Tecnologie di Sviluppo per il Web

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnologie di Sviluppo per il Web"

Transcript

1 Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE: Struttura dell Applicazione versione 2.4 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G. Mecca Università della Basilicata Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Sommario Sommario Applicazione Web J2EE Struttura dell Applicazione Organizzazione delle Cartelle Descrittore dell Applicazione URI delle Risorse Amministrazione Installazione ( Deployment ) Il manager di Tomcat 2

2 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Applicazione Web J2EE Applicazione Web J2EE collezione di servlet e Java Server Pages componenti Java (beans, jar) pagine HTML, CSS, immagini, altri file Richiede un server applicativo conforme contenitore delle applicazioni es: Jakarta Tomcat (implementazione di riferimento di servlet e JSP) 3 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Applicazione Web J2EE Idea le richieste HTTP vengono gestite da opportune classi Java dette servlet le pagine JSP vengono trasformate dal contenitore in servlet opportuni i servlet vengono compilati ed istanziati dal contenitore ogni volta che arriva una richiesta destinata ad una pagina JSP, viene servita dal servlet 4

3 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Servlet Classe Java Orientata alla comunicazione client-server riceve messaggi di richiesta produce messaggi di risposta Viene eseguita dal contenitore opportuno ciclo di vita basata su API opportune (javax.servlet.*) Standard arrivato alla versione Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Servlet Due categorie servlet generici (estendono javax.servlet.genericservlet) orientati alla gestione di messaggi generici servlet HTTP (estendono javax.servlet.http.httpservlet) orientati alla gestione di messaggi http In questo corso considereremo solo servlet HTTP 6

4 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Un Esempio istruzioni Java (scriptlet) <!-- Data.jsp --> oggetti predefiniti <html> <body> <% String nome=(string)request.getparameter( nome ); session.setattribute( nome, nome); %> <p>benvenuto, <%= nome %>. La data di oggi e : <%= new java.util.date() %> </p> </body> </html> espressioni Java questa pagina JSP viene automaticamente trasformata in un servlet 7 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Il Servlet Corrispondente import java.io.*; import javax.servlet.*; import javax.servlet.http.*; public class Data_jsp extends HttpServlet { public void doget (HttpServletRequest request, HttpServletResponse response) throws IOException, ServletException { String nome = (String)request.getParameter( nome ); HttpSession session = request.getsession(true); session.setattribute( nome, nome); response.setcontenttype("text/html"); PrintWriter out = response.getwriter(); out.println("<html>\n<body>"); out.println( <p>benvenuto, + nome); out.println( La data di oggi e : ); out.println( <b> + new java.util.date()+ </b></p> ); out.println("</body>\n</html>"); } } 8

5 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Servlet Due metodi principali doget(): operazioni per rispondere a richieste di tipo GET dopost(): operazioni per rispondere a richieste di tipo POST Parametri richiesta: HttpServletRequest request risposta: HttpServletResponse response 9 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Servlet Ciclo di vita dei servlet sono classi gestite dal contenitore il contenitore crea le istanze e le rimuove Tre fasi principali del ciclo di vita inizializzazione servizio distruzione 10

6 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Servlet Inizializzazione alla prima richiesta (o all avvio) il contenitore istanzia uno o più oggetti della classe servlet Servizio le istanze vengono utilizzate per servire molte richieste ogni richiesta all URI corrispondente genera un thread che chiama doget o dopost Distruzione quando è necessario (es: shutdown, reload), l oggetto viene rimosso 11 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Servlet Vantaggi rispetto alle CGI efficienza (attivazione di thread leggeri rispetto all attivazione di thread pesanti) flessibilità (tutti i servlet girano nella stessa macchina virtuale e possono cond. dati) Altri vantaggi potenza del linguaggio portabilità relativa economicità dei contenitori 12

7 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Rapporto tra Servlet e JSP Di conseguenza i componenti di interfaccia e controllo sono in realtà servlet le pagine JSP sono un modo più rapido per scrivere questi servlet Nel seguito servlet: modello per descrivere la semantica JSP: implementazione pratica 13 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Rapporto tra Servlet e JSP Vantaggi delle pagine JSP la scrittura del codice HTML è decisamente semplificata (non servono println()) non è necessario compilare il codice: la traduzione in servlet e la compilazione viene effettuata dal compilatore il contenitore, tra l altro, si accorge anche delle modifiche effettuate e ripete il processo tutte le volte che è necessario 14

8 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Rapporto tra Servlet e JSP Esempio nell applicazione indovinam1jsp, per ogni pagina JSP il contenitore genera un servlet corrispondente nella cartella /tomcat4/work >> servlet generati >> esempio di modifica modificando una pagina jsp, il servlet corrispondente viene rigenerato, ricompilato, istanziato e utilizzato per gestire le richieste 15 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Rapporto tra Servlet e JSP >> indovinam1servlet >> esempio di modifica In effetti le due tecnologie sono completamente equivalenti dal punto di vista delle funzionalità tutto quello che è possibile fare in una pagina JSP è fattibile anche scrivendo direttamente un servlet e viceversa Esempio è possibile scrivere la stessa applicazione utilizzando esclusivamente servlet scritti direttamente dal programmatore ma la scrittura è decisamente più faticosa 16

9 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Applicazione J2EE Rapporto tra Servlet e JSP Quindi, nel seguito studieremo i servlet per comprendere la struttura delle pagine JSP svilupperemo applicazioni solo con JSP In realtà ci sono precise differenze dal punto di vista metodologico le approfondiremo in seguito 17 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Struttura di un'applicazione Web J2EE Struttura di un Applicazione J2EE Ogni applicazione J2EE è una cartella montata sul file system del contenitore Radice del file system: webapps variabile da contenitore a contenitore tutte le applicazioni Web nella radice sono visibili è possibile definire alias ( contesti ) ogni applicazione ha un nome corrispondente al nome della cartella 18

10 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Struttura di un'applicazione Web J2EE Struttura di un Applicazione J2EE Esempio: Tomcat radice delle applicazioni predefinita su Linux: /var/tomcat4/webapps è possibile spostarla (es: /usr/webapps) Applicazioni Web predefinite ROOT (pagina di benvenuto) examples (esempi) tomcat-docs (documentazione) manager (amministrazione) 19 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Struttura di un'applicazione Web J2EE Organizzazione Standard dei File Struttura dell applicazione fissata dallo standard è necessario che tutte le applicazioni seguano la struttura standard garantisce la portabilità tra contenitori se un applicazione nella cartella webapps non rispetta la struttura il server non la rende visibile 20

11 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Struttura di un'applicazione Web J2EE Organizzazione Standard dei File radice dell applicazione; es: indovinam1jsp pagine JSP (event. in sottocartelle) es: tentativo.jsp pagine HTML, fogli di stile, immagini, altre cartelle cartella WEB-INF eventuale descrittore dell applicazione web.xml cartella classes servlet (eventualmente in package) bean (eventualmente in package) cartella lib file jar >> 21 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Struttura di un'applicazione Web J2EE Organizzazione Standard dei File Struttura fondamentale della cartella radice /: pagine JSP, pagine HTML, fogli di stile CSS, immagini (tipicamente organizzati in sottocartelle) cartella /WEB-INF: eventuale deployment descriptor web.xml cartella /WEB-INF/classes: servlet e componenti (tipicamente organizzati in package) 22

12 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Struttura di un'applicazione Web J2EE Organizzazione Standard dei File Altri elementi cartella /WEB-INF/lib: contiene tutti i jar che è necessario rendere visibili ai servlet e alle pagine JSP (es: driver JDBC) Il CLASSPATH per l applicazione Web tutti i package in /WEB-INF/classes tutti i jar in /WEB-INF/lib ATTENZIONE: altre classi non sono visibili 23 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell Applicazione Descrittore dell Applicazione Descrittore dell applicazione web.xml deployment descriptor serve a specificare parametri specifici per l applicazione es: nomi per i servlet; pattern degli URI a cui rispondono; file indice standard (es: index.jsp); timeout per le sessioni ecc. è indispensabile, ma può essere vuoto (il contenitore assegna valori standard) 24

13 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell Applicazione Descrittore dell Applicazione Un descrittore minimale <?xml version="1.0" encoding="iso "?> <!DOCTYPE web-app PUBLIC "-//Sun Microsystems, Inc.//DTD Web Application 2.3//EN" "http://java.sun.com/dtd/web-app_2_3.dtd"> <web-app> </web-app> 25 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Elementi principali: servlet: assegna un alias e dei parametri di inizializzazione ad un servlet servlet-mapping: assegna uno o più URI ad un servlet session-config: definisce parametri delle sessioni error-page: URI della pagina da visualizzare in caso di errori nell applicazione 26

14 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Elemento servlet consente di assegnare un nome ad un servlet è possibile fare riferimento al servlet (negli URI e in web.xml) con il nuovo nome Sottoelementi servlet-name servlet-class jsp-file (nel caso il servlet venga da jsp) 27 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Sintassi per i servlet: <servlet> <servlet-name>esci</servlet-name> <servlet-class>indovina.servletesci</servlet-class> </servlet> Sintassi per le pagine jsp <servlet> <servlet-name>indovinato</servlet-name> <jsp-file>/indovinato.jsp</jsp-file> </servlet> 28

15 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Elemento servlet-mapping deve comparire dopo tutti gli elementi servlet associa uno o più URI alternativi a quello standard ad un servlet per fare riferimento al servlet (o alla pagina Jsp) si utilizza il nome (servlet-name) assegnato con l elemento servlet 29 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Sintassi: <servlet-mapping> <servlet-name>esci</servlet-name> <url-pattern>/esci</url-pattern> </servlet-mapping> Per le pagine Jsp (necessario): <servlet-mapping> <servlet-name>indovinato</servlet-name> <url-pattern>/indovinato.jsp</url-pattern> </servlet-mapping> 30

16 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione E possibile specificare classi di URI collezioni di URI che unificano con il pattern carattere speciale *: qualsiasi stringa Esempio: URI che terminano con.asp <servlet-mapping> <servlet-name>errore</servlet-name> <url-pattern>*.asp</url-pattern> </servlet-mapping> pattern; attenzione: non comincia per / 31 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Elemento session-config definisce il tempo massimo di inattività di una sessione (in minuti); per Tomcat standard 30 Sottoelemento session-timeout Esempio <session-config> <session-timeout>15</session-timeout> </session-config> 32

17 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Elemento error-page serve a specificare l URI di una pagina da visualizzare in caso errori, ovvero: risposte HTTP di errore (codici 4xx e 5xx) eccezioni nel codice Java Sottoelementi error-code exception-type location 33 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Esempio di codice di errore: <error-page> <error-code>404</error-code> <location>/errore.html</location> </error-page> Esempio di eccezione: <error-page> <exception-type> javax.servlet.servletexception </exception-type> <location>/errore.html</location> </error-page> >> 34

18 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Ordine degli elementi in web.xml description: serve a dare una breve descrizione dell applicazione Web context-param: serve a definire parametri di inizializzazione validi per tutti i servlet/jsp filter >> filter-mapping >> servlet servlet-mapping 35 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Ordine degli elementi in web.xml (cont.) session-config mime-mapping: definisce il tipo MIME per estensioni di file inusuali welcome-file-list: definisce i file standard da servire in caso di URI che fanno riferimento a cartelle (es: index.jsp, index.html) error-page 36

19 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Descrittore dell'applicazione Descrittore dell Applicazione Ordine degli elementi in web.xml (cont.) taglib >> security-constraint: vincola l accesso ad opportuni URI dell applicazione login-config: configura il tipo di autenticazione da usare per le risorse protette (es: basic o digest) 37 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Struttura di un'applicazione Web J2EE URI delle Risorse Ogni risorsa dell applicazione ha un URI risorsa> <porta>: normalmente diversa da 80 Tomcat: 8080 Esempio: (pagina di benvenuto) (applicazione manager di Tomcat) 38

20 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Struttura di un'applicazione Web J2EE URI delle Risorse Pagine JSP percorso a partire da webapps /<nomeappl>/<percorso>/<nomefile> es: /indovinam1jsp/fine.jsp es: /studenti/inserimenti/inserisciesame.jsp Pagine HTML e connessi stessa convenzione delle pagine JSP 39 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Struttura di un'applicazione Web J2EE URI delle Risorse Servlet non ha un URI definito risponde a tutte le richieste corrispondenti a URL pattern definiti per quel servlet in Web xml Esempio se l URL pattern /Fine è associato a Fine /indovinam1servlet/fine 40

21 Applicazioni Web J2EE : Struttura >> Amministrazione del Contenitore Amministrazione del Contenitore Il contenitore è uno strumento essenziale per lo sviluppo dell applicazione Web Operazioni fondamentali sul contenitore installazione configurazione ciascun contenitore ha le sue regole e le sue procedure faremo riferimento a Tomcat 41 Applicazioni Web J2EE : Struttura >> Amministratore del Contenitore Amministrazione del Contenitore Installazione di Tomcat >> tomcat >> tomcat-users.xml eseguire l installabile prelevato dal sito jakarta.apache.org installa un servizio che ascolta sulla porta 8080 Post-configurazione definizione dell utente manager cambiare il valore del file %TOMCAT_HOME%\conf\tomcat-users.xml definendo un nuovo utente con ruolo manager 42

22 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Amministrazione del Contenitore Attenzione a causa della complessità dell architettura applicativa, le applicazioni Web richiedono varie attività di carattere amministrativo In particolare installazione nel contenitore ( deployment ) disinstallazione modifica e caricamento 43 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Installazione ( Deployment ) Per essere accessibile: l applicazione deve essere visibile al contenitore (collocata nella cartella webapps oppure associata ad un alias) inoltre l applicazione deve essere installata nel contenitore ( deployed ) Differenza con il server HTTP ordinario non basta la visibilità sul file system operazione aggiuntiva di installazione 44

23 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Installazione ( Deployment ) Installazione le attività cambiano da server a server normalmente vengono inizializzati i servlet dell applicazione compilate le pagine JSP caricati i componenti (Bean) tipicamente all avvio vengono installate tutte le applicazioni nella radice (webapps) e tutte quelle corrispondenti agli alias noti 45 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Installazione ( Deployment ) Successivamente, il server deve consentire di installare altre applicazioni di disinstallare altre applicazioni di ricaricare applicazioni i cui componenti sono cambiati Ogni server ha la sua modalità 46

24 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Installazione ( Deployment ) Esempio: Tomcat due modi per installare o ricaricare un applicazione Web Modo n.1 riavviare il contenitore (riavviare Tomcat) interrompe il funzionamento di tutte le altre applicazioni Web è necessario avere i privilegi di amministratore 47 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Installazione ( Deployment ) Modo n.2 applicazione Web /manager un applicazione Web per amministrare il contenitore vantaggio: non richiede di riavviare il contenitore la sintassi dei comandi è descritta nella documentazione di Tomcat (>>) 48

25 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Installazione ( Deployment ) File war dell applicazione le applicazioni Web sono spesso distribuite sotto forma di file war file compressi con estensione.war sono file jar che rispettano l organizzazione delle cartelle dell applicazione Web si creano e si gestiscono con jar i contenitori sono in grado di decompattare ed installare automaticamente i file war 49 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Il Manager di Tomcat Applicazione Web fornita con Tomcat consente di effettuare le principali operazioni sulle applicazioni Web installazione, rimozione, ri-caricamento Per utilizzare il manager è necessario autenticarsi con nome utente e password come un utente di ruolo manager 50

26 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Il Manager di Tomcat Utilizzo dell applicazione attraverso il browser i comandi vengono eseguiti richiedendo l accesso ai servlet dell applicazione Due modalità principali di funzionamento utilizzo dell interfaccia HTML utilizzo diretto dei comandi attraverso URI nella barra degli indirizzi 51 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Il Manager di Tomcat Utilizzo dell interfaccia HTML per installare un applicazione basta fornire l URI della cartella relativa es: file:///e:/codice/build/indovinam1jsp Utilizzo diretto dei comand ciascun comando può essere impartito attraverso una richiesta HTTP ad un URI opportuno fornendo i parametri nella query string 52

27 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Il Manager di Tomcat Forma generale degli URI (comandi) elenco nella docum. di Tomcat (accessibile a partire dall URI Nel seguito: alcuni comandi utili Comando list elenca le applicazioni installate, lo stato delle applicazioni, e per ciascuna le sessioni attive 53 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Il Manager di Tomcat Comando install installa una nuova applicazione Web nella query string è necessario specificare l alias (il path su cui montare l applicazione) e il percorso per raggiungere la radice Esempio: install?path=/prova&war=file:/usr/webapps/prova supponiamo che l applicazione prova sia nella cartella prova di webapps 54

28 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Il Manager di Tomcat Comando reload ricarica i servlet e i componenti di un applicazione Web già installata nella query string è necessario specificare il path su cui l applicazione è montata Esempio: 55 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Amministrazione del Contenitore Il Manager di Tomcat Comando remove disinstalla un applicazione Web nella query string è necessario specificare il path su cui l applicazione è montata Esempio: 56

29 Applicazioni Web J2EE: Struttura >> Sommario Riassumendo Applicazione Web J2EE Struttura dell Applicazione Organizzazione delle Cartelle Descrittore dell Applicazione URI delle Risorse Amministrazione Installazione ( Deployment ) Il manager di Tomcat 57 Termini della Licenza Termini della Licenza This work is licensed under the Creative Commons Attribution- ShareAlike License. To view a copy of this license, visit or send a letter to Creative Commons, 559 Nathan Abbott Way, Stanford, California 94305, USA. Questo lavoro viene concesso in uso secondo i termini della licenza Attribution-ShareAlike di Creative Commons. Per ottenere una copia della licenza, è possibile visitare oppure inviare una lettera all indirizzo Creative Commons, 559 Nathan Abbott Way, Stanford, California 94305, USA. 58

Servlet. Possibili usi di una Servlet. Servlet e Servlet Container. Introduzione alle Servlet

Servlet. Possibili usi di una Servlet. Servlet e Servlet Container. Introduzione alle Servlet Servlet Introduzione alle Servlet Programma applicativo (in java) che viene eseguito dal server web Accoglie ed elabora richieste (codificate secondo il protocollo in uso, es: http o ftp. Solo http nel

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0 Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 1 Open Conference Systems è un iniziativa di ricerca sviluppata dal Public Knowledge Project dell Università della

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages Il linguaggio Java I packages Concetti base Un package è una collezione di classi ed interfacce correlate che fornisce uno spazio dei nomi ed un controllo sugli accessi Un package facilita il reperimento

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e non contiene il certificato di autenticazione: è necessario

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda

Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda Iphone e Zimbra 7 FOSS Edition: Mail, Contatti ed Agenda mailto:beable@beable.it http://www.beable.it 1 / 33 Questo tutorial è rilasciato con la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-non

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

GUIDA DI INSTALLAZIONE CAS

GUIDA DI INSTALLAZIONE CAS GUIDA DI INSTALLAZIONE CAS GUIDA DI INSTALLAZIONE CAS (istruzioni d uso destinate a coloro che gestiscono l Area Riservata) 1 HYPERPLANNING 2015> Guida di installazione CAS Scheda 1 - Integrazione di HYPERPLANNING.net

Dettagli

Sistem Design Document (SDD) Franchising viruale

Sistem Design Document (SDD) Franchising viruale Sistem Design Document (SDD) Franchising viruale 1- Introduzione 1.1- Scopo del sistema Lo scopo del sistema è quello di progettare un franchising virtuale operante nel settore della distribuzione degli

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it TEMPLATE IN MWCMS D A N I E L E U G O L E T T I - G R U P P O M E T A Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it C ONTENTS I template

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Enterprise Content Management

Enterprise Content Management AlFresco guida Enterprise Content Management Una soluzione di Enterprise Content Management (ECM) è l'insieme di strumenti che consentono la gestione della documentazione prodotta e ricevuta all interno

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX

1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX 1.1.1 ATLAS Postazione Studente : CONFIGURAZIONE DI ATLAS CON CLIENT LINUX Configurazione di Atlas con client Linux DESCRIZIONE Di seguito sono descritte le operazioni da effettuare per configurare correttamente

Dettagli

Dichiarazioni di import: Introduzione

Dichiarazioni di import: Introduzione Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 2009-10 prof. Viviana Bono Blocco 10 Import di classi e di metodi statici Dichiarazioni di import:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo.

Il modello client/server consente a due processi di condividere risorse e di cooperare per il raggiungimento di un obiettivo. In una rete di ampie dimensioni, ciascuna sottorete (es. LAN, WAN) è connessa ad altre sottoreti tramite router. Internet è un insieme di reti connesse tra loro. Essenzialmente, in una rete alcune macchine

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

HTTPD - Server web Apache2

HTTPD - Server web Apache2 Documentazione ufficiale Documentazione di Ubuntu > Ubuntu 9.04 > Guida a Ubuntu server > Server web > HTTPD - Server web Apache2 HTTPD - Server web Apache2 Apache è il server web più utilizzato nei sistemi

Dettagli

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email.

Mail da Web. Caratteristiche generali di Virgilio Mail. Funzionalità di Virgilio Mail. Leggere la posta. Come scrivere un email. Mail da Web Caratteristiche generali di Virgilio Mail Funzionalità di Virgilio Mail Leggere la posta Come scrivere un email Giga Allegati Contatti Opzioni Caratteristiche generali di Virgilio Mail Virgilio

Dettagli