M G I U S T I Z I A N O R I L O M B A R D I A E

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "M G I U S T I Z I A N O R I L O M B A R D I A E"

Transcript

1 Ministro dlla Giustizia Dipartimnto Giustizia Minoril Cntro pr la Giustizia Minoril pr la Lombardia M G I U S T I Z I A N O R I L O M B A R D I A E Rapporto sulla Giustizia Minoril in Lombardia anno 2009 fonti: Procura dlla Rpubblica prsso Tribunal pr i Minornni di Milano Dipartimnto Giustizia Minoril -Ufficio I dl Capo Dipartimnto- Srvizio Statistica Elaborazion dl tsto a cura dl Cntro Giustizia Minoril pr la Lombardia - Gruppo Intrsrvizi Statistica

2 Indic Tabll di Marco Castlli 1. Minornni dnunciati alla Procura.. di Ccilia Pisa pag. 2 pag Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano pag Rati a carico di minori dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. pag Minornni intrvnti di Srvizi dlla Giustizia Minoril dlla Lombardia pag Uffici di Srvizio Social pr i Minornni: sdi di Milano di Brscia.. di Sara Blli Tommaso Giocondo 2.2 Cntri di Prima Accoglinza: sd di Milano.. di Raffalla Mssina 2.3 Istituti Pnali pr i Minornni: sd di Milano di Paola Prandini 2.4 I minori dlla Lombardia collocati in Comunità di Marco Castlli 3. Tabll grafici.. di Ccilia Pisa Marco Castlli pag.10 pag.11 pag.12 pag.13 pag.15 Componnti dl Gruppo intrsrvizi statistica dl Cntro Giustizia Minoril pr la Lombardia: -Marco Castlli - Educator dl Srvizio Tcnico - Cntro Giustizia Minoril pr la Lombardia -Sara Blli Assistnt Social dll Ufficio di Srvizio Social Minornni di Milano Tommaso Giocondo Educator dll Ufficio di Srvizio Social Minornni di Brscia Raffalla Mssina ducatric dl Cntro Prima Accoglinza di Milano Paola Prandini Educatric dll Istituto Pnal pr i Minornni di Milano Ccilia Pisa - Consulnt cooprativa Il Minotauro 1

3 Rapporto sulla Giustizia Minoril in Lombardia Anno Minornni dnunciati alla Procura pr rati commssi nll provinci di Milano, Pavia, Vars, Como, Sondrio, Lodi Lcco. 1 Minornni dnunciati 3852 % fmmin 18% % 37% % snza fissa dimora 7% % infraquattordicnni 12% Dttaglio l Rati più frqunti Rati a carico di minori dnunciati. Valori assoluti variazioni annu prcntuali. Anni Pr una corrtta lttura dll tabll, si spcifica ch i dati riportati nl paragrafo 1. Minornni dnunciati alla Procura si rifriscono sclusivamnt ai rati commssi nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, rlativi quindi all provinci di Milano, Monza Brianza (i cui numri, pr il 2009, sono ancora inclusi in Milano), Pavia, Vars, Como, Sondrio, Lodi, Lcco. L tabll non sono prciò comprnsivo dll provinci di Brgamo, Brscia, Mantova Crmona, facnti part dl Distrtto di Cort d Appllo di Brscia. I dati rlativi ai paragrafi succssivi Minornni intrvnti di Srvizi dlla Giustizia Minoril dlla Lombardia sono invc complssivi di tutta la Lombardia. 2

4 2.1 Uffici di Srvizio Social pr i Minornni dlla Lombardia: sdi di Milano di Brscia Sgnalati prsi in carico Numro soggtti % fmmin 13% 6% % 39% 42% Incidnza % sul total nazional 10% 5% Incidnza % sul total nazional 14% 11% Minornni prsi incarico Intrvnti ffttuati pr tipologia di misur cautlari 2.2 Cntri di Prima Accoglinza dlla Lombardia: sd di Milano Numro ingrssi 324 % fmmin 14% % 61% Incidnza % sul total nazional. 13% Incidnza % sul total nazional 21% 21% Principali nazionalità Rati più frqunti Principali motivi di uscita 3

5 2.3 Istituti Pnali pr i Minornni dlla Lombardia: sd di Milano total ingrssi prsnza mdia Numro ,7 giornalira % fmmin 20% 16% % 67% 63% Incidnza % sul total nazional* 16% 13% Incidnza % sul total* 25% 20% * * il dato prcntual nazional sugli ingrssi è calcolato scludndo i trasfrimnti da altri I.P.M. (dato non calcolato nlla tablla nazional) Principali motivi di ingrsso Principali nazionalità (dati rifriti ai nuovi ingrssi) Rati più frqunti (dati rifriti ai nuovi ingrssi) 4

6 2.4 Comunità: dato rifrito ai minori dlla Lombardia collocati in comunità collocamnti prsnza mdia giornalira Numro ,5 % fmmin 7% 4% % 45% 42% Incidnza % sul total nazional 15% 22% Incidnza % sul total 21% 29% Principali nazionalità Principali motivi di ingrsso Allontanamnti arbitrari pr incidnza % su numro ingrssi anni

7 1. Minornni dnunciati alla Procura pr rati commssi nll provinci di Milano, Monza Brianza, Pavia, Vars, Como, Sondrio, Lodi Lcco. L analisi prsntata riguarda i minori dnunciati alla Procura pr i minornni di Milano, pr rati (dlitti contravvnzioni) commssi nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano si basa su dati di font dlla Procura dlla Rpubblica prsso il Tribunal pr i minornni di Milano. La rilvazion, ch si basa sull prson iscritt nll anno nl Rgistro Gnral dll Notizi di Rato (R.G) 2, riguarda sia i minori dnunciati alla Procura ch l sgnalazioni di rato includ i dati rlativi ai minori non imputabili, ovvro di tà infrior ai 14 anni. 1.1 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano (figur 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 tabll 1, 2, 3, 4, 5, 6. pagin 15-18) Dinamica incidnza. Nll arco tmporal comprso tra il 2003 il 2009 si nota un liv aumnto nl numro di minori dnunciati pr rati commssi nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano: da minori dnunciati nl 2003 si è passati a dl 2009 con un tasso di crscita mdio annuo dl +1,1%, dopo avr toccato il valor massimo nl 2004 con un incrmnto dl 18%. I rati invc rimangono sostanzialmnt stabili nl mdsimo priodo (5.787 rati dnunciati nl nl 2009) anch s con oscillazioni divrs da un anno all altro. Nl 2009, risptto all anno prcdnt, si rilva una liv diminuzion nl numro di dnunciati (- 2%). Analogamnt, diminuiscono anch i rati commssi (-5%). S si rapportano i minornni dnunciati alla popolazion rsidnt d tà comprsa tra i 10 i 17 anni, l indic ch n risulta vidnzia un andamnto sostanzialmnt stabil: il tasso mdio annuo è pari al -0,2% (da 822 dnunciati ogni abitanti rsidnti nl 2003 a 812 nl 2009). S si considra il dato rifrito al 2009, si nota una liv flssion nll indic dl -3% risptto all anno prcdnt. Tal indicator, prò, prsnta alcuni limiti. Va ltto considrando innanzitutto, ch sono moltplici i fattori 3 ch possono influir sul numro di soggtti idntificati dnunciati com autori di un rato ch non tutta la criminalità minoril di una dtrminata zona è autoctona, ossia è frutto dlla commission di rati di rsidnti. In misura maggior o minor, a sconda di casi, è in gnr anch criminalità importata, cioè attuata sul trritorio da minori rsidnti altrov o da minori snza fissa dimora. Nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano i minori dnunciati snza fissa dimora i rsidnti altrov hanno un incidnza non irrilvant con una 2 Si sgnala ch tali dati non sono confrontabili con i dati dlla rilvazion sui minornni dnunciati, rilvati pubblicati dall ISTAT, pr i sgunti motivi: - i dati di font Procura dlla Rpubblica prsso il Tribunal pr i minornni di Milano si rifriscono ai procdimnti iscritti nl Rgistro Gnral dll Notizi di Rato (R.G), nll anno di rifrimnto, mntr i dati di font ISTAT si rifriscono ai procdimnti sauriti nll anno (cioè qulli pr i quali il pubblico ministro richid l inizio dll azion pnal o l archiviazion dl procdimnto a carico dllo stsso), ch in gnr è succssivo all iscrizion nl R.G; - i dati rlativi ai minornni dnunciati di font ISTAT, ch vngono rilvati attravrso il modllo prsonal ISTAT M.141N, si basano su un tipo di rilvazion individual, ma non nominativa. Prtanto un minor dnunciato più volt nl corso dllo stsso anno è considrato tant volt quant sono stat l dnunc a suo carico, mntr i dati dlla Procura di Milano si basano sull prson fisich prtanto un minor dnunciato più volt nl corso dllo stsso anno vin contggiato una sola volta; - pr quanto riguarda i dati rlativi ai rati, la Procura di Milano prnd in considrazion sia i dlitti ch l contravvnzioni, mntr l ISTAT solo i dlitti. Inoltr, nl caso di procdimnti con più rati, la Procura di Milano prnd in considrazion tutti i rati, invc l ISTAT qullo prvalnt. 3 Alcuni di qusti sono, ad smpio, il divrso grado di tollranza social local ni confronti dgli atti dvianti, il diffrnt livllo di controllo dl trritorio da part dll forz dll ordin, di fiducia di cittadini nlla giustizia, il timor di vntuali ritorsioni o l attnzion prvalnt su problmi di criminalità più sri. 6

8 quota prcntual ch, pr quanto sia in costant diminuzion nl corso dl priodo in sam, è pari all 11% nl Prtanto, pr crti asptti, è probabil ch tal indic sia livmnt sovrastimato risptto al fnomno ral. Si è anch calcolato l indic rapportando il complsso di rsidnti 4 dnunciati alla corrispondnt popolazion rsidnt: in qusto caso l indic varia dai 600 minornni dnunciati ogni rsidnti nl 2003 a 720 nl 2009, con un ritmo di crscita mdio annuo più lvato 5, pari al +3%. Nl 2009, risptto al 2008 l indic risulta stabil, data la flssion nl numro di minori dnunciati a front di un liv aumnto dlla popolazion rsidnt. Nazionalità 6. Sbbn la componnt stranira tra i minori dnunciati sia piuttosto considrvol (42% nl % nl 2009), riman prpondrant la quota di minori di nazionalità italiana. Nl 2009 crsc la componnt italiana ch passa dal 58% nl 2008 al 63% dl total di minori. Gnr. Risptto al gnr, si nota la ntta prpondranza dlla componnt maschil nlla commission di rati. L incidnza prcntual nl priodo oscilla tra il massimo dll 83% nl 2004 il minimo dll 80% dl Nl 2009 la quota % maschil è pari all 82%. Tal diffrnza di gnr risulta più accntuata tra gli italiani (nl 2009 la quota % di ragazzi raggiung l 85%), mntr tra i nomadi è quanto mai vidnt l altissima incidnza fmminil (quota ch oscilla attorno al 50%, pur ssndo scsa nl 2009 al 42%). Analizzando l arco tmporal comprso tra il 2003 il 2009, si ossrva un aumnto dlla componnt fmminil dnunciata: da 649 ragazz dnunciat nl 2003 si è passati a 698 nl 2009 con un tasso di crscita mdio annuo dl +1,2%, dopo avr toccato il valor massimo nl 2007 con un incrmnto dl 21%. La componnt fmminil nomad risulta diminuita nl priodo con un dcrmnto mdio annuo dl -8%. S si confrontano i dati dl 2009 risptto all anno prcdnt, si rilva ch nl 2009 il pso dlla componnt maschil sal livmnt all 82%, con consgunt diminuzion dll incidnza fmminil risptto al Nl 2009 infatti, l minornni dnunciat diminuiscono dl 6% (da 740 a 698). Tal flssion ha riguardato principalmnt l ragazz nomadi (-33%) stranir (-14%), mntr sono aumntat l dnunciat di origin italiana (+4%). Età. Pur ssndo maggioritaria (suprior all 80%) la quota dgli ultraquattordicnni tra i minori dnunciati, è, comunqu significativa l incidnza di minori non imputabili d tà infrior ai 14 anni. Tal quota, nll arco tmporal ch va dal 2003 al 2009 oscilla attorno al 15%, toccando il suo valor massimo nl 2006 con un pso dl 18%. Nl 2009 si riscontra una diminuzion dl pso prcntual dgli infraquattordicnni ch scndono al 12%. Infatti s nl priodo , la 4 Sono cioè stati sclusi i minori dnunciati snza fissa dimora i rsidnti in altri Distrtti di Cort d appllo. 5 Il ritmo di crscita maggior dll indic è spigato dal fatto ch i minori dnunciati snza fissa dimora (ch sono stati sclusi dal calcolo) sono l unica catgoria (oltr ai rsidnti in di Sondrio) ch ha mostrato una riduzion nl corso dll arco tmporal considrato, diminundo di oltr il 70% risptto al 2004 (Fig.5). 6 Risptto alla nazionalità, si analizzano i dati rifriti sclusivamnt agli anni , in quanto i dati prcdnti non sono confrontabili. È stata infatti, rivista la classificazion dlla nazionalità ch nl binnio in sam prvd solo i du raggruppamnti, italiani. I nomadi costituiscono un raggruppamnto a part, in quanto possono ssr sia di nazionalità italiana, ch stranira. 7

9 crscita dl numro di minori dnunciati ra attribuibil maggiormnt alla componnt non imputabil (con un incrmnto mdio annuo dl +4%, a front di un +1% di maggiori di 14 anni), nl 2009 i minori di 14 anni diminuiscono dl 22,5% contrariamnt agli ultraquattordicnni ch aumntano livmnt. Il pso dgli infraquattordicnni è particolarmnt lvato tra i nomadi (varia tra il 42% il 32% dl total di nomadi) a front di quot infriori al 20% tra gli italiani gli. Nl 2009, risptto al 2008, si rilva in particolar un calo dll incidnza prcntual dgli infraquattordicnni tra i nomadi (dal 42% al 32%) tra gli (dal 20% al 15%). Distribuzion trritorial. La distribuzion dlla criminalità minoril nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano non è uniform. La di Milano (incluso il capoluogo), nl 2009, assorb il 54% dl total di minori dnunciati sul trritorio 7, a cui va aggiunta prsumibilmnt buona part dlla quota di ragazzi snza fissa dimora ch, pur ssndo diminuiti costantmnt nl corso dl quinqunnio in sam, hanno ancora una crta incidnza sul total di dnunciati (7% nl 2009). Si confrma quindi la spiccata concntrazion dlla criminalità minoril intorno ai principali agglomrati urbani, dov maggior è la concntrazion dll potnziali vittim, ma anch più frqunti sono l situazioni di dgrado di contsti familiari ambintali. Nl 2009 sono diminuiti maggiormnt, risptto all anno prcdnt, i minori dnunciati nl capoluogo milans (- 7%) piuttosto ch in di Milano (-4%). Tra l provinc più a rischio criminalità, dopo la mtropoli lombarda dopo la di Milano, si sgnalano l provinc di Vars (13% nl 2009), Pavia (7%) Como (6%). S si considra anch la dimnsion dmografica, il quadro si confrma parzialmnt. Il tasso di criminalità minoril, ch si ottin rapportando i minori dnunciati alla popolazion minoril rsidnt di rifrimnto, mostra nl 2009 una distribuzion con valori più alti nlla mtropoli milans, sguita nll ordin, dall provinc di Vars, Pavia, Lodi, Milano. La di Milano, quindi, pur concntrando sul proprio trritorio circa il 29% di minornni dnunciati, prsnta un tasso di criminalità notvolmnt infrior al valor mdio dll intro trritorio ch risulta circa la mtà di qullo dl capoluogo, collocandosi al quinto posto. In un quadro gnral di sostanzial crscita dlla propnsion a dlinqur nll divrs provinc dl distrtto, nl corso dl , diminuiscono i minornni dnunciati rsidnti in di Sondrio, i snza fissa dimora i rsidnti in altri distrtti di cort d appllo. La di Lodi, invc, nl 2009 si contraddistingu pr il rilvant aumnto di minori dnunciati (+46% risptto al 2008). S si analizza la distribuzion trritorial dgli dnunciati nl distrtto, si ossrva ch la maggior part sono rsidnti a Milano (circa un trzo) o sono snza fissa dimora (gran part di quali gravitanti prsumibilmnt attorno alla mtropoli milans). Nl 2009 i snza fissa dimora sono diminuiti ultriormnt (-29% risptto al 2008), rapprsntando il 19% dl total di minori dnunciati nll intro distrtto. Risptto all altr provinc, la città di Milano si contraddistingu pr un incidnza prcntual molto lvata dlla componnt stranira tra i dnunciati (attorno al 50% sul total di minornni dnunciati nl capoluogo lombardo). Nl 2009 la componnt stranira a Milano ha rgistrato una diminuzion risptto al 2008 (dal 53% nl 2008 al 47%), mntr si ossrva un notvol aumnto in di Lcco (dal 23% al 31%). 7 Nlla ripartizion pr di rsidnza, sono stati sclusi i dnunciati maggiornni. 8

10 1.2 Rati a carico di minori dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano (figur 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14 tabll 7, 8, 9, 10, 11. pagin 19-22) S si analizza la tipologia di rati commssi 8, la maggioranza dll dnunc riguarda i rati contro il patrimonio (con circa il 45%-50% sul total di rati, nll arco tmporal di rifrimnto), sguiti da qulli contro la prsona (16%-25%). Nl priodo si ossrva prò, una crscita di rati contro la prsona con un incrmnto mdio annuo dl 5% di rati in violazion dlla lgg sugli stupfacnti (+3,3% mdio annuo), a front di una stabilità di rati contro il patrimonio (+0,5% mdio annuo) di una diminuzion dgli altri rati (-5,4% mdio annuo). Nll arco tmporal considrato, aumntano i tntati omicidi (pur ssndo siguo il numro, con un +2% mdio annuo), l lsioni volontari (+8% mdio annuo), l rapin (+7% mdio annuo) i rati di dannggiamnto (+4% mdio annuo), mntr diminuiscono i rati di violnza sssual (- 13% mdio annuo) i furti (-4% mdio annuo). Nazionalità 9. S si ossrva la composizion prcntual di rati risptto alla nazionalità di minori dnunciati, si nota com siano prvalnti i rati contro il patrimonio sia pr gli italiani ch pr gli, ma mrgono alcun diffrnz. Tra i minori italiani si rgistra la quota più lvata di rati contro la prsona di rati in violazion dlla lgg sugli stupfacnti. Gli si contraddistinguono pr lo più, pr la commission di rati contro il patrimonio (furti in particolar) altri tipi di rati, tra cui sono prvalnti i rati contro la fd pubblica, quali la dichiarazion di fals gnralità o falsità in atti (documnti falsi), ch sono lgati alla loro condizion giuridica spsso irrgolar. Età. I rati commssi dai minori non imputabili di tà infrior ai 14 anni costituiscono una quota minoritaria, ma comunqu significativa, ch nl corso dl priodo considrato ha rgistrato un andamnto oscillant: tra il 2003 il 2006 si rilva una andamnto crscnt ch tocca i valori massimi dl 16% nl A partir dal 2007 la quota % dgli infraquattordicnni comincia a scndr pr attstarsi all 11% nl I minori non imputabili si contraddistinguono soprattutto pr la commission di rati contro il patrimonio (soprattutto furti) ch costituiscono la quota maggioritaria. Si ossrva prò, una proccupant crscita di rati contro la prsona (+12% mdio annuo nl priodo ) ch nl 2003 rapprsntavano il 14%, mntr nl 2009 sono vicini a un trzo dl total di rati. I rati di violazion dlla lgg sugli stupfacnti riguardano invc, quasi sclusivamnt gli ultraquattordicnni. 8 Pr facilità di lttura, i rati sono stati raggruppati nll sgunti quattro tipologi: - rati contro la prsona (omicidio, tntato omicidio, lsioni volontari, prcoss, rissa, minaccia, ingiuria, violnza sssual, maltrattamnti in famiglia) - rati contro il patrimonio (furto, tntato furto, furto aggravato, tntato furto aggravato, rapina, tntata rapina, storsion, tntata storsion, dannggiamnto, ricttazion, truffa) - violazion dlla lgg contro gli stupfacnti - altri rati (non comprsi nll tipologi prcdnti). 9 Risptto alla nazionalità, si analizzano i dati rifriti sclusivamnt al 2009, in quanto i dati prcdnti non sono confrontabili. È stata infatti, rivista la classificazion dlla nazionalità ch prvd solo i du raggruppamnti, italiani. In passato, invc pr la nazionalità vnivano considrati i tr raggruppamnti indipndnti, italiani, nomadi. 9

11 Gnr. I rati commssi dalla componnt fmminil hanno un incidnza minoritaria (tra il 16% il 20%), ma comunqu significativa, ch nl corso dl priodo prso in considrazion ha rgistrato un andamnto altalnant, ma tndnzialmnt stabil. La componnt fmminil si carattrizza soprattutto pr la commission di rati contro il patrimonio (in particolar furti) ch costituiscono la part prpondrant (con quot oscillanti attorno al 55%, 57% nl 2009). Si rilva prò un ritmo di crscita maggior pr i rati contro la prsona commssi dall ragazz (+11% mdio annuo nl priodo , contro il +0,6% di maschi): da un incidnza prcntual dl 14% nl 2003 raggiungono il 26% nl Minornni intrvnti di Srvizi dlla Giustizia Minoril dlla Lombardia I dati dl 2009 raccontano di una flssion, risptto all anno prcdnt, di minori prsi in carico dai Srvizi Minorili dlla Lombardia (USSM -2%, CPA -23% IPM -24%). L unico dato in crscita riguarda il numro di collocamnti in comunità (+8%). La gnralizzata flssion calcolata nl 2009 è dovuta, soprattutto, alla riduzion dl numro di minornni prsi in carico dai Srvizi dlla Giustizia Minoril dlla Lombardia risptto all anno prcdnt, sia ni valori assoluti (USSM -7%, CPA -23%, IPM -26%, collocamnti in comunità -11%) sia nll incidnza di ragazzi sul total di ragazzi sguiti, rgistrata in tutti i Srvizi. Nonostant qusto calo, la Lombardia riman la rgion con il più alto tasso d incidnza di minornni : d altra part in Lombardia viv ¼ di minornni prsnti in Italia. La prsnza di ragazzi italiani ni Srvizi Minorili lombardi è diminuita, risptto all anno prcdnt, sia in CPA (-23%) ch in IPM (-21%) mntr è aumntata prsso gli USSM (+2%) nll Comunità (+ 31%). Aldilà di numri, va sgnalata l aumntata complssità di soggtti italiani in carico, spsso intrssati da prcdnti intrvnti in ambito civil amministrativo. Anch i dati nazionali dl 2009 rilvano una flssion risptto al 2008 nl numro dgli ingrssi ni CPA (-17%) ngli IPM (-9%). A diffrnza dlla Lombardia, sono in calo i collocamnti in comunità (-4%) mntr sono in aumnto l prs in carico dgli USSM (+6%). I dati nazionali dl 2009 vidnziano, infin, parimnti a quanto rilvato in Lombardia, un calo di ragazzi in tutti i Srvizi risptto al 2008 (USSM -0,3%, CPA -32%, IPM -20% collocamnti in comunità -17%). 2.1 Uffici di Srvizio Social pr i Minornni: sdi di Milano di Brscia (figura 15 tabll 12, 13, 14. pagin 22-23) Dinamica incidnza. In Lombardia risptto all anno prcdnt, si riscontra una diminuzion di soggtti sgnalati dall Autorità Giudiziaria: si è passati da 2579 unità nl 2008 a 2180 nl 2009, mntr a livllo nazional si rgistra un incrmnto dl 6% attribuibil soprattutto all aumnto dlla componnt italiana (+7%). L incidnza prcntual di soggtti sgnalati in Lombardia risptto al total nazional è dl 10%, mntr l incidnza di qulli prsi in carico è dl 5%. La discordanza può trovar spigazion nl fatto ch in Lombardia, unica rgion in Italia, l prs in carico di minornni dnunciati in stato di librtà vngono svolt dai srvizi sociali dgli Enti locali. Nl 2009, tra i soggtti sgnalati, gli USSM di Milano Brscia si sono occupati di 924 minori (-2% risptto all anno prcdnt) 390 (-7%) 534 italiani (+2%). L ragazz prs in carico sono stat 56, il 6% dl total, in calo di 2 punti prcntuali risptto al Gli prsi in carico. Tra i minori, pr i quali si sono attivat azioni di srvizio social, la nazionalità più rapprsntata è qulla marocchina, sguita da qulla romna (in calo 10

12 risptto al priodo prcdnt), albans d cuadoriana (i minornni di qust ultima nazionalità risultano quasi tutti in carico prsso l USSM di Brscia). Tmpi di prmannza. I tmpi di prmannza mdia di minornni ni du Srvizi in sam sono gnralmnt di du anni. Pr la prima volta il total di minornni sguiti, già in carico ngli anni prcdnti (pari a 521 unità), ha suprato nl 2009 il numro di qulli prsi in carico pr la prima volta (403 unità), rgistrando un incrmnto dll 8% risptto all anno prcdnt. L misur adottat. Nl 2009 si riscontra, risptto al 2008, una flssion dgli intrvnti pr misur cautlari sia in Lombardia (-26%) ch a livllo nazional (-4%), mntr il dato dgli intrvnti pr i ragazzi sottoposti alla sospnsion dl procsso alla mssa alla prova risulta stabil in Rgion (dato rgistrato in diftto, in quanto non sono non sono stati contggiati ni dati qui proposti gli intrvnti sguiti dirttamnt dall Ent Local) d in crscita a livllo nazional (+15%). Pr quanto riguarda gli intrvnti pr l applicazion dll misur cautlari, nl priodo in sam si ossrva il primato dgli intrvnti ni collocamnti in comunità (128, pari al 35% dl total dll misur cautlari) in continua crscita prcntual dal 2006 al 2009, sguiti da qulli con disposizion di prmannza in casa (112 pari al 31%). Il Distrtto di Milano si carattrizza pr il maggior numro di intrvnti pr l applicazion di collocamnti in comunità (42%), mntr qullo di Brscia pr il maggior utilizzo dlla prmannza in casa (35%). L alta prcntual di collocamnti in comunità è indicativa dll importanza attribuita dal Sistma Giustizia a qusto tipo di intrvnto, pur vocando immagini di ritorno ad un ambint salvifico, è comunqu indicativa dlla gravità dll situazioni prsonali familiari di ragazzi arrstati. Situazioni rifribili non solo a condizioni di abbandono matrial, tipica di minori non accompagnati, ma anch a prcorsi volutivi costllati di fallimnti, carnz nll figur di rifrimnto primari, ch inducono il Magistrato a ricorrr a qusta misura, anch in assnza di un adguato prcorso gradual di avvicinamnto motivazional da part dl minor dlla sua famiglia. Va infin sgnalata, a Milano, la crscita dlla quota dll misur cautlari riguardanti italiani maschi ch dal 48% nl 2008 hanno raggiunto il 64% nl Si tratta di minori crsciuti, spsso, in contsti suburbani dgradati, pr i quali prospttiv, dsidri spranz divrs vanno faticosamnt risvgliati attravrso un lnto pazint lavoro di ricostruzion di una rlazion con l adulto. 2.2 Cntri di Prima Accoglinza: sd di Milano (tabll 15, 16, 17. pagin 23-24) Dinamica incidnza. Nl 2009 si rgistra una diminuzion dl 23% dgli ingrssi nl Cntro di Prima Accoglinza di Milano, risptto all anno prcdnt: dai 420 dl 2008 si passa ai 324 nl 2009, 198 minori con cittadinanza stranira. L 47 fmmin (4 italian 43 stranir) hanno rapprsntato il 15% dl total dgli ingrssi. La componnt stranira. In valori prcntuali, riman stabil, risptto all anno prcdnt, la componnt stranira (61% sul total dgli ingrssi). Tra gli, la nazionalità più rapprsntata, pur rgistrando un calo risptto agli anni prcdnti, riman qulla romna (60 ingrssi nl 2009) sguita dalla srba-montngrina (31) dalla marocchina (28). Si riscontra, infin, un costant aumnto di minori provninti dai pasi dl Sud Amrica (19 ingrssi nl 2009). 11

13 Il gnr la provninza. Smpr in valori prcntuali, si rgistra un lggro aumnto dlla componnt italiana maschil ch dal 36% nl 2008 raggiung il 38% nl 2009, mntr è in diminuzion la componnt fmminil italiana. Anch qust anno un numro significativo di minori italiani provin da disagiat prifri milansi, accomunati dalla commission dl mdsimo rato (spsso inrnt la lgg sull uso di sostanz stupfacnti). I rati commssi. Esaminando l andamnto di rati risultano smpr al primo posto qulli rlativi al patrimonio (155 furti 89 rapin), sostanzialmnt immutati qulli rlativi alla dtnzion di sostanz stupfacnti (75 casi, tra cui molti rifribili a minori con cittadinanza italiana) mntr si assist ad un allarmant aumnto di rati contro la prsona (5 storsioni, 3 squstri di prsona, 2 omicidi colposi, 1 omicidio volontario 5 violnz sssuali). L misur adottat. L 80% di soggtti ntrati nl Cntro di Prima Accoglinza è stata dimssa con l applicazion di una misura cautlar. La misura più applicata è qulla dl collocamnto in comunità ch ha riguardato 80 minori (25% sul total dll uscit), un dato prcntual in costant aumnto ngli ultimi anni (13% nl 2006 sul total dll uscit, 17% nl % nl 2008). E aumntata la prcntual di collocamnti sia di ragazzi italiani (22% nl 2008, 30% nl 2009) sia di qulli (17% nl % nl 2009). La misura dlla custodia cautlar in carcr è stata applicata a 69 minornni (21% dl total dll uscit nl 2009), un dato prcntual in costant diminuzion (35% nl 2006, 31% nl % nl 2008). L applicazion dlla custodia cautlar in carcr è stata, anch nl 2009, più frqunt pr gli (il 27% contro il 13% pr gli italiani). Il 21% di minornni è uscito con la disposizion di prmannza a casa (-2% in valori prcntuali risptto al 2008). Tra l misur adottat dall Autorità Giudiziaria in uscita dal CPA, la misura dll prscrizioni è l unica ch ha rgistrato un aumnto, sia ni valori assoluti (da 33 nl 2008 a 39 nl 2009) ch in trmini rlativi (dall 8% nl 2008 al 12% nl 2009). La crscita prcntual ha riguardato tanto i ragazzi italiani quanto qulli, ch hanno commsso pr lo più rati di furto rapina. L aumnto dll utilizzo di tal misura è da attribuir, in part, pr i minori, ad una maggior prsnza sul trritorio di significativi rifrimnti parntali, in part ad una più strtta collaborazion dl CPA con alcun Agnzi trritoriali (Comun di Milano, ASL- Spazio Blu Privato social). 2.3 Istituti Pnali pr i Minornni: sd di Milano (tabll 18, 19, 20. pagin 24-25) Dinamica incidnza. La misura dtntiva continua a rimanr rsidual risptto all altr misur d opportunità giuridich utilizzat dalla Magistratura minoril. Nl 2009, a front di 2180 sgnalazioni ffttuat dall Autorità Giudiziaria ai Srvizi Minorili in Lombardia, in IPM si rgistrano 157 nuovi ingrssi (7% dll sgnalazioni). Nll IPM di Milano, nl corso dl 2009, è diminuito il numro total dgli ingrssi di minori di quasi cnto unità, risptto al 2008 (da 341 a 258 ingrssi), imputabil soprattutto alla componnt maschil (-26% risptto il 2008). In raltà, nl 2008, si è rgistrato nll IPM lombardo un picco anomalo di ingrssi risptto all andamnto dgli ultimi anni, dal 2006 al L incidnza dll fmmin sui maschi è abbastanza costant ngli ultimi anni, attstandosi al 20% nl Motivi d ingrsso. Si sgnala una prvalnza di minori in custodia cautlar risptto a qulli in scuzion pna, anch s qusti ultimi sono in gradual crscita. Il numro maggior d ingrssi in IPM si rgistra pr i minori provninti dal CPA, il 28%, dato comunqu in diminuzion risptto al passato: nl 2007 raggiungva il 50%. 12

14 Causa la fas di ristrutturazion in cui si trova l IPM di Milano, ragion dlla riduzion dlla normal capinza di continui trasfrimnti di ragazzi in altri Istituti Pnali nl rsto d Italia, riman lvato il dato riguardant i ragazzi rintrati in Bccaria provninti da altri IPM (22% dl total dll ntrat). Un altro dato significativo riguarda i minori rintrati in Istituto dopo un fallimnto dlla misura dl collocamnto in comunità, il 10% dl total, dato rifribil sia ai maschi ch all fmmin in gual misura. Nazionalità. Si sgnala l aumnto dll incidnza di ragazzi/ italiani sul total dgli ingrssi, rilvato soprattutto ngli ultimi du anni, passati al primo posto fra l nazionalità prsnti: dal 17% sul total dgli ingrssi nl 2006, al 33% nl Tra i minori (67% dl total dgli ingssi nl 2009), si riscontra un fort calo di minori snza fissa dimora privi di significativi rifrimnti parntali. La nazionalità più rapprsntata, tra i nuovi ingrssi, è qulla romna (17%) in flssion risptto agli anni prcdnti (nl 2007i minori romni rano il 28%), sguita da qulla croata (13%) da qulla marocchina (8%), in fort calo risptto al 2007 (15%). E important prcisar ch la popolazion nomad provnint dai divrsi pasi dll x Jugoslavia, raggiung, nl total, il 27% di nuovi ingrssi, suprior anch ai minori romni. Tra l altr nazionalità, si sgnalano, in particolar, gli ingrssi in IPM di ragazzi provninti dai pasi dl sud Amrica, ch hanno raggiunto il 4% nl Tra l ragazz, riman prvalnt la prsnza di ragazz nomadi provninti dai pasi dll x Jugoslavia di romn. I rati commssi. I rati più frqunti rimangono qulli contro il patrimonio, con un incrmnto di furti (dal 33% dl 2008 al 39% dl 2009) d un abbassamnto dll rapin (dal 30% dl 2008 al 22% dl 2009). Risultano in diminuzion i rati di violazion dlla lgg stupfacnti, passati dal 24% all 11%. Proccupant, anch s abbastanza stabil ngli ultimi anni, è il dato rifrito agli omicidi, ch ormai raggiung il 4%. Prmannza in Istituto motivi di dimission. Il tmpo di prmannza di ragazzi in IPM, con sclusion di minori trasfriti in altri IPM, si attsta in mdia intorno ai cinqu msi, con priodi di prmannza maggior pr i ragazzi/ italiani risptto a qulli, dato dtrminato soprattutto dall infrior rilvanza pnal di rati sono prvalntmnt imputati. Tra i motivi di dimission dall Istituto si nota un aumnto dlla concssion da part dll Autorità Giudiziaria dll misur cautlari in sostituzion dlla custodia in carcr (collocamnti in comunità prmannza a casa), passat dal 38% nl 2008 a quasi il 48% nl S si aggiungono i minori cui è stata concssa la sospnsion dl procsso la mssa alla prova o l affidamnto in prova al srvizio social, il dato complssivo supra il 50% dll dimissioni, ad indicar l lvato numro di prcorsi progttuali ch prndono avvio in Bccaria ch prosguono all strno con misur mno afflittiv più mancipanti. In liv aumnto risultano i minori dimssi pr trmin dlla custodia cautlar dll scuzion pna, il 31% dl total. 2.4 I minori dlla Lombardia collocati in Comunità (tabll 21, 22, 23, 24. pagin 25-26) Dinamica incidnza. Nl 2009 il CGM di Milano ha garantito l scuzion di 316 collocamnti in comunità, con un incrmnto dll 8% risptto all anno prcdnt. Pr la prima volta, dopo anni, si rgistra una maggior incidnza di insrimnti di ragazzi italiani (173) ni confronti dll insim di ragazzi (143). Si rilva un incrmnto dl 31% dgli insrimnti di ragazzi italiani (da 132 nl 2008 a 173 nl 2009) mntr è in diminuzion il numro di insrimnti di ragazzi 13

15 (da 161 nl 2008 a 143 nl In particolar è diminuita la componnt nomad fmminil, da 20 a 10). Cittadinanza gnr. I principali pasi di provninza di ragazzi sono la Romania (12% dl total dgli insrimnti) d il Marocco (12%). Sono in aumnto i ragazzi provninti dal Sud Amrica. Il numro dll ragazz collocat in comunità è in diminuzion (da 30 nl 2008 a 21 nl 2009). L misur adottat. Pur rimanndo prminnt la misura dl collocamnto in comunità com applicazion dlla misura cautlar (39% dgli insrimnti) a cui andrbb aggiunto, com dato complssivo dll applicazion dlla misura cautlar, il 20% pr trasformazion da altr misur cautlari, il collocamnto in comunità ha rgistrato ngli anni un incrmnto nll utilizzo dll istituto dlla sospnsion dl procsso mssa alla prova (65 insrimnti nl 2009 a front di 40 nl 2008), connotandosi quindi com significativa opportunità in ordin al prcorso di rsponsabilizzazion dl minor o dl giovan adulto. Si sono mdiamnt allungati i priodi di mssa alla prova con prscrizion dl collocamnto in comunità disposti dall Autorità Giudiziaria (a front dll incrmnto prcntual risptto all anno prcdnt dll 8% dl numro di collocamnti, si rgistra un +19% di giornat di prsnza consunt). Il tasso di allontanamnto arbitrario, ch vin calcolato rapportando il numro dll fugh al total dgli ingrssi, è in costant diminuzion (44% nl 2006, 40% nl 2007, 30% nl % nl 2009). Il dato rilvant è ch il dcrmnto dl tasso di allontanamnto arbitrario è dovuto sclusivamnt alla diminuzion dll fugh di ragazzi, pr i quali si è passati dal 40% dl 2008 al 33% dl 2009, mntr l fugh di ragazzi italiani, nllo stsso priodo, sono in crscita (dal 18% al 21%). L azion di rt. Un significativo contributo al rafforzamnto dlla prsa in carico dl controllo, anch nlla prima dlicata fas dl collocamnto in comunità, è stato dtrminato dal rafforzamnto dlla collaborazion ch il Cntro di Giustizia Minoril ha rso oprativa con divrs comunità lombard attravrso una positiva sprinza di incontri di formazion, anch con il contributo dlla cooprativa Minotauro, con l obittivo di approfondir l tmatich rlativ all accoglinza immdiata di minori, all rogazion di prstazioni primari, alla valutazion d alla ralizzazion di un programma ducativo attravrso l fasi dll ossrvazion/ accompagnamnto dl minor in una continua intrazion con i Srvizi. Il CGM di Milano si è avvalso pr l scuzion dl collocamnto in comunità, durant il 2009, dlla collaborazion di 119 struttur dl privato social. In particolar, ha cooprato con 78 comunità rsidnziali socio ducativ (54 situat in Lombardia 24 fuori rgion), con 11 cntri diurni, con 19 struttur traputich psichiatrich (6 in Lombardia 13 fuori rgion) con 11 struttur traputich pr tossicodipndnti (5 in Lombardia 6 fuori rgion). Va infin sgnalato ch, dopo l attuazion dl DCPM dll 1 april 2008, la comptnza di tutt l funzioni sanitari svolt in prcdnza dal Dipartimnto Giustizia Minoril, ivi comprso il rimborso all Comunità traputich pr il mantnimnto, la cura l assistnza mdica di minori, è stata trasfrita al Srvizio Sanitario Nazional. I minornni sottoposti a provvdimnti pnali afftti da disturbi psichici i tossicodipndnti, risptto ai quali non ra possibil individuar una risposta di contnimnto di comprnsion dl disagio all intrno di un prcorso sclusivamnt pnal, stanno così usufrundo di comptnz di intrvnti sanitari, sia nl prcorso di cura sia nll individuazion di struttur comunitari spcialistich, nll ambito dlla collaborazion attiva con i Srvizi dlla Giustizia Minoril. Il CGM sta continuando il proprio impgno oprativo al fin di garantir la corrtta scuzion di provvdimnti pnali la ralizzazion di diritti soggttivi dll utnza in carico. 14

16 3. Tabll grafici Figura 1 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. Valori assoluti variazioni annu prcntuali. Anni Tablla 1 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la nazionalità. Anni % % nomadi var % var % var % nomadi sul total annua annua annua Total sul total Total Straniri Nomadi n.d. n.d % -3,8% n.a. 26,7% n.d. n.d % 17,6% n.a. 11,2% n.d. n.d % -9,9% n.a. -16,9% n.d. n.d % 0,8% n.a. -19,2% n.d. n.d % 3,5% n.a. 4,8% % 278 7% -1,8% n.a. 16,8% % 219 6% -1,8% -12,5% -10,8% Figura 2 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. Distribuzion % scondo la nazionalità. Anni Tablla 2 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo il gnr. Anni Total fmmin % fmmin sul total F stranir % F stranir sul Tot F nomadi % F nomadi sul Tot nomadi % n.d. n.d % % n.d. n.d % % n.d. n.d % % n.d. n.d % % n.d. n.d % % % % % % 91 42% 15

17 Tablla 3 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la class d tà. Anni Ultra14nni Ultra18nni* Total var % annua Infra14nni var % annua Ultra14nni var % annua Total Infra14nni ,0% -4,3% -3,8% ,7% 13,6% 17,6% ,2% -10,4% -9,9% ,9% -0,1% 0,8% ,2% 5,7% 3,5% ,3% -0,9% -1,8% % 2.2% -1,8% *Nota: si tratta pr lo più di soggtti non bn idntificati, ch in un scondo momnto, succssivamnt all indagini, risultano ssr maggiornni, in quanto tali vngono poi rinviati pr comptnza alla Procura ordinaria Figura 3 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. Distribuzion % scondo la class d tà. Anni % 84% 82% 81% 80% 82% 83% 86% 50% 0% 17% 17% 18% 14% 16% 15% 12% 2% 2% 2% 2% 2% 2% 2% Infraquattordicnni Ultraquattordicnni Ultradiciottnni Figura 4 Prsnza dgli infraquattordicnni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la nazionalità. Quot %. Anni % 42% 32% 25% 20% 11% 10% 15% 0% % infra14 italiani % infra14 % infra14 nomadi

18 Figura 5 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la di rsidnza (sclusi i maggiornni). Anni Milano città Milano Pavia Vars Como Sondrio Lodi Lcco S.f.d. Fuori D.C.A Nota: S.f.d.: snza fissa dimora Fuori D.C.A.: Fuori Distrtto di Cort d Appllo Tablla 4 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. Distribuzion % scondo la di rsidnza (sclusi i maggiornni). Anni Milano città Milano Pavia Vars Como Sondrio Lodi Lcco S.f.d. Fuori D.C.A Total % 23% 6% 9% 4% 4% 2% 2% 21% 5% 100% % 21% 5% 9% 5% 2% 2% 3% 24% 4% 100% % 22% 6% 9% 4% 2% 1% 3% 21% 5% 100% % 26% 5% 10% 4% 2% 2% 3% 16% 4% 100% % 27% 7% 11% 6% 2% 2% 4% 13% 4% 100% % 30% 6% 10% 6% 2% 2% 4% 10% 4% 100% % 29% 7% 13% 6% 2% 3% 4% 7% 4% 100% Nota: S.f.d.: snza fissa dimora Fuori D.C.A.: Fuori Distrtto di Cort d Appllo Tablla 5 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la di rsidnza (sclusi i maggiornni). Variazioni annu %. Anni Milano città Milano Pavia Vars rovincia Como Sondrio Lodi Lcco S.f.d. Fuori D.C.A. Total 2004/ % 8% 7% 19% 32% -49% 4% 36% 31% -17% 18% 2005/2004-8% -6% 5% -8% -25% 20% -31% -20% -22% 17% -10% 2006/2005 3% 23% -12% 4% 10% -2% 20% 18% -20% -24% 1% 2007/2006-1% 4% 37% 17% 36% -29% 20% 38% -20% 9% 4% 2008/2007-2% 10% -11% -7% -7% 34% 6% 3% -23% -8% -2% 2009/2008-7% -4% 12% 23% 11% -4% 46% -15% -30% 13% -2% Nota: S.f.d.: snza fissa dimora Fuori D.C.A.: Fuori Distrtto di Cort d Appllo 17

19 Fig. 6 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la di rsidnza (sclusi i maggiornni). Anni Milano città Milano Pavia Vars Como Sondrio Lodi Lcco S.f.d. Fuori D.C.A. Total Nota: S.f.d.: snza fissa dimora Fuori D.C.A.: Fuori Distrtto di Cort d Appllo Tablla 6 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano (sclusi i maggiornni). Distribuzion % scondo la di rsidnza quot % sul total minornni Milano città Milano Pavia Vars Como Sondrio Lodi Lcco S.f.d. Fuori D.C.A. Total % 19% 5% 6% 3% 1% 2% 2% 24% 5% 100% % 22% 6% 8% 3% 1% 2% 3% 19% 5% 100% Quot % sul total minornni dnunciati rsidnti pr % 27% 34% 25% 20% 17% 36% 23% 99% 58% 42% % 27% 31% 21% 18% 19% 27% 31% 100% 44% 37% Nota: S.f.d.: snza fissa dimora Fuori D.C.A.: Fuori Distrtto di Cort d Appllo Figura 7 Minornni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano pr abit. rsidnti anni. Anni Milano città Vars Pavia Lodi Milano Sondrio Como Lcco Tot. (solo rsidnti) Total Nota: il Total comprnd i dnunciati snza fissa dimora i rsidnti al di fuori dl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. 18

20 Figura 8 Rati a carico di minori dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. Valori assoluti variazioni annu prcntuali. Anni n. rati 7,000 6,000 5,000 4,000 3,000 2,000 1,000 var. annual % Rati dnunciati D.C.A. Milano 5,787 6,494 5,558 5,805 5,981 6,077 5,783 var % annual rati dnunciati Tablla 7 Rati a carico di minori dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la tipologia di rato. Valori assoluti variazioni annu %. Anni Numro Var annu % / 04 06/ 05 07/ 06 08/ 07 09/ 08 Contro la prsona % 11% 22% 11% -6% - omicidio n.s. n.s. n.s. n.s. n.s. - tntato omicidio n.s. n.s. n.s. n.s. n.s. - violnza sssual % 22% 8% -42% 13% - lsioni volontari % 14% 10% 14% -8% Contro il patrimonio % 6% 1% -10% 3% - furto % 10% -1% -18% -9% - rapina % 19% -6% 27% -19% - dannggiamnto % -7% -1% -1% 2% Violazion Lgg Stupfacnti % -9% 6% 33% 4% Altri rati % 0% -8% 11% -19% - porto abusivo di coltllo % 35% -24% 44% -9% Total % 4% 3% 2% -5% Tablla 8 Rati a carico di minori dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la tipologia di rato. Quot % sul total rati. Anni Numro Contro la prsona 16% 18% 19% 23% 25% 24% - omicidio 0% 0% 0% 0% 0% 0% - tntato omicidio 0% 0% 0% 0% 0% 0% - violnza sssual 2% 2% 2% 2% 1% 1% - lsioni volontari 6% 7% 8% 8% 9% 9% Contro il patrimonio 51% 50% 50% 49% 44% 47% - furto 31% 29% 31% 30% 24% 23% - rapina 6% 5% 6% 6% 7% 6% - dannggiamnto 5% 6% 6% 6% 1% 6% Violazion Lgg Stupfacnti 5% 5% 5% 5% 6% 7% Altri rati 29% 27% 26% 23% 25% 22% - porto abusivo di coltllo 2% 2% 3% 2% 3% 3% Total 100% 100% 100% 100% 100% 100% 19

21 Figura 9 Rati a carico di minori dnunciati nl Distrtto di Cort d'appllo di Milano, scondo la tipologia di rato. Variazioni annu %. Anni % 30% 20% 10% 0% -10% -20% -30% 2004/ / / / / /2008 Contro la prsona -4% -1% 11% 22% 11% -6% Contro il patrimonio 24% -16% 6% 1% -10% 3% Violazion Lgg Stupfacnti -6% -2% -9% 6% 33% 4% Altri rati 8% -21% 0% -8% 11% -19% Total 12% -14% 4% 3% 2% -5% Figura 10 Rati a carico di minori dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la nazionalità. Distribuzion % scondo la tipologia di rato. Anno % 80% 21% 22% 22% 9% 3% 7% 60% 40% 41% 56% 47% 20% 0% 28% 19% 24% Italiani Straniri Total Contro la prsona Contro il patrimonio Violazion Lgg Stupfacnti Altri rati Tablla 9 Rati a carico di minori dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la tipologia di rato la class d tà. Anni Infra14nni Ultra14nni Contro la prsona Contro il patrimonio Viol. Lgg Stupf Altri rati Total Figura 11 Rati a carico di infraquattordicnni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. Quot % sul total di rati scondo la tipologia di rato*. Anni *Nota: l prcntuali sono stat calcolat rapportando i rati a carico di minori infraquattordicnni al total di rati dlla catgoria di rato considrata. La prcntual rifrita al total rapprsnta il valor mdio. Il confronto tra qust ultima l prcntuali rifrit all singol catgori consnt di vrificar la maggior o minor propnsion di minori di 14 anni a commttr i vari tipi di rato. 20

22 Figura 12 Rati a carico di infraquattordicnni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. Distribuzion % scondo la tipologia di rato. Anni % 80% 16% 17% 14% 15% 16% 19% 0% 3% 1% 1% 1% 1% 14% 1% 60% 40% 67% 68% 74% 70% 59% 56% 55% 20% 0% 23% 24% 29% 14% 14% 12% 15% Contro la prsona Contro il patrimonio Violazion Lgg Stupfacnti Altri rati Figura 13 Rati a carico di ultraquattordicnni dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. Distribuzion % scondo la tipologia di rato. Anni % 80% 60% 32% 31% 29% 28% 24% 26% 5% 6% 5% 6% 5% 7% 23% 7% 40% 43% 48% 45% 47% 48% 42% 46% 20% 0% 19% 16% 19% 20% 23% 25% 24% Contro la prsona Contro il patrimonio Violazion Lgg Stupfacnti Altri rati Tablla 10 Rati a carico di minori dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la tipologia di rato il gnr. Anni Maschi Fmmin Contro la prsona Contro il patrimonio Viol. Lgg Stupf Altri rati Total Tablla 11 Rati a carico di minori dnunciati nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano, scondo la tipologia di rato il gnr. Quot % sul total rati. Anni Maschi Fmmin Contro la prsona 20% 23% 24% 26% 28% 24% 18% 19% 22% 25% 28% 26% Contro il patrimonio 50% 48% 49% 48% 42% 45% 55% 56% 55% 57% 53% 57% Viol. Lgg Stupf. 5% 6% 5% 5% 7% 8% 1% 1% 1% 1% 2% 2% Altri rati 25% 22% 21% 21% 24% 23% 25% 24% 22% 17% 18% 16% Total 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 100% 21

23 Figura 14 Rati a carico dll fmmin dnunciat nl Distrtto di Cort d Appllo di Milano. Quot % sul total di rati scondo la tipologia di rato*. Anni *Nota: l prcntuali sono stat calcolat rapportando i rati a carico dll minori fmmin al total di rati dlla catgoria di rato considrata. La prcntual rifrita al total rapprsnta il valor mdio. Il confronto tra qust ultima l prcntuali rifrit all singol catgori consnt di vrificar la maggior o minor propnsion dlla componnt fmminil a commttr i vari tipi di rato. Tablla 12 Total Numro soggtti sgnalati dall'autorità Giudiziaria di Distrtti di Cort d'appllo di Milano Brscia, pr cittadinanza ssso. Anni a pid libro % pid libro sul total total (comprso nomadi) % sul total total fmmin % fmmin sul total LOMBARDIA % % % % % % 19% % % % -27% % % % 7% % % % -1% % % % 2% % % % -15% ITALIA var. annua % Total soggtti sgnalati incidnza % soggtti sgnalati Lombardia sui soggtti sgnalati Italia incidnza % sogg. sgnalati in Lombardia sui sogg. sgnalati in Italia % % % 12% 18% % % % 5% 14% 21% % % % -6% 11% 17% % % % -8% 13% 19% % % % -7% 14% 22% % % % 14% 12% 18% % % % 6% 10% 14% Tablla 13 Minori prsi in carico dagli USSM. Anni LOMBARDIA ITALIA Prsi in carico % di sul total di prsi in carico Prsi in carico % di sul total di prsi in carico % % % % % % % % % % % % % % Nota: a partir dal 2007 il critrio di rilvazion dl dato rlativo ai minori prsi in carico è stato modificato, includndo anch i soggtti in carico da priodi prcdnti. 22

24 Tablla 14 Alcun tipologi di intrvnti ffttuati dagli U.S.S.M. -Anni pr misur cautlari pr mssa alla prova pr affidamnto in prova al srvizio social total % su tot mis cautlari total % su tot mssa alla prova total % su tot affidam in prova a srv soc LOMBARDIA % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % ITALIA % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % Figura 15 Intrvnti ffttuati dagli USSM di Milano Brscia pr tipologi di misur cautlari. Anni Tablla 15 Ingrssi di minornni nl C.P.A. scondo la cittadinanza il ssso.anni Total % sul total fmmin % fmmin sul total var. annua % Total ingrssi MILANO ,0% 66 17,0% ,1% 93 22,5% 6% ,1% 73 19,9% -12% ,9% 37 11,0% -8% ,9% 66 18,0% 10% ,2% 66 15,7% 14% ,1% 47 14,5% -23% ITALIA incidnza % ingrssi Milano sugli ingrssi in Italia incidnza % ingrssi Milano sugli ingrssi in Italia ,5% ,3% 11,0% 13,9% ,9% ,6% 10% 10,7% 13,8% ,9% ,3% -5% 10,0% 12,5% ,8% ,2% -4% 9,6% 11,9% ,4% ,1% -3% 10,8% 13,8% ,8% ,6% -14% 14,4% 18,9% ,3% ,4% -17% 13,4% 21,3% 23

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Sttor Programmazion, Controlli La popolazion in tà da 0 a 2 anni rsidnt nl comun di Bologna Maggio 2007 La prsnt nota è stata ralizzata da un gruppo di dirignti funzionari dl Sttor Programmazion, Controlli

Dettagli

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno

TEMPI SOGGETTI AZIONI Gennaio- Docenti dei due ordini di scuola e Pianificazione del progetto ponte per gli Anno PROGETTO PONTE TRA ORDINI DI SCUOLA Pr favorir la continuità ducativo didattica nl momnto dl passaggio da un ordin di scuola ad un altro, si labora un pont, sul modllo di qullo sottolncato. TEMPI SOGGETTI

Dettagli

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base

La Formazione in Bilancio delle Unità Previsionali di Base La Formazion in Bilancio dll Unità Prvisionali di Bas Con la Lgg 3 april 1997, n. 94 sono stat introdott l Unità Prvisionali di Bas (di sguito anch solo UPB), ch rapprsntano un di aggrgazion di capitoli

Dettagli

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci

Tariffe delle prestazioni sanitarie nelle diverse regioni italiane. Laura Filippucci Consumatori in cifr Tariff dll prstazioni sanitari nll divrs rgioni italian Laura Filippucci La rcnt proposta dl Govrno di aggiornar il tariffario dll prstazioni sanitari di laboratorio ha sollvato un

Dettagli

POR Calabria 2014-2020

POR Calabria 2014-2020 POR Calabria 20142020 Obittivo Tmatico 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE Priorità 9 PROMUOVERE L INCLUSIONE SOCIALE, COMBATTERE LA POVERTÀ E OGNI

Dettagli

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering

EUCENTRE. European Centre for Training and Research in Earthquake Engineering Europan Cntr for Rsarch in Earthquak Enginring Parr sulla vntual obbligatorità di un intrvnto di adguamnto sismico nll ambito dll intrvnto di ristrutturazion, adguamnto ampliamnto dlla Casa Albrgo pr Anziani

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città

COMUNE DI BOLOGNA Dipartimento Economia e Promozione della Città COMUNE DI BOLOGNA Dipartimnto Economia Promozion dlla Città Allgato C all Avviso pubblico pr la prsntazion di progtti di sviluppo alla Agnda Digital di Bologna Modllo di dichiarazion sul posssso di rquisiti

Dettagli

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica

Casi clinici Una Esperienza di Trattamento ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Una Esprinza di Trattamnto ACUDETOX Antifumo in Fabbrica Rmo ANGELINO Dirttor SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO, Antonio POTOSNJAK I.P. SC Dipndnz Patologich - ASL 10 Pinrolo TO Prmssa La rlazion

Dettagli

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n.

MATER NITÀ. La legge recentemente approvata non si limita ad emanare. eciale. congedi parentali. Legge sui congedi parentali. Legge 8 marzo2000 n. Lcco Sp ciale congdi parntali Lgg 8 marzo2000 n. 53 Lgg sui congdi parntali La lgg rcntmnt approvata non si limita ad manar disposizioni spcifich pr il sostgno dlla matrnità dlla patrnità, pr il diritto

Dettagli

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014

Deliberazione n. 246 del 10 aprile 2014 Dlibrazion n. 246 dl 10 april Dirttor Gnral Dr. Robrto Bollina Coadiuvato da: Giancarlo Bortolotti Dirttor Amministrativo Carlo Albrto Trsalvi Dirttor Sanitario Giuspp Giorgio Inì Dirttor Social Il prsnt

Dettagli

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB

le Segreterie degli Organi di Coordinamento delle rr.ss.aa. FABI DIRCREDITO SINFUB In rlazion a quanto prvisto dall art.2120 C.C., dall norm di lgg dagli accordi collttivi vignti, convngono ch, in aggiunta alla casistica sprssamnt prvista, il dipndnt possa chidr la anticipazion dl proprio

Dettagli

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione

ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Centro Regionale di Programmazione ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO Cntro Rgional di Programmazion I n t r POR Sardgna FESR 2007/2013 - ASSE VI COMPETITIVITÀ Lina di attività 6.1.1.A Promozion

Dettagli

Nazionale Regionale Provinciale. Nazionale Regionale Provinciale

Nazionale Regionale Provinciale. Nazionale Regionale Provinciale Progtto dll Provinc (PSU-00003) maggio 203, abstract Istruzion formazion/ istruzion comptnz TEMA Rl Con il Comptnz + Livllo di comptnza numrica dgli studnti Nom indicator Formula Livllo Trritorial disponibil

Dettagli

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio

Sanità e federalismo fiscale. Maria Flavia Ambrosanio Sanità fdralismo fiscal Maria Flavia Ambrosanio Qusto contributo illustra l voluzion dlla spsa sanitaria a livllo rgional i principali fattori ch l hanno dtrminata, l diffrnz, talvolta anch profond, ch

Dettagli

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO

13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO 132 13 - LA PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO La prparazion complta dl calciator si ralizza sottoponndo il suo organismo, la sua prsonalità la sua potnzialità motoria, ad una gran quantità di stimoli ch

Dettagli

Nazionale Ripartizional e Regionale Provinciale. Nazionale Ripartizional e Regionale Provinciale. Nazionale Ripartizional e Regionale Provinciale

Nazionale Ripartizional e Regionale Provinciale. Nazionale Ripartizional e Regionale Provinciale. Nazionale Ripartizional e Regionale Provinciale Progtto dll Provinc (PSU-00003) maggio 2013, abstract conciliazion di tmpi di vita/ Attività prsonali (comprso il ) TEMA Rl con il Occupazion - Diffrnz di gnr nlla domanda di Occupazion + Livllo dlla domanda

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...)

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Progetto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE. del (...) COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxlls, xxx COM (2001) yyy final Progtto di RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE dl (...) modificando la raccomandazion 96/280/CE rlativa alla dfinizion dll piccol mdi

Dettagli

1995-2010. Nazionale Regionale Provinciale. Nazionale Regionale Provinciale 2004-2010

1995-2010. Nazionale Regionale Provinciale. Nazionale Regionale Provinciale 2004-2010 Progtto BES dll Provinc (PSU-00003) maggio 2013, abstract Bnssr conomico /Standard matriali di vita TEMA Rl co n il BE S Consumi - Incidn di consumi alimntari sulla spsa dll famigli Rddito + Stima dl rddito

Dettagli

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO

Prot. n. AOODGEFID/7724 Roma, 12/05/2016. Al Dirigente Scolastico I.C. 1^ CASSINO VIA BELLINI, 1 03043 CASSINO FROSINONE LAZIO Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr la Programmazion la gstion dll risors uman, finanziari strumntali Dirzion Gnral pr intrvnti in matria di dilizia scolastica, pr la gstion

Dettagli

Anna Soru e Cristina Zanni

Anna Soru e Cristina Zanni Consumatori in cifr L prospttiv occupazionali di laurati in Lombardia Anna Soru Cristina Zanni La CCIAA di Milano Unioncamr Lombardia, attravrso Formapr con il coinvolgimnto dll dodici univrsità dlla Lombardia,

Dettagli

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani;

b) promuovere e diffondere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile fra i giovani; CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE, L UNIONE RENO GALLIERA E I COMUNI DI ARGELATO, BENTIVOGLIO, SAN GIORGIO DI PIANO, SAN PIETRO IN CASALE, CASTELLO D ARGILE, PIEVE DI CENTO, GALLIERA, PER LA

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE

ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE ALLEGATO N.3 STRATEGIE PER IL RECUPERO-POTENZIAMENTO E VALORIZZAZIONE ECCELLENZE a. STRATEGIE PER IL RECUPERO DESTINATARI Il Rcupro sarà rivolto agli alunni ch prsntano ancora difficoltà nll adozion di

Dettagli

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon

Il paradosso dei carburanti in Italia. Marco Bulfon Consumatori in cifr Il paradosso di carburanti in Italia Marco Bulfon I carburanti hanno un norm incidnza sull inflazion gnral. È pr qusta ragion ch la dinamica di loro przzi è così important. Nl momnto

Dettagli

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione

04/11/2014. Coordinatore per la progettazione. Coordinatore per l esecuzione Committnt /o Rsponsabil di lavori Imprsa affidataria, Imprs scutrici Lavoratori autonomi 1 Committnt CHI E : soggtto pr conto dl qual l intra opra vin ralizzata, indipndntmnt da vntuali frazionamnti dlla

Dettagli

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici

Il mercato elettrico dopo la liberalizzazione per i clienti domestici Il mrcato lttrico dopo la libralizzazion pr i clinti domstici Paolo Cazzaniga Introduzion: struttura dl mrcato lttrico dlla tariffa Dal 1 luglio 2007 la libralizzazion dl mrcato lttrico è compltata: anch

Dettagli

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008

Il prezzo del petrolio e dei carburanti tra maggio e settembre 2008 Consumatori in cifr Il przzo dl ptrolio di carburanti tra maggio sttmbr 2008 Marco Bulfon Introduzion 142 Nl corso dll ultimo anno i przzi intrnazionali di molt matri prim hanno subìto un comportamnto

Dettagli

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta

Procedura Operativa Standard. Internal Dealing. Rev. 0 In vigore dal 28 marzo 2012 COMITATO DI CONTROLLO INTERNO. Luogo Data Per ricevuta REDATTO: APPROVATO: APPROVATO: INTERNAL AUDITOR COMITATO DI CONTROLLO INTERNO C.D.A. Luogo Data Pr ricvuta INDICE 1.0 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE 2.0 RIFERIMENTI NORMATIVI 3.0 DEFINIZIONI 4.0 RUOLI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Prefettura di Roma. Università di Roma La Sapienza. Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROTOCOLLO D INTESA tra Prfttura di Roma Univrsità di Roma La Sapinza Univrsità dgli Studi di Roma Tor Vrgata Univrsità dgli Studi Roma Tr 1 PREMESSO ch con dcrto dl Prsidnt dl Consiglio di Ministri dl

Dettagli

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO

INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE. Estensore TENNENINI MASSIMO. Responsabile del procedimento TENNENINI MASSIMO REGIONE LAZIO Dirzion Rgional: Ara: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZ. E MARKETING TERRITORIALE DETERMINAZIONE N. G09834 dl 08/07/2014 Proposta n. 11437 dl 01/07/2014 Oggtto: Attuazion

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale.

Teoria dell integrazione secondo Riemann per funzioni. reali di una variabile reale. Capitolo 2 Toria dll intgrazion scondo Rimann pr funzioni rali di una variabil ral Esistono vari tori dll intgrazion; tutt hanno com comun antnato il mtodo di saustion utilizzato dai Grci pr calcolar l

Dettagli

Ulteriori esercizi svolti

Ulteriori esercizi svolti Ultriori srcizi svolti Effttuar uno studio qualitativo dll sgunti funzioni ) 4 f ( ) ) ( + ) f ( ) + 3) f ( ) con particolar rifrimnto ai sgunti asptti: a) trova il dominio di f b) indica quali sono gli

Dettagli

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie.

Regimi di cambio. In questa lezione: Studiamo l economia aperta nel breve e nel medio periodo. Studiamo le crisi valutarie. Rgimi di cambio In qusta lzion: Studiamo l conomia aprta nl brv nl mdio priodo. Studiamo l crisi valutari. Analizziamo brvmnt l Ar Valutari Ottimali. 279 Il mdio priodo Abbiamo visto ch gli fftti di politica

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA Informazioni rlativ ai piani di stock option di ITALMOBILIARE S.p.A. ITALCEMENTI S.p.A. già sottoposti alla dcision di rispttivi organi comptnti antcdntmnt

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida.

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO INTRODUZIONE. Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. INTRODUZIONE Pr la prdisposizion dl piano, è ncssario far rifrimnto all Lin Guida. Lo schma proposto di sguito è stato sviluppato nll ambito dl progtto Miglioramnto dll prformanc dll istituzioni scolastich

Dettagli

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO

PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO EUROSCUOLA ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI BIANCHI SCUOLE PARITARIE PROGRAMMA DI RIPASSO ESTIVO CLASSI MATERIA PROF. QUARTA TURISMO Matmatica Andra Brnsco Làvor ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015

Circolare n. 1 Prot. n. 758 Roma 29/01/2015 Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Dipartimnto pr il sistma ducativo di istruzion formazion Dirzion Gnral pr gli ordinamnti scolastici la valutazion dl sistma nazional di istruzion Circolar

Dettagli

I limiti della pubblicità televisiva

I limiti della pubblicità televisiva Consumatori in cifr I limiti dlla pubblicità tlvisiva Lucia Canzi Michl Cavuoti Prmssa 134 In Italia la rgolamntazion dlla pubblicità in tlvision è costituita da una sri di lggi, dcrti, rgolamnti codici

Dettagli

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello

Assicurazioni: liberalizzazione mancata. Paolo Martinello Assicurazioni: libralizzazion mancata Paolo Martinllo Gli intrvnti nl sttor assicurativo auto costituiscono probabilmnt il capitolo mno convincnt dll misur di libralizzazion dl Govrno Monti. Il mrcato

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO

SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE PERSONALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Rvision n 3 25/06/2012 SCHEDA VALUTAZIONE ANNUALE SCHEDA VALUTAZIONE NEOASSUNTO Cognom Nom Unità Oprativa Valutator Data valutazion Da compilar s noassunto: Data inizio priodo di prova Data valutazion

Dettagli

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml

Classe di abilitazione (o classe di concorso) Reclutamento docenti e Graduatorie http://www.istruzione.it/urp/reclutamento.shtml Class di abilitazion (o class di concorso) La class di concorso è una sigla alfa numrica con la qual si indica l insim di matri ch possono ssr insgnat da un docnt. Indica una particolar cattdra di insgnamnto,

Dettagli

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT

APPROFONDIMENTO MANAGEMENT APPROFONDIMENTO MANAGEMENT Iniziativa Comunitaria Equal II Fas IT G2 CAM - 017 Futuro Rmoto Approfondimnto LIQUIDAZIONI E VERSAMENTI IVA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LIQUIDAZIONE

Dettagli

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno

Banche e responsabilità sociale. Angela Tanno Banch rsponsabilità social Angla Tanno Da tmpo l ABI sta promuovndo prsso i suoi mmbri progtti ch mirano a sollcitar una maggior attnzion trasparnza vrso i loro clinti, al fin di accrscr la crdibilità

Dettagli

Altroconsumo Finanza: 10 anni di indice della fiducia dei risparmiatori

Altroconsumo Finanza: 10 anni di indice della fiducia dei risparmiatori Altroconsumo Finanza: 10 anni di indic dlla fiducia di risparmiatori Pitro Cazzaniga L indic Altroconsumo Finanza sulla fiducia di risparmiatori è nato nl 2002 all intrno dll associazion consumristica

Dettagli

Tra. di seguito le Parti

Tra. di seguito le Parti Protocollo di intsa SERVIRE CON LODE Tra il Politcnico di Torino C.F. n. 00518460019, con sd lgal in Torino, Corso Duca dgli Abruzzi, 24, rapprsntato dal Vic Rttor pr la Didattica Prof.ssa Anita Tabacco

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA

ISTRUZIONE OPERATIVA Documnto: OPQTA20120001 ISTRUZIONE OPERATIVA Data: 19/03/2012 Prparato: Ufficio CPI Guida di rifrimnto rapido compilazion FORMAT COMAP pr PMI La prsnt guida dscriv l modalità di dtrminazion di costi orari

Dettagli

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW

IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW IL RUOLO DELLA SPENDING REVIEW PREMESSA 1. La spnding rviw, ch trova appoggio su numros sprinz intrnazionali, è una procdura di govrno lgata all dcisioni, alla gstion al controllo dlla spsa pubblica ch

Dettagli

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero

Mercato globale delle materie prime: il caso Ferrero Mrcato global dll matri prim: il caso Frrro Mauro Fontana In un priodo di fort crisi, com qullo ch attualmnt stiamo vivndo, il vincolo dl potr di acquisto di consumatori assum un importanza fondamntal

Dettagli

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna

Accordo quadro fra. l Azienda USL di Bologna e il CEA Coordinamento Enti Ausiliari della Provincia di Bologna Accordo quadro fra l Azinda USL di Bologna il CEA Coordinamnto Enti Ausiliari dlla Provincia di Bologna La Comunità Papa Giovanni XXIII coop. s.r.l. di Rimini Prmssa L parti prndono atto dl buon livllo

Dettagli

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie

L impatto delle liberalizzazioni sull economia delle famiglie Consumatori in cifr L impatto dll libralizzazioni sull conomia dll famigli Michl Cavuoti Marco Pirani Uno dgli asptti pr i quali si è fino a ora cotraddistinto il scondo Govrno Prodi è qullo dl rilancio

Dettagli

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione

Lezione 16 (BAG cap. 15) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia. Schema Lezione Lzion 6 (BAG cap. 5) Mrcati finanziari aspttativ Corso di Macroconomia Prof. Guido Ascari, Univrsità di Pavia Schma Lzion Ruolo dll aspttativ nl dtrminar ii przzi di azioni obbligazioni Sclta fra tanti

Dettagli

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO)

UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) 10.11.2010 IT Gazztta ufficial dll'union uropa C 304 A/1 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) BANDO DI CONCORSI GENERALI EPSO/AST/109-110/10 CORRETTORI

Dettagli

PRAMAC S.P.A. in liquidazione

PRAMAC S.P.A. in liquidazione PRAMAC S.P.A. in liquidazion RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE 2012 Rdatta ai snsi dll art. 123-tr dl D. Lgs. 24 fbbraio 1998 n. 58 (TUF), dll art. 84 quatr dl Rgolamnto Emittnti d in conformità allo schma

Dettagli

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k

R k = I k +Q k. Q k = D k-1 - D k 1 AMMORTAMENTO AMMORTAMENTO Dbito inizial D 0 si volv (al tasso fisso t) D k = D k-1 (1+t) R k [D k dbito (rsiduo) al tmpo k, R k pagamnto al tmpo k ] Condizioni [D n =0 : stinzion dl dbito in n priodi

Dettagli

Test di autovalutazione

Test di autovalutazione UNITÀ FUNZINI E LR RAPPRESENTAZINE Tst di autovalutazion 0 0 0 0 0 50 60 70 80 90 00 n Il mio puntggio, in cntsimi, è n Rispondi a ogni qusito sgnando una sola dll 5 altrnativ. n Confronta l tu rispost

Dettagli

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT

SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT 1 Prima Stsura Data: 14-08-2014 Rdattori: Gasbarri, Rizzo SIMT-POS 042 GESTIONE INDICATORI E MIGLIORAMENTO CONTINUO SIMT Indic 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4

Dettagli

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna

qualifica cognome e nome presenze Rettore Presidente Luigi Lacchè P Componenti interni Laura Marchegiani P Roberto Perna Oggtto: Convnzion intratno pr la ralizzazion dl mastr di I livllo in Global managmnt for China (GMC) dizion anno accadmico 2015/2016 N. o.d.g.: 05.1 C.d.A. 30.10.2015 Vrbal n. 9/2015 UOR: Ara affari gnrali

Dettagli

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali

Le Reti di Impresa: aspetti operativi e commerciali L Rti Imprsa: asptti oprativi commrciali Stfano COCCHIERI Had of Soft Loans Contributions & Subsis Prugia, 21 Novmbr 2012 IL CONTRATTO DI RETE ll Contratto rapprsnta una forma aggrgativa ibrida aggiuntiva

Dettagli

La lunga crisi dei consumi delle famiglie italiane

La lunga crisi dei consumi delle famiglie italiane La lunga crisi di consumi dll famigli italian Fdl D Novllis La fas di bassa crscita di consumi in Italia ch si è prodotta dall inizio dl dcnnio dipnd dalla mancata crscita dl rddito dll famigli. Qusta

Dettagli

Il paziente finalmente garantito.

Il paziente finalmente garantito. Il pazint finalmnt garantito. Dal nonato alla sala opratoria sicurzza in ospdal. Esprinz al Buzzi CTO di Milano. Gianluca Lista Gli Istituti Clinici di Prfzionamnto di Milano Azinda Ospdalira di rilivo

Dettagli

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale

Il punto sulla liberalizzazione del mercato postale Il punto sulla libralizzazion dl mrcato postal Andra Grillo Il punto di vista di Post Italian sul procsso di libralizzazion l implicazioni concorrnziali; l carattristich dl srvizio univrsal nll ambito

Dettagli

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità

SERVIZIO LUCE 3 - Criteri di sostenibilità SERVIZIO LUCE 3 - Critri sostnibilità 1. Oggtto dll iniziativa La Convnzion ha com oggtto l attività acquisto dll nrgia lttrica, srcizio manutnzion dgli impianti illuminazion pubblica, nonché gli intrvnti

Dettagli

dossier a cura di Alessandro Massari

dossier a cura di Alessandro Massari I REFERENDUM REGIONALI ABROGATIVI, CONSULTIVI, PROPOSITIVI dossir a cura di Alssandro Massari PREMESSA... 2 1. RIMBORSI SPESE... 2 2. REFERENDUM PREVISTI NELLE DISPOSIZIONI STATUTARIE DELLE REGIONI A STATUTO

Dettagli

Le famiglie italiane: meno risparmio e più debiti?

Le famiglie italiane: meno risparmio e più debiti? L famigli italian: mno risparmio più dbiti? Giorgio Gobbi Silvia Magri 1 Tra il 2000 il 2007 il crdito concsso da banch socità finanziari alla famigli italian è quasi raddoppiato, in prsnza dlla modsta

Dettagli

La ricchezza delle famiglie: confronto internazionale 1. Riccardo De Bonis

La ricchezza delle famiglie: confronto internazionale 1. Riccardo De Bonis La ricchzza dll famigli: confronto intrnazional 1 Riccardo D Bonis L articolo confronta la ricchzza dll famigli italian con qulla di altri si Pasi industrializzati. L famigli italian occupano una posizion

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE EDILIZIA Procsso Costruzion di difici di opr di inggnria civil/industrial Squnza di procsso

Dettagli

ORGANO GOLD PIANO COMPENSI. E Facile, E semplice. E caffè. Italia

ORGANO GOLD PIANO COMPENSI. E Facile, E semplice. E caffè. Italia ORGANO GOLD PIANO COMPENSI E Facil, E smplic. E caffè. Italia INDICE Indic INTRODUZIONE...2 PIANO COMPENSI...3 DEFINIZIONI ED ACRONIMI.4 COME DIVENTARE UN INCARICATO ALLE VENDITE OG...5 I SETTE MODI PER

Dettagli

La formazione per i lavoratori colpiti dalla crisi nel quadro dell offerta 2010

La formazione per i lavoratori colpiti dalla crisi nel quadro dell offerta 2010 La formazion pr i lavoratori colpiti dalla crisi nl quadro dll offrta 2010 di Luca Fasolis ARTICOLO 2/2012 Prmssa Sommario Prmssa Anticipazioni sull offrta 2010 L carattristich dgli allivi La FP pr lavoratori

Dettagli

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano

Big Switch: prospettive nel mercato elettrico italiano Big Switch: prospttiv nl mrcato lttrico italiano Ottavio Slavio I mrcati lttrici libralizzati non smpr consntono ai consumatori finali di trarr vantaggio dalla concorrnza tra i produttori. Il caso ingls

Dettagli

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli.

1 Scheda di Adesione scaricabile sul sito www.fondazionecariplo.it/scuola21. ione relativo a una ipotetica. consapevoli. VERSO LA COSTRUZIONE CONDIVISA DEL PIANO DIDATTICO DI SCUOLA 21 s. Istituto Tcnico Commrcial L'obittivo dl prsnt documnto è qullo di smplificar la compilazion dl Piano Didattico di Scuola 21 ch è riportato

Dettagli

progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target

progetto obiettivo resp codice obiettivo gestionale indicatori e target progtto obittivo rsp codic obittivo gstional indicatori targt azioni a sostgno dlla famiglia Collla/Bru sati 3.01.01 accsso a finanziamnti rgionali pr l'attivazion di misur contro la violnza di gnr spltamnto

Dettagli

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE

ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENTE Esrcitazioni dl corso di trasmissioni numrich - Lzion 4 6 Fbbraio 8 ESERCIZI SULLA DEMODULAZIONE INCOERENE I du sgnali passa basso di figura sono utilizzati pr la trasmission di simboli binari quiprobabili

Dettagli

Informazioni in Rete

Informazioni in Rete Argomnti Informazioni in Rt Marco Gambaro Ngli ultimi anni Intrnt è divntato part dlla nostra vita quotidiana ha trasformato profondamnt il ruolo i confini di mzzi di comunicazion tradizionali attravrso

Dettagli

L Osservatorio ABI Costing Benchmark : i risultati del Rapporto ABI 2004 e le analisi di posizionamento

L Osservatorio ABI Costing Benchmark : i risultati del Rapporto ABI 2004 e le analisi di posizionamento L Ossrvatorio ABI Costg Bnchmark : i risultati dl Rapporto ABI 2004 l anisi posizionamnto Albrto Bstrri Roma, 11 novmbr 2004 Aumnta l fficacia l dll politich contnimnto di Vi Vi sono sono 9 9 classi classi

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Rprtorio n. 712/2014 Prot. n. 39292/X/4 dl 19.12.2014 Oggtto: dtrminazioni in ordin al subntro dll Univrsità di Brgamo, mdiant la cssion dl contratto disciplinata dal cod.civ. artt. 1406 sgg., ni contratti

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE

ACCORDO DI COLLABORAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA EXPO 2015 S.p.A. Rgion Lombardia il Ministro dll Istruzion, dll Univrsità dlla Ricrca Ufficio Scolastico Rgional pr la Lombardia in accordo con ANCI Lombardia Rgion Ecclsiastica

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI DI VALUTAZIONE Poiché nl nostro prcorso si darà ampio spazio all mtodologi finalizzat a sviluppar l comptnz dgli allivi ( attravrso la dattica laboratorio, l sprinz in contsti applicativi, l analisi

Dettagli

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29

Repubblica di Malta - Legge sull identità di genere Traduzione italiana di Roberto De Felice per ARTICOLO29 - Rpubblica di Malta - Rpubblika ta' Malta - Rpublic of Malta - LEGGE pr il riconoscimnto la rgistrazion dl gnr di una prsona pr rgolar gli fftti di tal cambiamnto, nonché il riconoscimnto la tutla dll

Dettagli

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE

ANALISI PROGRAMMA ANNUALE ANALISI PROGRAMMA ANNUALE VERBALE N. 2014/002 Prsso l'istituto I.I.S. "CASSATA - GATTAPONE" di GUBBIO, l'anno 2014 il giorno 16, dl ms di ottobr, all or 10:00, si sono riuniti i Rvisori di Conti dll'ambito

Dettagli

Comitato Tecnico Aree Interne

Comitato Tecnico Aree Interne Comitato Tcnico Rapporto di Istruttoria pr la Slzion dll Rgion REGIONE RAPPORTO DI ISTRUTTORIA PER LA SELEZIONE DELLE AREE CANDIDABILI E DELL AREA PROTOTIPO L ar visitat dalla dlgazion di rapprsntanti

Dettagli

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y.

0 < a < 1 a > 1. In entrambi i casi la funzione y = a x si può studiare per punti e constatare che essa presenta i seguenti andamenti y. INTRODUZIONE Ossrviamo, in primo luogo, ch l funzioni sponnziali sono dlla forma a con a costant positiva divrsa da (il caso a è banal pr cui non sarà oggtto dl nostro studio). Si possono allora vrificar

Dettagli

Opuscolo sui sistemi. Totogoal

Opuscolo sui sistemi. Totogoal Opuscolo sui sistmi Totogoal Più info Conoscnz calcistich pr vincr Jackpot alti Informazioni dttagliat costantmnt aggiornat sul Totogoal, sui programmi Toto sui risultati rpribili su Tltxt, a partir dalla

Dettagli

COMUNE di SOLAROLO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di SOLAROLO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di SOLAROLO Vrbal Numro 8 OGGETTO: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI SOLAROLO E L'ASSOCIAZIONE VOLONTARI SOLAROLO "MONS.G.BABINI". Priodo 1.1.2010-31.12.2014. MODIFICA

Dettagli

L agriturismo nel 2011

L agriturismo nel 2011 L agriturismo nl 2011 Uno sguardo in Italia Nl 2010 in Italia l azind agricol autorizzat all'srcizio dll'agriturismo sfiorano l 20 mila unità, quasi mill in più risptto all' prcdnt (+5%). Tutt l divrs

Dettagli

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio

emercato Telefonia e controversie: regolamento Agcom Argomenti Chiara Faracchio Argomnti Tlfonia controvrsi: rgolamnto Agcom Chiara Faracchio Controvrsi in matria di comunicazioni lttronich: l Autorità pr l garanzi nll comunicazioni ha introdotto nuovi critri di calcolo pr la dtrminazion

Dettagli

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA

isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA prot2581_14.pdf http://www.istruzion.it/allgatì/2014/prot2581 M1URAOODGOS prot. 2581 Roma, 09/04/2014 isrrrutc COS/JPRENSÌVG DJ SCUOLA MATERNA ELftfctfTArtE H MEDIA «WALETTO (CTl Ai Dirttori Gnrali dgli

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA LA REGIONE VENETO E L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA, L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA, L UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA, L UNIVERSITA CA FOSCARI E L AZIENDA REGIONALE PER

Dettagli

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI

ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI UNIVR Facoltà di Economia Corso di Matmatica finanziaria 008/09 ESERCIZI PARTE I SOLUZIONI Domini di funzioni di du variabili Esrcizio a f, = log +. L unica condizion di sistnza è data dalla disquazion

Dettagli

Export. Il programma di promozione straordinaria attivato dal Mise

Export. Il programma di promozione straordinaria attivato dal Mise Expò Nwslttr dinformazion ddicata all tmatich dllintrnazionalizzazion a cura di Confagricoltura Anno I - n.4 - Novmbr 2013 Liniziativa è promossa dal Ministro dllo Sviluppo Economico nllambito dl Programma

Dettagli

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO.

XXX SPA Stabilimento di xxx (xx) REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pag. 1/10 REGISTRO FORMAZIONE/ADDESTRAMENTO CONTINUI LAVORATORI CAPIREPARTO PREPOSTI VICE CAPIREPARTO REPARTO. Pr form azion/ addst ram nt o cont inui si intnd la attività di addstramnto, vrbal / o pratico,

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vita Europass Informazioni prsonali Cognom(i/)/No m(i) Indirizzo(i) Tlfono(i) Fax E-mail Cittadinanza Data di nascita Ssso Vcchi Cinzia PEC: Italiana Fmmina Mobil Esprinza profssional Avvocato

Dettagli

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116

COMUNE DI CASLANO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 CANTON z j J COMUNE DI CASLANO CONFEDERAZIONE SVIZZERA - TICINO MESSAGGIO MUNICIPALE N. 1116 Modifica parzial dii art. 56 di Rgolamnto organico i dipndnti comunali (ROD) con l insrimnto di nuov funzioni

Dettagli

Documento tratto da La banca dati del Commercialista

Documento tratto da La banca dati del Commercialista Documnto tratto da La banca dati dl Commrcialista Intrnational Accounting Standards Board Intrnational Accounting Standards, n. 17 SCOPO E CONTENUTO DEL DOCUMENTO Lasing Il prsnt Principio sostituisc lo

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 17 Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 17 Lasing Lasing Finalità SOMMARIO Paragrafi 1 Ambito di applicazion 2-3 Dfinizioni 4-6 Classificazion dll oprazioni

Dettagli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli

visto il Protocollo d Intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Napoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA BANDO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INRICHI DIDATTICI NEI CORSI DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER L ANNO ACDEMICO

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELL IRPEF TRA LIVELLI DI GOVERNO:

LA CONDIVISIONE DELL IRPEF TRA LIVELLI DI GOVERNO: LA CONDIVISIONE DELL IRPEF TRA LIVELLI DI GOVERNO: ALCUNE QUESTIONI APERTE Francsca Gastaldi, Ernsto Longobardi Albrto Zanardi Introduzion La riforma dl sistma di finanziamnto dll rgioni dll autonomi locali,

Dettagli

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni.

Generali operative. Ausiliario Sui compiti Semplice Interne con pochi soggetti. Di tipo indiretto. Discreta ampiezza delle soluzioni. ,352),/,352)(66,21$/,1(*/,(17,/2&$/,813266,%,/(02'(//2', '(6&5,=,21('(//$9252 GL5LFFDUGR*LRYDQQHWWL&H3$±/,8& A distanza di circa quattro anni dalla introduzion dl nuovo sistma di inquadramnto dl prsonal

Dettagli