Architettura dell Anchor Development Organization come modello di sviluppo integrato del territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architettura dell Anchor Development Organization come modello di sviluppo integrato del territorio"

Transcript

1 Architettura dell Anchor Development Organization come modello di sviluppo integrato del territorio BENEDETTO PUGLISI ALESSIA DI RAIMONDO Abstract Obiettivi del paper: Il presente lavoro introduce il concetto di Anchor Development Organization (ADO) quale soggetto e strumento per la valorizzazione e lo sviluppo integrato del territorio, rispondendo alla necessità di un approccio al destination development che favorisca l adozione di strategie integrate e condivise all interno della destinazione ad ogni livello. Metodologia: Verrà condotta un indagine empirica attraverso un analisi di benchmarking di casi studio di sistemi di offerta turistica, quali i distretti turistici, nel contesto nazionale, e le destination management organizations (DMOs) nel contesto turistico internazionale. Risultati: L indagine identificherà il modello ADO in preesistenti organizzazioni, illustrando il ruolo fondamentale che l ADO può rivestire per la governance di una destinazione turistica e per il meta-management territoriale, oltre che per le politiche di promo-commercializzazione del territorio. Limiti della ricerca: Verranno evidenziati limiti metodologici, che sacrificano la generalizzabilità dei risultati e la robustezza dell indagine, e limiti concettuali, imputabili all esigenza di un più ampio framework teorico. Altresì, verranno tracciate le linee per futuri lavori di ricerca sull argomento. Implicazioni pratiche: Il modello proposto potrà essere adottato per sviluppare un destination audit che le organizzazioni esistenti (quali le DMO) potranno utilizzare come strumento di benchmarking per la comparazione dei rispettivi modelli organizzativi e performance. Originalità del lavoro: Il contributo si pone come innovativo negli studi di destination management e destination governance grazie all applicazione del concetto di anchor firm al contesto turistico-territoriale. Parole chiave: destination management; governance; distretti turistici; benchmarking Docente di Marketing delle Imprese Turistiche e di Marketing Territoriale - Università degli Studi di Catania Dottorando di ricerca in Economia Aziendale, Università degli Studi di Catania sinergie, rivista di studi e ricerche n. 88, Maggio-Agosto 2012, pp ISSN

2 182 L ANCHOR DEVELOPMENT ORGANIZATION PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Purposes of the paper: The study aims to define a new destination governance model, the Anchor Development Organization (ADO), acting as a key tool for the governance, the metamanagement and marketing of a tourism destination. Thereby, the study aims to trace a first step to take part on the open discussion on a new multilevel and integrated approach to the destination development. Methodology: To validate empirically the conceptual model proposed, we conduct an investigation through multiple case studies among Destination Management Organizations (DMOs). Findings: The analysis will allow us to identify the new model conceptualized herein in existing organizational forms. Additionally, the investigation will demonstrate that the ADO acts as a catalyzer for the tourism development and success of destinations facilitating the cooperation among prominent stakeholders, attracting tourism demand and resources, providing efficiency to the destination organization. Research limits: Conceptual and empirical limitations of the study will be stressed. The reduced robustness of the empirical analysis and the constrained generalizability of the findings will be overcome through further studies on the topic. Practical implications: The ADO model proposed can be adopted by managers of existing destination organizations to perform a destination audit that can be adopted as a benchmarking tool to compare performances and organizational models. Originality of the study: The paper contributes theoretically to the literature on destination management and on destination governance. The novelty resides in the adoption of the anchor concept, belonging to the literature on industrial economics, in the destination management field. Key words: destination management; governance; DMO; benchmarking 1. Premessa L importanza della destinazione turistica come unità di analisi in ambito turistico-territoriale è largamente riconosciuta in letteratura. Gli studi sulle destinazioni turistiche, nel tentativo di interpretare le politiche di governo del territorio, hanno finora privilegiato una visione sistemica del fenomeno turistico. In questa prospettiva, si possono menzionare, fra gli altri, i contributi sui sistemi locali d offerta turistica (SLOT) (Dallari, 2004; Martini, 2005; Sciarelli, 2007) da cui ha tratto spunto l articolata normativa sui sistemi turistici locali (STL); e gli studi sui distretti turistici (Pencarelli e Forlani, 2002; Sainaghi, 2006). Tali studi, per quanto consolidati, sono privi di una prospettiva d analisi in chiave soggettiva. In un ambiente competitivo estremamente dinamico le destinazioni turistiche - community-type - devono continuamente riconcepire i pacchetti di offerta di prodotti e servizi turistici e le politiche strategiche di sviluppo. A tal scopo, le DMOs devono evolversi con un aggiornamento delle loro funzioni con riguardo alla natura multisfaccettata del fenomeno del destination development (Haugland et al., 2011) e della necessità di innovare continuamente le politiche e logiche di destination management al passo con l evoluzione della destinazione (Beritelli et al., 2009). L articolo, assumendo una prospettiva soggettiva e prendendo spunto dai contributi più recenti sull anchor organization (tra gli altri, Feldman, 2003; Konishi

3 BENEDETTO PUGLISI - ALESSIA DI RAIMONDO 183 e Sandfort, 2003; Wu, 2005), introduce un nuovo modello organizzativo, l Anchor Development Organization (d ora innanzi ADO). Questa nuova forma, come naturale evoluzione della consolidata DMO, è concepita dagli Autori 1 per rispondere alla richiesta di interpretazione del fenomeno del destination development, e del destination management, in chiave multipla (considerati i livelli individuoimpresa, inter-impresa e intra-destinazione, e inter-destinazione ), integrata, e condivisa da tutti gli attori chiave nella governance territoriale (Haugland et al., 2011). L ADO può rivestire un ruolo importante per la governance della destinazione e per il meta-management territoriale, oltre che per le politiche di promocommercializzazione del territorio 2, legittimata all esercizio di tali funzioni dal riconoscimento della sua funzione di anchoring 3. Questa realtà viene in questa sede studiata in relazione ai sistemi di offerta integrata di un territorio, quali i distretti turistici, nel contesto turistico nazionale, e le destination management organizations (d ora innanzi DMOs) nel contesto turistico internazionale. Accanto ad un argomentazione teorica, si offre una prospettiva empirica applicata all ADO, per riscontrare l applicabilità del modello di governance introdotto nel contesto turistico. Viene applicata una metodologia di indagine qualitativa strutturata su tre momenti di analisi: analisi desk, analisi field e analisi di benchmarking. In particolare, l analisi di benchmarking, che verrà applicata a casi studio tratti dall attività di un distretto turistico italiano e DMOs internazionali (il Distretto dei Laghi - Piemonte, la DMO di Manchester - Inghilterra, la DMO di Hamilton - Canada, la DMO di Orlando - USA), consente di validare empiricamente il modello Il concetto di Anchor Development Organization (ADO) è in particolare riconducibile alla personale elaborazione di Benedetto Puglisi. Il concetto di promo-commercializzazione si basa sull integrazione delle politiche promozionali e commerciali dei soggetti pubblici e privati che operano nel settore turistico locale. La promozione e la commercializzazione, strettamente connessi nella vita aziendale, nel turismo spesso fanno capo a due soggetti diversi: la promozione, in genere, è svolta dall ente pubblico, mentre la commercializzazione è di interesse/competenza esclusivamente privata. Senza un obiettivo comune e una strategia unitaria di promozione turistica si corre il rischio di generare numerose inefficienze e contrasti che depotenziano e, a volte, addirittura annullano l efficacia delle iniziative di comunicazione. L obiettivo diventa quindi quello di promuovere il territorio in modo unitario per venderne i servizi. Dalla personale rielaborazione di quanto esposto in letteratura sul tema (Lorenzoni e Baden-Fuller, 1994; Dagnino et al., 2012) la funzione di anchoring consiste nella triplice capacità di (i) attrarre nuovi investimenti e nuove imprese esterne alla destinazione-area geografica di riferimento; (ii) ricoprire un ruolo leader nella promozione di politiche di creazione di valore attraverso nuove infrastrutture, nuova imprenditorialità, o l adozione di nuove linee strategiche per lo sviluppo del territorio; (iii) creare un network di relazioni interne ed esterne alla destinazione (inter-impresa e inter-individuale, intra-destinazione, inter-destinatione).

4 184 L ANCHOR DEVELOPMENT ORGANIZATION PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO descrittivo illustrato in vista di successivi studi volti alla sua operazionalizzazione. Implicazioni manageriali legate all introduzione dell approccio ADO verranno descritte. 2. L Anchor Development Organization quale strumento di governance e meta-management del territorio 2.1 Le funzioni dell ADO nella destinazione turistica Il concetto di anchor firm è noto negli studi di economia industriale (Pashigian e Gould, 1998), di strategic management (Dagnino et al., 2012; Feldman, 2003, Lorenzoni e Baden-Fuller, 1994), di geografia economica (Wu, 2005). Muovendo dal concetto di anchor firm come forza agglomerante a livello territoriale (Feldman, 2003), e dal concetto di strategic center firm come partner nella creazione di valore, leader nella organizzazione di risorse e sviluppo delle capacità locali, e orchestratore del network per la definizione ed implementazione delle linee strategiche di sviluppo (Lorenzoni e Baden Fuller, 1994; Dhanarj e Parkhe, 2006), trasponiamo il concetto dell anchor dai tradizionali contesti industriale e territoriale, al contesto delle destinazioni turistiche. La tradizionale anchor organization (Feldman, 2003) viene nel presente studio identificata per la prima volta nell ambito del destination management, assumendo un ruolo chiave nello sviluppo turistico della destinazione di riferimento. Si parla, quindi, di anchor development organization e si ammette l esistenza di una molteplicità di funzioni ad essa attribuibili, specificazione della macro-funzione di anchoring esercitata da questo nuovo attore di destination governance. In chiave turistica, questa organizzazione può coincidere con uno o più soggetti, che tuttavia mai assumono ruoli univoci di responsabilità della gestione turistica della destinazione, com è indicato invece per le destination management organizations, o DMOs (Presenza et al., 2005; D Angella, 2008). Sono tre, in particolare, le funzioni esercitate dall ADO in una destinazione turistica: - Governance del territorio. L ADO è legittimato formalmente a esercitare un importante funzione di governance del territorio, assicurando il proprio contributo, mai esclusivo, alla gestione dei processi economici di una destinazione turistica. In tal senso, a differenza della DMO che ha invece una responsabilità esclusiva nelle attività di pianificazione e di sviluppo di prodotti e servizi turistici (Presenza et al., 2005; D Angella, 2008), l ADO, svolgendo il ruolo di orchestrator, promuove ed attiva modalità di gestione più condivisa della destinazione, con una filosofia di intervento ispirata alla collaborazione, alla partecipazione di tutti i soggetti e alla concertazione. I suoi processi decisionali sono normalmente di tipo inclusivo. - Meta-management della filiera. Considerata la sua natura aggregativa, l ADO esercita un importante funzione di meta-management delle filiere del vasto

5 BENEDETTO PUGLISI - ALESSIA DI RAIMONDO 185 comparto turistico: il settore congressuale, degli eventi aggregativi, artisticoculturale, naturalistico, etc. Nell esercizio di tale funzione, l ADO si differenzia ancora una volta dalla DMO. Quest ultima, infatti, esercita un ruolo di guida sovraordinata dell intera destinazione, integrando al proprio interno le attività delle filiere (Molteni e Sainaghi, 1996). L ADO, invece, pur mantenendo un ruolo di indirizzo e di coordinamento, non interferisce con le politiche gestionali dei singoli operatori economici e dei soggetti istituzionali, ma, combinando insieme territorio e ambiti di attività economica, concorre a definire le caratteristiche di una determinata destinazione turistica. - Indirizzo delle politiche di promo-commercializzazione della destinazione. Esiste infine un ultima funzione che l ADO esercita e che è quella di indirizzo. Non ci si riferisce a politiche di marketing management, la cui responsabilità rimane in capo agli operatori economici privati, quanto piuttosto ad attività di supporto alla comunicazione promozionale del territorio e alla commercializzazione di quest ultimo alla clientela (corporate, istituzionale o consumer). Nella prospettiva dell ADO, tuttavia, l esercizio di questa funzione non è prerogativa esclusiva di un unica organizzazione, ma può risultare condivisa fra più soggetti. L efficacia degli interventi dipende dalla condivisione di pochi obiettivi compatibili con l identità di un dato territorio (Caldwell e Freire, 2006). 2.2 L Anchor Development Organization e il modello delle 4 T L esame delle funzioni del meta-organizzatore trova origine negli studi di sociologia delle organizzazioni condotti negli anni Settanta del secolo scorso. Su tale fronte di studio, gli autori che più hanno contribuito a indagare tale attore rilevante sono principalmente tre: Mark Granovetter (1973), che ha enfatizzato l importanza dei legami deboli nei network (detti strength of weak ties), Leyman Freeman (1977), che ha sottolineato la mancanza di centralità nel network e, infine, Ron Burt (1980; 2000), il quale ha studiato l autonomia strutturale creata nei network complessi e ha asserito che il capitale sociale è funzione dell attività di connessione realizzata da un singolo attore sui nodi di una rete. Questo particolare attore, il meta-organizzatore, apporta sapere contestuale alla costruzione della rete poiché genera un contributo network specifico: infatti progetta le conoscenze e i contenuti del network in modo che siano utilizzate dagli attori della rete (Antonelli, 2009). Un esempio di meta-organizzazione è rappresentato dalle destination management organizations (DMOs), organismi pubblici che svolgono prevalentemente quattro funzioni: (i) formulare e pianificare strategie per la destinazione (Jamal e Getz, 1995); (ii) rappresentare gli interessi degli attori locali, e riunirli in un network di relazioni inter-individuali e intra-destinazione (Sheehan e Ritchie, 2005); (iii) organizzare eventi particolari, quali congressi o meeting di importanza rilevante locale, che necessitano del coordinamento di attività diverse, dalla definizione del calendario alla gestione logistica, dalla sistemazione alberghiera alla fornitura di cancelleria (Getz et al., 1998; Martini, 2005; Antonelli, 2009); (iiii) marketing e branding della destinazione (Blain et al., 2005).

6 186 L ANCHOR DEVELOPMENT ORGANIZATION PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Fino ad oggi a queste istituzioni si è riconosciuta la capacità di determinare lo sviluppo turistico di una destinazione, attraverso meccanismi di integrazione e coordinamento tra gli attori chiave nella filiera turistica e nella governance del territorio. Data la natura complessa e multisfaccettata del fenomeno del destination development (Haugland et al., 2011), perseguibile attraverso strategie in grado di generare valore per il territorio e conseguire un vantaggio competitivo sostenibile per la destinazione, si è manifestata la necessità di individuare una forma organizzativa più efficiente nel garantire maggior successo ed impatto sul territorio alle strategie di sviluppo pianificate. In particolare, si sono identificate tre aree chiave da includere in una nuova prospettiva di analisi ed intervento nello sviluppo della destinazione turistica: (i) maggior coesione e coinvolgimento tra gli stakeholder; (ii) capacità di elevare il potenziale di attrazione dei pacchetti di offerta di prodotti e servizi della destinazione, sulla base della dotazione di risorse e competenze locali; (iii) rafforzamento delle interconnessioni tra gli attori della filiera turistica intra- ed inter-destination (Haugland et al., 2011). A parere di chi scrive, il modello dell ADO da noi introdotto nel presente studio può rappresentare la forma organizzativa in grado di interpretare il fenomeno del destination development nella nuova prospettiva, attraverso lo sviluppo di azioni integrate, condivise e multi-livello ( individuo-impresa, inter-impresa e intradestinazione, e inter-destinazione ), volte a rendere l azione di destination management più efficiente nel generare valore per la destinazione. Nel caso dell ADO la funzione di meta-organizzatore per la governance della destinazione si sostanzia in particolare in quattro momenti rilevanti che sono fra loro complementari e che, per la loro lettera iniziale, vengono definiti le quattro T : - si tratta di una Territorial organization, ovvero di un organizzazione fortemente radicata nel territorio di riferimento; - che forma, organizza e gestisce un Total actor network; - con l obiettivo di essere un True attraction creator; - e quindi di poter fungere da Tourism traffic executor o catalyzer. Le quattro dimensioni del modello si analizzeranno adesso con maggior dettaglio. Territorial organization Con l espressione territorial organization, si pone riferimento al fatto che l ADO è anzitutto una organizzazione che è intimamente legata e, come tale, trae linfa vitale dal territorio in cui nasce e si sviluppa. Al medesimo territorio l ADO apporta le sue competenze distintive, il suo effetto trascinamento dovuto all entusiasmo e alla capacità di coinvolgimento degli individui che di norma ne fanno parte e infine la capacità di fare sistema, ovvero la capacità relazionale di mettere in rete una pluralità di soggetti con vocazione turistica specifica che altrimenti non sono in grado di dialogare agevolmente fra di loro. Per tali motivi, l ADO è anzitutto un organizzazione che opera in e su di un territorio specifico atteso che ha un radicamento forte nel territorio di riferimento dove, grazie alla buona reputazione

7 BENEDETTO PUGLISI - ALESSIA DI RAIMONDO 187 dei suoi principali rappresentanti e al suo funzionamento efficiente, ha acquisito riconoscimento del suo ruolo e forte legittimazione sociale. Nella prospettiva della costruzione sociale della realtà locale (Berger e Luckmann, 1966), questa condizione imprescindibile per la sua definizione consente all ADO di mobilitare le risorse umane e finanziarie e le competenze locali necessarie per lo sviluppo contestuale degli attori e delle attrazioni turistiche. Total actor network Con la locuzione total actor network, s intende il fatto che l ADO è una organizzazione definita network builder, che si fa carico di assumere la leadership nella costruzione e gestione del network e nella gestione delle relazioni fra gli attori chiave del medesimo. La gestione delle relazioni fra gli attori del network avviene mediante l impiego di notevoli capacità relazionali di cui l ADO è di norma dotato nel guidare e governare un duplice network relazionale: il network relazionale interno e il network relazionale esterno. Il network relazionale interno è costituito essenzialmente da soggetti, sia pubblici (enti territoriali di vario livello ed enti locali per la promozione turistica) sia privati (agenzie di viaggio, tour operator, albergatori, operatori aeroportuali, enti finanziatori di vario genere e altri ancora), operanti sul territorio di riferimento dell ADO e con i quali esso mantiene intensi e continui rapporti e in favore dei quali esso opera quale mediatore relazionale, agendo da snodo vitale della rete in modo che essi entrino e restino in una rete cooperativa con tensioni tendenzialmente superadditive. D altro canto, il network esterno è dato in estrema sintesi dalla rete di soggetti turistici (altri ADO, compagnie aeree nazionali e internazionali e altri operatori turistici), esterna al territorio che tuttavia ha un reflusso rilevante sull organizzazione complessiva dell offerta della località presa come riferimento. L ADO funge pertanto da social glue o collante sociale per la connessione in rete fiduciaria e finanziaria dei vari attori turisticamente rilevanti e, in particolare, per poter ben coordinare e far ruotare i due network fondamentali della destinazione, il network locale e il network esterno. True attraction creator Con la perifrasi true attraction creator, si richiama la capacità che l ADO contiene in sé di essere l artefice primo della composizione dell offerta di attrazioni turistiche di una determinata destinazione. L ADO è in grado di progettare le conoscenze e i contenuti della rete in modo che siano utilizzate dai vari attori coinvolti. Mediante l accurata applicazione di un procedimento simile a quello che in strategia d impresa è stato definito la determinazione del resource gap, si tratta in primo luogo di giungere a definire il cosiddetto gap di attrazioni, ovvero una lista completa dell insieme delle attrazioni ritenute necessarie per raggiungere l attraction target. Il secondo passo che l ADO è di norma chiamato a compiere è di coordinare la formazione dell offerta di attrazioni turistiche locali in grado di conseguire l attraction target. L ADO si pone in tal modo quale magnete che consente il necessario coordinamento per la creazione delle attrazioni necessarie allo sviluppo della destinazione presa come riferimento.

8 188 L ANCHOR DEVELOPMENT ORGANIZATION PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Traffic executor o catalyzer Infine con l allocuzione traffic executor o catalyzer, si mostra particolare attenzione al fatto che l ADO, come tradizionalmente avviene per le catene di grandi magazzini o anchor stores (Konishi e Sandfort, 2003) nel caso dei grandi centri commerciali, possa assumere la funzione di attrattore dei traffici turistici, con ricadute sia sull aumento della permanenza media dei turisti che sulla frequenza di viaggio nella medesima destinazione, oltre che sui flussi turistici in arrivo. Ciò può avvenire mediante la progettazione e l implementazione di campagne turistiche promo-pubblicitarie mirate al lancio della destinazione. A questo si aggiunge che l ADO agisce da catalizzatore turistico per segmentare in modo appropriato la domanda in termini di flussi turistici nazionali e flussi turistici internazionali. Naturalmente si tratta di quattro punti fondamentali (permanenza, frequenza, arrivi e mix di flussi turistici nazionali/internazionali) sui quali l ADO è chiamato ad effettuare studi accurati insistendo in modo analitico e sistematico per la definizione di piani operativi di sviluppo turistico con differenti orizzonti temporali (per esempio, a uno, tre e cinque anni). 3. Riscontro empirico del modello ADO: una analisi di benchmarking di casi studio di distretti turistici e DMOs 3.1 Metodologia di analisi Si è deciso di svolgere un analisi qualitativa articolata in due momenti di analisi, analisi desk e analisi field, funzionali al terzo momento costituente il fulcro dell indagine empirica del presente lavoro: il benchmarking. Questo ha consentito la selezione, l analisi e la comparazione di casi studio di successo di Distretti Turistici, guardando al contesto nazionale, e DMOs, guardando al contesto internazionale (per la case study analysis si veda Eisenhardt, 1989; Yin, 1994; Strauss e Corbin, 1998). Ricordando come il benchmarking quale tecnica per lo sviluppo del business trovi originaria definizione a partire dalla teoria manageriale del guru del Quality Management, Edward Deming, che assume la sua funzionalità alla ricerca della qualità e la possibilità di testarne la sostenibilità attraverso una serie di fasi analitiche sequenziali, sono svariate le definizioni proposte dalla comunità scientifica negli ultimi decenni (Balm, 1992; Camp, 1989; Coker, 1996; Cox e Thomson, 1998; McNair e Leibfried, 1992; Watson, 1997; ecc.). Proponendo la definizione fornita dall American Productivity & Quality Center, secondo cui il benchmarking è the process of continuously comparing and measuring an organization against business leaders anywhere in the world to gain information which will help the organization take action to improve its performance (APQC, 1999), si riscontrano dei tratti comuni tra le varie definizioni presenti in letteratura, che portano ad inquadrare questa tecnica come un processo di aggiornamento continuo, finalizzato al reperimento di nuove informazioni, volto al confronto con i leader del settore per misurare il proprio gap e migliorare le proprie performance.

9 BENEDETTO PUGLISI - ALESSIA DI RAIMONDO 189 Il focus sulle performance e sul gap tra le proprie e quelle dell ambiente competitivo di riferimento distingue questa tecnica dalla semplice ricerca comparativa e analisi competitiva (Boxell, 1994; Walleck et al., 1991). Seguendo anche quanto enfatizzato nel lavoro di Kozak (2002) sul benchmarking applicato alle destinazioni turistiche, nel nostro lavoro si è applicata questa tecnica di analisi con la consapevolezza dei limiti che si sarebbero potuti imputare ad essa nel caso della sua funzione quale strumento di comparazione di performance tra organizzazioni, nello specifico organizzazioni turistiche del territorio, appartenenti al panorama internazionale e, pertanto, influenzate da diversi contesti istituzionali. Si tratta quindi, di organizzazioni soggette a differenti leggi, regolamentazioni, strutture economiche, sistemi bancari e finanziari, culture manageriali, e, in aggiunta, diversi fattori ambientali, includendo tra questi fattori politici, sociali, culturali, come le tradizioni, il background storico e gli stili di vita (Gunn, 1997). Come asseriscono Kotler, et al., (1996), vanno tenute strettamente in considerazione le differenze nei contesti di appartenenza delle destinazioni nazionali o internazionali oggetto di un confronto, in quanto diverso sarà il modo di formulare strategie ed implementare dei piani di azione, perché a monte sarà diverso il modo di gestire la propria dotazione di risorse e confezionare il proprio prodotto. Condividendo questi argomenti e le posizioni degli autori che pongono l accento sull influenza che il contesto istituzionale può svolgere nel determinare le scelte strategiche, le pratiche manageriali e, poi, anche le performance di un organizzazione (Porter, 1990), è stata condotta un analisi di benchmarking non per misurare un gap nelle performance (gap analysis model) tra i casi studio in analisi e confrontare poi i risultati con la situazione riscontrabile nel contesto locale, nello specifico il territorio italiano. Lo scopo dell analisi da noi condotta consiste nel raccogliere ed elaborare le informazioni di interesse (progettuali, strutturali, di mercato, operative, organizzative, gestionali, ecc.) necessarie per la definizione di un modello che sia: - di forte appeal per i mercati di riferimento; - innovativo, soprattutto negli aspetti gestionali ed operativi; - economicamente e finanziariamente sostenibile. L approccio metodologico alla base dell analisi di benchmarking condotta può essere sintetizzato in sei principali macro fasi: - selezione dei casi da analizzare: i criteri di selezione dei casi sono riconducibili principalmente alla visibilità del caso di studio nel contesto internazionale, alla presenza di elementi di innovazione nelle strategie di sviluppo, alla concreta attivazione di processi di meta-management territoriali; - acquisizione di informazioni generali: attraverso ricerche sul web, bibliografia, articoli su quotidiani e riviste del settore;

10 190 L ANCHOR DEVELOPMENT ORGANIZATION PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO - primo contatto con un interlocutore privilegiato 4 : si forniscono le informazioni generali sugli obiettivi della ricerca, i criteri di selezione dei casi di studio e i tempi e i modi con cui si procede alla raccolta delle informazioni. Per interlocutore privilegiato si intende la persona con incarichi dirigenziali, ovvero il leader del progetto di sviluppo. - prima intervista con un interlocutore privilegiato: si tratta di una intervista semistrutturata in profondità sulla base di una traccia predefinita di domande chiave; - valutazione del grado di interesse del caso: successivamente ad una prima stesura dei casi in osservazione, si procede ad una scrematura del campione, rilevando quali benchmark meritano un analisi in profondità, quali casi sono stati sufficientemente analizzati (tramite il parallelo ricorso a fonti secondarie) e quali, invece, non passeranno ad uno step successivo dell analisi perché non rispondenti ai criteri stabiliti da principio; - ulteriori interviste: secondo contatto con l interlocutore e contatti con ulteriori soggetti 5 per un approfondimento tramite intervista degli aspetti più rilevanti in linea con l obiettivo della ricerca; - rielaborazione e stesura del caso: stesura definitiva del caso, cercando di strutturare l analisi sulla base di macro-elementi omogenei tra i vari benchmark individuati. Nell ambito di una più ampia ricerca che ha interessato un campione di circa 30 Distretti/DMO, poi ristretto nell avanzamento delle fasi dell analisi per la non corrispondenza con i criteri prefissati, per mancanza di risposte pervenute, o per insufficienza delle informazioni disponibili, sono stati selezionati i seguenti quattro benchmark (uno nazionale ed i restanti internazionali): - Il Distretto Turistico dei Laghi, Monti e Valli dell Ossola in Piemonte (Italia); - La DMO Marketing Manchester (Inghilterra); - La DMO Tourism Hamilton (Canada); - La DMO Orlando/Orange County CVB (U.S.A) I case studies sono stati selezionati perché considerati particolarmente attrattivi e innovativi sia per le strategie e azioni di marketing realizzate sia per i modelli di governance e di meta-management adottati tali da consentire di verificare la rispondenza al modello delle 4T proprio delle Anchor Development Organizations. Sul piano operativo, inoltre, la selezione dei casi è stata effettuata sulla base della disponibilità di informazioni e dati, la agevole reperibilità di questi e l alto tasso di risposta degli interlocutori. Le interviste sottoposte ai soggetti individuati per ogni benchmark hanno interessato un arco temporale di un mese tra il primo contatto, la ricezione dei dati richiesti, il secondo contatto di approfondimento sulla base dei documenti e delle informazioni ricevute, e il relativo feedback. 4 5 Per interlocutore privilegiato si intende la persona con incarichi dirigenziali, ovvero il leader del progetto di sviluppo. Nello specifico, sono state interpellate figure quali: Marketing Director, Business Development Manager, Research Coordinator. Ulteriori soggetti interpellati sono stati quelli ricoprenti incarichi quali: Tourism Business Analyst, Financial Coordinator, Research Assistant.

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.

QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana. ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05. QUEST La certificazione per le politiche di mobilità urbana ISIS Istituto di Studi per l Integrazione dei Sistemi MobyDixit Bologna 23.05.2013 Il progetto QUEST Gli obiettivi Offrire supporto alle città

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli