INDICE-SOMMARIO. Parte I L ACQUISTO DI AZIONI PROPRIE IN PROSPETTIVA STORICA: PROBLEMI E MODELLI CONCETTUALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE-SOMMARIO. Parte I L ACQUISTO DI AZIONI PROPRIE IN PROSPETTIVA STORICA: PROBLEMI E MODELLI CONCETTUALI"

Transcript

1 Lista delle principali abbreviazioni... XIX INTRODUZIONE 1. L origine del divieto di acquisto di azioni proprie: il re delle ferrovie Henry BethelStrousberg Dalla spinta enfatica alla razionalizzazione del divieto. La globalizzazione deimercatiedilruolodegliinvestitoriistituzionali Un indagine a più livelli Lacircolazionedeimodellieimercatifinanziari... 8 Parte I IN PROSPETTIVA STORICA: PROBLEMI E MODELLI CONCETTUALI CAPITOLO I COME PROBLEMA STRUTTURALE 1. L ammissibilità della concentrazione del rapporto di partecipazione in un unicosoggetto Il sistema inglese ed il caso Trevor v. Withworth L argomento concernente l ammissibilità logica dell acquisto e la prima giurisprudenzaamericana Ilsistematedescoelaprimacodificazionedeldivieto Ilsistemafrancese Ilsistemaitaliano Lacrisidiquestomodello CAPITOLO II IL DIVIETO DI ACQUISTO DI AZIONI PROPRIE COME STRUMENTO DI GARANZIA DEL CAPITALE SOCIALE 1. Il capitale sociale come strumento giuridico per la tutela dei creditori... 29

2 X 1.1. Sistemiacapitalefisso Il rapporto persona giuridica-responsabilità limitata nei sistemiacapitalefisso Leoriginistorichedelprincipio Sistemiacapitaleautorizzatoovariabile Leoriginiinglesi Ilpercorsooriginaledelsistemastatunitense Lafunzionedelcapitalesocialeminimo La formazione del capitale sociale ed il divieto di conferire opere e servizi Ilsistemafrancese Ilsistematedesco Ilsistemaitaliano Ilsistemainglese Ilsistemastatunitense IlmodellofattopropriodallaIIDirettivaCEEinmateriasocietaria La crisi di questo modello: le funzioni del capitale sociale nel dibattito attuale e la capacità dell impresa di produrre reddito come vera garanzia nei confrontideiterzi CAPITOLO III COME PROBLEMA DI CORPORATE FINANCE EDICORPORATE GOVERNANCE 1. Introduzione:l evoluzionediunterzomodello Il problema del finanziamento dell impresa e il costo del capitale: la c.d.levatracapitaledirischioecapitaledidebito Le funzioni attribuite all acquisto di azioni proprie nella letteratura di corporate finance L acquisto di azioni proprie come strumento per modificare la strutturadelcapitaleelapoliticadeidividendi Le finalità di mercato: l acquisto di azioni proprie per regolarizzare il corso dei propri titoli e per creare una corrente di domanda per leazionisociali Le finalità connessealrendimentodelleazioni Le finalità dicontrollosocietario Operazioni di venture capital eacquistodiazioniproprie Acquisto di azioni proprie e sue limitazioni. In particolare: i problemi di corporate governance L acquisto di azioni proprie come problema di informazione nei confrontidegliazionisti L acquisto di azioni proprie come problema di informazione nei confrontideiterzi L acquisto di azioni proprie come problema di informazione nei confrontidelmercatoingenerale L acquisto di azioni proprie come problema di responsabilità degli amministratori della società La circolazione delle moderne teorie di corporate finance

3 XI Parte II IL BACKGROUND DELLA II DIRETTIVA CEE ELASUAIMPLEMENTATION CAPITOLO I LE PRINCIPALI SOLUZIONI NAZIONALI PRIMA DELL ENTRATA IN VIGORE DELLA DIRETTIVA Introduzione Ilsistemabritannico L originedeldivieto Lederoghealdivieto L opera della Jenkins Committee: le proposte per l innovazione del diritto societario ed una prima riflessione sull opportunità dicon- sentire il buyback Una peculiarità: il divieto di financial assistance per favorire l acquistodelleproprieazioni Leconseguenzedell acquistoillecito Ilsistematedesco L originedeldivieto Lederoghealdivietoconcessedallegislatoretedesco Una peculiarità: ilpegnosuproprieazioni L acquisto di azioni proprie per interposta persona: un estensione deldivieto Ilregimedelleazioniproprie Violazionedeldivietoeconseguenzegiuridiche Ilsistemafrancese L origine del divieto nell iniziale silenzio della legge e i principi elaboratidallagiurisprudenza Leconseguenzedell acquistoillecito Idirittiinerentialleproprieazioni Icambiamentiapportatidallaleggedel Ilsistemaitaliano L art.144delcodicedicommerciodel Le condizioni di validità dell acquisto L irregolarità dell acquistoelesueconseguenze Ilnuovoart.2357delcodiceciviledel Ilproblemadellesanzionisottoilnuovocodice Il divieto di assistenza finanziaria e di garanzia su azioni proprie Laminiriformadel Alcuneconclusioni CAPITOLO II I PRINCIPI INFORMATORI DELLA SECONDA DIRETTIVA DELLE COMUNITÀ EUROPEE N. 77/91 DEL 13 DICEMBRE 1976 Introduzione

4 XII 1. AmbitodiapplicazionedellaSecondaDirettiva Legaranzieposteatuteladelcapitalesociale L art.19elecondizioninecessarieperunvalidoacquisto L autorizzazioneassembleare L imposizionediunlimitequantitativo Latuteladelleriservelegaliestatutarie L integraleliberazionedelleazioni Lederogheallacondizionedell autorizzazioneassembleare Derogheallecondizionigeneralidiacquisto Acquistodiazioniinesecuzionediunariduzionedicapitale Acquistoinseguitoatrasmissioneatitolouniversale Acquisto di azioni proprie a titolo gratuito o a titolo di commissionediacquisto Azioni acquisite in virtù di un obbligo legale risultante da una decisionegiudiziariaatuteladelleminoranzedegliazionisti Azioni acquistate da un azionista a causa dell omessa liberazione dellestesse Azioni acquistate per indennizzare gli azionisti di minoranza di società collegate Azioni acquistate dall emittente in occasione di una vendita forzata Acquisto di azioni interamente liberate emesse da una società d investimento Le sanzioni previste per l illecito acquisto di azioni proprie: l obbligo di alienazione Idirittiinerentialleproprieazioni Ildivietodiassistenzafinanziaria Ildivietodiaccettareingaranziaproprieazioni Alcune conclusioni: il metodo delle «direttive parziali» e la tecnica legislativaalivelloeuropeo CAPITOLO III IL PROCESSO DI IMPLEMENTATION Introduzione IldibattitosullaIIDirettivainGranBretagna Dal Companies Act del 1980 al Companies Act del 1985: la regola generale della section 143(1) Le eccezioni alla regola generale previste alla section 143(3) Le procedure per l acquisto legittimo e le forme di pubblicità Il regime cui sono sottoposte le azioni proprie e le azioni acquistate da un nominee Lesanzioniperl acquistoillegittimo La financial assistance per l acquisto di azioni proprie: divieto, eccezioniesanzioni Ildivietodiaccettareingaranziaproprieazioni Alcuneconclusioni

5 XIII 2. Il recepimento della II Direttiva in Germania: la legge del 13 dicembre Lanuovaformulazionedel 71dell Aktiengesetzdel Leeccezioniallaregolagenerale Ilregimecuisonosottoposteleazioniproprie Lesanzioniperl illecitoacquistodiazioniproprie I negozi in frode alla legge (Umgehungsgeschäfte): il divieto di assistenzafinanziariaediacquistoatitolofiduciario L interposizionenell acquistodiazioniproprie Ilpegnodiazioniproprie Alcuneconclusioni La legge del 30 dicembre 1981 ed il recepimento della II Direttiva CEinFrancia Le condizioni per l acquisto legittimo e le forme di pubblicità Leeccezionialdivieto Idirittiinerentialleazioniproprie L apparatosanzionatorio L acquistoperinterpostapersona La prise en gage Ildivietodiassistenzafinanziaria Alcuneconclusioni Il recepimento in Italia della Seconda Direttiva con il D.P.R. del 10 febbraio Lanuovadisciplinainerenteall acquistodiproprititoli Leeccezioniallaregolagenerale Gli obblighi informativi concernenti le operazioni su proprie azioni Idirittiinerentileproprieazioni Leconseguenzedell acquistoillegittimo Gliacquistiindiretti Lealtreoperazionisuproprieazioni Conclusioni Parte III IL SISTEMA STATUNITENSE E LE RIFORME ATTUALMENTE IN ATTO NEI SINGOLI ORDINAMENTI EUROPEI CAPITOLO I IL SISTEMA AMERICANO 1. L origine di una American Rule che autorizza la società all acquisto dei proprititolielagiurisprudenzadelxixsecolo Imotiviallabasedell acquistodiazioniproprieinquestoperiodo L esclusione del socio dissenziente nella closed corporation L incentivo alla partecipazione da parte dei dipendenti della società L incentivoall investimento L accettazione di proprie azioni al fine di estinguere un debito.. 371

6 XIV 3. Lo sviluppo di una minority rule menopermissiva Il caso Wood v. Dummer e lo sviluppo della trust fund theory da parte di Justice Story Il successo limitato della minority rule negli Stati americani. Le condizioni apposte alla majority rule Le ragioni fondanti della minority rule e della majority rule a confronto ed ildefinitivosuccessodiquest ultima Le condizioni apposte all acquisto di propri titoli al fine di proteggere i creditori Il solvency-test Il surplus-test Le condizioni apposte all acquisto di propri titoli al fine di proteggere gli azionisti Ilprincipiogenerale L operatodellecorti L acquisto di azioni proprie nei primi statutes degli anni 30 e la codificazione della majority rule Gli statutes che permettono l acquisto di azioni proprie a condizionechenonnederiviunalesionedelcapitale Gli statutes che permettono l acquisto di azioni proprie a condizionecheavvengasullabasediutili Il divieto di acquisto in due casi isolati: Wyoming e Kentucky La tendenza generale a disciplinare dettagliatamente l acquisto di azioniproprie Il concetto di legal capital e l ammissione di no par stock all inizio degli anni La riforma del diritto societario in California: la California General Corporation Law del Il Model Business Corporation Act Il Model Business Corporation Act, 3 rd ed.(1998) L acquisto di azioni proprie come distribution ( 6.31) La responsabilità deidirectors nel caso di distribuzione illecita( 8.33) Lelimitazionifinanziarieimposteall acquistodiazioniproprie I c.d. surplus statutes Il surplus test nello Stato di New York e nel Delaware La prima versione del Model Business Corporation Act e l earned surplus test I c.d. non surplus statutes L equity insolvency test eilbalance sheet test (Model Business Corporation Act, 3 rd ed., 6.40) Le limitazioni contenute nel Californian Corporations Code Lelimitazionicontrattualialledistribuzioni Laprotezionedegliazionisti La protezione scaturente dai fiduciary duties dei directors (duty of care e duty of loyalty). La business judgement rule L applicazione dei fiduciary duties negli acquisti di azioni proprie a scopodifensivo Il greenmail e la sua ammissibilità

7 XV 13. Lalegislazionefederale Il Securities Exchange Act del La Section (9)(a)(2): manipulation of security prices La Section (10) (b): manipulative and deceptive devices Le Rules and forms under the Securities Exchange Act del La Rule 10b-5: Employment of Manipulative and Deceptive Devices Le open-market repurchases elarule 10b I tender offers eilwilliams Act del La disciplina contenuta nella Section 13 (e) La nozione di tender offer La Rule 13e La Rule 13e La Rule 13e La Section 14(e) del Securities Exchange Act elarule 14e Conclusioni CAPITOLO II LA RIFORMA IN FRANCIA 1. L attuale dibattito in materia di corporate governance infrancia Il Rapporto MARINI su La modernisation du droit des sociétés del Il Rapporto ESAMBERT, Le rachat par les sociétés de leurs propres actions, a cura della COB - Commission des operations de bourse, del gennaio Funzioniriconosciuteall acquistodiazioniproprie Gliostacolipostidalsistemafrancese Itentatividiaggirareildettatodellalegge L individuazione di nuovi strumenti per effettuare l acquistodeiproprititoli Ilprogettodiriformadell acquistodiazioniproprie La rimozione degli ostacoli alle operazioni di rachat Il divieto di procedere a riduzione del capitale fino a quando vi siano obbligazioni convertibili in azioni, delle obbligazioni scambiabili con azioni o dei bons de souscription d actions L ostacolofiscale Divieto di manipolazione dei corsi ed esigenza di trasparenza Laleggediriforman del2luglio L acquisto di azioni proprie come tecnica di gestione finanziaria: aspettigenerali Inparticolare:l assembleagenerale In particolare: i doveri di informazione imposti dalla COB 465

8 XVI In particolare: l autorizzazione all acquisto di azioni proprie Inparticolare:imodidiacquisto Inparticolare:ilregimedeititoliauto-detenuti Inparticolare:l annullamentodeititoli L acquistodiazionieffettuatodapartediunafiliale Alcuneconclusioni CAPITOLO III I TENTATIVI DI RIFORMA IN GRAN BRETAGNA 1. L attuale dibattito in materia di corporate governance in Gran Bretagna L attività deldepartment of Trade and Industry edellalaw Commission I progetti di riforma in materia di buy-back I progetti di riforma in materia di financial assistance Alcuneconclusioni CAPITOLO IV LE RECENTI RIFORME DEL DIRITTO SOCIETARIO IN GERMANIA 1. L attuale dibattito in materia di corporate governance in Germania alla luce delle innovazioni introdotte dal KonTraG (Gesetz zur Kontrolle und Transparenz im Unternehmensbereich) Le nuove regole introdotte nell AktG in materia di acquisto di azioni proprie Valorenominaledelleazionieacquistodiazioniproprie Gli obblighi di informazione ai sensi del 15 WpHG (Wertpapierhandelsgesetz) L acquisto di azioni proprie e i nuovi principi introdotti dalla legge sulle offerte pubbliche d acquisto del 2002 (Gesetz zur Regelung von öffentlichen Angeboten zum Erwerb von Wertpapieren und von Unternehmensübernahmen- WpÜG) CAPITOLO V LA SITUAZIONE IN ITALIA ALLA LUCE DELLE RECENTI INIZIATIVE EUROPEE 1. L art.132deltestounicodellaintermediazionefinanziaria LaRiformadeldirittosocietarioeisuoiprincipi-guida L introduzionedimodellisocietariflessibili Lasemplificazionedelladisciplinasocietaria

9 XVII 2.3. Levieperfavorirel accessoaimercatifinanziari Ladiversificazionedeglistrumentidiraccolta Leazionisenzavalorenominale Altristrumentifinanziaripartecipativi Altre disposizioni volte a facilitare la raccolta di capitale di rischio Lanuovadisciplinadell acquistodiazioniproprie La formulazione del nuovo art bis e l ampliamento dei casi specialidiacquistodelleproprieazioni Il nuovo articolo 2357-ter, comma 1, e la legittimità del c.d. trading diazioniproprie Il nuovo art ter comma 2 e le problematiche inerenti al divietodisottoscrizionediproprieazioni L esercizio del diritto di recesso e le nuove ipotesi di acquisto di azioniproprie Ilriscattodelleazionitramiteacquistodiproprititoli La nuova disciplina delle clausole di gradimento e l obbligo di acquisto di azioni proprie (art bis) Profilicriticidellanuovadisciplina Conclusioni Bibliografia

INDICE-SOMMARIO. Introduzione... Pag. VII

INDICE-SOMMARIO. Introduzione... Pag. VII IX INDICE-SOMMARIO Introduzione... Pag. VII Capitolo Primo IL SISTEMA DI AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO DELLE S.P.A. (hanno collaborato Giusy Staropoli, Eleonora Bianchi, avvocati) 1. L amministrazione della

Dettagli

INDICE. Capitolo I REGOLAZIONE, DETERRENZA E DIRITTO PRIVATO

INDICE. Capitolo I REGOLAZIONE, DETERRENZA E DIRITTO PRIVATO vii INDICE Ringraziamenti... Premessa... v xvii Capitolo I REGOLAZIONE, DETERRENZA E DIRITTO PRIVATO 1. Introduzionealcapitolo... 3 Sezione I Teoria della regolazione 2. Teoria della regolazione, analisi

Dettagli

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO XIII PREMESSA INTRODUZIONE 1 1. Gli strumenti di finanziamento dell impresa: le ragioni della riforma CAPITOLO 1 QUESTIONI LEGATE ALLA IDENTIFICAZIONE DELLA FATTISPECIE OBBLIGAZIONARIA

Dettagli

UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING

UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING UniCredit S.p.A. Procedura in tema di Internal Dealing PROCEDURA INTEMADI INTERNAL DEALING Edizione aprile 2013 1 Premessa L art. 114, comma 7, del D. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUIF ) introdotto nell

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO

INDICE SOMMARIO. Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO INDICE SOMMARIO Premessa... XVII Introduzione... XIX Capitolo I IL MERCATO FINANZIARIO 1. Il concetto di mercato... 1 2. Segmenti tradizionali del mercato finanziario e l attenuarsi del significato della

Dettagli

CAPITOLO PRIMO CONTRATTI DERIVATI SU AZIONI PROPRIE E DISCIPLINE SOCIETARIE STATUNITENSI

CAPITOLO PRIMO CONTRATTI DERIVATI SU AZIONI PROPRIE E DISCIPLINE SOCIETARIE STATUNITENSI CAPITOLO PRIMO CONTRATTI DERIVATI SU AZIONI PROPRIE E DISCIPLINE SOCIETARIE STATUNITENSI SOMMARIO: 1. La disciplina societaria dell acquisto di azioni proprie. 1.1. I limiti all acquisto di azioni proprie.

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Indice INDICE CAPITOLO I SOCIETÀ QUOTATE, MERCATI FINANZIARI E TECNICHE DI REGOLAZIONE

Indice INDICE CAPITOLO I SOCIETÀ QUOTATE, MERCATI FINANZIARI E TECNICHE DI REGOLAZIONE Indice VII INDICE Premessa... V CAPITOLO I SOCIETÀ QUOTATE, MERCATI FINANZIARI E TECNICHE DI REGOLAZIONE 1. Lanaturadeldiritto:undibattitoricorrente... 1 2. Società e mercati: le tecniche di regolazione.

Dettagli

INDICE. Pag. Introduzione... 1

INDICE. Pag. Introduzione... 1 INDICE Introduzione... 1 CAPITOLO PRIMO PREMESSA: INSUFFICIENZE DEL MERCATO E CRISI DELLE REGOLE 1.1. Architettura istituzionale e market failures: introduzione al problema... 9 1.2. Cultura di impresa

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0206-53-2015

Informazione Regolamentata n. 0206-53-2015 Informazione Regolamentata n. 0206-53-2015 Data/Ora Ricezione 20 Agosto 2015 18:09:34 MTA Societa' : PIRELLI & C. Identificativo Informazione Regolamentata : 62336 Nome utilizzatore : PIRN01 - Svelto Tipologia

Dettagli

ALLA&associates,inc. p.c. a professional corporation

ALLA&associates,inc. p.c. a professional corporation COSTITUIRE UNA SOCIETÀ NEGLI STATI UNITI di Majda Barazzutti L esigenza di costituire una società negli Stati Uniti si presenta ai nostri clienti per vari motivi. In primo luogo, la costituzione di una

Dettagli

INDICE. Premessa... Notizie sugli autori... Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA

INDICE. Premessa... Notizie sugli autori... Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA INDICE Premessa... Notizie sugli autori... pag. XVII XXI Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA Capitolo I PRINCIPI «COSTITUZIONALI», POTERI PUBBLICI E FONTI NORMATIVE IN TEMA DI MERCATI FINANZIARI

Dettagli

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione

NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL INTERNAZIONALE. Quarta edizione NATALINO RONZITTI INTRODUZIONE AL DIRITTO INTERNAZIONALE Quarta edizione G. Giappichelli Editore Torino Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione Premessa alla terza edizione Premessa alla seconda

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17 Indice Indice delle tavole Indice delle figure Ringraziamenti Prefazione xiii xv xvii xix Introduzione 1 I Macroeconomia monetaria nazionale 17 1 La moneta flusso e la moneta stock 19 La moneta come forma

Dettagli

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI

Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Il REGIME FISCALE DEGLI STATI UNITI Introduzione L imposta sul reddito delle persone fisiche Residenza Fiscale Aliquote 2004 L imposta sul reddito delle persone giuridiche (corporate tax) Aliquote 2004

Dettagli

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA SOMMARIO Capitolo I L INTESTAZIONE FIDUCIARIA 1. Premessa... 3 2. Il negozio fiduciario... 4 3. L intestazione fiduciaria di beni a favore di società fiduciarie: il mandato fiduciario... 10 4. Le società

Dettagli

INDICE. Prefazione di Giovanni Lo Cascio... Presentazione... Gli Autori... Art. 2498 c.c. Continuità dei rapporti giuridici... 1

INDICE. Prefazione di Giovanni Lo Cascio... Presentazione... Gli Autori... Art. 2498 c.c. Continuità dei rapporti giuridici... 1 INDICE Prefazione di Giovanni Lo Cascio.......................... Presentazione...................................... Gli Autori....................................... V VII IX Art. 2498 c.c. Continuità

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capo V DELLE SOCIETÀ PER AZIONI. Sezione I Disposizioni generali

INDICE SOMMARIO. Capo V DELLE SOCIETÀ PER AZIONI. Sezione I Disposizioni generali INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXV Capo V DELLE SOCIETÀ PER AZIONI Sezione I Disposizioni generali Art. 2325. Responsabilità... 1 1. Introduzione...

Dettagli

INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 11 o (novembre 2013) Parte prima - Sentenze commentate

INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 11 o (novembre 2013) Parte prima - Sentenze commentate INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 11 o (novembre 2013) LEGENDA: Il simbolo [,] a fianco del titolo segnala che il commento/saggio è stato oggetto di referee secondo quanto indicato alla pagina precedente.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... PREMESSA

INDICE SOMMARIO. Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... PREMESSA Presentazione della sesta edizione... Presentazione della seconda edizione... pag. V VII PREMESSA 1. L assicurazione della responsabilità civile e il suo evolversi nel tempo... 1 2. Possibilità di una

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO 1. Il diritto tributario e le entrate dello Stato... pag. 1 2. Le fonti del diritto...» 6 3. Le fonti

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione INDICE XIII XVII XIX INDICE XIII XV XVII XIX Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Parte prima: Corporate Finance e creazione di valore 5 Capitolo 1 Introduzione alla Corporate Finance: significato, ruolo ed obiettivo

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

Indice generale. Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21

Indice generale. Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21 Booksite - istruzioni per l'uso... 20 Capitolo I L ESSENZA DELLE COOPERATIVE... 21 1 - Lo scopo mutualistico... 21 2 - La mutualità esterna... 24 3 - La nuova mutualità... 25 4 - I segni distintivi...

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 11 1. Legge 25 giugno 1999, n. 205 (Delega al Governo per la depenalizzazione dei reati minori e modifiche al sistema penale e tributario):

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 I MUTUI BANCARI. Capitolo 2 PENALI PER L ESTINZIONE ANTICIPATA DEI MUTUI

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 I MUTUI BANCARI. Capitolo 2 PENALI PER L ESTINZIONE ANTICIPATA DEI MUTUI INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 I MUTUI BANCARI 1.1. I mutui bancari: aspetti introduttivi... 1 1.2. Mutui di scopo e mutui agevolati.... 4 1.3.

Dettagli

REGOLAMENTO relativo al prestito obbligazionario denominato: BANCO POPOLARE S.C. - OBBLIGAZIONI SUBORDINATE TIER 2 A TASSO VARIABILE 2015/2022 CON

REGOLAMENTO relativo al prestito obbligazionario denominato: BANCO POPOLARE S.C. - OBBLIGAZIONI SUBORDINATE TIER 2 A TASSO VARIABILE 2015/2022 CON Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Rules Research Unit Law and Economics Studies

Rules Research Unit Law and Economics Studies Rules Research Unit Law and Economics Studies Paper No. 2013-6 Problemi in materia di trasparenza dei patti parasociali (art. 122 TUF) By Luigi A. Bianchi Problemi in materia di trasparenza dei patti parasociali

Dettagli

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano Approfondimenti Bilancio L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano di Paolo Moretti Alla luce delle disposizioni nazionali e comunitarie l applicazione dei principi contabili internazionali

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c.

INDICE - SOMMARIO. CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c. INDICE - SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 475 476 478 c.p.c.) 1. Il titolo esecutivo... Pag. 1 CAPITOLO SECONDO IL PRECETTO (artt. 477 479 480 481 482 c.p.c.) 1. Il precetto... Pag.

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO INDICE PARTE I IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO CAPITOLO PRIMO IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO 1. Gli obiettivi aziendali ed il sistema di controllo interno...3 2. L evoluzione della nozione e degli obiettivi

Dettagli

MODULI: CONTENUTI GENERALI

MODULI: CONTENUTI GENERALI MODULI: CONTENUTI GENERALI Primo Modulo LO SCENARIO COMPETITIVO INTERNAZIONALE, L EVOLUZIONE DEL BUSINESS: LE PROSPETTIVE DEGLI OPERATORI DEL DIRITTO (4 gg) Secondo Modulo SISTEMI DI GOVERNANCE, PERFORMANCE

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Ringraziamenti... XIII Introduzione... 1 CAPITOLO I ANALISI ECONOMICA

INDICE-SOMMARIO. Ringraziamenti... XIII Introduzione... 1 CAPITOLO I ANALISI ECONOMICA VII INDICE-SOMMARIO Ringraziamenti... XIII Introduzione.... 1 CAPITOLO I ANALISI ECONOMICA UN INQUADRAMENTO ECONOMICO DEI TEMI TRATTATI 1. L economiadelleipo... 19 2. Open price system e bookbuilding...

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE Presentazione...................................... V Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE 1.1. Nozioni generali................................

Dettagli

Uno sguardo comparato sulle quote di genere

Uno sguardo comparato sulle quote di genere Uno sguardo comparato sulle quote di genere Paola Monaco, Ph.D. Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell'interpretazione e della Traduzione GLOBAL GENDER

Dettagli

D.LGS. 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

D.LGS. 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE INDICE Avvertenza... Elenco delle abbreviazioni.... V XVII D.LGS. 7 SETTEMBRE 2005, N. 209 CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE PARTE PRIMA ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEI VEICOLI E DEI NATANTI OBBLIGO DI

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ CIVILE NEL DIRITTO DEI MERCATI FINANZIARI

LA RESPONSABILITÀ CIVILE NEL DIRITTO DEI MERCATI FINANZIARI IL DIRITTO DELLA BANCA E DELLA BORSA STUDI E DIBATTITI 44 PAOLO GIUDICI LA RESPONSABILITÀ CIVILE NEL DIRITTO DEI MERCATI FINANZIARI [AGI GIUFFRÈ EDITORE Ringraziamenti Premessa v xvn CAPITOLO I REGOLAZIONE.

Dettagli

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO

ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO GRUPPOM O N T EPASC H I C O N V E G N O A BI B ASI L E A 3 ARTURO B E TUNIO RESPONSABIL E ARE A AMMINISTRAZION E E BILANCIO A G E ND A Contesto di riferimento Riforma strutturale a livello U E K ey driver

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... I CARATTERI DELLA FRODE FISCALE NELL IM- PIANTO NORMATIVO DEL D. LGS. 74/2000 PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... I CARATTERI DELLA FRODE FISCALE NELL IM- PIANTO NORMATIVO DEL D. LGS. 74/2000 PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XIII PARTE PRIMA I CARATTERI DELLA FRODE FISCALE NELL IM- PIANTO NORMATIVO DEL D. LGS. 74/2000 CAPITOLO 1 IL CONCETTO DI FRODE AL FISCO 1. Premessa... 3 2. Concetto e finalità

Dettagli

INDICE SOMMARIO. pag. Elenco delle abbreviazioni... Prefazione...

INDICE SOMMARIO. pag. Elenco delle abbreviazioni... Prefazione... INDICE SOMMARIO Elenco delle abbreviazioni... Prefazione.... pag. XVII XIX CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA E LA COSTITUZIONE Guida bibliografica... 3 1. Gli orientamenti dottrinali... 7 1.1. La posizione della

Dettagli

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.

Raynaud and Partners Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex. Associazione tra professionisti 20123 Milano - Via Santa Maria Segreta, 6 Tel. 02.7217091 - Fax 02.72170950 segreteria@raplex.it FUND RAISING E REAL ESTATE NEL MERCATO INTERNAZIONALE E DOMESTICO: SPUNTI

Dettagli

3.4. La natura della denuntiatio ed eseguibilità in forma specifica dell obbligo di preferire... 135 3.5. Prelazione convenzionale atipica...

3.4. La natura della denuntiatio ed eseguibilità in forma specifica dell obbligo di preferire... 135 3.5. Prelazione convenzionale atipica... INDICE SOMMARIO 1. BUONA FEDE E RESPONSABILITÀ NELLA FORMAZIONE DEL CONTRATTO di Giorgio Afferni 1.1. Il dovere di buona fede... 1 1.1.1. La buona fede nelle trattative e nella formazione del contratto...

Dettagli

MODULO B - L impresa (64 ore)

MODULO B - L impresa (64 ore) IL PROGRAMMA 1 2 MODULO A Prima parte - Il giurista d impresa (32 ore) 9 febbraio 2012-9.30-13.30/14.30-18.30 Lezione introduttiva-seminario 1. Introduzione generale al corso 2. Il bisogno di consulenza

Dettagli

LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ NEGLI STATI UNITI

LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ NEGLI STATI UNITI LA COSTITUZIONE DI SOCIETÀ NEGLI STATI UNITI Introduzione Le forme societarie più comuni Tempi per la costituzione Licenze amministrative Filiali e Società Partecipate Corporation Costituzione Capitale

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni;

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni; Delibera n. 16839 Ammissione delle prassi di mercato previste dall art. 180, comma 1, lettera c), del D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998 inerenti: a) all attività di sostegno della liquidità del mercato,

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni;

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni; Delibera n. 16839 Ammissione delle prassi di mercato previste dall art. 180, comma 1, lettera c), del D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998 inerenti: a) all attività di sostegno della liquidità del mercato,

Dettagli

INDICE. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 1 FINALITÀ E DEFINIZIONI Commento di Marco Tremolada

INDICE. Capo I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 1 FINALITÀ E DEFINIZIONI Commento di Marco Tremolada XIII Introduzione... VII Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 1 FINALITÀ E DEFINIZIONI Commento di Marco Tremolada 1. Premessa... 2 2. Leduepartifondamentalidelcontenutodellanorma... 3 3. L efficacia della

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate 1. Quadro normativo L art. 115-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

XI Autori XIII Presentazione. 3 Parte prima L assetto istituzionale dei mercati finanziari

XI Autori XIII Presentazione. 3 Parte prima L assetto istituzionale dei mercati finanziari INDICE XI Autori XIII Presentazione 3 Parte prima L assetto istituzionale dei mercati finanziari 5 Capitolo primo L intermediazione finanziaria: teoria, organizzazione dei mercati e emissione di strumenti

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO INDICE-SOMMARIO Introduzione... 1 Capitolo I LA RILEVANZA DEL TEMA IN RAPPORTO ALL ASSETTO SOCIETARIO ITALIANO 1. Interesse alla massimizzazione del valore dell investimento azionario, assetti societari

Dettagli

PARTE PRIMA QUADRO ECONOMICO E CONGIUNTURALE PARTE SECONDA DIRITTO D IMPRESA 2. ESPORTAZIONE DIRETTA DA PARTE DEL PRODUTTORE

PARTE PRIMA QUADRO ECONOMICO E CONGIUNTURALE PARTE SECONDA DIRITTO D IMPRESA 2. ESPORTAZIONE DIRETTA DA PARTE DEL PRODUTTORE PARTE PRIMA QUADRO ECONOMICO E CONGIUNTURALE di Luigi Perin 1. L ECONOMIA USA 1.1. Premessa... 5 1.2. La grande recessione e la ripresa economica... 5 1.3. Il bilancio federale... 7 1.4. Le prospettive

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE APPROVATA DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ANSALDO STS S.P.A. IN DATA 11 FEBBRAIO 2015 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 SCOPO...

Dettagli

Società e Finanza 2008/3. L AIM approda in Italia. Conferimenti senza stima e financial assistance

Società e Finanza 2008/3. L AIM approda in Italia. Conferimenti senza stima e financial assistance Società e Finanza 2008/3 L AIM approda in Italia Conferimenti senza stima e financial assistance Trasferimento delle quote di s.r.l. Vantaggi per le start-up Chiarimenti Consob sull incompatibilità dei

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA BIENNALE PERCORSO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO CORSO CORPORATE GOVERNANCE E CONTROLLO INTERNO ANNO ACCADEMICO 2008/2009 PERIODO: II TRIMESTRE

Dettagli

Merrill Lynch S.A. ("MLSA") Emittente:

Merrill Lynch S.A. (MLSA) Emittente: NOTA DI SINTESI La presente Nota di Sintesi deve essere letta come introduzione al Prospetto Informativo. Qualsiasi decisione di investire nei Certificate deve essere effettuata prendendo in considerazione

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO PROGETTO DI PARERE. Commissione per i problemi economici e monetari PROVVISORIO 2004/0256(COD) 10.6.2005

PARLAMENTO EUROPEO PROGETTO DI PARERE. Commissione per i problemi economici e monetari PROVVISORIO 2004/0256(COD) 10.6.2005 PARLAMENTO EUROPEO 2004 ««««««««««««2009 Commissione per i problemi economici e monetari PROVVISORIO 2004/0256(COD) 10.6.2005 PROGETTO DI PARERE della commissione per i problemi economici e monetari destinato

Dettagli

PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA

PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA Art 2123 (Forme di previdenza) PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA CAPITOLO I: LA PREVIDENZA VOLONTARIA NEL SISTEMA ITALIANO E COMUNITARIO DI SICUREZZA SOCIALE (Maurizio

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

Indice. Comparazione giuridica e unificazione del diritto di Michael Joachim Bonell 3

Indice. Comparazione giuridica e unificazione del diritto di Michael Joachim Bonell 3 Indice Comparazione giuridica e unificazione del diritto di Michael Joachim Bonell 3 Introduzione, p. 3 1. Cenni storici sul movimento di unificazione internazionale del diritto, p. 4 2. Le diverse forme

Dettagli

F.to - Aldo MAZZOCCO " - Chiara DELLA CHA'

F.to - Aldo MAZZOCCO  - Chiara DELLA CHA' Roma, 29 gennaio 2014 CA&A/MC rda prot. n. 281 Spettabile BORSA ITALIANA S.p.A. Ufficio Informativa e Analisi Societaria Piazza degli Affari n. 6 20123 Milano Via SDIR-NIS Oggetto: Beni Stabili S.p.A.

Dettagli

INDICE. Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA

INDICE. Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA INDICE Premessa del curatore alla terza edizione...................... Notizie sugli autori..................................... XVII XIX Parte I L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA E LA VIGILANZA Capitolo I PRINCIPI

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA... 3

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA... 3 I_XX:I_XVI.qxd 05/02/2015 18.41 Pagina IX Presentazione... V COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA... 3 CODICE CIVILE - Disposizioni sulla legge in generale... 25 - Libro I Delle persone e della famiglia...

Dettagli

Nuove Imprese Esportatrici

Nuove Imprese Esportatrici Nuove Imprese Esportatrici 4 seminari per le aziende che vogliono iniziare ad esportare Il percorso formativo si compone di quattro seminari gratuiti sulle tecniche di commercio estero. E rivolto principalmente

Dettagli

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

2. LE CARATTERISTICHE DELLA DUE DILIGENCE CONTABILE 2.1. Definizione pag. 11 2.2. Obiettivi pag. 11 2.3. Tipologie pag. 12

2. LE CARATTERISTICHE DELLA DUE DILIGENCE CONTABILE 2.1. Definizione pag. 11 2.2. Obiettivi pag. 11 2.3. Tipologie pag. 12 1. DUE DILIGENCE CONTABILE: ASPETTI GENERALI 1.1. Premessa pag. 3 1.2. L accordo di riservatezza pag. 4 1.3. La lettera di intenti pag. 5 1.4. Il contratto pag. 7 1.5. I consulenti pag. 7 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

Parte Prima IL CONTRATTO

Parte Prima IL CONTRATTO INDICE SOMMARIO Presentazione... V Introduzione di Francesco Capriglione 1. Un progetto di ricerca su «contratto e mercato»... 1 2. Asimmetrie informative del mercato...... 5 3. (Segue):... e funzione

Dettagli

INDICE SOMMARIO PROFILO STORICO-COMPARATISTICO

INDICE SOMMARIO PROFILO STORICO-COMPARATISTICO INDICE SOMMARIO CAPITOLO I PROFILO STORICO-COMPARATISTICO 1. Premessa.... 1 2. L assicurazione a sinistro seguito nelle ordinanze e negli statuti dei secoli XV, XVI e XVII: la presunzione di conoscenza

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO

IL CONCORDATO PREVENTIVO GIOVANNI LO CASCIO IL CONCORDATO PREVENTIVO SESTA EDIZIONE V \ MILANO - DOTT. A. GIUFFRfe EDITORE - 2007 INDICE Prefazione. CAPITOLO I IL NUOVO CONCORDATO PREVENTIVO 1. Evoluzione del sistema normativo

Dettagli

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro

di Massimo Gabelli, Roberta De Pirro 12 Giugno 2009, ore 08:00 Società quotate La disciplina dell acquisto di azioni proprie secondo Assonime Assonime, nella Circolare del 5 giugno 2009, n. 22 esamina la disciplina dettata dal TUF sull acquisto

Dettagli

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano

INDICE EMITTENTI. 2. INDIVIDUAZIONE DELLE MODALITÀ DI NOMINA CON VOTO DI LISTA DEI COMPONENTI L ORGANO DI CONTROLLO di Francesco Saverio Martorano Introduzione, di Francesco Capriglione... XIII EMITTENTI 1. DETERMINAZIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEGLI AMMINISTRATORI di Andrea Zoppini 1. Il voto

Dettagli

INDICE SOMMARIO. pag. Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Prefazione... 3

INDICE SOMMARIO. pag. Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Prefazione... 3 pag. Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Prefazione.... 3 CAPITOLO PRIMO LA MATERNITÀ SURROGATA Guida bibliografica... 13 1. La sterilità umana: dati, cause, interventi («Quando»)... 17 2. La

Dettagli

MOBYT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 -

MOBYT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 - MOBYT S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING - 1 - Premessa In applicazione dell art. 11 combinato con l art. 17 e l art. 31 del Regolamento Emittenti AIM Italia Mercato Alternativo del Capitale (il Regolamento

Dettagli

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali

Indice-Sommario. Introduzione. Ius ad bellum, ius in bello, disarmo 19. Parte I La disciplina dell uso della forza nelle relazioni internazionali Indice-Sommario Premessa alla quarta edizione XIII Premessa alla terza edizione XV Premessa alla seconda edizione XVII Premessa alla prima edizione XIX Abbreviazioni 1 Elenco delle opere citate (con il

Dettagli

CAPITOLO I NOZIONE DI «ACQUISTO A NON DOMINO»

CAPITOLO I NOZIONE DI «ACQUISTO A NON DOMINO» INDICE SOMMARIO Introduzione... XI PARTE PRIMA NOZIONE E RATIO DELL ISTITUTO CAPITOLO I NOZIONE DI «ACQUISTO A NON DOMINO» 1. Nozione di acquisto a non domino... 3 2. Natura dell acquisto... 9 3. Acquisto

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

1. Condizioni, requisiti e deroghe

1. Condizioni, requisiti e deroghe Sommario 1. Condizioni, requisiti e deroghe INQUADRAMENTO GENERALE 1 DEFINIZIONE E REQUISITI 2 1. Forma societaria 2 1.1 Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) 3 2. Requisiti cumulativi

Dettagli

IndIce LA GOVeRnAnce MOndIALe di InTeRneT I nomi A dominio In ITALIA

IndIce LA GOVeRnAnce MOndIALe di InTeRneT I nomi A dominio In ITALIA Indice Capitolo I LA GOVERNANCE MONDIALE DI INTERNET 1. Introduzione... 1 2. Il tentativo di regolamentazione di Internet... 4 3. Il problema delle fonti... 7 4. I soggetti coinvolti... 9 5. ICANN... 9

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Introduzione Ai sensi dell art. 31 del Regolamento Emittenti AIM approvato in data 1 marzo 2012, come

REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Introduzione Ai sensi dell art. 31 del Regolamento Emittenti AIM approvato in data 1 marzo 2012, come REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING Introduzione Ai sensi dell art. 31 del Regolamento Emittenti AIM approvato in data 1 marzo 2012, come successivamente modificato (il Regolamento Emittenti AIM

Dettagli

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali

SOMMARIO. Parte I Aspetti generali SOMMARIO Presentazione... Profilo Autori... V VII Parte I Aspetti generali Capitolo 1 Linee di tendenza del mercato del risparmio di Marco Prosperetti 1. Caratteristiche del mercato del risparmio... 3

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

INDICE. Presentazione del Prof. GOFFREDO SCIAUDONE... PARTE PRIMA PREVENZIONE CAPITOLO I DEFINIZIONE, DATI STATISTICI

INDICE. Presentazione del Prof. GOFFREDO SCIAUDONE... PARTE PRIMA PREVENZIONE CAPITOLO I DEFINIZIONE, DATI STATISTICI XV Presentazione del Prof. GOFFREDO SCIAUDONE... IX PARTE PRIMA DEFINIZIONE, DATI STATISTICI, PREVENZIONE CAPITOLO I DEFINIZIONE, DATI STATISTICI 1. Infortunio, infortunio sul lavoro e infortunio in itinere....

Dettagli

INDICE. Presentazione della Prima edizione... Pag. Presentazione della Seconda edizione...» VII INTRODUZIONE

INDICE. Presentazione della Prima edizione... Pag. Presentazione della Seconda edizione...» VII INTRODUZIONE INDICE Presentazione della Prima edizione... Pag. V Presentazione della Seconda edizione...» VII INTRODUZIONE 1. L evoluzione del diritto tributario internazionale... Pag. XXI 2. La resistenza alle limitazioni

Dettagli

Parte prima IL SINDACO DI SOCIETÀ

Parte prima IL SINDACO DI SOCIETÀ Parte prima IL SINDACO DI SOCIETÀ 1. Il revisore legale contabile... 3 1.1. La riforma del diritto societario: premessa introduttiva... 5 1.2. Il registro dei revisori legali... 17 1.3. Il registro del

Dettagli

Introduzione LA LEGGE SUL FRANCHISING: OTTO ANNI DOPO!... 1

Introduzione LA LEGGE SUL FRANCHISING: OTTO ANNI DOPO!... 1 INDICE Introduzione LA LEGGE SUL FRANCHISING: OTTO ANNI DOPO!........... 1 Capitolo I NOZIONE DI FRANCHISING E SUE VARIE TIPOLOGIE 1.1. Prima della legge................................ 11 1.2. La definizione

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Elenco delle principali abbreviazioni... XXIII CAPITOLO PRIMO ESTENSIONE E LIMITI DEL MANTENIMENTO Guida bibliografica... 3 Profili generali................ 7 1.1. Le questioni da affrontare..........

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII CAPITOLO PRIMO CENNI STORICI SUL CONCORDATO PREVENTIVO Guida bibliografica... 3 1. Origini dell istituto.... 5 2. Il concordato preventivo

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli