. Si ricorda che: - la riduzione non si applica sul contributo principale, quello dovuto al fondo pensioni lavoratori dipendenti; - la riduzione vale solo per le aziende che adottano un orario di lavoro di 40 ore settimanali (nelle quali si possono aggiungere quelle imputabili ad assenze quali malattia, infortunio, maternità, congedo matrimoniale, ferie, cassa integrazione in pendenza del provvedimento di autorizzazione); - la riduzione si applica solo sulla quota a carico dei datori di lavoro. In concreto, la riduzione dell 11,50% si calcola sulla aliquota contributiva residua del 12,17%, elevata a 12,77% per le imprese industriali edili con più di 15 dipendenti. 1

2 La riduzione perciò è pari a: - 1,40% per industrie fino a 15 dipendenti; - 1,47% per industrie con più di 15 dipendenti; - 1,16% per l artigianato edile; - 1,23% per artigianato indotto con almeno 15 dipendenti; - 1,16% per cooperative di produzione e lavoro fino a 15 dipendenti; - 1,23% per cooperative di produzione e lavoro con più di 15 dipendenti; - intero tasso per il premio dovuto ad Inail. La riduzione è subordinata al rispetto delle norme, comprese quelle riferite alle casse edili alle quali è dovuto un contributo del 15%. A questo proposito, si ricorda che le aziende debbono presentare all Inps la dichiarazione della cassa edile attestante che nell anno solare precedente l impresa ha regolarmente versato i contributi. In caso contrario, la riduzione dell 11,50% non trova applicazione per un periodo di durata pari a quello delle omissioni aumentato della metà. La riduzione, infine, non spetta: - ai lavoratori che hanno già altre agevolazioni (assunzione dalle liste di mobilità, con contratto di formazione e lavoro,ecc.); - agli operai occupati con contratto di lavoro part time. Fondi paritetici interprofessionali, l adesione entro giugno 2003 Le aziende che desiderano aderire ad un fondo paritetico interprofessionale possono farlo tramite la presentazione all Inps, entro il prossimo 30 giugno, del modello DM10. L art. 48 della legge Finanziaria 2003 prevede infatti, per ogni settore dell industria, agricoltura, terziario e artigianato, la possibilità di istituire i predetti fondi nazionali per la formazione continua. L iscrizione comporta il versamento di un contributo integrativo che va pagato all Inps. I fondi sono costituiti sulla base di accordi interconfederali stipulati dai sindacati maggiormente rappresentativi dei datori di lavoro e dei lavoratori, nelle due forme di associazione o di soggetto con personalità giuridica. Per il personale dirigente di qualsiasi settore possono essere costituiti fondi appositi. L attivazione del fondo la composizione degli organi è paritetica tra le associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori è subordinata all autorizzazione del Ministero del lavoro. Attualmente sono istituiti i seguenti fondi, tutti con natura di associazione: - Fondo artigiano formazione, per i lavoratori di imprese artigiane; - Foncoop, per i lavoratori delle imprese cooperative; - For.Te, per i lavoratori del commercio, turismo, servizi, credito, assicurazioni, trasporti; - Fondimpresa, per i lavoratori delle imprese industriali; - Fondo Pmi Confai, per i lavoratori delle piccole e medie imprese industriali; - Fon.Ter, per i lavoratori delle imprese del terziario, comparti turismo e distribuzione/servizi; - Fondirigenti, per i dirigenti industriali; - Fon.Dir, per i dirigenti del terziario. I fondi possono finanziare in tutto o in parte piani formativi aziendali, territoriali, settoriali o individuali concordati tra le parti sociali, nonché altre iniziative propedeutiche e comunque direttamente connesse ai piani. I progetti e le iniziative vanno trasmessi alle regioni e province autonome. Per l anno in corso e per il 2002 i fondi sono finanziati, in via transitoria, dal fondo di rotazione. Dal 2004, invece, saranno finanziati dal contributo integrativo dovuto dalle aziende aderenti. 2

3 Ogni datore di lavoro può aderire ad un solo fondo per tutti i dipendenti soggetti alla medesima disciplina contrattuale. In ogni caso l adesione può essere rivolta ad un fondo di un altro settore. Fa eccezione il personale dirigente per il quale operano gli specifici fondi. L adesione, si ribadisce, è facoltativa e sempre revocabile. Ha validità annuale e si intende tacitamente prorogata se non è disdetta. La norma fissa al prossimo 30 giugno il termine per l adesione e il Ministero del lavoro ha stabilito che tale adesione sia data comunicata direttamente all Inps tramite il modello DM10. Il datore di lavoro deve indicare in un rigo in bianco dei quadri B-C il fondo cui ha aderito, utilizzando l espressione Adesione fondo, il codice prescelto e indicando nell apposita casella il numero dei dipendenti interessati al versamento dello specifico contributo. Nessuna informazione, invece, deve essere fornita nelle caselle relative al numero giornate e alle retribuzioni. Per le prime adesioni, i cui effetti contributivi scaturiranno da gennaio 2004 l adesione va segnalata ad Inps con DM10 di aprile, maggio o, in ultima battuta, giugno. Le adesioni successive e presentate nel periodo da luglio 2003 a giugno 2004 avranno valore a partire da gennaio E così via. Anche per le revoche valgono gli stessi criteri temporali. Sul DM10 dovrà essere riportata la dicitura Revoca adesione e codice Revo. Di nuovo possibile l ispezione presso i consulenti del lavoro Il Ministero del lavoro, con circolare n. 342 del 12 marzo 2003, ripristina la possibilità di svolgere ispezioni presso i consulenti del lavoro e professionisti abilitati, che tengono la documentazione aziendale. Il Dicastero torna sui suoi passi, annullando la circolare 70 del 2001, con la quale aveva imposto ai funzionari ispettivi l obbligo di esaminare la documentazione di lavoro esclusivamente presso la sede dell impresa, escludendo la possibilità di eventuali controlli documentali presso gli studi professionali dei consulenti o degli altri professionisti. Questo fatto, ammette ora il Ministero, determina spesso oneri aggiuntivi di natura economica che possono essere evitati consentendo il contatto diretto con il consulente: - presso la Direzione provinciale del lavoro; - o presso lo studio professionale. La disposizione accolta con comprensibile soddisfazione da parte dei professionisti che operano nel mondo del lavoro demanda l applicazione del principio ad ogni Direzione provinciale del lavoro, sentiti i consigli provinciali dei consulenti del lavoro, per disciplinare le concrete modalità cui uniformare l azione del personale ispettivo. Nasce il modello Cigs-2, circolare fiume del Ministero del lavoro Il Ministero del lavoro raggruppa nella circolare 8/2003 tutte le disposizioni che discendono da cinque propri decreti, emanati nel corso del 2002, a proposito della concessione dei trattamenti di integrazione salariale. I criteri per la concessione sono stati modificati e aggiornati. A Sono stati individuati i criteri per l approvazione dei programmi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale e per l approvazione delle proroghe per complessità dei processi produttivi e per complessità connesse alle ricadute occupazionali. 3

4 Il nesso di causalità che deve esistere tra sospensioni ed interventi di riorganizzazione postula che una percentuale almeno pari al 30% dei lavoratori sospesi deve risultare inserita nei processi formativi previsti nell ambito del programma aziendale. La proroga può essere chiesta a condizione che l impresa abbia effettuato almeno l 85% degli investimenti previsti dal pregresso programma biennale. B Delineati anche i criteri per la concessione del trattamento di integrazione salariale per i contratti di solidarietà. Si può applicare anche per le imprese di pulizia. Tra la percentuale di riduzione dell orario di lavoro e i lavoratori dichiarati in esubero deve esistere il principio di congruità. Il principio è applicabile quando il numero delle ore non lavorate da tutti i lavoratori risulta esattamente pari al numero delle ore che sarebbero state lavorate dai lavoratori eccedenti. E possibile chiedere un nuovo contratto di solidarietà trascorso il periodo massimo di 24 mesi, aggiungendo altri 24 mesi (36 mesi nel Mezzogiorno). In via generale l impresa che ha già applicato un contratto di solidarietà nella misura massima (48 ovvero 60 mesi) non può stipulare un nuovo contratto per le stesse unità aziendali se non sono passati almeno 12 mesi dalla fine del precedente contratto. C Emergono inoltre i criteri sui limiti di fruizione della cassa straordinaria nei casi di procedura concorsuale (può essere superata la durata massima di 36 mesi nel quinquennio), sulla trasformazione dell assetto proprietario (che permette di azzerare il periodo di Cig precedentemente fruito). A questo proposito la legge guarda all aumento del capitale sociale e ai versamenti a titolo di apporti patrimoniali. L apporto di capitale si intende rilevante quando è superiore al 25% del capitale sociale antecedente la trasformazione dell assetto proprietario, e comunque non inferiore ad 1 milione di euro quando la durata della Cigs sia pari o inferiore ai 12 mesi e non inferiore a 2 milioni di euro, quando la durata Ciga supera i 12 mesi. D Sono presenti i criteri generali di concessione del trattamento straordinario Cig per i dipendenti delle aziende appaltatrici di servizi di pulizia presso aziende industriali. E Presenti anche i criteri per l approvazione dei programmi di crisi aziendale e per la concessione di Cigs in caso di cessazione di attività. In caso di cessazione, il decreto innova nel senso che la cessazione può riguardare oltre l intera azienda un settore di attività o uno o più settori e l impresa deve presentare un piano di gestione degli esuberi con la finalità di ridurre il ricorso alla mobilità. F Tutti questi nuovi criteri hanno reso necessaria la revisione del modello Cigs/97 per renderlo compatibile con le novità. E per questo motivo che il Ministero ha creato il nuovo modulo Cigs-2 che si compone di tre parti: - la prima contiene il modulo di domanda avanzata dall azienda; - la seconda contiene il modulo scheda specifico per le diverse causali di intervento; - la terza contiene le istruzioni generali. L azienda che chiede Cigs deve perciò presentare il modulo di domanda, il modello del programma di intervento Cigs, la sola scheda relativa alla causale invocata. Le schede da compilare sono le seguenti: 1. scheda 1/A, crisi aziendale; 2. scheda 1/B, crisi aziendale per cessazione attività; 3. scheda 2/A, riorganizzazione o conversione aziendale; 4. scheda 2/B, riorganizzazione o conversione aziendale con richiesta di applicare l art. 10 della legge 223/91; 4

5 5. scheda 2/C, proroga del programma di riorganizzazione o conversione aziendale per complessi processi produttivi; 6. scheda 2/D, proroga del programma di riorganizzazione o conversione aziendale per complessi processi derivanti dalle ricadute occupazionali; 7. scheda 3/A, ristrutturazione aziendale; 8. scheda 3/B, ristrutturazione aziendale con richiesta di art. 10 legge 223/91; 9. scheda 3/C, proroga del programma di ristrutturazione aziendale per complessità di processi produttivi; 10. scheda 3/D, proroga del programma di ristrutturazione aziendale per complessità connessa alle ricadute occupazionali; 11. scheda 4, procedure concorsuali; 12. scheda 5, mense aziendali; 13. scheda 6, imprese di pulizia. 5

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni Roma, 2 Aprile 2003 Circolare n. 71 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle

Dettagli

Formazione gratuita. attraverso i Fondi. Interprofessionali

Formazione gratuita. attraverso i Fondi. Interprofessionali Formazione gratuita attraverso i Fondi Interprofessionali Cosa sono i fondi I Fondi Paritetici Interprofessionali nazionali per la formazione continua sono organismi di natura associativa promossi dalle

Dettagli

5B -5C - 5D - 5F - 5G

5B -5C - 5D - 5F - 5G Cod Dal Al 5A CODICI 5 IMPRESA ARTIGIANA CON FAMILIARI COADIUTORI E/O SOCI. Il numero di tali lavoratori, iscritti nella Gestione speciale artigiani, deve essere inserito nel campo del mod. DM72 o del

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 05 2015

NEWSLETTER LAVORO 05 2015 Normativa lavoro TRIBERTI COLOMBO & ASSOCIATI AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 05 2015 1. DISABILI IN SOMMINISTRAZIONE: COMPUTO NELLA QUOTA DI RISERVA 2. AMMORTIZZATORI SOCIALI:

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Cassa integrazione e Mobilità del personale dipendente Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Quando l impresa è in crisi può sospendere i propri dipendenti

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE del 20 agosto 2002, n. 31444 (pubblicato sulla G.U. n. 270 del 18 novembre 2002)

DECRETO MINISTERIALE del 20 agosto 2002, n. 31444 (pubblicato sulla G.U. n. 270 del 18 novembre 2002) DECRETO MINISTERIALE del 20 agosto 2002, n. 31444 (pubblicato sulla G.U. n. 270 del 18 novembre 2002) Criteri per l'approvazione dei programmi e della proroga dei programmi per riorganizzazione e ristrutturazione

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015

La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015 La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015 Stefano Sacchi Università degli Studi di Milano Consulente del Ministro del lavoro La riforma degli ammortizzatori

Dettagli

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi: Lavoratore con 35 anni di

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Fondi di Solidarietà

Fondi di Solidarietà Fondi di Solidarietà III. Fondi di solidarietà Le aziende appartenenti a settori non coperti dalle integrazioni salariali, oppure rientranti nel campo di applicazione di queste ma che vogliono garantire

Dettagli

SOMMARIO: Sintesi delle principali innovazioni introdotte sulla materia dalle disposizioni della legge finanziaria per l anno 2005.

SOMMARIO: Sintesi delle principali innovazioni introdotte sulla materia dalle disposizioni della legge finanziaria per l anno 2005. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Finanza, Contabilità e Bilancio Direzione Centrale Sistemi nformativi e Telecomunicazioni Roma, 24 Maggio 2005 Circolare n. 67 Allegati

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013

Direzione Centrale Entrate. Roma, 18/02/2013 Direzione Centrale Entrate Roma, 18/02/2013 Circolare n. 28 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002).

Il contratto di solidarietà è stato introdotto con la legge n. 863/84 (Vedasi anche D.M. n. 31445/2002). GUIDA AL CONTRATTO DI SOLIDARIETA DIFENSIVO, che si applica alle imprese che hanno diritto alla CIGS (di seguito CDS.) a cura della FILCAMS-CGIL Nazionale aggiornata al 27 aprile 2009. Il contratto di

Dettagli

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS)

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) a cura di Giorgio Santoni Aggiornato al giugno 2009 Indice Parte prima (pag. 3-17) Il contratto di solidarietà, applicazioni, modalità e caratteristiche

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Info Fondi. Formazione Finanziata Facile

Info Fondi. Formazione Finanziata Facile 9 Cosa sono i Fondi Paritetici Interprofessionali per la Formazione Continua? Chi sono i beneficiari della formazione finanziata? Da dove provengono i soldi dei Fondi? Quanti e quali sono i Fondi? Cosa

Dettagli

Cassa integrazione guadagni ordinaria. Enzo Mologni 01-10-2013

Cassa integrazione guadagni ordinaria. Enzo Mologni 01-10-2013 Cassa integrazione guadagni ordinaria Enzo Mologni 01-10-2013 CIG legge 164/1975 Il datore di lavoro può sospendere i lavoratori e ricorrere alla CIG per fronteggiare situazioni di crisi caratterizzate

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA 05/02/09 CIG ORDINARIA 1 CAMPO DI APPLICAZIONE C. I. G. AZIENDE SOGGETTE ALLA NORMATIVA Aziende Industriali Industria Edile e Lapidei Artigianato Edile e Lapidei Imprese

Dettagli

L Assessore all Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero e i rappresentanti dei seguenti organismi:

L Assessore all Istruzione, Formazione Professionale e Lavoro della Regione Piemonte Gianna Pentenero e i rappresentanti dei seguenti organismi: AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ACCORDO QUADRO FRA LA REGIONE PIEMONTE E LE PARTI SOCIALI PIEMONTESI DEFINIZIONE DELLE MODALITA GESTIONALI 2014-2015 A SEGUITO DELL EMANAZIONE DEL DECRETO INTERMINISTERIALE

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Circolare - INPS - 08/11/2011, n. 144 - Gazzetta, n. EPIGRAFE

Circolare - INPS - 08/11/2011, n. 144 - Gazzetta, n. EPIGRAFE Circolare - INPS - 08/11/2011, n. 144 - Gazzetta, n. EPIGRAFE Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito, dell occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del personale dipendente

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2208 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (POLETTI)

Dettagli

Servizi alle imprese

Servizi alle imprese Servizi alle imprese CONFEMI S.r.l. è una società del sistema Confesercenti che si propone come partner affidabile per soluzioni outsourcing nelle aree dell amministrazione e contabilità, pianificazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO di REGOLARITA CONTRIBUTIVA D.U.R.C. COMPENDIO DELLE NORME E CRITERI DI UTILIZZO

DOCUMENTO UNICO di REGOLARITA CONTRIBUTIVA D.U.R.C. COMPENDIO DELLE NORME E CRITERI DI UTILIZZO DOCUMENTO UNICO di REGOLARITA CONTRIBUTIVA D.U.R.C. COMPENDIO DELLE NORME E CRITERI DI UTILIZZO OBBLIGATORIETA DEL DURC Circolare del Ministero del Lavoro n. 35 del 08/10/2010 DM 24/10/2007 e Circolari

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 17/06/2015

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 17/06/2015 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 17/06/2015 Circolare n. 122 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA Segreteria Confederale 00187 ROMA VIA LUCULLO, 6 R. DU GOUVERNEMENT PROVISOIRE, 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA Segreteria Confederale 00187 ROMA VIA LUCULLO, 6 R. DU GOUVERNEMENT PROVISOIRE, 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA Segreteria Confederale 00187 ROMA VIA LUCULLO, 6 R. DU GOUVERNEMENT PROVISOIRE, 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE Le agevolazioni contributive ed economiche previste dalla normativa vigente per i datori di lavoro che assumono lavoratori di specifiche categorie Mattia Passero INDICE Introduzione...4

Dettagli

Consorzio Italbiotec

Consorzio Italbiotec Consorzio Italbiotec Università e Industria insieme per lo sviluppo delle Biotecnologie I FONDI PARITETICI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA LE SEDI DEL CONSORZIO ITALBIOTEC SEDE LEGALE E UNITÀ

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014)

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2015 ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA In relazione a quanto stabilito dalle intese fra le Parti in materia di bilateralità e contrattualizzazione del diritto dei lavoratori alle relative prestazioni, tutte

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI

INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI L. 92/2012, Art. 3, comma 17 Fonte Dati: INPS Seminari EBAM febbraio2015 Quadro normativo di riferimento Art. 3, comma 17 legge 92/2012 Riconosce

Dettagli

Il modello DM10. Amministrazione del personale Lezione n. 24. Il modello DM10

Il modello DM10. Amministrazione del personale Lezione n. 24. Il modello DM10 Il modello DM10 Il modello DM10 Il modello DM10 deve essere utilizzato dal datore di lavoro per denunciare all'inps le retribuzioni mensili corrisposte ai lavoratori dipendenti, i contributi dovuti e l'eventuale

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE 21 marzo 2007 Direttive recanti chiarimenti operativi circa l applicazione del decreto ministeriale del 30 gennaio 2007, adottato ai sensi dell

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015. Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC). IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

1. Aziende destinatarie degli obblighi contributivi per le indennità economiche di malattia e maternità (art. 20, c. 2 L.

1. Aziende destinatarie degli obblighi contributivi per le indennità economiche di malattia e maternità (art. 20, c. 2 L. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10-03-2009 Messaggio n. 5730 OGGETTO: Istruzioni operative per la regolarizzazione dei contributi dovuti per il finanziamento

Dettagli

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014

Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Decreto n. 83473 del 01/08/2014 Pubblicato sul sito del Ministero del lavoro e P.S. in data 04/08/2014 Errata Corrige : All articolo 6, punto 3 è stato aggiunto il riferimento al trattamento di mobilità

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga

Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento. Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Legge di Stabilità 2015 Norme relative al lavoro Scheda di lettura e commento Finanziamento Fondo Occupazione e ammortizzatori sociali in deroga Il Fondo Sociale per l occupazione e la formazione è finanziato

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni

REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni ISCRITTI ART. 1 Sono iscritti alla Cassa Edile, a norma del vigente Statuto e delle contrattazioni collettive nazionali di riferimento, tutti i lavoratori

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Esonero contributivo per assunzioni a tempo indeterminato

Esonero contributivo per assunzioni a tempo indeterminato Al fine di promuovere una stabile occupazione, la Legge di Stabilità 2015 introduce un esonero contributivo per le assunzioni con contratto a tempo effettuate nel 2015. L introduzione del beneficio in

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.2 del 13.03.2013. Legge n. 68/1999, le novità dopo le recenti riforme

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.2 del 13.03.2013. Legge n. 68/1999, le novità dopo le recenti riforme Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.2 del 13.03.2013 Legge n. 68/1999, le novità dopo le recenti riforme Nel corso dell ultimo periodo la materia del collocamento obbligatorio ha

Dettagli

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993 CONFERIMENTO TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE - VERSAMENTO ALL INPS DELLE QUOTE DI TFR RESIDUE PER LE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE 1 FEBBRAIO 2007 Sulla Gazzetta

Dettagli

Ammortizzatori sociali in deroga anno 2015 Intesa Istituzionale Territoriale

Ammortizzatori sociali in deroga anno 2015 Intesa Istituzionale Territoriale REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Servizio Attività produttive, Lavoro, 1itrismo, Cultura e Internazionalizzazione P.F. Lavoro e Formazione Ammortizzatori sociali in deroga anno 2015 Intesa Istituzionale

Dettagli

FONDI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA FONDIMPRESA

FONDI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA FONDIMPRESA FONDI INTERPROFESSIONALI PER LA FORMAZIONE CONTINUA FONDIMPRESA Scheda Informativa Le fonti normative Circolare Inps n. 71 del 2 aprile 2003 e art. 118 della legge finanziaria del 2001 (L. 388 del 2000):

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 58 del 12-05-2014. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Circolare numero 58 del 12-05-2014. Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 58 del 12-05-2014 Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Circolare numero 58 del 12-05-2014 Direzione Centrale Entrate Roma, 12/05/2014

Dettagli

Le risorse per la formazione dei lavoratori in Italia I Fondi interprofessionali

Le risorse per la formazione dei lavoratori in Italia I Fondi interprofessionali Le risorse per la formazione dei lavoratori in Italia I Fondi interprofessionali Come funziona Fondimpresa I 1 Come viene finanziata la formazione per i lavoratori: lo e il Fse Le imprese private e, dal

Dettagli

Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali. Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento

Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali. Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento Legge 183/2014 La legge delega La legge è in vigore dal 16 dicembre 2014. Contiene deleghe

Dettagli

I fondi interprofessionali per la formazione continua

I fondi interprofessionali per la formazione continua I fondi interprofessionali per la formazione continua I Fondi interprofessionali per la formazione continua I Fondi Paritetici Interprofessionali per la formazione continua sono organismi di natura associativa

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

OGGETTO: Qu.I.R.: la liquidazione

OGGETTO: Qu.I.R.: la liquidazione Informativa per la clientela di studio N. 66 del 29.04.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Qu.I.R.: la liquidazione In caso di presentazione del modello Qu.I.R. (allegato al DPCM 20 febbraio 2015,

Dettagli

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro di Luca Avallone Dal 1 gennaio 2007, con l entrata in vigore del decreto legislativo 252/2005 si ampliano le possibilità

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

Dote Ricollocazione e Dote Riqualificazione

Dote Ricollocazione e Dote Riqualificazione LE NUOVE DOTI RICOLLOCAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DI REGIONE LOMBARDIA, IN FAVORE DEI LAVORATORI CHE HANNO ACCESSO AGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA 2011 (a cura di Pietro Bellini) Dote Ricollocazione

Dettagli

LE NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015, IN MATERIA DI LAVORO

LE NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015, IN MATERIA DI LAVORO LE NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015, IN MATERIA DI LAVORO La legge n. 190/2014, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014, entrata in vigore il 1 gennaio 2015, contiene alcune

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Direzione Centrale Entrate. Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 17 Febbraio 2009 Circolare n. 20 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro San Mauro Pascoli li 14/01/2014 Ai Signori Clienti Loro indirizzi Oggetto: LEGGE DI STABILITÀ 2014 IN SINTESI Sul supplemento ordinario n.87 alla Gazzetta Ufficiale n.302 del 27 dicembre 2013 è stata pubblicata

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 46 17.12.2014 Il TFR genera una duplice registrazione contabile Le poste in bilancio dipendono dal numero dei lavoratori Categoria: Bilancio e contabilità

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Finanziaria-2007 : le principali novità per la salute e la sicurezza sul lavoro

Finanziaria-2007 : le principali novità per la salute e la sicurezza sul lavoro ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Finanziaria-2007 : le principali novità per la salute e la sicurezza sul lavoro

Dettagli

FILT-CGIL. Finalità del Fondo. Le prestazioni del Fondo. Elaborazione a cura della Filt-Cgil

FILT-CGIL. Finalità del Fondo. Le prestazioni del Fondo. Elaborazione a cura della Filt-Cgil Elaborazione a cura della Filt-Cgil Finalità del Fondo Il Fondo per il perseguimento di politiche attive per il sostegno del reddito e dell occupazione dei lavoratori dipendenti dalle società del Gruppo

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

Unità aziendale (stabilimento/ufficio/magazzino/ecc) N.2 Comune Provincia C.A.P. LAVORATORI Impiegati/Quadri Operai TOTALE

Unità aziendale (stabilimento/ufficio/magazzino/ecc) N.2 Comune Provincia C.A.P. LAVORATORI Impiegati/Quadri Operai TOTALE A DATI RELATIVI ALL AZIENDA Denominazione Natura giuridica Indirizzo sede legale C.A.P. Comune Provincia Telefono Fax E-mail Codice fiscale o partita IVA Data atto costitutivo Inizio attività Capitale

Dettagli

tra e, in ordine alfabetico

tra e, in ordine alfabetico TESTO del CONTRATTO COLLETTIVO PROVINCIALE DI LAVORO 29 gennaio 2007 per i dipendenti delle imprese edili ed affini della Provincia di Trento integrativo del CCNL 1 ottobre 2004 Addì 29 gennaio 2007 tra

Dettagli

Cognome Nome Sesso - - M F 100 % 90 %

Cognome Nome Sesso - - M F 100 % 90 % DATI DELL ADERENTE Cognome Nome Sesso - - M F Codice fiscale Data di nascita Luogo di nascita Indirizzo di residenza Comune Telefono OPZIONE PRESCELTA per l erogazione della posizione individuale CAP Num.

Dettagli

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Assunzioni obbligatorie e categorie protette - quando sono costretto ad assumere? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero del Lavoro,

Dettagli

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015)

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) Jobs Act non solo contratto a tutele crescenti, razionalizzazione delle tipologie contrattuali,

Dettagli

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Premessa L attuale sistema di ammortizzatori sociali è caratterizzato da una estrema disomogeneità delle tutele tra settori, classe di ampiezza dell impresa

Dettagli

Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi L I.N.P.S. DIPENDENTI

Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi L I.N.P.S. DIPENDENTI Corso Teorico Pratico di Paghe e Contributi A cura di Rag. Macrì Patrizia L I.N.P.S. DIPENDENTI PREMESSA L iscrizione presso l I.n.p.s. (Istituto Nazionale della Previdenza Sociale) si rende obbligatoria

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

Legge 29 maggio 1982, n. 297

Legge 29 maggio 1982, n. 297 Legge 29 maggio 1982, n. 297 Disciplina del trattamento di fine rapporto e norme in materia pensionistica («Gazzetta Ufficiale» 31 maggio 1982, n. 147) Art. 1 Modifiche di disposizioni del codice civile

Dettagli

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND La riforma del sistema pensionistico determinata dalla legge 335/1995 e successive modificazioni ha modificato il sistema di rogazione

Dettagli

CASSA EDILE BRESCIA VIA OBERDAN 122 25128 BRESCIA TEL. 030 289061 FAX 030 3756321 www.cassaedilebrescia.it e-mail: info@cassaedilebrescia.

CASSA EDILE BRESCIA VIA OBERDAN 122 25128 BRESCIA TEL. 030 289061 FAX 030 3756321 www.cassaedilebrescia.it e-mail: info@cassaedilebrescia. www.cassaedilebrescia.it e-mail: info@cassaedilebrescia.it SERVIZI INFORMATIVI Mod. 02.12.imp Ed. 01 Rev. 00 ACCOGLIENZA ALLE IMPRESE EDILI 1. EDILIZIA: ORGANISMI PROVINCIALI A CARATTERE BILATERALE 2.

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Agenda La funzione della previdenza complementare Caratteristiche e modalità di funzionamento Tipologia di forme pensionistiche complementari

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2015, n. 148. Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro, in attuazione

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA - D.LGS. N. 148/2015 - RIORDINO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI - MESSAGGIO INPS N. 5919/2015

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA - D.LGS. N. 148/2015 - RIORDINO DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI - MESSAGGIO INPS N. 5919/2015 LAVORO Circolare n. 48 del 29/09/2015: trasmessa per posta elettronica riportata sul sito www.ancebrescia.it riportata sul prossimo notiziario stampata e spedita per posta CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli