BOZZA DI PROPOSTA DI REGOLAMENTO AFFIDI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOZZA DI PROPOSTA DI REGOLAMENTO AFFIDI"

Transcript

1 Ufficio di Coordinamento del Piano di Zona del Distretto socio - sanitario di Como BOZZA DI PROPOSTA DI REGOLAMENTO AFFIDI (Criteri applicativi da presentare alla Giunta Esecutiva e successivamente all Assemblea dei Sindaci) "Approvazione di Linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi che garantisca livelli adeguati di intervento in materia di affidamenti familiari, in attuazione della Legge 28/3/2001 n. 149" RIFERIMENTI LEGISLATIVI L'affido è disposto dal Comune, in applicazione delle norme contenute nella legge n. 184/83, art. 80, 81, 82 e successive modificazioni con legge 149 del 28 marzo Il presente regolamento diviene il riferimento normativo che definisce i criteri, i tempi e le modalità dell'affidamento e gli impegni e i diritti dell'amministrazione, delle famiglie d'origine e degli affidatari, valido per tutti i Comuni facenti parte del Distretto socio-sanitario.. CRITERI APPLICATIVI ADOTTATI DAL PIANO DI ZONA PER GLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO FAMILIARE: 1. Organizzazione dei servizi e competenze 2. Diritti e doveri 3. Procedure di attivazione e di conclusione 4. Definizione del contributo economico base per l'affidamento famigliare di minori 5. Contributo economico per casi particolari (Minori di età superiore a quattordici anni, Minori con handicap accertato) 6. Contributo economico per spese aggiuntive 7. Affidamento a parenti 8. Affido diurno 9. Assicurazione 10. Priorità di accesso 11. Iscrizione nello Stato di Famiglia 12. Decorrenza e applicazione 1

2 1- ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI E COMPETENZE L'affidamento è realizzato con il lavoro integrato dei Servizi Tutela Minori attivi nel Distretto sociosanitario e del Servizio Distrettuale Affidi. Gli operatori dei due Servizi prevedono momenti di verifica comune e garantiscono in ogni fase del percorso il diritto all'informazione chiara e corretta nei confronti delle persone coinvolte, coordinando i propri ruoli secondo le buone prassi indicate nelle Linee Guida per l Affidamento Familiare nella Provincia di Como che sono state definite dall Amministrazione Provinciale nell anno Compiti dei Servizi Tutela Minori: esprimono una diagnosi psico-sociale approfondita della situazione personale e familiare del minore, utilizzando tutti gli elementi di conoscenza già esistenti, forniti anche da altri servizi; formulano un progetto mirato con gli obiettivi, la durata prevedibile, il programma d'aiuto alla famiglia d'origine, gli impegni del Servizio e delle famiglie, le modalità degli incontri tra famiglie e Servizio; individuano, in collaborazione con il Servizio Distrettuale Affidi, le caratteristiche della famiglia affidataria ritenute prioritarie per un possibile abbinamento; collaborano con il Servizio Distrettuale Affidi per formulare il progetto d'affido e individuare la famiglia affidataria; seguono lo svolgimento dell'affido con verifiche periodiche con gli operatori coinvolti nel progetto, le famiglie e il bambino, predisponendo tutti gli interventi di sostegno necessari al bambino e alla sua famiglia. Compiti dei Servizio Distrettuale Affidi promuove iniziative di sensibilizzazione, pubblicizzazione e orientamento delle persone per favorire una cultura dell'accoglienza anche in collaborazione con Associazioni di volontariato e con realtà del privato sociale; conosce e valuta l'effettiva disponibilità delle persone interessate all'affido attraverso un lavoro di informazione, formazione individuale e/o di gruppo riguardo gli aspetti giuridici, sociali e psicologici dell'affidamento; collabora con gli operatori dei Servizi Tutela Minori per formulare il progetto d'affido e per individuare la famiglia affidataria più adeguata all'abbinamento; sostiene le famiglie affidatarie prima e durante l'affido con colloqui ed incontri individuali e con gruppi di famiglie affidatarie, condividendo con gli altri operatori frequenti momenti di verifica; organizza una banca dati delle famiglie nonché una banca dati dei bisogni dei minori; promuove la formazione permanente degli operatori, favorendo l'approfondimento e la rielaborazione delle esperienze in atto e la riflessione sulla metodologia di lavoro. Compiti del Comune di residenza: promuovere, in collaborazione con il Servizio Distrettuale Affidi, iniziative di sensibilizzazione e di coinvolgimento della comunità sul tema dell affido e dell accoglienza; formalizzare l'affido, sia consensuale sia giudiziale, utilizzando un contratto predisposto dal Servizio Tutela Minori.. Nel contratto devono essere indicate la durata dell'affido, gli interventi 2

3 per il minore e per la famiglia d'origine, i tempi di verifica, i diritti e i doveri delle persone e dei Servizi coinvolti; trasmettere la disposizione di affido all autorità giudiziaria competente: nel caso di affido consensuale, al Giudice Tutelare per la necessaria formalizzazione; nel caso di affido giudiziale, al Tribunale per i Minorenni; deliberare il contributo economico a favore degli affidatari; nel caso di minori figli di genitori separati o divorziati residenti in Comuni diversi, con competenza al pagamento di entrambi i Comuni, informare l altro Ente su cui graveranno gli oneri al 50%. 2- DIRITTI E DOVERI I DIRITTI del bambino. della famiglia affidataria e della famiglia d origine Il bambino ha diritto: a essere informato, ascoltato e preparato rispetto al progetto d'affido; a mantenere rapporti con la propria famiglia; a mantenere rapporti con la famiglia affidataria anche al termine dell'affido, quando non vi sia controindicazione. La famiglia affidataria ha diritto: ad essere informata sulle finalità dell'affidamento, in generale e per lo specifico progetto; ad essere coinvolta in tutte le fasi dell intervento (abbinamento, avvio, verifiche, conclusione o rinnovo); a ricevere un sostegno individuale e/o di gruppo; ad avere facilitazioni per l'accesso ai servizi sanitari, educativi e sociali; ad avere un contributo svincolato dal reddito, indicizzato annualmente, a cui si aggiungono le spese straordinarie sostenute. La famiglia d origine ha diritto: ad essere informata sulle finalità dell'affidamento, in generale e per lo specifico progetto; a mantenere i rapporti con il proprio figlio; ad essere coinvolta nella costruzione del progetto d'aiuto per superare i problemi; ad avere un sostegno individuale sulle difficoltà. I DOVERI e gli IMPEGNI di affidatari ed affidanti: La famiglia affidataria si impegna a: provvedere alla cura, al mantenimento, all'educazione e all'istruzione del bambino in collaborazione con i Servizi nel rispetto, ove possibile, della cultura della famiglia di origine; mantenere, concordando le modalità con gli operatori dei Servizi, i rapporti con la famiglia d'origine, nel rispetto delle prescrizioni dell'autorità giudiziaria; collaborare con i Servizi e aderire ai percorsi di sostegno individuale o di gruppo previsti dal Servizio Affidi. La famiglia d'origine dei minore in affido si impegna a: 3

4 aiutare il proprio figlio durante l intero percorso dell'esperienza di affido; rispettare modalità, orari e durata degli incontri con il figlio e la famiglia affidataria, come concordato con gli operatori dei Servizi, nel rispetto delle prescrizioni dell'autorità giudiziaria; collaborare con i servizi e la famiglia affidataria. 3- PROCEDURE PER L ATTIVAZIONE E LA CONCLUSIONE DELL AFFIDO: Attivazione dell affido Il Servizio Tutela Minori ed il Servizio Affidi, valutata la situazione specifica del minore, della sua famiglia di origine e definito il tipo di affidamento più idoneo alla situazione del minore, procedono congiuntamente all abbinamento tra minore e famiglia affidataria. La famiglia viene reperita nel gruppo di famiglie valutate idonee all affido dal Servizio Distrettuale Affidi, dopo un accurato percorso di formazione, conoscenza e di approfondimento. Dopo adeguata preparazione del minore, della famiglia di origine e della famiglia affidataria, condotta secondo un programma condiviso dai due Servizi, l affidamento può essere disposto dal Comune, che trasmetterà gli atti all autorità giudiziaria per la necessaria formalizzazione; Il Comune responsabile dell assistenza del minore, recependo il Contratto di Affido sottoscritto da tutti gli interessati ( Responsabili Servizi Affidi e Tutela Minori, famiglia affidataria e, se l affido è consensuale, famiglia di origine), delibererà in merito all assunzione dell onere. Il Contratto di affido, di cui si allega prototipo, dovrà contenere motivazioni e obiettivi dell affido, diritti e impegni di ciascun attore, tempi di realizzazione e durata dell intervento, garanzie e sostegno economico previsto. Conclusione dell affido L'affidamento si conclude con provvedimento dell'autorità che lo ha disposto, quando la famiglia d'origine ha superato le proprie difficoltà, o nel caso in cui la prosecuzione non sia più nell'interesse dei minore, o con la maggiore età. Gli operatori sono tenuti ad informare le persone coinvolte sull'andamento dell'affido e sulla valutazione relativa alla conclusione dello stesso. Gli stessi operatori hanno il compito di preparare la conclusione, di sostenere ed aiutare il bambino, la sua famiglia e la famiglia affidataria a realizzare il rientro e di mantenere per il tempo necessario i rapporti tra famiglia d'origine, minore e famiglia affidataria. 4- DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO BASE PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Contributo base Il Comune responsabile erogherà alla famiglia/persona affidataria un contributo assistenziale a favore del minore affidato affinché tale affidamento si possa fondare sulla disponibilità e l'idoneità all'accoglienza indipendentemente dalle condizioni economiche" (art. 80 III Comma, L. 184/83). Il contributo sarà pari ad 500,00 per l anno 2009, con adeguamenti annuali progressivi pari all incremento del costo della vita, calcolato in base agli indici ISTAT; 4

5 5- CONTRIBUTO ECONOMICO PER CASI PARTICOLARI il contributo mensile può essere aumentato, in sede di formulazione del progetto educativo fino al 30% quando si tratti: di situazioni complesse per handicap di natura fisica, psichica e sensoriale che comportino spese rilevanti per la famiglia o la persona affidataria; di neonato (0-24 mesi); di adolescente (dopo i 14 anni). fino al 100% quando si tratti di: affidamento a casa-famiglia, a reti di famiglie o a famiglia professionale; minori non deambulanti e/o non autosufficienti a causa di gravi handicap psichici o fisici, riconosciuti invalidi al 100% dalle apposite commissioni sanitarie e aventi diritto quindi all indennità o assegno di accompagnamento. Questi ultimi benefici devono essere attribuiti integralmente agli affidatari. Inoltre l Ente potrà anticipare agli affidatari, in forma di prestito, su espressa richiesta dei medesimi, l importo dell indennità di accompagnamento prima che sia disposta la liquidazione della stessa da parte dell' Inps. senza maggiorazioni: in situazioni molto particolari (ultimo anno di scuola superiore, estrema prossimità al conseguimento dell autonomia abitativa e lavorativa, impossibilità di rientro in famiglia) di affidamenti già avviati in età minorile, quando venga valutata opportuna dai Servizi, col consenso del ragazzo/a, la permanenza in affidamento (con o senza decreto di proseguo amministrativo), va previsto il contributo economico anche oltre la maggiore età, fino al massimo del compimento del ventunesimo anno di età. fino al 100% quando si tratti di: famiglie in rete: sono aggregazioni di famiglie caratterizzate dalla spinta all accoglienza di minori in difficoltà. Possono strutturarsi in varie forme come, ad esempio, il condominio solidale, il vicinato solidale, e così via, esse però si distinguono per un sentire comune definito e sottoscritto in un documento ( statuto). Lsperienza si caratterizza per l apporto, non solo esperienziale, delle famiglie che vi aderiscono ma anche per la professionalità che ogni realtà può organizzare a sostegno del lavoro educativo delle famiglie. famiglie specialistiche o professionali : sono caratterizzate da una approfondita formazione (di norma ottenuta attraverso un percorso formativo ad hoc previsto all interno di specifico programma di affido professionale) e da una particolare disponibilità che le rendono preziose e spendibili in situazioni di grande complessità, per le quali difficilmente sarebbe reperibile la disponibilità di un nucleo affidatario. Un membro della famiglia deve essere disponibile a ridurre l impegno lavorativo extrafamiliare almeno a part-time, accettando di essere il referente dell affido, coinvolto in una elevata intensità di scambi con i Servizi competenti. L eventuale affido a famiglie specialistiche o professionali, attualmente non normato dalla Regione, potrà trovare spazio nell ambito di sperimentazioni opportunamente inserite nella pianificazione zonale triennale. Il contributo economico erogato per tali affidamenti può essere aumentato al massimo del 100% della quota base: La particolare valorizzazione vuole sottolineare il particolare valore sociale di queste risorse che, laddove presenti, possono offrire una valida alternativa al ben più oneroso inserimento dei minori difficili in comunità alloggio. 5

6 6- CONTRIBUTI ECONOMICI PER SPESE AGGIUNTIVE Sono garantiti, ai minori in affido, contributi economici di supporto per le sotto elencate esigenze che non possano essere affrontate con i normali strumenti a disposizione dei nuclei affidatari: Acquisto di occhiali Iscrizione a corsi professionali e/o spese accessorie (divise per la scuola ad es. alberghiera libri scolastici se non è possibile altro intervento per ottenere il rimborso spese per libri etc.); Spese di soggiorni scolastici o altri di breve durata, centri estivi; Trasporti per la frequenza di scuole, inserimenti lavorativi; Spese sanitarie non erogabili dal servizio sanitario nazionale. Per le spese sanitarie: Le spese sanitarie per interventi particolari (dentistiche, oculistiche, ortopediche,psicoterapia ecc.), saranno valutate e autorizzate: 1. dietro presentazione della prescrizione medica di un ambulatorio del servizio sanitario nazionale; 2. a seguito della dichiarazione che lo stesso servizio pubblico non è in grado di soddisfare la richiesta; 3. previa presentazione del preventivo di spesa al Servizio Sociale per averne l autorizzazione, prima dell inizio delle cure. Per tutte le tipologie di spesa previste si richiede che: -la richiesta di sussidio, fatta eccezione per gli interventi d urgenza, sia effettuata preventivamente all assunzione della spesa, allegando, salvo il caso in cui si riesca a dimostrare l esistenza di un unico possibile prestatore di servizio o un inoppugnabile motivazione per una scelta determinata, tre preventivi. 7- AFFIDAMENTO A PARENTI Gli affidamenti a parenti entro il IV grado possono essere consensuali (nel qual caso non è necessaria segnalazione ad alcuna Autorità Giudiziaria) o disposti dall Autorità Giudiziaria. Trattandosi di parenti tenuti agli alimenti, ai sensi dell art.433 del Codice Civile, non dovrebbe essere previsto un contributo economico per gli affidatari, soprattutto nel caso di affidamenti consensuali, perché la famiglia d origine contribuisce spontaneamente al mantenimento del minore presso il parente. Tuttavia la realtà degli affidi intrafamiliari a tempo pieno, quale emerge dalle esperienze concretamente realizzate, suggerisce l opportunità di prevedere, anche per i parenti tenuti agli alimenti, una forma di sostegno economico, finalizzato ad impedire che le ridotte disponibilità degli affidatari riducano eccessivamente le opportunità di sostegno, di socializzazione e/o di formazione per i minori affidati. L entità del contributo, che potrà essere ridotto fino al 50% sulla base di un attenta valutazione della effettiva autonoma capacità di spesa del nucleo affidatario, verrà determinata in fase di abbinamento di concerto tra Servizio Tutela Minori e Servizio Distrettuale Affidi. Di norma non sono compresi tra gli affidi a parenti (e quindi non può essere erogato alcun contributo) gli affidamenti a parenti di minori stranieri non accompagnati disposti dall'autorità Giudiziaria per tutelarli e poter regolarizzare la loro permanenza nel ns. Stato. 6

7 8- AFFIDAMENTO DIURNO Oltre all affido familiare a tempo pieno è possibile prevedere altre forme di sostegno e aiuto alla genitorialità che affondano le proprie radici nel principio di sussidiarietà orizzontale tra famiglie. L affidamento diurno consiste nell affidamento ad affidatari presso i quali il minore non va a vivere ma con i quali trascorre parte della giornata (per alcuni o tutti i giorni della settimana) o parte della settimana (ad esempio i weekend). Tale tipo di affidamento può essere strumento utile nelle situazioni in cui la famiglia di origine necessiti di un supporto nell'educazione del minore e non, quindi, per esclusive esigenze di custodia o nei casi in cui sia necessario un intervento educativo professionale. L'affidamento diurno o a tempo parziale si configura pertanto come un processo attraverso il quale il minore ha la possibilità di avere esperienze integrative positive che la sua famiglia non è in grado di fornirgli quali, ad esempio, l'essere seguito in attività educativo -scolastiche e di inserimento sociale. L affido diurno o a tempo parziale è previsto come formalizzabile solo da parte di terzi e non da parenti entro il IV grado del minore. L'affido può attuarsi solo sulla base di uno specifico progetto che coinvolga gli operatori territoriali, l'affidatario e la famiglia d'origine. Occorre porre grande attenzione all'eventuale divario sociale e culturale tra le due famiglie, affinché l'intervento possa essere dal minore positivamente integrato e non creare fratture e conflitti tra le due famiglie. Gli affidatari possono essere famiglie o singoli individuati tra quelli che offrono la loro disponibilità per questo tipo di sostegno, secondo le modalità di reperimento precedentemente indicate. Gli affidatari possono accogliere fino ad un massimo di 2 minori, derogabile fino a 3 solo ed esclusivamente in caso di rapporto di fratellanza. Il Comune responsabile erogherà un contributo a favore del minore/i quale rimborso spese preventivamente concordato nel progetto elaborato dal Servizio Sociale in accordo con gli affidatari e la famiglia d'origine. Tale contributo potrà avere come massimale il 50% della quota base di sostegno per l affidamento residenziale. 9- ASSICURAZIONE Ai sensi delle Leggi Regionali 1/86 e 23/99, della Delibera IV/1439 e delle leggi 104/92 e 34/96, la Regione Lombardia copre con apposita polizza collettiva tutti i minori collocati in affido. Il Servizio Distrettuale Affidi curerà le procedure di segnalazione di sinistro ed i rapporti con l Ufficio Regionale competente. In ogni caso l affidatario è tenuto a dare immediata comunicazione del fatto accaduto al Servizio facendo pervenire, successivamente, la documentazione sanitaria (e non) attestante il danno. 10- PRIORITA DI ACCESSO Oltre al sostegno economico, è auspicabile promuovere su tutto il territorio del Distretto socio-sanitario accordi e convenzioni che permettano priorità d'i accesso ai servizi pubblici ai quali normalmente si accede per graduatoria (es. Asili Nido e Scuole Materne) nonché la possibilità di accesso al servizio a tariffe agevolate (in particolare evitando che il minore in affido debba pagare rette onerose per non residenti ). 7

8 11- ISCRIZIONE NELLO STATO DI FAMIGLIA L iscrizione del minore nello stato di famiglia degli affidatari, così come il cambiamento di residenza, possono essere realizzati negli affidamenti a lungo termine, in accordo con il Servizio Tutela Minori e con i genitori del minore (se non sono decaduti dalla potestà), qualora questo corrisponda all interesse del bambino. La quota affido rimane tuttavia a carico dell Ente nel cui territorio si è verificato il bisogno e nel quale resta la residenza della famiglia d origine; i Servizi del medesimo Ente restano inoltre titolari della responsabilità giuridica e tecnica dell affido. 12- DECORRENZA E APPLICAZIONE Il presente regolamento è valido a decorrere dal e si applica anche agli interventi di affidamento già in atto. 8

9 ALLEGATO 1 CONTRATTO DI AFFIDO PROTOTIPO PER AFFIDO GIUDIZIALE (Carta Intestata al Servizio Tutela Minori referente per il Comune responsabile dell assistenza.) Oggetto: ATTIVAZIONE DI AFFIDO ETEROFAMILIARE relativo all inserimento del minore XX, nato il., presso la/il/i Sig..., residente/i a.. PREMESSE: L affidamento familiare è disciplinato dalla legge 184 del 4 Maggio 1983, modificata con legge n. 149 del 28 marzo L Assemblea dei Sindaci ha approvato in data. Il Regolamento Distrettuale Affidi, riferimento normativo che definisce i criteri, i tempi e le modalità dell'affidamento e gli impegni e i diritti dell'amministrazione, delle famiglie d'origine e degli affidatari, valido per tutti i Comuni facenti parte del Distretto socio-sanitario di Como.. Il Tribunale per i Minorenni di, con Decreto N del.., ha affidato il minore in oggetto al Comune di..perché lo collochi in affido eterofamiliare. Il Servizio di Tutela Minori dell Ufficio di Piano ( o Consorzio o altro), responsabile dell assistenza del minore ai sensi di precisa delega del Comune affidatario, ha ricercato allo scopo un idonea disponibilità affidataria, in collaborazione con il Servizio Distrettuale Affidi del Piano di Zona di Como.. Il Sig/Sig.ra o la coppia di coniugi composta dai sig.ri. e.., in seguito a specifica istruttoria tesa a verificarne le competenze e le caratteristiche, è stata valutata idonea all affido dal Servizio Affidi del Piano di Zona di Como. Motivazioni ed obiettivi dell affido: L affido ha lo scopo di ( indicare obiettivi, durata, verifiche previste e cornice di regole). 9

10 DIRITTI E IMPEGNI: Il minore avrà diritto di vivere, crescere, essere curato, protetto, mantenuto, informato, educato ed istruito nell ambito della famiglia affidataria; avrà diritto a mantenere i rapporti con i propri familiari ed a ricevere dai Servizi spiegazioni adeguate all età circa le decisioni che verranno via via assunte a sua protezione. La famiglia affidataria si impegna a: Provvedere alla cura, al mantenimento, all educazione e all istruzione del minore in accordo con quanto indicato nel progetto, nel rispetto ove possibile della cultura della famiglia di origine. Favorire, secondo le indicazioni dei Servizi, i rapporti tra il minore e la sua famiglia di origine ed accompagnarlo in eventuali percorsi di rientro decisi dal Tribunale. Concordare preventivamente con il Servizio Tutela Minori le scelte più significative per il minore Esercitare i ruoli connessi alla potestà parentale in relazione agli ordinari rapporti con le istituzioni scolastiche e sanitarie Assicurare discrezione circa la situazione del minore e della sua famiglia di origine. Seguire un percorso di sostegno presso il Servizio Distrettuale Affidi o presso altra Associazione presente sul territorio. La famiglia di origine si impegna a: Collaborare con il Servizio Tutela Minori per promuovere i cambiamenti utili a ridurre le condizioni di disagio (sociale, emotivo o relazionale) che hanno reso necessario per il minore il collocamento temporaneo in un contesto eterofamiliare, così come evidenziato nel Decreto del Tribunale Minorenni. Sostenere una relazione di fiducia tra il minore e la famiglia affidataria. Permettere al minore, a conclusione dell affido, di mantenere contatti con il nucleo affidatario, secondo i programmi concordati con il Servizio Tutela Minori Il Servizio Tutela Minori dell Ufficio di Piano ( o Il Consorzio Sociale o altro) mantiene la responsabilità del Piano di assistenza; ed in particolare si impegna a: predisporre un idoneo progetto educativo ed assistenziale per il minore e per la sua famiglia mantenere e di regolamentare i rapporti tra il minore e la famiglia di origine, informando quest ultima sull andamento dell affido, coinvolgendola e supportandola per un miglior sviluppo progettuale dello stesso. Regolamentare e concordare modalità di rapporto tra le due famiglie. Il Servizio Distrettuale Affidi del Piano di Zona di Como si impegna a:. collaborare con il Servizio Tutela Minori nell avvio e nel monitoraggio sull affido e per la valutazione dell esperienza garantire alla famiglia affidataria, durante l intera durata dell intervento, tutti gli opportuni sostegni psico-pedagogici, con modalità individuali e/o di gruppo concordate direttamente con gli affidatari. 10

11 TEMPI: L affido del minore avrà la durata di..mesi, eventualmente prorogabili secondo le disposizioni di legge, fatta salva l ipotesi di interruzione anticipata in conseguenza di disposizioni del Tribunale. L inizio dell esperienza di affido avverrà nel mese di.., con modalità che garantiscano un passaggio facilitante per il minore dalla situazione di origine alla nuova collocazione ( descrizione dei graduali passaggi previsti) GARANZIE: Ai sensi delle Leggi Regionali 1/86 e 23/99, della Delibera IV/1439 e delle leggi 104/92 e 34/96, la Regione Lombardia copre con apposita polizza collettiva tutti i minori collocati in affido.il Servizio Distrettuale Affidi curerà le procedure di segnalazione di sinistro ed i rapporti con l Ufficio Regionale competente. In ogni caso l affidatario è tenuto a dare immediata comunicazione del fatto accaduto al Servizio facendo pervenire, successivamente, la documentazione sanitaria (e non) attestante il danno. alla famiglia affidataria viene riconosciuto un contributo assistenziale a favore del bambino affidato affinché tale affidamento si possa fondare sulla disponibilità e l'idoneità all'accoglienza indipendentemente dalle condizioni economiche"(art. 80 III Comma L. 184/83.). L importo previsto dal Regolamento Affidi adottato dal Distretto socio-sanitario di Como per l affido eterofamiliare residenziale ammonta a 500 mensili, con la possibilità di ulteriori contributi economici di supporto per particolari esigenze (sanitarie o scolastiche) che non possano essere affrontate con i normali strumenti a disposizione dei nuclei affidatari. L erogazione dei contributi sarà effettuata dal Comune di., responsabile dell assistenza del minore. Copia del presente atto verrà inviata all Autorità giudiziaria competente. Data. Firme necessarie: il Responsabile. del Servizio Tutela Minori e gli operatori referenti del caso Il Responsabile del Servizio Distrettuale Affidi e gli operatori referenti del caso La famiglia affidataria La famiglia di origine 11

12 ALLEGATO 2 CONTRATTO DI AFFIDO PROTOTIPO PER AFFIDO CONSENSUALE (Carta Intestata al Servizio Tutela Minori referente per il Comune responsabile dell assistenza.) Oggetto: ATTIVAZIONE DI AFFIDO CONSENSUALE relativo all inserimento del minore XX, nato il., presso la/il/i Sig..., residente/i a.. PREMESSE: L affidamento familiare è disciplinato dalla legge 184 del 4 Maggio 1983, modificata con legge n. 149 del 28 marzo L Assemblea dei Sindaci ha approvato in data. Il Regolamento Distrettuale Affidi, riferimento normativo che definisce i criteri, i tempi e le modalità dell'affidamento e gli impegni e i diritti dell'amministrazione, delle famiglie d'origine e degli affidatari, valido per tutti i Comuni facenti parte del Distretto socio-sanitario di Como.. Il Servizio di Tutela Minori dell Ufficio di Piano ( o Consorzio o altro), responsabile dell assistenza del minore ai sensi di precisa delega del Comune affidatario, in collaborazione con il Servizio Distrettuale Affidi del Piano di Zona di Como. ha valutato l opportunità di un progetto di affido ed ha 'ricercato allo scopo un idonea disponibilità affidataria Il Sig/Sig.ra o la coppia di coniugi composta dai sig.ri. e.., in seguito a specifica istruttoria tesa a verificarne le competenze e le caratteristiche, è stata valutata idonea all affido dal Servizio Affidi del Piano di Zona di Como. Motivazioni ed obiettivi dell affido: L affido ha lo scopo di ( indicare obiettivi, durata, verifiche previste e cornice di regole). 12

13 DIRITTI E IMPEGNI: Il minore avrà diritto di vivere, crescere, essere curato, protetto, mantenuto, informato, educato ed istruito nell ambito della famiglia affidataria; avrà diritto a mantenere i rapporti con i propri familiari ed a ricevere dai Servizi spiegazioni adeguate all età circa le decisioni che verranno via via assunte a sua protezione. La famiglia affidataria si impegna a: Provvedere alla cura, al mantenimento, all educazione e all istruzione del minore in accordo con quanto indicato nel progetto, nel rispetto ove possibile della cultura della famiglia di origine. Favorire, secondo le indicazioni dei Servizi, i rapporti tra il minore e la sua famiglia di origine ed accompagnarlo in eventuali percorsi di rientro decisi dal Tribunale. Concordare preventivamente con il Servizio Tutela Minori le scelte più significative per il minore Esercitare i ruoli connessi alla potestà parentale in relazione agli ordinari rapporti con le istituzioni scolastiche e sanitarie Assicurare discrezione circa la situazione del minore e della sua famiglia di origine. Seguire un percorso di sostegno presso il Servizio Distrettuale Affidi o presso altra Associazione presente sul territorio. La famiglia di origine si impegna a: Collaborare con il Servizio Tutela Minori per promuovere i cambiamenti utili a ridurre le condizioni di disagio (sociale, emotivo o relazionale) che hanno reso necessario per il minore il collocamento temporaneo in un contesto eterofamiliare. Sostenere una relazione di fiducia tra il minore e la famiglia affidataria. Permettere al minore, a conclusione dell affido, di mantenere contatti con il nucleo affidatario, secondo i programmi concordati con il Servizio Tutela Minori Il Servizio Tutela Minori dell Ufficio di Piano ( o Il Consorzio Sociale o altro) mantiene la responsabilità del Piano di assistenza; ed in particolare si impegna a: predisporre un idoneo progetto educativo ed assistenziale per il minore e per la sua famiglia mantenere e di regolamentare i rapporti tra il minore e la famiglia di origine, informando quest ultima sull andamento dell affido, coinvolgendola e supportandola per un miglior sviluppo progettuale dello stesso. Regolamentare e concordare modalità di rapporto tra le due famiglie. Il Servizio Distrettuale Affidi del Piano di Zona di Como si impegna a:. collaborare con il Servizio Tutela Minori nell avvio e nel monitoraggio sull affido e per la valutazione dell esperienza garantire alla famiglia affidataria, durente l intera durata dell intervento, tutti gli opportuni sostegni psico-pedagogici, con modalità individuali e/o di gruppo concordate direttamente con gli affidatari. 13

14 TEMPI: L affido del minore avrà la durata di..mesi, eventualmente prorogabili secondo le disposizioni di legge, fatta salva l ipotesi di interruzione anticipata nell interesse del minore, valutata dal Servizio Tutela Minori responsabile del progetto. L inizio dell esperienza di affido avverrà nel mese di.., con modalità che garantiscano un passaggio facilitante per il minore dalla situazione di origine alla nuova collocazione ( descrizione dei graduali passaggi previsti) GARANZIE: Ai sensi delle Leggi Regionali 1/86 e 23/99, della Delibera IV/1439 e delle leggi 104/92 e 34/96, la Regione Lombardia copre con apposita polizza collettiva tutti i minori collocati in affido.il Servizio Distrettuale Affidi curerà le procedure di segnalazione di sinistro ed i rapporti con l Ufficio Regionale competente. In ogni caso l affidatario è tenuto a dare immediata comunicazione del fatto accaduto al Servizio facendo pervenire, successivamente, la documentazione sanitaria (e non) attestante il danno. alla famiglia affidataria viene riconosciuto un contributo assistenziale a favore del bambino affidato affinché tale affidamento si possa fondare sulla disponibilità e l'idoneità all'accoglienza indipendentemente dalle condizioni economiche"(art. 80 III Comma L. 184/83.). L importo previsto dal Regolamento Affidi adottato dal Distretto socio-sanitario di Como per l affido eterofamiliare residenziale ammonta a 500 mensili, con la possibilità di ulteriori contributi economici di supporto per particolari esigenze (sanitarie o scolastiche) che non possano essere affrontate con i normali strumenti a disposizione dei nuclei affidatari. L erogazione dei contributi sarà effettuata dal Comune di., responsabile dell assistenza del minore. Copia del presente atto verrà inviata al Giudice Tutelare per la necessaria formalizzazione. Firme necessarie: il Responsabile. del Servizio Tutela Minori e gli operatori referenti del caso Il Responsabile del Servizio Distrettuale Affidi e gli operatori referenti del caso La famiglia affidataria La famiglia di origine 14

15 ALLEGATO 3 CONTRATTO DI AFFIDO PROTOTIPO PER AFFIDO PART-TIME (Carta Intestata al Servizio Tutela Minori referente per il Comune responsabile dell assistenza.) Oggetto: ATTIVAZIONE DI AFFIDO PART-TIME relativo all inserimento del minore XX, nato il., presso la/il/i Sig..., residente/i a.. PREMESSE: L affidamento familiare è disciplinato dalla legge 184 del 4 Maggio 1983, modificata con legge n. 149 del 28 marzo L Assemblea dei Sindaci ha approvato in data. Il Regolamento Distrettuale Affidi, riferimento normativo che definisce i criteri, i tempi e le modalità dell'affidamento e gli impegni e i diritti dell'amministrazione, delle famiglie d'origine e degli affidatari, valido per tutti i Comuni facenti parte del Distretto socio-sanitario di Como.. Il Servizio di Tutela Minori dell Ufficio di Piano ( o Consorzio o altro), responsabile dell assistenza del minore ai sensi di precisa delega del Comune affidatario, in collaborazione con il Servizio Distrettuale Affidi del Piano di Zona di Como, ha valutato l opportunità di procedere ad un affidamento part time ed ha ricercato allo scopo un idonea disponibilità affidataria. Il Sig/Sig.ra o la coppia di coniugi composta dai sig.ri. e.., in seguito a specifica istruttoria tesa a verificarne le competenze e le caratteristiche, è stata valutata idonea all affido dal Servizio Affidi del Piano di Zona di Como. Motivazioni ed obiettivi dell affido: L affido ha lo scopo di ( indicare obiettivi, durata, verifiche previste e cornice di regole). 15

16 DIRITTI E IMPEGNI: Il minore avrà diritto di ricevere, nell ambito della famiglia affidataria, le attenzioni e le cure descritte come necessarie al conseguimento degli scopi del progetto di affido ed a ricevere dai Servizi spiegazioni adeguate all età circa le decisioni che verranno via via assunte a sua protezione. La famiglia affidataria si impegna a: Provvedere alla cura, al mantenimento, all educazione e all istruzione del minore in accordo con quanto indicato nel progetto, tenendo conto ove possibile delle indicazioni dai genitori. Favorire, secondo le indicazioni dei Servizi, i rapporti tra il minore e la sua famiglia di origine. Concordare preventivamente con il Servizio Tutela Minori e con i genitori le scelte più significative per il minore Esercitare i ruoli connessi alla potestà parentale in relazione agli ordinari rapporti con le istituzioni scolastiche e sanitarie, previo accordo con i genitori. Assicurare discrezione circa la situazione del minore e della sua famiglia di origine. Seguire un percorso di sostegno presso il Servizio Distrettuale Affidi o presso altra Associazione presente sul territorio. La famiglia di origine si impegna a: Collaborare con il Servizio Tutela Minori per promuovere i cambiamenti utili a ridurre le condizioni di disagio (sociale, emotivo o relazionale) che hanno reso necessario per il minore il collocamento temporaneo in un contesto eterofamiliare. Sostenere una relazione di fiducia tra il minore e la famiglia affidataria. Permettere al minore, a conclusione dell affido, di mantenere contatti con il nucleo affidatario, secondo i programmi concordati con il Servizio Tutela Minori Il Servizio Tutela Minori dell Ufficio di Piano ( o Il Consorzio Sociale o altro) mantiene la responsabilità del Piano di assistenza; ed in particolare si impegna a: di predisporre un idoneo progetto educativo ed assistenziale per il minore e per la sua famiglia mantenere e di regolamentare i rapporti tra famiglia affidataria e famiglia di origine, informando quest ultima sull andamento dell affido, coinvolgendola e supportandola per un miglior sviluppo progettuale dello stesso.. Il Servizio Distrettuale Affidi del Piano di Zona di Como si impegna a:..collaborare con il Servizio Tutela Minori nel monitoraggio sull affido e per la valutazione dell esperienza garantire alla famiglia affidataria, in ogni fase dell affido, tutti gli opportuni sostegni psico-pedagogici, con modalità individuali e/o di gruppo concordate direttamente con gli affidatari. 16

17 TEMPI: L affido del minore avrà la durata di.mesi, eventualmente prorogabili secondo le disposizioni di legge, fatta salva l ipotesi di interruzione anticipata in conseguenza di disposizioni del Tribunale. L inizio dell esperienza di affido avverrà nel mese di.., con modalità che garantiscano un passaggio facilitante per il minore dalla situazione di origine alla nuova collocazione ( descrizione dei graduali passaggi previsti) GARANZIE: Ai sensi delle Leggi Regionali 1/86 e 23/99, della Delibera IV/1439 e delle leggi 104/92 e 34/96, la Regione Lombardia copre con apposita polizza collettiva tutti i minori collocati in affido.il Servizio Distrettuale Affidi curerà le procedure di segnalazione di sinistro ed i rapporti con l Ufficio Regionale competente. In ogni caso l affidatario è tenuto a dare immediata comunicazione del fatto accaduto al Servizio facendo pervenire, successivamente, la documentazione sanitaria (e non) attestante il danno. alla famiglia affidataria viene riconosciuto un contributo assistenziale a favore del bambino affidato affinché tale affidamento si possa fondare sulla disponibilità e l'idoneità all'accoglienza indipendentemente dalle condizioni economiche"(art. 80 III Comma L. 184/83.). L importo previsto dal Regolamento Affidi adottato dal Distretto socio-sanitario di Como per l affido eterofamiliare residenziale ammonta a 500 mensili, con la possibilità di ulteriori contributi economici di supporto per particolari esigenze (sanitarie o scolastiche) che non possano essere affrontate con i normali strumenti a disposizione dei nuclei affidatari.nel caso di affido a tempo parziale il contributo viene determinato in misura proporzionale ed in questo caso sarà pari a...mensili L erogazione dei contributi sarà effettuata dal Comune di., responsabile dell assistenza del minore. Data. Firme necessarie: il Responsabile. del Servizio Tutela Minori e gli operatori referenti del caso Il Responsabile del Servizio Distrettuale Affidi e gli operatori referenti del caso La famiglia affidataria La famiglia di origine 17

18 ALLEGATO 4 TRASMISSIONE AL GIUDICE TUTELARE (Carta Intestata al Servizio Tutela Minori referente per il Comune responsabile dell assistenza.) Al Tribunale Civile di COMO Cancelleria del Diritto di Famiglia Ufficio del Giudice Tutelate Oggetto : trasmissione provvedimento di affidamento Si invia per il prescritto visto, in ottemperanza a quanto previsto dalla legge 184 /83, il provvedimento di affido familiare consensuale del minore nato a il presso la famiglia residente in via n. Comune per il periodo Distinti saluti Il Responsabile del Servizio 18

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE Premessa L affidamento etero-familiare consiste nell inserire un minore in un nucleo familiare diverso da quello originario per un tempo determinato. È un esperienza di accoglienza

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento:

Regolamento. Questo Servizio adotta il seguente regolamento: Regolamento L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine di diventare

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDO FAMILIARE 2000 Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 86 del 29 settembre ARTICOLO 1 - RIFERIMENTI LEGISLATIVI L affido è disposto dal Comune, o chi da esso delegato, in

Dettagli

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003.

Regolamento. L affido è istituito e regolamentato dalla Legge N.184/83, dalla Legge N.149/01 e dalla D.G.R 79-11035 del 17.11.2003. Regolamento Premessa L affidamento familiare aiuta i bambini ed i ragazzi a diventare grandi, nutrendo il loro bisogno di affetto e di relazione con figure adulte che si prendano cura di loro, al fine

Dettagli

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI

COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI COMUNE DI BIBBIENA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO AFFIDI FAMILIARI Art. 1 premessa Art. 2 finalità e obiettivi del Servizio Art. 3 modalità e definizioni Art. 4 requisiti e Banca dati delle famiglie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO E PRINCIPI GENERALI L affidamento familiare, rappresenta uno strumento prioritario di aiuto al minore e alla sua famiglia,

Dettagli

REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI

REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI Ambito Territoriale di Cantù REGOLAMENTO TERRITORIALE AFFIDI Approvato con delibera del Tavolo Politico n. 34 del 16 novembre 2010 Art. 1 Normativa L'affidamento familiare per i minori è regolato dalla

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3)

DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) DISTRETTO SOCIO SANITARIO 18 (PATERNO -BELPASSO-RAGALNA-ASL 3) Allegato alla deliberazione consiliare n. 04 del 7 febbraio 2007 ART. 1 DEFINIZIONE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE 1. L affidamento familiare è

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEL COMUNE DI FIRENZE Premessa normativa Art.1 - Principi generali Art.2 - Tipologia e modalità di affidamento Art.3 - Durata dell affidamento Art.4 - Come

Dettagli

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO. Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI BREMBATE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Affari generali e servizi alla persona REGOLAMENTO PER L'AFFIDAMENTO FAMILIARE Premessa Art. 1 L affidamento familiare Art. 2 L affidamento familiare e la

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 47/8 in data 26/01/2012 1 ART. 1 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8

Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Comune di Capo d Orlando (Provincia di Messina) Area Servizi Socio-Assistenziali T.T. 6/8 Regolamento Comunale sull Affidamento Familiare dei Minori 1 R E G O L A M E N T O SULL'AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI

Dettagli

Servizi sociali di Ambito

Servizi sociali di Ambito Regolamento sull affido familiare dell Ambito territoriale di Seriate Comuni di: Seriate, Albano S. Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate,

Dettagli

AFFIDAMENTI CRITERI APPLICATIVI DEL CONSORZIO

AFFIDAMENTI CRITERI APPLICATIVI DEL CONSORZIO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse AFFIDAMENTI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N 79-11035 del 17/11/2003 (B.U. R. 11/12/2003 n 50) CRITERI APPLICATIVI

Dettagli

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE

SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE SPERIMENTAZIONE LINEE GUIDA AFFIDO FAMILIARE BUONE PRASSI PREMESSA L affidamento familiare, intervento di protezione e tutela nei confronti di minori temporaneamente privi di idoneo ambiente familiare,

Dettagli

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006

D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 D.G.R.n.94-4335 del 13.11.2006 Approvazione criteri per l assegnazione contributi ai Soggetti gestori delle funzioni socioassistenziali per le attività delle Equipe Adozioni e per la promozione dell affidamento

Dettagli

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI CATANIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Art. 1 L Amministrazione comunale attua l affidamento allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo psico-fisico,

Dettagli

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI C O M U N E D I C A L A T A B I A N O PROVINCIA DI CATANIA REGOLAMENTO COMUNALE SUL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con deliberazione consiliare n. del I N D I C E Art. 1. Finalità

Dettagli

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI

COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI COMUNE DI GALLARATE SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO COMUNALE SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI (approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 12 del 23/02/2011) PREMESSA L affido familiare è

Dettagli

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino azienda territoriale per i servizi alla persona REGOLAMENTO SOVRACOMUNALE SULL AFFIDO FAMILIARE Premessa I Comuni dell Ambito Territoriale

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE 1 Art. 1- Oggetto e finalità Regolamento del servizio di affidamento familiare di minori L'affidamento

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

affidamento minori C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N.

affidamento minori C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N. DT. 660/99 C O M U N E DI C A P O D' O R L A N D O P R O V I N C I A D I M E S S I N A R E G O L A M E N T O SERVIZIO COMUNALE DI AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI ( LEGGE REGIONALE N. 22/86 ) APPROVATO

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. REGOLAMENTO COMUNALE n. 57 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE E DEL CENTRO AFFIDI. Allegato B Alla deliberazione di Consiglio Comunale nr 34 del 31/3/2004 Protocollo operativo tra Centro

Dettagli

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI

LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI LINEE GUIDA CENTRO AFFIDI In uno strumento complesso e articolato come l affidamento familiare, intervento di rete per eccellenza, è fondamentale definire i compiti di ogni tecnico. Una prima chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Ambito Territoriale di Sesto Calende Documento prodotto dall Equipe di regia del Progetto I Custodi dei sogni Luisa Di Matteo, Marta Saraggiotto Comune di Vergiate

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania. Regolamento per l affidamento familiare dei minori COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per l affidamento familiare dei minori Adottato con deliberazione consiliare n 41 del 16/03/2000 COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania Regolamento per

Dettagli

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI PACIANO PROVINCIA DI PERUGIA Cap 06060 P.zza della Repubblica n. 4 P.IVA 00436320543 Tel. 075.830186 e-mail: info@comune.paciano.pg.it fax. 075.830447 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO

Dettagli

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali

L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali L affido in Italia: dalle prime esperienze all attuale normativa giuridica L affido, il Tribunale per i Minorenni e i Servizi Sociali Interventi della dott.ssa Barbara Montisci,, Giudice Onorario del T.M.

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009

Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Deliberazione Consiglio Comunale n 119 del 6 ottobre 2009 Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione,

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMIGLIARE Comuni aderenti a offertasociale asc - Unità operativa Affidi Mowgli I Comuni costituenti l azienda consortile offertasociale, per il miglior espletamento delle competenze

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO AFFIDO APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE n. 8 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e dell Appoggio Familiare presso i Comuni

Dettagli

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori.

di individuare l Az. ULSS 18 quale destinataria del contributo regionale per tutti i Comuni sottoscrittori. ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI DELL ULSS N 18 PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI ECONOMICI LEGATI ALLA TUTELA DEI MINORI (rette per inserimento in struttura di minori e contributi per le famiglie

Dettagli

Città di Ispica Prov. di Ragusa

Città di Ispica Prov. di Ragusa Città di Ispica Prov. di Ragusa REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE AMBITO TERRRITORIALE VALLE SERIANA Comuni di Albino, Alzano Lombardo, Aviatico, Casnigo, Cazzano S.A., Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Nembro,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 46 del 09/10/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Maria Teresa Vella 1 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI INDICE Art. 1 - Oggetto PREMESSA Art.

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO PER DISCIPLINARE L'AFFIDO FAMILIARE DI MINORI Art. 1- RIFERIMENTI NORMATIVI Il D.Lgs.vo n. 502/92, così come modificato dal D. Lgs. n. 517/93 (art. 3) prevede la possibilità del conferimento

Dettagli

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI

COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di Lecce (Settore Amministrativo) REGOLAMENTO COMUNALE DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DI MINORI Vista la legge nazionale 184/83 che, agli artt. 1,2,3,4 e 5, disciplinando l affidamento

Dettagli

PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER

PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER CITTÀ DI POMEZIA COMUNE DI ARDEA PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DISTRETTO SOCIO SANITARIO RM/H4 A.S.L. RM/H PROVINCIA DI ROMA SIGLATO IN DATA 13 OTTOBRE 2011 PIANO DISTRETTUALE

Dettagli

Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI

Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI Cairate - Castellanza Fagnano Olona Gorla Maggiore Gorla Minore Marnate Olgiate Olona Solbiate Olona REGOLAMENTO AFFIDI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.S. n 108 IN DATA 26.05.2006 1 Premessa L affido

Dettagli

AMBITO N.11 NARNESE-AMERINO. Regolamento per l'affidamento FAMILIARE

AMBITO N.11 NARNESE-AMERINO. Regolamento per l'affidamento FAMILIARE AMBITO N.11 NARNESE-AMERINO Regolamento per l'affidamento FAMILIARE Premessa: L'affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 Maggio 1983, n. 184 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento di minori,

Dettagli

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07

Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 REGOLAMENTO CONSORTILE PER L INSERIMENTO DI MINORI NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con deliberazione del C.d.A. n. 1 del 27.02.07 1 S O M M A R I O ART. 1 - OGGETTO...3 ART. 2 - FINALITÀ...3 ART.

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI PONZANO DI BOZZA AL 13.01.2011 REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI PONZANO DI Premesso che I Comuni dell Ambito Sociale XIX, in ottemperanza

Dettagli

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI

COMUNE DI GREZZANA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO COMUNALE SULL'AFFIDO E SULLA TUTELA DEI MINORI (ai sensi della L. 184/83 e modifiche L. 149/01) INDICE PRINCIPI ISPIRATORI Art. 1. OGGETTO Art. 2. TIPOLOGIA DI INTERVENTI

Dettagli

Regolamento Affidamento Familiare

Regolamento Affidamento Familiare Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità cui devono uniformarsi la gestione, l erogazione e l accesso all affidamento familiare rivolto ai minori e alle loro famiglie

Dettagli

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento

Finalità Obiettivi Utenza Organizzazione Coordinamento PROTOCOLLO D INTESA TRA L ASL DI BRESCIA E L AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO TUTELA MINORI INTERESSATI DA PROVVEDIMENTI DELLA MAGISTRATURA ANNO 2011 Premessa La

Dettagli

Regol@mento per. l affidamento familiare dei minori

Regol@mento per. l affidamento familiare dei minori Comune di Spoleto Direzione Istruzione Coesione Sociale Salute e Sport Regol@mento per l affidamento familiare dei minori Il Regolamento per l affidamento familiare dei minori è stato adottato dal Consiglio

Dettagli

Il percorso di conoscenza e valutazione consiste in alcuni colloqui con l assistente sociale e lo psicologo, ed in una visita domiciliare.

Il percorso di conoscenza e valutazione consiste in alcuni colloqui con l assistente sociale e lo psicologo, ed in una visita domiciliare. L Affidamento Familiare Che cos è l affidamento familiare: L affidamento familiare è un intervento temporaneo di aiuto e di sostegno ad un minore ed alla sua famiglia che si trova a vivere una situazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE Allegato sub lettera A) alla delibera di CC. N COMUNE DI MIRA (Provincia di Venezia) REGOLAMENTO SULL AFFIDO FAMILIARE 1 Art. 1 IL VALORE DELLA FAMIGLIA 1. La famiglia viene riconosciuta come l unità fondamentale

Dettagli

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione

1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione REGOLAMENTO PER IL LIVELLO ASSOCIATO DELL AFFIDO FAMILIARE Articolo 1 - Oggetto 1. Le Amministrazioni Comunali dell Ambito distrettuale di Cremona (di seguito denominati Enti per la gestione associata

Dettagli

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Città di Busto Arsizio Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 89 del 25.07.2008 Premessa L affido familiare è regolamentato

Dettagli

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL "SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE" LEGGE 184/83

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE LEGGE 184/83 COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DEL "SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE" LEGGE 184/83 ART. 1 L'Amministrazione Comunale di Bitonto, nel rispetto ed in attuazione del titolo

Dettagli

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido

>> Perché l'affido familiare dei minori. >> Che cos'é l'affido. >> Chi può fare l'affido e come. >> Tipologie dell'affido. >> Le forme dell'affido >> Perché l'affido familiare dei minori >> Che cos'é l'affido >> Chi può fare l'affido e come >> Tipologie dell'affido >> Le forme dell'affido >> I soggetti dell'affido >> I soggetti dell'affido Il bambino/ragazzo:

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO FAMILIARE Art.1 - Oggetto Il presente Regolamento, in rispondenza alle priorità d intervento individuate dalla legge 328/00, norma gli interventi relativi agli affidamenti

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 84 DEL 28/12/1996 REGOLAMENTO COMUNALE PER L'AFFIDAMENTO TEMPORANEO FAMILIARE 1 FINALITA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE DISPOSIZIONI

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 16 2. TITOLO AZIONE AFFIDO FAMILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI.

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l inserimento di anziani non autosufficienti in strutture protette

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE approvato dal Coordinamento Istituzionale con delibera n. 10 del 14/07/2009 PRINCIPI GENERALI Il minore ha diritto di crescere ed essere educato nell ambito della propria

Dettagli

REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10

REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10 REGOLAMENTO per il SERVIZIO di AFFIDO e APPOGGIO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 10 Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento disciplina l Istituto dell Affido e il Servizio di Appoggio Familiare presso

Dettagli

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali PROVINCIA DI POTENZA Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali Protocollo d Intesa tra : Provincia di Potenza - Tribunale per i Minori- Comuni del territorio provinciale PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa A seguito della stesura del protocollo operativo, approvato dal Direttivo della Comunità Montana Valle Seriana Superiore con Delibera n. 27 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE CITTÀ DI RAGUSA Settore 12 - Servizi Sociali e Assistenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI AFFIDAMENTO FAMILIARE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 65 del 08.11.2007 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Regolamento Affido a Famiglie e/o Strutture di accoglienza Ambito:CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI A6 APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE n. 05 DEL 25.09.2009 L Affidamento familiare Premessa

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE NA6

AMBITO TERRITORIALE NA6 AMBITO TERRITORIALE NA6 CASORIA ARZANO CASAVATORE UFFICIO TECNICO DI PIANO ======================================================================= Via Po Centro Gallery - 80026 CASORIA (NA) REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI

COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI COMUNE DI PONZANO DI FERMO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Premesso che I Comuni degli Ambiti Sociali XIX, e XX in ottemperanza all attuale normativa e nell attuazione degli indirizzi

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE E L AFFIANCAMENTO SOLIDALE

REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE E L AFFIANCAMENTO SOLIDALE REGOLAMENTO PER L AFFIDO FAMILIARE E L AFFIANCAMENTO SOLIDALE (DGR dell 8.08.08 n. 2416) Allegato alla deliberazione n. 247 del 23.3.2011 Introduzione Dal Piano di Zona 2011-2015, approvato dalla Conferenza

Dettagli

Regolamento sul Servizio di Affidamento Familiare di Minori. Art. 1

Regolamento sul Servizio di Affidamento Familiare di Minori. Art. 1 Regolamento sul Servizio di Affidamento Familiare di Minori Art. 1 L Amministrazione Comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori per il suo sviluppo

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento del servizio di affidamento familiare. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato

Dettagli

Piano Sociale di Zona

Piano Sociale di Zona Piano Sociale di Zona 2010-12 Molfetta-Giovinazzo Protocollo Operativo Istituzione dell équipe integrata, multidisciplinare e multiprofessionale, per l affido familiare e l adozione Organizzazione, Funzioni,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

C.I.S.S. PINEROLO CONSORZIO INTERCOMUNALE. Approvato con

C.I.S.S. PINEROLO CONSORZIO INTERCOMUNALE. Approvato con C.I.S.S. PINEROLO CONSORZIO INTERCOMUNALE SERVIZII SOCIALII Via Montebello, 39 10064 PINEROLOO (TO) Tel. 0121/325001-325002-325003 Fax 0121-395396 Cod. fisc. e Part. IVA 07329610013 E-mail: ciss@cisspinerolo.it

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE PROVINCIA DI BARI C.F. e Partita IVA 00878940725 ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALL INFANZIA REGOLAMENTO SULL AFFIDAMENTO FAMILIARE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO

ARSAGO SEPRIO - BESNATE - CARDANO AL CAMPO CASORATE SEMPIONE - FERNO GOLASECCA LONATE POZZOLO - SOMMA LOMBARDO - VIZZOLA TICINO INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 740 DEL 27/09/2013 APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI E GRAVISSIME DISABILITA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2013

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 434 24/03/2015 Oggetto : Approvazione della 2a tranche di spesa presunta

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL BUONO SOCIALE MIRATO AL SOSTEGNO DEL LAVORO DI CURA PRESTATO DA ASSISTENTI FAMILIARI

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL BUONO SOCIALE MIRATO AL SOSTEGNO DEL LAVORO DI CURA PRESTATO DA ASSISTENTI FAMILIARI UFFICIO DI PIANO Piano di Zona per i Servizi Sociali Distretti di Casalpusterlengo Lodi Sant Angelo Lodigiano Tel.: 0371 409332 Fax: 0371 409453 E-mail:ufficiodipiano@comune.lodi.it DOMANDA DI ASSEGNAZIONE

Dettagli

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI RAVELLO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Allegato A alla delibera di C. C. n. 14 del 30.08.2012 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE

REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE REGOLAMENTO AFFIDAMENTO FAMILIARE Art. 1 Normativa L articolo 31 della Costituzione sancisce che è compito dello Stato agevolare la formazione della famiglia e l'adempimento dei compiti relativi. Con l

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA.

BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER RIVOLTI A FAMIGLIE CON FIGLI 0 36 MESI CHE FREQUENTANO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA. Premessa Sul territorio del Distretto n.5 Sebino sono più di 180 i bambini che frequentano

Dettagli

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI

Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI Erice è. con i diversamente abili: un percorso che continua PROGETTO DI INCLUSIONE SOCIO-LAVORATIVA PER I SOGGETTI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L art. 3, II comma della Costituzione Italiana recita: è compito

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO

Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014. REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Approvato con deliberazione del Consiglio dell'unione n. 8 del 19.09.2014 REGOLAMENTO per il SERVIZO MINORI TITOLO I FINALITA E ACCESSO Art.1 - FINALITA' DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli