CAMBIAMENTO E TRADIZIONI DI RICERCA NEGLI STUDI ORGANIZZATIVI: TRA CONSERVAZIONE E DISTRUZIONE, ALLOMORFISMO E ISOMORFISMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAMBIAMENTO E TRADIZIONI DI RICERCA NEGLI STUDI ORGANIZZATIVI: TRA CONSERVAZIONE E DISTRUZIONE, ALLOMORFISMO E ISOMORFISMO"

Transcript

1 CAMBIAMENTO E TRADIZIONI DI RICERCA NEGLI STUDI ORGANIZZATIVI: TRA CONSERVAZIONE E DISTRUZIONE, ALLOMORFISMO E ISOMORFISMO Marcello Martinez 1.1 Tradizioni di ricerca e teorie per l analisi della giungla delle teorie organizzative sul cambiamento Il tema del cambiamento è centrale negli studi organizzativi. Il fatto che le organizzazioni si modifichino e che quelle che non sono in grado di modificarsi scompaiono o resistono con grandi costi ed inefficienze è un fenomeno così evidente che sembra quasi da solo giustificare l esistenza stessa di un gruppo di studiosi che secondo una prospettiva multidisciplinare ha deciso di concentrarsi su questo problema e che a volte si pone come una disciplina intesa quale definizione istituzionale di un campo di studio, riconoscibile dall esistenza di cattedre, corsi di studio, riviste scientifiche, manuali, (Maggi 2004). Tutte le principali teorie organizzative hanno cercato di elaborare delle risposte convincenti alla domanda perché le organizzazioni cambiano?, ma come accade anche in altri contesti, una loro attenta disamina spesso induce a ricercare una bussola epistemologica per orientarsi in territorio in ogni caso molto più simile ad una giungla che ad una biblioteca. Il metodo epistemologico che si è adottato per la sistematizzazione delle diverse teorie che negli studi organizzativi hanno elaborato una risposta alla domanda: è quello che fa riferimento alle riflessioni di Laudan (1977), e nel quale si opera la distinzione fra due diverse tipologie di reti di proposizioni all interno delle teorie scientifiche : le tradizioni di ricerca e le teorie vere e proprie. Una tradizione di ricerca è un insieme di assunti che definiscono un ontologia della natura e un metodo generali per costruire teorie per la soluzione di problemi naturali all interno di un dato dominio o campo di applicazione. 1

2 Ogni tradizione di ricerca madre ha, pertanto, un certo numero di teorie specifiche, che l esemplificano e parzialmente la costituiscono; alcune sono contemporanee fra loro, altre si succedono nel tempo. Ciascuna tradizione di ricerca (a differenza delle singole teorie) passa attraverso un certo numero di formulazioni; in genere ha una lunga storia, che si svolge attraverso un notevole periodo di tempo (a differenza delle teorie che spesso hanno una vita breve), in quanto evolve da uno stadio successivo ad un altro mantenendo la maggioranza dei suoi assunti fondamentali. Per valutare i meriti delle teorie non occorre comprendere se sono vere o ben confermate o falsificabili o giustificabili in altro modo, ma solo se costituiscono soluzioni adeguate a problemi significativi, distinguibili in problemi empirici e problemi concettuali. L accettabilità di una tradizione di ricerca è determinata da quanti significativi problemi empirici le sue teorie risolvono e da quante importanti anomalie e problemi concettuali esse generino. Ma ciò che importa non è in senso assoluto quanto sia efficace o quale progresso realizzi una tradizione di ricerca o una teoria, ma piuttosto come si collochino la sua efficacia o il progresso da essa realizzato, rispetto alla tradizioni di ricerca o alle teorie rivali. L analisi delle relazioni cognitive fra tradizioni di ricerca, pertanto, è fondamentale per la loro valutazione che deve essere effettuata, infatti, in un contesto comparativo. Si tratta, probabilmente di un approccio che rafforza quel principio ben espresso da Betrand Russel secondo il quale non c è nulla di più pratico di una buona teoria. Una analisi delle principali tradizioni di ricerca cui fare riferimento per una comprensione dell origine e natura del cambiamento organizzativo può essere effettuata distinguendo tra i livelli di indagine prevalentemente applicati dalle teorie che si riconoscono all interno di una tradizione. E possibile dunque distinguere tra (Lewin, Weigelt, Emery, 2004): - tradizioni di ricerca focalizzate sull azienda; - tradizioni di ricerca focalizzate sulle relazioni fra organizzazione e task environment; - tradizioni di ricerca focalizzate sulle relazioni fra organizzazione e institutional environment. Le tradizioni di ricerca collocabili nel primo gruppo scelgono come proprio oggetto di analisi la singola organizzazione, o utilizzando un altra terminologia l azienda (De Vita, Mercurio, Testa, 2007). La relazione fra azienda e ambiente spesso nelle teorie riconducibili alle tradizioni collocate in questo gruppo è interpretata considerano le scelte organizzative influenzate da un contesto esterno indistinto, denominato appunto ambiente, che va monitorato, valutato e classificato utilizzando dimensioni oggettive quali il grado di stabilità o di dinamicità, la semplicità o la complessità, l omogeneità o l eterogeneità. 2

3 Le tradizioni che si collocano nel secondo gruppo invece considerano che il contesto in cui è inserita l azienda non sia valutato come un sistema a se stante, indefinito e indistinto (quale è quello tradizionalmente richiamato dalla generica dizione di ambiente), ma è invece individuato attraverso la ricognizione personale degli attori da cui l azienda è influenzata e che essa è in grado di influenzare. Accettando tale principio, ammettono, dunque, che il management sia in grado di compiere le proprie scelte distinguendo le diverse relazioni che legano l azienda ad altri attori e, di conseguenza, differenziando le soluzioni da adottare per risolvere l interdipendenza rilevata. Considerare il contesto in cui di muove un organizzazione come un tessuto di relazioni significa interpretare l ambiente come un sistema caratterizzato da una molteplicità di attori con i quali l organizzazione è legata da eterogenee interdipendenze. Le teorie che invece si focalizzano sulla relazione fra organizzazione e ambiente istituzionale. Specificano che, per procedere nell analisi delle relazioni interorganizzative fra aziende o insiemi di aziende (network), non è corretto focalizzarsi su una sola relazione esistente fra due attori e prescindere dal contesto complessivo in cui essa si colloca. L insieme complessivo delle relazioni fra tutti gli attori del business system (De Vita, Mercurio, Testa 2007), è infatti in grado di esercitare su di essa un influenza diretta o mediata. In altre parole, se il rapporto fra un azienda è il suo ambiente è interpretato valutando la tipologia di relazione che lega questa ai suoi concorrenti, ai suoi clienti, ai suoi fornitori, e agli altri attori (enti, istituzioni, associazioni sindacali ecc.), non si deve sottovalutare il condizionamento che su quella specifica relazione di coppia (ad esempio con un fornitore) può essere esercitato dalle regole del gioco (norme, intensità della concorrenza, cultura nazionale) tipiche di quel business system, o da un altra singola relazione esistente fra altri due attori. 1.2 Le tradizioni di ricerca focalizzate sull azienda In questo gruppo possono essere collocati (Lewin, Weigelt, Emery, 2004) alcuni contributi teorici riconducibili alla Resorce Based View (RBV), la tradizione della Behavioral Theory of the Firm (BT), la tradizione dell Punctuated equilibrium (PE), la tradizione della Strategic choice (SC) La Resourse Based View (RBV): il cambiamento come ricerca dell inimitabilità La tradizione di ricerca della RBV fonda le sue origini nelle prime intuizioni e considerazioni di Penrose (1959) che coniò una definizione di organizzazione, o anche d impresa, definita come bundle of resources. Questa impostazione assegna alla originale combinazione di risorse che si riscontra in una specifica organizzazione la capacità di rendere la stessa unica e inimitabile. In 3

4 concetto di cambiamento organizzativo che ne risulta è diretta espressione di un processo di ricerca (continua) di una combinazione particolare di risorse in grado di mantenere tale inimitabilità. Una sintesi degli assunti di base su cui tale tradizione si fonda, induce a ricordare come nella impostazione della RBV dunque, una particolare importanza sia assegnata alle risorse di cui una organizzazione si compone, intendendo per queste gli assett tangibili ed intangibili che possono essere considerare contestualizzati all interno di una organizzazione, in coerenza alle considerazione di Barney (1991) e Wernerfelt (1984). Il vantaggio competitivo, secondo la tradizione di ricerca della RBV dipende in particolare da quelle risorse che sono di valore, proprio perché uniche, insostituibili, inimitabili (Canonico, De Nito, Consiglio, Mangia 2010). Gli assunti di base di tale tradizione di ricerca possono essere così sintetizzati: - le risorse sono eterogenee; - le risorse hanno valore se sono inimitabili; - le risorse inimitabili sono il risultato delle organizational capabilities; - le risorse sono rese obsolete dai cambiamenti ambientali; - il cambiamento come ricerca di nuove opportunità e combinazioni. Eterogeneità delle risorse In contrasto con altre impostazioni che evidenziano forme di isomorfismo tra organizzazioni appartenenti ad uno stesso settore o campo organizzativo (teorie istituzionaliste), la RBV assume che esiste una eterogeneità di risorse che differenzia le diverse realtà considerate. Tale allomorfismo deriva da profonde differenze esistenti in termini di sistemi di acquisizione ed elaborazione delle informazioni, caso, abilità e competenze manageriali, sistemi tecnici e conoscenze di base. E proprio dalla eterogeneità delle risorse che deriva la possibilità, per una impresa ad esempio, di sviluppare rendite di posizione e vantaggio competitivo sostenibile (Mahoney e Pandian, 1992). Di conseguenza, l oggetto dell analisi deve concentrasi non già su quelle organizzazioni in grado di indirizzare comportamenti imitativi, ma bensì sulle risorse uniche e specifiche che sono in grado di spiegare come possa una organizzazione conseguire risultati e performance superiori a quelle di altre presenti o collocabili in uno stesso settore o campo. Inimitabilità delle risorse Secondo la RBV il valore delle risorse dipende dalla loro capacità di aumentare l efficienza e l efficacia di una organizzazione e se sono abbastanza uniche da consentire a quell organizzazione di adottare una strategia che non può essere simultaneamente implementata da altri imitatori o 4

5 concorrenti (Barney, 1991). Di conseguenza, le risorse a disposizione di una organizzazione sono considerate inimitabili se sono specifiche e dunque derivanti dalla storia che ha nel passato contraddistinto tale organizzazione, se non è possibile stabilire senza ambiguità una relazione diretta di causa effetto fra la loro presenza e le performance conseguite (Lippman Rumelt, 1982), se sono il risultato di un complesso processo di interazione sociale (Dierickx, Cool, 1989). Presenza di organizational capabilities Numerosi studi e ricerche evidenziano, all interno della tradizione della RBV, il ruolo di meccanismi di isolamento e protezione dalla concorrenza che può derivare da diritti di proprietà intellettuale, processi di apprendimento, o capacità di elaborazione delle informazioni (Rumelt, 1984). Teece, Pisano e Shuen (1997) assegnano tale ruolo di isolamento proprio alle organizational capabilities definite dinamiche, in quanto risultato di un complesso ed unico processo di accumulazione, sviluppo di conoscenza, routine e capacità di apprendimento. Obsolescenza delle risorse derivante dai cambiamenti ambientali Le trasformazioni dell ambiente esterno alle organizzazioni possono rendere obsolete le risorse su cui esse fondano il loro vantaggio competitivo. Di conseguenza, al fine di sopravvivere in un conteso per definizione turbolento, occorre ricercare un equilibrio tra i vantaggi che derivano dall ottimizzazione degli assett esistenti e l avvio di processi di rinnovo e sviluppo all interno di dinamici interventi di cambiamento organizzativo (Wernerfelt, 1984). Il cambiamento come ricerca di nuove opportunità e combinazioni La sopravvivenza e lo sviluppo delle singole organizzazioni si basa sulla loro capacità di adattarsi ai cambiamenti ambientali e ricercare nuove opportunità. Il cambiamento si presenta così come la leva che il management utilizza per combinare gli assett di cui dispone o, più spesso, per acquisire nuovi assett in grado di migliorare il grado di inimitabilità della singola organizzazione. Il ruolo del management in particolare è interpretato come azione rivolta alla ricerca, accumulazione e utilizzo strategico di risorse di valore, e come azione di tutela di tali risorse nei confronti di possibili concorrenti. Un importante filone di studi sviluppato dalla RBV infatti si concentra su strategie di diversificazione, e soprattutto di acquisizione e di fusione. Tale focus di indagine è ovviamente pienamente comprensibile se si considera che la non replicabilità delle dynamic organizational capabilities rende quasi obbligata la strada della merger and acquisition come modalità di ricerca di nuove competenze e risorse (Mangia, 2006, 2009). 5

6 1.2.2 La Behavioural Theory of the Firm: il cambiamento come capacità di disimparare La tradizione di ricerca della BT è alla base degli studi organizzativi e ha origine dai lavori in particolare di Simon, March e Simon, Cyert e March, ma con i suoi assunti di base è stata in grado di ispirare numerose teorie che hanno anche indagato il concetto di cambiamento organizzativo insieme allo studio di strategie di intervento e dei processi di apprendimento e di evoluzione aziendale. Gli assunti di base della tradizione di ricerca possono essere considerati i seguenti: - l organizzazione come coalizione; - presenza di risorse in eccesso (slack resource) come condizione per il cambiamento; - riduzione dell incertezza come causa del cambiamento; - cambiamento come risultato dei processi di apprendimento; - non cambiamento e trappole di competenza. L organizzazione come coalizione basata sulla soluzione dei conflitti La BT considera le organizzazioni come coalizioni di diversi stakeholder che cercano evidentemente di perseguire i propri diversi e specifici interessi tramite una relazione di cooperazione che consente di stabilire un accordo sui meta obiettivi di una organizzazione. I compiti principali del management sono rivolti alla ricerca di soluzioni alle diverse occasioni di conflitto che emergono nell interazione fra i diversi stakeholder presenti nella coalizione. Presenza di slack resource come condizione per il cambiamento Le organizzazioni si dotano di risorse in eccesso per stabilizzarsi nei confronti della turbolenza ambientale, per regolarizzare i conflitti tra i diversi stakeholder, per realizzare innovazioni. E proprio al presenza di risorse in cesso che consente al management di risolvere i conflitti che emergono nella coalizione, e la cui causa è riconducibile all incertezza computazionale derivante da imprevedibili cambiamenti ambientali, all incertezza comportamentale che può contraddistinguere le azioni dei diversi stakeholder, all assenza di allineamento fra gli obiettivi individuali e i meta obiettivi organizzativi. La riduzione dell incertezza come causa del cambiamento organizzativo Il cambiamento organizzativo è reso possibile dalla presenza di risorse in eccesso ed è finalizzato a ridurre l incertezza derivante dalla turbolenza ambientale. La BT considera l ambiente esterno non 6

7 in senso deterministico e esogeno all organizzazione ma come un contesto che l organizzazione stessa si propone ed è in grado di modificare attraverso contratti, piani, interlocking directorate, alleanze, sviluppo di standard e ricerca di congruenza fra comportamenti e norme di settore. Il cambiamento si presenta come risultato dei processi di apprendimento interni all organizzazione Numerose teorie riconducibili alla BT evidenziano l importanza dei processi di apprendimento alla base degli interventi di cambiamento organizzativo. In coerenza agli studi di Cyert e March (1963), Levitt e March (1988), March e Olsen (1976), March e Simon (1958) alla capacità delle organizzazione di cambiare è riconducibile alla loro capacità di valutare le procedure le routine di successo (e dunque di rinforzarli) e di abbandonare invece quelli dimostratisi fallimentari. Il cambiamento viene in particolare avviato quando esiste una discordanza fra gli obiettivi concordati dalla coalizione e i risultati di performance conseguiti. Ne consegue, pertanto che il successo di un organizzazione deriva proprio dall attivare percorsi di in grado di garantire l equilibrio fra cambiamento e ottimizzazione (exploration e exploitation, March, 1991; Levinthal, March, 1993) o, ancora in altri termini, stabilendo un equilibrio fra la capacità di imparare e disimparare. L insuccesso viene collegato alle difficoltà di cambiare: le trappole dell apprendimento L obsolescenza delle organizational capabilities può essere aggravata da effetti di lock in che rendono difficile abbandonare processi e procedure dimostratesi un tempo di successo (Levitt, March, 1988; March, 1981). Secondo tale tradizione di ricerca il cambiamento veloce delle routine e procedure esistenti appare sicuro indicatore di successo in condizioni ambientali stabili, mentre proprio in contesti turbolenti, appaiono maggiormente vincolanti le trappole dell apprendimento ed effetti lock in (Levinthal, March, 1993) Punctuated equilibrium Theory: il cambiamento come improvvisa discontinuità La tradizione di ricerca del punctuated equilibrium si fondo su una concezione evoluzionistica dell organizzazione e basandosi sui lavori di Tushman e Romanelli (1985; 1994), Utterback e Abernaty (1975), considera il cambiamento organizzativo all interno di una dinamica contraddistinta dall alternarsi di lunghi periodi di cambiamenti incrementali e invece periodi (brevi e intensi) di cambiamenti rivoluzionari e radicali. Le organizzazioni sono dotate di capacità di cambiamento che possono esercitare su specifici aspetti modificandoli a seconda del ritmo ritenuto coerente con le dinamiche ambientali. Gli assunti di base di tale tradizione di ricerca possono essere considerati i seguenti: 7

8 - le organizzazioni evolvono ma non in maniera prevedibile e standard; - il cambiamento è rivoluzionario e avviene in specifici momenti della vita aziendale; - I cambiamenti radicali avvengono per tre cause specifiche Le organizzazioni evolvono ma non in maniera prevedibile e standard I processi di cambiamento che caratterizzano una organizzazione sono imprevedibili in quanto non seguono un percorso per fasi standard, ma invece si caratterizzano per una forte idiosincrasia e specificità in ogni singola organizzazione. ll cambiamento è rivoluzionario Nei periodi di cambiamento incrementale procedure e routine si strutturano in valori, sistemi di potere, strutture organizzativi e sistemi di controllo (deep structures, Gersik, 1991) all interno delle organizzazioni e rendono difficile il cambiamento, in quanto sono caratterizzate da levata stabilità, path dependance e forte interconnessione con il contesto ambientale. La tradizione di ricerca presuppone tuttavia che tali deep structure possano essere modificate nei momenti di cambiamento radicale e rivoluzionario (Thusman, Romanelli, 1985). Il cambiamento dunque non è un processo graduale, ma avviene un specifici momenti della storia di una organizzazione Il compito del management è centrale, in quanto l avvio di processi di cambiamento radicale dipende dalla loro capacità di sperare la dicotomia fra consolidamento delle deep structure e smantellamento delle stesse. I cambiamenti rivoluzionari avvengono per tre cause specifiche Romanelli e Tushman (1994) identificano tre cause principali di cambiamento rivoluzionario: a) un declino delle performance nel breve periodo, b) significative trasformazioni del contesto ambientale, c) il cambio del vertice aziendale (presidenti e amministratori delegati). Il cambiamento deriva dal ruolo degli executive In tale tradizione (Tushman, Romanelli, 1992; Keck, Tushman, 1993; Tushman, Rosenkopft, 1996), si assegna un ruolo importante al top management da cui dipende decisamente l avvio e il successo di un processo di cambiamento. 8

9 1.2.4 Strategic choice (SC): il management come motore del cambiamento La tradizione di ricerca della SC si basa sul principio che le organizzazioni possano anche cambiare il proprio ambiente di riferimento, piuttosto che semplicemente dovere mettere in atto comportamenti adattivi (Child, 1972, 1977; Miles, Snow, 1978, 1994; Shortel, Zajac, 1990). I principali assunti di base della tradizione di ricerca possono essere considerati i seguenti: - il management è dotato di potere discrezionale in merito alla definizione dell ambiente di riferimento; - l cambiamento rappresenta una azione manageriale di modifica della relazione organizzazione ambiente; - l allomorfismo organizzativo rappresenta il risultato della specifica interazione fra management e contesto esterno; - presenza di limiti all azione manageriale. Potere discrezionale del management Sviluppando i principi esposti in particolare da Child (1972; 1977), le teorie collocabili all interno di tale tradizione di ricerca assegnano la management il potere discrezionale di scegliere il contesto ambientale e competitivo di riferimento e anche di attuare azioni e comportamenti in grado di modificarlo. Infatti, l ambiente può sia produrre delle limitazioni all agire organizzativo, sia tuttavia fornire opportunità e consentire alternative strategiche. Il cambiamento rappresenta un azione manageriale di modifica della relazione organizzazione ambiente Si interpreta il cambiamento come processo dinamico che consente al management dotato di una superiore capacità di scelta di realizzare, a parità di condizioni, positivi risultati di performance. Tale impostazione appare caratterizzata da una indipendenza dell azione manageriale quasi assolutamente discrezionale. L allomorfismo organizzativo risultato del processo di interazione fra management e contesto ambientale La eterogeneità delle forme organizzative, anche nello stesso settore, viene spiegata come il risultato delle scelte manageriali, che evidentemente variano a seconda delle capacità e competenze del management stesso. La capacità della coalizione dominante in ciascuna organizzazione di elaborare risposte diverse e inno9vative ai condizionamenti ambientali e anche in grado di 9

10 modificarli spiega il successo e l insuccesso di organizzazioni che agiscono nello stesso ambiente. In particolare, Miles e Snow (1978) pervengono ad una classificazione di diversi approcci manageriali e ad essi correlano diverse strategie di cambiamento organizzativo. I limiti all azione manageriale In ogni caso, elaborando ovviamente i principi della razionalità limitata e dell analisi dei processi decisionali, le teorie della SC evidenziano come la possibilità del management di mettere in atto alternative strategiche sia condizionata da alcuni limiti derivanti dalla disponibilità di informazioni, dall incertezza computazionale e comportamentale, e da altri fattori legati anche alla tecnologia di cui dispone una organizzazione. 1.3 Tradizioni di ricerca focalizzate sulle relazioni fra organizzazione e task environment In questo gruppo possono essere collocati (Lewin, Weigelt, Emery, 2004) i contributi teorici riconducibili alle seguenti tradizioni di ricerca: Struttura Condotta performance (SCP), alla Economia dei Costi di transazione (Transaction Cost), alla Teoria della Contingenza (Contingency Theory), alla Teorie Evolutive dell impresa (TE), alla Resource Dependance Theory (RDT). Il focus di indagine è infatti sulle relazioni che si stabiliscono fra la singola organizzazione d impresa e il task environment o ambiente di riferimento con cui l organizzazione si trova ad agire direttamente La tradizione di ricerca della Struttura Condotta Performance: il cambiamento come riposizionamento competitivo Tale tradizione di ricerca si fonda sul principio deterministico della relazione struttura condotta performance sviluppata sui noti contributi di da Bain (1968) e Mason (1959) e al suo interno possono essere ricondotti anche i lavori di Caves e Porter (1977) e Porter (1979, 1981; 1985) che orientano tale approcci verso una impostazione che mette maggiormente in rilievo la potenzialità delle strategie di modificare la relazione organizzazione ambiente, senza tuttavia indagare appieno sul ruolo del management come invece suggerito dalla tradizione Strategic Choice. L oggetto di analisi è il settore industriale che viene indagato al fine di comprendere il che modo processi di cambiamento possano riposizionare una singola organizzazione conferendole un vantaggio competitivo durevole. Gli assunti di base di tale tradizione sono i seguenti: 10

11 - la struttura dei mercati influenza i comportamenti e le performance delle organizzazioni; - il cambiamento della relazione organizzazione ambiente è il risultato dell analisi della struttura del mercato; - l organizzazione è in grado di cambiare e adattarsi al suo task environment. La struttura dei mercati influenza i comportamenti e i risultati delle organizzazioni La struttura dei mercati è definita sinteticamente dal grado di concentrazione, dalle barriere all entrata e dalla differenziazione di prodotto esistente in uno specifico settore industriale, cluster o gruppo strategico. Sono proprio questi aspetti che definiscono il grado di concorrenzialità e che condizionano i comportamenti delle imprese (riconducibili a decisioni riguardanti le politiche di prezzo, gli investimenti in impianti, in comunicazione, in ricerca e sviluppo). Le decisioni sono effettuate in funzione delle performance obiettivo misurate in termini di riduzione dei costi e massimizzazione del profitti. I risultati perseguibili in un determinato mercato ( o settore) non sono tuttavia possibili se non nei limiti consentiti dalla struttura del settore stesso. Il cambiamento delle relazioni organizzazione ambiente è il risultato dell analisi della struttura del mercato In particolare, facendo riferimento ai lavori di Porter (1980, 1991) che maggiormente si è distaccato da una ipotesi di omogeneità ed indifferenziazione dei comportamenti delle imprese di un mercato (o settore), l analisi della struttura del mercato, condotta mediante la valutazione del suo posizionamento strategico e della catena del valore, conduce ad alternative strategiche in grado potere innescare processi di cambiamento nelle relazioni organizzazioni ambiente. Le note alternative (leadership di costo, differenziazione, o strategia focalizzata) appaiono infatti classificazioni di interventi di cambiamento in grado di modificare in ultima analisi le performance delle organizzazioni. L organizzazione è in grado di cambiare e adattarsi al suo task environment La ricerca del vantaggio competitivo mediante la scelta di alternative strategiche consente ad una singola organizzazione di modificare il proprio posizionamento competitivo, vale a dire il sistema di relazione che la lega al suo task environment. Tale sistema è ovviamente interpretato mediante categorie quali la localizzazione geografica, il grado di integrazione verticale, le scelte di prodotto, ecc. 11

12 1.3.2 L economia del costi di transazione (TC): il cambiamento come ricerca dell efficienza nella governance delle transazioni Il cambiamento proposto dalla tradizione di ricerca cui sono riconducibili le teorie dei costi di transazione (TC) è interpretabile come processo di allineamento delle diverse tipologie di transazioni con le strutture di governance in grado di ridurre i costi di coordinamento, controllare l opportunismo e conseguire una massimizzazione delle efficienza. Alla base di tale tradizione di ricerca vi sono ovviamente i contributi di Coase, (1937) e Williamson (1975, 1979) che classificano le strutture di governance distinguendo mercati, gerarchie e forme ibride. A seconda delle caratteristiche delle transazioni (frequenza, incertezza e specificità) viene proposta l adeguatezza e la convenienza del ricorso a ciascuna struttura individuata. Gli assunti di base di tale tradizione di ricerca sono i seguenti: - L unità di analisi è la transazione; - il cambiamento è inteso come allineamento; - neutralità del cambiamento. Transazione come unità di analisi La tradizione di ricerca si focalizza sulla transazione, categoria di analisi principale per la comprensione delle relazioni esistenti fra la singola organizzazione e il suo task environment. Il cambiamento è inteso come allineamento Le tre strutture di governance ideali consentono di perseguire il massimo livello di efficienza a seconda delle caratteristiche delle transazioni considerate. Il processo di cambiamento organizzativo coincide con passaggio da una struttura ad un altra ed è finalizzato a perseguire un obiettivo di allineamento o fit. L assenza di allineamento, ad esempio derivante da una eccessiva integrazione verticale (Dyer, 1996; Barney, 1999), può condurre ad una perdita di vantaggio competitivo o alla scomparsa dell organizzazione (Roberts, Greenwood, 1997). Neutralità del cambiamento La tradizione di ricerca presuppone e prescrive il cambiamento da una forma di governance ad un'altra in assenza di fattori di inerzia o di lock in. Si assegna la management la capacità di valutare le caratteristiche delle diverse transazioni e di stimare i costi connessi a ciascuna struttura di governance, in modo da adottare quella in grado di massimizzare l efficienza. 12

13 1.3.3 La tradizione di ricerca delle teorie della contingenza (CT): il cambiamento come ricerca del fit Alla base delle teorie rientranti in tale tradizione di ricerca vi è il principio del fit, vale a dire la coerenza fra struttura organizzativa e fattori contingenti. Fra tali teorie rientrano numerosissimi contributi che da Burns e Stalker (1961), a Chandler (1962) da Lawrence e Lorsch (1967), a Khandawalla (1977) a Pugh e la gruppo di Aston (1969), a Woodward (1965) individuano nella ricerca di una coerenza fra variabili esogene tipiche del task environment e struttura organizzativa l elemento alla base delle performance di successo di una organizzazione. Gli assunti di base delle teorie rientranti in tale tradizione di ricerca possono essere considerati i seguenti: - il cambiamento organizzativo coincide con la ricerca di un adattamento (fit); - presenza di una molteplicità di fattori contingenti; - il management svolge un ruolo guida nei processi di cambiamento. Il cambiamento organizzativo coincide con la ricerca di un adattamento La tradizione di ricerca contingente assume che il cambiamento delle strutture organizzative sia giustificato dalla ricerca di una coerenza con le caratteristiche di numerosi fattori esterni, tra cui anche l ambiente con le sue caratteristiche facilmente individuabili e classificabili (Burns,Stalker 1961), e differenziabili (Lawrence, Lorsch 1967). Presenza di una molteplicità di fattori contingenti La presenza di una molteplicità di fattori contingenti crea tensioni al cambiamento differenziate, non sempre tra di loro coerenti. Tale dinamiche propongono una significativo problema di gestione della complessità organizzativa e rendono il rischio di una non coerenza alquanto elevato (Gresov, 1989). Il management svolge un ruolo guida nei processi di cambiamento Soprattutto sulla base dei contributi di Chandler (1962) le teorie della tradizione di ricerca contingente rilevano nelle analisi longitudinali il contributo del management nei processi di cambiamento organizzativo attuati per sviluppare strutture organizzative innovative (divisionali, matrici, ecc.) per adattare l organizzazione ai fattori contingenti esterni (Zajac et al., 2000; Venkatraman, Prescot, 1990). 13

14 1.3.4 La tradizione di ricerca della Teorie evolutiva dell impresa: il cambiamento come distruzione e creazione di routine La tradizione di ricerca si basa sui contributi di Nelson e Winter (1973; 1974; 1982) che, sviluppando i principi della Behavioural Theory of the Firm, estendono l analisi oltre la dimensione azienda, investigando le relazioni con il task environment seguendo una logica definita evoluzionistica o evolutiva. Non è inutile il richiamo al concetto di distruzione creativa (Schumpeter, 1950) che in tale tradizione viene richiamato per spiegare come i cambiamenti nei fattori esterni sono colti come opportunità di innovazione da parte delle imprese. Gli assunti alla base delle teorie rientranti in tale tradizione di ricerca possono essere considerati i seguenti: - presenza di allomorfismo organizzativo; - il cambiamento organizzativo viene spiegato tramite cicli evolutivi; - i processi di cambiamento sono eterogenei e non prevedibili ex ante; - i cambiamenti organizzativi interni conducono a cambiamenti anche della struttura del settore; - esiste una forte relazione fra processi ricerca, dinamiche di cambiamento e sopravvivenza nell ambiente; - presenza di meccanismi imitativi. Presenza di allomorfismo organizzativo Si assume che le organizzazioni evolvano in maniera differenziata, sviluppando la proprio interno specifiche organizational capabilities (routine, procedure, competenze ecc.). L eterogeneità è al cento di tali teorie e appare concetto indispensabile per la comprensione dei processi di innovazione considerati alla base dello sviluppo economico. Il cambiamento organizzativo viene spiegato tramite cicli evolutivi Alla base di processi di cambiamento organizzativo si riconoscono cicli di variazione, selezione e consolidamento delle routine interne alle organizzazioni. Tali cicli trovano la loro giustificazione nelle esigenza di fronteggiare le trasformazioni (variazioni e selezioni) che si riscontrano nel task environment. I processi di cambiamento sono eterogenei, path dependant e non prevedibili ex ante I cicli di variazione selezione e consolidamento non si svolgono secondo percorsi predefiniti o prevedibili, sono invece il risultato di innovazioni organizzative derivanti dalla eterogeneità e 14

15 allomorfismo delle forme organizzative stesse. Il cambiamenti dunque sono attivato da specifici processi interni di ricerca di nuove routine e procedure che appaiono in grado di conferire all organizzazione la capacità di conseguire migliori performance. Viene ridimensionato dunque il ruolo assegnato a specifiche tecnologie o diritti di proprietà: è la capacità di innovare l organizzazione stessa che rappresenta la fonte di vantaggio competitivo sostenibile. I cambiamenti organizzativi interni conducono a cambiamenti anche della struttura del settore Le teorie della tradizione di ricerca estendono l oggetto di studio elaborando, mediante analisi longitudinali, spiegazioni anche della trasformazione della struttura di un settore, evidenziando le interrelazioni fra le due dimensioni di analisi: i cicli evolutivi aziendali spiegano i cicli evolutivi di un settore, e i cambiamenti delle caratteristiche del settore richiedono, o meglio, attivano processi di cambiamento interni potenzialmente in grado di fare evolvere le strutture aziendali stesse. Esiste una forte relazione fra processi ricerca, dinamiche di cambiamento e sopravvivenza nell ambiente L enfasi di tali teorie è sulle azioni organizzative di ricerca e selezione di nuove routine ed evidenzia come tali cambiamenti siano in grado di influenzare, ad esempio, le performance delle imprese, definite in termini di profittabilità. I cambiamento adottati dalla singole organizzazioni conducono alle dinamiche evolutive a livello di aggregati di imprese (settori). A livello di industria infatti opera un meccanismo selettivo che premia le scelte di cambiamento profittevoli e elimina le altre. Presenza di meccanismi imitativi Si distinguono le organizzazioni sulla base dei tempi di attuazione del cambiamento: i first movers sono seguiti da imitatori che replicano, fino a renderle obsolete, quelle routine innovative che ex post si sono dimostrate di successo La tradizione di ricerca della Resource Dependance (RD): il cambiamento come riduzione dell incertezza Le teorie della RD si basano sui contributi di Pfeffer e Salancik (1978) che analizzano le strategie di cambiamento organizzativo messe in atto per interagire con l incertezza ambientale, attraverso al gestione delle interdipendenze interorganizzative. L unità di analisi prescelta è dunque proprio l organizzazione (definita focale) nel suo ambiente specifico. 15

16 Gli assunti di base di tale tradizione possono essere considerati i seguenti: - il task environment è un ambiente negoziato; - il ruolo del management è condizionato; - il cambiamento è motivato dall esigenza di ridurre l incertezza. Il task environment è un ambiente negoziato L ambiente è interpretato come un sistema di attori organizzativi collegati da relazioni di interdipendenza nel quale la singola organizzazione (classificata come focale) negozia relazioni di scambio con il proprio output sete e input set. Le teorie evidenziano sia le potenzialità di una organizzazione focale di attivare cambiamento nelle modalità di coordinamento delle relazioni che la legano agli altro attori del suo ambiente specifico, sia i limiti e i condizionamenti che esso è in grado di esercitare sull organizzazione stessa. Il ruolo del management è condizionato Il management, contrariamente a quanto assunto dalla prospettiva Strategic Choice non è indipendente nella formulazione delle proprie azioni di cambiamento finalizzate al governo delle relazioni di interdipendenza. Esistono infatti limiti derivanti dalla struttura di potere del task environment nel quale si colloca la organizzazione focale. Il cambiamento è motivato dall esigenza di ridurre l incertezza Come già ipotizzato dalle teorie dei costi di transazione, anche nella RD si evidenzia come le azioni di cambiamento organizzativo sono finalizzate a cercare nuove soluzioni di governo dell incertezza derivante dal comportamento e dal potere delle altre organizzazioni che compongono il task environment. Le azioni che possono essere attuate sono infatti o rivolte alla riduzione della dipendenza o alla modifica della dipendenza stessa tramite ad esempio interventi di integrazione verticale, fusioni, joint venture ecc. 1.4 Tradizioni di ricerca focalizzate sulle relazioni fra organizzazione e ambiente istituzionale I processi di cambiamento organizzativo sono indagati e studiati considerando non solo le relazioni che si sviluppano tra una specifica organizzazione (focale) e gli altri attori con cui essa direttamente interagisce o compete, ma in senso ampio tutto il conteso ambientale, definito dunque istituzionale in quanto contraddistinto da sue specifiche modalità di regolazione e di governo dei comportamenti 16

17 che esulano da una singola relazione. Le tradizioni di ricerca collocabili in questo gruppo sono quelle istituzionaliste e quella dell ecologia delle popolazione, La tradizione di ricerca istituzionalista: il cambiamento come ricerca della compliance Una sintetica identificazione dei principi su cui si fonda la teorie istituzionalista conduce a richiamare i contributi di Selznick (1948, 1949, 1957). Il tema del cambiamento infatti appare centrale in una impostazione che evidenzia i continui e molteplici processi di adattamento richiesti ad una organizzazione che deve modificarsi per interagire e con diversi e mutevoli valori, interessi e coalizioni. Una impostazione generalmente definita nuova può invece concordemente essere ricondotta alla considerazioni di DiMaggio e Powell (1983) e Meyer e Rowan (1977) che hanno ampliato l oggetto di indagine includendo una molteplicità di livelli o prospettive per la definizione dell ambiente istituzionale: non già meramente valori ma anche norme statali, regolamenti professionali. Il cambiamento viene interpretato come tendenza alla compliance istituzionale, vale a dire uniformità ricerca di legittimazione. Gli assunti di base di tale tradizione di ricerca possono essere considerati i seguenti: - il campo come unità di analisi e di indagine - le organizzazioni di uno stesso campo sono isomorfiche - il cambiamento organizzativo è vincolato da fattori di inerzia e resistenza - il cambiamento organizzativo si sviluppa secondo percorsi di isomorfismo Il campo come unità di analisi e di indagine Le teorie del nuovo istituzionalismo scelgono come proprio oggetto di analisi il capo organizzativo che, in diverse accezioni, si pone in una dimensione collettiva raccogliendo una popolazione di organizzazioni. La domanda di ricerca di fondo è proprio cercare di comprender come si manifestino fenomeni di isomorfismo o allomorfismo fra le organizzazioni incluse all interno di tale dimensione. Le organizzazioni di uno stesso campo sono isomorfiche Contrariamente agli approcci della Resource Based View e della Behavioural Theory of the Firm prevalgono assunti che evidenziano l isomorfismo e dunque la tendenza ad attuare cambiamenti volti a mettere in atto comportamenti imitativi (DiMaggio, Powell, 1983). Il processo di isomorfismo viene infatti rafforzato dalle interazioni fra le organizzazioni, dall emergere di coalizioni dominanti che si riferiscono a uno stesso sistema di valori, e un sistema di mutuo 17

18 riconoscimento conduce a sostituire forme di diversità ed eterogeneità con un sistema di istituzionalizzazione ed isomorfismo. Il cambiamento organizzativo è vincolato da fattori di inerzia e resistenza Un assunto centrale delle teorie istituzionaliste è che il cambiamento organizzativo, al contrario di quanto predetto dalla teorie della Strategic Choice e dei Costi di Transazione, è reso difficile da numerosi fattori di freno e resistenza (Tolbert, 1985; Tolbert, Zucker, 1983). Si evidenziano infatti tutte le condizioni del campo che rendono le organizzazioni persistenti e stabili. Il cambiamento organizzativo si sviluppa secondo percorsi di isomorfismo La legittimazione e l imitazione sono le forze prevalenti che guidano i processi di cambiamento delle organizzazioni appartenenti ad uno stesso campo e consentono, anzi spiegano, la persistenza di organizzazioni inefficienti. Invece che criteri di innovazione o distruzione creativa prevalgono logiche di convergenza, inerzia e stabilità. In tal senso vengono spiegate empiricamente l emergere di specifiche forme organizzative come la forma multidivisionale (Fligstein, 1985; Palmer et al. 1993). Solo alcuni autori (Oliver, 1991) giungono a considerare possibili azioni di risposta alla pressioni del campo e a ipotizzare, almeno in parte, strategie (Strategic Choice) differenziate, anche se sempre all interno di alternative predefinite o preclassificabili La tradizione di ricerca della Population Ecology: l impossibilità del cambiamento La tradizione di ricerca della Population Ecology, come noto, si riferisce alle teorie che sviluppano i principi e gli assunti esposti da Aldrich, (1979) e soprattutto Hannan e Freeman ( 1977). Pur scegliendo come oggetto di analisi una dimensione simile a quella delle teorie istituzionaliste cioè la popolazione organizzativa, la domanda di ricerca di fondo appare diametralmente opposta: laddove i primi indagano e spiegano la presenza e la persistenza di organizzazioni simili (isomorfismo), questa tradizione di ricerca cerca di comprendere invece perché vi siano numerose forme organizzative diverse le une dalle altre (allomorfismo). Facendo riferimento ad una impostazione tipicamente definibile di determinismo ambientale, escludono una possibile intenzionalità del cambiamento e estendendo su lunghi periodi i tempi di analisi assegnano ad un meccanismo selettivo sovra-aziendale il ruolo di causa dell emerge di nuove forme organizzative. Gli assunti di base presenti in tale tradizione di ricerca possono essere considerati i seguenti: - il cambiamento organizzativo è interpretato come fenomeno collettivo; - la presenza di inerzia strutturale interna ed esterna; 18

19 - le organizzazioni non possono adattarsi all ambiente istituzionale; - il cambiamento è processo di distruzione e creazione osservabile a livello di popolazione; - l assenza di intenzionalità manageriale Il cambiamento organizzativo è interpretato come fenomeno collettivo La dimensione di analisi prescelta, vale a dire una popolazione di organizzazioni impegnate in simili attività e con simili processi di utilizzo delle risorse (Baum, 1996), è l unica in grado di evidenziare le dinamiche di cambiamento organizzativo che giungono ad influenzare la sopravvivenza o lo sviluppo di un singolo membro della popolazione o della popolazione stessa. La presenza di inerzia strutturale interna ed esterna Come anche nel caso delle teorie evoluzioniste, nelle teorie della Population Ecology, l inerzia strutturale interna deriva dalla routine e della competenze organizzative che si sono sviluppate all interno delle organizzazioni nel corso della loro esistenza. L inerzia interna svolge un ruolo rilevante in quanto assicura un alto gradi di affidabilità, riducendo costi e incertezza. L inerzia strutturale esterna, invece, si riconosce in quei fattori ambientali che creano il contesto tecnologico e culturale (in genere istituzionale) all interno del quale le organizzazioni si collocano. Le organizzazioni non possono adattarsi all ambiente istituzionale Le organizzazioni non considerate coerenti o non più adatte al loro ambiente attraversano un processo di selezione e si estinguono proprio in base ad una logica evolutiva che premia le forme più efficienti e economicamente profittevoli. In sostanza le teorie della Population Ecology, spostando il focus di analisi sulla popolazione, rilevano come la presenza di inerzie renda nel tempo difficile rischioso il cambiamento della singola organizzazione. Di fronte a modifiche dell ambiente istituzionale è considerato quasi impossibile supera le resistenze che derivano dal complesso di routine e procedure, dalle competenze e conoscenze che non pur no risultando più adatte, continuano ad esercitare una insuperabile resistenza. Il cambiamento è processo di distruzione e creazione osservabile a livello di popolazione Il cambiamento organizzativo avviene invece al livello di popolazione: le organizzazioni non più adate scompaiono e nuove organizzazioni dotate di caratteristiche maggiormente coerenti si affermano e prosperano. Il cambiamento dunque agisce come forza superiore alle singole organizzazioni ed esercita su di loro un effetto inevitabilmente selettivo. E proprio l incapacità di 19

20 cambiare delle organizzazioni preesistenti (incumbent) che rappresenta una opportunità per nuove organizzazioni che possono trovare spazi inaspettati e conseguire performance più elevate grazie all introduzione di varianti organizzative che le rendono più adatte. L assenza di intenzionalità manageriale Le teorie della Population Ecology prestano una contenuta attenzione al ruolo che il management può svolgere nei processi di cambiamento nel lungo periodo. Anzi, evidenziando che, piuttosto che tramite cambiamenti organizzativi, l evoluzione si basa sulla nascita di nuove organizzazioni, assegnano una cerca importanza a tale fattore solo al momento della fondazione di una organizzazione. E infatti in quel momento che si realizza quasi un meccanismo di imprinting (alla Stinchombe, 1965) con cui le condizioni ambientali e la struttura sociale si fondono e caratterizzeranno quell impresa o azienda praticamente fino all estinzione. 1.5 References Aldrich H. E.. (1979) Organization Set Size and Diversity: Links Between People Processing Organizations and Their Environments, Administration and Society, n.11. Aldrich, H., Mueller, S The evolution of organizational forms: technology, coordination and control. In Staw, B.M. Cummings L.L. Research in Organizational Behaviour,. Greenwich. JAI; Ansell C. (2002) Pragmatism and Organizations. Working paper, University of California, Berkeley, CA. Antonelli G., Moschera L. (2005), Regolazione istituzionale e dinamiche interorganizzative per la competitività di un cluster, in Mercurio R., Organizzazione, Regolazione e Competitività., McGrawHill Milano. Barley, S.R., Tolbert, P.S. 1997, Instituzionalization and Structuration: Studying the Links between Action and Institution. Organisation Studies, 18/1: ; Barnett P, Perkins R and Powell M. (2001) On a hiding to nothing? Assessing the corporate governance of hospital and health services in New Zealand, International Journal of Health Planning and Management n. 16. Berni A., Cicellin M., Consiglio S., Moschera L. Institutional path creation and path dependence of the Italian Temporary Work Agencies field. Proceedings del 26th EGOS Colloqium, Lisbona 1-3 luglio

LE IMPRESE DI TRASPORTO FERROVIARIO IN EUROPA: PRESSIONI ISTITUZIONALI E NUOVE FORME ORGANIZZATIVE

LE IMPRESE DI TRASPORTO FERROVIARIO IN EUROPA: PRESSIONI ISTITUZIONALI E NUOVE FORME ORGANIZZATIVE LE IMPRESE DI TRASPORTO FERROVIARIO IN EUROPA: PRESSIONI ISTITUZIONALI E NUOVE FORME ORGANIZZATIVE Riccardo Mercurio mercurio@unina.it Marcello Martinez marmarti@unina.it Luigi Moschera moschera@unina.it

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE

SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE SUGGERIMENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI DI LAUREA MAGISTRALE A cura di MARIO PEZZILLO IACONO PROCEDURA DI SVOLGIMENTO DELL ELABORATO Scrivere la tesi rappresenta una delle prime occasioni nelle quali

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

CAPITOLO 5 Le Risorse e le Competenze come base della strategia

CAPITOLO 5 Le Risorse e le Competenze come base della strategia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA CAPITOLO 5 Le Risorse e le Competenze come base della strategia Robert M. Grant Presentazione di: Radi Davide SCOPO DEL CAPITOLO: Valutare

Dettagli

CAPITOLO 5. Relazioni Interorganizzative

CAPITOLO 5. Relazioni Interorganizzative CAPITOLO 5 Relazioni Interorganizzative Agenda Le relazioni interorganizzative Modello interorganizzativo Dipendenza dalle risorse Network collaborativi Ecologia delle Popolazioni Istituzionalismo 2 Le

Dettagli

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Terza lezione 15102014 Le origini storico- teoriche: I debi2 nei cfr delle teorie dell impresa Le relazioni tra ambiente- strategia- stru;ura- ges2one risorse umane

Dettagli

Organizzazione e Gestione delle risorse umane II modulo

Organizzazione e Gestione delle risorse umane II modulo Organizzazione e Gestione delle risorse umane II modulo Enrico Sevi e.sevi@ec.univaq.it Orario lezioni Lunedì 9.00-12.00 Mercoledì 17.00-19.00 venerdì 11.00-14.00 Ricevimento Martedì 17.00-18.00 Programma

Dettagli

Gruppo 9: Locatelli Milesi Pieremilio Moretti Sabrina Pasinetti Mara Trapletti Denise Sonzogni Francesco

Gruppo 9: Locatelli Milesi Pieremilio Moretti Sabrina Pasinetti Mara Trapletti Denise Sonzogni Francesco Gruppo 9: Locatelli Milesi Pieremilio Moretti Sabrina Pasinetti Mara Trapletti Denise Sonzogni Francesco Al momento del lancio di una nuova impresa l imprenditore deve affrontare 4 domande collegate tra

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Capitolo 7 Reti di impresa

Capitolo 7 Reti di impresa Capitolo 7 Reti di impresa Indice Il tema delle reti nella teorie manageriali Le definizioni prevalenti sul concetto di rete Risorse e competenze nei processi di rete Rete e vantaggi competitivo Alcune

Dettagli

L APPROCCIO NEOISTITUZIONALISTA PER LO STUDIO DEL CAMPO ORGANIZZATIVO DEI CALL CENTER

L APPROCCIO NEOISTITUZIONALISTA PER LO STUDIO DEL CAMPO ORGANIZZATIVO DEI CALL CENTER Università Ca Foscari Venezia L ORGANIZZAZIONE FA LA DIFFERENZA? IX Workshop dei Docenti e dei Ricercatori di Organizzazione Aziendale 7 8 Febbraio 2008 Track: Istituzioni, tecniche e contingenze economiche:

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica.

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. Cenni introduttivi L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. L ambiente internazionale è diventato globale, come un unico

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

L evoluzione del pensiero organizzativo

L evoluzione del pensiero organizzativo Organizzazione aziendale CLT in Economia e Management Prof. Paolo Gubitta 24 e 25 settembre 2014 L evoluzione del pensiero organizzativo Materiali didattici - a.a. 2014-2015 http://www.ateneonline.it/costa_organizzazione3e/home.asp.

Dettagli

I meccanismi di coordinamento

I meccanismi di coordinamento Scienze della comunicazione Le determinanti della complessità del problema di coordinamento Differenziazione Interdipendenza Corso di Organizzazione aziendale dott.ssa Francesca Chiara Esigenze di integrazione

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI

LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Capitolo III LA CONOSCENZA NELLE RETI TERRITORIALI Parole Chiave Resource based View Vantaggio Competitivo Know-how, Know-what, Know-who Apprendimento Interorganizzativo Capitale Sociale Processi Imprenditoriali

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 www.ibs.it www.bol.it Di Gianluigi Mangia estratto Negli ultimi decenni si è realizzato un profondo cambiamento

Dettagli

Sistemi Informativi: teorie, modelli, temi di ricerca. Pontiggia (1997) Capitolo 1

Sistemi Informativi: teorie, modelli, temi di ricerca. Pontiggia (1997) Capitolo 1 Sistemi Informativi: teorie, modelli, temi di ricerca Pontiggia (1997) Capitolo 1 1 Sistemi informativi: multidisciplinarietà (Pontiggia 1997, pag.1); (Baskerville e Myers 2002) 2 Body of Information Systems

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Argomenti Definizione di Strategia Modelli di Analisi Strategica (e della concorrenza) Modelli di Formulazione della Strategia (Processo

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

Gestione delle Imprese

Gestione delle Imprese Gestione delle Imprese Compendio del Fontana-Carioli F.F.V. 1 I L SISTEMA E L AMBIENTE C OMPETITIVO L impresa è un sistema costituito da un insieme di risorse e di attori legati tra loro da relazioni orientate

Dettagli

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative Corso di Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010 Forme organizzative Università degli Studi del Sannio Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Economia e Gestione delle Imprese Esplicazione e Slide Marco D Epifano Liberamente tratto da Economia e gestione delle imprese, McGraw-Hill, Fontana Caroli. L acquisto del lavoro è subordinato a quello

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

T_cesit. n 7 2014 La progettazione di modelli di organizzazione, gestione e controllo nelle aziende di Trasporto Pubblico Locale

T_cesit. n 7 2014 La progettazione di modelli di organizzazione, gestione e controllo nelle aziende di Trasporto Pubblico Locale ISSN 2039-2303 T_cesit n 7 2014 La progettazione di modelli di organizzazione, gestione e controllo sped. in abb. post. stampe preriodiche Filiale di Napoli Centrostudi suisistemi ditrasporto CarloMarioGuerci

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende

Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Capitolo 11 Reti professionali ed evoluzione delle forme organizzative interne alle aziende Le comunità di pratica: definizione La ricerca accademica definisce le comunità di pratica come un insieme di

Dettagli

L evoluzione delle competenze verso il Database Manager

L evoluzione delle competenze verso il Database Manager L evoluzione delle competenze verso il Database Manager Workshop sulle competenze ed il lavoro dei Database Manager Milano, 1 marzo 2011 Elisabetta Peroni consulente sui sistemi di gestione dati (betty.peroni@gmail.com)

Dettagli

Le proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno

Le proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno Proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno 1 Capitolo 1 Le proposte teoriche per la gestione del sistema di controllo interno Stefano Garzella, Daniela Mancini, Luigi Moschera 1

Dettagli

[SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione

[SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione [SOLUZIONI INNOVATIVE] La gestione dei processi di innovazione [Umbria Innovazione ] [Programma I-Start] SOMMARIO SOMMARIO... 1 GESTIONE DEI PROCESSI DI INNOVAZIONE... 2 I PROCESSI DI INNOVAZIONE... 2

Dettagli

Concetto di Strategia

Concetto di Strategia Strategia 1 Concetto di Strategia L'etimologia della parola "strategia" è greca e significa "l'arte del generale", cioè la capacità di arrivare ad una visione d'insieme che permetta di prendere le decisioni

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica.

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. Cenni introduttivi L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. L ambiente internazionale è diventato globale, come un unico

Dettagli

OSSERVATORIO IT GOVERNANCE. Premessa

OSSERVATORIO IT GOVERNANCE. Premessa OSSERVATORIO IT GOVERNANCE IL NUOVO STANDARD SUL PORTFOLIO MANAGEMENT DEL PROJECT MANAGEMENT INSTITUTE (PMI) a cura di Flavio De Trane, manager di HSPI (liberamente tratto dallo Standard sul Portfolio

Dettagli

La gestione dei progetti come modello di innovazione organizzativa

La gestione dei progetti come modello di innovazione organizzativa La gestione dei progetti come modello di innovazione organizzativa di Raffaele Crispino - Rocco Reina L attuale scenario di riferimento, caratterizzato da una profonda turbolenza e volatilità, impone alle

Dettagli

La cinematografia come produzione ad alto contenuto di creatività: : inquadramento di filiera e peculiarità organizzative

La cinematografia come produzione ad alto contenuto di creatività: : inquadramento di filiera e peculiarità organizzative Lezione La cinematografia come produzione ad alto contenuto di creatività: : inquadramento di filiera e peculiarità organizzative Prof.ssa Clara Bassano Corso di Marketing A.A. 2008-2009 I caratteri dell

Dettagli

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all

ottenere delle basi sulla quale poter sviluppare successivamente progetti di miglioramento organizzativo a partire dalle priorità individuate all Introduzione Il tema del benessere organizzativo è attualmente molto discusso all interno dei contesti lavorativi. Ciò perché tutti coloro che si occupano di organizzazione e di gestione delle risorse

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo

Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Aziende speciali, multiutility e servizi ambientali Supporto allo sviluppo Executive Summary Il settore delle utilities è fra quelli che avranno una maggiore crescita nei valori economici e nell occupazione.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 PASSAGGIO DA FORMA SEMPLICE A FORMA GERARCHICO-FUNZIONALE La forma semplice è caratterizzata

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

I modelli organizzativi

I modelli organizzativi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea in INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA, GESTIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Prof. Fabio Musso A.A. 2007-08

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile

Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile Il Lavoro per Progetti per il Servizio Civile ovvero come qualche strumento tecnico può aiutare la gestione, ma solo se restiamo umani Traccia del contributo progetto e lavoro per progetti progetto e servizio

Dettagli

Presentazione Generale

Presentazione Generale Presentazione Generale Milano, Maggio 2015 info@svreporting.com Servizi Se vuoi cambiare il modo di pensare di qualcuno, lascia perdere; non puoi cambiare come pensano gli altri. Dai loro uno strumento,

Dettagli

Clustering Geografico ed Evoluzione della Rete: Uno Studio sulle Determinanti dell Attività Relazionale delle Imprese

Clustering Geografico ed Evoluzione della Rete: Uno Studio sulle Determinanti dell Attività Relazionale delle Imprese Clustering Geografico ed Evoluzione della Rete: Uno Studio sulle Determinanti dell Attività Relazionale delle Imprese Simone Ferriani University of Bologna Management Department & University of Cambridge

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO DOTTORATO DI RICERCA IN ECONOMIA E DIREZIONE DELLE AZIENDE PUBBLICHE XI CICLO Abstract LE NUOVE FRONTIERE DEL SERVIZIO SANITARIO PENITENZIARIO CANDIDATO Dr. Migliaccio

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Marco Pironti pironti@di.unito.it it www.di.unito..di.unito.it/~pironti 1 Executive summary Corporate governance Le strategie d impresa Le politiche di pianificazione e controllo Le politiche organizzative

Dettagli

Assessment, Capability Review, Business 360. Metodo e Strumenti

Assessment, Capability Review, Business 360. Metodo e Strumenti Assessment, Capability Review, Business 360 Metodo e Strumenti Assessment & Capability Review Contenuti e Obiettivi L assessment è la valutazione delle competenze individuali, dei punti di forza, delle

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione.

Mission. Filosofia di intervento. Soluzioni. Approccio al Training. Catalogo Training. Modello di Training. Targetizzazione. Mission Filosofia di intervento Soluzioni Management Consulting Training & HR Development Approccio al Training Catalogo Training Modello di Training Targetizzazione Contatti 2 MISSION Future People offre

Dettagli

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M.

Temporary Manager Short master per il ruolo di T.M. Sistema di qualità conforme allo standard ISO 9001:2008 certificato n 9175.AMB3 Autorizzazione Ministero del Lavoro n 13/I/0015692/03.04 per Ricerca e Selezione del Personale Autorizzazione Ministero del

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

ALESSANDRO ARRIGHETTI

ALESSANDRO ARRIGHETTI ALESSANDRO ARRIGHETTI Department of Economics, University of Parma, Via Kennedy 6 43100 Parma Phone: +39.0521.032404 Fax: +39.0521.032402 e-mail: alessandro.arrighetti@unipr.it Professore ordinario in

Dettagli

LE TEORIE CONTINGENTI SU AMBIENTE E TECNOLOGIA 1

LE TEORIE CONTINGENTI SU AMBIENTE E TECNOLOGIA 1 INTEGRAZIONE AL CAPITOLO 2 LE TEORIE CONTINGENTI SU AMBIENTE E TECNOLOGIA 1 Ambiente e organizzazione I primi e più noti studi sul rapporto organizzazione e ambiente sono quelli di Burns e Stalker (1961)

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Capitolo II L IMPRENDITORIALITA

Capitolo II L IMPRENDITORIALITA Capitolo II L IMPRENDITORIALITA Parole Chiave Strategic Entrepreneurship Imprenditorialità Reticolare Structural Holes Divisione del Lavoro Network Innovation Management Apprendimento Territoriale 20 L

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Politica Economica Istituzioni e Efficienza

Politica Economica Istituzioni e Efficienza Politica Economica Istituzioni e Efficienza 2 Introduzione al concetto di Istituzioni Le istituzioni riducono il tasso di incertezza creando delle regolarità nella vita di tutti i giorni. Sono una guida

Dettagli

Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA

Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Capitolo 2 : LA GESTIONE STRATEGICA NELLA REALTA GIORGIO BAIOCCHI

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. UN FRAMEWORK PER STUDIARE LA COORDINAZIONE 3. UNA PROSPETTIVA DI COORDINAZIONE 4. LAVORI FUTURI 5. CONCLUSIONI 1.

1. INTRODUZIONE 2. UN FRAMEWORK PER STUDIARE LA COORDINAZIONE 3. UNA PROSPETTIVA DI COORDINAZIONE 4. LAVORI FUTURI 5. CONCLUSIONI 1. Contenuti The Interdisciplinary Study of Coordination THOMAS W. MALONE KEVIN CROWSTON DI ACM Computing Surveys, Vol. 26, No. 1, March 1994 1 - INTRODUZIONE DI La viene studiata in differenti aspetti: Sistemi

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/2994353 XII LEZIONE 22/10/2012 Perche le imprese si diversificano? La diversificazione può avvenire a beneficio dei proprietari

Dettagli

Lezione 8. Politica Economica Avanzata A.A 2009-10

Lezione 8. Politica Economica Avanzata A.A 2009-10 Lezione 8 Politica Economica Avanzata Alcuni approfondimenti sul concetto di complementarietà/sostituibilità Abbiamo visto che il grado di concorrenza sembra favorire la crescita della produttività dell

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Competizione localizzata e longevità. delle imprese alberghiere della Costa d Amalfi

Competizione localizzata e longevità. delle imprese alberghiere della Costa d Amalfi Competizione localizzata e longevità delle imprese alberghiere della Costa d Amalfi Filomena Buonocore Dottorato di ricerca in Dottrine economico aziendali e governo d impresa Università degli Studi di

Dettagli

LABORATORIO NEGOZIAZIONE

LABORATORIO NEGOZIAZIONE Milano, 13 aprile 2012 Professione: MANAGER LE MONOGRAFIE Professione: MANAGER LABORATORIO NEGOZIAZIONE INTERVENTO DI FORMAZIONE/COACHING PER RESPONSABILI NUOVE STRUTTURE REGIONALI 2012 2011 The European

Dettagli

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo

La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo La Learning Organization Apprendimento organizzativo, individuale e generativo Francesco Sardu 8 agosto 2003 indice 1. Apprendimento organizzativo, individuale e generativo 2. Le cinque discipline per

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Visione d insieme e definizione

Visione d insieme e definizione Visione d insieme e definizione Corso di Organizzazione Aziendale Alcune capacita /competenze organizzative STRUTTURA STRATEGIA TECNOLOGIA RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE 1 Raggruppamento Funzionale Raggruppamento

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche Sviluppo delle Risorse e delle Competenze. Prof. V. Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche Sviluppo delle Risorse e delle Competenze. Prof. V. Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Sviluppo delle Risorse e delle Competenze Facoltà di Economia S.U.N. Vi è comunemente poca conoscenza del legame che intercorre tra risorse e competenze. Numerose ricerche dimostrano come le imprese che

Dettagli

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership DOMENICO BODEGA Le forme della leadership Redazione e fotocomposizione Norma, Parma ISBN 978-88-17-05823-0 Copyright 2002 RCS Libri S. p. A. Prima edizione Etas: maggio 2002 Quinta ristampa Rizzoli Etas:

Dettagli

La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy -

La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy - La formazione come strumento per facilitare la comunicazione interna e il cambiamento in azienda - Caso DHL Express Italy - Pasquale Cicchella, HR Training and Development Manager, DHL Express Italy Simonetta

Dettagli

STRATEGIE DI CRESCITA DELLE PUBLIC UTILITIES. Francesca Lecci

STRATEGIE DI CRESCITA DELLE PUBLIC UTILITIES. Francesca Lecci STRATEGIE DI CRESCITA DELLE PUBLIC UTILITIES Francesca Lecci Agenda Le dimensioni del comparto delle public utilities: fabbisogno di crescita Le strategie di crescita Le alleanze strategiche Definizione

Dettagli

Edizioni Simone - Vol. 40/1 Compendio di Organizzazione aziendale

Edizioni Simone - Vol. 40/1 Compendio di Organizzazione aziendale Edizioni Simone - Vol. 40/1 Compendio di Organizzazione aziendale Capitolo 1 L azienda Sommario 1. Il sistema aziendale. - 2. L equilibrio d azienda e i fattori aziendali. - 3. L equilibrio nel breve e

Dettagli

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005

Marco Salvato, KPMG. AIEA Verona 25.11.2005 Information Systems Governance e analisi dei rischi con ITIL e COBIT Marco Salvato, KPMG Sessione di studio AIEA, Verona 25 Novembre 2005 1 Information Systems Governance L'Information Systems Governance

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Le parti dell organizzazione: il modello di Mintzberg

Le parti dell organizzazione: il modello di Mintzberg Lezione 7 Le parti dell organizzazione: il modello di Mintzberg Interdipendenze e coordinamento Altri sistemi operativi (cenni) Le parti dell organizzazione: il modello di Mintzberg Vertice strategico

Dettagli

Innovazione e cambiamento

Innovazione e cambiamento ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Innovazione e cambiamento 2 Contenuti del capitolo Innovare o perire: il ruolo strategico del cambiamento Cambiamento tecnologico Nuovi prodotti e servizi Cambiamenti strategici

Dettagli

Network management. Dott. Alessandro Sancino Ricercatore ALTIS, Divisione Public Management. 0. Un inquadramento: dove siamo

Network management. Dott. Alessandro Sancino Ricercatore ALTIS, Divisione Public Management. 0. Un inquadramento: dove siamo Network management Dott. Alessandro Sancino Ricercatore ALTIS, Divisione Public Management 1 0. Un inquadramento: dove siamo Modelli di riferimento Burocrazia New Public Management Network Management Momento

Dettagli

ECONOMIA REGIONALE. lo spazio diversificato relazionale. VII. Competitività territoriale e

ECONOMIA REGIONALE. lo spazio diversificato relazionale. VII. Competitività territoriale e ECONOMIA REGIONALE Teorie dello sviluppo locale: lo spazio diversificato relazionale VII. Competitività territoriale e sviluppo esogeno 1 Lo spazio diversificato: gli elementi della competitività territoriale

Dettagli

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo

APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI. (ModuloTECNICA DELLA COMUNICAZIONE) CFU 5 Prof. Bruno Buzzo APPLICAZIONI DI MARKETING CFU 10 Coordinatore: Prof. GIANNI COZZI Gli studenti della laurea specialistica in General Management dovranno scegliere due moduli tra i cinque moduli (da 5 CFU ciascuno) sotto

Dettagli