TUTTO LIQUEFATTO COSÌ, IN QUESTO TEMPO DILUITO E MUTEVOLE CHE È IL PRESENTE (speculazioni sul Progetto "El

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TUTTO LIQUEFATTO COSÌ, IN QUESTO TEMPO DILUITO E MUTEVOLE CHE È IL PRESENTE (speculazioni sul Progetto "El"

Transcript

1 TUTTO LIQUEFATTO COSÌ, IN QUESTO TEMPO DILUITO E MUTEVOLE CHE È IL PRESENTE (speculazioni sul Progetto "El Orologista" di Ray Smith) esistono trappole in cui il tempo s'inciampa e cade. Jose Lezama Lima Trattati a L'Avana NOTA ESPLICATIVA: queste derive della scrittura sono come tutte le speculazioni un dire che si espande nella fuga in una spirale che le dissolve PRIMA DERIVA: Da tempi immemorabili, o forse dovrei dire da tempi primordiali, alcune delle preoccupazioni più comuni, fondamentali e fondanti dell'uomo occidentale girano, vagano e ruotano ciclicamente, quasi sempre, prima o poi, intorno "all'idea della sua trascendenza", ossia intorno "all'idea della sua Impronta". Sia in quanto trascendenza biologica, ovvero di animale inteso come specie, famigliare e genealogica, sia in quanto trascendenza economica o finanziaria, tradotta in beni materiali, beni primari che nell'universo borsistico e commerciale prendono il nome di capitale fisso, sia in quanto trascendenza esistenziale, ovvero psicologica, emotiva, spirituale e intellettuale. D'altro canto, per tracciare la rotondità di un cerchio primario, o di una mappa iniziatica che chiarisca queste diatribe, potremmo stabilire come inizio del

2 dialogo quella certezza che le analisi psicosociali propongono come verità, ovvero che l'uomo occidentale assuma la consapevolezza del suo essere adulto per la prima volta nell'adolescenza o nella prima giovinezza, quando definisce la propria sessualità e le prime vocazioni, e poi nella maturità, quando adegua la sua visione reale dell'universo; tra le altre cose, perché si impossessa del suo destino, definisce fino a che punto, dove, in che cosa e come vuole trascendere, per lasciare un'impronta che descriva, illustri o tracci un nome, un'identità, un lascito. In altre parole, da questo punto di vista, siamo ciò che di noi gli altri ricordano, ciò che di noi si ricorda. Infatti, se dovessimo lavorare sull'eventuale ricostruzione di ciascuno di noi, di quello che siamo, su un piano davvero sviscerante, come archeologi di noi stessi, i primi barlumi di ciò che si scorgerebbe come realtà nelle nostre mani sarebbero vestigia direttamente correlate a ciò che Heidegger descriveva come "l'ontico", avvinghiato alla nostra sessualità, alla nostra razza e alla nostra lingua; a questo si aggiungerebbe il nostro status sociale, l'ideologia, l'etica, o la ricchezza culturale, in modo da costruire la nostra identità, circoscritta in uno spazio temporale nel quale il sociale edifica - forse, se glielo permettiamo - un archetipo, una struttura claustrofobica alla quale, in quanto esseri umani, restiamo legati. O a ciò che filosoficamente conosciamo come "l'ontologico".

3 La cosa curiosa è che (è dimostrato) nelle pieghe della realtà in cui l'uomo occidentale attualmente si muove o si sposta, i bilanci strutturali che sostenevano o trattenevano - non esistono parole migliori - un concetto così presumibilmente solido come il soggetto monolitico costruito da un'identità indissolubile "svaniscono nell'aria" (come direbbe Marshall Berman nel suo saggio profondo e lucido sulla Modernità Ideale dell'occidente, ispirato alla celebre frase di Marx); giorno dopo giorno, questa "identità" si manifesta come elemento o fenomeno flessibile, in uno stato perenne e processuale di formazione/confronto, condizionato da aspetti relazionali della nostra vita, che formano un diagramma di reti interminabili di oscillazioni costanti. In un universo in cui primeggiano i media e la globalità, al punto da ridefinire e demarcare le geografie e le cartografie mentali con le quali operiamo, a seconda del grado di sofisticazione delle informazioni con cui affrontiamo la gestione della nostra vita, o con cui dosiamo e/o saturiamo la nostra paulatina "educazione sentimentale" [Stendhal in my ment], ci ridimensioniamo verso nuove latitudini dove, forse, la realtà non deve necessariamente essere "reale" ma tende piuttosto ad essere immaginaria. A questo punto, vale la pena chiedersi: è il ricordo che di noi hanno gli Altri ad autenticarci per quello che siamo o è ciò vediamo riflesso nello specchio traditore delle nostre azioni che disegna la nostra vera natura? SECONDA DERIVA:

4 Nel pieno processo di riordino della sua vita adulta, dopo gli eventi apocalittici dell'11 settembre a New York, città dove vive e lavora da oltre due decenni, l'artista texano-messicano Ray Smith Yturria, dopo il crollo definitivo di tutte le utopie dell'occidente 1, con l'instaurazione dittatoriale e inevitabile di questa nuova "Era del Terrore", ha tracciato una linea di continuità ideale ed estetica girevole che aveva cominciato a sviluppare negli anni 1997/1999 con la sua famosa e fortunata serie POP VOX 2, nella quale Smith cominciava a preoccuparsi di materializzare visivamente dall'esterno - come pensava Foucault - (oggettuale, paesaggistico, feticista e simbolico del significato di Potere e/o di Status, di mainstream, dei suoi segni e delle sue icone), "possibili ritratti frammentari" dell'ipocrita società borghese in cui i cittadini occidentali in genere si muovono. Nasce così la sua serie EMPIRE 3, un proseguimento evolutivo che radicalizza quanto iniziato con POP VOX. Sebbene in POP VOX, Ray si sia dedicato, in modo forse apologetico ma allo stesso tempo critico, a tergiversare (per così dire) sui formalismi definiti per "identificare" il ritmo 1 Da questa prospettiva, non senza argomenti disfattisti e non per piacere, è dimostrabile che è la CADUTA, e non la ricostruzione, ad aver inconfutabilmente sempre caratterizzato o riportato alla luce (dalle macerie) la natura evidente delle ambizioni umane del nostro tempo; citiamo due eventi significativi della storia occidentale moderna: la caduta del Muro di Berlino e la caduta delle Torri Gemelle del World Trade Center... 2 Serie per la quale esiste una pubblicazione quasi integrale delle opere che la compongono, su un catalogo del 1999 della mostra con lo stesso titolo tenutasi presso la galleria Ramis Barquet di New York; alcune delle opere non pubblicate sul catalogo sono riprodotte nella monografia su Ray Smith, pubblicata da Ediciones Polígrafa, Barcellona, Spagna, Come POP VOX, questa serie è rappresentata su una pubblicazione, frutto di una personale dell'artista presso la galleria Ramis Barquet dal titolo Ray Smith: Wheels & Longarms, tenutasi a Chelsea e New York, nella quale compare la maggior parte delle opere, tra cui sottolineiamo: Regatta, Unguernica, e Ghost (del 2003) e la suite dedicata ai Ferraris: Omologatto ( ), 340 México e 342 América, entrambe del 2003.

5 classico (o meglio, neoclassico) della vita imborghesita del nord del Messico e nel sud [texano] degli Stati uniti, rifugiandosi a tale scopo nella ricreazione di prototipi antiquati di modelli di vita dei possidenti e proprietari terrieri texanomessicani, in EMPIRE, il suo sguardo è rivolto verso la metropoli, la città cosmopolita che lo ha adottato, l'universalista New York City, trasformando le osservazioni che, proprio sul suo status di teatralità, la città propone in quanto teatro globale del mondo attuale. Per essere ancora più precisi, più che New York, il "tema" della sua nuova opera (di ormai quasi sette anni fa) si approssima a ciò che, a New York, diventa latente come segno e rappresentazione teatrale del Potere stesso, attraverso lo spiegamento mediatico dei mass media, tra cui la stampa, le riviste di moda, le pubblicazioni specializzate di varie nicchie commerciali, la TV o il mondo promiscuo e osceno delle notizie e della politica. In questo caso, Ray ha concentrato la sua analisi creativa sulla scoperta di ciò che di "reale" c'è nell'immaginario del Potere, ovvero quanto di poderoso c'è nel "possesso". Possesso materiale o simbolico del Potere, attraverso gli oggetti più rappresentativi, i simboli più degni o gli emblemi, le bandiere e i feticci più reconditi. Come se ci si chiedessimo apertamente: perché vale la pena tenerceli? In questo modo è entrato a far parte della sua referenzialità artistica più comune ciò che ci viene venduto come simbolo statutario dell'esistenza del Potere.

6 Elenchiamo alcuni elementi: auto di lusso, ampi e splendidi giardini, portaerei potenti e minacciose, scaffali infiniti di armadi porta-fucili; come se ci mostrasse che, per via di un certo fondamentalismo insensato, crediamo che tutto ciò che ci conforta di tali iconografie ci impregna di un "potere improrogabile" che ci salva dalla nostra futura o imminente scomparsa, affrontando il pericolo della precarietà quotidiana. Tra questi oggetti significativi del suo Potere, Ray Smith ha trovato un altro oggetto che, al di là della sua rappresentazione monetaria, del suo valore di mercato e del suo impalpabile valore funzionale, ha un valore sentimentale, che meglio lo inserisce nella nostra vita. Parlo del Reloj de Pulsera (Orologio da polso). Ma prima di addentrarci nell'importanza e nella definizione del Progetto Rush Hour di Ray Smith (come egli stesso lo chiama), apriamo una parentesi. TERZA DERIVA: Per mantenere una certa coerenza discorsiva nella retorica proposta da questo testo, dobbiamo soffermarci sull'analisi e spiegare che tra POP VOX ed EMPIRE esiste un gruppo di opere - che capricciosamente definiamo "trampolino" - nelle quali l'artista ha sperimentato

7 un cambiamento formale e concettuale piuttosto brusco, che sia egli stesso sia noi abbiamo intitolato La Casa de Hielo 4. Opere nelle quali Ray iniziava già con fervido interesse un cammino di esplorazione sulle relazioni tra la Pittura classica, moderna e post-moderna e i nuovi mezzi di rappresentazione della Realtà. Ovvero: i Nuovi Mezzi Tecnologici, in particolare la fotografia, la grafica digitale e tutti i sistemi computerizzati che esistono per ricreare la Realtà. Tra queste opere premonitrici cito Riple e Concepción (del 2000) e le opere che compongono l'impianto pittorico che dà il titolo alla serie: La Casa de Hielo (del 2001); l'artista ha trovato una riuscita scorciatoia di "manierismi" (che i formalisti definiscono maestrie concettuali sullo "stato attuale della Pittura contemporanea") per sovvertire il territorio paesaggistico della Realtà, alterandolo attraverso "applicazioni digitali" che ne deformano la natura solida, per "disintegrarne l'integrità" verso uno stato molto più soggettivo, uno stato puramente visivo, puramente pittorico, una sorta di omaggio recondito agli insegnamenti pittorici del movimento velazquiano di un gesto pittorico neo-barocco, che gode del piacere di dipingere e di essere dipinto. 5 Come se la scoperta di queste nuove forme di rappresentazione digitale della Realtà apportasse alla sua Pittura una vitalità che inietta una boccata di 4 Anche per questa serie esiste una straordinaria pubblicazione del 2001 della galleria Joan Prats di Barcellona, risultato di una personale dell'artista dallo stesso titolo; anche in questo caso le opere non pubblicate sul catalogo sono state per lo più documentate nella monografia di cui sopra. 5 Una linea di ricerca estetica che stabilisce un "ponte tra la Pittura e i Nuovi Media", che lo collega in anticipo con altri artisti, vicini alla sua generazione, che hanno spostato la loro attenzione verso il supporto digitale come un "punto di partenza referenziale" della loro Pittura attuale; penso, ad esempio, ad artisti come David Salle e Albert Oehlen.

8 giovinezza, un frettoloso "aggiornamento", deformante della Realtà, perché quest'ultima, nella realtà televisiva [Post-Matrix] che viviamo quotidianamente nel XXI secolo, non esiste più come esisteva prima, o per lo meno non è più "rappresentata per come è", ma... attraverso sotterfugi che la diluiscono, la sfocano, la tramutano in "realtà ri-presentata" (realtà rimessa davanti agli occhi di chi guarda), pura adrenalina voyeuristica di chi fa teatro di sé stesso, affinché la sua teatralità venga assimilata come falsità, come continuum simulacrum. E lì, nella sua infinita messa in scena, trova una nuova natura linguistica dell'atto stesso di avvalersene come Arte. Segno seduttore di decadente genesi seducente, che inganna l'occhio. QUARTA DERIVA: Appresa la lezione, Ray Smith, ritorna a ciò che maggiormente lo riguarda da quando si è dedicato alla produzione di oggetti visivi: le narrazioni del Soggetto. E come ritorna al Soggetto? Come abbiamo detto, attraverso il suo oggetto più caro, quello che marca, indica, segna e instaura il suo "tempo vitale". Riprendiamo un aneddoto di cui abbiamo già scritto:

9 In uno dei frequenti incontri eterodossi nel suo studio di Brooklyn, un amico astrofisico che lavora per la NASA, cominciò a raccontare a Ray il funzionamento di un programma informatico con il quale misuravano lo spazio e la distanza che separa la Terra dal resto dei "corpi celesti", attraverso un sistema altamente specializzato, basato essenzialmente sull'uso del tempo di emissione e ricezione di segnali specifici... il risultato è una "geometrizzazione del tempo", o qualcosa del genere; dopo il racconto, Ray chiese al suo amico se con lo stesso programma si potesse riconfigurare la morfologia esterna di alcuni oggetti, se ciò che veniva misurato (... ) fosse la relazione temporale che ciascun oggetto ha con le persone che ne erano e/o sono proprietari, e viceversa. Di fronte a questa domanda, l'amico disse che ci avrebbe provato ma che non ci vedeva nulla di scientifico. Ray rispose che in effetti non c'è nulla di scientifico, che si tratta di una chimera: "rappresentare il tempo delle cose, in funzione della loro vita insieme a noi, o viceversa," significa poetizzare l'oggetto e il freddo programma informatico, inserendo in esso un "tempo soggettivo, il tempo di una relazione". Significa creare Ritratti oggettuali. 6 A partire da questo aneddoto, il Progetto Rush Hour si allontana quindi diametralmente dal suo predecessore EMPIRE. Introducendosi nell'universo materiale del Reloj de Pulsera (Orologio da polso), Ray chiedeva a molti dei suoi conoscenti di fargli fotografare i loro orologi e, al contempo, commentata con loro informazioni importanti o rilevanti per i proprietari: da quanto tempo avevano l orologio, dove e come lo avevano acquistato, aneddoti sul funzionamento, sulla robustezza, sprazzi di colore in alcune circostanze, ecc... Tutto questo è stato in qualche modo raccolto in una sorta di "registro" del "tempo vitale" che ognuno aveva sperimentato con il proprio orologio e di 6 Frammento del nostro testo: DEUX-MACHINE/IDEOLOGIA POETICA (Ray Smith e la pratica di una Pittura estroversa), pubblicato in Ob. Cit., Pagine:

10 conseguenza del "tempo vitale dell'intima relazione di Ray Smith con i proprietari." 7 Per questo, la relazione feticista predefinita come premessa critica a EMPIRE adesso è sconfitta dal "romanticismo idolatra dell'oggettoproprietario-artista". Una relazione in cui, nella maggior parte dei casi, prevale il fondamento sentimentale come "valore effettivo dell'oggetto" al di là, come si è detto, del suo valore di mercato. Come se in realtà Ray si comportasse davvero più come archeologo che come antropologo del suo tempo, stabilendo questo tipo di "registro emotivo" del soggetto con l'oggetto in questione, allontanandosi dalla vecchia attitudine nei confronti del gesto pittorico, perché, sebbene prima si distinguesse per l'avvicinarsi al gesto pittorico dall'analisi decostruttiva della "stessa Storia della Pittura, vincolandola alla sua vita quotidiana", adesso si divide "nella vita degli altri e nella vita degli oggetti degli altri", catturati e tergiversati, mutati dalla digitalizzazione contemporanea, da cui partire per articolare una nuova situazione simbolica che si manifesta come nuova poetica, avvicinandosi così al modello del sentire degli artisti classici, come se nella sua età adulta svelasse la magistralità del suo reinventarsi come un "Orologista" (un mastro artigiano dell'arte antica e millenaria dell'orologeria) che pronuncia dalle strategie endogamiche, fuorvianti per l'arte e i suoi sistemi di ri-presentazione 7 Ho personalmente assistito (e sono stato coinvolto) alle interviste realizzate dall'artista a coloro ai quali chiede di fotografare l'orologio. Ho inoltre osservato una parte del laborioso processo di ottenimento dei bozzetti digitali di alcune di queste opere e le molte variazioni quantiche che il programma in questione consente. Possibilità che gli hanno aperto opzioni formali per considerare il progetto da diverse sfumature di mezzi, grafici e pittorici; grazie a questa libertà, la serie è composta da dipinti, acquerelli, stampe, foto digitali e impianti.

11 più comuni - la Pittura - e anche più attuali - i media digitali e le loro entropiche morfologie tubolari - la vera natura dell'essere umano. Giungo pertanto alla conclusione che l'unica cosa che vale la pena "iscrivere come testimonianza" (artistica e culturale), è il tempo che abbiamo vissuto, quel tempo di cui abbiamo goduto durante la nostra esistenza. Per essere più concreti, quell'esistenza, quella di Ray e la nostra, quella degli Altri rappresentati in queste opere, è strettamente segnata da una relazione personale con i soggetti che saranno o sono "ri-trattati" attraverso la ricreazione dei loro "oggetti temporanei", dei loro oggetti-specchi-dell'animache-dettano-il-tempo". Se facessimo una banale indagine, rapida e superficiale, sui titoli di alcune delle opere che compongono questa serie o progetto creativo, troveremmo i nomi e i cognomi di molti dei cari che circondano, o che hanno circondato, la vita quotidiana di Ray Smith. Tra questi, il caro zio Fausto, il suo compagno di studi e l'amico artista che ammira molto, Rum Gorchov, l'amata moglie e fedele complice Marycruz, l'amico d'infanzia con il quale ancora conserva una forte convivenza, Alex López-Negrete, alcuni dei suoi più vicini colleghi dell'universo professionale dell'arte, ad esempio i galleristi e/o dealer con cui ha lavorato o lavora attualmente come Ramis Barquet, Joan de Muga (Joan Prats Gallery & Polígrafa), Fernando Santos, Luca Marenzi, Emilio Almagro (Galería Sandunga), un gruppo selezionato di collezionisti che hanno superato il "freddo nexus della compravendita" per diventare amichevoli

12 mecenati, scommettitori sicuri sulle opere di Ray, come José Luis Tranche, Lilly Escarpeta, Sergio Berger, Solita e Steven Mishan, nonché artisti con i quali ha condiviso in varie occasioni studio, gallerie o spazi espositivi come Rafael Vargas Suárez, Aga Osinov, Sant Clair Cemin oppure critici, curatori e/o pensatori con i quali ha collaborato durante la sua carriera, come Francesco Pellizi, Remo Guidieri, Omar-Pascual Castillo o Edward Leffingwell 8, tra i molti altri. Ma al termine di questo elenco, dobbiamo citare due opere fondamentali di questo insieme monumentale, quelle realizzate con gli orologi dei genitori: parlo di Angelus, l'orologio che suo padre regalò a sua madre, in uno dei tanti anniversari di matrimonio e di Padre Infinito (Infinity Father), il Rolex Empire che Ray Smith ha ereditato da suo padre. 9 Un manierismo referenziale che ha permesso a Ray di staccarsi dai puritanismi pragmatici dell arte attuale e dai suoi rigidi dogmi accademici, omaggiando così le persone con le quali convive, con le quali traccia la strada della sua impronta e viceversa. Al contempo, questo manierismo gli ha permesso di staccarsi, ancora una volta, dalla sua autorialità (da quell imbroglio del mercato moderno più borghese e reazionario) per 8 Parlando della rotondità risolutiva e dell effettiva discorsività di queste opere, potremmo aggiungere che un opera come Leffingwell, del 2005, è stata scelta come copertina della prestigiosa rivista RES della Harvard University, dedicata all arte e all antropologia; si tratta nello specifico del n. 48, dell autunno Devo dire, per giustizia storica, che alcune delle opere che qui cito non sono state completamente sviluppate da Ray. Come ho già detto, ho avuto l onore di poter partecipare al processo di creazione di talune di queste opere e in certi casi esse sono solo, almeno nel momento in cui scrivo il presente testo, bozzetti digitali. Ad ogni buon conto, per dirla tutta, questi bozzetti digitali, hanno già una solidità formale e concettuale di alto valore, al punto che Ray Smith ha potuto esporre 16 di queste opere in occasione della mostra Sin Miramiento Alguno celebrata in parallelo alla 9 Biennale de L Avana (Cuba), riscuotendo grande successo e unanime sorpresa. Altri esemplari di queste opere godono della grazia oggettualizzante della fotografia digitale o dell arte grafica e il risultato finale non è sempre l oggetto pittorico propriamente detto. Una nota a margine: i nomi e i cognomi riportati in corsivo corrispondono ai titoli reali con cui le opere sono state intitolate.

13 ricostruirsi (come farebbe un autore dell Actor s Studio) un nuovo marchio autoriale, questa volta carico di mistero, misticismo, scientificità e maestria. Si tratta della migliore rappresentazione visiva di molte delle tradizioni europee più leggendarie, il magistrale ufficio dell orologiaio ( Rush Hour ), il divenire della densità concettuale del pensiero post-strutturalista come nuovo razionalismo relativista fondante [Deleuze, Derrida, Foucault tutti reincarnati qui], e il perfezionismo manierista di taglio e/o il carisma meticoloso della tradizione pittorica spagnola [da Velázquez, Goya e Murillo fino a Dalí anche loro qui]. 10 Vanitas Tempo Imago Tempo pro Mortis. È come se in questa serie preziosista, Ray Smith si permettesse il lusso einsteiniano di rallentare e/o paralizzare il tempo dei suoi ospiti, congelandolo nel perenne stato contemplativo della pittura, come se dalla pittura inventasse un mausoleo simbolico della nostra temporalità, senza le nostre figurazioni più apprezzabili (quelle del ritratto fisiologicamente anatomico, dell aspetto umano riconoscibile, visibile come il nostro volto), ma con l essenza delle nostre anime in queste Vanitas Perfectas. Puro gioco metafisico. 10 Come dato storico e/o congiunturale, è curioso segnalare che Ray Smith ha sviluppato la maggior parte delle opere di questa serie o progetto creativo nel 2004, anno dell anniversario della nascita di Salvador Dalí, il maestro degli orologi molli. Queste opere, di ingannevole apparenza surreale e minuziosità iper-reale e preziosista, sono forse più in debito di tutte con la nozione irregolare e diluita della realtà del maestro della pittura spagnola moderna.

14 Questa volta non solo si reinventa, cosa a cui ha abituato quanti di noi osservano e godono della sua arte da anni, ma reinventa anche noi stessi, attraverso gli sprazzi dei suoi Orologi-Ritratti. Magnifica metafora pittorica di come vorremmo essere ricordati, o almeno così mi pare, a prima vista. Ma adesso... affrettiamoci, che il Tempo stringe. Forse è il momento di accettarlo, il nostro tempo cambia. Le stagioni e i fiori nascono, non si ripetono. Una misura del tempo adesso si ricrea. Nasce e nasce nella consapevolezza, lentamente la riconosciamo con la semplicità di un miracolo. Jose Lezama Lima Trattati a L'Avana Omar-Pascual Castillo Las Palmas de Gran Canarias, 2013.

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010

Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 Progetto Mappa CET Versione 1.0 del 08-12-2010 La capacità di godere richiede cultura, e la cultura equivale poi sempre alla capacità di godere. Thomas Mann 1 Oggetto Il progetto consiste nella creazione

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Tra scienza e letteratura. Un possibile incontro

Tra scienza e letteratura. Un possibile incontro Tra scienza e letteratura Un possibile incontro La Terra vista dalla Luna: un tema squisitamente scientifico? Tematica specifica presente in molti autori Aristofane, Luciano di Samosata, Cicerone, Dante,

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Su quali linee? Il dio socialdemocratico ci salverà?

Su quali linee? Il dio socialdemocratico ci salverà? Una rete socialista, nuova E urgentissimo un vero, non tattico, confronto programmatico. Nel e per il nuovo secolo, facendo nostra la geopolitica del mondo, quella del post G8: Cina, India, Brasile. Del

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Onroignoub! Lei. Come dice, scusi? Lui. Ouroignoub. Ah, mi perdoni. Buongiorno. Credevo che si fosse tutti d accordo a parlare

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Regolamento. Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 1) PREMESSA

Regolamento. Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 1) PREMESSA Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 Regolamento 1) PREMESSA Oltre le Mura di Roma è un concorso di fotografia dedicato alle periferie di Roma organizzato dai Global Shapers (www.globalshapersrome.org),

Dettagli

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli