SOMMARIO PREMESSA... 3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO PREMESSA... 3"

Transcript

1

2 SOMMARIO PREMESSA VASCA N Caratteristiche della vasca Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera Caratteristiche del sollevamento massima portata scaricata e tempo di svuotamento della vasca VASCA N Caratteristiche della vasca Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera Caratteristiche del sistema di sollevamento massima portata scaricata e tempo di svuotamento della vasca VASCA N Caratteristiche della vasca Caratteristiche dell allaccio alla fognatura nera Caratteristiche del sistema di sollevamento Massima portata scaricata e tempo di svuotamento della vasca Verifica del collettore a gravità ALLEGATI. SCHEMA DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE ALLEGATI. SPECIFICHE TECNICHE POMPE... 22

3 PREMESSA Nella presente relazione tecnica si provvede ad illustrare le caratteristiche di allaccio delle vasche di prima pioggia, facenti parte del sistema di drenaggio delle acque di piattaforma della circonvallazione di Venaria Reale e Borgaro Torinese, alla rete di fognatura nera. Si evidenzia che le Autorità preposte, in sede di approfondimento, hanno espressamente richiesto alla Provincia di cautelare tutta l'area attraversata dall'infrastruttura viaria, anche nei tratti non espressamente soggetti a tutela (zone esterne alle isocrone) dai rischi di inquinamento provenienti dalla piattaforma stradale, sviluppando il progetto in modo da prevedere su tutto l'asse stradale principale (dallo svincolo sulla SP1 fino allo svincolo in corrispondenza della Strada del Francese nel comune di Borgaro) un sistema di raccolta impermeabile con recapito a vasche di trattenimento prima di raggiungere i recapiti finali. Si riporta nella seguente figura uno stralcio planimetrico della strada in progetto con l indicazione delle aree di piattaforma scolanti e dell ubicazione delle vasche. Figura 1. Stralcio planimetrico della strada in progetto con l indicazione delle aree scolanti e delle vasche di accumulo.

4 Come si evince dalla figura riportata il sistema di smaltimento risulta pertanto costituito nel suo complesso da n.4 vasche di accumulo: - vasca n.1: tale vasca è posizionata sul tratto nord ovest del ramo principale (svincolo tangenziale Venaria) in prossimità della rotatoria su via Stefanat, e raccoglie le acque meteoriche della piattaforma stradale compresa tra la rotatoria sulla S.P. 1 e la mezzeria del viadotto sul fiume Stura; il tratto drenato si estende quindi per circa 760 m in lato ovest e per circa 700 m in lato est per una superficie totale di piattaforma di m²; - vasca n. 2: tale vasca è posizionata sul tratto nord del ramo principale in corrispondenza dello svincolo centrale, e raccoglie le acque meteoriche della piattaforma stradale compresa tra la mezzeria del viadotto sul fiume Stura e la rampa di collegamento Venaria Borgaro; il tratto drenato si estende per circa 485 m sull asse principale e per circa 350 m sull asse per Borgaro nord, con una superficie totale di piattaforma drenata pari a m2. Per questa vasca non è previsto un allaccio alla rete di fognatura nera, in quanto, come da accordi con le autorità competenti, le acque vengono trattate con separatore di idrocarburi e restituite al reticolo idrografico superficiale; - vasca n.3: tale vasca, di sollevamento delle acque di trincea e galleria, è posizionata sul ramo principale in corrispondenza del punto di minimo della livelletta stradale (prog ), e raccoglie le acque meteoriche di tutto il tratto di trincea stradale, di una parte dello svincolo centrale, e delle acque eventualmente sversate sulla piattaforma all interno della galleria. Il tratto drenato si estende per una lunghezza di circa 880 m sull asse principale, determinando una superficie totale pari a m2, di cui circa m2 esterni alla galleria (e quindi soggetti a precipitazione) e 8950 m2 interni alla galleria; - vasca n. 4: tale vasca è posizionata sul ramo principale in corrispondenza dell intersezione con il Rio Cravario (prog , località Cascina Barale), e raccoglie le acque meteoriche della piattaforma stradale compresa tra l inizio della discesa in galleria e la rotatoria dello svincolo Borgaro sud; il tratto drenato si estende per circa 1100 m determinando una superficie drenata pari a m2. Le acque meteoriche vengono captate sulla piattaforma per mezzo di caditoie disposte al bordo di entrambe le carreggiate, e quindi immesse in opportuni collettori che le convogliano alle vasche di raccolta. Lo svuotamento delle vasche avviene mediante un sistema di pompe, in grado di smaltire l acqua accumulata in tempi relativamente lunghi (2-3 h) con una portata di circa 10 l/s. Nella scelta progettuale si è individuata una pompa idonea in tutti e tre gli impianti di sollevamento, al fine di facilitare la manutenzione nella fase di gestione. Nel seguito si definiscono in dettaglio le modalità di allaccio previste per ciascuna delle situazioni in esame. Per maggiori dettagli in merito al dimensionamento ed al funzionamento delle vasche si rimanda all elaborato SA B Idrologia e idraulica-smaltimento acque di piattaforma-relazione idraulica del Progetto Esecutivo.

5 1 VASCA N.1 La vasca n.1 è posizionata sul tratto nord ovest del ramo principale (svincolo tangenziale Venaria) in prossimità della rotatoria su via Stefanat, e raccoglie le acque meteoriche della piattaforma stradale compresa tra la rotatoria sulla S.P. 1 e la mezzeria del viadotto sul fiume Stura; il tratto drenato si estende quindi per circa 760 m in lato ovest e per circa 700 m in lato est per una superficie totale di piattaforma di m². Le acque meteoriche vengono captate sulla piattaforma per mezzo di caditoie disposte al bordo di entrambe le carreggiate, e quindi immesse in opportuni collettori che le convogliano alla vasca di raccolta. In prossimità della vasca di raccolta i collettori laminatori provenienti dalla carreggiata confluiscono in un unico canale comune che entra in vasca; su tale canale è realizzato un sistema di sfioratori laterali che consente di separare le acque sporche (prima pioggia), che richiedono uno smaltimento in fognatura, da quelle pulite (seconda pioggia) che possono essere immesse e smaltite direttamente nei ricettori superficiali. La quota dello sfioratore è posto a 0.55 m dal fondo del canale CARATTERISTICHE DELLA VASCA La vasca in esame è costituita da un serbatoio spirel avente diametro 2,8 m e lunghezza pari a 20 m. La vasca è suddivisa da un setto, ubicato a circa 2,0 m dalla parete di fondo, in due spazi: un locale tecnico asciutto all interno del quale è alloggiata la pompa e la vasca di accumulo dell acqua di prima pioggia. La quota del fondo interno è pari a 257,86 m s.l.m., mentre quella di fondo scorrevole del canale di alimentazione risulta di 259,58 m s.l.m. Il volume utile di accumulo risulta di circa 90 mc CARATTERISTICHE DELL ALLACCIO ALLA FOGNATURA NERA Lo svuotamento della vasca (circa 90 m 3 ) avviene per mezzo di una pompa alloggiata nella camera asciutta, che solleva le acque accumulate fino alla quota massima di 260,29 raggiunta in corrispondenza del pozzetto di recapito. Il pozzetto di recapito è ubicato lungo il collettore fognario Ø600 mm Robassomero-Venaria ed è caratterizzato da un altezza di circa 2,86 m (differenza tra la quota del chiusino di 261,49 m s.l.m. e quella del fondo di 258,63 m s.l.m). L allaccio, quota di arrivo 260,29 m s.l.m, è posto a circa 1,66 m dal fondo. Le acque sollevate vengono convogliate in pressione mediante tubazione in PEad De110 mm PN16 per un tratto di lunghezza pari a circa 100 m, con recapito in finale in fognatura a gravità in tubazione PVC 200 mm previo passaggio in pozzetto di calma, secondo lo schema allegato alla presente relazione CARATTERISTICHE DEL SOLLEVAMENTO Il sistema di sollevamento previsto per lo svuotamento della vasca risulta costituito da una coppia di pompe a funzionamento alterno o ad eventuale funzionamento in parallelo in caso di situazioni particolari rilevate da parte del gestore. Il modello di pompa scelto è la ITT Flyght modello 3102 avente una potenza di 3,1 kw. La scelta della pompa è stata effettuata tenendo conto della necessità di sollevare circa 10 l/s, minimizzando al contempo i costi di installazione e di gestione. I calcoli sono stati effettuati sia nello scenario a vasca vuota che a vasca piena.

6 Si riportano nel seguito i dettagli dei calcoli eseguiti.

7 VASCA N.1 - SISTEMA DI SOLLEVAMENTO A VASCA VUOTA H monte H valle PERDITE DISTRIBUITE PERDITE LOCALIZZATE H geodetica 2.43 H distribuite CURVE a 90 CURVE a 45 Giunto a T Saracinesca aperta Misuratore di portata Sbocco H localizzate PREVALENZA TOTALE Ks L condotta Dint β n. n. n. n. n. n Q[l/s] V (m/s) J[m/m] h distr.[m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] Marca Modello CURVA della POMPA tipo ITT Flyght N 3102 Potenza ass. 3.1 kw Q[l/s] Q[l/s] H[m] Curve di impianto e delle pompa per l'impainto di sollevamento della fognatura nera Curva caratteristica del sistema Curva caratteristica pompa singola Curva caratteristica pompa in parallelo H[m] Q[l/s]

8 VASCA N.1 - SISTEMA DI SOLLEVAMENTO A VASCA PIENA H monte H valle PERDITE DISTRIBUITE PERDITE LOCALIZZATE H geodetica 1.66 H distribuite CURVE a 90 CURVE a 45 Giunto a T Saracinesca aperta Misuratore di portata Sbocco H localizzate PREVALENZA TOTALE Ks L condotta Dint β n. n. n. n. n. n Q[l/s] V (m/s) J[m/m] h distr.[m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] Marca Modello CURVA della POMPA tipo ITT Flyght N 3102 Potenza ass. 3.1 kw Q[l/s] Q[l/s] H[m] Curve di impianto e delle pompa per l'impainto di sollevamento della fognatura nera Curva caratteristica del sistema Curva caratteristica pompa singola Curva caratteristica pompa in parallelo H[m] Q[l/s]

9 1.1.4 MASSIMA PORTATA SCARICATA E TEMPO DI SVUOTAMENTO DELLA VASCA Come si evince dai calcoli effettuati la pompa scelta è in grado di garantire il sollevamento di: - scenario a vasca vuota: 12 l/s in funzionamento singolo e 13 l/s in funzionamento in parallelo; - scenario a vasca piena: 12,5 l/s in funzionamento singolo e 13,5 l/s in funzionamento in parallelo. La massima portata scaricabile nella rete di fognatura nera risulta quindi di 13,5 l/s. Lo svuotamento della vasca, di circa 90 mc, avviene pertanto in circa 125 minuti.

10 2 VASCA N.3 La vasca di sollevamento delle acque di trincea e galleria è posizionata sul ramo principale in corrispondenza del punto di minimo della livelletta stradale (prog ), e raccoglie le acque meteoriche di tutto il tratto di trincea stradale, di una parte dello svincolo centrale, e delle acque eventualmente sversate sulla piattaforma all interno della galleria. Il tratto drenato si estende per una lunghezza di circa 880 m sull asse principale, determinando una superficie totale pari a m 2, di cui circa m 2 esterni alla galleria (e quindi soggetti a precipitazione) e 8950 m 2 interni alla galleria. L accesso alla vasca è garantita da un vano realizzato sulla soletta di copertura, accessibile dalla viabilità minore del comune di Borgaro in prossimità di via America. Le acque raccolte sono convogliate verso il punto di minimo idraulico della galleria e immesse nella vasca per mezzo di un attraversamento scatolare 1.00x0.40 m CARATTERISTICHE DELLA VASCA La vasca è costituita da due vani distinti, separati da un setto sfiorante, che consentono di raccogliere separatamente le acque di prima pioggia da quelle di seconda pioggia; all interno ciascun vano occorre prevedere un sistema di sollevamento con gestione autonoma. Le acque di prima pioggia possono essere smaltire, secondo la gestione decisa dall Ente gestore, nella fognatura di via America (comune di Borgaro), quelle di seconda pioggia sono immesse nel rio Sturetta con impianto di sollevamento (n.4 pompe da 200 l/s) già concordato in altra sede con SMAT, in quanto futuro ente gestore. Il vano dedicato alla raccolta dell acqua di prima pioggia risulta caratterizzato da un volume di accumulo di circa 62 mc. La quota del fondo interno è pari a 241,60 m s.l.m., mentre quella di sfioro nella vasca di seconda pioggia è di 243,4 m.s.l.m CARATTERISTICHE DELL ALLACCIO ALLA FOGNATURA NERA Lo svuotamento della vasca (circa 90 m 3 ) avviene per mezzo di un sistema di pompaggio alloggiato nel vano di raccolta delle acque di prima pioggia, che solleva le acque accumulate fino alla quota massima di 250,60 m s.l.m. raggiunta in corrispondenza del pozzetto di recapito. Il pozzetto di recapito è ubicato lungo via Canavere ed è caratterizzato da un altezza di circa 4,18 m (differenza tra la quota del chiusino di 252,10 m s.l.m. e quella del fondo di 247,92 m s.l.m). L allaccio, quota di arrivo 250,60 m s.l.m, è posto a circa 2,68 m dal fondo. Le acque sollevate vengono convogliate in pressione mediante tubazione in PEad De110 mm PN16 per un tratto di lunghezza pari a circa 57 m, con recapito in finale in fognatura a gravità in tubazione PVC 200 mm previo passaggio in pozzetto di calma, secondo lo schema allegato alla presente relazione CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI SOLLEVAMENTO Il sistema di sollevamento previsto per lo svuotamento della vasca risulta costituito da una coppia di pompe a funzionamento alterno o ad eventuale funzionamento in parallelo in caso di situazioni particolari rilevate da parte del gestore. Il modello di pompa scelto è la ITT Flyght modello 3102 avente una potenza di 3,1 kw. La scelta della pompa è stata effettuata tenendo conto della necessità di sollevare circa 10 l/s, minimizzando al contempo i costi di installazione e di gestione. I calcoli sono stati effettuati sia nello scenario a vasca vuota che a vasca piena.

11 Si riportano nel seguito i dettagli dei calcoli eseguiti.

12 VASCA N.3 - SISTEMA DI SOLLEVAMENTO A VASCA VUOTA H monte H valle PERDITE DISTRIBUITE PERDITE LOCALIZZATE H geodetica 9 H distribuite CURVE a 90 CURVE a 45 Giunto a T Saracinesca aperta Misuratore di portata Sbocco H localizzate PREVALENZA TOTALE Ks L condotta Dint β n. n. n. n. n. n Q[l/s] V (m/s) J[m/m] h distr.[m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] Marca Modello CURVA della POMPA tipo ITT Flyght N 3102 Potenza ass. 3.1 kw Q[l/s] Q[l/s] H[m] Curve di impianto e delle pompa per l'impainto di sollevamento della fognatura nera Curva caratteristica del sistema Curva caratteristica pompa singola Curva caratteristica pompa in parallelo H[m] Q[l/s]

13 VASCA N.3 - SISTEMA DI SOLLEVAMENTO A VASCA PIENA H monte H valle PERDITE DISTRIBUITE PERDITE LOCALIZZATE H geodetica 7.3 H distribuite CURVE a 90 CURVE a 45 Giunto a T Saracinesca aperta Misuratore di portata Sbocco H localizzate PREVALENZA TOTALE Ks L condotta Dint β n. n. n. n. n. n Q[l/s] V (m/s) J[m/m] h distr.[m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] Marca Modello CURVA della POMPA tipo ITT Flyght N 3102 Potenza ass. 3.1 kw Q[l/s] Q[l/s] H[m] Curve di impianto e delle pompa per l'impainto di sollevamento della fognatura nera Curva caratteristica del sistema Curva caratteristica pompa singola Curva caratteristica pompa in parallelo H[m] Q[l/s]

14 2.1.4 MASSIMA PORTATA SCARICATA E TEMPO DI SVUOTAMENTO DELLA VASCA Come si evince dai calcoli effettuati la pompa scelta è in grado di garantire il sollevamento di: - scenario a vasca vuota: 9 l/s in funzionamento singolo e 10 l/s in funzionamento in parallelo; - scenario a vasca piena: 11 l/s in funzionamento singolo e 12 l/s in funzionamento in parallelo. La massima portata scaricabile nella rete di fognatura nera risulta quindi di 12 l/s. Lo svuotamento della vasca, di circa 62 mc, avviene pertanto in circa 86 minuti.

15 3 VASCA N.4 La vasca n. 4 è posizionata sul ramo principale in corrispondenza dell intersezione con il Rio Cravario (prog , località Cascina Barale), e raccoglie le acque meteoriche della piattaforma stradale compresa tra l inizio della discesa in galleria e la rotatoria dello svincolo Borgaro sud; il tratto drenato si estende per circa 1100 m determinando una superficie drenata pari a m2. L'accesso alla vasca è garantito dalla sede stradale direttamente dalla piazzola di sosta. Sul canale laminatore in ingresso alla vasca è realizzato un sistema di sfioratori laterali che consente di separare le acque sporche (prima pioggia), che richiedono uno smaltimento in fognatura, da quelle pulite (seconda pioggia) che possono essere immesse e smaltite direttamente nel ricettore superficiale. Il petto dello sfioratore è posto a m dal fondo del canale. Le acque di prima pioggia vengono inviate alla fognatura comunale presente nel comune di Borgaro mediante impianto di sollevamento. Le portate sollevate vengono convogliate per un primo tratto di lunghezza pari a circa 51 m in pressione, mentre defluiscono a gravità per un secondo tratto di lunghezza pari a quasi 400 m CARATTERISTICHE DELLA VASCA Come nel caso della vasca 1 la raccolta delle acque di prima pioggia avviene all interno di un serbatoio spirel avente diametro 2,8 m. La vasca è suddivisa da un setto, ubicato a circa 2,0 m dalla parete di fondo, in due spazi: un locale tecnico asciutto all interno del quale è alloggiata la pompa e la vasca di accumulo dell acqua di prima pioggia. La quota del fondo interno è pari a 242,85 m s.l.m., mentre quella di fondo scorrevole del canale di alimentazione risulta di 244,07 m s.l.m. Il volume utile di accumulo risulta di circa 120 mc CARATTERISTICHE DELL ALLACCIO ALLA FOGNATURA NERA Lo svuotamento della vasca (circa 120 m 3 ) avviene per mezzo di un sistema di pompaggio alloggiato nel vano di raccolta delle acque di prima pioggia, che solleva le acque accumulate fino alla quota massima di 244,27 m s.l.m. raggiunta in corrispondenza del pozzetto di disconnessione, a valle del quale le portate vengono convogliate a gravità. L allaccio risulta, quindi, suddiviso in due tratti: un primo tratto di lunghezza pari a circa 50 m in pressione ed un secondo tratto di lunghezza di circa 400 m a gravita. Il tratto in pressione è realizzato mediante tubazione in PEad De110 mm PN16, mentre il tratto a gravità mediante doppio tubo in PEad corrugato esternamente di diametro esterno 250/ mm ed interno 216 mm. Il recapito in finale in fognatura avviene a gravità con tubazione in PEad corrugato esternamente di diametro esterno 250/ mm ed interno 216 mm previo passaggio in pozzetto di calma, secondo lo schema allegato alla presente relazione Il pozzetto di recapito è ubicato in corrispondenza dell incrocio tra via Altessano e via vai Carolinelu è caratterizzato da un altezza di circa 4,92 m (differenza tra la quota del chiusino di 243,22 m s.l.m. e quella del fondo di 238,30 m s.l.m). L allaccio, quota di arrivo 241,28 m s.l.m, è posto a circa 2,98 m dal fondo CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI SOLLEVAMENTO Il sistema di sollevamento previsto per lo svuotamento della vasca risulta costituito da una coppia di pompe a funzionamento alterno o ad eventuale funzionamento in parallelo in caso di situazioni particolari rilevate da parte del gestore.

16 Il modello di pompa scelto è la ITT Flyght modello 3102 avente una potenza di 3,1 kw. La scelta della pompa è stata effettuata tenendo conto della necessità di sollevare circa 10 l/s, minimizzando al contempo i costi di installazione e di gestione. I calcoli sono stati effettuati sia nello scenario a vasca vuota che a vasca piena. Si riportano nel seguito i dettagli dei calcoli eseguiti.

17 VASCA N.4 - SISTEMA DI SOLLEVAMENTO A VASCA VUOTA H monte H valle PERDITE DISTRIBUITE PERDITE LOCALIZZATE H geodetica 1.48 H distribuite CURVE a 90 CURVE a 45 Giunto a T Saracinesca aperta Misuratore di portata Sbocco H localizzate PREVALENZA TOTALE Ks L condotta Dint β n. n. n. n. n. n Q[l/s] V (m/s) J[m/m] h distr.[m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] Marca Modello CURVA della POMPA tipo ITT Flyght N 3102 Potenza ass. 3.1 kw Q[l/s] Q[l/s] H[m] Curve di impianto e delle pompa per l'impainto di sollevamento della fognatura nera Curva caratteristica del sistema Curva caratteristica pompa singola Curva caratteristica pompa in parallelo H[m] Q[l/s]

18 VASCA N.4 - SISTEMA DI SOLLEVAMENTO A VASCA PIENA H monte H valle PERDITE DISTRIBUITE PERDITE LOCALIZZATE H geodetica 0.25 H distribuite CURVE a 90 CURVE a 45 Giunto a T Saracinesca aperta Misuratore di portata Sbocco H localizzate Ks L condotta Dint β n. n. n. n. n. n Q[l/s] V (m/s) J[m/m] h distr.[m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] h [m] PREVALENZA TOTALE Marca Modello CURVA della POMPA tipo ITT Flyght N 3102 Potenza ass. 3.1 kw Q[l/s] Q[l/s] H[m] Curve di impianto e delle pompa per l'impainto di sollevamento della fognatura nera Curva caratteristica del sistema Curva caratteristica pompa singola Curva caratteristica pompa in parallelo H[m] Q[l/s]

19 3.1.4 MASSIMA PORTATA SCARICATA E TEMPO DI SVUOTAMENTO DELLA VASCA Come si evince dai calcoli effettuati la pompa scelta è in grado di garantire il sollevamento di: - scenario a vasca vuota: 17 l/s in funzionamento singolo e 18.5 l/s in funzionamento in parallelo; - scenario a vasca piena: 17 l/s in funzionamento singolo e 19 l/s in funzionamento in parallelo. La massima portata scaricabile nella rete di fognatura nera risulta quindi di 19 l/s. Lo svuotamento della vasca, di circa 62 mc, avviene pertanto in circa 117 minuti VERIFICA DEL COLLETTORE A GRAVITÀ Come indicato nel paragrafo il tratto a gravità è realizzato mediante doppio tudo in PEad corrugato esternamente di diametro esterno 250/ mm ed interno 216 mm con pendenza del 0,77%. La verifica idraulica del tratto di collettore in progetto è stata effettuato in moto uniforme garantendo un grado di riempimento massimo delle tubazioni inferiore al 75% per le portate di progetto. Si ricorda che la portata smaltibile da una tubazione in moto uniforme è pari a: Q = K S A R 2 3 i [l/s] dove: - Ks = coefficiente di scabrezza di Gauckler-Strickler, assunto pari a 70 m 1/3 s -1 - i = pendenza del fondo - A = area Bagnata in m 2 - C = contorno bagnato in m - R = raggio idraulico in m Si riporta nella seguente tabella la scala di deflusso della tubazione di progetto. Come si evince dai calcoli effettuati la massima portata sollevata di 19 l/s viene convogliata con un grado di riempimento del 47% ed una velocità di 1,10 m/s.

20 SCALA DI DEFLUSSO PER SEZIONE CIRCOLARE Diametro esterno 250/350 Diametro interno 216 mm Scabrezza (Strickler) 90 m^(1/3)/s Pendenza 7.7 m/km Altezza Carico Area Contorno Raggio Coeff. d'acqua Totale Bagnata Bagnato Idraulico Portata Velocità Riemp. [mm] [m] [m²] [m] [m] [l/s] [m/s] [%]

21 4 ALLEGATI. SCHEMA DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE

22 5 ALLEGATI. SPECIFICHE TECNICHE POMPE

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5

1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PARAMETRI IDROLOGICI DI PROGETTO... 3 3. VERIFICHE IDRAULICHE... 5 PROGETTO ESECUTIVO 1/9 1. PREMESSA La presente relazione descrive gli aspetti idraulici connessi con lo smaltimento

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM SOCIETA CHIMICA LARDERELLO S.p.A. Socio Unico (POMARANCE) DISCARICA BULERA PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM RETE DI REGIMAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE 1. VERIFICA DELLA RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE NERE Il centro di cure palliative hospice di Spicchio è allocato all interno di un fabbricato già esistente nel complesso

Dettagli

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale COMUNE DI DESENZANO D/G PROVINCIA DI BRESCIA COMMITTENTE SOCIETÀ AGRICOLA TREZZA Studio idraulico preliminare per lo smaltimento delle acque reflue del piano integrato- PII Grezze RELAZIONE TECNICA GIUSTIFICATIVA

Dettagli

0371/549372 STUDIO TECNICO

0371/549372 STUDIO TECNICO Via Paolo Gorini, 12 26900 LODI (LO) Tel.: 0371/549372 STUDIO TECNICO Fax: 0371/588158 E-mail ing.bergomi@libero.it DI INGEGENRIA CIVILE Dott. Ing. GIUSEPPE BERGOMI Ordine degli Ingegneri della Provincia

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A)

Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Riqualificazione Urbana del Centro Commerciale Naturale della Frazione di Torrenieri (CIG Z641110D0A) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE SPECIALISTICA INTERVENTI SU RETI

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO

RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO RELAZIONE SPECIALISTICA DI CALCOLO 1 - RETI DI FOGNATURA Il sistema di smaltimento delle acque è di tipo separativo, ossia attraverso due reti distinte vengono convogliate le acque d'origine pluviale e

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante

Relazione tecnica. Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

Indice. 1.4 DIMENSIONAMENTO IDRAULICO... 11 1.5 CAMERE CON IDROVORE... 12 1.5.1 Volume vasca idrovore... 13 1.5.2 Pompe... 15

Indice. 1.4 DIMENSIONAMENTO IDRAULICO... 11 1.5 CAMERE CON IDROVORE... 12 1.5.1 Volume vasca idrovore... 13 1.5.2 Pompe... 15 Indice INDICE... 1 1. RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE METEORICHE... 2 1.1 PREMESSA... 2 1.2 Stato di fatto dello scarico delle acque meteoriche... 3 1.3 IDROLOGIA... 4 1.3.1 Dati idrologici... 4 1.3.2

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

AL COMUNE DI CONSELICE

AL COMUNE DI CONSELICE AL COMUNE DI CONSELICE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO VIA MERLO, COMPARTI 39/A-39/B PROPRIETA': Cooperativa Ceramica d'imola S.c. Via Vittorio Veneto, 13 40026 Imola (Bo) R.E.A. BO 5545 - C.F. e Reg. Impr.

Dettagli

Cod.: S10011-SF-ID01-0 Data: 15/06/2010

Cod.: S10011-SF-ID01-0 Data: 15/06/2010 Cod.: S-SF-ID- Data: 5/6/2 INTRODUZIONE La relazione descrive gli interventi finalizzati allo smaltimento delle acque meteoriche del Terzo Lotto dell Asse Lungosavena. L area è localizzata tra il Comune

Dettagli

DOTT..ING. ANTONIO GARINO VIA BASSIGNANO 15 12100 CUNEO TEL 0171/634594 FAX 0171/634594 e-mail garino.antonio@libero.it COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO

DOTT..ING. ANTONIO GARINO VIA BASSIGNANO 15 12100 CUNEO TEL 0171/634594 FAX 0171/634594 e-mail garino.antonio@libero.it COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONASTEROLO CASOTTO PROPONENTE GAVOTTO Battista Dario Via Rosa Bianca 52 12082 MONDOVI Impianto idroelettrico PRESA SUL RIO CASOTTO LOCALITÀ MOLINI - CENTRALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA

INTERVENTO 1 STRALCIO: URBANIZZAZIONI PROGETTO ESECUTIVO 14) IMPIANTO FOGNATURA NERA E PLUVIALE RELAZIONE TECNICA REGIONE PUGLIA INTERVENTO COFINANZIATO DAL PO FESR 2007-2013 ASSE VII LINEA DI INTERVENTO 7.1 AZIONE 7.1.2 CODICE OPERAZIONE FE7.100117 PROGRAMMA INTEGRATO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE PIRP SAN

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4. 1. Premessa...

RELAZIONE TECNICA. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4. 1. Premessa... RELAZIONE TECNICA DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA DEL COMPARTO Ce.2.4 Sommario 1. Premessa... 2 2. Recupero acque meteoriche in aree private..2 3.

Dettagli

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA 1 PREMESSA La presente relazione dimensiona e verifica le opere idrauliche relative alle fontane direttamente connesse con la realizzazione delle opere di Completamento dell area adiacente alla Cascina

Dettagli

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI)

POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) POZZO DI RICERCA DI ZIBIDO SAN GIACOMO (MI) RELAZIONE IDROLOGICA E IDRAULICA DELLA RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE PIOVANE Settembre 2014 PROGETTISTA Dott. Ing. Leopoldo Cafaro Iscritto all Ordine degli Ingegneri

Dettagli

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto

RELAZIONE IDRAULICA. Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto RELAZIONE IDRAULICA Descrizione sommaria delle opere Le acque meteoriche raccolte sulle rampe di Via Borgaro vengono convogliate ad un pozzetto realizzato con il lotto 1, e da qui indirizzate al collettore

Dettagli

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano

Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Sistemi di Fognature o Sistemi di Drenaggio Urbano Insieme integrato di opere idrauliche atte a raccogliere, convogliare e allontanare dalle zone urbanizzate le acque reflue domestiche ed industriali,

Dettagli

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15

Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Comune di Bertinoro (BO) Fratta Terme - comparto attuativo CA 15 Relazione idraulica per il dimensionamento del sistema di smaltimento delle acque meteoriche, reflue e degli invasi di laminazione Luglio,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA

PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI DERUTA REALIZZAZIONE DI UN IMMISSIONE DI ACQUE CHIARE NEL FOSSO DEI GUASTRI IN LOC. SANT'ANGELO DI CELLE COMMITTENTE: NOVATECNO S.r.l. INTEGRAZIONE DOCUMENTALE - Prot. N.

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi:

Per garantire l invarianza idraulica si è tenuto conto dei seguenti elementi: 1 Premessa Il comparto rientra nell ambito degli accordi con i privati di cui all art. 18 della L.R. n. 20/2000 contrassegnato col n. 16 Lido di Classe Nord Sud, ed è soggetto a PUA generale. E costituito

Dettagli

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa:

La superficie complessiva di deflusso delle acque piovane da smaltire nel sottosuolo risulta di 460 mq ed è così suddivisa: 1. Premesse La seguente relazione idraulica è redatta allo scopo di indicare le modalità di raccolta, deflusso e smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento del nuovo tratto di pista ciclopedonale

Dettagli

Relazione di verifica idraulica Pag. 1

Relazione di verifica idraulica Pag. 1 Sommario 1. PREMESSA... 2 1.1. Sottovia veicolare km 172+308... 2 1.2. Sotttopasso pedonale km 169+423... 2 2. IDROGEOLOGIA... 2 3. VALUTAZIONE DEGLI APPORTI METEORICI... 4 4. METODOLOGIA DI CALCOLO...

Dettagli

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo

Comune di Castenaso. Provincia di Bologna. Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Comune di Castenaso Provincia di Bologna Piano Urbanistico Attuativo per l'attuazione del Comparto ANS C2.2 Castenaso Est sito nel capoluogo Indirizzo: Via dei Mille RELAZIONE IDRAULICA Federici Saverio

Dettagli

DOCUMENTO ISTRUTTORIO

DOCUMENTO ISTRUTTORIO DOCUMENTO ISTRUTTORIO OGGETTO: DISCIPLINARE TECNICO, PARTE IV SEZ 1, ART. 4 AUTORIZZAZIONE DEL PROGETTO DEL PIANO D AMBITO DEFINITIVO: Nuovo collettore di costa per raccolta sfiori rete fognaria e relativi

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE REALIZZAZIONE STRADA DI COLLEGAMENTO TRA VIA PIOVOLA E LO SVINCOLO "EMPOLI EST" DELLA S.G.C. FI-PI-LI PROGETTO DEFINITIVO COMMITTENTE COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE IDROLOGICA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST

COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST COMUNE DI PISTOIA (PROVINCIA DI PISTOIA) PIANO ATTUATIVO AT9/TU 3 AREA SUD-EST Studio di inserimento viabilistico nel quadrante Sud-Ovest della città, tra la tangenziale e la linea ferroviaria Firenze

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE INTERVENTI SUL TERRITORIO E QUALITA URBANA U.O. PROGETTAZIONE e DIREZIONE LAVORI Oggetto: RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE AREA ARTIGIANALE LE MORELLINE

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO

COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO COMUNE DI CITERNA PROVINCIA DI PERUGIA COMMITTENTE LUDOVICI VALENTINO - LUDOVICI PAOLO - CERBONI VITTORIO - CERBONI SILVANO CERBONI GIUSEPPE - PULETTI CLOTILDE - GAUDENZI ALFREDO PROGETTO PIANO ATTUATIVO

Dettagli

Impianti di distribuzione dell acqua

Impianti di distribuzione dell acqua Allacciamento ad acquedotto pubblico Allacciamento ad acquedotto pubblico (Particolare) Sezione tipica di un serbatoio sopraelevato per l accumulo di acqua industriale ed antincendio Vasca interrata per

Dettagli

1 PREMESSA... 3 2 ANALISI IDROLOGICA... 3 2.1 ANALISI PLUVIOMETRICA METODO DELLA REGIONALIZZAZIONE... 3 2.2 CURVA DI PIOGGIA DI PROGETTO...

1 PREMESSA... 3 2 ANALISI IDROLOGICA... 3 2.1 ANALISI PLUVIOMETRICA METODO DELLA REGIONALIZZAZIONE... 3 2.2 CURVA DI PIOGGIA DI PROGETTO... INDICE 1 PREMESSA... 3 2 ANALISI IDROLOGICA... 3 2.1 ANALISI PLUVIOMETRICA METODO DELLA REGIONALIZZAZIONE... 3 2.2 CURVA DI PIOGGIA DI PROGETTO... 4 3 FOGNATURA BIANCA ESISTENTE... 6 4 FOGNATURA BIANCA

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge)

Relazione tecnica. Cooperativa Edilizia S. Stefano del Ponte Piazza S. Stefano del Ponte, 8 16039 Sestri Levante (Ge) Dott. Ing. Stefano Papini Viale Dante, 97/3 Sestri Levante (Ge) Tel. : 0185 459513, Fax : 010 9301050 E-mail: Stefano_Papini@libero.it Relazione tecnica Committente Cooperativa Edilizia S. Stefano del

Dettagli

INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA...

INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA... INDICE 1.1 DESCRIZIONE DEI RECAPITI FINALI DELLE FOGNATURE INTERNE 2 1.2 DESCRIZIONE DELLE RETI DI FOGNATURE A SERVIZIO DELL'AREA... 3 1.3 DIMENSIONAMENTO DELLA RETE FOGNARIA NERA... 4 1.4 DIMENSIONAMENTO

Dettagli

1 Premesse generali... 2. 2 Quadro normativo di riferimento... 3. 3 Inquadramento stato idraulico... 3. 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO...

1 Premesse generali... 2. 2 Quadro normativo di riferimento... 3. 3 Inquadramento stato idraulico... 3. 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO... Sommario 1 Premesse generali... 2 2 Quadro normativo di riferimento... 3 3 Inquadramento stato idraulico... 3 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO... 4 3.2 Sezioni stradali in TRINCEA... 5 3.3 Caratteristiche

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA PROGETTO ADEGUAMENTO DELLO SCARICO DI EMERGENZA PER IL SOLLEVAMENTO FOGNARIO VILLA LUCCHI NUOVO PROLUNGAMENTO SCARICO A LAGO ESISTENTE RELAZIONE TECNICA

Dettagli

COMUNE DI NOLE (Capofila)

COMUNE DI NOLE (Capofila) COMUNE DI NOLE (Capofila) Provincia di Torino INTEGRZIONE CONNESSIONE CICLOPEDONLE LUNGO L FSCI FLUVILE STUDIO IDROLOGICO IDRULICO TRTTO DI CUNETT STRDLE INTUBT IN COMUNE DI CIRIE FRZIONE VSTLL * * * *

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA ARCH. MATTEO CUPPOLETTI Calle Scopici c.n. 122, CHIOGGIA (VE) tel. 041/405368 fax. 041/5509637 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Il sottoscritto Arch. Matteo Cuppoletti, nato a Roma il 06.12.1956, iscritto

Dettagli

RIFACIMENTO DELLA FOGNATURA METEORICA DI COLLEGAMENTO CON IL FOSSO DOGAIA. RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IDRAULICA

RIFACIMENTO DELLA FOGNATURA METEORICA DI COLLEGAMENTO CON IL FOSSO DOGAIA. RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IDRAULICA STUDIO TECNICO via Charta 77 n.10 50018 Scandicci (FI) tel. 055-7310853 fax. 055-7310716 RIFACIMENTO DELLA FOGNATURA METEORICA DI COLLEGAMENTO CON IL FOSSO DOGAIA. RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA IDRAULICA

Dettagli

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata

Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata CALCOLO IDRAULICO Il calcolo idraulico deve dimostrare che la tubazione è in grado di smaltire la portata d acqua prevista. Nello specifico il calcolo riguarda la progettazione della sezione della tubazione

Dettagli

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate

Richiedente: Domanda di autorizzazione allo scarico P. di di acque reflue urbane non depurate Alla PROVINCIA di COMO SETTORE ECOLOGIA E AMBIENTE SERVIZIO ACQUE via Borgovico, 148 22100 COMO Il/La sottoscritto /a C.F. in qualità di (*) del Comune di / del Consorzio / della Società nato/a a prov.

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

COMMITTENTE ELABORATO N. RENDER PROGETTISTA COORDINATORE. arch. Antonio Rossi PROGETTISTA ARCHITETTONICO. arch. Antonio Rossi COLLABORATORE

COMMITTENTE ELABORATO N. RENDER PROGETTISTA COORDINATORE. arch. Antonio Rossi PROGETTISTA ARCHITETTONICO. arch. Antonio Rossi COLLABORATORE P I E T R O B O N & R O S S I E N G I N E E R I N G S I N E R G O P R O G E T T I piazza della serenissima, 20-31033 castelfranco veneto (tv) tel. 0423/49.49.55/72.46.83 - fax 0423/72.09.66 www.sinergoprogetti.it

Dettagli

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7

SOMMARIO. 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6. 4.2 Coefficiente di deflusso...7. 4.2.1 Tempo di corrivazione...7 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 3 3. PROGETTO URBANISTICO... 4 4. STUDIO IDROLOGICO... 6 4.1 Curve di possibilità pluviometrica...6 4.2 Coefficiente di deflusso...7 4.2.1 Tempo

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI

PROGETTO DEFINITIVO CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO STUDIO INGEGNERI ASSOCIATI DI PANDOLFI ADALBERTO E PANDOLFI LUCA FORMATO A4 SCALA ----- PROGETTISTI ACCORDO DI PROGRAMMA TRA I COMUNI CASTELLEONE DI SUASA CORINALDO REGIONE MARCHE PROVINCIA DI ANCONA AMPLIAMENTO DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DI C O R I N A LD O PROGETTO DEFINITIVO N. ELAB. TITOLO

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3 4.1 Fognatura nera... 3 4.2 Sistema di raccolta acque meteoriche aree pubbliche...

Dettagli

PIANO ATTUATIVO ATR10

PIANO ATTUATIVO ATR10 STUDIO DI INGEGNERIA CIVILE-IDRAULICA Dott. Ing. Michele Giorgio Via Stelvio, 2 24125 Bergamo Tel 035-402214 Fax 035-402214 P. IVA 02685550168 C.F.: GRG MHL 71D15 A794F e-mail: michele.giorgio@sfera.biz

Dettagli

C1202. Riferimento commessa: luglio 2013. prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica

C1202. Riferimento commessa: luglio 2013. prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650/60 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it www.citrasrl.it Riferimento commessa: C1202 luglio 2013 REV prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico

Dettagli

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori

Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Progetto di Consolidamento del Corpo di frana a Monte dell Abitato di Borgata Progettazione e Direzione Lavori Profilo geologico Le tipologie di intervento previste consistono in :! Potenziamento delle

Dettagli

SERVIZIO DI MISURAZIONE E RICERCA DELLE PORTATE DELLE ACQUE PARASSITE CHE INAPPROPRIATAMENTE RECAPITANO NELLE RETI FOGNARIE

SERVIZIO DI MISURAZIONE E RICERCA DELLE PORTATE DELLE ACQUE PARASSITE CHE INAPPROPRIATAMENTE RECAPITANO NELLE RETI FOGNARIE SERVIZIO DI MISURAZIONE E RICERCA DELLE PORTATE DELLE ACQUE PARASSITE CHE INAPPROPRIATAMENTE RECAPITANO NELLE RETI FOGNARIE Con il patrocinio di PROBLEMATICHE DA RISOLVERE Il depuratore Burida è dimensionato

Dettagli

Comune di Sestri Levante (GE) Area di San Bartolomeo. Analisi del rischio idraulico

Comune di Sestri Levante (GE) Area di San Bartolomeo. Analisi del rischio idraulico Area di San Bartolomeo Analisi del rischio idraulico Genova, 10 gennaio 2014 SF 766 rev. 00 STUDIOELB INGEGNERI ASSOCIATI Ing. Ernesto La Barbera - Ing. Riccardo Giammarini - Ing. Andrea Deprati Ing. Simona

Dettagli

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA

ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2011/2012 ESEMPIO DI DIMENSIONAMENTO DI UNA RETE DI FOGNATURA (Appunti tratti dalla lezione del 14/05/2012, non rivisti dal docente) 1 Esempio di dimensionamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche

RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche RELAZIONE TECNICA rete fognaria acque bianche Premessa L ambito d intervento del P.P.I.P riguarda un area a destinazione residenziale (d ora in poi denominata bacino) di 3.440 m², così suddivisa: PLANIMETRIA

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

AdF Aeroporto di Firenze SpA. Marco Carrai Vittorio Fanti. Vittorio Fanti. Marco Gialletti. Veronica I. d Arienzo Veronica I. d Arienzo Luca Ermini

AdF Aeroporto di Firenze SpA. Marco Carrai Vittorio Fanti. Vittorio Fanti. Marco Gialletti. Veronica I. d Arienzo Veronica I. d Arienzo Luca Ermini COMMITTENTE Presidente Amministratore Delegato Direttore Operation & Accountable Manager Direttore Amministrazione Finanza Controllo ed Investor Relator Responsabile Progettazione e Sviluppo Infrastrutture

Dettagli

R.2.3 Relazione tecnica idraulica

R.2.3 Relazione tecnica idraulica Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.3 Relazione tecnica idraulica Rovato, novembre

Dettagli

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014

Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 Metodi di controllo dell impatto ambientale delle reti fognarie Bologna 24/10/2014 OPERE DI GESTIONE E CONTROLLO DEGLI SCARICHI: INTERVENTI LOCALIZZATI Carlo Ciaponi Dipartimento di Ingegneria Civile e

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO Provincia di Bologna Proprietà Attuatore COOP. COSTRUZIONISoc.Coop. Via F. Zanardi, 372 40131 Bologna PIANO PARTICOLAREGGIATO PER L ATTUAZIONE DEL COMPARTO C2-13 in conformità all Accordo ex art. 18 L.R.

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI

PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI COMUNE DI VIBO VALENTIA (VV) PROGETTO GENERALE PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNANTE E DELLA RACCOLTA DELLE ACQUE BIANCHE DI VIBO VALENTIA CAPOLUOGO E FRAZIONI PROGETTO ESECUTIVO Storia del progetto

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

RELAZIONE SMALTIMENTO ACQUE

RELAZIONE SMALTIMENTO ACQUE Parrocchia di San Nicolò a Trebbia *** Cooperativa Abitazione Santa Marta Proprietà Indivisa Società Cooperativa PIANO ATTUATIVO per Intervento di Nuova Costruzione sito in via Alicata, Rottofreno (PC)

Dettagli

INDICE. 3.1.1.1 Descrizione degli elementi comuni... 12 3.1.1.2 Sezioni in rettifilo... 14 3.1.1.3 Sezione in curva... 15

INDICE. 3.1.1.1 Descrizione degli elementi comuni... 12 3.1.1.2 Sezioni in rettifilo... 14 3.1.1.3 Sezione in curva... 15 INDICE 1. PREMESSE... 4 2. INQUADRAMENTO GENERALE... 7 2.1 Opere idrauliche in progetto... 7 2.2 Riferimenti normativi... 7 2.3 Acque di prima pioggia... 8 3. DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE... 11

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO

ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO ACCORDO DI PROGRAMMA 8 OTTOBRE 2005 INTERVENTI DI SMANTELLAMENTO, DEMOLIZIONE, BONIFICA E INFRASTRUTTURAZIONE DELLE AREE DI CORNIGLIANO OGGETTO: STRADA DI COLLEGAMENTO ALL ACCESSO EST DELLO STABILIMENTO

Dettagli

COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE

COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE Ing. Robe rto M ag na gh i Ing. A lessandro M agnaghi P.i.e. Paolo Epistolio COMUNE DI SCHIGNANO Provincia di Como ADEGUAMENTO DELLE RETI FOGNARIE COMUNALI E DELL INTERCONNESSIONE CON QUELLA CONSORTILE

Dettagli

1 - Generalità. 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA

1 - Generalità. 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali RELAZIONE IDROLOGICA ED IDRAULICA INDICE 1 - Generalità 2 2 Sistemi di drenaggio delle acque superficiali 2 3 Delimitazione delle aree scolanti 4 4. Stima delle portate 6 4.1 Modello di trasformazione afflussi-deflussi 10 5. Idrogrammi

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE

FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE FOGNA BIANCA RELAZIONE DI CALCOLO I TRATTO PENDENZA 2 PER MILLE La rete fognaria in oggetto è costituita da 5 picchetti e da 4 tratti. Legge di probabilità pluviometrica La legge di probabilità pluviometrica

Dettagli

1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2

1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2 INDICE 1. INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------2 2. INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO------------------------------------------------3 3. LE INTERFERENZE----------------------------------------------------------------------------6

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9

INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO DELL AREA SECONDO IL PTCP... 3 3 GESTIONE DELLE ACQUE DI SCARICO... 9 3.1 RETE DI ACQUE METEORICHE E LAMINAZIONE... 9 3.2 TRATTAMENTO ACQUE DI PRIMA PIOGGIA... 11

Dettagli

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato

Lotti & Partners Studio Tecnico Associato P.IVAc.F 02095600397 / +390544404262 +393393051205 RELAZIONE TECNICA La presente domanda di Permesso di Costruire ha per oggetto l esecuzione delle Opere di Urbanizzazione in attuazione del Piano Particolareggiato

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli

RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO. Maurizio Brown, Fabio Marelli RUOLO DELLE FOGNATURE E CAMBIAMENTO CLIMATICO Maurizio Brown, Fabio Marelli SOMMARIO pag.03 pag.07 pag,11 pag.16 pag.21 Rete idrometrica e pluviometrica Analisi delle piogge e cambiamenti climatici La

Dettagli

AREA TECNICA SETTORE IMPIANTI DI DEPURAZIONE E RETI DI FOGNATURA RELAZIONE TECNICA ESPLICATIVA

AREA TECNICA SETTORE IMPIANTI DI DEPURAZIONE E RETI DI FOGNATURA RELAZIONE TECNICA ESPLICATIVA AREA TECNICA SETTORE IMPIANTI DI DEPURAZIONE E RETI DI FOGNATURA RELAZIONE TECNICA ESPLICATIVA SITUAZIONE DELLA RETE FOGNARIA IN COMUNE DI GUDO VISCONTI (MI). Ing. Davide Pirolo 1 RELAZIONE TECNICA ESPLICATIVA

Dettagli

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno Anno Accademico 2008 2009 CORSO DI SISTEMI IDRAULICI URBANI Ingegneria per l ambiente ed il territorio N.O. Prof. Ing. Goffredo La Loggia Esercitazione 1: Progetto di un acquedotto esterno e di un serbatoio

Dettagli

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E)

CUP: F83J02000020006 CIG: 63501727B4 (TRATTO A-B) CIG: 63501830CA (TRATTO B-C) CIG:635019068F (TRATTO D-E) Progetto ESECUTIVO per la realizzazione di fognature nere nell alveo del Torrente Carrione centro città ( tratto da area ex lavaggio di Vezzala al Ponte Via Cavour) Residui economie Lavori di Risanamento

Dettagli

ALLEGATO TECNICO S 1. Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda)

ALLEGATO TECNICO S 1. Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda) ALLEGATO TECNICO S 1 Reflui scaricati tramite il terminale n totale di scarichi n (come da elaborato grafico allegato alla domanda) Coordinate geografiche Gauss Boaga 2 (in metri) del punt di recapito

Dettagli

COMUNE DI MONDOLFO. PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE DEL SUBCOMPARTO PP1a IN LOCALITA' MAROTTA.

COMUNE DI MONDOLFO. PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE DEL SUBCOMPARTO PP1a IN LOCALITA' MAROTTA. E COMUNE DI MONDOLFO PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE DEL SUBCOMPARTO PP1a IN LOCALITA' MAROTTA. PROGETTISTI: Architetti MAZZANTI & VITALI studio associato in via strada di mezzo n. 47-61032 Fano /via Respighi

Dettagli