Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Razza Modenese Bianca Val Padana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana"

Transcript

1 Modenese:Layout : Pagina Razza Modenese Bianca Val Padana Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese Bianca Val Padana Tradizione Caratteristiche degli animali Produzione di Parmigiano Reggiano di razza Modenese Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria

2 Modenese:Layout : Pagina La razza Modenese BVP in breve Storia La razza bovina Modenese, denominata anche "Modenese Bianca Val Padana", ha probabilmente avuto origine da popolazioni dal manto fromentino, allevate a metà del IX secolo nella zona di Carpi, in provincia di Modena. Tali popolazioni sarebbero state incrociate con bovini grigi Podolici e selezionate per il mantello bianco, per la produzione di latte e, in tempi più recenti, per la produzione di carne. Tra il 957 e il 975 ci fu una prima registrazione anagrafica degli animali. Nel 986 venne attivato il Registro Anagrafico Nazionale. I controlli funzionali per la produzione di latte iniziarono negli anni 90. N vacche Anno Demografia e distribuzione della razza La popolazione ha raggiunto la dimensione massima di circa vacche intorno agli anni 0. Nei primi anni 50 ebbe inizio un forte processo di sostituzione con le razze cosmopolite Bruna Alpina e Frisona: negli anni 0 nella provincia di Modena il 00% dei bovini era di razza Modenese, mentre nel 968 era solo il 6%. A questo processo di sostituzione, negli anni 70-80, seguì, nelle zone di pianura della provincia di Modena, una generale riduzione dell allevamento del bovino da latte sostituito con la coltivazione di piante da frutto. In figura è riassunto l andamento del numero di vacche negli ultimi decenni, con la massima flessione nel 000. Oggi sono presenti circa 650 vacche (fig. ), tra le quali circa 90 in lattazione. Figura. Numero di vacche di razza Modenese dagli anni 80 ad oggi. Descrizione della razza La Modenese presenta un mantello bianco. Il musello è nero con la caratteristica zona a V rovesciata di colore rosa. Gli standard di razza sono riportati in figura 3. È una razza a duplice attitudine, con maggiore enfasi alla produzione di latte che è pari a.700 kg (3,% proteina; 3,3% grasso) in 305 giorni di lattazione. Figura. Area di allevamento. Altezza (cm) Peso corporeo (kg) Femmina Maschio Figura 3. Standard di razza.

3 Modenese:Layout : Pagina 3 Attività di conservazione A seguito della forte contrazione numerica, negli anni 80 sono state avviate alcune azioni di conservazione che però hanno avuto limitato successo. Alla fine degli anni 90 la Regione Emilia Romagna e la Provincia di Modena, in collaborazione con l Associazione Provinciale Allevatori e l Associazione Nazionale Bovini Razza Val Padana, si sono nuovamente attivate nei confronti della razza. Nel 005 ha avuto inizio la produzione di Parmigiano Reggiano prodotto con solo latte di vacche Modenesi (fig. ). Oggi il Consorzio Valorizzazione Prodotti Bovini di razza Bianca Valpadana-Modenese" e la Bianca Modenese Società Cooperativa Agricola producono latte e carne con il marchio di razza (fig. 5). Slow Food nel 005 ha attivato un presidio per salvaguardare la razza Modenese e i suoi prodotti. Per gli allevatori dei bovini di razza Modenese sono previsti, secondo il Regolamento CE n 57/999, sussidi economici (circa 50,00 euro per capo adulto/anno). Figura. Forma di Parmigiano Reggiano prodotta con solo latte di vacche Modenesi. Altre attività di conservazione sono in corso: i piani di gestione per il controllo della consanguineità, la crio-conservazione di materiale seminale e la valorizzazione della carne. Figura 5. Marchi identificativi del Parmigiano Reggiano di vacche Modenesi. 3

4 Modenese:Layout : Pagina Perché allevare la Modenese BVP: Per capire le motivazioni che spingono gli allevatori a continuare ad allevare le razze locali, EuReCa ha intervistato 37 allevatori di 5 razze bovine locali europee. In Italia sono stati intervistati in totale 56 allevatori di razza Reggiana e Modenese Bianca Val Padana. Gli allevatori intervistati Nel 009 sono stati intervistati 6 allevatori di razza Modenese dei circa 50 in attività. Gli allevatori hanno un età media di 5 anni, un livello di istruzione elementare o media inferiore e una famiglia composta da 3- persone. Nell 80% dei casi più del 75% del reddito famigliare proviene dall azienda agricola. In media due membri della famiglia contribuiscono alle attività aziendali, con un assistente esterno a tempo pieno. Gli allevamenti analizzati La dimensione media degli allevamenti è di 68 ettari. Il 90% del terreno aziendale è arabile e il 5% di proprietà dell allevatore. Nel 73% degli allevamenti non viene praticato pascolo, mentre nel 3% si pratica pascolo stagionale. Il 3% degli allevamenti analizzati alleva solo bovini modenesi, con una media di vacche. Il restante 77% è costituito da mandrie miste, spesso con bovini di razza Frisona e con minor frequenza di razza Simmenthal, Reggiana, Bruna Alpina e Blu Belga. Nel 3% dei casi hanno meno del 0% di vacche modenesi, nel 7% dei casi dal 0 al 9% di vacche modenesi e per il restante 9% più del 50% (fig. 6a). L'8% delle mandrie produce solo latte, che in un quarto dei casi è destinato alla produzione di Parmigiano Reggiano di vacche Modenesi e nei rimanenti tre quarti alla produzione di Parmigiano Reggiano standard non legato alla razza, o raramente al consumo diretto. A tutt'oggi una cooperativa e una società agricola trasformano il latte in Parmigiano Reggiano di vacche modenesi. Tre allevamenti sono orientati alla produzione della carne la cui valorizzazione come prodotto di razza è stata avviata recentemente (fig. 6b) < >50 Figura 6a. Numero di allevamenti in funzione della dimensione e della composizione della mandria. N di allevamenti N di allevamenti Suddivisione della razza Modenese negli allevamenti Mandrie Mandrie pure pure 3 Dimensione della mandria Figura 6b. Numero di allevamenti in funzione dell indirizzo produttivo e della composizione della mandria % 50-99% Bovini Bovini razza razza Modenese Modenese 0-9% 0-9% Bovini razza Modenese <0% Bovini Bovini razza razza Modenese Modenese Indirizzo produttivo degli allevamenti di sola razza Modenese e misti Parm. Regg. di Modense Allevamenti Misti Parm. Regg. standard Carne Carne e latte Allevamenti Modenese

5 Modenese:Layout : Pagina 5 l'indagine EuReCa tra gli allevatori Perché gli allevatori allevano bovini di razza Modenese? Abbiamo chiesto agli allevatori le principali motivazioni per continuare ad allevare bovini di razza Modenese (fig. 7). Come prima motivazione gli intervistati hanno indicato la tradizione del luogo e dell azienda e il piacere della famiglia nell allevare questa razza. Come seconda motivazione, le buone caratteristiche degli animali e nuovamente la tradizione dell azienda. Dal confronto tra la razza Modenese e la Frisona Italiana (fig. 8), è emerso che gli allevatori di bovini modenesi riconoscono nella propria razza migliore fertilità, longevità, rusticità e minori esigenze, ma minore produttività e docilità. Nonostante nel complesso la redditività della Modenese sia risultata inferiore rispetto a quella della Frisona, il 35% degli allevatori intervistati, tutti coloro che forniscono latte per la produzione di Parmigiano Reggiano legato alla razza, ha dichiarato una maggiore redditività economica. Che cosa ne pensa la società della razza Modenese? Le percezioni degli allevatori Gli allevatori credono che la società, comprese le autorità regionali, le associazioni, i professionisti di settore, i consumatori, i turisti, l industria, i vicini di casa e i media, abbiano un parere positivo, o per lo meno neutrale, nei confronti della loro razza; l unica categoria che, secondo gli intervistati, percepisce negativamente l allevamento di questa razza è quella degli allevatori delle razze cosmopolite (fig. 9). Inoltre, gli allevatori pensano che la società riconosca nella loro razza locale alcuni valori quali il fatto di essere un patrimonio culturale (8%), di contribuire al mantenimento del paesaggio rurale (85%) e alla salvaguardia della biodiversità agricola (73%). Primo motivo per allevare bovini di razza Modenese % 3% 3% % % 8% % 8% % 7% 7% 38% 7% 7% 8% 8% % % 3% 7% 7% % % Tradizione Caratteristiche Tradizione degli animali Reddito Prodotto Caratteristiche di nicchia degli animali Programmi Reddito di conservazione Diversificazione Prodotto di nicchia Piacere alla famiglia Altro Secondo motivo per allevare bovini di razza Modenese % Tradizione Valore d'immagine Valore d'immagine Caratteristiche degli animali Caratteristiche degli animali Non saprei Non saprei Altro Altro Figura 7. Motivazioni principali per continuare ad allevare la razza Modenese. Confronto Modenese - Frisona redditività economica produttività esigenze rusticità docilità longevità fertilità -,50 -,00-0,50 0,00 0,50,00,50 Punteggio (+=maggiore,-=minore, 0=uguale o non saprei) Figura 8. Come l allevatore valuta la razza Modenese. 5

6 Modenese:Layout : Pagina 6 Cosa progettano gli allevatori per il futuro Come cambierà nei prossimi cinque anni la dimensione degli allevamenti? Poco più della metà degli allevatori prevede di aumentare la dimensione della propria mandria e solo l 8% degli intervistati ipotizza di diminuire il numero di capi o di chiudere l attività (fig. 0). Gli allevatori di Modenese Bianca Val Padana usufruiscono di sussidi economici (Reg. CE 57/99). La figura mostra la scarsa influenza di questi sussidi sugli allevatori: la maggior parte infatti ha dichiarato che continuerà ad allevare lo stesso numero di capi in caso di aumento, riduzione o sospensione dei sussidi. D altra parte gli allevatori apprezzano le iniziative a supporto dell allevamento della razza, quali lo sviluppo del Parmigiano Reggiano di vacche modenesi, il miglioramento delle produzioni e la promozione di un ruolo multifunzionale per la razza, incluso il mantenimento del paesaggio rurale. Un potenziamento dell assistenza tecnica viene considerato di particolare rilevanza dal 70% degli allevatori intervistati. Il livello di gradimento dell assistenza tecnica per il controllo della consanguineità non è elevato. Alcuni allevatori auspicano una maggiore collaborazione tra loro, anche per la produzione di Parmigiano Reggiano e carne legati alla razza. Infine, il 5% degli intervistati sta progettando attività imprenditoriali, in particolare riguardo alla possibilità di produrre Parmigiano Reggiano di razza Modenese e di vendere prodotti della razza direttamente in azienda. Livello di gradimento 00% 90% 80% 70% 60% 50% 0% 30% 0% 0% 0% Media (TV, giornali) Consumatori Agenzie di turismo Il parere della società Turisti Vicini di casa non allevatori Industrie alimentari Allevatori delle razze cosmopolite Autorità regionali Associazioni allevatori Veterinari Tecnici dell'inseminazione Non saprei Positivo Neutrale Negativo Figura 9. L opinione degli allevatori sul parere della società nei confronti della razza Modenese. % di allevamenti Sviluppo della mandria nei prossimi 5 anni STOP -5% 0% 0% 0% 30% 60% 00% 00% Variazione della dimensione della mandria Figura 0. Come cambierà la dimensione della mandria nei prossimi cinque anni. 8 Variazione dimensione della mandria Variazione dei sussidi Smetto Diminuisco Stesso modo Aumento Non saprei Aumento (+ 50%) Riduzione (- 50%) Sospensione Figura. Il pensiero degli allevatori (%) di fronte all ipotesi di variazione nell erogazione di sussidi. 6

7 Modenese:Layout : Pagina 7 Analisi delle Forze, Debolezze, Opportunità e Minacce Sulla base delle interviste agli allevatori è stata eseguita l analisi delle Forze e delle Debolezze della razza e della sua struttura allevatoriale, nonché delle Opportunità e delle Minacce associate al contesto locale e nazionale. Forze Alta qualità del Parmigiano Reggiano di razza Modenese. Competitività economica per gli allevamenti produttori di Parmigiano Reggiano di razza Modenese. Latte con elevata attitudine alla caseificazione. Valore culturale grazie al legame storico tra razza, area di allevamento e produzione di Parmigiano Reggiano. Buone caratteristiche degli animali quali longevità, fertilità, rusticità e scarse esigenze. Presenza di un gruppo di allevatori appassionati e di consorzi per la produzione e la commercializzazione di formaggi e carni. Debolezze Basso numero di capi con rischio di elevata consanguineità. Presenza di piccoli allevamenti in aree difficili da raggiungere e di mandrie miste, con difficoltà nella raccolta separata del latte di razza. Ridotta produttività. Opportunità Aumento, a livello nazionale e internazionale, della richiesta di prodotti di nicchia e di qualità. Consapevolezza e capacità nazionale nello sviluppo e nella promozione dei prodotti di nicchia. Presenza di incentivi economici. Supporto delle istituzioni nazionali e locali. Potenziale valore turistico. Considerazione positiva della società verso la razza. Minacce Rischio futuro di saturazione del mercato del prodotto tipico. Rischio di falsificazione del prodotto tipico. Trend economico negativo dell allevamento del bovino da latte. 7

8 Modenese:Layout : Pagina 8 Progetto EuReCa Il progetto EURECA (Toward self-sustainability of EUropean REgional CAttle breeds) ha avuto inizio nel 007, con la partecipazione di istituzioni di 0 paesi Europei: Olanda, Francia, Italia, Finlandia, Belgio, Estonia, Polonia, Irlanda, Spagna, Norvegia. EURECA intende contribuire alla salvaguardia, allo sviluppo e all utilizzo sostenibile delle razze bovine locali, attraverso lo scambio di esperienze tra diverse realtà europee, tra gli allevatori e mondo della ricerca. Gli obiettivi specifici di EURECA sono: Analizzare i fattori che influenzano la sostenibilità delle razze locali Identificare punti di forza e criticità nei programmi di crioconservazione Censire tecniche e strumenti disponibili per la gestione genetica Sviluppare Linee Guida per la salvaguardia e l utilizzo sostenibile delle razze locali Per maggiori informazioni riguardo il progetto EURECA: L indagine sulla razza Modenese Bianca Val Padana è stata svolta in collaborazione tra il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Veterinarie per la Sicurezza Alimentare dell Università degli Studi di Milano e l Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria del Consiglio Nazionale delle Ricerche Questa brochure è stata realizzata da Gustavo Gandini, Flavia Pizzi, Federica Turri, Francesca Negrisolo e Michele Musella. Si ringraziano Stefano Fogacci e Federica Turri per le fotografie. Luglio 00 Contatti: Si ringraziano Associazione Provinciale Allevatori - Modena Via Cadiane 79, 00 Saliceta San Giuliano (MO), Italy CVPBRBVM: Consorzio Valorizzazione Prodotti Bovini di Razza Bianca Valpadana-Modenese Via Rainusso, Modena (MO), Italy Bianca Modenese Società Cooperativa Agricola Via Belvedere di Sotto, S. Vito (MO), Italy Gli allevatori che hanno partecipato con entusiasmo all indagine L Azione EURECA 0 AGRI GEN RES 870/00 riceve supporto finanziario dalla Commissione Europea Direzione Generale dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale, Council Regulation (EC) No 870/00, e dall Università degli Studi di Milano Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria

Perchè gli allevatori allevano bovini di razza Reggiana:

Perchè gli allevatori allevano bovini di razza Reggiana: Perchè gli allevatori allevano bovini di razza Reggiana: Competitività economica con le razze internazionali Tradizione Produzione di Parmigiano Reggiano di razza Reggiana Supporto dalle istituzioni e

Dettagli

Razza Reggiana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Reggiana

Razza Reggiana. Perché gli allevatori allevano bovini di razza Reggiana Reggiana:Layout 1 19-0-010 15:50 Pagina 1 Razza Reggiana Perché gli allevatori allevano bovini di razza Reggiana Competitività economica con le razze internazionali Tradizione Produzione di Parmigiano

Dettagli

LA RAZZA REGGIANA E LA RAZZA MODENESE BIANCA VAL PADANA QUALI ESEMPI DI RAZZE LOCALI ITALIANE POTENZIALMENTE ADATTE ALLA ZOOTECNIA BIOLOGICA

LA RAZZA REGGIANA E LA RAZZA MODENESE BIANCA VAL PADANA QUALI ESEMPI DI RAZZE LOCALI ITALIANE POTENZIALMENTE ADATTE ALLA ZOOTECNIA BIOLOGICA Roma, 11-13 giugno 014 Il contributo dell'agricoltura Biologica ai nuovi indirizzi di politica agro-ambientale: il ruolo della ricerca e dell'innovazione. LA RAZZA REGGIANA E LA RAZZA MODENESE BIANCA VAL

Dettagli

EURECA Cryoconservation WP2. Italia. Rapporto riassuntivo

EURECA Cryoconservation WP2. Italia. Rapporto riassuntivo EURECA Cryoconservation WP2 Italia Rapporto riassuntivo In Italia sono presenti 23 razze locali con meno di 6500 bovine, tra queste 12 hanno meno di 1000 bovine (Tabella 1). Secondo la classificazione

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

QUOTE LATTE ADDIO: QUALE FUTURO PER IL SETTORE BOVINO? Real Orto botanico, Napoli 13 maggio 2015

QUOTE LATTE ADDIO: QUALE FUTURO PER IL SETTORE BOVINO? Real Orto botanico, Napoli 13 maggio 2015 Università degli studi di Napoli Federico II Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali QUOTE LATTE ADDIO: QUALE FUTURO PER IL SETTORE BOVINO? Real Orto botanico, Napoli 13 maggio 2015 "I

Dettagli

IL FATULI DELLA VALSAVIORE PRESIDIO SLOW FOOD

IL FATULI DELLA VALSAVIORE PRESIDIO SLOW FOOD IL FATULI DELLA VALSAVIORE PRESIDIO SLOW FOOD IL FATULI E un formaggio caprino, a latte crudo. E nato in Val Saviore ed è stato considerato da subito minore, un ripiego rispetto alle ben più famose (storicamente)

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Costi di produzione, prezzo del latte

Costi di produzione, prezzo del latte ASSEMBLEA APROLAV (TREVISO) 21 MAGGIO 2014 Costi di produzione, prezzo del latte Alberto Menghi (a.menghi@crpa.it) Centro Ricerche Produzioni Animali Desideria Scilla A.Pro.La.V. Le domande Il prezzo del

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE

AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE AZIENDA AGRITURISTICA LA FINESTRA SUL MARE Diversificazione in un contesto di grande pregio naturalistico 1 L azienda L azienda agrituristica si trova a Caronia (ME) nell area del Parco dei Nebrodi; è

Dettagli

IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE. Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali

IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE. Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali Consorzio del Formaggio Parmigiano-Reggiano Convegno IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali La vendita del Parmigiano-Reggiano

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNO 2005 A cura del prof. Roberto Fanfani Rapporto sull annata agraria della provincia di Bologna Anno 2005 INDICE PREFAZIONE Pag 5 CAPITOLO I:

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Andrea Rosati European Ambiente Socio Economico La popolazione mondiale raggiungerà 9,2 miliardi nel 2050 La produzione di cibo dovrà

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

Cos è l Agricoltura Biologica?

Cos è l Agricoltura Biologica? Cos è l Agricoltura Biologica? La produzione biologica è un sistema globale di gestione dell azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull interazione tra le migliori pratiche ambientali,

Dettagli

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Alessio Cecchinato Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti Risorse Naturali e Ambiente - DAFNAE Università di Padova Bufala Mediterranea

Dettagli

Associazione Allevatori Pastura Un esempio concreto di competitività

Associazione Allevatori Pastura Un esempio concreto di competitività 7a MOSTRA NAZIONALE OVINI DI RAZZA SARDA 3a Mostra Regionale Prodotti della Filiera Macomer 14 maggio 2011 DALLA CRISI ALLA COMPETITIVITA : NUOVE IDEE E RILANCIO DEL SETTORE Associazione Allevatori Pastura

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA MOSSA

AZIENDA AGRICOLA MOSSA AZIENDA AGRICOLA MOSSA quando allevare gli animali significa curarne il benessere 1 L azienda agricola L azienda agricola Mossa pratica l allevamento della pecora di razza sarda. La conduttrice Francesca

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi)

GAL Oltrepo Mantovano Piano di Sviluppo Locale (sintesi) GAL Oltrepo Mantovano Agricoltura e Ambiente Un binomio tra sostenibilità e produttività per migliorare lo sviluppo delle aree rurali dell oltrepòmantovano 1 1. Il Gruppo di Azione Locale (GAL) Oltrepò

Dettagli

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA

ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA ETICHETTATURA DEGLI ALIMENTI DA AGRICOLTURA BIOLOGICA REALIZZATO CON LA COLLABORAZIONE TECNICA DI DINTEC DICEMBRE 2009 PREMESSA L agricoltura biologica è un particolare metodo di gestione della produzione

Dettagli

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi

3 miliardi di euro l anno) per finanziare le misure del. mercato) di circa 4 miliardi di euro (per l OCM non vi PAC 2014-20202020 L agricoltura italiana verso il futuro I NUMERI La dotazione assegnata all Italia è di circa 52 miliardi di euro, in 7 anni. Circa 27 miliardi di euro totali (circa 4 miliardi di euro

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

San Vittore Olona, 29 marzo 2012, Lilia Grosso - DSA

San Vittore Olona, 29 marzo 2012, Lilia Grosso - DSA San Vittore Olona, 29 marzo 2012, Lilia Grosso - DSA URUGUAY Repubblica democratica e presidenziale Capitale: Montevideo (1.500.000 abitanti) Popolazione: 3.500.000 abitanti Suddivisione politica: 19 dipartimenti

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano I terroir delle Alpi per la caratterizzazione e la difesa delle produzioni casearie d alpeggio Torino, Regione Piemonte, 19-20 ottobre 2010 Modelli produttivi lattiero-caseari nell areale alpino italiano

Dettagli

Come nasce l idea della vendita diretta di latte crudo?

Come nasce l idea della vendita diretta di latte crudo? 1 Giuseppe Invernizzi Direttore - APA CO LC e Varese 2 Come nasce l idea della vendita diretta di latte crudo? L idea nasce dall esigenza di dare risposte adeguate alla crisi che da diversi anni attanagliava

Dettagli

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia

Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne. Consumi di carne in Italia Università della Tuscia Dip. di Produzioni Animali Zootecnica speciale: tecnologie di allevamento dei poligastrici Sistemi di allevamento Bovini da carne Amici Andrea Amici Consumi di carne in Italia Riduzione

Dettagli

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE Servizio Percorsi di qualità, relazioni di mercato e integrazioni di filiera U.O. RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA

Dettagli

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia

Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia Università degli Studi di Parma Ruolo della formazione nella sicurezza degli alimenti Alessandro Mangia La Sicurezza degli alimenti tema prioritario per l opinione pubblica e nell agenda dei governi mondiali

Dettagli

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Newsletter n.2 La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Presentazione In questa seconda newsletter che accompagna il percorso formativo della nostra Comunità montana sulle opportunità offerte

Dettagli

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza Schema della relazione 1) Lo studio della Commissione Europea sul settore lattiero-caseario post-2015 2) Gli scenari

Dettagli

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Dr.ssa Paola Modesto Dr.ssa Serena Meistro Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Prodotti

Dettagli

!! " # $$%& ' & & && " +,$-./0 1$23" 4&1%53" & &6& &!+$$%9,./0 & + 193" # 4 + & 15,3" &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 +

!!  # $$%& ' & & &&  +,$-./0 1$23 4&1%53 & &6& &!+$$%9,./0 & + 193 # 4 + & 15,3 &%53 &+8$,$$$2($$$ % + # * # : + $$%# & 89, 8(9 + " ' $$( ' ",$-./0 1$23" 41%53" 6 1,%3"'78583" 9,./0 1993" 193" 4 $ 75-3" 7,53"47-(3" 15,3" %53 8$,$$$2($$$ % 523 89, 8(9 ; =>1 78(93" 723" ' ',83%5$$$2%/ %? 88,$$$ 2($$$ ( @9%/8$$0" $$5/$$, $$( > $$5/$,

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE (PSR) MISURA 121 Ammodernamento delle aziende agricole OBIETTIVI DELL INIZIATIVA La misura introduce un regime di sostegno per le imprese agricole che realizzano investimenti

Dettagli

Chiara Catellani, Raffaele Di Tolve, Giacomo Boni

Chiara Catellani, Raffaele Di Tolve, Giacomo Boni Chiara Catellani, Raffaele Di Tolve, Giacomo Boni CHE COSA SONO? Parte di mercato che la concorrenza non ha ancora raggiunto. Le nicchie sono in genere degli spazi piccoli, spesso ricercati da piccole

Dettagli

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020

Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Progetto STABULUM e le filiere corte agroenergetiche nello sviluppo rurale 2014-2020 Obiettivi della Misura 124 (1) La Misura ha sostenuto progetti di cooperazione per lo sviluppo e la sperimentazione

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano

Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Agricoltori si nasce o si diventa? Valentina Cattivelli Ricercatrice indipendente e docente a contratto Politecnico di Milano Indice Le motivazioni del futuro imprenditore agricolo Le difficoltà Opportunità

Dettagli

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito

VERSO LA RIFORMA DELLA PAC. Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito VERSO LA RIFORMA DELLA PAC Roma 19 maggio 2010 Graziella Romito Indice Perché riformare la PAC La nuova architettura della PAC: un ipotesi L agricoltura biologica Conclusioni Perché riformare la PAC? 1)

Dettagli

Il mercato fondiario in Italia

Il mercato fondiario in Italia FEDERAZIONE NAZIONALE DELLA PROPRIETA FONDIARIA ASSEMBLEA GENERALE - CICA - Confederazione Internazionale di Credito Agricolo RELAZIONE Il mercato fondiario in Italia Québec, 29-30 settembre 2006 PRESENTAZIONE

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione

La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione La Razza Piemontese: attività di Libro Genealogico e programma di selezione Andrea Quaglino ANABORAPI Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese Razza specializzata da carne Groppa doppia

Dettagli

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte

Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte L IMPRONTA ANIMALE Valutazione dell Impatto Ambientale della Zootecnia Fiera Agricola - Verona. 3 Febbraio 2012 Bilanci aziendali e LCA di aziende da latte G.Matteo Crovetto Alberto Tamburini DSA Università

Dettagli

FARmEAT. Dott. Romeo Cuzzit PROGETTO/PROJEKT

FARmEAT. Dott. Romeo Cuzzit PROGETTO/PROJEKT PROGETTO/PROJEKT FARmEAT Dal pascolo alla tavola: valorizzazione delle aree rurali transfrontaliere attraverso lo sviluppo della zootecnia sostenibile. Od paše do obložene mize: ovrednotenje čezmejnih

Dettagli

Il biologico in Toscana

Il biologico in Toscana Quaderno della Il biologico in Toscana 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione CTPB - Coordinamento Toscano Produttori Biologici - e un associazione nata nel 1983 a Firenze per iniziativa

Dettagli

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA

LA STRUTTURA OPERATIVA DEL PROGETTO IL PROGETTO DI RICERCA IL PROGETTO DI RICERCA Il progetto Applicazione di biotecnologie molecolari e microrganismi protecnologici per la caratterizzazione e valorizzazione delle filiere lattiero-casearia e prodotti da forno

Dettagli

Masserie Giovannelli

Masserie Giovannelli Masserie Giovannelli La forza della famiglia rurale 1 L azienda Masserie Giovannelli si trova a 1.000 msl nel Comune di Cercemaggiore in provincia di Campobasso, zona riconosciuta come Sito di Interesse

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS Congressi: il punto di vista dalle associazioni Le associazioni protagoniste della meeting industry All interno della meeting industry internazionale le associazioni suscitano grande interesse in quanto

Dettagli

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma

Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma IN AZIENDE CON VACCHE DA LATTE LOMBARDE STRUTTURE DI STALLA Indagine tra gli allevatori che usano pavimenti in gomma Delle oltre 2.000 aziende esaminate il 4,7% utilizza pavimenti in gomma. Impiegato principalmente

Dettagli

MARCHI DI TUTELA PROGETTO SCUOLA 21. Vimercate, Dicembre 2014. Docente: Elisabetta Castellino

MARCHI DI TUTELA PROGETTO SCUOLA 21. Vimercate, Dicembre 2014. Docente: Elisabetta Castellino MARCHI DI TUTELA Vimercate, Dicembre 2014 Docente: Elisabetta Castellino MARCHI DI TUTELA 1/4 Nel patrimonio agroalimentare italiano possiamo annoverare oltre: 400 Formaggi 250 Salumi 800 Vini 120 conserve

Dettagli

SUINICOLTURA BIOLOGICA l'esperienza della Cooperativa la Sorgente

SUINICOLTURA BIOLOGICA l'esperienza della Cooperativa la Sorgente l'esperienza della Cooperativa la Sorgente Convegno Prospettive delle produzioni biologiche nelle diverse specie zootecniche Venerdì 10 ottobre 2014 Ore 9,30 Sala Bertonazzi - Palazzo dell'agricoltura

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Suini. Mercato all origine Trend settimanale. N. 27 Settimana n. 36 - dal 1 al 7 settembre 2008. Mercato nazionale Mercato estero-macellazioni

Suini. Mercato all origine Trend settimanale. N. 27 Settimana n. 36 - dal 1 al 7 settembre 2008. Mercato nazionale Mercato estero-macellazioni Suini N. 27 Settimana n. 36 - dal 1 al 7 settembre 20 Mercato nazionale Mercato estero-macellazioni Mercato all origine Trend settimanale L analisi della settimana considerata evidenzia chiari segnali

Dettagli

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI

MISSIONE IMPRESA. capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI MISSIONE IMPRESA capaci di farsi grandi CORSI DI FORMAZIONE PER GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI REALIZZATI DA: FINANZIATI con le risorse del fondo per lo sviluppo dell imprenditoria giovanile in agricoltura

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DG DISR

DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DG DISR DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE DG DISR Roma, 11 luglio 2013 Giornata della trasparenza DISR 1 - AGRITURISMO DISR

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Provincia di Forlì - Cesena

Provincia di Forlì - Cesena 1 Il settore avicolo si presenta Marzo 2013 Introduzione: il settore avicunicolo in carni avicole 19% carni ovicaprine 3% La produzione avicola italiana si compone per oltre il 57% da carne di pollo, per

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Workshop 13 aprile 2011, Roma. Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società. Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA

Workshop 13 aprile 2011, Roma. Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società. Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA Workshop 13 aprile 2011, Roma Filiere corte. Quale impatto sul mondo produttivo e sulla società RISULTATI DEL PROGETTO FILIERA CORTA Silvio Franco Università della Tuscia, CURSA Il progetto Filiere corte

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente

Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente Il divieto di coltivare alcuni OGM danneggia l ambiente Roberto Defez Istituto di Genetica e Biofisica del CNR, Napoli Sviluppo sost-edibile Roma, 9 ottobre 2013 Gli Ogm li vende chi li combatte Ecco

Dettagli

Il consumo socialmente responsabile nei paesi sviluppati

Il consumo socialmente responsabile nei paesi sviluppati Sviluppo agricolo e povertà rurale nell era della globalizzazione: il contributo della Facoltà di Agraria Portici, 27 marzo 2006 Il consumo socialmente responsabile nei paesi sviluppati Ornella Wanda Maietta

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA

LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA LA CARATTERIZZAZIONE DELLA MECCANIZZAZIONE DELL AGRICOLTURA ITALIANA ATTRAVERSO LA RICA Nel corso dei secoli l agricoltura ha subito profondi cambiamenti ma, solo con l invenzione del motore a combustione

Dettagli

TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA. Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015

TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA. Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015 TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA Angelo Bencivenga, FEEM Milano, 9 ottobre 2015 TURISMO ENOGASTRONOMICO IN BASILICATA: introduzione La ricerca nasce da una proposta condivisa con il Dipartimento Agricoltura,

Dettagli

Etichettatura degli alimenti e produzioni

Etichettatura degli alimenti e produzioni Etichettatura degli alimenti e produzioni alimentari tipiche PRINCIPIO FONDAMENTALE è necessario garantire la rintracciabilità dei percorsi dei mangimi e degli alimenti nonché dei loro ingredienti RINTRACCIABILITA

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Corte Benedettina 27 febbraio 2012 ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività dimostrative..? sperimentazione

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA PERIODO DI RIFERIMENTO NOVEMBRE 2007 - MARZO 2008 - 2 - SOMMARIO Premessa L indagine ha l obiettivo di valutare l andamento del mercato

Dettagli

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia Incontro tecnico ASSEMBLEA GENERALE ASPROCARNE Tendenze attuali e prospettive della nel mondo e in Italia Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio Emilia Mercoledì 24 giugno 2015 Fossano Centro Ricerche

Dettagli

Politiche rurali, le università del mondo in visita alla romagnola Fattorie Faggioli

Politiche rurali, le università del mondo in visita alla romagnola Fattorie Faggioli Politiche rurali, le università del mondo in visita alla romagnola Fattorie Faggioli di politiche rurali, sistemi e reti alimentari, energie rinnovabili, agricoltura sociale con i rappresentanti di Università

Dettagli

I NUMERI DEL SISTEMA FOOD MILANO

I NUMERI DEL SISTEMA FOOD MILANO I NUMERI DEL SISTEMA FOOD MILANO Produzione Superficie agricola nel Comune di Milano: 49,2% (8.948 ettari) nel 1955 21,9% ( 3.988 ettari) nel 1999 19% (3.448 ettari) nel 2012 Distretti agricoli: 1 distretto

Dettagli

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni Animali Giovanni Piredda Santa Cristina Paulilatino (OR) 20 maggio 2009 www.sardegnaagricoltura.it/innovazionericerca

Dettagli

UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO.

UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO. SIET 24 Convegno annuale Abano Terme 3-10 - 2015 UTILIZZO DI EMBRIONI MICROMANIPOLATI E CRIOCONSERVATI NEL RECUPERO DI BOVINE REPEAT BREEEDER. PRIME ESPERIENZE DI CAMPO. Marcello Lora L ALLEVAMENTO DEL

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

MARIA LINA SANDIONIGI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI

MARIA LINA SANDIONIGI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze

AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze AGRICOLTURA E ARTIGIANATO. Un analisi delle esperienze Attività produttive Artigianato e Agricoltura Questo progetto si pone quattro diversi obiettivi: OBIETTIVO 1: Implementare un modello di economia

Dettagli

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia

Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Analisi del costo e della redditività della produzione del latte in Italia Indagine 2006 Redazione a cura della Direzione Mercati e risk management Executive Summary L analisi dei costi di produzione del

Dettagli

L uso delle rimesse degli emigrati albanesi: indagine sulle famiglie rimaste in Patria

L uso delle rimesse degli emigrati albanesi: indagine sulle famiglie rimaste in Patria L uso delle rimesse degli emigrati albanesi: indagine sulle famiglie rimaste in Patria A cura di: Francesco Orazi Università Politecnica delle marche Caratteristiche del campione Età Fino a 40 anni 56%

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio

Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio INDAGINE PROMOSSA DAL CONSORZIO LATTIERO-CASEARIO DI VICENZA CON IL CRPA Vicenza: senza aggregazione distretto lattiero-caseario a rischio La scarsa propensione degli allevatori ad aggregarsi è il punto

Dettagli

GRUPPO NATURALISTICO del FORMIGGINI

GRUPPO NATURALISTICO del FORMIGGINI LICEO A. F. FORMIGGINI SCIENTIFICO E CLASSICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE DI PROGETTO DIDATTICO P.O.F. a.s. 2015/2016 Titolo del progetto: GRUPPO NATURALISTICO del FORMIGGINI " NUTRIRE l uomo. senza danneggiare

Dettagli